Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO (Indicazioni 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO (Indicazioni 2012)"

Transcript

1 Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO (Indicazioni 2012) «I bambini esplorano continuamente la realtà ma hanno bisogno di riflettere sulle proprie esperienze, descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri» «Esplorando oggetti, materiali e simboli, osservando la vita di piante e animali, i bambini elaborano idee personali da confrontare con quelle dei compagni e degli insegnanti».

2 ABILITA STORICHE Comprendere l aspetto ciclico della scansione temporale attraverso calendari di riferimento costruiti insieme. Descrive un evento o un esperienza fatta insieme individuandone i passaggi. Scandisce un esperienza fatta insieme e un evento noto in una sequenza temporale ordinata attraverso l uso di immagini date. Colloca eventi nel tempo vissuto e recente. Partecipa alla ricostruzione di semplici esperienze vissute insieme (copioni). Utilizza un linguaggio sempre piùadeguato per nominare le parti del giorno, le azioni e le esperienze fatte.

3 COPIONE: ANDARE AL FORNO Fasi del copione Cosa fa l insegnante Cosa fanno gli alunni Dove vogliamo portare i bambini Obiettivi apprendimento di Competenze attese 1) Rilevazione delle preconoscenze L insegnante fa la domanda: che cosa sai del forno? Gli coinvolge nella conversazione. Trascrive. Riorganizza le preconoscenze sollecitando i bambini nella catalogazione dei disegni. Conversano, rappresentano graficamente e spiegano ciò che hanno disegnato. Partecipano alla riorganizzazione ricavando i temi. A prendere coscienza di ciò che già sanno sull argomento. Rilevazione preconoscenze bambini. delle dei Dare ordine ai loro saperi pregressi. Preparazione calendario dell attesa 1) Attuazione dell esperienza Organizza l esperienza. Fa le fotografie. Organizza collettivamente il lavoro. Aiuta i bambini a rilevare la cronologia, la successione, la contemporaneità. Partecipano all esperienza, osservando, domandando. Rappresentano graficamente l esperienza. Ricavano informazioni dirette dalle foto es. la contemporaneità delle azioni, l ordine cronologico. Ad ampliare la loro conoscenza sull argomento. A rappresentare graficamente. A configurare il copione. Acquisizione di nuove informazioni. Rappresentare e selezionare gli obiettivi del copione. Leggere le fonti. Confronto tra le preconoscenze e l esperienza effettuata. Ricostruzione percorso. Ricostruzione del luogo. del Costruire la linea del tempo. 1) Ripetizione del copione con variabile Organizza una nuova esperienza con variabile. Sollecita poi l osservazione e la conversazione Partecipano alla nuova esperienza. Osservano. Rappresentano graficamente. Verbalizzano. Rilevare somiglianze e differenze tra la prima e la seconda esperienza. Consolidare le nuove informazioni. Rilevano differenze e somiglianze. Riconosce differenze e somiglianze fra due esperienze simili.

4 Proposta n. 1 sezione viola scuola dell infanzia S.Piero a Sieve INSEGNANTE: Cosa sai del forno? Giorgio Si fa la schiacciata, dove vado a prenderla con il nonno Mauro e con il mio fratello a Borgo. Valentino: A casa ho il forno si fanno le schiacciate il babbo ed io. Mattia: Fa la schiacciata, la pizza. Sono stato al forno a Galliano con il babbo e la mamma e ho preso la schiacciata. C era il fornaio, era bravo. Elisa: Sono andata dal fornaio di S.Piero, c era la schiacciata, le pizzette, la pizza e le schiacciatine al wuster. Facevano anche le torte. Giorgio: Il forno è un negozio. Maria Adelaide: Al forno ci sono stata mille volte, ci sono tanti fornai. Fanno schiacciata, pizza, pane, briosce, crostate e torte. Ci sono queste cose negli scaffali. Vanno i signori a comprare le cose, devono avere i soldi. Rebeca: Con il babbo e la mamma siamo andati a comprare il pane. Il babbo fa il fornaio, fa il pane, si veste tutto di bianco. Lo fa di notte. Sofia: Ho comprato la mia torta di compleanno. Ho visto il fornaio, era un maschio, era vestito tutto di bianco.

5 CONVERSAZIONE sezione viola plesso Scarperia COS è IL FORNO? Niccolò-io sono andato dal Fioravanti per vedere se c era il pane morbido per portare a casa Francesco-io sono andato anche al colibrì dove fanno dei buoni dolci,è un altro forno Michele-io di solito al Fioravanti compro sempre la schiacciata alla nutella 0yasmin-dal Fioravanti c è anche la pizza Niccolò-ci vendono anche i lecca lecca Giada-c è anche le patatine Lisa-ci sono anche i dolci Fabiana- si può comprare le ciambelline allo zucchero Banchini-io sul forno a casa ci faccio il pesce e delle cipolline Michele-ci sono anche i biscotti DOVE FANNO TUTTO QUESTO? Francesco-fanno tutto nel forno Eleonora-a casa la mamma nel forno cuoce le patatine e il pollo Duccio-nel forno di casa mia mi fa il pollo e le patate arrosto e gli involtini Banchini-anche vicino alla scuola c è un forno dove ci sono i bambini delle elementari QUALI INGREDIENTI CI VOGLIONO PER FARE IL PANE? Giulio-la farina,l acqua va girato poi gli va dato una forma Niccolo-la frusta Giulio-la tartaruga Michele-rotondo Duccio-va anche impastato Lorenzo-ci vuole anche il lievito Duccio per farlo saporito Michele- per fare le molliche Giulio-con il lievito gonfia un po E SE NON GONFIA? Niccolò-sennò rimane duro E ALLA FINE? Francesco-si mette nel forno a cuocere Gamberi-quando è l ora,quando è cotto si leva SI MANGIA SUBITO? Francesco-no perché scotta!

6 Proposta n. 2

7

8 Proposta n. 4 Ricostruzione dell esperienza al forno Ai bambini èstato chiesto di ricostruire l esperienza graficamente mettendo in evidenza il luogo, le azioni fatte, gli agenti coinvolti, gli oggetti osservati e il tempo impiegato. Successivamente hanno anche ricostruito, sempre individualmente, l esperienza con l uso di fotografie.

9 CONVERSAZIONE:GITA AL FORNO Federico-siamo andati al forno Colantoni-col pulmino Francesco-si,al forno Fioravanti Niccolò-c era il fornaio Giuseppe Ludovica-ci vuole il lievito per fare il pane,la farina che ci porta il mugnaio Yasmin- Gamberi-la farina era nei sacchi,ce n erano tantissimi Fabiana-abbiamo visto la farina e l acqua Niccolò- si nell impastatrice Siria- gira e si impasta Giada-ho visto la pasta Miriam-dopo ci hanno fatto vedere un altra macchina,c ha detto quando si toccava il filo rosso si fermava la macchina perchése ci si infilava dentro ci faceva male Giulio-per fare i pezzi della pasta Lorenzo- c era un coltello per tagliare Francesco-serviva per fare i pani grandi Michele-c era un carrello con delle tavole Arianna-lo mettono al caldo vicino al forno Giulio perché lievitano Eleonora-poi lo mettono in forno Filippo-poi lo spinge in forno Cecconi-chiude lo sportello Siria-c è un pulsante per fare andare il vapore Duccio-per cuocere Siria-perché sennò rimane morbido e non si può mangiare Baldi-con la palettona lo levano dal forno Banchini-poi lo mettono in un tipo di cesta e lo fanno freddare per poi portare alla scuola,in tutti i posti Lorenzo-poi ci hanno dato la schiacciata Roslanda-preparano anche le torte Lisa-anche le schiacciate

10 Stamattina siamo andati al forno Conti. Raccontiamo l esperienza fatta Giorgio: Mi èpiaciuto quando ci hanno dato il panino e la schiacciatina, èstata la parte piùdivertente. Pietro: Mi è piaciuta la macchina che faceva il pane, quella con l ascensore l impastatrice. Diego: Mi piace mangiare la schiacciata e la pizza. Lucas: Mi è piaciuto la schiacciata, era stata nel forno, era grosso. La schiacciata era morbida. Valentino: Mi è piaciuta la formatrice, faceva la forma del pane. Elisa: La formatrice perché faceva la forma. Mi è piaciuta la schiacciata era buona ed era uscita dal forno. Alessandra: La schiacciata perché era buona. Mi è piaciuta anche l impastatrice, ci ha messo la farina e poi anche l impasto. Luigi: Mi è piaciuta quella con le braccia, era l impastatrice. Erano braccia di ferro, la usano per fare l impasto. Mattia: Mi è piaciuto il timbrino di topolino, lo abbiamo fatto sulla pastina (panino). Dopo lo hanno messo in forno, si è gonfiato. Aurora: Mi èpiaciuto quando hanno messo in forno perchépoi pensavo che si fosse bruciata. Era cotta quando l hanno tolta, prima era cruda. Mi è piaciuta la schiacciata, era buona. Giacomo: Mi sono piaciute due cose: la prima la spezzatrice e laseconda quando ci hanno dato il sacchetto con il panino e la schiacciata. La spezzatrice spezzava l impastatura poi lo mandava in un altra macchina e diventava a filolini (filoni). Filippo: Mi èpiaciuto quando abbiamo fatto la schiacciata. L hanno messa nel forno perchéera cruda, quando l abbiamo tirata fuori era cotta. Niccolò: Mi èpiaciuto il forno perchétrasformava le cose, perchéc era caldo. La schiacciata l hanno fatta muovere. Il calore cuoce. Matteo: Mi è piaciuto il forno perché veniva il calduccio, era acceso, serve per cuocere la schiacciata. Cosimo: Mi sono piaciute le macchine, tutte: quella che impasta, poi c era quella che tagliava e poi quella che faceva le forme. Davide: Mi èpiaciuto tutto ma piùdi tutte quella che tagliava, la tagliatrice e quella con le braccia che si incontravano e anche il forno perché c erano le schiacciate grosse. Briseilde: Mi è piaciuto tutto, ma più di tutto la schiacciata, era buona. Claudia: Il forno era grande, mi è piaciuto l impastatrice perché impastava la pasta, ci aveva la farina, acqua e sale. Sofia: Quella con le due braccia era l impastatrice, impastava poi con l impasto mi hanno fatto le trecce. Maria Adelaide: Mi èpiaciuto tutto, c erano un sacco di macchine, servivano per fare le cose: pane, schiacciata, pizza e molte altre cose. C era l impastatrice. Abbiamo fatto le schiacciatine. Rebeca: Mi èpiaciuto fare la schiacciata, si impastava, poi con le dita si faceva i buchi, poi si èmesso il sale, l olio e messo in forno e in forno si ègonfiato.

11 Viene proposta a scuola l esperienza del fare la schiacciata. Dopo aver preparato l impasto viene lasciato a lievitare ma a turno i bambini registrano il tempo di lievitazione utilizzando la clessidra. Terminata la lievitazione ciascun bambino prepara la propria schiacciatina che viene cotta nel forno della cucina della scuola. Segue la registrazione grafica dell esperienza dove èchiesto di disegnare gli ingredienti, la clessidra e il numero che ne indica il tempo ed il risultato avuto.

12 COPIONE: ANDARE AL MULINO Fasi del copione 1) Rilevazione delle preconoscenze 2) Attuazione dell esperienza 3) Ripetizione del copione con variabile Cosa fa l insegnante L insegnante fa la domanda: che cosa sai del mulino? Gli coinvolge nella conversazione. Trascrive. Riorganizza le preconoscenze sollecitando i bambini nella catalogazione dei disegni. Preparazione calendario Organizza l esperienza. Fa le fotografie. Organizza collettivamente il lavoro. Aiuta i bambini a rilevare la cronologia, la successione, la contemporaneità. Cosa fanno gli alunni Conversano, rappresentano graficamente e spiegano ciò che hanno disegnato. Partecipano alla riorganizzazione ricavando i temi. dell attesa Partecipano all esperienza, osservando, domandando. Rappresentano graficamente l esperienza. Ricavano informazioni dirette dalle foto es. la contemporaneità delle azioni, cronologico. Organizza una nuova esperienza con variabile. Sollecita poi l osservazione e la conversazione l ordine Partecipano alla nuova esperienza. Osservano. Rappresentano graficamente. Verbalizzano. Dove vogliamo Obiettivi di portare i bambini apprendimento A prendere coscienza di ciò che già sanno sull argomento. Ad ampliare la loro conoscenza sull argomento. A rappresentare graficamente. A configurare il copione. Rilevare somiglianze e differenze tra la prima e la seconda esperienza. Rilevazione delle preconoscenze dei bambini. Acquisizione di nuove informazioni. Rappresentare e selezionare gli obiettivi del copione. Leggere le fonti. Consolidare le nuove informazioni. Rilevano differenze e somiglianze. Competenze attese Dare ordine ai loro saperi pregressi. Confronto tra le preconoscenze e l esperienza effettuata. Ricostruzione del percorso. Ricostruzione del luogo. Costruire la linea del tempo. Riconosce differenze e somiglianze fra due esperienze simili.

13 Proposta n. 1

14 Conversazione aula viola plesso san Piero a Sieve INSEGNANTE: Cosa sai del mulino? Maria Adelaide: Il mulino con la ruota che gira sul fiume e macina i chicchini e gli fa diventare farina. Il mugnaio la prende, la mette nei sacchettinie la da ai signori, praticamente li vende. Davide: Una ruota che prende l acqua per fare il grano. La ruota èattaccata ad un legno attaccato alla sabbia. Giorgio: Ci saranno sacchi di farina e una ruota che prende l acqua per fare la schiacciatina. Alessia: Ci sarà l acqua e una ruota. Mattia: Immagino che ci sia quello per vedere e per non perdersie poi ci saràun pozzo. Aurora: Ci saràil mulino con dentro il grano che sta macinando. Ci saràuna casa dove c è attaccato il mulino. Alessandra: Ci sarà la farina, tanta nel mulino. Luigi: La casa del mugnaio con la ruota che gira perchéfa la farina. Cosimo: Il mulino fanno il pane. Lucas: Ci sarà il fiume, l orto, quello per girare il mulino. Pietro: Una casa con una ruota grande che gira e fa la farina. Elisa: Ci saràla farina, la ruota che gira e i chicchi che diventano farina. Niccolò: Ci saràuna ruota attaccata al mulino che gira e fa diventare i semini piccolini. Sofia: Il mulino lo immagino marrone con una ruota che gira non so perché. Filippo: E una casa con dentro un tubo che fa andare la farina in un cesto. Giacomo: Ci saràuna bella casetta, un fiume, una ruota per macinare e una ruotaper soffiare il vento. Faranno la farina macinando. Valentino: Una casa con una ruota grande che gira e fa la farina. Rebeca: Ci saràil mulino che gira per fare la farina. Diego: Una ruota che gira nel mare. Matteo: Una casa che noi andiamo a vedere.

15 CONVERSAZIONE sezione viola scuola dell infanzia di Scarperia COS è IL MULINO? Baldi-tipo una casa,c ha delle girandole che girano,si macina il grano Banchini-c èuna girandola che fa.serve a fare la farina c èil mugnaio va a raccogliere le castagne per fare la farina di castagne io non ho mai visto un mulino Lorenzo-una casa con le pale servono per macinare il grano,viene la farina io non l ho mai visto Lisa una ruota che gira serve per fare il grano e l acqua fa girare la ruota c èil mugnaio che fa la farina io non ci sono mai stata Giada-veramente non so il mulino a vento Cecconi-io non ci sono mai stata forse è fatto di pietra Siria-un lungo tubo quadrato con un tetto con delle pale e una diga,fiumicello d acqua con la corrente,che lo fa muovere lo fa muovere il vento e l acqua,io non ci sono mai stata Ludovica-una casa da fare c èun fiume poi il fiume fa girare le ruote poi prendono le castagne per fare la castagnata io non ci sono mai stata Gamberi-tipo una casa che ci sono dei pali sopra il tetto al mulino fanno la farina io non ci sono mai stato Roslanda-una casa che gira io non ci sono mai stata Elisa-èuna ruota,gira per fare la farina io non ci sono mai stata Fabiana-èuna specie di casa dove fanno la farina,ci sono quei cosi che girano tipo la ruota di una bici,girando fanno la farina io non cisono mai stata Giulio-c èuna ruota di mattoni serve per macinare i chicchi e esce la farina per fare il pane,c èanche la farina di castagne io non ci sono mai stato Michele-il mulino c ha delle cose che girano e le fanno muovere l acqua servono per macinare la farina di castagne,di polenta e quella normale io non ci sono mai stato Filippo-io non ci sono mai stato il mulino gira fanno la farina con il grano Arianna-èuna specie di casa serve per fare la farina con le pale io non ci sono mai stata Duccio-c ha dei paletti che girano per fare macinare il grano io non ci sono mai stato,però l ho visto in dei film Eleonora-unma casa che con il grano fa la farina,la macina la batte io non ci sono mai stata Francesco-èuna casa per fare la farina corre l acqua del fiume e c èuna cosa tipo che muove le macine io non ci sono mai stato Niccolò-ètipo una casa che quando si vede tanta farina con il mulino chegira con l acqua che va molto veloce io non ci soono mai stato

16 Proposta n. 2

17

18 I bambini della sezione viola plesso di Scarperia

19 RACCONTIAMO LA GITA AL MULINO MARGHERI. Mattia: Siamo andati al mulino a vedere tutte le cose. C'era quello che ci dava la farina, la pescaia era piena d'acqua che faceva girare le ruote e girava la macina e veniva la farina. Elisa: Siamo andati al mulino ed abbiamo visto le macine che facevano diventare i semi in farina. Ho disegnato la pescaia con l'acqua, c'era un tubo e l'acqua andava sotto e faceva girare i cucchiai e la macina. Alessandra: Siamo andati al mulino e abbiamo visto la pescaia che faceva girare la ruota. C'era poi la farina gialla, la faceva con i semi schiacciati. Lucas: Al mulino ho visto la ruota gigante che girava con l'acqua. Girava la macina e usciva la farina gialla. Davide: Siamo andati dal mugnaio a vedere il grano che diventava farina perchè dentro c'è la farina. L'acqua faceva girare la ruota e scendeva la farina. Valentino: Siamo andati al mulino e abbiamo visto la pescaia, il mugnaio. Il mugnaio ci ha fatto vedere come funziona il mulino. L'acqua fa girare la ruota e i semi diventano farina. Cosimo: Siamo andati al mulino e abbiamo visto il mugnaio e l'acqua che faceva girare la ruota e scendeva la farina. Diego: Siamo andati al mulino con il pulmino, abbiamo visto il mugnaio che faceva giare la ruota con l'acqua e scendeva la farina bianca. Matteo: Siamo andati al mulino e abbiamo visto il mugnaio che ci ha fatto vedere la pescaia che era piena d'acqua che serviva a far girare il mulino che girava e scendeva la farina. Aurora: Ho designato il fiume e la casa del mugnaio. L'acqua passava da un tubo e faceva giare i cucchiai e cascava la farina. Luigi: Siamo andati al mulino e abbiamo visto la farina, macinava il grano con il mulino ad acqua. L'acqua faceva girare le pale e girava la macina e usciva la farina, una la faceva bianca e una arancione. Pietro: Siamo andati al mulino e mi è piaciuto la pala nell'acqua che girava e il fiumiciattolo (la pescaia) che ci ha spiegato che l'acqua serviva per far girare la pala e girava per fare la farina che serve per fare il pane. Rebeca: Siamo andati al mulino e abbiamo visto il mugnaio che faceva la farina gialla. La faceva con i semini. L'acqua faceva girare il cucchiaio. Filippo: Mi è piaciuto la ruota che faceva girare l'acqua e scendeva la farina. Giacomo: Siamo andati al mulino e di più mi è piaciuto quello che metteva il seme e diventava farina bianca e anche il colino che serviva per colare la farina e toglieva i bruschi. Niccolò: Siamo stati al mulino e mi è piaciuto la ruota gigantesca di sotto che bagnava l'acqua. La ruota girava con l'acqua, schizzava l'acqua sotto mentre sopra la ruota girava e scendevano i semi che cascavano e poi di sotto scendeva la farina. Alessia: Mulino c'era il mugnaio e l'acqua, tanta acqua, giravano i cucchiai scendeva la farina. Maria Adelaide: Siamo andati al mulino ed abbiamo visto il fiume, la pescaia e il mulino dentro. C'erano il mulino piccolo e i mulini grandi che facevano la farina con le macine che giravano con l'acqua della pescaia. Sofia: Al mulino abbiamo visto il mugnaio che lavorava al mulino. Ci ha fatto vedere tutto: la pescaia, la ruota che girava con l'acqua e sopra scendeva la farina.

20 Proposta n. 4 Ricostruzione dell esperienza al mulino. Ai bambini èstato chiesto di ricostruire l esperienza graficamente mettendo in evidenza il luogo, le azioni fatte, gli agenti coinvolti, gli oggetti osservati e il tempo impiegato per raggiungere il luogo.

21 Successivamente hanno anche ricostruito, sempre individualmente, l esperienza con l uso di fotografie.

22 In questa fase, importante perchépermette ai bambini di inserire in una struttura stabile elementi nuovi che consentono il formarsi di schemi stabili ma non chiusi, abbiamo utilizzato la storia della gallinella rossa la quale ripropone il fare il pane all interno di una sequenza di azioni vissute da vari personaggi. Due le proposte: la rappresentazione grafica con rielaborazioneverbale e la drammatizzazione.

23

24

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani Progetto Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Come presa in carico di responsabilità, di tutoraggio Percorso1 dalla spiga al pane Percorso

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014 la scuola in... forma Notizie dall interno curiosando nella scuola A cura di: Clara, Camilla, Lorenzo di classe 5, Elisa,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO SEMINA C'è chi semina e chi miete Chi mal semina, mal raccoglie Chi non semina non miete Chi parla semina, chi tace raccoglie Chi semina vento raccoglie tempesta RACCOGLIE Chi dà e ritoglie, il diavolo

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di I grado Classe Prima Spazio per l etichetta

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!!

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! Kitchen Cri OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! 10 Ricette per aumentare Grassi e Colesterolo Ecco l'indice delle ricette: 1. Cordonbleu di pollo e prosciutto 2. Gamberi in panatura di patate 3. Mozzarella in carrozza

Dettagli

Sintesi Progetto Educativo

Sintesi Progetto Educativo Sintesi Progetto Educativo Servizio socio-educativo per la prima infanzia Autorizzato dalla Regione Veneto L.R. 22/2002 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 e UNI 11034 per la progettazione ed erogazione di

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

SORSI, BOCCONI, CUCCHIAIATE LA MATEMATICA VIEN MANGIANDO

SORSI, BOCCONI, CUCCHIAIATE LA MATEMATICA VIEN MANGIANDO SC. DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2010-11 Ins: Anna Aiolfi Marika Quaglietta Documentazione a cura di Anna Aiolfi SORSI, BOCCONI, CUCCHIAIATE LA MATEMATICA VIEN MANGIANDO ESPERIENZE

Dettagli