Tribunale di Viterbo n. 953 Dott. Romano - INPS ( Avv.ti Ricci, Scarlato ) - B. e B. ( Avv. Boni ).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tribunale di Viterbo 07.11.2005 n. 953 Dott. Romano - INPS ( Avv.ti Ricci, Scarlato ) - B. e B. ( Avv. Boni )."

Transcript

1 Responsabilità patrimoniale Compravendita di immobili tra coniugi Trascrizione dell atto - Azione di nullità per simulazione assoluta Legittimazione del terzo Sussiste. Compravendita di immobili tra coniugi Verbale di separazione personale omologato - Mancata trascrizione Azione di nullità Interesse del terzo Non sussiste. Conservazione della garanzia patrimoniale per il terzo creditore Condizioni e presupposti. Tribunale di Viterbo n. 953 Dott. Romano - INPS ( Avv.ti Ricci, Scarlato ) - B. e B. ( Avv. Boni ). Ai fini dell azione di nullità per simulazione del contratto di compravendita e dell azione revocatoria ordinaria, l evento lesivo che legittima il terzo creditore ad agire è la trascrizione dell atto notarile che trasferisce la proprietà degli immobili da marito a moglie, restando ininfluente che lo stesso trasferimento fosse precedentemente contenuto in verbale di separazione personale dei coniugi, omologato dal Tribunale ma non trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari. La cronologia tra gli atti di disposizione dei beni e l insorgenza dell obbligo restitutorio, la totalità del patrimonio immobiliare trasferito con un unico atto, la qualità di coniuge del venditore rivestita dall acquirente dei beni, il mancato pagamento del prezzo, il continuare a godere, quale proprietario, di alcuni degli immobili apparentemente alienati, costituiscono indizi gravi, precisi e concordanti che fanno apparire dimostrata la simulazione assoluta dell atto di compravendita, stipulato in frode a creditore. FATTO - Con atto di citazione notificato a B.E. e a B.B. il l INPS conveniva i predetti davanti a questo Tribunale esponendo che : - B. E., dipendente della Banca, era stato licenziato, per riduzione di personale, in data ; - il B. aveva presentato all INPS in data domanda di pensione di anzianità e nota della CGIL di contestazione del licenziamento e, in data , prima di ottenere la liquidazione della prestazione, aveva presentato all Istituto atto notorio, nel quale aveva dichiarato di aver avviato contro il datore di lavoro un procedimento giudiziale per la riassunzione in servizio e si era impegnato a restituire in unica soluzione tutte le somme percepite a titolo di pensione in caso di riassunzione in servizio a seguito di sentenza favorevole ; - per effetto di quanto sopra, a gennaio 1997, l INPS aveva liquidato la pensione con decorrenza dall , primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda; - con sentenza / il Pretore di Viterbo aveva dichiarato illegittimo il licenziamento, condannato la Banca alla reintegrazione dell interessato nel posto di lavoro e al risarcimento del danno liquidato in misura pari alle retribuzioni maturate e maturande dal licenziamento alla reintegrazione, oltre rivalutazione, interessi, contributi previdenziali e spese; - in data il B. era stato riammesso in servizio e, a seguito di azioni esecutive da lui promosse contro la Banca, aveva ottenuto da questa anche il pagamento di tutte le retribuzioni arretrate relative al periodo , per un ammontare superiore a ; - per l incumulabilità delle somme percepite a titolo di retribuzioni da lavoro dipendente e quelle percepite, per lo stesso periodo, a titolo di pensione di anzianità, l INPS, con diffida del , aveva richiesto al B. la restituzione della somma di ( euro ,03), per i ratei dall al , in conformità dell impegno in tal senso assunto dall interessato con la dichiarazione apposta nell atto notorio del ; 1

2 - il B. si era opposto alla richiesta dell INPS, prima con ricorso in via amministrativa dell , poi in sede giudiziaria con ricorso depositato il e iscritto al n. 1231/02 R.G. Trib. Viterbo e per dare una parvenza di fondatezza al diniego di restituzione aveva invocato una norma ( l art. 52 della legge n. 88/89 ) che non solo era del tutto inconferente ( prevedendo la irripetibilità da parte dell INPS di somme corrisposte per errore dall Istituto ) ma anche esistente da più di sette anni al momento in cui il futuro pensionato, nel 1996, si era impegnato alla restituzione, sottoscrivendo l atto notorio; - in realtà il B. non aveva fatto altro che seguitare a tessere le fila di una trama, in danno dell INPS, iniziata con la ricezione della nota della Banca.. del che lo aveva reintegrato nel posto di lavoro e che automaticamente l aveva obbligato a restituire i ratei di pensione di anzianità percepiti nei cinque anni precedenti; - ogni atto successivo, compresa la separazione consensuale con la quale i coniugi avevano pensato di poter legittimamente attuare un trasferimento dell intero patrimonio immobiliare a mezzo di vendita di tutti i beni dal marito alla moglie, aveva avuto come unico scopo comune quello di frodare l Istituto; - l INPS, nel frattempo, aveva depositato il 21 novembre 2002 ricorso per decreto ingiuntivo contro il B. per la somma di oltre interessi dal e, insospettito dal comportamento del debitore, aveva chiesto che fosse concessa la provvisoria esecuzione; - il Giudice dr. Pascolini, peraltro estensore della sentenza di reintegra in servizio del B., aveva emesso il il decreto ingiuntivo n. 348/02, negando però la provvisoria esecuzione; - l INPS aveva notificato il titolo al B. in data presso la sua residenza in Viterbo, via M. n. 31, mediante consegna a mani della convivente figlia M. ; - il decreto ingiuntivo era stato opposto dall interessato con atto depositato il per la stessa unica pretestuosa motivazione già addotta in sede amministrativa e posta a base del ricorso per accertamento negativo da lui proposto; - il giudizio di opposizione, iscritto al n. 49/03 R.G. Trib. Viterbo, era stato assegnato alla cognizione del Giudice dott. Pascolini, al quale l Istituto aveva reiterato la richiesta di provvisoria esecuzione del decreto, motivata con l ulteriore argomento costituito dal fatto che, con atto notaio F. del , trascritto il , il B. aveva ceduto a titolo oneroso alla moglie tutti i suoi beni immobili ; - il Giudice aveva rigettato nuovamente l istanza di provvisoria esecuzione, ritenendola inutile se è vero che il B. si è già spogliato dei propri beni, e con la stessa ordinanza, il dr. Pascolini, stante l indubbia connessione oggettiva e soggettiva, aveva rimesso la causa ad altro Giudice, d.ssa Mattei, davanti alla quale pendeva da epoca più remota il giudizio di accertamento negativo dell obbligo di restituzione delle somme ; - con sentenza n. 641/03, depositata il , la d.ssa Mattei, pronunciando sulle cause riunite, aveva rigettato il ricorso di B. E. contro l INPS e l opposizione da questo proposta avverso il decreto ingiuntivo n. 348/2002 pronunciato a favore dell INPS, condannando il B. al pagamento delle spese processuali; - approfittando del diniego del primo Giudice in merito alla concessione della provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo chiesta fin dal momento del deposito del relativo ricorso in Cancelleria in data , il B. aveva, nelle more, fatto in tempo ad alienare tutto il su patrimonio immobiliare, vendendolo alla moglie con atto notarile del : - con detto atto notaio F. F. di Viterbo del rep , trascritto presso la Conservatoria dei RR.II di Viterbo il al n. formalità 3347, B. E. aveva ceduto a titolo oneroso alla moglie B. B. nata a Viterbo l la sua quota di proprietà di1/2 di tutti i beni immobili intestati a detti coniugi, e cioè: 1) terreno in Viterbo fraz..,località C., di mq , al NCT foglio.. particella n..; 2) appartamento A/2 in Viterbo via M,vani 4, al NCEU f.particella n. sub ; 3) villa A/7 di vani 7 in Viterbo fraz, via, al NCEU foglio particella n ; 2

3 4) terreno ente urbano in Viterbo di mq. 745, al NCT foglio. particella n... ; 5) terreno in Viterbo di mq. 150, al NCT foglio. particella n.. ; 6) terreno in Viterbo di mq , al NCT foglio particelle n.; - l atto predetto preguidicava irreparabilmente il recupero del credito; - l INPS, infatti, in forza della sentenza ottenuta, aveva intimato il pagamento al B. con atto di precetto notificato in data , ovviamente rimasto senza esito, ed avviato procedura di pignoramento di un quinto dei crediti di lavoro e delle somme eventualmente giacenti su conto corrente, ma anche nell ipotesi che dichiarazione positiva dovesse essere resa dal terzo pignorato, l ammontare del credito ( oltre interessi dal e spese) era talmente elevato che non avrebbe potuto mai essere integralmente soddisfatto per detta via, avuto anche riguardo all età del debitore ; - l INPS, pertanto, si trovava necessitato a procedere giudizialmente, al fine di sentir dichiarare la nullità ex artt e segg. c.c., o, in subordine, l inefficacia nei suoi confronti, ai sensi dell art e segg. c.c., del più volte citato atto notaio F. del , definito impropriamente atto integrativo di verbale di omologa di separazione consensuale ; - esso infatti era inidoneo ed inefficace, nei confronti dei terzi, a ricollegare l intento traslativo ad una fase anteriore o ad un negozio sottostante, peraltro anche esso rientrante in un accordo, tra marito e moglie, intenzionalmente preordinato a pregiudicare il recupero del credito dell Istituto; - la vendita, da marito a moglie, del 50% di tutti i beni immobili era un atto nullo in quanto simulato, o comunque inefficace, perché era in re ipsa la prova dell esistenza e della consapevolezza, sia nel debitore venditore che nella moglie acquirente, del pregiudizio patrimoniale arrecato alle ragioni del creditore. Chiedeva l accoglimento delle seguenti conclusioni : Voglia l On.le Giudice Unico del Tribunale di Viterbo, rigettata ogni contraria istanza, eccezione e deduzione disattesa, in accoglimento della domanda dell Istituto attore : a) in via principale, dichiarare nullo, in quanto simulato ex artt e segg. c.c., l atto del del notaio F.F. di Viterbo rep trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Viterbo il al n. R.P e n R.G., col quale B. E. ha ceduto a titolo oneroso alla moglie B. B. la proprietà di ½ dei beni immobili ivi indicati; b) in via subordinata, dichiarare inefficace, ex art e seguenti c.c., nei confronti dell INPS, l atto del del notaio F.F. di Viterbo rep , trascritto presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di Viterbo il al n. R.P e n R.G, col quale B. E. ha ceduto a titolo oneroso alla moglie B. B. la proprietà di ½ dei beni immobili ivi indicati; c) ordinare al Conservatore dei registri Immobiliari di Viterbo la trascrizione della emananda sentenza, con esonero da ogni responsabilità al riguardo ; d) in ogni caso, condannare i convenuti in solido, al pagamento delle spese, competenze ed onorari del presente giudizio; e) con sentenza munita di clausola di provvisoria esecuzione. All udienza di prima comparizione del si costituivano i convenuti depositando comparsa con la quale replicavano che : - i convenuti, che da tempo avevano in animo di addivenire alla loro separazione personale per i forti contrasti insorti nel rapporto coniugale e nella conduzione della famiglia, avevano depositato il ricorso per separazione consensuale nella cancelleria del Tribunale di Viterbo in data 7 maggio 2001; - detto ricorso, meditato da tempo, documentava non soltanto il regolamento delle questioni di ordine personale ( volontà di separarsi, affidamento dei figli, assegnazione della casa familiare) ma anche la disciplina delle questioni di carattere strettamente patrimoniale, come il pagamento alla moglie di un assegno di mantenimento per le figlie e il trasferimento, anche a fini contributivi o di mantenimento, dal B. alla B., della quota della metà del diritto di proprietà di alcuni immobili acquistati a suo tempo in regime di comunione legale degli acquisti; 3

4 - il trasferimento a titolo oneroso della quota della metà del diritto di proprietà degli immobili in favore di B.B., a far data dal 7 maggio 2001, si poneva pertanto come componente ineliminabile, e non automaticamente isolabile, del complessivo ed inscindibile regolamento di interessi che i coniugi avevano inteso porre in essere nel momento in cui avevano ritenuto e deciso di depositare un ricorso per separazione consensuale e di sottoporlo alla omologazione del Tribunale di Viterbo, onde permetterne l acquisto, anche erga omnes, della piena efficacia giuridica; - andava pertanto sottolineato,in primo luogo, dal punto di vista strutturale, il carattere sistematico, collegato e dunque non scindibile delle pattuizioni liberamente assunte dai coniugi in sede di separazione personale e in ogni caso, sul piano funzionale, la destinazione di ogni componente dell accordo a dettare il regolamento giuridico della vita della famiglia in una fase particolarmente delicata come quella della separazione dei coniugi, conseguendo da ciò, già per tali aspetti, la impossibilità giuridica di domandare in via giurisdizionale l annullamento o la dichiarazione di inefficacia di una delle pattuizioni sottoposte positivamente al controllo omologatorio del Tribunale di Viterbo ; - a monte esisteva, sin dal maggio del 2001, un atto di separazione consensuale nel quale si documentavano anche dei trasferimenti immobiliari a titolo oneroso, ma comunque inseriti nel complesso del regolamento degli interessi dei coniugi ; - il cosiddetto atto integrativo del verbale di omologa di separazione consensuale redatto in data 20 febbraio 2003 per l intervento del notaio dott. F.F. e portante il n. rep e il n. racc , non poteva che apparire ed essere altro che un momento ed evento avente struttura e funzione meramente documentativa di un atto e di un effetto che ritrovavano la loro genesi e la loro motivazione giuridica e umana nel verbale di separazione consensuale del maggio 2001; - l atto integrativo era stato reso necessario dal pervicace rifiuto della Conservatoria dei Registri Immobiliari di Viterbo di trascrivere il verbale di separazione consensuale e di rendere pertanto pubblico l effetto traslativo che in esso si raccoglieva e documentava; - in ogni caso, nel merito, non sussistevano le ragioni per l accoglimento della domanda di dichiarazione della simulazione dell atto,né tanto meno della domanda di revocare l effetto traslativo; - il trasferimento era stato effettivamente voluto dalle parti in ogni suo elemento ed oggetto e difettavano i presupposti oggettivi e soggettivi per l accoglimento della domanda di revocare l atto ai sensi dell art c.c.,posto che il trasferimento era stato posto in essere in epoca non sospetta e che mancava in capo ai coniugi l intento di pregiudicare le ragioni creditorie dell INPS di Viterbo; Rassegnavano le conclusioni sopra riportate. Il giudice fissava l udienza di trattazione ed il termine previsto dall art. 180 c.p.c. All udienza del il Giudice, su richiesta delle parti, fissava i termini previsti dall art. 183 c.p.c La parte attrice depositava memoria con la quale deduceva che : - gli accordi di ordine familiare e patrimoniale avevano natura contrattuale ed impegnavano reciprocamente i due contraenti ( nella specie, marito e moglie) ma non potevano violare i diritti e le ragioni dei terzi, inclusi i creditori che, per soddisfarsi, si avvalevano di norme ( nella specie, artt e segg. e 2901 e segg. c.c.) che non potevano che aver riguardo alle forme, ai tempi ed al contenuto dell atto reso pubblico erga omnes mediante trascrizione nei pubblici registri, perché solo con quell atto i terzi erano venuti a conoscenza delle circostanze lesive dei loro diritti, a tutela dei quali potevano agire ; - ai fini della presente controversia, detto atto era solo quello del , trascritto il , al quale il notaio F. aveva attribuito una qualificazione ( atto integrativo di verbale di omologa di separazione consensuale ) che non si rinveniva invero nel novero dei 4

5 comuni atti giuridici e che comunque non aveva né poteva avere gli effetti che controparte pretendeva riconnettervi; - a riprova della evidente difficoltà a dare un qualche fondamento di validità giuridica alla vendita basata sul collegamento funzionale con gli atti della separazione, il notaio, di sua iniziativa, aveva inserito nel suo atto la clausola ( la vendita degli immobili è connessa anche a titolo di mantenimento da corrispondersi una tantum ), di cui invece non v era traccia, né cenno alcuno nel ricorso per separazione consensuale; - qualora il tribunale avesse comunque ritenuto di dover individuare, ai fini di causa, un qualche collegamento funzionale tra gli atti della procedura di separazione personale dei coniugi e l atto notarile del , si evidenziava che il ricorso per separazione del era un atto per così dire complesso, contenente pattuizioni assolutamente scindibili e indipendenti tra loro ; - nel caso di specie, accanto a quelle volte a regolamentare la vita familiare e gli effetti economici ( mantenimento reciproco o concorso alle spese dei figli) che impegnavano tra loro i coniugi, vi erano quelle di vendita della quota di proprietà del 50% di tutti gli immobili; - a parte la illogicità di inserire queste ultime nel ricorso per separazione, anche se queste fossero state inserite ( ma non lo erano state) con l intendimento di collegare funzionalmente le vendite immobiliari al mantenimento, andava comunque affermata l assoluta autonomia delle clausole di vendita degli immobili, che oltretutto, anche giuridicamente, non sembravano idonee ad operare un trasferimento di proprietà, in quanto contenute in ricorso privo della sottoscrizione del venditore ( il B. aveva infatti firmato soltanto la delega al suo avvocato per rappresentarlo nel procedimento di volontaria giurisdizione ); - le pattuizioni che concretavano la vendita da marito a moglie soggiacevano a tutte le azioni volte ad ottenerne la declaratoria di nullità o di inefficacia nei confronti del terzo, ingiustamente pregiudicato da quelle clausole, come nel caso di specie, dove il B. fin già dal ricorso per separazione consensuale aveva architettato la frode all Istituto; - ben prima del , data di deposito di quel ricorso, il B. aveva ottenuto la sentenza favorevole di reintegra nel posto di lavoro ( / ), aveva ricevuto la lettera di riammissione in servizio ( ), aveva percepito le retribuzioni arretrate di cinque anni dalla Banca sua datrice di lavoro, ed aveva quindi piena coscienza e consapevolezza che erano maturati tutti i presupposti per dover restituire all INPS quanto in quegli stessi cinque anni aveva percepito a titolo di pensione, anche perché a ciò impegnatosi con atto notorio del Precisava le conclusioni come in epigrafe riportate. I convenuti depositavano memoria di replica con la quale si opponevano alla estensione della domanda alle clausole da 7 a 20 del verbale di separazione consensuale del , che integrava una inammissibile e non consentita mutatio libelli. All udienza del il difensore della parte attrice depositava due certificati storici di residenza dei due convenuti ed entrambe le parti chiedevano la fissazione dell udienza di precisazione delle conclusioni. All udienza del , precisate le conclusioni, la causa era trattenuta in decisione. DIRITTO - Le domande di accertamento della nullità per simulazione o di inefficacia ai sensi dell art c.c. delle clausole da 7 a 20 del ricorso per separazione consensuale presentato dai convenuti a questo Tribunale e datato sono inammissibili. Innanzitutto trattasi di domande nuove, proposte in aggiunta a quelle già formulate con l atto di citazione. Le domande in effetti traggono origine dalle eccezioni sollevate dai convenuti, che pretendono di collegare all accordo da essi raggiunto in ordine alle condizioni della loro separazione personale gli effetti dell atto notarile del Deve tuttavia osservarsi che le domande 5

6 nuove che traggano giustificazione dalle eccezioni del convenuto possono proporsi solo sino alla udienza di trattazione, mentre con la memoria da depositarsi nel primo termine concesso ai sensi dell art. 183 c.pc. possono solo essere precisate o modificate le domande, le eccezioni e le conclusioni già proposte. In ogni caso, poi, la domanda è inammissibile per carenza di interesse, poiché l atto che reca pregiudizio alle ragioni di credito dell attore è solo ed esclusivamente l atto notarile del , poiché solo questo ultimo, in quanto trascritto nei registri immobiliari, è ad esso opponibile in caso di pignoramento, ai sensi dell art c.c. La domanda di nullità per simulazione dell atto notarile è fondata. L intento delle parti convenute di far apparire l avvenuto trasferimento del patrimonio immobiliare del B. alla B., in realtà non voluto, al fine di sottrarre detto patrimonio alle imminenti iniziative dell INPS dirette al soddisfacimento del proprio credito si ricavano da diversi indizi,gravi e concordanti tra loro. Il primo indizio è costituito dal dato cronologico. Il B. è stato riammesso in servizio dal suo datore di lavoro in data e a seguito di azione esecutiva ha ottenuto da questo il pagamento di tutte le retribuzioni arretrate dal al Da tale momento è divenuto esigibile il credito dell INPS alla restituzione di tutto quanto da lui percepito a titolo di pensione. In data , al fine di sottrarsi a tale sua obbligazione, il B. ha proposto insieme a sua moglie un ricorso per la separazione consensuale dei coniugi, che prevede l immediato trasferimento della proprietà del 50% dei beni immobili descritti da parte attrice nel suo atto di citazione. Più precisamente, nel ricorso viene prevista la vendita di tali immobili, per ciascuno dei quali viene indicato il prezzo di vendita, che si sostiene essere già stato corrisposto. Tra la data in cui il credito dell INPS diviene esigibile e la presentazione di detto ricorso intercorre appena poco più di un mese. Tale dato fa quindi apparire verosimile che vi sia un rapporto di causa ed effetto tra la sopravvenuta esigibilità del credito dell INPS ed i trasferimenti immobiliari previsti nel ricorso. L udienza in cui i due coniugi hanno manifestato il loro consenso al trasferimento di detti immobili si è tenuta solo in data ed il relativo verbale è stato omologato in data Gli stessi resistenti affermano che in seguito sono sorte difficoltà, in quanto la Conservatoria dei RR.II. ha rifiutato di provvedere alla trascrizione del verbale in cui veniva documentato l accordo delle parti in ordine a detto trasferimento. Solo in conseguenza di detto rifiuto, evidentemente dovuto a ragioni formali, le parti hanno deciso di provvedere alla formazione di un nuovo atto suscettibile di trascrizione, ossia l atto notarile del Nonostante l atto sia stato stipulato solo dopo circa due anni dalla riammissione in servizio del B., quest ultimo, assieme alla moglie, si è quindi immediatamente attivato per sottrarre all INPS la garanzia generica del credito. Solo circostanze sopravenute ed impreviste hanno determinato un ritardo nel trasferimento e nella sua trascrizione. Il secondo indizio è costituito dall oggetto del trasferimento. Il B. con un unico atto ha trasferito alla moglie l intero suo patrimonio immobiliare. Laddove il trasferimento avesse riguardato solo alcuni degli immobili del B., l INPS avrebbe potuto comunque soddisfarsi, in tutto o in parte, sui beni residui. La circostanza che il B. abbia trasferito tutto il suo patrimonio rende evidente che il trasferimento era finalizzato a sottrarsi alle iniziative dell INPS dirette al soddisfacimento del proprio ingente credito, pari a lire Il terzo indizio è costituito dalla qualità dell acquirente. Il B. ha trasferito tutti i suoi beni immobili alla moglie. Il B. ha trasferito i suoi beni immobili non ad un estraneo, ma alla moglie, ossia ad un soggetto a lui strettamente legato da un 6

7 rapporto basato sulla fiducia, e da interessi convergenti, sulla complicità della quale egli poteva contare per far apparire come vero un trasferimento in realtà inesistente ; è quindi verosimile che il B. si sia accordato con sua moglie per trasferirle solo formalmente i suoi immobili, onde sottrarli ai creditori, con l intesa che comunque essi sarebbero rimasti di sua proprietà o che egli avrebbe potuto ottenerne il ritrasferimento o trasferirli a terzi, in caso di bisogno personale o dei suoi familiari. Il quarto indizio è costituito dall affermazione inserita nel ricorso per separazione personale, richiamato dall atto notarile quale parte integrante del proprio contenuto, che il prezzo di vendita degli immobili è stato già integralmente corrisposto. In ordine a tale circostanza, la convenuta B. non ha fornito alcuna prova, sebbene su di lei gravasse il relativo onere ( vedi Cass. 99/11361 ). Tale dichiarazione appare quindi fittizia e il mancato pagamento del prezzo è un ulteriore elemento che dimostra la simulazione della vendita. Peraltro che la vendita non avesse altra funzione che quella di sottrarre i beni venduti alle imminenti azioni esecutive dell INPS si ricava anche dal contrasto, concernente proprio la funzione da assegnare al trasferimento, tra il contenuto del ricorso per separazione consensuale dei coniugi e quello dell atto notarile che, secondo quanto in esso affermato, dovrebbe costituire una mera conferma del contenuto del ricorso stesso. Nel ricorso per separazione personale si afferma che entrambi i coniugi sono economicamente autosufficienti, lavorando entrambi, e che pertanto provvederanno ciascuno al proprio mantenimento, mentre nell atto notarile si afferma che con il verbale di separazione consensuale B. E., anche a titolo di mantenimento da corrispondersi una tantum, cedeva alla moglie gli immobili in esso descritti. Il contrasto tra i due atti dimostra che con l atto notarile si è voluto assegnare al trasferimento una funzione che invece esso non ha, essendo smentita da quanto affermato nel verbale di separazione dei coniugi. Tale circostanza lascia apparire che la funzione pratica del trasferimento non è quella indicata nell atto notarile e neppure quella della vendita, ma solo quella di impedire azioni esecutive sui beni stessi. Ultimo indizio della simulazione è costituito dalla circostanza che il B., pur dopo il trasferimento, ha continuato ad abitare negli immobili oggetto di trasferimento, e quindi, in sostanza, a comportarsi quale proprietario, esercitando la facoltà di godimento dei beni apparentemente alienati. Dal certificato storico di residenza di B. E. risulta che questo ultimo è stato residente fino al in Viterbo, via S.M..n. 69, ossia presso la ex casa coniugale, anch essa oggetto di trasferimento, e che dal abita in Viterbo via M. n.31., ossia in uno degli immobili oggetto di alienazione. Può ritenersi che il B., pur conservando la sua residenza anagrafica presso la casa coniugale, si sia di fatto trasferito dopo la separazione personale dei coniugi, e che quindi egli non abbia abitato presso la ex casa coniugale, ma il trasferimento della sua residenza in via M. 31, in quanto dichiarato dopo la separazione personale, è sicuramente conforme alla realtà. La circostanza che egli abbia continuato in relazione a tale immobile ad esercitare una delle facoltà spettanti al proprietario dimostra che egli ha conservato tale qualità, nonostante l apparente alienazione. Tutti i suddetti indizi sono caratterizzati da gravità, precisione e concordanza e fanno apparire dimostrata la simulazione assoluta della vendita. Deve quindi dichiararsi la nullità dell atto di vendita stipulato tra le parti in data dal Notaio F.F. di Viterbo rep , trascritto presso la Conservatoria dei registri Immobiliari di Viterbo il al n. R.P e n R.G. Non può ordinarsi la trascrizione della presente sentenza al Conservatore dei Registri Immobiliari di Viterbo, essendo la parte interessata che deve provvedervi presentando al 7

8 Conservatore la relativa domanda, anche quando il titolo sia costituito da una sentenza, come si evince dall art c.c. Le spese processuali seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo. ( Omissis) 8

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra N. R.G. 7347/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014 F.S. C.B. M.M. M. tra e ATTORE CONVENUTI Oggi 24 giugno 2015 innanzi al dott. Gianluigi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n.363 R.G.A.C. per l anno 2003

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori:

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori: Società Amministratori: azione di responsabilità Azione ex art.2395 del terzo cc verso l amministratore di società per danni Nozione - Esecuzione di pignoramento ai danni del terzo in assenza di valido

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. RORDORF Renato

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA E PERSONE in particolare, procedimenti in materia di: separazione e divorzio (compresi i giudizi di revisione,

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - Prof. Avv. Enrico Quadri... Presidente - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Marina IOB Presidente; dott. Andrea ZULIANI Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

IL TRIBUNALE DI VENEZIA. Prima Sezione Civile. Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA

IL TRIBUNALE DI VENEZIA. Prima Sezione Civile. Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA Tribunale di Venezia, Sez. I, 10 febbraio 2012 IL TRIBUNALE DI VENEZIA Prima Sezione Civile Il Giudice Unico dott.ssa Anna Maria Marra ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile in primo grado,

Dettagli

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio IL FONDO P ATRIMONIALE di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio 1 - Inquadramento giuridico del fondo patrimoniale Il fondo patrimoniale è disciplinato dagli artt. 167-171 del codice civile,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione Lavoro Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marilena Rizzo ha pronunciato ex art. 429 c.p.c. la seguente

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott.

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

TRIBUNALE DI FOGGIA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE R.G. ES. N. 444/09 AVVISO DI VENDITA

TRIBUNALE DI FOGGIA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE R.G. ES. N. 444/09 AVVISO DI VENDITA TRIBUNALE DI FOGGIA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE R.G. ES. N. 444/09 AVVISO DI VENDITA La sottoscritta avv. Claudia D Arcangelo, con studio in Foggia alla Piazza Umberto Giordano 13/C, nominata professionista

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 24.1.2014, ore 12.30, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n 1155/10 R.A.C.C., promossa da - (A) S.r.l.,

Dettagli

Tribunale di Torino 27.10.2008 n. 3630 Dott. Rocchetti A. S.p.A.(Avv.ti Leproni, Banfi, Mingrino ) INPS (Avv. Borla).

Tribunale di Torino 27.10.2008 n. 3630 Dott. Rocchetti A. S.p.A.(Avv.ti Leproni, Banfi, Mingrino ) INPS (Avv. Borla). Contributi Collaborazione a progetto Assenza progetto specifico Assenza autonomia scelta modalità esecuzione della prestazione Assenza autodeterminazione ritmo lavorativo - Coincidenza totale del progetto

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette

Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette Rimborso di finanziamento da società a socio, postergazione e attività di direzione e coordinamento in presenza di partecipazioni indirette Tribunale di Torino, 16 febbraio 2015. Giudice Rizzi. Rimborso

Dettagli

Tribunale di Torino 22 dicembre 2014, n. 8312

Tribunale di Torino 22 dicembre 2014, n. 8312 Tribunale di Torino 22 dicembre 2014, n. 8312 in persona del Giudice dott. Edoardo DI CAPUA ha pronunciato la seguente: nella causa civile iscritta al n. 34917/2013 R.G.; promossa da: REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M.

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. 8 aprile 2004 n. 127 a cura del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pordenone CRITERI GENERALI Tariffa applicabile La tariffa applicabile

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 332/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma Sentenza n.1941/05 Pronunziata il 11.11.2005 Depositata il 17.11.2005 Successioni Legittime Immobile ad uso abitativo Comunione ereditaria Uso esclusivo da parte di un coerede Diritto del coerede comproprietario

Dettagli

Prestazioni - Fondo di garanzia - TFR - Incremento ai sensi dell'art. 2120 c.c. - Obbligo di corresponsione - Esclusione.

Prestazioni - Fondo di garanzia - TFR - Incremento ai sensi dell'art. 2120 c.c. - Obbligo di corresponsione - Esclusione. Prestazioni - Fondo di garanzia - TFR - Incremento ai sensi dell'art. 2120 c.c. - Obbligo di corresponsione - Esclusione. Corte d Appello Di Caltanissetta - 10.10/20.11.2001, n. 106 Pres. D Orazi Rel.

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori:

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori: Abstract. Il Collegio, provato all esito dell istruttoria che il modulo d ordine delle obbligazioni in oggetto è stato firmato fuori dai locali della convenuta, osserva che, con carattere assorbente su

Dettagli

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA

I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA Corso di studi DEONTOLOGIA E ORDINAMENTO PROFESSIONALE I RAPPORTI CON LA PARTE ASSISTITA 21 aprile 2008 Avv. Laura Marini Avv. Fabrizio Ariani Il primo nemico dell avvocato è il cliente Ma se rispettiamo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Tribunale di Udine. sezione civile

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Tribunale di Udine. sezione civile REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Tribunale di Udine la seguente sezione civile Il Tribunale in composizione monocratica, in persona del dott. Andrea ZULIANI, ha pronunciato SENTENZA nella

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01103/2013 REG.PROV.COLL. N. 00417/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE. Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile SENTENZA. Contro TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE PRIMA CIVILE Il Tribunale di Torino - sezione 1 civile in composizione monocratica ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al n.18076

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. La Corte dei conti. Sezione giurisdizionale d'appello per la Regione siciliana

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. La Corte dei conti. Sezione giurisdizionale d'appello per la Regione siciliana Repubblica Italiana In nome del popolo italiano La Corte dei conti Sezione giurisdizionale d'appello per la Regione siciliana composta dai magistrati: dott Salvatore Cilia dott. Luciana Savagnone dott.

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che lo svolgimento del processo viene riferito

Dettagli

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la Nel caso di contratto di conto corrente bancario concluso prima della legge sulla trasparenza bancaria (l n. 17.2.1992, n. 154, successivamente confluita nel t.u. in materia bancaria 1.9.1993, n. 385),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria Comune n. 178 di del 20-03-2009 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Ragioneria OGGETTO: Incarico Legale all Avvocato Riccardo Caniato per l assistenza preliminare in giudizio e la costituzione

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA PREMESSA Ai sensi dell art. 166 c.p.c., il convenuto si costituisce in giudizio mediante deposito in cancelleria della comparsa di risposta, della copia della citazione notificata, della procura e dei

Dettagli

E quanto deciso del Tribunale di Taranto con la sentenza 6 novembre 2012.

E quanto deciso del Tribunale di Taranto con la sentenza 6 novembre 2012. Carta di credito smarrita: commerciante responsabile per omesso controllo firma Tribunale Taranto, sez. II civile, sentenza 06.11.2012 commento e testo Altalex.it (Maria Elena Bagnato) Nel caso di indebito

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo Nel diritto.it MASSIMA Costituisce domanda nuova vietata in appello e anche in primo grado (ancorché,

Dettagli

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 A tutti i clienti luglio 2012 Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 Novità in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo(ragioni inerenti all'attività produttiva,

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Dott. Comm. Leopoldo Varriale...Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Dott. Comm. Leopoldo Varriale...Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - Prof. Avv. Enrico Quadri... Presidente - Dott. Comm. Leopoldo Varriale...Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Ferruccio Auletta...Membro designato

Dettagli

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Focus on DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli