VERONICA ORAZI Università di Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERONICA ORAZI Università di Firenze"

Transcript

1 VERONICA ORAZI Università di Firenze II Somni recitant lo procés d'una qüestió enamorada di Francese Alegre: cornice onirica per un'allegoria di sapore umanistico nella Barcellona della fine del XV sec. Francese Alegre, mercante barcellonese, membro del Consell de Cent di quella città tra il 1480 ed il i486, fu conosciuto come umanista, traduttore di opere latine ' ed autore di composizioni originali 2, testimonianza della composita realtà culturale catalana, sullo scorcio del XV secolo. La più interessante di esse è senza dubbio il Somni recitant lo procés d'una qüestió enamorada 3, in cui l'autore si ritrova nel tribunale di Amore, per presentare una supplica contro la sua dama, accusata di crudeltà. Il dio dispone la convocazione della donna, che giunge accompagnata da Laura, suo avvocato, così come Francesco Petrarca, "companyia plasent en les prosperitats e sol refugi en les adversitats" 4 affiancherà l'autore, nonostante i due - Petrarca e Laura 1 A lui si deve la versione catalana della Primera guerra pùnica di Leonardo Bruni, databile al 1472 e delle Metamorfosis di Ovidio, con commenti morali, pubblicate a Barcellona nel 1494, quest'ultima dedicata a Giovanna la pazza, infanta d'aragona. Cfr. J. Rubió i Balaguer, Literatura catalana, in Historia general de las literaturas hispánicas, diretta da G. Díaz y Plaja, Barcelona, 1953, voi. Ili, p. 833 e M. de Riquer, Historia de la literatura catalana, Barcelona, , voi. IV, p La sua produzione conservata consta di quattro brevi narrazioni di carattere allegorico-sentimentale. Oltre al Somni compose anche un Raonament entre Francesch Alegre y Esperanca trames per eli a una dama, retorica elucubrazione amorosa in forma epistolare che si chiude con una strofa in castigliano, edizione di R. Miquel i Planas nel Novelari català deis segles XIVa XVIII, Barcelona, Biblioteca Catalana, 1910; il Sermó d'amor e la Requesta d'amor recitant una altercado entre la Voluntaty la Rao, cfr. J. Rubió, op. cit., voi. Ili, p Edizione di R. Miquel i Planas nel Novelari català, cit. 4 Chiaro ricordo del De remediis utriusque Fortunae, dello stesso Petrarca. Dell'opera fu realizzata un'antologia catalana di sentenze intitolata Flors de Petrarca de remeys de cascuna fortuna, edita da R. d'alòs-moner, neil'homenatge a Antonio Rubió i Lluch, Barcelona, 1936, voi. I, pp , preceduta da importanti note sulla diffusione dell'opera di

2 290 Veronica Orazi - "quaranta anys fan durar qüestió sens res determenar" 5. Dopo uno scambio di battute tra i difensori, si pronunciano dodici personaggi (quattro figure vetero-testamentarie, quattro rappresentanti del mondo classico, quattro campioni della cristianità), i quali si esprimono a turno sulla presunta colpevolezza dell'indiziata: essi sono Giacobbe, Davide, Salomone, Sansone, Febo, Enea, Achille, Demofonte, Lancillotto, il re Pere I d'aragona 6, Paris 7 (l'innamorato di Viana), Macías, i quali per la maggior parte si schierano con l'autore. Alla fine dell'operetta questi si desta e, pieno di soddisfazione per le numerose deposizioni a lui favorevoli, domanda consiglio all'amico Antoni Vidal, su come ottenere finalmente la benevolenza dell'amata; con la sua risposta si conclude il Somni. Quale significato assume dunque all'interno di un stonile progetto compositivo la dimensione onirica che veicola il messaggio letterario? Essa, appare subito evidente, introduce e sostiene il contenuto della complessa architettura narrativa che si viene via via costituendo, fungendo da cornice dell'episodio. In realtà tale funzione esplicita a livello testuale la conseguenza di un preciso condizionamento: l'operetta evoca un processo nel tribunale d'amore, per la cui attuazione l'autore necessita di un 'contenitore' adeguato, che giustifichi la proiezione allegorica che egli sta per proporre al lettore, preannunciando l'aura di irrealtà in cui essa si andrà profilando. Il sogno o la visione quindi vengono a costituire l'espediente narratologico che meglio si presta ad introdurre la rappresentazione che seguirà subito dopo. Petrarca in Catalogna. Somni de Francese Alegre recitant lo procès d'una qüestió enamorada, ed. a cura di A. Pacheco e A. Bover i Font, compreso nelle Novelles amoroses i moráis, Barcelona, , alle pp , da cui si cita; p Ed. cit., p Si tratta di Pere el Catòlic che, rivolgendosi a Lancillotto, allude al concepimento di Jaume el Conqueridor: "[...] com per mi ne tinc certesa, car de la menys presada dona de Montpeller fiu néixer aquell Jacme, no menor d'alexandre en grandesa d'animo, qui conquista Valencia e l'illa de Mallorques [...]", ed. cit., p Della novella di Paris i Viana in catalano restano alcuni incunaboli. La narrazione conobbe una grande dififusione in tutta l'europa. Il testo francese della novella, datato nel prologo 1432, afferma trattarsi "d'ung libre escript en langue provensal qui fut strait d'un aulire libre escrit en langue catalane"; ciò consentirebbe quanto meno di ipotizzare l'esistenza di una versione catalana del racconto databile ai primi del XV o alla fine del XIV sec. Cfr. l'edizione di R. Miquel i Planas nel Novelan cátala deh segles XIV a XVIII, Barcelona, 1909.

3 Il Somni recitant lo procés d'una cjüestió enamorada di Francese Alegre 291 Entrambi infatti consentono di trasportare l'autore ed il lettore nella dimensione immaginaria in cui il processo amoroso si colloca, rappresentando perciò l'accesso ad uno spazio narrativo che trascende l'ambiente oggettivo, assumendo nella volontà allegorizzante un significato altro, da riconoscere scrutando le sagome dei personaggi che popolano l'opera e la stessa trama formale del dettato. In posizione esordiale l'autore, provato dal lungo ed infruttuoso 'servizio amoroso' non corrisposto, si presenta immerso nella meditazione, alternando la fermezza del proprio sentimento al più cupo sconforto, conseguenza della crudeltà della donna. Gettato in tale stato di prostrazione decide di riposare, abbandonandosi ad un sonno ristoratore. È a questo punto che si manifesta l'attenzione per il meccanismo fisiologico che produrrà di 11 a poco il sogno: "com ha de venir sol que molt pensar se causa en la fantasia continuu record de l'imaginat, parec-me èsser en un Hoc plasent..." 8. In questo modo Alegre mostra di conoscere le teorie medievali sulle visioni oniriche, originate dalle sollecitazioni psico-fisiche cui l'individuo è sottoposto 9. Dunque sarebbero il pensiero ossessivo della donna, della sua crudeltà e del- 8 Ed. cit., p Durante il XIII secolo, si andrà definendo una rete di precise relazioni tra corpo umano e sogno, più strettamente legate alla fisiologia dell'individuo, con Alberto Magno {De somno et vigilia cfr. Opera, Lione, 1651, voi. V, pp ) e successivamente con Arnau de Vilanova {Expositiones visionum quaefiunt in somnis ad utilitatem medicorum non modicam - cfr. Opera omnia, Basilea, 1585, pp ). Si veda quanto riportato a tale proposito da J. Le Goff in Tempo della Chiesa e tempo del mercante, Torino, Einaudi, 1977, specialmente alle pp ("I sogni nella cultura e nella psicologia collettiva dell'occidente medievale"). In epoca tardo-medievale si impose la teoria dell'origine sensoriale dell'esperienza onirica. Lo stesso Ramon Llull rimarcò tale aspetto in modo estremamente vigoroso, ribadendo la connessione tra essa e la fame, la sete, la complessione umorale, elaborando al contempo uno schema dei differenti collegamenti tra i cinque sensi ed il sogno ed accordando al processo sensoriale un peso decisivo nell'attività onirica. Egli sostenne con speciale incisività la concezione secondo la quale oltre alle facoltà "inferiori" (i cinque sensi), anche quelle "superiori" {imaginativa, memoria, intellectus, voluntas) influenzano la produzione del sogno, attivata dunque da sollecitazioni sia fisiche che intellettive. Cfr. Raymundus Lullus Liberproverbiorum. Opera, VI, Mainz, 1737, rist. Frankfurt, 1965, p. 368 e S. Kruger, II sogno nel Medioevo, Milano, 1996, pp Più in generale I sogni nel Medioevo. Seminario Internazionale (Roma, 2-4 ottobre 1983), a cura di T. Gregory, Roma, 1985.

4 292 Veronica Orazi l'incertezza tra amare o piuttosto rassegnarsi a generare un'eco nella mente dell'autore-protagonista; ciò realizza a livello testuale la negazione del sogno inteso come atmosfera inquietante o favolosa, percorsa da una vena fantastica, connotata al contrario da tratti tesi ad illustrare un processo del tutto verosimile. Acquisisce rilievo in quest'ottica una tale sensibilità per dettagli così realistici, in accordo con una totale aderenza al dato oggettivo, quasi a volerne sottolineare e sancire la veridicità. Il lettore viene trasportato in un'ambientazione irreale a seguito dell'inattesa parentesi onirica che, introdotta in termini strettamente fisiologici, costituisce un tramite la cui credibilità è confermata dalla sua stessa verosimiglianza. Alegre varca la soglia del reale, portandosi nel mondo immaginario che si apre ai suoi ed ai nostri occhi. Approdati nella dimensione parallela dell'allegoria, il gusto tutto umanistico della concezione architettonica dello spazio traspare dall'ambientazione evocata, segnando al contempo il primo rimando al mondo classico greco-latino: né i giardini di Troia, né teatro romano, né tempio di Minerva avrebbero osato contendere in bellezza con il luogo descritto; tutto intorno splendidi arazzi, su cui sono illustrare le imprese di Augusto I0, Protesilao n, Achille, Pompeo u, Enea, Creusa 13, Didone, Lavinia, Teseo, Giasone 14, mentre sul pavimento sono istoriati esempi di amore leale. Dunque una breve rassegna di grandi eroi, personaggi mitici o leggendari, le cui gesta ci sono state tramandate da quella classicità cui Alegre si rifa espressamente. La scenografia che l'autore allestisce per il lettore appare costruita in modo sapiente, secondo quel gusto per la strutturazione architettonica basata su criteri di armonia ed equilibrio, che riman- 10 Caio Giulio Cesare Ottaviano Augusto, cui si allude nel testo con il nome di Cesare Ottaviano, imperatore romano, pronipote di Cesare e suo figlio adottivo nonché erede (63 a.c-14 d.c). Costituì con Antonio e Lepido il secondo triumvirato (43 a.c). 11 Eroe tessalo, figlio di Ifido e di Astioche, fu il primo principe greco ad essere ucciso durante la guerra di Troia. La moglie Laodamia, figlia di Acasto, appresa la notizia della sua morte, si disperò a tal punto che gli dei, mossi a compassione, gli concessero di tornare in vita per tre ore, allo scadere delle quali Protesilao morì per la seconda volta ed essa si uccise. 12 Pompeo Magno generale e uomo politico romano ( a.c.) nominato da Siila imperator, formò con Cesare e Crasso il primo triumvirato (60 a.c). 13 Figlia di Priamo e di Ecuba, prima moglie di Enea e madre di Ascanio. 14 Eroe tessalo, figlio di Esone re di Iolco e di Alcimeda, ebbe per maestro il centauro Chirone. Detronizzato da Pelia, suo zio, guidò gli Argonauti alla conquista del Vello d'oro nella Colchide, dove incontrò e condusse con sé Medea, che sposò.

5 Il Somrti recitant lo procés d'una qüestió enamorada di Francese Alegre 293 dano alla cultura classica, orgogliosamente recuperata dall'umanesimo. L'allegoria del processo amoroso è prefigurata nello scenario che farà da sfondo alle vicende, concepito secondo continui accenni ad un ambiente intriso di dassicismo. Finalmente ha inizio la 'rappresentazione' allegorica vera e propria: scorgiamo una fucina montata su un carro, dalla quale vengono tratte frecce, d'oro e di ferro 15. Giunge Francesco Petrarca, intento a mostrare al fabbro un dardo simile a quello che ferì il centauro Chirone 16 ed un secondo, spuntato, che ha trafitto il suo cuore, perché secondo il pregio dell'uno e sopperendo al difetto dell'altro questi ne prepari un terzo, per mettere fine al suo tormento, che dura ormai da quaranta anni. Alegre riconosce il poeta fiorentino, guida della sua vita, dalle sue parole, allusione allo scontro tra Amore e Laura, illustrato nel primo dei suoi Trionfi 17. Apprende poi che il luogo in cui essi si trovano è il tribunale d'amore, dove si dirimono le sue cause. Da questo momento riaffiora nuovamente nel testo la vena realistica, già osservata in precedenza al trattare della cornice onirica della narrazione, stavolta attraverso il dispiego di tutta una serie di dettagli tecnici e procedurali, relativi all'amministrazione della giustizia ed ai processi giudiziarii il lessico si infittisce di una terminologia giuridica, infarcita di formule latine o anche volgari, riprodotte su quelle etimologiche 18. L'autore propone infine a 15 La sentenza emessa dal dio Amore sarà eseguita servendosi delle frecce sfornate dalla fucina; i due contendenti infatti "si de daurades [sagetes] los dos ferits se troben, parament amant i satisfent-se entrecanviadament llurs voluntats, benaventurada vida passen", altrimenti, se condannati, verranno colpiti dalla "ferra sageta, causant ais tais vida no reposada", ed. cit., p La medesima immagine compare anche nel Curial e Guelfa, in cui però si fa riferimento a frecce d'oro e di piombo; cfr. le edizioni di R. Aramon i Serra in tre volumi ne Els Nostres Clàssics, Barcellona, e di R. Miquel i Planas, Barcelona, 1932, 25, in cui si narra di un sogno del protagonista. 16 II centauro Chirone, figlio di Crono e della ninfa Filira, cui venne affidato il piccolo Achille, aveva fama di medico, erudito, poeta. Accidentalmente ferito al ginocchio da una freccia avvelenata col sangue dell'idra di Lerna, scoccata da Eracle, decise di rinunciare all'immortalità per le atroci sofferenze causategli dalla ferita incurabile. 17 Non dobbiamo dimenticare che le traduzioni catalane delle opere di Petrarca - così come di Dante e Boccaccio - si concentrano nella prima metà del XV sec, spesso in relazione alle traduzioni dei classici; alcuni aspetti della cultura antica infatti penetrarono in Catalogna anche attraverso gli scritti degli autori italiani. 18 Oltre alla stessa strutturazione dell'operetta, organizzata secondo modalità proce-

6 294 Veronica Orazi Petrarca di assumere la sua difesa e questi accetta. Entrano alcuni personaggi istoriati negli arazzi ed il dio Amore, raffigurato come un grave anziano, a sottolineare come egli possa assumere sembianze diverse a seconda delle circostanze: che debba colpire o piuttosto giudicare. Procedendo nella narrazione il dibattimento processuale si snoda attraverso la proiezione di un pragmatismo che ribadisce la precisa volontà di adesione al reale: l'autore presenta la sua supplica per iscritto; un consigliere la consegna ad Amore e questi intima, a sua volta con uno scritto, che sia convocata l'altra parte in causa. L'imputata giunge accompagnata da Laura (il suo ingresso attira a tal punto l'attenzione che "més mirada estec que lo fort Hércules tornant deis escurs regnes" 19 ). Segue quindi uno scambio iniziale di battute tra i due contendenti, che fornisce alla donna lo spunto per una similitudine con Sansone. Poi spetta agli avvocati perorare la causa dei rispettivi assistiti: per primo interviene Petrarca, avanzando la richista di condanna per la donna, Laura ribatte ricordando gli esempi significativi di Arianna e Medea, le quali "si a les fletes raons deis inhumans Teseu i Jason no haguessen cregut [...], no peregrinants ni en estranyes terres per amor durali estremamente realistiche, una buona parte del lessico rivela la chiara volontà dell'autore di mantenersi aderente al registro espressivo tipico del settore. Il testo infatti appare infarcito di tecnicismi che rimandano alle pratiche caratteristiche dell'amministrazione della giustizia ed ai dibattimenti in tribunale. Cfr. ad esempio: "és aquest Hoc on d'amor se decisseixen causes...van primers los advocats, jutges i escrivans... lo sentenciat s'executa"; e più oltre Petrarca, pregato dal poeta affinchè ne "serves...l'ampar", afferma che la donna deve "ser citada", e rivolgendosi all'autore gli dice che una volta convocata la corte: "fundaras ta querella"; Amore quindi, "sentenciant", dirimerà la questione, ed. cit., p Alegre presenta "per escrits" la sua supplica, che si apre così: "Senyor molt exel lent...", ed. cit., p. 126; la "Cort" poi emetterà il "judici", chiudendosi la richiesta del protagonista in modo formulare: "Et licet etc. Altissimus etc.". Di seguito un "conseller" consegna la "suplicació" dell'autore al dio, che dopo averla esaminata "en escrits tal provisió manà": non potendo il processo essere "determenat inoida la part", che sia convocata la donna. Poi Amore si rivolge ad Alegre: "fundau vostra demanda", ed. cit., p Più oltre Lancillotto rimprovera aspramente l'autore che sollecita l'amore della sua donna "ab citació ne ab piena audiencia", biasimando il suo "pledejar" e "acusar", ed. cit., p Finalmente lo stesso Alegre spera, intimorito, di non aver infastidito l'amata "per lo comencat plet", ed. cit., p Ed. cit., p. 127.

7 Il Somni recitant lo procés d'una questui enamorada di Francese Alegre 295 portades foren" 20. Di seguito Amore pone fine all'alterco e stabilisce che i 'giurati' si pronuncino. La costruzione allegorizzante si amplifica, a questo punto, attraverso la galleria di personaggi della tradizione vetero-testamentaria, dell'antichità e della cristianità, tutti vittime di Amore, che intervengono a turno, a cominciare dalle figure dell'antico Testamento. Il primo a parlare è Giacobbe 21, seguito da Davide 22, interviene quindi Salomone 23 e, finalmente, Sansone 24. Tutti ricordano le proprie vicende e come, colpiti da Amore, le loro azioni 20 Ed. cit., p Unitosi ad Arianna, Teseo la abbandonò sull'isola di Naxo e fuggì con Fedra, sorella di questa, che sposò. Medea, figlia di Eeta ed esperta nelle arti magiche, si innamorò di Giasone, a cui fornì erbe prodigiose ed una pietra magica, aiutandolo inoltre ad addormentare il drago posto a guardia del Vello d'oro. Giasone quindi abbandonò Medea e sposò una figlia di Creonte. 21 Giacobbe incontrò Rachele, figlia minore di Labano, presso il pozzo dove essa andava ad abbeverare il suo gregge e se ne innamorò appena la vide. Sprovvisto di beni, egli non poteva pagare la somma che ogni pretendente corrispondeva ai genitori di una ragazza per prenderla in moglie. Per questa ragione servì il suocero sette anni, al fine di ottenere la mano dell'amata. Allo scadere del termine stabilito Labano lo ingannò, dandogli in moglie Lea, sua primogenita. Giacobbe allora rimase al servizio del suocero ancora sette anni, per ottenere la mano di Rachele. 22 Davide scorse un giorno Betsabea, moglie di Uria l'ittica, che si bagnava. Rimasto colpito dalla sua bellezza, ordinò che fosse condotta a palazzo e quindi giacque con lei. Venuto a sapere che da quell'unione era stato concepito un figlio, decise di far morire Uria. Durante l'assedio di Rabba, nel regno degli Ammoniti, egli ordinò di esporre pericolosamente Uria durante un attacco, affinchè venisse ucciso e così avvenne. Passati i giorni di lutto Davide mandò a prendere Betsabea e l'accolse nella sua casa. Essa divenne sua moglie e gli dette un figlio. 23 Secondo le Scritture Salomone ebbe settecento mogli e trecento concubine, numeri simbolici, amplificati dalla tradizione al fine di ingigantire la reputazione del re. La maggior parte di esse erano unioni 'politiche', grazie alle quali egli stringeva alleanze con i sovrani vicini. Queste donne lo attirarono verso il culto di altre divinità, distogliendolo dalla vera fede in Dio. 24 Schiavo della propria natura sensuale Sansone si legò alla filistea Dalila. Essa, su istigazione dei capi filistei, fece pressione su di lui perché le rivelasse il segreto della sua forza. Egli dapprima le rispose in modo fallace, poi le confessò che il segreto della sua possanza risiedeva nella sua capigliatura e che se gli fosse stata tagliata sarrebbe diventato un uomo qualunque. Dalila vendette il segreto ai Filistei, i quali rasero Sansone, lo accecarono e lo condannarono a girare la macina della prigione di Gaza.

8 296 Veronica Orazi siano state drammaticamente condizionate. Memori delle esperienze personali, esprimono un netto giudizio di condanna nei confronti della donna, schierandosi con l'autore, concludendosi così la votazione dei rappresentanti della "judaica nació". È la volta dei pagani, definiti 'servidors d'idoles': si fa avanti Febo 25 e chiede sia emessa sentenza in favore di chi ama; poi Enea, stavolta sostenendo le ragioni della donna, la quale, afferma, avrà più piacere nell'amare un altro; si pronuncia Achille 26, vinto - ci ricorda da Polissena, chiedendo che l'accusata venga costretta a corrispondere al sentimento dell'amante; finalmente Demofonte 27, allundendo alla propria crudeltà nei confronti di Fillede, giustifica l'accusata, proponendo che le sia concesso di sce- 25 Febo è uno degli epiteti di Apollo, figlio di Zeus e di Leto. Egli fa riferimento nel suo discorso all'episodio di Deucalione e Pirra, seguito al diluvio. Non sempre il successo arrideva al dio: un giorno egli tentò di sottrarre Marpessa ad Ida, ma essa rimase fedele al marito. Poi, intendendo sedurre Dafne, ninfa dei monti figlia di Gea, la inseguì, ma questa ottenne di essere trasformata in alloro per non cedere alle sue richieste. 26 Durante una tregua invernale Achille scorse Polissena, figlia di Priamo e di Ecuba, nel tempio e se ne innamorò perdutamente. Ritornato nella sua tenda in preda all'agitazione, decise di mandare a chiedere ai Troiani a quali condizioni gli avrebbero consentito di sposare la donna. Gli fu risposto che per ottenere quanto desiderava avrebbe dovuto consegnare l'accampamento greco a Priamo. Achille, sul punto di accettare tali condizioni, si ricredette, quando apprese che in caso di fallimento avrebbe dovuto uccidere Aiace ed i figli di Plistene. Più tardi, quando Achille consentì ai Troiani di riscattare il corpo di Ettore a peso d'oro, l'eroe avanzò nuovamente a Priamo la richiesta della mano della figlia, il quale promise di concedergliela a patto che convincesse i Greci a cessare l'assedio di Troia. Polissena, volendo vendicare la morte del fratello, caduto per mano di Achille, si fece rivelare il suo punto debole e lo convinse a recarsi al tempio a piedi nudi, per ratificare il patto con un sacrificio; Paride quindi, nascostosi precedentemente, lo ferì al tallone con una freccia avvelenata. Achille, prima di spirare, chiese che non appena Troia fosse caduta, Polissena fosse sacrificata sulla sua tomba e cosi avvenne. 27 L'ateniese Demofonte, figlio di Teseo, durante il suo viaggio di ritorno in patria, approdò in Tracia, dove Fillide, principessa bisaltia, se ne innamorò. Questi la sposò e divenne re. Quando, stanco di vivere in Tracia, decise di riprendere il viaggio, Fillide non poté fare nulla per trattenerlo. Egli giurò di ritornare entro un anno, ma la donna sapeva che ciò non sarebbe accaduto. Accompagnatolo al porto gli consegnò un cofanetto contenente un amuleto, dicendogli di aprirlo solamente quando avesse perso ogni speranza di ritornare. Trascorsi dodici mesi, vedendo che Demofonte non tornava, Fillide si avvelenò; egli decise di aprire il cofanetto e per il potere dell'amuleto contenutovi impazzi e fini trafitto dalla sua stessa spada.

9 Il Somni recitarti lo procés d'una qüestió enamorada di Francese Alegre 297 gliere chi amare e, nel caso essa rifiuti, venga condannata. Tra i cristiani, poi, Lancillotto 28 biasima il comportamento dell'autore, che spera di ottenere il favore dell'amata "ab citació ne ab plena audiencia"; egli ricorda il suo fedele servizio nei confronti della regina Ginevra e si schiera dalla parte dell'imputata. Segue la dichiarazione del re Pere I d'aragona 29, che sottolinea l'obbligo della donna di accettare le profferte dell'innamorato o, in caso contrario, subire la condanna. Interviene Paris 30, criticando aspramente l'insistenza e le pubbliche istanze di giustizia avanzate da Alegre; egli ricorda poi quanto diversamente si è comportato quando si innamorò di Viana, respingendo da parte sua le richieste dell'accusatore. Per ultimo parla Macias 31, sostenendo che la donna debba essere condannata a corrispondere al sentimento di colui che l'ama. Giunti al termine della rassegna di personaggi quasi mitici nella loro grandezza, è interessante notare come questi si mostrino via via più sensibili alle ragioni dell'imputata: mentre i quattro rappresentanti del mondo ebraico la condannano duramente, tra i pagani essa trova chi depone a suo favore (Enea ed in certa misura Demofonte), per poi avere Lancillotto e Paris, tra i cristiani, schierati dalla propria parte, in atteggiamento di duro rimprovero del contegno dell'autore. La scelta dei giurati però mette in rilievo un elemento ulteriore, che svela e rimanda alla composita natura dell'opera: oltre al peso della cultura umanistica, con l'intenzionale e sapiente indugiare sul mondo greco-latino, che costituisce l'ossatura della narrazione, scorgiamo anche l'eredità del passato medievale. Ne è testimonianza inequivocabile la presenza delle quattro auetoritates bibliche, riflesso di quella cultura monástica, o comunque permeata di religiosità, che costituisce uno degli assi portanti del Medioevo 32. Allo stesso 28 Lancillotto, cavaliere della tavola rotonda, si innamorò della regina Ginevra, moglie di re Artù, per amore della quale affrontò ardue prove di ogni genere, narrate da Chrétien de Troyes nel romanzo Le chevalier de la charrette. 29 Pere el Catòlic, I d'aragona, padre di Jaume I, conquistatore di Valencia e Maiorca, cui allude paragonandolo ad Alessandro; cfr. nota Cfr. nota Poeta galego, le cui liriche figurano nel Cancionero de Baena. La sua leggenda di amante sventurato, che soccombe alle pene d'amore, influì durante secoli sulla cultura e k produzione letteraria spagnola (basti pensare a Porfiar hasta morir di Lope de Vega, El español más amante y desdichado Maclas di Bances Candamo, Maclas e El doncel de Don Enrique el doliente di Larra). 32 L'affiancare due auetoritates, una delle quali biblica, è procedimento frequente in

10 298 Veronica Orazi modo i quattro campioni della cristianità sono figure medievali (Lancillotto, il re Pere I d'aragona, Paris e Macias), come di ascendenza medievale sono gli accenni dell'amore veicolato dallo sguardo e che dunque trova negli occhi il canale che lo conduce al cuore 33. Oltre a ciò i continui riferimenti al 'servizio amoroso' dell'autore nei confronti dell'amata e la crudeltà di questa, che oppone il suo rifiuto alle profferte dell'amante, di cui il testo appare costellato, sono tutti elementi di chiara ascendenza trobadorica 34. La stessa immagine di Amore in veste di arciere, secondo le parole di Petrarca, seppur vulgata nella lirica catalana dei secoli XIV-XV, sensibile ai temi allegorici e vagamente concettisti, è un topos diffusissimo nel Medioevo 35. ambito medievale, specialmente caro allo stesso Dante. Cfr. a questo proposito Dante Alighieri, Epistola a Cangrande, edizione a cura di E. Ceccucci, Firenze, 1995, p. 35, nota Alegre scorgendo Petrarca gli indirizza queste parole: "soccorreu-me declarant què és acó que, mos ulls ocupant, mon cor en dubte té, no sabent descernir per on, ni on arribat sia". Ad Amore, ci rivela l'autore, "plau experimentar molts qui, de la daurada [sageta] ferits, 50 és ab algún grados esguard detenguts...", ed. cit., p Più oltre Petrarca sostiene di aver visto il dio che, "are en ma, fletxes per ofendre als mirants amostrava", ed. cit., p Achille, incontrata Polissena, ricorda: "tan prest los ulls per a mirar alci, quan me tene enees en amor aquesta", ed. cit., p Quello dello sguardo come veicolo della passione amorosa è un topico di ascendenza trobadorica, estremamente diffuso in epoca medievale; restando in ambito catalano ritroviamo quest'immagine nelle composizioni originali di Andreu Febrer e in un debat di Jordi de Sant Jordi. Per una rapida ma efficace esemplificazione della presenza capillare di tale immagine nelle diverse letterature si rimanda a A. Giallongo, L'avventura dello sguardo. Educazione e comunicazione visiva nel Medioevo, Bari, 1995, specialmente alle pp ("Gli occhi negli occhi"). 34 Si vedano a questo proposito alcuni saggi di particolare rilievo in tal senso: C. Di Girolamo, I trovatori, Milano, 1984; E. Kohler, Sociologia della 'fin'amor'. Saggi trobadorici, Padova, , trad. e introduzione di M. Mancini, specialmente le pp. XI-XLVI àe\\' Introduzione, 1-18 ("La piccola nobiltà e l'origine della poesia trobadorica"), ("II sevizio d'amore nel partimen"); M. Mancini, La gaia scienza dei trovatori, Parma, 1984; M. Mancini, /trovatori, Bari, 1991, in particolare le pp ("Poetiche, maniere, caratteri"); M. Mancini, Metafora feudale, Bologna, 1993 (cap. VII: "La lode e il segreto. Sul motivo del 'celar'", pp ); H.-I. Marrou, I trovatori, Milano, , pp ("L'amore cortese"); U. Mòlk, La lirica dei trovatori, Bologna, Quella di Amore intento a scoccare dardi che colpiscono al cuore è immagine di ascendenza classica (si veda a tale proposito F. Liibker, Lessico ragionato dell'antichità classica, trad. italiana di C.A. Murerò, Roma, 1898, ristampa anastatica Bologna, 1993, con un saggio introduttivo di S. Mariotti; alla voce Eros), raccolta ed assunta nel Medioevo. Basti

11 Il Somni recitarti lo procés d'una qüestió enamorada di Francese Alegre 299 Conclusasi la votazione, Alegre appare evidentemente soddisfatto, posto che la maggior parte dei presenti condivide la sua posizione. Tale è l'allegria provata per le molte deposizioni a lui favorevoli che egli si desta, conservando ricordi tanto vividi da lasciarlo in dubbio, se si sia trattato veramente di una visione onirica, restando infastidito dal timore di dispiacere l'amata con il processo intentato e dando spunto ad una seconda serie di accenni realistici sulla fase finale del sogno. Egli infatti afferma: "...tanta alegria per 1'esperada sentencia a mon cor assolta, que de l'alt son rompent los nuus meus, me desperti, retenint vestigis qui cosa certa, no somni, esser estat dubtava'm..." 36, attribuendo il risveglio, in modo del tutto verosimile, all'intensità delle sensazioni prodotte dalle vicende appena dissoltesi, per poi informarci sulla persistenza del ricordo, tale da farlo parere effettivamente vissuto. Il destarsi viene a costituire la parentesi conclusiva correlata con l'esordiale sopore; il cerchio si chiude con un nuovo accenno realistico al momento del risveglio. Le due fasi, iniziale e conclusiva, che l'autore descrive con riferimenti al meccanismo fisiologico di produzione del sogno, 'racchiudono' dunque l'allegoria del processo d'amore, percorsa da un secondo elemento che mantiene il lettore saldamente ancorato alla dimensione contingente e rappresentato dai continui richiami al linguaggio tecnico ed alle per tutti un esempio, che potremmo definire paradigmático, tanto pare indicativo della profonda penetrazione e diffusione del topos in ambito medievale: ai w del Lai de l'ombre, di Jean Renart (collocabile nel secondo decennio del XIII secolo) si allude all'innamoramento del protagonista in questi termini: Amore "li ot saiete trete / par mi le cors jusqu'au penon: / la grant biauté et le douz non / d'une dame li mist el cuer", cfr. J. Bédier, La tradition rnanuscrite du Lai de l'ombre, Paris, 1929 (testo della precedente ed. realizzata dallo studioso nel 1913). La portata della fortuna di tale raffigurazione del dio alato è sottolineata in S. Asperti, "'Flamenca' e dintorni. Considerazioni sui rapporti tra Occitania e Catalogna nel XIV secolo", Cultura Neolatina, XLV, 1985, pp (in particolare alla p. 65), che rimanda anche a R. Taylor, "The Figure of Amor in thè Old Proverai Narrative Allegories", in Court and Poet. Selected Proceedings of thè Third Congress of thè International Courtly Literature Society (Liverpool 1980), ed. by G.S. Burgess, Liverpool, 1981, pp ; G.E. Sansone, "L'allegoria dei tre gradi d'amore in una poesia provenzale inedita", Romania, CI, 1980, pp e M.G. Capusso, "Uexposition di Guiraut Riquier sulla canzone di Guiraut de Calanson Celéis cui am de cor e de saber", Studi Mediolatini e Volgari, XXX, 1984, pp Ed. cit., p. 135.

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova DANTE ALIGHIERI La vita Dante nacque a Firenze nel 1265, da una famiglia nobile di parte guelfa che però era in condizioni economiche difficili. Tuttavia Dante ricevette un ottima educazione. Il suo maestro

Dettagli

Verona: rifugio del Sommo Poeta

Verona: rifugio del Sommo Poeta Verona: rifugio del Sommo Poeta La nostra fantastica avventura in Veneto incomincia a Verona, importante centro d arte e letteratura italiana. Appena arrivati, dopo un introduzione da parte della guida

Dettagli

Scuola poetica siciliana

Scuola poetica siciliana Scuola poetica siciliana La scuola poetica siciliana, sorta attorno al 1230 nella corta dell l'imperatore e re di Sicilia Federico II di Svevia, produsse la prima lirica in volgare italiano. L attività

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Progressiva affermazione dei volgari in Italia nel XIII secolo atti notarili in volgare o parzialmente in volgare statuti

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati

1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 1Pt 1,3-2,3: Santi ad immagine del Santo che ci ha chiamati 3 Benedetto (sia) Dio e Padre del Signore nostro, Gesù Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati per una speranza vivente mediante

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone:

LETTERATURA ITALIANA. 1. Osserva le foto di queste persone: LETTERATURA ITALIANA 1. Osserva le foto di queste persone: a) In quale momento storico li situi? b) Quale credi che fosse la loro professione? Perché? c) Che cosa di questi dipinti attira la tua attenzione?

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

SAPIENZA DI ISRAELE E VICINO ORIENTE ANTICO

SAPIENZA DI ISRAELE E VICINO ORIENTE ANTICO LAILA LUCCI SAPIENZA DI ISRAELE E VICINO ORIENTE ANTICO INTRODUZIONE ALLA LETTURA DEGLI SCRITTI BIBLICI SAPIENZIALI 2015 Fondazione Terra Santa - Milano Edizioni Terra Santa - Milano Nessuna parte di questo

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C)

La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia (a cura di Benedetta P., 2C) La Divina Commedia è un poema scritto da Dante Alighieri e narra di un viaggio immaginario, compiuto dal poeta in nome dell intera umanità, avvenuto durante

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Revisione generale del sistema verbale. Individuazione e descrizione di strutture sintattiche ( analisi logica della proposizione).

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO

LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO via dei Donoratico, Cagliari (CA) Anno scolastico: 2013/2014 Programma di ITALIANO - Classe: 3 a F (Ind. Scientifico) Docente: prof.ssa Manuela Nonnis (sostituta

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il postino di Neruda: metafore in divenire

Il postino di Neruda: metafore in divenire Il postino di Neruda: metafore in divenire di Katya Maugeri - 02, feb, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-postino-di-neruda-metafore-in-divenire/ Il postino di Neruda: metafore in divenire Stile10 Contenuti10

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Analisi della poesia Il testo e la parafrasi La prima strofa verso 1 Oltre la sfera che gira più larga Dante concepisce la Terra immobile al centro dell'universo.

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Anche quest anno sarà Natale

Anche quest anno sarà Natale Anche quest anno sarà Natale I valori del messaggio cristiano, in un mondo abitato dall odio e dalla violenza, sono più che mai attuali e rispondono alle aspirazioni dell uomo di tutti i tempi. Per questo

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective MARCO PASSARELLO La rubrica STORIE DA RAGAZZI PIER DOMENICO BACCALARIO La parola MATADOR MATTATÓRE a cura di ZANICHELLI Lo strano re che ha ispirato

Dettagli

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat NOVENA DI NATALE I testi liturgici che preparano alla Solennità del Natale del Signore sono densi di una ricchezza notevole. La tradizionale Novena di Natale sorge proprio per colmare la difficoltà dei

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura

Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura Classificazione decimale Dewey Classe 800 Letteratura a cura di Marta Ricci 1 Cos è Letteratura per la CDD Si classificano in 800 le opere d immaginazione volte all intrattenimento. Le opere di contenuto

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

"BIBBIA, PAROLA DI DIO"

BIBBIA, PAROLA DI DIO PARROCCHIA REGINA PACIS Via Poli - S. Lucia TEL. 0574-460347 STUDIO DELLA BIBBIA Scheda N. 1 Margherita Bessi "BIBBIA, PAROLA DI DIO" (scheda introduttiva) Studiamo questa espressione nelle sue 2 parti:

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti

EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti EGLI O LUI? Lezione del 31 ottobre 2014 Fonti: G. Antonelli, Comunque anche Leopardi diceva le parolacce; Luca Serianni, Italiani scritti Parlando dei principali tratti del neostardard, abbiamo menzionato

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri Classi seconde Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri La vita Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265 in questa casa La famiglia appartiene alla piccola nobiltà cittadina La

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane)

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane) 1/6 ITALIANO PRIMO ANNO Testi: qualsiasi testo di Italiano (biennio) in adozione presso i Licei Classici o Scientifici. Per i testi di epica: consultare i siti Internet con il testo integrale in traduzione

Dettagli

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità Per un alleanza educativa Scuola-Genitori 29 Settembre 2012: Le relazioni familiari oggi:dalla mia famiglia alle famiglie Mt 13,53-58

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

il commento al vangelo della domenica

il commento al vangelo della domenica il commento al vangelo della domenica CHI DI VOI E SENZA PECCATO, GETTI PER PRIMO LA PRIETRA CONTRO DI LEI commento al vangelo della quinta domenica di quaresima (13 marzo 2016) di p. Alberto Maggi: Gv

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli