Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO (Indicazioni 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO (Indicazioni 2012)"

Transcript

1 Campo d esperienza: LA CONOSCENZA DEL MONDO (Indicazioni 2012) «I bambini esplorano continuamente la realtà ma hanno bisogno di riflettere sulle proprie esperienze, descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri» «Esplorando oggetti, materiali e simboli, osservando la vita di piante e animali, i bambini elaborano idee personali da confrontare con quelle dei compagni e degli insegnanti».

2 ABILITA STORICHE Comprendere l aspetto ciclico della scansione temporale attraverso calendari di riferimento costruiti insieme. Descrive un evento o un esperienza fatta insieme individuandone i passaggi. Scandisce un esperienza fatta insieme e un evento noto in una sequenza temporale ordinata attraverso l uso di immagini date. Colloca eventi nel tempo vissuto e recente. Partecipa alla ricostruzione di semplici esperienze vissute insieme (copioni). Utilizza un linguaggio sempre piùadeguato per nominare le parti del giorno, le azioni e le esperienze fatte.

3 COPIONE: ANDARE AL FORNO Fasi del copione Cosa fa l insegnante Cosa fanno gli alunni Dove vogliamo portare i bambini Obiettivi apprendimento di Competenze attese 1) Rilevazione delle preconoscenze L insegnante fa la domanda: che cosa sai del forno? Gli coinvolge nella conversazione. Trascrive. Riorganizza le preconoscenze sollecitando i bambini nella catalogazione dei disegni. Conversano, rappresentano graficamente e spiegano ciò che hanno disegnato. Partecipano alla riorganizzazione ricavando i temi. A prendere coscienza di ciò che già sanno sull argomento. Rilevazione preconoscenze bambini. delle dei Dare ordine ai loro saperi pregressi. Preparazione calendario dell attesa 1) Attuazione dell esperienza Organizza l esperienza. Fa le fotografie. Organizza collettivamente il lavoro. Aiuta i bambini a rilevare la cronologia, la successione, la contemporaneità. Partecipano all esperienza, osservando, domandando. Rappresentano graficamente l esperienza. Ricavano informazioni dirette dalle foto es. la contemporaneità delle azioni, l ordine cronologico. Ad ampliare la loro conoscenza sull argomento. A rappresentare graficamente. A configurare il copione. Acquisizione di nuove informazioni. Rappresentare e selezionare gli obiettivi del copione. Leggere le fonti. Confronto tra le preconoscenze e l esperienza effettuata. Ricostruzione percorso. Ricostruzione del luogo. del Costruire la linea del tempo. 1) Ripetizione del copione con variabile Organizza una nuova esperienza con variabile. Sollecita poi l osservazione e la conversazione Partecipano alla nuova esperienza. Osservano. Rappresentano graficamente. Verbalizzano. Rilevare somiglianze e differenze tra la prima e la seconda esperienza. Consolidare le nuove informazioni. Rilevano differenze e somiglianze. Riconosce differenze e somiglianze fra due esperienze simili.

4 Proposta n. 1 sezione viola scuola dell infanzia S.Piero a Sieve INSEGNANTE: Cosa sai del forno? Giorgio Si fa la schiacciata, dove vado a prenderla con il nonno Mauro e con il mio fratello a Borgo. Valentino: A casa ho il forno si fanno le schiacciate il babbo ed io. Mattia: Fa la schiacciata, la pizza. Sono stato al forno a Galliano con il babbo e la mamma e ho preso la schiacciata. C era il fornaio, era bravo. Elisa: Sono andata dal fornaio di S.Piero, c era la schiacciata, le pizzette, la pizza e le schiacciatine al wuster. Facevano anche le torte. Giorgio: Il forno è un negozio. Maria Adelaide: Al forno ci sono stata mille volte, ci sono tanti fornai. Fanno schiacciata, pizza, pane, briosce, crostate e torte. Ci sono queste cose negli scaffali. Vanno i signori a comprare le cose, devono avere i soldi. Rebeca: Con il babbo e la mamma siamo andati a comprare il pane. Il babbo fa il fornaio, fa il pane, si veste tutto di bianco. Lo fa di notte. Sofia: Ho comprato la mia torta di compleanno. Ho visto il fornaio, era un maschio, era vestito tutto di bianco.

5 CONVERSAZIONE sezione viola plesso Scarperia COS è IL FORNO? Niccolò-io sono andato dal Fioravanti per vedere se c era il pane morbido per portare a casa Francesco-io sono andato anche al colibrì dove fanno dei buoni dolci,è un altro forno Michele-io di solito al Fioravanti compro sempre la schiacciata alla nutella 0yasmin-dal Fioravanti c è anche la pizza Niccolò-ci vendono anche i lecca lecca Giada-c è anche le patatine Lisa-ci sono anche i dolci Fabiana- si può comprare le ciambelline allo zucchero Banchini-io sul forno a casa ci faccio il pesce e delle cipolline Michele-ci sono anche i biscotti DOVE FANNO TUTTO QUESTO? Francesco-fanno tutto nel forno Eleonora-a casa la mamma nel forno cuoce le patatine e il pollo Duccio-nel forno di casa mia mi fa il pollo e le patate arrosto e gli involtini Banchini-anche vicino alla scuola c è un forno dove ci sono i bambini delle elementari QUALI INGREDIENTI CI VOGLIONO PER FARE IL PANE? Giulio-la farina,l acqua va girato poi gli va dato una forma Niccolo-la frusta Giulio-la tartaruga Michele-rotondo Duccio-va anche impastato Lorenzo-ci vuole anche il lievito Duccio per farlo saporito Michele- per fare le molliche Giulio-con il lievito gonfia un po E SE NON GONFIA? Niccolò-sennò rimane duro E ALLA FINE? Francesco-si mette nel forno a cuocere Gamberi-quando è l ora,quando è cotto si leva SI MANGIA SUBITO? Francesco-no perché scotta!

6 Proposta n. 2

7

8 Proposta n. 4 Ricostruzione dell esperienza al forno Ai bambini èstato chiesto di ricostruire l esperienza graficamente mettendo in evidenza il luogo, le azioni fatte, gli agenti coinvolti, gli oggetti osservati e il tempo impiegato. Successivamente hanno anche ricostruito, sempre individualmente, l esperienza con l uso di fotografie.

9 CONVERSAZIONE:GITA AL FORNO Federico-siamo andati al forno Colantoni-col pulmino Francesco-si,al forno Fioravanti Niccolò-c era il fornaio Giuseppe Ludovica-ci vuole il lievito per fare il pane,la farina che ci porta il mugnaio Yasmin- Gamberi-la farina era nei sacchi,ce n erano tantissimi Fabiana-abbiamo visto la farina e l acqua Niccolò- si nell impastatrice Siria- gira e si impasta Giada-ho visto la pasta Miriam-dopo ci hanno fatto vedere un altra macchina,c ha detto quando si toccava il filo rosso si fermava la macchina perchése ci si infilava dentro ci faceva male Giulio-per fare i pezzi della pasta Lorenzo- c era un coltello per tagliare Francesco-serviva per fare i pani grandi Michele-c era un carrello con delle tavole Arianna-lo mettono al caldo vicino al forno Giulio perché lievitano Eleonora-poi lo mettono in forno Filippo-poi lo spinge in forno Cecconi-chiude lo sportello Siria-c è un pulsante per fare andare il vapore Duccio-per cuocere Siria-perché sennò rimane morbido e non si può mangiare Baldi-con la palettona lo levano dal forno Banchini-poi lo mettono in un tipo di cesta e lo fanno freddare per poi portare alla scuola,in tutti i posti Lorenzo-poi ci hanno dato la schiacciata Roslanda-preparano anche le torte Lisa-anche le schiacciate

10 Stamattina siamo andati al forno Conti. Raccontiamo l esperienza fatta Giorgio: Mi èpiaciuto quando ci hanno dato il panino e la schiacciatina, èstata la parte piùdivertente. Pietro: Mi è piaciuta la macchina che faceva il pane, quella con l ascensore l impastatrice. Diego: Mi piace mangiare la schiacciata e la pizza. Lucas: Mi è piaciuto la schiacciata, era stata nel forno, era grosso. La schiacciata era morbida. Valentino: Mi è piaciuta la formatrice, faceva la forma del pane. Elisa: La formatrice perché faceva la forma. Mi è piaciuta la schiacciata era buona ed era uscita dal forno. Alessandra: La schiacciata perché era buona. Mi è piaciuta anche l impastatrice, ci ha messo la farina e poi anche l impasto. Luigi: Mi è piaciuta quella con le braccia, era l impastatrice. Erano braccia di ferro, la usano per fare l impasto. Mattia: Mi è piaciuto il timbrino di topolino, lo abbiamo fatto sulla pastina (panino). Dopo lo hanno messo in forno, si è gonfiato. Aurora: Mi èpiaciuto quando hanno messo in forno perchépoi pensavo che si fosse bruciata. Era cotta quando l hanno tolta, prima era cruda. Mi è piaciuta la schiacciata, era buona. Giacomo: Mi sono piaciute due cose: la prima la spezzatrice e laseconda quando ci hanno dato il sacchetto con il panino e la schiacciata. La spezzatrice spezzava l impastatura poi lo mandava in un altra macchina e diventava a filolini (filoni). Filippo: Mi èpiaciuto quando abbiamo fatto la schiacciata. L hanno messa nel forno perchéera cruda, quando l abbiamo tirata fuori era cotta. Niccolò: Mi èpiaciuto il forno perchétrasformava le cose, perchéc era caldo. La schiacciata l hanno fatta muovere. Il calore cuoce. Matteo: Mi è piaciuto il forno perché veniva il calduccio, era acceso, serve per cuocere la schiacciata. Cosimo: Mi sono piaciute le macchine, tutte: quella che impasta, poi c era quella che tagliava e poi quella che faceva le forme. Davide: Mi èpiaciuto tutto ma piùdi tutte quella che tagliava, la tagliatrice e quella con le braccia che si incontravano e anche il forno perché c erano le schiacciate grosse. Briseilde: Mi è piaciuto tutto, ma più di tutto la schiacciata, era buona. Claudia: Il forno era grande, mi è piaciuto l impastatrice perché impastava la pasta, ci aveva la farina, acqua e sale. Sofia: Quella con le due braccia era l impastatrice, impastava poi con l impasto mi hanno fatto le trecce. Maria Adelaide: Mi èpiaciuto tutto, c erano un sacco di macchine, servivano per fare le cose: pane, schiacciata, pizza e molte altre cose. C era l impastatrice. Abbiamo fatto le schiacciatine. Rebeca: Mi èpiaciuto fare la schiacciata, si impastava, poi con le dita si faceva i buchi, poi si èmesso il sale, l olio e messo in forno e in forno si ègonfiato.

11 Viene proposta a scuola l esperienza del fare la schiacciata. Dopo aver preparato l impasto viene lasciato a lievitare ma a turno i bambini registrano il tempo di lievitazione utilizzando la clessidra. Terminata la lievitazione ciascun bambino prepara la propria schiacciatina che viene cotta nel forno della cucina della scuola. Segue la registrazione grafica dell esperienza dove èchiesto di disegnare gli ingredienti, la clessidra e il numero che ne indica il tempo ed il risultato avuto.

12 COPIONE: ANDARE AL MULINO Fasi del copione 1) Rilevazione delle preconoscenze 2) Attuazione dell esperienza 3) Ripetizione del copione con variabile Cosa fa l insegnante L insegnante fa la domanda: che cosa sai del mulino? Gli coinvolge nella conversazione. Trascrive. Riorganizza le preconoscenze sollecitando i bambini nella catalogazione dei disegni. Preparazione calendario Organizza l esperienza. Fa le fotografie. Organizza collettivamente il lavoro. Aiuta i bambini a rilevare la cronologia, la successione, la contemporaneità. Cosa fanno gli alunni Conversano, rappresentano graficamente e spiegano ciò che hanno disegnato. Partecipano alla riorganizzazione ricavando i temi. dell attesa Partecipano all esperienza, osservando, domandando. Rappresentano graficamente l esperienza. Ricavano informazioni dirette dalle foto es. la contemporaneità delle azioni, cronologico. Organizza una nuova esperienza con variabile. Sollecita poi l osservazione e la conversazione l ordine Partecipano alla nuova esperienza. Osservano. Rappresentano graficamente. Verbalizzano. Dove vogliamo Obiettivi di portare i bambini apprendimento A prendere coscienza di ciò che già sanno sull argomento. Ad ampliare la loro conoscenza sull argomento. A rappresentare graficamente. A configurare il copione. Rilevare somiglianze e differenze tra la prima e la seconda esperienza. Rilevazione delle preconoscenze dei bambini. Acquisizione di nuove informazioni. Rappresentare e selezionare gli obiettivi del copione. Leggere le fonti. Consolidare le nuove informazioni. Rilevano differenze e somiglianze. Competenze attese Dare ordine ai loro saperi pregressi. Confronto tra le preconoscenze e l esperienza effettuata. Ricostruzione del percorso. Ricostruzione del luogo. Costruire la linea del tempo. Riconosce differenze e somiglianze fra due esperienze simili.

13 Proposta n. 1

14 Conversazione aula viola plesso san Piero a Sieve INSEGNANTE: Cosa sai del mulino? Maria Adelaide: Il mulino con la ruota che gira sul fiume e macina i chicchini e gli fa diventare farina. Il mugnaio la prende, la mette nei sacchettinie la da ai signori, praticamente li vende. Davide: Una ruota che prende l acqua per fare il grano. La ruota èattaccata ad un legno attaccato alla sabbia. Giorgio: Ci saranno sacchi di farina e una ruota che prende l acqua per fare la schiacciatina. Alessia: Ci sarà l acqua e una ruota. Mattia: Immagino che ci sia quello per vedere e per non perdersie poi ci saràun pozzo. Aurora: Ci saràil mulino con dentro il grano che sta macinando. Ci saràuna casa dove c è attaccato il mulino. Alessandra: Ci sarà la farina, tanta nel mulino. Luigi: La casa del mugnaio con la ruota che gira perchéfa la farina. Cosimo: Il mulino fanno il pane. Lucas: Ci sarà il fiume, l orto, quello per girare il mulino. Pietro: Una casa con una ruota grande che gira e fa la farina. Elisa: Ci saràla farina, la ruota che gira e i chicchi che diventano farina. Niccolò: Ci saràuna ruota attaccata al mulino che gira e fa diventare i semini piccolini. Sofia: Il mulino lo immagino marrone con una ruota che gira non so perché. Filippo: E una casa con dentro un tubo che fa andare la farina in un cesto. Giacomo: Ci saràuna bella casetta, un fiume, una ruota per macinare e una ruotaper soffiare il vento. Faranno la farina macinando. Valentino: Una casa con una ruota grande che gira e fa la farina. Rebeca: Ci saràil mulino che gira per fare la farina. Diego: Una ruota che gira nel mare. Matteo: Una casa che noi andiamo a vedere.

15 CONVERSAZIONE sezione viola scuola dell infanzia di Scarperia COS è IL MULINO? Baldi-tipo una casa,c ha delle girandole che girano,si macina il grano Banchini-c èuna girandola che fa.serve a fare la farina c èil mugnaio va a raccogliere le castagne per fare la farina di castagne io non ho mai visto un mulino Lorenzo-una casa con le pale servono per macinare il grano,viene la farina io non l ho mai visto Lisa una ruota che gira serve per fare il grano e l acqua fa girare la ruota c èil mugnaio che fa la farina io non ci sono mai stata Giada-veramente non so il mulino a vento Cecconi-io non ci sono mai stata forse è fatto di pietra Siria-un lungo tubo quadrato con un tetto con delle pale e una diga,fiumicello d acqua con la corrente,che lo fa muovere lo fa muovere il vento e l acqua,io non ci sono mai stata Ludovica-una casa da fare c èun fiume poi il fiume fa girare le ruote poi prendono le castagne per fare la castagnata io non ci sono mai stata Gamberi-tipo una casa che ci sono dei pali sopra il tetto al mulino fanno la farina io non ci sono mai stato Roslanda-una casa che gira io non ci sono mai stata Elisa-èuna ruota,gira per fare la farina io non ci sono mai stata Fabiana-èuna specie di casa dove fanno la farina,ci sono quei cosi che girano tipo la ruota di una bici,girando fanno la farina io non cisono mai stata Giulio-c èuna ruota di mattoni serve per macinare i chicchi e esce la farina per fare il pane,c èanche la farina di castagne io non ci sono mai stato Michele-il mulino c ha delle cose che girano e le fanno muovere l acqua servono per macinare la farina di castagne,di polenta e quella normale io non ci sono mai stato Filippo-io non ci sono mai stato il mulino gira fanno la farina con il grano Arianna-èuna specie di casa serve per fare la farina con le pale io non ci sono mai stata Duccio-c ha dei paletti che girano per fare macinare il grano io non ci sono mai stato,però l ho visto in dei film Eleonora-unma casa che con il grano fa la farina,la macina la batte io non ci sono mai stata Francesco-èuna casa per fare la farina corre l acqua del fiume e c èuna cosa tipo che muove le macine io non ci sono mai stato Niccolò-ètipo una casa che quando si vede tanta farina con il mulino chegira con l acqua che va molto veloce io non ci soono mai stato

16 Proposta n. 2

17

18 I bambini della sezione viola plesso di Scarperia

19 RACCONTIAMO LA GITA AL MULINO MARGHERI. Mattia: Siamo andati al mulino a vedere tutte le cose. C'era quello che ci dava la farina, la pescaia era piena d'acqua che faceva girare le ruote e girava la macina e veniva la farina. Elisa: Siamo andati al mulino ed abbiamo visto le macine che facevano diventare i semi in farina. Ho disegnato la pescaia con l'acqua, c'era un tubo e l'acqua andava sotto e faceva girare i cucchiai e la macina. Alessandra: Siamo andati al mulino e abbiamo visto la pescaia che faceva girare la ruota. C'era poi la farina gialla, la faceva con i semi schiacciati. Lucas: Al mulino ho visto la ruota gigante che girava con l'acqua. Girava la macina e usciva la farina gialla. Davide: Siamo andati dal mugnaio a vedere il grano che diventava farina perchè dentro c'è la farina. L'acqua faceva girare la ruota e scendeva la farina. Valentino: Siamo andati al mulino e abbiamo visto la pescaia, il mugnaio. Il mugnaio ci ha fatto vedere come funziona il mulino. L'acqua fa girare la ruota e i semi diventano farina. Cosimo: Siamo andati al mulino e abbiamo visto il mugnaio e l'acqua che faceva girare la ruota e scendeva la farina. Diego: Siamo andati al mulino con il pulmino, abbiamo visto il mugnaio che faceva giare la ruota con l'acqua e scendeva la farina bianca. Matteo: Siamo andati al mulino e abbiamo visto il mugnaio che ci ha fatto vedere la pescaia che era piena d'acqua che serviva a far girare il mulino che girava e scendeva la farina. Aurora: Ho designato il fiume e la casa del mugnaio. L'acqua passava da un tubo e faceva giare i cucchiai e cascava la farina. Luigi: Siamo andati al mulino e abbiamo visto la farina, macinava il grano con il mulino ad acqua. L'acqua faceva girare le pale e girava la macina e usciva la farina, una la faceva bianca e una arancione. Pietro: Siamo andati al mulino e mi è piaciuto la pala nell'acqua che girava e il fiumiciattolo (la pescaia) che ci ha spiegato che l'acqua serviva per far girare la pala e girava per fare la farina che serve per fare il pane. Rebeca: Siamo andati al mulino e abbiamo visto il mugnaio che faceva la farina gialla. La faceva con i semini. L'acqua faceva girare il cucchiaio. Filippo: Mi è piaciuto la ruota che faceva girare l'acqua e scendeva la farina. Giacomo: Siamo andati al mulino e di più mi è piaciuto quello che metteva il seme e diventava farina bianca e anche il colino che serviva per colare la farina e toglieva i bruschi. Niccolò: Siamo stati al mulino e mi è piaciuto la ruota gigantesca di sotto che bagnava l'acqua. La ruota girava con l'acqua, schizzava l'acqua sotto mentre sopra la ruota girava e scendevano i semi che cascavano e poi di sotto scendeva la farina. Alessia: Mulino c'era il mugnaio e l'acqua, tanta acqua, giravano i cucchiai scendeva la farina. Maria Adelaide: Siamo andati al mulino ed abbiamo visto il fiume, la pescaia e il mulino dentro. C'erano il mulino piccolo e i mulini grandi che facevano la farina con le macine che giravano con l'acqua della pescaia. Sofia: Al mulino abbiamo visto il mugnaio che lavorava al mulino. Ci ha fatto vedere tutto: la pescaia, la ruota che girava con l'acqua e sopra scendeva la farina.

20 Proposta n. 4 Ricostruzione dell esperienza al mulino. Ai bambini èstato chiesto di ricostruire l esperienza graficamente mettendo in evidenza il luogo, le azioni fatte, gli agenti coinvolti, gli oggetti osservati e il tempo impiegato per raggiungere il luogo.

21 Successivamente hanno anche ricostruito, sempre individualmente, l esperienza con l uso di fotografie.

22 In questa fase, importante perchépermette ai bambini di inserire in una struttura stabile elementi nuovi che consentono il formarsi di schemi stabili ma non chiusi, abbiamo utilizzato la storia della gallinella rossa la quale ripropone il fare il pane all interno di una sequenza di azioni vissute da vari personaggi. Due le proposte: la rappresentazione grafica con rielaborazioneverbale e la drammatizzazione.

23

24

IL GRANO. L educazione ambientale abbraccia quella scientifica

IL GRANO. L educazione ambientale abbraccia quella scientifica IL GRANO L educazione ambientale abbraccia quella scientifica VIVERE L AMBIENTE I bambini vivono immersi nell ambiente e così si creano RELAZIONI tra persone ed ambiente ESPERIENZE CON L AMBIENTE Ogni

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 4 uscita del 27 ottobre 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

Il Grano. a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino

Il Grano. a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino Il Grano a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino OBIETTIVI: PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA LSS IL GRANO Conoscere e sperimentare il ciclo di un evento naturale

Dettagli

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza

LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza LA TERRA dalla manipolazione alla conoscenza Scuola dell Infanzia Don Lorenzo Milani Sezione tre anni Anno scolastico 2012-2013 2013 Insegnanti: Dell Anno ell Anno Annalisa Scarpelli Barbara LA TERRA PORTATA

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C L obiettivo generale del progetto è quello di potenziare la capacità di osservazione dei bambini per avvicinarli

Dettagli

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO CARI GENITORI, IN QUESTI FOGLI E CONTENUTA UNA PARTE DEL PROGETTO SVOLTO QUEST ANNO. NOI INSEGNANTI ABBIAMO PENSATO CHE FOSSE IMPORTANTE CHE VENISSE RESITUITO ALLE FAMIGLIE NON SOLO IL LAVORO INDIVIDUALE

Dettagli

ELENA, FEDERICO, GIANCARLO, GIORGIA, STEFANO

ELENA, FEDERICO, GIANCARLO, GIORGIA, STEFANO ELENA, FEDERICO, GIANCARLO, GIORGIA, STEFANO FRUTTO/ VERDURA POTENZIALE CORRENTE ELETTRICA (A) MELA 10 122 1220 ENERGIA= POTENZIALE X CORRENTE ELETTRICA PERA 10 126 1260 BANANA 10 65 650 KIWI 10 175 1750

Dettagli

U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA

U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA U.D.A. DALL ARTE AL PROBLEMA Scuola dell Infanzia Gianna Carboni Vidoni Secchiano (RN) Referente Eleonora Celli eliu1979@hotmail.com MAPPA CONCETTUALE PROBLEMA situazione problematica non necessariamente

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 E bello conoscere il percorso del chicco di grano da semplice semino a pane quotidiano e osservare quanta cura e quanto lavoro c è dietro ogni fettina

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. Il problema. (2 parte)

PERCORSI DIDATTICI. Il problema. (2 parte) PERCORSI DIDATTICI Il problema di: Dilama scuola: Cremona area tematica: Matematica pensato per: 8-9 anni (2 parte) Questa seconda parte dedicata alla Comprensione del testo del problema è stata pensata

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani Progetto Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Come presa in carico di responsabilità, di tutoraggio Percorso1 dalla spiga al pane Percorso

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

IL GRANTURCO. PROPOSTA N 1 Proposta individuale

IL GRANTURCO. PROPOSTA N 1 Proposta individuale IL GRANTURCO Abbiamo unito al lavoro di conoscenza della spiga di grano, anche un'altra spiga che avevamo a disposizione nella nostra aula fin dal mese di novembre, la spiga del granturco. Questo lavoro

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

SCHIACCIARE DEI NUMERI

SCHIACCIARE DEI NUMERI Scuola dell'infanzia Barchetta Sezione 4 anni Ins.: Rosa Aggazio PROVIAMO AD ANDARE INDIETRO NEL TEMPO: ESTATE, MACCHINA FOTOGRAFICA E VIA ALLA RICERCA DI NUMERI! LE FOTO SONO UN OTTIMO AIUTO PER PORTARCI

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa

Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa Corso di Formazione ATTIVITA INTERDISCIPLINARI con particolare riferimento alla lingua italiana e alla matematica Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa Unità di lavoro del Progetto Bambini maestri

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO?

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ISTITUTO COMPRENSIVO PONTASSIEVE SCUOLA DELL INFANZIA LEO LIONNI GRUPPO 5 ANNI MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ROSSANA GUERRI, CHIARA NOVELLI CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO MOTIVAZIONI La scuola

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Realtà, educazioni e discipline: contesti per imparare e insegnare

Realtà, educazioni e discipline: contesti per imparare e insegnare 1 CIRCOLO DIDATTICO DI SPINEA con il patrocinio di Città di Spinea Realtà, educazioni e discipline: contesti per imparare e insegnare Occasioni da non perdere. per una scuola legata alla vita Riflessioni

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

Scuola dell Infanzia Gianni Rodari Scarlino Scalo. Helena Fatarella, Luana Tonini, Rosanna Cocola

Scuola dell Infanzia Gianni Rodari Scarlino Scalo. Helena Fatarella, Luana Tonini, Rosanna Cocola Scuola dell Infanzia Gianni Rodari Scarlino Scalo 2014 Helena Fatarella, Luana Tonini, Rosanna Cocola OBIETTIVO GENERALE Potenziare nel bambino la capacità di osservare e registrare i cambiamenti delle

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3

PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA 1 CIRCOLO ANNO SC. 2003-2004 PROGETTO DI MATEMATICA GRUPPO ANNI 3 Ins. Aiolfi Anna Cognolato Grazia novembre 2003 Documentazione a cura di Aiolfi Anna Promuovere e

Dettagli

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività A ciascun gruppo è stata consegnata una caffettiera con libertà di aprirla e smontarla. Le caffettiere erano diverse per forma e dimensioni.

Dettagli

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta Percorso di Storia e Geografia per la classe seconda della Scuola Primaria Insegnante: Di Nucci Nicoletta Questo percorso è stato svolto nelle classi seconde, nell anno scolastico 2007/2008. In teoria

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

STORIA DELLA GALLINELLA ROSSA DELLA SEMINA DEI FAGIOLI

STORIA DELLA GALLINELLA ROSSA DELLA SEMINA DEI FAGIOLI Progetto di intersezione L ARTE DEL CONOSCERE Scuola dell infanzia G.Pascoli 4 Circolo CARPI a. s. 2011/12 STORIA DELLA GALLINELLA ROSSA E DELLA SEMINA DEI FAGIOLI A SCUOLA PER IMPARARE SEZIONI 3/4/5 ANNI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin. Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE

SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin. Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE Lingua per comunicare Età indicata: bambini di 3, 4, 5 anni Obiettivi: 1. Potenziare il lessico dei campi semantici del vestiario e

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

La merenda vista dai bambini e vista dai genitori: la parola al dietologo

La merenda vista dai bambini e vista dai genitori: la parola al dietologo Progetto Regionale Sorveglianza ed educazione alimentare Regione Marche ASUR- Zona Territoriale 04- Senigallia - Dipartimento Di Prevenzione Sevizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione La merenda

Dettagli

Esperienze di visita ad un luogo di produzione. Al torronificio

Esperienze di visita ad un luogo di produzione. Al torronificio Esperienze di visita ad un luogo di produzione Al torronificio Attività svolte dai bambini della scuola dell Infanzia e Primaria (classi prima e terza) a cura delle ins. Aiolfi, Paterno e Bellin Perché

Dettagli

PROPOSTA N 17 Proposta individuale

PROPOSTA N 17 Proposta individuale PROPOSTA N 17 Proposta individuale Costruzione del grano in tridimensione: Il mio campo di grano I bambini,dopo aver preparato,con la tecnica della spugna e la tempera i colori della terra, su di un cartoncino,disegnano

Dettagli

U.D.A. IL GRUPPO. Scuola dell Infanzia Gianna Carboni Vidoni Secchiano (RN) Docente Eleonora Celli eliu1979@hotmail.com

U.D.A. IL GRUPPO. Scuola dell Infanzia Gianna Carboni Vidoni Secchiano (RN) Docente Eleonora Celli eliu1979@hotmail.com U.D.A. IL GRUPPO Scuola dell Infanzia Gianna Carboni Vidoni Secchiano (RN) Docente Eleonora Celli eliu1979@hotmail.com MAPPA CONCETTUALE G R U P P O v a r i a b i l e n e l t e m p o e n e l l o s p a

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

IL PANE DEI NONNI. Docenti coordinatori: Valentina Garavini, Sonia Marangoni

IL PANE DEI NONNI. Docenti coordinatori: Valentina Garavini, Sonia Marangoni 3 Circolo Didattico di Ravenna - Scuola Elementare Grande Albero di Madonna dell Albero - Classe 1ª Docenti coordinatori: Valentina Garavini, Sonia Marangoni IL PANE DEI NONNI 107 ESPERIMENTI E GIOCHI

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

CAPIRE DA PICCOLI le cose dei grandi

CAPIRE DA PICCOLI le cose dei grandi CAPIRE DA PICCOLI le cose dei grandi Esperienze di vita alla scuola dell infanzia di Roberta Bolzanella Giugno 2015 Convegno di studio Modelli per conoscere, modelli per capire ISTITUTO COMPRENSIVO SPINEA

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Laboratorio di intercultura Scuola di Mercatale A.S. 2007/2008

Laboratorio di intercultura Scuola di Mercatale A.S. 2007/2008 Laboratorio di intercultura Scuola di Mercatale A.S. 2007/2008 Dagli Orientamenti: [ ] Un risalto del tutto particolare spetta all educazione alla multiculturalità, che esige la maggiore attenzione possibile

Dettagli

Questo laboratorio mi è piaciuto soprattutto perché si portava tutto il cibo a casa Andrea Condello 5 A

Questo laboratorio mi è piaciuto soprattutto perché si portava tutto il cibo a casa Andrea Condello 5 A Il laboratorio di cucina è stato interessantissimo perché ho potuto conoscere ricette nuove e quelle che sapevo ho potuto provarle con i compagni e sapere qualche notizia in più da dove arriva ;come prima

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

LA SIGNORA MATEMATICA

LA SIGNORA MATEMATICA PROGETTO LOGICA-MENTE SEZIONE 1 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN LA SIGNORA MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 Numero BAMBINI 23 3 4 5 ANNI INSEGNANTI REGGIANI MARIA LUISA PANARO IRENE CATERINO MARIA

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

L ascensore a vento della classe II di Pineta

L ascensore a vento della classe II di Pineta L ascensore a vento della classe II di Pineta Osservando l ascensore di Leonardo CHRISTIAN: L ASCENSORE MODERNO FUNZIONA CON L ELETTRICITÀ, QUELLO DI LEONARDO FUNZIONA CON UNA MANOVELLA. ALESSIA: LA MANOVELLA

Dettagli

Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte

Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte Agriturismo Il Tiglio Fattoria didattica riconosciuta dalla Regione Piemonte La storia del mais San Secondo di Pinerolo (To) - Via Colombini n.28 Tel. 0121 323575 - Bruna 3332854076 - Flavio 3495863630

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

- 1 reference coded [1,94% Coverage]

<Documents\bo_min_3_F_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,94% Coverage] - 1 reference coded [1,94% Coverage] Reference 1-1,94% Coverage Spesso andiamo al cinese, prendiamo il cibo da asporto, è raro che andiamo fuori a mangiare, anzi quando

Dettagli

LA SCATOLA DELLE VACANZE

LA SCATOLA DELLE VACANZE LA SCATOLA DELLE VACANZE Continuazione del progetto LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Al rientro dalle vacanze estive abbiamo accolto i bambini commentando le esperienze da loro vissute

Dettagli

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007

Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 Bambini pensati - Anno II - n 12 - Novembre 2007 L olio aromatico Scuola Municipale dell Infanzia Via Fattori in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA Albertina Chiodi Scuola Primaria - Classe I LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

Scuola dell infanzia statale Gian Burrasca Rosignano Solvay

Scuola dell infanzia statale Gian Burrasca Rosignano Solvay Scuola dell infanzia statale Gian Burrasca Rosignano Solvay Docenti: Grazia Naldi, Laura Ferrari, Laura Santucci, Brunella Aglietti Partecipanti : bambini di 5 anni sezioni gialla, rossa, blu Argomento

Dettagli

- si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso le quali

- si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso le quali L U.D MONETE E PREZZI è di grande importanza perché in questo campo d esperienza : - si struttura il significato valore del numero - si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Erice Anno Scolastico 2013/2014 Ideato e diretto dalle insegnanti: Miceli Giovanna Mancuso Benedetta Tortorici Francesca Martino Giuseppa Daidone Carmela Perticone Maria

Dettagli

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva).

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). PREPARIAMO LA PIZZA Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). Acqua: liquido trasparente, incolore. Lievito: panetto morbido, di colore

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

E all improvviso si decide di andare in palestra... là ad attenderci... una sorpresa... SERENA!!!!

E all improvviso si decide di andare in palestra... là ad attenderci... una sorpresa... SERENA!!!! E all improvviso si decide di andare in palestra... là ad attenderci... una sorpresa... SERENA!!!! Il Laboratorio di Espressività Corporea: Espressione, movimento, suono realizzato e condotto da Serena

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA Classe 2ª I LA CERAMICA: 1ª FASE Un esperienza stupenda! Stamattina, 7 Marzo, la maestra Mina ha detto che

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

Cartellone collettivo: Il percorso del fiume Mera dal Piz Duan al lago di Novate Mezzola (Gruppo 5 anni)

Cartellone collettivo: Il percorso del fiume Mera dal Piz Duan al lago di Novate Mezzola (Gruppo 5 anni) Cartellone collettivo: Il percorso del fiume Mera dal Piz Duan al lago di Novate Mezzola (Gruppo 5 anni) Da una montagna che si chiama Piz Duan parte un ruscello piccolo e viene giù, poi diventa un lago

Dettagli

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012 Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni IL BRUCO a.s 2011-2012 Questo percorso è stato pensato soprattutto per i bambini di cinque anni della sezione omogenea

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO

GLI ANIMALI. Percorso didattico per la classe prima VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO GLI ANIMALI VARIETA DI FORME E COMPORTAMENTI Percorso didattico per la classe prima ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO QUALI ANIMALI ABBIAMO? Iniziamo il percorso con una conversazione: parliamo con

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CITTADELLA. Progetto di approccio al numero

SCUOLA DELL INFANZIA CITTADELLA. Progetto di approccio al numero SCUOLA DELL INFANZIA CITTADELLA Progetto di approccio al numero Sezione 5 anni INSEGNANTI Battista Angela P. A.S. 2012-2013 Pellegrini Maurizia Vantaggiato Antonella PREMESSA L'elaborazione e la conquista

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Christel Lopez, poetessa del fashion

Christel Lopez, poetessa del fashion Christel Lopez, poetessa del fashion Il cugino va a prendere la valigia e, andando al mare, decide di portare i funghi fritti preparati dal padre, va, nella sabbia asciutta poi nell'acqua con tutti i pesci

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Titolo dell Unità di Competenza: GIOCHIAMO IN DIVERSI

Titolo dell Unità di Competenza: GIOCHIAMO IN DIVERSI Titolo dell Unità di Competenza: GIOCHIAMO IN DIVERSI Griglia di progettazione dell UdC Il gruppo Infanzia-I ciclo della primaria, che si muove dentro l area linguistica e matematica sulla comprensione

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli