Tribunale di Viterbo n. 953 Dott. Romano - INPS ( Avv.ti Ricci, Scarlato ) - B. e B. ( Avv. Boni ).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tribunale di Viterbo 07.11.2005 n. 953 Dott. Romano - INPS ( Avv.ti Ricci, Scarlato ) - B. e B. ( Avv. Boni )."

Transcript

1 Responsabilità patrimoniale Compravendita di immobili tra coniugi Trascrizione dell atto - Azione di nullità per simulazione assoluta Legittimazione del terzo Sussiste. Compravendita di immobili tra coniugi Verbale di separazione personale omologato - Mancata trascrizione Azione di nullità Interesse del terzo Non sussiste. Conservazione della garanzia patrimoniale per il terzo creditore Condizioni e presupposti. Tribunale di Viterbo n. 953 Dott. Romano - INPS ( Avv.ti Ricci, Scarlato ) - B. e B. ( Avv. Boni ). Ai fini dell azione di nullità per simulazione del contratto di compravendita e dell azione revocatoria ordinaria, l evento lesivo che legittima il terzo creditore ad agire è la trascrizione dell atto notarile che trasferisce la proprietà degli immobili da marito a moglie, restando ininfluente che lo stesso trasferimento fosse precedentemente contenuto in verbale di separazione personale dei coniugi, omologato dal Tribunale ma non trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari. La cronologia tra gli atti di disposizione dei beni e l insorgenza dell obbligo restitutorio, la totalità del patrimonio immobiliare trasferito con un unico atto, la qualità di coniuge del venditore rivestita dall acquirente dei beni, il mancato pagamento del prezzo, il continuare a godere, quale proprietario, di alcuni degli immobili apparentemente alienati, costituiscono indizi gravi, precisi e concordanti che fanno apparire dimostrata la simulazione assoluta dell atto di compravendita, stipulato in frode a creditore. FATTO - Con atto di citazione notificato a B.E. e a B.B. il l INPS conveniva i predetti davanti a questo Tribunale esponendo che : - B. E., dipendente della Banca, era stato licenziato, per riduzione di personale, in data ; - il B. aveva presentato all INPS in data domanda di pensione di anzianità e nota della CGIL di contestazione del licenziamento e, in data , prima di ottenere la liquidazione della prestazione, aveva presentato all Istituto atto notorio, nel quale aveva dichiarato di aver avviato contro il datore di lavoro un procedimento giudiziale per la riassunzione in servizio e si era impegnato a restituire in unica soluzione tutte le somme percepite a titolo di pensione in caso di riassunzione in servizio a seguito di sentenza favorevole ; - per effetto di quanto sopra, a gennaio 1997, l INPS aveva liquidato la pensione con decorrenza dall , primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda; - con sentenza / il Pretore di Viterbo aveva dichiarato illegittimo il licenziamento, condannato la Banca alla reintegrazione dell interessato nel posto di lavoro e al risarcimento del danno liquidato in misura pari alle retribuzioni maturate e maturande dal licenziamento alla reintegrazione, oltre rivalutazione, interessi, contributi previdenziali e spese; - in data il B. era stato riammesso in servizio e, a seguito di azioni esecutive da lui promosse contro la Banca, aveva ottenuto da questa anche il pagamento di tutte le retribuzioni arretrate relative al periodo , per un ammontare superiore a ; - per l incumulabilità delle somme percepite a titolo di retribuzioni da lavoro dipendente e quelle percepite, per lo stesso periodo, a titolo di pensione di anzianità, l INPS, con diffida del , aveva richiesto al B. la restituzione della somma di ( euro ,03), per i ratei dall al , in conformità dell impegno in tal senso assunto dall interessato con la dichiarazione apposta nell atto notorio del ; 1

2 - il B. si era opposto alla richiesta dell INPS, prima con ricorso in via amministrativa dell , poi in sede giudiziaria con ricorso depositato il e iscritto al n. 1231/02 R.G. Trib. Viterbo e per dare una parvenza di fondatezza al diniego di restituzione aveva invocato una norma ( l art. 52 della legge n. 88/89 ) che non solo era del tutto inconferente ( prevedendo la irripetibilità da parte dell INPS di somme corrisposte per errore dall Istituto ) ma anche esistente da più di sette anni al momento in cui il futuro pensionato, nel 1996, si era impegnato alla restituzione, sottoscrivendo l atto notorio; - in realtà il B. non aveva fatto altro che seguitare a tessere le fila di una trama, in danno dell INPS, iniziata con la ricezione della nota della Banca.. del che lo aveva reintegrato nel posto di lavoro e che automaticamente l aveva obbligato a restituire i ratei di pensione di anzianità percepiti nei cinque anni precedenti; - ogni atto successivo, compresa la separazione consensuale con la quale i coniugi avevano pensato di poter legittimamente attuare un trasferimento dell intero patrimonio immobiliare a mezzo di vendita di tutti i beni dal marito alla moglie, aveva avuto come unico scopo comune quello di frodare l Istituto; - l INPS, nel frattempo, aveva depositato il 21 novembre 2002 ricorso per decreto ingiuntivo contro il B. per la somma di oltre interessi dal e, insospettito dal comportamento del debitore, aveva chiesto che fosse concessa la provvisoria esecuzione; - il Giudice dr. Pascolini, peraltro estensore della sentenza di reintegra in servizio del B., aveva emesso il il decreto ingiuntivo n. 348/02, negando però la provvisoria esecuzione; - l INPS aveva notificato il titolo al B. in data presso la sua residenza in Viterbo, via M. n. 31, mediante consegna a mani della convivente figlia M. ; - il decreto ingiuntivo era stato opposto dall interessato con atto depositato il per la stessa unica pretestuosa motivazione già addotta in sede amministrativa e posta a base del ricorso per accertamento negativo da lui proposto; - il giudizio di opposizione, iscritto al n. 49/03 R.G. Trib. Viterbo, era stato assegnato alla cognizione del Giudice dott. Pascolini, al quale l Istituto aveva reiterato la richiesta di provvisoria esecuzione del decreto, motivata con l ulteriore argomento costituito dal fatto che, con atto notaio F. del , trascritto il , il B. aveva ceduto a titolo oneroso alla moglie tutti i suoi beni immobili ; - il Giudice aveva rigettato nuovamente l istanza di provvisoria esecuzione, ritenendola inutile se è vero che il B. si è già spogliato dei propri beni, e con la stessa ordinanza, il dr. Pascolini, stante l indubbia connessione oggettiva e soggettiva, aveva rimesso la causa ad altro Giudice, d.ssa Mattei, davanti alla quale pendeva da epoca più remota il giudizio di accertamento negativo dell obbligo di restituzione delle somme ; - con sentenza n. 641/03, depositata il , la d.ssa Mattei, pronunciando sulle cause riunite, aveva rigettato il ricorso di B. E. contro l INPS e l opposizione da questo proposta avverso il decreto ingiuntivo n. 348/2002 pronunciato a favore dell INPS, condannando il B. al pagamento delle spese processuali; - approfittando del diniego del primo Giudice in merito alla concessione della provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo chiesta fin dal momento del deposito del relativo ricorso in Cancelleria in data , il B. aveva, nelle more, fatto in tempo ad alienare tutto il su patrimonio immobiliare, vendendolo alla moglie con atto notarile del : - con detto atto notaio F. F. di Viterbo del rep , trascritto presso la Conservatoria dei RR.II di Viterbo il al n. formalità 3347, B. E. aveva ceduto a titolo oneroso alla moglie B. B. nata a Viterbo l la sua quota di proprietà di1/2 di tutti i beni immobili intestati a detti coniugi, e cioè: 1) terreno in Viterbo fraz..,località C., di mq , al NCT foglio.. particella n..; 2) appartamento A/2 in Viterbo via M,vani 4, al NCEU f.particella n. sub ; 3) villa A/7 di vani 7 in Viterbo fraz, via, al NCEU foglio particella n ; 2

3 4) terreno ente urbano in Viterbo di mq. 745, al NCT foglio. particella n... ; 5) terreno in Viterbo di mq. 150, al NCT foglio. particella n.. ; 6) terreno in Viterbo di mq , al NCT foglio particelle n.; - l atto predetto preguidicava irreparabilmente il recupero del credito; - l INPS, infatti, in forza della sentenza ottenuta, aveva intimato il pagamento al B. con atto di precetto notificato in data , ovviamente rimasto senza esito, ed avviato procedura di pignoramento di un quinto dei crediti di lavoro e delle somme eventualmente giacenti su conto corrente, ma anche nell ipotesi che dichiarazione positiva dovesse essere resa dal terzo pignorato, l ammontare del credito ( oltre interessi dal e spese) era talmente elevato che non avrebbe potuto mai essere integralmente soddisfatto per detta via, avuto anche riguardo all età del debitore ; - l INPS, pertanto, si trovava necessitato a procedere giudizialmente, al fine di sentir dichiarare la nullità ex artt e segg. c.c., o, in subordine, l inefficacia nei suoi confronti, ai sensi dell art e segg. c.c., del più volte citato atto notaio F. del , definito impropriamente atto integrativo di verbale di omologa di separazione consensuale ; - esso infatti era inidoneo ed inefficace, nei confronti dei terzi, a ricollegare l intento traslativo ad una fase anteriore o ad un negozio sottostante, peraltro anche esso rientrante in un accordo, tra marito e moglie, intenzionalmente preordinato a pregiudicare il recupero del credito dell Istituto; - la vendita, da marito a moglie, del 50% di tutti i beni immobili era un atto nullo in quanto simulato, o comunque inefficace, perché era in re ipsa la prova dell esistenza e della consapevolezza, sia nel debitore venditore che nella moglie acquirente, del pregiudizio patrimoniale arrecato alle ragioni del creditore. Chiedeva l accoglimento delle seguenti conclusioni : Voglia l On.le Giudice Unico del Tribunale di Viterbo, rigettata ogni contraria istanza, eccezione e deduzione disattesa, in accoglimento della domanda dell Istituto attore : a) in via principale, dichiarare nullo, in quanto simulato ex artt e segg. c.c., l atto del del notaio F.F. di Viterbo rep trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Viterbo il al n. R.P e n R.G., col quale B. E. ha ceduto a titolo oneroso alla moglie B. B. la proprietà di ½ dei beni immobili ivi indicati; b) in via subordinata, dichiarare inefficace, ex art e seguenti c.c., nei confronti dell INPS, l atto del del notaio F.F. di Viterbo rep , trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Viterbo il al n. R.P e n R.G, col quale B. E. ha ceduto a titolo oneroso alla moglie B. B. la proprietà di ½ dei beni immobili ivi indicati; c) ordinare al Conservatore dei registri Immobiliari di Viterbo la trascrizione della emananda sentenza, con esonero da ogni responsabilità al riguardo ; d) in ogni caso, condannare i convenuti in solido, al pagamento delle spese, competenze ed onorari del presente giudizio; e) con sentenza munita di clausola di provvisoria esecuzione. All udienza di prima comparizione del si costituivano i convenuti depositando comparsa con la quale replicavano che : - i convenuti, che da tempo avevano in animo di addivenire alla loro separazione personale per i forti contrasti insorti nel rapporto coniugale e nella conduzione della famiglia, avevano depositato il ricorso per separazione consensuale nella cancelleria del Tribunale di Viterbo in data 7 maggio 2001; - detto ricorso, meditato da tempo, documentava non soltanto il regolamento delle questioni di ordine personale ( volontà di separarsi, affidamento dei figli, assegnazione della casa familiare) ma anche la disciplina delle questioni di carattere strettamente patrimoniale, come il pagamento alla moglie di un assegno di mantenimento per le figlie e il trasferimento, anche a fini contributivi o di mantenimento, dal B. alla B., della quota della metà del diritto di proprietà di alcuni immobili acquistati a suo tempo in regime di comunione legale degli acquisti; 3

4 - il trasferimento a titolo oneroso della quota della metà del diritto di proprietà degli immobili in favore di B.B., a far data dal 7 maggio 2001, si poneva pertanto come componente ineliminabile, e non automaticamente isolabile, del complessivo ed inscindibile regolamento di interessi che i coniugi avevano inteso porre in essere nel momento in cui avevano ritenuto e deciso di depositare un ricorso per separazione consensuale e di sottoporlo alla omologazione del Tribunale di Viterbo, onde permetterne l acquisto, anche erga omnes, della piena efficacia giuridica; - andava pertanto sottolineato,in primo luogo, dal punto di vista strutturale, il carattere sistematico, collegato e dunque non scindibile delle pattuizioni liberamente assunte dai coniugi in sede di separazione personale e in ogni caso, sul piano funzionale, la destinazione di ogni componente dell accordo a dettare il regolamento giuridico della vita della famiglia in una fase particolarmente delicata come quella della separazione dei coniugi, conseguendo da ciò, già per tali aspetti, la impossibilità giuridica di domandare in via giurisdizionale l annullamento o la dichiarazione di inefficacia di una delle pattuizioni sottoposte positivamente al controllo omologatorio del Tribunale di Viterbo ; - a monte esisteva, sin dal maggio del 2001, un atto di separazione consensuale nel quale si documentavano anche dei trasferimenti immobiliari a titolo oneroso, ma comunque inseriti nel complesso del regolamento degli interessi dei coniugi ; - il cosiddetto atto integrativo del verbale di omologa di separazione consensuale redatto in data 20 febbraio 2003 per l intervento del notaio dott. F.F. e portante il n. rep e il n. racc , non poteva che apparire ed essere altro che un momento ed evento avente struttura e funzione meramente documentativa di un atto e di un effetto che ritrovavano la loro genesi e la loro motivazione giuridica e umana nel verbale di separazione consensuale del maggio 2001; - l atto integrativo era stato reso necessario dal pervicace rifiuto della Conservatoria dei Registri Immobiliari di Viterbo di trascrivere il verbale di separazione consensuale e di rendere pertanto pubblico l effetto traslativo che in esso si raccoglieva e documentava; - in ogni caso, nel merito, non sussistevano le ragioni per l accoglimento della domanda di dichiarazione della simulazione dell atto,né tanto meno della domanda di revocare l effetto traslativo; - il trasferimento era stato effettivamente voluto dalle parti in ogni suo elemento ed oggetto e difettavano i presupposti oggettivi e soggettivi per l accoglimento della domanda di revocare l atto ai sensi dell art c.c.,posto che il trasferimento era stato posto in essere in epoca non sospetta e che mancava in capo ai coniugi l intento di pregiudicare le ragioni creditorie dell INPS di Viterbo; Rassegnavano le conclusioni sopra riportate. Il giudice fissava l udienza di trattazione ed il termine previsto dall art. 180 c.p.c. All udienza del il Giudice, su richiesta delle parti, fissava i termini previsti dall art. 183 c.p.c La parte attrice depositava memoria con la quale deduceva che : - gli accordi di ordine familiare e patrimoniale avevano natura contrattuale ed impegnavano reciprocamente i due contraenti ( nella specie, marito e moglie) ma non potevano violare i diritti e le ragioni dei terzi, inclusi i creditori che, per soddisfarsi, si avvalevano di norme ( nella specie, artt e segg. e 2901 e segg. c.c.) che non potevano che aver riguardo alle forme, ai tempi ed al contenuto dell atto reso pubblico erga omnes mediante trascrizione nei pubblici registri, perché solo con quell atto i terzi erano venuti a conoscenza delle circostanze lesive dei loro diritti, a tutela dei quali potevano agire ; - ai fini della presente controversia, detto atto era solo quello del , trascritto il , al quale il notaio F. aveva attribuito una qualificazione ( atto integrativo di verbale di omologa di separazione consensuale ) che non si rinveniva invero nel novero dei 4

5 comuni atti giuridici e che comunque non aveva né poteva avere gli effetti che controparte pretendeva riconnettervi; - a riprova della evidente difficoltà a dare un qualche fondamento di validità giuridica alla vendita basata sul collegamento funzionale con gli atti della separazione, il notaio, di sua iniziativa, aveva inserito nel suo atto la clausola ( la vendita degli immobili è connessa anche a titolo di mantenimento da corrispondersi una tantum ), di cui invece non v era traccia, né cenno alcuno nel ricorso per separazione consensuale; - qualora il tribunale avesse comunque ritenuto di dover individuare, ai fini di causa, un qualche collegamento funzionale tra gli atti della procedura di separazione personale dei coniugi e l atto notarile del , si evidenziava che il ricorso per separazione del era un atto per così dire complesso, contenente pattuizioni assolutamente scindibili e indipendenti tra loro ; - nel caso di specie, accanto a quelle volte a regolamentare la vita familiare e gli effetti economici ( mantenimento reciproco o concorso alle spese dei figli) che impegnavano tra loro i coniugi, vi erano quelle di vendita della quota di proprietà del 50% di tutti gli immobili; - a parte la illogicità di inserire queste ultime nel ricorso per separazione, anche se queste fossero state inserite ( ma non lo erano state) con l intendimento di collegare funzionalmente le vendite immobiliari al mantenimento, andava comunque affermata l assoluta autonomia delle clausole di vendita degli immobili, che oltretutto, anche giuridicamente, non sembravano idonee ad operare un trasferimento di proprietà, in quanto contenute in ricorso privo della sottoscrizione del venditore ( il B. aveva infatti firmato soltanto la delega al suo avvocato per rappresentarlo nel procedimento di volontaria giurisdizione ); - le pattuizioni che concretavano la vendita da marito a moglie soggiacevano a tutte le azioni volte ad ottenerne la declaratoria di nullità o di inefficacia nei confronti del terzo, ingiustamente pregiudicato da quelle clausole, come nel caso di specie, dove il B. fin già dal ricorso per separazione consensuale aveva architettato la frode all Istituto; - ben prima del , data di deposito di quel ricorso, il B. aveva ottenuto la sentenza favorevole di reintegra nel posto di lavoro ( / ), aveva ricevuto la lettera di riammissione in servizio ( ), aveva percepito le retribuzioni arretrate di cinque anni dalla Banca sua datrice di lavoro, ed aveva quindi piena coscienza e consapevolezza che erano maturati tutti i presupposti per dover restituire all INPS quanto in quegli stessi cinque anni aveva percepito a titolo di pensione, anche perché a ciò impegnatosi con atto notorio del Precisava le conclusioni come in epigrafe riportate. I convenuti depositavano memoria di replica con la quale si opponevano alla estensione della domanda alle clausole da 7 a 20 del verbale di separazione consensuale del , che integrava una inammissibile e non consentita mutatio libelli. All udienza del il difensore della parte attrice depositava due certificati storici di residenza dei due convenuti ed entrambe le parti chiedevano la fissazione dell udienza di precisazione delle conclusioni. All udienza del , precisate le conclusioni, la causa era trattenuta in decisione. DIRITTO - Le domande di accertamento della nullità per simulazione o di inefficacia ai sensi dell art c.c. delle clausole da 7 a 20 del ricorso per separazione consensuale presentato dai convenuti a questo Tribunale e datato sono inammissibili. Innanzitutto trattasi di domande nuove, proposte in aggiunta a quelle già formulate con l atto di citazione. Le domande in effetti traggono origine dalle eccezioni sollevate dai convenuti, che pretendono di collegare all accordo da essi raggiunto in ordine alle condizioni della loro separazione personale gli effetti dell atto notarile del Deve tuttavia osservarsi che le domande 5

6 nuove che traggano giustificazione dalle eccezioni del convenuto possono proporsi solo sino alla udienza di trattazione, mentre con la memoria da depositarsi nel primo termine concesso ai sensi dell art. 183 c.pc. possono solo essere precisate o modificate le domande, le eccezioni e le conclusioni già proposte. In ogni caso, poi, la domanda è inammissibile per carenza di interesse, poiché l atto che reca pregiudizio alle ragioni di credito dell attore è solo ed esclusivamente l atto notarile del , poiché solo questo ultimo, in quanto trascritto nei registri immobiliari, è ad esso opponibile in caso di pignoramento, ai sensi dell art c.c. La domanda di nullità per simulazione dell atto notarile è fondata. L intento delle parti convenute di far apparire l avvenuto trasferimento del patrimonio immobiliare del B. alla B., in realtà non voluto, al fine di sottrarre detto patrimonio alle imminenti iniziative dell INPS dirette al soddisfacimento del proprio credito si ricavano da diversi indizi,gravi e concordanti tra loro. Il primo indizio è costituito dal dato cronologico. Il B. è stato riammesso in servizio dal suo datore di lavoro in data e a seguito di azione esecutiva ha ottenuto da questo il pagamento di tutte le retribuzioni arretrate dal al Da tale momento è divenuto esigibile il credito dell INPS alla restituzione di tutto quanto da lui percepito a titolo di pensione. In data , al fine di sottrarsi a tale sua obbligazione, il B. ha proposto insieme a sua moglie un ricorso per la separazione consensuale dei coniugi, che prevede l immediato trasferimento della proprietà del 50% dei beni immobili descritti da parte attrice nel suo atto di citazione. Più precisamente, nel ricorso viene prevista la vendita di tali immobili, per ciascuno dei quali viene indicato il prezzo di vendita, che si sostiene essere già stato corrisposto. Tra la data in cui il credito dell INPS diviene esigibile e la presentazione di detto ricorso intercorre appena poco più di un mese. Tale dato fa quindi apparire verosimile che vi sia un rapporto di causa ed effetto tra la sopravvenuta esigibilità del credito dell INPS ed i trasferimenti immobiliari previsti nel ricorso. L udienza in cui i due coniugi hanno manifestato il loro consenso al trasferimento di detti immobili si è tenuta solo in data ed il relativo verbale è stato omologato in data Gli stessi resistenti affermano che in seguito sono sorte difficoltà, in quanto la Conservatoria dei RR.II. ha rifiutato di provvedere alla trascrizione del verbale in cui veniva documentato l accordo delle parti in ordine a detto trasferimento. Solo in conseguenza di detto rifiuto, evidentemente dovuto a ragioni formali, le parti hanno deciso di provvedere alla formazione di un nuovo atto suscettibile di trascrizione, ossia l atto notarile del Nonostante l atto sia stato stipulato solo dopo circa due anni dalla riammissione in servizio del B., quest ultimo, assieme alla moglie, si è quindi immediatamente attivato per sottrarre all INPS la garanzia generica del credito. Solo circostanze sopravenute ed impreviste hanno determinato un ritardo nel trasferimento e nella sua trascrizione. Il secondo indizio è costituito dall oggetto del trasferimento. Il B. con un unico atto ha trasferito alla moglie l intero suo patrimonio immobiliare. Laddove il trasferimento avesse riguardato solo alcuni degli immobili del B., l INPS avrebbe potuto comunque soddisfarsi, in tutto o in parte, sui beni residui. La circostanza che il B. abbia trasferito tutto il suo patrimonio rende evidente che il trasferimento era finalizzato a sottrarsi alle iniziative dell INPS dirette al soddisfacimento del proprio ingente credito, pari a lire Il terzo indizio è costituito dalla qualità dell acquirente. Il B. ha trasferito tutti i suoi beni immobili alla moglie. Il B. ha trasferito i suoi beni immobili non ad un estraneo, ma alla moglie, ossia ad un soggetto a lui strettamente legato da un 6

7 rapporto basato sulla fiducia, e da interessi convergenti, sulla complicità della quale egli poteva contare per far apparire come vero un trasferimento in realtà inesistente ; è quindi verosimile che il B. si sia accordato con sua moglie per trasferirle solo formalmente i suoi immobili, onde sottrarli ai creditori, con l intesa che comunque essi sarebbero rimasti di sua proprietà o che egli avrebbe potuto ottenerne il ritrasferimento o trasferirli a terzi, in caso di bisogno personale o dei suoi familiari. Il quarto indizio è costituito dall affermazione inserita nel ricorso per separazione personale, richiamato dall atto notarile quale parte integrante del proprio contenuto, che il prezzo di vendita degli immobili è stato già integralmente corrisposto. In ordine a tale circostanza, la convenuta B. non ha fornito alcuna prova, sebbene su di lei gravasse il relativo onere ( vedi Cass. 99/11361 ). Tale dichiarazione appare quindi fittizia e il mancato pagamento del prezzo è un ulteriore elemento che dimostra la simulazione della vendita. Peraltro che la vendita non avesse altra funzione che quella di sottrarre i beni venduti alle imminenti azioni esecutive dell INPS si ricava anche dal contrasto, concernente proprio la funzione da assegnare al trasferimento, tra il contenuto del ricorso per separazione consensuale dei coniugi e quello dell atto notarile che, secondo quanto in esso affermato, dovrebbe costituire una mera conferma del contenuto del ricorso stesso. Nel ricorso per separazione personale si afferma che entrambi i coniugi sono economicamente autosufficienti, lavorando entrambi, e che pertanto provvederanno ciascuno al proprio mantenimento, mentre nell atto notarile si afferma che con il verbale di separazione consensuale B. E., anche a titolo di mantenimento da corrispondersi una tantum, cedeva alla moglie gli immobili in esso descritti. Il contrasto tra i due atti dimostra che con l atto notarile si è voluto assegnare al trasferimento una funzione che invece esso non ha, essendo smentita da quanto affermato nel verbale di separazione dei coniugi. Tale circostanza lascia apparire che la funzione pratica del trasferimento non è quella indicata nell atto notarile e neppure quella della vendita, ma solo quella di impedire azioni esecutive sui beni stessi. Ultimo indizio della simulazione è costituito dalla circostanza che il B., pur dopo il trasferimento, ha continuato ad abitare negli immobili oggetto di trasferimento, e quindi, in sostanza, a comportarsi quale proprietario, esercitando la facoltà di godimento dei beni apparentemente alienati. Dal certificato storico di residenza di B. E. risulta che questo ultimo è stato residente fino al in Viterbo, via S.M..n. 69, ossia presso la ex casa coniugale, anch essa oggetto di trasferimento, e che dal abita in Viterbo via M. n.31., ossia in uno degli immobili oggetto di alienazione. Può ritenersi che il B., pur conservando la sua residenza anagrafica presso la casa coniugale, si sia di fatto trasferito dopo la separazione personale dei coniugi, e che quindi egli non abbia abitato presso la ex casa coniugale, ma il trasferimento della sua residenza in via M. 31, in quanto dichiarato dopo la separazione personale, è sicuramente conforme alla realtà. La circostanza che egli abbia continuato in relazione a tale immobile ad esercitare una delle facoltà spettanti al proprietario dimostra che egli ha conservato tale qualità, nonostante l apparente alienazione. Tutti i suddetti indizi sono caratterizzati da gravità, precisione e concordanza e fanno apparire dimostrata la simulazione assoluta della vendita. Deve quindi dichiararsi la nullità dell atto di vendita stipulato tra le parti in data dal Notaio F.F. di Viterbo rep , trascritto presso la Conservatoria dei registri Immobiliari di Viterbo il al n. R.P e n R.G. Non può ordinarsi la trascrizione della presente sentenza al Conservatore dei Registri Immobiliari di Viterbo, essendo la parte interessata che deve provvedervi presentando al 7

8 Conservatore la relativa domanda, anche quando il titolo sia costituito da una sentenza, come si evince dall art c.c. Le spese processuali seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo. ( Omissis) 8

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Insieme per crescere. La tutela del credito nei mercati internazionali. Rödl & Partner Padova

Insieme per crescere. La tutela del credito nei mercati internazionali. Rödl & Partner Padova Insieme per crescere La tutela del credito nei mercati internazionali Rödl & Partner Padova La tutela del credito nei mercati internazionali A cura di Avv. Eugenio Bettella Avv. Daniele Ferretti Avv. Giovanni

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

STUDIO LEGALE AVV. NINO DUCHI V I A D E L C A V A L L I N O N. 3 ASTI

STUDIO LEGALE AVV. NINO DUCHI V I A D E L C A V A L L I N O N. 3 ASTI PROCEDURA PER ESEGUIRE LE TRASCRIZIONI, ANNOTAZIONI E CANCELLAZIONI Per eseguire le trascrizioni ed annotazioni occorre avvalersi di un apposito programma denominato NOTA e scaricabile dal sito dell'agenzia

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli