KEYSTONE!PERFORATOR!FLAP!IN!CHIRURGIA! RICOSTRUTTIVA:!EVOLUZIONE!DEI!LEMBI!FASCIOJCUTANEI! AD!ISOLA.!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "KEYSTONE!PERFORATOR!FLAP!IN!CHIRURGIA! RICOSTRUTTIVA:!EVOLUZIONE!DEI!LEMBI!FASCIOJCUTANEI! AD!ISOLA.!"

Transcript

1 FacoltàdiMedicinaeOdontoiatria XXIVCorsodiDottoratodiRicercainDermatologia Anatomia ChirurgiaPlastica CattedradiChirurgiaPlasticaRicostruttivaedEstetica KEYSTONEPERFORATORFLAPINCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA:EVOLUZIONEDEILEMBIFASCIOJCUTANEI ADISOLA.STUDIOANATOMOJFISIOLOGICO, ANALISISTATISTICAEDEVOLUZIONEDELLATECNICA CHIRURGICA. TESI%SPERIMENTALE% Relatore Chiar.moProf.N.Scuderi Correlatore Chiar.moProf.M.Tarallo Candidato Dott.CristianoMonarca Annoaccademico2010/2011

2 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 1 " " Ippocrate (Aforismi, 1, 1)

3 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 2 Sommario 1Introduzione e cenni storici Lembi in chirurgia plastica Classificazione dei lembi Vascolarizzazione Lembi random Lembi assiali (lembi a circolazione nota) Sede di origine Forma Movimento Peduncolo Tessuto Il lembo Keystone e le sue evoluzioni Pianificazione del lembo Tipologie di Keystone flap e varianti Tipo I Tipo IIA (incisione della fascia profonda) Tipo IIB (con split skin graft sul difetto secondario) Tipo III: Keystone doppio Tipo IV: Keystone flap con rotazione Varianti note Block and tackle (paranco) tension suture Keystone flap modificato secondo Moncrieff (SMU modification of Keystone flap) Keystone flap modificato secondo Rao (Fish-mouth fashion Keystone) Principi anatomici Lembi e perforanti Il principio degli angiosomi: Mappe dermatomeriche e angiosomi Linee di tensione cutanee e Keystone flap Analisi fisiologica del Keystone Flap I tre segni maggiori del Keystone flap e la simpatectomia Keystone flap e crescita cellulare Applicazioni cliniche Keystone flap e radioterapia Contributo di ricerca ed evoluzione della tecnica Introduzione Scopo del lavoro Tecnica chirurgica Metodologia Popolazione Materiali Procedura Risultati Analisi descrittive Analisi inferenziale Discussione dei risultati: Considerazioni e limiti dello studio statistico

4 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 3 8.8Conclusioni Bibliografia Appendice fotografica: casi clinici

5 1 Introduzioneecennistorici Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 4 Figura1:tavolaIXdaCarlManchot,Die%Hautarterien%Des%Menschlichen%Korpers(1889).

6 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 5 La Chirurgia dei lembi è una sottospecializzazione della Chirurgia plastica. Molti tipi di lembo sono stati studiati e scolpiti nel corso del tempo con indicazioni anche molto diverse[figura 2: Storia della chirurgia dei lembi - tavola sinottica Figura 2]. Figura 2: Storia della chirurgia dei lembi J tavola sinottica (tratto da Cormack e Lamberty, The arterial Anatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Il termine lembo è nato nel XVI secolo da flappe, parola olandese che significa qualcosa che pende ampia e sciolta, fissata solo da un lato. La storia della Chirurgia dei lembi risale al 600 a.c., quando Sushruta Samita [1] descrisse la ricostruzione nasale utilizzando un lembo di guancia. Alcune altre fonti confermano che interventi chirurgici

7 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 6 utilizzanti i lembi venivano eseguiti anche prima della nascita di Cristo. Nel 1440 circa d.c. in India si conducevano i primi interventi di rinoplastica. Le procedure chirurgiche più antiche contemplavano l'utilizzo di lembi che ruotavano la cute su una zona adiacente. I francesi, che si riunirono a fondare la prima Società Reale dei Chirurghi [2], furono anche i primi a descrivere lembi di avanzamento, i quali trasferiscono la cute da un'area a un altra adiacente senza rotazione. Anche nella letteratura italiana rinascimentale sono riportate notizie sui lembi peduncolati a distanza, in grado di trasferire i tessuti in un sito distante. Il XIX secolo sancì il reale inizio dell epoca della moderna medicina. La successiva evoluzione dei lembi chirurgici, infatti, fu molto influenzata dall invenzione dell anestesia nel Nel 1889 fu pubblicato anche uno studio di Manchot [3] sulle arterie della cute ponendo le basi per una più precisa comprensione della sopravvivenza dei lembi. Nonostante fossero già diffuse le conoscenze scientifiche riguardanti l importanza della vascolarizzazione per la sopravvivenza dei lembi, l utilizzo di consuetudini e principi non corretti era ancora però molto comune. Fu Esser [4] nel 1917 a mostrare con i suoi lembi a isola che la cute al di sopra del peduncolo poteva essere asportata senza compromettere il lembo, purché si conservassero intatti i vasi. Durante le due Guerre Mondiali i lembi peduncolati furono usati estensivamente dai chirurghi per le perdite di sostanza prodotte dalle armi e dai vari ordigni usati nella guerra di trincea. Un ulteriore conquista in questo campo fu compiuta poi tra il 1950 e 1960, quando alcuni chirurghi utilizzarono i primi lembi assiali. Nel 1969, più di venti anni dopo gli studi di Esser, Milton [5] confermò l importanza dei vasi del peduncolo come variabili più importanti nella sopravvivenza dei lembi. Negli Anni Settanta poi fu compiuta una distinzione tra lembi assiali e random (a vascolarizzazione casuale) e lembi muscolari e muscolocutanei. Questo fu un importante passo avanti nella comprensione della chirurgia dei lembi poiché permise

8 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 7 l evoluzione verso la nascita della Chirurgia ricostruttiva mediante i lembi liberi. Nel 1971 altro passo fondamentale per la Chirurgia plastica fu compiuto da Antia e Buch [6] prima e da O Brien e Harii poi. I primi eseguirono il trasferimento di un lembo libero dermo-adiposo rivascolarizzato senza l ausilio di un microscopio, i secondi introdussero l uso del microscopio per le microanastomosi vascolari [7]. Negli anni Ottanta i tipi di tessuto utilizzati sono aumentati in modo significativo con lo sviluppo di lembi fasciocutanei (fascia e cute) più sottili dei lembi muscolari, lembi ossei (osso) e lembi osteocutanei (osso e cute). Il progresso più recente nella Chirurgia dei lembi si è verificato negli anni Novanta con l'introduzione di lembi basati sulle perforanti. Un esempio di questi è il DIEP (deep inferior epigastric perforator), che è ormai diventato procedura standardizzata nella ricostruzione della mammella. Altro esempio di lembo basato sulle perforanti è il Keystone perforator island flap (KPIF) presentato per la prima volta nel 2003 da F. C. Behan. Tale metodica ricostruttiva è sicuramente efficace nelle perdite di sostanza dei tessuti molli dell arto inferiore, e non solo. 2 Lembiinchirurgiaplastica Si definisce lembo il trapianto a distanza di uno o più tessuti, o di una loro porzione, fornito di una vascolarizzazione propria, indipendente dal letto ricevente. Si definisce inoltre peduncolo quella parte del lembo in cui sono contenuti i vasi che ne assicurano il nutrimento. Un lembo di norma viene trasferito da un sito donatore a un sito ricevente [8]. I lembi si basano su alcuni principi rappresentati da:

9 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 8 Utilizzo di aree donatrici in cui vi sia disponibilità di tessuto e nelle quali il deficit residuo al prelievo sia minore del danno da riparare. Autonomia vascolare del tessuto trapiantato: caratteristica fondamentale del lembo è, infatti, una vascolarizzazione propria che può migliorare l irrorazione del distretto ricevente con tutti i vantaggi a essa correlati. Riparazione efficace funzionalmente ed esteticamente. Migliore sfruttamento dell elasticità dei tessuti Possibilità di distribuire su vari vettori le forze di trazione delle suture: questo permette di evitare le complicanze della chiusura sotto tensione delle ferite. Qualora, infatti, la chiusura si esegua con tale modalità, le complicanze possibili possono essere: una cicatrice poco vantaggiosa, una deiscenza della ferita, sino a una necrosi parziale o totale dei lembi cutanei. Questo principio è però parzialmente vero, poiché uno studio su lembi suturati sotto tensione dimostrò tuttavia che le zone di escara della cute sono dovute primariamente alla devascolarizzazione del lembo: lembi con un adeguato apporto sanguigno possono essere collocati sotto tensione senza rischio di sofferenza [22]. Ogni pressione sul lembo dovrebbe essere evitata: medicazioni sopra il lembo non sono necessarie, tant è che il metodo aperto ne consente l osservazione continua del colore, evitando altresì ulteriori pressioni. I lembi sono di solito usati per ricostruire superfici in cui vi sia una vascolarizzazione insufficiente, per ricostruire uno spessore in un distretto corporeo, o ripristinare forma o volumi mancanti. I lembi muscolari, grazie all aumentato apporto ematico, possono fornire una funzione motoria o un mezzo di controllo delle infezioni nella zona ricevente. In uno studio sperimentale, Mathes et al. [9] hanno paragonato i lembi muscolocutanei rispetto a quelli cutanei random per determinare la clearence batterica e la tensione di ossigeno. Un infezione indotta nei cani con 10 7 colonie di Staphylococcus aureus

10 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 9 in un lembo random provocava il 100% di necrosi dei lembi entro 48 ore; al contrario, i lembi muscolocutanei, mostravano una sopravvivenza a lungo termine maggiore. Nello studio si evidenziava come la tensione di ossigeno nella zona distale del lembo random fosse significativamente inferiore a quella distale delle porzioni muscolari e cutanee del lembo muscolocutaneo. Tali dati costituiscono il razionale sotteso all utilizzo dei lembi per le ferite infette. I lembi, secondo il loro movimento, possono essere trasposti o ruotati e la corretta pianificazione del loro trasferimento richiede una precisa tecnica chirurgica per assicurare che linee di maggior tensione, dal punto cardine ( pivot point ) al punto più distante del lembo, non siano tese. 3 Classificazionedeilembi Numerosi e diversi metodi di classificazione sono stati usati per i lembi. Tra gli altri, viene riportato in letteratura il Sistema atomico di classificazione dei lembi [Figura 3], in cui i principali tessuti che possono costituire i lembi sono posizionati al centro dello schema classificativo, come a formare il nucleo di un ideale atomo, mentre le caratteristiche accessorie (ad esempio vascolarizzazione, forma, destinazione) vengono enumerate intorno alla struttura centrale come se fossero gli elettroni dell atomo.

11 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 10 Figura3::Loschemaatomicodiclassificazionegeneraledeilembi(trattodaBlondeel:P.N,MorrisS.F, HallockG.G.,NeliganP.C.,PerforatorFlaps:Anatomy,Technique&ClinicalApplications,QualityMedical PublishingInc.,2005;pag.6;figura1J1) Per semplicità possiamo suddividere i lembi sulla base di: 1. Vascolarizzazione 2. Sede di origine 3. Forma 4. Movimento 5. Tipologia di peduncolo 6. Tipo di tessuto 3.1 Vascolarizzazione La conoscenza dell anatomia vascolare risulta essere fondamentale quando si pianifica un lembo, in quanto esso necessita di un adeguato apporto ematico per sopravvivere ed espletare la sua funzione. La finalità da tenere sempre presente è, quindi, la conservazione della perfusione del lembo per mezzo delle strutture vascolari.

12 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 11 Figura 4: sistema vascolare cutaneo. A rete vascolare cutanea nell animale e nell uomo ; B: vascolarizzazione cutanea da parte del plesso subdermico (tratto da: Converse J.M. et al, Chirurgia plasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:203,fig6j26[10]) La vascolarizzazione della cute presenta tre componenti [11] [Figura 4]: vasi segmentali maggiori provenienti dall aorta: si tratta di grandi vasi provenienti dall aorta e situati al di sotto della massa muscolare; questo albero vascolare si forma durante lo sviluppo dell embrione [Figura 5] lungo il decorso dei nervi periferici sottostanti.

13 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 12 Figura 5: Anatomia vascolare di embrione umano di 5 mm. (tratto da: Converse J.M. et al, Chirurgia plasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:202,fig6j25[10]) vasi perforanti: i vasi perforanti [Figura 4 a] mettono in connessione i sistemi vascolari segmentale e cutaneo, essi provvedono, anche, ad irrorare i muscoli che attraversano. rete vasale e cutanea: con tale nome si intende la struttura vascolare posta al di sopra della fascia profonda. Dopo aver perforato la fascia profonda, le arterie corrono per un tratto variabile entro gli strati più interni della fascia superficiale, alcuni rami nascono da questi vasi per perforare lo strato superficiale della fascia e raggiungere il plesso arterioso sub dermico. Quest ultimo costituisce la maggior fonte di apporto ematico arterioso alla cute ed è una caratteristica di quei soggetti cosiddetti emorragici cutanei che si possono incontrare nella pratica chirurgica [12]. Alcuni rami originano dal plesso sub-dermico per irrorare gli annessi cutanei e terminano in un plesso sito nella parte superficiale dello strato

14 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 13 papillare del derma: da qui anse capillari si dirigono all interno delle papille dermiche. In virtù delle interconnessioni tra le varie reti vasali, ogni area della cute non dipende unicamente dalla più vicina arteria ascendente. Il drenaggio venoso cutaneo comincia sul versante efferente delle anse capillari, il quale è in connessione con sottili spazi rivestiti da endotelio nello strato superficiale del derma papillare. Lo scarico venoso attraversa l intero spessore del derma per svuotarsi infine nel plesso venoso sub-dermico, drenato invece dalle vene segmentali. La circolazione cutanea è assicurata da due sistemi arteriosi [Figura 6]: il sistema muscolo cutaneo e il sistema cutaneo diretto [13]. Figura6:A.diagrammadelsistemacutaneodiretto;B.Diagrammadelsistemamuscolocutaneo(tratto da:conversej.m.etal,chirurgiaplasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:204,fig6.27, 6.28[10]).

15 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 14 Figura 7 schema della vascolarizzazione tramite sistema muscolocutaneo diretto (tratto da Cormack & Lamberty,ThearterialAnatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Le arterie muscolo-cutanee [Figura 7] ricevono il loro apporto ematico da vasi segmentali situati profondamente rispetto al muscolo sottostante, con un vaso perforante che funge da collegamento tra i due. L arteria muscolo- cutanea, posta nel tessuto adiposo sottocutaneo, termina nel plesso sub-dermico irrorando una area superficiale relativamente piccola. Figura 8: Schema della vascolarizzazione cutanea diretta (tratto da Cormack & Lamberty, The arterial Anatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Le arterie cutanee dirette [Figura 8] corrono parallele piuttosto che perpendicolari alla superficie cutanea e giacciono sopra la fascia;

16 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 15 esse sono alimentate dai vasi segmentali tramite le perforanti che attraversano il muscolo. Le arterie cutanee dirette terminano nei plessi dermici sub-dermici e vascolarizzano aree più ampie di superficie cutanea; esse sono accompagnate dalle venae comitantes, in quanto le vene cutanee dirette sono posizionate in posizione sub-dermica. Corso [14] dimostrò modificazioni arteriosclerotiche progressive in questi vasi parallelamente all aumento di età dei pazienti e suggerì cautela nell uso dei lembi lunghi in soggetti oltre la settantina. Partendo da tali presupposti anatomici possiamo suddividere, secondo la classificazione di Mc Gregor e Morgan [15], i lembi in random e a vascolarizzazione assiale Lembi random Si definiscono random i lembi la cui vascolarizzazione non è nota essendo presa casualmente. Utilizzati fin dagli inizi del 900, quando non si conosceva l assetto vascolare del tessuto, nel realizzare tali lembi grande importanza veniva data alle loro dimensioni e forma al fine di garantirne la vitalità. La sopravvivenza del lembo, infatti, dipende dalla perfusione e dallo scarico venoso che sono costanti per le differenti sedi anatomiche. Si preferiva, quindi, ampliare la larghezza della base del lembo cercando di includere in essa il maggior numero di vasi (nelle zone a maggior densità vascolare si potevano scolpire lembi con base più stretta, in quelle a minor densità con base di dimensioni maggiori). Studi su maiali condotti da Milton [18] hanno però dimostrato la fallacia del concetto tradizionale relativo al rapporto lunghezza-larghezza nel progetto di un lembo: è l albero vascolare contenuto e non la larghezza o le dimensioni del peduncolo ad avere importanza critica e a determinarne la sopravvivenza. L unico effetto che si ottiene diminuendo la larghezza è di ridurre la probabilità che il peduncolo contenga un vaso di buon calibro. Altra caratteristica da tenere in considerazione è l orientamento prossimale del peduncolo.

17 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 16 Rientrano in questa classe secondo Mc Gregor e Morgan: lembi di avanzamento, lembi di trasposizione, lembi di rotazione, lembi tubulati e lembi a distanza (questi ultimi due solo quando non presentano struttura assiale) Lembiassiali(lembiacircolazionenota) Si tratta di lembi ricavati da regioni anatomiche con vascolarizzazione conosciuta e costante. Tali lembi contengono almeno un asse vascolare artero-venoso noto. La lunghezza del lembo è in questo caso correlata alla lunghezza del vaso cutaneo diretto più un segmento distale a struttura vascolare di tipo random, nutrito dai plessi dermicosubdermici [15]. Tali lembi si differenziano dai lembi ad isola perché il peduncolo è rivestito da cute, tessuto sottocutaneo e arterie e vene cutanee dirette, uniti insieme a formare un solo elemento. Il peduncolo di un lembo ad isola consiste, invece, nelle sole arteria e vena prive delle altre strutture che le accompagnino. In relazione alla loro composizione tissutale, i lembi assiali possono essere classificati in: Lembi miocutanei: utilizzati inizialmente per la ricostruzione dell arto inferiore, i lembi mio cutanei si basano sulla irrorazione proveniente dai muscoli sottostanti. Sono costituiti da muscolo, fascia profonda, grasso sottocutaneo e cute basati su uno o più peduncoli vascolari. L apporto ematico a questa unità origina dal supporto vascolare del muscolo, raggiunge la cute attraverso vasi perforanti che penetrano nel muscolo, passa attraverso la fascia profonda e quindi si dirama verso il sottocutaneo sovrastante. Questi lembi possono essere ulteriormente classificati secondo la classificazione di Mathes & Nihai in 5 tipologie [Figura 9]: Tipo 1: il muscolo ha un singolo peduncolo vascolare che penetra nel ventre muscolare (es. gastrocnemio, tensore della fascia lata). Tipo 2: il muscolo ha un singolo peduncolo vascolare dominante e diversi peduncoli secondari che però da soli sono insufficienti

18 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 17 ad assicurare, la sopravvivenza del lembo (es. soleo, gracile, temporale, sternocleidomastoideo, ecc.). Tipo 3: il muscolo ha due peduncoli vascolari dominanti, ognuno dei quali può garantire la sopravvivenza del lembo (es. retto dell addome, dentato anteriore). Tipo 4: il muscolo ha peduncoli multipli segmentari di dimensione simile che penetrano nel muscolo in più punti tra l origine e l inserzione (es. sartorio, tibiale anteriore). Tipo 5: il muscolo ha un peduncolo dominante e una serie di peduncoli segmentari che, sono in grado di garantire la sopravvivenza del lembo grazie ad una ricca rete anastomotica all interno del muscolo stesso (es. gran pettorale, gran dorsale). Figura 9: classificazione di Mathes & Nihai (tratta da overview) Lembi fasciocutanei: utilizzati inizialmente per la copertura dell arto inferiore, in questi lembi il prelievo della fascia consente una loro maggiore dimensione rispetto ai cutanei. I lembi fasciocutanei sono costituiti da un unità costituita da fascia profonda, grasso sottocutaneo e cute, basati su uno o più peduncoli vascolari che decorrono nei setti intermuscolari prima di raggiungere la fascia profonda tramite le perforanti. In base alla

19 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 18 vascolarizzazione sono suddivisi secondo Cormack e Lamberty in quattro tipologie più una variante [Figura 10]: Figura 10: classificazione dei lembi faciocutanei secondo Cormack e Lamberty (tratto da Cormack & Lamberty,ThearterialAnatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Tipo A: corrisponde al lembo fasciocutaneo descritto da Pontèn [16] per la ricostruzione dell arto inferiore. Questo lembo è

20 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 19 dipendente da vasi fasciocutanei [Figura 11] multipli e indipendenti che entrano nella fascia profonda alla base del lembo e sono orientati lungo il suo asse maggiore, paralleli alla direzione predominante del plesso arterioso a livello della fascia profonda. Tale lembo nell arto inferiore è di solito basato prossimalmente e orientato longitudinalmente. Studi clinici [17] hanno dimostrato che esso non presenta lo stesso grado di affidabilità e sicurezza se viene scolpito in obliquo o trasversalmente. I lembi fasciocutanei scolpiti sul margine mediale della gamba sono inoltre più affidabili di quelli scolpiti sulla faccia laterale. Questo è in parte dovuto al maggior calibro delle singole perforanti presenti sulla faccia mediale e in parte alla continuazione dell arteria safena sotto il ginocchio e in parte a causa del maggior flusso della perfusione supplementare muscolocutanea che penetra all interno della base del lembo scolpito nella regione mediale. Figura11:schemadellavascolarizzazionecutaneaattraversoperforantidelsistemafasciocutaneo(tratto dacormack&lamberty,thearterialanatomyofskinflaps,churchilllivingstone,1986) Tipo B: lembo basato su una singola perforante fascio cutanea di moderate dimensioni. Esso può essere usato sia come lembo peduncolato che come lembo libero microvascolare in cui sia incluso tutto il territorio irrorato dalla perforante. Il drenaggio venoso dipende o da un sistema venoso sottocutaneo o da una coppia di vene comitanti, a seconda della localizzazione del lembo e del modo in cui questo viene scolpito. In passato si riteneva che questi vasi facessero parte di un sistema cutaneo

21 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 20 diretto, ma è ormai chiaro che essi emergono lungo i setti intermuscolari e decorrono a livello della fascia profonda Un lembo di tipo B non richiede necessariamente la cute nella sua base; quest ultima può essere infatti rappresentata da tessuto sottocutaneo e fascia profonda incorporante una singola perforante che trasporta il flusso ematico ad un isola cutanea situata ad una certa distanza dalla base del lembo(tipo B modificato). Tipo C: lembo supportato da piccole perforanti multiple che provengono da un arteria profonda localizzata nel setto intermuscolare attraverso il quale tali perforanti passano per raggiungere la fascia profonda. Esso è utilizzato come lembo libero rimuovendo la cute, la fascia e l arteria che lo irrora. Tipo D: lembo consistente in un trasferimento libero di tessuto osteo-mio-fasciocutaneo. Esso è un elaborazione del tipo c in cui il setto fasciale, contenente le perforanti fasciocutanee dirette alla cute sovrastante, viene asportato in continuità con il muscolo e l osso adiacenti che derivano la loro irrorazione dalla stessa arteria Lembi basati sulle perforanti: si basano sull utilizzo delle perforanti dei tre sistemi di vascolarizzazione cutanea finora descritti [Figura 12]. Tali lembi sono costituiti da cute e tessuto sottocutaneo senza fascia e muscolo i cui vasi sono perforanti isolate che, dalla loro arteria di origine, possono passare nel contesto del muscolo o nei setti intermuscolari. Vista la difficoltà classificativa e di definizione di lembi e perforanti, nel 2002 a Gent (Belgio), in occasione del Gent Consensus on Perforator Flap Terminology [19], si è cercato di trovare una nomenclatura per questi lembi universalmente utilizzabile in campo medico. In questa occasione si è trovato, quindi, un accordo riguardante sei definizioni fondamentali relative a perforanti e lembi su esse basati:

22 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 21 Definizione 1: i lembi basati sulle perforanti sono costituiti da cute e tessuto sottocutaneo senza fascia e muscolo, i cui vasi sono perforanti isolate che, dalla loro arteria di origine, possono passare nel contesto del muscolo o nei setti intermuscolari. Definizione 2: una perforante muscolare è un vaso che attraversa il muscolo per rifornire la cute sovrastante. Definizione 3: una perforate settale è un vaso che attraversa solo il setto per raggiungere la cute sovrastante. Definizione 4: un lembo vascolarizzato solo da una perforante muscolare viene chiamato muscle perforator flap. Anche in questo caso gli autori precisano che un lembo contenente una perforante unita a vasi assiali profondi deve essere attribuito a questa classe. Definizione 5: un lembo vascolarizzato solo da una perforante settale viene chiamato septal perforator flap. Definizione 6: un lembo basato sulle perforanti dovrebbe essere denominato in relazione all arteria o ai vasi che lo nutrono e non in relazione al muscolo sottostante. Qualora sia possibile scolpire più di un perforator flap da un solo vaso il nome di ciascun lembo dovrebbe essere basato sulla regione anatomica o sul muscolo. Anche a quest ultima definizione segue una precisazione sul fatto che termini quali thin, perforator based, cutaneous island non andrebbero utilizzati insieme a perforator flap. I lembi basati sulle perforanti, permettendo di evitare la dissezione di muscoli, nervi e fasce profonde, riducono la morbilità del sito donatore. Le perforanti, possono essere distinte in [Figura 12 (1), (2), (3)]: dirette (3): perforanti soltanto la fascia profonda indirette muscolari o mio-cutanee (1): passanti attraverso il muscolo e perforanti lo strato esterno della fascia profonda per poi giungere alla cute sovrastante

23 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 22 indirette settali o settocutanee (2): in cui i vasi passano solo attraverso un setto per poi perforare lo strato esterno della fascia profonda e così rifornire la cute sovrastante. Figura12:immaginesemplificatadeirisultatidel Gent ConsensusonPerforatorFlapTerminologyincui vengonoridotteatreletipologiedivasiperforanti:(1)perforantiindirettemuscolariomiocutanee,(2) perforantiindirettesettaliosettocutanee,(3)perforantidirette Una classificazione alternativa a quelle precedenti, basata sempre sulla vascolarizzazione, fu proposta da Daniel e Williams [13]. I tre tipi principali di lembo erano: lembi cutanei: lembi mancanti di un apporto vascolare specifico ( lembo random secondo Mc Gregor). Tali lembi sono irrorati dalle arterie muscolo-cutanee situate nel peduncolo del lembo e connesse ai plessi dermico-sub-epidermici; essi sono soggetti a limitazioni di lunghezza nel loro disegno e l autonomizzazione è spesso indicata. Molta cura deve essere posta nel sollevarli al fine di evitare il danneggiamento dell importante plesso sub-dermico. lembi arterializzati: contengono almeno un arteria cutanea diretta specifica posta lungo il loro asse longitudinale. Dato che quest ultima giace nello strato sottocutaneo subito al di sopra della fascia muscolare, nello spessore del lembo dovrebbero essere compresi il grasso sottocutaneo e la fascia profonda (ad esempio la fascia pettorale nel lembo delto-pettorale). lembi ad isola: sono simili ai lembi a struttura assiale per disegno e distribuzione topografica e per questo ne rappresentano una

24 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 23 variante. Essi hanno un peduncolo privo di cute, sostituito dalle sole arterie e vene cutanee dirette; tali lembi sopravvivono almeno quanto i lembi a peduncolo cutaneo contenente vasi segmentali [20]. La trasformazione di un lembo arterializzato in un lembo ad isola non ne riduce la sopravvivenza [13]. Figura13:Classificazionedeilembicutaneisullabasedelloroapportovascolaretrattoda:ConverseJ.M. etal,chirurgiaplasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:205,fig6.29[10]) 3.2 Sedediorigine In base alla sede di origine distinguiamo lembi di vicinanza (provenienti da sedi in continuità anatomica con quella da riparare) e lembi a distanza (provenienti da zone anatomicamente non adiacenti a quella da riparare). La possibilità di utilizzare un lembo di vicinanza è legata alla quantità di tessuto vicino alla perdita di sostanza. Il vantaggio lembi di vicinanza risiede nel fatto che essi permettono di effettuare interventi in un solo tempo operatorio ottenendo della cute di qualità molto simile a quella dell area trattata, mentre quelli a distanza apportano tessuto cutaneo di qualità diversa. I lembi microchirurgici rientrano tra i lembi a distanza, mentre il Lembo Keystone appartiene ai lembi di vicinanza.

25 3.3 Forma Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 24 In base alla loro forma i lembi si distinguono in piani (triangolari, quadrangolari, curvilinei, bi-trilobati, ecc) e tubulati, cioè lembi cutanei a distanza bipeduncolati ormai scarsamente utilizzati. 3.4 Movimento A seconda del movimento che esegue il lembo nel passaggio dalla sede di origine alla zona da riparare distinguiamo: lembi di avanzamento, che vengono spostati con movimento rettilineo rispetto al loro peduncolo sfruttando l elasticità cutanea. I lembi di avanzamento sono possibili in tutte quelle zone in cui ci sia un eccesso di cute: essi sono dunque facilmente confezionabili nei bambini e negli anziani, poiché presentano maggiore elasticità e lassità cutanee. Un applicazione dei lembi di avanzamento consiste nel confezionare appositamente il lembo sotto tensione, rilasciandolo in un secondo tempo dopo che la vascolarizzazione del letto ospite ha avuto luogo (lembo 1-2) [21]. lembi di rotazione, usualmente di forma semicircolare, sono disegnati accanto alla zona della perdita di sostanza e spostati con movimento circolare attorno a un punto fisso. La zona donatrice può essere chiusa per approssimazione diretta asportando un triangolo di tessuto, oppure con un innesto. lembi di trasposizione, sono lembi in cui i tessuti nell area adiacente alla perdita di sostanza possono essere fatti scorrere secondo un piano diverso da quello nel quale il difetto è situato. Possono essere spostati scavalcando una zona di tessuto indenne interposta tra l area donatrice e il sito ricevente, oppure passando al di sotto di essa attraverso lo scollamento di un tunnel. E spesso possibile, inoltre, dopo aver trasferito un lembo, chiudere il difetto secondario con un altro lembo di vicinanza, ciò perché una lassità

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede.

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. Sommario

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli