Integrazione dati in ambiente Gis per la mappatura delle coperture in cementoamianto nell area di via Tiburtina (Roma).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrazione dati in ambiente Gis per la mappatura delle coperture in cementoamianto nell area di via Tiburtina (Roma)."

Transcript

1 Integrazione dati in ambiente Gis per la mappatura delle coperture in cementoamianto nell area di via Tiburtina (Roma). Lorenza Fiumi, Carlo Meoni, Stefano Tocci CNR, Istituto sull Inquinamento Atmosferico c/o INSEAN - CNR, Via di Vallerano 139, 00128, Roma Abstract A seguito delle ultime disposizioni della L. 23/3/2001 n. 93 e del D. M. 18/3/2003 n. 101, la Regione Lazio ha avviato il progetto per la realizzazione della mappatura delle coperture in cemento-amianto (c-a), in collaborazione con l Istituto sull Inquinamento Atmosferico del CNR. A questo proposito è stato previsto l uso di strumenti innovativi come il telerilevamento da aereo con dato MIVIS. Sono stati acquisiti complessivamente km 2, corrispondenti ad una superficie coperta (strisciate mosaicate) di 794km 2, pari al 4,6 % del territorio della Regione Lazio. Il lavoro presenta l attività svolta, in particolare quella relativa alla elaborazione dei dati sull area di Via Tiburtina. Attraverso l integrazione tra dati MIVIS (Multispectral Infrared Visibile Imaging Spectrometer), Istat e CTR (Carta Tecnica Regionale) sono state realizzate mappe che descrivono la realtà territoriale in modo accurato, riducendo così i tempi di lavoro. La mappatura delle coperture in c-a ottenuta dall elaborazione dei dati MIVIS contribuirà a: identificare specifiche aree ad alta potenzialità di esposizione da fibre, sia attuale che futura; realizzare mappe di rischio in grado di evidenziare la presenza di superfici, nonché fornire un sistema di supporto al monitoraggio ambientale. Le mappe di rischio inoltre permetteranno di individuare, quantificare e dare priorità agli investimenti economici ed evidenziare problemi legati alla bonifica e smaltimento dell amianto. Il progetto Grazie alle notevoli caratteristiche di resistenza meccanica e al loro basso costo, le coperture in cemento-amianto (c-a) sono state largamente impiegate, sia in edifici industriali che civili, e sono attualmente diffuse su tutto il territorio nazionale. Le lastre, sottoposte all effetto dell erosione eolica e delle piogge acide, con il passare del tempo si deteriorano, la matrice cementizia si corrode e tende a rilasciare in atmosfera una notevole quantità di fibre di amianto, potenzialmente dannose per la salute umana. Si stima che in Italia vi siano circa 2,5 miliardi di metri quadri di coperture in c-a in opera, pari a circa 32 milioni di tonnellate (Fiumi et al. 2004). Attualmente in Italia, il monitoraggio di superfici coperte da c-a è sostanzialmente basato sul rilevamento diretto, normalmente realizzato dal personale esperto delle Aziende Sanitarie Locali (ASL) ed ARPA (Agenzia Regionale Protezione dell Ambiente). La localizzazione dei siti contaminati, secondo tale approccio, comporta tuttavia una serie di difficoltà logistiche, con conseguenti ripercussioni economiche, soprattutto quando l indagine interessa superfici territoriali estese (Fiumi et al. 2004). A seguito delle ultime disposizioni della L. 23/3/2001 n. 93 e del D. M. 18/3/2003 n. 101, la Regione Lazio, tramite il Centro Regionale Amianto della Azienda USL di Viterbo, ha avviato il progetto per la realizzazione della mappatura delle coperture in c-a, in collaborazione con l Istituto sull Inquinamento Atmosferico del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche). A questo proposito è stato previsto l uso di strumenti innovativi come il telerilevamento da aereo con dato MIVIS (Multispectral Infrared Visibile Imaging Spectrometer). Nel presente contributo viene brevemente descritta la metodologia di realizzazione di una mappatura di coperture in c-a su un area di studio corrispondente alla Via Tiburtina (Roma). 1

2 Ambito del lavoro, software impiegati, stato di avanzamento Il progetto nasce dall attività di ricerca dell Istituto sull Inquinamento Atmosferico, sulla base dell esperienza accumulata dal gruppo di ricerca sulla tematica della classificazione di superfici in c-a (Fiumi et al. 2004). A seguito alla convenzione sottoscritta tra L Istituto Inquinamento Atmosferico del CNR ed il Centro Regionale Amianto (CRA), si è provveduto alla realizzazione di una mappatura di coperture in c-a su aree campione della Regione Lazio caratterizzate da una rilevante presenza di questo materiale. Per la realizzazione del progetto sono stati acquisiti dati per una superficie complessiva di km², pari al 4,6 % del territorio della Regione Lazio. Le riprese tramite sensore MIVIS sono state effettuate ad una quota di metri, corrispondente ad un pixel di 3x3m. E stato previsto l utilizzo di Sistemi Gis, affinché i siti individuati siano ubicati su base cartografica. Tramite Gis, le mappe caratterizzanti le coperture in c-a sono state valutate in termini di accuratezza ed integrate con altri dati. A tal fine, i software utilizzati sono stati: - Exelis Envi vers ESRI ArcGis 10 La sperimentazione di tale metodologia nell area di studio di Tiburtina è attualmente in corso d opera, ed è prevista una integrazione con dati forniti dalla Asl locale relativi ai piani di bonifica, al fine valutare il processo di dismissione delle coperture in c-a. A questo proposito, saranno utilizzati due voli MIVIS acquisiti in periodi diversi, integrati a dati cartografici e dati ISTAT. Procedura di classificazione delle coperture Il MIVIS è un sensore iperspettrale in grado di registrare la radiazione elettromagnetica proveniente dalla superficie della terra in 102 canali di ripresa, distribuiti nelle regioni spettrali del visibile, dell infrarosso vicino e medio e dell infrarosso termico. L elevata risoluzione, sia spaziale (pixel di 3x3 metri) che spettrale, permette di distinguere con notevole accuratezza i diversi tipi di superfici in c-a presenti nelle aree analizzate. Per ulteriori dettagli cfr. Bianchi et al. (1996). Le riprese sono state effettuate il 5 settembre 2010 ad una quota di 1500 metri. I dati acquisti sono stati pre-elaborati presso il CISIG di Parma, al fine di effettuare delle analisi quantitative accurate e riproducibili. A tal proposito sono stati definiti, ed adottati da tempo, protocolli per una serie di procedure che costituiscono la fase di pre-elaborazione, quali la calibrazione radiometrica, ottenuta secondo relazioni analitiche, e le correzioni atmosferiche, basate esclusivamente su modelli di trasferimento radiativi (MODTRAN e 6S). La pre-elaborazione ed analisi dei dati iperspettrali MIVIS comprende: - la calibrazione radiometrica; - l eliminazione di eventuali rumori sistematici introdotti accidentalmente nei dati; - correzioni geometriche. I dati MIVIS acquisiti sono stati georeferenziati nel sistema cartografico di riferimento standard, il WGS84 UTM 33N, usando : - I dati registrati a bordo dal sistema GPS/inerziale Applanix. - Un Modello digitale del terreno. Il software di georeferenziazione utilizzato, chiamato PARGE (Parametric Geocoding), ricostruisce la geometria di scansione di ogni pixel. Per ulteriori dettagli cfr. Manual Dedalus Enterprise (2006). L identificazione delle coperture in c-a è stata realizzata mediante procedura Image Based, identificando alcune superfici campione (training sets) (ITT, 2008). Tali aree campione sono state successivamente utilizzate per determinare il comportamento spettrale medio del c-a (Heiden et al.2001; Boardman et al. 1994). La classificazione è stata infine realizzata utilizzando l algoritmo di classificazione S.A.M. (Spectral Angle Mapper), in grado di restituire una rapida mappatura delle similarità di spettri di immagine con spettri di riferimento, assegnando quindi alla classe c-a soltanto i pixel che presentavano una firma spettrale simile alla firma media individuata sul training set. Per ulteriori dettagli cfr. Yuhas (1992). 2

3 Le mappe tematiche prodotte dalla classificazione sono state sottoposte ad una rigorosa valutazione statistica di accuratezza, tramite l analisi della matrice di errore (riportante le coincidenze tra le classi, errori di commission e omission), nonché tramite le indagini in campo (Story et al., 1986). I risultati ottenuti dalle elaborazioni hanno confermato la validità della metodologia, e le indagini in campo hanno dimostrato una buona corrispondenza tra la mappa prodotta e la realtà. Si è tuttavia evidenziata una generale confusione con alcuni tipi di copertura caratterizzati da firma spettrale simile (es. bitume, asfalto), nonché una sottostima dei pixel riconosciuti dalla classificazione come c-a, con pochi pixel su una copertura più ampia. Integrazione dati ed elaborazioni in ArcGis Considerando i limiti dovuti agli errori di sottostima sopracitati, si è reso necessario innanzitutto procedere con ulteriori analisi spaziali in ambiente Gis. La classificazione ottenuta da ENVI (ITT, 2008) è stata importata ed elaborata in ArcGis 10, (ArcGis, 2010) procedendo ad una serie di analisi spaziali di seguito elencate: - Vettorializzazione dei dati di classificazione tramite il tool di conversione (Conversion/Raster to polygon), il quale converte i dati raster in formato shapefile vettoriale, in modo da poter selezionare le coperture in c-a utilizzandone i relativi campi (come ad esempio, l area di ogni copertura) per eseguire funzioni specifiche. - Alla precedente tecnica di conversione segue necessariamente l uso dello strumento del Gis Dissolve (Data Managment/Generalization), tramite il quale sono stati aggregati tra loro i vari poligoni, in modo da costituire le singole coperture in c-a. Questo strumento infatti è in grado di associare entità diverse, aggregandole secondo uno specifico attributo, risolvendo il problema legato alla grande frammentazione dei poligoni creati in seguito alla trasformazione in vettoriale. - Come semplificazione automatica dei poligoni, per evitare l effetto a gradini, è stata applicata la tecnica basata sull uso dell algoritmo Minimum Bounding Geometry. (Data Managment/features). Tale tecnica crea una nuova feature class composta dai poligoni convessi contenenti tutti i punti delle funzioni di imput, minimizzandone la superficie (opzione di geometria: convex hull). L algoritmo è stato successivamente soggetto a una verifica dei risultati ottenuti nelle aree di Tiburtina sulle quali sono state condotte le indagini in campo, tramite un confronto puntuale per ciascun fabbricato censito, tra il risultato ottenuto dalla classificazione e l algoritmo in questione, utilizzando come verità a terra la CTR (Carta Tecnica Regionale) vettoriale. Dal confronto tra la superficie di ciascun poligono ottenuto dalla classificazione e quelle ottenute tramite il Minimum Bounding è stato calcolato il numero dei casi che più si avvicinano alla CTR come verità al suolo. Di seguito si evidenzia come l applicazione dell algoritmo abbia prodotto dei poligoni che si avvicinano maggiormente alla realtà, nel 75,5% dei casi (Tabella 1). Tabella 1: Confronto tra elaborazioni ( MB = Area CTR - Area Minimum Bounding Class = Area CTR - Area Classificazione ) Numero casi % casi MB < Class 38 77,5 MB > Class 11 22,5 Totale

4 Tabella 2: Confronto tra elaborazioni ( MB = Area CTR - Area Minimum Bounding, Class = Area CTR - Area Classificazione ) N Casi ( MB > N Casi ( MB < N Tot. Casi % Casi ( MB > % Casi ( MB < Tiburtina ,7 76,3 Osservando le quantità di c-a rilevate a seconda della tecnica utilizzata (Tabella 2), si nota come la tecnica del Minimum Bounding sia la più rappresentativa della realtà, poiché in grado di delineare i reali limiti delle coperture rimediando agli errori di sottostima (Fig.1) Fig. 1: Confronto tra classificazione SAM (a sinistra) e classificazione tramite Minimum Bounding (a destra). L immagine di fondo è stata estrapolata dal database cartografico di ArcGis online, Bing Maps Aerial ad alta risoluzione. Applicando un intersezione spaziale tra i dati di classificazione e l edificato vettoriale estratto dalla CTR (Analysis tool/overlay/intersect, Spatial Join), tramite Join Table, è stato possibile ottenere il dato che tematizza le coperture su CTR (visivamente la copertura va a svilupparsi sull intero poligono dell edificio). Tale applicazione ha tuttavia evidenziato una sovrastima delle superfici caratterizzate: il confronto tra l elaborazione MIVIS e la CTR ha permesso di verificare che su 15 delle 64 indagini in campo effettuate (pari al 23,4 %), il poligono della CTR non corrispondeva alla realtà (è stato accertato che si trattava di più coperture tipologicamente diverse anche nell utilizzo dei materiali). In fig.1 viene ben illustrata la problematica, riportando anche la quantità di c-a considerata nell intersezione con l edificato: in questo caso si osserva 4

5 una importante sovrastima, dovuta al fatto che ogni edificio contenente una superficie, anche piccola, è preso in considerazione e considerato nella sua intera estensione. Fig. 2: Confronto tra classificazione tramite Minimum Bounding (a sinistra) e classificazione tramite intersezione con la CTR (a destra). L immagine di fondo è stata estrapolata dal database cartografico di ArcGis online, Bing Maps Aerial ad alta risoluzione. Nonostante l errore di sovrastima, questa tecnica risulta tuttavia importante, poiché in grado di valutare la quantità totale di edifici coinvolti, nonché una massima quantità di c-a potenzialmente presente (Tabella 3). Tabella 3 Confronto tra tecniche di elaborazione (Quantità di c-a complessiva nell area di studio, in m²) Elaborazioni coperture in c-a m² Classificazione Sam Minimum Bounding Intersezione Edificato Infine, per lo studio dell evoluzione del territorio della via Tiburtina attualmente in corso, stiamo integrando le mappe sulle coperture in c-a con i dati Istat relativi ai Censimenti Generali della Popolazione e dell Industria e Servizi, ad un livello di dettaglio territoriale fine (area e microarea). L obiettivo è quello di individuare sul territorio indici riferiti a sezione di censimento caratterizzanti la presenza di c-a, attraverso operazioni di intersezione dati in ArcGis. Conclusioni Il lavoro presentato, oltre a mostrare la validità della metodologia di integrazione dati proposta, dimostra le ottime potenzialità del dato MIVIS nell identificazione e mappatura delle coperture in c- a, poiché in grado di realizzare rapidamente mappe di notevole precisione, riducendo drasticamente i tempi di lavoro. Fondamentale però è risultato l uso di ArcGis 10 per l elaborazione 5

6 ed integrazione dei dati, poiché ha fornito gli strumenti necessari all identificazione delle coperture potenzialmente più rischiose per la popolazione, consentendo di pianificare le operazioni di bonifica. Bibliografia ArcGis Resource Center, Minimum Bounding Geometry (Data Management), Bianchi R., Cavalli R.M., Fiumi L., Marino C.M., Pignatti S., Pizzaferri G. ( ) - CNR LARA Project airborne hyperspectral campaigns. Proceedings of Eleventh Thematic Conference and Workshops Applied Geologic Remote Sensing, Las Vegas, Nevada USA, 1996, pp Boardman J.W., Kruse F.A. (1994) - Automed spectral analysis: a geologiacal axample using AVIRIS data, North Grapevine Mountains, Nevada. Proceedings of Tenth Thematic Conference on Geologic Remote Sensing, San Antonio Texas USA, Vol. I. pp Daedalus Enterprise - AA5000 MIVIS Operator Manual, volume 6. ITT Visual Information Solutions, ENVI - Environment for Visualizing Images, Version 4.4.[Online] Available at: Story M., Congalton R.G. (1986) Accuracy assessment: a user s prospective. Photogrammetric Engineering and Remote Sensing, 52 pp Kruse F.A., A.B.Lefkoff,, J.B.Boardman, et al (1993) - The Spectral Image Processing System (SIPS) Interactive Visualization and Analysis of Imaging spectrometer data. Remote Sensing of Environmental v.44 p Heiden, U., S.Roessner, K.Segl, et al. (2001) - Analysis of spectral signatures of urban surfaces for their area-wide identification using hyperspectral HyMap data. Proceedings of IEEE-ISPRS Joint Workshop on Remote Sensing and Data Fusion over Urban Areas. Rome, Italy, November 8-9, 2001; pp Fiumi L., L.Camilucci, A.Campopiano, et al. (2004) - Indagine conoscitiva su alcuni fabbricati con coperture in cemento-amianto in località Magliana Roma. Monografico 2004 di Prevenzione Oggi, ISBN , Ed. Global Madia System Press. Yuhas R.H., A.F.H. Goetz, and J.W.Boardman (1992) - Descrimination among semiarid landscape endmembers using THE Spectral Angle Mapper (SAM) algorithm. Summaries of the Third Annual JPL Airborne Geoscienze Workshop, 1 june, Pasadena, CA, Jet Propulsion Laboratory, Riferimenti autori ed Ente di appartenenza CNR Istituto sull Inquinamento Atmosferico: Lorenza Fiumi: Carlo Meoni: Stefano Tocci: 6

Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS

Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Mappatura delle coperture in cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Lorenzo Busetto (1,2), Martino Michieletti (1,3) (1) DISAT Università Statale di Milano Bicocca - Laboratorio di Telerilevamento;

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Elaborazione dati del sensore MIVIS per l individuazione di elementi e materiali da

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto

Mappatura delle coperture in cemento-amianto Piano Regionale Amianto della Lombardia Mappatura delle coperture in cemento-amianto Conferenza Regionale Amianto 2008 Le aree interessate dalla mappatura: Area Kmq Olona 653 Valtrompia 63 Valcamonica

Dettagli

APPLICAZIONE DEL TELERILEVAMENTO NEL CENSIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO

APPLICAZIONE DEL TELERILEVAMENTO NEL CENSIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO APPLICAZIONE DEL TELERILEVAMENTO NEL CENSIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO di Daniele Grandesso, Tecnico della Prevenzione Arpa Veneto Una problematica ambientale e sanitaria tristemente nota e

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Enrico Zini ARPA Lombardia Workshop informativo: "Amianto: cosa fare?" 30 Marzo 2012, Lecco Sommario 1) Mappatura delle coperture

Dettagli

Individuazione delle coperture in cemento-amianto mediante tecniche di telerilevamento

Individuazione delle coperture in cemento-amianto mediante tecniche di telerilevamento Individuazione delle coperture in cemento-amianto mediante tecniche di telerilevamento Roberto Colombo, Cinzia Panigada, Chiara Cilia, Micol Rossini TELERILEVAMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO Un

Dettagli

MAPPATURA DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO ATTRAVERSO TELERILEVAMENTO

MAPPATURA DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO ATTRAVERSO TELERILEVAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ISTITUTO SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO L.A.R.A. - Laboratorio Aereo Ricerche Ambientali MAPPATURA DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO ATTRAVERSO TELERILEVAMENTO MIVIS

Dettagli

Metodologie per l individuazione di coperture in cemento-amianto mediante dati da remoto

Metodologie per l individuazione di coperture in cemento-amianto mediante dati da remoto Metodologie per l individuazione di coperture in cemento-amianto mediante dati da remoto Massimiliano Basile Giannini, Teresa Creta, Daniela Guglietta, Pasquale Merola e Alessia Allegrini C.N.R.- Istituto

Dettagli

Attuazione di un programma integrato di controllo per la mappatura delle coperture di cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS

Attuazione di un programma integrato di controllo per la mappatura delle coperture di cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS Attuazione di un programma integrato di controllo per la mappatura delle coperture di cemento-amianto tramite riprese iperspettrali MIVIS G. Campobasso (**), V.F. Uricchio (*) S. D Arpa (*) (*) Consiglio

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria

Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Mappatura delle coperture in cemento-amianto e monitoraggio delle fibre in aria Anna Somigliana, Enrico Zini ARPA Lombardia Convegno: Amianto: conoscere per gestire Cremona, 4 Ottobre 2012 Mappatura: obiettivi

Dettagli

La mappatura delle coperture in cemento-amianto in Piemonte nota illustrativa sulla metodologia sperimentale con tecniche integrate

La mappatura delle coperture in cemento-amianto in Piemonte nota illustrativa sulla metodologia sperimentale con tecniche integrate La mappatura delle coperture in cemento-amianto in Piemonte nota illustrativa sulla metodologia sperimentale con tecniche integrate Isabella Tinetti (*) (*) Arpa Piemonte, via Pio VII, 9 10135 Torino,

Dettagli

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI

MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI MONITORAGGIO DELL ACQUA DEI REGI LAGNI ATTRAVERSO ANALISI TERMICHE DA IMMAGINI TELERILEVATE INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 3 2. METODOLOGIA pag. 4 3. AREA IN ESAME pag. 6 4. RISULTATI pag. 7 6. CONCLUSIONI

Dettagli

Individuazione di coperture in cemento-amianto e del loro deterioramento da immagini iperspettrali

Individuazione di coperture in cemento-amianto e del loro deterioramento da immagini iperspettrali Individuazione di coperture in cemento-amianto e del loro deterioramento da immagini iperspettrali Chiara Cilia (*), Cinzia Panigada (*), Micol Rossini (*), Monica Pepe (**), Gabriele Candiani (**), Roberto

Dettagli

Osservazioni e considerazioni sulla permeabilità dei suoli nell area urbana della città di Roma

Osservazioni e considerazioni sulla permeabilità dei suoli nell area urbana della città di Roma Osservazioni e considerazioni sulla permeabilità dei suoli nell area urbana della città di Roma Lorenza Fiumi Istituto sull Inquinamento Atmosferico, LARA, CNR, Consorzio per l Università di Pomezia, Via

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente Facoltà di Pianificazione del Territorio Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente 07 ottobre 2008 LABORATORIO ELABORAZIONE DI IMMAGINI della Facoltà di Pianificazione

Dettagli

Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina.

Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina. Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina. Gaetano La Bella, Sonia Corso, Giacomo Lo Piccolo, Rosario Terraforte, Giulia Varrica, Gaetano Pisciotta, Caterina Randazzo,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Con il patrocinio di PROGRAMMA DEL CORSO (50 ORE) LEZIONE 1 Sabato 19 novembre 2011 Ore 8:30-10:30 - presentazione del corso - Introduzione

Dettagli

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS

APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS APPENDICE C PRETRATTAMENTO DEI DATI MIVIS Il software MIDAS produce i dati MIVIS corretti operando in sequenza in modo da acquisire prima tutti i dati grezzi del sensore MIVIS da cui estrarre tutte le

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

TECNOLOGIA SAPR PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

TECNOLOGIA SAPR PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI TECNOLOGIA SAPR PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI mappatura dell'amianto 2 COSA É L'AMIANTO Il termine amianto è utilizzato per indicare un gruppo di minerali con struttura fibrosa, tutti classificati come

Dettagli

4. TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE CON IL SENSORE MIVIS

4. TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE CON IL SENSORE MIVIS 4. TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE CON IL SENSORE MIVIS La vegetazione, può essere studiata con tecniche di rilevamento a terra e con sensori remoti. Nel passato, i dati raccolti a terra mediante misure

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE II EDIZIONE ANNO 2012 Con il patrocinio di Presso la sala conferenze Hotel Dragonara, Via Pietro Nenni 280, 66020 San Giovanni Teatino

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento

Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento Carabinieri per la Tutela dell Ambiente Nucleo Operativo Ecologico di Trento DALL EMERGENZA DELLE BONIFICHE AD UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEL TERRITORIO Trento 3 4 luglio 2008 a cura di: Carlo Bellini Maresciallo

Dettagli

METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE

METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE METODOLOGIE AUTOMATICHE NELL ELABORAZIONE DI IMMAGINI SATELLITARI STEREOSCOPICHE AD ALTA RISOLUZIONE PER APPLICAZIONI INGEGNERISTICHE R. Brigante Università di Perugia Dipartimento di Ingegneria Civile

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

ENVI for ArcGIS Trasformate le immagini geospaziali in informazioni utili per il vostro GIS su piattaforme desktop, dispositivi mobili e cloud.

ENVI for ArcGIS Trasformate le immagini geospaziali in informazioni utili per il vostro GIS su piattaforme desktop, dispositivi mobili e cloud. LE IMMAGINI DIVENTANO CONOSCENZA ENVI for ArcGIS Trasformate le immagini geospaziali in informazioni utili per il vostro GIS su piattaforme desktop, dispositivi mobili e cloud. LA POTENZA DELL ANALISI

Dettagli

Amianto adempimenti normativi, procedure, aspetti gestionali e sanitari

Amianto adempimenti normativi, procedure, aspetti gestionali e sanitari Brescia 15 marzo 2013 Amianto adempimenti normativi, procedure, aspetti gestionali e sanitari Giulio Sesana - Sergio Savoldelli Arpa- Dipartimento di Brescia via Cantore 20 - Brescia SORTE AMBIENTALE DELLE

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client

I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client Autori: A. Brunozzi, A. Ciarapica Regione Umbria Direzione programmazione, innovazione e competitività dell Umbria, Servizio Informatico/Informativo:

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

Sistema avanzato per la classificazione delle aree agricole in immagini ad elevata risoluzione geometrica: applicazione al territorio del Trentino

Sistema avanzato per la classificazione delle aree agricole in immagini ad elevata risoluzione geometrica: applicazione al territorio del Trentino Sistema avanzato per la classificazione delle aree agricole in immagini ad elevata risoluzione geometrica: applicazione al territorio del Trentino Edoardo ARNOLDI (*), Lorenzo BRUZZONE (**), Lorenzo CARLIN

Dettagli

2 IL TELERILEVAMENTO

2 IL TELERILEVAMENTO 2 IL TELERILEVAMENTO Il termine telerilevamento (remote sensing) si riferisce a misure effettuate mediante sistemi non in contatto con l'oggetto o il fenomeno da rilevare. Gli strumenti di misura possono

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

Analisi dei fenomeni di subsidenza nel bacino del fiume Arno Abstract Introduzione

Analisi dei fenomeni di subsidenza nel bacino del fiume Arno Abstract Introduzione Analisi dei fenomeni di subsidenza nel bacino del fiume Arno Giovanni Montini (*), Laura Benvenuti (*), Giovanni Menduni (*) (*) Autorità di Bacino del fiume Arno Abstract Al fine di esaminare l'andamento

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

AMLETO (by siloscav, 2013)

AMLETO (by siloscav, 2013) ALLEGATO 2 AMLETO (by siloscav, 20) I materiali contenenti amianto presenti in un edificio o in un impianto non comportano di per sé l'esistenza di un pericolo per la salute degli occupanti. Se il materiale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

Linee guida per la corretta acquisizione delle informazioni relative alla mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto

Linee guida per la corretta acquisizione delle informazioni relative alla mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto Nota In merito alla Mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto, ai sensi dell art. 20 della Legge 23 marzo 200, n. 93 e del Decreto ministeriale 18 marzo 2003, n. 101, si

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento Paolo PLINI, Rosamaria SALVATORI, Sabina DI FRANCO, Valentina DE SANTIS Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Stefano De Corso e Daniele Magrì IPT - Informatica per il Territorio, via Sallustiana,

Dettagli

Soluzioni software geospaziali per la difesa e la sicurezza

Soluzioni software geospaziali per la difesa e la sicurezza Soluzioni software geospaziali per la difesa e la sicurezza Soluzioni Exelis Visual Information Solutions per le immagini geospaziali TUTTA LA POTENZA DELLE IMMAGINI E DEI DATI GEOSPAZIALI Il mondo in

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936

La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936 La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936 Sboarina C. - Ciolli M. - Ferretti F. Pompei E. - Vitti A. - Zatelli P. marco.ciolli@ing.unitn.it Università di Trento Dipartimento

Dettagli

Enrico ZINI (*), Dario BELLINGERI (*), Michele BOCCI(**), Alessandro MENIN(*)

Enrico ZINI (*), Dario BELLINGERI (*), Michele BOCCI(**), Alessandro MENIN(*) Il Progetto SINA Sentinel-1: uso del telerilevamento per il monitoraggio della copertura del suolo, dello stato della vegetazione e per la mappatura del manto nevoso Enrico ZINI (*), Dario BELLINGERI (*),

Dettagli

Come si assegnano le coordinate?

Come si assegnano le coordinate? Come si assegnano le coordinate? Ma come vengono assegnate le coordinate ad una mappa?. Mappa di nuova produzione definisco all inizio il sistema di coordinate. Mappa già esistente ma non riferita ad sistema

Dettagli

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto

Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE E PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO ESAME DI TOPOGRAFIA E GEOMATICA mod. II Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto Relazione

Dettagli

Elaborazioni geometriche di dati vettoriali. M. Alberti - 2010 www.malg.eu

Elaborazioni geometriche di dati vettoriali. M. Alberti - 2010 www.malg.eu Elaborazioni geometriche di dati vettoriali M. Alberti - 2010 www.malg.eu Elaborazioni spaziali Operazioni di trasformazione dei dati originari. Si possono applicare su un singolo tema o su più temi. MONO-TEMA

Dettagli

INTEGRAZIONE DI DATI CARTOGRAFICI E DA REMOTO A SUPPORTO DI STUDI AMBIENTALI DELLA CITTÀ DI NAPOLI

INTEGRAZIONE DI DATI CARTOGRAFICI E DA REMOTO A SUPPORTO DI STUDI AMBIENTALI DELLA CITTÀ DI NAPOLI INTEGRAZIONE DI DATI CARTOGRAFICI E DA REMOTO A SUPPORTO DI STUDI AMBIENTALI DELLA CITTÀ DI NAPOLI T. CRETA, G. FONTINOVO, D. GUGLIETTA, E. MERCURI, P. MEROLA, A. ALLEGRINI (*) CNR Istituto sull Inquinamento

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente Orientamento Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente N. Pierdicca - pierdicca@die.uniroma1.it V. Ferrara - ferrara@die.uniroma1.it Sistemi complessi per l ambiente Monitoraggio ambientale /

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

ArcGIS. Image Server. Distribuzione di immagini ad alte prestazioni con elaborazione On Demand

ArcGIS. Image Server. Distribuzione di immagini ad alte prestazioni con elaborazione On Demand ArcGIS Image Server Distribuzione di immagini ad alte prestazioni con elaborazione On Demand ArcGIS Image Server Distribuzione di immagini ad alte prestazioni con elaborazione On Demand ArcGIS Image Server

Dettagli

Procedura per la raccolta dati sul campo mediante dispositivi mobili

Procedura per la raccolta dati sul campo mediante dispositivi mobili Laboratorio di Geomatica Procedura per la raccolta dati sul campo mediante dispositivi mobili - RAPPORTO TECNICO - A cura del gruppo di lavoro: Stefano Roverato Fabio Olivotti Alice Mayer LUGLIO 2014 Indice

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

Il sistema informativo SISBON. Un esempio di gestione integrata della banca dati dei siti interessati da procedimento di bonifica in Toscana

Il sistema informativo SISBON. Un esempio di gestione integrata della banca dati dei siti interessati da procedimento di bonifica in Toscana Il sistema informativo SISBON. Un esempio di gestione integrata della banca dati dei siti interessati da procedimento di bonifica in Toscana Marco Bazzani, Camillo Berti, Cinzia Licciardello, Stefano Menichetti,

Dettagli

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE

IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE IL TELERILEVAMENTO DELLA VEGETAZIONE AGRICOLA: PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE Fabio MASELLI IBIMET-CNR, Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino, FI ARGOMENTI TRATTATI La presentazione intende dare

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS Componenti

Dettagli

5 LE REGIONI ALLA SFIDA DELL AMIANTO

5 LE REGIONI ALLA SFIDA DELL AMIANTO 5 LE REGIONI ALLA SFIDA DELL AMIANTO 5.1 I censimenti dell amianto nascosto e ubiquitario In Italia, secondo le stime di Cnr e Ispesl, ci sono ancora 32 milioni di tonnellate di amianto sparse per il territorio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL SOFTWARE QGIS E NUOVE FUNZIONALITÀ

GUIDA OPERATIVA AL SOFTWARE QGIS E NUOVE FUNZIONALITÀ giovedì 7 maggio 2015 // Centro Studi PIM Villa Scheibler a cura di Angelo Armentano EDITARE Ultima versione del software QGis e strumenti di editing avanzato a cura della dott.ssa Francesca Cella [Centro

Dettagli

FORMAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI MERANO NELL AMBITO DEI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

FORMAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI MERANO NELL AMBITO DEI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI FORMAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI MERANO NELL AMBITO DEI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Nicola DE BERTOLDI(*), Franco GUZZETTI (**),Annalisa PELONE(***), Paolo VISKANIC (***) (*) Comune di Merano

Dettagli

Il telerilevamento aereo multispettrale

Il telerilevamento aereo multispettrale Il telerilevamento aereo multispettrale per la mappatura degli incendi boschivi NELL AMBITO DEL PROGETTO SIMIB (SISTEMA INFORMATIVO DI MONITORAGGIO DEGLI INCENDI BOSCHIVI), È STATA MESSA A PUNTO E VALIDATA

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi Introduzione Introduzione... vi Obiettivi del corso... vi Utilizz del manuale... vi Ulteriori risorse... vii Installazione dei dati del corso... vii 1 Workflow del

Dettagli

Sistema Integrato di MOnitoraggio:

Sistema Integrato di MOnitoraggio: Sistema Integrato di MOnitoraggio: applicato alla rete dei trasporto GAS SIMO Presentazione Progetto Angela Losurdo Geocart - Potenza TEAM PROPONENTE GEOCART srl Società di Servizi d Ingegneria Prime DIGIMAT

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D 3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D La base di partenza per la creazione del mondo virtuale è l aerofotogrammetria e/o I rilievi fotografici con scansioni laser. Il prodotto così ottenuto, è lo

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 2 Le componenti dell Informazione Territoriale Introduzione ai GIS A. Chiarandini

Dettagli

CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE

CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE Dott.ssa Rita Di Domenicantonio, Roma Capitale Dott.ssa Antonella Daidone, AMA S.p.a. Maria Marsella, D.I.C.E.A. - La Sapienza Università di Roma Marianna

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 8. Cartografia digitale Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Aspetti generali Organizzazione

Dettagli

PER DEI SISTEMI A MAREA

PER DEI SISTEMI A MAREA CAPITOLO TERZO IL TELERILEVAMENTO PER LO STUDIO DEI SISTEMI A MAREA ISTEMI A M 3.1 Principi generali del telerilevamento Il controllo periodico della vegetazione di barena attraverso analisi in campo delle

Dettagli

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2 Azione 2 REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI CONSULTAZIONE ON LINE DELLE COPERTURE AEROFOTOGRAMMETRICHE REGIONALI e VIDEOCONSULTAZIONE IN STEREOSCOPIA CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSE La Regione Campania nell ambito

Dettagli

TELERILEVAMENTO DA SATELLITE AD ALTA RISOLUZIONE PER IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

TELERILEVAMENTO DA SATELLITE AD ALTA RISOLUZIONE PER IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TELERILEVAMENTO DA SATELLITE AD ALTA RISOLUZIONE PER IL MONITORAGGIO DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Francesco IMMORDINO (*), Vincent OTTAVIANI (**), Gianluca MASSEI (**), Silvia

Dettagli

Sistema Antincendio Regione Abruzzo. Maurizio Facca

Sistema Antincendio Regione Abruzzo. Maurizio Facca Sistema Antincendio Regione Abruzzo Maurizio Facca WEB Architettura Architettura SOA (Service Oriented Architecture) Applicazione web multi-livello. Terminali e Database disconnessi Cartografie di terze

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA

IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA Progetto LITTORISK Termoli, 20/10/2006 IMAGE PROCESSING APPLICATO AI RISCHI NATURALI IN AREA COSTIERA ENEA - Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia, e per l Ambiente Italia S. Cardinali, E. Valpreda,

Dettagli

GIS: una introduzione

GIS: una introduzione GIS: una introduzione definizioni GIS tools: i GIS come tecnologia software definizioni Le tecnologie dell informazione geografica Informazione geografica Informazione sugli oggetti e sui fenomeni disposti

Dettagli

Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale. Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa.

Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale. Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa. Il Trattamento della Toponomastica della Cartografia Digitale Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare ad2prod@geomil.esercito.difesa.it Introduzione I toponimi condividono, con i confini, la caratteristica

Dettagli