Tel: Fax: Tel: Fax: PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE"

Transcript

1 Via Amadeo 24, Milano Via Vivaio 22, Milano Tel: Fax: Tel: Fax: Pagina web: Pagina web: PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Il trattamento riabilitativo dopo intervento di ricostruzione del legamento crociato posteriore ha come scopo il massimo recupero funzionale del ginocchio. Il programma riabilitativo non segue criteri temporali, ma si svolge secondo una progressione di fasi e obiettivi funzionali. Il passaggio da una fase riabilitativa all altra viene determinato dal raggiungimento dei criteri indicati al termine di ciascuna fase. Il tempo medio di ritorno all attività sportiva dopo intervento di ricostruzione del LCP in assenza di importanti patologie associate è di circa 6-9 mesi. Il recupero viene considerato completo a seguito del completamento di tutte le fasi riabilitative, della valutazione clinica e dell esecuzione di specifici test funzionali come indicato al termine del programma riabilitativo. E possibile schematizzare gli obiettivi da raggiungere nel trattamento riabilitativo in 5 punti: Risoluzione di dolore, gonfiore e infiammazione. Recupero del corretto movimento articolare e della flessibilità Recupero della forza muscolare Recupero degli schemi motori e della coordinazione. Recupero del gesto atletico. Da un punto di vista funzionale nel nostro protocollo si riconoscono 3 fasi organizzate per micro-obiettivi, che si esauriscono al raggiungimento di specifici criteri funzionali: 1. il recupero del cammino e della autonomia nella vita quotidiana 2. il recupero della corsa in linea 3. il recupero della gestualità sportiva. Fase 1: Recupero del cammino e della autonomia nella vita quotidiana (0-6 settimana) Micro-obiettivi: - protezione del neo-legamento evitando le forze che provocano lo scivolamento posteriore della tibia sul femore - controllo del dolore, del gonfiore e dell infiammazione - recupero completo dell estensione

2 - graduale e cauto recupero della flessione (passiva) - recupero del controllo neuromuscolare del quadricipite Tutore: tutore bloccato a 0 di estensione a riposo (anche la notte) e durante la deambulazione per 4 settimane. Dalla 4 settimana tutore sbloccato gradualmente fino a 0-90 da mantenere fino alla 6 settimana circa al momento del recupero del carico completo e del cammino corretto. Carico sull arto operato: scarico completo per 1 settimana, carico progressivo quanto tollerato dalla 2 settimana (iniziare con carico sfiorante poi carico parziale a circa il 10% del peso corporeo) fino a carico completo tra 4 e 6 settimane dall intervento Controllo gonfiore-infiammazione: Uso di sistema di raffreddamento continuo (Cryo-cuff) in fase post operatoria immediata. Ghiaccio locale in seguito per 20 min 3-4 volte al dì fino a risoluzione di gonfiore e calore articolare. Farmaci antinfiammatori non steroidei e anticoagulanti come da prescrizione. Calza elastica antitrombo fino alla ripresa del carico completo. Arto elevato a riposo. Ultrasuonoterapia e elettroterapia antalgica transcutanea (TENS) Movimento articolare: Per la prima settimana mantenere il ginocchio fisso in estensione completa con tutore bloccato a 0 ed un cuscino di sostegno sotto il polpaccio (sostegno antigravitario per evitare forze di traslazione posteriore della tibia sul femore che sottopongano a tensione il neolegamento). Eventuale bendaggio funzionale di ginocchio per prevenire la traslazione posteriore della tibia. Dalla 2 alla 4 settimana post-operatoria graduale recupero della flessione con cauta mobilità passiva fino a 60 gradi circa. La mobilità è assistita dal terapista con sostegno manuale posteriore al 3 prossimale della tibia. Mobilizzazione della rotula da parte del terapista dalla 2 settimana. Dalla 4 alla 6 settimana articolarità passiva progressiva in flessione fino a Movimento attivo (0-60 ) e passivo (0-90 ) in estensione, solo passivo in flessione. NO SI E importante in questa fase evitare la contrazione attiva (anche isometrica) dei muscoli flessori (ischio-peroneo-tibiali) e l iperstensione di ginocchio

3 Rinforzo muscolare: dal 2 giorno post-operatorio esercizi di reclutamento e contrazione isometrica del quadricipite ad arto esteso ed elettrostimolazione del quadricipite Nei giorni successivi, in relazione alle condizioni del ginocchio e alla sede di prelievo per il trapianto, potranno essere introdotti esercizi di sollevamento dell arto operato esteso con tutore. dalla 3-4 settimana: - esercizi di sollevamento dell arto operato esteso - esercizi di reclutamento isometrico quadricipitale multi-angolo (fino a 60 ) - esercizi di flesso-estensione del piede a ginocchio esteso senza resistenza e con resistenza manuale ed elastici progressivamente - esercizi di tonificazione di adduttori e abduttori dell anca - Stretching dei muscoli posteriori Evitare esercizi di reclutamento dei muscoli ischio-peroneo-tibiali! Ginnastica propriocettiva: dalla 4 settimana si introducono esercizi di recupero della sensibilita propriocettiva in scarico o carico parziale. Idrokinesiterapia: Consigliata a partire dalla 4 settimana post-operatoria per favorire il recupero della mobilità articolare e del normale schema del cammino.

4 Criteri per il passaggio alla seconda fase: 1. recupero di estensione passiva completa, flessione di circa presenza di minimo dolore e gonfiore 3. deambulazione in carico completo senza ausili 4. buon reclutamento muscolare quadricipitale Fase 2 : Recupero della corsa in linea (6-20 settimana) Micro-obiettivi: - Recupero completo del movimento articolare - Buon recupero di tono-trofismo muscolare quadricipitale e di flessibilità dei flessori - Progressione funzionale con introduzione di esercizi in catena cinetica aperta e catena cinetica chiusa - Buona funzionalità e autonomia nelle attività quotidiane - Assenza di dolore, gonfiore e segni di sofferenza femoro-rotulea. Tutore: abbandono del tutore dalla 6-7 settimana quando il carico sull arto operato è completo, è corretto lo schema del cammino e la mobilità articolare è almeno 0-90 Carico sull arto operato: carico completo se non dolore o gonfiore dalla 4-6 settimana e abbandono dei bastoni canadesi quando articolarità 0-90 Controllo gonfiore-infiammazione: Ghiaccio locale per 20 min dopo le esercitazioni riabilitative e alla sera se gonfiore fino a risoluzione di gonfiore e calore articolare. Calza elastica antitrombo fino alla ripresa del carico completo. Ultrasuonoterapia ed elettroterapia antalgica transcutanea (TENS) secondo necessità. Massoterapia decontratturante. Movimento articolare: Dalla 6 settimana recupero graduale della mobilità completa in flessione, senza forzare (sostegno prossimale della tibia da parte del rieducatore). Rinforzo muscolare: - Esercizi di co-contrazione isometrica quadricipitale-flessori ad arto esteso. - Esercizi di contrazione isometrica del quadricipite multi-angolo (fino a 60 ) - Esercizi di sollevamento dell arto operato esteso - Esercizi di estensione attiva da 60 a 0 gradi tipo leg extension a resistenza distale e carico graduale (manuale, elastica, ) con contro-spinta elastica al 3 prossimale. - Introdurre i primi esercizi in catena cinetica chiusa tra 0-40 (pressa ad elastici, minisquat, ) - esercizi di flesso-estensione del piede a ginocchio esteso e flesso con resistenza progressiva. - esercizi di tonificazione di adduttori, abduttori dell anca e glutei

5 - dall 8 settimana introdurre cicloergometro a blanda resistenza, sella alta e appoggio del piede avanzato sul pedale (senza fermo del piede). - Stretching dei muscoli posteriori Dopo il 3 mese post-operatorio (dalla 12 settimana): - progressione degli esercizi in catena aperta (leg extension 0-90 ) e chiusa (leg press 0-90 ) con incremento dei carichi - cicloergometro, stepper - introdurre i primi esercizi di flessione attiva del ginocchio (tipo leg curl) con controspinta al 3 prossimale della tibia - Rinforzo dei muscoli intrarotatori tibiali (popliteo) Leg press Leg extension Isocinetica E importante evitare fino al completamento del 3 mese post-operatorio esercizi di contrazione attiva dei muscoli flessori (ischio-peroneo-tibiali) in catena cinetica aperta (tipo leg-curl) Ginnastica propriocettiva e neuromotoria: Esercizi propriocettivi in carico a difficoltà progressiva. Rieducazione del passo, cammino su nastro trasportatore (dal 3 mese anche all indietro) Dal 4 mese introduzione di esercitazioni per il controllo del movimento dinamico e propedeutica alla corsa.

6 Corsa lenta in linea dal 5 mese circa se sono soddisfatti i micro-obiettivi della fase 2. Idrokinesiterapia: Esercitazioni di mobilità attiva e passiva, streching, rinforzo muscolare progressivo, schema del cammino. Corsa in acqua alta dal 3 mese. Nuoto (non a rana) dal 3 mese. Criteri per il passaggio alla terza fase: 1. Recupero completo del movimento articolare 2. Assenza di dolore e gonfiore 3. Assenza di complicanze a livello femoro-rotuleo 4. Buono schema della corsa senza dolore 5. Adeguato tono-trofismo muscolare e controllo propriocettivo 6. Test isometrico di ginocchio circa all 80% del controlaterale Fase 3 : Recupero della gestualità sportiva (20-36 settimana) Micro-obiettivi: - Recupero completo del tonotrofismo muscolare - Recupero adeguato delle gestualità motorie di base dell attività sportiva - Adeguato controllo propriocettivo e neuromotorio nelle esercitazioni dinamiche - Assenza di dolore e complicanze femoro-rotulee - Recupero graduale delle gestualità sportive specifiche - Recupero della condizione atletica generale Programma indicativo di esercizi: - Progressione dal 5-6 mese post-operatorio degli esercizi di rinforzo muscolare di tutto l arto inferiore in catena cinetica aperta e chiusa, in particolare per quadricipite e flessori. - Rieducazione propriocettiva avanzata e controllo del movimento dinamico anche monopodalico. - Rinforzo isocinetico 0-60 a resistenza distale (inizialmente solo quadricipite)

7 - Esercizio aerobico ed anaerobico lattacido (bicicletta, nuoto, attrezzature aerobiche in palestra, corsa in linea) - Schemi motori della corsa in linea ed esercitazioni progressive con variazioni di ritmo, cambi di direzione e graduale ripresa (dal 7-8 mese) delle gestualità sport specifiche con lavoro anaerobico alattacido (rieducazione motoria sul campo) - Esercitazioni pliometriche. Il ritorno allo sport ad elevato impatto (es. calcio, pallavolo, ) è concesso al termine del percorso riabilitativo dopo circa 9 mesi se: - Adeguata esecuzione senza dolore o sensazioni di diversità delle gestualità sportive di base (corsa e pattern motori di base) e specifiche per lo sport praticato - Test isocinetico >90% del controlaterale - Test funzionali >90% controlatetrale (es. Single leg hop test, ) Per ulteriori informazioni è possibile contattare Dr. Lorenzo Boldrini c/o Isokinetic Milano tel , o c/o O.A.S.I. tel ,

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore

La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore La Riabilitazione dopo la Ricostruzione Artroscopica del Legamento Crociato Anteriore Manuale sintetico per Medici, Fisioterapisti e Pazienti A cura di D. Comba, L. Molino, R. Peretti 1 Dr. Daniele Comba

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE Per una corretta riabilitazione della caviglia, è molto importante conoscere il grado di distorsione da parte dell ortopedico sapendo che esiste un grado I, II

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE (LCA): APPROCCIO CHINESIOLOGICO a cura di Dino Caprara

RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE (LCA): APPROCCIO CHINESIOLOGICO a cura di Dino Caprara RIABILITAZIONE DEL GINOCCHIO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE (LCA): APPROCCIO CHINESIOLOGICO a cura di Dino Caprara INTRODUZIONE Dopo la fase post-operatoria di ricostruzione del legamento

Dettagli

CENTRO STUDI ATTIVITA MOTORIE VIA SAN MARCO 99 VIA BELLAVITIS 11 TEL 049.893.48

CENTRO STUDI ATTIVITA MOTORIE VIA SAN MARCO 99 VIA BELLAVITIS 11 TEL 049.893.48 CENTRO STUDI ATTIVITA MOTORIE VIA SAN MARCO 99 VIA BELLAVITIS 11 TEL 049.893.48.02 -------------------------------------------------------------------- LA PROTESI DI GINOCCHIO DOPO L INTERVENTO La prima

Dettagli

L'ARTROPROTESI D'ANCA

L'ARTROPROTESI D'ANCA L'ARTROPROTESI D'ANCA ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 DOPO L'INTERVENTO Nelle ore che seguono all intervento

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed Artroprotesi di Ginocchio VenetoSportsMed Se il vostro ginocchio è severamente danneggiato dall artrosi potrebbe risultarvi difficile svolgere le semplici attività quotidiane come il camminare; il dolore

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE

TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE TRATTAMENTO CONSERVATIVO DELLE PATOLOGIE INFIAMMATORIE TENDINEE PATOLOGIA INFIAMMATORIA-DEGENERATIVA TRATTAMENTO CHIRURGICO E CONSERVATIVO STC,DITO A SCATTO,DE QUERVAIN,RIZOARTROSI Ft. Rossi P. OBIETTIVI

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua 50 1964 2014 anni Il Centro di Terapia in Acqua di Villa Maria Il Centro di Fisioterapia Riabilitativa in Acqua (idrochinesiterapia) di Villa Maria è

Dettagli

Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori

Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori LA SPALLA Il trattamento chirurgico o conservativo deve essere progettato considerando la complessità del sistema articolare della spalla

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

Protesi di ginocchio. Manuale d uso. dott. Antonio Croce. dott.ssa Elisabetta Diotti dott. Enrico Borgo dott. Marco Ometti.

Protesi di ginocchio. Manuale d uso. dott. Antonio Croce. dott.ssa Elisabetta Diotti dott. Enrico Borgo dott. Marco Ometti. Suppl. a Select - Selezione di Clinica e Terapia Annno - n. - 2006 Protesi di ginocchio Manuale d uso a cura di dott. Antonio Croce con la collaborazione di dott.ssa Elisabetta Diotti dott. Enrico Borgo

Dettagli

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI Premessa L elaborazione di un programma di allenamento deve tener conto dei concetti basilari della metologia. Lo scopo di quanto andremo ad esporre è principalmente

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

FRATTURA DI FEMORE IN ETA GERIATRICA

FRATTURA DI FEMORE IN ETA GERIATRICA Protocollo Riabilitativo INRCA FRATTURA DI FEMORE IN ETA GERIATRICA La presa in carico del paziente con frattura di femore A cura di Anna Gaspari Frattura del Femore La menomazione e disabilità da patologia

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Il legamento crociato anteriore. VenetoSportsMed

Il legamento crociato anteriore. VenetoSportsMed Il legamento crociato anteriore VenetoSportsMed Le informazioni che seguono includono dettagli sull anatomia e la fisiologia del ginocchio con una lesione del legamento crociato anteriore, le opzioni terapeutiche

Dettagli

Artroprotesi d anca: progetto riabilitativo post-chirurgico

Artroprotesi d anca: progetto riabilitativo post-chirurgico Artroprotesi d anca: progetto riabilitativo post-chirurgico Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione Medico Sociale Modena Calcio PATOLOGIA DEGENERATIVE D ANCA Dolore e limitazione

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

PROPRIOCEZIONE: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI. C.Fusco

PROPRIOCEZIONE: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI. C.Fusco PROPRIOCEZIONE: ASPETTI CLINICI E RIABILITATIVI C.Fusco PREMESSA IN LETTERATURA NON ESISTE UNA TERMINOLOGIA UNIVOCA PER DEFINIRE LA PROPRIOCEZIONE PROPRIOCEZIONE = SISTEMA PROPRIOCETTIVO SISTEMA PROPRIOCETTIVO

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali

ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali Presentazione Gentile Signore/a, con questo opuscolo desideriamo fornirle alcune indicazioni sui comportamenti più idonei

Dettagli

Chirurgia - Protesi di Anca:

Chirurgia - Protesi di Anca: Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi (FI) Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore Dr. Pietro Pasquetti * P. Pasquetti, I. Gelli, G. Mangone, T. Bassarelli Chirurgia - Protesi di Anca: RIABILITAZIONE

Dettagli

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO MF_regìa 300 DPI NB.LE FOTO DELLO STUDIO CFSPORT SONO REALIZZATE DA MONICA F. VALUTATE SE MANTENERLE... centro

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

L ARTROPROTESI DI GINOCCHIO

L ARTROPROTESI DI GINOCCHIO L ARTROPROTESI DI GINOCCHIO ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 1 1 INTRODUZIONE Questa guida è stata ideata

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Diagnosi e trattamento delle comuni patologie della mano Genova, 17 Maggio 2014 Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Dott.Ft Gabriella Bruno ASL3

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

VERIFICHE DELLE ABILITÀ MOTORIE

VERIFICHE DELLE ABILITÀ MOTORIE VERIFICHE DELLE ABILITÀ MOTORIE Il movimento IL RISCALDAMENTO LE CAPACITÀ MOTORIE: LA FORZA LA RESISTENZA LA VELOCITÀ LA MOBILITÀ ARTICOLARE L EQUILIBRIO E LA COORDINAZIONE RITMO L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

Dettagli

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale

Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale Recupero Infortunio Caviglia: Un percorso di rieducazione motoria e funzionale SOGGETTO E ALCUNI DATI Età: 28 SESSO: M Sport praticato: ex giocatore di basket di livello dilettantistico (fino al 2010);

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

PROGRAMMA D ALLENAMENTO

PROGRAMMA D ALLENAMENTO PROGRAMMA D ALLENAMENTO Prof. Marco Celia PRIMA SETTIMANA LUNEDI-GIOVEDI -SABATO CORSA CONTINUA 30 MINUTI VELOCITA 5 A KM PROGRESSIONI SUI 100 METRI 6 RIPETUTE CON 1 MIN.DI RECUPERO OPPURE 30 MINUTI DI

Dettagli

Casa di Cura privata Nostra Signora della Mercede. Dott.ssa Alessandra Valeri Dott. Furio Massimo Coloni

Casa di Cura privata Nostra Signora della Mercede. Dott.ssa Alessandra Valeri Dott. Furio Massimo Coloni Casa di Cura privata Nostra Signora della Mercede Dott.ssa Alessandra Valeri Dott. Furio Massimo Coloni 1 - Corno posteriore del menisco interno 2 - Legamento collaterale interno 3 - Corno anteriore del

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

Artroprotesi d Anca Informazioni al Paziente

Artroprotesi d Anca Informazioni al Paziente Area Funzionale Ortopedico-Traumatologica-Riabilitativa Artroprotesi d Anca Informazioni al Paziente Struttura Complessa di Ortopedia Direttore Dott. Giovanni Annaratone Struttura Complessa di Recuero

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

Arto inferiore ortesi dinamiche per. anca - ginocchio - caviglia

Arto inferiore ortesi dinamiche per. anca - ginocchio - caviglia Arto inferiore ortesi dinamiche per anca - ginocchio - caviglia By 7480 Coxa-Hit -7097 Super Genuplus - 7081 Genu-Hit Mod. 7480 Coxa-Hit - Supporto dinamico per il trattamento conservativo o post-intervento

Dettagli

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione.

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. IN CORPORE SANO FACE TO FACE: BATTLE REVIEWS Bologna 21 febbraio 2015 CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. Premesse La carenza di sviluppo

Dettagli

Corso di MEDICINA dello SPORT e TRAUMATOLOGIA. Patologia sovraccarico funzionale: ARTO INFERIORE. Alberto Ventura

Corso di MEDICINA dello SPORT e TRAUMATOLOGIA. Patologia sovraccarico funzionale: ARTO INFERIORE. Alberto Ventura Corso di MEDICINA dello SPORT e TRAUMATOLOGIA Patologia sovraccarico funzionale: ARTO INFERIORE Alberto Ventura UOSD Chirurgia Articolare Mini invasiva Istituto Ortopedico G. Pini, Milano www.doctoral.it

Dettagli

COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara

COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara INTRODUZIONE Nel seguente protocollo sono descritte le linee guida di esercizi specifici adatti

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

rotesi di ginocchio Consigli pratici per il paziente su come affrontare l intervento (prima, durante e dopo) a cura di A. Baldini e R.

rotesi di ginocchio Consigli pratici per il paziente su come affrontare l intervento (prima, durante e dopo) a cura di A. Baldini e R. Strumento Tecnico Educativo per il Paziente P rotesi di ginocchio Consigli pratici per il paziente su come affrontare l intervento (prima, durante e dopo) a cura di A. Baldini e R. Abbate Con il contributo

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

La riabilitazione dopo intervento di ricostruzione del L.C.A. con allograft. Marco Zanobbi

La riabilitazione dopo intervento di ricostruzione del L.C.A. con allograft. Marco Zanobbi La riabilitazione dopo intervento di ricostruzione del L.C.A. con allograft Marco Zanobbi Negli ultimi anni la chirurgia delle lesioni legamentose del ginocchio ed in particolare del legamento crociato

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS Livello Avanzato n.1 Il primo livello avanzato permette agli operatori del benessere di arricchire le capacità di approccio al

Dettagli

DIREZIONE SCIENTIFICA MARCO MONTICONE CALOGERO FOTI IL GRANDE PROGETTO MULTIMEDIALE PER L'AGGIORNAMENTO AVANZATO. www.utetmed.it

DIREZIONE SCIENTIFICA MARCO MONTICONE CALOGERO FOTI IL GRANDE PROGETTO MULTIMEDIALE PER L'AGGIORNAMENTO AVANZATO. www.utetmed.it DIREZIONE SCIENTIFICA MARCO MONTICONE CALOGERO FOTI IL GRANDE PROGETTO MULTIMEDIALE PER L'AGGIORNAMENTO AVANZATO www.utetmed.it LA LOMBALGIA Valutazione e trattamento riabilitativo Autori: Marco Monticone,

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

STUDIO DI FISIOTERAPIA FISIOACTIVE

STUDIO DI FISIOTERAPIA FISIOACTIVE STUDIO DI FISIOTERAPIA FISIOACTIVE Servizi offerti : in convenzione - Rieducazione Posturale (Metodo Mézières) Euro 60 (1 h) Euro 48 - Riabilitazione Ortopedica Traumatologica Euro 45 (50 min.) Euro 36

Dettagli

Patologie della spalla. www.sportrauma.net

Patologie della spalla. www.sportrauma.net CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E CHIRURGIA ARTROSCOPICA Resp. H. Schönhuber UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA Resp. D. Tornese I.R.C.C.S. ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Patologie della

Dettagli

Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo

Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Informazione per Tecnici e Terapisti Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Premessa Free Walk - che significa cammino

Dettagli

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) MECCANISMI ALLA BASE DELLA PLASTICITÀ DEL S.N.C. 1 RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PERDUTE O UTILIZZAZIONE DI ALTRE AREE CORTICALI (Lurija)

Dettagli

Claudio Lisi ESERCIZI TERAPEUTICI PER IL PAZIENTE EMOFILICO

Claudio Lisi ESERCIZI TERAPEUTICI PER IL PAZIENTE EMOFILICO Claudio Lisi ESERCIZI TERAPEUTICI PER IL PAZIENTE EMOFILICO INDICE ESERCIZI TERAPEUTICI PER IL PAZIENTE EMOFILICO 1 > INTRODUZIONE...0 2 > EMOFILIA...0 Claudio Lisi Dirigente Medico Servizio Recupero Rieducazione

Dettagli

ARTROPROTESI DI ANCA: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali

ARTROPROTESI DI ANCA: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali ARTROPROTESI DI ANCA: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali Presentazione Gentile Signore/a, con questo opuscolo desideriamo fornirle alcune indicazioni riguardo i comportamenti più

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore iquaderni della iriabilitazione manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona 1 Le fonti A.C.S.M (American College of Sport Medicine); "Exercise and Physical Activity for Older

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

Paziente operato Protesi totale di anca: La Medicina Riabilitativa

Paziente operato Protesi totale di anca: La Medicina Riabilitativa Paziente operato Protesi totale di anca: La Medicina Riabilitativa Progetto riabilitativo individuale A)Trattamento conservativo* B)Chirurgia (Pre*( Pre*/post-operat.) * Non urgenza funzione Progetto riabilitativo

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it Programma di lavoro Dott. Rodolfo Malberti illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it 2013 - rudydoc@tin.it La necessità di essere in forma è ormai una consuetudine nel gergo comune. Ci si incontra

Dettagli

Ft. Valentina Azzolini

Ft. Valentina Azzolini Ft. Valentina Azzolini Basa la sua funzione su: Abbassamento dell omero Distalizzazione del centro di rotazione della nuova articolazione Medializzazione del braccio di forza del deltoide QUINDI: incremento

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT INDICE PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT Principali teorie che influenzano l allenamento della forza nello sport:

Dettagli

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi Molto comunemente nella pratica clinica ci si imbatte in una patologia dolorosa cronica della spalla definita sindrome da conflitto. Alla base

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

LA RIABILITAZIONE "A CASA"

LA RIABILITAZIONE A CASA LA RIABILITAZIONE "A CASA" Sabrina Zanolli, Sara Lupo, Silvia Caponera Chi ha detto che per svolgere una corretta riabilitazione funzionale servano assolutamente apparecchiature sofisticate e attrezzi...?

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO Femme à l ombrelle di C. Monet Opuscolo a cura di: Ft. Laura Airoldi Ft. Antonella Manna Fisioterapia U.O. Riabilitazione Specialistica

Dettagli

La preparazione precampionato per la Categoria Allievi.

La preparazione precampionato per la Categoria Allievi. articolo N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli