S.C.I.C. Società di Cartolarizzazione Italiana Crediti a r.l. PORTAFOGLIO DI PRESTITI PERSONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.C.I.C. Società di Cartolarizzazione Italiana Crediti a r.l. PORTAFOGLIO DI PRESTITI PERSONALI"

Transcript

1 S.C.I.C. Società di Cartolarizzazione Italiana Crediti a r.l. PORTAFOGLIO DI PRESTITI PERSONALI Cartolarizzazione di prestiti personali a dipendenti pubblici erogati da [4,230] milioni PRESENTAZIONE AGLI INVESTITORI Novembre 2003

2 2 Disclaimer The securities discussed herein hav e not been and will not be registered with the U.S. Securities and Exchange Commission. Such securities may not be offered or sold, and this document may not be disseminated, in the United States or to any U.S. person, except in connection with (1) a transaction outside the United States to persons that are not US persons in accordance with Rule 903 or Rule 904 of Regulation S under the Securities Act or (2) a transaction within the United States that is exempt from the registration requirements of the Securities Act, in each case in accordance with applicable law. The issuer of the securities has not been registered under the US Investment Company Act of 1940, as amended. ed. Under no circumstances shall the information presented herein constitute and should not be considered an offer to sell or the solicitation of an offer to buy nor shall there by any sale of any securities in any j urisdiction in which such offer, solicitation or sale would be unlawful prior to registration or qualification any security or other financial instrument under the securities s laws of such j urisdiction. No representation or warranty express or implied is made and no reliance should be placed on the fairness, accuracy, completeness or correctness of the information or opinions ons contained herein. References herein to Citigroup are to Citigroup Global Markets Limited and any of its affiliated or associated companies and their directors, representatives or employees and/or any persons connected with them. References herein to CSFB are to Credit Suisse First Boston Europe Limited and any of its affiliated or associated companies and their directors, representativ es or employees and/or any persons connected with them. References herein ein to UBM are to UniCredit Banca Mobiliare SpA and any of its affiliated or associated companies and their directors, representatives or employees and/or any persons connected with them. References herein to Issuer are to S.C.I.C. Srl. and references herein to Originator are to I.N.P.D.A.P. This document is being directed at you solely in your capacity as a relev ant person (as defined below) for your information and may not be reproduced, redistributed or passed on to any other person or published, in whole or in part, for any purpose, without the prior written consent of Citigroup, CSFB or UBM (j ointly, the Firms ) and the Issuer. The information herein is preliminary, limited in nature and subj ect to completion and amendment, and will be superseded by the final offering circular. All opinions and estimates included in this document speak as of the date of this document and are subj ect to change without notice. This document addresses only certain aspects of the applicable securities characteristics and thus does not prov ide a complete assessment: as such it may not reflect the impact of all structural characteristics of the securities. This document is not intended to be an offering document and any inv estment decision with respect to the securities should be made by you solely upon all of the information contained in the final offering circular. A final offering circular may be obtained by contacting your usual representative at Citigroup, CSFB or UBM. The Firms may prov ide inv estment banking services (including without limitation corporate finance serv ices) for the companies mentioned in this document and may from time to time participate or inv est in commercial banking transactions (including without limitation loans) with the companies mentioned in this document. Accordingly, information may be av ailable to the Firms which is not reflected in this document. Citigroup, CSFB or UBM may make a market in the securities described in this document. Accordingly, the Firms may actively trade these securities for its own account and those of its customers and, at any time, may hav e a long or short position in these securities or derivativ es related hereto. The Firms are not tax advisors. The tax implications of an investment in the securities must be verified by independent tax counsel before proceeding with any such investment. For UK inv estors: This document is being distributed only to, and is directed only at persons who have professional experience in matters relating to inv estments falling within Article 19(1) of the Financial Serv ices and Markets Act 2000 (Financial Promotion) Order 2001 (the Order ) and other persons to whom it may otherwise e lawfully be communicated (all such persons relev ant persons ). It must not be acted on or relied on by, nor are the securities herein available to, persons who are not relevant persons. For Italian investors: This memorandum is being distributed only to, and is directed only at professional investors (the operatori qualificati ), as defined in article 31, second paragraph, of CONSOB Regulation No of 1 st July, 1998, as successiv ely amended. It must not be acted on or relied on by, nor are the securities herein available to, persons who are not operatori qualificati. This document is based on information prov ided by the Originator. The Firms make no representation or warranty, express or implied, ied, as to the accuracy or completeness of such information. The information contained herein is qualified in its entirety by the information in the final offering circular for this transaction. This document contains certain tables and other statistical analyses (the Statistical Information ) which have been prepared in reliance upon information furnished by Originator. Numerous assumptions were used in preparing the Statistical Information, which may or may not be reflected herein. As such, no assurance can be giv en as to the Statistical Information s accuracy, appropriateness or completeness in any particular context; nor as to whether the Statistical Information and/or the assumptions upon which they are based reflect present market conditions or future market performance. The Statistical Information should not be construed as either proj ections or predictions or as legal, tax, financial or accounting adv ice. Any weighted av erage lives, yields and principal payment periods shown in the Statistical Information are based on prepayment assumptions, and changes in such prepayment assumptions may dramatically affect such weighted av erage lives, yields and principal payment periods. In addition, it is possible that prepayments on the underlying assets sets will occur at rates slower or faster than the rates shown in the attached Statistical Information. The Firms make no representation or warranty as to the actual rate or timing of payments on any of the underlying assets or the payments or yield on the securities.

3 3 Sommario INTRODUZIONE INPDAP IL PORTAFOGLIO STRUTTURA DELL OPERAZIONE ANALISI DEI FLUSSI DI CASSA MERCATO SECONDARIO E INFORMATIVA PER GLI INVESTITORI Appendice A Indennità di buonuscita/tfr Appendice B Il quadro normativo Appendice C Gestione del Portafoglio Appendice D Dati di analisi del Portafoglio Appendice E Contatti

4 Introduzione

5 5 Obiettivi dell Operazione L Istituto Nazionale di Previdenza dei Dipendenti dell Amministrazione Pubblica ( INPDAP ) presenta la sua prima operazione di cartolarizzazione di un portafoglio di prestiti personali erogati a dipendenti pubblici ed assistiti da cessione di quota dello stipendio per un ammontare di [4,230] milioni di Euro L operazione è sponsorizzata dal Ministero dell Economia e delle Finanze ( MEF ) nel contesto della propria strategia di privatizzazione di attivi pubblici e delle relative attività di gestione realizzata attraverso la cartolarizzazione. L obiettivo di tale strategia è l incremento di efficienza del settore pubblico e, indirettamente, nte, la competitività dell economia italiana Gli obiettivi specifici dell Operazione sono: Riduzione degli attivi posti a fronte del debito pubblico con il vincolo di preservare o incrementare la disponibilità di finanziamenti a costi competitivi a favore dei dipendenti pubblici. La disponibilità di tali finanziamenti e` ritenuta di grande importanza anche per il loro significativo effetto di contrasto al fenomeno dell usura Aumento della trasparenza e dell efficienza grazie a: L aggiornamento dei sistemi IT e delle procedure amministrative di INPDAP ai migliori standard di mercato, tra l altro in grado di facilitare future operazioni di cartolarizzazione; L introduzione di un sistema oggettivo di misurazione dei costi/benefici dell originator attraverso la raccolta di risorse sui mercati finanziari; In prospettiva l opportunità per l INPDAP di avviare una attività di intermediazione ed amministrazione di finanziamenti bancari aggiuntivi a favore dei dipendenti pubblici. Tale attività sarà resa possibile dai migliorati siatemi di gestione e dalla elevata attrattiva per le banche di beneficiare della affidabilità di questa forma di impiego

6 6 Obiettivi dell Operazione Con questa operazione viene avviato il terzo programma di cartolarizzazione del MEF attraverso la società SCIC riservata alla cartolarizzazione dei crediti vantati dal settore pubblico. Ad ogni operazione si procederà ad un contestuale ridisegno dei processi gestionali tradizionali Il Programma di Cartolarizzazione SCIC, insieme ai già consolidati INPS-SCCI SCCI e SCIP, rappresenta il completamento degli strumenti ideati dal MEF per l attuazione della strategia di cartolarizzazione di attivi pubblici tramite emissioni standardizzate che facilitino l analisi da parte degli investitori, allarghino la base dei potenziali sottoscrittori e garantiscano la liquidità del mercato secondario I singoli portafogli saranno cartolarizzati da SCIC su base segregata dagli altri Il MEF ritiene di poter conseguire notevoli benefici dall introduzione della disciplina imposta dal mercato e dall aggiornamento delle procedure di gestione degli attivi cartolarizzati L introduzione di sistemi gestionali incentivanti, di elevati standard di reporting e di modalità competitive per l affidamento di servizi gestionali a soggetti terzi sono gli strumenti adottati dal MEF per raggiungere tali risultati

7 7 Un portafoglio di ottima qualità I prestiti sono garantiti dai debitori attraverso la cessione ad INPDAP di una quota dello stipendio netto Il portafoglio è altamente diversificato essendo composto da più di 600,000 prestiti personali erogati a favore di dipendenti dello Stato, di enti locali ed altri enti pubblici I prestiti possono essere divisi in due categorie: Prestiti Pluriennali, con una scadenza iniziale di 5 o 10 anni e di ammontare pari a circa 81% del portafoglio (dati al 31 luglio 2003) Piccoli Prestiti, con una scadenza iniziale ad 1, 2 o 3 anni pari a circa 19% del portafoglio (dati al 31 luglio 2003) I prestiti beneficiano di meccanismi di copertura di alcuni rischi quali ad esempio il rischio di licenziamento e decesso del debitore

8 8 Sintesi dell offerta Valore nominale del Portafoglio: circa milioni Classi Ratings Att esi* Ammontare Modalità di rimborso Cedole *** Scadenza attesa Vita media (anni) Scadenza Legale A1 PL AAA/Aaa/AAAAAA [1.170] mn Soft Bullet 3m Euribor + [ ] Dicem bre Dicem bre 2006 A2 PL AAA/Aaa/AAAAAA [1.500] mn Soft Bullet 3m Euribor + [ ] Dicem bre Dicem bre 2008 A3 PL AAA/Aaa/AAAAAA [860] mn Soft Bullet Fisso** Dicem bre Dicem bre 2010 A4 PL AAA/Aaa/AAAAAA [700] mn Amortising 3m Euribor + [ ] [Dicembre 2009] [5.8] Dicem bre 2015 Totale [4,230] milioni * Si prevede che tutte le classi di titoli ottengano un rating tripla-a da parte delle agenzie Fitch Ratings, Moody s and Standard and Poor s, ** Tasso fisso fino al verificarsi di un Interest Rate Conversion Event. Successivamente tasso variabile pari a 3m Euribor + [ ] *** Le Classi A1, A2 e A4 prevedono cedole trimestrali. La Classe A3 prevede cedole annuali a tasso fisso fino al verificarsi di un Interest Rate Conversion Event. Successivamente le cedole saranno trimestrali Joint Lead Managers: Citigroup Global Markets LTD, Credit Suisse First Boston, UBM - UniCredit Banca Mobiliare

9 9 Caratteristiche dei Titoli Cedole Frequenza delle Cedole Clean Up Call Quotazione Supporto di Credito e Liquidità Regolamaneto Class A1 PL, A2 PL, A4 PL: 3m Euribor + spread (Act/360) Class A3 PL: Fisso fino al verificarsi di un Interest Rate Conversion Event (Act/Act), Variabile 3m Eur ibor + spread successivamente Class: A1 PL, A2 PL, A4 PL: Trimestrale il 21 Mar, Giu, Sett, Dic. Pr imo coupon lungo a Mar 2004 Class A3 PL: annualmente fino all Interest Rate Conversion Event.. Primo coupon a Dic 2004 Quando l ammontare nominale r esiduo dei Titoli è uguale o inferiore al 10% dell ammontare complessivo iniziale dei titoli emessi è ammesso da parte di SCIC il rimborso dei Titoli finanz iato dalla cessione del portafoglio Borsa del Lussemburgo Mercato telematico dei Titoli di Stato Overcollateralization del 7% Tutti i flussi di cassa generati dal portafoglio saranno usati per coprire i costi dell operazione e per effettuare i pagamenti di interessi e capitale sui Titoli. Non vi saranno pagamenti all INPDAP fino all integrale rimborso di tutte le c lassi di Titoli Montetitoli, Euroclear, Clearstreamaccentraccentr amento presso Montetitoli in forma dematerializzata Legge Italiana Trattamento come Eurobond : I pagamenti sui titoli sono esenti da imposta sostitutiva per soggetti non Trattamento Fiscale residenti in Italia. Per i soggetti residenti, l imposta sostitutiva potrà essere applicata dalla banca depositaria in relazione allo status fiscale del residente Denominazione Minima Euro BCE Si pr evede che i Titoli rispetteranno i criter i fissati dalla BCE per le operazioni creditizie pronti-terter mine nell Eurosystem Ponderazione di vigilanza 100%

10 INPDAP

11 11 INPDAP Aspetti salienti L Articolo 38 della Costituzione afferma il diritto dei lavoratori ri all assistenza in caso di infortunio, malattia, invalidità, vecchiaia a e disoccupazione involontaria e prevede l obbligo per lo Stato di fornire tale assistenza attraverso entità pubbliche specializzate quali l INPDAP L INPDAP è un Ente Pubblico istituito con D.Lgs 479/1994 dalla fusione di alcuni enti preesistenti con lo scopo di gestire le attività previdenziali a favore dei dipendenti pubblici L INPDAP è soggetto al controllo del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali quali ministeri vigilanti, e della Corte dei Conti

12 12 INPDAP Aspetti salienti INPDAP eroga trattamenti previdenziali (pagamento delle pensioni e dei trattamenti di fine rapporto) a favore dei dipendenti pubblici di: Stato Enti locali come regioni province e comuni Altri Enti di diritto pubblico Alcuni dati salienti su INPDAP per il 2003: [8.300] dipendenti [103] uffici provinciali [ ] iscritti [ ] pensioni erogate Oltre ai trattamenti previdenziali degli impiegati pubblici (come l INPS per il settore privato), INPDAP offre ai propri iscritti i seguenti servizi: Attività sociali e assistenziali (quali la gestione di case di soggiorno e ricovero, di centri vacanza, l erogazione di borse di studio) Erogazione di prestiti (prestiti di breve e medio termine, mutui ipotecari)

13 13 INPDAP - Presentazione Per la sua natura di ente pubblico, INPDAP non è soggetto al diritto itto fallimentare ordinario (Art. 1 della Legge Fallimentare - R.D. n. 267/1942), ma ad apposite procedure di liquidazione extra giudiziarie riservate agli enti pubblici che prevedono inter alia il voto in Parlamento L Articolo 38 della Costituzione stabilisce che l erogazione di trattamenti previdenziali e assistenziali siano obblighi fondamentali dello Stato; pertanto, se l INPDAP fosse liquidato o dovesse cessare la propria attività, lo Stato dovrebbe assumerne direttamente le funzioni o trasferirle ad altro ente

14 14 INPDAP - L Attività creditizia L attività creditizia dell INPDAP è condotta attraverso una direzione specializzata: la Gestione Unitaria Autonoma per il Credito e le Attività Sociali ( Gestione Unitaria") incaricata di tale attività e dell amministrazione del fondo da cui sono effettuati i prestiti ai dipendenti pubblici e sul quale sono versate le rate di rimborsorso Tutti gli iscritti all INPDAP lo sono anche alla Gestione Unitaria ia e sono soggetti ad una contribuzione obbligatoria pari allo 0.35% dello stipendio lordo. Le risorse finanziarie derivanti dai contributi obbligatori degli iscritti sono utilizzate, su delibera del Consiglio di Amministrazione dell INPDAP, in parte a finanziare le attività sociali ed in parte ad accrescere le risorse del fondo L attività creditizia che INPDAP conduce attraverso la Gestione Unitaria prevede l erogazione agli iscritti di: Prestiti personali Mutui ipotecari Le risorse per l erogazione di prestiti derivano in particolare dalle rate di rimborso dei prestiti in essere

15 Il Portafoglio

16 16 Il Portafoglio INPDAP cederà a SCIC tutti i prestiti in essere e quelli che saranno anno erogati fino al [5 dicembre] 2003 Il Portafoglio ceduto include: Tutti i prestiti personali in essere al 30 settembre 2003, per un controvalore di milioni di Euro (il Portafoglio Esistente ) Tutti prestiti personali erogati dall INPDAP nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2003 (il Nuovo Portafoglio ) INPDAP garantirà che i prestiti sono stati erogati secondo le proprie vigenti procedure di erogazione e che i prestiti erogati in ottobre, novembre e dicembre sono di ammontare minimo di 203 milioni di Euro. INPDAP prenderà inoltre atto che Se l ammontare complessivo del Nuovo Portafoglio fosse superiore a 203 milioni di Euro, il prezzo pagato ad INPDAP non sarà aumentato Se l ammontare complessivo del Nuovo Portafoglio fosse inferiore a 203 milioni di Euro, INPDAP verserà a SCIC una somma in contanti pari alla differenza fra 203 milioni e quanto effettivamente erogato

17 17 Criteri di Erogazione dell INPDAP Prestiti Pluriennali Piccoli Prestiti Beneficiari Impiegati pubblici da almeno 4 anni Lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeter minato o a ter mine di durata res idua non inferiore alla durata del prestito Lavoratori con una età non superior e a 65 anni Impiegati pubblici da almeno 1, 2 o 3 anni (a seconda della scadenza del prestito) Lavoratori assunti sulla base di un contratto a tempo indeter minato o a ter mine che non scada prima della fine del prestito Lavoratori con una età non superior e a 65 Documentazione Necessaria Certificato medico e documentazione di spesa (il pr estito è concesso per finanziare spese specifiche sostenute dal lavoratore) Nessuna Durata 5 o 10 anni. In ogni caso con scadenza non eccedente l età ordinar ia di pensionamento 1, 2 o 3 anni. In ogni caso con scadenza non eccedente l età ordinar ia di pensionamento Ammontare Massim o Tale da deter minare rate mensili non eccedenti il minore ammontare tra 1/5 dello stipendio netto e Euro o 2 volte lo stipendio netto mensile (prestiti a 1 anno); 2 o 4 volte lo stipendio netto mens ile (prestiti a 2 anni); 3 o 6 volte lo stipendio netto mensile (prestiti a 3 anni) Estinzione Anticipata L estinzione anticipata è possibile senza penalità, con alcune restrizioni L estinzione anticipata è possibile senza penalità, con alcune restrizioni

18 18 Punti di Forza dei Crediti INPDAP I crediti oggetto dell operazione presentano alcune caratteristiche che e tutele, previste da una normativa specifica, che ne migliorano significativamente il profilo di credito: Tutti i prestiti sono assistiti da cessione irrevocabile di una quota dello stipendio netto (entro un massimo di 1/5) Per legge, il datore di lavoro in quanto tale è co-obbligato obbligato in solido con il debitore a rimborsare il prestito Il debitore è obbligato secondo i termini del contratto di prestito Il datore di lavoro ha l obbligo di trattenere e versare a INPDAP P la quota del salario netto mensile contrattualmente ceduta dal dipendente all INPDAP In caso di ritardo nel versamento all INPDAP della rata, il datore di lavoro è tenuto al pagamento di interessi al tasso contrattuale del prestito La quota di stipendio ceduta all INPDAP non può essere oggetto nè di sequestro nè di pignoramento da parte di terzi creditori

19 19 Punti di Forza dei Crediti INPDAP All atto dell erogazione, INPDAP trattiene dall ammontare concesso so un premio assicurativo, a copertura di alcuni rischi. A seguito della cessione, INPDAP manterrà indenne l Emittente dalle perdite dovute a: morte del debitore invalidità permanente del debitore contratta in servizio o per causa di servizio limitatamente ai debitori dei Piccoli Prestiti Le rate del prestito possono essere ridotte solo se il salario diminuisce di oltre 1/3 In caso di cessazione del rapporto di lavoro prima dell integrale e rimborso del prestito, se il debitore ha immediatamente diritto a trattamenti pensionistici, il prelievo delle rate di rimborso si estende al pagamento della pensione Essendo i prestiti erogati con scadenza ultima precedente il raggiungimento dell età pensionabile, tale circostanza potrà verificarsi solo in caso di pensionamento anticipato ovvero di sospensione/ riduzione dei pagamenti durante l ammortamento del prestito

20 20 Punti di Forza dei Crediti INPDAP Se il debitore non ha immediatamente diritto alla pensione, dal trattamento di fine rapporto o indennità di buonuscita è trattenuto il debito ancora in essere Nei casi indicati, INPDAP si è impegnato a corrispondere all Emittente la quota del trattamento di fine rapporto o indennità di buonuscita dovuta per il rimborso del debito e al pagamento entro 30 giorni dal termine del rapporto di lavoro I criteri di erogazione adottati garantiscono in ogni caso una certa percentuale di copertura del prestito utilizzando il trattamento di fine rapporto porto o indennità di buonuscita maturati sino al momento della concessione Tale livello di copertura cresce nel tempo, a causa del: (i) progressivo rimborso del prestito e (ii) dell incremento del trattamento di fine rapporto o indennità di buonuscita maturati

21 21 Punti di Forza dei Crediti INPDAP Nel caso in cui il trattamento di fine rapporto / indennità di buonuscita fossero insufficienti al rimborso del debito, il debitore ha l obbligo di rimborsare il debito residuo entro 30 giorni Se il debitore non provvede al saldo del debito, l INPDAP avvia immediatamente le procedure di recupero INPDAP gode dei medesimi privilegi che caratterizzano la riscossione ione di tasse e contributi a mezzo ruolo da parte dei Concessionari

22 22 Punti di Forza dei Crediti INPDAP Rischi di Credito normalmente associati ai Crediti al Consumo Prestiti Personali INPDAP Volontà / Capacità del debitore di pagare le rate I pagamenti non sono volontari ma dedotti dallo stipendio Decesso del debitore Assicurazione fornita da INPDAP Incapacità sopravvenuta di generare reddito Stabilità di impiego nella PA (bassa probabilità di licenziamento) Fine del rapporto di lavoro Ricorso alla pensione e alla indennità di fine rapporto Assenza di prelazione sullo stipendio del debitore La porzione di stipendio ceduta a INPDAP non può essere successivamente oggetto né di sequestro né di pignoramento da parte di terzi creditori

23 23 Composizione del Portafoglio I crediti oggetto di cessione sono stati valutati sulla base del portafoglio dell INPDAP al 31 luglio 2003 (il Portafoglio Provvisorio ) Il Portafoglio Provvisorio è formato da 645,694 prestiti personali erogati a impiegati della pubblica amministrazione italiana, per un ammontare complessivo di 4,497 milioni di Euro SCIC Descrizione Portafoglio Num ero di contratti 645,694 Capitale Residuo Totale 4,497,451,915 SCIC Distribuzione per tipologia di prestito* Small Loans 19% Media Ma x Min Ponderata Capitale Residuo 6,965 (*) 61, Importo Erogato 11,650 90, Rate residue (mensili) Seasoning (rate mensili) Tasso d interesse (*) Media semplice *Calcolato sul Capitale Residuo Medium-Term Lo an s 81% Fonte: INPDAP Fonte: INPDAP

24 24 Informazioni Storiche Licenziamenti 0.030% Portafoglio Complessivo (Analisi Static Pool) Massimo tasso annuale di licenziamenti nel settore pubblico per il periodo : 0.6 bps 0.025% 0.020% 0.015% 0.010% 0.005% 0.000% Fonte: INPDAP

25 25 Informazioni Storiche - Tasso di Mortalità Portafoglio Complessivo (Analisi statica del Portafoglio Provisionale) Tassi di Mortalità 0.30% 0.25% 0.20% 0.15% 0.10% 0.05% 0.00% Fonte: INPDAP

26 26 Informazioni Storiche Estinzioni Anticipate Campione SCSII I graf ici in questa slide sono basati sui prestiti personali gestiti dal SCSII del MEF (cf r pagina 64 dell Appendice) Portafoglio Com plessivo (Analisi Din am ica) Fonte: SCSII 5.00% 4.00% 3.00% 2.00% 1.00% 0.00% Tasso medio Estinzioni Anticipate ( ): 2.6% (annualizata) Rinnovo Altri Totale Prestiti Pluriennali (Analisi Dinamica) Piccoli Prestiti (Analisi Dinamica) 5.00% 4.00% 3.00% 2.00% 1.00% 0.00% Fonte : SCSII Tasso medio Estinzioni Anticipate ( ): 2.0% Tasso medio Estinzioni Anticipate ( ): 3.6% 5.00% 4.00% 3.00% 2.00% 1.00% 0.00% (annualizata) (annualizata) Rinnovo Altri Totale Fonte : SCSII Rinnovo Altri Totale

27 27 Informazioni Storiche Sospensioni dal Lavoro Se il debitore è temporaneamente sospeso dal lavoro senza stipendio o con i soli assegni alimentari (es: per frequentare corsi di studio o per provvedimenti disciplinari), i pagamenti sono temporaneamente sospesi. Quando riprendono l attività lavorativa, il piano di ammortamento è ricalcolato aggiungendo al capitale residuo precedente, gli interessi nel frattempo maturati al tasso contrattualmente stabilito La seguente tabella fornisce i dati storici sulle sospensioni di impiegati di enti locali per il periodo Anno Numero impiegati sospensi Numero impiegati Tota li % Sospensioni ,362, % ,424, % ,442, % ,478, % ,432, % Fonte: INPDAP

28 Struttura dell Operazione

29 29 L Emittente INPDAP cede il portafoglio all Emittente (S.C.I.C. a.r.l.,., in precedenza denominata S.C.C.P.P. a.r.l.).) ai sensi del Contratto di Cessione, approvato con Decreto Ministeriale isteriale emanato dal MEF di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, secondo l Articolo 15 L Emittente ha effettuato nel dicembre 2001 un operazione di cartolarizzazione sui proventi del gioco del Lotto, attraverso: l acquisto dei proventi futuri derivanti dai giochi del Lotto e Superenalotto l emissione di titoli asset-backed per un ammontare complessivo di Euro 3 mld L Emittente potrà effettuare in futuro ulteriori operazioni di cartolarizzazione su base segregata dalle precedenti Il portafoglio cartolarizzato costituisce un patrimonio separato rispetto agli altri attivi dell Emittente e da altri eventuali portafogli (cartolarizzati) ad esso ceduti

30 30 Struttura dell operazione SCIC utilizzerà i proventi rivenienti dall emissione dei titoli per finanziare l acquisto del portafoglio da INP DAP INPDAP (Cedente e Gestore) Cessione del Portafoglio (Articolo 15) Prezzo di Cessione (Corrispettivo Iniziale e Differito) Contratto di Gestione dei Crediti Controparti Swap SCIC Emissione dei Titoli Proventi Emissione Citibank Paying Agent e Cash Manager TITOLI Classe A1 PL Rating atteso:aaa/ Aaa/AAAAAA Classe A2 PL Rating atteso:aaa/ Aaa/AAAAAA Classe A3 PL Rating atteso:aaa/ Aaa/AAAAAA Classe A4 PL Rating atteso:aaa/ Aaa/AAAAAA TIPOLOGI A tasso variabile, rimborso Soft Bullet tasso variabile, rimborso Soft Bullet tasso fisso, rimborso Soft Bullet (diventa variabile a seguito di un Interest Rate Conversion Event) tasso variabile, rimborso Amortising Securitisation services Rappresentante degli Obbligazionisti e Amministratore del Programma L Amministratore del Programma dovrà coordinare l attività di reporting del Servicer

31 31 La struttura finanziaria Tranching Ammontare Totale 4,550 milioni Portafoglio di Prestiti Personali assistiti da cessione dello stipendio 4,347 milioni - Portafoglio Esistente + min 203 milioni - Nuovo Portafoglio Classe A1 PL - AAA / Aaa / AAA [1,170] milioni Classe A2 PL - AAA / Aaa/ AAA [1,500] milioni Classe A3 PL - AAA / Aaa / AAA [860] milioni Classe A4 PL - AAA / Aaa / AAA [700] milioni Overcollateralisation [320] milioni [25.7]% [33.0]% [18.9]% [15.4]% [7.0] %

32 32 Struttura dell operazione L Excess Spread resta nella Struttura Tutti i flussi finanziari derivanti dal Portafoglio e versati a SCIC saranno utilizzati secondo la Priorità dei Pagamenti per coprire le spese dell Operazione e pagare interessi e capitale su tutte le classi di Titoli fino al loro completo rimborso Overcollaterali sation Clean Up Call Interest Rate Swap Conto Incassi Overcollateralisation del 7% Consentita quando l ammontare residuo dei Titoli è pari, o inferiore, iore, al 10% dell ammontare dei titoli inizialmente emesso Contratti di Interest rate swap copriranno il rischio di variazione dei tassi Gli incassi provenienti dal portafoglio saranno depositati presso Banca d Italia, con una remunerazione pari al tasso medio dei Titoli del Tesoro a 3, 6 e 12 mesi maggiorato di una percentuale fissata per legge Tasso di Interesse sui Titoli I Titoli delle Classi A1 PL, A2 PL e A4 PL saranno a tasso variabile I Titoli della Classe A3 PL saranno a tasso fisso fino alla Scadenza Attesa (o alla data in cui viene notificata all Emittente una Issuer Acceleration Notice). Successivamente pagheranno un tasso di interesse variabile indicizzato all Euribor 3 mesi

33 33 Priorità dei Pagamenti Pre-enforcement Flussi di Cassa dai prestiti Controparti Swap Issuer Available Funds Spese di SCIC Pagamenti sull Interest Rate Swap INPDAP SCIC Interessi pro-rata sulle Classi A1, A2, A3, A4 Securitisation Services Citibank Rappresentante degli Paying Agent e Obbligazionisti Cash Manager Amministratore del Programma Struttura dei Titoli Rimborso completamente sequenziale del capitale Le Classi A1, A2 e A3 sono soft bullet La Classe A4 è amortising Le Classi A1, A2 e A4 sono a tasso variabile La Classe A3 è a tasso fisso fino all Interest Rate Conversion Event,, poi variabile L Emittente concluderà uno o più contratti di interest rate swap per coprire il rischio di tasso Capitale della Classe A1 Capitale della Classe A2 Capitale della Classe A3 Capitale della Classe A4 Versamento dei fondi residui sul Conto Incassi (fino al rimborso completo dei Titoli) Pagamenti in caso di Swap termination dovuti ad inadempimento della controparte SW AP Corrispettivo Differito

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA UN OFFERTA DI RIACQUISTO SULLA TOTALITÀ DI ALCUNE OBBLIGAZIONI IN DOLLARI EMESSE DA TELECOM ITALIA CAPITAL S.A. Milano, 7 luglio 2015 Telecom Italia S.p.A.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO Il presente comunicato non può essere distribuito negli Stati Uniti, né ad alcuna persona che si trovi o sia residente o domiciliata negli Stati U niti, nei suoi territori o possedimenti, in qualsiasi

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 BRIEFING ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 Contenuti I. Ambito di applicazione del DTR II. Interventi contemplati dal DTR III. Incrementi di Producibilità

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse, Nestlé, Novartis, Roche Worst of style Strike basso

3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse, Nestlé, Novartis, Roche Worst of style Strike basso Termsheet del' 07.07.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1220 Imposta preventiva 3.00% p.a. Multi Reverse Convertible su ABB, Credit Suisse,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea Pharmaceutica Osservazione continua della barriera

5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea Pharmaceutica Osservazione continua della barriera Termsheet indicativo del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 5.25% p.a. Barrier Reverse Convertible su Basilea

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB Osservazione continua della barriera

5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB Osservazione continua della barriera Termsheet indicativo del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli