Relazione del Consiglio Direttivo. Assemblea generale. 9 Maggio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione del Consiglio Direttivo. Assemblea generale. 9 Maggio 2013"

Transcript

1 Relazione del Consiglio Direttivo Assemblea generale 9 Maggio /18

2 INDICE Premessa 3 MISSION 4 ORGANIGRAMMA 5 STRUTTURA ORGANIZZATIVA 6 Ufficio Progetti 7 Ufficio Sostegni a Distanza 15 Ufficio Comunicazione e Relazioni Esterne 17 Conclusioni 19 2/18

3 Premessa Quest anno vorrei iniziare questa mia relazione rendendovi partecipi che nel 2012 è stato elaborato un Piano Strategico dal titolo Partecipare attivamente al cambiamento e partendo da questo titolo vorrei fare alcune considerazioni proprio sul cambiamento. Questa parola è stata spesso usata nelle nostre Relazioni annuali per l Assemblea dei Soci e forse vi chiederete ma questo cambiamento non è ancora avvenuto? Quanto è lunga la strada che porta al cambiamento? Cercherò allora di rispondere a questo interrogativo citando qualche aforisma, che ho trovato a proposito di questa parola: "Cercare di cambiare le abitudini delle persone e il loro modo di pensare è come scrivere nella neve durante una tormenta. Ogni 20 minuti dovete ricominciare tutto da capo. Solo con una ripetizione costante riuscirete a creare il cambiamento" "Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile" Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere. C'è sempre una strada migliore il tuo scopo è trovarla Il significato di ognuno di questi aforismi potrebbe adattarsi al tentativo di cambiamento che abbiamo messo in opera in questi ultimi anni, sia sul piano operativo sia all interno del nostro staff. Certo il periodo storico che stiamo vivendo non ci ha agevolato nel cambiamento, ma per contro ci ha esortato a cambiare ed io spero veramente che questa pur breve relazione che vi presenterò come Relazione finale delle attività svolte nel 2012, ve ne possa dare testimonianza. Non voglio essere troppo prolissa e spiegarvi ancora una volta quello che è sotto gli occhi di tutti, non voglio parlarvi nuovamente delle difficoltà economiche che affliggono non solo il nostro settore, ma voglio farvi partecipi di quanto di positivo siamo riusciti a fare nel 2012 e quindi darò seguito a un riassunto sulle attività che abbiamo messo in atto nei singoli settori, non prima di avere però sottolineato un cambiamento veramente importante avvenuto nel 2012: il trasloco della nostra Sede Operativa da Como a Saronno. Un cambiamento dovuto non solo a ragioni economiche (la sede di Como era troppo grande e costosa) ma dovuto anche al desiderio di dare una svolta, quasi un nuovo inizio alle nostre attività, un giro di boa con cui speriamo di avere nuova linfa, di farci conoscere anche in ambienti diversi, per poter acquisire sempre più sostenitori che apprezzino il nostro lavoro. 3/18

4 MISSION Garantire ai bambini, in ogni parte del mondo, uguaglianza di Diritti, opportunità e dignità, indipendentemente dalla loro etnia, religione e appartenenza socio-culturale, e combattere la povertà, discriminazione e ingiustizie sociali per costruire un mondo più giusto, dove sia garantita dignità, eguaglianza di diritti e opportunità a favore di un equo sviluppo di tutti i Popoli. Il Sole Onlus è presente, oltre che in Italia, in Benin, Burkina Faso, Etiopia e India, dove collabora con Partner locali, prevalentemente Organizzazioni non Governative (ONG) selezionate in base alla loro affidabilità ed autorevolezza e promuove l incontro e la collaborazione, la Cooperazione allo sviluppo, come strumento di alleanza nel pieno rispetto delle proprie autonomie religiose, culturali e politiche. 4/18

5 ORGANIGRAMMA Oggi Il Sole Onlus è guidato da un Consiglio Direttivo e sostenuto dai soci. Si avvale della preziosa collaborazione di circa 30 volontari attivi. La sede operativa italiana dell Associazione è a Saronno in Viale Rimembranze 45. La Sede Legale è a Como presso lo Studio della Dottoressa Trombetta- Via Giovane Italia, 3 Assemblea dei Soci Consiglio Direttivo Ornella Lavezzoli - Presidente Diego Roncoroni - Vicepresidente Giovanna Alberani Tesoriere Alvise Orlandini Giorgio Cafarelli Tiziana Arzenton Maria Spinelli Direzione Vittorio Villa Amministrazione Vincenzo Giogà Sostegni a distanza Francesca Pozzi Progetti Vittorio Villa Fabio Ronchetti Relazioni esterne e comunicazione Francesca Pozzi Greta Pini Volontari interni Enza Fragolino Alessandra Castelli Silvia Luglio Valentina Mancino Volontari esterni Chiara Ottoboni Anita Borrini Donatella Pellegrino (sede Marsala) Salvatore Inguì (sede Marsala) Alessandro Parrinello (sede Marsala) Sofia Pasqua (sede Torino) Salvatore Cambria (sede Torino) Antonia Santin (sede Jesolo) Segreteria Alessia Bellini Sede Operativa di Saronno Sportello di Como Sportello di Marsala Sportello di Torino Sportello di Jesolo 5/18

6 STRUTTURA ORGANIZZATIVA Assemblea dei soci L assemblea è composta da tutti gli aderenti all associazione ed è l organo sovrano dell associazione stessa. Consiglio Direttivo o Azione consultiva e di orientamento alla programmazione Struttura operativa o Direzione, con compiti di coordinamento, formazione, innovazione, gestione delle risorse umane, rapporti istituzionali o Amministrazione, con compiti atti a garantire una corretta gestione contabile e finanziaria assicurando l uniformità delle procedure amministrative. Deve pianificare, supervisionare e fare una reportistica periodica al fine di espletare tutte le funzioni della contabilità. Si avvale per la compilazione del Bilancio della collaborazione della Dottoressa Trombetta ed il Bilancio verrà poi certificato dalla Dott.ssa Antonelli e per quanto riguarda l elaborazione di Paghe e Contributi dell Ufficio De Meo. o Adozioni a distanza e Ufficio Progetti deve attuare le strategie della Direzione e del Consiglio Direttivo e gestire in autonomia l ufficio adozioni a distanza. o Relazioni esterne e comunicazione: impostare un corretto flusso di comunicazioni all esterno e all interno dell associazione o Segreteria: supportare operativamente le esigenze dei singoli uffici Il Sole Onlus fa parte di: COLOMBA: Associazione delle Organizzazione di cooperazione e solidarietà sociale della Lombardia CSV- Como: Centro Servizi per il Volontariato Registro Provinciale dell Associazionismo Rete Rosa (Associazione del Comune di Saronno) Il Sole Onlus ha sottoscritto: La Carta dei Principi Le linee guida per il SAD dell Agenzia delle Onlus Inoltre, Il Sole Onlus è organizzazione riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri con decreto N. D.M. n.2005/337/000951/6 del 09/02/2005 ed è quindi una ONG. 6/18

7 Progetti 2012 Titolo e localizzazione Casa delle donne di Naponè Koumléla Finanziatore: Chiesa Valdese, Fondazione San Zeno Durata prevista: 18 mesi Conclusione: Aprile 2013 Burkina Faso Il Progetto vuole contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della donna della comunità di Koumlèla Naponé attraverso la realizzazione di attività di formazione professionale e il sostegno per l avvio di attività generatrici di reddito. Beneficiari I destinatari diretti del progetto sono le donne e i bambini della comunità di Koumlèla Naponé che possono beneficiare di migliori condizioni economiche favorite dall avvio di attività imprenditoriali presso le donne del villaggio. Beneficiari diretti del progetto, inoltre, sono tutti gli abitanti di Koumlèla Naponé che possono beneficiare di un punto d acqua vicino al villaggio e, conseguentemente, di migliori condizioni igienico sanitarie. Il numero stimato di beneficiari diretti è di circa persone con particolare attenzione per i gruppi più vulnerabili di donne e bambini. Beneficiano indirettamente del progetto le comunità dei villaggi circostanti, ( Persone), che possono usufruire: Di un punto d acqua vicino alle loro comunità Di un centro di formazione per donne che in futuro potrà offrire corsi e momenti di facilitazione anche per le donne appartenenti alla loro comunità Attività Le attività realizzate sono le seguenti: Realizzazione di un punto d acqua nel villaggio di Koumlèla Naponé Animazione comunitaria per la sensibilizzazione sull uso punto d acqua Costruzione di un Centro di formazione per le donne di Koumlèla Naponé e avvio dei corsi di formazione Avvio di corsi di formazione in tintura di tessuti e fabbricazione di sapone. Erogazione del credito e avvio delle attività generatrici di reddito Risultati Competenze professionali delle donne del villaggio di Koumlèla Naponé migliorate Capacità di gestione di microattività imprenditoriali da parte delle donne incrementata Accesso all'acqua migliorato 7/18

8 Titolo e localizzazione Fiori che rinascono Finanziatori: Chiesa Valdese, SDL Foundation, Street Spirits, SAD Fiori Durata prevista: 12 mesi Conclusione: Il progetto si rinnova di anno in anno Etiopia Il progetto Fiori che Rinascono si pone come obiettivo generale quello di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei minori vittime di abuso sessuale nella città di Addis Abeba, Etiopia. In quest ottica l obiettivo specifico del progetto è di collaborare alla prevenzione e cura dell abuso sessuale sui bambini della città, attraverso un sistema di educazione delle comunità, protezione e riabilitazione del minore vittima di stupro e abuso sessuale. Beneficiari I beneficiari diretti sono circa 200 bambini/adolescenti vittime di abuso sessuale, provenienti da ambienti famigliari non protetti o a bassissimo reddito; beneficiano direttamente del progetto anche le famiglie di appartenenza (qualora presenti e non colpevoli), le comunità locali di appartenenza, tutto il personale locale impiegato nel progetto. Beneficiari indiretti sono i rappresentanti di tutta la società civile che usufruiscono dell attività di sensibilizzazione in materia di promozione, tutela e difesa dei diritti dei minori. Si considerano tra i beneficiari indiretti, le seguenti categorie: 1500 individui appartenenti alle famiglie dei minori vittime I membri della Comunità che svolgono il compito di animatori ed educatori Il personale locale impiegato nel progetto che usufruisce della formazione da parte di esperti internazionali Attività Gestione di un Centro di Accoglienza e Consultorio e di 3 Case Famiglia Selezione dei minori vittime beneficiari dei servizi offerti dal centro Consolidamento del network tra gli attori istituzionali coinvolti nel progetto Formazione di personale qualificato da parte di esperti internazionali Assistenza sanitaria garantita al minore vittima da parte di istituzioni sanitarie convenzionate con il Centro Realizzazione di visite a scuola Organizzazione, gestione e realizzazione di laboratori permanenti di teatro, musica, fotografia e video. Sensibilizzazione in materia di promozione, tutela e difesa dei diritti del Bambino Realizzazione di una ricerca scientifica sul profilo socioeconomico del minore vittima Realizzazione di un video documentario sul tema della violenza sessuale contro i minori Risultati Qualità dei servizi di riabilitazione, servizi sociosanitari, servizi legali e di assistenza psicologica a favore delle vittime migliorati Processo di reintegrazione sociale dei minori vittime avviato attraverso un miglioramento della percezione di sé da parte del 8/18

9 minore stesso Competenze professionali degli attori coinvolti e anche dei minori vittima migliorate Promozione, tutela, difesa, dei diritti dei minori e prevenzione dell abuso sui minori potenziata Titolo e localizzazione La casa delle donne di Toucountouna Finanziatori: Chiesa Valdese, Comune di Como Durata prevista: 18 mesi Conclusione: Il progetto si conclude in aprile 2013 Benin L intervento nasce dal desiderio di dare una risposta completa, integrata e sostenibile al problema della sicurezza alimentare e dell esclusione della donna dai processi produttivi, individuate nell area rurale di Toucountouna. Beneficiari I destinatari del progetto sono gli abitanti della comunità di Toucoutouna che possono contare su un livello più elevato di sicurezza alimentare interna e possono valorizzare prodotti tipici locali attraverso formazioni specifiche. All interno delle comunità di Toucountouna è favorito l empowerment femminile attraverso attività formative e di microcredito indirizzate ad esse, potenziando altresì la struttura cooperativistica dei Raggruppamenti di donne e dei Raggruppamenti di Uomini delle comunità di Toucountouna che sono intervenute nel progetto insieme alla controparte locale. Beneficiari diretti: l intera comunità individuata per il progetto per un totale di persone. Fra di essi i gruppi che maggiormente 9/18

10 hanno beneficiato dei risultati previsti dal progetto sono quelli al momento più vulnerabili ovvero: Donne Bambini Anziani Beneficiari indiretti: sono le persone circa rappresentati da: Le comunità circostanti il villaggio individuato per il progetto soprattutto per quanto riguarda l ingresso sul mercato dei prodotti provenienti dalle attività di microcredito Le Istituzioni locali e regionali del Benin che hanno beneficiato dell attivazione di servizi di base all interno della comunità di Toucountouna e Natitingou e della loro responsabilizzazione rispetto alla gestione dei beni pubblici Attività Riabilitazione del Centro di formazione per donne di Natitingou Avvio di corsi di formazione legati alle attività di commercio scelte e microcredito Costruzione del mulino Individuazione del gruppo responsabile per la gestione del mulino e la sua manutenzione ordinaria Risultati Gestione comunitaria di attività volte alla produzione e commercializzazione di prodotti artigianali lavorati dalle donne. Incremento delle attività economico-commerciali dei cittadini delle comunità individuate dal progetto Titolo e localizzazione Sogni da riaccendere Finanziatori: Fondazione Prima Spes Durata prevista: 12 mesi Conclusione: Aprile 2013 Attualmente il progetto è in istruttoria presso diversi finanziatori Benin Il progetto Sogni da riaccendere, si pone come obiettivo generale quello di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei bambini vittime di abusi sessuali nella città di Cotonou, Benin. In quest ottica l obiettivo specifico del progetto è di contribuire al processo di riabilitazione, protezione e prevenzione del bambino vittima di stupro e abuso sessuale nella città di Cotonou. Beneficiari Il progetto vuole contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei bambini della città di Cotonou, occupandosi specificamente dei minori che si trovano in condizione di particolare vulnerabilità perché vittime di abuso sessuale o stupro. Si tratta quindi di una categoria di beneficiari particolarmente bisognosi di cure e di interventi di qualità, adattati alla loro particolare situazione e basati su un analisi caso per caso. La natura stessa del male subito e la specificità dei servizi offerti al bambino, richiedono un percorso terapeutico particolarmente articolato e impossibile da standardizzare dal momento che le caratteristiche e i tempi dell intervento devono necessariamente adattarsi alla situazione individuale. 10/18

11 Attività Consolidamento del network tra gli attori istituzionali coinvolti nel progetto gestione di un Centro di Ascolto Selezione dei minori vittime beneficiari dei servizi offerti dal centro di Ascolto Assistenza indirizzata al minore vittima da parte del personale del Centro Formazione professionale delle vittime di violenza sessuale gestione di una Casa Famiglia per ragazze madri, vittime di violenza sessuale Realizzazione di visite a scuola Formazione di personale qualificato da parte di esperti internazionali Sensibilizzazione in materia di promozione, tutela e difesa dei diritti del Bambino Risultati Qualità e quantità dei servizi di riabilitazione, servizi sociosanitari, servizi di assistenza psicologica, servizi di inserimento sociale e lavorativo a favore delle vittime migliorati Competenze professionali degli operatori coinvolti nel progetto migliorate Promozione, tutela, difesa, dei diritti dei minori e prevenzione dell abuso sui minori potenziata in Benin e in Italia Titolo e localizzazione La parola ai Giovani Finanziatori: Nando Peretti Foundation Durata prevista: 12 mesi Conclusione: il progetto si concluderà a dicembre 2013 Italia Attraverso il progetto La parola ai Giovani, si vuole dare la possibilità ai giovani coinvolti di aprirsi al mondo, di allargare le proprie conoscenze concedendo loro opportunità alternative all unico modello di vita conosciuto. In linea con questo precetto, il progetto vuole creare un ponte tra giovani italiani e tra giovani di diverse nazionalità, attraverso la conoscenza diretta e indiretta. Beneficiari Beneficiari diretti del progetto: N 40 bambini/ragazzi a rischio del quartiere di Scampia Il quartiere di Scampia di Napoli presenta un alta percentuale di dispersione e abbandono scolastico dovuta in gran parte alla carenza di cultura dell importanza dell educazione. Beneficiari indiretti del progetto: famiglie scuola - comunità locale L attività di progetto che, grazie alle rinnovate struttura a essi assegnate, rappresenta una delle pochissime occasioni per ricevere istruzione e formazione al lavoro per tutti quei ragazzi che hanno abbandonato il ciclo di studi, e di socializzazione per quelli che non riescono a essere seguiti dalle proprie famiglie, si presenta dunque quale strumento concreto ed efficace (oltre che fortemente simbolico) per promuovere un autentico riscatto di tutti i cittadini di Scampia. Attività Accompagnamento scolastico per il conseguimento del diploma di scuola secondaria inferiore per minori che hanno 11/18

12 abbandonato la scuola dell obbligo Sostegno scolastico attraverso l organizzazione di un servizio di dopo scuola Attività di aggregazione attraverso l organizzazione di momenti di sport non competitivo, giochi di squadra, ludoteca Sostegno alla socializzazione dei ragazzi nel quartiere attraverso l organizzazione di laboratori di manipolazione ed espressivi, proiezioni di film, uscite formative e partecipazione a manifestazioni di quartiere Risultati Sensibilizzazione relativa alla cittadinanza attiva da parte dei cittadini del quartiere di Scampia migliorata Conoscenza del territorio da parte dei beneficiari migliorata Capacità espressive dei beneficiari migliorate Risultati scolastici dei beneficiari migliorati Percorso educativo con le famiglie realizzato Titolo e localizzazione (Dis)Integriamoli N.B. Il Capofila del Progetto è Solidalia, Il Sole Onlus ne è partner Finanziatori: Chiese Valdese Durata prevista: Conclusione: Dicembre 2013 Italia Obiettivi L obiettivo generale del progetto è contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei minori stranieri non accompagnati. L obiettivo specifico è di contribuire al processo di accoglienza e integrazione dei minori non accompagnati sul territorio del comune di Marsala. Attraverso un percorso di accoglienza di primo livello, basato sulla soddisfazione di bisogni primari (residenza, nutrizione, salute) e di secondo livello (alfabetizzazione, orientamento, corsi professionali) si vuole dare la possibilità ai minori non accompagnati di (ri)- costruirsi una vita dignitosa. Una vita che non senta negato il diritto all Infanzia. Il tal senso il centro d accoglienza assicurerebbe un ambiente familiare accogliente e rassicurante. 12/18

13 Percorsi di Educazione alla Mondialità Educare alla mondialità significa promuovere una visione della persona come parte di un tutto interdipendente; significa promuovere scelte e riflessioni che aiutino ogni singola persona a riconoscersi come parte di un mondo globalizzato, in cui le azioni di ognuno possono influenzare realmente i cambiamenti a cui ogni giorno assistiamo. Nella nostra società, oggi, diventa importantissimo saper vedere e saper interpretare e influenzare al meglio i cambiamenti che ci circondano, essere sempre più consapevoli che molti gesti di ogni giorno hanno ripercussioni anche in luoghi, solo apparentemente, molto lontani, sia in senso geografico che temporale. Il Sole Onlus promuove un educazione alla mondialità che intende, attraverso la diffusione una maggiore conoscenza e coscienza, ampliare le capacità di ogni singolo individuo di influenzare positivamente la tutela dei diritti dei minori in ogni parte del mondo. Nell anno 2012 Il Sole Onlus si è impegnato nei seguenti percorsi di Educazione alla Mondialità: Gemini E un progetto promosso e realizzato dal Settore Relazioni Internazionali del Comune di Como e dall Associazione del Volontariato Comasco - Centro Servizi per il Volontariato il Coordinamento Comasco per la Pace e l Ufficio Scolastico Territoriale. Gemini è una proposta di promozione della cultura della pace che declina la conoscenza reciproca e la solidarietà, locale e internazionale, quali elementi costitutivi di una società pacifica nonché principi fondanti di azioni di cittadinanza attiva e di volontariato. L intento è quello di aprire finestre sul mondo, di allargare orizzonti e di cominciare a intravedere una società interculturale nella quale ognuno possa trovare spazi di partecipazione per la propria crescita personale, alimentando sentimenti di rispetto, di condivisione e di convergenza della pluralità. Le scuole coinvolte sono le scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado del Comune di Como Il Sole Onlus è stato coinvolto con un intervento per i bambini delle scuole primarie relativo alla Solidarietà Internazionale e alla tutela dei diritti dei minori Scuola Diritti Umani La Scuola Diritti Umani (SDU) nasce nel 2004 come progetto del Coordinamento Comasco per la Pace in collaborazione con l'associazione del Volontariato Comasco Centro Servizi per il Volontariato. Il corso è stato istituito nella consapevolezza della necessità di una preparazione specialistica nel campo dei Diritti Umani, in una società che matura crescenti aspettative di nuovo umanesimo. Le scuole coinvolte sono le Scuole Secondarie di Secondo Grado della Provincia di Como Il Sole Onlus è stato coinvolto attraverso diversi interventi inerenti la Tutela dei Diritti dell Infanzia Sguardi in parole Gli operatori de Il Sole Onlus e dei Gruppo Pé No Chão hanno affrontato insieme ai ragazzi delle scuole medie cittadine, diritti, problematiche e tematiche legate all Infanzia, all importanza imprescindibile di avere un Identità riconosciuta che ci renda, tutti, visibili, emersi. Hanno parlato di Cultura come forma di riscatto dall emarginazione, della capacità e della potenza che Cultura, e istruzione, racchiudono e sprigionano, poiché Cultura è potere, sapere. Le scuole coinvolte sono state le Scuole Secondarie di Primo Grado di Saronno: A. Moro, L. Da Vinci, A. Bascapè Altri Percorsi Il Sole Onlus propone percorsi di Educazioni alla Mondialità rimodulabile rispetto alle esigenze che richiedono i nostri incontri. Per l anno 2012 la scuola Primaria di Casnate ha richiesto un intervento relativo al Sostegno a Distanza Ravvicinata. 13/18

14 Ufficio Sostegni a Distanza Un altro strumento di cooperazione internazionale con cui operiamo è quello dei Sostegni a distanza (spesso, ma meno correttamente, chiamati Adozioni a distanza), grazie al quale le famiglie italiane possono garantire il miglioramento della vita di un bambino dei paesi più svantaggiati per il sostegno alla sua istruzione, alla sua nutrizione e alle cure mediche. Lo strumento del sostegno a distanza è anche uno strumento di prevenzione dell abbandono, grazie al quale, spesso, il bambino non è costretto a lasciare il suo Paese e la sua famiglia d origine e che gli permette di diventare soggetto e non oggetto all interno della società in cui vive. Con questo strumento Il Sole Onlus riesce a migliorare non solo la vita dei singoli bambini, ma contribuisce allo sviluppo delle comunità in cui i bambini sono inseriti. Per il nostro sostegno a distanza abbiamo coniato un nuovo nome che rispecchia anche la nostra filosofia: Sostegno a distanza ravvicinata ; che cosa vogliamo dire con questo termine? Il sostegno a distanza ravvicinata è una filosofia di intervento innovativa che permette di ravvicinare le distanze tra i sostenitori, l Associazione e i beneficiari. L Associazione vuole essere un tramite, un mezzo, uno strumento per garantire ai bambini il pieno supporto dei propri sostenitori. Più è diretto il rapporto tra sostenitori e beneficiari più è ravvicinata la distanza tra i due attori coinvolti. L Associazione contribuisce con la propria esperienza, professionalità, trasparenza e conoscenza nell indicare la strada giusta per far sì che gli esponenti di due mondi lontani possano comunicare, interagire, confrontarsi al fine di intraprendere un percorso di vita comune e condiviso. Per questo motivo il sostegno a distanza ravvicinata rappresenta per Il Sole Onlus una filosofia di intervento innovativa. Avviarlo con Il Sole Onlus permette al sostenitore di: a) partecipare attivamente alle attività sostenute b) contribuire al miglioramento della vita dei nostri bambini c) conoscere le realtà sociali, culturali, politiche sostenute al fine di diffonderne all esterno, contenuti, tematiche, problematiche e le soluzioni che i sostenitori partecipando alle attività dell associazione contribuiscono a mettere in pratica d) essere cittadino attivo nella realizzazione di attività di solidarietà internazionale aventi come scopo l applicazione concreta del principio di giustizia sociale Al tempo stesso, permette al beneficiario di: a) migliorare la propria condizione di vita b) avviare un percorso di crescita personale e professionale condiviso c) allargare il proprio ambito di conoscenze, grazie agli scambi con i sostenitori in grado di accrescere il proprio bacino culturale ed esperienziale d) essere testimone presso la propria società civile di appartenenza, ma anche presso la società civile italiana del fatto che ravvicinare le distanze nel segno dei principi di giustizia sociale e solidarietà internazionale crea esperienze utili per migliorare il futuro dell intera società Al 31 dicembre 2012 i sostegni a distanza aperti (che hanno cioè abbinato un sostenitore) sono stati Al 31 dicembre 2012 i sostegni a distanza attivi (che hanno il pagamento realmente coperto a questa data) sono stati Al 31 dicembre 2012 i ritardi nei pagamenti sono stati 117. Il maggior numero di SAD si concentra in Etiopia (619), seguita da India (354), Burkina Faso (170), Ecuador (2) 14/18

15 SAD al 31 Dicembre 2012 Burkina Faso India Etiopia Etiopia India Burkina Faso Ritardi Aperti Attivi Per quanto riguarda i sostegni a distanza abbiamo vissuto una flessione negativa, in quanto i rapporti tra noi e la nostra Referente in Burkina Faso sono rimasti difficili per le ragioni spiegate attraverso la pre - News Letter inviata a luglio e di conseguenza, pensando di dover chiudere questo Paese nel 2013, i SAD non sono stati incrementati e, prossimi alla scadenza, sono stati chiusi. Come ogni anno sia per i SAD sia per i Progetti sono state realizzate Missioni di valutazione nei paesi dove Il Sole Onlus è operativamente attivo. 15/18

16 Ufficio relazioni esterne e comunicazione All inizio dell anno è stato predisposto e preparato il materiale informativo per la nuova sede Operativa di Saronno. E stata realizzata una presentazione ufficiale sia presso la cittadinanza sia presso le Autorità di Saronno de Il Sole Onlus. A questo scopo sono stati avviati contatti anche con tutti i media della zona. Molti sono stati gli eventi promossi da Il Sole Onlus nell arco del 2012: - Inaugurazione Il Sole Onlus a Saronno (l inaugurazione ufficiale ha avuto luogo a marzo presso la Libreria Pagina 18) buona l affluenza di pubblico che si è dimostrato molto interessato alle attività dell Associazione. Conferenza Il Sostegno a distanza ravvicinata Tezze sul Brenta (Vicenza). Nel corso di tale Conferenza si è parlato del concetto di sostegno a distanza ravvicinata nei Paesi in cui Il Sole Onlus opera. Particolare attenzione è stata dedicata al progetto Fiori che rinascono, per la tutela di bambini e bambine vittime di violenza sessuale, che la nostra Associazione porta avanti in Etiopia. Hanno organizzato la serata insieme a Il Sole Onlus, l Associazione Le Giare, presso l Istituto delle suore della Provvidenza a Belvedere di Tezze sul Brenta. Sono intervenuti: - G. Bastianon, Presidente Associazione Le Giare - Suor Marina Seminare speranza per far rinascere la gioia di vivere - Vittorio Villa (Direttore Il Sole Onlus) Il Sostegno a Distanza Ravvicinata e la tutela dell infanzia. Come unire due mondi distanti - Francesca Pozzi (Operatrice Il Sole Onlus) Fiori che rinascono: l unione di due mondi distanti Partita calcio femminile, organizzata da sostenitori/volontari Bergamo Partita di calcio a 5 femminile che ha visto scontrarsi le squadre A e delle Maschere sul campo di calcio di Sotto il Monte Partecipazione Festa delle Associazioni Saronno Presentazione libro Buongiorno Africa di Raffaele Masto presso Libreria Pagina 18 Saronno Staffetta di nuoto Busto Garolfo Un gruppo di nostre volontarie capeggiate da Chiara Ottoboni ha realizzato per il secondo la staffetta Soleidale di nuoto a favore del Progetto Fiori che Rinascono Partecipazione Feste d Estate Como Palestra Athlon di Saronno (Open Day) Una giornata all insegna dello sport e della solidarietà FtnessForAfrica presso la Palestra MaxMan Marsala Una giornata di fitness, una giornata di solidarietà Compleanno Il Sole: Presentazione: Premio Letterario Sguardi in parole Libreria Pagina 18 Saronno - Premio Letterario per le scuole medie e superiori indetto e organizzato da Il Sole Onlus, Pe No Chao e Libreria Pagina 18. Gli operatori de Il Sole Onlus e dei Gruppo Pé No Chão hanno affrontato insieme ai ragazzi delle scuole medie cittadine, diritti, problematiche e tematiche legate all Infanzia, all importanza imprescindibile di avere 16/18

17 un Identità riconosciuta che ci renda, tutti, visibili, emersi. Hanno parlato di Cultura come forma di riscatto dall emarginazione, della capacità e della potenza che Cultura e istruzione racchiudono e sprigionano, poiché Cultura è potere, sapere. A seguito di questo percorso gli studenti hanno partecipato al Premio Letterario e hanno scritto un racconto per dare ulteriore profondità alle tematiche trattate nel Percorso di approfondimento. I racconti sono stati valutati da un apposita Giuria composta da: Raffaele Masto, scrittore, giornalista e conduttore radiofonico; Elena Scarrone, Giornalista RAI; Andrea Tarabbia scrittore, autore de Il demone a Beslan. Sabato 22 Dicembre, al termine del Concorso, ha avuto luogo la premiazione con la consegna di buoni libri ai primi tre classificati e attestato di partecipazione a tutti i partecipanti. Tavola rotonda: La violenza sessuale sui bambini Comune di Como Como. Il tema della Tutela dei bambini vittime di violenza sessuale che l Associazione affronta da diversi anni attraverso il progetto Fiori che rinascono in Etiopia e con il progetto Sogni da riaccendere in Benin è stato affrontato grazie alla presenza di W/ro Mekdes Zelelew (General Manager dell ONG IFSO, Partner de Il Sole Onlus in Etiopia), Maria Spinelli (psicologa, psicoterapeuta, studente di dottorato psicologia Università degli Studi di Milano Bicocca) e Alvise Orlandini (psichiatra e psicoterapeuta), nel corso di un incontro aperto a tutti i cittadini. Tavola rotonda: Etiopia, infanzia, società civile Sala Nevera Saronno. Sono intervenuti W/ro Mekdes Zelelew, (General Manager dell ONG IFSO, Partner de Il Sole Onlus in Etiopia) e il giornalista e africanista Raffaele Masto. I due relatori hanno creato un importante opportunità di conoscenza: di una cultura Altra, di un Mondo che si crede lontano, ma che è ovunque in mezzo a noi. Grazie alla presenza di W/ro Mekdes e di Raffaele Masto si è potuto realizzare quanto non esistano più, realmente, le distanze geografiche. Si è parlato di Infanzia, in Etiopia, e delle attività messe in atto, nel Paese, da Il Sole Onlus per realizzare la propria mission: garantire ai bambini di tutto il Mondo pari opportunità e dignità. L incontro era aperto a tutti i cittadini. Tavola rotonda: Il viaggio in Etiopia. Un percorso di giustizia riparativa Comune di Como Hanno parlato di questo tema: Salvatore Inguì Assistente Sociale presso l Ufficio Servizi Sociali per i Minorenni di Palermo e Donatella Pellegrino Assistente Sociale e referente dell Associazione Il Sole Onlus per la sede di Marsala (Tp). Hanno raccontato la progettualità legata all esperienza di viaggio che, nel luglio 2011, li ha portati in Etiopia a visitare il progetto Fiori che rinascono insieme a quattro ragazzi sottoposti a procedimenti penali dell area di Palermo Trapani (i ragazzi sono ospitati presso le strutture della Cooperativa Il Miglioramento, a Marsala TP) e di quali risvolti possano dare tali iniziative, inserendosi in un progetto strutturato di Giustizia Riparativa. Alla tavola ha partecipato, inoltre, Alvise Orlandini psichiatra e psicoterapeuta. In occasione della Giornata del bambino Africano e del rifugiato politico 16 giugno I nostri amici di Marsala hanno condiviso con Il Sole Onlus un iniziativa dal titolo Diritti senza frontiere a cui hanno partecipato: Antonella Genna (Assessore Comune di Marsala), Vittorio Villa (Direttore Il Sole Onlus), il Referente del Centro Sistema di Protezione per i Richiedenti Asilo e Rifugiati), Minori e Rifugiati (Centro S.P.R.A.R. di Perino, della Cooperativa Solidalia e della Comunità alloggio Giardino di Osiride ). Presentazione E-book: Fiori che rinascono In collaborazione con INNEXTA società che opera nella comunicazione digitale. Per quanto riguarda la comunicazione e la promozione sono state preparate, organizzate e realizzate, compresi lo studio grafico e la stesura del materiale necessario, una serie di campagne specifiche: - 5x Pasqua - Capodanno Etiope - Natale solidale - Partecipazione al Concorso Ben e Jerry s indetto on-line - Blog The echo (blog dedicato a Progetto Fiori che Rinascono 17/18

18 Sono stati altresì realizzati pergamene e biglietti personalizzati in occasione di battesimi, comunioni, matrimoni, cresime, Natale. Nel mese di settembre Greta Pini dell ufficio comunicazione si è dimessa e non è stata sostituita con un altro lavoratore dipendente, ma si sono inserite in questo settore due valide volontarie: Nicoletta Vaiarello che si occupa della grafica e Sara Buluggiu che si occuperà nel 2013 di parte della comunicazione web. CONCLUSIONI Un anno senza dubbio intenso ricco di cambiamenti, di difficoltà e di grandi soddisfazioni grazie all impegno e al lavoro di tutti, Consiglio, staff, volontari, soci, donatori e persone che hanno collaborato e creduto in noi, alle quali va il mio ringraziamento. Il Presidente Il Consiglio Direttivo 18/18

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva

INSIEME SI PUÒ. per una solidarietà più viva INSIEME SI PUÒ per una solidarietà più viva 1 9 9 3-2 0 1 3 Insieme Si Può 1993/2013 Insieme Si Può L Associazione ha lo scopo di sviluppare, favorire ed incentivare l adozione a distanza di bambini bisognosi,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli