VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori"

Transcript

1 VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO 2013 Ing. Franco Macor Gruppo Fiori

2 Il Gruppo Fiori: impianti di recupero Italmetalli (Bologna) Italferro (Roma) INPUT > t di rottame/anno

3 Il fine vita auto 1. Veicoli a fine vita (Italia: ton, Lazio: ton; *ACI, 2011) 2. Bonifica (rimozione delle componenti obbligatorie: batterie, pneumatici, catalizzatori, fluidi) 3. Demolizione (rimozione delle componenti secondo il valore di mercato) 4. Rimozione parti di interesse economico 5. Frantumazione e recupero metalli (Fe: ton nel 2007, nel 2011) 6. Automotive shredder residue (ASR, o car fluff) smaltito in discarica *ACI, dati 2011: radiazioni per demolizione

4 Visione d insieme del processo Metalli non ferrosi Residuo di frantumazione (gomma, plastica, ) Misto gomma/metalli non ferrosi Impianto di separazione metalli non ferrosi Impianto di frantumazione Materiale ferroso: Proler Fluff - scarto di frantumazione Rottame da autodemolizione e altri rifiuti metallici Paraurti e serbatoi

5 1) Mulino a martelli Focus sulla frantumazione 2) Separatore densimetrico ad aria FLUFF LEGGERO 3) Tamburo magnetico FLUFF PESANTE (misto gomma/metalli non ferrosi) PROLER (Ferro)

6 Recupero di metalli dagli ELV: FERRO Ogni veicolo è composto circa dal 65-70% di ferro. Il ferro è recuperato tramite tamburi magnetici che permettono di ottenere un flusso puro al 99.5%. Italferro recupera circa ton/anno di ferro che è inviato direttamente in acciaieria e rientra nel ciclo produttivo. La produzione di acciaio nel forno ad arco elettrico permette di ridurre dell 80% le emissioni di CO2 rispetto alla tradizionale produzione da minerale, consentendo un notevole risparmio di energia elettrica

7 Recupero metalli da un intermedio di lavorazione: FLUFF PESANTE (misto gomma/metalli non ferrosi) Contiene circa il 50% di metalli quindi è stato sempre trattato con la tecnologia corrente. Ad oggi le perdite di metallo sono minime e si studia il recupero delle plastiche. Italferro recupera circa 9000 ton/anno di metalli non ferrosi dal fluff pesante. prima del TECNOLOGIA Separazione manuale Separatore a correnti parassite Separatore a induzione Separazione delle plastiche, pirolisi - gassificazione MATERIALI RECUPERATI Alluminio di pezzatura >40mm Rame, ottone, zinco fino a 15mm Cablaggi elettrici, acciaio inox, metalli non ferrosi fino a 8mm Alcune famiglie polimeriche (PP, PE, ABS), tutti i metalli, recupero energetico

8 Recupero dei metalli da uno scarto di lavorazione: FLUFF LEGGERO Contiene circa il 7-8% di metalli. Inizia ad essere trattato adesso per l innovazione tecnologica che ne ha reso economico e possibile il processo. Italferro ha il potenziale per recuperare circa 500 ton/anno di ferro e 150 ton/anno di metalli non ferrosi dal fluff leggero dal TECNOLOGIA Magneti Separatore a induzione, correnti parassite Separazione delle plastiche, pirolisi - gassificazoine MATERIALI RECUPERATI 30-50% del ferro presente Ferro, alluminio, rame, ottone Plastiche, recupero energetico

9 Futuro recupero delle plastiche Il recupero MECCANICO delle plastiche è molto complicato perché devono essere separate tra di loro le varie famiglie di polimeri, le cui proprietà fisiche sono spesso in sovrapposizione (es. densità). Inoltre, in un veicolo ci sono circa 30 tipologie di plastiche differenti. Le più utilizzate sono gommapiuma, polipropilene, polietilene ed ABS. In alternativa, i polimeri possono essere trasformati negli idrocarburi dai quali provengono con processi termochimici (pirolisi). Ultimamente, si stanno studiando processi detti plastics to fuel che possono, ad esempio, convertire i polimeri in diesel per produzione elettrica o, se raffinato, per autotrazione.

10 Anno 2013 Bilancio di massa al mulino Ferro: 69% Metalli non ferrosi: 2% In Italia, Il residuo di frantumazione auto è in larga parte smaltito in discarica. Nel Lazio, la discarica Ecofer Ambiente è una discarica progettata ed autorizzata per rifiuti pericolosi che smaltisce il fluff non pericoloso, applicando pienamente il principio di precauzione

11 Anno 2018 Bilancio di massa al mulino Ferro: 70% Metalli non ferrosi: 3% Recupero energetico: 13% A.S.R. in discarica: 14% Alcuni flussi non recuperabili sono ancora smaltiti in discarica ma il loro quantitativo è minimo rispetto a quanto accade oggi. Questi flussi sono inevitabili e rappresentano gli scarti dei processi di riciclo.

12 Partecipazioni universitarie Italferro Srl-Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali, delle materie prime e metallurgia Prof. Liuzzo: Certificazione della dichiarazione ambientale di Italferro Srl e consulenza per la conduzione di analisi di monitoraggio dell impatto dell attività industriale all esterno del perimetro aziendale Italferro Srl-Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali, delle materie prime e metallurgia Prof.ssa La Marca: n.4 tesi di laurea (corso di Ingegneria per l Ambiente e il Territorio) in materia di: La gestione degli aspetti ambientali di un'azienda operante il recupero da rifiuti: il sistema di gestione e la rendicontazione ambientale. Il caso Italferro. Analisi ed ottimizzazione dell efficienza di recupero dei metalli non ferrosi in un impianto per il trattamento di autoveicoli a fine vita e di rottami di altra natura. Il caso Italferro, Roma. Implementazione, verifica e certificazione di un sistema di gestione di un azienda operante il recupero di rifiuti metallici alla luce del nuovo reg.ue n.333/2011 e dello standard BS OHSAS 18001:2007. verifica della conformità ai requisiti tecnico-normativi vigenti dei materiali prodotti dalle lavorazioni. [in corso] Tesi sul recupero di metalli non ferrosi in un impianto di separazione densimetrica 2012 Italferro Srl-Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali, delle materie prime e metallurgia Prof.ssa La Marca: n.1 tirocinio (corso di Ingegneria per l Ambiente e il Territorio) in materia di rendicontazione degli aspetti ambientali dell impianto Italferro Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali, Università di Bologna, Polo Scientifico Didattico di Rimini, DOTTORATO DI RICERCA IN CHIMICA INDUSTRIALE, Ciclo XXIV, Settore Concorsuale di afferenza: 03/A1, Settore Scientifico disciplinare: CHIM 12 CHIMICA DELL AMBIENTE E DEI BENI CULTURALI, Industrial ecology applied to ELV management. Material and energy recovery from ASR Italferro Srl-Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali, delle materie prime e metallurgia, Classificazione giuridica del fluff d auto prodotto dalla Italferro divisione Ecofer, prof. ing. Giuseppe Liuzzo, 2006

13 Grazie per l attenzione Ing. Franco Macor Italferro Srl - divisione Ecofer Via Pian Savelli, S. Palomba (ROMA) Tel. 06/ Fax. 06/ E.mail:

OGGETTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DLGS 3 APRILE 2006, N. 152 - DLGS 29 GIUGNO 2010, N. 128 - DLGS 4 MARZO 2014, N.

OGGETTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DLGS 3 APRILE 2006, N. 152 - DLGS 29 GIUGNO 2010, N. 128 - DLGS 4 MARZO 2014, N. COMMITTENTE SEDE LEGALE: VIA CONFORTINO,31 40053 VALSAMOGGIA- LOC. CRESPELLANO (BO) SEDE OPERATIVA: VIA PIAN SAVELLI, 24-28 00134 ROMA (RM) IL RAPPRESENTANTE LEGALE (TIMBRO E FIRMA) OGGETTO DOMANDA DI

Dettagli

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente CRS s.r.l. Via Piave, 21 10040 LEINI (TO) Tel. 011 9910270 - Fax : 011 9910992 P.IVA. - C.F. 07357640015 www.derichebourg.com Documento non vincolante - 10/2008 - www.epicea.com - Photo GettyImages - Corbis

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale L analisi delle quantità dei materiali ottenuti dalla bonifica e dalla demolizione dei veicoli giunti a fine vita (ton/anno) avviate a reimpiego,

Dettagli

IL RECUPERO DEI VEICOLI A FINE VITA PER UNA GREEN & CIRCULAR ECONOMY. Il contributo del sistema Italferro-Ecofer alla transizione green in Italia

IL RECUPERO DEI VEICOLI A FINE VITA PER UNA GREEN & CIRCULAR ECONOMY. Il contributo del sistema Italferro-Ecofer alla transizione green in Italia IL RECUPERO DEI VEICOLI A FINE VITA PER UNA GREEN & CIRCULAR ECONOMY Il contributo del sistema Italferro-Ecofer alla transizione green in Italia aprile 2015 Ricerca condotta dalla Fondazione per lo sviluppo

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

#7!B;=6>A97:C!:;! 5%+16'71&.8.1-'C!=:EA6<<;!Q9!07A;76<<;!%9;FF9!!

#7!B;=6>A97:C!:<!B67A>;! 5%+16'71&.8.1-'C!=:EA6<<;!Q9!07A;76<<;!%9;FF9!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! #$!%&'()&%*!&+&%,&-#'*!.&#!%&/#.(#!.0!0(-*.&1*$#2#*+&!!!"#$%"&'()'(*+',"-.#/(0.+1(2"31-./(0"&'4.1(0"&'-+(!! 34"" &+&0! 056789:!7:89;7:!

Dettagli

Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa

Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa Rifiuti Aggiornamento Problematica Normativa Campionamento ed analisi del Fluff Giorgio Croce Dip. ARPAT di Firenze tel. 0553206259 fax 0553206218 1 2 Rifiuti di Rottamazione in Italia 2.000.000 di automobili

Dettagli

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio.

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Tutte le risposte che cercate, in un unico Partner Da 50 anni operiamo al fianco di Aziende, Enti e Comuni, fornendo servizi di recupero e trattamento di

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA La raccolta differenziata degli imballaggi in plastica in Italia Nel corso del 2006 in Italia sono state recuperate più di un milione di tonnellate

Dettagli

1 µm (oltre) ± 1... 3 % o 2,5 µm (è valido il valore superiore) display LCD a 4 cifre e 10 mm di altezza Temperatura ambientale 0...

1 µm (oltre) ± 1... 3 % o 2,5 µm (è valido il valore superiore) display LCD a 4 cifre e 10 mm di altezza Temperatura ambientale 0... Spessimetro PCE-CT 27 spessimetro combinato per la misura dello spessore di vernice, plastica, ecc. per metalli ferrosi (F) e non ferrosi (N) con ampi range di misura Lo spessimetro è un dispositivo per

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali

Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali Facoltà di Ingegneria Corso di laure di Ingegneria Industriale Attività seminariali Nuovi Materiali per le Tecnologie del Futuro Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali Prof.

Dettagli

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti

Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Impianti di selezione meccanica dei rifiuti Gli impianti di selezione meccanica dei rifiuti solidi possono fare parte di un sistema integrato per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Essi producono:

Dettagli

THYSSEN SONNENBERG RECYCLING LEADER NEL RICICLO DEI ROTTAMI FERROSI

THYSSEN SONNENBERG RECYCLING LEADER NEL RICICLO DEI ROTTAMI FERROSI THYSSEN SONNENBERG RECYCLING LEADER NEL RICICLO DEI ROTTAMI FERROSI 1 TSR GROUP La TSR Recycling GmbH & Co. KG, più semplicemente conosciuta come TSR, ha sede in Germania ed è una delle società europee

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE UD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 38.32.20 RECUPERO E PREPARAZIONE PER

Dettagli

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione 1 Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione Gino Schiona Direttore Generale CIAL Alberto Cambiaghi Direttore Generale Brianza Energia Ambiente Ecomondo Rimini, 6 novembre 2014 2 CIAL. La strategia

Dettagli

cellulare: 339 2238096 e-mail: egondm@yahoo.it iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia dal 17/04/2000 al n.

cellulare: 339 2238096 e-mail: egondm@yahoo.it iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia dal 17/04/2000 al n. Dati Personali nome De Maria Egon data di nascita 8 agosto 1970 luogo di nascita residenza Dati Ditta nome indirizzo C.F. Rivoli (TO) CURRICULUM VITAE Località Cremaschina, 5/E - 25015 Desenzano del Garda

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI

CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI CODICI CER RIFIUTI SETTORE COSTRUZIONI Tipo di attività: SCAVO, COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE (attività edile vera e propria) Codice CER Declaratoria Note 17.01.01 cemento 17.01.02 mattoni 17.01.03 mattonelle

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI MATERIALE PLASTICO PER

Dettagli

LA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO

LA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO LA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO Aspetti normativi : Il d.lgs. 209/2003 in relazione al Testo Unico Ambientale (d.lgs. 152/06) Commissario Michelangelo PECORELLA Nucleo Operativo Protezione Ambiente della

Dettagli

TRATTAMENTO FILTRI OLIO: DA RIFIUTI PERICOLOSI A PREZIOSE MATERIE PRIME

TRATTAMENTO FILTRI OLIO: DA RIFIUTI PERICOLOSI A PREZIOSE MATERIE PRIME TRATTAMENTO FILTRI OLIO: DA RIFIUTI PERICOLOSI A PREZIOSE MATERIE PRIME 1 Storia del Gruppo Il Gruppo Riccoboni ha origini nel 1964 in Valmozzola in provincia di Parma, come azienda artigianale ma, già

Dettagli

Ciclo carta e cartone

Ciclo carta e cartone Ciclo carta e cartone la carta e il cartone inseriti negli appositi contenitori vengono prelevati dal gestore del servizio 6 PRODOTTI a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si

Dettagli

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti.

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Servizi Ambientali per Banche ed Imprese Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Forum Green Economy 2014 Roma 4/5 giugno 2014 relatore: Moreno Lolli coordinamento: Elena Mazzoni Un po di storia 1997

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO Tesi di Laurea SMALTIMENTO E RIUTILIZZO DEL MATERIALE

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA PROPOSTA PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE FRAZIONI SECCHE DEI RIFIUTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA costituite da IMBALLAGGI e FRAZIONE SECCA RESIDUA FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI MATERIE PRIME SECONDE Intervento

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

SORTICANTER FLOTTWEG Innovazione nella tecnologia della centrifugazione per riciclare la plastica

SORTICANTER FLOTTWEG Innovazione nella tecnologia della centrifugazione per riciclare la plastica SORTICANTER FLOTTWEG Innovazione nella tecnologia della centrifugazione per riciclare la plastica I RIFIUTI SI CONVERTONO IN RISORSE Quando imballaggi leggeri, fibre plastiche e rifiuti plastici provenienti

Dettagli

Recuperiamo materie prime sia in città sia in campagna

Recuperiamo materie prime sia in città sia in campagna Recuperiamo materie prime sia in città sia in campagna Leading in erecycling Ecco tutto quello che riceviamo Elementi fotovoltaici Batterie e accumulatori Lampade e dispositivi d illuminazione Terminali

Dettagli

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business

Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D. Sorting your business Bollegraaf Recupero dei rifiuti da C&D Sorting your business Bollegraaf Soluzioni per la valorizzazione dei rifiuti Noi di Bollegraaf comprendiamo che il settore del riciclaggio, come tutte le attività

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente la modifica dell'ordinanza tecnica sui rifiuti relativa allo smaltimento del fluff (ASR)

Rapporto esplicativo concernente la modifica dell'ordinanza tecnica sui rifiuti relativa allo smaltimento del fluff (ASR) Rapporto esplicativo concernente la modifica dell'ordinanza tecnica sui rifiuti relativa allo smaltimento del fluff (ASR) 1. Situazione iniziale In Svizzera vengono ritirati dalla circolazione circa 240'000

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Piattaforma di Tortona

Piattaforma di Tortona Pagina 1 di 5 Piattaforma di Tortona Funzionamento della Piattaforma di Tortona Gestione dei rifiuti provenienti dai Comuni soci e/o dalle Utenze Private Autorizzate ACCETTAZIONE I mezzi in ingresso in

Dettagli

INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo

INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo POLITECNICO DI MILANO 2002/2003 III Facoltà di Ingegneria di Milano - Leonardo ANNO ACCADEMICO 2002/2003 Regolamenti Didattici dei Corsi di Studio in INGEGNERIA CHIMICA 1 Sede di Milano - Leonardo Corso

Dettagli

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli - a.a. 2013/14 7. LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE I VEICOLI FUORI USO 2 LA DIRETTIVA E.O.L- VEHICLES E LA SUA

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

SCHEDA TECNICA RELATIVA A TRAFILATI OTTENUTI DAL PROCESSO DI RECUPERO DI ECO LIFE SRL ECO TRAFILATI

SCHEDA TECNICA RELATIVA A TRAFILATI OTTENUTI DAL PROCESSO DI RECUPERO DI ECO LIFE SRL ECO TRAFILATI SCHEDA TECNICA RELATIVA A TRAFILATI OTTENUTI DAL PROCESSO DI RECUPERO DI ECO LIFE SRL ECO TRAFILATI derivanti dalla raccolta differenziata post-consumo di rifiuti solidi urbani SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 5 Sistema di gestione dei veicoli a motore e simili fuori uso e loro parti destinate alla demolizione ed alla rottamazione Luglio 1998 2 SOMMARIO 1.

Dettagli

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Progetto Ecodens Progetto di filiera per lo sviluppo di un processo per la produzione di un combustibile ottenuto per co-densificazione di sanse con altre biomasse

Dettagli

TRATTAMENTO E RECUPERO DEI METALLI CONTENUTI NELLE BATTERIE Milano 11 settembre 2012

TRATTAMENTO E RECUPERO DEI METALLI CONTENUTI NELLE BATTERIE Milano 11 settembre 2012 TRATTAMENTO E RECUPERO DEI METALLI CONTENUTI NELLE BATTERIE Milano 11 settembre 2012 Pile e batterie obsolete: dal riciclo miniere di nicchia di metalli non ferrosi. A cura: Catya Alba FORTOM CHIMICA SRL

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTI 20-21 GIUGNO 2011, Milano Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera Stefano Caserini ARPA Lombardia, Settore

Dettagli

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO

IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO IMPIANTI A RECUPERO E RICICLAGGIO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 22/1997 e s.m.i. (Applicazione delle Direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi, 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANNA TERESA FORMISANO, RUGGERI, FRONER, LULLI, VICO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANNA TERESA FORMISANO, RUGGERI, FRONER, LULLI, VICO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4370 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANNA TERESA FORMISANO, RUGGERI, FRONER, LULLI, VICO Modifiche al decreto legislativo 3 aprile

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Consegne c/o Acciaierie di Calvisano S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO

Consegne c/o Acciaierie di Calvisano S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Consegne c/o Acciaierie di Calvisano S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Ragione Sociale e sede amministrativa ACCIAIERIE DI CALVISANO SPA Via Kennedy 101/a Loc. Viadana 25012 CALVISANO

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

La gestione dei rifiuti in cemento-amianto nel Lazio

La gestione dei rifiuti in cemento-amianto nel Lazio ECOMONDO 2007, Rimini La gestione dei rifiuti in cemento-amianto nel Lazio Resoconto di prima fase del progetto AIAT Roma in corso di svolgimento Stefano Cicerani Chi è AIAT Roma Nasce nel 2003 dall iniziativa

Dettagli

L'industria del riciclo

L'industria del riciclo L'industria del riciclo Duccio Bianchi, Ambiente Italia L Italia è il leader europeo nell'industria del riciclo. Nel 2010, secondo i dati Eurostat, a fronte di un avvio a recupero industriale di 163 milioni

Dettagli

DAI RIFIUTI SOLIDI URBANI (RSU) O DALLA BIOMASSA ALLA PRODUZIONE DI NUOVA ENERGIA SENZA EMISSIONI

DAI RIFIUTI SOLIDI URBANI (RSU) O DALLA BIOMASSA ALLA PRODUZIONE DI NUOVA ENERGIA SENZA EMISSIONI PYROMEX Italia Via Carlo Botta, 7 20135 MILANO Fax: +39 0322 917304 e-mail: info@pyromex.it DAI RIFIUTI SOLIDI URBANI (RSU) O DALLA BIOMASSA ALLA PRODUZIONE DI NUOVA ENERGIA SENZA EMISSIONI OBIETTIVO Ottenere

Dettagli

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS Obiettivi dello studio oggetto d analisi: BOTTIGLIA DI PLASTICA da 1 lt ampiezza ciclo di vita: DALLE MATERIE PRIME AL RICICLO/RIUSO FINALITÀ: Dai risultati dello studio

Dettagli

Mulino a martelli. Serie HP

Mulino a martelli. Serie HP Mulino a martelli Serie HP Mulino a martelli Zato: i PLUS I mulini a martelli Blue Shark serie HP sono la soluzione ideale per la trasformazione di rottami metallici medio pesanti in proler di elevata

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

rispettiamo il pianeta

rispettiamo il pianeta W2 M INTRODUZIONE Lo sviluppo della società industriale ha avuto una forte accelerazione negli ultimi 20 anni e i problemi globali come il cambiamento climatico ne sono l'effetto più evidente. Le cause

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Incontro informativo. Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi. Milano, 12 aprile 2011

Incontro informativo. Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi. Milano, 12 aprile 2011 Incontro informativo Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi Milano, 12 aprile 2011 Esenzione e fuori campo per i processi produttivi Criteri di applicazione e requisiti

Dettagli

Comunicato stampa. Bergen op Zoom, Paesi Bassi - 4 Settembre2013

Comunicato stampa. Bergen op Zoom, Paesi Bassi - 4 Settembre2013 Comunicato stampa Bergen op Zoom, Paesi Bassi - 4 Settembre2013 SABIC sostiene gli sforzi di Hella e Volkswagen volti a superare i problemi relativi alle alte temperature nella progettazione degli eleganti

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

CATALOGO ACCESSORI PER TAPPARELLE N 19A

CATALOGO ACCESSORI PER TAPPARELLE N 19A CATALOGO ACCESSORI PER TAPPARELLE N 9A Un nuovo programma di accessori per tapparelle, per rispondere alle richieste della nostra clientela SCHEMA DI MONTAGGIO CINGHIA 9 3 9 4 6 7 8 ) Supporto a murare

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE A. P. DAL 25-03-2009 AL 09-04-2009 COPIA REG. GEN. N. 395 Data 25-03-2009 PRATICA N. DBDIR - 468-2009 PROVINCIA DI CROTONE DIPARTIMENTO III SETTORE 1 AMBIENTE, DEMANIO IDRICO, ENERGIA, RISORSE IDRICHE

Dettagli

CITTA' DI MODUGNO (Provincia di Bari) II SETTORE POLITICHE AMBIENTALI E QUALITA DELLA VITA

CITTA' DI MODUGNO (Provincia di Bari) II SETTORE POLITICHE AMBIENTALI E QUALITA DELLA VITA CITTA' DI MODUGNO (Provincia di Bari) II SETTORE POLITICHE AMBIENTALI E QUALITA DELLA VITA Via Rossini n 49, piano primo 70026 Modugno tel. +390805865345 fax +390805865423 La presente relazione traccia

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

L ECOLOGIA COME OPPORTUNITA INDUSTRIALE. IL CASO DELLO SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI.

L ECOLOGIA COME OPPORTUNITA INDUSTRIALE. IL CASO DELLO SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. ASSPECT ASSOCIAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA TECNICA L ECOLOGIA COME OPPORTUNITA INDUSTRIALE. IL CASO DELLO SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. Ing. Riccardo Cenerini 30.01.2014 ASSPECT

Dettagli

Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO

Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Ragione Sociale FERALPI SIDERURGICA SPA Via Aurelio Saffi nr. 15 25122 BRESCIA (BS) Sede Amministrativa FERALPI SIDERURGICA

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

STUDIO DI MASSIMA ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRAZIONE DI UNA VETTURA SPORTIVA IBRIDA PER DIVERSAMENTE ABILI

STUDIO DI MASSIMA ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRAZIONE DI UNA VETTURA SPORTIVA IBRIDA PER DIVERSAMENTE ABILI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA LABORATORIO CAD STUDIO DI MASSIMA ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRAZIONE DI UNA VETTURA SPORTIVA

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Processi di recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani

Processi di recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani Processi di recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani Sistema integrato di raccolta e smaltimento Produzione RU Frazione organica Raccolta differenziata Raccolta indifferenziata Pretrattamenti meccanici

Dettagli

Sviluppo tecnologico e scientifico per la. Roma 16 Giugno 2014 Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria

Sviluppo tecnologico e scientifico per la. Roma 16 Giugno 2014 Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria Sviluppo tecnologico e scientifico per la produzione di CSS Combustibile Roma 16 Giugno 2014 Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria SALUTI AUTORITÀ E APERTURA DEI LAVORI Camillo Piazza Presidente

Dettagli

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Flavio Deflorian Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e Tecnologie Industriali, Università di Trento, Via Mesiano

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

Insegnamenti N.O. (6 CFU ciascuno se non diversamente specificato) attività formative

Insegnamenti N.O. (6 CFU ciascuno se non diversamente specificato) attività formative TABELLA 1 attività formative Corso di Laurea in Ingegneria LOGISTICA e della PRODUZIONE - Passaggi da Corso di Laurea (VO) - a Corso di Laurea in 3 anni (NO) 1 2 3 4 5 Ambiti disciplinari CFU Ins. Ordinamento

Dettagli

MOBILE FLESSIBILE POTENTE BLUE SHARK. Mulino a Martelli mobile. www.zato.it

MOBILE FLESSIBILE POTENTE BLUE SHARK. Mulino a Martelli mobile. www.zato.it Mulino a Martelli mobile BLUE SHARK MOBILE RECYCLING FLESSIBILE POTENTE www.zato.it LA SOLUZIONE IDEALE PER LA TRASFORMAZIONE DI ROTTAMI METALLICI MEDIO PESANTI IN PROLER DI ELEVATA QUALITÀ, IN VERSIONE

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

Classificazione dei metalli

Classificazione dei metalli Prof. Carlo Carrisi Classificazione dei metalli Leggeri: magnesio (Mg), alluminio (Al), titanio (Ti) hanno buona resistenza meccanica e sono molto leggeri. Ferrosi: il ferro (Fe) è il metallo più usato

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

le tecnologie di oggi e le prospettive di ricerca

le tecnologie di oggi e le prospettive di ricerca I VEICOLI ELETTRICI PER UN SISTEMA DI TRASPORTI ECOCOMPATIBILE: le tecnologie di oggi e le prospettive di ricerca Prof. Ing. Domenico Casadei Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università degli Studi

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 30.05.2002 ad oggetto Approvazione del Regolamento per l utilizzo dell Isola Ecologica, esecutiva ai sensi di legge,

Dettagli

Zinco prezzi & produzione

Zinco prezzi & produzione Dr Thomas Chaize Analisi Strategia Risorses Zinco prezzi & produzione Mailing n 8-2 26.03.2009 Dr Thomas Chaize Site : contatto & Mailing gratuita : http:///mailing%20list/mailinglistit.htm Zinco, Zn simbolo,

Dettagli

Scienza e Tecnologia dei Materiali

Scienza e Tecnologia dei Materiali Scienza e Tecnologia dei Materiali Ingegneria Civile Docente: Prof. Laura Montanaro laura.montanaro@polito.it Prof. L. Montanaro STM Ing. Civile 1 Generalità Orario lezioni: Lunedì 11.30-13.00 Martedì

Dettagli

L Italia del Riciclo 2011

L Italia del Riciclo 2011 279 2.14 Tessile 2.14.1 Andamento del settore a livello nazionale 2.14.1.1 Inquadramento normativo I rifiuti tessili di origine urbana sono regolamentati dalla normativa in materia di rifiuti contenuta

Dettagli

Una strada per pneumatici fuori uso

Una strada per pneumatici fuori uso Una strada per pneumatici fuori uso A cura di: Nome Cognome Stefano D Ambrosio - Nome Cognome Felice -Pio Nome Liberato Cognome Federico - Nome Lioy Cognome Isabella Marvelli Laura Romano Workshop Safe

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani SETTORE 8 Territorio, Ambiente, Parchi, Riserve, Protezione Civile e Portualità Servizio di rimozione e trasporto, ai fini del loro conferimento presso idoneo impianto autorizzato

Dettagli