Inaugurazione del. Anno Accademico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inaugurazione del. Anno Accademico 2013-2014"

Transcript

1 Relazione del Rettore Prof. Attilio Mastino Senza l Università non c è futuro per la Sardegna e per il Paese 8 novembre 2013 Inaugurazione del 452 Anno Accademico

2

3 Dico ai giovani: non pensate a voi stessi, pensate agli altri. Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare, e non temete niente. Non temete le difficoltà: io ne ho passate molte, e le ho attraversate senza paura, con totale indifferenza alla mia persona Rita Levi Montalcini Πῆ παρέβην; τί δ ἔρεξα; τί μοι δέον οὐκ ἐτελέσθη; In che cosa ho mancato? Cosa ho realizzato? Quale dovere non ho adempiuto? (Pitagora raccomandava agli allievi di porsi queste domande ogni volta che tornavano a casa) Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, VIII, 22

4

5 Relazione del Rettore 5 Cari amici, il titolo della mia relazione per l inaugurazione dell anno accademico sarà anche quest anno «Senza l Università non c è futuro per la Sardegna e per il Paese». Nei giorni in cui un decreto ministeriale prospetta una fusione o una federazione regionale condizionata alla costituzione di un unico Consiglio di amministrazione, con unico presidente, che fotograferebbe lo squilibrio tra i due atenei storici di Cagliari e di Sassari, vorrei affrontare il problema a viso aperto ed entrare in medias res. Ma veramente due Università sono necessarie per la Sardegna? A guardare in questa aula magna l immagine di Mario Delitala di settanta anni fa, che si richiama all aforisma di Benito Mussolini Libro e Moschetto, fascista perfetto, torna alla mente il recente volume di Alberto Vacca sull OVRA in Sardegna, con la relazione dell ispettore Dino Fabris, inviata al capo della Polizia il 3 febbraio 1941, dopo i primi mesi di guerra: «Nei piccoli centri urbani [della Sardegna] (quali Macomer, Bosa, Lanusei, Oristano, ecc.) è necessario rilevare un fenomeno proprio di quest Isola. In Sardegna, con una popolazione che appena supera il milione di abitanti, vi è un numero eccessivo di scuole superiori di ogni genere (tra cui due università) e quindi un quantitativo di laureati e diplomati assolutamente sproporzionato alle necessità locali, pur tenendo conto della percentuale che cerca occupazione in continente. Di conseguenza nei piccoli centri urbani diecine e diecine di persone con titoli superiori per necessità di cose diventano critici, ascoltando la radio inglese [Radio Londra] e, in genere, contribuiscono a formare un atmosfera non favorevole al regime [fascista]. Le classi lavoratrici, che devono lottare con la vita, risentono naturalmente dell influenza di cui sopra» (vd. Alberto Vacca, La tela del ragno. L OVRA in Sardegna ( ), Condaghes 2011, p. 250). Oggi leggiamo con fastidio questi giudizi sull alto numero di laureati e diplomati, sproporzionato alle esigenze della nostra isola e semmai constatiamo il divario opposto, quello di un basso numero di diciannovenni che si iscrivono all Università in Sardegna rispetto al nostro Paese. Nell anno accademico gli iscritti diciannovenni al nostro Ateneo erano solo 1253 rispetto ai 2545 di Cagliari e ai del nostro Paese: dunque non più del 23% dei diciannovenni sardi si iscrive all Università in Sardegna. Esiste una forte dispersione e circa la metà delle matricole non sono diciannovenni. Il numero dei laureati rimane basso, 2045 a Sassari, 4353 a Cagliari, 1606 in altri atenei, in totale solo la metà delle matricole arriva alla laurea. Nella fascia di età dai 25 ai 34 anni, nella media OCSE i laureati sono il 39%, in Italia il 21%, nel Mezzogiorno il 17%. La Sardegna è all ultimo posto nella classifica OCSE. Per la fascia fino ai 64 anni, sono in possesso di laurea il 15,7% degli italiani, ma solo il 13,9% dei sardi. E questo avviene benché abbiamo da affrontare ritardi storici, dobbiamo preparare medici, architetti, scienziati, umanisti capaci di innescare finalmente lo sviluppo della Sardegna. Lo spirito critico del quale ci si rammaricava nella relazione dell oscuro funzionario dell OVRA è stato e ancor più può essere la molla per costruire una Sardegna diversa. Nell articolo Perché le Università? Umberto Eco ha recentemente osservato: «Negli ultimi novecento anni, le Università sono state artefici dei capitoli più creativi nella storia della cultura occidentale. Nel tumulto del mondo odierno, gli unici luoghi del silenzio, accanto alle sedi di meditazione religiosa, restano le Università. Sono ancora fra i pochi luoghi in cui è possibile un confronto razionale fra diverse visioni del mondo. L Università è ancora il luogo in cui sono

6 6 Inaugurazione del 452 Anno Accademico possibili confronti e discussioni, idee migliori per un mondo migliore, il rafforzamento e la difesa di valori fondativi universali, non ordinati negli scaffali di una biblioteca, ma diffusi e propagati con ogni mezzo possibile. L Università è una Forza di Pace! Basta pensare al progetto Erasmus, che prevede la creazione di una nuova rete internazionale di clerici vagantes, i quali spesso si sposano fra di loro, preparando così, almeno in Europa, una nuova generazione di cittadini bilingui, immuni alle seduzioni di qualsivoglia nazionalismo. Il ruolo delle Università è ancora fondamentale, soprattutto in un mondo che diventa sempre più virtuale: le Università sono fra i pochi luoghi in cui le persone si incontrano ancora faccia a faccia, in cui giovani e studiosi possono capire quanto il progresso del sapere abbia bisogno di identità umane reali, e non virtuali». Dal suo versante, a Cagliari il 22 settembre papa Bergoglio ci ha raccontato la crisi di oggi come assenza di istruzione e di conoscenza, interpretandola anche come possibile opportunità verso un mondo nuovo: «Penso non solo che ci sia una strada da percorrere, ma che proprio il momento storico che viviamo ci spinga a cercare e trovare vie di speranza, che aprano orizzonti nuovi alla nostra società. E qui è prezioso il ruolo dell Università, come luogo di elaborazione e trasmissione del sapere, di formazione alla sapienza nel senso più profondo del termine, di educazione integrale della persona, per alimentare la speranza. L Università come luogo del discernimento, l Università come luogo in cui si elabora la cultura della prossimità, la cultura della vicinanza, l Università come luogo di formazione alla solidarietà. L Università è luogo privilegiato in cui si promuove, si insegna, si vive questa cultura del dialogo, che non livella indiscriminatamente differenze e pluralismi - uno dei rischi della globalizzazione è questo - e neppure li estremizza facendoli diventare motivo di scontro, ma apre al confronto costruttivo. Questo significa comprendere e valorizzare le ricchezze dell altro, considerandolo non con indifferenza o con timore, ma come fattore di crescita. Non c è futuro per nessun paese, per nessuna società, per il nostro mondo, se non sapremo essere tutti più solidali. Solidarietà quindi come modo di fare la storia, come ambito vitale in cui i conflitti, le tensioni, anche gli opposti raggiungono un armonia che genera vita». Parole che mi pare possano essere declinate oggi anche laicamente e rappresentare la vocazione alla formazione e alla ricerca propria dell Università pubblica, entrambe libere da condizionamenti, rispettose del pluralismo, attente al futuro dell umanità. Eppure l istituzione universitaria in Italia e in Europa attraversa una grave crisi, dominata da una retorica dell eccellenza e da una logica aziendalistica che ne hanno snaturato le finalità universalistiche, giocate nel breve periodo, che rischiano di portare alla catastrofe. Sono parole di Pierre Macherey dell Université de Lille, allievo di Louis Alhusser, nel recente volume La parole universitarie, che un amico mi ha donato in questi giorni. L Università soffre attualmente di mali che mettono in pericolo la sua stessa esistenza: «le soluzioni oggi proposte ai suoi problemi, soluzioni che rivelano per la maggior parte una negazione della realtà, tendono solo ad aggravarli ulteriormente». La proposta di far uscire l Università dal vicolo cieco in cui lentamente scivola giorno dopo giorno non può essere quella di investire ancora di più nella ricerca dell eccellenza, che si nutre di una cultura basata sulla competizione spinta al parossismo, cosa che finisce per esasperare la logica inegualitaria di divisione che ne fa anzitutto una macchina che respinge e sanziona, tutta pensata per produrre fallimenti camuffati per quanto possibile da forme di orientamento, che sono solo una selezione che cerca di non dichiararsi come tale».

7 Relazione del Rettore 7 Credo sia nota da tempo la mia opinione sulla Grande Riforma in Italia, che ha seriamente compromesso l autonomia degli atenei: il risultato è oggi quello di una drastica riduzione di risorse e di un progressivo indebolimento delle università del Mezzogiorno e delle isole, in quella che la ministra Maria Chiara Carrozza ha definito una spirale negativa. Eppure, nonostante i tagli indiscriminati e l imponente trasferimento di risorse verso gli atenei del Nord, noi siamo decisi ad affrontare i pericoli per la sopravvivenza del nostro Ateneo a viso aperto, convinti che l Università è un bene comune, un fattore di crescita e sviluppo, una leva per superare la debolezza economica del territorio attraverso la conoscenza, la trasmissione del sapere, l innovazione: un suo ridimensionamento rappresenterebbe un moltiplicatore della crisi della nostra isola, arrivata a livelli drammatici come testimonia il quadro fosco tracciato negli ultimi due Rapporti sull economia della Sardegna della Banca d Italia e di CRENOS (il ventesimo della serie). Sappiamo dei valori raggiunti dalla disoccupazione giovanile, della crisi del mercato del lavoro, della situazione economica e finanziaria delle imprese, del crollo dell export, della riduzione del credito, della scarsa efficienza dei servizi pubblici e in particolare dei servizi sanitari. Infine il tema dell insularità e dell isolamento, lo spopolamento delle aree interne, una catena da spezzare per crescere, per ridare speranza ai giovani, alle donne, per combattere il declino e la perdita di competitività. Nel suo intervento del 6 giugno in Parlamento la Ministra ci ha ricordato che l impatto del capitale umano sulla crescita economica passa anche per il suo effetto sulla disuguaglianza economica e sociale. Un Paese con alte disuguaglianze di partenza e mercati del credito poco efficienti che deprimono l investimento in capitale umano nella sua parte più povera e rafforzano tali disuguaglianze, riducendo al contempo la mobilità sociale e la percezione di vivere in un contesto fruttuoso di pari opportunità. Sono parole che condividiamo e che non debbono restare solo parole: è in discussione la credibilità delle politiche dell istruzione che contrasta con la logica dei tagli lineari che ha ispirato anche gli ultimi provvedimenti governativi, che penalizzeranno il reclutamento in atenei generalisti come il nostro e che colpiranno pesantemente il Mezzogiorno. Ecco perché la discussione in corso sul piano di sviluppo del nostro Ateneo può rappresentare un occasione preziosa per indicare obiettivi alti e ambiziosi per tutti, sottolineando i temi indicati dalla Conferenza dei Rettori: l autonomia responsabile, la semplificazione, la competitività, il nuovo modello di finanziamento delle Università. Il crollo del FFO dagli 82,4 milioni del 2008 ai 69,2 milioni del 2013 rappresenta un campanello d allarme che dobbiamo assolutamente interpretare. Siamo pienamente in sintonia con l amico rettore Giovanni Melis quando scrive su L Unione Sarda del 14 ottobre «Governo e Regione investano sull Università», con l obiettivo di sostenere efficacemente la crescita economica. Noi non cerchiamo però pure compensazioni per gli svantaggi territoriali, ma miriamo a modificare profondamente le strutture, a promuovere investimenti, a creare stabili infrastrutture della conoscenza. Dunque ci vogliono ancora due Università in Sardegna, perché non solo c è la tradizione, lo spazio, ma c è davvero l esigenza e la necessità. Ben venga la collaborazione tra i due Atenei regionali e abbiamo definito un patto di federazione, espressamente previsto nell art. 57 del nuovo Statuto del nostro Ateneo, per la nascita di un sistema integrato delle Università di Cagliari e di Sassari, che preveda una consultazione periodica tra i Senati accademici e che riduca il numero dei corsi di studio, eviti le duplicazioni, programmi le attività formative e di ricerca, favorisca le novità e l arrivo di nuove idee anche sul piano tecnologico. L Università svolgerà un ruolo strategico di protagonista

8 8 Inaugurazione del 452 Anno Accademico in Sardegna e nel Mediterraneo soprattutto se saprà stabilire rapporti con grandi centri di eccellenza, a livello europeo, innalzando la qualità dei suoi prodotti e dei suoi servizi e legando trasversalmente l alta formazione alla ricerca avanzata, al tempo libero, allo sport. E ciò senza rinunciare ad una cooperazione però con la Riva Sud del Mediterraneo che favorisca un confronto culturale, che abbatta vecchi e nuovi steccati, che combatta la divaricazione che quasi inesorabilmente il mondo sta drammaticamente vivendo ancora oggi, a oltre un decennio dall 11 settembre. Il patto di federazione che il ministro Francesco Profumo era disponibile ad approvare riconosceva l autonomia dei due atenei storici, che rivendicano una dimensione internazionale costitutiva e fanno risalire le loro origini al XVI secolo e ad ambiente iberico. I due Atenei di Cagliari e di Sassari, nella prospettiva dello sviluppo di un Sistema universitario regionale competitivo e di qualità, articolato nei due Poli storici, hanno avviato un percorso di rifondazione come Università pubbliche, all interno di un sistema internazionale globale, ispirandosi ai principi di autonomia, di responsabilità e di valutazione partendo da una specifica identità e consapevoli della complessità delle tradizioni accademiche e del valore della diversità, per quanto si debba lavorare per la condivisione di servizi amministrativi, informatici, bibliotecari e tecnici di supporto alla didattica e alla ricerca. Vogliamo oggi ribadire che il prezioso rapporto di prossimità con l Ateneo di Cagliari (a 220 km di distanza) non può in nessun modo esaurire la spinta verso relazioni nazionali e internazionali più estese e significative. Di conseguenza perseguiremo con equilibrio anche l obiettivo ministeriale dell accorpamento o eliminazione di corsi di laurea e di laurea magistrale su base regionale in funzione della domanda, della sostenibilità e degli sbocchi occupativi, misurando le risorse, calcolando costi e benefici anche in sede decentrata. Abbiamo lavorato sodo anche in quest ultimo anno accademico per consolidare i nostri dipartimenti, i nostri centri di ricerca, le nostre scuole, per metterci al riparo da pericoli, per migliorare la produttività e la valutazione, per estendere le iniziative edilizie e completare tutte le incompiute. Ho avuto il privilegio di guidare in questi quattro anni un consistente gruppo di delegati e di presiedere il Senato accademico e il Consiglio di amministrazione contando su una collaborazione larga e davvero senza condizioni: volgendomi indietro a guardare la strada percorsa, mi sembra di dover constatare che siamo riusciti a mobilitare tante forze nuove, tanti colleghi pieni di entusiasmo, di passione, di curiosità, tanti funzionari intelligenti e determinati; soprattutto tanti giovani. Lo dico con orgoglio, perché l Ateneo è cambiato profondamente in questi anni, ha recuperato ritardi storici, è diventato più aperto e più accogliente, è riuscito ad affrontare i problemi e trovare soluzioni anche in un momento drammatico di crisi e di riduzione di risorse. Nel prossimo anno lavoreremo fino all ultimo giorno del mio mandato, convinti che la Sardegna merita di più, che tutti dobbiamo porci obiettivi più ambiziosi, che ci sono responsabilità specifiche degli intellettuali e del mondo universitario verso un isola che da sempre aspetta un riscatto, merita di essere amata di più, ha necessità di una classe dirigente più generosa e responsabile. Grazie per il ruolo intelligente svolto dal Collegio dei Revisori dei conti e dal suo presidente, il magistrato Tommaso Cottone, dal Nucleo di Valutazione e dal suo presidente Marco Vannini, dal Comitato Unico di Garanzia, dal Consiglio del personale tecnico amministrativo, dal Consiglio degli studenti, dal Garante degli studenti. Il momento più emozionante del mio mandato è stato il 10 maggio scorso, quando i colleghi del Dipartimento di Medicina veterinaria hanno appreso in diretta dalla bocca della Commis-

9 Relazione del Rettore 9 saria finlandese Riitta-Mari Tulamo di esser stati promossi dall EAEVE, la European Association of Establishments for Veterinary Education. La visita ispettiva, cominciata lunedì 6 maggio, si è conclusa con un giudizio pienamente positivo sulla qualità di un dipartimento che consideriamo strategico per il nostro Ateneo. Per un attimo vorrei portarvi nell aula consiliare che ricorda il rettore Giovanni Manunta, nel pomeriggio, alla presenza del sindaco Gianfranco Ganau, quando nella platea di docenti e studenti sono scoppiati l entusiasmo, la commozione, e anche la tensione, per un risultato che è stato frutto del lavoro svolto da tutti. Fondamentale è stato anche il ruolo del personale tecnico e amministrativo per l impegno profuso. All indomani della visita, i giovani ricercatori dello junior staff hanno trasmesso una nota per descrivere le principali criticità dell Ospedale veterinario che ci siamo impegnati a risolvere. Sentiamo molto i ritardi nella realizzazione dell Azienda zootecnica che presto colmeremo. E poi il difficile ma emozionante confronto con il Comune di Alghero per le aule di Santa Chiara per il Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica, quando siamo stati sostenuti con affetto anche da S. E. il prefetto Salvatore Mulas. I passi in avanti compiuti ogni giorno dall Azienda Ospedaliera Universitaria. La soddisfazione espressa dai nostri studenti atrraverso i questionari di valutazione sulla qualità degli insegnamenti. Eppure abbiamo affrontato tante prove, dopo la nascita dei nuovi dipartimenti e la costituzione degli organi accademici: i problemi di spazio; le sofferenze del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali e del Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica; i disagi di studenti e pazienti in alcuni dipartimenti medici; la tormentata approvazione del bilancio di previsione, ma anche il successo ottenuto con il consuntivo 2012, chiuso in modo straordinariamente positivo, anche grazie al sostanzioso contributo della Fondazione Banco di Sardegna. Non sempre i risultati sono stati soddisfacenti a causa dei limiti imposti dal Ministero. Voglio ricordare che rientrava negli indirizzi strategici del Rettore l attivazione del corso di laurea triennale in Sistemi di Elaborazione e Tecnologie dell Informazione, nella classe di laurea L-8, Ingegneria dell Informazione, e del corso di laurea magistrale di Archivistica e Etnografia, nonché il potenziamento di Lettere classiche. Il 19 luglio sono stato a Roma con Donatella Spano per la presentazione da parte della ministra Maria Chiara Carrozza dei risultati della Valutazione della qualità della ricerca , che ha fatto emergere tante aree di eccellenza. Non è affatto semplice sintetizzare dati e cifre contenute in una batteria di tabelle che si sviluppa su 3000 pagine per quasi 200 mila prodotti, a valle di una valutazione che ha suscitato molte critiche e diffidenze, ma che pure a partire da oggi dovrà costituire il nostro punto di riferimento per entrare nelle aree, per leggere i dipartimenti, per interpretare i settori scientifico disciplinari. In estrema sintesi, possiamo dire che i risultati del nostro Ateneo appaiono buoni, anche se ci manteniamo sostanzialmente nella media con un indicatore finale di 1,047714, perdendo leggermente rispetto al valore atteso di 1,14760 che ci spettava. Di conseguenza ci collochiamo in 21 posizione su 31 medi atenei, però nella parte più alta della zona rossa. Per la qualità della ricerca, Sassari è in testa in Italia in numerosi settori scientifico-disciplinari. L indicatore delle eccellenze è massimo per Architettura e al di sopra della mediana in quattro aree: Scienze fisiche, Scienze della Terra, Ingegneria civile e Scienze economiche e statistiche. Molte eccellenze anche in Medicina veterinaria, Agraria, Scienze della Natura e del Territorio, Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche. Il nostro Ateneo si segnala per una qualità della ricerca superiore alla media nazionale in ben

10 10 Inaugurazione del 452 Anno Accademico otto delle quattordici aree scientifiche. Infine, sul piano del trasferimento tecnologico abbiamo conseguito risultati che in qualche caso corrispondono al doppio della nostra potenzialità. A Medicina, il Dipartimento di Scienze biomediche supera molti altri Atenei nel coefficiente R (che misura proprio la qualità dei prodotti della ricerca), con il punteggio positivo di 1,16 nell area delle Scienze mediche, medio dipartimento, 95 /219 (ma 0,83 nell area 4 delle Scienze biologiche, 154 /219), seguito dal Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale (con punti 1,11, medio, 103 su 219) e che si segnala con punti 1,10 nell area delle Scienze biologiche (piccolo dipartimento, 94 su 219). Sopra l unità (e dunque con risultato positivo) sono, nell ordine, il Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica in due diverse aree: Ingegneria civile e architettura, area 8a, punti 1,25, 12 su 67; Ingegneria industriale e dell informazione, area 9, piccolo (1,16, 29 su 137). Il Dipartimento di Scienze economiche e sociali si segnala per l area delle Scienze giuridiche (1,33, piccolo, 13 su 160) e per l area delle Scienze economiche e statistiche (1,15, grande, 62 su 176). Il Dipartimento di Scienze politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell Informazione si segnala in tre aree su quattro, con i seguenti punteggi: 1,16 nell area 1, Scienze matematiche e informatiche (46 su 116); 1,02 nell area 11a delle Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche, piccolo dipartimento; 1,14 nell area 12 delle Scienze giuridiche, piccolo, 51 su 160; 0,92 nell area 14 delle Scienze politiche e sociali, grande, 52 su 97. Il Dipartimento di Storia, Scienze dell Uomo e della Formazione si segnala nell area 10 delle Scienze dell antichità, filologico-letterarie e storico artistiche, come grande, con 1,12 punti, 42 su 172; scende però a 0,93 nell area 11 delle Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche, restando un medio dipartimento. Il Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali si segnala nell area 10 delle Scienze dell antichità ecc., con punti 1,07, 67 su 172, medio. Scende nell area 11 delle Scienze storiche ecc., con punti 0,55, piccolo e, soprattutto, nell area 14 delle Scienze sociali con punti zero, 97 su 97. Il Dipartimento di Agraria, con punti 1,06, grande dipartimento, nell area 7 delle Scienze agrarie e veterinarie, è 37 su 71. Nell area 2 delle Scienze fisiche non abbiamo dipartimenti che raggiungano la massa critica. Si segnalano i seguenti dipartimenti per alcune criticità: - Dipartimento di Medicina veterinaria, grande, punti 0,77, 52 su 71 nelle Scienze agrarie e veterinarie. - Dipartimento di Chimica e Farmacia nell area 3 Scienze chimiche, grande dipartimento, con 0,86, 88 su 113; nell area delle Scienze biologiche, medio, con 0,67 punti (184 su 219). - Dipartimento di Scienze della Natura e del Territorio, medio, con punti 0,90, 30 su 48 nell area 4 delle Scienze della terra; con punti 0,64 nelle Scienze agrarie e veterinarie, medio, 61 su 71). - Dipartimento di Giurisprudenza, grande, nell area 12 delle Scienze giuridiche, con punti 0,89, 98 su Dipartimento di Scienze chirurgiche, microchirurgiche e mediche, area 7, punti 0,58, 70 su 91. Se passiamo ai settori scientifico disciplinari, le migliori posizioni sono quelle di ICAR/20 (Tecnica e pianificazione urbanistica) primo su 13 atenei e di BIO/05 (Zoologia), secondo su 13. Inoltre: IUS/06 terzo su 4, MED/17 quarto su 15, ICAR/14 quinto su 21, VET/03 quinto su 13, MED/07 quinto su 29, VET/10 quinto su 11, L-ANT/03 sesto su 11, AGR/16 sesto su

11 Relazione del Rettore 11 16, AGR/18 sesto su 9, IUS/18 settimo su 29, AGR/19 settimo su 18, MED/33 settimo su 20, AGR/11 settimo su 15, MED/04 ottavo su 37, VET/01 ottavo su 11, AGR/01 nono su 25, AGR/02 nono su 19, VET/04 nono su 12. Si vedano anche i macrosettori dell area 10: 10/D Scienze dell antichità (settimo su 42) e 10/F Italianistica e letterature comparate (nono su 30). Ovviamente in nessun modo sono comparabili tra loro le valutazioni dei SSD, anche se si vogliono evidenziare i successi nell indicatore I (che misura il voto medio) per i dieci settori che hanno un voto medio superiore a 0,80, due di Agraria, due di Chimica, uno di Fisica, uno di Veterinaria, uno di Lettere, uno di Biologia, primi tra tutti AGR/16 con 0,96 (Microbiologia agraria) e CHIM/02 (Chmica fisica) con 0,85. Inoltre MED/07 con 0,83, CHIM/06 con 0,82, MED/03 con 0,82, FIS/07 con 0,81, VET/03 con 0,81, L-ANT/03 con 0,80, BIO/05 con 0,80 e AGR/15 con 0,80. Nella classifica CENSIS-Repubblica, più aggiornata, in quanto ha il vantaggio di misurare anche i risultati degli ultimi tre anni, l Università di Sassari avanza dal quarto al terzo posto tra i medi Atenei, con un punteggio di 98,9 punti che ci pone al terzo posto tra tutti i 59 atenei italiani, con Architettura che avanza dal secondo al primo posto. Medicina veterinaria passa addirittura al secondo posto, recuperando decine di posizioni. Medicina e Chirurgia è in sedicesima posizione su 37 università (l anno scorso era al 25 posto). Odontoiatria e Protesi dentaria è in ottava posizione su 33 Atenei. I linguisti sono al 12 posto su 41 concorrenti. Giurisprudenza si colloca in 16 posizione su 47 atenei, confermando il risultato dell anno precedente. Ottimi i risultati anche dei nuovi dipartimenti dopo la riforma nel gruppo agrarioveterinario, economico-statistico, socio-politico e letterario-umanistico. Per un ateneo generalista come il nostro, il successo appare dunque evidente su quasi tutta la linea, anche in molti settori dell area medica, delle aree scientifiche e delle aree umanistiche. Nell incontro del 15 ottobre, la comunità universitaria ha discusso i risultati e si è interrogata sugli spazi di miglioramento esistenti, sulle scelte strategiche da portare avanti in tema di reclutamento, sugli effetti che la valutazione deve produrre a tutti i livelli, sugli impegni che i dipartimenti si propongono di assumere per riequilibrare le singole aree e individuare le criticità in molti settori scientifico-disciplinari. Siamo certi che si possa fare di più e tra gli obiettivi dell Ateneo indichiamo quello di verificare nel tempo le variazioni dei singoli, alla vigilia della nuova valutazione. Siamo convinti che occorra una riflessione approfondita, senza indulgenze e di forte autocritica da parte delle Università, ma anche del Ministero in rapporto ai criteri di valutazione utilizzati nelle singole aree, qualche volta discutibili e contraddittori. Ci troviamo in una fase di assestamento, dopo le trasformazioni introdotte dalla riforma Gelmini, che ha dato ai dipartimenti una configurazione eterogenea. Ma siamo qui per costruire e non per demolire quanto è stato fatto nella lunga storia di questa Università. Del resto siamo convinti che l Ateneo e la Sardegna si difendono non con la propaganda ma con incisive azioni di riforma, capaci di superare le tante criticità che anche l indagine dell ANVUR ha messo in luce e che rappresentano la base da cui partire per correggere i punti deboli e migliorare le prestazioni di tutti. Il processo di assicurazione della qualità coinvolgerà gli organi di indirizzo politico dell Ateneo - Senato accademico e Consiglio di amministrazione - e gli organi di controllo, Presidio di Qualità e Nucleo di Valutazione, che dovranno interagire strettamente sia fra di loro sia con le Commissioni paritetiche dei dipartimenti o della struttura di raccordo. Senato accademico

12 12 Inaugurazione del 452 Anno Accademico e Consiglio di amministrazione hanno già definito gli indirizzi strategici di Ateneo e delineato le azioni per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: razionalizzare l offerta formativa, accreditare i corsi di studio sulla base dei requisiti del d. m. 47/2013; migliorare gli indicatori di performance relativi alla formazione, istituire e accreditare i corsi di dottorato sulla base dei requisiti del d. m. 94/2013. Come prima attività, il Presidio ha esaminato le schede del primo Rapporto di riesame (RAR) elaborate dai corsi di studio con riferimento ai principali elementi di processo e all identificazione di azioni di miglioramento delle criticità emerse. Sono state riunite le Commissioni paritetiche dei dipartimenti e della Facoltà di Medicina e Chirurgia, con le quali il Presidio ha una forte interazione. Durante gli incontri è stato esaminato e sviluppato il modello del processo di assicurazione della qualità e presentato il programma di lavoro del Presidio. Due elementi sono importanti ai fini della valutazione globale: poter misurare i risultati e poter monitorare i processi con appropriata documentazione. In relazione all attività formativa, il prossimo obiettivo è l accreditamento periodico dei corsi di studio. Con l accreditamento iniziale dei corsi di studio e delle sedi, il Ministero ha certificato il possesso di specifici requisiti, almeno a livello di soglia. Attraverso l accreditamento periodico potrà confermare o revocare l autorizzazione ad attivare il corso di studio che non dovesse rispondere ai requisiti. Il Presidio di Qualità di Ateneo, in conformità agli obiettivi definiti dal Senato accademico e dal Consiglio di amministrazione, ha stabilito le modalità con le quali intende monitorare il processo che condurrà all accreditamento dei corsi. A ogni corso di studio è stato chiesto di definire obiettivi, azioni, indicatori, tempi di realizzazione e documenti, e renderli espliciti nella Matrice degli obiettivi. L Ateneo punta a un continuo potenziamento delle attività di ricerca e a un miglioramento degli indicatori ministeriali di performance. Di fondamentale importanza sarà l adozione di un modello valutativo interno che garantisca un monitoraggio continuo dei risultati e consenta la valutazione ex ante ed ex post dell attività di tutti coloro che sono impegnati nella ricerca. Tale modello dovrà trovare un adeguata applicazione nella ripartizione interna delle risorse umane e finanziarie. Inoltre, al fine di assicurare la vitalità della ricerca e il costante aggiornamento dei ricercatori, l Ateneo si prefigge di attuare misure finalizzate a favorire i programmi di mobilità internazionale, l ospitalità di ricercatori stranieri (visiting scientist) e adotta indicatori dell efficacia di tali misure. Sono stati definiti anche gli indirizzi per le politiche di qualità della ricerca dei dipartimenti, i quali esercitano la propria autonomia in materia, ponendosi periodicamente obiettivi realistici e misurabili che devono essere enunciati nella SUA-RD. Nel complesso, la relazione rende conto dell attività svolta in un anno intenso, pieno di risultati, che ha visto il coinvolgimento di tanti attori: il ministro Fabrizio Barca a Cagliari il 6 febbraio, il rettore Maria Chiara Carrozza, oggi ministro, il 21 febbraio, il ministro Francesco Profumo il 15 aprile, per rendere omaggio ai 450 anni del nostro Ateneo decorsi dalla nascita del Collegio Gesuitico, come ricorda la targa posta un anno fa dopo la visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del presidente della Camera Gianfranco Fini. Abbiamo incontrato autorità e rappresentanze di sindacati, associazioni, istituzioni, ci siamo battuti in

13 Relazione del Rettore 13 Consiglio Regionale, in Commissione bilancio, in Commissione cultura. Abbiamo affrontato il tema delle riforme istituzionali e della progettazione socio-economica Al centro della vita dell Ateneo abbiamo posto le politiche di pari opportunità, definite con il Codice di condotta per la prevenzione e la lotta contro le molestie sessuali e morali nei luoghi di studio e di lavoro, ma anche in numerosi incontri scientifici, come il convegno su Il vecchio e il nuovo del mobbing. Aspetti psicologici, psicopatologici e medico legali svoltosi il I marzo Il Comitato Unico di Garanzia ha operato con iniziative concrete e ha avviato la procedura di nomina della Consigliera di parità da parte del Senato accademico. È proseguita nell anno accademico la strategia di sviluppo delle sedi decentrate, a Olbia, a Nuoro, a Oristano, in collaborazione con i Consorzi e le istituzioni locali. Il Dipartimento di Scienze economiche e aziendali ha istituito a Olbia il Laboratorio di ricerca su Turismo, Ambiente e Trasporti e continuato l attività del Corso di laurea triennale di Economia e Management del Turismo e di numerosi master. Il Dipartimento di Agraria, oltre al Corso di laurea triennale in Scienze forestali e ambientali e la laurea magistrale in Sistemi agrari e forestali, ha insediato a Nuoro le attività del Dottorato di ricerca in Monitoraggio e Controllo degli Ecosistemi forestali in Ambiente mediterraneo. Il Dipartimento di Storia, Scienze dell Uomo e della Formazione, con la collaborazione del Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali, progetta la nascita a Nuoro di attività formative post lauream, in sinergia con l Istituto Regionale Superiore Etnografico e l Archivio di Stato: nasceranno le Scuole di specializzazione in Beni demoetnoantropologici e in Beni archivistici e librari. Il Dipartimento di Giurisprudenza tiene anche a Nuoro il Corso di laurea triennale in Diritto delle Amministrazioni e delle Imprese pubbliche e private e propone un Corso di perfezionamento in Diritto urbanistico e del Paesaggio. A Oristano opera il Dipartimento di Agraria con il Corso di laurea in Tecnologie viticole, enologiche e alimentari. È attiva la Scuola di specializzazione in Beni archeologici Nesiotikà, ove all indirizzo in Archeologia subacquea e dei Paesaggi costieri vengono affiancati l indirizzo Preistorico e Protostorico, un ulteriore indirizzo Classico, l indirizzo Medievistico e quello Orientalistico. Ad Alghero abbiamo seguito costantemente la difficile trattativa per i locali ristrutturati dell ex Ospedale di Santa Chiara e firmato l intesa con il Comune, confrontandoci nel comitato tecnico, nelle commissioni consiliari e nel Consiglio comunale; arriveremo alla liquidazione della Società consortile e stabilizzeremo il Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica aperto verso la Catalogna e il Mediterraneo, con una dimensione sempre più internazionale. La relazione è articolata in sei aree strategiche caratteristiche, in tre aree di supporto e in due aree generali. Nel settore della didattica, dell orientamento e dei servizi agli studenti si segnalano i risultati delle mobilità internazionali studentesche, inserite nella prospettiva del nuovo Programma Erasmus Plus e orientate verso la nuova fase del processo d integrazione dell Ate-

14 14 Inaugurazione del 452 Anno Accademico neo nello Spazio europeo dell istruzione superiore. L Università di Sassari si è distinta tra le università italiane per la capacità di attrarre i finanziamenti europei per borse di studio e di tirocinio all estero (per i finanziamenti europei ottenuti l Ateneo è passato dal 18 al 12 posto nella classifica degli oltre 90 atenei italiani). In particolare per l Erasmus Placement l Ateneo ha confermato anche quest anno il suo primato nazionale sia per il numero dei tirocinanti inviati in altri paesi europei sia per l entità dei finanziamenti ottenuti dall Unione Europea e dal MIUR. Dall aumento dei flussi degli studenti outgoing e incoming e dal miglioramento della qualità delle mobilità internazionali il Comitato Erasmus d Ateneo si attende un sensibile innalzamento del livello di qualificazione, di adattabilità e di occupabilità dei laureati, dei diplomati dei corsi di specializzazione, di master e di dottorato. D intesa con il Garante degli studenti stranieri, specifiche azioni sono state indirizzate a migliorare i servizi didattici (e di integrazione culturale) per gli studenti Erasmus in entrata e ad accrescere e diversificare i flussi degli Erasmus incoming sia per soggiorni di studio, sia per lo svolgimento dei tirocini proposti attraverso l Erasmus Placement in Sardinia, l innovativo progetto formativo che, promosso dall Università in alleanza con la Provincia, con il Comune e con la Camera di Commercio, consente di offrire agli studenti di altre università europee (e ora anche extra-europee) l opportunità di impiegare la loro borsa Erasmus per svolgere un qualificato tirocinio formativo presso un impresa, uno studio professionale, un consorzio o un amministrazione pubblica del Nord-Sardegna. Si è dato impulso al fiorire delle associazioni studentesche, con una serie di attività culturali, sportive e ricreative finanziate dall Ateneo e autogestite dagli studenti, che sono culminate nella tradizionale festa degli universitari in piazza di Piazza Tola. L Associazione Goliardica Turritana il 15 aprile, con la partecipazione del ministro Francesco Profumo, ha promosso le celebrazioni trentennali con la Mostra della tradizione goliardica turritana a Piandanna, presso il polo destinato a ospitare l Orto botanico. L Associazione ADI Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani ha colmato un vuoto di rappresentanza sociale e incentivato una maggiore partecipazione alla vita dell Ateneo di figure accademiche sempre più centrali per l attività di ricerca e il lavoro giornaliero delle università. Grazie ai contributi della Fondazione Banco di Sardegna e al sostegno di ERSU, Comune di Porto Torres e Università, i giorni 23 e 24 Settembre 2013 l Associazione ha organizzato il primo Convegno Ricerca in Vetrina 2013: Originalità e impatto della ricerca scientifica di dottorandi e dottori di ricerca sul territorio regionale. L iniziativa ha avuto come obbiettivo specifico il far conoscere e promuovere, presso la società civile, le istituzioni e le imprese, le possibilità concrete di applicazione ai problemi del territorio dell attività scientifica svolta dai cosiddetti precari della ricerca. Il Convegno itinerante ha visto come attori protagonisti oltre 120 dottorandi e i dottori di ricerca che operano all interno e all esterno del territorio regionale sardo. L Associazione Laureati Università degli Studi di Sassari Alauniss ha coinvolto circa 1600 laureati, offrendo ai professionisti l opportunità di conoscere importanti novità lavorative e culturali, che riguardano sia le attività dei vari dipartimenti sia quelle che interessano il territorio sardo nel suo complesso. Dopo la nomina del nuovo Consiglio di amministrazione, dobbiamo riprendere i rapporti con l ERSU, per arrivare alla realizzazione del nuovo campus universitario e al completamen-

15 Relazione del Rettore 15 to del progetto storico della Brigata Sassari; per sostenere l attività della commissione mista Università-ERSU, per garantire nuovi servizi e tariffe agevolate per studenti Erasmus e disabili, per rilanciare il servizio ambulatoriale agli studenti fuori sede, le attività culturali, divulgative e informative comuni. Nel complesso appare migliorata l organizzazione per l accoglienza degli studenti fuori sede, degli studenti Erasmus, dei visiting professor attraverso la disponibilità di un adeguato numero di posti letto offerto dalle strutture di via Padre Manzella, via Verona, via Coppino e via Lamarmora per una disponibilità di 562 posti letto. La presenza dei proff. Antonello Mattone e Gavino Mariotti ai vertici del Conservatorio di musica Luigi Canepa e dell Accademia di belle arti Mario Sironi rappresenta un opportunità unica per promuovere sinergie e azioni comuni. Sul piano della didattica, l anno accademico appena trascorso è il primo nel quale il nuovo assetto organizzativo stabilito dallo Statuto ha trovato piena attuazione. All interno di un adeguato coordinamento a livello di ateneo, il nuovo assetto assicura ai 13 dipartimenti l autonomia necessaria per organizzare le attività di formazione di I, II e III di livello. Questa profonda trasformazione procede con una serie di criticità che via via si sta provvedendo a correggere; non sono pochi i problemi emersi in relazione all occupazione e all amministrazione di spazi comuni quali aule e laboratorio. Sono profondamente cambiate anche le regole ministeriali in base alle quali il sistema universitario programma i corsi di studio da attivare. L ultimo decreto ha introdotto severe limitazioni mirate a razionalizzare l offerta formativa e contemporaneamente ha dato avvio ad un sistema di valutazione che condiziona la programmazione dell Ateneo e che avrà certamente un ruolo determinante per lo sviluppo della qualità della formazione. L offerta formativa si è ridotta, passando dai 57 corsi di studio del agli attuali 51, di cui 27 lauree triennali, 6 lauree magistrali a ciclo unico e 18 lauree magistrali. Una di queste ultime, per il tramite del Dipartimento di Agraria è attivata con modalità interateneo con le università di Milano, Foggia, Palermo e Torino (quest ultima sede amministrativa). Con l obiettivo di sviluppare l internazionalizzazione dell offerta didattica, grazie ad un accordo tra il dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica con università straniere spagnole e portoghesi, anche per il si ripropone una laurea magistrale a doppio titolo. Per la prima volta l iter di attivazione ha comportato la compilazione delle schede SUA CDS per ciascun corso di studio da parte dei dipartimenti di afferenza. Sempre nel 2013, l Ateneo ha avviato la prima esperienza di autovalutazione attraverso la compilazione dei Rapporti di riesame. Al termine dell intera procedura, tutti i corsi di studio e le relative sedi hanno ottenuto l accreditamento iniziale da parte del MIUR a seguito della valutazione positiva da parte dell ANVUR. Nel ai corsi di laurea, laurea magistrale e magistrale a ciclo unico si sono iscritti studenti, circa 600 in meno rispetto al precedente anno. Poiché si mantiene stabile la percentuale di matricole che accede al sistema universitario per la prima volta (2.092 nel ) la riduzione degli iscritti, legata anche all andamento demografico sul piano nazionale, deriva in parte dalla consistente riduzione di studenti fuori corso, quantificabile nell ultimo anno in circa 350 unità (da a 5.210). Mediamente i laureati sono l anno, dunque più numerosi delle matricole, e aumenta gradualmente la percentuale di coloro che conclude gli studi nei tempi canonici. Per l anno accademico , l andamento delle iscrizioni lascia presumere che il numero dei nuovi

16 16 Inaugurazione del 452 Anno Accademico studenti rimarrà sostanzialmente invariato rispetto agli anni precedenti. Per i dati definitivi bisognerà attendere il termine delle iscrizioni tra qualche giorno. Le soluzioni proposte dall Ateneo in tema di alta formazione sono rappresentate dalle scuole di specializzazione, dottorato e master e sono tese a sviluppare e a tradurre in competenze professionali conoscenze precedentemente acquisite. L attività dell alta formazione proposta dall Ateneo è organizzata anche in collaborazione con la Regione Autonoma della Sardegna, con l Università degli Studi di Cagliari, con il Consorzio per la Promozione degli studi universitari della Sardegna centrale, con il Consorzio Uno per la Promozione degli Studi Universitari di Oristano e con diverse Università estere. Nel le 51 scuole di specializzazione, 11 scuole di dottorato di ricerca e gli 11 master hanno avuto iscritti. Nel 2013 si sono specializzati 131 laureati e hanno conseguito il titolo di dottore di ricerca 96 dottorandi dei quali diversi stranieri provenienti dall America latina, dall estremo oriente e dal Nord-Africa. Degli 11 master internazionali attivati nel , cinque di secondo e due di primo livello, sono stati finanziati dalla Regione Autonoma della Sardegna grazie al Protocollo d intesa per le attività di Alta Formazione siglato unitamente all Università degli Studi di Cagliari con l Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale. Nell anno accademico appena trascorso sono entrati a regime gli applicativi ESSE3 e UGOV Didattica ed è stato dato l avvio della sperimentazione del sistema VOL per la verbalizzazione on line degli esami. Obiettivo finale è la riprogettazione e successiva automazione di tutte le tappe del percorso universitario dello studente. Il nuovo sistema informativo ESSE3 gestisce le carriere degli studenti del I, II e III ciclo; è un applicativo avanzato e rispondente alle esigenze di governo generale del sistema universitario, capace di interfacciarsi con i sistemi in uso in altri settori dell Amministrazione (CIA, CSA, Titulus) ed è inserito all interno della piattaforma UGOV (University Governance). Per l anno accademico sono esonerati dal pagamento della seconda e della terza rata di immatricolazione gli studenti che hanno conseguito il diploma di maturità con votazione 100/100 e lode e che si iscrivono per la prima volta in corsi di laurea triennale o magistrale a ciclo unico. Per l anno accademico , avranno diritto al rimborso della seconda e/o terza rata versata gli studenti regolari e in corso che conseguano il titolo finale con una votazione di 110/110 e lode entro la sessione estiva dell ultimo anno in corso. Anche per l anno accademico , l Ateneo ha stabilito di premiare gli studenti che si sono distinti a seguito della valutazione positiva della carriera universitaria sia in termini di rendimento che di efficienza. Nella giornata di ieri si è svolta la quinta cerimonia di premiazione degli studenti, che hanno ottenuto anche il rimborso della prima rata delle tasse Abbiamo portato rapidamente a conclusione il corso annuale di Tirocinio formativo attivo per insegnanti, per 45 unità, con il coinvolgimento di molti Istituti scolastici e con la cerimonia finale del 30 settembre. Per i dottorati di ricerca, abbiamo reperito molte nuove borse presso la Regione Sarda, la Fondazione Banco di Sardegna, i Comuni, l INPS dalla gestione ex INPDAP. Abbiamo pubblicato il bando a valle delle nuove disposizione e del nuovo regolamento. Si è avviata la completa riorganizzazione dei corsi di dottorato seguendo le norme del decreto ministeriale dell 8 febbraio,

17 Relazione del Rettore 17 con una nuova offerta formativa. Non solo l Ateneo è passato da un sistema di scuole ad uno di dottorati, ma si è confrontato con le necessità di accreditamento previste dagli art. 3 e 4 del decreto rivedendo profondamente lo schema di dottorato e dotandolo di risorse che inizialmente non si pensava di possedere. Il risultato finale va oltre ogni previsione, sia in termini di risorse disponibili sia di impegno dei direttori delle scuole. Fra l altro, è stata aumentato al 50% il peso della premialità e del merito nei criteri di attribuzioni di risorse ai dottorati da parte dell Ateneo. Il Consiglio dei direttori dei corsi di dottorato ha funzionato decisamente bene, perciò la sua formalizzazione statutaria potrebbe essere matura. La centralità della persona, considerata come unica e irripetibile nel complesso sistema valoriale di attitudini e competenze che la accompagnano nel corso della vita. è il punto di partenza da cui nasce, si elabora e si implementa l idea di orientamento promossa dall Ateneo. L Università diventa, in questa prospettiva, un sistema orientante che accoglie e accompagna la persona lungo il percorso formativo, supportandola nell avvicinamento e nell ingresso al mondo del lavoro. Nel corso dell a.a si sono sistematizzate le fasi di monitoraggio e valutazione delle azioni intraprese negli anni precedenti e tuttora in corso. La raccolta e l elaborazione dei dati sono state implementate in base a procedure volte all ottimizzazione dei tempi e alla massima efficienza ed efficacia. L esperienza pluriennale maturata in questo campo dal Centro Orientamento Studenti, dal Servizio di counseling psicologico e di coaching OrientAzione, dal progetto STUD.I.O. e dal Servizio di Job Placement è parte integrante del modello e fa emergere la necessità di una stabilizzazione del sistema, con un allargamento progressivo della lotta alla dispersione. È proseguita l attività ordinaria del Centro con le consulenze sull offerta formativa (tramite numero verde e sportello), sui servizi messi a disposizione dall Ateneo e dall ERSU, sulle pratiche burocratiche (iscrizioni, tasse universitarie ecc.). È continuato il lavoro organizzativo e gestionale delle collaborazioni studentesche (150 ore), delle collaborazioni di studenti tutor (400 ore), dei tirocini formativi e di orientamento post lauream. È stata organizzata la X edizione delle giornate dell orientamento (15-19 aprile 2013). In merito alla promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna, la Regione il 7 luglio scorso ha comunicato che il Progetto di formazione Il Sardo a scuola mirato alla formazione degli insegnanti in lingua sarda, presentato dall Ateneo, in linea di massima è risultato congruo con le linee guida del Piano triennale La Regione ha tuttavia precisato che le somme destinate a tale attività, relative all esercizio finanziario 2008, sono cadute in perenzione e che il capitolo al momento non è stato ripristinato, per via del Patto di stabilità. In rapporto a recenti polemiche, l Ateneo ribadisce la volontà di battersi in difesa del bilinguismo e per la promozione della lingua sarda. Il nuovo Regolamento della Commissione per le Problematiche degli studenti disabili ha imposto una profonda revisione del servizio di tutorato, che ha conosciuto non poche difficoltà applicative a seguito dell erogazione di contributi finanziari direttamente agli studenti. L impegno del delegato e degli uffici ha consentito di superare ogni criticità, anche sul piano dell assistenza fiscale ai disabili. Si è svolto l annuale concorso di sensibilizzazione sui temi della disabilità riservato alle classi degli ultimi anni delle scuole superiori delle provincie di Sassari Nuoro e Olbia. L Ufficio per la Disabilità ha garantito la partecipazione alla settimana dell orientamento, sia allestendo una sua postazione informativa sia esponendo nei diversi spazi riservati ai corsi di studio le opere del concorso di sensibilizzazione sui temi della disabilità

18 18 Inaugurazione del 452 Anno Accademico premiate negli anni passati. La Commissione ha lavorato a migliorare l offerta dell Ateneo nei confronti degli studenti con Disturbi Specifici dell Apprendimento. Sul piano delle attività autogestite dagli studenti, sono state finanziate attività proposte da una ventina di associazioni o gruppi e si è iniziato a definire il programma per il prossimo anno. Lo sport diventa sempre più una componente della formazione universitaria: d intesa con il CUS, circa 700 studenti universitari hanno praticato, presso gli impianti di S. Giovanni e le strutture convenzionate, le numerose discipline offerte dai programmi proposti a differenti livelli. Una delegazione di 50 studenti ha partecipato ai Campionati Nazionali Universitari. D intesa con l ATP, è stato attivato il servizio di trasporto Brincus verso gli Impianti Sportivi di San Giovanni, nell ambito del Progetto Unicittà. Si è svolta una importante attività promozionale, coinvolgendo anche la Dinamo e la Torres Calcio Femminile. Uguale sviluppo hanno avuto le attività musicali e il Coro, gestito dall Associazione che ha promosso manifestazioni celebrative, congressuali e organizzative in campo locale e nazionale. Su proposta del Centro Linguistico di Ateneo (CLA), il Senato accademico ha deliberato un nuovo progetto formativo e organizzativo, che prevede l allestimento di tre poli didattici oltre alla sede centrale del CLA e alle sedi decentrate. La misura consente l acquisizione di competenze linguistiche diversificate relative ai livelli previsti dal Quadro comune europeo di riferimento e agli obiettivi formativi specifici delle singole aree (linguaggi specialistici), ma anche la riduzione dei costi di funzionamento dei laboratori linguistici, la possibilità di una loro modernizzazione più costante e un migliore utilizzo del monte ore complessivo dei Lettori e dei Collaboratori linguistici. Le attività del CLA comprendono anche la gestione dei progetti POR, degli esami di certificazione per insegnanti scuola primaria e le funzioni previste nell ambito delle convenzioni con l Accademia, il Conservatorio, l università di Siena, ecc. L Ateneo ha firmato una convenzione con l Institut Ramon Llull di Barcellona per l insegnamento della lingua catalana. Imponente sviluppo hanno conosciuto le attività di ricerca e trasferimento tecnologico, indirizzate al miglioramento del posizionamento dell Ateneo sotto il duplice profilo quantitativo e qualitativo. La programmazione delle attività è stata condizionata dalla forte tendenza del MIUR a ribaltare sugli atenei molte fasi critiche e onerose dei processi di valutazione e di assegnazione delle risorse (per esempio, esercizio VQR; gestione progetti ministeriali di interesse nazionale, ecc.). La scelta delle metodologie da adottare per la valutazione rappresenta ancora una tematica aperta soprattutto nell ambito delle scienze umane e sociali, mentre risultano maggiormente codificati e standardizzati i metodi per le scienze sperimentali e applicate. In quest ottica, è stato concluso un esercizio interno di valutazione delle aree scientifiche con la finalità di fornire un quadro chiaro della produzione scientifica, della distribuzione dei gruppi di ricerca nelle diverse aree, dei punti di eccellenza, di forza e di debolezza della ricerca nelle scienze sperimentali e applicate. La valutazione è stata affidata alla Research Value, spin off del gruppo di ricerca del Laboratorio di Studi sulla Ricerca e il Trasferimento tecnologico del Dipartimento di Ingegneria dell Impresa dell Università di Roma Tor Vergata. La società ha svolto l analisi bibliometrica dei prodotti della ricerca del quinquennio nelle aree scientifico-sperimentali (1-9). Il database prodotto contiene informazioni sulle performance dei singoli ricercatori, dei SSD, delle Aree della Ricerca e dell Ateneo nel suo complesso. In

19 Relazione del Rettore 19 collaborazione con l ufficio Ricerca, i dati sono stati ulteriormente elaborati per veicolare le informazioni ai diversi livelli, dal singolo ricercatore all Ateneo. Il 15 ottobre 2013 è stato organizzato un momento di discussione interna sui risultati della Valutazione della qualità della ricerca. Sono stati presentati i risultati relativi all Ateneo ed è stata avviata la discussione con l intervento dei componenti della Commissione Ricerca di Ateneo e dei Comitati della ricerca dei dipartimenti e del Nucleo di Valutazione. Nel 2013 l Università di Sassari è stata selezionata dalla CRUI, per far parte del gruppo di lavoro ristretto (università di Bologna, Firenze, Napoli Federico II, Pavia e Roma La Sapienza) istituito con l obiettivo di sviluppare e proporre un modello di valutazione interna della ricerca che possa essere condiviso e adottato da tutti gli atenei. È stata effettuata la revisione del contratto di comodato d uso del Centro di Tramariglio con scadenza al 2014 ed è stato istituito il nuovo Comitato scientifico; sono stati evidenziati diversi aspetti gestionali che devono essere perfezionati per rendere più chiari ed efficaci i rapporti di collaborazione fra le parti. Nel 2013, a seguito della lettera di disdetta del contratto di locazione da parte dell Università di Sassari, il Prorettore alla ricerca ha coordinato, insieme al Direttore generale, i lavori della Commissione per la definizione di un nuovo rapporto contrattuale con la Porto Conte Ricerche. La trattativa è ancora in corso. Anche il testo dell accordo quadro tra Università di Sassari e CNR sarà rimesso in discussione, con il coinvolgimento della Regione e dei centri di ricerca. L Ateneo per il momento non ha potuto cofinanziare gli assegni di ricerca né sostenere i FAR, il Fondo di Ateneo per la ricerca dell ex 60%. In compenso per i PRIN sono stati finanziati 3 modelli A e 15 modelli B per un importo pari a euro Per i FIRB sono stati ammessi a finanziamento 2 progetti per un totale di euro Nell ambito della Legge Regionale sulla ricerca, sono state firmate numerose convenzioni di seguito elencate: a. la premialità regionale ha ottenuto nel 2012 euro , per un totale complessivo nel triennio di euro ; b. i progetti di ricerca di base (bando 2012). L Università di Sassari ha presentato 56 progetti e sono stati ammessi al finanziamento 27 per un importo pari a euro ; c. i progetti di ricerca con bandi tender (bando 2012). L Università di Sassari ha presentato 3 progetti e sono stati ammessi al finanziamento 2 progetti per un importo pari a euro Complessivamente negli ultimi anni l Ateneo ha ottenuto finanziamenti per euro per i progetti di ricerca di base e euro per i bandi tender. Altre due convenzioni hanno riguardato il potenziamento delle infrastrutture e attrezzature di ricerca universitarie con euro , di cui per il Centro Servizi di Ateneo per la Ricerca (CESAR-SS) e euro per la realizzazione del Centro Interuniversitario di ricerca sulle tecnologie per i beni culturali (C.I.R.TE.BE.C). L ufficio Ricerca ha inoltre svolto alcune attività di supporto per la gestione delle risorse della l. reg. 7/2007: - per i progetti di ricerca di base e orientata, gli uffici Ricerca degli Atenei di Sassari e Cagliari hanno predisposto due vademecum di supporto per i ricercatori e i responsabili amministrativi dei dipartimenti contenenti le regole da seguire nelle fasi di gestione e di rendicontazione. Sono

20 20 Inaugurazione del 452 Anno Accademico state definite le procedure interne per la presentazione dei progetti Tender 2011 e dei progetti di base anno 2012; - nell ambito del finanziamento previsto dalla l. reg. 5 marzo 2008, n. 3 per il rientro dei cervelli, è in fase di completamento il concorso che consentirà all Ateneo di assegnare 7 posti di ricercatore a tempo determinato di tipo A per un totale di euro. Oltre al costo del contratto è prevista una quota di funzionamento pari a euro che il ricercatore potrà disporre nel corso del triennio del progetto di ricerca. Il Programma Master and Back prevede l inserimento professionale di giovani laureati sardi con il presupposto di favorirne l occupazione e contestualmente garantire agli organismi di ricerca ospitanti maggiore competitività nazionale e internazionale nell ambito della ricerca scientifica. L attivazione di un percorso di rientro ha come presupposto essenziale l incontro tra un laureato specializzato che abbia svolto un percorso formativo finanziato attraverso il Programma Master and Back o un percorso ad esso assimilabile concluso da non più di tre anni e un ente pubblico o privato di ricerca operante nel territorio della Sardegna. In data 24 luglio 2013 è stato pubblicato il bando Master and Back dell Università di Sassari con il quale è stata indetta la procedura di valutazione comparativa, per titoli e colloquio, per l attribuzione di complessivi 31 assegni di ricerca. Di concerto con l amministrazione regionale e con l Università di Cagliari sono stati definiti gli ambiti di intervento del Programma Operativo Regionale (POR) Fondo Sociale Europeo per i grandi progetti di Ateneo: - Progetto per i Dottorati di Ricerca che ha permesso di finanziare 117 borse di cui 84 per le aree scientifiche e 33 per l area umanistica e socio-economica. L importo complessivo è pari a euro È stata approvata dalla Regione la proposta di destinare le somme residue del progetto, derivanti dalle maggiorazioni di borsa per soggiorno all estero non sfruttate interamente dai dottorandi del 26, 27 e 28 ciclo, per il finanziamento di borse di studio (biennali) dei corsi di dottorato del 29 ciclo. Il 26 settembre 2013 è stato pubblicato l avviso di chiamata. Nel bando risultano risorse assegnate all Università di Sassari per circa 1 milione di euro con la ripartizione del 75% all area scientifica e del 25% all area umanistica e socio-economica. Queste risorse garantiscono la copertura di 60 annualità di borse, pari a 20 posti aggiuntivi. - Progetto per contratti di ricerca triennali (RTD, in conformità all art. 24 della l. 240/2010), che tende a promuovere, sostenere e divulgare la cultura scientifica, sviluppare, attrarre e mantenere nel sistema regionale della ricerca un capitale umano altamente qualificato, sostenere il sistema regionale della ricerca e la sua internazionalizzazione, integrare le politiche di ricerca e innovazione del sistema regionale con quelle comunitarie. La scelta di destinare l intero stanziamento all attivazione degli assegni triennali risponde all esigenza di ottimizzare le risorse complessivamente disponibili, mobilitando ove necessario fondi aggiuntivi delle strutture per la realizzazione dei progetti. Nel complesso la proposta progettuale ha consentito di avviare la formazione di 21 ricercatori nell area scientifica, 8 nell area umanistica e delle scienze sociali per un triennio. Il progetto è stato approvato per un importo complessivo di euro Progetti per assegni di ricerca nell ambito della conservazione e del restauro dei beni culturali. L obiettivo è quello di formare, attraverso assegni di ricerca di durata biennale, in conformità all art. 22 della l. 240/2010, nuove competenze nel campo della Conservazione e del Restauro dei beni culturali. Lo sviluppo della ricerca in questo settore servirà non solo per

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Quota finanziamento RAS destinata alla mobilità SMS 194 1407 494.000,00 --- --- --- 186 1429 732.800,00 --- --- --- 222 1656 860.

Quota finanziamento RAS destinata alla mobilità SMS 194 1407 494.000,00 --- --- --- 186 1429 732.800,00 --- --- --- 222 1656 860. Il rapporto con la Regione Autonoma della Sardegna e il finanziamento della mobilità internazionale studentesca Anno accademico - Importo complessivo contributo L.R. 25/02 e L.R. 3/2009 destinato all Università

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore?

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Agenda L Università oggi Cosa fare, come muoversi? Cosa si studia in Cattolica I perché di una scelta L orientamento in Cattolica L università oggi E dopo la scuola

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico La formazione post lauream in Italia e le interrelazioni con le Imprese Università di Salerno, Aula Magna Campus di Fisciano, 4 Luglio 2014 Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI ALLEGATO 2B CONVENZIONE TRIENNALE PER GLI ESERCIZI 2006-2008 LEGGE REGIONALE N. 26/1996 ART. 26 RAPPORTI TRA LA REGIONE E LE UNIVERSITA DELLA SARDEGNA PIANO DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO La tanto attesa e temuta classifica Censis relativa alla valutazione degli Atenei italiani è stata di recente pubblicata

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (43 - Classe delle Lauree

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

U Linee per un Progetto: Erasmus Placement for students coming to Sardinia

U Linee per un Progetto: Erasmus Placement for students coming to Sardinia Università degli Studi di Sassari Ufficio Relazioni Internazionali Camera di Commercio Del Nord Sardegna Provincia di Sassari U Linee per un Progetto: Erasmus Placement for students coming to Sardinia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Giuseppa Locci, Fabrizio Mattana. Università degli Studi di Cagliari Direzione per la Didattica e l Orientamento

Giuseppa Locci, Fabrizio Mattana. Università degli Studi di Cagliari Direzione per la Didattica e l Orientamento Giuseppa Locci, Fabrizio Mattana Università degli Studi di Cagliari Direzione per la Didattica e l Orientamento Passaggi di corso interni: dematerializzazione del processo, risvolti sulla qualità del servizio

Dettagli

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo All interno del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 46/ 42 DEL 27.12.2010

DELIBERAZIONE N. 46/ 42 DEL 27.12.2010 DELIBERAZIONE N. 46/ 42 Oggetto: Legge regionale n. 3/ 2008, art. 4, comma 1, lett. b). Assegni di merito a favore degli studenti universitari. U.P.B. S02.01.009 Pos. Fin. SC2.0183. Disponibilità finanziaria

Dettagli

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio : Economia Aziendale Classe : L-18 Sede : Università degli Studi della Basilicata, Dipartimento di Matematica Informatica ed Economia- DiMIE, sede di Potenza Primo anno

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA

INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA Marzia Foroni Direzione Generale per l Università, lo Studente e il Diritto allo Studio Universitario Ufficio IV Ministero dell

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

L attività di Valutazione alla LUISS Guido Carli

L attività di Valutazione alla LUISS Guido Carli L attività di Valutazione alla LUISS Guido Carli Presentazione Alessandro Lubicz Formez 29 novembre 2012 Nucleo di Valutazione Ufficio Studi, Statistiche e Affari generali Attività di Valutazione Struttura

Dettagli

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE

ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE ALLEGATO B PROGRAMMA ERASMUS+ - SMS MOBILITÁ PER STUDIO Anno Accademico 2016/2017 CRITERI DI SELEZIONE Indice Dipartimento di Antichistica, Lingue, Educazione, Filosofia A.L.E.F.... 2 Dipartimento di Bioscienze...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche MANIFESTO DEGLI STUDI - Anno Accademico 2015/2016 Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2015/2016 Corso di Laurea in SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato

COMUNICATO STAMPA. Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato COMUNICATO STAMPA Varata la Riforma dell accesso alle professioni e dei relativi esami di Stato Il Ministro Moratti: Professionisti più qualificati a tutela degli interessi dei cittadini Il Consiglio dei

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO 1. CHI SIAMO? 2. COME RAGGIUNGERCI? 3. COSA SONO I DIPARTIMENTI? 4. COS È L ORIENTAMENTO IN INGRESSO? 5. COSA SONO I C.F.U.? 6. COSA SONO I CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATI SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SCUOLA SUPERIORE DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE La Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze (SSEF) è la Scuola nazionale per la formazione del personale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro?

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro? Le risposte alle domande più frequenti sul Corso di Laurea triennale in Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali Facoltà di Scienze Politiche Università del Piemonte Orientale,

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI 7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI Su invito del Rettore, entra nel luogo della riunione il Sig. Paolo Capuani, Responsabile dell Ufficio Offerta formativa e orientamento in entrata.

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria corso di laurea (I livello) Disegno industriale e ambientale L-4 3 anni crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it/sad Presentazione del corso

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/14 Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 18 giugno 2013 INDICE >OFFERTA FORMATIVA< TEST E PROVE DI ACCESSO IMMATRICOLAZIONI

Dettagli

Sapienza 2012-2013: al via il 3 settembre i test d ingresso Informazioni e novità: aumentano i corsi in inglese

Sapienza 2012-2013: al via il 3 settembre i test d ingresso Informazioni e novità: aumentano i corsi in inglese Roma, 01/08/2012 COMUNICATO STAMPA Sapienza 2012-2013: al via il 3 settembre i test d ingresso Informazioni e novità: aumentano i corsi in inglese La Sapienza per l anno accademico 2012-2013 presenta un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

IL RETTORE. Decreto n. 1041

IL RETTORE. Decreto n. 1041 Decreto n. 1041 IL RETTORE VISTO lo Statuto di questa Università, emanato con D.R. n. 2959 del 14.06.2012 e, in particolare, l art. 53, comma 5; VISTA la delibera del Senato Accademico, assunta nella riunione

Dettagli

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA Scuola superiore Laurea (3 anni) Master I Livello Laurea Magistrale (2 anni) Master II Livello Specializzazione Dott. Ricerca Mondo del lavoro Università degli Studi di

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA. > dottore per i corsi di laurea (di primo livello) laurea 3 anni 180 cfu. master di I livello minimo 60 cfu

OFFERTA FORMATIVA. > dottore per i corsi di laurea (di primo livello) laurea 3 anni 180 cfu. master di I livello minimo 60 cfu OFFERTA FORMATIVA laurea 3 anni 180 cfu master di I livello minimo 60 cfu laurea magistrale 2 anni 120 cfu master di II livello minimo 60 cfu dottorato di ricerca 3 anni corsi di laurea triennale (di primo

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la VERBALE N. Il giorno 1 settembre dell anno 2015 (duemilaquindici), alle ore 8.30, presso la sala riunioni della sede di viale Italia 409, Sesto S.Giovanni (Mi), sotto la Presidenza del Dirigente Scolastico,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli