Contratto e impresa / Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratto e impresa / Europa"

Transcript

1 ISSN PUBBLICAZIONE SEMESTRALE ANNO XVI N. 1 GENNAIO - GIUGNO 2011 Tariffa R.O.C.: Poste Italiane s.p.a. - Sped. in abb. post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. I, comma I, DCB Milano Contratto e impresa / Europa a cura di F. Galgano e M. Bin Class action in Europa Mediazione e ADR Incoterms e vendita internazionale Diritto contrattuale europeo Scelta del foro; accordo sul luogo di consegna e foro comunitario; competenza giurisdizionale e contratti on line; proposte della Commissione europea sulla competenza giurisdizionale Contratti di distribuzione tra Italia e Francia La nuova direttiva sui ritardi di pagamento Concetto di sovvenzione in diritto comunitario e nazionale Il registro mercantil in Spagna; novità normative in Germania Il Regolamento sulla legge applicabile a separazione e divorzio La legge comunitaria (2010) 2011

2

3

4 Contratto e impresa / Europa 1 anno sedicesimo a cura di F. Galgano e M. Bin Class action in Europa Mediazione e ADR Incoterms e vendita internazionale Diritto contrattuale europeo Scelta del foro; accordo sul luogo di consegna e foro comunitario; competenza giurisdizionale e contratti on line; proposte della Commissione europea sulla competenza giurisdizionale Contratti di distribuzione tra Italia e Francia La nuova direttiva sui ritardi di pagamento Concetto di sovvenzione in diritto comunitario e nazionale Il registro mercantil in Spagna; novità normative in Germania Il Regolamento sulla legge applicabile a separazione e divorzio La legge comunitaria (2010) 2011

5 PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA Copyright 2011 Wolters Kluwer Italia Srl A norma della legge sul diritto d autore e del codice civile è vietata la riproduzione di questo libro o di parte di esso con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro. Editore: Wolters Kluwer Italia Srl - Centro Direzionale Milanofiori - Strada 1, Pal. F Assago (MI) Autorizzazione del Tribunale di Padova del 31 gennaio 2006 n Direttore responsabile: Francesco Galgano Composizione: Bertoncello Artigrafiche - Cittadella (PD) Stampa: Geca Industrie Grafiche - Via Magellano, Cesano Boscone (MI) Stampato in Italia - Printed in Italy

6 Contratto e impresa / Europa anno sedicesimo a cura di F. Galgano e M. Bin INDICE SOMMARIO DIBATTITI INTERROGATIVI SULLA CLASS ACTION : LE RISPOSTE DI ALCUNI GIURISTI EUROPEI La nuova azione di classe in Italia di Edoardo Ferrante pag. 1 La tutela collettiva nel diritto processuale tedesco di Marina Tamm..» 30 Class actions: l esperienza spagnola di Amaya Arnaiz Serrano-Manuel Ignacio Feliu Rey » 43 Class actions in Portogallo: alcuni aspetti di Afonso D Oliveira Martins..» 58 Dutch Treat: the Dutch Collective Settlement of Mass Damage Act (WCAM 2005) di Franziska Weber-Willem H. van Boom » 69 SAGGI Vincenzo Vigoriti, Europa e mediazione. Problemi e soluzioni » 81 Sommario: 1. Introduzione. Il quadro di riferimento. L oggetto della consultazione. 2. Le lacune nell informazione (quesiti 1-4). 3. Coinvolgimento di commercianti e fornitori: l ADR obbligatoria (quesiti 5-8). 4. Diffusione sul territorio e specializzazione (quesiti 9-13). 5. Le risorse finanziarie (quesiti 14-16). Ermenegildo Mario Appiano, Contributo al dibattito sulla mediazione civile e commerciale » 97 Sommario: 1. Premessa. 2. Come opera il mediatore? 3. Che cosa intende il legislatore per mediazione? 4. La condizione di procedibilità alla luce

7 VI CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA del principio dell equo processo. 5. La rilevanza delle questioni giuridiche in mediazione. 6. Perché è opportuno che le parti partecipino personalmente alla mediazione? 7. L utilità della mediazione. 8. In conclusione. Ernesto Capobianco, Mediazione obbligatoria e Arbitro Bancario Finanziario.. pag. 134 Sommario: 1. La disciplina della mediazione obbligatoria e i contratti bancari e finanziari: l alternativa nella scelta del meccanismo di soluzione stragiudiziale delle controversie. 2. L Arbitro Bancario Finanziario e la sua «ibrida» natura: conseguenze sulla qualificazione della «decisione» dell organismo. 3. Verifica delle condizioni di «alternatività». Il carattere non assoluto dell alternativa: limitazioni di tipo soggettivo, oggettivo, convenzionale e territoriale. 4. Il possibile rapporto tra procedimento dinanzi all Arbitro Bancario Finanziario e la disciplina della mediazione. Le relazioni col processo. 5. Rilievi conclusivi, pronostici e proposte. Leonardo Graffi, Incoterms e UCP 600 quali usi dei contratti di vendita internazionale » 147 Sommario: 1. Premessa. 2. La sfera di applicazione dell art. 9 della Convenzione: gli usi commerciali. 3. Segue: prassi e abitudini contrattuali. 4. L applicazione degli Incoterms ai contratti di compravendita internazionale disciplinati dalla Convenzione: questioni interpretative. Gli Incoterms nella disciplina della compravendita internazionale. 5. Segue: l efficacia degli Incoterms nella giurisprudenza internazionale. 6. Gli UCP nella disciplina della compravendita internazionale. 7. Conclusioni. Olga Trombetti, I tentativi di uniformazione del diritto contrattuale a livello europeo. Prime riflessioni per un confronto tra il Draft of Common Frame of Reference ed il progetto preliminare del Code européen des contrats » 168 Sommario: 1. La logica della sistematica organizzazione del diritto contrattuale europeo. 2. L acquis comunitario quale piattaforma di partenza nel processo di armonizzazione: il Draft of Common Frame of Reference. 3. La logica protezionistica del consumatore nella disciplina del contratto di vendita prevista dal Code e dal DCFR: a) gli obblighi di informazione. 4. Segue: b) il sistema dei rimedi azionabili dal compratore. 5. Conclusioni. Giacomo Pailli, Commercio internazionale e giurisdizione consensuale: le proposte della Convenzione dell Aja del 30 giugno 2005 sulle clausole di scelta del foro » 192 Sommario: 1. Introduzione. 2. Ambito di applicazione Internazionalità della controversia Clausole esclusive Materia civile e commerciale. 3. I tre principi fondamentali Il giudice eletto deve esercitare la propria giurisdizione Il giudice non scelto deve astenersi Tutti i giudici devono riconoscere e dare esecuzione alla decisione. 4. Il regime delle dichiarazioni. 5. Conclusioni.

8 INDICE SOMMARIO VII Christian Notdurfter - Silvia Petruzzino, Luogo di consegna e relativo accordo delle parti nell ambito del foro comunitario del contratto pag. 223 Sommario: 1. Premessa. 2. La nozione di «luogo di consegna»: dal criterio di individuazione «conflittuale-analitico» a quello «pragmatico-fattuale». 3. Il luogo di consegna in assenza di accordo. 4. L accordo sul luogo di consegna: la rilevanza della volontà delle parti. 5. Segue: la dizione «salvo diversa convenzione» ed il concetto di «accordo astratto» quale limite alla volontà delle parti. 6. L accordo espresso ed il valore degli Incoterms e delle clausole simili. 7. L accordo implicito ed i dubbi sulla relativa ammissibilità. 8. Conclusioni. Silvia Marino, I contratti di consumo on line e la competenza giurisdizionale in ambito comunitario » 247 Sommario: 1. Introduzione. 2. Il sito internet interattivo. 3. La sentenza della Corte di giustizia. 4. Conclusioni. Andrea Costa, La nuova disciplina del credito ai consumatori » 262 Sommario: 1. Le ragioni di una normativa sul credito al consumo e l intervento del legislatore europeo. 2. Le prospettive di armonizzazione: la direttiva 08/48/CE sui contratti di credito ai consumatori. 3. La nuova disciplina italiana: fattispecie negoziale e ambito d applicazione Le norme a tutela del consumatore Gli obblighi informativi La valutazione del merito creditizio Le norme di protezione sostanziale. 4. Conclusioni. Giovanni Gargiulo, Il passaggio dal marchio celebre al marchio che gode di rinomanza, attraverso il riconoscimento legislativo della forza comunicativa e suggestiva del segno » 301 Sommario: 1. Il progressivo riconoscimento delle diverse funzioni del marchio. 2. Il marchio celebre. 3. Le ragioni della novella del La Direttiva 89/104/CEE: prime perplessità interpretative. 5. Il marchio che gode di rinomanza. 6. Le due ipotesi dell approfittamento e del pregiudizio. 7. Il giusto motivo ed i problemi di diritto intertemporale 8. Conclusioni. Olivier Delgrange-Aurora Visentin, Disciplina applicabile al recesso di un fabbricante italiano da un contratto di distribuzione con una parte francese...» 319 Sommario: 1. Premessa. 2. Qual è il foro competente per le controversie concernenti un contratto di distribuzione con un fabbricante italiano? 3. Le norme di diritto francese relative allo scioglimento del vincolo contrattuale e la loro cogenza. 4. Il recesso dai contratti di distribuzione. Roberto Cippitani, Il concetto giuridico di sovvenzione nel diritto dell Unione europea e nel diritto nazionale » 335 Sommario: 1. Individuazione del concetto di sovvenzione. 2. Profili struttu-

9 VIII CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA rali. 3. La clausola di scopo. 4. Distinzione tra sovvenzioni e appalti in base alle categorie civilistiche. 5. Critica all utilizzo dei concetti civilistici: interesse, obbligazioni e contratti. 6. L assenza di corrispettività. 7. La gratuità. 8. L iniziativa nella domanda di sovvenzione. 9. Il procedimento nella scelta del beneficiario. 10. La modalità di erogazione del contributo. 11. Il carattere associativo del rapporto di sovvenzione. 12. Funzione delle sovvenzioni. María Ascensión Martín Huertas, El espacio registral europeo. El modelo español del Registro Mercantil pag. 370 Sommario: 1. Introducción. 2. Razones para la creación de un espacio registral europeo. 3. El Registro Mercantil en el ordenamiento jurídico español Origen y evolución Concepto, funciones y normativa Organización del Registro Mercantil Objeto de la inscripción Inscripción Calificación registral Efectos de la inscripción Principio de publicidad. OSSERVATORIO SUL DIRITTO EUROPEO Presa di posizione sul futuro del CFR di Alessio Zaccaria » 397 Novità normative in Germania (anni ) di Arne Alberts e Edoardo Ferrante » 400 Vendita di lenti a contatto on line e prospettive di sviluppo dell e-commerce nell Unione europea di Maria Giovanna Fanelli » 407 Competenza giurisdizionale: le proposte della Commissione europea di Sara Amerio » 423 Separazione e divorzio: il Regolamento UE 1259/2010 del 20 dicembre 2010, per una cooperazione rafforzata nel settore della legge applicabile di Elisabetta Malagoli » 436 OSSERVATORIO SULL ATTUAZIONE IN ITALIA DEL DIRITTO EUROPEO La nuova direttiva 2011/7 in tema di lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali: prospettive di recepimento di Andrea Canavesio » 447 La legge comunitaria 2010 di Rossana Pennazio » 464

10 Hanno collaborato a questo numero: Arne Alberts, Diplomjurist e collaboratore scientifico presso il Centrum für Europäisches Privatrecht della Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Münster, Germania Sara Amerio, magistrato ordinario in tirocinio Ermenegildo Mario Appiano, avvocato in Torino Amaya Arnaiz Serrano, professore titular interina di Diritto Processuale, membro dell Instituto de Justicia y Litigación Alonso Martinez, Università Carlos III di Madrid Andrea Canavesio, avvocato in Torino Ernesto Capobianco, ordinario di Istituzioni di Diritto Privato nell Università del Salento (prof. Roberto Cippitani, dottore commercialista e revisore legale Andrea Costa, dottore di ricerca in Diritto dei Consumatori e Mercato; avvocato in Roma Afonso D Oliveira Martins, professore catedrático, Facoltà di Diritto, Università Lusíada di Lisbona; Olivier Delgrange, avvocato in Milano e Parigi Maria Giovanna Fanelli, avvocato in Torino Manuel Ignacio Feliu Rey, professore titular di Diritto Civile, Direttore Catedra Asgeco Università Carlos III di Madrid Edoardo Ferrante, ricercatore di Diritto Privato nell Università di Torino Giovanni Gargiulo, avvocato in Napoli Leonardo Graffi, avvocato in Roma e New York Elisabetta Malagoli, avvocato in Torino Silvia Marino, dottore di ricerca in Diritto dell Unione Europea María Ascensión Martín Huertas, professore asociada di Diritto Civile nell Università di Siviglia Christian Notdurfter, dottore in giurisprudenza e Magister der Rechtswissenschaften Giacomo Pailli, dottorando di ricerca in Diritto Comparato nell Università di Firenze Rossana Pennazio, dottore di ricerca in Diritto Civile unipmn.it); Silvia Petruzzino, avvocato in Milano Marina Tamm, Privatdozentin presso la Humboldt Universität di Berlino Olga Trombetti, dottoranda di ricerca in Diritto Privato Comparato nell Università di Milano; avvocato in Santa Maria Capua Vetere

11 X COLLABORATORI Willem H. van Boom, professore nell Erasmus University di Rotterdam frg.eur.nl); Vincenzo Vigoriti, ordinario di Diritto Privato Comparato nell Università di Firenze Aurora Visentin, avvocato in Milano e Parigi Franziska Weber, dottoranda in Law and Economics nell Erasmus University di Rotterdam Alessio Zaccaria, ordinario di Diritto Civile nell Università di Verona.

12 Dibattiti INTERROGATIVI SULLA CLASS ACTION : LE RISPOSTE DI ALCUNI GIURISTI EUROPEI Questo dibattito è stato promosso dalla Rivista sottoponendo a sette studiosi europei della class action una selezione di specifici quesiti. La nuova azione di classe in Italia 1. Le ragioni di un dibattito L iniziativa editoriale è tempestiva, perché il dibattito ospitato dalla Rivista anticipa ed accompagnerà il sondaggio avviato dalla Commissione UE sul tema Towards a Coherent European Approach to Collective Redress ( 1 ). Dopo il Libro verde sui mezzi di ricorso collettivo dei consumatori ( 2 ), che rappresentò una prima presa di coscienza, la Commissione mostra ora di perseguire con più decisione l obiettivo dell azione di classe europea. Quest ultima, nel rimettere all iniziativa privata l attuazione dei diritti e degli interessi del cittadino europeo, si candida a divenire il maggior fattore di effettività del diritto comunitario, riempiendo di contenuto il programma di cittadinanza europea promosso dalle istituzioni dell Unione. La consultazione, per come disegnata dall ultimo consultation paper, attraverserà i punti nodali del processo collettivo, sviluppando quesiti e problemi ormai noti a quei paesi membri che hanno introdotto o stanno per introdurre meccanismi di tutela seriale o collettiva o di classe. La premes- ( 1 ) Il Consultation paper (Commission Staff Working Document. Public Consultation: Towards a Coherent European Approach to Collective Redress) è stato pubblicato in lingua inglese il 4 febbraio 2011, sotto SEC(2011) 173 def. ( 2 ) Il Libro verde sui mezzi di ricorso collettivo dei consumatori fu presentato il 27 novembre 2008 sotto COM(2008) 794 def. (cfr. in tema, fra i molti, Vigoriti, L azione risarcitoria di classe: sollecitazioni europee, resistenze italiane, in questa rivista, 2009, p. 680 ss.).

13 2 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA sa è nitida: Essentially, every national system of compensatory redress is unique and there are no two national systems that are alike in this area ( 3 ); ma d altra parte questa molteplicità di soluzioni nazionali, che emergerà certamente anche dal presente dibattito, è figlia di politiche non omogenee fra loro e sottende una ben più radicale disparità di scopi: qualsiasi opera armonizzatrice, che voglia promuovere un azione di classe europea, non potrà prescindere da un chiarimento di fondo sulle finalità e sulla ratio dell istituto, e su queste cucire la veste più appropriata. Per quanto ovvia s impone qui più che mai l esigenza che la politica fissi innanzi tutto la mèta, ed a questa siano orientate scelte tecnico-giuridiche conseguenti ( 4 ). Da questo punto di vista l azione vigente in Italia è purtroppo coerente: l obiettivo sembra essere stato quello d introdurre uno strumento vuoto, di facciata, se possibile inoperante; ed il legislatore ha centrato quell obiettivo con maestrìa, scrivendo un nuovo art. 140-bis c.cons. che delude o quantomeno comprime ogni prospettiva di funzionamento dell istituto. 2. L ambito materiale della class action italiana La scelta di codificare l azione all interno del codice del consumo è già di per sé riduttiva: in Italia la classe beneficiaria della tutela aggregata può essere composta soltanto da consumatori, mentre l accesso è negato a qualsiasi altro soggetto debole (magari più debole dello stesso consumatore, visto che questi vanta ormai normative di protezione nel complesso più avanzate rispetto a quelle concesse ad altre categorie). Si pensi alla piccola e media impresa, ma ancor più a quella che potrebbe denominarsi microimpresa e per la quale manca persino una definizione legislativa, che sopperisca all ampiezza (ormai) eccessiva della nozione di piccolo imprenditore ex art c.c. La protezione dell impresa debole non è più estranea al diritto positivo ( 5 ), ma rimanendo estranea al codice del consumo, non può assumere le forme del processo di classe ( 6 ). ( 3 ) Cfr. par. 9 SEC(2011) 173 def. (citato nella versione inglese attualmente disponibile). ( 4 ) I termini del dibattito sono ben rappresentati dai contributi raccolti in Casper, Janssen, Pohlmann e Schulze (cur.), Auf dem Weg zu einer europäischen Sammelklage?, München, 2009; e in v. Boom e Loos (cur.), Collective Enforcement of Consumer Law, Groningen, 2007; più in breve Janssen, Europa e class action: «stato dell arte» e delimitazioni di campo, in questa rivista, 2009, p. 694 ss. ( 5 ) Un ampia ricognizione del tema è data da Gitti evilla (cur.), Il terzo contratto, Bologna, ( 6 ) Lo ha confermato anche Trib. Torino, ord., 4 giugno 2010, in Nuova giur. civ., 2010, p. 869 ss. con nota di Libertini e Maugeri; e in Danno e resp., 2011, p. 67 ss. con nota di Frata (la

14 DIBATTITI 3 Segregare il diritto dei consumi entro le maglie di un codice speciale significa accentuarne l isolamento e deprimerne la portata sistematica. Creato il codice di settore, spezzoni consistenti del codice civile generale si pensi ai previgenti artt bis ss. c.c. in materia di clausole vessatorie (ora artt. 33 ss. c.cons.), o agli artt bis ss. c.c. sulle garanzie nella vendita al consumo (ora artt. 128 ss. c.cons.) vi sono stati velocemente riversati senza ponderazione delle conseguenze: malgrado l ambito d applicazione non sia di per sé mutato, la ricollocazione settoriale delle norme ne rende ancor più precari i nessi con la parte generale, impendendo la congiunzione fra regole di settore e linee di principio. Altre volte la ricollocazione settoriale ha obbedito a finalità ancor più drastiche, cioè a contenere entro gli schemi del rapporto di consumo fattispecie prima dotate di maggiore ampiezza: così, abrogato il D.P.R. 24 maggio 1988, n. 224 (ad opera dell art. 146, lett. a, c.cons.), la responsabilità per danno da prodotti difettosi è divenuta parte integrante del codice di settore grazie agli artt c.cons., ma con ciò ha visto restringersi i suoi orizzonti applicativi, non potendosi dubitare che all esito della ricollocazione l acquirente tutelato dalla normativa in commento è soltanto il consumatore. All isolamento sistematico si unisce persino un arretramento del fronte di tutela, che lascia sguarnito chi prima era protetto. Il duplice effetto riduttivo, sistematico e sostanziale, si ripercuote ora sull azione di classe, non appena e non a caso situata entro il codice di settore: essa costituisce un rito speciale che non può fuoriuscire dagli schemi del rapporto di consumo, né prestarsi ad interpretazioni espansive o sistematicamente orientate; la sua stessa ubicazione la rende distante dal diritto civile comune. Sennonché le limitazioni non finiscono qui: la class action italiana ha margini d applicazione più ristretti di quelli tracciati dagli artt. 1 ss. c.cons. per i diritti dei consumatori in generale. All interno della normativa settoriale, l art. 140-bis, comma 2, lett. a), b) e c), c.cons. definisce un ulteriore sotto-settore, non comprendendo neppure la totalità dei rapporti, dei diritti e degli interessi qua e là difesi, in maniera disorganica e farraginosa, dal codice del consumo ( 7 ). La citata lett. a) menziona i diritti contrattuali, ivi compresi quelli relativi a contratti stipulati ai sensi degli artt e 1342 del codice civile : qui data del 27 maggio 2010, riportata nelle edizioni a stampa, è quella della deliberazione e non del deposito). ( 7 ) Cfr. sul punto Alpa, L art. 140-bis del codice del consumo nella prospettiva del diritto privato, in Riv. trim. dir. e proc. civ., 2010, pp

15 4 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA la formula di legge è per fortuna ampia (anche se le restrizioni proverranno dalle considerazioni che seguono). La lett. b) cita i diritti (...) spettanti ai consumatori finali di un determinato prodotto nei confronti del relativo produttore, anche a prescindere da un diretto rapporto contrattuale : la lettera di legge, malgrado l apparente vastità, è volta a demarcare un preciso raggruppamento di illeciti, aquiliani o contrattuali ad esempio quando il produttore sia stato anche venditore del prodotto assicurando l impunità a tutti gli altri; l operazione è alfine restrittiva, perché nell ammettere l azione per gli illeciti (o gli inadempimenti) enunciati, la norma finisce con l escluderla, in termini più generali, per tutte le altre ipotesi ricadenti nell art c.c. ( 8 ). Sorprende ad esempio che il diritto alla salute, solennemente riconosciuto dall art. 2, comma 2, lett. a), c.cons. come diritto fondamentale dei consumatori e degli utenti, ed anzi come diritto posto al vertice del loro bill of rights in piena sintonìa non solo con l art. 32, comma 1, Cost., ma anche con l art. 3, comma 1, della Carta di Nizza-Strasburgo (fonte primaria del diritto dell Unione ex art. 6, comma 1, nuovo testo, TUE) non rientri nelle materie coperte dal nuovo rito, per lo meno quando la sua violazione sia perpetrata attraverso l illecito aquiliano: la prolungata emissione di agenti tossici nello smaltimento di scorie e resti inquinanti, tipica di talune prassi produttive ben note alla nostra storia industriale, anche laddove abbia provocato malattie letali, non si presterebbe all azione in commento, non ricadendovi l illecito plurioffensivo come tale, ma solo quello riconducibile ai gruppi di fattispecie indicati alle lett. a), b) e c) dell art. 140-bis, comma 2, c. cons. ( 9 ). Tuttavia, quand anche la lettera dell art. 140-bis, comma 2, lett. b), abbia portata tassativa e valga a restringere, anziché allargare neppure potrebbe essere sottoposta ad un interpretazione tanto rigorosa da far coincidere il suo ambito con quello della responsabilità del produttore per danno ( 8 ) Cfr. fra gli altri, Porreca, Ambito soggettivo e oggettivo dell azione di classe, in Eur. dir. priv., 2010, p. 559 ss.; ed in breve Caponi, Il nuovo volto della class action, in Foro it., 2009, V, c ( 9 ) Né si dica che in casi così gravi l azione individuale conserva intatta la sua redditività; al contrario è noto che sfugge al processo tradizionale non solo l intero bagatellare con enorme ed illecito profitto del danneggiante ma anche larga parte di quel contenzioso che bagatellare non è: le incertezze, le pastoie e le lungaggini del processo a base individuale rendono inappetibile l azione civile anche a chi razionalmente dovrebbe esperirla, e nondimeno preferisca rinunciare consapevolmente a far valere i suoi diritti (s interroga, ancora di recente, sul comportamento del consumatore medio, così come di quello vulnerabile, Zorzi Galgano, Il consumatore medio ed il consumatore vulnerabile nel diritto comunitario, in questa rivista, 2010, p. 549 ss.).

16 DIBATTITI 5 da prodotti difettosi: quale che sia stata l intenzione del legislatore, non emergono indici testuali che lascino subordinare l esperimento dell azione ex art. 140-bis, comma 2, lett. b), c.cons. ai presupposti di difettosità disciplinati dagli artt. 114 ss. c.cons. (e già dal D.P.R. 24 maggio 1988, n. 224), tanto più che l art. 115 c.cons., nel definire prodotto e produttore, chiarisce che dette definizioni varranno solo ai fini del presente titolo, e dunque non necessariamente dovranno essere osservate altrove, magari in sede di accesso al nuovo rito di classe. Si potrebbe citare il caso, sempre più attuale, del danno da fumo ( 10 ): l illecito del produttore di sigarette, sempreché riscontrabile, non dipende dalla produzione e messa in commercio di prodotti difettosi ai sensi degli artt. 114 ss. c.cons. la sigaretta nuoce per il solo fatto della sua combustione ed assunzione, anche quando prodotta a perfetta regola d arte ( 11 ) ma non si potrà negare, per ciò solo, l esperibilità dell azione di gruppo per danno da fumo, non trovando questa alcuna controindicazione nella lettera dell art. 140-bis, comma 2, lett. b), c.cons. Infine la lett. c) ha riguardo al danno da pratiche commerciali scorrette e da comportamenti anticoncorrenziali dell imprenditore, fattispecie virtualmente estese, e che potrebbero rappresentare una fonte di protezione significativa per i consumatori danneggiati, ma che al momento patiscono un certo ritardo nell elaborazione teorica e nell applicazione pratica, sicché non è agevole prevedere una gran mole d azioni fondate su illeciti antitrust o su condotte commerciali improprie praticate su larga scala ( 12 ). Non può essere questo il diametro della class action europea, a meno che la finalità ultima del legislatore comunitario non sia quella di varare uno strumento di rara e difficile applicazione concreta, a salvaguardia di posizioni soggettive persino più ristrette di quelle che abitualmente si riconoscono al consumatore in generale. ( 10 ) Cfr. in tema, da ultimo, Cascione, La responsabilità per danni da fumo, in Danno e resp., 2010, p. 869 ss.; più ampiamente Baldini, Il danno da fumo, Napoli, ( 11 ) Lo pone in rilievo, molto chiaramente, l importante Cass., 17 dicembre 2009, n , in Corr. giur., 2010, p. 482 ss., con nota di Ponzanelli, in La resp. civ., 2010, p. 334 ss., con nota di Fantetti, in Danno e resp., 2010, p. 569 ss., con nota di D Antonio. ( 12 ) Il private enforcement del diritto antitrust è ormai un luogo comune delle ricerche in tema di azioni collettive: cfr. fra i molti, Rossi dal Pozzo e Nascimbene (cur.), Il private enforcement delle norme sulla concorrenza, Milano, 2009, passim; e sulle implicazioni connesse al nuovo rimedio collettivo, in breve, Spada, Dalla concorrenza sleale alle pratiche commerciali scorrette nella prospettiva rimediale, in Dir. ind., 2011, p. 45 ss.; Guernelli, Class action e competenza antitrust, in Dir. ind., 2010, p. 249 ss.; ed Hess, Private law enforcement und Kollektivklagen, in JZ, 2011, p. 66 ss.

17 6 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA Aggiungasi un osservazione di carattere pratico. Specializzare un istituto, riducendone progressivamente l ambito d operatività, significa alimentare, anziché spegnere il contenzioso sui suoi presupposti: quanto più sono stretti, tanto più si discuterà della loro ricorrenza, e dunque dell ammissibilità stessa dell azione di gruppo. Prova ne sia che nella poca giurisprudenza finora formatasi sull art. 140-bis c.cons. un tema ricorrente, e sul quale s è sprigionato un acceso confronto, è stato proprio la qualità di consumatore del proponente, sistematicamente negata dall impresa convenuta, ed in ogni caso giudicata bisognosa di piena dimostrazione a cura ed onere del proponente medesimo ( 13 ). Il confronto s inasprirebbe ancor più laddove si controvertesse dell ambito applicativo dell azione, essendo contestato il rispetto dei limiti materiali segnati dall art. 140-bis, comma 2, c.cons. È chiaro che una fitta rete di costrizioni e delimitazioni invita a dibattere persino dei presupposti iniziali del processo collettivo, ritardando o impedendo una pronta e fruttuosa trattazione del merito; viceversa propendere per requisiti larghi, oltre ad estendere il raggio della tutela collettiva, ne favorisce l effettività, scongiurando il rischio che il processo sia ostacolo, anziché veicolo di quella tutela. Presso taluna stampa non specialistica s era momentaneamente diffusa l idea che il nuovo rito, già costretto nella sua orbita consumeristica, non fosse invocabile per l attuazione di pretese concernenti l esecuzione di contratti bancari, di assicurazione o di intermediazione mobiliare. Poiché la disciplina del mercato finanziario consta di leggi organiche e tendenzialmente esaustive, soltanto da queste si sarebbero dovuti trarre i rimedi del caso, quasi che il correntista, l assicurato o l investitore non professionale, per il fatto solo d agire nell area del mercato finanziario, perdano la loro veste di consumatori e non possano più valersi della tutela accordata loro dal codice di categoria ( 14 ). La tesi, che voleva garantire l immunità a talune attività d impresa, non ha alcun fondamento, e rende sovrabbondante una replica puntuale ( 15 ): es- ( 13 ) Cfr. Trib. Torino, ord., 4 giugno 2010, cit.; e Trib. Milano, ord., 20 dicembre 2010, al momento inedita. ( 14 ) Ne tratta ampiamente Cavallini, Azione collettiva risarcitoria e controversie finanziarie, in Riv. soc., 2010, p ss.; cfr. anche Sangiovanni, Class action e tutela contrattuale degli investitori, in Obbl. contr., 2010, p. 611 ss. ( 15 ) Non a caso in Germania il c.d. Musterverfahren, una sorta di procedimento-pilota a carattere seriale, è stato introdotto proprio per deflazionare un galoppante contenzioso finanziario; lo illustra all interno del presente dibattito Tamm, La tutela collettiva nel diritto processuale tedesco, in questo numero della rivista, infra; più ampiamente Id., Das Kapitalanleger- Musterverfahrensgesetz, in ZHR, 2010, p. 525 ss.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Cendon / Book DIRITTO INTERNAZIONALE PROFESSIONAL IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Diego Comba Monica Rosano Edizione MAGGIO 2015 Copyright MMXV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Osservazioni di Confindustria Osservazioni generali L Autorità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Titolo del Progetto di ricerca: Tutela del consumatore e pratiche commerciali sleali nel quadro normativo-istituzionale europeo

Titolo del Progetto di ricerca: Tutela del consumatore e pratiche commerciali sleali nel quadro normativo-istituzionale europeo Titolo del Progetto di ricerca: Tutela del consumatore e pratiche commerciali sleali nel quadro normativo-istituzionale europeo Periodo di svolgimento del progetto: 2011/2012 1. Il progetto di ricerca.

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Studio legale e tributario Morri Cornelli e Associati

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Studio legale e tributario Morri Cornelli e Associati 15 Febbraio 2013, ore 12:22 La circolare n. 5 di Assonime Consorzi per l internazionalizzazione: le regole per IVA e imposte dirette Il D.L. n. 83/2012 ha istituito la figura dei consorzi per l internazionalizzazione,

Dettagli

Il contratto di distribuzione

Il contratto di distribuzione Fondazione per la Formazione Forense dell'ordine degli Avvocati di Firenze Il contratto di distribuzione Avv. Donato Nitti Firenze, 19 giugno 2012 Donato Nitti 2012 - www.nitti.it - www.ipinflorence.com

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente

Collegio di Milano. Decisione N. 436 del 02 marzo 2011. composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla Membro

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI

EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI I pareri di Assifero EROGAZIONI DI CONTRIBUTI CON FATTURE INTESTATE AD ALTRI Motivazioni del parere Accade che, benché l erogazione sia fatta a favore di un soggetto, per diverse ragioni, le fatture vengono

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829 Sulle circolari della Direzione generale della giustizia civile in materia di iscrizione e controllo sugli organismi di mediazione e sugli enti formatori. Richiesta di chiarimenti 1. In ordine alla circolare

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Il presidente Mario Finzi

Il presidente Mario Finzi Spett. Commissione, Alla Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Camera dei Deputati Piazza Montecitorio 00187 Roma questa Associazione di tutela degli utenti dei servizi pubblici ha preso visione

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 337/E

RISOLUZIONE N. 337/E RISOLUZIONE N. 337/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 agosto 2008 Oggetto: Istanza d Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA - Operazioni accessorie -

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli