Rassegna stampa - CONFIMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa - CONFIMI"

Transcript

1 Rassegna stampa - CONFIMI Rassegna del 30/01/2015 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 30/01/2015 Il Giornale di Vicenza «Riflessione necessaria ma il tessuto è sano» 30/01/2015 Il Giornale di Vicenza Ovest vicentino pronto al rilancio 6 7 CONFIMI WEB 29/01/ :08 Confimi: Dichiarazioni d'intento e certificazione unica a rischio 29/01/2015 agenparl.com 14:32 Split payment e reverse charge: Gorzanelli (Confimi), Ancora un colpo alle Pmi 29/01/ :03 Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" 29/01/ :03 Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" 29/01/ :03 Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" 29/01/ :03 Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" 29/01/ :01 "Split payment", Gorzanelli (Confimi) : "Duro colpo alle Pmi" 29/01/2015 Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" 29/01/2015 larivieraonline.com 12:58 Gerace in Umbria per progetto europeo eccellenze del territorio SCENARIO ECONOMIA

3 30/01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Export e case, perché l'italia rivede la ripresa 30/01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Orlandi: dico no alle lobby sul modello /01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Padiglione Italia, inchiesta sulla ristorazione a Peck 30/01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Mps, maxi speculazione In due giorni perde il 12% 30/01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Bce: banche più prudenti sulle cedole 30/01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Addio a Genova, Costa Crociere porterà la «regia» ad Amburgo 30/01/2015 Corriere della Sera - Nazionale Cucinelli colloca in Borsa il 5,15% di Cucinelli 30/01/2015 Il Sole 24 Ore A gennaio in risalita la fiducia di imprese e consumatori* 30/01/2015 Il Sole 24 Ore Se l'aiuto ad Atene serve a Eurolandia* 30/01/2015 Il Sole 24 Ore La «pazienza» della Fed può durare per tutto il /01/2015 Il Sole 24 Ore Grecia, i mercati tirano il fiato 30/01/2015 Il Sole 24 Ore Piano nazionale ricerca: 4,6 miliardi nel /01/2015 Il Sole 24 Ore Expo, un patto per calmierare i prezzi 30/01/2015 Il Sole 24 Ore Non c'è Qe senza investimenti 30/01/2015 Il Sole 24 Ore Serra: investiamo sulle Popolari da marzo /01/2015 La Repubblica - Nazionale Da Brescia a Verona la 'ndrangheta puntava agli appalti del Nord 30/01/2015 La Repubblica - Nazionale Shell taglia 15 miliardi di spese per resistere al crollo del petrolio

4 30/01/2015 La Stampa - Nazionale Banche, stretta Bce su bonus e dividendi 30/01/2015 MF - Nazionale Il modello delle banche popolari è la strada verso un sistema creditizio più democratico 30/01/2015 L'Espresso Così rinasce l'italia 30/01/2015 L'Espresso Draghi-Merkel cronaca di un divorzio SCENARIO PMI 30/01/2015 Il Sole 24 Ore «Garanzie più forti alle piccole imprese» 30/01/2015 Il Giornale - Milano Lombardia patria di invenzioni e brevetti 30/01/2015 Avvenire - Nazionale «L'altro Pil serve anche in azienda» 30/01/2015 ItaliaOggi Perché le banche si fermano quest'oggi 30/01/2015 MF - Nazionale Anche il fondo di Mps investe nel rilancio di Lanificio Botto

5 CONFIMI 2 articoli

6 30/01/2015 Il Giornale di Vicenza Pag. 40 (diffusione:41821, tiratura:51628) LE REAZIONI. Compatti i rappresentanti delle categorie economiche «Riflessione necessaria ma il tessuto è sano» La villa dei Bolognino. F.C. Le categorie economiche sono preoccupate per le infiltrazioni della Piovra, come dimostrano le inchieste della procura antimafia di Bologna. «C è poco da prendersi in giro - tuona Sandro Venzo, presidente degli Artigiani - Se questa gente è arrivata nel nostro territorio, l ha fatto perché sapeva di poterci operare con tutti i modi illeciti e meschini elencati nei capi d accusa. Le banche hanno chiuso i rubinetti da anni, gli artigiani non sanno più come andare avanti, è facile che qualcuno ceda per disperazione. Abbiamo cercato di indagare, ma è difficile che qualcuno parli. Il problema usura c è ed è grande. Nei prossimi giorni ci sarà la riunione delle categorie economiche Bassanesi, ho già incluso all ordine del giorno la questione Bolognino. Una riflessione è necessaria». Da parte sua William Beozzo di Apindustria sottolinea che «in premessa tengo a specificare che l imprenditoria veneta è sana anche se si trova in grave difficoltà. Non credo che i nostri imprenditori potrebbero cedere facilmente alle lusinghe della mafia. E chiaro, però, che non si sa più dove andare a reperire le risorse economiche. È possibile, quindi, che questa gente si sia avvicinata a qualche imprenditore in grave difficoltà, convincendolo a fidarsi con la promessa di aiuti economici facili, e che l imprenditore in buona fede abbia ceduto, giocandosi azienda e vita privata. Soprattutto per questo dobbiamo informare il più possibile. La " mafia verde", che opera nel Nord Italia esiste, ma sta a noi decidere se farla entrare nel nostro tessuto economico oppure no». Per parte sua Diego Caron, presidente del raggruppamento bassanese di di Confidustria, osserva che è «difficile dire se ci siano già state infiltrazioni nel tessuto economico locale. Sicuramente in periodo di crisi come questo è possibile ma non si può dire con certezza. Questo caso deve portare a una riflessione più ampia. Tutto va ricondotto alla tutela del cittadino. Le risorse economiche a disposizione delle forze dell ordine continuano ad essere tagliate quando invece andrebbero duplicate, per aiutarle ad intercettare meglio queste attività illecite. Certezza della pena e tempi celeri della giustizia sono questioni annose, ma attuali. Se il cittadino si sentisse più protetto, forse avrebbe più coraggio di agire e denunciare il crimine». F.C. CONFIMI - Rassegna Stampa 30/01/ /01/2015 6

7 30/01/2015 Il Giornale di Vicenza Pag. 63 (diffusione:41821, tiratura:51628) IL PRESIDENTE MANDAMENTALE DI APINDUSTRIA CONFIMI VICENZA CHIEDE MENO BUROCRAZIA E PIÙ ACCESSO AL CREDITO Ovest vicentino pronto al rilancio Un panorama della Valle dell Agno Un immagine che indica le difficoltà di accesso al... Il presidente mandamentale di Apindustria Confimi Vicenza torna a chiedere meno burocrazia e più accesso al credito Dopo una crisi che si è prolungata fino al 2014, alcuni segnali confortanti per il futuro arrivano dal comprensorio Agno Chiampo, caratterizzato da un tessuto produttivo che guarda con fiducia ai segnali di ripresa. La conferma arriva anche da Roberto Callegari, il presidente del mandamento Ovest Vicentino di Apindustria Confimi Vicenza, l associazione che rappresenta le piccole e medie imprese del distretto: attività che negli scorsi decenni hanno conosciuto una grande espansione, e possono vantare un buon potenziale di crescita. Perché se la crisi ha portato a un ridimensionamento un po ovunque, nella Valle dell Agno, a differenza di altri distretti, il mondo l impresa ha cercato di mettere in campo ogni risorsa a disposizione per contrastare gli effetti negativi: «Purtroppo è mancato per troppo tempo il sostegno delle istituzioni - spiega Callegari - a partire dai mancati interventi per snellire una burocrazia soffocante. Il mondo globale chiede dinamicità per poter competere, e qui abbiamo sempre un freno a mano che ci rallenta, anche se con le ultime riforme in discussione a Roma qualche inversione di tendenza sembra in procinto di arrivare. Ma la prudenza non è mai troppa, perché dalla politica possiamo sempre aspettarci smentite e delusioni». Un altro problema, secondo il presidente di Apindustria, resta l accesso al credito per molte piccole e medie aziende: non solo per la mancanza dei finanziamenti necessari alle imprese per realizzare nuovi investimenti, ma anche condizioni di conto corrente e di interessi elevati, soprattutto per le attività ancora in difficoltà. Una vera e propria mina vagante che può compromettere la sopravvivenza dell azienda. Tutto questo mette in crisi un territorio che andrebbe difeso e tutelato proprio per l importanza sociale ricoperta: «Non chiediamo sussidi o assistenza - insiste Callegari - perché in questa terra abbiamo imprenditori che sanno fare il loro mestiere. Chiediamo di venire messi nelle condizioni di lavorare, di competere con altre aziende europee e internazionali. Meno burocrazia e meno carte, quindi, con più attenzione allo sviluppo. Il resto lo abbiamo già: un territorio che negli anni è stato invidiato da altre aree a noi vicine, e studiato a livello mondiale, in particolare per la sua capacità innovativa». CONFIMI - Rassegna Stampa 30/01/ /01/2015 7

8 CONFIMI WEB 9 articoli

9 29/01/ :08 Sito Web Confimi: Dichiarazioni d'intento e certificazione unica a rischio pagerank: 6 "Alcune delle novità introdotte dal decreto semplificazioni (n. 175/2014) sono apprezzabili, ma i ritardi nel rilascio degli strumenti software rischiano di vanificare la semplificazione" sostiene Flavio Lorenzin presidente di Apindustria Vicenza e vicepresidente di Confimi Impresa con delega alla semplificazione. È il caso della comunicazione delle dichiarazione d'intento la cui incombenza rimane direttamente in capo all'esportatore abituale, cioè a chi chiede l'agevolazione, liberando il fornitore dall'obbligo comunicativo. La novità dimezza, a livello nazionale, i tempi dell'adempimento - e risolve i problemi sanzionatori molto pesanti - ma le criticità della fase transitoria rischiano di vanificare lo spirito semplificativo. "Mancano le versioni software in grado di consentire invii telematici cumulativi. Le nuova impostazione è assolutamente condivisibile - continua Lorenzin - ma la versione attuale del software rilasciato dall'agenzia (disponibile dal 22/12/2014) consente l'invio telematico di una sola dichiarazione per volta. Si tratta di una carenza che rende proibitiva ed eccessivamente onerosa la procedura. Ci sono operatori che hanno anche centinaia di dichiarazioni da trasmettere" Inoltre gli esportatori abituali che, a fine 2014 o nelle prime settimane del 2015, hanno consegnato le dichiarazioni d'intento senza la relativa ricevuta di trasmissione - a causa della mancanza dei software - devono infatti recuperare il mancato invio entro il 12 febbraio, affinché il fornitore possa considerare valida la richiesta di non applicazione dell'iva anche successivamente all'11 febbraio. "Serve una proroga in attesa del rilascio di release più evolute" conclude il vicepresidente di Confimi, che avanza la richiesta all'agenzia delle entrate. Proroga che è ritenuta necessaria anche per la nuova certificazione unica in scadenza il prossimo 9 marzo. A meno di 40 giorni, infatti, l'agenzia non ha ancora rilasciato alcuna versione software e gli operatori si vedono in estrema difficoltà, considerate le pesanti sanzioni previste in caso di ritardo, 100 euro per percettore. Va assolutamente rivista, infine, la posizione espressa dall'agenzia in merito alla nuova soglia per la comunicazione black list. Paradossalmente la soglia cumulativa di crea maggiori disagi rispetto alla precedente di 500 per singola operazione. CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/2015 9

10 29/01/ :32 agenparl.com Sito Web Split payment e reverse charge: Gorzanelli (Confimi), Ancora un colpo alle Pmi pagerank: 5 (AGENPARL) - Modena 29 gen - Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge'. Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge', applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. 'Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA,' commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. 'Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori'. "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia'. CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

11 29/01/ :03 Sito Web Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" pagerank: 4 Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge'. Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge', applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. 'Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA,' commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. 'Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori'. "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia'. CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

12 29/01/ :03 Sito Web Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" pagerank: 4 Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge'. Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge', applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. 'Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA,' commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. 'Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori'. "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia'. CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

13 29/01/ :03 Sito Web Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" pagerank: 4 Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge'. Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge', applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. 'Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA,' commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. 'Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori'. "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia'. CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

14 29/01/ :03 Sito Web Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" pagerank: 4 Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge'. Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge', applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. 'Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA,' commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. 'Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori'. "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia'. CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

15 29/01/ :01 Sito Web "Split payment", Gorzanelli (Confimi) : "Duro colpo alle Pmi" pagerank: 4 (Sesto Potere) - Modena - 29 gennaio Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge". Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge", applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. "Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA," commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. "Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori". "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

16 29/01/2015 Sito Web Gorzanelli (Confimi) su split payment e reverse charge: "Ancora un colpo alle Pmi. Non è così che si agevola la ripresa" pagerank: 3 Arrivano direttamente dalla Legge di Stabilità e si chiamano "split payment" e "reverse charge". Entrambe le modifiche sono accomunate dal fatto che il fornitore non riscuote l'iva: dall'ente pubblico debitore nel caso dello "split payment" dai clienti soggetti passivi nel caso del "reverse charge", applicato fino allo scorso dicembre solo nei subappalti del settore costruzioni, e oggi esteso anche ai servizi di pulizia, installazione di impianti, demolizione e completamento di uffici. "Di certo non aiuterà le PMI che non vedranno più corrispondersi l'iva sulle commesse pubbliche eseguite e che avranno un consistente ammanco in cassa fino alla data del rimborso che si fa sempre più lontano dati i tempi delle PA," commenta Giovanni Gorzanelli, presidente di Confimi Impresa Modena. La procedura in realtà non sembra neanche confermare l'intenzione del Governo, che tra gli obiettivi si era proposto di snellire il lavoro degli operatori della Pubblica Amministrazione con un processo di efficientamento e risparmio anche attraverso la fatturazione elettronica. Nello specifico per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti della Pubblica Amministrazione, l'iva dovrà essere da queste versata direttamente all'erario anziché essere corrisposta alle imprese cedenti i beni o prestatrici dei servizi, raddoppiando, di fatto, l'attività degli uffici. "Speriamo inoltre che non vi sia seguito alla previsione di estendere il reverse charge anche alle forniture ad altri settori - continua Gorzanelli - perché questo rappresenterebbe una nuova beffa a danno proprio di quei fornitori che dalla direttiva contro i ritardati pagamenti non hanno ancora avuto particolare giovamento. Il nuovo impianto quindi è problematico soprattutto per le imprese strutturalmente a credito d'iva poiché all'ammanco di cassa dovuto all'iva non corrisposta, cresce il credito Iva dato che l'impresa la deve invece corrispondere ai suoi fornitori". "E non è cosa da poco - conclude Gorzanelli - se pensiamo che per ottenere il rimborso Iva oltre la soglia di euro serve addirittura una garanzia fideiussoria oppure (dato che nemmeno quelle sono più facili da ottenere) il visto di conformità da parte di un professionista. Non sono certo queste le misure che possono essere annoverate fra quelle in grado di agevolare la ripresa dell'economia". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

17 29/01/ :58 larivieraonline.com Sito Web Gerace in Umbria per progetto europeo eccellenze del territorio La tessitura non solo come alta espressione d'artigianato (spesso anche artistico), che affonda le sue radici in una tradizione millenaria, o come opportunità commerciale, ma anche come valida occasione per guardare ad un'impresa creativa, all'innovazione nonché alla valorizzazione e pubblicizzazione delle tradizioni socioculturali e delle tipicità d'una regione e, in particolare, dei centri in cui essa viene praticata. È nato con queste finalità il progetto "Joint Patterns for Clothes Design", iniziativa finanziata dall'unione Europea per incentivare, anche, lo sviluppo delle piccole e medie imprese tessili. Contesti e finalità in cui si riconosce pienamente la storica Città di Gerace, centro d'arte tra i "Borghi più belli d'italia", che vanta una fiorente e plurisecolare tradizione dell'arte della tessitura associata a tante altre note attività artigianali.da qui l'adesione al progetto che favorisce - sempre nell'ambito del settore tessile-abbigliamento e del fashion design "lo sviluppo di nuove competenze professionali e di metodologie formative innovative finalizzate all'individuazione di qualifiche riconosciute a livello europeo", spiega il sindaco di Gerace, Giuseppe Varacalli, al rientro dall'umbria (Perugia-Bevagna) dove, insieme con la Segretaria comunale, Grazia Ferlito, e con la responsabile dell'area Amministrativa, Loredana Panetta, ha partecipato ad una "due giorni" di lavori promossa da "Confimi Impresa Umbria" ed aperta ad operatori del settore tessile provenienti da diversi Paesi dell'unione Europea. "Quello umbro, aggiunge il primo cittadino di Gerace, è stato il quarto di alcuni incontri già tenuti in altri Paesi europei e durante i quali sono state coinvolte diverse realtà operanti nel settore tessile. Gerace, aggiunge Varacalli, è presente in partnership col brand di alta moda "Cangiari" ormai noto nel mondo grazie soprattutto all'impegno ed alla professionalità di un gruppo di giovani tessitrici geracesi facenti capo alla Cooperativa Aracne". Insieme con la Città di Gerace,nel progetto "Joint partners for clothes design" sono impegnati l'istituto rumeno di formazione "General Margheru"; quello turco "SehitIdariAtaseGalipOzmen" e l'agenzia formativa ceca "CeskaAsociaceVzdelavacichInstituci". La delegazione geracese, commenta soddisfatto il sindaco Varacalli, fino ad oggi ha partecipato a tutti gli incontri svoltisi nelle varie località europee; prossimamente sarà presente anche a quello conclusivo programmato in Turchia". L'intento dell'amministrazione comunale geracese è, insomma, chiosa il primo cittadino, "di portare realmente l'europa nelle nostre realtà regionali- in questo caso nelle imprese tessili- esaltando, contestualmente, tutti i prodotti tipici della nostra terra e facendo apprezzare le peculiarità storico-architettoniche-monumentali di cui la Città di Gerace è orgogliosa depositaria! CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

18 SCENARIO ECONOMIA 21 articoli

19 30/01/2015 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 12 (diffusione:619980, tiratura:779916) Export e case, perché l'italia rivede la ripresa Dopo le stime al rialzo di Bankitalia e Confindustria, per Prometeia il Pil salirà dello 0,7% Il premier: la macchina si è riaccesa. La fiducia tocca i massimi dal 2011, l'effetto petrolio 3,7 per cento l'aumento delle compravendite di case tra luglio e settembre rispetto al 2013 Lorenzo Salvia ROMA «Segnali di ripresa timidi ma interessanti». Nel primo giorno di voto per le elezioni del presidente della Repubblica, Matteo Renzi parla di economia e, su Twitter, usa parole di prudente ottimismo. Poi, davanti all'assemblea dei grandi elettori del Pd, torna sull'argomento: «La macchina si è finalmente riaccesa». In effetti qualche movimento positivo c'è. Dopo che negli ultimi giorni la Banca d'italia aveva parlato di crescita superiore alle ultime stime e Confindustria di fine della recessione (con Susanna Camusso della Cgil che definisce l'associazione degli industriali «abbagliata per i tanti finanziamenti ricevuti»), ieri sono arrivati altri numeri con il segno più. A gennaio, secondo l'istat, l'indice di fiducia dei consumatori ha toccato il valore più alto degli ultimi sei mesi. Ancora meglio l'indice delle imprese, ai massimi dal settembre «Gli italiani sono più fiduciosi sul proprio futuro personale e sulle prospettive economiche» dicono al ministero dell'economia, aggiungendo che la «ripresa sembra diffusa in tutte le aree del Paese». Dati positivi arrivano anche dal mercato immobiliare. Tra luglio e settembre le compravendite sono salite del 3,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre i mutui hanno fatto segnare un + 13,9%. È vero che buona parte di questo boom si spiega con le surroghe, cioè la sostituzione di vecchi mutui a tassi alti con nuovi mutui più convenienti. Ma l'inversione di tendenza c'è. Un altro segnale è arrivato ieri dal Centro studi di Confindustria che rileva una «variazione della produzione industriale dello 0,3% in gennaio su dicembre», aggiungendo che «prosegue la lenta risalita dell'attività». Mentre Prometeia, centro di ricerche econometriche, dice che nel corso dell'anno la ripresa si consoliderà facendo registrare un aumento del Prodotto interno lordo pari allo 0,7%. «L'andamento - spiega il segretario generale Paolo Onofri - sarà lento nei primi mesi e più vigoroso nei trimestri centrali, anche grazie all'expo che solo per il turismo dovrebbe portare una spesa aggiuntiva di un miliardo di euro». Ma da un altro centro studi, Nomisma, invitano ad «attendere prima di festeggiare». Come spiega il capo economista Sergio De Nardis, «non si è mai avuta una combinazione di shock esterni, dalla svalutazione al prezzo del petrolio all'espansione monetaria, così favorevole». In effetti la discesa del prezzo della benzina ha dato una mano. A dicembre i consumi di carburante sono cresciuti del 4,2% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Mentre sull'energia - che del prezzo del petrolio risente solo in maniera indiretta - la tendenza resta sempre negativa. In tutto il 2014, secondo i dati provvisori di Terna, la domanda è scesa del 2,1% rispetto all'anno precedente. Solo a settembre c'era stato un piccolo aumento, lo 0,4%. In quel caso solo un fuoco di RIPRODUZIONE RISERVATA Il confronto Il Pil Fonte: Istat Corriere della Sera ,5 1,0 1,5 2,0 2, Prometeia Confindustria Bollettino di Bankitalia Fmi Ocse Commissione Ue +0,7% +2,1%* +0,4% +0,4% +0,2% +0,6% +1,4% +2,5%* +1,2% +0,8% +1% +1,1% *Effetto combinato di mini euro, mini greggio, mini tassi e commercio mondiale in crescita Il mercato immobiliare Le vendite in % La fiducia dei consumatori e delle imprese Imprese Consumatori I numeri Segnali di ripresa del Prodotto interno lordo italiano. La Banca d'italia e Confindustria nei giorni scorsi hanno alzato SCENARIO ECONOMIA - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

20 30/01/2015 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 12 (diffusione:619980, tiratura:779916) le stime per l'anno in corso Ieri anche l'istat ha ravvisato un aumento della fiducia dei consumatori che ha superato la soglia dei 100 punti, valore massimo negli ultimi sei mesi Anche il centro di ricerche Prometeia rileva che il Pil aumenterà dello 0,7 per cento nel 2015 SCENARIO ECONOMIA - Rassegna Stampa 30/01/ /01/

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli