DIREZIONE SCIENTIFICA MARCO MONTICONE CALOGERO FOTI IL GRANDE PROGETTO MULTIMEDIALE PER L'AGGIORNAMENTO AVANZATO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE SCIENTIFICA MARCO MONTICONE CALOGERO FOTI IL GRANDE PROGETTO MULTIMEDIALE PER L'AGGIORNAMENTO AVANZATO. www.utetmed.it"

Transcript

1 DIREZIONE SCIENTIFICA MARCO MONTICONE CALOGERO FOTI IL GRANDE PROGETTO MULTIMEDIALE PER L'AGGIORNAMENTO AVANZATO

2 LA LOMBALGIA Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Marco Monticone, Silvano Ferrari Con la collaborazione di Fabio Frigerio ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi Semeiotica clinica Valutazione della lombalgia Ispezione Palpazione Esame articolare Esame neurologico periferico Osservazione generale VALUTAZIONE E TRATTAMENTO IN FISIOTERAPIA Semeiotica funzionale Osservazione statica Valutazione del paziente Osservazione Esame generale Postura Osservazione degli arti inferiori Alterazioni minori a carico degli arti inferiori Osservazione della posizione del bacino Osservazione della postura seduta Trattamento Ripristino delle caratteristiche posturali Correzione del piano sagittale Valutazione funzionale Valutazione dei movimenti attivi Shober test Flessione anteriore Instability catch Paura del movimento Alterazioni del ritmo lombo-pelvico Estensione Lateroflessione Scivolamento laterale Rotazione Rotazione da seduto Esame dei movimenti combinati Interpretazione del movimento attivo Palpazione Tensione muscolare Anomalie somatiche Valutazione e trattamento del movimento regionale e segmentario Valutazione Esame regionale dei movimenti passivi Flessione regionale 2 Lateroflessione regionale Estensione regionale Rotazione regionale Movimenti regionali 3D e segmentari Trattamento Pompage articolare Mobilizzazione articolare Manipolazione Tecnica di distrazione Manipolazione Tecnica in rotazione Stretching globale attivo Pompages muscolare Facilitazione neuromuscolare Valutazione specifica dei sottogruppi Valutazione specifica Algoritmo valutazione Disfunzione discale Valutazione Protrusione ed ernia Diagnosi meccanica Preferenza direzionale Shift laterale Diagnosi meccanica da supino Diagnosi meccanica da prono Trattamento Posizione seduta Estensione in piedi Estensione da prono Prono in estensione Trattamento di disfunzione discale reversibile Mobilizzazione in estensione Training muscolare Trattamento di disfunzione discale irreversibile Riposo attivo Trazione manuale Esercizio del tergicristallo Esercizio del ponte Disfunzione della Neurodinamicità Valutazione Struttura della radice nervosa Sintomi specifici Slump test Straight Leg Raising SLR Prone Knee Band PKB Trattamento Posizione slump Estensione della gamba contro il muro

3 Disfunzione del controllo motorio Valutazione Multifido e trasverso addominale SLR attivo Prone Instability test Passive Lumbar Extension test Ponte da prono Ponte da supino Trattamento Posizione slump Estensioni di ginocchio al muro Prima parte del training Presa di coscienza dell attivazione del trasverso addominale Biofeedback a pressione Attivazione del TA addominale in posizione quadrupedica Attivazione del TA addominale in piedi Prono: attivazione del multifido alzando un braccio Attivazione del core in piedi Attivazione del core in piedi alzando un braccio Seconda parte del training Supino: biofeedback con arti inferiori Supino: sollevamento di una gamba e del braccio controlaterale Supino: palla Supino: hundred Supino: ponte 4 appoggi: Superman In piedi: inclinazione del busto Esercizi sul pallone Esercizi su bouncer Terza parte del training Esercizio generale per addominali Ponte laterale Ponte da prono Esercizio sega Prono sul pallone Esercizio generale per resistenza core Step Esercizi sulla tavoletta propriocettiva Esercizi con la palla Disfunzione dell articolazione sacroiliaca Valutazione Test di palpazione Test di distrazione Thrust lungo la coscia Test di compressione Thrust sacrale Test di scivolamento craniale Test di Gaenslen Active SLR Test Individuazione della disfunzione principale Movimento di nutazione Rotazione anteriore dell ileo sul sacro Test di scivolamento Indicazioni posturali Algoritmo di valutazione Trattamento Muscle Energy Rilasciamento dello psoas Muscle Energy Tecniche articolari Tecniche di autotrattamento Disfunzione dell anca Patrick test Comparazione range of motion Schema capsulare Artrosi, Stenosi, Spondilolistesi Artrosi Spondilolistesi Stenosi Sindrome del Piriforme Valutazione Test Trattamento Trattamento cognitivo-comportamentale Valutazione Test di simulazione Trattamento ALLEGATI Diagnostica per immagini Misure di outcome Anatomia funzionale Rachide lombare Validità dei test Algoritmo di valutazione Anamnesi Elementi per la terapia cognitivo-comportamentale 3

4 RACHIDE E OSTEOPOROSI Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Donatella Bonaiuti, Tiziana Nava ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi Semeiotica clinica Esame obiettivo Valutazione della postura in posizione eretta Flessione Rotazione Articolarità dell anca Valutazione della dolorabilità della colonna VALUTAZIONE E TRATTAMENTO IN FISIOTERAPIA Prevenzione dell osteoporosi Adolescenza e giovani adulti Età riproduttiva Età riproduttiva pre-menopausale Menopausa Valutazione nell osteoporosi post-menopausale, senile e nel crollo vertebrale Analisi biopsicosociale Valutazione dei fattori di rischio di caduta Anamnesi Valutazione posturale Valutazione funzionale Valutazione del cammino e dell equilibrio Valutazione dell equilibrio Valutazione posturale della persona con crollo vertebrale Valutazione funzionale della persona con crollo vertebrale Stato funzionale Valutazione del danno secondario al dolore Valutazione del ROM articolare Valutazione dell equilibrio e della coordinazione Trattamento nell osteoporosi post-menopausale e senile Programma riabilitativo generale Correzione posturale Equilibrio Attività fisica Esercizi sito-specifici di rinforzo muscolare e incremento massa ossea Esercizi per l equilibrio Esercizi posturali dinamici Esercizi sito-specifici per il rinforzo muscolare: elastici Allenamento vibratorio Programmi riabilitativi specifici Classi di rischio Struttura dei programmi riabilitativi Donne sane o osteopeniche in post-menopausa Obiettivo 1 Esercizi sito-specifici di rinforzo muscolare e incremento massa ossea Esercizi aerobici per aumentare la densità ossea Obiettivo 2 Esercizi preparatori all attività aerobica Obiettivo 3 Esercizi di rinforzo muscolare contro resistenza Esercizi per il rinforzo muscolare e la mobilizzazione del rachide Esercizi per l equilibrio e la mobilizzazione del rachide Obiettivo 4 Cambiamenti posturali Donne osteoporotiche in post-menopausa con anamnesi negativa per pregresse fratture da fragilità Obiettivo 1 Esercizi per il rinforzo muscolare e per l equilibrio Esercizi posturali dinamici Obiettivo 2 Obiettivo 3 Esercizi sito-specifici per l anca Esercizi per il rinforzo muscolare del rachide Precauzioni Esercizi sito-specifici per il rinforzo muscolare: pesi Esercizi sito-specifici per il rinforzo muscolare: elastici Cambiamenti posturali Esercizi di economia articolare e gestuale Donne osteoporotiche in post-menopausa con aumentato rischio di caduta e/o con anamnesi positiva per pregresse fratture da fragilità o crolli vertebrali Obiettivo 1 Approccio terapeutico: massaggio Terapie manuali: pompage, mobilizzazioni articolari Terapie manuali: rinforzo muscolare Ginnastica respiratoria Obiettivo 2 Esercizi per l equilibrio e l agilità Rieducazione al cammino Obiettivo 3 Rieducazione posturale globale: allungamento catena muscolare anteriore Rieducazione posturale globale: allungamento catena muscolare posteriore Esercizi di rinforzo dei muscoli estensori del rachide Esercizi di rinforzo dei muscoli estensori del rachide con ausili Obiettivo 4 Esercizi di economia articolare e gestuale Esercizi di cambio posturale ed educazione al cammino 4

5 Esercizi per l equilibrio e l agilità Esercizi per l equilibrio e l agilità con ausili Esercizi posturali dinamici e propriocettivi Esercizi di rinforzo dei muscoli estensori del rachide Esercizi di rinforzo degli schemi gestuali e dell equilibrio Obiettivi del programma riabilitativo Esercizi per l equilibrio e l agilità Esercizi per il rinforzo muscolare e per l equilibrio Esercizi di rinforzo dei muscoli estensori del rachide Osteoporosi senile ALLEGATI Diagnosi strumentale Misure di outcome Linee Guida Nazionali SIMFER Physical Performance Test 5

6 LA CERVICALGIA Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Marco Testa, Gustavo Zanoli Coautori: Serena Gattuso, Tommaso Geri, Ivan Peristi, Daniele Saverino, Andrea Zimoli Con la collaborazione di Fabio Frigerio ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi Semeiotica clinica Visita Ispezione ROM Versione passiva Diagnosi differenziale Valutazione della forza muscolare Riflessi Palpazione Cluster VALUTAZIONE E TRATTAMENTO IN FISIOTERAPIA Presupposti teorici per la valutazione del paziente con cervicalgia Utilizzo del concetto di salute secondo l ICF nella pratica clinica Il modello di carico/capacità di carico e il profilo prognostico di salute Dall ICF al trattamento Profilo prognostico di salute Il profilo prognostico di salute e scelta del trattamento Raccolta anamnestica del fisioterapista Indagare correttamente l impairment Indagare correttamente la disabilità e la partecipazione sociale e la richiesta d aiuto del paziente Definire l evoluzione nel tempo dei sintomi riferiti dal paziente Esame fisico del paziente con cervicalgia Introduzione Struttura dell esame obiettivo Schema dell ampiezza del movimento Valutazione della mobilità passiva Ispezione e movimenti attivi Osservazione del paziente sui vari piani Piano frontale Piano sagittale Piano posteriore Movimenti attivi del rachide in toto Flessione Estensione Rotazione Lateroflessione 3D in flessione/estensione Movimenti attivi con locking Flessione estensione C0-C1 in rotazione del RCI Rotazione C1-C2 in flessione del RCI Rotazione del RCI in estensione del RCS Palpazione e test di provocazione Regionali Test di distrazione regionale Test di compressione regionale Segmentali Springing test sulla spinosa Test isometrici di resistenza muscolare Test isometrici Test resistito in flessione Test resistito in estensione Test resistito in lateroflessione Test resistito in rotazione Test passivi del rachide cervicale inferiore (RCI) Regionali Flessione regionale (C2-C7) Estensione regionale (C2-C7) 3D in flessione (C2-C7) 3D in estensione (C2-C7) Segmentali Flessione segmentale RCI Estensione segmentale RCI Test passivi del rachide cervicale superiore (RCS) Regionali Flessione regionale RCS (C0-C3) Estensione regionale RCS (C0-C3) 3D flessione/estensione RCS (C0-C3) Segmentali Flessione (C0-C1) Estensione (C0-C1) Rotazione (C1-C2) Valutazione dell instabilità funzionale Test di Estensione attiva e ritorno Test di Sollevamento della scapola Test di Contrazione dei Flessori profondi (Cranio Cervical Flexion Test CCFT) Trattamento Introduzione Tecniche articolari Manipolazioni Trattamento dei tessuti molli Tecniche di mobilizzazione Trattamento articolare Tecniche di locking RCI 6

7 RCS Tecniche oscillatorie Introduzione Sulla spinosa Bilaterali sulla faccetta Monolaterali sulla faccetta Trazioni Regionali Segmentali con locking RCI Mobilizzazioni Regionali mono direzionali flessione Regionali mono direzionali estensione Regionali 3D Segmentali mono direzionali flessione Segmentali 3D Segmentali mono direzionali estensione Manipolazioni RCS in trazione RCS in rotazione RCI in trazione RCI in rotazione Trattamento muscolare Tecniche di stretching muscolare Strato superficiale Strato medio Strato profondo Tecniche neuromuscolari P.I.R C.R.AC. Controllo motorio Esercizi di riposizionamento della scapola Esercizi di reclutamento dei flessori profondi Esercizi di reclutamento degli estensori del RCI Autotrattamento Esercizi per il miglioramento/mantenimento della particolarità Esercizi per il miglioramento/mantenimento della forza Esercizi per il miglioramento/mantenimento della stabilità Trattamento del tessuto nervoso ALLEGATI Diagnostica per immagini Misure di outcome Anatomia descrittiva e topografia del distretto cervicale Anatomia funzionale Rachide cervicale Anatomia palpatoria Itinerario clinico esemplificativo (caso clinico) 7

8 IL GINOCCHIO POST-TRAUMATICO Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Furio Danelon, Lorenzo Boldrini, Stefano Respizzi Coautori: Stefano Comi, Davide Pisoni, Simone Rivaroli Con la collaborazione di Fabio Frigerio ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi Semeiotica clinica Esame obiettivo generale del ginocchio Ispezione Ispezione Esame del cammino Esame funzionale Palpazione Palpazione dei punti dolorosi Palpazione posteriore Test di stabilità legamentosa Legamento collaterale mediale Legamento collaterale laterale Legamento crociato anteriore (test di Lachmann) Test del cassetto anteriore Jerk test Legamento crociato posteriore Test per patologie meniscali Palpazione delle emirime articolari Grinding test di Apley Test per patologie femoro-rotulee Palpazione delle faccette articolari Glide test Tilt test Grinding test femoro-rotuleo Test dell ascensione contrastata Test di flessibilità muscolare Flessori di ginocchio ischiocrurali Flessori d anca e quadricipite (test di Thomas) Adduttori Tensore della fascia lata e fascia ileo-tibiale (test di Ober) Test di forza muscolare Flessori mediali (semimembranoso, semitendinoso) Bicipite femorale Quadricipite Adduttori d anca Abduttori d anca Flessori d anca Valutazione delle circonferenze muscolari (cirtometria) Test isocinetico Valutazione funzionale in ambulatorio Minisquat monopodalico Test di equilibrio monopodalico Balzo in alto bipodalico/monopodalico La corsa/lo skip sul posto Il single leg hop test VALUTAZIONE E TRATTAMENTO IN FISIOTERAPIA Le fasi del trattamento riabilitativo e i criteri di progressione (fase 1-5) Terapie di fase 1 Terapie fisiche Idrochinesiterapia Caratteristiche del lavoro in acqua Bicicletta Introduzione Stretching dei flessori Stretching del quadricipite Andature per la ripresa della deambulazione Rinforzo Pressa Adduttori-abduttori Calcio alla parete Propriocettiva Gesti funzionali Corsa Skip Balzi Terapie di fase 2 Tecniche di mobilizzazione articolare Mobilizzazione dell articolazione femoro rotulea Mobilizzazione dell articolazione femoro tibiale in estensione Mobilizzazione in estensione con paziente in posizione supina Mobilizzazione in estensione con paziente in posizione prona Decoaptazione del ginocchio esteso Tecniche di PNF in estensione Mobilizzazione dell articolazione femoro tibiale in flessione Mobilizzazione autoassistita in flessione a muro Mobilizzazione passiva in flessione a paziente seduto Mobilizzazione assistita in flessione a paziente seduto Mobilizzazione passiva in flessione con paziente in posizione supina Mobilizzazione autoassistita in flessione con pattino Mobilizzazione in flessione con paziente in posizione prona Mobilizzazione autoassistita in flessione alla spalliera Mobilizzazione dell articolazione femoro tibiale con cyclette Tecniche di recupero della flessibilità muscolare Stretching del comparto anteriore della coscia Stretching del muscolo quadricipite femorale 8

9 Stretching del comparto mediale della coscia Stretching dei muscoli adduttori Stretching del comparto posteriore della coscia Stretching prossimale dei muscoli flessori di ginocchio Stretching della muscolatura della catena posteriore Stretching del comparto laterale della coscia Stretching del muscolo medio gluteo Stretching del muscolo tensore fascia lata Stretching del comparto posteriore della gamba Stretching dei muscoli gastrocnemio e soleo Stretching specifico del muscolo soleo Massaggio decontratturante Terapie di fase 3 Tecniche di recupero della forza muscolare Quadranti d anca L abduzione d anca L adduzione d anca L estensione d anca La progressione di carico Glutei Cocontrazioni quadricipite/flessori Esercizio Ricerca dei feedback Esercizi in catena cinetica chiusa Vector Vector Esercizio eccentrico Vector Spinte monopodaliche Minisquat Minisquat con elastico Wall slide Elettrostimolazione Esercizi in catena cinetica aperta per il quadricipite Vasto mediale carico naturale Vasto mediale con elastici Leg extension Leg extension gradi limitati Esercizi in catena cinetica aperta per i flessori di ginocchio Esercizi sul lettino Esercizi a terra Esercizi pliometrici Balzi bipodalici Balzi da gradino Rinforzo di altri gruppi muscolari interessati Tricipite surale Soleo Tricipite surale in ortostatismo Isocinetica Esercizi Classificazione delle velocità angolari Ripetizioni /s Ripetizioni /s Ripetizioni con limitazione angolare Terapie di fase 4 Tecniche di recupero del controllo neuromuscolare Tavoletta Freeman Esercizio su superficie computerizzata Esercizio con destabilizzazioni Esercizio in carico monopodalico Percorso propriocettivo semplice Corsa su tappeto elastico Corsa su tappeto elastico con arresti Sali scendi su gradino Terapie di fase 5 Terapie di recupero della gestualità sportiva La rieducazione sul campo Ripresa della corretta deambulazione e della corsa Corsa sul posto Corsa avanti/dietro Corsa sul posto con arresti monopodalici Corsa avanti/dietro con arresti monopodalici Corsa in linea Variazioni di ritmo e velocità Corsa con arresti bipodalici Corsa avanti/dietro con arresti monopodalici Corsa continua abbinata alla flessione attiva Corsa con variazione di ritmo Corsa in cerchio Corsa con la corda Decelerazione forzata Corsa con arresti monopodalici a 90 Cambi di direzione Corsa calciata dietro + corsa avanti Corsa avanti + corsa dietro Corsa + rotazione a 360 Corsa a più andature Corsa a zig zag Tecnica e tattica di gara Arresto monopodalico frontale Arresto monopodalico con atterraggio a 90 con appoggio intra ed extra ruotato Arresto monopodalico con atterraggio a 180 Patologia specifica Lesione del legamento crociato anteriore Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Lesione del legamento crociato posteriore Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Lesione del legamento collaterale mediale Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Lesioni meniscali Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Fratture del ginocchio Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Lesioni cartilaginee Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Lussazione rotulea Anamnesi Diagnosi Trattamento ALLEGATI Misure di outcome Diagnostica per immagini 9

10 IL GINOCCHIO POST-CHIRURGICO E CRONICO Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Lorenzo Boldrini, Furio Danelon, Stefano Respizzi Coautori: Stefano Comi, Davide Pisoni, Simone Rivaroli Con la collaborazione di Fabio Frigerio GINOCCHIO POST-CHIRURGICO ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi Semeiotica clinica Valutazione del ginocchio post-operatorio immediato Valutazione del gonfiore, infiammazione e ferita chirurgica Valutazione della mobilità articolare Valutazione della flessibilità muscolare Valutazione della forza muscolare Valutazione del ginocchio post-operatorio alla ripresa della normale funzionalità nelle attività quotidiane Valutazione ispettiva generale Valutazione della deambulazione Valutazione del gonfiore e del dolore Valutazione della mobilità articolare Valutazione della stabilità articolare Valutazione della flessibilità muscolare Valutazione della forza muscolare Valutazione della funzionalità: balzi Valutazione della funzionalità: SHT e corsa VALUTAZIONE E TRATTAMENTO IN FISIOTERAPIA Le fasi del trattamento riabilitativo e i criteri di progressione (fase 1-5) PATOLOGIA SPECIFICA Ricostruzione del legamento crociato anteriore Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Ricostruzione del legamento crociato posteriore Trattamento Sutura del collaterale mediale Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Chirurgia dei menischi Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Chirurgia delle cartilagini Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Protesi di ginocchio Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Chirurgia delle fratture del ginocchio Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Chirurgia perirotulea e dei riallineamenti rotulei Anamnesi Esame obiettivo Trattamento Tenorrafia rotulea/quadricipitale Anamnesi Esame obiettivo Trattamento GINOCCHIO CRONICO ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi VALUTAZIONE E TRATTAMENTO IN FISIOTERAPIA Le fasi del trattamento riabilitativo e i criteri di progressione (fase 1-5) PATOLOGIA SPECIFICA Gonartrosi Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Sindromi dolorose rotulee e pararotulee Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Tendinopatie del ginocchio Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento Borsiti e cisti di Baker Anamnesi Esame obiettivo Diagnosi Trattamento ALLEGATI Anatomia funzionale Terapie di fase 1 Terapie fisiche Idrochinesiterapia Terapie di fase 2 Tecniche di mobilizzazione articolare Tecniche di recupero della flessibilità muscolare Esercizi per il recupero del corretto schema motorio del cammino Terapie di fase 3 Tecniche di recupero della forza muscolare Isocinetica Terapie di fase 4 Terapie di fase 5 10

11 LA SPALLA DOLOROSA Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Marco Testa, Stefano Bertora Coautori: Diego Arceri, Enrico Marcantoni, Erica Monaldi Collaboratori: Arianna Angaramo, Nicola Gandolfo, Manolo Migliorini, Valentina Spunton, Lorenzo Visconti Con la collaborazione di Fabio Frigerio ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Anamnesi Semeiotica clinica Ispezione Palpazione Test clinici Valutazione ROM Valutazione della forza Test specifici per le singole patologie Ipotesi di lesione parziale/completa della cuffia dei rotatori Rent test Empty can o Jobe test Full can test External rotation lag sign test Drop arm test Lift off test Internal rotation lag sign test Bear hug test Ipotesi di tendinopatia della cuffia dei rotatori Neer test Hawkins test Sulcus sign test Load and shift test Internal rotation resisted strength test (IRRST) Ipotesi di borsite SA/SD Impingement interno postero superiore Ipotesi di instabilità gleno-omerale (GO) Speed test O Brien test Crank test Biceps load test Biceps load test II Apprehension, Relocation e Release test Posterior stress test VALUTAZIONE IN FISIOTERAPIA Valutazione funzionale Anamnesi funzionale Struttura e fasi dell esame obiettivo in fisioterapia Struttura dell esame obiettivo Fasi dell esame obiettivo Ispezione statica e dinamica Valutazione della discinesia scapolare Valutazione della mobilità attiva Valutazione della mobilità passiva Valutazione dell elasticità capsulo legamentosa Palpazione e provocazione del dolore 11 Ispezione statica Osservazione frontale Osservazione laterale Osservazione dorsale Ispezione dinamica Osservazione frontale Osservazione laterale Osservazione dorsale Palpazione Palpazione della borsa sotto acromiale Attività/gesti provocativi Test funzionali attivi Test funzionali attivi generali Portare la mano dietro la schiena Portare la mano dietro la testa Portare la mano sulla spalla opposta Extra-rotazione GO bilaterale a braccia addotte e abdotte a 90 Discinesia scapolare Senza pesi Con i pesi Test resistiti Valutazione del dentato Test passivi Flessione anteriore Abduzione elevazione completa Abduzione GO Extrarotazione con braccio addotto Intrarotazione della spalla (mano dietro la schiena) Rotazione interna/esterna a 90 di abduzione Adduzione orizzontale con e senza fissazione della scapola Abduzione orizzontale con e senza fissazione della scapola Estensione Test joint play articolare Trazione GO Traslazione dorso-laterale Traslazione ventro-mediale Traslazione caudo-laterale Valutazione dell impingement Test funzionali attivi Abduzione GO a 90 Empty can Test di assistenza scapolare Valutazione funzionale della spalla instabile Valutazione del dentato anteriore Valutazione del trapezio inferiore Valutazione funzionale della frozen shoulder Quadro clinico Esecuzione dei test passivi e joint play

12 TRATTAMENTO Trattamento dell impingement Obiettivi del trattamento Recupero della mobilità Traslazione caudale GO a braccio addotto Traslazione caudale GO a braccio abdotto (abduzione oltre 90 ) Traslazione dorsale GO Traslazione dorsale GO in rotazione interna Adduzione orizzontale GO con fissazione della scapola Sleeper s stretch Corner stretch (esercizio per il piccolo pettorale) Progressione per il rinforzo della muscolatura scapolo-omerale Intrarotazione a braccio addotto (sottoscapolare) con elastico Rotazione esterna in piedi con asciugamano e con elastico Rinforzo del dentato anteriore con paziente supino Esercizio di estensione e rotazione esterna con paziente prono Abduzione orizzontale a 90 con paziente prono Abduzione e rotazione esterna con paziente prono Recupero della mobilità del rachide dorsale in estensione Esercizi per la correzione dell ipercifosi dorsale Mobilizzazione regionale toracica in estensione con fissazione su T12 Mobilizzazione regionale cervico-toracica in estensione con fissazione su C7 e T4 Trattamento dell instabilità Obiettivi del trattamento Rinforzo dei muscoli della CDR Esercizi Intrarotazione a braccio addotto con elastico (sottoscapolare) Rotazione esterna in piedi con asciugamano e con elastico Rotazione esterna con braccio abdotto a 90 con elastico (infraspinato-teres minor) Intrarotazione a braccio abdotto a 90 con elastico (sottoscapolare) Rotazione esterna con paziente di fianco (infraspinato) Mobilizzazioni Traslazione dorsale della testa omerale Stretching Stretching con adduzione orizzontale (fissazione della scapola) Sleeper s stretch Rinforzo dei muscoli scapolari Esercizi a catena cinetica chiusa Mani contro il muro Push-up (appoggio sui gomiti e appoggio sulle mani) Appoggio su un fianco con controllo della scapola Esercizi a catena cinetica aperta Esercizio di estensione e rotazione esterna (pollice fuori) Abduzione orizzontale in rotazione esterna con paziente prono Flessione del braccio con peso Controllo neuromuscolare Incremento del senso di posizione articolare Esercizi di stabilizzazione ritmica a 45 con abduzione Mani Gomiti Esercizi di stabilizzazione ritmica in protrazione Esercizi di stabilizzazione ritmica GO in rotazione esterna/ retrazione scapolare Esercizi di stabilizzazione ritmica in catena cinetica chiusa Esercizi di stabilizzazione Push-up in appoggio su pallone Esercizi di stabilizzazione con elastico, abduzione e rotazione esterna Attività sport/lavoro specifiche Esercizi pliometrici Esercizi di lancio o attività sport/lavoro specifici Trattamento della frozen shoulder (capsulite adesiva) Obiettivi del trattamento Piano terapeutico Stretching prolungato a basso carico Riduzione del dolore Pendulum Trazione GO (I grado) Incremento ROM Recupero dell abduzione Traslazione dorsale GO (abduzione dai primi gradi fino a 45 ) Traslazione dorsale GO (abduzione tra 45 e 90 ) Traslazione caudale GO (abduzione oltre 90 ) Stretching capsula inferiore (in decubito laterale) Recupero della rotazione interna 0-90 Traslazione dorsale GO (end range rotazione interna) Adduzione orizzontale con scapola stabilizzata Sleeper s stretch Recupero della rotazione esterna 0-90 Traslazioni ventrali GO a diversi gradi di abduzione Stretching dell intervallo della cuffia dei rotatori Traslazione GO con braccio addotto Stretching dell ICR Stretching del legamento coraco-omerale Autotrattamento Flessione anteriore Intrarotazione Extrarotazione Adduzione Estensione Rotazione esterna a 0 di abduzione Rotazione esterna a 45 di abduzione Rotazione esterna a 90 di abduzione Rotazione interna tra 30 e 60 di abduzione sul piano scapolare ALLEGATI Anatomia e patomeccanica della spalla Diagnostica per immagini Misure di outcome Anatomia funzionale Anatomia palpatoria Fondamenti di valutazione e trattamento Presupposti teorici per la valutazione Raccolta anamnestica del fisioterapista Principi di trattamento Discinesia scapolare Itinerari clinici esemplificativi Impingement Instabilità Frozen shoulder 12

13 LE PATOLOGIE DEL GOMITO Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Fabio Frigerio, Giulio Pezzella ITINERARIO VALUTATIVO E TERAPEUTICO CLINICA Valutazione diagnostica ortopedica Eziopatologia Classificazione delle patologie Patologie di interesse riabilitativo Inquadramento del paziente Semeiotica clinica Ispezione Palpazione Valutazione delle strutture Valutazione delle tumefazioni Valutazione ROM Valutazione con riferimento Penna Prono supinazione Flesso estensione Semeiotica delle patologie articolari Gomito rigido post-traumatico Prono supinazione Flesso estensione Movimenti quotidiani Osservazioni Gomito artrosico Gomito instabile Instabilità in valgo. Stress in valgo Instabilità in valgo. Milking test Instabilità in varo. Stress in varo Instabilità rotatoria postero laterale. Lateral pivot shift test Semeiotica delle patologie tendinee Epicondilite Dolore Palpazione Epitrocleite Tendinite del bicipite brachiale Palpazione Lesione del bicipite brachiale Distrazione muscolare Test della gruccia Tendinite tricipitale Semeiotica delle patologie neurologiche periferiche Sublussazione del nervo ulnare dalla doccia epitrocleo olecranica Compressione del nervo ulnare nella doccia epitrocleo olecranica VALUTAZIONE E TRATTAMENTO NEGLI SPECIFICI QUADRI PATOLOGICI Valutazione chinesiologica generale del gomito Palpazione di superficie Strutture ossee Faccia mediale Faccia laterale Faccia posteriore Strutture molli Faccia mediale Faccia laterale Faccia anteriore Faccia posteriore Esame della mobilità articolare attiva e passiva Flesso estensione AROM PROM Prono supinazione AROM PROM Esame della forza muscolare Flesso estensione In assenza di gravità Contro gravità Contro resistenza. Flessione Contro resistenza. Estensione Gruppo supinatori e gruppo pronatori In assenza di gravità Contro gravità Contro resistenza Patologie articolari post-traumatiche Fase I Esercizi di cauta mobilizzazione Esercizi di tonificazione isometrici Autotrattamento Fase II Mobilizzazione forzata assistita Estensione Flessione Pronazione Supinazione Patologia articolare degenerativa (osteoartrosi) Trattamento Trazioni Traslazioni 13

14 Autotrattamento cinesiterapico Esercizi pendolari con peso Esercizi di autotrazione con presa e sbilanciamento posteriore Esercizi di prono supinazione attiva Esercizi di tonificazione con elastico Patologie articolari legamentose Trattamento dell instabilità in valgo Esercizi di tonificazione isometrici Esercizi concentrici/eccentrici Elettrostimolazione muscolare Algoritmo decisionale Stabilità in dinamismo Esercizio pliometrico Esercizio propriocettivo con palla Esercizio propriocettivo assistito Trattamento dell instabilità rotatoria postero laterale Esercizi di tonificazione isometrici Esercizi concentrici/eccentrici Elettrostimolazione muscolare Algoritmo decisionale Stabilità in dinamismo Supinazione al tavolo assistita Estensione del polso Estensione del gomito Esercizio propriocettivo con la palla Patologie tendinee Epicondilite (laterale) Distensione delle strutture muscolari Allungamento del gruppo estensori al gomito Massoterapia Massaggio trasversale profondo tendineo degli estensori al gomito Tonificazione degli estensori Estensione con peso sul ginocchio Estensione con elastico sul ginocchio Arrotolamento bacchetta in estensione Epitrocleite (mediale) Distensione delle strutture muscolari Allungamento del gruppo flessori al gomito Massoterapia Massaggio trasversale profondo tendineo dei flessori al gomito Tonificazione dei flessori Flessione con peso sul ginocchio Flessione con elastico sul ginocchio Arrotolamento bacchetta in flessione Lesioni al tendine del bicipite brachiale Mobilizzazione attiva del bicipite Allungamento muscolare passivo Contrazioni statiche sub massimali ad angoli articolari antalgici Allungamento passivo con rilassamenti post-isometrici Contrazioni concentriche/eccentriche Trattamento di aderenza fibrotica Patologie neurologiche periferiche Trattamento del canale ulnare Allungamento del tricipite Allungamento dei muscoli flessori e pronatore rotondo Esiti sulla mano Elettrostimolazione con programma specifico Tonificazione/allungamento Schemi diagonali PNF Trattamento post-chirurgico Trattamento degli esiti di artrolisi artroscopica. Fase I e II Trattamento degli esiti di artroprotesi. Fase I, II e III Trattamento degli esiti di tenotomia. Fase I e II Trattamento degli esiti di tenotomia degli epitrocleari. Fase I e II Trattamento degli esiti di reinserzione del tendine bicipite brachiale Trattamento degli esiti di liberazione del nervo ulnare ALLEGATI Diagnostica per immagini Misure di outcome Anatomia Anatomia funzionale 14

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy La tendinite agli arti superiori del pianista: prevenirla, riconoscerla, curarla. Lavoro di tesi di Kitty

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O Allegato A) LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O 7,00% TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA FRATTURA SFENOIDE FRATTURA OSSO ZIGOMATICO

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede.

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. Sommario

Dettagli

Catalogo 2014/2015. 1 a edizione

Catalogo 2014/2015. 1 a edizione Catalogo 2014/2015 1 a edizione Fondata nel 1980, RO+TEN è specializzata in ortesi e presidi ortopedici d avanguardia. Passione, ricerca scientifica, competenza tecnica, cura meticolosa dei dettagli, forza

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso U.O. DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE CIVILE MAGGIORE BORGO TRENTO AZIENDA OSPEDALIERA DI VERONA Direttore: Dott. Massimo Marcer Le artroprotesi d anca: informazione e consenso Andrea Scalvi QUANDO

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO Il Nuoto Può sembrar facile pensare che nuotare sia una attività motoria come tutte le altre. Può essere suggestivo accostare la vita fetale all adattamento all acqua. Apprendere poco a poco tutti gli

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia.

DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia. DISPLASIA NEL CANE Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia. [(La displasia del cane è una patologia di frequente riscontro nell esercizio della pratica clinica veterinaria. Fa scorrere fiumi

Dettagli

EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011. L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario

EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011. L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011 L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario L artroscopia nei cavalli, come nella medicina umana, ha rivoluzionato

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie

Facoltà di Scienze Motorie UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute Organizzazione e gestione del settore giovanile (dai 6 ai 15 anni) nell atletica leggera Relatore:

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AFFETTO DA SCOLIOSI IDIOPATICA Stefano Negrini, Umberto Selleri 53 L origine della cura della scoliosi risale agli albori della medicina, mentre la cinesiterapia come trattamento

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI 1 LIVELLO IN FISIOTERAPIA Presidente: Prof. Andrea Ferretti LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DELLA LOMBALGIA Relatore Prof.ssa Maria Chiara

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG PRESENTAZIONE AZIENDA La Ns. Azienda Ortopedia Meridionale di Zungri S. & C. S.a.S., presente sul mercato dal 1981, opera nel settore

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Aggiornamento Novembre 2012 PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Il Regolamento Sportivo Ufficiale Special Olympics deve essere applicato In tutte le competizioni di Ginnastica Special Olympics. Quale

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli