TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA"

Transcript

1 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

2 DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE Il tecnico superiore per l ambiente, l energia e la sicurezza in azienda cura le procedure relative alla sicurezza ed igiene del lavoro e dell ambiente, sia all interno sia all esterno dell azienda. Cura i rapporti con le strutture istituzionali e di certificazione. Valuta le situazioni di potenziale insorgenza di eventi dannosi. Individua le soluzioni più opportune e le priorità. Promuove interventi di motivazione, formazione e addestramento destinati al personale. ATTIVITA PROFESSIONALI FONDAMENTALI 1 interpretare ed applicare il quadro normativo; 2 reperire, elaborare e trattare le informazioni relative all organizzazione aziendale e al ciclo produttivo; 3 realizzare procedure relative ai sistemi di sicurezza e ambiente; 4 monitorare e controllare i sistemi di sicurezza e ambiente; 5 effettuare diagnosi energetiche e audit sulla corretta gestione e manutenzione degli impianti; 6 ottimizza i contratti di fornitura e predispone interventi di razionalizzazione energetica.

3 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 1 1 INDIVIDUARE ED APPLICARE LA NORMATIVA NAZIONALE, COMUNITARIA ED INTERNAZIONALE SU AMBIENTE, ENERGIA E SICUREZZA Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. identificare le prescrizioni legali relative ad ambiente, energia e sicurezza che coinvolgono attività, prodotti e servizi dell organizzazione aziendale; 2. elaborare ed applicare una procedura atta a garantire l aggiornamento normativo nell organizzazione; 3. comunicare ai responsabili di settore i limiti di legge, le scadenze ed altri aspetti normativi applicabili alle funzioni di appartenenza; 4. sensibilizzare i diversi livelli professionali dell organizzazione sull importanza della conformità legislativa e sulle conseguenze derivanti dagli eventuali scostamenti 1. Per identificare le prescrizioni legali relative ad ambiente, energia e sicurezza che coinvolgono attività, prodotti e servizi dell organizzazione aziendale, il soggetto ha bisogno di sapere come: ricercare le fonti delle principali norme in materia di ambiente, energia, sicurezza e prevenzione sul lavoro: comunitarie, nazionali, regionali; individuare le principali fonti di rischio e gli aspetti/impatti ambientali ed energetici che caratterizzano un impresa o settore specifico; individuare le principali figure preposte alla sicurezza, all ambiente, al risparmio energetico e le loro funzioni; intrattenere formali rapporti e collaborare su un piano di operatività con le sopracitate figure. 2. Per elaborare ed applicare una procedura atta a garantire l aggiornamento normativo nell organizzazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare e raccogliere i dati dell organizzazione, con particolare riferimento ai temi relativi agli aspetti/impatti ambientali relativi ai consumi energetici ed alle fonti di rischio del sito; utilizzare i principali strumenti statistici e previsionali (applicabili alle tematiche ambientali, energetiche e della sicurezza); riconoscere, selezionare ed utilizzare le banche dati, capaci di fornire idoneo materiale relativo alla normativa vigente, cogente o autonoma, tecnica e/o a quant altro coerente ed inerente le tematiche di Ambiente, Energia e Sicurezza nelle organizzazioni; redigere procedure in forma adeguata alla realtà dell organizzazione; formare, informare e coinvolgere tutto il personale dell organizzazione interessato all osservanza della procedura.

4 3. Per comunicare ai responsabili di settore i limiti di legge, le scadenze ed altri aspetti normativi applicabili alle funzioni di appartenenza, il soggetto ha bisogno di sapere come: acquisire le norme cogenti (in tema di Ambiente, Energia e Sicurezza nei luoghi di lavoro) e le sanzioni in esse previste in caso di inadempienza; acquisire le tecniche di base della comunicazione; utilizzare e mantenere attivi gli strumenti di comunicazione propri dell organizzazione. 4. Per sensibilizzare i diversi livelli professionali dell organizzazione sull importanza della conformità legislativa e sulle conseguenze derivanti dagli eventuali scostamenti, il soggetto ha bisogno di sapere come: rilevare i bisogni di informazione, formazione e aggiornamento di tutto il personale dell organizzazione; pianificare l attività di informazione, formazione e aggiornamento per tutti i livelli professionali dell organizzazione; adattare le tecniche di gestione della comunicazione e della formazione ai diversi livelli professionali presenti nella realtà dell organizzazione.

5 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. identificare le prescrizioni legali relative ad ambiente, energia e sicurezza che coinvolgono attività, prodotti e servizi dell organizzazione aziendale; 2. elaborare ed applicare una procedura atta a garantire l aggiornamento normativo nell organizzazione; 3. comunicare ai responsabili di settore i limiti di legge, le scadenze ed altri aspetti normativi applicabili alle funzioni di appartenenza; 4. sensibilizzare i diversi livelli professionali dell organizzazione sull importanza della conformità legislativa e sulle conseguenze derivanti dagli eventuali scostamenti, 1 saper ricercare le fonti delle principali norme in materia di ambiente, energia, sicurezza e prevenzione sul lavoro: comunitarie, nazionali e regionali; saper individuare, rilevandole, le principali fonti di rischio e gli aspetti/impatti ambientali ed energetici che caratterizzano l impresa o un settore specifico; saper individuare le principali figure preposte alla sicurezza, all ambiente, al risparmio energetico e le loro funzioni; saper intrattenere formali rapporti e collaborare sul piano dell operatività con le sopracitate figure. L identificazione delle fonti per il reperimento delle leggi e delle norme; l identificazione della gerarchia nelle diverse tipologie di norme; l identificazione della legislazione comunitaria, nazionale e regionale applicabile all organizzazione in campo ambientale (acque, emissioni in atmosfera, suolo, rumore e vibrazioni, radiazioni ecc.), nell ambito dei consumi e del risparmio energetico, e della sicurezza nei luoghi di lavoro; l identificazione dei processi e delle operazioni caratteristiche dell azienda; l identificazione dei criteri di valutazione degli aspetti/impatti ambientali, energetici e di rischio per la sicurezza in azienda; l identificazione della struttura gerarchica ed organizzativa dell azienda. l identificazione delle tecniche di comunicazione e conduzione di gruppi di lavoro. 2 saper raccogliere e analizzare i dati dell azienda, con particolare riferimento ai temi relativi agli L identificazione dei criteri di valutazione di aspetti/impatti ambientali, energetici e di rischio per la sicurezza in azienda;

6 segue punto 2 aspetti/impatti ambientali derivanti dai consumi energetici ed alle fonti di rischio del sito; saper utilizzare i principali strumenti statistici e previsionali, applicabili alle tematiche ambientali, energetiche e della sicurezza; saper riconoscere, selezionare ed utilizzare le banche dati capaci di fornire idoneo materiale relativo alla normativa cogente, autonoma, tecnica ed a quant altro coerente ed inerente le tematiche di ambiente, energia e sicurezza nelle organizzazioni; l identificazione degli strumenti statistici e previsionali adeguati alle necessità dell organizzazione; l identificazione di banche dati sulle normative; l identificazione delle procedure adeguate all organizzazione; l identificazione dei flussi informativi propri dell organizzazione; la conoscenza delle tecniche di comunicazione, coinvolgimento, formazione e aggiornamento. saper redigere una procedura adeguata alla realtà dell organizzazione; saper comunicare e informare, formare ed aggiornare tutto il personale dell organizzazione interessato alla procedura. 3 conoscere approfonditamente le norme cogenti (in tema di ambiente, energia e sicurezza nei luoghi di lavoro) e le sanzioni in esse previste in caso di inadempienza; saper utilizzare le tecniche di base della comunicazione; saper utilizzare e mantenere attivi gli strumenti di comunicazione propri dell organizzazione. L identificazione degli enti di controllo preposti; l identificazione dei processi sanzionatori previsti dalla normativa cogente; l identificazione di procedure adeguate all organizzazione; l identificazione dei flussi informativi propri dell organizzazione; l identificazione delle tecniche di comunicazione, coinvolgimento e formazione.

7 4 saper rilevare i bisogni di informazione, formazione e aggiornamento di tutto il personale dell organizzazione; saper pianificare le attività di sensibilizzazione, informazione, formazione e aggiornamento dedicate a tutti i livelli professionali dell azienda; saper adattare alla realtà dell organizzazione le tecniche di gestione della comunicazione e della formazione, applicate ai diversi livelli professionali presenti nell azienda. L identificazione della struttura gerarchica ed organizzativa dell azienda; l individuazione dei soggetti esterni all organizzazione, interessati ai temi di ambiente, energia e sicurezza; l utilizzazione di modelli e strumenti di pianificazione delle attività; la conoscenza delle tecniche di comunicazione, coinvolgimento, formazione e aggiornamento.

8 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 2 2 Valutare l impatto delle prestazioni aziendali sull ecosistema, attuare e promuovere le politiche di tutela ambientale e risparmio energetico Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. applicare le conoscenze sul funzionamento dell ecosistema allo studio delle prestazioni ambientali ed energetiche attuate dell organizzazione di appartenenza, valutandone l impatto sull ambiente; 2. individuare eventuali criticità attraverso azioni di monitoraggio strumentale, ricorrendo anche a consulenze specialistiche; 3. proporre possibili alternative tecniche e/o gestionali ai responsabili di settore ed alla direzione aziendale, per intervenire sulle criticità evidenziate; formulare obiettivi di miglioramento delle prestazioni ambientali ed energetiche dell organizzazione, collaborando alla stesura, messa in atto e controllo dei programmi per l attuazione della politica ambientale e degli obiettivi di miglioramento delle prestazioni ambientali ed energetiche dell organizzazione; 4. monitorare e registrare le prestazioni ambientali ed energetiche nel tempo, con l evidenziazione di eventuali situazioni di non conformità e/o di emergenza. 1. Per applicare le conoscenze sul funzionamento dell ecosistema allo studio delle prestazioni ambientali ed energetiche attuate dall organizzazione di appartenenza, valutandone l impatto sull ambiente, il soggetto ha bisogno di sapere come: applicare nei reparti di produzione i concetti fondamentali di chimica dell atmosfera, del suolo e delle acque, di biologia industriale e di ecologia; utilizzare gli strumenti di laboratorio per effettuare analisi quantitative e qualitative sull impatto ambientale ed energetico delle attività produttive aziendali; utilizzare i risultati delle analisi effettuate, per collaborare alla realizzazione di studi previsionali e di possibili scenari di sviluppo ecocompatibile, relativamente all impatto ambientale ed energetico; definire le aree di collegamento tra le ricerche effettuate e gli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale del comparto pubblico e privato, al fine di supportare la direzione nell integrare le politiche aziendali con quelle espresse dal territorio. 2. Per individuare eventuali criticità attraverso azioni di monitoraggio strumentale, ricorrendo anche a consulenze specialistiche, il soggetto ha bisogno di sapere come: sviluppare azioni di monitoraggio costante sui valori di inquinamento e consumo energetico conseguenti all attività produttiva aziendale; rilevare e quantificare i livelli di scostamento dei valori aziendali rispetto ai parametri di riferimento normativo; ricercare ed utilizzare appropriati servizi di consulenza specialistica, interni ed esterni all azienda; confrontare i livelli delle criticità rilevate con le indicazioni degli studi realizzati dagli specialisti individuati.

9 3. Per proporre possibili alternative tecniche e/o gestionali ai responsabili di settore ed alla direzione aziendale, per intervenire sulle criticità evidenziate, per formulare obiettivi di miglioramento delle prestazioni ambientali ed energetiche dell organizzazione, collaborando alla stesura, messa in atto e controllo dei programmi per l attuazione della politica ambientale e degli obiettivi di miglioramento delle prestazioni ambientali ed energetiche dell organizzazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare l attività dei processi produttivi dell azienda in termini di: metodi di lavoro, risorse impegnate, logistica degli impianti, caratteristiche degli impianti e delle attrezzature, conformità di macchine, attrezzature e impianti alle norme di uso; studiare alternative tecnico/gestionali di miglioramento dell impatto ambientale e di risparmio energetico delle attività produttive esistenti, conducendo studi di settore, analisi delle buone prassi, benchmarking, analisi della concorrenza, rapporti con i fornitori, analisi di fattibilità; redigere relazioni sui risultati delle ricerche effettuate per collaborare alla formulazione di obiettivi raggiungibili e in linea con la politica ambientale stabilita dalla direzione aziendale; predisporre e aggiornare la documentazione cartacea e le procedure informatiche di controllo e monitoraggio delle azioni intraprese. 4. Per monitorare e registrare le prestazioni ambientali ed energetiche nel tempo, con l evidenziazione di eventuali situazioni di non conformità e/o di emergenza, il soggetto ha bisogno di sapere come: realizzare i necessari audit ambientali ed energetici, per confrontare nel tempo i valori ottenuti a seguito dell adozione da parte dell azienda di misure per il miglioramento; analizzare le situazioni di non conformità e segnalarle alla direzione aziendale per le opportune misure di contenimento; rilevare e gestire le situazioni di emergenza, collaborando all opera di sensibilizzazione di tutto il personale nell attività di miglioramento continuo.

10 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. applicare le conoscenze sul funzionamento dell ecosistema allo studio delle prestazioni ambientali ed energetiche attuate dell organizzazione di appartenenza, valutandone l impatto sull ambiente; 2. individuare eventuali criticità attraverso azioni di monitoraggio strumentale, ricorrendo anche a consulenze specialistiche; 3. proporre possibili alternative tecniche e/o gestionali ai responsabili di settore ed alla direzione aziendale, per intervenire sulle criticità evidenziate; formulare obiettivi di miglioramento delle prestazioni ambientali ed energetiche dell organizzazione, collaborando alla stesura, messa in atto e controllo dei programmi per l attuazione della politica ambientale e degli obiettivi di miglioramento delle prestazioni ambientali ed energetiche dell organizzazione; 4. monitorare e registrare le prestazioni ambientali ed energetiche nel tempo, con l evidenziazione di eventuali situazioni di non conformità e/o di emergenza, 1 saper sperimentare in laboratorio i concetti fondamentali di chimica dell atmosfera, del suolo e delle acque, di biologia industriale e di ecologia; saper utilizzare gli strumenti di laboratorio per effettuare analisi quantitative e qualitative sull impatto ambientale ed energetico delle attività produttive aziendali; saper utilizzare i risultati delle analisi effettuate, per collaborare alla realizzazione di studi previsionali e di possibili scenari di sviluppo ecocompatibile, relativamente all impatto ambientale ed energetico; saper definire le aree di collegamento tra le ricerche effettuate e gli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale del comparto pubblico e privato, al fine di supportare la direzione aziendale nell integrare le politiche aziendali con quelle espresse dal territorio. L identificazione dei principali processi chimicoambientali; l utilizzazione delle principali metodiche di analisi chimica e strumentale qualitativa e quantitativa; l identificazione di metodi statistico-previsionali e modelli applicabili a scenari ambientali; l utilizzazione delle tecniche statistiche di calcolo per la validazione dei dati analitici; l identificazione dei rapporti tra dato analitico e realtà del processo; l identificazione dei rapporti tra dato analitico ed impatto ambientale; l individuazione della correlazione tra politica aziendale e le esigenze, implicite ed esplicite, del territorio di riferimento.

11 2 saper implementare azioni di monitoraggio costante sui valori di inquinamento e consumo energetico, realizzati dall attività produttiva aziendale; saper rilevare e quantificare i livelli di scostamento dei valori aziendali rispetto ai parametri di riferimento normativo; L identificazione dei sistemi di pianificazione del monitoraggio degli impatti ambientali; la definizione degli indicatori dei consumi energetici; l identificazione dei processi, delle fasi e dei punti critici ove applicare il monitoraggio; saper ricercare ed utilizzare appropriati servizi di consulenza specialistica, interni ed esterni all azienda; saper comparare i livelli delle criticità rilevate con le indicazioni degli studi realizzati dagli specialisti individuati. 3 saper analizzare puntualmente l attività dei processi produttivi interni all azienda, in termini di: metodi di lavoro, risorse impegnate, logistica degli impianti, caratteristiche degli impianti e delle attrezzature, conformità di macchine, attrezzature e impianti alle norme di uso; saper ricercare alternative tecnico/gestionali di miglioramento sull impatto ambientale e di risparmio energetico delle attività produttive esistenti, attraverso: studi di settore, analisi delle buone prassi, benchmarking, analisi della concorrenza, rapporti con i fornitori, analisi di fattibilità; la definizione dei parametri di riferimento: normativi, di processo, derivanti da scelte volontarie; l identificazione dei parametri critici e degli effetti ad essi correlati; l identificazione delle competenze-consulenze specialistiche necessarie, interne od esterne, e delle modalità per acquisirle. L identificazione dei processi produttivi dell azienda; l identificazione delle risorse tecniche in uso nei processi aziendali: impianti, macchinari, strumenti di controllo e regolazione; la determinazione delle risorse energetiche impiegate nei processi aziendali; l identificazione delle risorse logistiche coinvolte nei processi aziendali; l identificazione delle risorse umane coinvolte nei processi aziendali: competenze, abilità e formazione; l identificazione delle procedure e delle istruzioni operative adottate nei processi aziendali;

12 segue punto 3 saper redigere report sui risultati delle ricerche effettuate, per collaborare alla formulazione di obiettivi raggiungibili e in linea con la politica ambientale stabilita dalla direzione aziendale. saper predisporre e di aggiornare la documentazione cartacea e le procedure informatiche di controllo e monitoraggio delle azioni intraprese. l identificazione di alternative tecniche, organizzative e gestionali, per la ricerca del miglioramento delle prestazioni ambientali, energetiche e di sicurezza dei processi aziendali; l individuazione di processi alternativi; l individuazione di procedure adeguate all organizzazione aziendale; l identificazione dei flussi informativi propri dell organizzazione aziendale. 4 saper realizzare i necessari audit ambientali ed energetici, per confrontare nel tempo i valori ottenuti a seguito dell adozione di misure per il miglioramento; saper rilevare e saper analizzare le situazioni di non conformità, segnalandole alla direzione per le opportune misure di contenimento; saper rilevare e gestire le situazioni di emergenza, collaborando all opera di sensibilizzazione di tutto il personale nell attività di miglioramento continuo. La conoscenza delle tecniche di audit ; la definizione delle tecniche di raccolta e di elaborazione dei dati; l individuazione della correlazione dei dati raccolti con il processo di miglioramento pianificato; l identificazione delle criticità, delle non conformità, delle emergenze e delle necessarie azioni, preventive e correttive; l identificazione delle necessità di sensibilizzazione, informazione, formazione e aggiornamento di tutto il personale, in merito all attività di miglioramento continuo.

13 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 3 3 Salvaguardare la salute e la sicurezza negli ambienti di lavoro Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1.collaborare alla predisposizione, gestione e controllo del piano di sicurezza aziendale, a partire dall individuazione dei fattori di rischio fino alla stesura del documento di valutazione dei rischi e alla scelta delle misure di sicurezza da applicare ai vari settori aziendali; 2.collaborare alla definizione di un programma di adeguamento e manutenzione di strutture, impianti e macchinari, nell osservanza delle indicazioni legislative, in funzione di un sensibile miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza; 3.promuovere, all interno dell azienda, l adozione di atteggiamenti consapevoli e collaborativi in merito al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza del lavoratore. 1. Per collaborare alla predisposizione, gestione e controllo del piano di sicurezza aziendale, a partire dall individuazione dei fattori di rischio fino alla stesura del documento di valutazione dei rischi e alla scelta delle misure di sicurezza da applicare ai vari settori aziendali, il soggetto ha bisogno di sapere come: mappare e controllare l attività di tutti i reparti aziendali, con particolare attenzione a quelli soggetti a maggiore rischio di sicurezza o fuori norma; analizzare i fattori di rischio del processo produttivo in riferimento a luoghi, attrezzature, macchinari, impianti e personale coinvolto; redigere e aggiornare, in collaborazione con il responsabile della sicurezza, il documento di valutazione dei rischi, ricorrendo eventualmente al supporto di consulenti esterni, specialisti del settore; scegliere le misure di sicurezza da adottare, interagendo con i fornitori e cogliendo i suggerimenti del personale interessato; verificare il corretto utilizzo delle misure di sicurezza, con periodiche attività di audit.. 2. Per collaborare alla definizione di un programma di adeguamento e manutenzione di strutture, impianti e macchinari, nell osservanza delle indicazioni legislative, in funzione di un sensibile miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza, il soggetto ha bisogno di sapere come: valutare il funzionamento di impianti e macchinari, cogliendo gli aspetti fuori norma o migliorabili; confrontare le rilevazioni effettuate con le indicazioni dei responsabili di funzione e degli addetti alla produzione. adottare azioni di manutenzione preventiva per anticipare l insorgenza di problemi di sicurezza; valutare offerte e preventivi, in collaborazione con il responsabile, per l acquisto di attrezzature e macchinari nuovi e a norma di legge. 3. Per promuovere, all interno dell azienda, l adozione di atteggiamenti consapevoli e collaborativi in merito al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza del lavoratore, il soggetto ha bisogno di sapere come: Acquisire una metodologia comunicativa efficace, per il coinvolgimento dei lavoratori sui piani di prevenzione e sicurezza aziendali; verificare il corretto utilizzo delle misure di sicurezza da parte dei lavoratori; utilizzare opportune tecniche di coinvolgimento e motivazione del personale alle tematiche della prevenzione, per il contributo attivo alla risoluzione di problemi legati alla sicurezza, gestendo eventuali situazioni conflittuali.

14 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1.collaborare alla predisposizione, gestione e controllo del piano di sicurezza aziendale, a partire dall individuazione dei fattori di rischio fino alla stesura del documento di valutazione dei rischi e alla scelta delle misure di sicurezza da applicare ai vari settori aziendali; 2.collaborare alla definizione di un programma di adeguamento e manutenzione di strutture, impianti e macchinari, nell osservanza delle indicazioni legislative, in funzione di un sensibile miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza; 3.promuovere, all interno dell azienda, l adozione di atteggiamenti consapevoli e collaborativi in merito al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza del lavoratore, 1 saper reperire informazioni sulle attività di tutti i reparti aziendali, con particolare attenzione a quelli soggetti a maggiore rischio di sicurezza o fuori norma; saper ricercare i fattori di rischio del processo produttivo in riferimento a luoghi, attrezzature, macchinari, impianti e personale coinvolto; saper sviluppare e aggiornare, in collaborazione con il responsabile della sicurezza, il documento di valutazione dei rischi, ricorrendo eventualmente al supporto di consulenti esterni, specializzati nel settore; saper selezionare le misure di sicurezza da adottare, interagendo con i fornitori e cogliendo i suggerimenti del personale interessato; saper verificare il corretto utilizzo delle misure di sicurezza, attraverso periodiche attività di audit. L identificazione degli strumenti statistici adeguati all attività di monitoraggio del SGSL: tabelle, fogli di controllo, diagrammi causa-effetto, eccetera; l individuazione dei fattori di rischio correlati a processi, fasi e macchinari; l individuazione dei fattori di rischio correlati alle modalità operative ed all errore umano; la definizione del documento di valutazione dei rischi, della sua struttura e dei possibili interventi per il suo miglioramento; l identificazione delle specifiche competenze, interne ed esterne, da coinvolgere; l identificazione delle procedure e degli interventi necessari per attuare il miglioramento pianificato con il SGSL; la valutazione del grado di applicazione delle misure di sicurezza adottate, tramite attività di monitoraggio e di audit.

15 2 saper monitorare il funzionamento di impianti e macchinari, cogliendone gli aspetti fuori norma o migliorabili; saper comparare le rilevazioni effettuate con le indicazioni dei responsabili di funzione e degli addetti alla produzione; saper implementare azioni di manutenzione preventiva, per prevenire l insorgenza di problemi di sicurezza; saper vagliare preventivi ed offerte, in collaborazione con il responsabile, per l acquisto di attrezzature e macchinari nuovi e a norma di legge. L identificazione dei parametri di funzionamento degli impianti, macchinari e strumenti di controllo e regolazione in uso nei processi aziendali; l individuazione delle criticità di funzionamento di impianti, macchinari e strumenti di controllo e regolazione; la definizione delle tecniche di raccolta, elaborazione e confronto dei dati; l individuazione delle responsabilità delle diverse funzioni aziendali; la definizione delle tecniche di pianificazione ed attuazione della manutenzione preventiva; l individuazione dei parametri per la valutazione dei fornitori. 3 saper coinvolgere efficacemente i lavoratori sui piani di prevenzione e sicurezza aziendali; saper verificare il corretto utilizzo delle misure di sicurezza da parte dei lavoratori. saper adottare le opportune tecniche di coinvolgimento e motivazione del personale alle tematiche di prevenzione, onde ottenerne il contributo attivo nella risoluzione di problemi legati alla sicurezza, gestendo eventuali situazioni conflittuali. La conoscenza delle tecniche di comunicazione, coinvolgimento e formazione; l identificazione degli strumenti per il monitoraggio del corretto utilizzo delle procedure di sicurezza; l individuazione delle tecniche e degli strumenti di gestione dei gruppi e delle conflittualità.

16 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 4 4 Comunicare le problematiche ambientali Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. collaborare alla elaborazione degli interventi di sensibilizzazione e/o formazione-aggiornamento e addestramento del personale sui temi di ambiente, energia e sicurezza in azienda e sulla politica adottata a riguardo dall organizzazione; 2. dialogare con i diversi attori coinvolti: tecnici, amministrativi, dirigenti, organizzazioni sindacali, con particolare riferimento ai responsabili ambientali della RSU (CCNNL dei lavoratori chimici) ed ai Rappresentanti del Lavoratori per la Sicurezza (art.18 DL 626/94), per l attuazione della politica ambientale, degli obiettivi e dei programmi stilati dai responsabili del sistema ambiente energia sicurezza; 3. adottare i principali strumenti di comunicazione ambientale dedicati alla diffusione di informazioni sulla gestione e sulla prestazione ambientale dell impresa, al fine di facilitare il dialogo tra l organizzazione, i portatori di interesse stakeholders, i diversi operatori aziendali, i fornitori, la comunità locale e le strutture pubbliche preposte al controllo degli adempimenti normativi in azienda (ARPA, ASL, ISPESL, VVFF, etc) in tema di ambiente energia sicurezza. 1. Per collaborare alla elaborazione degli interventi di sensibilizzazione e/o formazione-aggiornamento e addestramento del personale sui temi di ambiente, energia e sicurezza in azienda e sulla politica adottata a riguardo dall organizzazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare i processi del sistema azienda, particolarmente quelli relativi al settore ambiente-energiasicurezza; applicare le tecniche base di comunicazione efficace, dinamiche di gruppo, leadership, problem solving; applicare la metodologia degli interventi formativi; individuare la tipologia di comunicazione e/o formazione più funzionale al raggiungimento degli obiettivi aziendali relativi ad ambiente-energia-sicurezza; collaborare all organizzazione delle competenze per migliorare l impiego delle conoscenze e delle capacità in azienda.

17 2. Per dialogare con i diversi attori coinvolti: tecnici, amministrativi, dirigenti, organizzazioni sindacali, con particolare riferimento ai responsabili ambientali della RSU (CCNNL dei lavoratori chimici) ed ai Rappresentanti del Lavoratori per la Sicurezza (art.18 DL 626/94), per l attuazione della politica ambientale, degli obiettivi e dei programmi stilati dai responsabili del sistema ambiente energia sicurezza, il soggetto ha bisogno di sapere come: gestire gli strumenti per la comunicazione ambientale (certificazioni, bilancio ambientale, rapporto ambientale ) e gli indicatori ambientali d impresa; comunicare obiettivi e programmi di sicurezza e rischio; coordinare e gestire la comunicazione istituzionale ed interna. 3. Per adottare i principali strumenti di comunicazione ambientale dedicati alla diffusione di informazioni sulla gestione e sulla prestazione ambientale dell impresa, al fine di facilitare il dialogo tra l organizzazione, i portatori di interesse stakeholders, i diversi operatori aziendali, i fornitori, la comunità locale e le strutture pubbliche preposte al controllo degli adempimenti normativi in azienda (ARPA, ASL, ISPESL, VVFF, etc) in tema di ambiente energia sicurezza, il soggetto ha bisogno di sapere come: identificare gli interlocutori della comunicazione ambientale; collaborare all individuazione delle iniziative a livello nazionale/internazionale e delle strategie di relazioni pubbliche d impresa per la sensibilizzazione ambientale e la contribuzione dell azienda allo sviluppo sostenibile; utilizzare efficacemente gli strumenti operativi per attuare una campagna di informazione esterna ed interna; applicare le tecniche di base di benchmarking e di marketing ambientale e l importanza del legame tra comunicazione e immagine.

18 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. collaborare alla elaborazione degli interventi di sensibilizzazione e/o formazione-aggiornamento e addestramento del personale sui temi di ambiente, energia e sicurezza in azienda e sulla politica adottata a riguardo dall organizzazione; 2. dialogare con i diversi attori coinvolti: tecnici, amministrativi, dirigenti, organizzazioni sindacali, con particolare riferimento ai responsabili ambientali della RSU (CCNNL dei lavoratori chimici) ed ai Rappresentanti del Lavoratori per la Sicurezza (art.18 DL 626/94), per l attuazione della politica ambientale, degli obiettivi e dei programmi stilati dai responsabili del sistema ambiente energia sicurezza; 3. adottare i principali strumenti di comunicazione ambientale dedicati alla diffusione di informazioni sulla gestione e sulla prestazione ambientale dell impresa, al fine di facilitare il dialogo tra l organizzazione, i portatori di interesse stakeholders, i diversi operatori aziendali, i fornitori, la comunità locale e le strutture pubbliche preposte al controllo degli adempimenti normativi in azienda (ARPA, ASL, ISPESL, VVFF, etc) in tema di ambiente energia sicurezza, 1 saper utilizzare con efficacia i processi del sistema azienda, particolarmente quelli relativi al settore ambiente-energia-sicurezza; saper comunicare efficacemente ed essere in grado di gestire dinamiche di gruppo, leadership, problem solving; saper utilizzare le opportune metodologie per un efficace gestione degli interventi formativi; saper identificare la tipologia di comunicazione e / o formazione più funzionale al raggiungimento degli obiettivi dell azienda relativi ad ambienteenergia-sicurezza; saper ottimizzare l organizzazione delle competenze al fine di migliorare l impiego delle conoscenze e delle capacità in azienda. L identificazione dei processi aziendali; l individuazione dei parametri fondamentali di processo che hanno influenza su aspetti-impatti relativi ad ambiente, energia e sicurezza; la definizione delle tecniche di comunicazione, coinvolgimento e formazione; la definizione delle tecniche e degli strumenti di gestione dei gruppi e delle conflittualità; la definizione delle tecniche di formazione adatte alla realtà aziendale; l individuazione delle necessità di formazione, informazione e coinvolgimento necessarie alla realtà aziendale; l identificazione delle competenze necessarie per la formazione, informazione e coinvolgimento nella realtà aziendale.

19 2 avere un quadro di riferimento chiaro degli strumenti per la comunicazione ambientale: certificazioni, bilancio ambientale, rapporto ambienta e gli indicatori ambientali d impresa; saper utilizzare efficacemente le tecniche di comunicazione; saper coordinare ed essere in grado di gestire la comunicazione, istituzionale ed interna. L individuazione degli strumenti per la comunicazione ambientale: rapporti, bilanci, dichiarazioni ambientali; la definizione degli strumenti di comunicazione e divulgazione della sicurezza sul lavoro; l identificazione delle Parti Interessate cui rivolgere la comunicazione ambientale, energetica e della sicurezza sul lavoro; l identificazione dei testimoni privilegiati cui indirizzare la comunicazione sui temi di ambiente, energia e sicurezza sul lavoro; la definizione della procedura, adeguata alla realtà aziendale, per la gestione del processo di comunicazione, interna ed esterna, sui temi di ambiente, energia e sicurezza sul lavoro; l individuazione delle responsabilità nel processo di comunicazione. 3 sapersi relazionare con gli interlocutori della comunicazione ambientale; saper utilizzare le iniziative a livello nazionale / internazionale e le strategie di relazioni pubbliche d impresa, per la sensibilizzazione sui temi dell ambiente e per la contribuzione dell azienda allo sviluppo sostenibile; saper utilizzare gli opportuni strumenti operativi per attuare una campagna di informazione, esterna ed interna; saper utilizzare con efficacia le tecniche di base di benchmarking e marketing ambientale, tenendo ben presente l importanza del legame tra comunicazione e immagine. L identificazione degli interlocutori (parti interessate) della comunicazione ambientale: Enti di controllo, associazioni ambientaliste, cittadini eccetera; la definizione delle iniziative a livello nazionaleinternazionale e delle strategie di relazioni pubbliche d impresa, per la sensibilizzazione ambientale e la contribuzione dell azienda allo sviluppo sostenibile; la definizione degli strumenti operativi per realizzare campagne di informazione; la definizione delle tecniche di marketing e della tecniche di comunicazione.

20 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 5 5 Gestire il sistema integrato ambiente-sicurezza Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. collaborare all implementazione di un sistema di gestione integrato ambiente-sicurezza, secondo le norme comunitarie e internazionali; 2. utilizzare i meccanismi di audit del sistema di gestione ambiente-sicurezza; 3. elaborare e presentare le informazioni necessarie ai responsabili del sistema ambiente-sicurezza ed alla direzione aziendale, per il corretto riesame: del sistema, dei traguardi raggiunti, delle difficoltà riscontrate e per la ridefinizione degli obiettivi di miglioramento; collaborare al mantenimento della certificazione dei sistemi di gestione adottati. 1. Per collaborare all implementazione di un sistema di gestione integrato ambiente-sicurezza, secondo le norme comunitarie e internazionali, il soggetto ha bisogno di sapere come: applicare le normative cogenti di riferimento: OHSAS 18001, ISO 14001, regolamento EMAS II, Vision 2000; utilizzare efficacemente i fondamenti del Sistema Gestione Qualità e la correlazione con le varie normative tecniche nei vari settori merceologici; individuare le possibili sinergie tra i sistemi di gestione ambientali, della sicurezza e della qualità. 2. Per utilizzare i meccanismi di audit del sistema di gestione ambiente-sicurezza, il soggetto ha bisogno di sapere come: gestire ed applicare le tipologie di audit, con particolare riferimento agli audit di un sistema integrato; collaborare con i responsabili del sistema di gestione alla pianificazione degli audit, individuare le figure coinvolte: ruoli e responsabilità.

21 3. Per elaborare e presentare le informazioni necessarie ai responsabili del sistema ambiente-sicurezza ed alla direzione aziendale, per il corretto riesame: del sistema, dei traguardi raggiunti, delle difficoltà riscontrate e per la ridefinizione degli obiettivi di miglioramento; per collaborare al mantenimento della certificazione dei sistemi di gestione adottati, il soggetto ha bisogno di sapere come: gestire il concetto di miglioramento continuo, utilizzandone efficacemente gli strumenti tecnici e organizzativi; collaborare con i responsabili del sistema di gestione, per garantire il rispetto delle disposizioni legislative in materia di ambiente, energia e sicurezza, tramite l adeguamento ad ogni nuovo provvedimento; collaborare con i responsabili del sistema di gestione per la promozione di corretti comportamenti ambientali e per individuare le misure necessarie alla prevenzione degli incidenti all interno dell azienda; collaborare al monitoraggio degli impatti sull ambiente delle attività dell azienda, in coerenza con i principi di politica ambientale e con gli obiettivi di miglioramento.

22 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. collaborare all implementazione di un sistema di gestione integrato ambiente-sicurezza, secondo le norme comunitarie e internazionali; 2. utilizzare i meccanismi di audit del sistema di gestione ambiente-sicurezza; 3. elaborare e presentare le informazioni necessarie ai responsabili del sistema ambiente-sicurezza ed alla direzione aziendale, per il corretto riesame: del sistema, dei traguardi raggiunti, delle difficoltà riscontrate e per la ridefinizione degli obiettivi di miglioramento; collaborare al mantenimento della certificazione dei sistemi di gestione adottati, 1 saper interpretare le normative cogenti di riferimento, internazionali e comunitarie; saper applicare i fondamenti del Sistema Gestione Qualità e saper trovare i corretti riferimenti alle varie normative tecniche nei diversi settori merceologici; L identificazione delle Norme di riferimento relative ai Sistemi Qualità, per le tematiche di ambiente e sicurezza; l individuazione delle sinergie tra Sistemi di Gestione diversi in un ottica di integrazione. saper applicare le norme OHSAS 18001, ISO e del regolamento EMAS II; saper identificare e valutare le possibili sinergie tra i sistemi di gestione ambientali, della sicurezza e della qualità. 2 saper utilizzare con efficacia la normativa di riferimento; saper pianificare gli audit; conoscere e saper identificare le figure coinvolte nel sistema di gestione aziendale: ruoli e responsabilità. L identificazione delle già citate norme; la definizione delle tecniche di audit, in ottica di integrazione di sistemi; la definizione delle tecniche e delle metodologie di pianificazione degli audit; l individuazione delle responsabilità e dei ruoli, sulla base di quanto previsto nel Sistema di gestione aziendale.

23 3 conoscere ed essere in grado di utilizzare gli strumenti tecnici e organizzativi tipici di un sistema di gestione integrato ambiente-sicurezza ed energia: Manuale, Procedure, Politica, Obiettivi e Traguardi eccetera. conoscere le disposizioni legislative in materia di ambiente, energia e sicurezza, al fine di garantirne il rispetto; saper promuovere i corretti comportamenti ambientali e saper individuare le misure necessarie per prevenire gli incidenti all interno dell azienda; saper applicare metodi e tecniche di monitoraggio degli impatti sull ambiente delle attività dell azienda, coerentemente con i principi di politica ambientale e con gli obiettivi di miglioramento. L identificazione dei principi ispiratori dei sistemi di gestione: customer satisfaction, miglioramento continuo eccetera; l identificazione della struttura fondamentale dei sistemi di gestione: Manuale, Procedure, Politica, Obiettivi e Traguardi, eccetera; l individuazione di ruoli, responsabilità e coinvolgimenti di sistema; la definizione di metodi e tecniche di monitoraggio degli aspetti-impatti aziendali che hanno influenza sulle tematiche ambientali, energetiche e della sicurezza sul lavoro; la definizione di metodi e tecniche di raccolta ed elaborazione statistiche dei dati relativi a tali aspetti-impatti; la definizione dei metodi e delle tecniche di pianificazione ed elaborazione di politiche, obiettivi e traguardi.

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

DOSSIER INDIVIDUALE DELLE COMPETENZE

DOSSIER INDIVIDUALE DELLE COMPETENZE DOSSIER INDIVIDUALE DELLE COMPETENZE Allegato 1 Cv Bartolomeo Avataneo (Responsabile Certificazione Delle Competenze) Allegato 2 Cv Gloria Bava Pilone (Esperto di tematiche ambientali e certificazione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

TECNICO DI SALA E BAR

TECNICO DI SALA E BAR PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI SALA E BAR 113 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in grado

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico

Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico Il corso si prefigge di far acquisire ai partecipanti le seguenti competenze: La conoscenza delle proprietà e le tipologie degli impianti fotovoltaici

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008 Elementi salienti e criticità di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre

Dettagli

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE 105 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere

Dettagli

Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio

Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

NUTRIZIONISTA. Aggiornato il 20 marzo 2009

NUTRIZIONISTA. Aggiornato il 20 marzo 2009 NUTRIZIONISTA Aggiornato il 20 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze...

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL 1 Responsabilità Amministrativa L applicazione dell art. 30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. rende esimente le aziende, in presenza di un modello

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO

BIOLOGA e BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGA e BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO Aggiornato il 17 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 BIOLOGA E BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO...

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere M MODULI generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione per la qualità in una pmi di produzione Comprendere le esigenze dei clienti Valutare la soddisfazione

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Cinzia Dalla Riva IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Disciplina la responsabilità amministrativa degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato (reato

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI IMPIANTI TERMICI 73 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO ATTRAVERSO L ART. 30 DEL D.LGS. 81/08 L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 Ivo Dagazzini Direttore

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015 Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro 26 Marzo 2015 Introduzione Cos é la specifica BS OHSAS 18001:2007 Definisce in maniera dettagliata (specification) le linee guida per l implementazione

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO SERVIZI COMMERCIALI Denominazione della figura OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

C3 Elettronica ed Elettrotecnica Articolazioni: Elettronica, Elettrotecnica e Automazione

C3 Elettronica ed Elettrotecnica Articolazioni: Elettronica, Elettrotecnica e Automazione ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS Gli studenti del primo e del secondo anno svolgono un percorso comune sulle materie di base e le prime esperienze laboratoriali. Al termine del secondo anno viene

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti Correlazione tra i requisiti della OHSAS 18001:2007 ed i requisiti delle Linee Guida INAIL-ISPESL-UNI, già predisposta dal

Dettagli

Responsabile del processo di Direzione. Dott. Alberto Soccodato

Responsabile del processo di Direzione. Dott. Alberto Soccodato ORGANIGRAMMA ISTITUTI PARITARI I.S.A.S. OTTOBRE 2008 del processo di Direzione Dott. Alberto Soccodato Gestione Sistema di Qualità Prof. Massimo Vincenzo Di Fazio dei processi di gestione economico amministrativo

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli