Comunicazione beni ai soci e finanziamenti dei soci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazione beni ai soci e finanziamenti dei soci"

Transcript

1 Comunicazione beni ai soci e finanziamenti dei soci Pagina 1

2 INDICE 1. Premessa Aspetti normativi Regola impositiva nei confronti dei soggetti utilizzatori Regola Impositiva nei confronti dei soggetti Concedenti Individuazione dei soggetti Concedenti Individuazione dei soggetti Interessati Individuazione dei beni Interessati Finanziamenti Esempi Conclusioni Allegato: Fac simile circolare di studio Allegato: Check list beni d impresa concessi in godimento ai soci o familiari e finanziamento soci...25 Pagina 2

3 1. Premessa Nella mole degli adempimenti e delle scadenze sempre più incalzanti a cui siamo chiamati ogni giorno, con i provvedimenti e del 2 agosto 2013 sono state delineate le linee guida della c.d. Comunicazione dei beni ai soci e dei finanziamenti dei soci avente come scadenza (dopo diverse proroghe) il 12 dicembre p.v.. Tale comunicazione è una segnalazione che viene fatta all Amministrazione Finanziaria con lo scopo di verificare l utilizzo che i soci fanno dei beni intestati alla società ed a loro concessi in godimento e dei finanziamenti e delle capitalizzazioni fatti dagli stessi alla società. 2. Aspetti normativi Il 13 agosto 2011 con il D.L. 138 Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo (convertito con modificazioni dalla Legge 14 Settembre 2011 n. 148), ai comma 36-sexiesdecies e 36-septiesdecies dell art. 2 l attenzione dell Amministrazione Finanziaria si è focalizzata sull utilizzo, da parte di soci o familiari, di beni formalmente intestati a società o imprese individuali e sui finanziamenti e le capitalizzazioni effettuati dai soci nei confronti delle società stesse. Gli obiettivi che l Agenzia delle Entrate si propone di conseguire con questo provvedimento sono: a) la verifica dell effettivo utilizzo di questi beni introducendo alcune limitazioni/presunzioni che non permettono più di dedurre alla società i costi ad essi relativi e fanno maturare in capo al socio/familiare un reddito diverso; b) il monitoraggio delle somme che sono versate dai soci a favore della società ricostruendo così, anche parzialmente, la loro capacità reddituale. Va fin da subito osservato che i due commi si riferiscono a due diverse esigenze comunicative, una relativa ai beni, l altra ai finanziamenti. Pagina 3

4 Resta però ad oggi ancora da chiarire se le comunicazioni debbano essere necessariamente due oppure se sia possibile cumularle in un unico modello, dato che i tracciati dei due modelli sono assolutamente identici anche se con diverse istruzioni. Per evitare confusioni passiamo ad esaminare singolarmente i due adempimenti. Il comma 36-sexiesdecies recita: Al fine di garantire l'attività' di controllo, nelle ipotesi di cui al comma 36-quaterdecies 1 l'impresa concedente ovvero il socio o il familiare dell'imprenditore comunicano all'agenzia delle Entrate i dati relativi ai beni concessi in godimento. Con provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto sono individuati modalità e termini per l'effettuazione della predetta comunicazione. Per l'omissione della comunicazione, ovvero per la trasmissione della stessa con dati incompleti o non veritieri, è dovuta, in solido, una sanzione amministrativa pari al 30 per cento della differenza di cui al comma 36-quinquiesdecies. Qualora, nell'ipotesi di cui al precedente periodo, i contribuenti si siano conformati alle disposizioni di cui ai commi 36-quaterdecies e 36-quinquiesdecies 2, è dovuta, in solido, la sanzione di cui all'articolo 11, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n Tre sono i punti fondamentali della norma: 1) Oggetto del nuovo adempimento; 2) Modalità di attuazione; 3) Regime sanzionatorio. Il nuovo adempimento nasce per garantire una corretta inerenza dei costi per la società (evitando che il reddito imponibile sia inferiore rispetto a quello effettivamente tassabile) ed evitare l occultamento di un beneficio da parte del socio. 1 Cioè l indeducibilità dei costi relativi ai beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari dell'imprenditore per un corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento. 2 L imputabilità in capo al socio o familiare del reddito diverso dato dalla differenza tra valore di mercato e corrispettivo annuo. Pagina 4

5 Sulla base di questo gli imprenditori (o in alternativa anche i soci o i familiari) dovranno comunicare i dati anagrafici dei soci o dei familiari che hanno ricevuto in godimento i beni dell impresa e le informazioni dettagliate dei beni stessi. In ottemperanza a quanto richiesto dal decreto, il 16 novembre 2011 il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha emanato il primo di una serie di provvedimenti, il numero , in cui ha individuato: - Soggetti obbligati, - Oggetto della comunicazione, - Dati da indicare nella comunicazione, - Modalità e termini di comunicazione, - Trattamento e sicurezza dei dati. In detto provvedimento è stabilito che: - il presupposto per la comunicazione in esame è il semplice utilizzo del bene da parte del socio/familiare anche in assenza di conseguenze reddituali in capo all utilizzatore; - la comunicazione doveva essere effettuata entro il 31 marzo dell anno successivo a quello di chiusura del periodo d imposta in cui i beni sono concessi in godimento. Entrambi questi due elementi sono stati poi oggetto di successive modifiche. Infatti, la scadenza è stata oggetto di varie proroghe (ben 4) che hanno portato dalla scadenza originaria del 31 marzo 2012 a quella attuale del 12 dicembre L ultimo provvedimento, il n del 12 agosto 2013 non solo ha fissato l ultimo termine per l adempimento relativo all anno di imposta 2012, ma ha anche modificato la scadenza periodica con cui dovrà essere successivamente inviata la comunicazione: il 30 aprile dell'anno successivo a quello di chiusura dell anno in cui i beni sono concessi o permangono in godimento. La comunicazione dovrà essere trasmessa utilizzando il servizio telematico Entratel o Fisconline oppure avvalendosi di intermediari abilitati. Pagina 5

6 Con il paragrafo 2 di quest ultimo provvedimento l Amministrazione Finanziaria ha invece cambiato radicalmente rotta circa il contenuto della comunicazione stabilendo che: a decorrere dall anno 2012 i soggetti di cui al precedente punto 1 comunicano all anagrafe tributaria i dati dei soci e dei familiari dell imprenditore che hanno ricevuto in godimento beni dell impresa, qualora sussista una differenza tra il corrispettivo annuo relativo al godimento del bene ed il valore di mercato del diritto di godimento. Pertanto, se in un primo momento la comunicazione era dovuta in tutti i casi indipendentemente dal reale beneficio tratto dai soci, con questo inciso si sottolinea che l adempimento è dovuto solo nei casi in cui ci sia un maggior reddito in capo al socio/familiare utilizzatore. Nella comunicazione devono essere indicati: - per le persone fisiche: codice fiscale, dati anagrafici e stato di residenza; - per i soggetti diversi dalla persone fisiche: codice fiscale, denominazione e comune del domicilio fiscale o stato estero di residenza; - tipologia di utilizzazione del bene; - tipologia, identificativo del contratto e relativa data di stipula; - categoria del bene, durata della concessione, corrispettivo e relativo valore di mercato. Infine, in merito al regime sanzionatorio, occorre distinguere diverse ipotesi: a) se la presentazione della comunicazione è omessa ovvero con dati incompleti o non veritieri è applicabile una sanzione solidale tra le parti pari al 30% della differenza fra il valore di mercato e il corrispettivo annuo previsto per la concessione in godimento del bene; b) se la presentazione della comunicazione è omessa ma l utilizzatore ha dichiarato il reddito diverso nel quadro RL e la società non ha dedotto Pagina 6

7 fiscalmente i costi relativi ai beni concessi in godimento si rende operativa la sanzione amministrativa che va da 258 a euro; c) se il corrispettivo annuo è pari o superiore al valore di mercato la sanzione non sembra applicabile. Per quanto concerne il secondo comma da esaminare (relativo ai finanziamenti dei soci), questo recita: l'agenzia delle Entrate procede a controllare sistematicamente la posizione delle persone fisiche che hanno utilizzato i beni concessi in godimento e ai fini della ricostruzione sintetica del reddito tiene conto, in particolare, di qualsiasi forma di finanziamento o capitalizzazione effettuata nei confronti della società. Il suddetto intervento normativo è volto, come detto, a rafforzare le misure che presiedono il recupero della base imponibile non dichiarata, tramite lo strumento della determinazione sintetica del reddito. Sulla base dell articolo 7, dodicesimo comma, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 605, il provvedimento dispone che la comunicazione debba riguardare le informazioni relative a specifici versamenti erogati all impresa dai soci o dai familiari dell imprenditore. Al fine di semplificare l adempimento, si stabilisce che l obbligo di comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni sussiste qualora nell anno di riferimento l ammontare complessivo dei versamenti sia pari o superiore a euro. Detto limite è riferito, distintamente, ai finanziamenti annui ed alle capitalizzazioni annue. Dalla lettura del provvedimento si evince inoltre che detto limite debba essere imputato al singolo socio (quanto persona fisica accertabile con gli strumenti relativi al sintetico), separatamente per tipologia di apporto escludendo dall'obbligo di comunicazione dei dati quelli relativi a qualsiasi versamento di cui l Amministrazione è già in possesso (ad es., finanziamento effettuato per atto Pagina 7

8 pubblico o scrittura privata autenticata). Dal dettato normativo originale, non sembrava evincersi l esigenza di una comunicazione di suddetti finanziamenti, tuttavia, il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2013 n , ha previsto espressamente la comunicazione di questi dati mediante un modello graficamente uguale a quello dei beni concessi in godimento ai soci ma con istruzioni diverse. Pertanto, l obbligo di comunicazione da assolvere entro il 12 dicembre p.v. (salvo eventuali altre proroghe) si estende: - ai finanziamenti e alle capitalizzazioni effettuate dai soci nei confronti della società concedente; - ai beni concessi in godimento dall impresa ai soci inclusi i familiari; - ai beni concessi in godimento dall impresa ai soci, inclusi i familiari, di altra società appartenente al medesimo gruppo; Passiamo ad esaminare in maniera più analitica il contenuto delle comunicazioni ed i riflessi in capo al socio all interno del modello Unico Regola Impositiva nei confronti dei soggetti Utilizzatori Si rammenta che scopo della norma è contrastare il fenomeno elusivo della intestazione fittizia a società di beni per farne un utilizzo personale e beneficiare di sgravi fiscali. Il D.L. del n. 138, convertito nella L n. 148, prevede, per il socio/familiare che usufruisce dei beni dell azienda, la percezione di un reddito diverso, da indicare pertanto nel modello Unico in apposito rigo del quadro RL. Per i redditi dell anno 2012, Modello UNICO 2013, detti importi andavano indicati al rigo L10. La lettera h - ter dell art. 67 comma 1 del TUIR prevede infatti che costituisce reddito diverso e concorre alla formazione del reddito imponibile del socio o familiare Pagina 8

9 utilizzatore la differenza tra il valore di mercato e l eventuale corrispettivo annuo corrisposto per la concessione in godimento dei beni dell impresa a soci o familiari dell imprenditore. Nell ipotesi di impresa individuale, la tassazione è riferita ai soli familiari dell imprenditore individuale, escludendo quindi, l imprenditore medesimo. In concreto questa prima regola impositiva contenuta nella norma fa si che venga sottoposto a tassazione, in capo ai soggetti utilizzatori, un reddito costituito e determinato dalla differenza tra: VALORE DI MERCATO DEL DIRITTO DI GODIMENTO e CORRISPETTIVO ANNUO RELATIVO AL GODIMENTO DEL BENE Per chiarire la portata della normativa occorre stabilire come si determina il cosiddetto valore di mercato del diritto di godimento, e dovremmo fare esplicito riferimento a quanto stabilito dal comma 3 dell articolo 9 del Tuir, che determina in questo modo il detto ammontare: Valore di mercato: ( ) prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi. Lo stesso comma 3 del citato articolo 9 chiarisce, inoltre, che per la determinazione del valore normale si fa riferimento, in quanto possibile, ai listini o alle tariffe del soggetto che ha fornito i beni o i servizi e, in mancanza, alle mercuriali e ai listini delle camere di commercio e alle tariffe professionali, tenendo conto degli sconti d uso. Per i beni e i servizi soggetti a disciplina dei prezzi si fa riferimento ai provvedimenti in vigore. Nei casi in cui non sia possibile utilizzare i suddetti criteri, si ritiene che il valore di mercato da confrontarsi con il corrispettivo pattuito possa risultare da apposita perizia Pagina 9

10 di stima che descriva in maniera esaustiva il bene oggetto del diritto di godimento motivando il valore attribuito allo stesso. E bene precisare che, a differenza delle altre tipologie di reddito previste dall articolo 67 del TUIR, nel caso di specie non rileva il principio di cassa, ma bensì si considera applicabile il principio della competenza in virtù del quale il reddito sarà tassato in base alla data della sua maturazione. La norma si applica sia alle concessioni annuali sia a quelle relative a frazioni di anno. Naturalmente nel secondo caso i valori dovranno essere rapportati in proporzione ai giorni di utilizzo del bene su base annua. Resta fermo che in caso di assenza di un corrispettivo contrattualmente stabilito, costituisce reddito diverso da assoggettare a tassazione in capo all utilizzatore, l intero valore di mercato del diritto di godimento per l intero anno o se il bene è concesso in godimento per una frazione di esso, il detto valore rapportato a tale periodo. L imposizione del reddito diverso viene meno ove il soggetto beneficiario sia inquadrato in un rapporto di lavoro dipendente o di lavoro autonomo e non vi è nemmeno obbligo di comunicazione quando i beni concessi siano tassati con le disposizione degli art. 51 e 54 del TUIR relativi ai fringe benefits 4. Regola Impositiva nei confronti dei soggetti Concedenti I costi relativi ai beni dell impresa concessi in godimento a soci o familiari dell imprenditore per un corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento non sono deducibili. Massima attenzione va data a questa regola impositiva in quanto l indeducibilità colpisce QUALSIASI costo relativo al bene, sia quelli riferiti alla sua acquisizione (ammortamenti, leasing, canoni di noleggio, locazioni ecc), sia quelli relativi alla sua Pagina 10

11 gestione ed utilizzazione, (spese di manutenzione, riparazione, utenze, assicurazioni ecc.). Tale indeducibilità tuttavia trova una deroga in tutti quei casi in cui siano concessi in godimento beni per i quali il TUIR prevede già una limitazione alla deducibilità. Così, ad esempio, la norma non trova applicazione in relazione alla concessione in godimento degli autoveicoli che rientrano nel regime di indeducibilità previsto dall articolo 164 del TUIR. In proposito l IRDEC sostiene che l individuazione e la quantificazione della parte di indeducibilità di tutti i costi relativi al bene concesso in godimento, tiene conto della differenza tra il valore di mercato del diritto di godimento e il corrispettivo pattuito e tassato dalla società, pertanto i costi indeducibili sono calcolati applicando, ai costi relativi al bene concesso in godimento, la percentuale derivante dal rapporto tra la differenza di cui sopra e il valore di mercato del diritto di godimento. COSTI SOSTENUTI x DIFF.(VAL.DI MERCATO CORRISP.VO PATTUITO) VALORE DI MERCATO DEL DIRITTO DI GODIMENTO Precisiamo inoltre che ai fini della determinazione dei suddetti costi indeducibili è utile e necessario tener conto anche della durata del periodo per il quale il bene stesso è dato in godimento. Infatti il costo indeducibile è calcolato applicando anche un pro-rata direttamente proporzionale al periodo di godimento rispetto all intero periodo di imposta. 5. Individuazione dei soggetti Concedenti Si devono considerare «soggetti concedenti», purché residenti: l imprenditore individuale; Pagina 11

12 le società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice); le società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni); le società cooperative; le stabili organizzazioni di società non residenti; gli enti privati di tipo associativo limitatamente ai beni relativi alla sfera commerciale. Sono esclusi: le società semplici concedenti, in quanto soggetti che non svolgono attività d impresa; i lavoratori autonomi, comprese la associazioni tra professionisti; gli enti non commerciali che svolgono esclusivamente attività istituzionale; dipendenti o lavoratori autonomi che utilizzano in regime di Fringe Benefit già tassati ai sensi dell art. 51 e 54 del Tuir; l imprenditore individuale che utilizza il bene nella sua sfera personale; alloggi delle cooperative a proprietà indivisa; beni di impresa destinati ad uso pubblico (ad es. auto taxisti). E prevista anche l esclusione per i beni utilizzati da amministratori e dai soci amministratori; il presupposto per l esclusione (punto 3.1 provv /2013 del 02 agosto) è connesso alla figura dell amministratore che sia anche socio o familiare del socio. L esimente prescinde dal fatto che l amministratore abbia provveduto o meno a tassare il benefit derivante dall utilizzo privato del bene d impresa. 6. Individuazione dei soggetti Interessati In concreto sono interessati gli utilizzatori, ovvero i soggetti che beneficiano dei beni relativi all impresa nella propria sfera privata individuabili in: Pagina 12

13 * i soci, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, di società e di enti privati di tipo associativo residenti che svolgono attività commerciale; * i familiari, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, dell imprenditore individuale residente nel territorio dello Stato. * il soggetto residente e non residente che nella sfera privata utilizza in godimento beni della sua impresa commerciale residente nel territorio dello Stato; * i familiari, residenti o non residenti nel territorio dello Stato, dei soci, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, di società e di enti privati di tipo associativo residenti che svolgono attività commerciale. Per familiari dell imprenditore, si ritiene debbano essere considerati i soggetti elencati dall art. 5, comma 5, del Tuir, cioè: - il coniuge; - i parenti entro il 3 grado; - gli affini entro il 2 grado. Si ritiene inoltre che, debbano essere considerati soggetti destinatari anche i soci o i loro familiari che ricevono in godimento beni da società controllate o collegate ai sensi dell art del codice civile a quella partecipata dai medesimi soci, tenendo, in ogni caso, presente che sono esclusi gli utilizzatori che per loro natura non possono essere titolari di reddito diverso. 7. Individuazione dei Beni Interessati Il provvedimento riguarda tutte le categorie di beni presenti in azienda quali: Beni Merce, Beni Strumentali, Beni Immobili e/o Patrimonio. Il provvedimento attuativo dell Agenzia delle Entrate individua solo le seguenti categorie di beni: Pagina 13

14 Autovetture Altri autoveicoli Unità da diporto Aeromobili Immobili Altri beni Nella categoria residuale (altri beni) rientrano telefonini, computer portatili; tuttavia, la relativa comunicazione va effettuata solo se il valore degli stessi è superiore ad euro 3.000,00 (oltre IVA). Non vanno comunicate le auto aziendali dato in uso promiscuo ai dipendenti e agli amministratori che siano anche soci della società il cui utilizzo viene tassato in base all art. 51 del Tuir. Ai fini procedurali si pone in rilievo che si tratta di tutti i beni di cui l impresa ha conseguito la disponibilità, posseduti in proprietà o in base ad un diritto reale ovvero detenuti in locazione, anche finanziaria, noleggiati o ricevuti in comodato. Sono esclusi una serie di beni tra i quali, ricordiamo quelli che sono detenuti da società semplici (ovvero soggetti che non esercitano attività di impresa o commerciale), quelli detenuti da enti di tipo Associativo anche se svolgono attività commerciale, residenti o non residenti, concessi in godimento a enti non commerciali soci che utilizzano gli stessi beni per fini esclusivamente istituzionali; gli alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci, in quanto lo scopo mutualistico di tali cooperative consiste proprio nell assegnare in godimento ai soci le abitazioni a condizioni migliori di quelle del libero mercato. Pagina 14

15 8. I finanziamenti Il provvedimento direttoriale del 3 agosto 2013 n ha riscritto le regole concernenti l obbligo di comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuate dai soci o familiari nei confronti dell impresa. Tale obbligo non era previsto dalle disposizioni normative del D.L. n. 138/2011, che si limitava a stabilire che l Agenzia delle Entrate, procede al controllo sistematico delle persone fisiche che hanno utilizzato beni concessi in godimento dalle società o dalle imprese, ed ai fini della ricostruzione sintetica del reddito si tiene conto anche dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuate dai predetti soggetti nei confronti delle società cui partecipano. Quanto sopra era inoltre stato confermato dall Agenzia delle Entrate nella circ. n. 25/E/2012. Il provvedimento direttoriale sopra menzionato, prevede ora che l obbligo di comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuate dai soci richiede la sussistenza congiunta dei seguenti requisiti: l importo complessivo di ciascun apporto, distintamente per finanziamenti e capitalizzazioni, deve essere pari o superiore a euro oltre IVA. i finanziamenti e le capitalizzazioni devono essere stati effettuati a decorrere dall anno Il provvedimento esclude: Finanziamenti tra società (in quanto escluse dall accertamento sintetico); Società semplici; Associazioni professionali o società tra professionisti; Professionisti in quanto tali soggetti non esercitano attività d impresa. Nulla da osservare per il primo requisito che riporta la medesima soglia già prevista per la comunicazione relativa ai beni. Pagina 15

16 Il secondo invece riveste particolare importanza, poiché fa venir meno quanto previsto dal punto 1.3 del provvedimento del 16 novembre 2011, secondo cui la comunicazione avrebbe dovuto ricomprendere anche i finanziamenti e le capitalizzazioni in corso al 17 settembre Ciò evita le evidenti difficoltà operative di ricostruzione storica dei dati afferenti gli importi versati dai soci o dai familiari in periodi d imposta antecedenti al Relativamente al significato da attribuire al termine effettuate, di cui al punto 2.2 del provvedimento 94904/2013, si ritiene che si debba aver riguardo alla data in cui avviene l effettiva movimentazione finanziaria da parte del socio o familiare, a prescindere dalla data in cui tale soggetto si sia impegnato a versare l apporto in società. Resta indiscusso che, (circ. n. 25/E/2012) l obbligo di comunicazione dei versamenti soci sussiste a prescindere dalla circostanza che gli stessi siano funzionali alla successiva acquisizione del bene concesso in godimento ai soci finanziatori, il che appare in contrasto con la finalità della norma di voler intercettare quelle situazioni in cui la società funga da schermo tra il bene ed il reale soggetto che dispone del bene stesso (socio), con evidenti ripercussioni negative in relazione alla capacità di ricostruzione sintetica del reddito della persona fisica socio della società. Sono esclusi dall obbligo di comunicazione gli apporti i cui dati relativi agli importi sono già in possesso dell Amministrazione finanziaria. A mero titolo esemplificativo, e non esaustivo, gli apporti già conosciuti all Amministrazione finanziaria possono riguardare i finanziamenti effettuati dai soci persone fisiche con atto scritto o con scrittura privata autenticata (come indicato nelle motivazioni al provvedimento direttoriale), in quanto soggetti all obbligo di registrazione (nel termine fisso di venti giorni con imposta proporzionale del 3%, ex art. 9 della Tariffa, Parte I, allegata al D.P.R. n. 131/1986, concernente tutti gli atti diversi da quelli altrove indicati aventi per oggetto prestazioni a contenuto Pagina 16

17 patrimoniale ), ovvero gli apporti di capitale o di patrimonio risultanti da verbali di assemblea straordinaria redatti davanti ad un notaio, che procede alla successiva registrazione dell atto presso l Ufficio competente. In tali fattispecie va attentamente valutata l ipotesi del versamento fatto in epoca diversa rispetto alla sottoscrizione. E di fondamentale importanza anche ricordare che si intendono ricompresi sia i finanziamenti fruttiferi che infruttiferi, mentre per le capitalizzazioni occorre precisare che si intendono tali tutte le somme iscrivibili a Patrimonio Netto (e quindi a fondo perduto); non rilevano invece i semplici accantonamenti degli Utili a Riserva né gli Utili portati a nuovo. E importante sottolineare che le società di capitali hanno l obbligo di indicare in nota integrativa, ancorchè abbreviata, i finanziamenti effettuati dai soci alla società, ripartiti per scadenze e con la separata indicazione di quelle con clausola di postergazione rispetto agli altri creditori (art cod. civ. punto 19 bis); pertanto, ove si fosse provveduto ad indicare in tale documento gli importi erogati dai soci in favore della società, è opportuno verificare se la totalità o parte di essi siano stati effettuati nell anno d imposta Ultima annotazione riguarda la problematica che si pone in caso di restituzione dei finanziamenti. In questo caso appare utile rammentare le norme che regolano l accertamento sintetico ove sussistano nello stesso anno di imposta incrementi patrimoniali e disinvestimenti; dovranno essere assunti al netto dei disinvestimenti, pertanto la comunicazione relativa ai finanziamenti dovrà essere nettizzata delle restituzioni intercorse. Per quanto attiene, infine, la sanzione applicabile in caso di mancata presentazione della comunicazione dei finanziamenti dei soci, il provvedimento n del 02 Agosto 2013, ha chiarito definitivamente che è applicabile il sistema sanzionatorio previsto dall Art. 7 DPR 605/1973 relativo alla violazione degli obblighi di richiedere Pagina 17

18 informazioni in possesso delle imprese ai fini dei controlli sui contribuenti (da. 258 ad ). Un ultimo inciso riguarda la trasmissione telematica in caso in cui l azienda debba ottemperare a comunicare sia beni concessi sia finanziamenti dei soci; in questo caso è obbligatorio un doppio e separato invio telematico. 9. Esempi Esempio 1 Si consideri il caso di una società per azioni che possieda un bene immobile, e si supponga che per l intero anno di imposta 2012 tale immobile venga concesso in godimento al socio Tizio. Tizio corrisponde alla società un canone pari ad ,00 mensili. La società accerta che il valore di mercato per il diritto di godimento per l intero anno ammonta ad ,00 Applicazione della normativa: Verifica se il V.M è maggiore od uguale del Corrispettivo, in caso affermativo, considerare la differenza tra il V.M (55 mila) ed il corrispettivo pagato (2 mila x 12), tale risultato tra il V.M ed il corrispettivo (31 mila) va tassata quale reddito diverso in capo a Tizio. Inserire il bene nella comunicazione. Soluzione 1) I costi (di qualsiasi natura essi siano) imputabili al bene concesso in godimento sono indeducibili. Soluzione 2) a diversa conclusione perviene l IRDEC che sostiene che i costi (di qualsiasi natura essi siano) imputabili al bene concesso in godimento saranno si indeducibili ma nella misura percentuale determinata dividendo l eccedenza tra il V.M. ed il corrispettivo per il V.M. stesso (V.M. corrispettivo) / V.M. Pagina 18

19 Esempio 2 Si consideri il caso di una società per azioni che possieda un bene immobile, e si supponga che per l intero anno di imposta 2012 tale immobile venga concesso in godimento al socio Tizio. Tizio corrisponde alla società un canone pari ad ,00 mensili. La società accerta che il valore di mercato per il diritto di godimento per l intero anno ammonta ad ,00 Applicazione della normativa: Verifica se il V.M è maggiore od uguale del Corrispettivo, in caso negativo, non emerge in capo all utilizzatore alcun reddito diverso. Non è richiesto di inserire il bene nella comunicazione. Esempio 3 Si consideri il caso dell Esempio n. 1 con le seguenti varianti: godimento dell immobile al socio Tizio per 3 mesi. Tizio corrisponde alla società un canone di ,00 omnicomprensivi. La società accerta che il valore di mercato per il diritto di godimento per l intero anno ammonta ad ,00 Applicazione della normativa: La verifica se il V.M.è maggiore od uguale del Corrispettivo, va effettuata considerando il periodo di locazione pertanto sui 3/12 dell importo annuale del V.M. Dato che la differenza tra il V.M. del periodo (12 mila) ed il corrispettivo pagato (9 mila x) risulta essere pari ad ,00 tale risulterà l imponibile da tassare in capo a Tizio come reddito diverso. Pagina 19

20 Soluzione 1) I costi (di qualsiasi natura essi siano) imputabili al bene concesso in godimento e riferiti al periodo di competenza del godimento da parte di Tizio, sono indeducibili. Soluzione 2) Stessa soluzione di cui al punto 19 ma applicando la percentuale del 25% di indeducibilità (3.000/12.000) sui costi imputabili all immobile nel periodo di competenza. Esempio 4 Si consideri il caso di una società per azioni che possieda una automobile e si supponga che per l intero anno di imposta 2012 tale automobile venga concessa in godimento al socio Tizio. Tizio corrisponde alla società un canone annuale pari ad ,00. La società accerta che il valore di mercato per il diritto di godimento dell auto, per l intero anno ammonta ad ,00 Applicazione della normativa: Verificato che il V.M. è maggiore del Corrispettivo (9 mila rispetto ai 3 mila), si determina la differenza tra il V.M. ed il corrispettivo che risulta essere ,00. Tale importo va tassato quale reddito diverso in capo a Tizio. Non risultano costi indeducibili in capo alla società essendo gravati i costi stessi da una % di indeducibilità determinata dalla legge. Inserire il bene nella comunicazione. Pagina 20

21 10. Conclusioni Tenuto conto di tutto ciò che si è detto finora, i dubbi e le incertezze appaiono molteplici, anche perché non sempre provvedimento e tenore normativo sembrano andare di pari passo. Infatti, relativamente alla comunicazione dei finanziamenti da parte di una ditta individuale, nell ipotesi tipica di due coniugi con un conto cointestato, sembra abbastanza problematico stabilire se un presunto finanziamento proveniente dal conto famigliare sia ascrivibile all imprenditore o al coniuge di quest ultimo. Inoltre, non bisogna dimenticare che spesso si tratta di soggetti che utilizzano il regime di contabilità semplificata, situazione che non agevola la ricostruzione delle movimentazioni da indicare nella comunicazione. Se si pensa all esonero dalla comunicazione dei beni concessi al socio amministratore indipendentemente dalla tassazione o meno come benefit ai sensi dell art. 51 del TUIR, ed all obbligatorietà della tassazione in capo al socio dipendente, appare evidente la differenza di trattamento di due posizioni fiscalmente assimilabili. Pertanto, alla luce di ciò si consiglia di operare con una prudenza maggiore rispetto a quella che normalmente contraddistingue il nostro lavoro, in quanto la responsabilità da parte del consulente nei confronti del contribuente è molto alta. Sarebbe opportuno informare tempestivamente il cliente mediante una check list e far loro capire le conseguenze che questa comunicazione all Agenzia delle Entrate ha sulla propria posizione fiscale anche in vista di un eventuale redditometro. In allegato alla presente relazione forniamo un fac-simile di circolare di studio e una scheda a supporto dell attività di raccolta delle informazioni necessarie che dovranno essere prodotte direttamente dalla clientela. Pagina 21

22 11. Fac simile di circolare di studio Studio Commerciale XXXX Gentile Cliente, il 30 Aprile p.v. scadrà l invio telematico delle comunicazioni fiscali antievasione, meglio conosciuta come la Comunicazione Beni in godimento ai soci e Finanziamenti erogati da soci/familiari relativo all anno... Tale adempimento consiste nella comunicazione di tutte quelle fattispecie in cui si ravvisa un utilizzo personale di un bene d impresa, da parte di soci non amministratori, coniuge dell imprenditore o socio e suoi familiari entro il terzo grado. Si rammenta che scopo della norma è contrastare il fenomeno elusivo dell intestazione fittizia di beni ad imprese per beneficiare di sgravi fiscali. Tecnicamente le conseguenze di un utilizzo personale di detti beni comportano da un lato l indeducibilità parziale o totale dei costi inerenti il bene in capo all imprenditore/società, dall altro la generazione di un reddito diverso in capo all utilizzatore. Con la stessa comunicazione verrà data notizia all Amministrazione Finanziaria dei finanziamenti erogati dai soci in favore dell impresa. Pagina 22

23 Data la peculiarità strettamente personale di tale comunicazione, lo studio ritiene opportuno richiedere la collaborazione dei propri Clienti attraverso la compilazione e la sottoscrizione del modulo allegato alla presente. Si informa che in caso di omessa presentazione ovvero di presentazione con dati incompleti o non veritieri, è applicabile una sanzione solidale fra le parti oltre ad una sanzione amministrativa da un minimo di 258 ad un massimo di Preme sottolineare che la compilazione del modello deve prevedere un attenta e scrupolosa valutazione dei dati in esso indicati. Obiettivo della norma è quello di fornire all Amministrazione Finanziaria elementi ulteriori sulla reale disponibilità di beni da parte delle persone fisiche e sulla ricostruzione della loro capacità di spesa. Certi della Vostra fattiva collaborazione, porgiamo distinti saluti. Studio Commerciale XXXX Pagina 23

24 12. Check list beni d'impresa concessi in godimento ai soci o familiari e finanziamento soci SOGGETTO CONCEDENTE Codice fiscale Nome Cognome/Denominazione sociale Comune o stato estero di nascita / Data di nascita Domicilio fiscale/sede sociale dichiara Ο di avere in essere/ο di non avere in essere finanziamenti da parte di soci o familiari nell'anno. Ο di aver concesso/ο di non aver concesso in godimento beni dell'impresa a soci o familiari nell'anno... Data e firma SOGGETTO UTILIZZATORE Qualifica Ο Socio/Ο Familiare del socio/ο Familiare dell'imprenditore codice fiscale Nome Cognome/denominazione sociale comune o stato estero di nascita / data di nascita Domicilio fiscale/sede sociale Pagina 24

25 Utilizzo esclusivo Tipologia di utilizzo Utilizzo non esclusivo Subentrante data del subentro Comodato Dati del contratto Caso d'uso Altro Dati del contratto data numero di registrazione autovettura altro veicolo numero di telaio numero di telaio Beni Unità da diporto metri concessi in godimento Aeromobile potenza motore in kw Immobile Comune foglio particella Corrispettivo pattuito Valore di mercato Finanziamento soci Ammontare dei finanziamenti o capitalizzazioni Data iniziale flusso finanziario del finanziamento Data finale flusso finanziario del finanziamento Tipologia atto Ο Atto scritto/ο delibera/ο scrittura privata autenticata Pagina 25

26 data e numero di registr.ne Ufficio Registro Note Pagina 26

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 162 del 29 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 12 dicembre 2013: appuntamento con la comunicazione dei beni e finanziamenti dati in godimento ai soci Rileva solo

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO STUDIO CAGNIN ROVOLETTO COMMERCIALISTI ASSOCIATI PIERO CAGNIN CHIARA ROVOLETTO DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI A Tutti i Clienti Loro Sedi COMUNICAZIONE PER I BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2015 ARGOMENTO: ADEMPIMENTO ANNUALE RELATIVO ALLA: COMUNICAZIONE DEI BENI IN USO AI SOCI E FINANZIAMENTI A SOCIETA Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Novembre 2013 nr.

Dettagli

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI A tutti i clienti LL.SS Ravenna, 26/11/2013 NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI Entro il prossimo 12 dicembre è previsto l invio

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione A tutti i clienti Loro sedi OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione PREMESSA Come noto il D.L.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Circolare n. 19 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa del 20 ottobre 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati ad effettuare

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners

Pomara Scibetta & Partners Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 COMUNICAZIONE BENI D IMPRESA IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013.

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013. Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI INDICE 1. PREMESSA 2. COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI 2.1 Soggetti obbligati 2.2 Oggetto della

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni a cura diandrea Bongi Qualifica: Dottore Commercialista e Pubblicista La disciplina normativa di riferimento

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE PER L ANNO 2014 DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI E/O CAPITALIZZAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 2, COMMI da 36-terdecies a 36-duodevicies,

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Oggetto: Comunicazione telematica dei beni concessi in godimento a soci o familiari

Oggetto: Comunicazione telematica dei beni concessi in godimento a soci o familiari Circ. 04/E/120912 Rev. 04/E/121006 San Fior, lì 12/09/2012 06/10/2012 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: Comunicazione telematica dei beni concessi in godimento a soci o familiari La scadenza dell adempimento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 2013/94904 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all'anagrafe tributaria, ai sensi dell articolo 7, dodicesimo comma, del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti COMUNICAZIONE DEI BENI D IMPRESA AI SOCI/FAMILIARI SOGGETTO OBBLIGATO: - società (di capitali o persone) che concedono beni in uso ai soci

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo. STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it MANOVRA-BIS (d.l. n. 138/2011): Contrasto alle intestazioni

Dettagli

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Circolare 11/2014-C del 17.10.2014 Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Come disposto dal provvedimento n. 54581 del 16 aprile 2014,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 299 08.11.2013 Comunicazione finanziamenti e apporti dei soci/familiari alla società La disciplina, il nuovo adempimento e soluzioni su come affrontare

Dettagli

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI

I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI I BENI D IMPRESA CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O AI FAMILIARI Aspetti generali Con l art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla L. 14 settembre 2011,

Dettagli

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 In presenza di società/ditte individuali che concedono in godimento l utilizzo di beni d impresa a un socio/familiare

Dettagli

OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti

OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO:Comunicazione beni ai soci e finanziamenti RACCOLTA DATI PRESSO IL CLIENTE I dati di cui necessitiamo per effettuare la comunicazione sono i seguenti : DATI DELL UTILIZZATORE

Dettagli

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF264 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO GODIMENTO BENI AI SOCI E FAMILIARI - COMUNICAZIONE AL 30/10 RIFERIMENTI PROVV. N. 54581/2014 E N. 94902/2013

Dettagli

Bologna, 12 dicembre 2013

Bologna, 12 dicembre 2013 Bologna, 12 dicembre 2013 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto: CIRCOLARE N. 16 COMUNICAZIONE ENTRO IL 31 GENNAIO 2014 DEI BENI DATI IN GODIMENTO AI SOCI E AI FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI

Dettagli

Carlin Laurenti & associati

Carlin Laurenti & associati Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI SOCI ALL'IMPRESA a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale ll prossimo mese di dicembre 2013, salvo proroghe dell'ultima ora

Dettagli

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe:

Nelle intenzioni del legislatore, il nuovo adempimento fiscale dovrebbe: 20.10.2014 Comunicazione dei beni d'impresa concessi in godimento ai soci o familiari dell'imprenditore - Comunicazione dei finanziamenti o delle capitalizzazioni dei soci o familiari ricevuti dall'impresa

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 51/2013 Oggetto: BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI COMUNICAZIONE 2012 DA INVIARE ENTRO IL 12 DICEMBRE 2013 Con due distinti provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA

CIRCOLARE TEMATICA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci

Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Informativa speciale Compilazione e invio telematico Comunicazione Beni in godimento ai Soci Vicenza 17 Gennaio 2014 Gentile Cliente, il 31/01/2014 scade il nuovo adempimento - di cui abbiamo trattato

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria GIORDA FRANCESCO Informativa per la clientela di studio N. 18 del 29.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria Gentile Cliente, con la stesura

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci

La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci La comunicazione dei beni d impresa concessi in godimento ai soci Premessa Le novità del D.L. 138/2011 e i provvedimenti attuativi 2 Impianto normativo: «di proroga in proroga» D.L. 138/2011 art. 2, commi

Dettagli

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013

COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 COMUNICAZIONE BENI IN GODIMENTO AI SOCI: CHIARIMENTI CON PROROGA AL 2 APRILE 2013 Con il Provvedimento Direttoriale del 17 settembre 2012 l Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga dell adempimento

Dettagli

TRENTINO IMPRESE CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ARTIGIANI E LE PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO S.R.L. INFORMATIVA n 011/2015

TRENTINO IMPRESE CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ARTIGIANI E LE PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO S.R.L. INFORMATIVA n 011/2015 Trento, 19 ottobre 2015 INFORMATIVA n 011/2015 COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI O CAPITALIZZAZIONI RICEVUTI DALL IMPRESA Entro il 30.10.2015 devono essere presentate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI

COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI COMUNICAZIONE DEI BENI UTILIZZATI DAI SOCI E FAMILIARI A meno di un mese dalla scadenza, sono ancora innumerevoli i dubbi che riguardano la comunicazioni dei beni utilizzati dai soci delle società e dai

Dettagli

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. n. 166485 IL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE Modalità e termini di comunicazione all Anagrafe Tributaria dei dati relativi ai beni dell'impresa concessi in godimento a soci o familiari, ai sensi

Dettagli

La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative. Alessandro Cotto

La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative. Alessandro Cotto La comunicazione dei beni in uso ai soci e l interpello disapplicativo delle società non operative Alessandro Cotto La manovra di ferragosto (DL 138/2011 conv. L. 148/2011) BENI D IMPRESA IN GODIMENTO

Dettagli

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE

Anno 2014 N. RF265. La Nuova Redazione Fiscale FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE Anno 2014 N. RF265 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI COMUNICAZIONE AL 30 OTTOBRE RIFERIMENTI PROVV. N. 94904/2013; DL 138/2011

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 47 09.12.2013 La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci/familiari e finanziamenti ricevuti Le istruzioni

Dettagli

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori.

Sintesi della normativa riguardante i rimborsi chilometrici per dipendenti e amministratori. Fiscale Tributario A TUTTE LE AZIENDE ASSOCIATE Verona, 10 ottobre 2013 Prot. n. 199/13 LB/mm Circ. n. 199/FT/24-13 Oggetto: 1) LA VERIFICA DEI LIMITI DI DEDUCIBILITA PER I RIMBORSI CHILOMETRICI 2) BENI

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI

LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI INFORMATIVA N. 236 04 OTTOBRE 2012 IMPOSTE DIRETTE LE AUTOVETTURE IN GODIMENTO A SOCI / FAMILIARI: CASI PRATICI Art. 2, commi da 36-terdecies a 36-duodevicies, DL n. 138/2011 Circolari Agenzia Entrate

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI Circolare informativa per la clientela n. 35/2013 del 27 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI SOMMARIO 1. «RATIO» delle DISPOSIZIONI...

Dettagli

I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE. Dott. Lelio Cacciapaglia

I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE. Dott. Lelio Cacciapaglia I BENI AZIENDALI IN USO AI SOCI E AI FAMILIARI DELL IMPRENDITORE Dott. Lelio Cacciapaglia BENI AI SOCI E SPESOMETRO Il comma 36-septiesdecies dispone che l'agenzia delle entrate proceda a controllare sistematicamente

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci

Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Padova Lo Spesometro e la Comunicazione dei Beni ai soci Padova, 03 ottobre 2013 Relatore: Andrea Onori Dottore Commercialista Revisore Legale

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE RAFFAELLI. Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti

STUDIO COMMERCIALE RAFFAELLI. Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti Comunicazione beni d impresa in godimento e finanziamenti La comunicazione dei beni d impresa in godimento da parte di soci e familiari ha vissuto una stagione particolarmente travagliata, condita di continui

Dettagli

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

PREMESSA 1. RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI E FAMILIARI. COMUNICAZIONE DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI DA SOCI E FAMILIARI NEI CONFRONTI DELL IMPRESA PREMESSA Entro il 30 ottobre 2014, per

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI

BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI Circolare informativa per la clientela n. 33/2013 del 21 novembre 2013 BENI in GODIMENTO ai SOCI e FINANZIAMENTI dei SOCI DISCIPLINA FISCALE e ADEMPIMENTI COMUNICATIVI In questa Circolare 1. «Ratio» delle

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052- B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052- B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331. P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052- B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.638299 DR. GAUDENZIO FRONTINI DR. MASSIMILIANO FRONTINI RAG. ANNA AMBA FERIOLI DR. CARLO BIANCHI

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Beni aziendali in uso a soci / familiari : aspetti contabili e fiscali Diverse tipologie di utilizzo dei beni d impresa L assegnazione in godimento di beni ai soci è fattispecie che

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI

COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FINANZIAMENTI EFFETTUATI E RICEVUTI DAI SOCI Il DL 13.8.2011 n. 138, convertito nella L. 14.9.2011 n. 148, ha introdotto un nuovo adempimento fiscale che, nelle

Dettagli

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori;

Introduzione. veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti, ai collaboratori e agli amministratori; Introduzione In questa rubrica di aggiornamento si prosegue con la trattazione della disciplina relativa agli autoveicoli, affrontando, in particolare, le seguenti questioni e problematiche: - veicoli

Dettagli

La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari

La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari Circolare n. 27/IR del 2 febbraio 2012 La disciplina relativa ai beni d impresa concessi in godimento a soci o familiari 1. Premessa Il decreto legge n. 138 del 13 agosto 2011, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015

SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 10 di SPAZIO AZIENDE ottobre 2015 GGG Prelievi bancari non giustificati Sentenza Corte Cassazione n. 16948/2015 Indagini bancarie

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

Anno 2013 N.RF018. La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013

Anno 2013 N.RF018. La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013 Anno 2013 N.RF018 ODCEC VASTO OGGETTO La Nuova Redazione Fiscale AUTO AZIENDALI - NUOVA DEDUCIBILITÀ DAL2013 www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 RIFERIMENTI ART. 164 TUIR; ART. 4 C. 72 L. 92/2012; ART.

Dettagli

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa

Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Beni concessi in godimento a soci e familiari e comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni nei confronti dell impresa Entro

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E STUDIO VENTURATO Commercialisti e Consulenti per le imprese e gli enti locali Circolare n. 12/13 Legnago, 25.11.2013 A TUTTI I CLIENTI - LORO SEDI - INCREMENTI DEGLI ACCONTI IRES E IRAP SCADENZA 2 DICEMBRE

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA Stampa Fisco: angolo quesiti agosto 2008 admin in Auto & Fisco, Modello UNICO, Unico 2008 QUESITO N. 1: Perdita Caparra La società Alfa srl ha costruito degli immobili ad uso abitativo su un terreno di

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

Finanziaria 2007 professionisti

Finanziaria 2007 professionisti Finanziaria 2007 professionisti Dopo le numerose modifiche apportate dal D.L. n.223/06, convertito con modificazioni dalla L. n.248/06, la Finanziaria interviene nuovamente da un lato per introdurre la

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento C i r c o l a r e d e l 1 6 n o v e m b r e 2 0 1 1 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 28/2011 Oggetto MANOVRA CORRETTIVA D.L. 98/2011 CONVERTITO IN L. 111/2011 CIRCOLARE AGENZIA ENTRATE N. 41/E DEL 05/08/2011

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n.

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n. D.L. 13 agosto 2011, n. 138 (G.U. 13-8-2011, n. 188), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 (G.U. 16-9- 2011, n. 216). Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo; modificato

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI video FISCO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CASO PRATICO del 20.04.2011 n. 0376-775130 www.ratiofad.it COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI Artt. 110, 166, 167, 168 e 168-bis D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015

CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA OTTOBRE N. 10/2015 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 ottobre al 15 novembre 2015. Versamenti Iva mensili e trimestrali Scade il 16

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 4/2013 Tivoli, 16/01/2013 Oggetto: NOVITA DEDUCIBILITA AUTO. Spett.le Clientela, con la presente circolare siamo a comunicare che con la Riforma del mercato del lavoro, L. 28/06/2012 n. 92,

Dettagli

Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci

Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci Nota Salvatempo Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci 25 Novembre 2013 Comunicazione Anti Elusione Beni in uso ai soci Normativa Fonti normative Provvedimento Agenzia Entrate 16 novembre 2011

Dettagli

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia

LE SOCIETÀ NON OPERATIVE alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012. Lelio Cacciapaglia alla luce del provvedimento e della circolare dell Agenzia delle Entrate dell 11/06/2012 Lelio Cacciapaglia NUOVA TIPOLOGIA DI SOCIETÀ DI COMODO Le società che presentano dichiarazioni in perdita fiscale

Dettagli

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso N. CIRCOLARE N. 39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 agosto 2005 OGGETTO: Imposte sui redditi. ONLUS e terzo settore. Erogazioni liberali. Articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005,

Dettagli