IL CONSUMO DI BIOMASSA A FINI ENERGETICI NEL SETTORE DOMESTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONSUMO DI BIOMASSA A FINI ENERGETICI NEL SETTORE DOMESTICO"

Transcript

1 ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E L'AMBIENTE Dipartimento Energia IT445 5SN/ A IL CONSUMO DI BIOMASSA A FINI ENERGETICI NEL SETTORE DOMESTICO VINCENZO GERARDI, GIOVANNI PERRELLA ENEA - Dipartimento Energia Centro Ricerche Casaccia, Roma FABRIZIO MASIA CIRM Research market srl, Milano RT/ERG/98/9

2 I contenuti tecnico-scientifici dei rapporti tecnici dell'enea rispecchiano l'opinione degli autori e non necessariamente quella dell'ente.

3 Please be aware that all of the Missing Pages in this document were originally blank pages

4 SUMMARY Biomass consumption for energetic purpose in the household sector In this report are reported the results of a sampling survey performed to determine the biomass consumption for energetic purpose in the household sector. In particular, the methodology and the sampling plan adopted to get a result with an error, at national level, of ì 2.4 % are illustrated. The percentage of the Italian families using biomass for energetic purpose resulted 31.4 %, with an annual consumption of 21.5 Mt, mostly consisting of wood. In addition, the following information have been indicated: 1. Use of other biomass typologies (coal, hazelnut or almond shells, olive husk, etc.); 2. Used quantities, related supply channels and biomass costs; 3. Presence of other heating systems; 4. Household typologies; 5. Satisfaction level and availability to change. KEY WORDS: BIOMASS, HOUSEHOLD SECTOR, HEATING SYSTEMS. RIASSUNTO Nel presente rapporto sono riportati i risultati di una indagine campionaria effettuata per determinare il consumo di biomassa a fini energetici nel settore domestico. In particolare viene illustrata la metodologia ed il piano di campionamento adottato per avere un risultato che abbia a livello nazionale un errore del ± 2,4 %. La percentuale delle famiglie italiane facenti uso di biomassa a fini energetici è risultata pari al 31,4 %, per un consumo annuo di 21,5 Mt, costituito in gran parte da legna. Oltre ai suddetti dati, si sono indicate alcune informazioni relative a: 1. utilizzo di altre tipologie di biomasse (carbone di legna, gusci di nocciole o di mandorle, sansa, ecc); 2. quantitativi utilizzati, relativi canali di approvvigionamento e costi per l'acquisto della biomassa; 3. presenza di altri sistemi di riscaldamento; 4. tipologia delle unità abitative; 5. livello di soddisfazione e propensione al cambiamento.

5 INDICE 1. PREMESSA 5 2. METODOLOGIA 5 3. IL PIANO DI CAMPIONAMENTO 6 4. LA PENETRAZIONE DELLE BIOMASSE IN ITALIA 1 5. LE TIPOLOGIE DI BIOMASSE UTILIZZATE LE MODALITÀ' DI ACQUISIZIONE I CONSUMI DI BIOMASSA LA SODDISFAZIONE DELLE FAMIGLIE UTILIZZATRICI ALTRI SISTEMI DI RISCALDAMENTO CONCLUSIONI 26

6 1. PREMESSA L'ENEA, Ente nazionale per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente, nell'ambito dell'accordo MICA-ENEA, ha incaricato l'istituto CIRM di svolgere un'indagine estensiva atta alla determinazione del consumo su scala nazionale di biomassa a fini energetici nel settore domestico nel periodo novembre 19,96-ottpbre:i997. In merito alle finalità specifiche della ricerca, l'indagine si è posta l'obiettivo fondamentale di ottenere informazioni relative a: 1. utilizzo o meno di legno o di altre tipologie di biomasse (carbone di legna, gusci di nocciole o di mandorle, sansa, ecc); 2. quantitativi utilizzati per tipologia di biomassa; 3. canali di approvvigionamento (legna autoapprovvigionata o acquistata); 4. costi (totali e/o unitari) per l'acquisto della biomassa; 5. presenza nelle unità abitative di altri sistemi di riscaldamento; 6. tipologia delle unità abitative (isolate o in condominio; prima o seconda casa); 7. livello di soddisfazione inerente alle biomasse utilizzate; 8. propensione al cambiamento del tipo di combustibile. 2. METODOLOGIA Operativamente, la ricerca, di tipo telefonico, è stata rivolta ad un campione di almeno 1.6 famiglie che utilizzano biomassa per il riscaldamento delle abitazioni primarie e secondarie. Tale numerosità assicura, con un coefficiente di confidenza del 95 %, un errore massimo pari a + 2,4 % sulle stime campionarie. Nel corso del mese di Settembre '97, l'istituto CIRM ha effettuato in via esplorativa un'indagine pilota di oltre 1 casi finalizzata a verificare la percentuale di famiglie facenti uso di biomassa, onde stimare il numero di famiglie da contattare per il raggiungimento della numerosità campionaria prevista. Il risultato della ricerca pilota ha definito nel 3,4 % tale percentuale. E' stato previsto, quindi, di contattare non meno di 6 famiglie, rappresentative della popolazione nazionale delle famiglie. In caso di non raggiungimento del quorum di almeno 16 casi, si sarebbero effettuati degli ulteriori contatti (oversampling), sino al raggiungimento della numerosità campionaria prevista. L'individuazione delle 16 famiglie campione è stata conseguente ad una prima domanda "filtro" del questionario rivolta ad un membro adulto del nucleo famigliare, mediante la quale è stato possibile verificare l'eventuale utilizzo di biomassa a fini energetici. Il questionario completo è stato, quindi, sottoposto alla persona che all'interno della famiglia si occupa dell'approvvigionamento del combustibile. Lo schema di selezione delle almeno 1.6 unità campionarie è il seguente:

7 Contatti Almeno 6 famìglie rappresentative della popolazione nazionale Domanda filtro Interviste Non meno di 16 famiglie che utilizzano biomassa per il riscaldamento domestico L'indagine è stata realizzata mediante un questionario pre-codificato contenente non più di 15 domande, esclusi i dati di tipologia, successivamente riportato. Le rilevazioni telefoniche sono state effettuate tramite sistema CATI (Computer Assisted Telephone Interview). Il sistema CATI permette la gestione del questionario da parte dell'intervistatore direttamente su personal computer. In questo modo si riducono i rischi di errore nella compilazione del questionario e nella trascrizione dei dati. I questionari compilati, infatti, risultano direttamente disponibili per l'elaborazione. 3. IL PIANO DI CAMPIONAMENTO II piano di campionamento ha previsto una stratificazione a tre stadi, con selezione con passo sistematico di circa 3 punti di campionamento dispersi su tutto il territorio nazionale. Il campione da contattare è stato di tipo casuale, proporzionale. In particolare, la stratificazione delle unità familiari contattate è stato funzionale alle seguenti variabili: distribuzione delle famiglie a livello regionale (primo stadio) (tabella 1); distribuzione delle famiglie per ampiezza dei nuclei abitati (secondo stadio) (tabella 2); distribuzione delle famiglie per zone altimetriche: montagna interna, montagna litoranea, collina interna, collina litoranea, pianura (terzo stadio) (tabella 3). All'interno delle celle di stratificazione le unità sono state selezionate mediante estrazione casuale dagli archivi telefonici comunali. Per soddisfare l'esigenza di avere dall'indagine informazioni sui consumi di biomassa anche a carattere regionale, pur con margini di errore maggiore a quello richiesto a livello nazionale si è effettuato un oversampling in alcune regioni meno popolose e con basso livello di penetrazione di consumo, per garantire una seppure tendenziale lettura dei fenomeni a livello territoriale locale. Ciò non ha inficiato l'affidabilità dei risultati a livello nazionale, i quali non sono stati forniti allo stato grezzo, ma opportunamente ponderati, per restituire a ciascuna regione l'effettivo peso rispetto alla popolazione nazionale complessiva. Alla fine della ricerca si è raggiunto un campione di 1727 famiglie che utilizzano biomasse per fini energetici nelle prime e/o seconde case. Per ottenere il suddetto quorum sono state

8 contattate oltre 7 famiglie rappresentative della popolazione nazionale delle famiglie per regione, ampiezza dei nuclei abitati e zona altimetrica. Tabella 1: distribuzione regionale del campione (1 stadio) REGIONE Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino A. A. Veneto Friuli V.G. Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA Numero delle famiglie residenti (ISTAT 1996) Numero dei contatti previsti

9 Tabella 2: distribuzione del campione per ampiezza dei centri (2 stadio) REGIONE < > 1. TOT. Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino A. A Veneto Friuli V.G Liguria Emilia Rom Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA

10 Tabella 3: distribuzione del campione per zone altimetriche (3 stadio) REGIONE Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino A. A. Veneto Friuli V.G. Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA Montagna interna Montagna litoranea Collina interna Collina litoranea Pianura TOT

11 4. LA PENETRAZIONE DELLE BIOMASSE IN ITALIA La penetrazione delle biomasse in Italia, cioè la percentuale delle famiglie italiane che fanno uso di biomasse a fini energetici, è risultata pari al 31,4 %. Si tratta di un utilizzo ancora piuttosto diffuso sul territorio, presentandosi per circa un terzo delle famiglie utilizzatrici come unica fonte termica utilizzata. Il fenomeno si caratterizza per una diversa distribuzione territoriale, configurandosi in effetti tanto regioni ad elevata penetrazione quanto regioni a bassa penetrazione. Tra le prime annoveriamo il Trentino e la Sardegna, con una penetrazione superiore al 5 % e la Valle d'aosta con il 5 %, regioni connotate o da una particolare morfologia montana o da particolari condizioni di isolamento. Tra le seconde sono degne di menzione la Sicilia e la Lombardia, con penetrazione inferiore al 25 %. Grafico 1: la penetrazione delle biomasse in Italia (% famiglie utilizzatrici) La penetrazione del fenomeno presenta una distribuzione disomogenea anche qualora si considerino le tipologie abitative all'interno delle quali vengono utilizzate le biomasse a fini energetici. 1

12 Tabella 4: penetrazione delle biomasse in Italia (% famiglie utilizzatrici) REGIONE Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA % 3,8 5, 24,3 52,3 32,5 33,6 27,8 26,6 31,5 49,5 39,1 3,5 39,8 4, 32,2 27,7 46,2 44,1 22,7 52,3 31,4 A conferma del fatto che le biomasse non rivestono un ruolo marginale nel soddisfare il fabbisogno energetico familiare, soprattutto in alcune regioni, l'indagine ha messo in rilievo una netta predominanza di utilizzo nell'ambito delle prime case, nelle quali si identifica generalmente il domicilio (85 % circa delle famiglie facenti uso), a fronte di un più contenuto impiego nelle seconde case, con una esigua percentuale di famiglie utilizzatrici sia nella prima sia nella seconda casa (poco più del 2 %). Se poi si passa ad analizzare la distribuzione del consumo, si osserva che oltre l'86 % del consumo complessivo annuo si concentra nelle prime case.

13 Grafico 2: penetrazione e distribuzione del consumo per tipologia abitativa Seconda casa 12,9 i Entrambe 2,3 Seconda casa 13,6 Prima casa 84,8 PENETRAZIONE DISTRBUZlOfiE Base: 1727 famiglie utilizzatrici Nelle prime case, in particolare, le unità singole pesano quasi il 6 % sull'utilizzo complessivo, mentre nelle seconde case la percentuale si innalza al 67 %. Nel complesso quindi sono le unità maggiormente isolate a favorire l'uso delle biomasse. Il restante 4 % si distribuisce tra unità bi-trifamiliari e appartamenti in condominio, in assoluto i meno adatti all'utilizzo di combustibile non fossile, per cui è molto probabile l'uso ludico delle biomasse in caminetti, non finalizzato in prima priorità al fabbisogno energetico dell'utenza. Il fenomeno è piuttosto evidente nelle seconde case, difficilmente localizzate in grandi nuclei urbani, connotate da un carattere di maggiore isolamento. Grafico 3: penetrazione delle biomasse per unità abitative Lhilàbi-trifamiliare23, LhHà bi-trifamiliare 17,3 Appari in condominio 19,4 j Appari in condominio 15,8 Uvtasingola/schiera 57,6 Lhita singola/schiera 66,9 PRMECASE SEOOtUECASE Base: 155 famiglie utilizzatrici (1 A casa) e 263 famiglie utilizzatrici (2 A casa) 12

14 Grafico 3: penetrazione delle biomasse per unità abitative Unità bi-trifamiliare 23, U*à bi-trifamilìare 17,3 Appari, in condominio 19/4 Appari in condominio 15,8 Unità singola/schiera 57,6 Unità singola'schiera 66,9 FRMECASE SECONDE G4SE Base: 155 famiglie utilizzatrici (1 A casa) e 263 famiglie utilizzataci (2 A casa) 5. LE TIPOLOGIE DI BIOMASSE UTILIZZATE Tra le varie tipologie di biomasse utilizzabili, è la legna in assoluto il combustibile di maggiore utilizzo, mentre le rimanenti tipologie si configurano in linea di principio come elementi energetici succedanei. In effetti dall'indagine risulta che, nel novero delle famiglie utilizzatrici, la legna viene usata come combustibile prevalente dalla quasi totalità degli intervistati, con un utilizzo complessivo (prevalente e complementare) che supera il 98 %. Il dato riportato all'intero insieme delle famiglie italiane illustra che, se il 31,4 % fa uso di biomasse, ben il 3,8 % utilizza legna con una quota di utilizzo delle altre biomasse pari a solo il 2,5 %. Tabella 5: tipologie di biomasse utilizzate Legna Carbone di legna Gusci di frutta secca Sansa Altro Nessuna Base: 1727 famiglie utilizzatrici Biomassa prevalente 97,4 1,1,3,5,7 - Altre biomasse utilizzate,7 2,5 1,1,5 1,4 93,8 Utilizzo complessivo 98,1 3,6 1,4 1, 2,1-13

15 Grafico 4: tipologie di biomasse utilizzate Legna: 3,8 Carbone: 1,1 Utilizzano 31,4 Gusci:,4 Sansa:,3 Non utilizzano 68,6 Altro: OJ Base: universo famiglie italiane 6. LE MODALITÀ' DI ACQUISIZIONE Per ciò che attiene alle modalità di acquisizione, si osserva una sostanziale equità tra i canali di approvvigionamento (acquisto e auto-approvvigionamento). In particolare, nelle prime case si rivela lievemente superiore l'utilizzo e il consumo di biomasse acquistate (fenomeno che tenendo conto delle "non fatturazioni" assume presumibilmente dimensioni superiori), mentre nelle seconde case, verosimilmente a causa delle localizzazioni maggiormente distanti dai centri di acquisto da un lato e più vicine ai canali naturali dall'altro, si nota un più forte impiego e consumo di combustibile autoapprovvigionato (poco più del 6 %). E' interessante osservare che acquisti e consumi non necessariamente sono sincronici: infatti circa il 3 % degli utilizzatoti di biomasse ha dichiarato di aver effettuato l'acquisto in anni antecedenti il consumo. Per quanto riguarda la legna, il costo medio al quintale è stimabile in circa 17. lire, per un totale di spesa annua nazionale pari a poco meno di 2 miliardi. 14

16 Grafico 5: canali di approvvigionamento Produce/si rifornisce da sé 45,9 Produce/si rifornisce da sé 62,5 Entrambe 2,9 Acquista 47, Acquista 34,6 PRIME CASE SECONDE CASE Base: 155 famiglie utilizzatrici (1 A casa) e 263 famiglie utilizzatrici (2 A casa) Grafico 6: segmentazione dei consumi per canali di approvvigionamento Autoprodotta 49,3 Autoprodotta 63,9 CONSUMO (PRME CASE) Base: 155 famiglie utilizzatrici (1 A casa) e 263 famiglie utilizzatrici (2 A casa) CONSUMO (SECOfiBE CASE) 15

17 Grafico 7: distribuzione acquisti di legna per anno di acquisizione Anno 1996: 17, Perìodi precedenti 28,8 Anno 1995: 8,6 Novembre 96 - Ottobre 97 Anni precedenti: 3,2 Base: 815 famiglie acquirenti Tabella 6: acquisti di legna Quantità (t) Spesa totale (MLit) Spesa media (Lit /1) Base: 815 famiglie acquirenti Acquisti precedenti a novembre Acquisti nov ott CONSUMI DI BIOMASSA L'indagine ha consentito di stimare il consumo nazionale annuo di biomasse in oltre 21,5 Mt, che corrispondono approssimativamente a 5,39 Mtep, con un consumo medio per famiglia utilizzatrice stimabile in 3,27 t/a, una variabilità che va da poche centinaia di chilogrammi per le famiglie che fanno un uso saltuario e ludico di questa risorsa fino a superare le 15 t per quelle che la utilizzano in modo rilevante per il riscaldamento della propria abitazione. La quasi totalità dei consumi è rappresentato dalla legna (potere calorifico inferiore fissato in 25 kcal/kg, in analogia a quanto fissato nel Bilancio Energetico Nazionale), che si stima essere stata utilizzata nella misura di 2,8 Mt/a, per un corrispettivo di 5,22 Mtep. 16

18 E' necessario chiarire che il valore dei Mtep sopra indicato è ben lontano dal corrispettivo valore che si sarebbe avuto se si fossero utilizzati dispositivi alimentati a combustibile tradizionale, in quanto l'efficienza di trasformazione dei dispositivi per uso domestico può essere notevolmente inferiore a quelli a combustibile fossile. Si pensi che i caminetti tradizionali, molto diffusi nella realtà italiana, difficilmente hanno rendimenti medi superiori al 1 %, per passare a valori intorno al 5 % in quelli a recupero con focolare schermato ed al 7 % per le caldaie a legna, contro 1'75-9 % delle caldaie a gasolio, GPL o a metano. Nella tabella 7 si sono riportati i consumi delle famiglie utilizzatrici residenti e non residenti a livello nazionale e regionale, con l'indicazione dei margini di errore cui sono soggette le stime. Si deve evidenziare che mentre i dati nazionali presentano un'elevata precisione, quelli regionali vanno considerati come orientamenti, essendo suscettibili di non marginali variazioni. Nella tabella 8 vengono indicati i consumi medi e totali di biomassa per le tre stratificazione delle famiglie utilizzatrici considerata nello studio: 1. la tipologia dell'unità abitativa; 2. l'ampiezza dei centri abitati; 3. la zona altimetrica. I consumi di biomasse tendono a concentrarsi, come già visto, nelle unità singole o a schiera, che pesano complessivamente oltre il 6% sul consumo totale annuo. Elevato peso è altresì assunto dai nuclei abitati di minori dimensioni, ossia dai comuni con meno di 3. abitanti, all'interno dei quali nel corso dell'anno compreso tra novembre 1996 e ottobre 1997 sono stati consumati 4,11 Mtep (per una percentuale sul totale del 76,8 %) in biomasse. Per quanto riguarda la distribuzione dei consumi in termini di zone altimetriche, si osserva una sostanziale equidistribuzione tra tenitori di montagna, di collina e di pianura. Questo è giustificato dal fatto che, se la popolazione italiana tende a essere più concentrata in pianura, il consumo medio di biomasse cresce mediamente in progressione via via che ci si sposta verso tenitori più montagnosi. Mediante un'elaborazione ENEA-CIRM su dati desunti dai Bilanci Energetici Regionali (BER), è stato inoltre possibile confrontare i dati di consumo di biomasse inseriti nei BER rispetto ai consumi rilevati dall'indagine della CIRM (tabella 9). Si deve evidenziare che i dati riportati nei BER sono elaborazioni, effettuate dall'enea nell'ambito del Sistema Statistico Nazionale (SISTAN), di dati elementari prodotti da vari organismi, tra i quali l'istat, l'enel, la SNAM, il Ministero dell'industria, del Commercio e dell'artigianato (MICA) e da indagini specifiche dell'enea. Nel caso specifico della biomassa, la fonte principale è l'istat, con le Statistiche Forestali, dove non viene rilevato il consumo bensì la produzione di legname differenziata per tipo di utilizzazione, con esclusione del legname derivato da coltivazioni fruttifere. 17

19 Tabella 7: consumi di biomasse nelle famiglie residenti e non residenti utilizzatrici (t/a) REGIONE PIEMONTE VALLE D'AOSTA LOMBARDIA TRENTINO A. A. VENETO FRIULIV. GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA Famiglie residenti Famiglie non residenti L Totale Margine assoluto d'errore stimato (%) 14, 18, 9,3 2, 12, 16,9 19,6 16,7 16,9 22,9 17,1 13,4 17,1 16,7 13,4 15,1 16, 18,6 13,6 19,6 2,4

20 Tabella 8: consumi di biomasse per strati Consumo medio famiglie utilizzatrici (t/a) Consumo totale famiglie utilizzatrici (t/a) Consumo totale famiglie utilizzatrici (tep/a) Unità abitative Unità singole/schiera 3, Unità bi-trifamiliari 3, Appartamenti in condominio 2, Ampiezza centri Comuni con meno di 3. abitanti 3, Comuni con più di 3. abitanti 2, Zona altimetrica Montagna 3, Collina 3, Pianura 2, ITALIA 3,

21 Come si può osservare dai dati in tabella 9, i dati BER sono generalmente molto inferiori a quelli rilevati in maniera campionaria dalla CIRM, tranne alcune realtà locali, quali la Valle d'aosta e l'abruzzo. Nel primo caso si ha la quasi coincidenza della biomassa forestale prodotta con quella utilizzata; ciò può essere spiegato con l'utilizzo energetico autoctono della risorsa forestale disponibile per questo uso e la scarsa disponibilità legnose da coltivazioni fruttifere. Nel secondo caso il valore di produzione è superiore a quello di consumo poiché una quota della produzione viene consumata nelle regioni limitrofe. Ciò è dovuto al fatto che il metodo di rilevazione dell'istat utilizza i dati acquisiti dai centri di distribuzione, non sempre corrispondenti con la localizzazione dei consumi: quanto detto è valido anche per i dati riferiti alle altre fonti energetiche, ad eccezione dei consumi elettrici. Tabella 9: consumi annui nel settore residenziale (tep) REGIONE PIEMONTE VAL D'AOSTA LOMBARDIA TRENTINO A. A. VENETO FRIULI V. GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA Biomasse da BER Biomasse da CIRM

22 Nella tabella 1 si è riportata l'incidenza del consumo di biomassa sul consumo energetico totale del settore residenziale secondo le due diverse metodologie di stime del consumo di biomassa. I valori di stima CIRM confermano che il consumo di biomassa in Italia assume dimensione rilevante, con un peso a livello nazionale pari a circa il 17,5 %, e con alcune regioni in cui si presenta come risorsa rilevante per il soddisfacimento dei fabbisogni termici delle famiglie. I territori in cui questa realtà sembra essere di più semplice constatazione sono le regioni del Sud, come il Molise, la Calabria, la Basilicata e la Campania, oltre alla Sardegna. D valore percentuale molto alto indicato per il Molise è legato al fatto che, mentre con l'indagine campionaria si ha una ridistribuzione dei consumi tra le regioni limitrofe, soprattutto Abruzzo e Lazio, il peso delle altre fonti energetiche mantiene la distribuzione effettuata dai BER, legata, come già detto in precedenza, non alla effettiva localizzazione dei consumi, ma a quella dei centri di distribuzione. Decisamente più basso (4,1 %) si presenta il contributo medio energetico delle biomasse stimato nei BER: ciò può essere spiegato dal fatto che tale metodologia considera esclusivamente i dati ufficiali di produzione legnosa forestale, per mancanza di ulteriori informazioni. Bisogna considerare che in realtà: 1. resta escluso il contributo delle coltivazioni arboree, 2. mancano informazioni sulla biomassa forestale autoapprovvigionata; 3. i dati ufficiali delle tagliate riportate nelle statistiche ISTAT sono sotto stimate per numero, superficie e quantità prodotta. 21

23 Tabella 1: Peso energetico delle biomasse nel settore residenziale, secondo la metodologia BER e CIRM (%) REGIONE PIEMONTE VAL D'AOSTA LOMBARDIA TRENTINO A. A. VENETO FRIULI V. GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA Peso Energetico Biomasse (BER) 3,98 2,88 2,7 4,14 1,33 2,39 4,55,88 2,51 4,5 2,45 8,24 25,66 14,36 3,66 2,55 5,21 2,2 2,74 1,75 4,11 Peso Energetico Biomasse (CIRM) 14,99 2,25 1,89 24,19 15,61 17,97 14,73 1,77 15,82 26,78 21,16 16,22 17,6 5,51 3,25 21,83 38,9 47,12 25,1 42,51 17,49 22

24 8. LA SODDISFAZIONE DELLE FAMIGLIE UTILIZZATACI I sistemi energetici alimentati dalle biomasse sono nel complesso soddisfacenti, considerando che solo 8,5 % degli intervistati (Grafico 8) dichiara di essere in linea di massima insoddisfatto. L'elevato margine di soddisfazione è comprovata da una propensione al cambiamento (cioè la volontà dichiarata di passare ad un sistema alimentato da combustibile fossile) che, sulla base della scala di Agostini (peso,75 le "intenzioni certe" e,25 le "intenzioni probabili"), è stimabile nel 2,5 % (Grafico 9). Ne consegue che, verosimilmente, i sistemi alimentati da biomasse avranno nel 1998 una penetrazione praticamente uguale a quella stimata quest'anno. Grafico S: soddisfazione nei confronti dei sistemi alimentati da biomasse 34,2 37,, 1, 15, 2, 25, 3, 35, 4, Base: 1727 famiglie utilizzatrici 23

25 Grafico 9: propensione al cambiamento Cambiamento certo Cambiamento probabile Indecisione Conservazione prob. Conservazione certa, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, Base: 1727 famiglie utilizzataci 9. ALTRI SISTEMI DI RISCALDAMENTO L'affermazione secondo cui saranno pochissime le famiglie che nel corso del 1998 abbandoneranno i sistemi alimentati da biomasse è rafforzata dal fatto che un buon 66 % fa uso di combustibile fossile: le biomasse rappresentano voerosimilmente per queste famiglie un consumo di carattere complementare ai combustibili fossili. Tra quelli a combustibile fossile, è stata rilevata una buona diffusione dei sistemi a metano (il 3 % circa), a gasolio (16,5 %) e a GPL (14 %). Diffusione interessante (il 5 % circa) anche per sistemi a elettricità, olio, kerosene e per i termoconvettori. Il costo medio annuo per la gestione annua dei sistemi non alimentati da biomasse è stimabile attorno a lire all'anno. 24

26 Grafico 1: presenza di altri sistemi di riscaldamento Metano: 3,3 j Gasolio: 16,5 Sì 65,8 GPL 14,3 Cartone:,1 No 34,2 Altro/s.op: 4,6 Base: 1727famiglie utilizzatrici Grafico 11: costo medio annuo di gestione dei sistemi alimentati da combustibile fossile Seconda casa L. 844 Prima casa L Base: 125 famiglie (1 A casa) e 139 famiglie (2 A casa) che dispongono sia di sistemi alimentati da biomasse sia di sistemi alimentati da combustibile fossile 25

27 1. CONCLUSIONI II risultato dell'indagine campionaria effettuata è che il consumo nazionale annuo di biomasse per uso energetico nel settore residenziale è, con un errore massimo di + 2,4 %, di oltre 21,5 Mt, corrispondenti approssimativamente a 5,39 Mtep, e un consumo medio per famiglia utilizzatrice di 3,27 t/a. Sono state inoltre acquisite ulteriori informazioni, riassumibili nei seguenti punti: - 1. La penetrazione delle biomasse in Italia, cioè la percentuale delle famiglie italiane che fanno uso di biomasse a fini energetici, è risultata pari al 31,4 %. A fronte di questo'dato medio, la penetrazione a livello territoriale si presenta molto elevata in quelle regioni che presentano una particolare morfologia montana o particolari condizioni climatiche e di isolamento, quali la Sardegna, la Valle d'aosta ed il Trentino Alto Adige, con il 5 % e più, mentre in altre regioni si scende a valori inferiori o vicini al 25 %, come la Sicilia, la Lombardia, l'emilia Romagna, la Puglia e la Liguria. 2. La biomassa di gran lunga più utilizzata è la legna, con oltre il 97% delle famiglie utilizzatrici a farne un uso prevalente, mentre un utilizzo trascurabile, generalmente di tipo ausiliare, è riservato al carbone da legna, ai gusci di frutta secca, alla sansa. Nello studio si sono riportati anche i consumi annui suddivisi per regione e confrontati con i dati indicati per i Bilanci Energetici Regionali. La notevole differenza tra i valori indicati (1,1 Mtep dei BER contro i 5,4 Mtep della CIRM) potrebbe essere la conseguenza del diverso approccio seguito per la rilevazione dei dati. Infatti per i BER i dati sono elaborazioni dei dati estratti dalle Statistiche Forestali dell'1st AT, assumendo che il consumo sia uguale alla produzione di legname per uso energetico, per cui restano esclusi i contributi delle coltivazioni arboree e gli autoapprovvigionamenti. Se si tiene conto che non considerando la biomassa autoapprovvigionata la quantità rilevata dalla CIRM praticamente si dimezzerebbe, ed ipotizzando che circa il 6 % della biomassa acquistata sfugge ai canali di rilevazione fiscale, il risultato finale della rilevazione CIRM sarebbe molto vicino a quello riportato dai BER. 3. Per quanto riguarda le modalità di acquisizione, si osserva una sostanziale equità tra i canali di approvvigionamento (acquisto e auto-approvvigionamento). In particolare, il consumo di biomasse acquistate (circa il 47 % delle famiglie utilizzatrici acquista biomassa, per un consumo percentuale di oltre il 5 %) si rivela lievemente superiore nelle prime case, mentre nelle seconde case, verosimilmente a causa delle localizzazioni maggiormente distanti dai centri di acquisto da un lato e più vicine ai canali naturali dall'altro, si nota un più forte impiego e consumo di combustibile auto-approvvigionato (poco più del 6 %). Per quanto riguarda la legna, il costo medio al quintale è stato stimato in circa 17. lire, per un totale di spesa annua nazionale pari a poco meno di 2 miliardi di lire. 4. La ripartizione dei consumi medi e totali di biomassa rileva che oltre ]'86 % della biomassa consumata viene utilizzata nelle prime case, con un utilizzo che tende a concentrarsi nelle unità singole o a schiera (oltre il 6% sul consumo totale annuo), ad avere un elevato peso nei nuclei abitati con meno di 3. abitanti (per una percentuale sul totale del 76,8 %), mentre si ha una sostanziale equidistribuzione tra i tenitori di montagna, di collina e di pianura (giustificato dal fatto che, se la popolazione italiana 26

I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999

I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999 IT0200161 ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGÌE, issn /1124 / 7932 L'ENERGIA E L'AMBIENTE Serie Energìa I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999 VINCENZO GERARD! ENEA Divisione

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

L indagine Istat sui consumi energetici delle famiglie: principali risultati

L indagine Istat sui consumi energetici delle famiglie: principali risultati L indagine Istat sui consumi energetici delle famiglie: principali risultati Paola Ungaro Istat Direzione Statistiche socio-demografiche e ambientali ungaro@istat.it Roma, 15 Dicembre 2014 «I consumi energetici

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici.

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

RELAZIONE AI SENSI DELL ART. 11

RELAZIONE AI SENSI DELL ART. 11 Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico 19 febbraio 2007 come modificato dal d.min. 26 ottobre 2007 e coordinato con il d.min. 7 aprile 2008

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

I CONSUMI ENERGETICI DELLE FAMIGLIE

I CONSUMI ENERGETICI DELLE FAMIGLIE 15 Dicembre 2014 Anno 2013 I CONSUMI ENERGETICI DELLE FAMIGLIE La quasi totalità delle famiglie risiede in abitazioni dotate di impianto di riscaldamento degli ambienti e dell acqua, mentre i sistemi per

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive Walter Righini Presidente FIPER CHI SIAMO 86 Centrali di teleriscaldamento a biomassa vergine (di cui 16 cogenerative) 22

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Efficienza Energetica: la soluzione 55%

Efficienza Energetica: la soluzione 55% Efficienza Energetica: la soluzione 55% Ing. GIAMPAOLO VALENTINI Coordinatore Gruppo di Lavoro Efficienza Energetica La Villa, 29 marzo 2009 L OBIETTIVO 20-20 20-20 La proposta della Commissione Europea

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane

Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane Dati statistici 2012-2014 e monitoraggio degli obiettivi burden sharing 27 giugno 2016 1 1. Premessa In questo documento sono

Dettagli

Addetti L-A - ripartizione per comparto

Addetti L-A - ripartizione per comparto STIMA DELLE QUANTITA DI RESIDUI LEGNOSI PRODOTTI IN ITALIA Sebastiano Cerullo* e Alessandra Pellegrini * Responsabile di AssoLegno/Federlegno-Arredo Responsabile Ufficio Normative Ambientali - Centro Studi

Dettagli

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo Indagini di clima Metodologia Panel Ismea Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo I Panel Ismea Ismea conduce sistematicamente delle indagini congiunturali e tendenziali

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 4 agosto 2011. Integrazioni al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, di attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI Febbraio 2013 METODOLOGIA Il campione è di 653 studi dentistici, proporzionalmente suddivisi per aree Nielsen. North West Piemonte, Val d Aosta, Lombardia,

Dettagli

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto 2. Sono approvati gli allegati IV, V, VI e VII, recanti integrazioni al metodo di calcolo dell energia da cogenerazione ad alto rendimento, relativamente a: a) allegato IV - valori di rendimento di riferimento

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE Presentazione dei risultati Indagine effettuata per PROMOTION MILANO, marzo 2000 1 OBIETTIVI GENERALI Analizzare la domanda di prodotti promozionali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO APRILE 2016 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo aprile 2016 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO 27 Gennaio 2014 Quorum www.quorumsas.it Il campione La definizione del campione Nelle prossime pagine si analizza il discostamento del campione analizzato

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE 2012 Mario NOCERA

LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE 2012 Mario NOCERA Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico 19 febbraio 2007 recante titolo Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Obbiettivi regionali nell Ambito del Piano Energetico Nazionale. Dott.ssa Rita Montagni

Obbiettivi regionali nell Ambito del Piano Energetico Nazionale. Dott.ssa Rita Montagni Obbiettivi regionali nell Ambito del Piano Energetico Nazionale Dott.ssa Rita Montagni Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio OBBIETTIVO 2020: ITALIA del 23 aprile 2009 17% del consumo

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con Il testo approvato dalla Camera INIZIO /7 Numero di seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO:

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia del trasporto dei rifiuti, mentre sarebbe interessante studiarne l impatto dal punto di vista economico ambientale. Tutti i rifiuti che vengono prodotti, del resto, sono oggetto di operazioni di trasporto,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO MAGGIO 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo maggio 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia Commento

Dettagli

Le fonti statistiche per l analisi di povertà

Le fonti statistiche per l analisi di povertà LA POVERTA IN EMILIA-ROMAGNA Conoscenza del fenomeno e sviluppo delle politiche sociali Le fonti statistiche per l analisi di povertà Giuseppina Felice Regione Emilia-Romagna Bologna, 1 luglio 2011 Sommario

Dettagli

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXV (1-2) 2002 Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Natalia Magliocchetti 1, Marco Spiniello 1, Maria Novella Cordone

Dettagli

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873

Docenti registrati Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 MIUR DATI DI RIEPILOGO Docenti registrati Numero Docenti da anagrafe EDS 58355 Docenti comunicati dai tutor 1518 Totale 59873 N.B. Docenti in formazione associati dai tutor nelle classi virtuali n. 44734

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze)

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Il gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energial Elettrica ed il Gas ) Delibere Fiera di Verona,

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Produzione di energia elettrica in Italia

Produzione di energia elettrica in Italia PRODUZIONE Produzione di energia elettrica in Italia Tabella 25 Lorda Idro Termo Eol. Fotov. Totale Idro Termo Eol. Fotov. Totale B 2008 2009 Produttori 46.351,0 248.963,5 5.050,4 300.364,9 52.553,9 212.596,6

Dettagli

POLITICHE ENERGETICHE REGIONALI E BURDEN SHARING

POLITICHE ENERGETICHE REGIONALI E BURDEN SHARING POLITICHE ENERGETICHE REGIONALI E BURDEN SHARING Perugia, 30 marzo 2012 XII Congresso Nazionale CIRIAF relatore: Michele Cenci Responsabile a.i. Sezione Tecnologie Servizio Energia Regione Umbria La Direttiva

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli