Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste"

Transcript

1 Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste AREA Science Park Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste è stato istituito come Consorzio obbligatorio per l impianto la gestione e lo sviluppo dell Area per la ricerca scientifica e tecnologica della provincia di Trieste con D.P.R. 6 marzo 1978 n. 102 e ha mantenuto il nome storico, anche dopo la trasformazione (avvenuta nel 1999) in ente pubblico nazionale di ricerca) e la cancellazione dei soci consorziati. Il Consorzio ha realizzato e gestisce il parco AREA Science Park, costituito da un complesso di edifici per complessivi mq, specificatamente realizzati per ospitare laboratori di R&S ed edifici di servizio (sale congressuali e aule didattiche, ristorazione e bar, centrali tecnologiche). Gli edifici sono di proprietà del Consorzio e in parte minore della Sincrotrone Trieste S.cons.p.A, della quale il Consorzio detiene il 51%. Nel Parco sono attualmente ospitati 89 soggetti diversi (erano 85 alla fine del 2010): 6 grandi imprese hanno insediato nel Parco propri laboratori di ricerca e sviluppo (Bracco S.p.A., Illycaffè S.p.A., TBS group S.p.A. Rottapharm S.p.A., Euroclone S.p.A., dr. Schaer S.p.A., Microsoft Italia s.r.l.); 65 PMI hanno nel Parco la propria sede principale o il proprio laboratorio di R&S; vi sono poi sedi o sezioni di enti di ricerca pubblici e privati: Il Consiglio Nazionale delle Ricerche è presente con proprie sezioni - in particolare per le collaborazioni con il Laboratorio di Luce di Sincrotrone - l International Centre for Genetic Engineering and Biotecnology ha nel Parco una delle sue due sedi gemelle, l International Centre of Science dell UNIDO ha nel Parco la propria sede principale, così come il Consorzio di Biomedicina Molecolare (CBM), nato nel 2004, con lo scopo di coordinare il Distretto Tecnologico di Biomedicina Molecolare del Friuli Venezia Giulia. Di seguito si riportano i dati più significativi del Parco nell ultimo triennio: AREA Science Park (TS) Totale insediati di cui Enti di Ricerca Imprese di cui Enti e imprese uscite Imprese entrate Unità di personale Fatturato consolidato (M )* 154,9 176,5 181,55 * dati riferiti all'esercizio precedente Tab 1: Andamento Parco Delle oltre 2300 persone che lavorano nel Parco, la maggior parte sono giovani ad alta scolarità: il 62% ha meno di 40 anni, il 74% è laureato e il 26% ha anche un dottorato di ricerca. Ancorché i risultati della gestione del Parco vadano misurati principalmente in termini di ricadute sul sistema socioeconomico, non Pag 1 Data aggiornamento: 26/08/2011

2 possono essere trascurati i risultati diretti che tale gestione ha sul bilancio del Consorzio, di cui costituiscono una parte assai rilevante. Nell esercizio 2010 il fatturato per locazione di immobili è aumentato del 3,95% rispetto al 2009 raggiungendo 2,10 milioni di Euro. Il fatturato per servizi ed oneri accessori si è attestato su 3,07 milioni di Euro, con un aumento rispetto all esercizio precedente dell 1,59%. Dai primi anni 90 il Consorzio ha subito una significativa evoluzione: dall iniziale focalizzazione sullo sviluppo e gestione del Parco diversifica progressivamente funzioni per arrivare, negli anni 2000, alla realizzazione di strategie di valorizzazione dei risultati della ricerca e dell innovazione sul territorio, riassunti nella formula Trasferimento tecnologico e valorizzazione della ricerca per la competitività delle imprese e del territorio. Nel settembre del 1999 (D. Lgs , n. 381) il Consorzio diventa Ente di ricerca nazionale, sotto la vigilanza del MIUR, e modifica il proprio nome in Consorzio per l AREA di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste. Nello stesso decreto legislativo, prendendo atto della rilevanza del polo scientifico e tecnologico del Friuli Venezia Giulia e delle sue relazioni con l estero, al Consorzio - pur nell ambito della sua missione di livello nazionale - viene affidato il compito di coordinare la rete degli Enti di ricerca e degli atenei aventi sede in Friuli Venezia Giulia. Negli ultimi anni il Consorzio ha proseguito la sua evoluzione, sviluppando competenze e metodologie distintive nel trasferimento tecnologico, nella gestione della ricerca e impresa mediante l innovazione sia tecnologica sia organizzativa e la formazione imprenditoriale e manageriale. Molte di queste metodologie sono applicate anche agli insediati del Parco. Trasferimento Tecnologico Il Trasferimento Tecnologico alle imprese è il filone di attività che connota AREA, anche a livello internazionale, negli ultimi anni, con una strategia di intervento volta a favorire innovazione e competitività nelle imprese, a creare start-up e a formare personale e competenze in grado di stabilire un legame tra mondo della ricerca e realtà produttive. In un tessuto regionale composto in massima parte da piccole e medie imprese, AREA da oltre dieci anni ha avviato un programma di sostegno all introduzione di nuove tecnologie e competenze organizzative. In questo periodo sono stati realizzati circa 2000 interventi di innovazione nelle PMI del Friuli Venezia Giulia, che hanno prodotto significative ricadute in termini di innovazioni di prodotto e di processo, di nuovi brevetti e nuove collaborazioni tecnologiche avviate, oltre ad un incremento misurato del fatturato e dell occupazione nelle imprese interessate da tali interventi. Con il progetto INNNOVATION NETWORK, AREA ha inoltre aperto sul territorio regionale 7 diversi centri di competenza, specializzati nel supporto alle imprese appartenenti a cluster, distretti e filiere di grande rilievo per l economica regionale: agro-industria, energia, ingegneria d impresa, legno-arredo, cantieristica e nautica, plastica, nuovi materiali. La rete è presente in modo diffuso su tutto il territorio regionale presso le strutture imprenditoriali di riferimento (associazioni imprenditoriali, aree industriali, distretti produttivi) ed è presidiata da figure professionali in possesso di competenze tecniche specialistiche, in modo da costituire reali punti di riferimento per l innovazione settoriale. Valorizzazione della ricerca e rapporti con il mondo universitario Il rapporto del sistema AREA Science Park con il mondo dell Università è stretto e articolato. Ricercatori e docenti di università italiane e straniere, operano in alcuni dei centri di ricerca del parco scientifico, ad esempio INFN, IOM-CNR, Sincrotrone Elettra, CBM, LNCIB. Pag 2 Data aggiornamento: 26/08/2011

3 Inoltre, partnership scientifiche con le università del Friuli Venezia Giulia sono state sviluppate nelle attività di trasferimento tecnologico alle imprese del territorio e di valorizzazione dei risultati della ricerca. Per quest ultimo aspetto, nell ambito del progetto SISTER, sono state sottoscritte specifiche convenzioni con SISSA, Università di Trieste e Università di Udine che hanno consentito di raggiungere traguardi significativi: 279 risultati della ricerca sono stati candidati alla valorizzazione e sono stati complessivamente oggetto di 580 interventi, sia di valutazione che di vero e proprio supporto. Da questi interventi sono derivati: 70 nuovi brevetti, una quarantina di interventi di commercializzazione finalizzati ad accordi di licensing o di partnership ricerca-impresa e 9 spin-off. Brevetti e informazione brevettuale Le attività di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati della ricerca sul territorio del Friuli Venezia Giulia hanno contribuito negli ultimi cinque anni a circa 160 brevetti (2/3 di imprese, 1/3 di istituzioni di ricerca). I brevetti depositati dalle imprese e dai laboratori insediati all interno di AREA Science Park, sono stimabili in oltre una cinquantina negli ultimi due anni. Sul versante dell informazione brevettuale, grazie a un accordo tra European Patent Office e Ufficio Italiano Brevetti e Marchi dal 1999 è attivo in AREA l Ufficio Studi e PatLib Friuli Venezia Giulia. L Ufficio si rivolge alle aziende, ai ricercatori e ai privati cittadini. Svolge ricerche e fornisce copia dei brevetti di interesse utilizzando banche dati brevettuali, documentali ed economiche reperibili sul mercato e risorse informative degli Uffici Brevetti nazionali ed internazionali. Gli interventi realizzati da PatLib (ricerche di anteriorità, monitoraggio della concorrenza, stato dell arte nelle tecnologie, ricerca di soluzioni tecnologiche, verifica dell'attività di singoli ricercatori/aziende) sono stati oltre Infine, grazie ad un accordo con SBI - Strategic Business Insights di Stantford (California USA), leader mondiale nel monitoraggio delle tecnologie in grado di generare business, AREA mette a disposizione delle PMI del Friuli Venezia Giulia Explorer, uno strumento di Business Intelligence che consente di ottenere informazioni mirate sui trend di oltre 30 settori tecnologici e produrre innovativi servizi di Road-mapping tecnologico. Fare impresa L incubazione d impresa e l avvio di nuove start-up è un altro filone di primo piano. Nel tempo sono state una quarantina le nuove imprese nate nel parco scientifico, di cui circa 30 attualmente insediate, con una percentuale di sopravvivenza superiore 90%. In particolare, è stato avviato il Programma SPIN-AREA, promosso attraverso Innovation Factory (una in-house company di AREA specializzata nel supporto alla preincubazione e allo start-up), naturale prosecuzione delle numerose esperienze maturate da AREA Science Park nelle attività di assistenza alla creazione di imprese innovative. Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha destinato a Innovation Factory un finanziamento di circa 2 milioni e mezzo di euro per un programma integrato per la creazione di imprese innovative, sulla base di una convenzione della durata di cinque anni. A questi fondi vanno ad aggiungersi quelli stanziati da AREA, per un totale di circa 3 milioni 700mila euro. Obiettivo di Innovation Factory è assistere 24 start-up, avviando al mercato 11 nuove imprese. La strategia nazionale di AREA Area Science Park, quale Ente nazionale di ricerca, ha il compito di diffondere metodologie efficaci per il supporto alla competitività in tutto il Paese. Pag 3 Data aggiornamento: 26/08/2011

4 Questa strategia consiste sostanzialmente nella realizzazione di una rete di centri di sviluppo e di diffusione dell innovazione, integrati con le strutture già esistenti sul territorio onde evitare duplicazioni, ridondanze ed inefficienze, che permettano ad AREA di mettere al servizio del Paese le proprie competenze distintive, costituendo la base per accelerare i processi di sviluppo locale, puntando sull innovazione. AREA ha potuto giovarsi dell esperienza e della visibilità raggiunta attraverso lo sviluppo e l applicazione di metodologie di valorizzazione dell innovazione, due delle quali inserite dalla Commissione Europea, nel 2007, tra le 11 best practices di innovazione regionale, che hanno contribuito a portare nuove opportunità di collaborazione con partner che dispongono di proprie reti territoriali (Parchi scientifici, Università, consorzi...), con associazioni di categoria e con Amministrazioni regionali. La sottoscrizione di una convenzione con la Regione Basilicata, avvenuta nel 2009, ha segnato un primo rilevante risultato su quest asse di attività. Attraverso un progetto comune, denominato Basilicata Innovazione (budget di 9,8 milioni di euro per il primo triennio, 13,5 nel secondo) si è costituita un unità operativa locale ed autonoma, con personale reclutato e formato in loco, valorizzando così le risorse locali. Basilicata Innovazione si propone di offrire alle imprese e ai ricercatori lucani un punto di accesso diretto allo stato dell arte della ricerca applicata, favorendo lo scouting di competenze, partner, finanziamenti e assistenza, utili a realizzare innovazione di prodotto, di processo e gestionale. Nelle intenzioni dei partner, il progetto si concluderà con la costituzione di una società autonoma, in grado di stabilizzare i risultati conseguiti e di costituire un volano per l ulteriore diffusione delle attività di valorizzazione dell innovazione nel Mezzogiorno. In questa direzione va la costituzione, nel 2010, di Napoli Attiva Scarl, joint venture tra la società in house di AREA, Innovation Factory, e l Università Federico II. Napoli Attiva si candida ad essere uno dei nodi vitali di Campania Innovazione, la rete promossa dalla Regione Campania per favorire l innovazione, il trasferimento tecnologico e lo sviluppo di nuove idee di business per le imprese campane. Ulteriore passo di questo percorso di diffusione territoriale delle metodologie di AREA è il progetto, in fase di definizione avanzata, Calabriainnova, budget complessivo di oltre 29 milioni di euro su un triennio, di cui circa la metà per strumenti di incentivazione finanziaria. Anche in questo caso si punta alla creazione di un organismo stabile, una sorta di agenzia regionale per l innovazione, in grado di operare sull intero territorio calabrese attraverso l integrazione di una pluralità di nodi e strutture diversamente dislocate e già esistenti, coordinate da Fincalabra (società in-house della Regione Calabria) e da AREA. Altri accordi territoriali, che potranno ulteriormente estendere la rete territoriale delle collaborazioni di AREA, sono in fase di definizione. Formazione e internazionalizzazione AREA è attivo nella gestione strategica ed operativa della formazione, con particolare focus sulla formazione imprenditoriale e manageriale. Anche la promozione delle relazioni internazionali nei settori della ricerca e dell'innovazione rappresenta un asset importante, sviluppato attraverso collaborazioni su progetti europei, creazione di partenariati, consulenza e supporto nella progettazione di poli scientifico-tecnologici (cd capacity building.) Grazie alla posizione transfrontaliera, molto stretti sono i legami con i Paesi dell Europa Centro-orientale e non solo: sono una trentina le nazioni con le quali sono attive collaborazioni e oltre 350 i partner sui diversi progetti. Pag 4 Data aggiornamento: 26/08/2011

5 AREA ospita lo sportello regionale dell APRE (Agenzia nazionale per la Ricerca Europea) che fornisce informazioni e consulenza a imprese e istituzioni scientifiche per la partecipazione ai bandi europei per la ricerca. Anche grazie a questo servizio, negli ultimi anni il Consorzio si è aggiudicato una cinquantina di progetti europei (circa 200 l intero sistema AREA Science Park), che vedono tra i partner oltre 200 università e centri di ricerca. L internazionalizzazione sarà uno dei settori di sviluppo strategico di AREA anche per i prossimi anni, dal momento che consente di valorizzare i network di competenze che AREA ha potuto consolidare nel tempo e che può contare su risorse finanziarie attualmente non accessibili nel nostro Paese a causa delle stringenti necessità di riduzione della spesa pubblica. Energia e Ambiente AREA, condividendo la strategia europea 20/20/20, ha avviato un percorso di innovazione per lo sviluppo e per l utilizzo di fonti rinnovabili e per il risparmio energetico. L aspetto qualificante è il doppio ruolo svolto da AREA che intende, sia selezionare e sviluppare idee e imprese innovative, sia realizzare impianti e prototipi nel Parco, nella regione FVG e, successivamente, a livello nazionale e internazionale. L idea di fondo è quella di stimolare partendo dal territorio dove AREA è nata e si è sviluppata l innovazione di prodotti e processi energetici e un uso più sostenibile dell energia attraverso il ricorso alle fonti rinnovabili e il miglioramento dell efficienza energetica. L azione di AREA nel settore è partita nel 2007 con il progetto LIDEA (Laboratorio Impianto Dimostrativo per le Energie Alternative) e con la selezione, all interno del Progetto Domotica di un gruppo di 13 idee innovative nel settore energetico, per alcune delle quali è stato fornito alle imprese capofila un supporto nella fase di analisi preliminare dell idea e nella fase di pianificazione delle attività di sviluppo. Dal 2008 è stata anche avviata l analisi dei materiali ad alta efficienza energetica, richiedenti cioè meno energia nella loro produzione, trasformazione e, a fine vita, nel loro riuso, riciclo o recupero. Nel corso del AREA, con il concorso finanziario del Ministero dell Ambiente, ha avviato un articolato programma di interventi denominato ENERPLAN, che si propone di sviluppare e costruire impianti dimostrativi in grado di operare anche come laboratori di sviluppo tecnologico e sperimentazione industriale nei quali università e scuole dell obbligo, enti di ricerca, imprese e pubbliche amministrazioni possono apprendere e confrontare i risultati tecnici, ambientali ed economici delle varie soluzioni innovative sviluppate e realizzate. Le società partecipate Il Consorzio partecipa con quote rilevanti a tre società e con quote minoritarie ad altre realtà. Le partecipazioni a società e consorzi sono nel seguito elencate in ordine decrescente di quota detenuta. Innovation Factory s.cons.r.l. cap. sociale Euro quota detenuta 92,98% Innovation Factory è l'incubatore di primo miglio di AREA Science Park, costituita per realizzare il programma SpinAREA cofinanziato dal Ministero per lo Sviluppo Economico. Il programma ha portato finora alla costituzione di 14 Gruppi di sviluppo, dei quali 3 si sono costituiti in imprese, e 9 sono attualmente in fase di preincubazione. I rimanenti 2 Gruppi di Sviluppo hanno interrotto le attività. Nel 2009, su delega del Consorzio Innovation Factory ha ampliato le proprie competenze al supporto alla competitività Pag 5 Data aggiornamento: 26/08/2011

6 delle imprese e collaborando alle iniziative per il trasferimento delle competenze distintive di AREA nel Mezzogiorno. Sincrotrone - Trieste S.cons.p.A cap. sociale ,20 Euro quota detenuta 51,07% La Sincrotrone è una società di interesse nazionale ai sensi dell'articolo 2461 del codice civile. La società ha il compito di progettare e realizzare a Trieste il Laboratorio di Luce di Sincrotrone Elettra, provvedere alla gestione dello stesso ed alla promozione di programmi di ricerca tecnologica applicata in settori affini. CBM - Consorzio per il Centro di Biomedicina Molecolare s.cons.a r.l. cap. sociale Euro quota detenuta 40% CBM promuove e partecipa ad iniziative imprenditoriali di ricerca industriale e sviluppo dei risultati della ricerca nel settore della biologia e medicina molecolare. In base all Accordo di programma sottoscritto in data 5 ottobre 2004 tra il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca e la Regione Friuli Venezia Giulia, il CBM ha il compito di sovraintendere al Distretto tecnologico di biomedicina molecolare. RINAVE - Consorzio per l'alta Ricerca Navale Fondo consortile Euro quota detenuta 20% RINAVE organizza la cooperazione tra industrie di costruzione navale, centri di ricerca e università, promuovee progetti di ricerca nel campo dell'architettura e dell'ingegneria navale. Friuli Innovazione, Centro di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico - Consorzio cap. sociale Euro quota detenuta 8,48% Friuli Innovazione gestisce il parco scientifico Luigi Danieli di Udine. CALEF - Consorzio per la Ricerca e lo Sviluppo delle Applicazioni Industriali del Laser e del Fascio Elettronico Fondo consortile ,68 Euro quota detenuta 5,5% CALEF ha lo scopo di stimolare nel Mezzogiorno d'italia la ricerca, lo sviluppo e l'applicazione delle tecniche di trattamento dei materiali quali fascio elettronico e laser, con l'obiettivo di trasferire il know how sviluppato all'industria italiana, in particolare alle PMI. Trieste Coffee Cluster Srl. cap. sociale Euro quota detenuta 2,62% Trieste Coffee Cluster Srl. è l agenzia per lo Sviluppo del Distretto Industriale del Caffè. MIB (Master International Business) Fondo consortile Euro quota detenuta 2% Il MIB Realizza direttamente e promuove qualificate iniziative formative in campo economico e manageriale. Polo Tecnologico di Pordenone S.cons.p.A. cap. sociale Euro quota detenuta 1,89% La società realizza e gestisce il Polo Tecnologico di Pordenone. AREA: il Bilancio AREA presenta un indice di autonomia finanziaria del 200%. Ciò significa che per ogni euro di contributo pubblico ordinario AREA ne produce autonomamente altri 2, ottenuti attraverso il finanziamento di progetti, nazionali ed europei, e la gestione commerciale del Parco. Infatti, il 99% del bilancio corrente di AREA, pari attualmente a 23 milioni di euro, è formato da tre tipologie di entrata: Pag 6 Data aggiornamento: 26/08/2011

7 1. Fondo di Finanziamento Ordinario 32% 2. Fatturato commerciale 24% 3. Entrate da progetti 43% (dati da bilancio di previsione 2011, attuale) Nel 2010, il FFO copriva il 40% delle entrate correnti. La riduzione dell incidenza percentuale nel 2011 è legata all effetto della sensibile riduzione dei contributi ministeriali (- 13%) e al contemporaneo incremento delle entrate proprie. Ciò in un contesto di progressivo incremento del giro di affari : tra il 2009 e il 2010 l aumento è stato di oltre 14 punti percentuali e nel 2011 si attende un ulteriore incremento. AREA, caso unico tra gli Enti di ricerca italiani, sta cioè progressivamente sostituendo i contributi ministeriali (in contrazione) con l incremento dei ricavi propri, derivanti dalla gestione. Questi ricavi testimoniano un attività in progressiva espansione che, oltre a confermare l efficacia e l apprezzamento per l azione di supporto all innovazione, contribuiscono a mantenere l equilibrio finanziario. Anche la gestione economica evidenzia un margine operativo netto positivo, nel 2010 pari a 300 mila euro. Per completare il quadro sintetico, si deve rilevare la bassa incidenza dell indebitamento (gli oneri finanziari nel 2010 hanno inciso solo per l 1,2% sulla spesa corrente) e l equilibrio della parte capitale del bilancio, a circa 2 milioni di euro. AREA: il Personale La dotazione organica dell Ente consta di 55 unità, cui deve aggiungersi la posizione a termine del Direttore Generale. Al 31 dicembre 2010 risultavano coperte 53 posizioni in ruolo. La dotazione organica, non solo immutata ma addirittura progressivamente ridotta, è ancorata alla mission originaria dell Ente, limitata alla sola gestione del Parco scientifico e tecnologico. L attuale dotazione organica non riflette, infatti, né l ampiezza né la diversificazione delle attività dell Ente. Queste, come detto, si sono sensibilmente evolute nel tempo, seguendo l ampliamento della mission di AREA a supporto della competitività di imprese e territorio. Le attività afferenti il trasferimento tecnologico, la formazione avanzata, il networking internazionale, lo sviluppo del Parco scientifico e tecnologico e, più recentemente, il settore dell energia hanno comportato un sensibile incremento dell organico che, a fine 2010, ammontava a 129 unità. Si noti che il personale eccedente la dotazione organica viene finanziato con fondi propri, su progetto o su proventi commerciali, senza oneri aggiuntivi per lo Stato. La produttività del lavoro nel triennio è cresciuta del 3%, con un entrata corrente pro capite passata da 174 a 179 mila euro. Pag 7 Data aggiornamento: 26/08/2011

8 Totale 112 Collaboratori 31-32,2% Totale 125 Totale 129 Collaboratori 21 0,0% Collaboratori Dipendenti ,4% Dipendenti ,8% Dipendenti Fig. 1: Composizione e andamento del personale AREA Pag 8 Data aggiornamento: 26/08/2011

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1. Definizione del progetto e obiettivi 2. Destinatari 3. Progetti ammissibili 4. Servizi offerti e premi 5. Termini e modalità di presentazione della domanda 6.

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2012-2014

PIANO TRIENNALE 2012-2014 CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE PIANO TRIENNALE 2012-2014 QUANDO SOFFIA IL VENTO DEL CAMBIAMENTO, ALCUNI FANNO MURI, ALTRI MULINI A VENTO. (PROVERBIO CINO-CARSOLINO)

Dettagli

ACCORDO PER IL COORDINAMENTO DEI CENTRI DI RICERCA NAZIONALI E INTERNAZIONALI, DEGLI ATENEI E DEI PARCHI SCIENTIFICI E TECNOLOGICI

ACCORDO PER IL COORDINAMENTO DEI CENTRI DI RICERCA NAZIONALI E INTERNAZIONALI, DEGLI ATENEI E DEI PARCHI SCIENTIFICI E TECNOLOGICI ACCORDO PER IL COORDINAMENTO DEI CENTRI DI RICERCA NAZIONALI E INTERNAZIONALI, DEGLI ATENEI E DEI PARCHI SCIENTIFICI E TECNOLOGICI PRESENTI NEL FRIULI VENEZIA GIULIA PREAMBOLO Atteso che la regione Friuli

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE BILANCIO DI PREVISIONE Triennio 2016 2018 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio per l AREA di Ricerca Scientifica e Tecnologica di Trieste con deliberazione di data 15.12.2015, n. 80

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

Dalla ricerca all impresa nel biotech i risultati del progetto BioTTasa

Dalla ricerca all impresa nel biotech i risultati del progetto BioTTasa CBM Cluster Tecnologico Regionale di Biomedicina Molecolare Dalla ricerca all impresa nel biotech i risultati del progetto BioTTasa Unione Industriali di Napoli Napoli 20 Marzo 2015 Laura Cerni PhD laura.cerni@cbm.fvg.it

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi

Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi Innovazione tecnologica in Toscana Programma regionale di azioni innovative Sintesi Obiettivo strategico Il Programma regionale di azioni innovative ha l obiettivo di stimolare i processi di diffusione

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema istituzionale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema istituzionale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema istituzionale (compilare un documento per ciascuna area di specializzazione individuata) Area di specializzazione

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

Innovation Factory: the mile before the first one

Innovation Factory: the mile before the first one Innovation Factory: the mile before the first one Campobasso, 18 novembre 2010 Dr. Maurizio Caradonna AREA Science Park Dr. Fabrizio Rovatti Direttore Innovation Factory s.c.a r.l. - 1 - Sommario 1. Il

Dettagli

IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI

IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI Il Technology Park è un sistema di strutture e servizi avanzati che favoriscono l innovazione, lo sviluppo e l industrializzazione della ricerca.

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Presentazione della Società. Novembre 2015

Presentazione della Società. Novembre 2015 Presentazione della Società La Storia La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento 2 2004 Costituzione della StraDe s.r.l. ad opera di Massimo Dell Erba e Veronica Montanaro

Dettagli

START CUP CALABRIA 2015 REGOLAMENTO. Articolo 1. Definizione dell iniziativa

START CUP CALABRIA 2015 REGOLAMENTO. Articolo 1. Definizione dell iniziativa START CUP CALABRIA 2015 REGOLAMENTO Articolo 1 Definizione dell iniziativa La Start Cup Calabria 2015 (in breve: SCC) è una competizione tra persone quali studenti, laureati, ricercatori, docenti, neo-imprenditori

Dettagli

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Dott.ssa Adriana Agrimi Coordinatore Tecnico ARTI Bari, 18 Febbraio 2009 - Expolavoro ARTI È l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione l della Puglia

Dettagli

PoCN Regolamento del Progetto PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO

PoCN Regolamento del Progetto PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO PROOF OF CONCEPT NETWORK REGOLAMENTO DEL PROGETTO REGOLAMENTO PoCN Articolo 1 - Definizione del Progetto Proof of Concept Network (PoCN) è un progetto finalizzato a favorire la valorizzazione commerciale

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale

Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale Iniziative e strumenti a supporto della creazione di imprese spin-off nel contesto regionale numeri e considerazioni sull'esperienza pugliese Paolo D Addabbo Le imprese spin-off della ricerca pubblica:

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation

Progetto per la realizzazione di un. Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation Progetto per la realizzazione di un Centro Servizi per la promozione e animazione del settore della Home e Building automation 1 1. Introduzione Il sistema socio-economico Empolese Valdelsa si caratterizza

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 2 INDICE RELAZIONE PROGRAMMATICA E SCHEDE DI BUDGET... 6 PREVENTIVO FINANZIARIO DECISIONALE 2014... 79 PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE 2014... 96 PREVENTIVO

Dettagli

LE INNOVAZIONI DEL PROSSIMO FUTURO TECNOLOGIE PRIORITARIE PER L'INDUSTRIA Presentazione del VII Rapporto AIRI

LE INNOVAZIONI DEL PROSSIMO FUTURO TECNOLOGIE PRIORITARIE PER L'INDUSTRIA Presentazione del VII Rapporto AIRI LE INNOVAZIONI DEL PROSSIMO FUTURO TECNOLOGIE PRIORITARIE PER L'INDUSTRIA Presentazione del VII Rapporto AIRI Bergamo, 17 giugno 2013 Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso Mirano Sancin 1 Kilometro

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2013 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

Consorzio Italbiotec. Industria&Università. insieme. per lo sviluppo delle biotecnologie

Consorzio Italbiotec. Industria&Università. insieme. per lo sviluppo delle biotecnologie CONSORZIO ITALBIOTEC 1 Consorzio Italbiotec Alta Formazione e corsi di perfezionamento Ricerca, Sviluppo e Innovazione Fund Raising per lo sviluppo delle biotecnologie Industria&Università insieme 2 CONSORZIO

Dettagli

Networking, ricerca applicata e trasferimento tecnologico

Networking, ricerca applicata e trasferimento tecnologico Networking, ricerca applicata e trasferimento tecnologico t 2 i trasferimento tecnologico e innovazione è la società consortile per l innovazione, promossa dalle Camere di Commercio di Treviso e Rovigo,

Dettagli

CALL for BUSINESS! RICHIESTA SERVIZI PER L AVVIO D IMPRESA. Avvia la tua impresa innovativa

CALL for BUSINESS! RICHIESTA SERVIZI PER L AVVIO D IMPRESA. Avvia la tua impresa innovativa RICHIESTA SERVIZI PER L AVVIO D IMPRESA CALL for BUSINESS! Avvia la tua impresa innovativa Programma Operativo FESR CALABRIA 2007-2013 ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Direzione per le Relazioni con il territorio, l innovazione e lo sviluppo.

Università degli Studi di Cagliari Direzione per le Relazioni con il territorio, l innovazione e lo sviluppo. Università degli Studi di Cagliari Direzione per le Relazioni con il territorio, l innovazione e lo sviluppo. L Università di Cagliari, al pari delle altre Università italiane, è chiamata ad un rinnovato

Dettagli

CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE BILANCIO DI PREVISIONE 2015

CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 1 Relazione programmatica Gentili consiglieri, il Bilancio 2015-2017 del Consorzio per L Area di Ricerca

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it 1 Il Polo Tecno-Industriale per l Energia di AREA Science Park a Gorizia La

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Giuseppe Colpani Direttore Generale, AREA Science Park IV Convegno Codau, Venezia, 22-23 settembre 2006 Spunti relazione La Torre

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Strettamente riservato Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Documento datato 25 novembre 215 Presentazione del lavoro 27 novembre 215 Terni 215 The European

Dettagli

Francesco Maria Senatore. Riepilogo degli argomenti già trattati

Francesco Maria Senatore. Riepilogo degli argomenti già trattati Francesco Maria Senatore Riepilogo degli argomenti già trattati Progetto Mattone Internazionale November 30 2011 Università degli Studi di Napoli, Via Mezzocannone 14, Napoli I Poli di Innovazione ed altre

Dettagli

Finanza e territorio: cosa fanno per competere?

Finanza e territorio: cosa fanno per competere? Finanza e territorio: Gianmarco Zanchetta IL FUTURO dell internazionalizzazione per le imprese del Nord Est Villa Manin, 21 giugno 2012 1 2 introduzione FRIULIA è la finanziaria regionale della Regione

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

Regolamento generale per la prestazione dei servizi SPORTELLO DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE

Regolamento generale per la prestazione dei servizi SPORTELLO DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Regolamento generale per la prestazione dei servizi SPORTELLO DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NOVEMBRE 2013 Pagina 1 di 5 1. INTRODUZIONE Sardegna Ricerche è stato istituito dalla Regione Sardegna nel 1985,

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL QUADERNO TECNICO STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL CREDITO OTTOBRE 2013 STRUMENTI E AZIONI: ACCORDO ABI-CONFINDUSTRIA 2013 FONDO JESSICA TRANCHED COVER (EX DGR ACCELERAZIONE DELLA SPESA DEI FONDI EUROPEI)

Dettagli

Sintesi per la stampa

Sintesi per la stampa Sintesi per la stampa DIMENSIONI E POTENZIALITÀ DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE Milano, 13 aprile 2011 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta,

Dettagli

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Nuovi strumenti a supporto dell innovazione e la competitività Piazzola sul Brenta, 23 maggio 2015 Dipartimento Sviluppo Economico Sezione Ricerca e Innovazione

Dettagli

Dalla Ricerca alla Industria: Valorizzazione della Ricerca e Trasferimento Tecnologico

Dalla Ricerca alla Industria: Valorizzazione della Ricerca e Trasferimento Tecnologico Quarta Giornata InFormativa del Progetto BioTTasa Dalla Ricerca al Trasferimento Tecnologico CBM Cluster Tecnologico Regionale di Biomedicina Molecolare Laura Cerni laura.cerni@cbm.fvg.it Dalla Ricerca

Dettagli

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa TRAINING AND INNOVATION UNIVERSITY CONSORTIUM POLYTECHNIC OF BARI UNIVERSITY OF PATRAS ARTICOLO 1 Finalità e oggetto Nell'ambito del

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

BILANCIO UNICO D ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2016. A cura Area Contabilità, Finanza e Controllo di Gestione

BILANCIO UNICO D ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2016. A cura Area Contabilità, Finanza e Controllo di Gestione BILANCIO UNICO D ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2016 A cura Area Contabilità, Finanza e Controllo di Gestione Il Budget e gli indirizzi strategici Il Budget economico e il Budget degli investimenti

Dettagli

Lean Enterprise II. Lean production e territorio : efficienza dei processi aziendali nelle imprese del FVG

Lean Enterprise II. Lean production e territorio : efficienza dei processi aziendali nelle imprese del FVG Titolo.. Fare clic per modificare lo stile del titolo Lean Enterprise II Lean production e territorio : efficienza dei processi aziendali nelle imprese del FVG Un progetto FRIULIA SPA e MIB-School of Management

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI

Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI Commissione Incubatori Start-Up Spin-off Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI a cura del coordinatore della Commissione Incubatori Elisabetta

Dettagli

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Ermanno Maritano, Confindustria Piemonte EEN ALPS NordOvest Roma, 14 novembre 2011 European Commission Enterprise

Dettagli

Corso di Formazione in Cyber Security. Edizione 2014-2015 Cosenza

Corso di Formazione in Cyber Security. Edizione 2014-2015 Cosenza Corso di Formazione in Cyber Security Edizione 2014-2015 Cosenza Introduzione Il miglior minuto che si spende è quello investito nelle persone Nella società interconnessa che basa su Internet quasi tutti

Dettagli

CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE

CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA Assessorato Istruzione Alta Formazione e Ricerca REPUBBLICA ITALIANA CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA. Ing. Claudia Bettiol

Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA. Ing. Claudia Bettiol Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA Table of Content Stato Attuale e Scenari 3 Tematiche 4 L opportunità 5 Strategie congiunte Il Quadro d insieme 6

Dettagli

Tempi medi (ore per istanze) 26,0. Costo medio del servizio 1.613 di cui personale 719. Costo medio del servizio 4.853

Tempi medi (ore per istanze) 26,0. Costo medio del servizio 1.613 di cui personale 719. Costo medio del servizio 4.853 Processo DGE/1 Servizio Relazioni con il pubblico il servizio prevede l'erogazione di informazioni sulla struttura, gli uffici, i servizi, gli orari e requisiti necessari per l'attuazione dei procedimenti

Dettagli

SETTIMANA DELLA RICERCA EUROPEA da lunedi 7 a venerdì 11 ottobre 2013

SETTIMANA DELLA RICERCA EUROPEA da lunedi 7 a venerdì 11 ottobre 2013 SETTIMANA DELLA RICERCA EUROPEA da lunedi 7 a venerdì 11 ottobre 2013 Firenze, Via della Condotta 12 nero Modulo I (Il sistema degli incentivi alla Ricerca) 7 ottobre Modulo II (Ingegneristica di Bandi

Dettagli

START CUP CALABRIA 2016 REGOLAMENTO

START CUP CALABRIA 2016 REGOLAMENTO START CUP CALABRIA 2016 REGOLAMENTO Articolo 1 Definizione dell iniziativa La Start Cup Calabria 2016 (in breve: SCC) è una competizione tra studenti, laureati, ricercatori, docenti, neoimprenditori che

Dettagli

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING MEMORANDUN OF UNDERSTANDING PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SAN MARINO ITALIA Repubblica di San Marino, 6 novembre 2012 Memorandum of understanding per la realizzazione del Parco

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

Il Programma Operativo Regionale del Friuli Venezia Giulia

Il Programma Operativo Regionale del Friuli Venezia Giulia 1 PERIODICO DI INFORMAZIONE SULLE OPPORTUNITÀ DEL POR FESR IN FRIULI VENEZIA GIULIA INVESTIAMO NEL NOSTRO FUTURO Comunicare informando Vogliamo iniziare questa edizione, ringraziando sentitamente per i

Dettagli

AVVISO RISERVATO AI POLISTI

AVVISO RISERVATO AI POLISTI AVVISO RISERVATO REALIZZAZIONE CORSI DI FORMAZIONE - BUSINESS SCHOOL PREMESSO CHE a) che la Regione Abruzzo, nell ambito del POR FESR ABRUZZO 2007-2013 e a valere sull Attività I.1.2. Sostegno alla creazione

Dettagli

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale INDICE COSA Che cos'è uno Spin Off CHI Gli attori dello Spin Off PERCHE' Perché creare uno Spin Off QUANDO L'idea imprenditoriale COME La procedura per la creazione e l'avvio di uno spin Off Come realizzare

Dettagli

INCUBATORE DI IMPRESE DI CORVIALE

INCUBATORE DI IMPRESE DI CORVIALE INCUBATORE DI IMPRESE DI CORVIALE un vivaio di idee e progetti di impresa per il rilancio economico di Corviale IL PROGETTO INCUBATORE Un incubatore è una struttura fisica, ma è soprattutto un sistema

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Scadenziario Friuli Venezia Giulia

Scadenziario Friuli Venezia Giulia EU Azzano Anno 0 Numero 0 N. 1 (Gennaio Febbraio 2008) Periodico di informazione a favore dei cittadini e delle imprese sulle opportunità di finanziamento Comunitarie Nazionali Regionali L Amministrazione

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale (compilare un documento per ciascuna area di specializzazione individuata)

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE Innovation Factory, incubatore certificato di AREA Science Park (di seguito IF ), nel quadro degli interventi volti a

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali Allegato 1 1. Premessa AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per il cofinanziamento di interventi a

Dettagli

gennaio 2012-dicembre 2014

gennaio 2012-dicembre 2014 ACTIVITY REPORT gennaio 2012-dicembre 2014 23 Accordi di sistema ricerca-impresa 3 Contact Point presso le Università 5 Contact Point presso le Camere di Commercio 5 Contact Point presso le sedi provinciali

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

Le prospettive della rete d impresa nell ambito BioHighTech

Le prospettive della rete d impresa nell ambito BioHighTech Le prospettive della rete d impresa nell ambito BioHighTech Ing. Diego Bravar Presidente Rete BioHighTech Net e Delegato per la Ricerca e l Innovazione di Confindustria Friuli Venezia Giulia Trieste, 9

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Ricerca e Innovazione nelle imprese. Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese

Ricerca e Innovazione nelle imprese. Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese Ricerca e Innovazione nelle imprese Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese OBIETTIVI DELL INTERVENTO Rafforzare la ripresa economica con azioni qualificate per

Dettagli

Venezia, 13 luglio 2009. Il progetto. Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT

Venezia, 13 luglio 2009. Il progetto. Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT Venezia, 13 luglio 2009 Il progetto Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT Il consorzio IMPAT IMPAT è un consorzio senza scopo di lucro tra ENEA, Università degli Studi di Ferrara e Tecnopolis Parco Scientifico

Dettagli

ALLEGATO ALL ACCORDO DI PROGETTO COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L UNIVERSITA DI SASSARI

ALLEGATO ALL ACCORDO DI PROGETTO COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L UNIVERSITA DI SASSARI COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L Formazione e aggiornamento dei ricercatori del Centro di Biotecnologia dell Università Eduardo Mondlane di Maputo (AID 9397)

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

deve pervenire in originale, consegnata a mano, entro il termine di 30 giorni

deve pervenire in originale, consegnata a mano, entro il termine di 30 giorni Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

Scienza e società: la ricerca fondamentale impegnata nel trasferimento tecnologico

Scienza e società: la ricerca fondamentale impegnata nel trasferimento tecnologico University of Trieste Scienza e società: la ricerca fondamentale impegnata nel trasferimento tecnologico Maurizio Fermeglia rettore@units.it Un Network di istituzioni scientifiche Trieste, venerdì 19 luglio

Dettagli