Capitolato tecnico. Sviluppo e ammodernamento del sistema informativo dell Assemblea regionale. Capitolato tecnico Allegato 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato tecnico. Sviluppo e ammodernamento del sistema informativo dell Assemblea regionale. Capitolato tecnico Allegato 1"

Transcript

1 Capitolato tecnico Allegato 1 Capitolato tecnico Sviluppo e ammodernamento del sistema informativo dell Assemblea regionale Versione: definitiva Data: 4 agosto 2008 Numero pagine: 56

2 INDICE dei CONTENUTI CAPITOLATO TECNICO 1 1. INTRODUZIONE STRUTTURA DEL DOCUMENTO DOCUMENTI DI RIFERIMENTO E APPLICABILI ACRONIMI, ABBREVIAZIONI, DEFINIZIONI GENERALITÀ DEL PROGETTO OBIETTIVI PRINCIPI FONDAMENTALI SINTESI ATTIVITÀ E OGGETTI DI FORNITURA IL SISTEMA ATTUALE FUNZIONALITÀ ARCHITETTURA DEFINIZIONE DEL NUOVO SISTEMA ARCHITETTURA FUNZIONALE Requisiti generali Sicurezza Servizi componenti moduli UTENTI ARCHITETTURA TECNOLOGICA Componenti hardware Componenti software di base MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO SERVIZI Installazione e configurazione Migrazione dati Avvio in esercizio Assistenza di manutenzione migliorativa, adeguativa e correttiva Capitolato Tecnico pag. 2 di 56

3 Livelli di servizio e penali Assistenza di manutenzione evolutiva Livelli di servizio e penali FORMAZIONE (CORSI E TRAINING ON THE JOB) GARANZIA Livelli di servizio e penali ELEMENTI QUANTITATIVI DELLE MISURE REALIZZAZIONE DEL SISTEMA REQUISITI ORGANIZZATIVI Metodologie di progetto Requisiti di documentazione Modalità di pianificazione, controllo e revisione PIANO DI IMPLEMENTAZIONE Piano di progetto Capitolato Tecnico pag. 3 di 56

4 INDICE delle TABELLE Tabella 1: organizzazione per capitoli del documento... 5 Tabella 2: documenti di riferimento... 6 Tabella 3: acronimi, abbreviazioni, definizioni... 8 Tabella 4: moduli dei componenti Tabella 5: caratteristiche dei server Tabella 6: possibile configurazione dei server Tabella 7: modalità di erogazione dei servizi Tabella 8: livelli servizio e penali per manutenzione adeguativa/correttiva Tabella 9: livelli servizio e penali per manutenzione evolutiva Tabella 10: dimensionamento dei corsi di formazione Tabella 11: schema del corso di formazione Tabella 12: metriche dei tempi di intervento per la garanzia Tabella 13: metriche dei tempi di ripristino per la garanzia Tabella 14: Garanzia - misure di accompagnamento Tabella 15: Formazione misure di accompagnamento Tabella 16: Servizi - Esempio di misure di accompagnamento Tabella 17: manualistica tecnica Tabella 18: sintesi del piano di implementazione INDICE delle FIGURE Figura 1: gli attuali servizi applicativi del CRV Figura 2: infrastruttura e servizi applicativi Figura 3: il modello concettuale Figura 4: il modello logico dell architettura funzionale Figura 5: schema indicativo dell infrastruttura tecnologica Figura 6: fasi di realizzazione Figura 7: Gantt di progetto Capitolato Tecnico pag. 4 di 56

5 1. INTRODUZIONE Il presente documento rappresenta il Capitolato Tecnico di riferimento per la gara relativa allo sviluppo e ammodernamento del Sistema Informativo dell Assemblea Regionale del CRV. 1.1 STRUTTURA DEL DOCUMENTO Il documento si compone di 56 pagine ed è strutturato, oltre a questo capitolo, come sintetizzato nella tabella seguente: Num. 2 Capitolo Titolo GENERALITÀ DEL PROGETTO 3 IL SISTEMA ATTUALE DEFINIZIONE DEL NUOVO SISTEMA MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO REALIZZAZIONE DEL SISTEMA Contenuto Descrive le finalità del Sistema, fornendo una panoramica di sintesi del progetto in termini di obiettivi, e principi fondamentali. Descrive in modo sintetico il sistema attualmente in uso presso il CRV, con particolare riferimento all architettura tecnologica e alle funzionalità utilizzate. Individua dapprima l architettura funzionale, in termini di requisiti generali, di sicurezza e dei servizi applicativi; definisce quindi le categorie di utenti e l architettura tecnologica di riferimento. Definisce le misure di accompagnamento da porre in essere per l avvio del Sistema con particolare riferimento ai servizi da erogare in termini di installazione e configurazione, migrazione dati, avvio in esercizio, assistenza di manutenzione, formazione (corsi e training on the job), e garanzia, con i rispettivi livelli di servizio e penali. Il capitolo si chiude indicando gli elementi quantitativi minimali previsti per l erogazione di tali misure. Identifica le modalità da attuare per la conduzione del progetto sia per quanto riguarda i requisiti organizzativi (metodologie, documentazione, pianificazione controllo revisione) sia per il relativo piano di implementazione. Tabella 1: organizzazione per capitoli del documento Capitolato Tecnico pag. 5 di 56

6 1.2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO E APPLICABILI I documenti citati nella seguente tabella sono usati come riferimento e contengono obblighi di progetto vincolanti per il Fornitore verso il Cliente. Ente Titolo Rif. CRV Sviluppo e ammodernamento del sistema informativo dell Assemblea regionale - Studio di fattibilità R[1] CRV Requisiti Funzionali con Use Case del sistema informativo del Consiglio Regionale Veneto CRV Documenti del sistema per la gestione di qualità R[3] CRV Statuto Regione Veneto R[4] CRV Regolamento del CRV R[5] CRV Regolamento interno per l Amministrazione R[6] CRV R[7] Tabella 2: documenti di riferimento I documenti da R[3] a R[6] sono consultabili anche su R[7]. R[2] 1.3 ACRONIMI, ABBREVIAZIONI, DEFINIZIONI Nella tabella seguente sono indicati, in ordine alfabetico, i significati e le relative descrizioni attribuiti agli acronimi e alle abbreviazioni utilizzate nel presente documento. Non sono invece riportate quelle abbreviazioni considerate di significato non ambiguo nel settore dell Information Technology (quali, ad esempio CD, Hz, Gb, Mb, PC, RAM,, etc.) e, per quelle relative al contesto informativo del Consiglio regionale del Veneto (di seguito indicato anche con CRV o Cliente), non è riportata la descrizione. Acronimo Abbrev.ne Significato Descrizione BI Business Intelligence Cluster Due macchine collegate in maniera che quando una delle due smette di funzionare, l altra subentra allo scopo di garantire un servizio continuativo (Fail-over Cluster). CRV Consiglio Regionale del Veneto Organo legislativo della Regione Veneto. DB Data Base Strumento di gestione e archiviazione dei dati. DBMS DB Mag.nt System Sistema di gestione di un Data Base. DM Gestione documentale; rappresenta l insieme delle Document attività necessarie per archiviare i documenti, Management controllarne gli accessi e la loro versione. DMS Document Management System Sistema di supporto alle attività di gestione documentale. Capitolato Tecnico pag. 6 di 56

7 Acronimo Abbrev.ne DMZ Significato DeMilitarized Zone ERP Enterprise Resource Planning ESB Enterprise service Bus Descrizione Zona perimetrale di una rete di un sistema informativo in cui sono presenti le risorse raggiungibili direttamente dagli utenti esterni senza che ciò comprometta la sicurezza della zona interna del sistema. GR Giunta Regionale Organo Esecutivo dell Amministrazione Regionale HTML Hyper Text Markup Linguaggio usato per descrivere i documenti ipertestuali Language disponibili nel Web. HTTP Hyper Text Transfer Protocollo di trasferimento di un ipertesto, utilizzato per Protocol la trasmissione di informazioni sul Web. HW Hardware Parte fisica di un elaboratore. IAM Identity Access Management ICT Information and Communication Technology Convergenza fra informatica e telematica per la trasmissione dell informazione; tecnologie comprendenti le reti, l architettura e la multimedialità. IT LAN LDAP OO PEC PM PSW SI SLA SO SOA SW SWAP Information Technology Local Area Network Lightweight Directory Access Protocoll Object Oriented Posta Elettronica Certificata Project Management Password Rack Sistema Informativo Service Level Agreement Service Oriented Service Oriented Architetture Software Single Web Access Point Sinonimo di ICT. Identifica una rete locale che consente di far comunicare fra loro computer e periferiche. Protocollo standard di accesso ai servizi presenti all interno di un repository di informazioni. Orientato agli Oggetti. Paradigma di analisi, disegno e sviluppo di sistemi software. Pianificazione, esecuzione e monitoraggio di un progetto, inteso come insieme di attività di durata finita nel tempo. Armadio, con dimensioni standard, che consente l allestimento di computer in posizione verticale. Sistema che organizza e gestisce in modo efficace ed efficiente le informazioni necessarie per perseguire uno o più scopi, per automatizzare e supportare le procedure di lavoro all interno dell organizzazione. Strumenti contrattuali, attraverso i quali si definiscono le metriche di servizio che devono essere rispettate da un fornitore (sia esso interno o esterno all azienda). Orientato ai Servizi. Paradigma di modellazione basato sull individuazione di funzionalità offerte come servizi.. Architettura Orientata ai Servizi. Programma o un insieme di programmi in grado di funzionare in un elaboratore. Applicazione interna del CRV, che consente l accesso alle applicazioni (portale interno del CRV). Capitolato Tecnico pag. 7 di 56

8 Acronimo Abbrev.ne TT UCSI UML VPN WAI WBS WF WFMS W3C Significato Trouble Ticketing Unità Complessa Sistema Informativo Unified Modelling Language Virtual Private Network Web Accessibility Initiative Work Breakdown Structure Work Flow WorkFlow Management System World Wide Web Consortium Descrizione Sistema di gestione delle richieste di intervento per malfunzionamenti. Linguaggio di modellazione e specifica di sistemi applicativi Rete privata instaurata tra soggetti che utilizzano un sistema di trasmissione pubblico e condiviso. Struttura analitica del progetto, identifica l insieme delle attività in cui è possibile decomporre un progetto Insieme di processi cooperanti fra loro che consistono in una o più attività, ognuna delle quali rappresenta un lavoro da svolgere per giungere a un obiettivo comune. Sostiene l organizzazione del processo di lavoro mediante l utilizzo di software specifici. Tabella 3: acronimi, abbreviazioni, definizioni Capitolato Tecnico pag. 8 di 56

9 2. GENERALITÀ DEL PROGETTO Il progetto in argomento prevede lo sviluppo e l ammodernamento tecnologico del Sistema informativo attualmente in uso presso il CRV al fine di consentire allo stesso di svolgere al meglio il supporto alle funzioni legislative, di indirizzo politico e di controllo così come definite dalla Costituzione della Repubblica Italiana (art. 117) e dallo Statuto del Veneto (art. 8 e art. 9). In particolare, il progetto punta all introduzione delle nuove tecnologie emergenti allo scopo di migliorare i processi interni di automazione dei flussi procedurali legati alle attività istituzionali e i processi esterni finalizzati al miglioramento della comunicazione e interoperabilità con altri enti esterni. Questo sarà raggiunto attraverso il potenziamento delle infrastrutture hardware, l acquisizione di specifico software di base e la riorganizzazione dei processi di business che, attraverso l introduzione di funzionalità applicative sviluppate ad hoc, consentirà un uso efficace del Sistema e un proficuo scambio informativo con i Cittadini e gli Enti istituzionalmente coinvolti nelle attività dell Assemblea legislativa Regionale. 2.1 OBIETTIVI Nell'ambito degli organi istituzionali e delle strutture organizzative del CRV, è sempre più avvertita l'esigenza di un miglioramento dei sistemi tecnologici a supporto delle attività. Il CRV fa già uso di un sistema informativo per lo svolgimento di tali attività; lo sviluppo tecnologico attuale da un lato, l esigenza di disporre di un collante che permetta di continuare a gestire la complessità delle problematiche legate al mondo IT (tenendo conto delle esigenze di business dell azienda CRV ) e la necessità di far fronte alle criticità architetturali ormai evidenti (sviluppo del sistema in assenza di un piano organico in armonia con un delineato indirizzo strategico, frammentazione tecnologica che rende difficoltoso il presidio, orientamento di governo verso attività di gestione operativa piuttosto che di sviluppo) hanno determinato l esigenza di ammodernamento e potenziamento del sistema informativo attualmente in uso presso il CRV. In particolare, sono state individuate le seguenti tre aree di interesse strategico, per ognuna delle quali sono definiti i principi fondamentali con i relativi obiettivi generali che si intendono perseguire per questo progetto. Area Business: servizi ad alto livello su cui insistono i processi aziendali. Potenziamento della comunicazione: Migliorare l immagine istituzionale; Introdurre strumenti di comunicazione bi-direzionale con il cittadino; Raggiungere tutti gli stakeholder del Consiglio Regionale in tempo reale; Capitolato Tecnico pag. 9 di 56

10 Realizzare un sistema in grado di cogliere ed integrare nuove opportunità di comunicazione sotto la spinta di nuove tecnologie. Automazione dei flussi procedurali: Sostituire l attuale strumento di supporto all attività istituzionale (che risulta difficile da usare, incompleto e non integrato) con la gestione documentale; Introdurre uno strumento avanzato di workflow management per migliorare la governabilità e l efficienza dell organizzazione. Interfaccia con il sistema informativo della Giunta Regionale: Favorire la collaborazione tra due organizzazioni sinergiche; Abbattere gli ostacoli tecnologici allo scambio di informazioni in tempo reale tra CRV e Giunta. Introduzione di un cruscotto gestionale: Migliorare la governabilità dell organizzazione; Semplificare l accesso agli indicatori di performance dell organizzazione; Migliorare dell efficienza nella gestione delle risorse discrezionali. Area Information: principali flussi informativi e tipi di dati scambiati tra gli attori coinvolti nelle singole fasi dei processi. Razionalizzazione del patrimonio informativo: Migliorare l accessibilità ai dati; Migliorare e semplificare l organizzazione delle banche dati; Eliminare i problemi di duplicazione dei dati e le conseguenti inconsistenze; Garantire la salvaguardia del patrimonio informativo fino ad oggi raccolto, predisponendo un accurato piano di migrazione dati. Introduzione della firma digitale e della posta elettronica certificata: Ridurre la mole di documenti cartacei; Ridurre i problemi associati al doppio iter (elettronico vs. cartaceo) di atti e pratiche; Migliorare e controllare i processi di approvazione; Garantire al mittente la fornitura della documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l'invio e la consegna di documenti informatici; Favorire l interoperabilità con altre organizzazioni. Area Information Systems: principali tipologie di sistemi e componenti dei sistemi informativi utilizzati nelle singole fasi dei processi (Servizi Applicativi). Priorità nel rilascio dei servizi applicativi (1^ Riuso, 2^ Acquisto, 3^ Sviluppo): Salvaguardare il patrimonio applicativo; Contenere il disagio per gli utenti del sistema; Capitolato Tecnico pag. 10 di 56

11 Ridurre il TCO (Total Cost of Ownership) per il nuovo sistema informativo; Mitigare i rischi associati allo sviluppo di nuovi progetti. Accesso ad applicazioni e dati attraverso un browser web, dove possibile: Semplificare l accesso a diverse tipologie di canali, dispositivi, utenti; Fornire all utente la percezione di un insieme integrato di servizi raggiungibili con semplicità. Standardizzazione della tecnologia applicativa: Ridurre il tempo di rilascio di nuovi servizi richiesti dall utente; Ridurre i costi di nuove soluzioni; Ridurre i costi associati al training del personale IT; Semplificare la manutenzione del sistema. Realizzazione di un architettura a componenti con interfacce standardizzate: Realizzare un sistema modulare; Ridurre tempi e costi per il rilascio di nuovi servizi richiesti dall utente; Favorire l interoperabilità tra sistemi. Utilizzo del paradigma Service -Oriented nel disegno della nuova architettura: Realizzare un sistema in cui le funzionalità sono fornite come servizi; Identificare i servizi comuni che pertanto possono essere riutilizzati; Utilizzare soluzioni che integrino il concetto di separazione tra interfaccia di un servizio e sua implementazione. Utilizzo di piattaforme applicative Enterprise: Semplificare la gestione della complessità del sistema; Migliorare portabilità, scalabilità, transazionalità, persistenza, supporto Utilizzo di una metodologia consolidata nel disegno e nello sviluppo delle soluzioni custom: Promuovere l utilizzo di tool basati su UML come strumento di disegno; Favorire un approccio di tipo iterativo ed incrementale nel processo di sviluppo (es. RUP); Introdurre pratiche e tool per la gestione del ciclo di vita del prodotto software (es. RUP); Definire un set di documenti con cui gestire il ciclo di vita del SW. Capitolato Tecnico pag. 11 di 56

12 2.2 PRINCIPI FONDAMENTALI Sulla base dell esame del contesto informativo attuale e delle competenze raggiunte dal personale del CRV a potenziamento del sistema informativo attualmente in uso, analogamente con quanto definito nel 2.1, sono state individuate le seguenti tre aree di interesse tecnologico, per ognuna delle quali sono definiti i principi fondamentali con i relativi obiettivi di tipo tecnico che si intendono perseguire per questo progetto. Area Infrastruttura tecnologica. Introduzione di un middleware di integrazione/comunicazione tra gli applicativi: Migliorare il livello di automazione dei processi e dei flussi informativi; Migliorare i processi di pubblicazione delle informazioni sul sito internet; Introdurre un meccanismo di integrazione basato su standard (es. ESB, CORBA, DCOM, RPC, ecc...). Scalabilità: Realizzare un infrastruttura in grado di essere adattata a cambiamenti della capacità richiesta. Sostenibilità: Utilizzare tecnologie note, largamente utilizzate e largamente supportate; Realizzare un infrastruttura che avrà un tempo di vita lungo (>= 5 anni) Disponibilità: Realizzare un infrastruttura in grado di fornire un adeguata continuità di servizio; Selezionare prodotti che consentano l implementazione di architetture ridondate; Selezionare prodotti che consentano il rilascio a caldo dei servizi. Monitoraggio e gestione dell infrastruttura tecnologica: Utilizzare, se possibile, gli strumenti attualmente in possesso del CRV. Separazione degli ambienti di sviluppo, testing e produzione: Evitare che un attività (sviluppo, test, produzione) possa influenzare le altre. Area Sicurezza. Centralizzazione del processo di autenticazione/autorizzazione: Semplificare l accesso al sistema; Semplificare il provisioning dell utenza; Favorire l aderenza agli standard normativi e alle policy di sicurezza. Capitolato Tecnico pag. 12 di 56

13 Area Governo. Riorganizzazione della struttura IT: Favorire il riconoscimento della strategicità dei servizi IT da parte di tutta l organizzazione; Razionalizzare gli investimenti in IT; Ridurre il tempo di rilascio di nuovi servizi richiesti dall utente; Migliorare le attività di manutenzione sui servizi applicativi. Miglioramento dei processi IT: Introduzione di pratiche e tool di project management; Introduzione di pratiche e tool per la gestione del ciclo di vita del prodotto software (es. RUP); Ridisegnare il processo di erogazione dei servizi IT secondo il paradigma SO introducendo il concetto di qualità di servizio (SLA); Estendere la gestione dei Trouble Ticket anche ai servizi applicativi; Gestire al meglio la relazione con i fornitori. 2.3 SINTESI ATTIVITÀ E OGGETTI DI FORNITURA In termini generali, il presente documento fornisce le indicazioni minimali, tecniche e non, per tutte le componenti del Sistema che si intende realizzare. Pertanto, il Sistema dovrà essere progettato e sviluppato in linea con gli obiettivi e i principi appena descritti, tenendo conto delle assunzioni, dei vincoli, delle dipendenze e dei requisiti posti in questo documento e in [R2]. Laddove nel presente documento siano citati prodotti specifici o Ditte produttrici, si è voluto fornire un riferimento sintetico rispetto alle funzionalità richieste e non un indicazione di preferenza del Cliente. Infatti, tali citazioni sono sempre da intendersi seguite dalla dicitura o equivalente che lascia alle Società concorrenti la possibilità di proporre soluzioni alternative, anche con l utilizzo di prodotti open source, allo specifico prodotto menzionato. Ai fini della completa valutazione delle offerte, le soluzioni proposte dalle Società concorrenti dovranno quindi essere corredate di tutti gli elementi e le precisazioni tecniche necessarie a dimostrare il raggiungimento, e l eventuale incremento, delle funzionalità richieste, nonché la piena compatibilità con l infrastruttura tecnologica esistente. Le proposte tecniche saranno perciò valutate esclusivamente sulla base dei citati elementi e precisazioni tecniche, nonché sulla bontà globale del progetto presentato. In estrema sintesi, il progetto per il potenziamento del sistema informativo del CRV, prevede la fornitura dei seguenti beni e servizi: 1. componenti hardware, in particolare di tipo server (cfr ); Capitolato Tecnico pag. 13 di 56

14 2. specifico software, pacchetti applicativi di base (cfr ); 3. servizi componenti - moduli custom (cfr ); 4. misure di accompagnamento, ovvero servizi di: installazione e configurazione (cfr ); migrazione dati (cfr ); avvio in esercizio (cfr ); assistenza di manutenzione migliorativa, adeguativa, correttiva (cfr ) assistenza di manutenzione evolutiva (cfr ). formazione (corsi e training on the job, cfr. 5.2); garanzia (cfr. 5.3). Il servizio di installazione e configurazione è comprensivo delle attività di sviluppo e personalizzazione dei moduli software. Le attività e i relativi oggetti di fornitura dovranno essere coerenti con gli obiettivi ( 2.1), i principi ( 2.2) e i requisiti individuati per il Sistema, siano essi di natura funzionale ( 4.3), organizzativa ( 6.1) e documentativa ( 6.1.2). Tutte le attività di progetto dovranno svolgersi ì in accordo alle modalità di controllo e revisione definite ( 6.1.3), in piena armonia con il programma di pianificazione delineato ( 6.2) garantendo le minime quantità previste ( 5.4). Capitolato Tecnico pag. 14 di 56

15 3. IL SISTEMA ATTUALE In questo capitolo è descritto in modo sintetico il sistema attualmente in uso presso il CRV, in termini di funzionalità e di architettura; per una più specifica e dettagliata trattazione si rimanda il lettore ai documenti citati nella precedente Tabella 2:, con particolare riferimento a R[1] e R[2]. 3.1 FUNZIONALITÀ Dal punto di vista funzionale, le capacità offerte dal Sistema sono rese disponibili attraverso un portafoglio di servizi applicativi; per i dettagli si veda [R1]. Tali servizi applicativi, erogati e disponibili all interno del sistema informativo del CRV schematizzati nella figura seguente, sono suddivisibili nelle seguenti cinque macro categorie: Servizi di Gestione Risorse e Personale: contiene i servizi che si occupano di fornire e di realizzare le funzionalità necessarie al CRV per la gestione delle risorse economiche, finanziarie, patrimoniali e del personale (Consiglieri o Ex e personale interno del CRV); Servizi Documentali: contiene i servizi di gestione, archiviazione, protocollazione e fornitura del corpo documentale in uso all interno del CRV; Servizi Tecnologici: contiene i servizi che si occupano di fornire e di realizzare le funzionalità più propriamente tecnologiche, quali servizi di notifica (SMS, Fax), servizi di autenticazione (fornita al livello applicativo oppure dall infrastruttura tecnologica), telegrammi e di Help Desk; Servizi Pubblicazione Informazioni: contiene i servizi che si occupano di fornire e di realizzare le funzionalità necessarie al CRV per rendere fruibili le informazioni (documenti, immagini, filmati) sia all interno del consiglio sia all esterno verso l utente cittadino o verso le altre amministrazioni pubbliche; Servizi Gestione Atti Istituzionali: contiene i servizi per la gestione degli atti amministrativi, delle attività di supporto all assemblea, della gestione delle nomine degli enti dipendenti dal Consiglio e del servizio di Biblioteca. Capitolato Tecnico pag. 15 di 56

16 Figura 1: gli attuali servizi applicativi del CRV 3.2 ARCHITETTURA L attuale architettura del Sistema, schematizzato nella figura seguente, rappresenta la distribuzione dei servizi di base sull infrastruttura hardware e rappresenta una visione di insieme dei componenti applicativi che direttamente supportano le logiche di processo del CRV, dei componenti applicativi e dei servizi a supporto dei primi, nonché della loro allocazione sulle macchine fisiche. Per i dettagli di questa rappresentazione e degli elementi riferiti si veda [R1]. Capitolato Tecnico pag. 16 di 56

17 Figura 2: infrastruttura e servizi applicativi Capitolato Tecnico pag. 17 di 56

18 4. DEFINIZIONE DEL NUOVO SISTEMA I contenuti di questo capitolo dettagliano tutti gli elementi necessari per la progettazione e la realizzazione del Sistema passando in rassegna, nell ordine, l architettura funzionale, gli utenti e l architettura tecnologica di riferimento. 4.1 ARCHITETTURA FUNZIONALE L architettura funzionale per il sistema informativo del CRV dovrà essere coerente con il paradigma di modellazione basato sull individuazione di funzionalità offerte come servizi. Nella nuova architettura, i tradizionali silos applicativi, che comunicano tramite interfacce dedicate, dovranno lasciare il posto a servizi elementari con interfacce standardizzate che potranno essere composti ed orchestrati al fine di realizzare le funzionalità applicative richieste dall organizzazione. Al livello di astrazione concettuale, la definizione dei servizi è rappresentata secondo la gerarchia descritta nella figura che segue. Figura 3: il modello concettuale Secondo tale modello, le funzionalità offerte dal sistema informativo sono, al livello più alto di astrazione, raggruppate nei seguenti domini: Capitolato Tecnico pag. 18 di 56

19 Servizi multicanale accesso a servizi e informazioni attraverso diversi canali/dispositivi (es. computer, palmari, smart phone, etc..); Servizi di presentazione look & feel coerente nell accesso a servizi e informazioni attraverso i vari canali supportati (es. portale, browser, etc..); Servizi di orchestrazione supporto all automazione dei flussi procedurali, implementando la logica di business; Servizi applicativi principali funzionalità richieste dai processi dell organizzazione. Possono essere combinati utilizzando i servizi di orchestrazione; Servizi di infrastruttura tecnologica funzionalità tecnologiche a supporto degli obiettivi di business e/o dei servizi applicativi (includono i servizi di integrazione intesi sia come integrazione dati, sia come integrazione di servizi in tier verticali); Servizi di sicurezza garantiscono confidenzialità, integrità e disponibilità di servizi e informazioni di proprietà dell organizzazione; Servizi di gestione IT supporto dei processi di governance e gestione del sistema informativo. In accordo al suddetto modello concettuale, qui di seguito è fornito un livello più articolato di dettaglio nel quale, per ogni servizio, sono schematizzati e descritti i componenti logici opportunamente raggruppati, ognuno con i rispettivi moduli. I nuovi moduli, sono evidenziati con il testo di colore blu rispetto a quelli con il testo nero rappresentanti i servizi già presenti nel sistema attuale. Si evidenzia che tutti i moduli (sia bordati di rosso che di verde, sia con la scritta blu che nera) costituiscono oggetto di fornitura: i relativi vincoli di integrazione (per quelli che vanno bene così come sono ) o di rifacimento (per quelli da realizzare ex novo ) sono esplicitati nel documento R[2]. Capitolato Tecnico pag. 19 di 56

20 Figura 4: il modello logico dell architettura funzionale I componenti logici individuati sono descritti brevemente nel seguito (maggiori dettagli in [R2]: Portale fruizione di informazioni e servizi da parte degli utenti del sistema informativo. Dovrà fornire strumenti di accesso alle applicazioni, supporto alla multicanalità, content management avanzato, motori di ricerca ma anche newsletter e, più in generale, strumenti che incoraggino la comunicazione bidirezionale con i cittadini; Gestione Flussi Procedurali servizi di supporto all automazione dei flussi procedurali interni. Deve consentire l orchestrazione dei servizi applicativi, e la definizione della stessa attraverso formalismi grafici ad alto livello; Cruscotto funzionalità di supporto alle decisioni che dovrà consentire il monitoraggio di flussi procedurali, utilizzo delle risorse, indicatori di performance; Firma Digitale e PEC funzionalità per l autenticazione di documenti digitali e della posta elettronica certificata; Strumenti di collaborazione funzionalità di messaggistica immediata, videoconferenza, file sharing, condivisione di strumenti, etc.; Gestione Risorse funzionalità di contabilità analitica e finanziaria, gestione inventario, gestione del personale, etc.. Può essere implementato attraverso Capitolato Tecnico pag. 20 di 56

21 un Enterprise Resource Planning (ERP), integrato con le soluzioni custom dedicate alla gestione dei Consiglieri; Gestione Documentale archiviazione, indicizzazione e gestione di documenti, immagini e contenuti multimediali in forma digitale. Deve integrare funzionalità di workflow documentale (es.: iter di emissione e approvazione); Partner funzionalità a supporto dello scambio di informazioni con la Giunta Regionale o altri enti; Gestione Accessi funzionalità di Identity and Access Management (implementazione del Single Sign On e gestione centralizzata del provisioning) Requisiti generali L architettura generale del Sistema, in tutti le sue componenti, dovrà soddisfare, ai massimi livelli consentiti dalla tecnologia odierna, i requisiti minimi relativi alle seguenti categorie: Aderenza agli standard 1) delle apparecchiature: deve essere aderente agli standard IMQ, ISO e di sicurezza previsti dalla comunità europea; 2) delle tecnologie: deve adottare gli strumenti considerati, a livello internazionale, standard di mercato o de-facto ; 3) della sicurezza: standard ITSEC e normativa ISO 17799; 4) delle metodologie e della documentazione: deve essere aderente alla normativa ISO/9000, agli standard di documentazione riconosciuti a livello europeo e/o militare, alla metodologia OO/UML; Sicurezza 1) della Banca Dati: deve essere prevista la duplicazione della banca dati interna verso l area internet limitatamente alle informazioni/documenti di carattere pubblico. I meccanismi di replica devono attivarsi, al minimo, giornalmente e in forma asincrona. Sono auspicabili soluzioni che consentano una maggiore frequenza di replicazione se non il real-time; 2) degli accessi: deve consentire l accesso selettivo ad utenti con livelli di autorizzazione diversi e garantire la registrazione delle operazioni. Per l aggiornamento delle utenze (cfr. Linea Guida per la Sicurezza ICT delle Pubblica Amministrazione (I Quaderni n 23, Marzo 2006) si deve far riferimento a quanto sintetizzato nella tabella seguente: Tipologia di utenza Frequenza max Lunghezza min. psw Amministratore 6 mesi 8 caratteri Applicativa ai servizi Internet 1 settimana 8 caratteri Applicativa ai servizi interni 1 mese 8 caratteri 3) delle applicazioni: deve essere inibito l uso non autorizzato alle funzionalità applicative, con meccanismi di tipo hardware e/o di tipo software. Per la gestione Capitolato Tecnico pag. 21 di 56

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Adobe. La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale

Adobe. La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale Adobe La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale La Sicurezza informatica nella P.A.: strumenti e progetti Roma, 9 Maggio 2005 Andrea Valle Business

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio

Allegato Tecnico al Contratto di Servizio FatturaPA Fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione Allegato Tecnico al Contratto di Servizio Allegato Tecnico al Contratto di Servizio fattura PA Versione gennaio 20145 Pagina 1 di 7

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

C.Box: gestione dei processi documentali

C.Box: gestione dei processi documentali C.Box: gestione dei processi documentali Descrizione C.Box è la soluzione Delta per la gestione dei processi documentali che copre tutte le fasi del processo di gestione dei documenti: dalla smaterializzazione

Dettagli

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza FORUM P.A. 2005 Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza Master PA mercoledì 11/05/05 L esperienza di Sviluppo Italia per l automazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Allegato 15 Modello offerta tecnica

Allegato 15 Modello offerta tecnica Allegato 15 Modello offerta tecnica Sommario 1 PREMESSA... 4 1.1 Scopo del documento... 4 2 La soluzione progettuale e la relativa architettura... 4 2.1 Requisiti generali della soluzione offerta... 4

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza.

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Conservazione Sostitutiva Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Paperless office Recenti ricerche hanno stimato che ogni euro investito nella migrazione di sistemi tradizionali verso tecnologie

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

K-Archive. Conservazione Sostitutiva

K-Archive. Conservazione Sostitutiva K-Archive per la Conservazione Sostitutiva Descrizione Prodotto Per informazioni: MKT Srl Corso Sempione 33-20145 Milano Tel: 02-33104666 FAX: 20-70039081 Sito: www.mkt.it Email: ufficio@mkt.it Copyright

Dettagli

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno In questi ultimi anni gli investimenti

Dettagli

Elementi del progetto

Elementi del progetto Elementi del progetto Premessa Il CLOUD degli Enti Locali rende disponibile quanto necessario per migrare le infrastrutture informatiche oggi attive nei CED dei singoli Enti: Server in forma di Virtual

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI

IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI IL CSI PIEMONTE PER LA CONTINUITÀ DEI VOSTRI SERVIZI LA CONTINUITÀ OPERATIVA È UN DOVERE La Pubblica Amministrazione è tenuta ad assicurare la continuità dei propri servizi per garantire il corretto svolgimento

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI Pagina 1 di 6 CARTA dei? Pagina 2 di 6 per Hardware e Software di BASE Analisi, Progetto e Certificazione Sistema Informatico (HW e SW di base) Le attività di Analisi, Progetto e Certificazione del Sistema

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

Scheda Prodotto Direzione Marketing pag 1 vers. 3 - Giugno 2008

Scheda Prodotto Direzione Marketing pag 1 vers. 3 - Giugno 2008 Scheda Prodotto Direzione Marketing pag 1 vers. 3 - Giugno 2008 Legalmail La Posta Elettronica Certificata a valore legale Che cosa è la Posta Elettronica Certificata La posta elettronica è diventata sempre

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma)

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Appalto per l Affidamento del Servizio di MANUTENZIONE, MONITORAGGIO E CONDUZIONE DEI SERVIZI DI SERVER FARM dell Azienda Sanitaria Locale Roma H compresa la realizzazione di due progetti IT finalizzati

Dettagli

Studio di Fattibilità Tecnica

Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI MONASTIER DI TREVISO Provincia di Treviso Tel. 0422/798525 - Fax 0422/791045 e-mail: ragioneria@comune.monastier.tv.it pec: ragioneria.comune.monastier.tv@pecveneto.it Studio di Fattibilità Tecnica

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante:

Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante: MULTIMEDIA 1 2 TELEMATICA AE Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante: Disegnare un modello elettronico di qualunque tipo e renderlo editabile

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

RicohPA Allegato Tecnico

RicohPA Allegato Tecnico RicohPA Allegato Tecnico Indice 1. Introduzione... 2 2. Riferimenti Normativi... 3 3. Il Servizio RicohPA... 4 4. Caratteristiche Soluzione RICOH P.A.... 10 5. Livelli di servizio (S.L.A.)... 11 6. Il

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa Application Monitoring Broadband Report Analysis Le necessità tipiche del servizio di telefonia Maggiore sicurezza

Dettagli

Archiviazione Documentale

Archiviazione Documentale Archiviazione Documentale Il Progetto OPEN SOURCE tutto Italiano per la Gestione Elettronica della documentazione, firma digitale, conservazione sostitutiva, fatturazione elettronica e protocollo informatico.

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL'ENTE

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è il servizio di posta elettronica con valore legale realizzato da InfoCamere. Esso consente al Cliente di disporre di

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service - Cos è IT Cloud Service è una soluzione flessibile per la sincronizzazione dei file e la loro condivisione. Sia che si utilizzi

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: SAI Sistema di Audit Interno Amministrazione: Agenzia delle Entrate Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE. Quesito n. 1 Per partecipare alla gara è necessario il possesso della certificazione ISO 20000:2005?

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE. Quesito n. 1 Per partecipare alla gara è necessario il possesso della certificazione ISO 20000:2005? Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006. ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT

COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006. ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT COMPA Bologna 7/8/9 novembre 2006 ITIL / CMDBuild: un esempio di progetto di BPR e riuso in ambito ICT 1 Motivazioni del progetto (1) Il Servizio Sistemi Informativi e Telematici del Comune di Udine è

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE Guglielmo LONGOBARDI Centro di Competenza Trasparenza e gestione elettronica dei documenti ALL ORIGINE DEI SISTEMI DOCUMENTARI

Dettagli

STONE. Caratteristiche. Versione 2.1

STONE. Caratteristiche. Versione 2.1 STONE Caratteristiche Versione 2.1 Datex s.r.l. Viale Certosa, 32 21055 Milano - Italy Tel : +39.02.39263771 Fax : +39.02.33005728 info@datexit.com - www.datexit.com D A T E X S O F T W A R E S O L U T

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti

Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti ActiveInfo è un evoluto sistema di Enterprise Content Management specializzato nella gestione delle informazioni disperse negli

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali 55 Stefano Cesarini Il mondo dei beni culturali italiani ed europei sta vivendo una fervida fase di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio, anche per l innovativo utilizzo di strumenti di conoscenza

Dettagli

Archive: Make it easy!

Archive: Make it easy! Archive: Make it easy! Archive: everywhere! Archive: for everyone! Archive: Make it easy! DEMAdoc rende facile l archivio: pratico, efficace, di agevole utilizzo è un sistema web based di gestione (archiviazione,

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F. Variazioni mensili al cartellino presenze. Versione 6.1. JOBTIME Work Flow

SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F. Variazioni mensili al cartellino presenze. Versione 6.1. JOBTIME Work Flow SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F Variazioni mensili al cartellino presenze Versione 6.1 SCHEDA PRODOTTO PAG. 2 INTRODUZIONE Il mercato degli applicativi informatici si sta consolidando sempre più

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati Agenzia per l Italia Digitale 21-11-2014 L «ecosistema» della gestione dei documenti informatici PROTOCOLLO INFORMATICO FIRME ELETTRONICHE

Dettagli

SISTEMA DI LOG MANAGEMENT

SISTEMA DI LOG MANAGEMENT SIA SISTEMA DI LOG MANAGEMENT Controllo degli accessi, monitoring delle situazioni anomale, alerting e reporting Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Informativa SIURP - Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione e Attuazione degli Investimenti Pubblici Punto 4.d all ordine del giorno

Dettagli

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione dei profili professionali INDICE 1 PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI 3 1.1 CAPO PROGETTO 3 1.2 ANALISTA FUNZIONALE 4 1.3 ANALISTA PROGRAMMATORE 5 1.4 PROGRAMMATORE

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 35 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 15/07/2013 Facendo riferimento

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli