L EVOLUZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI NEL SETTORE MECCANICO DEL NOVECENTO.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EVOLUZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI NEL SETTORE MECCANICO DEL NOVECENTO."

Transcript

1 L EVOLUZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI NEL SETTORE MECCANICO DEL NOVECENTO.

2

3

4 DEFINIZIONE DEL ROBOT INDUSTRIALE MORFOLOGIA DEL ROBOT INDUSTRIALE

5 Confronto tra giunti

6 GRADI DI LIBERTA DEL ROBOT Si definiscono Gradi di libertà della struttura i gradi di mobilità che questa possiede, corrispondente al numero di giunti, e quindi di attuatori, corrispondenti alle movimentazioni.

7

8 LE STRUTTURE CINEMATICHE FONDAMENTALI

9 Volume di lavoro (vista laterale). PRESTAZIONI DELLE STRUTTURE CINEMATICHE FONDAMENTALI

10 Struttura TTT: i robot cartesiani si costruiscono nei tipi a montante (orizzontale e verticale) ed a portale. Nella figura sottostante sono riportati degli esempi di robot cartesiani: a) a montante orizzontale; b) a montante verticale; c) a portale. Esempio di dimensioni del campo operativo di un robot cartesiano

11 Struttura TRT:

12 Struttura RRR: molto diffusi, i robot con questa struttura sono detti anche antropomorfi perché riproducono abbastanza fedelmente le possibilità di movimento del braccio umano. I suoi segmenti e articolazioni sono identificati opportunamente come riportato nella figura 1. In pratica, tale nomenclatura viene spesso estesa anche ad altri tipi. il volume di lavoro può essere considerato. in prima approssimazione, come una porzione di sfera. La sua conformazione reale è in realtà più complessa, essendo influenzata dalle effettive possibilità di movimento dei giunti. A parità di ingombro in pianta, i robot antropomorfi consentono un maggior volume di lavoro rispetto alle altre strutture, ciò che li rende ideali per applicazioni quali la verniciatura a spruzzo e la saldatura ad arco. Nelle applicazioni di montaggio il loro posto preminente viene sempre più minacciato dai robot SCARA. Inoltre, uno stesso punto del campo operativo può essere raggiunto con diverse configurazioni della struttura, come si vede nella figura 2. L aumento delle possibilità operative è anche dovuto al fatto che è possibile raggiungere pezzi posti al di sotto del basamento. La possibilità di fissaggio a soffitto permette di annullare il già ridotto ingombro in pianta. Il punto debole è costituito dal costo elevato, superiore anche a quello della struttura cartesiana. La struttura è infatti completamente a sbalzo e deve essere accuratamente progettata. Una soluzione generalmente adottata è quella di confinare i motori dei vari giunti sulla base, ciò che richiede opportune trasmissioni meccaniche le quali, implicando giochi e vibrazioni, fanno cadere le prestazioni dinamiche. figura 1 figura 2 a) vista dall alto b) vista laterale

13 Esempio di robot articolato antropomorfo Struttura RRT: il volume di lavoro è un settore di sfera. Come il robot cilindrico, è facilmente adattabile all ambiente di lavoro perché la zona operativa viene raggiunta con lo sfilo (asse T), mentre il grosso della struttura può essere lontano. Attualmente questa struttura (la prima sul mercato, prodotta dalla statunitense Unimation, nel 1960) è limitata ad applicazioni gravose, come la saldatura a punti o la manipolazione pesante, nelle quali non è richiesta grande precisione di posizionamento o elevata ripetibilità.

14 Struttura SCARA: il volume di lavoro può essere considerato in prima approssimazione come una porzione di cilindro. La compattezza è ottimale, in rapporto al volume di lavoro ricoperto. Questo robot presenta ottime prestazioni statiche (precisione e ripetibilità) e dinamiche, per cui le applicazioni tipiche sono quelle del montaggio. la maggioranza degli SCARA sono semplici ed economici, in quanto realizzati prevalentemente con 4 gradi di libertà, configurazione con la quale si possono coprire l 80% delle operazioni di montaggio. Il limite maggiore è la difficoltà ad operare in spazi angusti, ciò che rende problematico ad esempio l asservimento di macchine utensili.

15 IL CONTROLLORE ROBOTICO

16

17 NORMATIVA RELATIVA AI ROBOT ONDUSTRIALI Definizione di robot industriale (UNI 9919): si definisce robot industriale una macchina che può essere programmata per svolgere compiti che comportano azioni di manipolazione e/o di locomozione sotto comando automatico. Definizione dei robot industriali (JIRA): la classificazione è impostata su cinque livelli che seguono un ordine verso sempre maggiore complessità e potenzialità. L ordine è pertanto cronologico, nel senso che i livelli più bassi sono stati i primi ad essere introdotti nel mondo industriale; inoltre viene evidenziato il ruolo dei sensori così come è stato descritto nel paragrafo relativo. Per tutti questi motivi la classificazione proposta pare meglio impostata di quelle basate sul ruolo che il robot deve assumere, spesso non ben definito a causa della flessibilità di queste macchine.

18 Definizione dei robot industriali (SIRI): molto frequente è la classificazione funzionale, che assume a criterio la tipologia dei compiti svolti. In effetti, la tendenza iniziale (anni 60) di costruire robot universali è stata ben presto sostituita dall adozione di robot dedicati, atti a svolgere solo una classe ben definita di compiti. La SIRI distingue: 1) robot per alimentazione e scarico di macchine utensili; 2) robot per saldatura a punti e robot per saldatura continua; 3) robot per verniciatura; 4) robot per montaggio e assemblaggio; 5) robot per misura automatica; 6) robot per altre applicazioni. Citiamo altre due importanti classificazioni, utili per capire come i criteri di classificazione siano legati agli ambiti industriali in cui sono definiti: classificazione statunitense RIA (Robot Industries Association): un robot industriale è un manipolatore riprogrammabile multiscopo concepito per spostare materiali., pezzi, attrezzi od altri oggetti specifici, attraverso movimenti variamente programmabili, ed impiegato per una quantità di compiti diversi. La definizione americana è più restrittiva. Essa pone l accento su due caratteristiche fondamentali: la flessibilità e la programmabilità. Tale definizione risulta non adeguata alla realtà in quanto non considera la possibilità di interfacciamento con l ambiente di lavoro, alla capacità di controllare le apparecchiature o di sincronizzarsi con esse, ed infine di mutare, adeguandoli, i comportamenti in base ambiente esterno. Classificazione francese AFRI (Association Francaise de Robotique Industrielle): rispecchia quella giapponese, considerando quattro classi di appartenenza (A, B, C, D), non considerando la classe dei robot intelligenti.

19 PROGRAMMAZIONE DEI ROBOT Il robot, a differenza di qualsiasi altra macchina operatrice programmabile, può anche apprendere il proprio compito operativo. L istruzione diretta del robot è stato il primo metodo sviluppato per la programmazione dei robot industriali. Con tale metodo, chiamato teaching by showing, dopo aver preparato la stazione di lavoro ed aver selezionato il modo apprendimento, l operatore guida il braccio lungo il percorso necessario per eseguire il compito, facendogli compiere una esecuzione campione delle diverse operazioni. Le successive posizioni del braccio sono memorizzate, in modo che la macchina possa essere in grado di ripetere esattamente le stesse operazioni, semplicemente passando alla modalità automatico. Cambia, rispetto alla normale programmazione, il modo in cui il controllore robotico produce gli ordini ai servoassi (tensioni elettriche): con l auotapprendimento i segnali di comando agli attuatori sono ottenuti direttamente, elaborando le indicazioni dei sensori di posizione situati nelle articolazioni. Un linguaggio di programmazione fa invece di solito riferimento alle cosiddette coordinate del mondo di un punto di una pinza, cioè alle sue coordinate rispetto ad un sistema di riferimento (cartesiano, cilindrico, ecc.) con origine fissa in un punto opportuno della base del robot. Si pone perciò il problema della trasformazione dalle ccordinate-mondo alle coordinate-giunto, specificando per ciascun giunto l entità dello spostamento. Programmazione in autoappredimento La traiettoria può essere memorizzata in due modi: punto a punto e continua. Nell istruzione punto a punto si aziona il braccio tramite la teach-box (scatola d insegnamento), che invia i comandi ai singoli assi, conducendo l attuatore finale (endeffector) nei singoli punti di lavoro. Con la semplice pressione di un tasto vengono memorizzate le posizioni dei singoli link, ed eventuali operazioni (chiusura-apertura pinza, attesa, ecc.). La stessa procedura può essere effettuata con un joy-stick o cloche che permette un risparmio del 25%, poiché l operatore non deve preoccuparsi di quali assi muovere per raggiungere la posizione voluta. Per molte applicazioni, quali ad esempio la verniciatura, la sbavatura, l incollaggio, la saldatura continua, ecc. è importante poter controllare con continuità la traiettoria e l orientamento della mano, non solo in alcuni punti. L operatore prende per mano il robot e lo guida nel movimento e nelle operazioni. Per limitare l occupazione di memoria si utilizza il metodo dell interpolazione, che approssima gli spostamenti mediante segmenti ed archi di circonferenza. Le modalità di insegnamento sono tre: insegnamento diretto: il robot è guidato direttamente dall operatore; lo sforzo esercitato è medio leggero grazie ad un dispositivo integrato di assistenza muscolare;

20 insegnamento mediante unità specifica: l unità di insegnamento è la realizzazione in scala, ridotta del robot: l operatore gli insegna il lavoro, che verrà ripetuto dal robot vero e proprio; insegnamento per telecomando: ora il robot è direttamente asservito all unità di insegnamento, e riproduce esattamente, memorizzandoli nel modo spiegato, i gesti dell operatore. Programmazione con linguaggi specifici La semplicità del metodo teaching by showing ne giustifica la larga diffusione in ambito industriale. D altra parte, è evidente che la programmazione di compiti complessi risulta difficile. Si pensi alla programmazione delle operazioni di assemblaggio con molti pezzi o anche alla semplice programmazione di operazioni di pellettizzazione in cui si è costretti a definire tutte le posizioni degli oggetti. L adattabilità del robot è poi pressoché nulla, dato che l esecuzione del compito consiste nella semplice ripetizione di quanto appreso in fase di istruzione. L impossibilità di servirsi delle informazioni dei sensori esterni e perciò di gestire situazioni anomale o impreviste (errori di posizionamento, caduta del pezzo dalla pinza ecc.) confina l applicabilità di taler metodo ad applicazioni semplici e fortemente ripetitive. Ulteriore vantaggio è costituito dal fatto che durante le fasi di apprendimento il robot deve essere sospeso dalle attività produttive, con conseguente notevole danno economico. La programmazione con linguaggi evoluti specifici risolve le accennate difficoltà e favorisce l integrazione del robot con altri robot e macchine (FMS, ecc.). Se si aggiunge anche un programma per la gestione delle informazioni esterne, il robot acquista una certa conoscenza del mondo esterno, risulta così in grado di operare in tempo reale. Nella programmazione del robot industriale sono importanti due problemi sulla cui possibilità di soluzione conviene soffermarci: da una qualunque configurazione della struttura, il che significa che sono noti i parametri di tutti i giunti di scorrimento e rotazione, risalire alla posizione dell elemento terminale, questo viene definito problema cinematico diretto; da una qualunque posizione dell elemento terminale risalire alla configurazione della struttura, questo viene problema cinematico inverso. ORGANI DI PRESA L attutore finale, end effector o più semplicemente mano può essere realizzato in vari modi, per le operazioni che deve svolgere il robot, e con varie tecnologie identificate dall energia impiegata per la movimentazione dell organo finale: pneumatica idraulica magnetica ed elettromagnetica elettrica. ATTUATORI ROBOTICI Gli attuatori robotici sono gli stessi utilizzati nelle catene automatiche che realizzano il controllo dei movimenti, in particolare la posizione (servoazionamenti o servomeccanismi). Le tipologie si contraddistinguono per l energia impiegata: pneumatica idraulica

21 elettrica SENSORI Nei robot industriali i sensori (trasduttori) possono essere suddivisi, sulla base della loro funzione, in interni ed esterni: trasduttori interni: hanno lo scopo di rilevare i parametri relativi alla struttura robotica stessa (giunti, bracci, ecc.); trasduttori esterni: hanno lo scopo di rilevare parametri relativi al mondo esterno utili all attività del robot (sistemi di visione, sensori di prossimità, ecc.). LA SCIENZA ROBOTICA

Introduzione al Corso

Introduzione al Corso Anno accademico 2005/2006 Prof. Giovanni Muscato Introduzione al Corso Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi Università degli Studi di Catania Viale A. Doria 6, 95125, Catania,

Dettagli

Test, domande e problemi di Robotica industriale

Test, domande e problemi di Robotica industriale Test, domande e problemi di Robotica industriale 1. Quale, tra i seguenti tipi di robot, non ha giunti prismatici? a) antropomorfo b) cilindrico c) polare d) cartesiano 2. Un volume di lavoro a forma di

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Introduzione al corso Introduzione Def. di Robotica e Robot, Robotica industriale, Classificazione dei robot, Applicazioni, Mercato della Robotica Cinematica (relazioni tra posizioni dei giunti e posizione

Dettagli

ROBOT CARTESIANI. Abbiamo 9 modelli di robot cartesiani che possono essere forniti in 3 tipologie diverse:

ROBOT CARTESIANI. Abbiamo 9 modelli di robot cartesiani che possono essere forniti in 3 tipologie diverse: ROBOT ROBOT CARTESIANI Apiel realizza un ampia gamma di robot cartesiani da 2 a 6 assi per la movimentazione di oggetti con massa variabile da 2Kg fino a 100Kg con aree operative che arrivano a 20 metri

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Fresatrici, Alesatrici e Centri di Lavoro pag. 2 1.1 Generalità 2 1.2 Struttura

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

ROBOT CARTESIANI. Abbiamo 15 modelli di robot cartesiani che possono essere forniti in 4 tipologie diverse:

ROBOT CARTESIANI. Abbiamo 15 modelli di robot cartesiani che possono essere forniti in 4 tipologie diverse: ROBOT CARTESIANI Apiel realizza un ampia gamma di robot cartesiani da 2 a 6 assi per la movimentazione di oggetti con massa variabile da 2Kg fino a 180Kg con aree operative che arrivano a 20 metri quadri

Dettagli

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994 Specializzazione: Meccanica L area di progetto E nata dalla necessità di contribuire alla formazione dei nuovi profili professionali, indicati dal Ministero

Dettagli

Controlli automatici per la meccatronica

Controlli automatici per la meccatronica Controlli automatici per la meccatronica Applicazione alla robotica industriale Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Il robot Il robot è un manipolatore multifunzionale riprogrammabile, progettato

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili,

Dettagli

CIM Computer Integrated Manufacturing

CIM Computer Integrated Manufacturing INDICE CIM IN CONFIGURAZIONE BASE CIM IN CONFIGURAZIONE AVANZATA CIM IN CONFIGURAZIONE COMPLETA DL CIM A DL CIM B DL CIM C DL CIM C DL CIM B DL CIM A Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo

Dettagli

Normativa (UNI EN ISO 8373)

Normativa (UNI EN ISO 8373) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MECCANICA DEI ROBOT INTRODUZIONE 02 Normativa (UNI EN ISO 8373) Robot di manipolazione industriale robot manipolatore a 3 o più gdl, a comando automatico, programmabile,

Dettagli

Caratteristiche costruttive dei robot industriali

Caratteristiche costruttive dei robot industriali 61 Caratteristiche costruttive dei robot industriali L architettura del robot è quella descritta schematicamente in figura 1, costituita dai seguenti sottoinsiemi: struttura meccanica; sistema d azionamento;

Dettagli

Meccanica. Componenti, mobilità, strutture

Meccanica. Componenti, mobilità, strutture Meccanica Componenti, mobilità, strutture Tipi di giunti rotazione o traslazione. Z Z GIUNTI di ROTAZIONE Z1 GIUNTO di TRASLAZIONE Z2 Tipi di link Spesso allungati Ogni geometria Componenti, mobilità,

Dettagli

Robot industriale Tipi di robot (robot cartesiani, robot SCARA, robot antropomorfi) 6dof (gradi di libertà) Un esempio di robot: ICube

Robot industriale Tipi di robot (robot cartesiani, robot SCARA, robot antropomorfi) 6dof (gradi di libertà) Un esempio di robot: ICube ROBOTICA Conoscenze di base sui concetti di : Robot industriale Tipi di robot (robot cartesiani, robot SCARA, robot antropomorfi) 6dof (gradi di libertà) Un esempio di robot: ICube Robot industriale Un

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Corso di Robotica 1 Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Prof. Alessandro De Luca Robotica 1 1 Robot come sistema programma di lavoro comandi Robot azioni ambiente di lavoro organi meccanici

Dettagli

Robotica. La robotica

Robotica. La robotica Robotica 1/20 La robotica Il termine robot deriva dal ceco "ROBOTA" (lavoratore), introdotto per la prima volta nel 1920 dal commediografo Karel Capek. Secondo il R.I.A. (Robot Institute of America) il

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA Solaut produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche diverse

Dettagli

CNC Robot Robomachine. M-2iA

CNC Robot Robomachine. M-2iA CNC Robot Robomachine M-2iA M-2iA/3S M-2iA/3SL Contenuto Introduzione... 03 Punti di forza del prodotto... 04 Specifiche... 05 Diagramma di carico al polso In modalità inerzia standard... 06 Opzione: in

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

Elementi di robotica industriale

Elementi di robotica industriale Elementi di robotica industriale Stefano Ferrari Università degli Studi di Milano ferrari@dti.unimi.it Corso di Robotica Industriale IFTS Industrializzazione del Prodotto e del Processo Motivazioni dell

Dettagli

su misura AUTOMAZIONE

su misura AUTOMAZIONE SPECIALe AUTOMAZIONE su misura Specializzata nella distribuzione sul territorio nazionale di componenti per l automazione industriale ad ampio spettro, Sinta s.r.l. è anche un vero e proprio consulente

Dettagli

Magazzini automatici serie AW

Magazzini automatici serie AW Magazzini automatici serie AW Una singola installazione può essere costituita da uno o più traslo elevatori. La larghezza della corsia centrale può essere realizzata con due diverse larghezze: la corsia

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZAZATORI E FINE LINEA Apiel produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche diverse

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE La realizzazione di sistemi di controllo automatico si può far risalire ad epoche piuttosto remote nella storia dell umanità. Le prime applicazioni

Dettagli

Fondamenti di robotica

Fondamenti di robotica Fondamenti di robotica Introduzione al corso Prof. Gianantonio Magnani (gianantonio.magnani@polimi.it) Robotica avanzata e industriale Robotica studia le macchine che possano sostituire l uomo nell esecuzione

Dettagli

LA ROBOTICA INDUSTRIALE

LA ROBOTICA INDUSTRIALE LA ROBOTICA INDUSTRIALE Ricerca di: Rossana Cavallaro Amalia Ghini Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Economia aziendale - Teoria del controllo a.a. 2015/2016 ORIGINE Il termine robot deriva

Dettagli

Implementazione programma dimostrativo per robot antropomorfo kawasaki RS03N

Implementazione programma dimostrativo per robot antropomorfo kawasaki RS03N UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robot Industriali e di Servizio (Prof. Riccardo

Dettagli

120 Luglio/Agosto 2015 www.techmec.it

120 Luglio/Agosto 2015 www.techmec.it Innse Berardi, conosciuta nei vari mercati per le sue macchine utensili a sostentamento idrostatico ad alto livello di personalizzazione, opera nell ambito delle lavorazioni pesanti e ha ben chiare le

Dettagli

Pinze per robotica TOX. Pinze per robotica, pinze per automazione, pinze fisse

Pinze per robotica TOX. Pinze per robotica, pinze per automazione, pinze fisse Pinze per robotica TOX Pinze per robotica, pinze per automazione, pinze fisse Pinze per robotica TOX Pinze per automazione TOX (Pinze fisse) Sistema kit modulare Il sistema kit modulare permette di adattare

Dettagli

Robotica industriale. Introduzione al corso. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it)

Robotica industriale. Introduzione al corso. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Robotica industriale Introduzione al corso Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) I testi Testo di riferimento Testo per la parte di controllo del moto Sito web con materiale aggiuntivo: http://www.elet.polimi.it/upload/rocco/robotica

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER L ELIMINAZIONE E LA RIDUZIONE DEI RISCHI

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER L ELIMINAZIONE E LA RIDUZIONE DEI RISCHI SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER L ELIMINAZIONE E LA RIDUZIONE DEI RISCHI Metodi e Contenuti del Progetto AMBIENTI CONFINATI e ERGONOMIA SOVRACCARICO BIOMECCANICO Ing. Lucia BOTTI Prof. Emilio FERRARI Prof.ssa

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

Controllo di Manipolatori (Calcolo delle Traiettorie 2)

Controllo di Manipolatori (Calcolo delle Traiettorie 2) Controllo di Manipolatori (Calcolo delle Traiettorie 2) Ph.D Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Caglioti Anno Acc.. 2005/2006 Scelta della velocità nei punti di via con metodo Euristico:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

L'automazione nei processi industriali

L'automazione nei processi industriali L'automazione nei processi industriali Un processo industriale è l insieme delle operazioni che concorrono a trasformare le caratteristiche e le proprietà di materiali, tipi di energia e/o informazioni

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Studio di macchine che possano sostituire l'uomo nell'esecuzione di un compito, sia in termini di attività fisica che decisionale Radici culturali

Studio di macchine che possano sostituire l'uomo nell'esecuzione di un compito, sia in termini di attività fisica che decisionale Radici culturali Studio di macchine che possano sostituire l'uomo nell'esecuzione di un compito, sia in termini di attività fisica che decisionale Radici culturali Mitologia Automa Robot (robota = lavoro esecutivo) Letteratura

Dettagli

Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli

Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli Sistemi di trasferimento e convogliamento Introduzione e caratteristiche tecniche 5 Convogliatore continuo 6 Esempi di trasporto 7 Componenti 8 Accessori

Dettagli

Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio

Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio Bruno Maiocchi Direzione tecnica UCIMU-SPP e coordinatore tecnico FEDERMACCHINE ARTICOLAZIONE INTERVENTO

Dettagli

Motori Lineari Industriali

Motori Lineari Industriali Motori Lineari Industriali Sistema puramente elettrico Liberamente posizionabili lungo l intera corsa Per posizionamenti precisi e rapidi Motori lineari tecnologicamente ad alta durata Classe di protezione

Dettagli

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA TRASDUTTORI In un sistema di controllo automatico i trasduttori hanno il compito di misurare la grandezza in uscita

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita.

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. COMANDI PER CICLI Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. Tipologie di comandi per cicli: 1. MANUALI o ARBITRARI : ogni azione della sequenza

Dettagli

ROBOT. 1. Premessa. asservimento alle macchine utensili (scarico dei pezzi lavorati e carico dei pezzi da lavorare);

ROBOT. 1. Premessa. asservimento alle macchine utensili (scarico dei pezzi lavorati e carico dei pezzi da lavorare); ROBOT 1. Premessa Il termine Robot viene introdotto per la prima volta nel 1920 dal commediografo Karel Capek con il termine ceco "robota" (lavoratore). Isaac Asimov, scrittore di libri divulgativi e di

Dettagli

PALETTIZZAZATORI E FINE LINEA

PALETTIZZAZATORI E FINE LINEA PALLETTIZZATORI PALETTIZZAZATORI E FINE LINEA Apiel produce pallettizzatori cartesiani per soddisfare le più svariate esigenze della clientela. Abbiamo 13 modelli base che possiamo realizzare con caratteristiche

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 26/03/2015 - Pagina 1 di 10 Caratteristiche tecniche Carterizzazioni laterale e posteriore fisse. Anteriore a

Dettagli

Interazione TS-Vision Kawasaki

Interazione TS-Vision Kawasaki UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Interazione

Dettagli

MACCHINE UTENSILI è la divisione del Gruppo Overmach che si occupa di analizzare e risolvere qualsiasi problema produttivo del Cliente in fase di pre-vendita: dalla scelta della macchina utensile più

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la

AUTOMOTIVE. Nel processo produttivo di componenti dell'industria automobilistica deve essere garantita la Per quanto concerne l'industria automobilistica, l'approccio è orientato all'ottenimento di prestazioni di prim'ordine con la fornitura di una tecnologia in grado di ridurre al minimo i margini di errore

Dettagli

BIMERIC SP Sistema di produzione servocontrollato

BIMERIC SP Sistema di produzione servocontrollato BIMERIC SP Sistema di produzione servocontrollato BIMERIC SP La pressa più intelligente al mondo Produzione semplificata, riduzione dei costi e creazione di valore aggiunto. bimeric SP Sistema di produzione

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

Controlli di tenuta e applicazioni speciali in linee di montaggio

Controlli di tenuta e applicazioni speciali in linee di montaggio Controlli di tenuta e applicazioni speciali in linee di montaggio Una moderna linea di produzione è progettata per ottenere un prodotto finale ad alta affidabilità con prestazioni sempre crescenti. Il

Dettagli

La serie ELEKTRON. Da 300 a 5.500 kn

La serie ELEKTRON. Da 300 a 5.500 kn La serie ELEKTRON Da 300 a 5.500 kn ELEKTRON La pressa a iniezione totalmente elettrica per tutti La serie ELEKTRON è il risultato di anni di innovazione di Milacron nella tecnologia delle presse a iniezione

Dettagli

Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box)

Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box) Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box) MAKE è nata in parte dall esperienza di tecnici di progettazione, valorizzando

Dettagli

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A asdf CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO 18 December 2011 Premessa all'articolo L'intento di questo articolo è quello di parlare brevemente (e relativamente alle mie esigue conoscenze in

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

Il meglio della produttività con la flessibilità del CNC

Il meglio della produttività con la flessibilità del CNC Il meglio della produttività con la flessibilità del CNC Produttiva. Precisa. Mikron Multistar NX-24 Mikron Multistar NX-24 Per un imbattibile costo del pezzo Desiderate produrre in grandi quantità pezzi

Dettagli

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE 600 TSE/TSP - 550 TSE/TSP Troncatrice doppia testa elettronica Troncatrice doppia testa a 3 assi controllati per alluminio, PVC e leghe leggere, ideale per

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI Il pallettizzatore cartesiano aperto è un robot cartesiano serie CC a 3/4 assi con un asse a terra che può arrivare a 10 metri di corsa, per pallettizzare fino a 7 posti

Dettagli

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche

Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Campo d'impiego Struttura Cambio utensile/pallet Caratteristiche tecniche Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail:

Dettagli

Dräger Pendula Supporto monitor multiplo

Dräger Pendula Supporto monitor multiplo Supporto monitor multiplo Supporto monitor multiplo con montaggio a soffitto per un design della postazione di lavoro versatile ed ergonomico e un posizionamento sicuro e semplice del monitor all interno

Dettagli

Modelli LINEA DI ROBOT CON: ELEVATE PRESTAZIONI E AFFIDABILITÀ SOFTWARE OPERATIVI SPECIFICI DIVERSE TECNOLOGIE DI SALDATURA DATI TECNICI

Modelli LINEA DI ROBOT CON: ELEVATE PRESTAZIONI E AFFIDABILITÀ SOFTWARE OPERATIVI SPECIFICI DIVERSE TECNOLOGIE DI SALDATURA DATI TECNICI Modelli LINEA DI ROBOT CON: ELEVATE PRESTAZIONI E AFFIDABILITÀ SOFTWARE OPERATIVI SPECIFICI DIVERSE TECNOLOGIE DI SALDATURA DATI TECNICI UP6 UP20 UP20-6 UP6-A00 UP20-A00 UP20-A10 Assi controllati 6 6 6

Dettagli

COMPONENTI AVANZATI Moduli lineari cartesiani A cinghia dentata e a vite a ricircolo di sfere

COMPONENTI AVANZATI Moduli lineari cartesiani A cinghia dentata e a vite a ricircolo di sfere Ottobre 2012 COMPONENTI AVANZATI Moduli lineari cartesiani A cinghia dentata e a vite a ricircolo di sfere COMPONENTI ITALIANI CONVENIENTI, AFFIDABILI E...ITALIANI! La nuova serie di moduli lineari Omas

Dettagli

Asservimenti laser. Carico e scarico lamiere. Trasloelevatori lamiere. Trasloelevatori cassoni

Asservimenti laser. Carico e scarico lamiere. Trasloelevatori lamiere. Trasloelevatori cassoni Monofronte pag.6 Bifronte pag.8 Profili lunghi pag.10 Asservimenti laser pag.12 Carico e scarico lamiere pag.16 Trasloelevatori lamiere pag.18 Trasloelevatori cassoni pag.20 3 MOVIMENTARE IN SICUREZZA,

Dettagli

EasyLoad. EasyLoad RACCOLTA APPLICAZIONI. Sistemi di Asservimento per CMM SISTEMI MANUALI SISTEMI AUTOMATICI. www.moden.it SU CMM A PORTALE

EasyLoad. EasyLoad RACCOLTA APPLICAZIONI. Sistemi di Asservimento per CMM SISTEMI MANUALI SISTEMI AUTOMATICI. www.moden.it SU CMM A PORTALE Sistemi di Asservimento per CMM EasyLoad SISTEMI MANUALI PER CONTROLLI DI LABORATORIO SU CMM A PORTALE SISTEMI AUTOMATICI PER CONTROLLI IN LINEA SU ROBOT DI MISURA www.moden.it SISTEMA DI CARICO-SCARICO

Dettagli

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo.

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo. MODUS Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +9 per la lavorazione su 3 facce del profilo. CARATTERISTICHE TECNICHE: Carenatura perimetrale con apertura portellone

Dettagli

La piegatura tangenziale si afferma.

La piegatura tangenziale si afferma. TruBend Center: La piegatura tangenziale si afferma. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Piegatura senza precedenti. Indice Piegatura senza precedenti. 2 Funzioni convincenti.

Dettagli

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni [ E[M]CONOMy] significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600 Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni FAmup Linearmill 600 [Magazzino utensili] - Magazzino utensili

Dettagli

Punzonatrice elettrica a torretta AE-255 NT AE-2510 NT

Punzonatrice elettrica a torretta AE-255 NT AE-2510 NT Punzonatrice elettrica a torretta AE-255 NT AE-2510 NT Pantone DS 3-5 C CMYK 0/0/70/15 Automation Pantone DS 36-2 C CMYK 0/50/85/0 Lasertechnologie Pantone DS 98-1 C CMYK 0/100/70/10 Tecnologia di Punzonatura

Dettagli

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale TITOLO UNITÀ :Utilizzare le tecniche fondamentali della meccanica applicata alle macchine Definire le tecniche per la trasmissione del

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

Equilibratrice per auto, moto. e veicoli commerciali. BM 35 Touch BM 40-2

Equilibratrice per auto, moto. e veicoli commerciali. BM 35 Touch BM 40-2 BM Equilibratrice per auto, moto e veicoli commerciali BM 11 BM 35 Touch BM 45 Touch BM 55 Touch BM30-2 BM 40-2 BM 50-2 Made in Germany BM 11 Modello base Equilibratrice per piccole officine 1 2 4 3 La

Dettagli

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick MICROTECNICA + COMPONENTI Tecnica medicale Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick LA 305LINEAR SCHÜTTE: MAGAZZINO A CINQUE POSTAZIONI

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Bystar. laser cutting. efficiency in. L impianto modulare di taglio laser per lamiere, tubi e profilati

Bystar. laser cutting. efficiency in. L impianto modulare di taglio laser per lamiere, tubi e profilati efficiency in laser cutting Bystar L impianto modulare di taglio laser per lamiere, tubi e profilati 2 Bystar versatile, flessibile, di elevate prestazioni Bystar è la soluzione universale flessibile,

Dettagli

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI 1 FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (QUATTRO ASSI LINEARI ) CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURA DELLA MACCHINA La struttura, realizzata completamente in fusione di ghisa perlitica stabilizzata, garantisce

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

CENTRO DI LAVORO A CONTROLLO NUMERICO A 3 ASSI

CENTRO DI LAVORO A CONTROLLO NUMERICO A 3 ASSI ARGO 70 CENTRO DI LAVORO A CONTROLLO NUMERICO A 3 ASSI Il centro di lavoro ARGO 70 è stato progettato per eseguire lavorazioni di foratura e fresatura su profilati in alluminio o acciaio. Le specifiche

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Teoria e Tecnica della Qualità e della Certificazione

Teoria e Tecnica della Qualità e della Certificazione Teoria e Tecnica della Qualità e della Certificazione appunti alle lezioni a.a. 2004-2005 Prof. Vittorio Vaccari appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 1 teoria Alcune definizioni formulazione

Dettagli

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Migliora il tuo ambiente di lavoro! Un ambiente di lavoro libero da fumi, polveri e particelle nocive è un bene sotto molti aspetti. Le condizioni

Dettagli

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME www.toyota-forklifts.it ABBATTERE I COSTI I carrelli elevatori Toyota equipaggiati con il sistema SAS utilizzano una tecnologia intelligente per ridurre sia i

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA IRB 2400 E2-40-2000

DESCRIZIONE TECNICA IRB 2400 E2-40-2000 DESCRIZIONE TECNICA IRB 2400 E2-40-2000 IRB 2400 E2-40-2000 IRB 2400 BG7-SPG400-L2000 CN-PC Robot IRB 2400/16 versione PBT Registro posteriore a 5 assi + Y1,Y2 Controllo numerico per sistema operativo

Dettagli

PERformER X : concentra la più alta produttività in poco spazio. Riduce i consumi, ma non rinuncia al massimo delle performance.

PERformER X : concentra la più alta produttività in poco spazio. Riduce i consumi, ma non rinuncia al massimo delle performance. PERformER X : concentra la più alta produttività in poco spazio. Riduce i consumi, ma non rinuncia al massimo delle performance. Ecco perchè si chiama X. PERformER X : la vera risposta alla produzione

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO

ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO ESTRATTO ATTUATORE CON VITE SENZA FINE PER TRAIETTORIE NON LINEARI E ALZACRISTALLI REALIZZATO CON IL MEDESIMO vittorio.scialla@strumentiperleaziende.com Attuatore per traiettorie non lineari dotato di

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Attuatori lineari. affidabili compatti precisi

Attuatori lineari. affidabili compatti precisi cyber force motors Attuatori lineari affidabili compatti precisi Le vostre applicazioni WITTENSTEIN Utilizzo senza confini Inserimento Cilindri di azionamento elettromeccanici con un alta precisione di

Dettagli

Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling. Read more on www.indevagroup.com

Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling. Read more on www.indevagroup.com Progettazione di posto di lavoro con impiego di INDEVA - Intelligent DEVice for handling Read more on www.indevagroup.com Movimentazione manuale dei carichi Le attività di movimentazione manuale dei carichi

Dettagli