SEZIONE A Dentro la materia 2. La tavola periodica degli elementi 65. Le particelle subatomiche 4. Materiali digitali. La chimica nucleare 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE A Dentro la materia 2. La tavola periodica degli elementi 65. Le particelle subatomiche 4. Materiali digitali. La chimica nucleare 18"

Transcript

1 I SEZIONE A Dentro la materia 2 Le particelle subatomiche 4. Materia ed elettricità 4.2 Le particelle subatomiche 6.3 I primi modelli atomici 9.4 Il nucleo atomico.5 Gli isotopi 2 Riassumiamo 4 About chemistry 5 Esercizi 6 4 La tavola periodica degli elementi La tavola di Mendeleev e la scoperta della periodicità La tavola periodica moderna La notazione di Lewis Le proprietà periodiche 7 Riassumiamo 76 About chemistry 77 Esercizi 78 Materiali digitali 2 La chimica nucleare 8 2. La stabilità del nucleo La radioattività naturale Il tempo di decadimento: le famiglie radioattive La radioattività artificiale Le reazioni nucleari 25 Riassumiamo 27 About chemistry 28 Esercizi 29 3 La struttura atomica La duplice natura della luce La luce: onde elettromagnetiche La luce: quanti di energia Spettri di emissione e di assorbimento Il modello atomico di Bohr L energia di ionizzazione Dall energia di ionizzazione ai livelli energetici Il modello atomico a strati La configurazione elettronica La natura ondulatoria degli elettroni Il modello quantomeccanico I numeri quantici La sequenza di riempimento degli orbitali 55 Riassumiamo 59 About chemistry 6 Esercizi 62 MULTI BOOK Videoapertura Esempi svolti Concept map English corner About chemistry Soluzioni Approfondimenti cap. Materia e antimateria cap. 2 Centrali nucleari Esercizi di ripasso Verifi che di fi ne sezione English practice Per saperne di più Protagonisti Laboratorio (video) cap. 3 Saggi alla fiamma Esperienza guidata cap. 3 Effetti della fiamma ossidante Esperienza virtuale interattiva cap. L esperimento di Rutherford Laboratori (video) Esperienze guidate Esperienze virtuali interattive

2 SEZIONE B Dagli atomi alle molecole 82 5 Gli atomi si legano Il legame chimico La regola dell ottetto Il legame covalente Il legame ionico La forma delle molecole 95 Riassumiamo 00 About chemistry 0 Esercizi 02 6 Il legame chimico e la meccanica ondulatoria Dalla teoria di Lewis alle nuove teorie La teoria del legame di valenza Gli orbitali ibridi La teoria dell orbitale molecolare Orbitali leganti e orbitali antileganti 4 Riassumiamo 7 About chemistry 8 Esercizi 9 7 Dalle molecole alle sostanze La polarità delle molecole I legami intermolecolari I solidi I cristalli I liquidi 30 Riassumiamo 34 About chemistry 35 Esercizi 36 8 Nomi e formule dei composti Dai simboli alla formula Il numero di ossidazione La determinazione del numero di ossidazione Classificazione e nomenclatura dei composti inorganici I composti binari dell ossigeno: gli ossidi I composti binari dell idrogeno: gli idruri e gli idracidi I composti ternari 49 Riassumiamo 55 About chemistry 56 Esercizi 57 Multi Book Materiali digitali Videoapertura Esempi svolti Concept map English corner About chemistry Soluzioni Approfondimento cap. 7 Una colla bestiale Esercizi di ripasso Verifiche di fine sezione English practice Per saperne di più Protagonisti Laboratori (video) cap. 7 Polarità dei legami cap. 7 La misura della tensione superficiale cap. 7 La forma delle gocce Esperienze guidate cap.5 Determinazione della lunghezza di un legame c-c cap. 7 La polarità delle molecole Laboratori (video) Esperienze guidate RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

3 I SEZIONE C Le soluzioni 62 9 Aspetti generali delle soluzioni Il processo di solubilizzazione La concentrazione delle soluzioni in unità chimiche La diluizione 72 Riassumiamo 74 About chemistry 75 Esercizi 76 0 Il comportamento delle soluzioni Il comportamento delle soluzioni ioniche Le proprietà colligative Abbassamento della tensione di vapore: la legge di Raoult L abbassamento crioscopico L innalzamento ebullioscopico La pressione osmotica Proprietà colligative delle soluzioni di elettroliti Determinazione della massa molare attraverso le proprietà colligative 9 Riassumiamo 93 About chemistry 94 Esercizi 95 MULTI BOOK Materiali digitali Videoapertura Esempi svolti Concept map English corner About chemistry Soluzioni Approfondimenti cap. 0 L osmosi e i globuli rossi cap. 0 Acqua pura per osmosi Esercizi di ripasso Verifi che di fi ne sezione English practice Per saperne di più Protagonisti Laboratorio (video) cap. 0 Misure di conducibilità Esperienze guidate cap. 9 La solubilità cap. 0 Conducibilità delle soluzioni Laboratori (video) Esperienze guidate

4 SEZIONE D Le reazioni chimiche 98 Aspetti formali delle reazioni chimiche 200. L equazione chimica Il bilanciamento di un equazione chimica La classificazione delle reazioni chimiche Le reazioni tra ioni Aspetti ponderali delle reazioni chimiche 2.6 Il reagente limitante 23.7 Resa percentuale di una reazione 25 Riassumiamo 26 About chemistry 27 Esercizi 28 2 Aspetti energetici delle reazioni chimiche Le reazioni chimiche e l energia Classificazione dei sistemi materiali Le variabili termodinamiche Il lavoro in termodinamica Trasformazioni irreversibili e trasformazioni reversibili Il primo principio della termodinamica Applicazioni del primo principio della termodinamica L entalpia di formazione L entalpia di reazione La legge di Hess L entalpia di legame Il secondo principio della termodinamica L entropia L energia libera La forza guida delle reazioni 245 Riassumiamo 247 About chemistry 248 Esercizi La legge cinetica L equazione di Arrhenius Meccanismo di reazione e molecolarità 266 Riassumiamo 268 About chemistry 269 Esercizi Aspetti dinamici delle reazioni chimiche: equilibrio I sistemi in equilibrio L equilibrio chimico La costante di equilibrio La costante di equilibrio in funzione delle pressioni parziali L equilibrio omogeneo e l equilibrio eterogeneo Lo spostamento dell equilibrio Gli equilibri di solubilità Effetto dello ione comune 287 Riassumiamo 288 About chemistry 289 Esercizi 290 Multi Book Materiali digitali Videoapertura Esempi svolti Concept map English corner About chemistry Soluzioni Approfondimenti cap. Chimica splendente cap. 3 Sicurezza esplosiva cap. 4 Fenomeni carsici Laboratori (video) cap. Emissione di calore cap. Emissione di luce cap. Formazione di un gas cap. Formazione di un precipitato Esperienze guidate cap. Reazioni con sviluppo di gas cap. 2 Trasformazioni con scambi di calore Esperienza virtuale interattiva cap. 2 Trasformazioni endotermiche ed esotermiche 3 Aspetti dinamici delle reazioni chimiche: velocità La velocità di reazione Come avviene una reazione I fattori che influenzano la velocità di reazione 259 Esercizi di ripasso Verifiche di fine sezione English practice Per saperne di più Protagonisti Laboratori (video) Esperienze guidate Esperienze virtuali interattive

5 I INDICE SEZIONE E Le reazioni in soluzione Gli acidi e le basi Le proprietà degli acidi e delle basi La teoria di Arrhenius La teoria di Brönsted e Lowry La teoria di Lewis Il prodotto ionico dell acqua Il ph 305 Riassumiamo 308 About chemistry 309 Esercizi 30 6 Il ph delle soluzioni Le soluzioni di acidi e basi forti Le soluzioni di acidi e basi deboli Le soluzioni saline Le soluzioni tampone Le reazioni di neutralizzazione Gli indicatori 324 Riassumiamo 325 About chemistry 326 Esercizi Le reazioni di ossidoriduzione I fenomeni ossidoriduttivi La reazione di ossidazione La reazione di riduzione Le reazioni redox Il bilanciamento di un equazione di ossidoriduzione Stechiometria delle reazioni redox 34 Riassumiamo 343 About chemistry 344 Esercizi I processi elettrochimici La spontaneità delle reazioni redox Le pile La forza elettromotrice di una pila Equazione di Nernst Termodinamica della pila L elettrolisi Le leggi di Faraday 364 Riassumiamo 366 About chemistry 367 Esercizi 368 Multi Book 9 Materiali digitali Videoapertura Esempi svolti Concept map English corner About chemistry Soluzioni Approfondimenti cap. 5 Capelli opachi, doppie punte: il ph ci viene in aiuto cap. 6 L acidità di mari e oceani Esercizi di ripasso Verifiche di fine sezione English practice Per saperne di più Protagonisti Multi Book Laboratori (video) cap. 5 Indicatori e ph cap. 6 Titolazione acido-base cap. 8 Costruzione di una pila con zinco e rame Esperienze guidate cap. 5 Comportamento degli indicatori e misura del ph cap. 6 Titolazione di una soluzione commerciale di acido cloridrico cap. 8 Misura della differenza di potenziale di una pila cap. 8 L elettrolisi dell acqua Esperienza virtuale interattiva cap. 6 Titolazione acido-base Laboratori (video) Esperienze guidate Esperienze virtuali interattive Elementi e composti inorganici 9. L idrogeno 9.2 L ossigeno 9.3 L acqua 9.4 I metalli e le loro proprietà 9.5 I metalli alcalini 9.6 I metalli alcalino-terrosi 9.7 I metalli di transizione 9.8 I metalli nobili 9.9 Alluminio, stagno e piombo 9.0 Non metalli e loro proprietà 9. Il silicio 9.2 L azoto 9.3 Il fosforo 9.4 Lo zolfo 9.5 Gli alogeni Esercizi

6 SEZIONE F Il carbonio e i suoi composti Introduzione alla Chimica del carbonio L elemento carbonio Il carbonio nel mondo inorganico Dai composti inorganici ai composti organici Il carbonio nel mondo organico Le formule dei composti organici Come scrivere le formule di struttura 38 Riassumiamo 383 About chemistry 384 Esercizi Usi e fonti industriali 44 Riassumiamo 442 About chemistry 443 Esercizi Classi di composti organici I gruppi funzionali Gli alcoli, i fenoli, gli eteri Le aldeidi e i chetoni Gli acidi carbossilici e i loro derivati Le ammine I composti eterociclici 468 Riassumiamo 47 About chemistry 472 Esercizi Alcani e cicloalcani Gli alcani La nomenclatura degli alcani I cicloalcani La stereoisomeria Le proprietà fisiche e chimiche degli alcani Metodi di preparazione degli alcani Usi e fonti industriali degli alcani 406 Riassumiamo 408 About chemistry 409 Esercizi 40 Multi Book Materiali digitali Videoapertura Esempi svolti Concept map English corner About chemistry Soluzioni Approfondimenti cap. 20 I nanotubi cap. 22 Fiori, frutti ed... etilene cap. 22 Le materie plastiche Laboratori (video) cap. 22 Riconoscimento dei doppi legami cap. 24 Saggio di Tollens Esperienza guidata cap. 24 Saggio di Tollens 22 Alcheni e alchini Gli alcheni L isomeria geometrica degli alcheni Preparazione degli alcheni Le proprietà fisiche e chimiche degli alcheni Gli alchini Preparazione degli alchini Le proprietà fisiche e chimiche degli alchini La polimerizzazione 425 Riassumiamo 427 About chemistry 428 Esercizi 429 Esercizi di ripasso Verifiche di fine sezione English practice Per saperne di più Protagonisti Laboratori (video) Esperienze guidate 476 Indice analitico Idrocarburi aromatici Introduzione agli idrocarburi aromatici Nomenclatura dei composti aromatici Proprietà fisiche e chimiche dei composti aromatici 435 Multi Book glossario Soluzioni

7 A MULTI Nel MULTIBOOK BOOK Materia e antimateria Centrali nucleari In questa sezione cap. Le particelle subatomiche cap. 2 La chimica nucleare cap. 3 La struttura atomica cap. 4 La tavola periodica degli elementi Effetti della fiamma ossidante Saggi alla fiamma L esperimento di Rutherford Esempi svolti Concept map English corner About chemistry In Aula digitale Per saperne di più Ripasso e verifiche English practice Laboratori Protagonisti Glossario interattivo Tavola periodica interattiva Risorse web

8 Guarda il video sul MULTIBOOK DENTRO LA MATERIA Se della materia possiamo percepire la forma, il colore e studiarne il comportamento, vi sono altri aspetti che non possiamo direttamente cogliere con la semplice osservazione sensoriale. Gli studi sull atomo hanno permesso di scoprire la natura particellare della materia: un insieme di tre particelle elementari costituisce infatti qualunque atomo di qualunque tipo di materia. Ma questo primo livello di conoscenza non permetteva di giustificare molti altri fenomeni, dunque occorreva spingersi oltre per attribuire alla materia anche un altra natura. Quale reazione genera, ad esempio, i meravigliosi colori che osserviamo durante i fuochi di artificio? Perché alcuni minerali presentano una splendida luminosità dai più svariati colori? A che cosa attribuiamo la sequenza dei colori dell arcobaleno dopo uno scroscio di pioggia? Lo studio della natura della luce e la sua capacità di interagire con la materia ha portato gli Scienziati ad attribuire alla materia una natura simile a quella della luce, vale a dire una natura ondulatoria. Un altra caratteristica dei fenomeni osservati, che ha portato alla scoperta delle proprietà della materia, è la periodicità con la quale si presentano alcuni aspetti della natura: i petali dei fiori come le rose o le margherite, ad esempio, sono distribuiti in sequenze regolari e la loro bellezza dipende proprio da questa armonica regolarità. Perfino l armonia della musica deriva da una sequenza di toni che, di ottava in ottava, formano l insieme dei suoni. L alternanza del giorno e della notte, il ripetersi delle stagioni, le fasi lunari e l alternanza delle maree sono altri esempi di fenomeni che ciclicamente si ripetono. Allo stesso modo, le proprietà degli elementi si ripetono ciclicamente periodo dopo periodo, così come scoprirai quando studierai nel dettaglio la tavola periodica.

9 LE PARTICELLE SUBATOMICHE Materia ed elettricità Numerosi fenomeni ci inducono a pensare che esista una stretta correlazione tra materia ed elettricità, cioè che la materia possieda al suo interno una natura elettrica. Già gli antichi Greci avevano scoperto che gli oggetti di ambra o di altri tipi di resina, se strofinati con un panno di lana, acquistavano la capacità di attrarre corpi molto leggeri come una foglia, una piuma o la paglia finemente sminuzzata. Tale fenomeno è da attribuire alla proprietà che hanno alcuni materiali di elettrizzarsi per strofinio e il termine elettricità deriva da elektron, il nome che in greco si dà all ambra, sostanza che presenta questa caratteristica. Non tutti i materiali però si elettrizzano allo stesso modo: il vetro per esempio, ha un comportamento completamente diverso da quello dell ambra. La natura delle cariche elettriche Sospendi con un filo di nylon una pallina di ambra e una di vetro e strofinale ciascuna con un diverso panno di lana. Le due palline tenderanno ad attrarsi. Ripeti lo stesso esperimento con due palline dello stesso materiale, entrambe di vetro o di ambra. Esse tenderanno a respingersi si attraggono si respingono si respingono Il fatto che si potessero avere due tipi di elettrizzazione condusse lo scienziato Benjamin Franklin ( ) a postulare l esistenza nella materia di due tipi di particelle, di carica positiva e negativa, che si attraggono o si respingono reciprocamente. Pertanto, i corpi non elettrizzati possiedono i due tipi di carica in numero uguale e non danno luogo a nessun fenomeno elettrico. Se, invece, per qualche causa esterna, come lo strofinio, alcune cariche presenti in un corpo (come la pallina di ambra o di vetro) si trasferiscono a un altro (il panno di lana), il corpo si elettrizza per eccesso di uno dei due tipi di carica (Fig. ).

10 Possiamo pertanto concludere che: MULTI BOOK ENGLISH CORNER Listening positive charge subatomic particles negative charge 5 nella materia esistono due tipi di cariche elettriche: cariche positive (+) e cariche negative ( ) e che: cariche elettriche dello stesso segno si respingono, mentre cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Verso la fine del Settecento, lo scienziato francese Charles A. Coulomb ( ) determinò la relazione, nota come legge di Coulomb, che permette di calcolare con quale forza due corpi puntiformi carichi si attraggono o si respingono: due corpi puntiformi dotati di carica q e q 2 posti alla distanza r, si attraggono o si respingono con una forza F che dipende dal prodotto fra le cariche e dall inverso del quadrato della loro distanza. L intensità della forza è espressa dalla relazione: MULTI BOOK Esempio F = k q q 2 r 2 dove k è una costante di proporzionalità. L unità di misura della carica elettrica nel SI è il coulomb, definito come la carica che posta nel vuoto alla distanza di m da una carica identica, determina una forza elettrica di intensità 9,0 0 9 N. Numerosi altri fenomeni, come ad esempio la conducibilità elettrica dei metalli, la capacità che ha la corrente elettrica di trasformare la materia e, viceversa, la capacità che ha la materia di produrre elettricità, testimoniano inequivocabilmente il legame tra elettricità e materia. Si è cercato allora di mettere in relazione i fenomeni elettrici con la nascente teoria atomica, ritenendo che la natura elettrica della materia dovesse essere ricercata proprio all interno dell atomo. Quest ultimo allora cessava di essere considerato la particella più elementare e quindi indivisibile della materia, essendo invece costituito da particelle più semplici di natura elettrica. Esperimenti successivi dimostrarono appunto l esistenza di tre particelle più semplici, le particelle subatomiche: gli elettroni, i protoni e i neutroni, che sono i costituenti dell atomo. Tutto chiaro? Fai un test Completa la frase inserendo le parole mancanti. La legge di Coulomb afferma che l... della forza elettrostatica di..... o di repulsione tra due corpi.... carichi è.. proporzionale al prodotto delle loro e.. proporzionale al della loro distanza. Vero o Falso? True or False? 2 Cariche elettriche di segno opposto si respingono. V F 3 L unità di misura della carica elettrica è il coulomb. V F 4 Tutti i materiali si elettrizzano allo stesso modo. V F 5 Nei corpi non elettrizzati le cariche negative e positive sono in ugual numero. V F RCS Libri S.p.A. - Divisione Education, Milano

11 6 Dentro la materia LE PARTICELLE SUBATOMICHE 2 Le particelle subatomiche Per indagare l interazione tra materia ed elettricità, furono condotti numerosi esperimenti per osservare i fenomeni associati al passaggio della corrente nei gas rarefatti, dove gli atomi sono pochi e distanti gli uni dagli altri. Tali esperimenti permisero non solo di scoprire l esistenza delle tre particelle subatomiche, ma anche di conoscerne le proprietà caratteristiche. L elettrone L elettrone, scoperto da Joseph J. Thomson nel 897 ha una massa di 9, 0 3 kg e una carica elettrica di,6 0 9 C, come determinato da Millikan nel 909 con un ingegnoso esperimento. Tale particella, alla quale per convenzione è stato attribuito il valore di carica elettrica, viene identificata con il simbolo e. L elettrone, e-, è la più piccola particella con carica elettrica negativa presente all interno dell atomo. Gli elettroni sono le particelle che più ci interessano in quanto da essi dipendono tutte le proprietà chimiche degli elementi. Gli esperimenti di Thomson Il tubo di Crookes, utilizzato da Thomson per i suoi esperimenti, è formato da un tubo di vetro resistente sotto vuoto spinto, alle estremità del quale sono applicati due elettrodi collegati rispettivamente con il polo positivo (anodo) e con il polo negativo (catodo) di un generatore di corrente (Fig. 2). Quando la differenza di potenziale tra gli elettrodi raggiunge un valore elevato (0000 volt) e la pressione interna un valore bassissimo (/000 di atmosfera) si osserva l emissione di raggi luminosi che, partendo dal catodo in linea retta, si dirigono verso l anodo provocando sul vetro una tenue luminosità (Fig. 3). Con questi tubi, Thomson effettuò ulteriori esperimenti e osservò che, facendo passare i raggi tra due piastre metalliche elettricamente cariche, essi venivano attratti verso la piastra positiva (Fig. 4). Osservò inoltre che tali radiazioni erano in grado di mettere in movimento un mulinello a pale posto lungo la loro traiettoria. Da ciò si può concludere che tali raggi, chiamati anche raggi catodici perché emessi dal catodo, sono particelle aventi una certa massa e una certa carica negativa, chiamate elettroni. Poiché la natura di tali particelle era indipendente dal tipo di catodo e dal tipo di gas utilizzati, Thomson dedusse anche che gli elettroni erano componenti comuni a tutta la materia. alla pompa per il vuoto elettrone catodo anodo - + Fig. 2 Schema di un tubo di Crookes per lo studio dei raggi catodici. catodo - raggio catodico - anodo + schermo luminescente + Fig. 4 Esperimenti effettuati da Thomson per lo studio degli elettroni. Fig. 3 Tubi di Crookes.

12 MULTI 7 Il protone ENGLISH CORNER Listening electron neutron proton Il protone ha una massa di, kg che, come ricorderai, corrisponde a una unità di massa atomica (u) e risulta 836 volte più grande di quella dell elettrone. La sua carica elettrica corrisponde a quella dell elettrone, ma è di segno opposto. A questa particella, identificata con il simbolo p +, per convenzione viene attribuito il valore di carica elettrica +. Il protone, p +, è la più piccola particella con carica elettrica positiva presente all interno dell atomo. BOOK Gli esperimenti di Goldstein Nell esperienza di Goldstein del 886 il tubo di scarica usato da Thomson veniva modificato spostando il catodo, opportunamente forato, e ponendo all interno del tubo un gas rarefatto. Per valori sufficientemente elevati della differenza di potenziale tra i due elettrodi, Goldstein osservò su un rivelatore, costituito da uno schermo fluorescente posto alla sinistra del catodo, una tenue luminosità. Essa poteva essere interpretata ammettendo che gli atomi del gas presenti all interno del tubo, per effetto degli urti subiti dagli elettroni emessi dal catodo, emettessero a loro volta elettroni, trasformandosi in particelle cariche positivamente. Queste ultime venivano attratte dal catodo e attraverso il foro colpivano il rivelatore. Tali radiazioni, in contrapposizione ai raggi catodici, furono chiamate raggi anodici o raggi canale. Successivamente W. Wien e J.J. Thomson determinarono la carica e la massa di queste particelle, stabilendo che la loro carica positiva era uguale a multipli interi e piccoli di quella dell elettrone e la loro massa corrispondeva alla massa degli atomi utilizzati nell esperienza. Usando in particolare l idrogeno all interno del tubo, verificarono che le particelle positive che si formavano erano le più elementari, avevano cioè la massa più piccola. Ognuna di esse, infatti, corrispondeva a una particella unitaria di carica positiva. Schema dell apparecchio di Goldstein per lo studio dei raggi anodici. + atomo neutro ione positivo elettrone al rivelatore + dal catodo all anodo rivelatore catodo forato anodo - + I protoni, come gli elettroni, sono tra loro identici, indipendentemente dall atomo di appartenenza, e sono numericamente uguali agli elettroni; pertanto l atomo, e di conseguenza la materia tutta, risulta elettricamente neutro. Il neutrone Il neutrone, scoperto da James Chadwick (89-974), è la terza particella elementare presente nell atomo; in accordo con il suo nome, esso è privo di carica elettrica, ma ha una massa di, kg, uguale a quella del protone e quindi corrispondente a u. Esso è identificato con il simbolo n 0. Il neutrone, n 0, è una particella con massa uguale a quella del protone, ma priva di carica, presente all interno dell atomo.

13 8 Dentro la materia LE PARTICELLE SUBATOMICHE Gli esperimenti di Chadwick Con il dispositivo illustrato in figura, W. Bethe e H. Becker per primi bombardarono sottili lamine di berillio con particelle α emesse dal polonio, un elemento radioattivo. In tal modo scoprirono che dal berillio venivano emesse delle radiazioni secondarie che si propagavano a ventaglio e che non risentivano dell azione né di un campo elettrico, né di un campo magnetico. Nel 932 Chadwick, ripetendo l esperimento su molti altri materiali, dimostrò che tali raggi erano costituiti da particelle aventi tutte la stessa massa, indipendentemente dal materiale usato, ma prive di carica e perciò dette neutroni. Anche i neutroni, come le altre particelle subatomiche, sono tutti uguali tra loro qualunque sia l atomo di appartenenza. La tabella riassume le caratteristiche fondamentali delle tre particelle subatomiche. TAB. Particelle subatomiche Particella subatomica Simbolo Carica elettrica (C) Carica relativa Massa (kg) Massa relativa Posizione elettrone e -, , 0-3 /836 intorno al nucleo MULTI BOOK Approfondimento Materia e antimateria protone p + +, , nel nucleo neutrone n 0 0 0, nel nucleo Dal momento che gli atomi di tutti gli elementi sono costituiti dalle stesse particelle elementari (elettroni, protoni e neutroni), l atomo di un elemento si distingue da quello di un altro non per la natura delle sue particelle, ma soltanto per il loro numero. Pertanto, riepilogando, possiamo affermare che: l atomo può essere considerato come la più piccola entità di un elemento di cui conserva le caratteristiche chimiche, che dipendono soltanto dal numero di elettroni e protoni in esso contenuti. Tutto chiaro? Fai un test Completa le frasi. I protoni sono le più particelle con carica elettrica presenti negli atomi. 2 Il neutrone ha massa uguale a quella del, che corrisponde alla massa relativa di. Scegli il completamento corretto. 3 L atomo è elettricamente neutro in quanto il numero di protoni in esso presenti è uguale... a al numero dei neutroni b al numero degli elettroni c alla somma degli elettroni e dei neutroni

14 9 3 I primi modelli atomici L indivisibilità dell atomo daltoniano (vedi Noi e la Chimica, Dai fenomeni alle leggi, cap. 5) non poté più essere accettata dopo la scoperta delle particelle subatomiche. Si pose quindi il problema di trovare un nuovo modello atomico che tenesse conto dell esistenza di tali particelle elettroni Nel 903 J. J. Thomson propose un modello che dava dell atomo l immagine di una sfera omogenea carica positivamente, all interno della quale si trovano gli elettroni, come l uvetta all interno del panettone, senza una disposizione spaziale definita (Fig. 5). Il modello di Thomson comunque non resse a lungo, ma fu messo in crisi dagli esperimenti che un suo allievo, Ernest Rutherford (87-937), condusse a Cambridge, dove il neozelandese Thomson lavorò tra il 909 e il 9. Gli esperimenti di Rutherford riguardavano in particolare lo studio della radioattività e per questo suo lavoro, nel 908, egli fu insignito del premio Nobel per la chimica. Egli riuscì a dimostrare che le radiazioni emesse dal polonio (un elemento radioattivo), chiamate particelle α, contenevano particelle positive identiche a quelle dell atomo di elio privato dei suoi elettroni. In seguito a tali scoperte Rutherford mise a punto un famoso esperimento con il quale venne sconfessato l atomo di Thomson. L esperimento consisteva nel bombardare con raggi α un sottile foglio d oro, osservando su uno schermo fluorescente gli effetti prodotti sul fascio di particelle α dall attraversamento del sottile strato di atomi di Au. Così come si aspettava, Rutherford osservò che le particelle α, per la maggior parte, passavano indisturbate attraverso la lamina d oro e ciò era in accordo con il modello proposto da Thomson (Fig. 6). Alcuni anni più tardi però Geiger, un brillante allievo di Rutherford, ripeté questo esperimento con una metodica più raffinata, che gli permise di osservare che alcune particelle α venivano deviate, altre addirittura respinte all indietro (Fig. 7). MULTI BOOK Esperienza virtuale L esperimento di Rutherford

15 0 Dentro la materia LE PARTICELLE SUBATOMICHE Questo risultato stupì notevolmente il suo maestro Rutherford, che nucleo considerò tale fenomeno il più sorprendente della sua vita, commentandolo con queste parole: È stato l evento più incredibile che mi sia mai capitato. È come se sparaste un proiettile da quindici pollici contro un foglio di carta e questo rimbalzasse indietro a colpirvi. In seguito a questi esperimenti il modello di Thomson non era più soddisfacente, pertanto Rutherford ne propose un altro che fosse in accordo con i nuovi fenomeni osservati. atomo nuc Egli immaginò l atomo come uno spazio vuoto con gli elettroni che si muovono al suo interno. Solo così, infatti, si poteva giustificare il fatto che la maggior parte delle particelle α attraversava indisturbata la lamina d oro. Al centro, invece, immaginò che vi fosse una porzione di spazio molto piccola rispetto alle dimensioni dell atomo, il nucleo atomico, che conteneva i protoni. In tal modo si giustificava il motivo per cui solo le particelle positive α che passavano in prossimità del nucleo positivo venivano deviate per effetto della repulsione, mentre quelle che lo centravano venivano addirittura rimbalzate indietro (Fig. 8). atomo nucleare nucleo protoni neutroni elettroni diametro atomo 0-8 cm elettroni diametro nucleo 0-3 cm atomo nucleare Secondo il modello atomico di Rutherford (Fig. 9), si può affermare che: l atomo è costituito da un nucleo centrale dove si concentrano tutta la carica positiva e la maggior parte della massa; gli elettroni, molto più leggeri dei protoni, occupano lo spazio vuoto attorno al nucleo, ruotando attorno a esso come i pianeti attorno al Sole; il diametro dell atomo calcolato da Rutherford è 0 8 cm, mentre quello del nucleo, centomila volte più piccolo, è 0 3 cm. Inoltre Rutherford, per giustificare l eccessiva densità nel nucleo, ipotizzò che, assieme ai protoni, esso dovesse contenere anche delle particelle neutre. Venti anni dopo infatti, nel 932, il suo studente J. Chadwick scoprì tali particelle, i neutroni, e per questo motivo anch egli fu insignito del premio Nobel. Tutto chiaro? Fai un test Vero o Falso? True or False? ENGLISH CORNER atomic nucleus MULTI BOOK Listening Il modello atomico nucleare è stato introdotto da Rutherford. V F 2 Protoni ed elettroni sono uniformemente distribuiti nell atomo di Thomson. V F 3 Nel nucleo atomico si concentrano tutta la carica negativa e la massa. V F 4 Nel modello dell atomo di Rutherford gli elettroni ruotano attorno al nucleo. V F

16 4 Il nucleo atomico ENGLISH CORNER atomic number mass number atomic notation isotopes MULTI BOOK Listening Dal momento che elettroni, protoni e neutroni sono tutti uguali indipendentemente dall atomo di appartenenza, cosa distingue l atomo di un elemento da quello di un altro? L identità di ogni atomo va ricercata non nella natura delle sue particelle, ma nel loro numero e, più precisamente, nel numero di particelle contenute nel nucleo. Ogni elemento, infatti, possiede nel suo nucleo un caratteristico numero di protoni. Questo numero è chiamato numero atomico, viene indicato con il simbolo Z, e costituisce il numero di identificazione di un atomo. Ciascuna specie atomica è caratterizzata da un numero di identificazione, chiamato numero atomico dell elemento e indicato con la lettera Z, che esprime il numero di protoni contenuti nel suo nucleo. Dal momento che l atomo è neutro, Z corrisponde anche al numero di elettroni in esso presenti. Oltre ai protoni, nel nucleo sono presenti anche i neutroni che, come si è detto, hanno massa uguale a quella dei protoni; il numero totale di protoni e neutroni costituisce il numero di massa, indicato con la lettera A. Il numero di massa A è il numero totale di protoni e neutroni presenti nel nucleo di un atomo. Per rappresentare in maniera immediata l atomo di un qualsiasi elemento E si utilizza la notazione atomica che riporta alla sinistra del simbolo dell elemento il numero di massa A e il numero atomico Z, rispettivamente posti ad apice e a pedice. Gli atomi così rappresentati sono anche detti nuclidi. numero di massa (p + + n 0 ) numero atomico (p + ) A ZE simbolo dell elemento E S E M P I O MULTI BOOK Calcola il numero di protoni, elettroni e neutroni presenti nell atomo di cloro rappresentato dalla notazione 37 Cl. 7 Il numero in alto indica il numero di massa: A = 37 Il numero a pedice indica il numero atomico: Z = 7. Tale numero corrisponde al numero di protoni e quindi di elettroni. Dalla differenza A Z possiamo allora calcolare il numero di neutroni: Numero neutroni = A Z = 37 7 = 20 Pertanto l atomo possiede 7 protoni, 7 elettroni e 20 neutroni. Applica Calcola il numero di neutroni contenuti nei 32 seguenti atomi: P 4 C 26 Si 5 O Tutto chiaro? Fai un test Completa le frasi. Il numero atomico indica il numero di presenti nell atomo di un elemento e si indica con la lettera. 2 Il numero di massa è il numero totale di e di presenti nel nucleo e si indica con la lettera.

17 2 Dentro la materia LE PARTICELLE SUBATOMICHE 5 Gli isotopi H D H T In natura soltanto venti elementi presentano atomi con un numero fisso di neutroni nel nucleo; tutti gli altri, invece, presentano atomi con un numero di neutroni variabile. Pertanto è possibile avere atomi dello stesso elemento con lo stesso numero atomico Z, ma con differente numero di massa A. Tali elementi vengono chiamati isotopi. Gli isotopi di uno stesso elemento sono atomi che hanno lo stesso numero di protoni e di elettroni, ma diverso numero di neutroni. L idrogeno, per esempio, per il 99,9% è costituito da atomi contenenti un protone e nessun neutrone. Esso pertanto ha Z= e A=. Il restante 0,% dell idrogeno presente in natura è costituito da due suoi isotopi, il deuterio e il tritio (Fig. 0). Il deuterio è costituito da atomi che hanno un nucleo contenente un protone e un neutrone (Z=; A=2), mentre il tritio, nel nucleo dei suoi atomi, contiene un protone e due neutroni (Z=; A=3). neutrone protone H 2 H oppure 2 D 3 H oppure 3 T idrogeno deuterio tritio Gli isotopi di uno stesso elemento posseggono lo stesso numero atomico e quindi lo stesso numero di protoni ed elettroni. Le loro proprietà chimiche sono quindi identiche, e per questo motivo essi sono rappresentati dallo stesso simbolo. Possono però differire per le loro proprietà fisiche. L esistenza degli isotopi giustifica il motivo per cui gran parte degli elementi ha massa atomica espressa da numeri decimali, mentre il numero di massa di un isotopo è espresso da numeri interi. Poiché gli elementi contengono una miscela di vari isotopi, la massa atomica viene determinata come media pesata dei numeri di massa degli isotopi presenti. In natura, per esempio, il cloro contiene il 75% dell isotopo 35 e il 25% dell isotopo % 35 7 Cl + 25% 37 7 Cl=00% Cl La massa atomica relativa è pertanto 35,5 così come risulta dal calcolo della media pesata: massa atomica relativa = 35u 0, u 0,25 = 35,5u Lo spettrometro di massa Lo strumento utilizzato per la deteminazione delle masse atomiche è lo spettrometro di massa (Fig. ). Esso consente di determinare il rapporto carica/massa di particelle cariche e, da questo, calcolare l abbondanza relativa dei vari isotopi di un elemento. A tale scopo, il campione dell elemento da analizzare viene introdotto vaporizzato a bassissima pressione nello strumento e bombardato con elettroni a elevata energia. In queste condizioni alcune molecole o atomi perdono elettroni e si trasformano in ioni positivi che, sotto l effetto di un elevato campo elettrico, vengono accelerati e convogliati verso un elettrodo negativo.

18 3 La velocità che gli ioni acquistano è tanto maggiore quanto minore è la loro massa. L applicazione successiva di un campo magnetico provoca la deflessione del raggio ionico dal suo percorso rettilineo e la suddivisione in più fasci, ciascuno dei quali contiene gli ioni dello stesso isotopo. Pertanto, a causa della loro inerzia, le particelle di massa maggiore sono, a parità di carica, meno deviate delle particelle più leggere. Uno speciale rivelatore consente di mettere in evidenza ciascun fascio e, attraverso un elaborazione matematica, dà luogo a un grafico a picchi (Fig. 2). Il numero dei picchi indica quanti isotopi sono presenti nel gas, mentre l intensità dei picchi indica l abbondanza di ciascun isotopo. bombardamento con elettroni a elevata energia 22 Ne + rilevatore ingresso del campione vaporizzato magnete piastre acceleratrici 20 Ne + fascio di ioni Abbondanza relativa degli isotopi Massa degli isotopi Tutto chiaro? Fai un test Scegli il completamento corretto. Gli isotopi di uno stesso elemento hanno diverso numero... a di massa b di protoni c di elettroni 2 Il deuterio rispetto all idrogeno possiede in più... a un elettrone b un protone c un neutrone 3 Gli isotopi hanno proprietà chimiche... a uguali b simili c diverse 4 Lo spettrometro di massa misura... a la carica elettrica b la massa atomica c il rapporto e/m

19 R 4 Dentro la materia LE PARTICELLE SUBATOMICHE RIASSUMIAMO RIASSUMIAMO Che relazione c è tra materia ed elettricità? Numerosi fenomeni ed esperimenti inducono a pensare che la materia contenga al suo interno delle cariche elettriche, che possono essere di due tipi, positiva e negativa. L atomo, particella elementare della materia, non è più indivisibile, ma è costituito da particelle più semplici di natura elettrica. Quali sono le particelle elementari? Le particelle di cui è costituito l atomo di qualunque elemento sono i protoni, che sono particelle dotate di carica positiva, e gli elettroni, che sono particelle dotate di carica negativa. Soltanto venti anni dopo è stata messa in evidenza l esistenza di particelle neutre, i neutroni, con massa uguale a quella dei protoni. Come sono sistemate le particelle subatomiche all interno dell atomo secondo i primi scienziati? Secondo Thomson, l atomo poteva essere assimilato ad una sfera omogenea carica positivamente con gli elettroni negativi dispersi all interno. Secondo Rutherford, invece, l atomo è costituito da un nucleo centrale, nel quale è concentrata tutta la carica positiva, infinitamente più piccolo rispetto alle dimensioni atomiche attorno al quale si muovono gli elettroni in uno spazio vuoto. Che cosa rappresenta la notazione atomica? La notazione atomica è un modo immediato per descrivere la composizione del nucleo di un atomo. Tutti gli atomi di uno stesso elemento contengono sempre lo stesso numero di protoni, mentre il numero dei neutroni può variare. Il numero dei protoni viene rappresentato dal numero atomico Z, che è il numero che identifica un elemento. La massa invece, viene identificata dal numero di massa A che corrisponde alla somma dei protoni e dei neutroni. Che cosa sono gli isotopi? Gli isotopi sono atomi di uno stesso elemento che presentano lo stesso numero atomico ma differente numero di massa. Che cos è lo spettrometro di massa? Lo spettrometro di massa è uno strumento che analizza i campioni di materia separando i componenti di massa diversa in base alla diversa deflessione subita attraversando un campo magnetico. Esso consente di individuare il numero di isotopi e la loro abbondanza relativa. Le relazioni tra i concetti Completa la mappa. TRASFORMAZIONI DELLA ATOMO MATERIA contiene PARTICELLE SUBATOMICHE MULTI BOOK ENGLISH CONCEPT MAP Protoni con massa u e carica... Neutroni con massa u e privi di con massa trascurabile e carica... il cui numero è indicato dal il cui numero totale è indicato dal insieme costituiscono il numero... numero......

20 SUMMARY C HAPTER C HAPTER SUMMARY 5 cs ABOUT CHEMISTRY Listening and Comprehension MULTI BOOK The ancient Greeks had already realized the close relationship between matter and electricity. Indeed, they noticed that by scrubbing some materials such as amber and other resins those could be electrified. The term electricity in fact, comes from the old Greek elektron which means amber. There are several phenomena that can confirm this theory: let s think for instance to metal electrical conductivity or to the dramatic transformations that electricity may cause to matter. Everybody knows how harmful can be a lightning (a discharge of electricity from atmosphere): it burns and destroys everything it strikes. In order to investigate the interaction between matter and electricity many experiments have been performed. In particular Thomson was the first scientist to discover electrons. These are probably the most important subatomic particles because they define the chemical properties of the elements. While electrons are negatively charged, protons are the smallest particles with positive charge. Protons are 836 times bigger than electrons but within each atom the number of protons and electrons is the same. This means that both the atoms and the whole matter are globally neutral. In 932 James Chadwick was awarded with the Nobel Prize for his discovery of the neutron. Neutrons have the same mass of protons but they have no charge. The three elemental subatomic particles (electrons, protons and neutrons) are all the same, no matter the kind of atom they originate from. So the only thing that makes an atom different from another is the number of particles within the atomic nucleus. Each element in fact is characterized by a specific number of protons which is called atomic number. The total number of protons and neutrons that forms the atomic nucleus is named mass number. Thanks to an instrument called mass spectrometer it is possible to detect the atomic mass of atoms identifying the nature of compounds and substances. This analytical technique has several important applications such as carbon dating and detection of contaminants in food and air. Scientists tried to figure out the way in which atomic particles were organized. The first attempt was made by Thomson in 903. Thomson s model was rather imprecise thus it had been quickly replaced by Rutherford s theory. According to this model all the positive charge and nearly all the atomic mass are focused in a central atomic nucleus. Moreover electrons, which are by far lighter than protons, rotate around the nucleus just like planets orbit around the sun. Finally this model stated that the diameter of the nucleus is a thousand times smaller than that of the atom. Review Questions What is the unit used to measure the electric charge? 2 What are the main subatomic particles? 3 What is the mass number? 4 What instrument do you use to estimate the atomic mass?

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Docenti Materia Classi Alessandra Cattaneo Erminia Palma Scienze Integrate (Chimica) biennio PIANO DI LAVORO ANNUALE 1. Finalità Promuovere negli allievi lo sviluppo e il perfezionamento delle capacità

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico,

Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico, SUL LIBR DA PAG 184 A PAG 18 Quesiti e problemi 1 L energia di legame 1 Definisci l energia di legame. L energia di legame è la quantità di energia che è necessario fornire a una mole di sostanza per rompere

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione?

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? 2006-2015: dieci anni di SPAIS 2015 Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce IX Edizione Il Sole. La nostra stella e/è

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

indice breve 1 Chimica, la scienza centrale 2 Appendici

indice breve 1 Chimica, la scienza centrale 2 Appendici indice breve 1 Chimica, la scienza centrale 2 2 Atomi, Molecole e Ioni 32 3 Stechiometria: Rapporti di combinazione 72 4 Reazioni in soluzioni acquose 110 5 Termochimica 158 6 Teoria quantistica e struttura

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE RECAPITI Dipartimento di Ingegneria Industriale Via di S. Marta, 3 E-mail: cristiano.benelli@unifi.it http://www.lamm.unifi.it/benelli.htm

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 39 A PAG 42 1 Gli stati tifisici i idella materia 2 I sistemi i omogenei e i sistemi i eterogenei 1 Costruisci una tabella che riassuma le caratteristiche degli stati

Dettagli

LA CHIMICA ORGANICA. Premessa e prerequisiti. Riguardo alla disciplina

LA CHIMICA ORGANICA. Premessa e prerequisiti. Riguardo alla disciplina LA IMIA ORGANIA Premessa e prerequisiti Riguardo alla disciplina Questo testo facilitato è pensato per gli allievi del biennio superiore. In un istituto tecnico commerciale la chimica viene generalmente

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Elettrolisi del solfato di rame

Elettrolisi del solfato di rame Elettrolisi del solfato di rame Calcolo dell equivalente equivalente elettrochimico del rame Calcolo del valore della carica elementare Un po di storia 1800 - Invenzione della pila di Volta 1807 - Davy,,

Dettagli

Magnetismo. pag. 1. P. Maestro Magnetismo

Magnetismo. pag. 1. P. Maestro Magnetismo Magnetismo Fatti sperimentali Forza di Lorentz Applicazioni: ciclotrone,spettrometro di massa, tubo catodico Campo magnetico di un filo percorso da corrente Campo magnetico di spira e solenoide Forza magnetica

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

La raffinazione del petrolio

La raffinazione del petrolio La raffinazione del petrolio Approfondimento sulla distillazione per la I^ Itis Prof. Maurizi Franco Itis Einstein Roma ( foto ed immagini reperiti da internet, eventuali detentori di diritti sono pregati

Dettagli

ENERGIA E STATI DI OSSIDAZIONE

ENERGIA E STATI DI OSSIDAZIONE Volevo chiedere un informazione: il metano, come tutti gli altri combustibili, brucia perché è formato da carbonio e idrogeno, due elementi che provocano e favoriscono la combustione. Perché allora l acqua

Dettagli

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno.

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno. COMBUSTIBILI Combustibili fossili convenzionali Gas naturale Petrolio e derivati Carbone Combustibili alternativi Biomasse Idrogeno Classificazione dei combustibili convenzionali I combustibili di interesse

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE Ilario De Marco I COMBUSTIBILI Si definisce combustibile una sostanza che attraverso una

Dettagli

LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede

LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede LA MATERIA Suggerimenti didattici e schede Iniziamo il percorso chiedendo a un bambino di consegnarci alcune cose: una gomma, una penna, un capello. Domandiamo a un altro di consegnarci una gioia, una

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI I rifiuti sono materiali di scarto o avanzo di svariate attività umane IL RIFIUTO I rifiuti

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

PROPRIETÁ CHIMICHE, ELETTRICHE E MAGNETICHE DELL ACQUA

PROPRIETÁ CHIMICHE, ELETTRICHE E MAGNETICHE DELL ACQUA Se si considera l equilibrio alla traslazione verticale tra la tensione superficiale e la forza peso del volume di acqua contenuta in un vaso capillare, si perviene all espressione della quota h che può

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO: 2008/09 CLASSE: IV A MATERIA:Chimica Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: Benedet Giuseppe SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELLA

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Pile e accumulatori. Approfondimento. "" Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday

Pile e accumulatori. Approfondimento.  Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday Capitolo Approfondimento elettrochimiche elettrolisi e le leggi di Faraday 14Le3. Ltrasformazioni Pile e accumulatori Pile e vita quotidiana Un applicazione importante delle celle elettrochimiche è il

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Dipartimento di Scienze Liceo Scientifico A. Vallisneri di Lucca. Programmazione Classe Quarta Nuovo Ordinamento A. S. 2014/15

Dipartimento di Scienze Liceo Scientifico A. Vallisneri di Lucca. Programmazione Classe Quarta Nuovo Ordinamento A. S. 2014/15 Dipartimento di Scienze Liceo Scientifico A. Vallisneri di Lucca Premessa: Programmazione Classe Quarta Nuovo Ordinamento A. S. 2014/15 Il dipartimento fa proprie le indicazioni nazionali riguardanti gli

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1 Trattamenti delle acque primarie Impianti Meccanici 1 IMPUREZZE DELL ACQUA PRIMARIA Classificazione Per corpo idrico si intende una massa d acqua che presenti proprie caratteristiche idrologiche, fisiche,chimiche,

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 08 /09 /2015 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 08 /09 /2015 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali September, 2012 Nel vasto mondo degli alimentatori possiamo identificare due principali categorie: a Tensione Costante ed

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

AUSILIARI DI TINTURA

AUSILIARI DI TINTURA Appunti di chimica conciaria lasciati dal prof. Mauro Berto AUSILIARI DI TINTURA Vanno sotto tale denominazione tutti quei composti che vengono aggiunti al bagno di tintura, o prima della vera fase di

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

EQUILIBRIO DEI FLUIDI

EQUILIBRIO DEI FLUIDI ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSARÀ EQUILIBRIO DEI FLUIDI CLASSI III A, III B E IV A Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it SOLIDI, LIQUIDI E GAS La divisione della materia nei suoi tre

Dettagli

Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano.

Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano. La tecnica redox Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano. L acqua rappresenta il prodotto chimico più essenziale della vita. Ogni vita dipende dall acqua. Perciò

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA

FONDAZIONE MALAVASI ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA FONDAZIONE MALAVASI ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) DOCENTE: Luca Grillini CLASSE II SEZ.A A.S.2014/2015

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

Inghilterra, Cina, USA, India, Sud Africa, Australia, Russia, Polonia, Colombia e Ucraina sono i maggiori produttori.

Inghilterra, Cina, USA, India, Sud Africa, Australia, Russia, Polonia, Colombia e Ucraina sono i maggiori produttori. Mondo - Scheda informativa 1 Carbone Come si è formato? I giacimenti di carbone si sono formati più di 300 milioni di anni fa durante il periodo Carbonifero. Allora la terra era ricoperta da foresta tropicale.

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli