KEYSTONE!PERFORATOR!FLAP!IN!CHIRURGIA! RICOSTRUTTIVA:!EVOLUZIONE!DEI!LEMBI!FASCIOJCUTANEI! AD!ISOLA.!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "KEYSTONE!PERFORATOR!FLAP!IN!CHIRURGIA! RICOSTRUTTIVA:!EVOLUZIONE!DEI!LEMBI!FASCIOJCUTANEI! AD!ISOLA.!"

Transcript

1 FacoltàdiMedicinaeOdontoiatria XXIVCorsodiDottoratodiRicercainDermatologia Anatomia ChirurgiaPlastica CattedradiChirurgiaPlasticaRicostruttivaedEstetica KEYSTONEPERFORATORFLAPINCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA:EVOLUZIONEDEILEMBIFASCIOJCUTANEI ADISOLA.STUDIOANATOMOJFISIOLOGICO, ANALISISTATISTICAEDEVOLUZIONEDELLATECNICA CHIRURGICA. TESI%SPERIMENTALE% Relatore Chiar.moProf.N.Scuderi Correlatore Chiar.moProf.M.Tarallo Candidato Dott.CristianoMonarca Annoaccademico2010/2011

2 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 1 " " Ippocrate (Aforismi, 1, 1)

3 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 2 Sommario 1Introduzione e cenni storici Lembi in chirurgia plastica Classificazione dei lembi Vascolarizzazione Lembi random Lembi assiali (lembi a circolazione nota) Sede di origine Forma Movimento Peduncolo Tessuto Il lembo Keystone e le sue evoluzioni Pianificazione del lembo Tipologie di Keystone flap e varianti Tipo I Tipo IIA (incisione della fascia profonda) Tipo IIB (con split skin graft sul difetto secondario) Tipo III: Keystone doppio Tipo IV: Keystone flap con rotazione Varianti note Block and tackle (paranco) tension suture Keystone flap modificato secondo Moncrieff (SMU modification of Keystone flap) Keystone flap modificato secondo Rao (Fish-mouth fashion Keystone) Principi anatomici Lembi e perforanti Il principio degli angiosomi: Mappe dermatomeriche e angiosomi Linee di tensione cutanee e Keystone flap Analisi fisiologica del Keystone Flap I tre segni maggiori del Keystone flap e la simpatectomia Keystone flap e crescita cellulare Applicazioni cliniche Keystone flap e radioterapia Contributo di ricerca ed evoluzione della tecnica Introduzione Scopo del lavoro Tecnica chirurgica Metodologia Popolazione Materiali Procedura Risultati Analisi descrittive Analisi inferenziale Discussione dei risultati: Considerazioni e limiti dello studio statistico

4 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 3 8.8Conclusioni Bibliografia Appendice fotografica: casi clinici

5 1 Introduzioneecennistorici Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 4 Figura1:tavolaIXdaCarlManchot,Die%Hautarterien%Des%Menschlichen%Korpers(1889).

6 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 5 La Chirurgia dei lembi è una sottospecializzazione della Chirurgia plastica. Molti tipi di lembo sono stati studiati e scolpiti nel corso del tempo con indicazioni anche molto diverse[figura 2: Storia della chirurgia dei lembi - tavola sinottica Figura 2]. Figura 2: Storia della chirurgia dei lembi J tavola sinottica (tratto da Cormack e Lamberty, The arterial Anatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Il termine lembo è nato nel XVI secolo da flappe, parola olandese che significa qualcosa che pende ampia e sciolta, fissata solo da un lato. La storia della Chirurgia dei lembi risale al 600 a.c., quando Sushruta Samita [1] descrisse la ricostruzione nasale utilizzando un lembo di guancia. Alcune altre fonti confermano che interventi chirurgici

7 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 6 utilizzanti i lembi venivano eseguiti anche prima della nascita di Cristo. Nel 1440 circa d.c. in India si conducevano i primi interventi di rinoplastica. Le procedure chirurgiche più antiche contemplavano l'utilizzo di lembi che ruotavano la cute su una zona adiacente. I francesi, che si riunirono a fondare la prima Società Reale dei Chirurghi [2], furono anche i primi a descrivere lembi di avanzamento, i quali trasferiscono la cute da un'area a un altra adiacente senza rotazione. Anche nella letteratura italiana rinascimentale sono riportate notizie sui lembi peduncolati a distanza, in grado di trasferire i tessuti in un sito distante. Il XIX secolo sancì il reale inizio dell epoca della moderna medicina. La successiva evoluzione dei lembi chirurgici, infatti, fu molto influenzata dall invenzione dell anestesia nel Nel 1889 fu pubblicato anche uno studio di Manchot [3] sulle arterie della cute ponendo le basi per una più precisa comprensione della sopravvivenza dei lembi. Nonostante fossero già diffuse le conoscenze scientifiche riguardanti l importanza della vascolarizzazione per la sopravvivenza dei lembi, l utilizzo di consuetudini e principi non corretti era ancora però molto comune. Fu Esser [4] nel 1917 a mostrare con i suoi lembi a isola che la cute al di sopra del peduncolo poteva essere asportata senza compromettere il lembo, purché si conservassero intatti i vasi. Durante le due Guerre Mondiali i lembi peduncolati furono usati estensivamente dai chirurghi per le perdite di sostanza prodotte dalle armi e dai vari ordigni usati nella guerra di trincea. Un ulteriore conquista in questo campo fu compiuta poi tra il 1950 e 1960, quando alcuni chirurghi utilizzarono i primi lembi assiali. Nel 1969, più di venti anni dopo gli studi di Esser, Milton [5] confermò l importanza dei vasi del peduncolo come variabili più importanti nella sopravvivenza dei lembi. Negli Anni Settanta poi fu compiuta una distinzione tra lembi assiali e random (a vascolarizzazione casuale) e lembi muscolari e muscolocutanei. Questo fu un importante passo avanti nella comprensione della chirurgia dei lembi poiché permise

8 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 7 l evoluzione verso la nascita della Chirurgia ricostruttiva mediante i lembi liberi. Nel 1971 altro passo fondamentale per la Chirurgia plastica fu compiuto da Antia e Buch [6] prima e da O Brien e Harii poi. I primi eseguirono il trasferimento di un lembo libero dermo-adiposo rivascolarizzato senza l ausilio di un microscopio, i secondi introdussero l uso del microscopio per le microanastomosi vascolari [7]. Negli anni Ottanta i tipi di tessuto utilizzati sono aumentati in modo significativo con lo sviluppo di lembi fasciocutanei (fascia e cute) più sottili dei lembi muscolari, lembi ossei (osso) e lembi osteocutanei (osso e cute). Il progresso più recente nella Chirurgia dei lembi si è verificato negli anni Novanta con l'introduzione di lembi basati sulle perforanti. Un esempio di questi è il DIEP (deep inferior epigastric perforator), che è ormai diventato procedura standardizzata nella ricostruzione della mammella. Altro esempio di lembo basato sulle perforanti è il Keystone perforator island flap (KPIF) presentato per la prima volta nel 2003 da F. C. Behan. Tale metodica ricostruttiva è sicuramente efficace nelle perdite di sostanza dei tessuti molli dell arto inferiore, e non solo. 2 Lembiinchirurgiaplastica Si definisce lembo il trapianto a distanza di uno o più tessuti, o di una loro porzione, fornito di una vascolarizzazione propria, indipendente dal letto ricevente. Si definisce inoltre peduncolo quella parte del lembo in cui sono contenuti i vasi che ne assicurano il nutrimento. Un lembo di norma viene trasferito da un sito donatore a un sito ricevente [8]. I lembi si basano su alcuni principi rappresentati da:

9 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 8 Utilizzo di aree donatrici in cui vi sia disponibilità di tessuto e nelle quali il deficit residuo al prelievo sia minore del danno da riparare. Autonomia vascolare del tessuto trapiantato: caratteristica fondamentale del lembo è, infatti, una vascolarizzazione propria che può migliorare l irrorazione del distretto ricevente con tutti i vantaggi a essa correlati. Riparazione efficace funzionalmente ed esteticamente. Migliore sfruttamento dell elasticità dei tessuti Possibilità di distribuire su vari vettori le forze di trazione delle suture: questo permette di evitare le complicanze della chiusura sotto tensione delle ferite. Qualora, infatti, la chiusura si esegua con tale modalità, le complicanze possibili possono essere: una cicatrice poco vantaggiosa, una deiscenza della ferita, sino a una necrosi parziale o totale dei lembi cutanei. Questo principio è però parzialmente vero, poiché uno studio su lembi suturati sotto tensione dimostrò tuttavia che le zone di escara della cute sono dovute primariamente alla devascolarizzazione del lembo: lembi con un adeguato apporto sanguigno possono essere collocati sotto tensione senza rischio di sofferenza [22]. Ogni pressione sul lembo dovrebbe essere evitata: medicazioni sopra il lembo non sono necessarie, tant è che il metodo aperto ne consente l osservazione continua del colore, evitando altresì ulteriori pressioni. I lembi sono di solito usati per ricostruire superfici in cui vi sia una vascolarizzazione insufficiente, per ricostruire uno spessore in un distretto corporeo, o ripristinare forma o volumi mancanti. I lembi muscolari, grazie all aumentato apporto ematico, possono fornire una funzione motoria o un mezzo di controllo delle infezioni nella zona ricevente. In uno studio sperimentale, Mathes et al. [9] hanno paragonato i lembi muscolocutanei rispetto a quelli cutanei random per determinare la clearence batterica e la tensione di ossigeno. Un infezione indotta nei cani con 10 7 colonie di Staphylococcus aureus

10 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 9 in un lembo random provocava il 100% di necrosi dei lembi entro 48 ore; al contrario, i lembi muscolocutanei, mostravano una sopravvivenza a lungo termine maggiore. Nello studio si evidenziava come la tensione di ossigeno nella zona distale del lembo random fosse significativamente inferiore a quella distale delle porzioni muscolari e cutanee del lembo muscolocutaneo. Tali dati costituiscono il razionale sotteso all utilizzo dei lembi per le ferite infette. I lembi, secondo il loro movimento, possono essere trasposti o ruotati e la corretta pianificazione del loro trasferimento richiede una precisa tecnica chirurgica per assicurare che linee di maggior tensione, dal punto cardine ( pivot point ) al punto più distante del lembo, non siano tese. 3 Classificazionedeilembi Numerosi e diversi metodi di classificazione sono stati usati per i lembi. Tra gli altri, viene riportato in letteratura il Sistema atomico di classificazione dei lembi [Figura 3], in cui i principali tessuti che possono costituire i lembi sono posizionati al centro dello schema classificativo, come a formare il nucleo di un ideale atomo, mentre le caratteristiche accessorie (ad esempio vascolarizzazione, forma, destinazione) vengono enumerate intorno alla struttura centrale come se fossero gli elettroni dell atomo.

11 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 10 Figura3::Loschemaatomicodiclassificazionegeneraledeilembi(trattodaBlondeel:P.N,MorrisS.F, HallockG.G.,NeliganP.C.,PerforatorFlaps:Anatomy,Technique&ClinicalApplications,QualityMedical PublishingInc.,2005;pag.6;figura1J1) Per semplicità possiamo suddividere i lembi sulla base di: 1. Vascolarizzazione 2. Sede di origine 3. Forma 4. Movimento 5. Tipologia di peduncolo 6. Tipo di tessuto 3.1 Vascolarizzazione La conoscenza dell anatomia vascolare risulta essere fondamentale quando si pianifica un lembo, in quanto esso necessita di un adeguato apporto ematico per sopravvivere ed espletare la sua funzione. La finalità da tenere sempre presente è, quindi, la conservazione della perfusione del lembo per mezzo delle strutture vascolari.

12 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 11 Figura 4: sistema vascolare cutaneo. A rete vascolare cutanea nell animale e nell uomo ; B: vascolarizzazione cutanea da parte del plesso subdermico (tratto da: Converse J.M. et al, Chirurgia plasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:203,fig6j26[10]) La vascolarizzazione della cute presenta tre componenti [11] [Figura 4]: vasi segmentali maggiori provenienti dall aorta: si tratta di grandi vasi provenienti dall aorta e situati al di sotto della massa muscolare; questo albero vascolare si forma durante lo sviluppo dell embrione [Figura 5] lungo il decorso dei nervi periferici sottostanti.

13 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 12 Figura 5: Anatomia vascolare di embrione umano di 5 mm. (tratto da: Converse J.M. et al, Chirurgia plasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:202,fig6j25[10]) vasi perforanti: i vasi perforanti [Figura 4 a] mettono in connessione i sistemi vascolari segmentale e cutaneo, essi provvedono, anche, ad irrorare i muscoli che attraversano. rete vasale e cutanea: con tale nome si intende la struttura vascolare posta al di sopra della fascia profonda. Dopo aver perforato la fascia profonda, le arterie corrono per un tratto variabile entro gli strati più interni della fascia superficiale, alcuni rami nascono da questi vasi per perforare lo strato superficiale della fascia e raggiungere il plesso arterioso sub dermico. Quest ultimo costituisce la maggior fonte di apporto ematico arterioso alla cute ed è una caratteristica di quei soggetti cosiddetti emorragici cutanei che si possono incontrare nella pratica chirurgica [12]. Alcuni rami originano dal plesso sub-dermico per irrorare gli annessi cutanei e terminano in un plesso sito nella parte superficiale dello strato

14 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 13 papillare del derma: da qui anse capillari si dirigono all interno delle papille dermiche. In virtù delle interconnessioni tra le varie reti vasali, ogni area della cute non dipende unicamente dalla più vicina arteria ascendente. Il drenaggio venoso cutaneo comincia sul versante efferente delle anse capillari, il quale è in connessione con sottili spazi rivestiti da endotelio nello strato superficiale del derma papillare. Lo scarico venoso attraversa l intero spessore del derma per svuotarsi infine nel plesso venoso sub-dermico, drenato invece dalle vene segmentali. La circolazione cutanea è assicurata da due sistemi arteriosi [Figura 6]: il sistema muscolo cutaneo e il sistema cutaneo diretto [13]. Figura6:A.diagrammadelsistemacutaneodiretto;B.Diagrammadelsistemamuscolocutaneo(tratto da:conversej.m.etal,chirurgiaplasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:204,fig6.27, 6.28[10]).

15 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 14 Figura 7 schema della vascolarizzazione tramite sistema muscolocutaneo diretto (tratto da Cormack & Lamberty,ThearterialAnatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Le arterie muscolo-cutanee [Figura 7] ricevono il loro apporto ematico da vasi segmentali situati profondamente rispetto al muscolo sottostante, con un vaso perforante che funge da collegamento tra i due. L arteria muscolo- cutanea, posta nel tessuto adiposo sottocutaneo, termina nel plesso sub-dermico irrorando una area superficiale relativamente piccola. Figura 8: Schema della vascolarizzazione cutanea diretta (tratto da Cormack & Lamberty, The arterial Anatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Le arterie cutanee dirette [Figura 8] corrono parallele piuttosto che perpendicolari alla superficie cutanea e giacciono sopra la fascia;

16 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 15 esse sono alimentate dai vasi segmentali tramite le perforanti che attraversano il muscolo. Le arterie cutanee dirette terminano nei plessi dermici sub-dermici e vascolarizzano aree più ampie di superficie cutanea; esse sono accompagnate dalle venae comitantes, in quanto le vene cutanee dirette sono posizionate in posizione sub-dermica. Corso [14] dimostrò modificazioni arteriosclerotiche progressive in questi vasi parallelamente all aumento di età dei pazienti e suggerì cautela nell uso dei lembi lunghi in soggetti oltre la settantina. Partendo da tali presupposti anatomici possiamo suddividere, secondo la classificazione di Mc Gregor e Morgan [15], i lembi in random e a vascolarizzazione assiale Lembi random Si definiscono random i lembi la cui vascolarizzazione non è nota essendo presa casualmente. Utilizzati fin dagli inizi del 900, quando non si conosceva l assetto vascolare del tessuto, nel realizzare tali lembi grande importanza veniva data alle loro dimensioni e forma al fine di garantirne la vitalità. La sopravvivenza del lembo, infatti, dipende dalla perfusione e dallo scarico venoso che sono costanti per le differenti sedi anatomiche. Si preferiva, quindi, ampliare la larghezza della base del lembo cercando di includere in essa il maggior numero di vasi (nelle zone a maggior densità vascolare si potevano scolpire lembi con base più stretta, in quelle a minor densità con base di dimensioni maggiori). Studi su maiali condotti da Milton [18] hanno però dimostrato la fallacia del concetto tradizionale relativo al rapporto lunghezza-larghezza nel progetto di un lembo: è l albero vascolare contenuto e non la larghezza o le dimensioni del peduncolo ad avere importanza critica e a determinarne la sopravvivenza. L unico effetto che si ottiene diminuendo la larghezza è di ridurre la probabilità che il peduncolo contenga un vaso di buon calibro. Altra caratteristica da tenere in considerazione è l orientamento prossimale del peduncolo.

17 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 16 Rientrano in questa classe secondo Mc Gregor e Morgan: lembi di avanzamento, lembi di trasposizione, lembi di rotazione, lembi tubulati e lembi a distanza (questi ultimi due solo quando non presentano struttura assiale) Lembiassiali(lembiacircolazionenota) Si tratta di lembi ricavati da regioni anatomiche con vascolarizzazione conosciuta e costante. Tali lembi contengono almeno un asse vascolare artero-venoso noto. La lunghezza del lembo è in questo caso correlata alla lunghezza del vaso cutaneo diretto più un segmento distale a struttura vascolare di tipo random, nutrito dai plessi dermicosubdermici [15]. Tali lembi si differenziano dai lembi ad isola perché il peduncolo è rivestito da cute, tessuto sottocutaneo e arterie e vene cutanee dirette, uniti insieme a formare un solo elemento. Il peduncolo di un lembo ad isola consiste, invece, nelle sole arteria e vena prive delle altre strutture che le accompagnino. In relazione alla loro composizione tissutale, i lembi assiali possono essere classificati in: Lembi miocutanei: utilizzati inizialmente per la ricostruzione dell arto inferiore, i lembi mio cutanei si basano sulla irrorazione proveniente dai muscoli sottostanti. Sono costituiti da muscolo, fascia profonda, grasso sottocutaneo e cute basati su uno o più peduncoli vascolari. L apporto ematico a questa unità origina dal supporto vascolare del muscolo, raggiunge la cute attraverso vasi perforanti che penetrano nel muscolo, passa attraverso la fascia profonda e quindi si dirama verso il sottocutaneo sovrastante. Questi lembi possono essere ulteriormente classificati secondo la classificazione di Mathes & Nihai in 5 tipologie [Figura 9]: Tipo 1: il muscolo ha un singolo peduncolo vascolare che penetra nel ventre muscolare (es. gastrocnemio, tensore della fascia lata). Tipo 2: il muscolo ha un singolo peduncolo vascolare dominante e diversi peduncoli secondari che però da soli sono insufficienti

18 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 17 ad assicurare, la sopravvivenza del lembo (es. soleo, gracile, temporale, sternocleidomastoideo, ecc.). Tipo 3: il muscolo ha due peduncoli vascolari dominanti, ognuno dei quali può garantire la sopravvivenza del lembo (es. retto dell addome, dentato anteriore). Tipo 4: il muscolo ha peduncoli multipli segmentari di dimensione simile che penetrano nel muscolo in più punti tra l origine e l inserzione (es. sartorio, tibiale anteriore). Tipo 5: il muscolo ha un peduncolo dominante e una serie di peduncoli segmentari che, sono in grado di garantire la sopravvivenza del lembo grazie ad una ricca rete anastomotica all interno del muscolo stesso (es. gran pettorale, gran dorsale). Figura 9: classificazione di Mathes & Nihai (tratta da overview) Lembi fasciocutanei: utilizzati inizialmente per la copertura dell arto inferiore, in questi lembi il prelievo della fascia consente una loro maggiore dimensione rispetto ai cutanei. I lembi fasciocutanei sono costituiti da un unità costituita da fascia profonda, grasso sottocutaneo e cute, basati su uno o più peduncoli vascolari che decorrono nei setti intermuscolari prima di raggiungere la fascia profonda tramite le perforanti. In base alla

19 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 18 vascolarizzazione sono suddivisi secondo Cormack e Lamberty in quattro tipologie più una variante [Figura 10]: Figura 10: classificazione dei lembi faciocutanei secondo Cormack e Lamberty (tratto da Cormack & Lamberty,ThearterialAnatomyofskinflaps,ChurchillLivingstone,1986) Tipo A: corrisponde al lembo fasciocutaneo descritto da Pontèn [16] per la ricostruzione dell arto inferiore. Questo lembo è

20 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 19 dipendente da vasi fasciocutanei [Figura 11] multipli e indipendenti che entrano nella fascia profonda alla base del lembo e sono orientati lungo il suo asse maggiore, paralleli alla direzione predominante del plesso arterioso a livello della fascia profonda. Tale lembo nell arto inferiore è di solito basato prossimalmente e orientato longitudinalmente. Studi clinici [17] hanno dimostrato che esso non presenta lo stesso grado di affidabilità e sicurezza se viene scolpito in obliquo o trasversalmente. I lembi fasciocutanei scolpiti sul margine mediale della gamba sono inoltre più affidabili di quelli scolpiti sulla faccia laterale. Questo è in parte dovuto al maggior calibro delle singole perforanti presenti sulla faccia mediale e in parte alla continuazione dell arteria safena sotto il ginocchio e in parte a causa del maggior flusso della perfusione supplementare muscolocutanea che penetra all interno della base del lembo scolpito nella regione mediale. Figura11:schemadellavascolarizzazionecutaneaattraversoperforantidelsistemafasciocutaneo(tratto dacormack&lamberty,thearterialanatomyofskinflaps,churchilllivingstone,1986) Tipo B: lembo basato su una singola perforante fascio cutanea di moderate dimensioni. Esso può essere usato sia come lembo peduncolato che come lembo libero microvascolare in cui sia incluso tutto il territorio irrorato dalla perforante. Il drenaggio venoso dipende o da un sistema venoso sottocutaneo o da una coppia di vene comitanti, a seconda della localizzazione del lembo e del modo in cui questo viene scolpito. In passato si riteneva che questi vasi facessero parte di un sistema cutaneo

21 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 20 diretto, ma è ormai chiaro che essi emergono lungo i setti intermuscolari e decorrono a livello della fascia profonda Un lembo di tipo B non richiede necessariamente la cute nella sua base; quest ultima può essere infatti rappresentata da tessuto sottocutaneo e fascia profonda incorporante una singola perforante che trasporta il flusso ematico ad un isola cutanea situata ad una certa distanza dalla base del lembo(tipo B modificato). Tipo C: lembo supportato da piccole perforanti multiple che provengono da un arteria profonda localizzata nel setto intermuscolare attraverso il quale tali perforanti passano per raggiungere la fascia profonda. Esso è utilizzato come lembo libero rimuovendo la cute, la fascia e l arteria che lo irrora. Tipo D: lembo consistente in un trasferimento libero di tessuto osteo-mio-fasciocutaneo. Esso è un elaborazione del tipo c in cui il setto fasciale, contenente le perforanti fasciocutanee dirette alla cute sovrastante, viene asportato in continuità con il muscolo e l osso adiacenti che derivano la loro irrorazione dalla stessa arteria Lembi basati sulle perforanti: si basano sull utilizzo delle perforanti dei tre sistemi di vascolarizzazione cutanea finora descritti [Figura 12]. Tali lembi sono costituiti da cute e tessuto sottocutaneo senza fascia e muscolo i cui vasi sono perforanti isolate che, dalla loro arteria di origine, possono passare nel contesto del muscolo o nei setti intermuscolari. Vista la difficoltà classificativa e di definizione di lembi e perforanti, nel 2002 a Gent (Belgio), in occasione del Gent Consensus on Perforator Flap Terminology [19], si è cercato di trovare una nomenclatura per questi lembi universalmente utilizzabile in campo medico. In questa occasione si è trovato, quindi, un accordo riguardante sei definizioni fondamentali relative a perforanti e lembi su esse basati:

22 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 21 Definizione 1: i lembi basati sulle perforanti sono costituiti da cute e tessuto sottocutaneo senza fascia e muscolo, i cui vasi sono perforanti isolate che, dalla loro arteria di origine, possono passare nel contesto del muscolo o nei setti intermuscolari. Definizione 2: una perforante muscolare è un vaso che attraversa il muscolo per rifornire la cute sovrastante. Definizione 3: una perforate settale è un vaso che attraversa solo il setto per raggiungere la cute sovrastante. Definizione 4: un lembo vascolarizzato solo da una perforante muscolare viene chiamato muscle perforator flap. Anche in questo caso gli autori precisano che un lembo contenente una perforante unita a vasi assiali profondi deve essere attribuito a questa classe. Definizione 5: un lembo vascolarizzato solo da una perforante settale viene chiamato septal perforator flap. Definizione 6: un lembo basato sulle perforanti dovrebbe essere denominato in relazione all arteria o ai vasi che lo nutrono e non in relazione al muscolo sottostante. Qualora sia possibile scolpire più di un perforator flap da un solo vaso il nome di ciascun lembo dovrebbe essere basato sulla regione anatomica o sul muscolo. Anche a quest ultima definizione segue una precisazione sul fatto che termini quali thin, perforator based, cutaneous island non andrebbero utilizzati insieme a perforator flap. I lembi basati sulle perforanti, permettendo di evitare la dissezione di muscoli, nervi e fasce profonde, riducono la morbilità del sito donatore. Le perforanti, possono essere distinte in [Figura 12 (1), (2), (3)]: dirette (3): perforanti soltanto la fascia profonda indirette muscolari o mio-cutanee (1): passanti attraverso il muscolo e perforanti lo strato esterno della fascia profonda per poi giungere alla cute sovrastante

23 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 22 indirette settali o settocutanee (2): in cui i vasi passano solo attraverso un setto per poi perforare lo strato esterno della fascia profonda e così rifornire la cute sovrastante. Figura12:immaginesemplificatadeirisultatidel Gent ConsensusonPerforatorFlapTerminologyincui vengonoridotteatreletipologiedivasiperforanti:(1)perforantiindirettemuscolariomiocutanee,(2) perforantiindirettesettaliosettocutanee,(3)perforantidirette Una classificazione alternativa a quelle precedenti, basata sempre sulla vascolarizzazione, fu proposta da Daniel e Williams [13]. I tre tipi principali di lembo erano: lembi cutanei: lembi mancanti di un apporto vascolare specifico ( lembo random secondo Mc Gregor). Tali lembi sono irrorati dalle arterie muscolo-cutanee situate nel peduncolo del lembo e connesse ai plessi dermico-sub-epidermici; essi sono soggetti a limitazioni di lunghezza nel loro disegno e l autonomizzazione è spesso indicata. Molta cura deve essere posta nel sollevarli al fine di evitare il danneggiamento dell importante plesso sub-dermico. lembi arterializzati: contengono almeno un arteria cutanea diretta specifica posta lungo il loro asse longitudinale. Dato che quest ultima giace nello strato sottocutaneo subito al di sopra della fascia muscolare, nello spessore del lembo dovrebbero essere compresi il grasso sottocutaneo e la fascia profonda (ad esempio la fascia pettorale nel lembo delto-pettorale). lembi ad isola: sono simili ai lembi a struttura assiale per disegno e distribuzione topografica e per questo ne rappresentano una

24 Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 23 variante. Essi hanno un peduncolo privo di cute, sostituito dalle sole arterie e vene cutanee dirette; tali lembi sopravvivono almeno quanto i lembi a peduncolo cutaneo contenente vasi segmentali [20]. La trasformazione di un lembo arterializzato in un lembo ad isola non ne riduce la sopravvivenza [13]. Figura13:Classificazionedeilembicutaneisullabasedelloroapportovascolaretrattoda:ConverseJ.M. etal,chirurgiaplasticaricostruttiva(volume1);piccin;padova.1987;1:205,fig6.29[10]) 3.2 Sedediorigine In base alla sede di origine distinguiamo lembi di vicinanza (provenienti da sedi in continuità anatomica con quella da riparare) e lembi a distanza (provenienti da zone anatomicamente non adiacenti a quella da riparare). La possibilità di utilizzare un lembo di vicinanza è legata alla quantità di tessuto vicino alla perdita di sostanza. Il vantaggio lembi di vicinanza risiede nel fatto che essi permettono di effettuare interventi in un solo tempo operatorio ottenendo della cute di qualità molto simile a quella dell area trattata, mentre quelli a distanza apportano tessuto cutaneo di qualità diversa. I lembi microchirurgici rientrano tra i lembi a distanza, mentre il Lembo Keystone appartiene ai lembi di vicinanza.

25 3.3 Forma Keystoneperforatorislandflap CristianoMonarca 24 In base alla loro forma i lembi si distinguono in piani (triangolari, quadrangolari, curvilinei, bi-trilobati, ecc) e tubulati, cioè lembi cutanei a distanza bipeduncolati ormai scarsamente utilizzati. 3.4 Movimento A seconda del movimento che esegue il lembo nel passaggio dalla sede di origine alla zona da riparare distinguiamo: lembi di avanzamento, che vengono spostati con movimento rettilineo rispetto al loro peduncolo sfruttando l elasticità cutanea. I lembi di avanzamento sono possibili in tutte quelle zone in cui ci sia un eccesso di cute: essi sono dunque facilmente confezionabili nei bambini e negli anziani, poiché presentano maggiore elasticità e lassità cutanee. Un applicazione dei lembi di avanzamento consiste nel confezionare appositamente il lembo sotto tensione, rilasciandolo in un secondo tempo dopo che la vascolarizzazione del letto ospite ha avuto luogo (lembo 1-2) [21]. lembi di rotazione, usualmente di forma semicircolare, sono disegnati accanto alla zona della perdita di sostanza e spostati con movimento circolare attorno a un punto fisso. La zona donatrice può essere chiusa per approssimazione diretta asportando un triangolo di tessuto, oppure con un innesto. lembi di trasposizione, sono lembi in cui i tessuti nell area adiacente alla perdita di sostanza possono essere fatti scorrere secondo un piano diverso da quello nel quale il difetto è situato. Possono essere spostati scavalcando una zona di tessuto indenne interposta tra l area donatrice e il sito ricevente, oppure passando al di sotto di essa attraverso lo scollamento di un tunnel. E spesso possibile, inoltre, dopo aver trasferito un lembo, chiudere il difetto secondario con un altro lembo di vicinanza, ciò perché una lassità

Risultati. Discussione

Risultati. Discussione Negli ultimi 8 anni nel nostro dipartimento abbiamo trattato circa 200 schisi del mascellare con il metodo tradizionale già descritto nei precedenti articoli. Dal 1966 abbiamo seguito la teoria di Skoog,

Dettagli

Luca Guarda Nardini LA CHIRURGIA DEI TUMORI CUTANEI DEL VOLTO E LA RICOSTRUZIONE MEDIANTE LEMBI DI VICINANZA

Luca Guarda Nardini LA CHIRURGIA DEI TUMORI CUTANEI DEL VOLTO E LA RICOSTRUZIONE MEDIANTE LEMBI DI VICINANZA Luca Guarda Nardini LA CHIRURGIA DEI TUMORI CUTANEI DEL VOLTO E LA RICOSTRUZIONE MEDIANTE LEMBI DI VICINANZA Scopo dello studio Revisione delle principali e più affidabili tecniche usate nella ricostruzione

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004 LA CHIRURGIA PLASTICA DELLE ULCERE DIFFICILI: LE LESIONI DA DECUBITO Dott. Pasquale Ziccardi U.O. di Chirurgia Plastica -Fondazione S. Maugeri-IRCCS Istituto di Telese Terme (BN) III Corso avanzato di

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

Puros Blocchi per Alloinnesti

Puros Blocchi per Alloinnesti Rivoluzionare il concetto Puros Blocchi per Alloinnesti di innesto a blocco. Rigenerazione ossea di successo documentata Puros, Blocchi per Alloinnesti, Tecnica Chirurgica 1 Selezione del paziente: Accertare

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE

ARCHI VOLTE-PIATTABANDE ARCHI VOLTE-PIATTABANDE L ARCO, LA VOLTA E LA PIATTABANDA sono stati molto utilizzati nelle opere architettoniche ed edilizie del passato. Oggi è frequente trovarli nelle ristrutturazioni edilizie e nei

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONE DI LETTI RECETTORI PER INNESTI DI EPITELIO ESEGUITE SU TESSUTI DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI

Dettagli

Trapianto di unità follicolari via strip vs. Follicular Unit Extraction

Trapianto di unità follicolari via strip vs. Follicular Unit Extraction Trapianto di unità follicolari via strip vs. Follicular Unit Extraction Nel trapianto di unità follicolari, queste ultime possono essere estratte in due modi. Via strip mediante la dissezione microchirurgica

Dettagli

Ricostruzione del seno

Ricostruzione del seno Ricostruzione del seno Le donne che hanno perso uno o entrambi i seni a causa del cancro possono desiderare di ricostruirli. Tale operazione può essere effettuata contemporaneamente alla rimozione del

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE Vers. Tratt. Database: 230 Copyright Copyright 01/01/2012 Lorenz Lifetech s.r.l. ... 2 Guida introduttiva... 3 Protocolli applicativi... 4 Criteri di esclusione... 5

Dettagli

Fig. 75: Istologia a sei mesi di un sito innestsato con innesto a blocco senza copertura dell innesto con membrana. La porzione crestale dell area vestibolare dell innesto a blocco ha subito un sostanziale

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

Reconstruction Ricostruzione immediata o differita Possono essere sottoposti a ricostruzione gli esiti dei seguenti interventi

Reconstruction Ricostruzione immediata o differita Possono essere sottoposti a ricostruzione gli esiti dei seguenti interventi In presenza di una neoformazione maligna della mammella e spesso anche quando c'è un forte rischio che si sviluppi un tumore vengono eseguiti interventi demolitivi di vario tipo, in rapporto allo sviluppo

Dettagli

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Lesioni frequenti ed esigenti dal punto di vista chirurgico gravate in passato da risultati funzionali talvolta modesti La prognosi oggi è notevolmente migliorata

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

I principi parodontali fondamentali per il protesista

I principi parodontali fondamentali per il protesista I principi parodontali fondamentali per il protesista Relatore Dott. Roberto Pontoriero Controrelatore Dott. Attilio Bedendo La relazione descrive i principi parodontali che sono alla base del posizionamento

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI FERITE PULIZIA e DISINFEZIONE Lavare la ferita: lavare con acqua corrente per

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

1 In alcune donne, in seguito a gravidanze o a forti dimagrimenti la cute ed i muscoli dell'addome diventano flaccidi.

1 In alcune donne, in seguito a gravidanze o a forti dimagrimenti la cute ed i muscoli dell'addome diventano flaccidi. ddominoplastica 1 ADDOMINOPLASTICA L'addominoplastica è un procedimento chirurgico sull'addome che si propone di rimuovere l'eccesso di cute e grasso, rinforzare i muscoli, ed eliminare o migliorare l'aspetto

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi MU_1 S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli CdL Architettura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica

Domande relative alla specializzazione in: Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica Domande relative alla specializzazione in: Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica Domanda #1 (codice domanda: n.522) : La formula di Parkland: A: si riferisce alla quantità di fluidi da somministrare

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

I traumi rappresentano in Italia:

I traumi rappresentano in Italia: Immobilizzare perché: L intervento di immobilizzazione ha lo scopo di: limitare i movimenti dei monconi ossei fratturati durante le manovre di mobilizzazione e trasporto del paziente di ridurre le possibilità

Dettagli

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o A A 2 0 11-2 0 1 2 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D A A 2 0 1 2-2 0 1 3 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore iquaderni della iriabilitazione manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico L implantologia dentale osteointegrata è diventata in questo ultimo ventennio discriminante nella formulazione del Piano di Trattamento

Dettagli

endodermal la soluzione che cercavi.

endodermal la soluzione che cercavi. endodermal la soluzione che cercavi. Scopri tutte le novità Esclusiva endodermal la soluzione che cercavi di serie Vacum Radiofrequenza Ultrasuoni Elettroporazione Musicoterapia (Relax) in aggiunta Multipla

Dettagli

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz IL MASSAGGIO www.fisiokinesiterapia.biz STORIA Cina e India 1800 a. C. nei testi riguardanti i Ching e la medicina Ayurvedica Trattati medici egizi e persiani In grecia e poi a Roma, utilizzato in ambito

Dettagli

NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE. Massimo Tonietto D.O.

NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE. Massimo Tonietto D.O. NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE Massimo Tonietto D.O. L'INNERVAZIONE DEL RENE I NERVI DEL RENE Le fibre nervose dirette al rene provengono dai nervi splancnici piccolo e inferiore, derivanti

Dettagli

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO La Sindrome dell EGRESSO TORACICO Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO Introduzione La Sindrome dell Egresso Toracico è una patologia che deriva dalla compressione di strutture nervose

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2

Adriano Castagnone Domenico Leone. Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 Adriano Castagnone Domenico Leone Strutture prefabbricate: proposte di miglioramento antisismico Parte 2 2 Adriano Castagnone Ingegnere libero professionista dal 1978, si occupa di calcolo strutturale

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Coordinatrice Stefania Laici Infermiere Strumentista Francesco Paniccià Infermiere Strumentista Riccardo Finucci Asur Marche Z.T. n8 Civitanova

Dettagli

NERVO ALVEOLARE INFERIORE

NERVO ALVEOLARE INFERIORE NERVO INFRAORBITARIO Tramite la fessura orbitaria inferiore penetra nell orbita e ne percorre il pavimento attraverso la doccia ossea omonima che si continua nel canale infraorbitario; questo termina nel

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

MA...CI SONO TRATTAMENTI CONSERVATIVI CHE DANNO ESITI ESTETICI CHE SONO PEGGIORI UNA MASTECTOMIA

MA...CI SONO TRATTAMENTI CONSERVATIVI CHE DANNO ESITI ESTETICI CHE SONO PEGGIORI UNA MASTECTOMIA I PICCOLI TUMORI SONO CURABILI CON TRATTAMENTI CONSERVATIVI E IN ITALIA GLI INDICATORI RELATIVI SONO BUONI PER TUTTI MA...CI SONO TRATTAMENTI CONSERVATIVI CHE DANNO ESITI ESTETICI CHE SONO PEGGIORI UNA

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Motorino elettrico fatto in casa

Motorino elettrico fatto in casa Realiz zato da Giovanni Gerardi VA P.N.I. a.s. 2010-11 Motorino elettrico fatto in casa Premesse. In una lezione di fisica verso metà marzo la professoressa di matematica e fisica Maria Gruarin ha introdotto

Dettagli

Lifting del seno con protesi

Lifting del seno con protesi Lifting del seno con protesi I seni di una donna aiutano a definire la sua femminilità e il suo individualismo, ma come altre zone del corpo, subiscono cambiamenti dovuti al processo di invecchiamento,

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA VENOSO

ANATOMIA DEL SISTEMA VENOSO Ospedale S.Spirito Casale M.to SOC CHIRURGIA Direttore Dr. R. Durando ANATOMIA DEL SISTEMA VENOSO Dr. G. Servente 26/04/2012 1 A adattamento al volume di sangue B presenza di valvole (flusso unidirezionale)

Dettagli

Il tumore della mammella

Il tumore della mammella Il tumore della mammella LA RIABILITAZIONE Deborah Ferro 17 gennaio 2014 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE ULSS7 Direttore Dott.ssa FRANCESCA GATTINONI Emanue la Farina fisioterapist e IL RUOLO DELLA RIABILITAZIONE

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale.

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Funzioni della colonna vertebrale Stabilità La colonna vertebrale umana costituisce l asse mobile

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

AUTOMATION FOR OVERHEAD DOOR ANTI SHEARING & FALL. Titolo L' Alzabasculante Universale esente da rischi di cesoiamento.

AUTOMATION FOR OVERHEAD DOOR ANTI SHEARING & FALL. Titolo L' Alzabasculante Universale esente da rischi di cesoiamento. AUTOMATION FOR OVERHEAD DOOR ANTI SHEARING & FALL Titolo L' Alzabasculante Universale esente da rischi di cesoiamento. Riassunto : Breve descrizione della macchina o del procedimento che si intende tutelare;

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Campi magnetici. in terapia fisica

Campi magnetici. in terapia fisica Campi magnetici in terapia fisica I Campi Magnetici Pulsanti propriamente detti (cioè i CMP dotati di opportune ed efficaci caratteristiche in termini di dose, frequenza, modalità di emissione, modalità

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

prodotti per la rigenerazione tissutale

prodotti per la rigenerazione tissutale procedure per L UTILIZZO DEI prodotti per LA RIGENERAZIONE TISSUTALE line prodotti per la rigenerazione tissutale Sostituto Osseo Sintetico Membrana Riassorbibile Naturale TM TM TM Granuli Putty Membrane

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli

Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite. Medicina Estetica. esempi di terapia. 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia

Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite. Medicina Estetica. esempi di terapia. 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite esempi di terapia Medicina Estetica 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia Dovete naturalmente dare a questa possibilità un valore del tutto relativo,

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia 73 CASI CLINICI Sono stati scelti tre casi clinici di riabilitazione impianto protesica postestrattiva. Due casi sono esempi didattici per dimostrare come spesso sia possibile risolvere situazioni di grave

Dettagli

Tecnica chirurgica. Sistema di ancoraggio osseo ortodontico (OBA). Impianti per il movimento ortodontico dei denti.

Tecnica chirurgica. Sistema di ancoraggio osseo ortodontico (OBA). Impianti per il movimento ortodontico dei denti. Tecnica chirurgica Sistema di ancoraggio osseo ortodontico (OBA). Impianti per il movimento ortodontico dei denti. Sommario Introduzione Sistema di ancoraggio osseo ortodontico (OBA) 2 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli