Musica. Progetto 100 classi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Musica. Progetto 100 classi"

Transcript

1 Musica Sala della Musica con gli strumenti a tastiera Strumenti ad arco Strumenti a fiauto Primi "ottoni : dal lur alla tuba Idiofoni strumenti naturalmente sonori Strumenti musicali meccanici Musica elettronica - sintetizzatori Vibrazioni naturali in camere del suono le origini degli armonici Potete avere un idea dell esposizione con l aiuto di foto panoramiche QuickTime! Se volete, potete partecipare ai nostri concerti e alle nostre matinées Mentre navigate, ascoltate alcuni brani di musica o scoprite i nostri CD-Rom musicali. La musica svolge un ruolo importante nella vita quotidiana di tutte le culture. Ogni cultura ha sviluppato i suoi propri strumenti musicali. Dalla voce umana al più semplice degli strumenti come i sonagli e le raganelle, dalle strutture più complesse come i pianoforti fino ai moderni sistemi elettronici, la creazione della musica è soggetta alle leggi della fisica come nessuna altra forma d arte ed è largamente dipesa dalle conquiste della tecnica del tempo. Questo è il motivo che spiega la presenza di questi strumenti in un museo della tecnologia. Nei secoli molti strumenti sono andati incontro a trasformazioni tecniche e si sono evoluti per rispondere a richieste sempre crescenti.se gli strumenti suonati oggi in Europa sono il risultato degli sviluppi avvenuti verso la fine del Medioevo, i loro predecessori possono essere rintracciati nell antichità. Una nuova concezione della musica, che trova espressione nella musica strumentale polifonica, mette in moto il processo: strumenti a corde e a fiato si espandono in famiglie. La tastiera Organo da concerto costruito da Jürgen Ahrend, Leer 1995 Esempio del suono Altre informazioni su questo organo così come è nota nell organo viene trasposta sugli strumenti ad arco dando origine a strumenti come il clavicordo e il cembalo. L ampia varietà odierna di strumenti a percussione, a corde, a fiato e a tastiera si è estesa ulteriormente a partire dagli anni Trenta con l introduzione di strumenti elettronici quali i sintetizzatori e le chitarre elettriche, che hanno avuto una grande influenza sulla musica popolare del XX secolo. Liceo Chris Cappell College I D 1

2 Musica Sala della Musica con gli strumenti a tastiera Con la sua bella acustica, l elegante Sala della Musica del Deutsches Museum viene utilizzata regolarmente come sede per i concerti. La Sala della Musica fu ideata nel 1915 da Gabriel Von Seidl, all epoca uno degli architetti più rinomati di Monaco di Baviera. Gli strumenti a tastiera qui esposti sono in gran parte esemplari eccezionali. Un pezzo raro è l'organo di Thalkirchen, il più antico della Baviera. Quando l'organo venne acquistato nel 1908, la galleria fu costruita proprio per ospitare questo strumento imponente e storicamente importante. La Sala della Musica è utilizzata per l esposizione di pregevoli strumenti originali, datati dal XVI secolo a oggi. Clavicordi Veduta parziale della Sala della musica dove si tengono i concerti Da punto di vista strutturale, il clavicordo è il più semplice degli strumenti a tastiera, e quindi probabilmente il più antico. Il suo precursore, il monocordo, costituito da un unica corda e da un ponticello mobile, era verosimilmente utilizzato al solo scopo di investigare e meglio comprendere le leggi dell acustica. L uso per la produzione musicale ne divenne possibile al più tardi nel XV secolo, quando vi furono aggiunti i tasti - già conosciuti negli organi -, grazie alla tangente, un dispositivo metallico inserito all estremità del tasto. La tangente svolge due funzioni: oltre a stabilire come un ponticello la lunghezza della corda, genera anche la vibrazione della stessa, necessaria alla creazione del suono. Clavicordo libero dei fratelli Krämer, Göttingen, dopo il 1806 Il suono delicato del clavicordo lo rende adatto solo ai concerti in casa e a un pubblico poco numeroso. Il clavicordo ebbe il suo periodo di splendore nel XVIII secolo. Oltre a Gottfried Silbermann (Freiberg in Sassonia), di cui non ci è pervenuto alcun altro strumento, numerosi furono in Germania i costruttori di clavicordi. Il Deutsches Museum offre in esposizione alcuni pregevolissimi clavicordi provenienti da Brunswick (Lemme, 1766), Göttingen, Gera (Krämer, 1806) e Ansbach (Hubert, 1782). Liceo Chris Cappell College I D 2

3 Strumenti a tastiera a becco di penna Per circa 300 anni, dal Rinascimento alla fine del XVIII secolo, il clavicembalo è stato il più importante degli strumenti a tastiera a corde. Esso è oggi di nuovo indispensabile per l esecuzione delle musiche di quel periodo. Tecnicamente, il clavicembalo è molto più complesso del clavicordo. Le corde, solitamente due o tre per tasto, danno forma all aspetto esteriore. Con il fianco inarcato e la tensione delle corde notevolmente maggiore di quella del clavicordo, lo strumento richiede considerevoli capacità artigianali. Anche la produzione del suono è più complessa. Le corde vengono fatte vibrare con l ausilio della tastiera, pizzicando le corde con un plettro. Negli strumenti antichi i materiali impiegati per i plettri erano di solito becchi delle penne di uccelli quali corvi, aquile o avvoltoi; più raramente cuoio o metallo. Cembalo,Giuseppe Solfanelli, Pisa 1729 I più antichi clavicembali conservatisi fino a oggi risalgono all inizio del XVI secolo. Ma il clavicembalo è sempre stato qualcosa di più di un semplice strumento musicale. E stato un inestimabile pezzo d arredo, come dimostra il più antico cembalo della nostra collezione, con i suoi fianchi realizzati in ebano. Lo strumento venne creato da Francesco Patavino a Venezia nel 1561 e rappresenta uno dei più antichi clavicembali che ancora sopravvivono nel mondo. Nel XVIII secolo il clavicembalo era uno dei grandi strumenti da concerto sia per i ruoli da solista che per le esecuzioni d insieme. La forza del suono era molto superiore a quella dei pianoforti a martelletti che già esistevano a quel tempo. Strumenti a tastiera con martelletti Da circa 200 anni lo strumento a tastiera più comune è il pianoforte a martelletti. Con l'introduzione del meccanismo a martelletto, il clavicembalo si è trasformato nel pianoforte e il clavicordo nel pianoforte da tavolo. Soltanto il pianoforte verticale si è sviluppato più recentemente. Il principio in comune è che le corde sono percosse da un oggetto a forma di martello azionato dalla tastiera. Il movimento dei tasti è comunicato al martelletto attraverso un meccanismo di leve più o meno complesso. Grande strumento a tastiera con martelletto, Christian Then, Monaco dopo il 1866 Liceo Chris Cappell College I D 3

4 Una parete espositiva, situata sotto la galleria, mostra i modelli delle varie meccaniche che i visitatori possono azionare premendo un tasto. In questi inoltre si mostrano le difficoltà associate all'invenzione di tali meccanismi. Il martello deve colpire la corda una volta sola in un punto acusticamente favorevole, non deve percuoterla una seconda o una terza volta, ma lasciarla immediatamente libera perché possa prodursi una vibrazione adeguata e sull'intera lunghezza della corda. Organi Uno dei più grandi e complessi strumenti musicali è l'organo. E costituito dalle canne, dai somieri, dalla tastiera e dalla pedaliera. L'azione della pedaliera produce collegamenti fra il tasto e un pallet, che si apre in risposta alla pressione del tasto e permette all aria di fluire nella canna. Un complesso meccanismo guida l aria pressurizzata attraverso le canne dell'organo. Le canne dell'organo sono fatte di legno o di metallo. Se ne ha una vasta gamma di forme differenti per generare differenti timbri. Nelle canne labiali le colonne d aria vibrante producono la nota; nelle canne ad ancia viene fatta vibrare una piccola linguetta metallica. Un organo ha generalmente parecchi registri, in altre parole gruppi di canne che producono lo stesso timbro. Grandi organi possono avere fino a canne. Organo nella Chiesa del santuario Maria Thalkirchen, costruita da Hans Lechner, Monaco 1630 Gli organi erano già conosciuti nell'antichità. Intorno al 200 a.c., Ctesibio aveva inventato uno strumento in cui la pressione dell'aria era mantenuta costante per mezzo di una colonna d acqua. Ma queste tradizioni sono andate perdute e soltanto nell VIII/IX secolo gli organi vennero introdotti in Francia da Bisanzio. All'inizio dell'era moderna, gli organi già possedevano parecchie tastiere. Un esempio particolarmente significativo è l'organo della chiesa di Maria Thalkirchen, datato al La musica d organo e l arte organaria raggiunsero l apogeo nel periodo barocco. L'organo di Ahrend nel Deutsches Museum è costruito secondo i metodi e la timbrica propri dei vecchi organari. I più piccoli organi sono il portativo e i positivi. Strumenti a corda In tutti gli strumenti a corda il suono è prodotto da una corda tesa fatta d acciaio, ottone, rame o altri metalli, oppure di budella, di nylon o di seta. L altezza del suono dipende dal materiale utilizzato per la corda, dal suo spessore, dalla lunghezza vibrante e dal grado di tensione. La corda è attaccata a un Chitarra della luna, Cina ; seconda pirolo, a un'estremità, ed metà del diciannovesimo secolo è avvolta intorno a una cordiera, all'altra estremità. Quando si fa ruotare il pirolo la corda viene tesa, producendo così l altezza del suono desiderata. La corda si trova generalmente tra due punti fissi, la cordiera e il pirolo. Liceo Chris Cappell College I D 4

5 Soltanto la parte della corda compresa fra questi punti è usata per produrre il suono. Il suono prodotto pizzicando, toccando, sfregando o percuotendo la corda è di scarso volume e non si sostiene a lungo perché la vibrazione, passando attraverso l aria, produce pochissima energia. E per questo che le vibrazioni devono essere trasmesse a un corpo di risonanza dotato di superficie riflettente sufficientemente ampia. Strumenti a corde pizzicate Gli strumenti a corde pizzicate sono quelli le cui corde vengono fatte vibrare pizzicandole con i polpastrelli delle dita, le unghie o con un plettro. In molti strumenti di questo tipo, l altezza del suono viene stabilita variando la lunghezza della parte vibrante delle corde. Ciò implica spesso l aggiunta di una tastiera come quella che siamo abituati a vedere nella chitarra, nel liuto o nel banjo. Gli strumenti antichi, quali la lira, la cetra e le forme più semplici di arpa, sono tuttavia differenti. Hanno un numero maggiore di corde per poter produrre le differenti note. Anche il cembalo, in cui un meccanismo produce il suono pizzicando le corde, appartiene a questa famiglia degli strumenti a corde pizzicate. Gli strumenti a corde pizzicate si trovano nelle culture di ogni popolo della terra. Sitar, India 1966 Strumenti ad arco Gli strumenti ad arco vengono suonati sfregando un archetto sulle corde. Si sono evoluti da strumenti come il liuto, originalmente pizzicato. Gli strumenti ad arco richiedono una maggiore tensione della corda rispetto agli strumenti a corde pizzicate. Ecco perché le corde passano sopra un ponticello che è solitamente curvato in modo da poter sfregare separatamente ciascuna corda. Un'eccezione è la ghironda, le cui corde vengono fatte vibrare da una ruota di frizione. Nel caso di tutti gli strumenti ad arco l altezza del suono viene modificata premendo con le dita le corde sulla tastiera. Tra gli strumenti ad arco abbiamo il violino, la viola, il violoncello, il contrabbasso, la ribeca medioevale, la viola da gamba o da braccio. L'archetto è fornito generalmente di crine di cavallo che viene sfregato con resina per permettere una presa migliore sulle corde. Viola, Sebastian Rauch Breslau 1782 Liceo Chris Cappell College I D 5

6 Salterio tedesco Il salterio è un tipo di cetra. È quasi sempre trapezoidale e viene suonato posto su un tavolo o sulle ginocchia del suonatore in modo che il lato lungo con le corde che producono le note gravi sia rivolto verso di lui. Yang qin, il salterio cinese, alla fine del IX sec. Le corde di solito sono fatte d'acciaio, anche se quelle d'ottone sono usate a volte per le note più gravi. Il salterio tedesco è fornito sempre di due, tre o quattro corde, a volte anche di otto per ciascuna nota, tutte accordate sullo stesso suono. Le corde passano sopra due, tre o quattro ponticelli. I martelletti o bastoncelli sono componenti importanti. Quasi sempre intagliati in un legno duro, realizzati nella più ampia varietà di dimensioni e forme, sono solitamente coperti a un estremità con cuoio o feltro, con cui si produce un suono più profondo e più delicato di quello prodotto percuotendo le corde con l altra estremità, costituita di solo legno nudo. Fonti iconografiche dimostrano che i salteri erano già conosciuti nel Medio Evo. I primi riferimenti nella letteratura, così come i più antichi strumenti che ancora esistono, risalgono al XVI secolo. Fino al diciottesimo secolo, il salterio era utilizzato esclusivamente come strumento per musica popolare. Fu grazie al virtuosismo di Pantaleon Hebenstreit ( ) che ne fu innalzato lo status. Il salterio con i tasti di legno,tirolo orientale prima metà del XIX secolo Nell'ultimo quarto del XIX secolo l ungherese Wenzel Josef Schunda ( ) costruì un grande strumento di questo tipo, solido e robusto, con corde spesse, simili a quelle del pianoforte. Lo strumento divenne popolare nei caffè e nei ristoranti di Budapest, riuscendo a penetrare anche nei circoli borghesi, tanto che sul volgere del secolo più di 40 costruttori per lo più ungheresi erano intenti a costruirlo. Esso è ancora diffuso in Ungheria, mentre il tipo più piccolo è rimasto uno strumento delle regioni alpine. Il cosiddetto salterio tedesco, inoltre, continua a essere suonato in Polonia, nei Balcani e nell'estremo Oriente. Legni In linea generale gli strumenti a fiato possono essere raggruppati in due famiglie: i legni e gli ottoni. Appartengono ai legni i flauti, compreso, dato il suo sviluppo storico, il flauto traverso - ora realizzato in argento -, come anche l oboe, il clarinetto, il fagotto, il sassofono e la cornamusa. Cornamusa Galiziana, ca Caratteristica comune a tutti gli strumenti a fiato è l utilizzazione di una colonna d aria, prodotta per esempio con il fiato, quale fonte primaria del suono. L aria immessa fa vibrare la colonna d aria all'interno dello strumento, Liceo Chris Cappell College I D 6

7 producendo delle vibrazioni naturali. L altezza del suono desiderata è stabilita modificando la lunghezza della colonna d'aria, per esempio per mezzo di chiavi, nel caso del flauto traverso, o per mezzo delle dita, che tappano direttamente i fori, nel caso del flauto dolce. Dal flauto traverso all'ottavino Il più importante dei flauti è il flauto traverso. Originario dell'oriente, esso era conosciuto in Europa sin dal Medio Evo, anche se soltanto pochi strumenti risalenti a un epoca anteriore al 1700 sono pervenuti fino a noi. Nel XVIII secolo, gli strumenti di questo tipo fecero nascere numerosi virtuosi di alto livello e una copiosissima letteratura. Flauti traversi in una delle vetrine dell esposizione Intorno al 1800 il flauto traverso venne considerato debole nella sua intensità sonora e la sua scala dai gradi differentemente caratterizzati, precedentemente apprezzata, fu giudicata difettosa. I costruttori di strumenti provarono a porvi rimedio aggiungendo chiavi supplementari. Ma il perfezionamento decisivo arrivò con l'invenzione del sistema di chiavi ad anello da parte del virtuoso di flauto Theobald Böhm, di Monaco di Baviera, rappresentato al Deutsches Museum con tre flauti. Oltre al flauto traverso standard, gli unici altri tipi di flauti traversi sopravvissuti sono il flauto terzino, di dimensioni più piccole, e l ottavino, esistito fino all'inizio del diciannovesimo secolo e presente ancora oggi, che è più acuto di un ottava. Flauti dolci e flagioletti Prima del flauto traverso del XVIII secolo, era stato il flauto dolce a essere lo strumento preferito dei suonatori di strumenti a fiato. Era il flauto per eccellenza, mentre per quello traverso si aggiungeva sempre l'aggettivo qualificativo (flauto traverso, flute traversière, ecc.). I flauti dolci, che già nel 1600 si erano ormai sviluppati in un'intera "famiglia" che andava dal soprano al basso, non subirono sostanziali mutamenti nella loro struttura dal Medio Evo fino al 1650 circa. Fu soltanto allora che la misura cioè il rapporto fra lunghezza e diametro del tubo divenne più stretta, il foro più conico e, negli strumenti di medie dimensioni, il corpo fu diviso in tre sezioni, la testata, il pezzo di mezzo e l inferiore. Queste modifiche resero più amabile il suono, prima morbido, scuro, piuttosto opaco. Fra i numerosi compositori barocchi che hanno composto Flauti dolci in mostra dalla vetrina musica da camera per il flauto dolce ricordiamo Georg Philipp Telemann. Johann Sebastian Bach utilizzò ancora questo strumento nelle cantate e nei Concerti Brandeburghesi. In seguito il suono limitato di questo strumento non accontentò più il gusto musicale Liceo Chris Cappell College I D 7

8 del tempo: il flauto dolce scomparve quasi completamente dalla scena musicale. Ricomparve brevemente poco prima del 1900, per decadere ben presto al rango di strumento di seconda classe per bambini. Soltanto negli ultimi trenta anni il flauto dolce soprano è stato reintegrato come strumento da concerto. La vetrina in cui sono esposti gli oboe da collezione Strumenti ad ancia Gli strumenti ad ancia si dividono in due gruppi, a seconda del tipo di bocchino che possiedono. Tra gli strumenti ad ancia doppia troviamo l oboe, il corno inglese, il fagotto e il controfagotto. Le due ance sono fissate a un piccolo tubo di metallo e vibrano l una contro l altra. L ancia semplice, propria di strumenti quali il clarinetto, il clarinetto basso e il sassofono, vibra in modo differente: all'interno del bocchino un ancia viene messa in vibrazione dal passaggio dell aria. Primi ottoni: dal lur alla tuba Esempi di corni naturali sono, nell esposizione, il corno di bufalo di Sumatra, uno shophar israeliano e vari corni traversali africani. Quasi senza eccezione, i corni traversi producono una singola nota che è spesso molto potente, per cui sono stati spesso utilizzati per comunicare per mezzo di segnali. Come per gli esempi sopraindicati, sono costituiti quasi sempre da corna di animali, ossa o gusci di gasteropodi. Con il suo suono relativamente potente, il corno delle Alpi, al contrario, è usato non soltanto come segnale, ma anche per eseguire semplici canzoni e danze. Il corno delle Alpi è costituito da una tromba di legno curva, la cui La tuba di Wagner, Ursula lunghezza può raggiungere anche i quattro metri, ed è Wenzel,Monaco,1978 diffuso non solo nelle Alpi, ma anche in altre regioni di alta montagna come il Tibet, i Carpazi, i Pirenei e la Scandinavia. I corni delle Alpi sono fatti con tronchi di abeti rossi o di abeti giovani, tagliati nel senso della lunghezza e svuotati; le due metà Liceo Chris Cappell College I D 8

9 vengono quindi nuovamente fatte combaciare e unite l una all altra, avvolgendole con strisce di corteccia. Il bocchino a forma di tazza può essere fatto di legno o di piombo. La fabbricazione degli ottoni Una nuova tecnica per l incurvatura di canne e tubi entrò in uso intorno al Essa consisteva nel riempire i tubi con piombo che, una volta conferita al tubo la forma ricurva desiderata, veniva nuovamente fuso. Da allora fu possibile dare alle trombe una forma più maneggevole. L'invenzione del pistone nel 1815 rivoluzionò il modo di costruzione della tromba, rendendo necessario produrre le varie parti del meccanismo con gran precisione. Il sistema a pistoni per strumenti d ottone Al giorno d'oggi, le trombe sono costituite principalmente da leghe d'ottone e solitamente poi verniciate o argentate. Il bocchino è ricavato direttamente da un pezzo di metallo lavorato al tornio. Lo stesso vale per i pistoni, creati assieme ai fori corrispondenti. I corni francesi Mentre i tromboni sono cambiati pochissimo nel corso dei secoli, i recenti corni orchestrali hanno subito un lungo processo di progressiva modifica da un punto di vista non solo tecnico, ma anche in relazione allo sviluppo delle qualità sonore. All'inizio del diciassettesimo secolo, due tipi diversi di corni da caccia vennero uniti per produrre il cor de chasse, conosciuto in Germania come parforcehorn. Esso venne adottato nelle orchestre d opera francesi dopo il 1670 e poco dopo anche in quelle tedesche. Il suono dello strumento era generalmente usato per simboleggiare la caccia, la foresta e la natura libera. Il suo tubo stretto, solo leggermente conico, arrotolato a formare un cerchio di ampio diametro, si conclude in un padiglione poco svasato. Essendo suonato per mezzo di un bocchino a tazza, emette un suono brillante, simile a quello della tromba. Corno, Johann Heinrich Eichentopf, Leipzig 1722 Il corno, conosciuto da Bach come corno da caccia (in italiano nel testo, ndr.), è stato utilizzato in orchestra fin dalla seconda metà del XVII secolo. Johann Sebastian Bach utilizzò con grande effetto i corni, di solito in coppia, in composizioni quali il Primo Concerto Brandenburghese e in alcune sue cantate. Il corno francese è meno conico rispetto al corno moderno, ha un padiglione più piccolo e come la tromba e il trombone, viene suonato soffiando sul bocchino a tazza. Ed è il motivo per cui il suono, più caldo e scuro, è più vicino a quello della tromba che non a quello dei corni contemporanei. Liceo Chris Cappell College I D 9

10 Heinrich Stölzel, il quale assieme a Friedrich Blühmel aveva inventato il sistema del pistone sopra menzionato, costruì il primo corno nel 1814, con inizialmente due pistoni; questo nuovo sistema si impose però solo molto lentamente, eccezion fatta per quanto riguarda gli strumenti in uso nelle bande militari. Il corno non divenne di uso generale se non dopo il 1850, in Germania, e in Francia ancor più tardi. Anche allora si continuò da parte dei compositori a richiedere l impiego di alcune tecniche d esecuzione tipiche del passato, come per esempio dei cosiddetti suoni chiusi, in quanto atte a rendere possibile una caratterizzazione timbrica delle diverse note. Il lur, la tromba dell'età del Bronzo nell Europa settentrionale Fino a oggi 61 lur originali sono stati ritrovati in scavi condotti nella regione scandinava meridionale e nella regione del Baltico. Il modello più antico, un corno ricurvo e quasi semicircolare, è composto da quattro elementi e la sua datazione si colloca tra il 1300 e il 900 A.C. Il modello successivo, a forma quasi di S, è costituito da un blocco unico ed è datato fra il 900 e il 600 A.C. Gli esemplari meglio conservati di questi lur di epoca posteriore sono perfettamente circolari al decimo di millimetro, così come sono uniformemente conici dal bocchino al padiglione. Lo spessore dei lati nelle copie esposte è così sottile perché sono state fatte secondo le tecniche del bronzo. Gli originali erano di bronzo. Il suono dei lur, suonati sempre a coppia, è straordinariamente nobile, e l estensione e il timbro corrispondono piuttosto al corno francese senza pistoni della migliore qualità. La comparsa di prototipi di cornu, tuba e lituus - che i Romani ripresero dagli Etruschi - è databile dall'avvento dell'era cristiana (d.c.) Il Lur, la tromba dell età del bronzo dell Europa settentrionale Il serpentone e i cornetti L'esistenza dei cornetti in Europa è stata accertata fin dall XI secolo, ma la loro massima diffusione si ebbe nei secoli XVI e XVII. Occupando una posizione intermedia fra i legni e gli ottoni, questi strumenti sono fatti di legno e, come il flauto dolce, hanno sei fori sulla parte anteriore e uno sulla parte posteriore per il pollice, ma, come le trombe e i tromboni, vengono suonati soffiando in un bocchino a tazza. Uno strumento molto difficile da suonare, dal suono alquanto ruvido, tuttavia indispensabile come sostituto delle trombe, ancora proibite nelle bande cittadine fino al XVIII secolo. Liceo Chris Cappell College I D 10

11 Il serpentone è un cornetto tenore o basso. Malgrado il suono fosse lo stesso penetrante e ruvido, esso venne utilizzato in chiesa e nella musica militare fino alla metà del XIX secolo. Fra 1780 e 1800, i costruttori francesi e inglesi svilupparono un nuovo strumento a partire dal serpentone, piegando il tubo e conferendogli così una forma simile a quella del fagotto. A seconda delle caratteristiche tecniche esso veniva chiamato corno basso, corno basso inglese, corno basso russo o bassoserpentone. Un miglioramento nel sistema di chiavi che portò all ampliamento dell estensione fu introdotto nel 1820 da Gottlieb Streitwolf riguardo ai corni bassi cromatici, oggi divenuti ormai una rarità. Cornetto, cornetto tenore e serpentone, Germania, XVII secolo Le Tube La tuba è uno dei più grandi strumenti d'ottone con il registro più grave. Inventato all'inizio del XIX secolo, si è subito affermato nella pratica musicale. Per l esecuzione del 1870 a Bayreuth de L anello dei Nibelunghi", Wagner si fece costruire apposta le proprie tube in forme derivate dal corno francese. Forme speciali di tuba sono l helicon, che il suonatore porta avvolto intorno al corpo, e il sousaphone, dal padiglione rivolto in avanti. La tuba viene utilizzata nell orchestra sinfonica e nelle bande di ottoni. Come strumento basso svolge un ruolo solitamente secondario. Solamente nel ventesimo secolo alcuni compositori, come Paul Hindemith, hanno dimostrato nella loro musica che anche la tuba si adatta a prestazioni di tipo virtuosistico. Le trombe Basso Tuba da concerto, Wenzel Meinl, Geretsried, 1974 Tromba, Johann Friedrich Schwabe, Leipzig, 1753 Una delle più antiche trombe oggi sopravvissute è il buisine" di Ubaldo Montini, che risale al 1532 e di cui una copia è in esposizione al Deutsches Museum. Ma Montini costruì anche lunghe trombe dalla forma ricurva a noi più familiari. Suonate con tocco leggero sulle note alte, esse non squillano, bensì producono un suono raffinato e gioioso. Fu questo suono che ne fece lo strumento d elezione della nobiltà e delle libere città imperiali fin dall epoca medievale, malgrado l estensione modesta limitata al suono fondamentale e ai suoi suoni armonici. Liceo Chris Cappell College I D 11

12 Una volta che, a partire dalla metà del XVIII sec., il suo uso non venne più limitato dalle gilde, furono compiuti numerosi tentativi per ampliarne l estensione. Uno di questi fu "la tromba d invenzione" di Saurle, che poteva essere suonata in quattro tonalità diverse utilizzando anelli di tubo intercambiabili di differente lunghezza, o la tromba chiave, in cui era possibile ridurre la lunghezza delle colonne d aria vibrante, grazie a un meccanismo simile a quello dei legni. L'innovazione decisiva è venuta con l'invenzione delle valvole che, permettendo di attivare tratti supplementari di tubo, resero possibili cambiamenti della scala di suoni armonici disponibili, permettendo così di suonare in tutte le tonalità. Tromba tonale, Ignaz Lorenz, Linz, ca La tromba dell'aida era un altro tipo speciale di tromba, richiesta da Verdi per la musica sulla scena della sua opera, ma non fu utilizzata da altri compositori dopo di lui. Un altra tromba comune oggigiorno è la tromba jazz. Grazie alla valvola di Périnet, al foro più stretto e al padiglione più piccolo, essa è più adatta tecnicamente alle esigenze di questo genere di musica, e produce un suono acuto che viene spesso modificato per mezzo di diversi tipi di sordine. Il Trombone Il trombone è l unico strumento dell'orchestra classica che è cambiato poco nel corso dei secoli. Trombone tenore, Hanns Doll, Nürnberg, 1638 La trasformazione di un semplice dispositivo di scorrimento in un doppio canneggio scorrevole in posizione parallela e a forma di U ebbe luogo già intorno al 1450 in Borgogna. Verso la fine del XV secolo, il trombone si era ormai completamente evoluto e nel XVI secolo era già costruito in formati differenti, in modo da costituire un intera famiglia, composta dal trombone armonico, alto, tenore e basso. Nella pratica d esecuzione, tuttavia, i tromboni armonici erano abitualmente sostituiti dai cornetti e, in seguito, dalle trombe. Alla fine è stato solamente il trombone tenore a diventare lo strumento predominante. Dalla metà del XIX secolo, il diametro del tubo è diventato più largo e il padiglione più ampio, mentre il metallo adoperato è diventato più spesso, il che contribuì a rafforzare il suono dello strumento. Si approfittò inoltre dell invenzione delle valvole per rendere possibile l ampliamento dell estensione di una quarta nel registro grave, per mezzo dell inserimento di un ulteriore curvatura, pur rimanendo tuttavia il meccanismo tecnico di base del trombone essenzialmente lo stesso nei secoli. Ci sono stati naturalmente tentativi di sostituirlo con un sistema simile a quello delle trombe, ma siffatti strumenti sono stati usati soltanto per musica militare e, occasionalmente, in orchestre per l esecuzione di musica operistica, come per esempio quella di Verdi. Liceo Chris Cappell College I D 12

13 Gli idiofoni: strumenti naturalmente sonori Gli idiofoni sono strumenti che producono suoni o rumori grazie alle vibrazioni naturali del corpo dello strumento stesso. Ciò non richiede corde, membrane o vibrazioni di una colonna di aria. Gli idiofoni sono spesso strumenti a percussione. Questa categoria include un'ampia varietà di pezzi di legno, nacchere, sonagli, piatti, dischi d'ottone, campane e triangoli. Idiofoni più complessi sono lo xilofono, la marimba e il vibrafono. Nella cassa armonica di questi ultimi, un motore elettrico produce la rotazione in modo da aprire e chiudere periodicamente i risonatori, producendo così vibrazioni. Ma la maggior parte degli idiofoni sono al contrario strumenti molto semplici, utilizzati da ogni popolo del mondo. Essi vengono impiegati soprattutto come strumenti ritmici. Al giorno d'oggi, le percussioni occupano un ruolo importante nella moderna orchestra sinfonica. Membranofoni a percussione: tamburi e timpani Tamburi nella sala d esposizione degli strumenti musicali Anche se gli idiofoni e i membranofoni strumenti a membrana naturalmente sonori - sia nell'uso generale sia nelle attività orchestrali vengono di solito definiti come strumenti a percussione, in derivazione dal significato latino del colpire duro, non tutti gli strumenti di questo tipo in realtà vengono suonati a colpi; l'armonica di vetro, per esempio, viene suonata grazie a un azione di sfregamento. Fuori dell Europa, in Giappone, Cina, Polinesia, India, Africa e in America centrale, idiofoni e membranofoni sono assai più diffusi che non nella musica classica europea, per secoli la meno propensa a un uso ricco della strumentazione ritmica. E soltanto dal Medio Evo alla fine del XV secolo che numerosi strumenti di questo genere iniziarono a essere introdotti anche qui da noi. Il modo in cui venivano suonati non ci è noto, poiché le loro parti per questi strumenti non venivano mai scritte ed, essendone tramandato oralmente l uso, di tale tradizione si è persa ogni traccia. Nei secoli seguenti vennero usati quasi esclusivamente i timpani, suonati assieme alle trombe, e i tamburi, suonati insieme ai flauti. Campane e glockenspiel erano gli Tamburo a cornice, Giappone, idiofoni più diffusi. I tamburi sono un elemento fine XIX secolo Liceo Chris Cappell College I D 13

14 fondamentale della pratica musicale dei popoli extraeuropei, ma il loro uso in Europa è stato meno comune, eccetto che nel ballo e nella musica militare; mentre i timpani, associati generalmente alle trombe, sono elementi costanti delle nostre orchestre e vengono sempre suonati in coppia. Invenzione dell'armonica di vetro di Benjamin Franklin, XVIII secolo L armonica a vetro è un idiofono o strumento naturalmente sonoro. Un pezzo di vetro di forma idonea è in grado di produrre suoni, se percosso o strofinato adeguatamente. Si tratta dei due tipi di azioni utilizzati anche nella pratica musicale di questi strumenti. Esistono esempi di oggetti in vetro impiegati a fini musicali databili alla fine del XVI secolo. Tali strumenti divennero comuni in Inghilterra a partire dall inizio del XVI secolo. Occupando fin dal 1757 l incarico di diplomatico americano a Londra, Benjamin Franklin ( ) inventò l armonica di vetro nel 1760 circa. Fissò un insieme di recipienti in vetro di grandezza progressiva a un singolo asse, il cui movimento era assicurato da un meccanismo a pedale. La pressione di un dito inumidito sul bordo dei recipienti ruotanti generava una nota musicale. Il nuovo strumento venne ben presto diffuso in tutto il continente per opera di virtuosi itineranti e venne prodotto da numerosi fabbricanti di strumenti, soprattutto in Boemia, Baviera e Turingia. Il virtuoso di maggior successo fu Marianne Kirchgäßner ( ), alla quale tutti i grandi musicisti del tempo dedicarono proprie composizioni. Quelli ancora oggi conosciuti annoverano l adagio K 356 di Wolfgang Amadeus Mozart, oltre al suo quintetto K617 per armonica di vetro, flauto, oboe e violoncello. Poiché si suppose che arrecasse danni ai nervi dell esecutore, ma soprattutto a causa della diffusione del fortepiano e della fisarmonica, dal Armonica a vetro, Germania, suono simile, lo strumento venne dimenticato a fine XVIII secolo partire dal 1830, ed è stato di nuovo costruito e suonato solamente a partire dal 1981/83. Strumenti musicali meccanici Gli strumenti musicali meccanici sono produttori di un suono in cui la sequenza delle note è già programmata e ricavata da una sezione di controllo e infine passata a una cassa di risonanza, cioè allo strumento musicale stesso, che attiva il suono sulla base di una scala fissa di note o di altezze fisse di suoni controllabili. Essi possono suddividersi in varie categorie. Il criterio consueto per la definizione di tali categorie si basa sul meccanismo di trasferimento dei dati usato nello strumento. Liceo Chris Cappell College I D 14

15 Scatola musicale con canti di uccelli, Bontemps, Parigi, 1870 Riproduzione di un piano con tre violini,phonoliszt Violina, Hupfeld AG, Leipzig, ca Scatola musicale con canti di uccelli, Blaise Bontemps, Paris, 1870 circa Una eccezionale attrazione è questa scatola musicale con canti di uccelli, i cui segnali sono memorizzati in camme. Essa è stata realizzata dopo la seconda metà del XIX secolo a Parigi. Azionati da quattro meccanismi a orologeria, ciascuno dei quali pompa piccoli soffietti e muove varie camme, gli uccelli cantano, volano e beccano, mentre le farfalle volteggiano e un asta di vetro a torsione produce un'imitazione accettabile di una cascata. Uccelli canori meccanici venivano costruiti in Svizzera fin dal 1750 circa, in genere come elementi decorativi in cima a scatole o all interno di piccole gabbie. Il parigino Bontemps, tuttavia, riuscì anche a produrre strumenti che contenevano diversi uccelli contemporaneamente. L'albero degli uccelli del Deutsches Museum, con uccelli, farfalle, una cascata e altro ancora, costituisce probabilmente uno degli esemplari più grandi del suo genere. Fu fonte di ispirazione per il quadro Die Zwitschermaschine" ( La Macchina Cinguettante ) del pittore svizzero Paul Klee. Organo di barberia della Foresta Nera, XIX secolo Durante il secolo scorso, la Foresta Nera era un centro per la costruzione degli organi di barberia per uso domestico e di strada; una specialità della Foresta Nera era l aggiunta di figure in movimento. Qui è in mostra una piccola scena, come in un minuscolo teatro. A volte ci sono coppie che ballano, come nel caso dell organo di barberia di Xaver Bruder, o un mangiatore di dolci, riprodotto frequentemente da Andreas Ruth. Con l'aiuto di un trucco tecnico, la scena presenta un uomo che ingurgita dolce dopo dolce. Organo con canne, Franz Xaver Bruder, Waldkirch,1869 Liceo Chris Cappell College I D 15

16 Il costruttore del Bellonion, J.G. Kaufmann, Dresda, 1810 Il meccanico Friedrich Kaufmann di Dresda inventò e costruì uno strumento con 24 trombe e due tromboni, che chiamò Bellonion. Il suono veniva prodotto tramite un meccanismo di linguette simile all'arresto della canna in un organo, seppure Kaufmann utilizzò trombe vere come padiglione. Ciò produceva un'approssimazione molto vicina al reale suono di una tromba. Lo strumento proviene dalla Galleria Acustica del Kaufmann, un'attrazione popolare a Dresda tra il 1854 e il La sua collezione comprendeva anche il suonatore meccanico di tromba, realizzato nel 1810 e descritto con entusiasmo nel 1812 da Carl Maria von Weber. Mentre tutte le altre macchine erano state prodotte da Kaufmann dietro richiesta di clienti facoltosi, questo suonatore meccanico di tromba è un pezzo unico della sua Galleria, in quanto non in vendita. Suonatore meccanico di tromba, Friedrich Kaufmann, Dresden, 1810 circa Phonoliszt Violina, Lipsia, 1912 circa Dal 1850 circa in poi furono fatti vari tentativi per cercare di generare il suono del violino tramite azione meccanica. Quasi tutti però fallirono di fronte alle difficoltà rappresentate dal movimento dell archetto o dalla sua sostituzione. Il problema venne risolto da Hupfeld di Lipsia, il quale ideò un arco circolare ruotante attorno ai violini. Hupfeld utilizzò tre violini reali sospinti verso l'arco tramite la pressione di un flusso d aria. Più forte era la pressione e maggiore l intensità del suono dei violini. Ciò rese possibile la riproduzione di un crescendo o decrescendo. Leve con punta gommata venivano azionate da mantici per riprodurre l azione delle dita dell esecutore. Tali mantici speciali creavano anche l effetto del vibrato. Dettaglio della pianola, Phonoliszt Violina, Hupfeld AG, Leipzig, 1912 circa I violini sono collegati a un piano Phonoliszt, che funziona grazie a un sistema pneumatico molto simile a quello del Welte "Mignon". Anche qui la musica del piano è riprodotta con variazioni sonore in volume e timbro. La riproduzione del suono naturale di un virtuoso è quasi perfetta. Liceo Chris Cappell College I D 16

17 Riproduzione di un pianoforte a coda Welte-Steinway, Freiburg, 1928 Nel 1885 il costruttore di armoniche berlinese Otto Zabekow fabbricò uno strumento nel quale le perforazioni su un rullo di carta non venivano messe in azione meccanicamente, bensì grazie all aria soffiata direttamente da un insieme di mantici. Ecco perché Zabekow è considerato l'inventore dell azione pneumatica nelle macchine musicali, anche se egli stesso non colse l'importanza della sua invenzione e l applicò soltanto agli organetti per bambini Dal 1900 in poi questo sistema di programmazione venne utilizzato in primo luogo per dispositivi relativi al pianoforte. Ludwig Hupfeld di Lipsia ne fu il principale produttore in Germania. Il suo dispositivo si trova applicato sulla tastiera di un pianoforte verticale costruito da Steinbraber di Bayreuth, un'azienda esistente ancora oggi. Non molto dopo, Hupfeld, così come Welte a Friburgo e diverse altre aziende, riuscirono a incorporare questi dispositivi sia all interno di pianoforti verticali che di pianoforti a coda. Gli strumenti potevano quindi essere suonati sia con le mani sia meccanicamente. Malgrado le differenze nei particolari tecnici, tutti gli strumenti fanno uso di un rullo di carta perforato come base della programmazione. Una volta azionato, il rullo scorre su un pettine dotato di fessure di Riproduzione del pianoforte a coda Welte-Steinway, Friburgo, 1928 ventilazione sotto vuoto, in modo che il rullo di carta venga risucchiato contro il pettine. Mentre le perforazioni sul rullo sono sospinte sopra la fessura di ventilazione, la pressione dell aria spinge verso le guide. Controllata da due relè, la pressione aziona un piccolo insieme di mantici in modo che sospingano i martelletti sulle corde. Ciò permette una riproduzione molto realistica della musica pianistica. Organo da salotto pneumatico E.F. Walcker & Co., Ludwigsburg, 1908 Nel 1908, Walcker & Co. a Ludwigsburg costruirono un organo pneumatico per conto di un ricco commerciante di pianoforti che lo volle inserito nei pannelli in legno del suo salone per la musica. Ecco perché le fiancate sono oggi mancanti, il che offre il vantaggio di mettere in mostra i meccanismi interni dello strumento. L organo può essere suonato da un organista nella maniera consueta ma contiene anche un dispositivo per l automazione del suono simile a quello dei pianoforti prodotti da Welte o Hupfeld, in questo Liceo Chris Cappell College I D 17

18 caso però non azionato dall aspirazione dell aria, bensì usando l aria compressa che è già presente all'interno di qualsiasi organo. Dopo quasi cento anni di usura, il sistema, tecnicamente più complesso, necessita di un estesa azione di restauro. Ecco perché un modulo elettronico di memorizzazione dei dati si trova oggi sulla tastiera superiore, una versione contemporanea del dispositivo aggiuntivo di Debain e dei due meccanismi di pianole meccaniche. La musica elettronica. I sintetizzatori Gli strumenti musicali elettrici ed elettronici non sono opera dei tradizionali costruttori di strumenti, ma sono stati realizzati da esperti nei settori della fisica, dell ingegneria e della tecnologia. Del loro aspetto estetico è responsabile l industria del design. A quanto si sa, i primi tentativi per creare note e suoni facendo impiego dell elettricità vennero compiuti tra la fine del XVIII secolo e l inizio del XIX secolo. Nel 1863 un impulso significativo fu dato dal fisico berlinese Hermann von Helmholtz con un esperimento divenuto famoso a quel tempo: con l aiuto di elettromagneti, egli stimolò dei diapason, con risonatori che modellavano i suoni e producevano note simili alle vocali umane. Numerosi esperimenti di questo genere vennero realizzati prima dell inizio del Due di essi furono importanti per i successivi sviluppi. Nel 1891, Richard Eisenmann presentò un pianoforte a coda elettronico dotato di elettromagneti che facevano vibrare le corde più a lungo dopo essere state percosse dai martelletti. Nel 1897 Thaddeus Cahill, degli Stati Uniti, costruì il primo organo elettronico, che aveva tutta l apparenza di una sala macchine, con una dinamo separata per ciascuna nota. Lo studio Siemens per la musica elettronica, Siemens AG, Monaco, Il rapido sviluppo dei sintetizzatori non ebbe inizio se non dopo la Seconda Guerra Mondiale. Ben conosciuti sono i nomi di sintetizzatori come il Fonosynth e il Mini Moog. Innumerevoli furono gli strumenti sul mercato, divenuti importanti soprattutto per il loro uso nella musica leggera. Tra questi troviamo i pianoforti elettronici, le chitarre elettriche e le chitarre basso, oltre agli organi per uso casalingo. Nel medesimo periodo fecero la loro comparsa studi costosi di musica elettronica di cui si avvalsero compositori rinomati come Boulez o Stockhausen, i quali crearono nuove musiche con suoni fino ad allora sconosciuti. Liceo Chris Cappell College I D 18

19 I primi strumenti elettronici In seguito all invenzione del tubo ad aspirazione e dell altoparlante e con lo sviluppo della tecnologia radio si affermarono strumenti elettronici che producevano suoni mai uditi, facendo uso di tecnologie diverse. Trautonium, Telefunken AG, Berlin, 1934 Alcuni, come l eterofono e il theremin, erano per lo più curiosità costruite ad hoc dietro commissione. Il trautonium, invece, costruito nel 1931 per imitare il suono degli strumenti tradizionali, ebbe un influenza durevole sullo sviluppo tecnico. In una versione perfezionata, esso fu usato per molti anni dopo la Seconda Guerra Mondiale ed è stato recentemente suonato anche da Oskar Sala. Pianoforti a coda digitali Sin dalla fine del XIX secolo vennero compiuti tentativi per stimolare le corde del piano con l impiego di elettromagneti. Tali sforzi cominciarono ad avere successo soltanto dopo l invenzione del tubo ad aspirazione (1906) e dopo il miglioramento degli altoparlanti (anni Venti). Successivi sviluppi si fondarono sia sulle esigenze estetiche sia su quelle del mercato: l ideale romantico del suono che numerosi interpreti andavano diffondendo incoraggiò i costruttori di questi pianoforti a ricercare un suono pianistico che fosse ricco di sfumature dinamiche e variabile nel timbro. Allo stesso tempo la crisi economica mondiale costrinse i fabbricanti di pianoforti a cercare nuovi prodotti nel tentativo di promuovere le vendite. Piano da concerto "Showmaster", Ed. Seiler Pianofortefabrik GmbH & Co., Kitzingen, 1987 L organo Hammond modello G, Chicago, 1950 Gli organi elettronici costruiti da Hammond fin dal 1934 divennero così rinomati dopo la guerra, al punto che l organo Hammond divenne sinonimo di organo elettronico anche in Germania. Per cominciare, questi organi erano molto costosi costavano infatti la metà di un automobile media -, ma la ricchezza del timbro di tali strumenti fu L organo Hammond modello G, Chicago, 1950 garanzia di un successo che portò a dominare il Liceo Chris Cappell College I D 19

20 mercato del settore per 40 anni. Il suono è prodotto da 91 dischi rotanti dentati d acciaio. Essi si muovono a 46 diverse velocità, controllate da dispositivi. Il bordo dentato dei dischi ne è l elemento caratteristico. Il numero dei denti è in un rapporto di 1:2. Ogni disco sonoro è scandito da una testina magnetica, in modo da rendere disponibili 91 livelli di suono. L esecutore può costruirsi la timbrica selezionando l altezza del suono corrispondente con il tocco di un pomello e creando combinazioni sonore con l aiuto di stop. Ciò produce il tipico suono Hammond creato da ottave che si estendono più di quanto è teoricamente necessario, ma che suonano in modo naturale esattamente per questa ragione. I pianoforti digitali Il pianoforte digitale è una moderna aggiunta alla serie di tradizionali pianoforti meccanici. Esso offre rispetto a essi sicuramente alcuni vantaggi: è piccolo, leggero e non ha bisogno di accordatura. L esecutore può far uso di cuffie per esercitarsi senza disturbare i vicini. Lo strumento offre anche diverse variazioni tonali. Un interfaccia MIDI può essere usata per connetterlo a un sintetizzatore o a un computer. Il suono dei pianoforti digitali è diverso da quello di un normale piano, perché una corda risuona in modo diverso dalla membrana di un altoparlante. Ma è quasi impossibile distinguere i due suoni se riprodotti da un attrezzatura audio. Precursore del pianoforte digitale, August Forster Pianofabrik, Löbau, 1937 Suoni sintetici dal sintetizzatore I sintetizzatori sono strumenti musicali elettronici che possono essere adoperati per produrre tutte le possibili strutture di note, suoni ed effetti sonori, così come per la rielaborazione di suoni ottenuti da altri strumenti. La complessa programmazione di questo strumento da studio ha portato alla creazione Sintetizzatore Mini Moog, Robert Moog, Buffalo, 1978 di sintetizzatori di dimensioni più ridotte in cui i collegamenti usati frequentemente tra i moduli individuali sono già stabiliti con connessioni fisse. Malgrado ciò riduca la versatilità del suono, viene così agevolata la creazione di programmi sonori individuali. Gradualmente i grandi Liceo Chris Cappell College I D 20

La classificazione degli strumenti musicali

La classificazione degli strumenti musicali La Storia della musica e l opera d arte musicale La Storia della musica ha come oggetto di studio la musica d arte occidentale, che è caratterizzata dalla presenza di un supporto scritto (la partitura).

Dettagli

evviva LA MUSICA strumenti per una didattica inclusiva versione MiSta Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

evviva LA MUSICA strumenti per una didattica inclusiva versione MiSta Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Claudia Galli Maurizio Fasoli evviva LA MUSICA strumenti per una didattica inclusiva a cura di Marcella Papeschi Schede facilitate Mappe per lo studio libro Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Albert Cooper parla delle innovazioni di Theobald Boehm

Albert Cooper parla delle innovazioni di Theobald Boehm Albert Cooper parla delle innovazioni di Theobald Boehm Nel corso del 800 e del 900 furono apportati miglioramenti al flauto Böhm. Alcuni di questi miglioramenti sono sopravvissuti e li troviamo sugli

Dettagli

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una 37 Aerofoni Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una vibrazione di aria, senza l uso di corde o membrane

Dettagli

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Premessa Il nostro Istituto Comprensivo è stato individuato, a partire dall'anno scolastico 2014/2015, quale Scuola Primaria sede di specifici corsi

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI N.PICCINNI ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO INDICE DIPARTIMENTO DI CANTO E TEATRO MUSICALE Canto - CDPL06

Dettagli

Corso giocoso di teoria della musica.

Corso giocoso di teoria della musica. Corso giocoso di teoria della musica. Lezione 1: suoni, rumori e strumenti musicali. Ti sei mai chiesto di cosa è fatta la musica? La musica è fatta di SUONI E RUMORI Il nostro orecchio riesce a percepire

Dettagli

Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI

Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA SCUOLA DI ARPA DCPL01 - CORSO DI

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Gli strumenti a corda

Gli strumenti a corda P A R T E Strumenti e voci 1 SAPERE classificare gli strumenti a corda in base al mo in cui viene protto il suono; conoscere le tecniche di produzione del suono di questi strumenti; conoscere gli strumenti

Dettagli

LUCIANO LEONE STEFANO MANGIALARDO. Carillon. Quaderno delle verifiche PETRINI EDITORE

LUCIANO LEONE STEFANO MANGIALARDO. Carillon. Quaderno delle verifiche PETRINI EDITORE LUCIANO LEONE STEFANO MANGIALARDO Carillon Quaderno delle verifiche PETRINI EDITORE internet http://www.petrini.it e-mail petrini@petrini.it PETRINI EDITORE Coordinamento editoriale e redazione: Franca

Dettagli

Conservatorio di Musica Luca Marenzio Brescia

Conservatorio di Musica Luca Marenzio Brescia Conservatorio di Musica Luca Marenzio Brescia GUIDA DELLO STUDENTE Presentazione Il Conservatorio di Musica di Brescia Luca Marenzio vanta una lunga e prestigiosa tradizione nel settore dell alta formazione

Dettagli

ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE

ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE ESERCITAZIONE ASSOCIAZIONE DELLE ACCEZIONI DI TERMINOLOGIA MUSICALE A UNA Esercitazione URL: TASSONOMIA DI DOMINIO (STRUMENTI MUSICALI) http://www.alphabit.net/home/index.php?option=com_content&view=article&id=249

Dettagli

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

LE MACCHINE ELETTROSTATICHE

LE MACCHINE ELETTROSTATICHE LE MACCHINE ELETTROSTATICHE Le macchine elettrostatiche, ideate nel XVIII secolo, sono strumenti in grado di generare elettricità statica. I generatori elettrostatici furono fra gli strumenti più importanti

Dettagli

CORSI VECCHIO ORDINAMENTO

CORSI VECCHIO ORDINAMENTO CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA JACOPO TOMADINI UDINE CORSI VECCHIO ORDINAMENTO REGOLAMENTO Emanato con decreto del Direttore n. 130 del 16/10/2013 Modificato con delibera Consiglio accademico 28 marzo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA

DIREZIONE GENERALE PER L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA Decreto Ministeriale 12 marzo 2007 prot. n. 39/2007 D.M. 12 marzo 2007, n. 39 - Riconoscimento dei titoli finali da rilasciare a conclusione dei corsi biennali sperimentali attivati presso la Accademie

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA' DEL LICEO MUSICALE

REGOLAMENTO ATTIVITA' DEL LICEO MUSICALE LICEO GINNASIO DI STATO "DANTE" CLASSICO E MUSICALE Via Francesco Puccinotti, 55 50129 FIRENZE Tel. 055490268-055473529 (anche fax) home page www.liceoclassicodante.fi.it e-mail info@liceoclassicodante.fi.it

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE Conservatorio Statale Antonio Vivaldi Via Parma 1. 15121 Alessandria Tel. 0131.051500 - Fax 0131.32533 BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE ARPA CANTO LIRICO INDIRIZZO CONCERTISTICO il

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni)

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni parametri fisici (cenni) Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ Nucleo fondante: COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO MUSICALE E PRATICA STRUMENTALE Conoscenze L insegnamento strumentale

Dettagli

SCUOLA DI ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA

SCUOLA DI ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA 1 SCUOLA DI Esami ministeriali: I Programma degli Esami di Compimento del Periodo Inferiore A) Prove di pianoforte: a) Esecuzione di uno studio estratto a sorte fra i seguenti, del Gradus di Clementi:

Dettagli

DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI II LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI, INDIRIZZO INTERPETATIVO E COMPOSITIVO SCUOLA DI ARPA - SUBINDIRIZZO ORCHESTRALE

DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI II LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI, INDIRIZZO INTERPETATIVO E COMPOSITIVO SCUOLA DI ARPA - SUBINDIRIZZO ORCHESTRALE IN DISCIPLINE MUSICALI, INDIRIZZO INTERPETATIVO E COMPOSITIVO SCUOLA DI ARPA - SUBINDIRIZZO ORCHESTRALE a) Esecuzione di uno studio scelto dal candidato tra: Posse Acht Grosse Konzert Etuden ( ed. Zimmerman)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO PER I CORSI DI FORMAZIONE MUSICALE PRE-ACCADEMICA

REGOLAMENTO DIDATTICO PER I CORSI DI FORMAZIONE MUSICALE PRE-ACCADEMICA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER LA FORMAZIONE SUPERIORE E PER LA RICERCA Conservatorio di Musica di Stato Antonio Scontrino Trapani REGOLAMENTO DIDATTICO PER

Dettagli

Conservatorio di Musica Alfredo Casella I s t i t u t o S u p e r i o r e d i S t u d i M u s i c a l i

Conservatorio di Musica Alfredo Casella I s t i t u t o S u p e r i o r e d i S t u d i M u s i c a l i Conservatorio di Musica Alfredo Casella I s t i t u t o S u p e r i o r e d i S t u d i M u s i c a l i REGOLAMENTO CORSI PRE-ACCADEMICI REGOLAMENTO CORSI PRE-ACCADEMICI INTRODUZIONE GENERALE La presente

Dettagli

Regolamento Unico riguardante il prestito di strumenti musicali e di attrezzatura musicale di proprietà della Società Filarmonica

Regolamento Unico riguardante il prestito di strumenti musicali e di attrezzatura musicale di proprietà della Società Filarmonica Società Filarmonica di Bagnolo Mella Regolamento Unico riguardante il prestito di strumenti musicali e di attrezzatura musicale di proprietà della Società Filarmonica Il presente Regolamento Unico è stato

Dettagli

ASSOCIAZIONE INSTRUMENTA SONORA. DOSSIER delle ATTIVITÀ

ASSOCIAZIONE INSTRUMENTA SONORA. DOSSIER delle ATTIVITÀ ASSOCIAZIONE INSTRUMENTA SONORA DOSSIER delle ATTIVITÀ Sintetico aggiornato a Maggio 2008 L Associazione INSTRUMENTA SONORA è nata nel 1995. L'Associazione opera per la diffusione della cultura musicale

Dettagli

Bando pubblico per l insegnamento presso la scuola comunale di musica Giuseppe Verdi di Prato

Bando pubblico per l insegnamento presso la scuola comunale di musica Giuseppe Verdi di Prato SCUOLA DI MUSICA "G. VERDI" Via S.Trinità, 2 59100 Prato - Italy Tel +39 0574 612111 Fax +39 0574 1837330 www.scuolaverdi.it Bando pubblico per l insegnamento presso la scuola comunale di musica Giuseppe

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA FRANCESCO VENEZZE. rovigo. www.conservatoriorovigo.it

CONSERVATORIO DI MUSICA FRANCESCO VENEZZE. rovigo. www.conservatoriorovigo.it CONSERVATORIO DI MUSICA FRANCESCO VENEZZE rovigo www.conservatoriorovigo.it indice 3.... IL CONSERVATORIO 4.... I CORSI 4.... CALENDARIO ACCADEMICO 5.... COMPOSIZIONE 6.... JAZZ 7.... CANTO 8.... CORSI

Dettagli

Caratteristiche dell organo allo smontaggio

Caratteristiche dell organo allo smontaggio Levata di Curtatone (MN). Anno 2004. Tastiera di 54 note do 1 - la 5 Keyboard 54 notes C a Ottava corta Short octave Pedaliera di 18 note do 1 - la 2 Pedal board 18 notes C a Ottava corta Short octave

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

Concorso Internazionale di Composizione per orchestra giovanile Bruno Maderna 2012 Terza Edizione

Concorso Internazionale di Composizione per orchestra giovanile Bruno Maderna 2012 Terza Edizione Concorso Internazionale di Composizione per orchestra giovanile Terza Edizione Composizione per orchestra giovanile Termine di scadenza: 20 giugno 2012 Organico massimo consentito: 2 flauti, 2 oboi, 2

Dettagli

Regolamento di funzionamento dei Corsi di fascia pre-accademica

Regolamento di funzionamento dei Corsi di fascia pre-accademica Vista la Legge del 21 dicembre 1999, n. 508 Visto il Decreto del Presidente della Repubblica del 28 febbraio 2003, n. 132 Visto il Decreto del Presidente della Repubblica dell 8 luglio 2005, n. 212, in

Dettagli

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 BANDO ARDESIS IDENTITA CULTURALE Protocollo LOM.16.13 IIS TORRIANI LICEO

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO SCUOLA DELL INFANZAI MUSSI SEZIONE BLU Anno scol. 2012-2013 PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Fantavolando. www.fantavolando

Fantavolando. www.fantavolando Fantavolando www.fantavolando LABORATORIO DI EDUCAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un linguaggio che li coinvolge

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA

Istituto Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA PRESENTAZIONE In questa parte del laboratorio si andranno ad affrontare una serie di esperienze per scoprire il funzionamento del telefono e delle sue parti fondamentali, si ripeterà l esperienza di Meucci,

Dettagli

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione La psicologia dell udito onde sonore percezione uditiva cognizione Fisica-percezione-cognizione Aria Orecchio Mente Suono Sensazione Musica/Parole Ampiezza Intensità Dinamica Frequenza Altezza Classe di

Dettagli

Pietro L ULTIMA SYMPHONIA

Pietro L ULTIMA SYMPHONIA Pietro L ULTIMA SYMPHONIA Storia, costruzione e repertorio dello strumento senza tavola armonica 1 2 LE OSCURE ORIGINI L ipotesi più plausibile dell origine degli strumenti a corda sfregata è basata dalla

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

Laboratorio di restauro di strumenti musicali a tastiera M.Elice

Laboratorio di restauro di strumenti musicali a tastiera M.Elice Presentazione SINTETICA dell attività del Laboratorio di restauro di strumenti musicali a tastiera M.Elice N.B.: Il presente file in formato PDF raccoglie una stringata sintesi delle schede delle Presentazioni

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014 / 2015 DAL 20 GIUGNO al 07 LUGLIO SARANNO ACCETTATE LE ISTANZE PER GLI ESAMI DI AMMISSIONE AI SEGUENTI CORSI DI STUDIO DELL ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento LICEO MUSICALE C. MONTANARI CONSERVATORIO DI MUSICA E.F. DALL ABACO SIMULAZIONE DELLA PROVA DI AMMISSIONE AL LICEO MUSICALE PER L ANNO SCOLASTICO 2011-12 Calendario temporale degli adempimenti 14 gennaio

Dettagli

Calendario delle lezioni aperte per gli studenti di 3^ Media

Calendario delle lezioni aperte per gli studenti di 3^ Media Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO STATALE CARLO TENCA Bastioni di Porta Volta,16 20121 Milano Tel. 02.6551606 Fax 02.6554306 C. F. 80126370156 Cod. Mecc. MIPM11000D www.istitutotenca.eu

Dettagli

Suggerimenti didattici per la Scuola Secondaria di 1 grado

Suggerimenti didattici per la Scuola Secondaria di 1 grado tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Suoni nell orecchio dal progetto Reinventore per la diffusione della cultura scientifica Suggerimenti didattici per la Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE

ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE INDICE IL SISTEMA AFAM pag. 2 Il sistema AFAM pag. 2 Istituzioni del comparto AFAM pag. 2 Istituzioni private autorizzate a rilasciare titoli di Alta Formazione Artistica,

Dettagli

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS

BIKO: Made in Italy, Qualità, Stile ed Attenzione al Cliente. Biko BENDING ROLLS SHAPING THE FUTURE Da oltre 20 anni BIKO è sinonimo di qualità. Già subito dopo il suo lancio, la linea di calandre BIKO è diventata la marca preferita di centinaia di produttori di serbatoi, scambiatori

Dettagli

Verso un nuovo ecosistema musicale Convergenze tra i settori degli studi musicali, nuovi soggetti, operatori della formazione, industria e commercio

Verso un nuovo ecosistema musicale Convergenze tra i settori degli studi musicali, nuovi soggetti, operatori della formazione, industria e commercio Milano Civica Scuola di Musica Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Verso un nuovo ecosistema musicale Convergenze tra i settori degli studi musicali, nuovi soggetti, operatori della formazione,

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Introduzione Le onde stazionarie presenti su una corda vibrante, quando la stessa è messa in moto da una forza impulsiva, dopo un iniziale transiente, possono

Dettagli

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 -

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 - MINISTERO DELL ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA CONSERVATORIO DI MUSICA LUCIO CAMPIANI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Via della Conciliazione 33 46100 Mantova Italia tel. +39 0376 324636 fax +39

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI

CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI L.C.E.1 Il bambino segue con attenzione e con piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, cinematografici

Dettagli

Sistemi Web per il turismo - lezione 2 -

Sistemi Web per il turismo - lezione 2 - Sistemi Web per il turismo - lezione 2 - 8 Considerare il computer coma una calcolatrice sembra un po limitativo rispetto a quello che solitamente vediamo succedere sui computer intorno a noi come ad esempio

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI L attività del musicista, con la sua complessità dal punto di vista dell improvvisazione, della composizione e della performance, rappresenta un ottimo esempio di gestione

Dettagli

LICEO VERONICA GAMBARA di BRESCIA

LICEO VERONICA GAMBARA di BRESCIA LICEO VERONICA GAMBARA di BRESCIA PRESENTAZIONE DEL LICEO 2 PIANO DI STUDI E QUADRO ORARIO 3 INSEGNAMENTI DI STRUMENTO IMPARTITI 4 ISCRIZIONE E PROVA DI AMMISSIONE 4 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE 5 PROGETTI

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena MUSICA PER TUTTI Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Indirizzato alle Scuole Primarie dell Istituto

Dettagli

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2.

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2. Manuale d istruzioni 1 Sommario 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2 3 Sicurezza 2 4 Trasporto e immagazzinamento 2 4.1 Sollevamento 2 4.2 Immagazzinamento

Dettagli

La linea...in movimento

La linea...in movimento La linea...in movimento Il percorso di arte e immagine riprende con la LINEA. Sarà però una linea dinamica ed emotiva, una linea che prenderà vita grazie alle emozioni suscitate dalla musica, una linea

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

T E R E S A P R O C A C C I N I T E R E S A P R O C A C C I N I T E R E S A P R O C A C C I N I T E R E S A P R O C A C C I N I

T E R E S A P R O C A C C I N I T E R E S A P R O C A C C I N I T E R E S A P R O C A C C I N I T E R E S A P R O C A C C I N I TITOLO Tre Liriche per canto e pianoforte op. 1-1955 EDIZIONE Edipan, 2001 Segnatura FTP - 01 Spartito n. 01 Inventario FTP - 001 Parti n. == TITOLO Trio per violino, violoncello e pianoforte op.5-1956

Dettagli

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11 Indice: Introduzione 2 L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3 Adsr 4 I cavi 6 Tipo di connettori 7 Gli alimentatori 9 L'amplificatore 11 Le valvole 15 I trasduttori elettroacustici 16 Il compressore

Dettagli

Corsi di formazione musicale preaccademica

Corsi di formazione musicale preaccademica Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Via Galilei 40-57122 Livorno tel 0586 403724 fax 0586 426089 http://www.istitutomascagni.it/ - segreteria@istitutomascagni.it Regolamento di

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

Laboratorio di Musica Barocca dei Conservatori del Veneto

Laboratorio di Musica Barocca dei Conservatori del Veneto Laboratorio di Musica Barocca dei Conservatori del Veneto VIII EDIZIONE ANNO 2015 Villa Contarini - Fondazione G. E. Ghirardi Piazzola Sul Brenta (Padova) / Conservatorio di Venezia SETTEMBRE / OTTOBRE

Dettagli

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica.

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica. Lezione 26 - pag.1 Lezione 26: Le macchine termiche 26.1. La conversione di energia meccanica in energia termica Sappiamo che quando un corpo cade, nel corso della caduta la sua energia meccanica, se gli

Dettagli

Musica e computer. Audio digitale e tecnologie MIDI. Prima parte: Dal suono all elettricità La conversione analogico/digitale

Musica e computer. Audio digitale e tecnologie MIDI. Prima parte: Dal suono all elettricità La conversione analogico/digitale Musica e computer: Audio digitale e tecnologie MIDI prima parte Musica e computer Audio digitale e tecnologie MIDI Prima parte: Dal suono all elettricità La conversione analogico/digitale Obiettivi del

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

INTAVOLATURA: ORIGINI E CARATTERISTICHE

INTAVOLATURA: ORIGINI E CARATTERISTICHE INTAVOLATURA: ORIGINI E CARATTERISTICHE Sappiamo bene quanto la scrittura sia stata importante e fondamentale nell evoluzione umana Scrivere non rappresenta solo un mezzo per evitare una trasmissione orale

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

LA MUSICA ETNICA. (Italia compresa)

LA MUSICA ETNICA. (Italia compresa) LA MUSICA ETNICA Per indicare la musica dei diversi popoli si usa l aggettivo etnica, parola di origine greca (ethnos) che significa proprio: tipica del popolo. Questa musica, detta anche popolare o folcloristica,

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Prot. n 7373 Cosenza, lì 22/09/2011

Prot. n 7373 Cosenza, lì 22/09/2011 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA ALTA FORMAZIONE ARTISICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA STANISLAO GIACOMANTONIO PORTAPIANA CONVENTO DI S. MARIA DELLE GRAZIE 87100

Dettagli

CALENDARIO ESAMI MATERIE PRINCIPALI SESSIONE AUTUNNALE A.A.2008-2009 Materia Giorno Orario Osservazioni Basso Tuba Giovedì 24 settembre 2009 14,00

CALENDARIO ESAMI MATERIE PRINCIPALI SESSIONE AUTUNNALE A.A.2008-2009 Materia Giorno Orario Osservazioni Basso Tuba Giovedì 24 settembre 2009 14,00 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S.CECILIA 00187 ROMA - Via dei Greci, 18 C.F. 80203690583 Tel. 063609671-2-3 Fax.0636001800

Dettagli

www.iissluigirusso.gov.it LUIGI RUSSO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 70043 - Monopoli (Ba)

www.iissluigirusso.gov.it LUIGI RUSSO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 70043 - Monopoli (Ba) www.iissluigirusso.gov.it il bais0 00c@istru one.it L I.I.S.S. Luigi Russo è un Istituto Statale che propone un offerta formativa ampia, articolata, secondo quanto previsto dalla riforma dei Licei e degli

Dettagli

PROGETTO ORCHESTRA SINFONICA

PROGETTO ORCHESTRA SINFONICA PROGETTO ORCHESTRA SINFONICA DEI QUARTIERI SPAGNOLI DI NAPOLI Ispirata a El sistema di Josè Antonio Abreu Contatti: vicdepaola44@gmail.com Bisognerebbe ricordare alla gente che cosa è la bellezza, aiutarla

Dettagli

L investimento Steinway

L investimento Steinway L investimento Steinway I tempi cambiano, le borse traballano, ma da più di un secolo e mezzo ogni strumento Steinway è cresciuto di valore. Come deve essere l investimento ideale? Aumento di valore e

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

Avviamento facile e consumi ridotti. Il decespugliatore STIHL FS 70 RC

Avviamento facile e consumi ridotti. Il decespugliatore STIHL FS 70 RC Avviamento facile e consumi ridotti Il decespugliatore STIHL FS 70 RC Il nuovo decespugliatore STIHL FS 70 RC Mostra l impegno di un «grande» Erba alta, grandi superfici e in mezzo cespugli: se la cura

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI Silenziamento lungo i condotti o tramite silenziatori dissipativi I canali rettangolari costruiti con lamiera metallica presentano una bassa attenuazione sonora dell ordine

Dettagli

Bando Audizioni Orchestra Simon Boccanegra

Bando Audizioni Orchestra Simon Boccanegra Bando Audizioni Orchestra Simon Boccanegra L Associazione Movimento Allegro con Fuoco apre ufficialmente il bando per la selezione di musicisti da inserire nell organico dell Orchestra Simon Boccanegra

Dettagli

Tutti possono suonare la chitarra

Tutti possono suonare la chitarra Corso di chitarra base Tutti possono suonare la chitarra Lezioni di Chitarra a cura di Alfredo Serafini Questo ebook è un corso di chitarra per principianti distribuito da www.lezionidichitarrarock.com

Dettagli

Livorno Music Festival 28 agosto 9 settembre 2012 Fortezza Vecchia, Teatro Goldoni e Grand Hotel Palazzo

Livorno Music Festival 28 agosto 9 settembre 2012 Fortezza Vecchia, Teatro Goldoni e Grand Hotel Palazzo Livorno Music Festival 28 agosto 9 settembre 2012 Fortezza Vecchia, Teatro Goldoni e Grand Hotel Palazzo CARTELLONE CONCERTI Martedì 28 agosto Roland Dyens, chitarra Classico nelle dita e Jazzista nella

Dettagli

CLV8 / CLV7 / CLV6 / CLV4

CLV8 / CLV7 / CLV6 / CLV4 CLV8 / CLV7 / CLV6 / CLV4 Il suono prima di tutto Ogni strumento musicale ha un anima propria. Quella degli organi classici viene da molto lontano, sorge in epoche distanti e da culture antichissime. Oggi

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli