Centro Adozioni dell ASL di Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Adozioni dell ASL di Brescia"

Transcript

1 Guida pratica all adozione, con Il informazioni Centro Adozioni tecniche, dell ASL di Brescia garantisce a tutte le coppie interessate accoglienza, indicazioni informazione di percorso formazione, e consigli accompagnamento a cura del e sostegno nelle diverse fasi dell iter adottivo. Centro Adozioni dell ASL di Brescia

2 Introduzione L ADOZIONE I principali riferimenti normativi I pre-requisiti minimi richiesti per adottare I bambini adottabili in Italia I bambini adottabili all estero Le conseguenze dell abbandono e del maltrattamento sui minori Il ruolo dei genitori adottivi IL PERCORSO ADOTTIVO e il SOSTEGNO dei SERVIZI Qual è il primo passo da fare La dichiarazione di disponibilità all adozione L'indagine psicosociale Il Tribunale per i minorenni e l adozione nazionale Il Tribunale per i minorenni e l adozione internazionale Il decreto di idoneità Gli Enti Autorizzati Le procedure all estero e i costi

3 L ARRIVO del BAMBINO in FAMIGLIA L affidamento pre-adottivo L affidamento a rischio giuridico L adozione nazionale definitiva L'adozione internazionale definitiva I diritti dei genitori adottivi IL CENTRO ADOZIONI e i SERVIZI Il Call Center Colloquio orientativo/informativo Incontro informativo di gruppo Corsi formativi Gruppi di sostegno post-adottivi Consulenza e sostegno Incontri di sensibilizzazione Numeri Telefonici e indirizzi utili

4 Introduzione Il Centro Adozioni dell ASL di Brescia garantisce a tutte le coppie interessate accoglienza, informazione/formazione, accompagnamento e sostegno nelle diverse fasi dell iter adottivo. Questa pubblicazione è dedicata alle coppie che stanno pensando di adottare un bambino; si inserisce in un progetto più ampio, di promozione di una nuova cultura dell adozione e dell infanzia; verranno presentate le diverse fasi del lungo cammino che le coppie devono percorrere per accogliere un bambino dichiarato adottabile dall'autorità competente, illustrandone gli aspetti essenziali e specificando il ruolo che gli operatori del Centro Adozioni sono chiamati a svolgere.

5 Nella lingua hindi la parola adottare coincide con accettare e in India il termine adozione letteralmente significa "tenere qualcuno sulle ginocchia". Per la legge italiana chi intende adottare un bambino o una bambina, non presenta al Tribunale per i Minorenni una domanda di adozione, bensì una dichiarazione di disponibilità ad accoglierlo e a prendersene cura per il resto della propria vita, includendolo nella propria famiglia al pari di un figlio naturale.

6 Diventare genitori adottivi è un esperienza complessa, che comprende aspetti giuridici, sociali, psicologici e relazionali, di cui è opportuno acquisire consapevolezza prima di intraprendere l iter adottivo. La formula prescelta dal legislatore ( dichiarazione di disponibilità invece di domanda di adozione ) intende sottolineare ed amplificare l intenzione di privilegiare i bisogni del bambino rispetto a quelli di chi lo vorrebbe adottare. Pertanto l adozione non è un diritto dei coniugi, che offrono una disponibilità ad accogliere. Questa guida pratica vuole illustrare le principali informazioni, norme e prassi che regolano il mondo dell adozione, nella convinzione che una maggior conoscenza possa aiutare ad intraprendere il percorso adottivo con maggior consapevolezza.

7 Ogni bambino o bambina, in qualsiasi parte del mondo sia nato, ha il diritto ad essere amato e cresciuto nella propria famiglia. Quando ciò non è possibile, gli viene riconosciuta la possibilità di appartenere e vivere in un'altra famiglia. Anche per questa ragione si è pensato di mettere a disposizione di chi voglia intraprendere questa strada il sostegno di operatori competenti, adeguatamente formati, che operano presso il Centro Adozioni o collaborano con esso.

8 L adozione è uno strumento giuridico che esiste da secoli e che si è modificato nel corso del tempo, insieme alle trasformazioni sociali, storiche e culturali in cui di volta in volta si inseriva. Nell'antica Roma doveva garantire la trasmissione del patrimonio a chi non aveva avuto eredi e si attuava soltanto fra adulti. Oggi ha la finalità principale di garantire una famiglia ad un bambino che ne è privo e/o che dalla propria famiglia di origine ha subito grave trascuratezza, maltrattamento o abuso sessuale. La maggior parte delle coppie che decidono di adottare non ha avuto figli per via naturale. Il legame adottivo perciò si costituisce su base affettiva e relazionale, sulla reciprocità del bisogno-desiderio di essere ed avere dei genitori anziché, come di solito avviene, su base biologica.

9 I principali riferimenti normativi Il mondo dell adozione è regolamentato da un quadro legislativo nazionale e da accordi internazionali. In Italia la legge che disciplina l adozione è la n. 184/83, modificata dalla successiva legge n. 149/2001. Nel 1993 è stata stipulata la Convenzione dell Aja, un importante accordo a cui hanno aderito diversi paesi che regolamenta e rende uniformi i principi e le procedure dell adozione internazionale, a maggior protezione e tutela dei diritti dei bambini. E' stata ratificata in Italia con la legge n. 476/98.

10 I pre-requisiti minimi richiesti per adottare Può presentare la dichiarazione di disponibilità all adozione qualsiasi coppia che sia sposata da almeno tre anni o che possa dimostrare di aver convissuto tre anni consecutivi prima del matrimonio. Inoltre la coppia deve essere affettivamente idonea ad educare e istruire e in grado di mantenere i minori che intende adottare. La differenza minima di età tra adottante e adottato è di 18 anni e quella massima di 45. Significa che una coppia di cinquantenni non può avere in adozione un bambino che abbia meno di cinque anni. Esistono casi particolari in cui l adozione è permessa in deroga a queste disposizioni: quando i coniugi hanno altri figli ( naturali o adottivi di cui almeno uno minorenne)

11 quando l adozione riguarda un fratello o una sorella del minore già adottato dalla coppia quando l adozione riguarda contemporaneamente più fratelli dei quali almeno uno abbia un età rientrante nel limite fissato dalla legge quando uno dei due coniugi è più vecchio dell altro di 10 anni e più, la differenza massima d età rispetto al bambino è di 55 anni, da calcolare rispetto all età del coniuge più vecchio I limiti d età posti dalla legge hanno lo scopo di garantire al bambino adottato genitori idonei a crescerlo fino all età adulta in una condizione analoga a quella che di norma si presenta nel caso della genitorialità biologica. In più, per quanto possibile, vorrebbero cercare di proteggerlo dal rischio di nuove ulteriori perdite delle persone per lui significative, dal momento che l'adozione implica di per sé che ne abbia già subite.

12 I bambini adottabili in Italia Ogni bambino ha diritto a crescere nella propria famiglia per la legge italiana. Solo quando ciò si rivela impossibile e/o danneggia gravemente il bambino, è possibile ricorrere all adozione. Due sono i presupposti fondamentali : la dichiarazione dello stato di abbandono del bambino la dichiarazione della sua adottabilità. Lo stato di abbandono e la conseguente dichiarazione di adottabilità vengono decretati dal Tribunale per i Minorenni in presenza di una situazione di abbandono, grave deprivazione, di maltrattamento fisico e/o psicologico, abuso sessuale o grave trascuratezza che, protraendosi nel tempo, danneggiano gravemente lo sviluppo psicofisico e/o l'integrità del minore.

13 A salvaguardia del legame biologico, la dichiarazione dello stato di adottabilità di un bambino può avvenire solo dopo che sono stati messi in atto tutti i possibili interventi di sostegno e di aiuto alla famiglia d'origine per superare le proprie difficoltà. Con la dichiarazione di adottabilità cessano i legami giuridici con la famiglia d origine e il bambino può così divenire, a tutti gli effetti, figlio di una coppia diversa da quella che lo ha generato. I bambini adottabili all estero L'adozione internazionale è un fenomeno molto complesso e delicato, che in Italia si è affermato a partire dagli anni settanta. In Italia e nel

14 contesto internazionale si considerano adottabili i bambini che siano dichiarati in stato di abbandono, o perché lasciati dai loro genitori e/o dai parenti più prossimi, o perché loro sottratti dall'autorità competente a causa di abuso, maltrattamento o trascuratezza grave. Il diritto internazionale e la normativa italiana riconoscono ad ogni bambino il diritto a crescere nella propria famiglia. Quando ciò non è possibile deve essere verificata la possibilità che il bambino sia adottato nel proprio paese d origine. Solo quando anche questa opportunità non si sia realizzata, il bambino può essere adottato da una coppia idonea all adozione internazionale. Tale gradualità ha l obiettivo di limitare il più possibile per il bambino i traumi e le sofferenza connesse alla perdita della propria identità e alla separazione da persone per lui significative.

15 Le conseguenze dell abbandono e del maltrattamento sui minori L esperienza dell abbandono costituisce per i bambini che lo subiscono una ferita profonda e duratura, un duro colpo alla loro autostima ed un evento con cui confrontarsi per il resto della vita, a cui devono dare un significato accettabile e comprensibile per poterlo vivere con sufficiente serenità. L'abbandono contiene un messaggio importante rispetto al valore da attribuire a se stessi, che potrà interferire con il benessere interiore di chi lo ha subito se i suoi esiti non vengono riconosciuti. Essere vittima di abusi e/o maltrattamenti, subire traumi fisici ed emotivi, crescere con adulti incapaci di fornire cure adeguate, mina alla base nei bambini la capacità di nutrire fiducia nell altro e nella possibilità di ricevere aiuto e protezione, deformando la percezione di sé e del mondo.

16 Il ruolo dei genitori adottivi Fino a non molti anni fa l'adozione svolgeva il compito di rimettere ordine nel mondo esterno dei bambini e ciò che veniva richiesto ai genitori adottivi era sostanzialmente di essere in grado di garantire loro affetto e cure amorevoli, sostituendosi alla famiglia d origine. Oggi sempre di più l'adozione riguarda bambini che hanno subito traumi anche gravi nelle proprie famiglie d'origine, sperimentando relazioni distorte al loro interno, per la cura delle quali l'amore e l'affetto non sono sufficienti. La famiglia adottiva perciò deve essere in grado di assumere il compito di riparare anche ai danni causati da esperienze traumatiche precedenti, sia in famiglia che in istituto, che possono manifestarsi con comportamenti non sempre facilmente comprensibili.

17 Compito aggiuntivo e di non poco conto dei genitori adottivi rispetto a chi genera un figlio per via naturale, può quindi essere quello di aiutare i propri figli a rielaborare i traumi subiti, lasciando che certi eventi abbiano il tempo e lo spazio per riemergere, aiutandoli a non dare un taglio al passato con troppa facilità perché per poter rielaborare bisogna prima ricordare e raccontare. Spesso tutto ciò non può risolversi solo con le risorse interne alla famiglia, ma richiede interventi e competenze specifiche o specializzate, che aiutino i genitori e i bambini. In questo senso viene richiesta ai genitori adottivi un'apertura e una capacità di riflessione e di cura, imparando a confrontarsi sull esperienza educativa e adottiva.

18 Gli operatori del Centro Adozioni dell'asl, psicologi e assistenti sociali, possono costituire un punto di riferimento significativo per avere informazioni sicure, competenti e puntuali. Ad essi è possibile sottoporre i pensieri, i dubbi e le domande che possono sorgere. Il rapporto di fiducia con loro può rappresentare un'opportunità preziosa e un valido aiuto durante tutte le fasi del percorso adottivo.

19 Qual è il primo passo da fare La prassi ormai consolidata prevede che la coppia che desidera adottare prenda contatto con il Centro Adozioni di Brescia o con l assistente sociale del consultorio familiare del territorio di residenza. Nel primo colloquio, chiamato di orientamento, la coppia inizia a confrontarsi sulla scelta adottiva, chiede informazioni e chiarimenti, manifesta dubbi, racconta come è giunta all idea dell adozione. Questo potrà essere il primo di altri incontri e colloqui che avverranno se i coniugi scelgono di proseguire nel percorso adottivo. Quindi, alla coppia viene proposta la partecipazione ad un incontro informativo, in gruppo con altre coppie, organizzato a cadenza mensile. L incontro serve a precisare l iter adottivo, il significato delle procedure e le caratteristiche degli enti coinvolti nell adozione. Le coppie che desiderano proseguire partecipano successivamente ad un corso formativo di 4/5 incontri di gruppo (della durata di due ore e mezzo ciascuno) condotti da uno psicologo e da un'assistente sociale, alla presenza di entrambi i coniugi. Gli operatori mettono a

20 disposizione delle coppie la propria esperienza e competenza professionale affinché queste possano confrontarsi ed approfondire la motivazione, i pensieri, i temi sensibili dell esperienza adottiva. Inoltre sono invitati a condividere emozioni e sentimenti, ad ampliare la propria consapevolezza rispetto alle implicazioni che questa scelta comporta. I conduttori al termine del corso invitano le coppie a riflettere e decidere il prosieguo dell esperienza adottiva, con i tempi consoni alle proprie caratteristiche e scelte. I coniugi possono chiedere di iniziare i colloqui con gli operatori (psicologo e assistente sociale) e contemporaneamente predisporre la documentazione per la presentazione della dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i Minorenni.

21 La dichiarazione di disponibilità all adozione La coppia presenta la propria dichiarazione di disponibilità all adozione nazionale e/o internazionale, allegando le certificazioni richieste. Si tratta di produrre alcuni documenti e/o autocertificazioni: certificato di nascita dei coniugi, stato di famiglia, dichiarazione di assenso all adozione da parte dei genitori dei coniugi, in caso di decesso, il certificato di morte, certificato del Medico di Base, Modello 101 o 740 o busta paga, Certificato del Casellario giudiziale, una dichiarazione che attesti lo stato di non separazione dei coniugi. Il coinvolgimento dei genitori dei coniugi accerta la loro disponibilità ad accogliere il nipote adottivo nell asse ereditario e l impegno a considerarlo parte integrante della famiglia; ha quindi l obiettivo di tutelare gli interessi e il benessere del bambino.

22 La coppia può presentare disponibilità all adozione internazionale soltanto presso il Tribunale per i Minorenni del proprio territorio di residenza, mentre può presentare disponibilità all adozione nazionale anche in altri Tribunali per i Minorenni del territorio italiano, purché ne dia comunicazione al Tribunale per i Minorenni di riferimento territoriale. La coppia deve sottoporsi anche ad alcuni accertamenti ed esami clinici volti ad appurare le condizioni di salute di ciascun coniuge. Anche questi accertamenti hanno lo scopo di tutelare il bambino, per quanto possibile, dall eventualità di subire nuove perdite o lutti. Dopo aver depositato la documentazione presso la Cancelleria del Tribunale per i Minorenni, viene trasmessa una richiesta di indagine agli operatori del Centro Adozioni che operano nel territorio di residenza della coppia.

23 L indagine psicosociale L indagine psicosociale, condotta da uno psicologo e un'assistente sociale, ha lo scopo di fornire al Giudice tutti gli elementi utili per valutare l'idoneità all'adozione di un bambino da parte delle coppia. E' orientata ad individuare le capacità e le risorse personali, familiari, sociali, fisiche ed emotive presenti nella coppia e la loro compatibilità con i bisogni di protezione, cura e riparazione dei danni subiti da un bambino dichiarato adottabile. Nel corso dell indagine si delineano luci e ombre, risorse e limiti dei coniugi aspiranti all'adozione. In essa gli operatori sono chiamati ad esprimere, motivandolo, il proprio parere riguardo all'opportunità che si realizzi un'adozione.

24 Al di là della sua funzione più strettamente valutativa però, per quanto questa sia innegabilmente presente nella relazione coppiaoperatori, l'indagine e la qualità del rapporto che si instaura tra la coppia e gli operatori possono assumere anche una importante valenza rielaborativa. Infatti un positivo e sereno rapporto tra i coniugi e gli operatori può costituire per i futuri genitori adottivi un'occasione di crescita e di acquisizione di maggiore consapevolezza di sé, della propria relazione di coppia e della motivazione adottiva. Tutti gli elementi scaturiti ed elaborati nel corso dell indagine vengono riportati in una relazione finale, che prima viene discussa con i coniugi e successivamente inviata sia al Tribunale per i Minorenni sia alla coppia.

25 Il Tribunale per i minorenni e l adozione nazionale Un Giudice del Tribunale per i Minorenni, che nel frattempo ha acquisito e letto la relazione psico-sociale, incontra la coppia per un udienza. La coppia, con le valutazioni conclusive del Giudice, viene inserita in un elenco a disposizione per gli abbinamenti. Da questo momento, quando e se un bambino necessiti di una famiglia adottiva, la coppia può essere chiamata per un colloquio, durante il quale riceve le informazioni essenziali che riguardano il bambino e viene invitata a dichiarare la propria disponibilità all accoglienza. Il Giudice sceglie, fra le coppie che ha convocato, quella che ritiene più idonea per la situazione e le specifiche caratteristiche di quel particolare bambino. La dichiarazione di disponibilità per l adozione nazionale è valida per tre anni e può essere rinnovata con una successiva domanda. La legge impone questo limite temporale perché nel tempo la situazione personale e familiare della coppia può subire cambiamenti (nascite, separazioni, ecc...) che ne modificano il contesto.

26 Il Tribunale per i minorenni e l'adozione internazionale Dopo l udienza con il Giudice, il Tribunale per i Minorenni emette un decreto con il quale la coppia viene autorizzata ad adottare all estero uno o più bambini. Nel caso in cui non venga ritenuta idonea, viene emanato un decreto di non idoneità e la coppia può, entro dieci giorni dalla notifica del provvedimento, presentare ricorso in Corte d Appello (sezione per i minorenni). La Corte d Appello può confermare il decreto di inidoneità emesso o riformularlo: in questo caso, ottenuta l idoneità, la coppia prosegue l iter adottivo. La decisione della Corte d Appello non può essere ulteriormente impugnata.

27 Il decreto di idoneità Entro un anno dalla notifica del provvedimento di idoneità (pena la sua decadenza), la coppia deve conferire l incarico ad un Ente Autorizzato per le adozioni internazionali, iscritto nell apposito Albo degli Enti da parte della Commissione Adozioni. L'Ente prescelto seguirà la procedura di adozione internazionale, fornirà alla coppia adeguata informazione, formazione e sostegno rispetto al paese di provenienza del bambino. Si può dare l incarico ad un solo Ente scelto fra quelli autorizzati nei paesi stranieri in cui sono accreditati. L'obbligo di avvalersi di un Ente è stato introdotto dal legislatore con l'intento di proteggere i bambini e le coppie dal rischio di esporsi a pratiche e/o traffici illegali.

28 Gli Enti Autorizzati Gli Enti Autorizzati sono agenzie legalmente riconosciute, autorizzati al funzionamento dalla Commissione Adozioni Internazionali e accreditate dai Paesi stranieri in cui operano. Hanno l obbligo di realizzare negli stessi Paesi progetti di sostegno all infanzia, oltre a seguire le pratiche per l adozione internazionale. Questo impegno è orientato a sostenere la permanenza dei bambini nel proprio paese d'origine in condizioni di adeguata protezione e benessere, in quanto l adozione internazionale è da considerarsi come extrema ratio. L Ente Autorizzato, scelto liberamente dalla coppia, ha l incarico di curare la procedura necessaria per realizzare l adozione.

29 E compito dell Ente Autorizzato infatti assistere i coniugi nello svolgimento delle pratiche burocratiche all'estero, aiutarli a conoscere la cultura del Paese in cui è nato il bambino o le condizioni dell'infanzia di quel determinato Paese e accompagnarli verso l incontro con il figlio adottivo. Anche dopo l'ingresso del bambino in Italia, gli Enti mantengono attraverso i propri professionisti e/o collaboratori un rapporto con il nuovo nucleo familiare ed inviano periodici aggiornamenti sulle condizioni di vita del bambino alle Autorità del Paese di provenienza, quando da queste richiesto. Alcuni Paesi richiedono aggiornamenti fino al compimento della maggiore età del bambino.

30 Le procedure all estero e i costi L Ente Autorizzato, in conformità con l incarico ricevuto, prende contatto con i propri corrispondenti all estero, ai quali trasmette l intera documentazione relativa agli aspiranti genitori adottivi. Sulla base delle certificazioni, compresa la relazione psicosociale degli operatori, le autorità straniere propongono l abbinamento di un bambino. Se l Ente condivide la proposta, ne informa la coppia, la quale valuterà la situazione del bambino proposto e quindi deciderà l accettazione dell abbinamento. Con l abbinamento, solitamente la coppia inizia a sentire quel bambino, di cui dispone informazioni e una fotografia, come figlio proprio. Ogni Paese straniero ha una propria legislazione e procedure particolari. Il viaggio all estero è sempre necessario perché consente ai genitori di conoscere il figlio, il suo mondo e la sua storia, oltre a conoscere il contesto di vita e il luogo d origine del bambino adottivo. Alcuni Paesi, prima di completare la procedura di adozione, richiedono che la coppia compia alcuni viaggi prima di affidarle definitivamente il

31 bambino. Ciascun viaggio potrà prevedere una permanenza più o meno lunga, secondo le procedure del Paese in questione. Di solito, si tratta di più viaggi anche molto brevi oppure di un unico viaggio, a volte anche piuttosto lungo. L adozione internazionale comporta costi determinati dalla procedura stessa: spese generali, sostegno alle coppie, traduzioni, legalizzazioni ed onorari professionali all'estero, spese per viaggi e soggiorni nel Paese. La Commissione per le Adozioni Internazionali (C.A.I.), l'organismo governativo istituito per vigilare sulle adozioni internazionali, ha individuato, in base ai servizi offerti dagli enti autorizzati ed alle leggi del paese d origine del minore, parametri attraverso i quali è possibile stabilire il minimo ed il massimo dei costi applicabili perché le adozioni si realizzino in un quadro di assoluto rispetto dei diritti del minore e di completa trasparenza delle procedure. Sul sito della Commissione (www.commissioneadozioni.it) si possono trovare i costi applicati da ogni Ente, per ogni paese in cui opera.

32 Affido a rischio giuridico Nell adozione nazionale frequentemente il bambino viene inserito nella possibile famiglia adottiva prima che ne sia dichiarato definitivamente lo stato di adottabilità; si tratta di un collocamento provvisorio, anche detto affido a rischio giuridico, poiché non è ancora concluso e sancito, senza possibilità di ricorsi, lo stato di adottabilità del bambino. L incertezza della situazione richiede alle coppie che aspirano all adozione flessibilità ed equilibrio emotivo nel fornire costanza di cure al bambino e tollerare l attesa della conclusione del procedimento. Soprattutto in questi frangenti è fondamentale un rapporto costante e costruttivo fra la coppia e l èquipe.

33 L affidamento pre-adottivo E un periodo della durata di un anno che inizia nel momento in cui il bambino in stato di adottabilità viene affidato alla coppia individuata dal Tribunale per i Minorenni e termina con la pronuncia dell'adozione quando il bambino può assumere il cognome del padre adottivo. Ha la funzione di proteggere il bambino da eventuali incidenti di percorso o imprevisti che rendano impossibile la convivenza. Durante questo periodo gli operatori vengono incaricati di vigilare sul buon andamento dell'inserimento e la coppia ha la possibilità di ricevere la consulenza e il sostegno che si rendano necessari. Ciò anche in considerazione della particolarità dei bisogni dei bambini dichiarati adottabili. L esperienza mostra infatti come sia importante accompagnare il costituirsi della nuova famiglia nelle sue prime fasi e individuare precocemente i segnali di difficoltà che possono insorgere, sostenendo genitori e figli nella costruzione di un legame di attaccamento e di appartenenza reciproci.

34 Al termine dell'affido pre-adottivo, in cui gli operatori seguono la famiglia attraverso colloqui, visite domiciliari periodiche e incontri di gruppo, viene inviata una relazione al Tribunale per i Minorenni sull esito dell inserimento. Adozione nazionale definitiva Il Tribunale per i Minorenni rende definitiva l adozione quando, al termine dell'affidamento pre-adottivo, dispone la sua trascrizione nei registri dello stato civile del Comune di residenza dei coniugi in seguito a cui il bambino può assumere il cognome dei genitori adottivi. Con questo atto il bambino sul piano giuridico acquisisce la condizione di figlio a tutti gli effetti; ciò comporta anche l acquisizione dei legami di parentela con la famiglia allargata dei due genitori, il diritto ad ereditarne i beni e la perdita di ogni rapporto con la famiglia biologica.

35 Tuttavia, sul piano emotivo, o interno, il processo di costruzione della reciproca appartenenza e di una relazione sicura non si esaurisce nell'arco di pochi mesi. L'origine del bambino, la sua storia, i suoi legami, le sue esperienze e il suo passato continueranno a costituire parti fondamentali della sua identità, da conoscere, accogliere e rispettare. Adozione internazionale definitiva Nella maggior parte dei Paesi da cui provengono i bambini adottati all'estero, l'adozione viene perfezionata e si conclude nel Paese stesso, al momento dell udienza dell Autorità straniera e del successivo affidamento del bambino alla coppia. Il bambino di solito al rientro in Italia ha già il cognome del padre adottivo. Non è previsto in questi casi un periodo di affidamento pre-adottivo come invece accade per l'adozione nazionale. In Italia restano da compiere soltanto alcuni atti di natura tecnico-formale e la coppia riprende i contatti con gli operatori di riferimento.

36 Il Tribunale, dopo aver ricevuto comunicazione dell'ingresso del bambino in Italia, dispone che l'ufficiale di stato civile trascriva il suo nominativo nei registri dell'anagrafe in quanto figlio della coppia e conferisce agli operatori psicosociali il compito di fornire al nucleo familiare così costituito consulenza e sostegno per almeno un anno. Al termine di questo periodo deve essere redatta e inviata al Tribunale per i Minorenni una relazione sull'andamento dell'inserimento del bambino in famiglia. Questa prassi, che secondo la normativa è a richiesta della coppia, è una tutela della famiglia adottiva, per prevenire o ridurre l'instaurarsi di eventuali problemi e intervenire precocemente su di essi, usufruendo di tutti gli aiuti necessari per affrontare tempestivamente e gestire efficacemente eventuali disagi o difficoltà che insorgano nelle relazioni familiari.

37 I diritti dei genitori adottivi I genitori adottivi hanno gli stessi diritti dei genitori biologici in materia di congedo di maternità e paternità, di congedi parentali e di congedi per la malattia del figlio, di congedi per riposo giornaliero, di flessibilità dell orario di lavoro. Per i riferimenti normativi si rimanda al T.U. n 151/2001, alla circolare INPS n 109/2000 e alla sentenza della Corte Costituzionale n 104/2003. In sintesi sono previsti: il diritto del lavoratore di fruire di un congedo non retribuito per il periodo di permanenza all estero richiesto per l adozione; il congedo di maternità-paternità fruibile nei tre mesi successivi all effettivo ingresso del bambino in famiglia e che spetta fino al compimento della sua maggiore età; per entrambi i genitori la possibilità di assentarsi dal lavoro per un periodo complessivo di dieci mesi (ex astensione facoltativa) nei primi otto anni di vita del bambino (o entro i primi tre anni dall ingresso in famiglia); il diritto per entrambi i genitori adottivi di assentarsi dal lavoro per periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio

38 Il Centro Adozioni si configura come il punto di riferimento a cui rivolgersi per qualsiasi informazione e chiarimento o per eventuali richieste di aiuto. L'accesso è libero e gratuito e vi si accede per appuntamento. Ha una sede centrale a Brescia, in via Duca degli Abruzzi n 13, mentre le sedi operative sono decentrate nei diversi consultori dell ASL. Dispone di una serie di servizi rivolti in prevalenza a chi intenda adottare un bambino, ma anche a quanti siano coinvolti a diverso titolo nel settore delle adozioni, come ad esempio Associazioni di famiglie, Scuole, Enti Autorizzati, Tribunale.

39 Call Center Vi si accede di persona o per telefono, nei giorni e negli orari sotto indicati. La linea telefonica 030/ è operativa il martedì pomeriggio dalle ore alle ore e il mercoledì mattina dalle ore 9.00 alle ore Il call center è uno spazio di comunicazione e accoglienza aperto a chiunque voglia avere informazioni e chiarimenti sull adozione. Colloquio orientativo E il primo incontro fra l assistente sociale e la coppia ed avviene nella sede distrettuale o consultoriale di riferimento territoriale. Si svolge con l operatore che accompagnerà la coppia lungo tutto il percorso successivo. Grazie ad esso si ha la possibilità di iniziare a confrontarsi, chiedere ed ottenere informazioni o chiarimenti, esprimere dubbi,

40 raccontare come si è giunti alla scelta adottiva. Ha l obiettivo di aiutare la coppia ad acquisire consapevolezza in merito all iter che intende intraprendere. Incontro informativo di gruppo Gli incontri informativi si rivolgono alle coppie che, dopo i colloqui di orientamento, desiderano approfondire le informazioni sull adozione nazionale e internazionale. Gli incontri si tengono presso la sede del Centro Adozioni di Brescia il secondo lunedì del mese, nel tardo pomeriggio. Per partecipare a tali incontri è necessario iscriversi presso il Centro Adozioni. La partecipazione è gratuita.

41 Corsi formativi Gli incontri di formazione vengono proposti alle coppie che hanno partecipato all incontro informativo e che intendono approfondire ulteriormente la scelta e i temi specifici dell adozione. Hanno l obiettivo di aumentare le conoscenze e la consapevolezza dei coniugi e sviluppare una cultura dell adozione autenticamente rispettosa dei bisogni dei bambini. Gli incontri sono condotti da uno psicologo e un'assistente sociale e possono avvalersi della collaborazione di famiglie adottive che offrono la loro testimonianza. Ogni percorso formativo, a cui possono partecipare 8/10 coppie, prevede quattro o cinque incontri, gratuiti. Gli incontri si svolgono nel corso della settimana in orari pomeridiani o il sabato mattina, sempre presso la sede del Centro Adozioni. Al termine del Corso viene rilasciato alla coppia un attestato di partecipazione. Per informazioni e iscrizioni è necessario rivolgersi al Centro Adozioni.

42 Gruppi di sostegno post-adottivi I gruppi di sostegno vengono proposti a tutti coloro che sono diventati genitori adottivi di un bambino da pochi mesi. Sono un luogo di incontro, condivisione e confronto rispetto all'esperienza che la famiglia adottiva sta vivendo, in una fase molto ricca e densa di emozioni, e a volte anche di dubbi e incertezze. Nel gruppo viene dedicata particolare attenzione alle storie dei bambini, alla riflessione rispetto alle esperienze che hanno vissuto prima dell'adozione, ma anche rispetto a quelle attuali, si condividono pensieri e dubbi, per comprendere meglio i bisogni emotivi dei bambini e risolvere incertezze grazie al confronto con altre esperienze, simili e diverse dalla propria. Lo strumento del gruppo ha il vantaggio di offrire la possibilità di accrescere le competenze genitoriali giungendo ad una maggior consapevolezza grazie alle esperienze altrui.

43 Gli operatori offrono la propria competenza ed esperienza professionale, garantendo ai partecipanti un ambiente rispettoso della loro privacy familiare. Sono previsti un minimo di sei incontri di due ore ciascuno a cadenza mensile. Vengono svolti nella sede centrale del Centro Adozioni e/o nelle sedi territoriali, con sei o sette coppie di genitori. Consulenza e sostegno alla coppia e alla famiglia Gli operatori del Centro Adozioni svolgono attività di consulenza e sostegno alla coppia, al bambino e al nucleo familiare adottivo, per qualsiasi dubbio, difficoltà o conflitto che possa presentarsi nel contesto familiare, scolastico o sociale. Le loro prestazioni sono gratuite ed avvengono su richiesta degli interessati.

44 CONTATTI E SEDI del CENTRO ADOZIONI Sede Indirizzo Numero di telefono Assistenti Sociali SEDE DEL CENTRO ADOZIONI BRESCIA VIALE DUCA DEGLI ABRUZZI / Emanuela Montini Maria Ruggeri CONSULTORIO GUSSAGO CONSULTORIO BORGOSATOLLO PRESIDIO ASL BOVEZZO VIA RICHIEDEI 8/B 030/ Francesca Quaglia VIA ROMANINO / Elisabetta Tiberti VIA V. VENETO / Rosa Codenotti CONSULTORIO CHIARI P.ZZA MARTIRI DELLA LIBERTA' / Per i paesi afferenti al Distretto di Iseo Rosanna Fratus 030/ Cristina Marconi CONSULTORIO ROVATO VIA LOMBARDIA / Teresa Lanzini

45 Sede Indirizzo Numero di telefono Assistenti Sociali CONSULTORIO MANERBIO VIA SOLFERINO 030/ Annarita Dagani CONSULTORIO GHEDI P.ZZA DONATORI DI SANGUE 3 030/ Nicole Zucca CONSULTORIO DESENZANO VIA ADUA 4 030/ Lia Fiorini CONSULTORIO SALO' VIA FANTONI / Miria Meloni INDIRIZZI UTILI C.A.I. Commissione Adozioni Internazionali Tribunale per i Minorenni di Brescia, Via Vittorio Emanuele II n. 96 tel. 030/

46 Una donna madre Una donna che diventa madre d un bambino nato da un altra donna È come acqua che evapora e si fa nube Volando in cielo per portare acqua A un albero nel deserto Talmud

47 Progetto a cura della U.O. Famiglia Infanzia Età Evolutiva Dipartimento ASSI e del Centro Adozioni Redazione U.O. Comunicazione ASL Brescia

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione.

Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Premessa Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Il testo fornisce le principali indicazioni relative al procedimento di adozione nazionale ed internazionale

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto PROTOCOLLO TRA ILTRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA E LE AZIENDE SANITARIE LOCALI DI BERGAMO, BRESCIA, CREMONA, MANTOVA VALLECAMONICA SEBINO PER LA DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA IN MATERIA DI ADOZIONE NAZIONALE

Dettagli

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali L adattamento del testo alla provincia di Rimini è stato

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Il Servizio Alto Adige

Il Servizio Alto Adige Il Servizio Adozioni Alto Adige Da giugno del 2010 è attivo il Servizio Adozioni Alto Adige gestito dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano che, su delega della Provincia Autonoma di Bolzano, garantisce

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI Premessa La Carta del Servizio Adozioni

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Nel 2012 la Regione Toscana ha coinvolto un gruppo di

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Ri Distretto Sociosanitario 17 Riviera e Val di Vara MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Il giorno ventinove

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

In fase di sottoscrizione

In fase di sottoscrizione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l'emilia Romagna Ufficio XI Ambito Territoriale di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Assessorato al welfare

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO DI GORLE DI ORIO AL SERIO DI PONTERANICA DI SORISOLE DI TORRE BOLDONE 02 PRESENTAZIONE 03 L art.1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia sancisce che

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande Dirigente Scolastico Lucia Palazzo Insieme si può L Istituzione scolastica ha proposto l incontro con la Cooperativa sociale Promozione di Acireale per promuovere

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4348 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MURA, DI PIETRO, BORGHESI, CAMBURSANO, DI GIUSEPPE, DI STANISLAO, EVANGELISTI, FAVIA, ANIELLO

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como adozione e affido come orientarsi, a chi rivolgersi Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell'ambito della propria famiglia. Questo è

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Direzione Qualità della Vita, Beni e Attività Culturali, Promozione Sociale

GIUNTA REGIONALE Direzione Qualità della Vita, Beni e Attività Culturali, Promozione Sociale REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Direzione Qualità della Vita, Beni e Attività Culturali, Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali Ufficio Attuazione politiche in favore dei minori e di prevenzione

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO 1 ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO Premessa La Convenzione dell Aja (1993) riconosce che l adozione internazionale può offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Possesso dei requisiti 4. Principi 5. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 6. Stili di lavoro

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni.

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni. PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA di iniziativa dei Consiglieri: Enrico Brambillla Alessandro Alfieri Agostino Alloni Mario Barboni Laura Barzaghi

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Provincia di Ferrara Assessorato Sanità, Servizi sociali, Politiche abitative, Associazionismo, Politiche giovanili Ministero dell Istruzione dell

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2012-2014 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Preambolo...1 Articolo 1...1 Articolo 6...1 Articolo 7...2 Articolo 8...2 Articolo 9...2 Articolo 11...2

Dettagli

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione...

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... openproject RACCONTARE GLI ANELLI DEBOLI Seminario di informazione sui temi sociali per i giornalisti delle Marche Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... 5 Novembre 2010 Comunità di

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15

ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 901 del 04 giugno 2013 pag. 1/15 INDICAZIONI OPERATIVE REGIONALI A FAVORE DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI MINORENNI CHE HANNO VISSUTO SITUAZIONI DI ABUSO

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 N. Reg. Adozioni I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato cognome e nome

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni M. Anglesio L abbandono dei bambini è una questione sociale, non solamente individuale. E necessario che l adozione acquisisca il suo carattere,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli