Il nuovo codice delle Assicurazioni, inserito nel decreto legislativo n. terzo trasportato, riconduce alle ipotesi garantite dal F.G.V.S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo codice delle Assicurazioni, inserito nel decreto legislativo n. terzo trasportato, riconduce alle ipotesi garantite dal F.G.V.S."

Transcript

1 _bj-,?_çifk'!'j A ~~tj_tj, ~'Ff~~ Té(t'iO TQ.AStoRTA-TO J;>..ft~- RE"L. 2 Il nuovo codice delle Assicurazioni, inserito nel decreto legislativo n. 209 del 2005, innova la disciplina del risarcimento dei danni sofferti da! terzo trasportato, riconduce alle ipotesi garantite dal F.G.V.S. danni eventualmente prodotti dalla circolazione di un'autovettura rubata (sia danni a cose che lesioni personali), ed introduce all'art. 149 l'indennizzo diretto. Per quanto attiene il risarcimento dei danni sofferti dal terzo trasportato, preme rilevare che l'originaria previsione di cui all'art. 4 L. 990/69 escludeva dai benefici derivanti dai contratti di assicurazione obbligatoria: - il titolare della polizza RCA obbligatoria qualora trasportato; - il coniuge, gli ascendenti ed i discendenti legittimi, naturali ed adottivi del titolare delta polizza assicurativa obbligatoria RCA; - i parenti e gli affini fino al terzo grado se conviventi o a carico dell'assicurato che abitualmente provvedeva al loro mantenimento; e, secondo costante giurisprudenza, trovava il proprio fondamento giuridico nella previsione di cui all'art c.c., ritenendosi inappl;cabile al caso di specie la presunzione di colpa sancita all'art c.c. Il trasportato, infatti, avrebbe potuto ottenere il risarcimento del danno patito, in caso di trasporto oneroso o a titolo gratuito, in forza di responsabilità contrattuale, nel caso di trasporto amichevole o di cortesia, in forza di.responsabilità extracontrattuale ai sensi dell'art c.c...a

2 Si riteneva infatti che la L. 990/69 pur avendo imposto la copertura assicurativa del trasportato - a qualsiasi titolo - non avesse sancito, a carico del proprietario oltre che del conducente - l'applicazione delle presunzioni di cui all'art alle ipotesi di trasporto a titolo di cortesia (Gass. 3 Marzo 1995 n. 2471). Diversamente a partire dal 1998 la Gassazione affermando che il fondamento della pretesa risarcitoria del terzo trasportato dovesse ravvisarsi nell'art c.c. stabiliva ;"In materia di responsabilità derivante dalla circolazione dei veicoli, l'art c.c esprime, in ciascuno dei commi che lo compongono, principi di carattere generale, applicabili a tutti i soqqetti che da tale circolazione comunque ricevano ~, e quindi anche ai trasportati, quale che sia il titolo del trasporto, di cortesia ovvero contrattuale (oneroso e gratuito). Consegue che il trasportato, indipendentemente dal titolo del trasporto, può invocare i primi due commi della disposizione citata per far valere la responsabilità extracontrattuale del conducente ed il comma 3 per far valere quella solidale del proprietario, che può liberarsi solo provando che la circolazione sia avvenuta contro la sua volontà ovvero che il conducente aveva fatto tutto il possibile per evitare il danno." (Cass. 26 Ottobre 1998 n e 21 Marzo 2001 n. 4022). Tale orientamento giurisprudenziale ha affermato l'irrilevanza della qualificazione giuridica del rapporto instauratosi tra trasportato a titolo di cortesia ed il vettore ai fini del risarcimento del danno del traspoltato, ponendo pertanto in capo al vettore un obbliqo assoluto di protezione dell'incolumità personale di chiunque venendo in contatto con il.2

3 medesimo. riporti un danno che sia casualmente connesso all'attività di ~. Questa impostazione si armonizza altresì alle norme di distribuzione mutualistica del rischio svolta dalla leaae 990/69 e succes~ modifiche il cui art. 4. modificato dall'art. 28 leaqe n. 142 del stabilisce che "non è terzo trasportato e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbliaatoria stipulata a norma della presente leqqe i) solo conducente del veicolo resdonsabile del sinistro". L'operatività della responsabilità del proprietario, nel caso di trasporto di cortesia assolve alla fondamentale esigenza di garantire il risarcimento del danneggiato, stante l'affermazione che la responsabilità del proprietario rende più agevole il soddisfacimento del credito risarcitorio in virtù della possibilità, legislativamente riconosciuta al danneggiato, di invocare direttamente!'assicurazione obbligatoria, che, per effetto del comma 2 dell'art. 1 L. 990/69, modificato dalla L. 142/92, deve comprendere anche "la responsabilità per i danni alla persona causati ai trasportati qualunque sia il titolo in base al quale è effettuato il trasporto". L'evoluzione nella disciplina del risarcimento dei danni del terzo trasportato culmina tuttavia nell'art. 141, del nuovo codice delle Assicurazioni :"Salva l'ipotesi di sinistro caqionato da caso fortuito, il danno subito dal terzo trasdortato è risarcito dall'imdresa di assicurazione del veicolo sul Quale era a bordo al momento del sinistro entro il massimale minimo di leaqe, fermo restando quanto previsto all'articolo 140, a prescindere dall'accertamento della resdonsabilità dei 3

4 conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro, fermo il diritto al risarcimento dell'eventuale maggior danno nei confronti dell'impresa di assicurazione del responsabile civile, se il veicolo di quest'ultimo è coperto per un massimale superiore a quello minimo. Per ottenere il risarcimento il terzo trasportato promuove nei confronti dell'impresa assicuratrice del veicolo sul quale era a bordo al momento del sinistro la procedura di risarcimento prevista dall'articolo 148"., I termini per la proponibilità dell'azione di risarcimento saranno quelli previsti dall'art 145 c.d.s. La portata della norma è notevole, poiché in caso di sinistro sancisce in via definitiva l'obbligo in capo all'assicurazione dell'autovettura su cui il danneggiato viaggia in qualità terzo trasportato di risarcire i danni sofferti da quest'ultimo, prescindendo dall'accertamento dell'effettiva responsabilità nella causazione del sinistro. L'art. 141 va però letto alla luce del successivo art. 283 del codice delle assicurazioni, disciplinante le ipotesi in cui il FGVS risarcisce i danni causati dalla circolazione dei veicoli e natanti, per i quali vi è obbligo di assicurazione. j Alle ipotesi già previste nell'articolo 18 della L. 990/69, ovvero: - sinistro causato dalla circolazione di veicolo o natante non identificato; - sinistro causato da veicolo o natante non coperto da assicurazione; - sinistro causato da veicolo o natante, con polizza facente parte del portafoglio di un'impresa la quale, al momento del sinistro, si ~.

5 trovi in stato di liquidazione coatta con dichiarazione di insolvenza o vi venga posta successivamente; si aggiunge il caso in cui il sinistro sia causato da veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell'usufruttuario. gell'acauirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria. Il risarcimento, in tale ultima previsione, è limitato alla circostanza che li!~rzo non sia trasportato (quindi rivesta la qualità di pedone) oppure che sia trasportato contro la propria volontà ovvero sia inconsapevo!e della circolazione ille.qale dell'autovettura. La novità va letta aria luce dell'art. 2054, comma 3, ove è stabilito "il proprietario del veicolo, o in sua vece, "usufruttuario o!'acquirente con patto di riservato dominio, è responsabile in solido con il conducente, se non prova che la circolazione è awenuta contro la sua volontà". In tal caso il danneggiato, anche non terzo trasportato, dovrebbe conseguire più rapidamente il ristoro dei danni subiti, dovendo indirizzare le proprie pretese direttamente al FGVS e non più a colui che ha posto in essere l'illegale circolazione della vettura danneggiante. Sulla base dell'art. 292 c.d.s. i/ FGVS ha diritto di regresso nei confronti dei responsabili del sinistro per il recupero dell'indennizzo pagato nonchè degli interessi e delle spese. La tutela del terzo trasportato è tuttavia esclusa dalla procedura di indennizzo diretto di cui all'art. 149 c.d.s, che, limitata alla sola ipotesi di sinistro tra due veicoli, al comma 2 espressamente prevede la possibilità di applicazione soltanto per i danni al veicolo, alle cose 5

6 trasportate (sia del proprietario che del conducente), alle lesioni sofferte dal conducente non responsabile non superiori al 9% di invalidità permanente ma esclude il ristoro dei danni sofferti dal terzo trasportato ed i sinistri che coinvolgono veicoli immatricolati all'estero. Il procedimento di indennizzo diretto (art. 149) costituisce la novità più importante del nuovo codice delle assicurazioni. "In caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal quale siano derivati danni ai veicoli coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all'impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato". La richiesta di risarcimento del danno deve essere inviata dal danneggiato che non si ritenga responsabile alla compagnia assicuratrice del mezzo di sua proprietà o alla guida della quale si trovava al momento del sinistro. La domanda, qualora si tratti solo di danni a cose, dovrà contenere ex art. 145 c.d.s e per consentire di esperire validamente l'azione civile, le seguenti informazioni: 1) 2) 3) 4) 5) 6) nomi degli assicurati; le targhe dei veicoli coinvolti; denominazione delle rispettive imprese; descrizione delle circostanze e delle modalità di sinistro; le generalità di eventuali testimoni; l'indicazione dell'eventuale intervento degli Organi di polizia; 6

7 7) Il luogo, i giorni e le ore in cui le cose danneggiate sono disponibili per la perizia diretta ad accertare l'entità del danno; Nell'ipotesi che sussistano anche danni fisici sarà obbligatorio comunicare anche le seguenti informazioni: 1) L'età, l'attività ed il reddito del danneggiato; 2) L'entità delle lesioni subite; 3) la dichiarazione ai sensi dell'art. 142 del CDA circa la spettanza o meno di prestazioni da parte di istituti che gestiscono assicurazioni sociali obbligatorie; 4) attestazione medica comprovante l'awenuta guarigione, con o senza postumi permanenti; 5) eventuale consulenza medico legale di parte, corredata dall'indicazione del compenso spettante al professionista. La compagnia assicuratrice deve indicare la propria offerta di risarcimento o gli eventuali motivi che impediscono di formulare l'offerta di risarcimento del danno con apposita comunicazione entro 90 gg. nel caso di lesioni, 60 gg. nel caso di danni ai soli veicoli o alle cose e 30 gg. per i danni a veicoli o alle cose, qualora sia stato sottoscritto da entrambi i conducenti coinvolti nel sinistro il modulo CID. L'art 149 comma 60 del nuovo codice delle assicurazioni prevede, nel caso in cui la richiesta di risarcimento sia incompleta o siano necessarie delle integrazioni, l'interruzione dei termini suddetti, che non decorreranno fino al ricevimento delle integrazioni e dei chlarimenti. r

8 L'impresa, valutati gli elementi contenuti nella domanda, con apposita comunicazione inviata al danneggiato, potrà formulare una congrua offerta di risarcimento del danno oppure comunicare i motivi che le impediscono di formulare l'offerta di risarcimento entro 60 gg per i danni materiali, 90 per le lesioni fisiche e 30 indipendentemente dalla tipologia di danno se risulta sottoscritto da tutte le parti coinvolte nel sinistro il modello CAlo Il danneggiato, qualora la compagnia cui ha rivolto la richiesta abbia respinto la sua richiesta di risarcimento del danno o non abbia comunicato l'offerta o il suo diniego nei termini già indicati oppure non si sia giunti ad un accordo sulla offerta, potrà esperire azione diretta di cui all'art. 145 comma 20 e 149 comma 60 Codice delle Assicurazoni, nei soli confronti della propria compagnia assicuratrice. Tuttavia, la compagnia di assicurazione del veicolo responsabile può chiedere di intervenire nel giudizio e può estro mettere l'altra impresa, riconoscendo la responsabilità del proprio assicurato ferma restando, la successiva regolazione dei rapporti tra le imprese medesime secondo quanto previsto nell'ambito del sistema del risarcimento diretto. L'azione diretta è esperibile solo se siano trascorsi 60 gg (in caso di danni solo ai veicoli, ai natanti o altri beni materiali), (in ca:5o di lesioni di lieve entità), 30 gg (in caso di sottoscrizione del modulo Cid) decorrenti da quello in cui il danneggiato abbia "correttamente" chiesto alla propria impresa di assicurazione il risarcimento del danno a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento, inviata per conoscenza all'impresa di assicurazione dell'altro veicolo coinvolto ed avendo 8

9 osservato le modalità ed i contenuti previsti dall'art. 149 e 150 del D.Lgs. 209/2005 La riforma della R.C.A., con l'introduzione dell'indennìzzo diretto, dovrebbe avere tra gli obiettivi: - un evidente risparmio di denaro per le compagnie assicurative conseguente diminuzione del 10-15% dei costi relativi alle polizze assicurative. In realtà le finalità di questa riforma sono ben diverse. Lo schema di fondo introdotto dal nuovo codice delle assicurazioni prevede un rapporto diretto tra l'assicurato e la propria compagnia; il danneggiato dovrebbe rivolgersi direttamente all'assicurazione di cui è cliente mentre gli avvocati potrebbero "entrare in scena" solo in un secondo momento e nell'ipotesi di contestazioni. la procedura, teoricamente, dovrebbe snellire i tempi burocratici e concorrere alla diminuzione delle truffe. Ma è ragionevole supporre, come del resto awiene tuttora, che ciò potrà verificarsi esclusivamente in un trascurabile numero di casi il cui valore è minimo. Qualora ì/ danneggiato chiedesse alla propria assicurazione di risarcirlo, poiché vittima di un sinistro da circolazione stradale, lo scenario tipo che ne conseguìrebbe si presenterebbe più o meno così: - l'assicurazione del danneggiato dovrebbe compiere accertamenti per verificare la responsabilità nella causazione del sinistro; - eventualmente procedere a liquidare i danni; - rivalersi sull'assicurazione di chi ha provocato il danno. le falle dell'indennizzo diretto, alla luce dì quanto esposto, appaiono evidenti; può ritenersi inverosimile, infatti, che un danno possa essere.9

10 liquidato sulla base di una semplice richiesta del proprio assicurato e senza che in seno all'assicurazione del responsabile civile sussista una qualunque assunzione di responsabilità in merito allo stesso sinistro Si deve tenere presente, inoltre, l'esclusiva disponibilità della compagnia assicurativa nel formulare un'offerta di risarcimento al proprio cliente, che questi dovrà valutare privo (nella maggior parte dei casi) delle necessarie competenze. In tal senso si rende necessaria una riflessione sulle lesioni "border line", owero quelle in prossimità del 9% di invalidità permanente. La soglia del 9 punti di danno biologico segna uno degli spartiacque tra la procedura tradizionale e quella diretta, vi è da chiedersi infatti cosa accadrebbe se tale percentuale venisse a mutare, ad esempio, nel corso dell'istruzione della pratica, a seguito di diverse valutazioni medico legali. Qualora ci si rivolga alla propria assicurazione, sul presupposto che le lesioni non superino la percentuale del 9 per cento, e da ciò nasca una controversia giudiziaria, laddove il Ctu concluda per un danno di maggiore entità la domanda dovrebbe conseguentemente essere respinta. E cosa accadrebbe se a seguito della prima pronuncia di rigetto si intraprenda una nuova azione nei confronti della assicurazione del veicolo antagonista ed, a differenza del primo giudizio, si accerti che la lesione è soltanto dell'8%? Il problema si pone anche nell'ipotesi inversa, cioè se si è intrapresa un'azione legale nei confronti dell'assicurazione del responsabile civile, 40

11 assumendo che il danneggiato non sia responsabile del verificarsi del sinistro. Il nuovo codice delte Assicurazioni persegue quindi obiettivi diversi da quelli prospettati dal legislatore. Non può esservi snellimento burocratico in un sistema - (quale risarcimento diretto) ove il solo determinare la responsabilità nella causazione del sinistro si è terribilmente complicato, né diminuzione delle truffe se alla luce di un modulo CID il danno viene immediatamente liquidato, nè tanto meno un giusto indennizzo per i danneggiati costretti a valutare la congruità di eventuali offerte senza le necessarie competenze tecnico giuridiche. Ne consegue che non può sperarsi nemmeno in una diminuzione nei costi delle polizze legate alla circolazione di veicoli e natanti. Deve tenersi presente, altresì, che un ulterìore ostacolo alla riuscita del sistema del risarcimento diretto potrebbe derivare dall'identità tra la Compagnia di assicurazione e l'organo preposto alla liquidazione dei danni. Il rapporto tra assicurazione ed assicurato potrebbe costituire, infatti, l'humus perfetto per l'adozione di comportamenti opportunistici, tanto da indurre le compagnie assicurative a larghi risarcimenti nei confronti dei danneggiati, considerati ora veri e propri clienti e non più soggetti terzi. Tale prospettiva è di più facile attuazione se il danno è di lieve entità, consentendo alle compagnie di lucrare sulle differenze di importi tra i risarcimenti "forfettizati" stabiliti nei rapporti interni. Qualora il danno risultasse di particolare gravità la Compagnia adita potrebbe assumere un atteggiamento "ostile" e preferire che a farsi carico di risarcire il ~-1

12 danno eventualmente richiesto fosse la compagnia del responsabile civile. La norma dell'art. 149 pone anche un quesito di natura processuale, che si origina dalla lettura dell'ultimo comma di tale disposizione :"in caso di comunicazione dei motivi che impediscono il risarcimento diretto ovvero nel caso di mancata comunicazione di offerta o di diniego di offerta entro i termini previsti dall'articolo 148 o di mancato accordo, i/ danneggiato può proporre l'azione diretta di cui all'articolo 145, comma 2, nei soli confronti della propria impresa di assicurazione " Dalla lettera della norma può dedursi che il termine "soli" valga a significare l'impossibilità per il danneggiato di agire contestualmente, oppure in via alternativa, nei confronti della propria società assicurativa e di quella di controparte ma, al contempo, pone numerosi dubbi. In altre parote, come potrà coordinarsi la disposizione in esame con la previsione secondo cui "nel giudizio promosso contro l'impresa di assicurazione è chiamato anche il responsabile del danno" (art. 144, III comma)? Se è vero, come si ha ragione di ritenere, che l'azione diretta del danneggiato (art. 144) rappresenta una regola generale ne/l'alveo delle disposizioni codìcistiche, allora non si può sostenere che il danneggiato non possa chiamare in giudizio anche il danneggiante. Ed ancora, come giustificare da un punto di vista della legalità costituzionale la sua esclusione dal processo? Aderendo alla tesi che vuole unico contraddittore del danneggìato la propria società assicurativa, come si potrebbe giustificare - sempre dal ~t

13 punto di vista costituzionale - la negazione per il danneggiato di convenire in giudizio il responsabile de! danno in via extracontrattuale? Altrettanto problematica è anche l'ipotesi in cui il danneggiato decida di agire in giudizio esclusivamente contro il soggetto danneggiante e non già contro la propria assicurazione. Il problema si traduce nello stabilire se il convenuto, in tale ipotesi, possa invocare in proprio favore l'operatività della norma di cui alj'art c.c., owero possa chiamare in causa l'assicuratore. Una risposta positiva si tradurrebbe in uno svilimento dell'intero impianto de! nuovo codice, proteso a rendere il sistema di indennizzo diretto quale sistema obbligatorio. Ed allora, pare evidente la necessità di un nuovo intervento del legislatore, volto a stabilire le regole dell'eventuale litisconsorzio necessario e, se del caso, della chiamata in causa da parte del danneggiante dell'ente assicurativo del danneggiato. in deroga all'art c.c." Allo stato, l'unica vera finalità della riforma sarà, pertanto, quella di allungare sensibilmente i tempi di indennizzo per; danneggiati e di privarli nell'arco dello "spatium deliberandi" della giusta assistenza tecnico - legale, muovendo dal presupposto che l'intervento legale durante la fase extra giudiziaje sia una facoltà e non una necessità per il danneggiato Si tratta, però, di una posizione non condivisibile, sulla base di quanto asserito dalla Suprema Corte ;" "L'intervento di un professionista, legale o perito di fiducia, così come prevìsto dall'art. 5 della legge 5 Marzo 2001 n. 57 e come altresì affermato nel precedente regime della J3

14 Colte di Cassazione (Cass. Civ n ) è necessario non solo per dirimere eventuali divergenze su punti de'la controversia, quanto per garantire già in questa prima fase la ove sì osselvi che l'istituto assicuratore non solo è economicamente più folte, ma anche tecnicamente organizzato e professionalmente attrezzato per affrontare tutte le problematiche in materia di risarcimento del danno da circolazione stradale, attesa la complessità e molteplicità dei principi regola tori della materia ", così si è recentemente espressa la Suprema Cor1e (sentenza n /05). Se ce ne fosse ulteriormente bisogno non va dimenticata neppure la previsione di cui al comma 2 de'l'art. 24 della Costituzione : "la difesa è un diritto inviolabile in oani stato e arado del crocedimento". E' evidente, pertanto. che spetti al danneggiato individuare "gli strumenti" più adatti a garantire i propri diritti, così come sanciti agli artt e 1917 c.c., e di conseguenza poter affidare ad un leaale la aestione sia della successiva ed eventuale fase aiudiziale sia della Drecedente ed indiscensabife trattativa extra aiudiziale, i cui adempimenti burocratici costituiscono i necessari presupposti legali per la corretta instaurazione dell'azione legale. Lo stretto legame tra le due fasi ribadisce, inoltre, la necessità che il danneggiato si veda corrisposte le sdese leaali sostenute nel corso dell'eventuale aiudizio ed anche quelle relative alla fase extraaiudizìale nell'ipotesi in cui gli sia concessa dalla riforma la possibilità di ricorrere ad un legale. In tal senso la Suprema Corte ha infatti sottolineato:" ai fini dell'applicazione delle disposizioni della legge professionale, devono.),y

15 considerarsi prestazioni giudiziali non solo quelle che cons;stono nel compimento di veri e propri atti processuall: ma anche quelle attiv;tà che si svolgono fuori del processo, purché strettamente dipendent; da un mandato relativo alla d;fesa e rappresentanza in giudizio, cosicché possano ritenersi come preordinate allo svolgimento di attività propriamente processuali o ad essa complementari; che rientra fra le prestazioni g;udiziali t'attività svolta dal difensore di una parte ;n giudizio per la conclusione di una transazione che ponga termine alla lite, ancorchè la transazione stessa abbia luogo non sotto forma di conciliazione innanzi al Giudice, ma mediante attività extraprocessuale; a siffatta transazione si applicano pertanto le disposiz;oni contenute nella legge predetta per la liqu;dazione delle competenze dovute al difensore e quelle della relativa tariffa in materia giudiz;ale" (C. Cassazione, sentenza n del 19/12/2001, in tal senso inoltre C. Cassazione, sentenza n del , nonché C. Cassazione sentenza n del ). Le riflessioni fin qui esposte ci portano quindi a delle importanti conclusioni. La competenza ed il sostegno che i( legale può fornire nella fase extragiudiziale costituisce. Quindi. un efficace ed insostituibile strumento a sosteano delle raaioni de' danneaaiato. Per cui qualora le spese legali sostenute dal danneggiato in fase extra giudiziale debbano considerarsi un onere esclusivamente a suo carico o, come pure sostenuto uno "strumento non necessario", si assisterebbe ad una vera e propria violazione del diritto alla difesa (per il danneggiato) come già sostenuto dalla Cassazione..Al;'

16 Se ne deduce che l'introduzione del risarcimento diretto attraverso il nuovo codice delle assicurazioni avrà effetti negativi sul piano della tutela giuridica del danneggiato, vanificando il combinato disposto degli artt e 1917 de! c.c., ed anche su quello più "materiale" de/l'effettività del risarcimento. Una simile riforma della RCA sottolinea ancor più, semmai ce ne fosse la necessità, l'jnconaruenza tra la finalità Derseauita dalla leaae 990/6~. di tutelare i danneaaiati dalla circolazione strada/e dei veicoli. e aue/l~ delle comdaanie assicurative. società a SCODO di lucro che mirano ~ ridurre al minimo i costi. ovvero le somme liquidate. Non è da trascurare nemmeno l'ulteriore conseguenza derivante da questo tipo di riforma, ovvero l'evidente riduzione di lavoro per quanti tra i legali svolgono la propria attività prevalentemente nell'ambito de/l'infortunistica stradale. Costoro sarebbero evidentemente privati della possibilità d'intervento nella fase extra giudiziale, visto l'obbligo delle assicurazioni di trattare direttamente con i danneggiati e, potendosi prevedere gli esiti di questa situazione, anche di un successivo intervento nella fase giudiziale. Alla luce di queste considerazioni appare evidente come l'eventuale stravolgimento della RCA e la sua trasformazione in un risarcimento diretto sia l'ennesimo strumento volto a rafforzare la posizione delle imprese assicuratrici a danno degli assicurati e ad eliminare la possibilità di costoro di essere adeguatamente tutelati da una figura legale. Non bisogna nemmeno ignorare la portata di una riforma capace, in un periodo di forte crisi economica, di ridurre ulteriormente -1b

17 le opportunità lavorative in un sistema economico come quello italiano già poco flessibile. l'unica soluzione alternativa per la risoluzione del problema delle truffe assicurative è quella di assegnare ad ogni singolo cittadino un numero di targa per tutta fa propria vita a cui collegare il bonus malus. In questo modo l'assicurato ogni qua/volta dovesse formulare una denuncia per un sinistro alla propria assicurazione vedrebbe aumentata la classe di merito con un sensibile rincaro del pagamento del premio. Anche in caso di sostituzione del veicolo la targa dovrebbe essere la stessa e dovrebbe essere assegnata una nuova targa solo in caso di immatricolazione di un secondo autoveicolo. Qualora si provvedesse alla rottamazione di uno dei due veicoli di proprietà l'assicurato dovrebbe essere costretto a portare con se la prima targa assegnata. In questo modo l'assicurato avrebbe tutto l'interesse a non provocare alcun tipo di sinistro o a denunciare il sinistro e certamente le compagnie avrebbero una diminuzione degli stessi. Preme sottolineare che anche la tecnica di portare a riserva i sinistri da parte delle società di assicurazione dovrebbe essere verificata da soggetti terzi ed imparziali rispetto alla società di assicurazione, in quanto le medesime hanno una estrema facilità nel manipolare; dati relativi al numero dei sinistri e delle somme portate a riserva per liquidare successivamente gli stessi. Avv. Pietro Di Tosto 1t

PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO DIRETTO:

PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO DIRETTO: PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO DIRETTO: La disciplina del risarcimento diretto si applica in tutte le ipotesi di danni a veicoli immatricolati in Italia e di lesioni di lieve entità al conducente, anche

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

In caso di Incidente da circolazione

In caso di Incidente da circolazione 1. Il Risarcimento Diretto Dal 1 febbraio 2007 è in vigore, a seguito delle modifiche introdotte dal Codice delle Assicurazioni Private, la procedura di Risarcimento Diretto, applicabile a molte tipologie

Dettagli

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 397 D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 Art. 1 2. D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254. Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 18-7-2006 n. 254 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209 - Codice delle

Dettagli

a cura di Simone Cattaneo (avvocato)

a cura di Simone Cattaneo (avvocato) a cura di Simone Cattaneo (avvocato) Oggetto: E davvero così onerosa e complessa la materia del risarcimento del danno da circolazione stradale? Note critiche a Cass. n. 11606/05 in tema di spese legali.

Dettagli

L'ASSICURAZIONE SULLA R.C. AUTO

L'ASSICURAZIONE SULLA R.C. AUTO MARCELLO PSARO L'ASSICURAZIONE SULLA R.C. AUTO CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2003 INDICE - SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni Pag. XI Parte prima DELL'OBBLIGO DELL'ASSICURAZIONE

Dettagli

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento INDICE 03 04 05 06 07 08 Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento Come e quando disdire la polizza rca Esempio di disdetta

Dettagli

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA ART. 129 - SOGGETTI ESCLUSI DALL ASSICURAZIONE 1 Non e considerato terzo e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbligatoria il solo conducente del veicolo responsabile del

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

DESIGNAZIONE DEL LEGALE DI FIDUCIA PER LA FASE STRAGIUDIZIALE (art. 4, D.L.vo 4 marzo 2010, n. 28)

DESIGNAZIONE DEL LEGALE DI FIDUCIA PER LA FASE STRAGIUDIZIALE (art. 4, D.L.vo 4 marzo 2010, n. 28) Formula 1 LA FASE STRAGIUDIZIALE 75 FORMULA 1 DESIGNAZIONE DEL LEGALE DI FIDUCIA PER LA FASE STRAGIUDIZIALE (art. 4, D.L.vo 4 marzo 2010, n. 28) Io sottoscritto..., nato a... il... e residente in... via...

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n.254 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it ASSICURAZIONI:MODELLO AMICHEVOLE DI RISARCIMENTO, IL TESTO DELLA NUOVA CONVENZIONE Dal 1 giugno 2004 modello amichevole per risarcimento danni

Dettagli

III 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU

III 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU Tribunale di Torino, Sez. III Civile, n 4159, 10.6. 2011 (13.6.2011), GU Paola Ferrero. Appellante Real srl (avv. Arcudi), appellata Aurora spa e altri (avv. Fossati). Assicurazione RC Auto. Azione diretta

Dettagli

Sinistri stradali avvenuti nella UE: attuata la direttiva sull'assicurazione rc auto ( Decreto legislativo 30.06.2003 n 190, G.U. 25.07.

Sinistri stradali avvenuti nella UE: attuata la direttiva sull'assicurazione rc auto ( Decreto legislativo 30.06.2003 n 190, G.U. 25.07. Sinistri stradali avvenuti nella UE: attuata la direttiva sull'assicurazione rc auto ( Decreto legislativo 30.06.2003 n 190, G.U. 25.07.2003 ) Con il decreto legislativo n. 190 del 30 giugno 2003 è stata

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva

Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Il trasportato non deve dimostrare la colpa: nulle le clausole di guida esclusiva Cassazione Civile, sez. III, sentenza 30/07/2015 n 16181 di Carmine Lattarulo Pubblicato il 15/09/2015 Il nuovo Codice

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

FORMULA 3. RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI ORDINARIA (sinistro con postumi permanenti superiori al 9%) (art. 148 D.L.vo 7 settembre 2005, n.

FORMULA 3. RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI ORDINARIA (sinistro con postumi permanenti superiori al 9%) (art. 148 D.L.vo 7 settembre 2005, n. 74 Formulario della circolazione stradale Formula 3 FORMULA 3 RICHIESTA DI RISARCIMENTO DANNI ORDINARIA (sinistro con postumi permanenti superiori al 9%) (art. 148 D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209) Vi scrivo

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

L assicurazione contro la responsabilità civile auto

L assicurazione contro la responsabilità civile auto L assicurazione contro la responsabilità civile auto Prima parte: Il massimale Il contrassegno - In caso di sinistro Se a guidare è il coniuge di Germano Palmieri L assicurazione obbligatoria contro la

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

Progetto Campagna di Informazione sull Indennizzo Diretto, cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico

Progetto Campagna di Informazione sull Indennizzo Diretto, cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico Progetto Campagna di Informazione sull Indennizzo Diretto, cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico realizzazione grafica: GICA service srl - info@gicaservice.it stampa: duemme grafica sas -

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

POLIZZA AUTO. Nota informativa

POLIZZA AUTO. Nota informativa POLIZZA AUTO Nota informativa La presente nota informativa è stata predisposta dall impresa Credemassicurazioni S.p.A. in conformità alle indicazioni contenute nel D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, nelle

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1 DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1 Regolamento concernente: «Disciplina del diritto di accesso dei contraenti e dei danneggiati agli atti delle imprese di assicurazione

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

Incidente con auto non assicurata: cosa fare? Giovedì 28 Giugno 2012 20:20

Incidente con auto non assicurata: cosa fare? Giovedì 28 Giugno 2012 20:20 In Italia circolano circa quattro milioni di vetture senza polizza assicurativa (cioè l'8% del parco auto circolante nel Bel Paese). Questo significa che, se si rimane coinvolti in un incidente stradale

Dettagli

Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO

Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO 1 INDICE - Che cosa cambia in pratica con il risarcimento diretto? - Cosa è utile fare al momento del sinistro? - Come fare a denunciare l incidente?

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo

AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo Diritto e processo.com Antonio Spallieri, avvocato del foro di S. Maria C.V.

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 1992, n. 114, S.O.

Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 1992, n. 114, S.O. Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973 Regolamento di esecuzione della L.24 dicembre 1969, n.990, sull'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

ATTESTATO DI RISCHIO. Che cos è. L attestazione sullo stato del rischio è il documento che la compagnia di

ATTESTATO DI RISCHIO. Che cos è. L attestazione sullo stato del rischio è il documento che la compagnia di ATTESTATO DI RISCHIO Che cos è L attestazione sullo stato del rischio è il documento che la compagnia di assicurazione rilascia in prossimità della scadenza annuale della polizza RCA, nel quale sono indicate

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA n. 141/11 Nella causa civile iscritta

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente Giovanni Maria FLICK Giudice Francesco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente SENTENZA Nella

Dettagli

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi

,,,,, ,,, omississ,,, Art. 5. Misure per la concorrenza e per la tutela del consumatore nei servizi assicurativi LEGGE 2 aprile 2007, n.40 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Filo diretto Assicurazioni S.p.A. - Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) - Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 - www.filodiretto.it

Dettagli

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE Fonte Ania RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE COSA E IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

S T U D I O L E G A L E PLG MILANO

S T U D I O L E G A L E PLG MILANO S T U D I O L E G A L E PLG MILANO www.marsaglialex.it arbitrato - conciliazione - mediazione Natura delle controversie in materia di trust: mediazione obbligatoria e mediazione volontaria Il decreto legislativo

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

CIG Comitato Italiano Gas

CIG Comitato Italiano Gas Contratta dallo Spett.le CIG Comitato Italiano Gas codice fiscale n. 80067510158 20122 MILANO Via Larga 2 decorrenza h 0:00 01/01/2014 scadenza h 24:00 31/12/2016 frazionamento annuale scadenza 1 rata

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n.209 (in Suppl Ord.n. 163 alla Gazz. Uff., 13 ottobre, n. 239) - Codice delle assicurazioni private.

DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n.209 (in Suppl Ord.n. 163 alla Gazz. Uff., 13 ottobre, n. 239) - Codice delle assicurazioni private. DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n.209 (in Suppl Ord.n. 163 alla Gazz. Uff., 13 ottobre, n. 239) - Codice delle assicurazioni private. Articolo 173 - Assicurazione di tutela legale 1. L'assicurazione

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso

Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Indennità e rendita - Contributi o premi - Aziende industriali - Determinazione del premio - Tasso specifico aziendale - Criteri di calcolo - Fondamento

Dettagli

La denuncia di sinistro

La denuncia di sinistro Capitolo 1 La denuncia di sinistro Bibliografia: Legislazione: C. BUZZONE-M. CURTI, Formulario RC auto, Ipsoa, Milano 2006. D.P.R. n. 254/2006. La denuncia di sinistro ha lo scopo di portare all attenzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

La mediazione nelle controversie derivanti da malpractice medica secondo le disposizioni del nuovo art. 5, comma 1 del D.

La mediazione nelle controversie derivanti da malpractice medica secondo le disposizioni del nuovo art. 5, comma 1 del D. Sul sito www.concilia.it verranno a mano a mano pubblicate relazioni di esperti dei vari settori coinvolti nella mediazione dalla nuova riforma. Due professionisti medici, conciliatori grazie ad un corso

Dettagli

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini)

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) http://www.altalex.com/index.php?idnot=50040 La mancata

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE Prefazione dell Autore... V CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE 1. I principi generali in tema di danno da fatto illecito extra contrattuale. 2 2. La nozione

Dettagli

Regolamento di Mediazione

Regolamento di Mediazione Regolamento di Mediazione www.amar-conciliazione.it Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia Indice art.

Dettagli

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 298 23.10.2014 Locazioni commerciali: canoni non percepiti Con la risoluzione del contratto di locazione, cessa l assoggettamento a imposta sui

Dettagli

Legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. 20 marzo 2001, n. 66) Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati TITOLO I REGOLAZIONE DEI MERCATI

Legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. 20 marzo 2001, n. 66) Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati TITOLO I REGOLAZIONE DEI MERCATI Legge 5 marzo 2001, n. 57 (G.U. 20 marzo 2001, n. 66) Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati TITOLO I REGOLAZIONE DEI MERCATI Capo I INTERVENTI NEL SETTORE ASSICURATIVO Art. 1. (Norme

Dettagli

1) Risarcimento Diretto

1) Risarcimento Diretto 1) Risarcimento Diretto Cos'è È la nuova procedura di rimborso assicurativo, in vigore dal 1 febbraio 2007, che in caso di incidente stradale ti consente di ottenere il risarcimento direttamente dalla

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE LIGURIA PROTEGGE Il presente Fascicolo Informativo contenente a) Nota Informativa b) Condizioni di assicurazione deve essere consegnato al contraente

Dettagli

C O M U N E S A M B U C A di S I C I L I A

C O M U N E S A M B U C A di S I C I L I A C O M U N E S A M B U C A di S I C I L I A ( Provincia Regionale Agrigento ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE del Contenzioso SINISTRI STRADALI in via stragiudiziale e giudiziale I N D I C E - Art.

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 49/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Permanenza dell agevolazione prima casa in caso di vendita infraquinquennale e riacquisto nell anno anche

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100, Seconda direttiva 84/5/CEE del Consiglio del 30 dicembre 1983 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di assicurazione della responsabilità civile risultante dalla

Dettagli

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (Decreto Legislativo 7 settembre 2005 n. 209)

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (Decreto Legislativo 7 settembre 2005 n. 209) CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (Decreto Legislativo 7 settembre 2005 n. 209) Testo coordinato del codice delle assicurazioni private aggiornato con le modifiche apportate dal D.L. 24 giugno 2014, n.

Dettagli

TAMPONAMENTO A CATENA

TAMPONAMENTO A CATENA TAMPONAMENTO A CATENA Un caso abbastanza classico di incidente stradale, che ha avuto una sua regolamentazione sia stragiudiziale (accordo Ania) che un ampia trattazione giudiziale, è quello del tamponamento

Dettagli

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA Contraente / Ente POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA Partita I.V.A. COMUNE DI GUALTIERI 00440630358 sede legale c.a.p. Località Piazza Bentivoglio 26 42044 GUALTIERI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 92/E. Roma, 30 ottobre 2015

RISOLUZIONE N. 92/E. Roma, 30 ottobre 2015 RISOLUZIONE N. 92/E Roma, 30 ottobre 2015 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Reddito di lavoro dipendente - Rimborso chilometrico - art. 51, commi 1

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto

Art. 8. Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto Art. 8 Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni, recante il Codice delle assicurazioni private, sono apportate le

Dettagli

Giuseppe Cassano L azione di risarcimento nel nuovo codice delle assicurazioni [*]

Giuseppe Cassano L azione di risarcimento nel nuovo codice delle assicurazioni [*] Giuseppe Cassano L azione di risarcimento nel nuovo codice delle assicurazioni [*] Il presente scritto - con l aggiunta di note ed alcune slides di riferimento - costituisce la Relazione al Convegno Nazionale

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

AutoMia Reale. 6 a 4 a. 2 a A B C D E F G H I. 26 a 30 a 34 a 36 a. 38 a. Contratto di assicurazione per la tutela nella circolazione e nei viaggi

AutoMia Reale. 6 a 4 a. 2 a A B C D E F G H I. 26 a 30 a 34 a 36 a. 38 a. Contratto di assicurazione per la tutela nella circolazione e nei viaggi a14 a 12 10 a 8 a 6 a 4 a a a18 16 a 20 22 a A UTO M I 24 a 26 a 28 a 30 a 32 a 34 a 36 a 38 a CLASSI DI MERITO 2 a A B C L D E F G H I AUTOVETTURE AutoMia Reale Contratto di assicurazione per la tutela

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli