Come reintervenire sul patrimonio esistente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come reintervenire sul patrimonio esistente"

Transcript

1 C E N S I S 1 Seminario strategico Censis-Ance Come reintervenire sul patrimonio esistente Bologna, 19 maggio 2011

2 INDICE Premessa: gli obiettivi del seminario Pag. 1 1.Il patrimonio esistente: risorsa o onere? Una ricchezza diffusa La difficile eredità degli anni del boom 7 2. Le dinamiche di contesto Gli effetti della dispersione residenziale La crescente diversificazione della condizione abitativa La valorizzazione dell esistente come chiave di un nuovo paradigma Qualità e sostenibilità ambientale: la necessità di una svolta Lavorare alle diverse scale Risparmio energetico: ragionare in termini di risultato Mobilità urbane e virtù (dimenticate) della città compatta Sostituzione e densificazione: due tabù da superare Obiettivo mix sociale: diversificare l offerta I fattori di successo del progetto urbano: regia pubblica ed incentivi Appendice/Gli esempi 39

3 PREMESSA: GLI OBIETTIVI DEL SEMINARIO Con questo primo seminario strategico Censis e Ance si pongono l obiettivo di avanzare una riflessione a tutto campo sul tema fondamentale dell intervento sul patrimonio abitativo esistente, individuando per il futuro delle strategie di fondo aderenti alla realtà dei problemi concreti e dei bisogni. Quella che si vuole tratteggiare è una visione ancorata ad una lettura delle dinamiche di cambiamento della domanda, ma anche attenta ai grandi obiettivi collettivi che la società si sta dando nella direzione di una maggiore sostenibilità dello sviluppo. Il presente dossier ha quindi la funzione di stimolare una discussione interna su un tema di sicura rilevanza per il futuro: del resto le quantità in gioco suscettibili di riqualificazione negli ambiti urbani sono tali da richiedere la definizione di priorità e l elaborazione di strategie che riguardino l organismo urbano nel suo complesso. Negli scorsi decenni, a fronte della realizzazione di un parco residenziale numericamente consistente nonché di una notevole diffusione del godimento della casa in proprietà, l incremento qualitativo, specie nei grandi contesti urbani, è essenzialmente rimasto circoscritto all'ambito delle unità edilizie senza un parallelo sviluppo del complesso sistema di funzioni e di relazioni che connotano la vita delle città. Reintervenire sulla parte qualitativamente più scadente dell esistente innalzandone le performances tecnologiche, ambientali ed urbanistiche, è sulla carta un opzione che riscuote ampi consensi. Di fatto, tranne eccezioni interessanti ma quantitativamente limitate, lo sviluppo urbano degli ultimi anni è andato nella direzione opposta, incrementando il consumo di suolo ed esasperando le già preoccupanti disfunzioni del modello di crescita per proliferazione: congestione veicolare, innalzamento dei consumi energetici, banalizzazione ed impoverimento della qualità urbana. Sul fronte del patrimonio esistente ci si è limitati alla logica, pur giusta in molti casi, dei piccoli interventi di manutenzione. Per questo si tratta di un inversione di rotta che rappresenta ancora in gran parte una sfida tutta da affrontare, e che richiede peraltro il superamento di alcuni veti ideologici e l adozione di una logica operativa e progettuale molto attenta alla complessità delle questioni in gioco: da quelle ambientali a quelle sociali. 1

4 1. IL PATRIMONIO ESISTENTE: RISORSA O ONERE? 1.1. Una ricchezza diffusa Il Paese dispone di un vasto patrimonio edilizio, in gran parte fatto di case. Basti ricordare che le unità immobiliari censite al catasto nelle categorie A, B, C, D ed E sono risultate pari a 57,8 milioni (tab. 1). Una dimensione senza dubbio ingente, senza contare gli immobili non registrati o quelli oggetto di interventi edilizi per i quali non è stata effettuata la registrazione (secondo l'agenzia del territorio sono oltre 2 milioni di particelle del Catasto Terreni, su cui sono stati identificati immobili non presenti negli archivi del Catasto Edilizio Urbano). Il 56,3% delle unità immobiliari registrate sono abitazioni ed un ulteriore 35,8% è costituito da unità immobiliari riferibili in larga massima alle pertinenze residenziali (cantine e locali di deposito, box e posti auto). In sostanza solo il 7,8% delle unità immobiliari non appartiene al settore residenziale. Per quanto concerne gli immobili residenziali la distribuzione della proprietà tra persone fisiche e persone non fisiche è nettamente a favore delle prime che detengono infatti, oltre il 90% delle abitazioni. Del resto la casa è sempre stata un tema molto sentito dalle famiglie italiane che in passato hanno indirizzato ad essa gran parte dei loro risparmi: la progressiva crescita del benessere delle famiglie è stata accompagnata, anche per effetto delle politiche pubbliche, da una diffusione della proprietà immobiliare che fatta eccezione per la Spagna, non ha avuto eguali in Europa. Ciò è ancora vero benché nella maggior parte dei paesi europei a partire dagli anni 80 si sia verificato un progressivo e generale riorientamento delle politiche, improntato ad un significativo ridimensionamento dell intervento pubblico, sempre meno centrato sull impegno diretto dello Stato a costruire un offerta abitativa, e sempre più diretto a sostenere il progressivo espandersi dell accesso all abitazione in proprietà (fig. 1). Gli immobili rappresentano la principale componente della ricchezza delle famiglie. Secondo Banca d Italia (che ha utilizzato i dati dei prezzi degli immobili dell Osservatorio del Mercato Immobiliare dell Agenzia del Territorio e di proiezioni della superficie media e del numero complessivo di abitazioni), alla fine del 2009 la ricchezza in abitazioni detenuta dalle 2

5 famiglie italiane ammontava a circa miliardi di euro, corrispondenti a circa euro in media per famiglia. Sempre secondo la Banca d Italia, la quota di attività reali in abitazioni risulta dunque pari a oltre l 82% del totale delle attività reali e quella in fabbricati non residenziali a meno del 6%. Le attività reali detenute alla fine del 2008 dalle famiglie italiane erano pari a 5,4 volte il reddito disponibile, un valore di poco inferiore a quello della Francia (5,7), in linea con quello del Regno Unito (5,2), ma superiore a quello degli Stati Uniti (2,2), del Canada (3,3) e del Giappone (3,4). Si conferma per l Italia una maggiore propensione all investimento immobiliare, che riflette tra l altro una struttura del sistema produttivo che vede la preponderanza delle microimprese familiari, per le quali gli immobili sono anche capitale d impresa. La casa è un anche un importante voce di spesa per le famiglie italiane: la quota della spese ordinarie imputabili all abitazione, pur con delle evidenti differenze territoriali, è in crescita. Complessivamente si attesta tra il 33% del sud ed il 39% del centro Italia (tab. 2). Naturalmente, alle spese ordinarie si deve sommare l eventuale impegno economico legato alla manutenzione dei beni immobili. Dall indagine sui consumi delle famiglie dell Istat risulta che nel 2009 nel trimestre considerato quasi il 5% delle famiglie italiane ha sostenuto una spesa di questo tipo, per un importo medio, nel trimestre, di 820 euro (tab. 3). Infine il legame col patrimonio è segnalato anche dalla forte stanzialità delle famiglie: a fronte di una media di 21 anni, nello stock in proprietà il numero di anni medio di permanenza della famiglia nella stessa abitazione è di ben 24 anni, che salgono a 27 nei casi di usufrutto (fig. 3). 3

6 Tab. 1 - Patrimonio edilizio registrato al Catasto per tipologia di proprietario Tipologia Totale immobili Di proprietà di persone fisiche Di proprietà di persone non fisiche Numero unità immobiliari % Numero unità immobiliari % Numero unità immobiliari % Abitazioni , , ,1 Pertinenze , , ,5 Non residenziale , , ,0 Totale , , ,6 Fonte: elaborazione Censis su dati Agenzia del Territorio, 2010 Fig. 1 - Quota di abitazioni godute in proprietà o in usufrutto gratuito in alcuni paesi europei: confronto Fonte: elaborazione Censis su dati Housing Statistics in the EU

7 Fig. 2 - Valore della ricchezza dovuta ad attività reali in rapporto al reddito disponibile: confronto internazionale Fonte: elaborazione Censis su dati Banca d Italia, 2010 Tab. 2 - Quota della spesa familiare mensile destinata alla casa (val.%) Nord Centro Sud Abitazione 26,5 27,7 27,7 28,8 29,0 29,3 22,7 22,9 23,2 Energia e combustibili 5,1 4,7 5,3 4,9 4,7 5,1 4,9 4,6 5,3 Elettrodomestici e arredamenti 5,9 5,9 5,8 5,6 5,0 4,9 6,2 5,9 5,4 Totale 37,5 38,3 38,8 39,3 38,7 39,3 33,8 33,4 33,9 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat "I consumi delle famiglie,

8 Tab. 3 - Famiglie che hanno effettuato, negli ultimi tre mesi, spese di manutenzione straordinaria dell'abitazione principale e relativa spesa media, per epoca di costruzione - Anno 2009 (val.% e valore medio in euro) % famiglie che hanno effettuato un intervento di manutenzione straordinaria Spesa media (in ) Tipo di fabbricato Unifamiliare 4,9 915 Plurifamiliare 4,8 779 Epoca di costruzione abitazione Prima del , dal 1919 al ,5 808 dal 1946 al ,6 758 dal 1962 al ,9 906 dal 1972 al ,4 787 dal 1982 al , Dopo il ,0 459 Totale 4,8 820 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, "I consumi delle famiglie, 2009" Fig. 3 - Numero di anni medi di permanenza nell alloggio per titolo di godimento dello stesso Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, I consumi delle famiglie

9 1.2. La difficile eredità degli anni del boom edilizio Tuttavia questa ricchezza diffusa rischia di perdere valore nel tempo, dato che il patrimonio residenziale esistente è stato in buona parte costruito rapidamente nell arco di anni, cioè negli anni della ricostruzione e poi del boom edilizio spesso con disegni urbanistici poveri, caratteristiche architettoniche e costruttive sovente di scarsa qualità, carenza di reti infrastrutturali. Si tratta di un dato che ci distingue da paesi come Francia e Regno Unito che hanno conosciuto un forte sviluppo urbano già nell Ottocento e nei primi del Novecento. Da questo punto di vista, un po paradossalmente, si può dire che le nostre città, pur conservando più di altre un cuore antico ad alta stratificazione, il centro storico, sono relativamente giovani : si sono sviluppate cioè soprattutto negli anni del secondo dopoguerra, anni in cui, a fronte di una popolazione urbana in forte crescita, è stato tumultuosamente realizzato un vasto patrimonio abitativo in tempi molto ristretti. In questo quadro, fatta eccezione per la Germania che in relazione alle enormi distruzioni belliche ha dovuto ricostruire gran parte delle proprie città, il nostro paese con 10 milioni di abitazioni realizzate tra il 1946 ed il 1971 (il 36,8% del totale al Censimento 2001) è in cima alla classifica europea per quota del patrimonio realizzato negli anni 50 e 60 (tab. 4). Un dato che caratterizza in particolare le città maggiori: la percentuale di abitazioni realizzate nel secondo dopoguerra rappresenta in molte di queste oltre il 50% del patrimonio (fig. 4). Anche per tale ragione quello realizzato negli anni e 60 è un segmento di stock caratterizzato, rispetto alla produzione più recente, da un maggior peso relativo dell affitto e da un maggiore incidenza di tipologie edilizie intensive (tab. 5). Si tratta evidentemente di quantità in gioco enormi: gli ambiti urbani suscettibili di riqualificazione hanno estensioni tali da non poter essere metabolizzabili nell arco di una sola generazione, richiedono tempi lunghi, la definizione di priorità e la presenza di strategie che riguardino l'organismo urbano nel suo complesso. All interno di questo vasto stock esistono naturalmente tipologie insediative tra loro diverse, quali: 7

10 - i complessi di edilizia sociale pubblica, spesso dotati di un disegno unitario ma penalizzati da un edilizia a basso costo e da scarsi livelli di manutenzione; - i grandi quartieri della speculazione edilizia, sovente caratterizzati da densità edilizie elevatissime e dalla forte carenza di spazi pubblici e verdi; - gli insediamenti abusivi (a Roma e nel sud del paese) caratterizzati da reti stradali e tecnologiche inadeguate, e da un disegno urbanistico povero. Un fenomeno di vaste proporzioni in quegli anni: secondo le indagini relative alla prima sanatoria edilizia (anni compresi tra il 1942 e il 1983), si tratta di 2,5 milioni di alloggi interamente abusivi, pari a circa 7,5 milioni di stanze edificate (ma già all epoca alcune valutazioni ritenevano che, scontando una quota fisiologica di mancata adesione alla sanatoria, i dati più realistici dell abusivismo edilizio riguardavano 3,2 milioni di alloggi interamente abusivi). - un vasto stock di seconde case, soprattutto nelle aree costiere. Per le modalità con cui è stato realizzato, il patrimonio esistente non solo non rispetta quelle qualità tecnologiche che oggi si richiedono ad un immobile, ma, in ragione della sua avanzata obsolescenza, rischia di perdere parte del suo valore. La quota di edifici con più di 40 anni, soglia temporale oltre la quale si rendono indispensabili interventi di manutenzione e/o di sostituzione di gran parte dei componenti edilizi dei fabbricati (pena la caduta stessa del loro grado di efficienza strutturale e funzionale), sta crescendo progressivamente: basti ricordare che oggi quasi il 55% delle famiglie occupa un alloggio realizzato prima del 1971 (fig. 5). Peraltro va ricordato che fino a metà degli anni 70 in Italia non è stata varata alcuna norma relativa al risparmio energetico, e che gli edifici sono una importante voce del consumo di energia ed una delle principali cause di spreco. Nel 2009 il 35,2% dell energia impiegata in Italia è stata destinata agli usi civili legati agli edifici (riscaldamento, luce, acqua calda, energia per cucinare): è un volume stimabile in 46,9 milioni di tonnellate di petrolio equivalente. Un consumo in crescita del 18,1% negli anni

11 Tab. 4 - Quota del patrimonio residenziale totale realizzato nei primi anni del secondo dopoguerra (dati al 2005 salvo *) Periodo Considerato Quota % dello stock realizzata nel periodo Quota % dello stock realizzata in media annualmente nel periodo Germania (29 anni) 47,4% 1,6 Italia* (26 anni) 36,8% 1,4 Danimarca (19 anni) 24,5% 1,3 Svezia (30 anni) 37,8% 1,3 Spagna* (25 anni) 33,5% 1,3 Grecia* (25 anni) 31,8% 1,3 Belgio (25 anni) 29,0% 1,2 Finlandia (25 anni) 30,6% 1,2 Regno Unito (20 anni) 21,0% 1,1 Ungheria (25 anni) 27,2% 1,1 Olanda (25 anni) 28,4% 1,1 Austria (26 anni) 28,5% 1,1 Polonia (26 anni) 26,9% 1,0 Portogallo (29 anni) 22,9% 0,8 Francia (25 anni) 18,0% 0,7 Irlanda (25 anni) 15,9% 0,6 * Dati 2001 Fonte: elaborazione Censis su dati Housing Statistics in the EU,

12 Fig. 4 - Quota percentuale di abitazioni realizzate tra il 1946 ed il 1971 nelle principali città italiane (al Censimento 2001) Fonte: elaborazione Censis su dati Istat Tab. 5 - Il diverso profilo della condizione abitativa per epoca del patrimonio (val.%) Epoca di costruzione dell edificio Dopo il 1991 Famigli residenti in abitazione in affitto Famiglie residenti in abitazione in edificio plurifamiliare 20,6% 16,5% 16,4% 73,2% 75,1% 69,5% Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, Indagine sui consumi delle famiglie

13 Fig. 5 - Famiglie per epoca di costruzione dell abitazione occupata Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, Indagine sui consumi delle famiglie

14 2. LE DINAMICHE DI CONTESTO Due grandi dinamiche di trasformazione vanno considerate per comprendere il ruolo futuro del patrimonio edilizio esistente, ed in particolare di quello che costituisce la città compatta frutto della ricostruzione e degli anni del boom edilizio e della grande espansione urbana degli anni 50 e 60: - da un lato le dinamiche territoriali legate alla dispersione residenziale; - dall altro le dinamiche sociali di diversificazione e frammentazione della domanda abitativa e della stessa composizione sociale dei tessuti urbani Gli effetti della dispersione residenziale Il patrimonio realizzato per dare risposta alla domanda abitativa della fase dell inurbamento costituisce il tessuto principale delle vecchie periferie urbane che per una lunga fase sono state caratterizzate da alte densità abitative e da una generale carenza di servizi ed infrastrutture. Oggi il quadro è in gran parte mutato quelle vecchie periferie, ormai parte integrante della cosiddetta città consolidata, hanno in genere colmato il gap: si pensi nel caso delle grandi città, alla realizzazione, certo tardiva rispetto alle altre città europee, delle linee di metropolitana. Inoltre, in relazione alla notevole estensione degli ambiti urbani, la loro posizione è divenuta assai meno periferica, e la qualità generale dell ambiente di vita è in parte migliorata. Ciò ha fatto sì che in molti casi i relativi valori immobiliari hanno subito un forte incremento, mentre, anche per effetto dei processi di invecchiamento, la loro densità abitativa è diminuita. A mutare il ruolo delle vecchie periferie hanno contribuito i processi di redistribuzione della popolazione a scala metropolitana. Se si considerano le dinamiche demografiche delle prime 12 città italiane negli ultimi due decenni ( ), si nota come il saldo positivo di 1,2 milioni di abitanti sia la risultante di una perdita di popolazione di 461mila abitanti nei capoluoghi, cui ha corrisposto un incremento di ben 1,66 milioni di residenti nei comuni esterni, cioè nel resto della provincia. Una fenomenologia che si riscontra in tutte le maggiori città, ad eccezione di Genova, dove pesa il declino demografico del capoluogo (fig. 6). 12

15 Considerando un intervallo temporale più recente ( , fig. 7), si nota il parziale recupero di popolazione nei comuni capoluogo del centronord, determinato unicamente da un saldo migratorio positivo legato all apporto dell immigrazione. Tuttavia resta forte il differenziale di crescita con le aree esterne, che a fronte di una generale pressione della domanda, sono state quelle che hanno assorbito maggiormente nuova popolazione. In sostanza nelle grandi aree urbane l esistenza di una offerta abitativa quasi unicamente fondata sulla casa in proprietà e sempre meno accessibile dalle fasce medio-basse, ha alimentato un esodo continuo verso le prime e ormai soprattutto le seconde cinture urbane, ma complessivamente verso il resto della provincia, dove i valori immobiliari sono più accessibili. Questo processo di redistribuzione residenziale ha peraltro alimentato in gran parte l esplosione del pendolarismo quotidiano verso le città, che continuano a concentrare gran parte dei posti di lavoro soprattutto nei servizi. Proprio il Censis ha misurato nel 2008 le dimensioni di questo fenomeno, decisamente impressionanti: in Italia dal 2001 al 2007 il numero di coloro che si spostano quotidianamente per lavoro/studio al di fuori del proprio comune è passato infatti da 9,6 a 13,1 milioni (fig. 8). Una mobilità di scala metropolitana che rimane fortemente legata, anche per gli spostamenti sistematici, all uso del mezzo privato, soprattutto per i residenti dei comuni esterni al comune centrale capoluogo. In questo caso la scelta dell auto riguarda addirittura i ¾ degli spostamenti quotidiani per lavoro (tab. 7). Le conseguenze sono note a tutti: aumento della congestione, incremento della produzione di polveri sottili e di CO2, allungamento dei tempi di spostamento. Secondo l Aci a Roma, ogni anno, un automobilista trascorre 503 ore in auto, di cui ben 252 bloccato in mezzo al traffico. La durata media di uno spostamento di un romano è di 60 minuti a viaggio. Molto simili i dati relativi a Milano con 498 ore annue trascorse da un automobilista in auto, di cui ben 237 nel traffico, e 58 minuti in media per ogni spostamento, mentre è leggermente al di sotto Torino, dove ogni anno la media annuale è di 450 ore al volante, di cui 180 nel traffico. Per arginare tale insostenibile deriva, si programmano investimenti infrastrutturali spesso chiamati ad un impossibile inseguimento dei processi insediativi. Di fatto gli interventi sulla mobilità sostenibile realizzati in questi anni, ed in particolare quelli relativi alla rete del ferro, hanno seppur tardivamente migliorato la dotazione delle vecchie periferie, che tuttavia nel frattempo hanno in parte perso popolazione, ma non hanno intercettato se non in parte la popolazione fuoriuscita negli hinterland. 13

16 Se si guarda al caso romano (tab. 8) si nota ad esempio come in anni recenti (periodo ): - la città consolidata esterna alla città storica ma dentro l anello ferroviario, cioè al momento probabilmente la zona maggiormente servita dalla rete dei trasporti, ha perso circa 22mila abitanti (-6%); - l area esterna all anello ferroviario e compresa all interno del raccordo anulare, cioè la gran parte della periferia storica, ha registrato una perdita di oltre 100mila abitanti, con un decremento pari a circa il 6%; - infine l area esterna al Gra, la periferia ancora in formazione, è cresciuta nello stesso periodo di oltre 170mila abitanti (una dimensione maggiore della popolazione di Reggio Emilia), registrando un incremento rilevantissimo, pari a circa il 30%. Ravvicinando ancora lo sguardo, è interessante analizzare i trend del settore nord della Capitale, dove è in avanzata fase di realizzazione la nuova linea B1 della metropolitana che attraverserà il II Municipio attestandosi con il capolinea nel IV, nella zona di Montesacro-Valmelaina. Ebbene il II Municipio nel periodo ha perso ben il 9% della popolazione, registrando una percentuale di popolazione over 65 anni pari quasi al 25%, mentre il IV Municipio, all interno del quale ricadono i nuovi insediamenti della centralità Porta di Roma, ha registrato anch esso un decremento, ma contenendo maggiormente le perdite (-1,4%). Nel frattempo i comuni confinanti a nord con quello di Roma, ben più lontani e mal collegati con il centro città, sono cresciuti del 20% (tab. 9). La composizione sociale delle diverse zone riflette inevitabilmente queste dinamiche: la percentuale di anziani decresce spostandosi all esterno, verso le aree meno servite e con valori immobiliari meno elevati, e simmetricamente aumenta la quota della fascia di età 0-14 anni. Ragionamenti analoghi possono essere fatti analizzando le dinamiche del Sud-ovest milanese: si vede bene come zone della città un tempo periferiche, come l asse Lorenteggio-Vigevanese, oggi servito dalla metropolitana, registrino un fase di declino demografico e di invecchiamento, mentre i comuni esterni, certo caratterizzati da servizi di minor livello, sono più giovani e dinamici (tab. 10). Di fatto, se si fa eccezione per le aree industriali dismesse del nord-ovest, il modello espansivo basato sul consumo di suolo è rimasto dominante. Anzichè trasformare le aree interne già urbanizzate si è costruito soprattutto nei comuni esterni, dove i piani urbanistici erano più permissivi, i costi delle aree più bassi, con tipologie edilizie più vicine ai desideri dell utenza. 14

17 E mancata la città, certamente, ciò anche perché le difficoltà procedurali e operative hanno finora bloccato la ripianificazione e trasformazione dei tessuti urbani esistenti. Lo spreco di suolo degli ultimi decenni testimonia la crisi di questo modello. Se gli anni di più rapida dilatazione delle città italiane sono stati quelli del dopoguerra e del boom economico, in cui il forte inurbamento e il conseguente fabbisogno abitativo hanno determinato la rapida urbanizzazione di vaste aree agricole intorno alle città storiche, in anni recenti, pur ormai chiaramente in assenza di una spinta demografica di quella forza, il consumo di suolo ha ripreso a crescere in modo rilevante. La città contemporanea si è dimostrata grande divoratrice di spazi: ciò sia in relazione al fenomeno dello sprawl urbano, con gli insediamenti residenziali a bassa densità della cosiddetta città diffusa, sia in relazione alle megastrutture per il consumo e l intrattenimento di massa. Si è realizzata una nuova offerta abitativa quantitativamente rilevante e quasi unicamente in proprietà, legata in parte a reali fattori di domanda: il forte incremento del numero delle famiglie e degli stranieri, la ricerca di migliori condizioni abitative, l espansione di un economia dei servizi a forte carattere urbano. L innalzamento dei valori immobiliari nelle aree centrali, caratterizzate da migliore qualità dell ambiente urbano e dei servizi, e da un più elevato livello di accessibilità, ha alimentato un ulteriore esodo di popolazione verso i comuni esterni. Comuni caratterizzati da un ampia offerta di nuova edilizia residenziale (basata su tipologie a bassa densità) a prezzi più accessibili. Di qui i processi di dispersione insediativa tipici della città diffusa, che hanno prodotto un ulteriore consumo di suolo agricolo. Sull entità del fenomeno permane una notevole carenza informativa, sebbene i pochi studi approfonditi in grado di identificare i reali termini quantitativi di questo processo siano estremamente preoccupanti. La mancanza di dati ufficiali forniti con adeguata periodicità all'elaborazione statistica limita anche la possibilità di valutare gli effetti di piani e normative. In ogni caso secondo stime del Censis in Italia nel periodo il consumo medio di suolo vergine (non più riconvertibile una volta sigillato e impermeabilizzato dagli usi urbani) per nuovi insediamenti, è stato in media pari a 53,2 ha/giorno, cioè 194 Kmq l anno, al netto dello spazio consumato per infrastrutture ed altre attrezzature (centrali energetiche, discariche, cave ecc.) (fig. 9). L andamento del consumo di suolo appare legato, più che alle dinamiche demografiche, al volume degli investimenti in costruzioni e alle scelte della 15

18 pianificazione urbanistica ed edilizia. Ed infatti, quando il consumo di suolo è diminuito, come nella recente crisi, ciò è avvenuto sostanzialmente per effetto della congiuntura negativa, e non per un indirizzo legislativo e di governo. Tab. 6 - Confronto tra variazione della popolazione residente nei comuni capoluogo e nel resto della provincia nelle principali città italiane (v.a) Variazione della popolazione nel comune capoluogo Variazione della popolazione nel resto della provincia Variazione della popolazione nella provincia Torino Milano Genova Venezia Verona Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo Catania Totale Fonte: elaborazione Censis su dati Istat,

19 Fig. 6 Confronto tra variazione della popolazione residente nei comuni capoluogo e nel resto della provincia nelle principali città italiane (val. %) Fonte: elaborazione Censis su dati Istat Fig. 7 - Confronto tra variazione della popolazione residente nei comuni capoluogo e nel resto della provincia nelle principali città italiane (val. %) Fonte: elaborazione Censis su dati Istat 17

20 Fig. 8 - Andamento del pendolarismo in Italia nel periodo Valori assoluti in migliaia ,2 18,9 17,0 15, Valori % Fonte: Censis, 2008 Pendolari (migliaia) Incidenza sulla popolazione residente (%) Tab. 7 - Spostamenti sistematici per motivi di studio o di lavoro: confronto ripartizione della modalità tra gli abitanti del centro e quelli della periferia delle aree metropolitane, 2008 (val. %) Residenza Motivazione dello spostamento A piedi o in bici Treno Modalità dello spostamento Corriera, pullman aziendale o scolastico Tram, bus, metropolitana Auto (conducente o passeggero) Moto Comune centro area metropolitana Lavoro 16,2 2,6 1,9 28,1 53,8 11,3 Studio (persone fino a 34 anni) 37,3 1,8 1,1 29,9 31,6 8,4 Periferia area metropolitana Lavoro 11,4 6,3 4,7 8,5 76,1 4,3 Studio (persone fino a 34 anni) Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, indagine multiscopo ,2 8,7 19,4 14,0 44,7 2,3 18

21 Tab. 8 Comune di Roma, variazione della popolazione per aree concentriche Zona Popolazione Variazione (v.a.) (val. %) Centro storico (mura aureliane) ,0% ,6% Città consolidata Dentro l anello ferroviario, ma fuori dalle mura aureliane ,0% Vecchia periferia Tra l anello ferroviario e il Gra A Totale Comune di Roma entro il Gra ,3% Comune di Roma fuori dal Gra (escluso XIII municipio) ,8% Fonte: elaborazione Censis su dati Istat e Comune di Roma, 2010 Tab. 9 - Roma Nord, variazione della popolazione per municipi (val.%) Variazione pop % popolazione over 64 % popolazione 0-14 anni Roma, II Municipio -9,0 24,4 11,9 (Linea B e linea B1) Roma, IV Municipio -1,4 21,1 11,8 Comune di Fontenuova (confinante) +21,1 17,7 14,6 Comune di Guidonia +20,0 14,2 16,8 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat e Comune di Roma 19

22 Tab Milano Sud-ovest, confronto tra periferia milanese e comuni confinanti Variazione % pop % Popolazione over 64 % Popolazione 0-14 anni % Stranieri Milano, zona 6 Barona-Lorenteggio Linea rossa e futura linea 4 Corsico (11 km da Piazza Duomo) Abbiategrasso (26 Km da Piazza Duomo) -2,6 25,9 11,7 11,1 +0,9 23,6 12,2 8,9 +9,9 20,7 13,7 7,2 Fonte: elaborazione Censis su dati Istat e Comune di Milano Fig. 9 - Stima dell andamento del consumo medio di suolo (in ettari/giorno) nel periodo in Italia al netto delle infrastrutture Fonte: Censis,

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Casa 2 La crisi della nuova edilizia e delle infrastrutture e la crescita della riqualificazione delle abitazioni Investimenti in costruzioni*

Dettagli

Negli ultimi 12 mesi, la sua famiglia ha effettuato interventi di ristrutturazione dell'abitazione principale? 20,7

Negli ultimi 12 mesi, la sua famiglia ha effettuato interventi di ristrutturazione dell'abitazione principale? 20,7 % Dalla riqualificazione (anche energetica) degli edifici nuova linfa al settore immobiliare Nomisma e Saie fotografano il trend e le prospettive della ri-qualificazione energetica e del ri-uso urbano

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA CASA: EMERGENZA SOCIALE PER LE FASCE PIU DEBOLI La casa, il bene più amato dagli italiani, è stato messo a dura prova in questi anni di crisi:

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Indagine e proposta progettuale

Indagine e proposta progettuale Indagine e proposta progettuale Silver CoHousing Condividere. Per affrontare positivamente crisi economica e mal di solitudine della terza età Direzione della ricerca: Sandro Polci E noto che la popolazione

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014 Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO MILANO 30 Gennaio 2014 Temi trattati Il mercato della locazione in Italia: trend recenti di contratti, domanda, offerta, quotazioni

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi Un 2012 all insegna della timida ripresa per il mercato immobiliare residenziale. I primi due mesi dell anno

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Andamento generale e specificità della Sicilia

Andamento generale e specificità della Sicilia ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE Andamento generale e specificità della Sicilia Mercato europeo La crisi del settore dell'auto continua senza sosta e si sta aggravando ulteriormente,

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1. Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali I MEZZI PUBBLICI ITALIANI SONO DAVVERO CARI? 1 Lorenzo Minetti Università di Pavia, Collaboratore Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro. Roma 2012

Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro. Roma 2012 Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro Roma 2012 La situazione del patrimonio edilizio pubblico e privato costituisce uno degli aspetti in cui si misura la distanza che spesso

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 24 Luglio 2015 I trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel I trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari tornano a registrare variazioni

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano

Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano 16 novembre 211 Osservatorio Permanete della Qualità della Vita a Milano dal 1989 al 21 Una strategia europea per le città e una strategia delle città Il Rapporto Europa 22 del Consiglio Europeo (21) propone:

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Roma, 26 giugno 2015 Il ciclo immobiliare in corso e previsioni al 2017 2 Evoluzione dei prezzi reali delle abitazioni

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI.

UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI. UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI. Il Fondo Sociale è un aiuto economico per pagare l affitto, indirizzato alle famiglie con

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 435 AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 30 Ottobre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati

Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl e Caf Cisl sulle dichiarazioni dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Tasse e imposte fra Governo e Governi Sintesi dell analisi Cisl

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Università Roma Tre, Dipartimento di Architettura Via della Madonna dei Monti, 40 Convegno Aree industriali e politiche di Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli