Contratto e impresa / Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratto e impresa / Europa"

Transcript

1 ISSN PUBBLICAZIONE SEMESTRALE ANNO XVI N. 1 GENNAIO - GIUGNO 2011 Tariffa R.O.C.: Poste Italiane s.p.a. - Sped. in abb. post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. I, comma I, DCB Milano Contratto e impresa / Europa a cura di F. Galgano e M. Bin Class action in Europa Mediazione e ADR Incoterms e vendita internazionale Diritto contrattuale europeo Scelta del foro; accordo sul luogo di consegna e foro comunitario; competenza giurisdizionale e contratti on line; proposte della Commissione europea sulla competenza giurisdizionale Contratti di distribuzione tra Italia e Francia La nuova direttiva sui ritardi di pagamento Concetto di sovvenzione in diritto comunitario e nazionale Il registro mercantil in Spagna; novità normative in Germania Il Regolamento sulla legge applicabile a separazione e divorzio La legge comunitaria (2010) 2011

2

3

4 Contratto e impresa / Europa 1 anno sedicesimo a cura di F. Galgano e M. Bin Class action in Europa Mediazione e ADR Incoterms e vendita internazionale Diritto contrattuale europeo Scelta del foro; accordo sul luogo di consegna e foro comunitario; competenza giurisdizionale e contratti on line; proposte della Commissione europea sulla competenza giurisdizionale Contratti di distribuzione tra Italia e Francia La nuova direttiva sui ritardi di pagamento Concetto di sovvenzione in diritto comunitario e nazionale Il registro mercantil in Spagna; novità normative in Germania Il Regolamento sulla legge applicabile a separazione e divorzio La legge comunitaria (2010) 2011

5 PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA Copyright 2011 Wolters Kluwer Italia Srl A norma della legge sul diritto d autore e del codice civile è vietata la riproduzione di questo libro o di parte di esso con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro. Editore: Wolters Kluwer Italia Srl - Centro Direzionale Milanofiori - Strada 1, Pal. F Assago (MI) Autorizzazione del Tribunale di Padova del 31 gennaio 2006 n Direttore responsabile: Francesco Galgano Composizione: Bertoncello Artigrafiche - Cittadella (PD) Stampa: Geca Industrie Grafiche - Via Magellano, Cesano Boscone (MI) Stampato in Italia - Printed in Italy

6 Contratto e impresa / Europa anno sedicesimo a cura di F. Galgano e M. Bin INDICE SOMMARIO DIBATTITI INTERROGATIVI SULLA CLASS ACTION : LE RISPOSTE DI ALCUNI GIURISTI EUROPEI La nuova azione di classe in Italia di Edoardo Ferrante pag. 1 La tutela collettiva nel diritto processuale tedesco di Marina Tamm..» 30 Class actions: l esperienza spagnola di Amaya Arnaiz Serrano-Manuel Ignacio Feliu Rey » 43 Class actions in Portogallo: alcuni aspetti di Afonso D Oliveira Martins..» 58 Dutch Treat: the Dutch Collective Settlement of Mass Damage Act (WCAM 2005) di Franziska Weber-Willem H. van Boom » 69 SAGGI Vincenzo Vigoriti, Europa e mediazione. Problemi e soluzioni » 81 Sommario: 1. Introduzione. Il quadro di riferimento. L oggetto della consultazione. 2. Le lacune nell informazione (quesiti 1-4). 3. Coinvolgimento di commercianti e fornitori: l ADR obbligatoria (quesiti 5-8). 4. Diffusione sul territorio e specializzazione (quesiti 9-13). 5. Le risorse finanziarie (quesiti 14-16). Ermenegildo Mario Appiano, Contributo al dibattito sulla mediazione civile e commerciale » 97 Sommario: 1. Premessa. 2. Come opera il mediatore? 3. Che cosa intende il legislatore per mediazione? 4. La condizione di procedibilità alla luce

7 VI CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA del principio dell equo processo. 5. La rilevanza delle questioni giuridiche in mediazione. 6. Perché è opportuno che le parti partecipino personalmente alla mediazione? 7. L utilità della mediazione. 8. In conclusione. Ernesto Capobianco, Mediazione obbligatoria e Arbitro Bancario Finanziario.. pag. 134 Sommario: 1. La disciplina della mediazione obbligatoria e i contratti bancari e finanziari: l alternativa nella scelta del meccanismo di soluzione stragiudiziale delle controversie. 2. L Arbitro Bancario Finanziario e la sua «ibrida» natura: conseguenze sulla qualificazione della «decisione» dell organismo. 3. Verifica delle condizioni di «alternatività». Il carattere non assoluto dell alternativa: limitazioni di tipo soggettivo, oggettivo, convenzionale e territoriale. 4. Il possibile rapporto tra procedimento dinanzi all Arbitro Bancario Finanziario e la disciplina della mediazione. Le relazioni col processo. 5. Rilievi conclusivi, pronostici e proposte. Leonardo Graffi, Incoterms e UCP 600 quali usi dei contratti di vendita internazionale » 147 Sommario: 1. Premessa. 2. La sfera di applicazione dell art. 9 della Convenzione: gli usi commerciali. 3. Segue: prassi e abitudini contrattuali. 4. L applicazione degli Incoterms ai contratti di compravendita internazionale disciplinati dalla Convenzione: questioni interpretative. Gli Incoterms nella disciplina della compravendita internazionale. 5. Segue: l efficacia degli Incoterms nella giurisprudenza internazionale. 6. Gli UCP nella disciplina della compravendita internazionale. 7. Conclusioni. Olga Trombetti, I tentativi di uniformazione del diritto contrattuale a livello europeo. Prime riflessioni per un confronto tra il Draft of Common Frame of Reference ed il progetto preliminare del Code européen des contrats » 168 Sommario: 1. La logica della sistematica organizzazione del diritto contrattuale europeo. 2. L acquis comunitario quale piattaforma di partenza nel processo di armonizzazione: il Draft of Common Frame of Reference. 3. La logica protezionistica del consumatore nella disciplina del contratto di vendita prevista dal Code e dal DCFR: a) gli obblighi di informazione. 4. Segue: b) il sistema dei rimedi azionabili dal compratore. 5. Conclusioni. Giacomo Pailli, Commercio internazionale e giurisdizione consensuale: le proposte della Convenzione dell Aja del 30 giugno 2005 sulle clausole di scelta del foro » 192 Sommario: 1. Introduzione. 2. Ambito di applicazione Internazionalità della controversia Clausole esclusive Materia civile e commerciale. 3. I tre principi fondamentali Il giudice eletto deve esercitare la propria giurisdizione Il giudice non scelto deve astenersi Tutti i giudici devono riconoscere e dare esecuzione alla decisione. 4. Il regime delle dichiarazioni. 5. Conclusioni.

8 INDICE SOMMARIO VII Christian Notdurfter - Silvia Petruzzino, Luogo di consegna e relativo accordo delle parti nell ambito del foro comunitario del contratto pag. 223 Sommario: 1. Premessa. 2. La nozione di «luogo di consegna»: dal criterio di individuazione «conflittuale-analitico» a quello «pragmatico-fattuale». 3. Il luogo di consegna in assenza di accordo. 4. L accordo sul luogo di consegna: la rilevanza della volontà delle parti. 5. Segue: la dizione «salvo diversa convenzione» ed il concetto di «accordo astratto» quale limite alla volontà delle parti. 6. L accordo espresso ed il valore degli Incoterms e delle clausole simili. 7. L accordo implicito ed i dubbi sulla relativa ammissibilità. 8. Conclusioni. Silvia Marino, I contratti di consumo on line e la competenza giurisdizionale in ambito comunitario » 247 Sommario: 1. Introduzione. 2. Il sito internet interattivo. 3. La sentenza della Corte di giustizia. 4. Conclusioni. Andrea Costa, La nuova disciplina del credito ai consumatori » 262 Sommario: 1. Le ragioni di una normativa sul credito al consumo e l intervento del legislatore europeo. 2. Le prospettive di armonizzazione: la direttiva 08/48/CE sui contratti di credito ai consumatori. 3. La nuova disciplina italiana: fattispecie negoziale e ambito d applicazione Le norme a tutela del consumatore Gli obblighi informativi La valutazione del merito creditizio Le norme di protezione sostanziale. 4. Conclusioni. Giovanni Gargiulo, Il passaggio dal marchio celebre al marchio che gode di rinomanza, attraverso il riconoscimento legislativo della forza comunicativa e suggestiva del segno » 301 Sommario: 1. Il progressivo riconoscimento delle diverse funzioni del marchio. 2. Il marchio celebre. 3. Le ragioni della novella del La Direttiva 89/104/CEE: prime perplessità interpretative. 5. Il marchio che gode di rinomanza. 6. Le due ipotesi dell approfittamento e del pregiudizio. 7. Il giusto motivo ed i problemi di diritto intertemporale 8. Conclusioni. Olivier Delgrange-Aurora Visentin, Disciplina applicabile al recesso di un fabbricante italiano da un contratto di distribuzione con una parte francese...» 319 Sommario: 1. Premessa. 2. Qual è il foro competente per le controversie concernenti un contratto di distribuzione con un fabbricante italiano? 3. Le norme di diritto francese relative allo scioglimento del vincolo contrattuale e la loro cogenza. 4. Il recesso dai contratti di distribuzione. Roberto Cippitani, Il concetto giuridico di sovvenzione nel diritto dell Unione europea e nel diritto nazionale » 335 Sommario: 1. Individuazione del concetto di sovvenzione. 2. Profili struttu-

9 VIII CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA rali. 3. La clausola di scopo. 4. Distinzione tra sovvenzioni e appalti in base alle categorie civilistiche. 5. Critica all utilizzo dei concetti civilistici: interesse, obbligazioni e contratti. 6. L assenza di corrispettività. 7. La gratuità. 8. L iniziativa nella domanda di sovvenzione. 9. Il procedimento nella scelta del beneficiario. 10. La modalità di erogazione del contributo. 11. Il carattere associativo del rapporto di sovvenzione. 12. Funzione delle sovvenzioni. María Ascensión Martín Huertas, El espacio registral europeo. El modelo español del Registro Mercantil pag. 370 Sommario: 1. Introducción. 2. Razones para la creación de un espacio registral europeo. 3. El Registro Mercantil en el ordenamiento jurídico español Origen y evolución Concepto, funciones y normativa Organización del Registro Mercantil Objeto de la inscripción Inscripción Calificación registral Efectos de la inscripción Principio de publicidad. OSSERVATORIO SUL DIRITTO EUROPEO Presa di posizione sul futuro del CFR di Alessio Zaccaria » 397 Novità normative in Germania (anni ) di Arne Alberts e Edoardo Ferrante » 400 Vendita di lenti a contatto on line e prospettive di sviluppo dell e-commerce nell Unione europea di Maria Giovanna Fanelli » 407 Competenza giurisdizionale: le proposte della Commissione europea di Sara Amerio » 423 Separazione e divorzio: il Regolamento UE 1259/2010 del 20 dicembre 2010, per una cooperazione rafforzata nel settore della legge applicabile di Elisabetta Malagoli » 436 OSSERVATORIO SULL ATTUAZIONE IN ITALIA DEL DIRITTO EUROPEO La nuova direttiva 2011/7 in tema di lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali: prospettive di recepimento di Andrea Canavesio » 447 La legge comunitaria 2010 di Rossana Pennazio » 464

10 Hanno collaborato a questo numero: Arne Alberts, Diplomjurist e collaboratore scientifico presso il Centrum für Europäisches Privatrecht della Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Münster, Germania Sara Amerio, magistrato ordinario in tirocinio Ermenegildo Mario Appiano, avvocato in Torino Amaya Arnaiz Serrano, professore titular interina di Diritto Processuale, membro dell Instituto de Justicia y Litigación Alonso Martinez, Università Carlos III di Madrid Andrea Canavesio, avvocato in Torino Ernesto Capobianco, ordinario di Istituzioni di Diritto Privato nell Università del Salento (prof. Roberto Cippitani, dottore commercialista e revisore legale Andrea Costa, dottore di ricerca in Diritto dei Consumatori e Mercato; avvocato in Roma Afonso D Oliveira Martins, professore catedrático, Facoltà di Diritto, Università Lusíada di Lisbona; Olivier Delgrange, avvocato in Milano e Parigi Maria Giovanna Fanelli, avvocato in Torino Manuel Ignacio Feliu Rey, professore titular di Diritto Civile, Direttore Catedra Asgeco Università Carlos III di Madrid Edoardo Ferrante, ricercatore di Diritto Privato nell Università di Torino Giovanni Gargiulo, avvocato in Napoli Leonardo Graffi, avvocato in Roma e New York Elisabetta Malagoli, avvocato in Torino Silvia Marino, dottore di ricerca in Diritto dell Unione Europea María Ascensión Martín Huertas, professore asociada di Diritto Civile nell Università di Siviglia Christian Notdurfter, dottore in giurisprudenza e Magister der Rechtswissenschaften Giacomo Pailli, dottorando di ricerca in Diritto Comparato nell Università di Firenze Rossana Pennazio, dottore di ricerca in Diritto Civile unipmn.it); Silvia Petruzzino, avvocato in Milano Marina Tamm, Privatdozentin presso la Humboldt Universität di Berlino Olga Trombetti, dottoranda di ricerca in Diritto Privato Comparato nell Università di Milano; avvocato in Santa Maria Capua Vetere

11 X COLLABORATORI Willem H. van Boom, professore nell Erasmus University di Rotterdam frg.eur.nl); Vincenzo Vigoriti, ordinario di Diritto Privato Comparato nell Università di Firenze Aurora Visentin, avvocato in Milano e Parigi Franziska Weber, dottoranda in Law and Economics nell Erasmus University di Rotterdam Alessio Zaccaria, ordinario di Diritto Civile nell Università di Verona.

12 Dibattiti INTERROGATIVI SULLA CLASS ACTION : LE RISPOSTE DI ALCUNI GIURISTI EUROPEI Questo dibattito è stato promosso dalla Rivista sottoponendo a sette studiosi europei della class action una selezione di specifici quesiti. La nuova azione di classe in Italia 1. Le ragioni di un dibattito L iniziativa editoriale è tempestiva, perché il dibattito ospitato dalla Rivista anticipa ed accompagnerà il sondaggio avviato dalla Commissione UE sul tema Towards a Coherent European Approach to Collective Redress ( 1 ). Dopo il Libro verde sui mezzi di ricorso collettivo dei consumatori ( 2 ), che rappresentò una prima presa di coscienza, la Commissione mostra ora di perseguire con più decisione l obiettivo dell azione di classe europea. Quest ultima, nel rimettere all iniziativa privata l attuazione dei diritti e degli interessi del cittadino europeo, si candida a divenire il maggior fattore di effettività del diritto comunitario, riempiendo di contenuto il programma di cittadinanza europea promosso dalle istituzioni dell Unione. La consultazione, per come disegnata dall ultimo consultation paper, attraverserà i punti nodali del processo collettivo, sviluppando quesiti e problemi ormai noti a quei paesi membri che hanno introdotto o stanno per introdurre meccanismi di tutela seriale o collettiva o di classe. La premes- ( 1 ) Il Consultation paper (Commission Staff Working Document. Public Consultation: Towards a Coherent European Approach to Collective Redress) è stato pubblicato in lingua inglese il 4 febbraio 2011, sotto SEC(2011) 173 def. ( 2 ) Il Libro verde sui mezzi di ricorso collettivo dei consumatori fu presentato il 27 novembre 2008 sotto COM(2008) 794 def. (cfr. in tema, fra i molti, Vigoriti, L azione risarcitoria di classe: sollecitazioni europee, resistenze italiane, in questa rivista, 2009, p. 680 ss.).

13 2 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA sa è nitida: Essentially, every national system of compensatory redress is unique and there are no two national systems that are alike in this area ( 3 ); ma d altra parte questa molteplicità di soluzioni nazionali, che emergerà certamente anche dal presente dibattito, è figlia di politiche non omogenee fra loro e sottende una ben più radicale disparità di scopi: qualsiasi opera armonizzatrice, che voglia promuovere un azione di classe europea, non potrà prescindere da un chiarimento di fondo sulle finalità e sulla ratio dell istituto, e su queste cucire la veste più appropriata. Per quanto ovvia s impone qui più che mai l esigenza che la politica fissi innanzi tutto la mèta, ed a questa siano orientate scelte tecnico-giuridiche conseguenti ( 4 ). Da questo punto di vista l azione vigente in Italia è purtroppo coerente: l obiettivo sembra essere stato quello d introdurre uno strumento vuoto, di facciata, se possibile inoperante; ed il legislatore ha centrato quell obiettivo con maestrìa, scrivendo un nuovo art. 140-bis c.cons. che delude o quantomeno comprime ogni prospettiva di funzionamento dell istituto. 2. L ambito materiale della class action italiana La scelta di codificare l azione all interno del codice del consumo è già di per sé riduttiva: in Italia la classe beneficiaria della tutela aggregata può essere composta soltanto da consumatori, mentre l accesso è negato a qualsiasi altro soggetto debole (magari più debole dello stesso consumatore, visto che questi vanta ormai normative di protezione nel complesso più avanzate rispetto a quelle concesse ad altre categorie). Si pensi alla piccola e media impresa, ma ancor più a quella che potrebbe denominarsi microimpresa e per la quale manca persino una definizione legislativa, che sopperisca all ampiezza (ormai) eccessiva della nozione di piccolo imprenditore ex art c.c. La protezione dell impresa debole non è più estranea al diritto positivo ( 5 ), ma rimanendo estranea al codice del consumo, non può assumere le forme del processo di classe ( 6 ). ( 3 ) Cfr. par. 9 SEC(2011) 173 def. (citato nella versione inglese attualmente disponibile). ( 4 ) I termini del dibattito sono ben rappresentati dai contributi raccolti in Casper, Janssen, Pohlmann e Schulze (cur.), Auf dem Weg zu einer europäischen Sammelklage?, München, 2009; e in v. Boom e Loos (cur.), Collective Enforcement of Consumer Law, Groningen, 2007; più in breve Janssen, Europa e class action: «stato dell arte» e delimitazioni di campo, in questa rivista, 2009, p. 694 ss. ( 5 ) Un ampia ricognizione del tema è data da Gitti evilla (cur.), Il terzo contratto, Bologna, ( 6 ) Lo ha confermato anche Trib. Torino, ord., 4 giugno 2010, in Nuova giur. civ., 2010, p. 869 ss. con nota di Libertini e Maugeri; e in Danno e resp., 2011, p. 67 ss. con nota di Frata (la

14 DIBATTITI 3 Segregare il diritto dei consumi entro le maglie di un codice speciale significa accentuarne l isolamento e deprimerne la portata sistematica. Creato il codice di settore, spezzoni consistenti del codice civile generale si pensi ai previgenti artt bis ss. c.c. in materia di clausole vessatorie (ora artt. 33 ss. c.cons.), o agli artt bis ss. c.c. sulle garanzie nella vendita al consumo (ora artt. 128 ss. c.cons.) vi sono stati velocemente riversati senza ponderazione delle conseguenze: malgrado l ambito d applicazione non sia di per sé mutato, la ricollocazione settoriale delle norme ne rende ancor più precari i nessi con la parte generale, impendendo la congiunzione fra regole di settore e linee di principio. Altre volte la ricollocazione settoriale ha obbedito a finalità ancor più drastiche, cioè a contenere entro gli schemi del rapporto di consumo fattispecie prima dotate di maggiore ampiezza: così, abrogato il D.P.R. 24 maggio 1988, n. 224 (ad opera dell art. 146, lett. a, c.cons.), la responsabilità per danno da prodotti difettosi è divenuta parte integrante del codice di settore grazie agli artt c.cons., ma con ciò ha visto restringersi i suoi orizzonti applicativi, non potendosi dubitare che all esito della ricollocazione l acquirente tutelato dalla normativa in commento è soltanto il consumatore. All isolamento sistematico si unisce persino un arretramento del fronte di tutela, che lascia sguarnito chi prima era protetto. Il duplice effetto riduttivo, sistematico e sostanziale, si ripercuote ora sull azione di classe, non appena e non a caso situata entro il codice di settore: essa costituisce un rito speciale che non può fuoriuscire dagli schemi del rapporto di consumo, né prestarsi ad interpretazioni espansive o sistematicamente orientate; la sua stessa ubicazione la rende distante dal diritto civile comune. Sennonché le limitazioni non finiscono qui: la class action italiana ha margini d applicazione più ristretti di quelli tracciati dagli artt. 1 ss. c.cons. per i diritti dei consumatori in generale. All interno della normativa settoriale, l art. 140-bis, comma 2, lett. a), b) e c), c.cons. definisce un ulteriore sotto-settore, non comprendendo neppure la totalità dei rapporti, dei diritti e degli interessi qua e là difesi, in maniera disorganica e farraginosa, dal codice del consumo ( 7 ). La citata lett. a) menziona i diritti contrattuali, ivi compresi quelli relativi a contratti stipulati ai sensi degli artt e 1342 del codice civile : qui data del 27 maggio 2010, riportata nelle edizioni a stampa, è quella della deliberazione e non del deposito). ( 7 ) Cfr. sul punto Alpa, L art. 140-bis del codice del consumo nella prospettiva del diritto privato, in Riv. trim. dir. e proc. civ., 2010, pp

15 4 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA la formula di legge è per fortuna ampia (anche se le restrizioni proverranno dalle considerazioni che seguono). La lett. b) cita i diritti (...) spettanti ai consumatori finali di un determinato prodotto nei confronti del relativo produttore, anche a prescindere da un diretto rapporto contrattuale : la lettera di legge, malgrado l apparente vastità, è volta a demarcare un preciso raggruppamento di illeciti, aquiliani o contrattuali ad esempio quando il produttore sia stato anche venditore del prodotto assicurando l impunità a tutti gli altri; l operazione è alfine restrittiva, perché nell ammettere l azione per gli illeciti (o gli inadempimenti) enunciati, la norma finisce con l escluderla, in termini più generali, per tutte le altre ipotesi ricadenti nell art c.c. ( 8 ). Sorprende ad esempio che il diritto alla salute, solennemente riconosciuto dall art. 2, comma 2, lett. a), c.cons. come diritto fondamentale dei consumatori e degli utenti, ed anzi come diritto posto al vertice del loro bill of rights in piena sintonìa non solo con l art. 32, comma 1, Cost., ma anche con l art. 3, comma 1, della Carta di Nizza-Strasburgo (fonte primaria del diritto dell Unione ex art. 6, comma 1, nuovo testo, TUE) non rientri nelle materie coperte dal nuovo rito, per lo meno quando la sua violazione sia perpetrata attraverso l illecito aquiliano: la prolungata emissione di agenti tossici nello smaltimento di scorie e resti inquinanti, tipica di talune prassi produttive ben note alla nostra storia industriale, anche laddove abbia provocato malattie letali, non si presterebbe all azione in commento, non ricadendovi l illecito plurioffensivo come tale, ma solo quello riconducibile ai gruppi di fattispecie indicati alle lett. a), b) e c) dell art. 140-bis, comma 2, c. cons. ( 9 ). Tuttavia, quand anche la lettera dell art. 140-bis, comma 2, lett. b), abbia portata tassativa e valga a restringere, anziché allargare neppure potrebbe essere sottoposta ad un interpretazione tanto rigorosa da far coincidere il suo ambito con quello della responsabilità del produttore per danno ( 8 ) Cfr. fra gli altri, Porreca, Ambito soggettivo e oggettivo dell azione di classe, in Eur. dir. priv., 2010, p. 559 ss.; ed in breve Caponi, Il nuovo volto della class action, in Foro it., 2009, V, c ( 9 ) Né si dica che in casi così gravi l azione individuale conserva intatta la sua redditività; al contrario è noto che sfugge al processo tradizionale non solo l intero bagatellare con enorme ed illecito profitto del danneggiante ma anche larga parte di quel contenzioso che bagatellare non è: le incertezze, le pastoie e le lungaggini del processo a base individuale rendono inappetibile l azione civile anche a chi razionalmente dovrebbe esperirla, e nondimeno preferisca rinunciare consapevolmente a far valere i suoi diritti (s interroga, ancora di recente, sul comportamento del consumatore medio, così come di quello vulnerabile, Zorzi Galgano, Il consumatore medio ed il consumatore vulnerabile nel diritto comunitario, in questa rivista, 2010, p. 549 ss.).

16 DIBATTITI 5 da prodotti difettosi: quale che sia stata l intenzione del legislatore, non emergono indici testuali che lascino subordinare l esperimento dell azione ex art. 140-bis, comma 2, lett. b), c.cons. ai presupposti di difettosità disciplinati dagli artt. 114 ss. c.cons. (e già dal D.P.R. 24 maggio 1988, n. 224), tanto più che l art. 115 c.cons., nel definire prodotto e produttore, chiarisce che dette definizioni varranno solo ai fini del presente titolo, e dunque non necessariamente dovranno essere osservate altrove, magari in sede di accesso al nuovo rito di classe. Si potrebbe citare il caso, sempre più attuale, del danno da fumo ( 10 ): l illecito del produttore di sigarette, sempreché riscontrabile, non dipende dalla produzione e messa in commercio di prodotti difettosi ai sensi degli artt. 114 ss. c.cons. la sigaretta nuoce per il solo fatto della sua combustione ed assunzione, anche quando prodotta a perfetta regola d arte ( 11 ) ma non si potrà negare, per ciò solo, l esperibilità dell azione di gruppo per danno da fumo, non trovando questa alcuna controindicazione nella lettera dell art. 140-bis, comma 2, lett. b), c.cons. Infine la lett. c) ha riguardo al danno da pratiche commerciali scorrette e da comportamenti anticoncorrenziali dell imprenditore, fattispecie virtualmente estese, e che potrebbero rappresentare una fonte di protezione significativa per i consumatori danneggiati, ma che al momento patiscono un certo ritardo nell elaborazione teorica e nell applicazione pratica, sicché non è agevole prevedere una gran mole d azioni fondate su illeciti antitrust o su condotte commerciali improprie praticate su larga scala ( 12 ). Non può essere questo il diametro della class action europea, a meno che la finalità ultima del legislatore comunitario non sia quella di varare uno strumento di rara e difficile applicazione concreta, a salvaguardia di posizioni soggettive persino più ristrette di quelle che abitualmente si riconoscono al consumatore in generale. ( 10 ) Cfr. in tema, da ultimo, Cascione, La responsabilità per danni da fumo, in Danno e resp., 2010, p. 869 ss.; più ampiamente Baldini, Il danno da fumo, Napoli, ( 11 ) Lo pone in rilievo, molto chiaramente, l importante Cass., 17 dicembre 2009, n , in Corr. giur., 2010, p. 482 ss., con nota di Ponzanelli, in La resp. civ., 2010, p. 334 ss., con nota di Fantetti, in Danno e resp., 2010, p. 569 ss., con nota di D Antonio. ( 12 ) Il private enforcement del diritto antitrust è ormai un luogo comune delle ricerche in tema di azioni collettive: cfr. fra i molti, Rossi dal Pozzo e Nascimbene (cur.), Il private enforcement delle norme sulla concorrenza, Milano, 2009, passim; e sulle implicazioni connesse al nuovo rimedio collettivo, in breve, Spada, Dalla concorrenza sleale alle pratiche commerciali scorrette nella prospettiva rimediale, in Dir. ind., 2011, p. 45 ss.; Guernelli, Class action e competenza antitrust, in Dir. ind., 2010, p. 249 ss.; ed Hess, Private law enforcement und Kollektivklagen, in JZ, 2011, p. 66 ss.

17 6 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA Aggiungasi un osservazione di carattere pratico. Specializzare un istituto, riducendone progressivamente l ambito d operatività, significa alimentare, anziché spegnere il contenzioso sui suoi presupposti: quanto più sono stretti, tanto più si discuterà della loro ricorrenza, e dunque dell ammissibilità stessa dell azione di gruppo. Prova ne sia che nella poca giurisprudenza finora formatasi sull art. 140-bis c.cons. un tema ricorrente, e sul quale s è sprigionato un acceso confronto, è stato proprio la qualità di consumatore del proponente, sistematicamente negata dall impresa convenuta, ed in ogni caso giudicata bisognosa di piena dimostrazione a cura ed onere del proponente medesimo ( 13 ). Il confronto s inasprirebbe ancor più laddove si controvertesse dell ambito applicativo dell azione, essendo contestato il rispetto dei limiti materiali segnati dall art. 140-bis, comma 2, c.cons. È chiaro che una fitta rete di costrizioni e delimitazioni invita a dibattere persino dei presupposti iniziali del processo collettivo, ritardando o impedendo una pronta e fruttuosa trattazione del merito; viceversa propendere per requisiti larghi, oltre ad estendere il raggio della tutela collettiva, ne favorisce l effettività, scongiurando il rischio che il processo sia ostacolo, anziché veicolo di quella tutela. Presso taluna stampa non specialistica s era momentaneamente diffusa l idea che il nuovo rito, già costretto nella sua orbita consumeristica, non fosse invocabile per l attuazione di pretese concernenti l esecuzione di contratti bancari, di assicurazione o di intermediazione mobiliare. Poiché la disciplina del mercato finanziario consta di leggi organiche e tendenzialmente esaustive, soltanto da queste si sarebbero dovuti trarre i rimedi del caso, quasi che il correntista, l assicurato o l investitore non professionale, per il fatto solo d agire nell area del mercato finanziario, perdano la loro veste di consumatori e non possano più valersi della tutela accordata loro dal codice di categoria ( 14 ). La tesi, che voleva garantire l immunità a talune attività d impresa, non ha alcun fondamento, e rende sovrabbondante una replica puntuale ( 15 ): es- ( 13 ) Cfr. Trib. Torino, ord., 4 giugno 2010, cit.; e Trib. Milano, ord., 20 dicembre 2010, al momento inedita. ( 14 ) Ne tratta ampiamente Cavallini, Azione collettiva risarcitoria e controversie finanziarie, in Riv. soc., 2010, p ss.; cfr. anche Sangiovanni, Class action e tutela contrattuale degli investitori, in Obbl. contr., 2010, p. 611 ss. ( 15 ) Non a caso in Germania il c.d. Musterverfahren, una sorta di procedimento-pilota a carattere seriale, è stato introdotto proprio per deflazionare un galoppante contenzioso finanziario; lo illustra all interno del presente dibattito Tamm, La tutela collettiva nel diritto processuale tedesco, in questo numero della rivista, infra; più ampiamente Id., Das Kapitalanleger- Musterverfahrensgesetz, in ZHR, 2010, p. 525 ss.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli