Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly"

Transcript

1 Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly 2007 / n. 1 / gennaio-marzo Laboratorio di Ricerca Sociale Dipartimento di Scienze Sociali, Università di Pisa

2 Direttore: Massimo Ampola Comitato scientifico: Roberto Faenza Paolo Bagnoli Mauro Grassi Antonio Thiery Franco Martorana Comitato di Redazione: Stefania Milella Luca Lischi Alfredo Givigliano Marco Chiuppesi Segretario di Redazione: Luca Corchia ISSN Laboratorio di Ricerca Sociale Dipartimento di Scienze Sociali, Università di Pisa

3 Il sondaggio deliberativo di James S. Fishkin Luca Corchia Dipartimento di Scienze Sociali Università di Pisa, Abstract I rapporti annuali su Gli italiani e lo stato, coordinati da Ilvo Diamanti, continuano a rilevare che i cittadini sono impegnati negli associazionismi ma disincantati dalla politica. Con le tipiche differenze nelle diverse aree del paese e a seconda del livello istituzionale, accanto alla sfiducia verso le istituzioni pubbliche c è una propensione alla partecipazione. Come mostrano la diffusione delle primarie e le esperienze di democrazia partecipativa che si moltiplicano a livello locale, si riscontra, infatti, una disponibilità a sperimentare forme di coinvolgimento differenti rispetto alla militanza politica che possono costituire un utile complemento della democrazia rappresentativa e degli strumenti di democrazia diretta. La partecipazione non solo richiede la possibilità legale di votare ma anche un contesto sociale che induca effettivamente il popolo a votare e ad esprimere i propri punti di vista elevando il livello di informazione e il confronto su argomenti alternativi, cercando di evitare nelle controversie pubbliche le valutazioni puramente opportunistiche o emotive. L interesse qui si rivolge verso il sondaggio deliberativo di James S. Fishkin, una procedura molto diversa dal sondaggio d opinione poiché rovescia la logica demoscopica. Le persone sondate dagli istituti di ricerca a volte non hanno indicazioni adeguate sul tema; altrettanto spesso non ci hanno riflettuto e non hanno confrontato le proprie preferenze, scelte o credenze con gli argomenti in contrasto in una libera e approfondita discussione. Renato Mannheimer, presidente dell Istituto per gli studi sulla pubblica opinione (Ispo) è d accordo con l affermazione secondo cui le persone rispondono anche su ciò che non conoscono e, a suo parere, il problema si fa ancora più evidente a ridosso delle elezioni. Oggi, a suo avviso, la maggior parte della gente vota non per vera convinzione, ma sulla base di impressioni acquisite dalla TV durante le ultime settimane prima del voto. I sondaggi deliberativi, invece, sono diretti a migliorare la qualità del confronto pubblico, attraverso una procedura articolata che favorisce l informazione,la riflessione e il dibattito, a partire, ovvio, dall idea di creare un rapporto diverso tra i sondaggi e l opinione pubblica intenso come misurazione di come muta l opinione dopo che le persone hanno avuto l opportunità di diventare più competenti e di confrontare in un dialogo aperto le loro idee. Nonostante alcune riserve di ordine metodologico e taluni rischi di strumentalizzazione politica, l esame dei sondaggi deliberativi risveglia una viva ammirazione per uno studioso riuscito a riversare la passione civile e l'impegno politico in una pratica democratica concreta alla quale ha dedicato, quasi interamente, molti anni del suo lavoro. Rimane, certo, uno strumento insufficiente a rianimare e risollevare il momento deliberativo nelle democrazie contemporanee, ma nessuno può negare che indichi a tutti la direzione giusta. Indice Introduzione 2 1. Che cos è il sondaggio deliberativo? 5 2. Riserve metodologiche Riserve politiche 16 Bibliografia minima 20 1

4 Introduzione Il sondaggio deliberativo (Deliberative polling) è una procedura di rilevamento su base campionaria finalizzata alla creazione di opinioni pubbliche informate e rappresentative e, al contempo, una proposta politica volta a far esprimere al meglio al popolo la propria voce in suo nome attraverso riunioni in cui i cittadini possano riunirsi per ascoltare le argomentazioni di esperti e di politici a favore o contro una determinata questione, e in seguito, dopo aver discusso tra loro, faccia a faccia, giungere a una deliberazione collettiva. La metodologia è elaborata da James S. Fishkin, professore di Stanford, in Democracy and Deliberation: New Directions for Democratic Reform (1991) 1, in The Voice of the People (1995) 2 e in molti articoli in cui il politologo americano risponde alla seguente domanda: quale sarebbe l opinione espressa dai cittadini se, posti di fronte a un preciso argomento, avessero la possibilità di informarsi, di discutere e di fare domande a esperti? All origine della proposta vi è la convinzione, corroborata da numerose ricerche sulle opinioni dei cittadini che, anche nei casi di media ed elevata istruzione, la maggior parte delle conoscenze politiche di base è inferiore a qualsiasi standard democratico auspicabile. Infatti, generalmente, i cittadini non sono attenti, non hanno abbastanza informazioni, discutono poco, non pongono domande agli esperti e di rado giungono a giudizi ponderati. I sondaggi demoscopici concesso che rispettino i requisiti di attendibilità e di validità - rilevano le opinioni degli interpellati ma risentono di quella che Anthony Downs definì ignoranza razionale. Numerosi studi di controllo hanno dimostrato che, molto più spesso di quanto non si creda, le risposte affermative o negative o i giudizi di intensità sono espressi quasi a caso o per vergogna pur di non dover scegliere l opzione non lo so : «I sondaggi tradizionali forniscono un modello di cosa pensa il pubblico, anche se magari il pubblico non pensa poi moltissimo o non presta particolare attenzione ai temi trattati» 3. Fishkin cita un sondaggio del 1976 divenuto un caso di studio negli Stati Uniti. Si chiese a un campione della popolazione americana di esprimere un giudizio sul Pubblic Affaire Act del Le risposte si divisero tra i molti favorevoli e contrari e i pochi non lo so. A sondaggio avvenuto, i ricercatori resero noto che il «Public Affairs Act» non esisteva. Vent anni dopo, l esperimento venne ripetuto, chiedendo se si era favorevoli al presidente Clinton, che voleva conservare quella legge, o ai repubblicani, che la volevano abrogare. La maggioranza si schierò con il presidente, senza che nessuno palesasse la propria ignoranza. La razionalità individuale sottostante a questi comportamenti è ricondotta al seguente calcolo: non conoscere i temi richiesti non comporta conseguenze negative, dato che la 1 J.S. Fishkin, Democracy and Deliberation: New Directions for Democratic Reform, Yale, Yale University Press, J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, Venezia, Marsilio, J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, cit., p

5 propria opinione personale in quanto tale non è pubblicamente così rilevante. È preferibile delegare le scelte politiche ai rappresentanti, dedicandosi pienamente alle attività private: se il mio voto è uno su milioni, perché dovrei investire tempo e fatica per informarmi? Sebbene contestabile questo assunto è stato riscontrato in molte ammissioni d ignoranza. Questo preoccupante fenomeno per la qualità della democrazia contemporanea è stato sottolineato da Renato Mannheimer in diversi articoli pubblicati sul Corriere della Sera, nei quali egli rimarcava, altresì, la banalizzazione mass-mediatica dei problemi trattati, la superficialità del consenso dell opinione pubblica sui programmi dei partiti politici e la personalizzazione della campagna elettorale introno alle parole e alle immagini dei leader: «la gente spesso non sia sufficientemente informata su certe tematiche e talvolta non è informata del tutto. Esiste quindi un problema: le persone rispondono anche su ciò che non conoscono; ed il problema si fa ancora più evidente nei periodi a ridosso delle elezioni. Chi vota consapevolmente sui programmi? Nessuno. [ ] Oggi circa il 15% della popolazione italiana dichiara di votare sulle base di impressioni acquisite dalla tv durante le ultime settimane che precedono il voto, si tratta quindi di impressioni che dipendono più dalla capacità di chi comunica che non dalle proposte che sono obiettivamente difficili da valutare» 4. «Uno dei limiti principali dei sondaggi è costituito dalla scarsa informazione di chi risponde. Vengono posti infatti quesiti sui temi più diversi, che l intervistato spesso ignora totalmente o sui quali ha una conoscenza generica e approssimativa. Di conseguenza le risposte sono spesso improvvisate o basate sul sentito dire. Per la verità un problema analogo si pone spesso anche in occasione delle elezioni vere, ove si finisce di frequente con lo scegliere sulla base di mere impressioni, senza avere la possibilità o la voglia di approfondire realmente le diverse proposte sottoposte agli elettori» 5. Inoltre, i sondaggi di demoscopici sono spesso connotati in termini emotivi, operano drastiche semplificazioni dei temi, non concedono tempi alla riflessione e si prestano a manipolazioni. Tali sondaggi, in effetti, rilevano spesso delle opinioni grezze, nel senso di opinioni espresse sulla base delle scarse e assai incerte informazioni esistenti. Per contro, l oggetto dei sondaggi deliberativi è l impatto dell informazione sugli atteggiamenti dei soggetti coinvolti. Mentre i sondaggi demoscopici offrono un istantanea dell opinione pubblica così com è, questi quasi-esperimenti ricostruiscono artificialmente un quadro dell opinione pubblica come sarebbe, se si raffinasse e si arricchisse con la deliberazione nell ipotesi, tutta da provare, che il campione scelto sia rappresentativo della popolazione. Va precisato, quindi, che il sondaggio demoscopico e il sondaggio deliberativo non sono degli strumenti in competizione fra loro, in quanto rispondono a delle differenti finalità. In L invenzione di un elettore competente (2002), Giancarlo Bosetti, sottolinea come la finalità dei sondaggi deliberativi sia di rafforzare la competenza dei cittadini in modo che non si facciano più influenzare dagli slogan ma assumano decisioni ponderate e dibattute, dopo aver compreso e apprezzato che in democrazia ogni singola opinione o voto conta: 4 R. Mannheimer, Lo stimolo vero è la tv, in «Corriere della Sera», R. Mannheimer, I sondaggi su temi politici hanno acquisito sempre più..., in «Corriere della Sera», 22 maggio

6 «i deliberative pollings non si aggiungono al repertorio di strumenti a disposizione degli istituti demoscopici, dei giornali, dei partiti politici e dei candidati per affinare le capacità di previsione o aumentare la forza persuasiva degli slogan. Lo scopo persegue un obiettivo importante per chi guarda il processo politico dall'altra parte: è quello di rafforzare la competenza dell'elettorato, di raffinare se mai proprio la sua capacità di non farsi persuadere da semplici slogan, di esigere molto di più delle sound bites, delle battute di pochi secondi al tg, di imporre un reale confronto di argomenti» 6. Fishkin esprime il mutamento che si verifica nei partecipanti al sondaggio deliberativo impiegando due immagini ricorrenti nel vocabolario delle scienze sociali e politiche: «Il campione casuale si esprime prima e dopo la deliberazione. I risultati che otteniamo prima incorporano l idea di rappresentazione come specchio, l opinione pubblica così com è realmente, con tutti i suoi limiti e le sue imperfezioni. I risultati che otteniamo dopo riflettono gli effetti del filtro - l opinione pubblica deliberativa contraffatta che il pubblico avrebbe se deliberasse» 7. Come vedremo, nell espressione deliberative polling l accento cade sul primo termine. Con il concetto di deliberazione, egli indica l insieme delle attività volte a favorire l informazione consapevole. Ogni aspetto del procedimento deve facilitare una discussione informata ed equilibrata. Al riguardo, Bosetti rimarca che il termine inglese deliberation, diversamente dall italiano deliberazione, indica il processo di valutazione di una proposta o di una tematica, prima ancora che venga presa una decisione favorevole o una contraria: «Per capirsi su quel che è la democrazia deliberativa, bisogna anzitutto mettere in chiaro una questione linguistica: in inglese to deliberate ha un significato diverso che deliberare in italiano e vuol dire esaminare attraverso una discussione i pro e i contro di una scelta, prima di decidere. Il significato italiano mette invece l accento sul dopo, sul decidere. E questo fa una bella differenza» 8. A tale senso inglese pensava Luigi Einaudi con la formula conoscere per deliberare. 9 Il fine del sondaggio deliberativo non è di rappresentare ciò che gli interpellati credono o auspiscano su determinati problemi ma mostrare che la stessa gente, avendo la possibilità di approfondire tali questioni tramite la raccolta delle chiarimenti, giunge a livelli di cognizione che assicurano una riflessione e una discussione che avvicinano quelle assise ai modelli normativi di democrazia deliberativa teorizzati dai classici del repubblicanesimo. Il concetto di cittadinanza è costruito non soltanto sui diritti civili alla tutela della sfera privata le libertà negative -, ma anche sui diritti politici alla formazione della volontà generale le libertà positive rifondando la libertà degli antichi che rende possibile la prassi dell autoderminazione civica a partire dalla moderna dottrina dei diritti soggettivi. Ma l autonomia privata delle persone rinvia all esercizio della loro autonomia pubblica: esse non possono essere autonome se non considerandole come autori di quelle stesse norme dell ordinamento giuridico ai quali come destinatari devono prestare obbedienza. 6 G. Bosetti, L invenzione di un elettore competente, «Caffè Europa» 183, J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democraz ia, una proposta, cit., p. 8 G. Bosetti, Tutti insieme per ragionare appasionamente, in «La Repubblica», G. Sartori, Ecco un'idea per il servizio pubblico, in «Caffè Europa», 305,

7 Secondo tale dottrina, un potere legittimato democraticamente deve garantire e rendere effettivi quei diritti di partecipazione politica che consentono al cittadino di prender parte, nei modi previsti dalla costituzione, alla formazione dell opinione e della volontà pubblica. Se la volontà pubblica si concretizza in deliberazioni formulate nelle istituzioni politiche centrali e periferiche, le discussioni sugli interessi generali che si svolgono nella sfera dell opinione pubblica svolgono funzioni di indirizzo e di controllo nella società civile. 10 Il concetto di democrazia deliberativa restituisce ai cittadini la sovranità accentuando l importanza delle discussioni che si svolgono per un verso nei dibattimenti parlamentari e per l altro nella rete comunicativa delle sfere pubbliche politiche. All interno e all esterno dei corpi politici deputati a deliberare, le comunicazioni politiche formano arene in cui riguardo ai temi rilevanti per l intera società e intorno a materie bisognose di regolazione può avere luogo una discussione razionale tramite il confronto di buone ragioni opposte. Ogni tema deve essere assunto con carattere ipotetico e oggetto di discussione razionale. E se è vero che in ogni argomentazione, gli interlocutori sono motivati da interessi specifici e orientati da credenze precostituite, soltanto nella discussione le preferenze sono poste a confronto le une con le altre e possono essere modificate in tutto o in parte anche gli interessi possono esser diversamente interpretati o bilanciati tramite argomenti pertinenti. L ideale controfattuale della deliberative democracy è che i cittadini si sentano investiti della responsabilità civica di decidere sugli affari pubblici e scoprano di avere un grande bisogno di informazioni e di competenze per deliberare come gli abitanti di Grandview nella storia che J. Fishkin ha riproposto in apertura del suo libro The Voice of the People. 1. Che cos è il sondaggio deliberativo? Il sondaggio deliberativo è un marchio registrato i cui introiti sono destinati al Center for Deliberative Polling, creato nel 1996 alla University of Texas al fine di promuovere questa specifica procedura di democrazia partecipativa. Fishkin propone questo strumento poiché ritiene che possa dar voce a un campione dell opinione pubblica rappresentativo: «L'idea è semplice. Si preleva un campione casuale dell'elettorato a livello nazionale e lo si trasporta dai luoghi di provenienza di ciascuno, disseminati per il paese, in un unico luogo. Il campione lo si immerge poi nei temi trattati, lo si dota di materiale informativo che tenga rigorosamente conto delle diverse posizioni esistenti sui temi in oggetto, lo si fa discutere in gruppi ristretti, e gli si dà l'opportunità di interrogare degli specialisti e degli uomini politici che abbiano punti di vista contrapposti. Al termine di alcune giornate di lavoro in cui tali temi vengono discussi faccia a faccia, si sondano i partecipanti in profondità. Il rilevamento che ne risulta offre una rappresentazione dei giudizi ponderati del pubblico, delle opinioni che avrebbe l'intero paese nel caso in cui tutti sperimentassero l'opportunità di comportarsi come cittadini ideali, come individui, cioè, che studiano a fondo le questioni per un periodo di tempo prolungato» J. Habermas, trad. it. Tre modelli normativi di democrazia, in Id., L inclusione dell altro: studi di teoria politica, Milano, Feltrinelli, 1988, pp J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, cit., p

8 Un vasto campione di diverse centinaia di persone viene riunito e diviso in gruppi più piccoli di lavoro, alcuni giorni, per informarsi e discutere su temi rilevanti e controversi. Degli esperti fanno le domande, preparano le informazioni e illustrano le opzioni alternative. Dei moderatori conducono le discussioni, alle quali partecipano anche dei rappresentanti politici che espongono e confrontano i loro programmi. La televisione e la stampa danno ampia copertura all evento e ne moltiplicano gli effetti sulla cittadinanza, mostrando come questo metodo produca effetti sensibili sulle opinioni dei partecipanti. Si raccolgono in questionari le opinioni dei partecipanti, prima e dopo la discussione, e si misura di quanto le opinioni possano mutare grazie a deliberazioni pubbliche organizzate. La procedura del sondaggio deliberativo si compone di una serie di diversi momenti: 1. il campionamento; 2. il primo sondaggio; 3. le istruzioni sui temi; 4. la sessione deliberativa; 5. la revisione dei giudizi; 6. la copertura mediatica. Il deliberative polling 12 è stato sperimentato negli ultimi decenni in numerose occasioni in diversi stati sparsi in tutto il mondo finendo per affrontare argomenti molto eterogenei: la criminalità (1994), il rapporto del Regno Unito con l Unione Europea (1995) e il ruolo della monarchia nelle istituzioni politiche in Gran Bretagna (1996); la National Issues Convention a Austin in Texas (1996); le elezioni politiche in Gran Bretagna (1997); l introduzione delle energie rinnovabili in Texas (1998); il referendum sulla Costituzione repubblicana in Australia (1999); l adozione dell euro in Danimarca (2000); la riconciliazione con la popolazione aborigena in Australia (2001); la suddivisione delle entrate tra le città e le circoscrizioni e altri temi locali a New Haven in Connecticut (2002); il contrasto della criminalità in Bulgaria (2002); le scelte di bilancio dell amministrazione a Wenling in Cina (2005); l elezione del presidente degli Stati Uniti d America (2004); la scelta del candidato sindaco alle amministrative 2006 nella città di Marosi dell area metropolitana di Atene da parte del Pasok (il partito socialista greco di G. Papandreou). Molti ritengono che sarebbe opportuno introdurre l esperimento anche in Italia, paese in cui la stampa quotidiana e periodica raggiunge solo una modesta frazione dell elettorato e la maggior parte dei cittadini ottiene l informazione soltanto tramite il network televisivo. Le pagine seguenti invitano a riflettere sulle procedure e sulle implicazioni del progetto

9 1. Il campionamento Il sondaggio deliberativo condivide con il sondaggio demoscopico il campionamento. Una volta individuata l unità d analisi, si provvede a costruire il campione rappresentativo della popolazione selezionando i casi secondo le note procedure statistiche probabilistiche. I campionamenti finora si sono orientati verso campioni dell intera popolazione costruiti casualmente o stratificati su basi territoriale, censitaria, di genere, generazionale, ecc. Proprio la valenza statistica differenzia i sondaggi deliberativi dalle semplici riunioni di cittadini, in quanto la loro composizione si basa sul campionamento rappresentativo della unità di riferimento e richiede la costituzione di un panel di discussione su temi specifici. Come ha sottolineato George Papandreou in occasione del sondaggio deliberativo greco vi è un forte nesso tra la casualità dell estrazione e il principio di eguaglianza dei casi scelti: «la scelta casuale di coloro che partecipano alla decisione secondo il principio per cui ciascuno ha la stessa possibilità di poter essere sorteggiato, è un meccanismo che rafforza e mette in pratica l idea secondo cui tutti i cittadini sono uguali. A questa caratteristica, il sistema di Fishkin aggiunge un supporto scientifico che garantisce la rappresentatività del campione e ci offre l istantanea di un opinione pubblica che prima di decidere si è nutrita di informazione, di conoscenza, di discussione. Inoltre il campione casuale garantisce l assenza di pressioni da parte di gruppi di potere, politici o economici, e può essere un valido modo per abbattere quelle strutture clientelari che appartengono spesso alla politica tradizionale» 13. I sondaggi deliberativi realizzati hanno consentito incontri, solo in piccoli gruppi, ovvero su un campione rappresentativo della popolazione di dimensioni necessariamente limitate. Delle persone contattate, sono scelte in maniera scrupolosa - attraverso delle interviste ripetute, fino a 32 colloqui con gli stessi soggetti 14 - soltanto una parte, circa 250 persone. In occasione del cosiddetto Pbs Deliberative day organizzato da Fishkin il 16 ottobre 2004, a soli 15 giorni dalle elezioni presidenziali U.S.A. Bush vs. Kerry sono stati riuniti quasi 2000 americani per discutere di alcuni temi chiave della campagna elettorale. In genere, però, i campioni del sondaggio deliberativo sono circa , come ad esempio, nel caso dell Australia Deliberates (1999) che ha riunito a Camberra un campione di 347 elettori, o ancora, nel caso del sondaggio svolto a Wenling in Cina (2005) ristretto a sole 235 persone. 2. Il primo sondaggio Le persone selezionate vengono sottoposte a delle domande su dei temi specifici (il programma dei candidati alle elezioni, come ridurre il consumo energetico, come combattere la criminalità, cosa pensano di una riforma costituzionale, ecc.). Si tratta di un sondaggio demoscopico classico condotto attraverso un questionario (auto)somministrato. 13 G. Papandreou, Senza partecipazione la polis muore, in «Caffè Europa», 305, ; 14 P. Casella, trad. it. Il mondo in una stanza, in «Caffè Europa», 185,

10 Ad esempio, in occasione del sondaggio deliberativ o sul crimine svolto in Gran Bretagna nel 1994 al campione selezionato fu richiesto di esprimersi con un si o un no sulle seguenti affermazioni: 1. Sono d accordo che: a. Mandare più delinquenti in prigione è un modo efficace di combattere il crimine ; b. Le regole che si applicano in tribunale dovrebbero essere meno favorevoli all imputato : c. I sospettati dovrebbero avere il diritto di rimanere in silenzio alle domande degli inquirenti ; 2. Non sono d accordo sul fatto che: a. La polizia dovrebbe talvolta poter forzare le regole per ottenere una prova incriminante (fortemente in disaccordo); b. Un ragazzo di 16 anni che compie per la prima volta una rapina dovrebbe essere mandato in una prigione normale (fortemente contro). 3. Le istruzioni sui temi Dopo il primo rilevamento sul campione rappresentativo, i partecipanti all esperimento sono invitati in una sede predefinita per alcuni giorni a conoscere e discutere faccia a faccia su temi specifici, avendo cura che le giornate che non coincidano con le giornate lavorative. Alcune volte sono stati previsti incontri di orientamento precedenti all iniziativa pubblica. Come momento propedeutico alla deliberazione, ai soggetti è fornito del materiale informativo (cartaceo, fotografico, video, ecc.) che rappresenti in modo semplice ed equilibrato le molteplici e alternative posizioni sui temi cui sono chiamati ad esprimersi. Il sondaggio, infatti, richiede ai cittadini di esprimere le loro opinioni solo dopo averli sottoposti ad un processo di informazione e di discussione pubblica, completo e pluralista. Rendendo consultabili attraverso internet i contenuti informativi offerti ai partecipanti al sondaggio si cerca d assicurare quella trasparenza che accompagna sempre l imparzialità. 15 Fishkin consiglia, una volta stabiliti i problemi, di stilare un documento introduttivo, nel quale vengano presentate fino a quattro opzioni di base anche se ne potranno emergere altre durante le sessioni deliberative - cercando di riassumere in modo chiaro ed esaustivo, per ogni alternativa, tutte le informazioni e gli argomenti principali favorevoli e contrari. 4. La sessione deliberativa I membri del campione scelto sono invitati a partecipare a una sessione deliberativa, in un centro congressi o in un albergo in ogni modo, in un luogo accogliente e appartato. La composizione numerica della sessione è prestabilita ma rimane aperta poiché, secondo le indicazioni di Fishkin, le persone che si presenteranno in più non saranno mandate via. La discussione è svolta in tanti piccoli gruppi composti da circa persone. Ognuno è assegnato casualmente, evitando preferenze tematiche e/o personali, al proprio gruppo. 15 P. Casella, Il mondo in una stanza, in «Caffè Europa», 185,

11 Come vedremo, la misura e il limite del confronto fra opinioni diverse sono quelli dettati dalla struttura separata dei gruppi di discussione. Non è da escludere che i partecipanti facciano tante esperienze diverse quanti sono i gruppi in cui si divide la sessione plenaria. 16 Per altro verso, secondo Fishkin, le opere di Madison e dei padri fondatori americani ci insegnano che affinché sussista la possibilità di deliberare, i gruppi di discussione devono essere relativamente ristretti, con la facoltà di confrontarsi faccia a faccia sulle questioni. 17 Tutti i gruppi ristretti di discussione sono gestiti da moderatori formati ad hoc, il cui compito è di instaurare un clima di reciproco ascolto senza alcun tipo di prevaricazione e di assicurare che ogni punto di vista esistente venga espresso liberamente nelle sessioni. Ai moderatori viene richiesto di non esternare mai la propria opinione sul tema discusso. 18 Nell intervista Una proposta seria e concreta rilasciata a Giancarlo Bosetti per Reset (2002), J. Fishkin precisa il ruolo svolto dai moderatori nel favorire il libero confronto tra argomenti diversi come una funzione di garanzia che richiede competenze specifiche. Nei gruppi ristretti i moderatori sono perlopiù sconosciuti al grande pubblico, mentre nelle sessioni plenarie, ci si affida a personalità televisiv e di spicco che promettano neutralità. 19 Vengono distribuite informazioni preparate da esperti, si ascoltano relazioni, si pongono domande e si confrontano le opinioni di specialisti e, quindi, dei rappresentanti politici. Per ogni possibile alternativa occorre avere a disposizione sia un sostenitore che un critico. Ma la scelta di persone indipendenti o di avvocati di parte è ancora un problema aperto. In occasione del sondaggio deliberativo per le elezioni politiche in Gran Bretagna (1997), erano stati convocati tre esperti per ciascuno dei tre grandi partiti, ma anche dei consulenti indipendenti per costringere quelli politicamente schierati a evitare i ragionamenti faziosi. La condizione essenziale del modello deliberativo è la pari opportunità dei partecipanti di accedere alle informazioni e di argomentare, in condizioni che si avvicinano a quel modello controfattuale che J. Habermas aveva definito situazione linguistica ideale. 20 Il weekend deliberativo vede l alternarsi di gruppi ristretti e di assemblee plenarie, nelle quali i moderatori dei diversi gruppi ristretti incoraggiano i partecipanti a interpellare gli specialisti e gli uomini politici invitati di diversa provenienza sulle questioni evidenziate. Secondo Fishkin sarebbe preferibile che i partecipanti al sondaggio deliberativo fossero trasportati e ospitati per almeno un weekend in un'unica sede. Ma la compresenza può essere assicurata a distanza anche attraverso l uso delle videoconferenze o mezzi simili. Ad esempio, in occasione del suddetto Pbs Deliberative day i quasi 2000 partecipanti erano 16 Eurisko, Mister Fishkin inventa lo pseudo-sondaggio deliberativo, in «Social trends», 101, 2003, p Bosetti G. Fishkin J., Una proposta seria e concreta, in «Caffè Europa», 183, P. Casella, Il mondo in una stanza, in «Caffè Europa», 185, Bosetti G. Fishkin J., Una proposta seria e concreta, in «Caffè Europa», 183, J. Habermas, trad. it. Osservazioni propedeutiche per una teoria della competenza comunicativa, in J. Habermas N. Luhmann, Teoria della società o tecnologia sociale, Etas Kompass Libri, Milano 1973, pp

12 dislocati in 17 comunità (Albuquerque, NM; Baton Rouge, LA; Boise, ID; Charlottesville, VA; Cleveland, OH; Detroit, MI; Houston, TX; Kansas City, MO; Lexington, KY; Lincoln, NE; Miami, FL; New Haven, CT; Pittsburgh, PA; Rochester, NY; San Diego, CA; Seattle, WA; and St. Louis, MO) ciascuna coperta dalla locale stazione della Pbs. L uso delle telecomunicazioni consente oggi di realizzare il sondaggio deliberativ o anche tra persone che si trovano in luoghi diversi e di prolungare la durata per diverse settimane, concedendo alle persone coinvolte di incontrarsi in forum permanenti organizzati on-line. 5. La revisione dei giudizi Una volta letti i materiali, discusso, fatto domande e ascoltato le risposte si torna alle domande iniziali. Si raccolgono in questionari le opinioni dei partecipanti e si misura quanto e come le opinioni si siano arricchite e/o modificate rispetto al primo rilevamento. Nella differenza delle risposte, date prima e dopo della sessione deliberativa, risiede la specifica discordanza tra un campione di opinione pubblica informato e uno che non lo è. Nei deliberative polls finora condotti, in Usa, Gran Bretagna, Danimarca, Australia, Bulgaria, ecc. c è sempre stato uno scarto statistico sostanziale tra opinioni iniziali e finali. Infatti, confrontando le risposte dei due questionari precedenti e successivi la discussione si rilevano solitamente dei significativi mutamenti negli indirizzi dell opinione pubblica intervistata ed una generale convergenza, prima assente, rispetto a molti giudizi di fondo. Così accadde, ad esempio, nel caso del sondaggio deliberativo inglese sul crimine del 1994: % prima della deliberazione % dopo la deliberazione % di differenza 1. SONO D ACCORDO SUL FATTO CHE a. Mandare più delinquenti in prigione è un modo efficace di combattere il crimine b. Le regole che si applicano in tribunale dovrebbero essere meno favorevoli all imputato c. I sospettati dovrebbero avere il diritto di rimanere in silenzio alle domande degli inquirenti NON SONO D ACCORDO SUL FATTO CHE a. La polizia dovrebbe talvolta poter forzare le regole per ottenere una prova incriminante (fortemente in disaccordo) b. Un ragazzo di 16 anni che compie per la prima volta una rapina dovrebbe essere mandato in una prigione normale (fortemente contro) Fishkin rimarca continuamente che nel corso dei sondaggi deliberativ i si sono avuti dei cambiamenti d opinione statisticamente significativi, a riprova che i giudizi riflettuti sono sovente diversi dalle risposte affrettate che sono fornite nei sondaggi convenzionali: 10

13 «Ma che rappresentano i risultati? Coloro che hanno partecipato a questo esperimento sono stati in grado di vincere gli impulsi dell ignoranza razionale, che normalmente hanno la meglio sulla massa del pubblico. Invece di un unico voto perso tra milioni di altri, essi, infatti, dispongono di un voto tra le poche centinaia di voti del campione esaminato nel corso del fine settimana, e una voce su più o meno quindici altre nei gruppi ristretti di discussione. Il fine settimana è costruito in modo tale da rendere credibile la pretesa che la loro voce conti qualcosa. Superando l apatia, la mancanza di relazioni, la disattenzione e l iniziale mancanza di informazioni, i partecipanti, qualunque sia la loro origine sociale, deliberando, cambiano. Dalla conoscenza del loro grado di istruzione, dalla conoscenza delle loro disponibilità economiche non si può estrapolare il cambiamento che avverrà in loro durante la deliberazione. Sappiamo invece che a far loro cambiare atteggiamento sarà il fatto di informarsi sui temi oggetto della discussione» 21. Contrariamente alla tesi di alcuni analisti secondo i quali molti cittadini userebbero delle scorciatoie per formare le proprie opinioni e intenzioni, a cui giungerebbero anche accettando gli sforzi necessari ad acquisire maggiori competenze, Fishkin ritiene di aver mostrato che, se si ha la possibilità di studiare e discutere, l opinione delle persone cambia. Ciò non significa che le convinzioni che erano manifestate in precedenza fossero errate. Semplicemente, si tratta spesso di opinioni argomentativamente fragili, non fondate su precise cognizioni dei problemi e non corroborate intersoggettivamente dalla discussione. Al termine, i partecipanti hanno maggiore conoscenza delle ragioni della parte opposta e una migliore capacità di argomentare in modo convincente le proprie buone ragioni. I sondaggi deliberativi non risolvono le forti divergenze ideologiche, ma rendono le posizioni in campo più informate e costituiscono un piano discorsivo che può smorzare il conflitto. Certo, vi sono contrasti così radicati che non si prestano alla discussione pubblica, ma la maggior parte delle questioni pubbliche, rileva Fishkin, riguarda problemi meno cruenti. 22 Come ha sottolineato Mauro Buonocore, il punto decisivo è che la risposta, qualunque essa sia, migliore o peggiore, sia l esito conseguente di un dibattimento ragionato e non di un «sonnecchiante allineamento agli spot televisivi, qualunque sia il loro colore politico». 23 Non si dovrebbe sottovalutare, inoltre, che l accrescimento delle conoscenze politiche e del senso civico non è limitato ai soli partecipanti, ma genera degli effetti sociali a catena. Anzitutto, abbiamo almeno 200 persone che discutono della loro esperienza a casa e che circolano in giro per la società come fossero agenzie di democratizzazione porta a porta. 24 Un secondo aspetto dei sondaggi deliberativi riguarda il ruolo dei mezzi di comunicazione. 6. Copertura mediatica La discussione condotta nella sessione deliberativa dovrebbe essere sottoposta, secondo Fishkin, ad ampia copertura da parte dei giornali e delle televisioni, i quali sono la vera cassa di risonanza di questo singolare processo di formazione di un opinione pubblica informata di fronte a tutti coloro che non partecipano direttamente all evento deliberativo. 21 J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, cit., p. 22 P. Casella, Il mondo in una stanza, in «Caffè Europa», 185, M. Buonocore, Ascolto l esperto, ne parlo con gli altri, poi decido, in «Caffè Europa», 183, E. Ambrosi, Se non deliberi, come fai a decidere, in «Caffè Europa», 183,

14 Le dirette televisive dalle sessioni di discussione e i servizi registrati sull intero weekend deliberativo avvicinano le opinioni dei cittadini - la gente comune - al grande pubblico. Sono i loro giudizi che costituiscono la materia su cui si confrontano gli esperti e i politici. Occorre sottolineare che i lavori dei gruppi ristretti e della sessione plenaria così come i verbali delle discussioni del week-end sono pubblici, ma i questionari che i partecipanti compilano prima e dopo la deliberazione sono questionari confidenziali, ovvero anonimi. Riguardo ai broadcasting, Fishkin consiglia la diretta televisiva, più imprevedibile, per le prime sessioni deliberative, mentre i risultati finali sono resi con dei montaggi registrati. Ad esempio: per il sondaggio australia no del 1999 sono stati trasmessi da ABC tv due giorni di diretta del dibattito e uno spettacolo registrato sui risultati della discussione; quello tenuto per le presidenziali americane del 2004 è stato tutto trasmesso in diretta ma uno speciale registrato ha sintetizzato i numerosi interventi dei gruppi ristretti; nei sondaggi inglesi, di solito, si predilige una breve diretta dei lavori e dei risultati finali. I diversi sondaggi deliberativi che si sono svolti in Gran Bretagna a partire dal 1994, sono stati organizzati con la promozione mediatica del canale televisivo Channel Four, così come la Pbs fu decisiva negli Stati Uniti e le altre emittenti in Danimarca, Australia, ecc. Dietro a queste esperienze vi è un altro modo di intendere il servizio pubblico televisivo. Forse il progetto di educare a una riflessione e a una discussione argomentata, invece della politica condotta a colpi di slogan, sulle questioni nazionali cruciali quali immigrazione, criminalità, tasse, pensioni, scuola, ecc., o sulle problematiche di competenza locale viabilità, strategie di trasporto pubblico, tutela delle acque e dei parchi, orari dei servizi - valorizzando la democrazia deliberativa come una vera democrazia delle buone ragioni. L idea di una televisione che intrattenga il pubblico favorendo il senso civico costituisce la motivazione che ha spinto Dan Werner, già dirigente della Pbs e oggi produttore esecutivo della MacNeil Lehrer Productions, a realizzare dalle frequenze del servizio pubblico americano la trasmissione By the people il format che da alcuni anni racconta sugli schermi dei cittadini americani i deliberative polls di James Fishkin e collaboratori. «By the People nasce innanzitutto dalla premessa che le opinioni dei cittadini sono importanti e possono essere notizie interessanti. [ ] Dal nostro punto di vista è un modo per fare buona televisione, in cui si combina il racconto di storie interessanti, il background educativo, l informazione sul tema trattato di modo che attraverso i video anche il pubblico possa apprendere di più sulla questione che viene presa in esame. Tutte caratteristiche che appartengono a un buon programma d informazione. [ ] Con i finanziamenti giusti si potrebbero fare degli ottimi programmi che sarebbero un esperienza democratica fantastica e aiuterebbero a definire cos è la televisione pubblica» 25. La Pbs negli Usa, Channel 4 in Gran Bretagna, la DR in Danimarca e l'abc in Australia sono esempi di servizio pubblico che mostra la volontà di impegnare risorse economiche e gestionali in esperimenti che esulano dalla stretta logica della televisione commerciale. 25 D. Werner, Una tv che migliori l opinione pubblica, in «Caffè Europa», 305, ; 12

15 2. Riserve metodologiche Una maggiore consapevolezza in chi sceglie è l'auspicio e il motivo fondante da cui parte J. Fishkin, e da questo punto di vista la sua proposta è assolutamente opportuna, offrendo altresì alle scienze sociali l'occasione di sperimentare delle nuove procedure di ricerca. Ma proprio su tale piano occorre compiere le dovute osservazione tecniche, di carattere propriamente metodologico, sulla validità scientifica dei nuovi tipi di sondaggi deliberativi. Come primo passo sarà utile rileggere come il regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa (delibera n. 273/03/CSP dell 11 novembre 2003 dell Autorità Garante per le Comunicazioni) definisce il sondaggio: «ogni rilevazione di opinioni, comportamenti, giudizi, atteggiamenti, previsioni, atti e fatti effettuati con metodo campionario, probabilistico o non probabilistico, che consente di generalizzare i risultati al collettivo di riferimento; il metodo di individuazione delle unità che fanno parte del campione e la estensione dei risultati al collettivo rispettano i criteri statistici definiti dai codici di autoregolamentazione adottati dalle associazioni professionali maggiormente rappresentativi sul piano nazionale e internazionale». È vero che il sondaggio demoscopico e quello deliberativo sono strumenti assolutamente diversi e perseguono differenti finalità. Fishkin lo riconosce esplicitamente quando afferma che il sondaggio deliberativo non si presta né per descrivere, né per predire lo stato dell'opinione pubblica 26, bensì intende indicare le conclusioni cui dovrebbe pervenire la popolazione se fosse motivata, messa in condizione di informarsi e discutere a lungo i temi: «Se prendiamo un microcosmo dell'intera nazione e lo sottoponiamo ad una determinata esperienza, e se il microcosmo (comportandosi nel modo in cui ameremmo si comportassero i cittadini ideali nel deliberare seriamente tra loro) giungesse allora a conclusioni diverse sui temi oggetto della discussione, potremmo dedurre semplicemente che, se, in qualche modo, l'intero paese fosse sottoposto alla medesima esperienza vissuta nel microcosmo, allora, in via ipotetica, l'intero paese giungerebbe a conclusioni analoghe» 27. Ma la diversa destinazione d uso del sondaggio è stata molto criticata dai professionisti delle indagini demoscopiche, secondo i quali il compito dei ricercatori non è migliorare il funzionamento della democrazia, ma registrare ciò che la gente pensa o non pensa. Inoltre, Renato Mannheimer ha obiettato che, sebbene il campione del sondaggio deliberativo possa essere statisticamente attendibile, la disponibilità a partecipare all esperimento e l impegno nelle sessioni di discussione potrebbero indicare differenti tipologie di persone: quelli che sono motivati per senso civico o per appartenenza politica, quelli che desiderano apparire in televisione, quelli che lo fanno soltanto per il gettone di presenza, quelli che hanno interessi propri da difendere o altrui da rappresentare, ecc. In ogni modo, gli indifferenti continuano a rimanere esclusi dal campione in un processo di auto-selezione. 26 J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, cit., p J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, cit., pp

16 La ribalta televisiva non basta a eliminare lo scarto tra chi delibera e chi improvvisa contribuendo semmai a riprodurre il rischio di una spettacolarizzazione della vita activa. 28 Perché non ipotizzare da parte dei partecipanti una sorta di agire drammaturgico da attore consumato che strategicamente simula opinioni che non muteranno i suoi intimi pensieri. G. Bosetti ha sottoposto il problema a J. Fishkin, domandandogli - considerato che anche in Europa non c è bisogno di alimentare ulteriormente la politica-spettacolo, pur dovendo evitare di annoiare il pubblico - quale forma televisiva devono avere i sondaggi deliberativi - se, ad esempio, essi devono assomigliare più a dei talk shows o a una specie di Grande Fratello o ancora se devono avere una veste ufficiale non ottenendo la risposta attesa. 29 Si consideri, poi, che il sondaggio deliberativo è caratterizzato solo da alcune procedure standardizzate (ad esempio, il sondaggio campionario iniziale), mentre altre non lo sono affatto (ad esempio, la gestione dei partecipanti cittadini, esperti, moderatori, politici alle assemblee) o lo sono parzialmente (ad esempio, la composizione dei gruppi faccia a faccia). Qui si presenta il problema di limitare l effetto distorsivo del contesto umano e ambientale nella discussione, con danno alla possibilità di estendere i risultati dal campione scelto a tutta la popolazione. Le peculiarità di un sondaggio deliberativo che è un insieme di strumenti, procedure e pratiche sociali diverse sono date dalla varietà delle parti da cui è composto e dalle molteplici fasi in cui esso si realizza. In assenza di standardizzazione, le possibilità di ripetere l intero esperimento o di generalizzarne i risultati sono assai ridotte. Non si può escludere che la discussione svolta in tanti piccoli gruppi composti da circa persone, risenta della composizione e delle circostanze specifiche dei singoli insiemi. Alcuni studiosi, come Ken Dautrich, rimarcano come sia difficile sostenere che l opinione della popolazione debba modificarsi alla stessa maniera in cui cambia quella del campione. Il fatto di portare delle persone in un luogo artificiale può averle cambiate in qualche modo, avendole sottoposte a esperienze che altre persone nel paese non hanno vissuto. 30 Nell articolo Mister Fishkin inventa lo pseudo-sondaggio deliberativo comparso su «Social trends» (2003), la rivista dell Eurisko, si trovano riunite tutte le riserve di metodo: «Quanto alla predicabilità dei risultati, non bisogna dimenticare che il cosiddetto sondaggio deliberativo è in realtà un insieme molto articolato di pratiche quantitative e qualitative, l'esito finale delle quali può essere fissato solo concettualmente. Non si esclude che particolari aspetti di tale esito siano presentabili anche con numeri e percentuali, ma va tenuto presente che questi dati godono di una validità statistica limitata all'insieme delle persone cui si riferiscono, resa comunque precaria dall'estrema variabilità delle condizioni in cui le persone si sono trovate. Quindi, i risultati di un sondaggio deliberativo su alcuni elettori non sono predicabili per altri, né si deve presumere come invece fa Fishkin che se tutti gli elettori dello stesso paese fossero sottoposti, in tantissimi gruppi separati, alla medesima procedura, i risultati sarebbero gli stessi. Fishkin non può estendere arbitrariamente all'intera popolazione di un paese i risultati ottenuti dalla complessa manipolazione mentale di poche centinaia di soggetti: né, soprattutto, ha senso che lo faccia, essendo praticamente impossibile trattare con igienici lavaggi del cervello un'intera popolazione. Così stando le cose, di quale utilità democratica o gestionale sono i risultati di un ristretto sondaggio deliberativo?» R. Mannheimer, Lo stimolo vero è la tv, in Corriere della Sera, Bosetti G. Fishkin J., Una proposta seria e concreta, in «Caffè Europa», 183, Joseph Straw, Se discutono e leggono i dossier cambiano idea, in «Caffè Europa», 183, Eurisko, Mister Fishkin inventa lo pseudo-sondaggio deliberativo, in «Social trends», 101, 2003, p

17 Nel format di Fishkin i partecipanti sono estrapolati dal proprio contesto di vita e posti in un contesto artificiale, creato ad hoc, con lo scopo di stimolare nei partecipanti opinioni diverse, anzitutto più consapevoli, rispetto a quelle elaborate nei contesti di vita quotidiani. I partecipanti ai sondaggi deliberativi devono, per così dire, dimenticarsi, almeno in una certa misura, dei propri specifici interessi cercando di trovare mediazioni compromissorie. Sottratti ai concreti contesti di vita, essi si travestono da cittadini ideali e disinteressati, dai quali non ci si attende una soluzione conflittuale ma un bilanciamento imparziale ed equo. Ma i partecipanti sono davvero in grado di valutare le cause e gli effetti dei problemi posti? In particolare, il risultato di un sondaggio potrebbe dipendere molto dall arte persuasiva degli esperti o dei politici invitati, a dispetto del convincimento delle loro buone ragioni. Domenico Fisichella solleva questi e altri dubbi riguardo alla formazione delle convinzioni: «Le risposte di un determinato numero di persone, che si confrontano e discutono in presenza di persone che le giudicano perché più competenti di loro, sono probabilmente condizionate dall'ambiente in cui questa interazione ha luogo. Che cosa succede quando quelle persone escono da quell'ambiente? Mantengono vive le capacità acquisite durante le discussioni, oppure ritornando nel loro mondo abituale tornano a reagire col loro solito atteggiamento agli stimoli della vita pubblica? Personalmente credo che questa seconda ipotesi sia la più probabile e coloro che hanno partecipato al sondaggio deliberativo tornino a seguire i loro atteggiamenti abituali, legati più agli interessi e alle passioni che non alla capacità di assumere orientamenti sulla base di conoscenze acquisite» 32. Il rischio dell eterodirezione si ritrova nell introduzione di Giuliano Amato all edizione italiana del libro di Fishkin riguardo al ruolo degli esperti che informeranno il campione. 33 In quest ottica, risulta molto importante sapere chi organizza il sondaggio deliberativo. Ma, a tale riguardo, non si trovano indicazioni univoche nelle precedenti esperienze, visto che la definizione e il controllo delle procedure sono stati affidati, volta per volta, alla televisione, a ricercatori o accademici, a quotidiani, istituti di ricerca costituiti ad hoc, ecc. Ad esempio, nel caso del sondaggio per il referendum costituzionale australiano (1999) fu fondato un istituto di ricerca, lo Hawke Institute, appoggiato da un gruppo di consulenza, lo Issues Deliberation Australia, composto di ex politici e accademici, persone di prestigio e dai due comitati ufficiali del Sì e del No al referendum. Nei sondaggi inglesi, invece, la gestione fu affidata a consorzi tra la televisione Channel Four, un istituto di ricerca e il giornale Independent con l ausilio di alcuni consulenti esterni, tra i quali lo stesso Fishkin. Mentre il sondaggio deliberativo danese sull euro (2000) nasce dalla collaborazione tra la University of Southern Denmark di Odense, la rete televisiva nazionale DR che ha trasmesso su tutto il territorio nazionale col patrocinio del periodico Monday Morning. Punto di riferimento rimane il Center for Deliberative Polling creato da Fishkin nel Texas. 32 Fisichella D., La democrazia, l'élite ed un'idea plausibile, in Caffè Europa 230, G. Amato, Il sondaggio deliberativo, l innovazione di Fishkin, in J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce, cit., pp

18 Prima di esaminare alcune considerazioni finali di ordine strettamente politico, occorre prendere in esame uno scoglio su cui si scontra il sondaggio deliberativo: il costo elevato. Secondo il progetto di J. Fishkin, tutte le persone coinvolte nel sondaggio deliberativo, a vario titolo come cittadini, esperti, moderatori devono essere retribuite per il tempo dedicato alla partecipazione ai seminari. I soggetti coinvolti beneficiano gratuitamente, inoltre, del viaggio per raggiungere la sede, del vitto e dell alloggio per tutto l esperimento. Per inciso, la proposta di retribuire i cittadini, ad esempio quanto i giudici popolari o gli scrutatori alle elezioni in una misura equivalente al costo medio di una giornata di lavoro - al prezzo di alcuni anni fa circa 200 dollari ciascuno per un impegno di diciotto ore circa - costituisce per molti una forma troppo venale di incentivare la partecipazione politica, anche se la democrazia ateniese compensava con 3 oboli chi partecipava alle assemblee. In tal senso, Corrado Ocone ritiene l esercizio delle prerogative di cittadini a partecipare alla vita democratica non dovrebbe rientrare nella logica delle transazioni economiche e consiglia di considerare la ricompensa pecuniaria una strategia motivazionale transitoria. 34 I sondaggi deliberativi richiedono delle ingenti risorse per coprire le cospicue spese. A tal fine occorrono dei soggetti pubblici o privati disposti a finanziare gli esperimenti un problema che, come vedremo, introduce il tema della manipolazione dei loro risultati. Fishkin si è, perciò, impegnato a lungo nel cercare la sponsorizzazione di nuovi sondaggi deliberativi tramite la collaborazione di reti televisive e radiofoniche, cui fosse delegabile il compito di diffondere in diretta, o registrati, lo svolgimento e gli esiti di ciascuno di essi. Pur sapendo che finora i programmi di informazione non ottengono gli stessi livelli di audience dei programmi di intrattenimento, alcuni canali televisivi in Inghilterra, America, Australia hanno scelto di finanziare le trasmissioni ottenendo dei discreti seguiti televisivi. 3. Riserve politiche Il sondaggio deliberativo può essere uno degli strumenti indirizzati ad incentivare la partecipazione dei cittadini alla vita politica delle loro comunità e, quindi, può essere un valido antidoto all ignoranza che affligge la riproduzione delle istituzioni democratiche. L'aspetto a cui Fishkin dedica gran parte dei suoi scr itti e che rappresenta il problema che i sondaggi deliberativi cercano di affrontare e risolvere riguarda la creazione dell opinione pubblica. Non si tratta solo di reagire al degrado di un dibattito politico che non informa, ma di sottrarre il cittadino dalla somministrazione coatta, ritrovando luoghi di discussione. 34 Corrado Ocone, Di cosa parliamo quando parliamo di democrazia, in «Caffè Europa», 185,

19 Secondo il politologo americano, le scienze sociali hanno dimostrando che il pubblico è molto più competente di quanto non si creda, ma soltanto alle giuste condizioni. La voce della massa, invece, è pericolosa se viene alterata come nel mito della caverna di Platone: «Oggi i cittadini vivono in una versione high-tech della caverna di Platone. L'allegoria di Platone risulterà meno sorprendente ai lettori moderni di quanto sia risultata agli antichi, poiché, come gli abitanti della caverna di Platone, tendiamo a prendere per mondo reale la nostra immagine del mondo, specialmente la nostra immagine del mondo politico, a partire da immagini riflesse e da echi di voci. Invece delle ombre formate dal riverbero del fuoco che si riflette sul muro di una caverna, guardiamo le immagini della televisione nel nostro salotto. Invece dell'eco delle voci di coloro che creano queste ombre cinesi, ascoltiamo le voci dei dibattiti e delle pubblicità radiofoniche e televisioni. Come gli abitanti della caverna di Platone, tendiamo a prendere per mondo reale queste immagini riflesse e queste voci. Quantomeno nei termini del nostro ruolo di cittadini, le cose che non accadono in televisione non hanno nessuna forza, vivacità o immediatezza, o ne hanno pochissima. Sono le immagini riflesse che appaiono reali ed importanti» 35. La maggior parte degli studiosi concorda che, almeno nelle intenzioni, questo strumento potrebbe migliorare la qualità dell opinione pubblica. Richiamando il riferimento all opera di Robert Putnam, Fishkin ritiene che i sondaggi deliberativi riunendo persone provenienti da diverse esperienze di vita per discutere i problemi comuni creano il capitale sociale. 36 Si può condividere i giudizio espresso da R. Mannheimer, secondo il quale aumentare la consapevolezza dei cittadini delle democrazie è una questione urgente ed importante che, sebbene presenti un notevole grado di complessità e limiti metodologici, rappresenta uno stimolo, una provocazione e un passo in avanti nello studio dell'opinione pubblica. 37 Come ha rilevato puntualmente, S. Rodotà, i tentativi di inserimento dei cittadini nei circuiti deliberativi locali, motivati dalla volontà di contrastare l'astensionismo, non hanno provocato una ripresa della partecipazione generale, avendo i cittadini considerato la loro esperienza diretta nella vita municipale come una indicazione del loro vero potere reale. 38 Anche Fishkin riconosce che la democrazia deliberativa è particolarmente utile in ogni circostanza in cui il pubblico non è ben informato, ma deve prendere una decisione diretta, come nei referendum o nelle primarie. Anche se il politologo americano ritiene che la sua metodica sia del tutto adeguata per la deliberazione della maggior parte dei problemi. 39 Che cosa accadrebbe, si domanda Fishkin, se questo nuovo tipo di sondaggio venisse applicato non solo occasionalmente a un campione statistico, ma all intera popolazione? A tale riguardo, occorre interrogarci a fondo sull effettiva portata dei sondaggi deliberativi. «si possono davvero riscattare i cittadini da un lungo servaggio, da una pervasiva rational ignorance, ricorrendo soltanto alla riunione di piccoli gruppi rappresentativi nel corso breve d'un fine settimana? Lo stesso, corale Deliberation Day può supplire, a pochi giorni dal voto, ad un deficit d'informazione e di discussione d'un lungo periodo precedente? Dovremmo sapere tutti, e ce lo ha ben ricordato Cass Sunstein indagando i destini di una Republic.com, che si ha vita democratica solo in presenza di un diffuso e permanente pluralismo informativo, di una costante esposizione di ciascuno ad opinioni diverse» J.S. Fishkin, trad. it. La nostra voce. Opinione pubblica e democrazia, una proposta, cit., p F. Carducci, Antidoto contro l'ignoranza, in «Il Sole 24Ore», R. Mannheimer, Lo stimolo vero è la tv, in «Corriere della Sera», S. Rodotà, Non siamo carne da sondaggio, «Caffè Europa», 185, F. Carducci, Antidoto contro l'ignoranza, in«il Sole 24Ore, S. Rodotà, Non siamo carne da sondaggio, «Caffè Europa», 185,

20 Fishkin assicura che il sondaggio deliberativo costituisce un contributo contro i rischi di populismo che derivano dall ignoranza sui temi su cui il cittadino è consultato e dalla egemonia di gruppi d interessi particolari che cercano di parlare a nome di tutti. 41 Tuttavia, i rischi di strumentalizzazione esistono in ogni forma di sondaggi, e non è scontato che la procedura deliberativa sia davvero in grado di rivitalizzare la democrazia politica e di rompere il ciclo della manipolazione cinica dei media che sta indebolendo la vita pubblica. Giovanni Sartori insiste molto sull influenza che i mass-media esercitano sul pubblico: «emerge in modo in equivoco che il demo-pensiero è solo il riflesso di convinzioni indotte dagli stessi media. E come potrebbe essere altrimenti? Interrogata su cose di cui non può sapere nulla in modo diretto, la gente si regola su quanto ha saputo dai media. Ma allora è spudorato presentare i sondaggi come una vox populi vox dei perché la cosiddetta voce del popolo non è che la voce dei media del popolo» 42. Se i sondaggi demoscopici agiscono, anche, per accreditare l immagine positiva di un leader politico o indebolire l immagine di un avversario, per affermare la priorità di un tema escludendo gli altri dall agenda politica e per preordinarne le alternative di soluzione, i sondaggi deliberativi sono davvero in grado di sottrarsi a forme di strumentalizzazione? Se questi esperimenti di partecipazione devono colmare il disamore dei cittadini per la politica migliorando le loro capacità di giudizio, sul versante istituzionale, possiamo contare su pubbliche amministrazioni pronte a promuovere la partecipazione consapevole? Il rischio che si corre è di ritenere che i sondaggi deliberativi, trasformati in pratiche democratiche da utilizzare ad hoc costituiscano uno strumento di manipolazione politica. La politica è un regno, in cui ogni mossa può risultare ambivalente e anche il migliore artificio istituzionale può essere piegato alle esigenze contingenti di una parte o dell altra: «I rischi di strumentalizzazione esistono per tutti i sondaggi. Quello deliberativo ne corre assai di più. Fishkin l ha concepito, e realizzato più volte, al servizio della democrazia e della crescita dei cittadini. In futuro, potrebbe essere attuato, anche senza di lui, per fini meno nobili e disinteressati. La caratteristica che rischia maggiormente di sottrarlo ad un uso democratico è proprio il suo costo. Solo un forte potere economico, istituzionale o politico è in grado di finanziarne l'esecuzione. Purtroppo, si dà il caso che il potere operi raramente in modo liberale; più sovente lo fa in modo cinico e per calcolo. Contro le intenzioni di chi l ha creato, il sondaggio deliberativo potrebbe divenire in futuro, nella forma originale o in forme derivate, privilegio esclusivo di un potere corrotto. In tal caso, uno strumento qualitativamente produttivo, quanto molti focus group messi insieme, finirebbe per avvantaggiare nuove strutture tiranniche e non il popolo, non la democrazia. Questo è un timore che lascia sgomenti e che, se percepito, accompagna come un amaro retrogusto le confortanti, anche se illusorie, promesse del sondaggio deliberativo» 43. A questi dubbi, Fishkin ha risposto che l obiettivo dei sondaggi deliberativi è quello di creare dei conflitti di opinioni, consentendo ai partecipanti al sondaggio di decidere da che parte stare, dopo aver ascoltato le argomentazioni di tutti gli esperti e di tutti i politici. 41 F. Carducci, Antidoto contro l'ignoranza, in «Il Sole 24Ore», G. Sartori, Dall homo sapiens all homo insipiens?, Roma-Bari, Laterza, 1995, p Eurisko, Mister Fishkin inventa lo pseudo-sondaggio deliberativo, in «Social trends», 101, 2003, p

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio 8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio In conclusione, qualunque sia il giudizio che si può esprimere in merito ai sondaggi d opinione, resta il fatto che essi sono difficilmente

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO

INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO INDAGINE PROFESSIONI A CONFRONTO: COME I RELATORI PUBBLICI E I GIORNALISTI ITALIANI PERCEPISCONO LA PROPRIA PROFESSIONE E QUELLA DELL ALTRO Analisi elaborata da Chiara Valentini e Toni Muzi Falconi SINTESI

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

La raccolta dei dati

La raccolta dei dati La raccolta dei dati 1. Osservazione 2. Intervista 3. Questionario 4. Tecniche implicite La raccolta dei dati La raccolta dei dati è un aspetto fondamentale nella ricerca, ossia rilevare le variabili che

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

INTRODUZIONE... 3. Premessa... 3. La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4. l. Centralità del bambino...

INTRODUZIONE... 3. Premessa... 3. La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4. l. Centralità del bambino... Sommario INTRODUZIONE... 3 Premessa... 3 La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4 l. Centralità del bambino... 4 2. Spirito di servizio e collaborazione... 4 3. Rispetto

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

RENA. Rete per l Eccellenza Nazionale

RENA. Rete per l Eccellenza Nazionale RENA Rete per l Eccellenza Nazionale Indice Il contesto e la nuova strategia. L obiettivo generale. Gli obiettivi strumentali. Le azioni specifiche. Gli obiettivi strumentali e le azioni specifiche. pag.

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

La preghiamo di consultare le definizioni di alcuni termini che troverà nel questionario.

La preghiamo di consultare le definizioni di alcuni termini che troverà nel questionario. UNIVERSITY COLLEGE LONDON Institute for Risk and Disaster Reduction Progetto: Investigazione delle comunicazioni tra autorità e cittadini in fase di ricostruzione dopo un disastro. Investigator: Serena

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO?

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? Versione preliminare: 25 Settembre 2008 Nicola Zanella E-Mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT In questa ricerca ho

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Prot. n.aoodrve12421 Venezia, 3 ottobre 2014

Prot. n.aoodrve12421 Venezia, 3 ottobre 2014 Prot. n.aoodrve12421 Venezia, 3 ottobre 2014 Ai Dirigenti amministrativi e tecnici della Direzione Generale di Venezia Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali del Veneto Ai dirigenti scolastici

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Scuole primarie Rinnovata Pizzigoni, Dante Alighieri, scuola secondaria di primo grado Puecher PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Italian!Diplomatic!Academy!!!Accademia!Italiana!per!la!Formazione!e!gli!Alti!Studi! Internazionali!

Italian!Diplomatic!Academy!!!Accademia!Italiana!per!la!Formazione!e!gli!Alti!Studi! Internazionali! MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO NATIONALHIGHSCHOOLMODELUNITEDNATIONS201542016 StudentiAmbasciatorialleNazioniUnite ItalianDiplomaticAcademy

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli