L approccio multidisciplinare allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L approccio multidisciplinare allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali"

Transcript

1 A04 14

2

3 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Centro di Ricerca C.R.I.Be.Cu.M. L approccio multidisciplinare allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali Atti del workshop Siracusa, ottobre 2005 a cura del C.RI.BE.CU.M.

4 Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 a/b Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2006

5 CRIBeCuM (Centro di Ricerche sulle cause di degrado per il recupero dei Beni Culturali e Monumentali) - Direzione c/o Università di Catania - Dipartimento di Scienze Geologiche Corso Italia 57, Catania - Tel Fax Web site: Comitato Scientifico A. Pezzino (Direttore CRIBeCuM) L. Andreozzi (Dipartimento Architettura e Urbanistica) S. Cascone (Dipartimento Architettura e Urbanistica) E. Ciliberto (Dipartimento Scienze Chimiche) A. Failla (Dipartimento Ingegneria Agraria) I. Fragalà (Dipartimento Scienze Chimiche) G. Giaccone (Dipartimento Botanica) A. Guglielmo (Dipartimento Botanica) P. Mazzoleni (Dipartimento Scienze Geologiche) P. Militello (Dipartimento Studi Archeologici, Filologici e Storici) E. Poli (Dipartimento Scienze Agronomiche Agrochimiche Prod. Animali) R. Rizzo (Dipartimento Economia e Metodi Quantitativi) F. Tomasello (Dipartimento Studi Archeologici, Filologici e Storici) S.O. Troja (Dipartimento Fisica e Astronomia) Comitato Organizzatore C. Altavilla (Dip. Scienze Chimiche) L. Barnobi (Dip. Architettura e Urbanistica) A. Giuffrida (Dip. Architettura e Urbanistica) A. Gueli (Dip. Fisica e Astronomia) A. Manera (Dip. Fisica e Astronomia) A. Mignosa (Dip. Economia e Metodi Quantitativi) A. Pezzino (Dip. Botanica) S. Porto (Dip. Ingegneria Agraria) R. A. Punturo (Dip. Scienze Geologiche) F. Trapani (Dip. Studi Archeologici, Filologici e Storici) A. Zuccarello (Dip. Fisica e Astronomia) Comitato Editoriale Anna Gueli, Rosalda Punturo

6

7 INDICE Premessa Altavilla C., Ciliberto E., Trigilia M. La Protezione delle Superfici Vetrose Altieri A., Guidetti V., Malagodi M., Nugari M.P., La Russa M.F. Formulati idrorepellenti e antivegetativi miscelabili a malte in uso nel restauro: valutazione dell efficacia su provini Andreozzi L. I modelli digitali nella rappresentazione per i Beni Culturali. La scientificità del rilevamento e del rilievo Azzaro E., Montana G., Pisciotta G.T., Cau Ontiveros M.A., Portillo Ramirez M. Studio petrografico di macine protostoriche dai siti di Alorda Park e di Barranc de Gafols (Spagna) Bahain J.J., Burrafato G., Dolo J.M., Falguères C., Gueli A.M., Lahaye C., Leonardi R., Occhipinti A., Placenti G., Stella G., Troja S.O., Zuccarello A.R. L apporto della Risonanza Paramagnetica Elettronica (EPR) nello studio dei Beni Culturali: caso delle calciti Barca D., Crisci G.M., De Francesco A.M. Caratterizzazione archeometrica delle ossidiane del Monte Arci tramite ICP-MS-LA Barnobi L., Colaiacovo L., Di Gregorio G., Galizia M., Giuffrida A., Grasso S., Liuzzo M., Santagati C. Rilievo geometrico ed architettonico della Chiesa di San Nicolò L Arena, Catania* Barone G., Belfiore C.M., Lo Giudice A., Mazzoleni P., Pezzino A., Spagnolo G., Ingoglia C., Tigano G., Albanese R.M Localizzazione dei centri di produzione anforica nell occidente greco: dati archeometrici su anfore corinzie B, ionico-massaliote, pseudo-chiote e greco-italiche rinvenute in Sicilia

8 8 Indice Barone G., Crisci G.M., La Russa M.F., Malagodi M., Ruffolo S. Studio preliminare dei parametri termoigrometrici e delle loro variazioni all interno della Chiesa di S. Adriano in S. Demetrio Corone (CS) Bellezza S., Volpini M., Bruno L., Albertano P. Effetto di luci monocromatiche sulla composizione in specie, morfologia e pigmenti di biofilm a cianobatteri in ipogei romani Bultrini G. Fragalà I., Ingo G.M., De Caro T. Microchemical and micromorphological investigation of lustre painted ceramic from Sicily and Sardinia (Italy) Bultrini G., Fragalà I., Ingo G.M., Lanza G. Caratterizzazione minero-petrografica, microchimica e microstrutturale di malte storiche usate a Catania durante il XVII secolo Burrafato G., De Vincolis R., Greco V., Gueli A.M., Lahaye C., Occhipinti A., Stella G., Troja S.O., Zuccarello A.R Colorimetria con tecniche spettrofotometriche e radiometriche sui dipinti del Minniti Burrafato G., Gueli A.M., Lahaye C., Manera A., Stella G., Troja S.O., Zuccarello A.R. Datazione di strutture architettoniche mediante TermoLuminescenza: La Chiesa di San Nicolò La Rena e la Cuba di Fontane Bianche* Buscemi F., Tomasello F., Trapani F. Un ninfeo romano a Leptis Magna. Sinergie multidisciplinari Campolo D. Progetto di valorizzazione di un centro storico: il caso Pentedattilo Caneva G., Pacini A., Nugari M.P., Pietrini A.M. Il biodeterioramento della cripta del Peccato Originale nella gravina di Matera e la sua analisi ecologica per il biomonitoraggio dei parametri ambientali Caponetto R., Chisari W., Gulisano G., Lo Faro A., Margani G., Moschella A., Napoleone A., Sanfilippo G., Sapienza V. L apparecchiatura tecnico-costruttiva della chiesa di San Nicolò l Arena (CT)* Cascone S. M., Porto S. M. C. Repertorio delle tecniche costruttive negli edifici rurali tradizionali nel comprensorio etneo

9 Indice 9 Catra M., Giaccone G., Pezzino A. Individuazione dei decadimenti causati dai biodeteriogeni algali nell involucro esterno della Chiesa di S. Nicolò L Arena (Catania, Monastero Benedettini)* Chisari W., Lo Faro A., Moschella A., Napoleone A., Sanfilippo G. Analisi multidisciplinare per l individuazione dei degradi presenti nella chiesa di San Nicolò l Arena* Cicala Campagna F. Spunti Caravaggeschi nella pittura siciliana del Seicento Cirrincione R., Crisci G.M, De Vuono E, Lo Giudice A, Miriello D., Pezzino A., Punturo R. Caratterizzazione e Provenienza dei materiali litoidi impiegati nella costruzione delle colonne dell Emiciclo Teatro del Parco del Cavallo di Sibari (Calabria) Corrao M., Licitra M. Il terremoto di Santa Venerina del 29 ottobre 2002:aspetti sismologici e applicazioni diagnostiche propedeutiche ai sistemi di intervento Crisci G. M., Gattuso C., Macchione M., Miriello D. Analisi dei meccanismi di degrado dei materiali calcarenitici dovuti all azione dei licheni Failla A., Cascone G., Porto S. M. C. Valutazione della suscettività al riuso per fini agrituristici dei fabbricati rurali tradizionali. Confronto tra due casi studio Finocchiaro Castro M., Rizzo I. Misurazione della performance e tutela dei beni culturali: il caso della Sicilia Greco V. Il prezioso ruolo della ricerca nei Beni Culturali Guglielmo A, Pavone P., Spampinato G., Tomaselli V. Analisi della flora e della vegetazione delle aree archeologiche della Sicilia orientale finalizzata alla tutela e valorizzazione dei manufatti architettonici Guglielmo A., Pavone P., Salmeri C. Su alcuni giardini storici della Sicilia Orientale

10 10 Indice Imposa S., Gresta S. Stima della risposta di sito ed indagini Georadar: un caso studio applicato alla Chiesa dei Minoritelli (Catania) Incatasciato S. Il museo del mare di Pozzallo: uno studio preliminare La Rosa V. Il valore di un esperienza multidisciplinare: il caso di Festòs (Creta) La Russa M.F., Barone G., Mazzoleni P., Pezzino A., Crisci G. M., Malagodi M., Areddia G., Vindigni A. Il Duomo di S. Giorgio a Ragusa Ibla: individuazione dei materiali litici utilizzati, implicazioni architettoniche ed analisi delle forme di degrado Lamagna R. La ricostruzione settecentesca del monastero di San Benedetto in via dei Crociferi a Catania. Fabbriche e libri di spesa Martini M. Datazione con Termoluminescenza: recenti sviluppi e nuove prospettive Matteini M. L approccio multidisciplinare alla conoscenza scientifica delle opere d arte Mazzoleni P., Punturo R., Russo L.G., Censi P., Lo Giudice A., Pezzino A. La geoarcheometria applicata alla Conoscenza e alla Conservazione dei Beni Culturali. Un caso di studio: la facciata della Chiesa di S. Nicolò L Arena di Catania* Mignosa A. Devoluzione e beni culturali: il caso della Sicilia e della Scozia Montana G, Triscari M. Campionari in marmi e pietre dure del barocco siciliano: un esempio a Siracusa Mottana A., Massacci G.A.M. Conoscenza, progetto e tutela del complesso edilizio fortificato Castello di Pitino sito nel comune di San Severino Marche (MC) Poli Marchese E., Grillo M., Stagno F. Biodeteriogeni vegetali della Chiesa di S. Nicolo L Arena (Catania)*

11 Indice 11 Poli Marchese E., Grillo M., Stagno F. Colonizzazione vegetale in monumenti e siti archeologici della Sicilia orientale Punturo R., Russo L. G., Lo Giudice A., Mazzoleni P., Pezzino A., Trovato C., Vinciguerra S. I materiali lapidei utilizzati nei monumenti d epoca tardo barocca del centro storico di Catania: caratterizzazione e stato di degrado Romano M. Disegno e pittura nella fisiognomica del Seicento in Sicilia: Mario Minniti e Filippo Paladini Russo M. I musei nella Provincia di Catania Salemi A. L approccio multidisciplinare come atto preliminare per la salvaguardia dei Beni Culturali: la chiesa di San Nicolò l Arena* Sgariglia S. L Athenaion di Siracusa e il suo duomo, una storia di pietra. Metodologie verso la conoscenza Spagnolo D. Mario Minniti tra maniera e naturalismo caravaggeschi in Sicilia Urzì C., De Leo F. Utilizzo di tecniche di campionamento non distruttive per lo studio di microrganismi biodeteriogeni da superfici di interesse storico-artistico * Lavoro realizzato nell ambito del progetto Il recupero e la valorizzazione del patrimonio architettonico della Sicilia orientale: l emergenza architettonica urbana e l edilizia rurale. Conoscenza, interventi e formazione (T3 CLUSTER C 29), finanziato dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica

12

13 PREFAZIONE Le discipline scientifiche si stanno affermando sempre più come strumento di indagine insostituibile nella ricerca, nella conoscenza, nella protezione e conservazione, nella valorizzazione dei Beni Culturali. Se da un canto è oggetto di sempre maggiore attenzione l individuazione delle metodologie di indagine, innovative e necessarie per una corretta conoscenza del Bene, dall altro appare comunque vincente, un nuovo modo di affrontare ogni problematica caratterizzato da un approccio che veda l opera sinergica di ricercatori di varia estrazione disciplinare che interferiscano costruttivamente nel pieno rispetto delle competenze specialistiche possedute. Con la consapevolezza dell importanza del Bene Culturale in quanto preziosa eredità del passato e risorsa per lo sviluppo futuro, nonché della rilevanza dell approccio multidisciplinare nella diagnostica e conservazione del Bene stesso, si è tenuto a Siracusa, nei giorni 28 e 29 ottobre 2005, il Workshop dal titolo L approccio multidisciplinare allo studio ed alla valorizzazione dei Beni Culturali. Tale iniziativa è stata organizzata dal CRIBeCuM (Centro di Ricerche sulle cause di degrado per il Recupero dei Beni Culturali e Monumentali) in collaborazione con il Corso di Laurea in Tecnologie applicate alla conservazione ed al restauro dei Beni Culturali della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università di Catania. Il Workshop, del quale il presente volume raccoglie gli Atti, è stato articolato, nelle due giornate, in altrettante sessioni: la prima incentrata sullo stato dell arte; la seconda sugli interventi di tutela e valorizzazione. Ha fatto parte integrante del Workshop il seminario satellite relativo all esperienza di collaborazione portata avanti dal Museo di Palazzo Bellomo e dal Corso di Laurea in Tecnologie Applicate alla Conservazione e Restauro dei Beni Culturali che ha avuto come occasione di 13

14 14 Prefazione incontro l opera del Minniti e della sua Bottega durante una recente mostra. È infine da sottolineare che, a testimonianza della validità dell approccio multidisciplinare nel campo dei Beni Culturali, diverse relazioni presentate hanno riguardato i risultati ottenuti nell ambito del progetto Il recupero e la valorizzazione del patrimonio architettonico della Sicilia orientale: l emergenza architettonica urbana e l edilizia rurale. Conoscenza, interventi e formazione (T3 CLUSTER C 29), finanziato dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica che ha visto la collaborazione fattiva di gruppi di ricercatori di varia estrazione. Relazioni ad invito e comunicazioni su tutte le tematiche affrontate, si sono rivelate una preziosa occasione di confronto e di dibattito per gli addetti ai lavori e per quanti interessati a nuove prospettive di studio sui Beni Culturali.

15 15 LA PROTEZIONE DELLE SUPERFICI VETROSE ALTAVILLA C., CILIBERTO E., TRIGILIA M. Dipartimento di Scienze Chimiche dell Università di Catania, viale A. Doria Catania, tel , fax , 1. Introduzione I vetri sono materiali solidi amorfi generalmente silicatici. Nel caso dei vetri antichi, l azione delle piogge acide e basiche ha innescato nel tempo forti processi degradativi della matrice vetrosa attraverso meccanismi di lisciviazione e di corrosione che hanno colpito gravemente molte opere in vetro esposte all azione degli agenti atmosferici [1]. Si -O- Na + H 2 O Si- OH + Na + + OH - Aggressione in ambiente neutro-acido Si- O- Si + OH - Si -OH + - Si - O - Si- O - + H 2 O Si- OH + OH - Aggressione in ambiente alcalino Lo scopo di questo lavoro è stato quello di mettere a punto, utilizzando la tecnica Self Assembled Monolayer, la deposizione di film protettivi, dello spessore di pochi angstrom costituiti da molecole organosilaniche bifunzionalizzate, in grado di modificare l angolo di contatto acquavetro e di garantire al contempo grande resistenza chimica, così da rendere idrorepellente la superficie vetrosa, limitando l attacco del vetro da parte degli agenti atmosferici. Il termine self-assembly indica la spontanea tendenza alla formazione, in determinate condizioni, di complesse strutture da blocchi predeterminati che coinvolgono diverse scale di energia e diversi gradi di libertà. In altre parole, i self-assembled monolayers (SAM) sono aggregati molecolari ordinati, nati spontaneamente a seguito dell adsorbimento di opportune catene organiche,

16 16 Altavilla, Ciliberto, Trigilia la cui testa presenta una particolare affinità con il substrato su cui deve essere eseguita la deposizione. Le molecole comunemente depositate sono molecole organiche lunghe mediamente una decina di atomi di carbonio e tra le più usate citiamo le catene tioliche e ditioliche e gli idrossimercaptani, per substrati di oro e alchiltriclorosilani e gli alchiltrimetossisilani per substrati a base di silicio ossido o vetro, sistemi questi ultimi di cui ci siamo occupati in modo specifico. Le molecole indicate sono tra le più usate con la tecnica SAM in quanto sono capaci di generare monostrati altamente impaccati ed ordinati grazie alla loro struttura costituita da uno scheletro molecolare alchilico di lunghezza variabile (backbone), recante o meno gruppi funzionali che conferiscono specificità al film, da un gruppo terminale (endgroup) e da un gruppo di testa (headgroup), responsabile del legame chimico con la superficie (v. Fig.1). In particolare, l ancoraggio delle molecole di alchilsilani al substrato di vetro è dovuto alla condensazione tra la testa del precursore ed i gruppi funzionali (silanoli) emergenti dal substrato stesso, mentre il corretto allineamento, che dispone le molecole in modo quasi parallelo, è reso possibile dalle interazioni idrofobiche tra le catene alifatiche [2]. La tecnica Self Assembled Monolayer permette quindi, senza alterare l estetica del manufatto, di creare film nanostrutturati trasparenti, in grado, se scelto un opportuno precursore, di invertire le proprietà di bagnabilità di una superficie; si può rendere così idrofobo lo strato trattato del vetro, limitando, per un periodo pari alla durata del coating, l interazione tra l acqua e la superficie stessa. Fig. 1. Rappresentazione schematica della struttura di un SAM

17 La protezione delle superfici vetrose 17 Nel nostro lavoro abbiamo scelto molecole che potessero offrire un ottima adesione chimica alle superfici vetrose nonché una buona resistenza all attacco di specie aggressive. In particolare l attenzione è stata posta sulle molecole di octadeciltriclorosilano (OTS) e su alcune molecole fluorurate della famiglia degli alchilfluorosilani (FAS). [3, 4, 5]. Lo studio della resistenza chimica di tali film è stato, per i nostri scopi, eseguito ideando cicli di invecchiamento che simulassero le possibili aggressioni causate dalle piogge, dall irraggiamento solare e dagli stress termici cui andrebbero soggetti i vetri protetti da FAS negli anni, se esposti in ambienti esterni. È noto che, in assenza di agenti inquinanti, le piogge sono leggermente acide per la presenza di anidride carbonica nell atmosfera (ph=5.6); la formazione, in regioni particolarmente industrializzate, di vapori di SO x ed NO x induce invece la caduta di piogge acide (ph=4), responsabili negli ultimi anni di forti processi degradativi di una serie di manufatti artistici diversi, dai vetri ai bronzi. Studi recenti, infine, hanno dimostrato, in diverse regioni d Europa (Spagna, Turchia, Grecia, Francia e Italia ), l esistenza, accanto a precipitazioni acide, di piogge basiche (ph 8) [6, 7, 8]. Le piogge rosse o basiche sono associate a masse di aria provenienti dalle regioni aride del Nord d Africa, contenenti una quantità superiore al 30% di calcite (CaCO 3 ): la presenza del particolato di carbonato di calcio nell atmosfera incrementa significativamente il ph [9]. A partire da questi dati, sono stati pensati opportuni cicli settimanali di invecchiamento ed un protocollo che potesse tenere conto delle varie tipologie di stress ambientale. Il protocollo messo a punto ha previsto un invecchiamento complessivo di quattro settimane con controllo dei parametri di degrado realizzato ogni settimana. Le condizioni scelte per stimare la resistenza dei film sono state particolarmente drastiche in quanto il ciclo acido è stato eseguito a ph=2, mentre il valore più basso di ph registrato in condizioni reali è di appena 4. Inoltre, essendo stato eseguito ciascun ciclo per immersione del campione in soluzione, si è simulato un degrado di tipo statico, in cui la soluzione rimane per un certo tempo in contatto con la superficie del manufatto, procurando danni superiori a quelli registrabili in un degrado di tipo dinamico, più frequente nei casi reali, in cui le gocce di acqua scivolano continuamente, allontanandosi dalla superficie. È stato infatti dimostrato che il degrado dinamico favorisce processi di lisciviazione, mentre il degrado statico innesca processi ben più gravi di corrosione [10].

18 18 Altavilla, Ciliberto, Trigilia Risulta evidente, per quanto detto, che stimare l efficacia o meno del metodo conservativo proposto equivale, in qualche modo, a stimare sia l idrorepellenza del film, sia la capacità di mantenere inalterate le proprietà idrofobe anche a seguito dei cicli di invecchiamento. Per verificare la bontà del metodo e studiare i sistemi ottenuti, è sembrato opportuno avvalersi, in particolare, della tecnica di misura dell angolo di contatto, per indagare sulle proprietà di bagnabilità della superficie vetrosa, modificata ed invecchiata, e della spettroscopia XPS (X ray Photoelectron Spectroscopy), per conoscere lo stato chimico della superficie. In particolare, le indagini XPS sono state effettuate sia allo scopo di caratterizzare il vetro scelto come substrato di deposizione sia per valutare di volta in volta la bontà ed il grado di ricopertura ottenuto sui vetrini, a seguito della deposizione e dei trattamenti di invecchiamento sia per verificare eventuali relazioni tra le proprietà di superficie e la bagnabilità dei campioni. 2. Aspetti Sperimentali Pulitura dei vetrini modello. I campioni di vetro utilizzati per la deposizione sono stati normali vetrini portaoggetto, delle dimensioni di 18mm18mm, prodotti dalla Carlo Erba. Ogni vetrino è stato tagliato con una punta diamantata in due parti, ciascuna avente dimensioni pari a 18mm9mm. Prima di ogni deposizione è stato necessario sottoporre a processi di pulitura il campione, allo scopo di sgrassarlo totalmente, garantendo così condizioni ottimali per la formazione del film sulla superficie vetrosa. I vetrini sono stati sottoposti a processi sequenziali di pulitura, della durata di 15 minuti ciascuno, utilizzando tre diversi solventi con polarità crescente, toluene anidro, acetone al 99.99% (prodotti dalla Aldrich) ed acqua bidistillata. Il campione successivamente è stato trattato, per trenta minuti a temperatura ambiente, con una soluzione piranha, costituita da acido solforico al 98% ed acqua ossigenata al 30%, in rapporto volumetrico 3:1. Infine il substrato è stato sciacquato con acqua bidistillata, asciugato in corrente di azoto e conservato in provette con gel di silice. Deposizione di Alchilsilani e Fluoroalchilsilani su vetro. Le molecole organiche bifunzionalizzate usate in questo lavoro allo scopo di creare film idrorepellenti sulla superficie vetrosa sono state: l octadeciltriclorosilano

19 La protezione delle superfici vetrose 19 (OTS), e l eptadecafluorodeciltrimetossisilano (HFTS), prodotto e commercializzato dalla ABCR. I ricoprimenti sono stati realizzati utilizzando una apparecchiatura progettata in modo da assicurare, per l intero ciclo di deposizione, una atmosfera inerte di azoto, risolvendo così il problema legato all umidità dell aria; si è deciso inoltre, prima di ciascuna deposizione, di sottoporre la vetreria ad essiccamento in stufa per 14 ore alla temperatura di 70 C, allo scopo di allontanare l acqua adsorbita sulle pareti; il solvente di deposizione è stato anidrificato, così come il prelievo della molecola da depositare è stato eseguito in atmosfera inerte, in box di azoto. I vetrini con SAM depositato, sono stati conservati in provette di vetro, con gel di silice, e posti in essiccatore. Indagini XPS. Le misure di spettroscopia di fotoelettroni di raggi X sono state effettuate mediante l uso di uno spettrometro di fotoelettroni PE-PHI ESCA/SAM 5600 Monocromator System, operante in condizioni di vuoto base di torr all interno della camera di misura. È stata usata una sorgente Al Kα monocromatica. Lo spettrometro è stato calibrato facendo riferimento alla regione di emissione 3d dell argento. La scala di energie (B.E.) è stata tarata ponendo il picco relativo alla ionizzazione dell orbitale C 1s corrispondente al carbonio avventizio di contaminazione superficiale a 285,0 ev. I curve fitting sono stati ricavati mediante programmi a minimi quadrati non lineari facenti uso di combinazioni lineari di funzioni Gaussiane- Lorenziane. Determinazione del valore di angolo di contatto. Le misure di angolo di contatto sono state eseguite utilizzando come strumento di misura un Contact Angle System OCA. Ciascuna misura è stata effettuata con metodo statico (sessile drop) ed a temperatura ambiente; su ognuno dei vetrini la stima del valore dell angolo di contatto è stata calcolata depositando, con una velocità di cinque microlitri al secondo, gocce di acqua distillata del volume ciascuna di due microlitri. Su ognuno dei campioni, le misure sono state eseguite in tre punti diversi della superficie, utilizzando tre gocce e la media statistica è stata fatta utilizzando i valori di angolo di contatto, ottenuti per i tre punti della superficie, considerando il lato destro e sinistro del profilo di ciascuna goccia. Le misure di angolo di contatto sono state effettuate lasciando il campione in contatto con l aria, ne segue che le tre fasi coinvolte nella determinazione del valore dell angolo sono state il substrato vetroso ricoperto come fase solida, l aria come fase vapore e l acqua distillata quale fase liquida.

20 20 Altavilla, Ciliberto, Trigilia Cicli di invecchiamento. L invecchiamento è durato quattro settimane. Di seguito vengono riportati i cicli settimanali realizzati: 1. trattamento acido a ph 2 - da lunedì a lunedì (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 2. trattamento basico a ph 8 - da lunedì a lunedì (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 3. trattamento acido a ph 2 + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento acido, sabato e domenica irraggiamento UV (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 4. trattamento basico a ph 8 + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento basico, sabato e domenica irraggiamentouv (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 5. trattamento di una settimana con luce UV (350 nm) - da lunedì a lunedì (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 6. trattamento termico a 50 C + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento termico, sabato e domenica irraggiamento UV (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 7. shock termico 50 C 4 C + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento termico (di giorno caldo e di notte freddo), sabato e domenica irraggiamento UV (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 3. Discussione dei risultati I campioni di vetro sono stati puliti, con successo, in ultrasonicatore, utilizzando toluene, acetone e acqua bidistillata e successivamente immersi in soluzione piranha per mezz ora a temperatura ambiente, così da ottenere un buon etching del substrato. Infatti, la caratterizzazione attraverso misure di angolo di contatto (q 10 ) [13] e le indagini XPS (assenza di segnali relativi ad agenti inquinanti, elevato segnale delle O1s e Si2p, basso segnale del carbonio avventizio) hanno confermato questo dato. L ottimizzazione del metodo di pulitura (v. Fig.2) e l adeguata scelta del sistema di deposizione hanno permesso di creare film self-assembled di OTS e FAS. Inoltre, la caratterizzazione dei SAM di alchilsilani e di fluoroalchilsilani, attraverso misure di angolo di contatto, ha dimostrato adeguata la scelta delle molecole ai fini di generare le volute proprietà di idrorepellenza (v. Fig.3). La caratterizzazione XPS dei campioni in esame ha indicato un potere coprente maggiore per la molecola del fluoroalchilsilano, rispetto alla mole-

21 La protezione delle superfici vetrose 21 cola di alchilsilano, come dimostra l alta percentuale di fluoro in superficie, il basso valore del segnale di O1s e la totale assenza dei segnali di boro, sodio e potassio, caratterizzanti la matrice vetrosa. La diversa capacità di ricopertura è stata giustificata in base alla tendenza della molecola di FAS, a differenza della molecola di OTS, a formare, durante la deposizione, doppi e tripli strati, capaci di garantire una più densa e compatta ricopertura superficiale. Inoltre la lunga molecola di HFTS presenta una conformazione elicoidale, rispetto alla conformazione transplanare della molecola di OTS, che giustifica la sua capacità di ricoprire aree più vaste, una volta ancorata al substrato. L approccio sperimentale eseguito ha permesso anche di dimostrare la capacità delle molecole di OTS e di HFTS di resistere ad attacchi acidi, blandamente acidi e basici fino a ph 8 essendo variato l angolo di contatto nel peggiore dei casi di appena il 6%. Nessun effetto hanno invece avuto gli stress termici e i cicli di irraggiamento UV. A B Fig.2. Profili di gocce di acqua su vetro. A) vetro non sgrassato; B) vetro pulito con metodo proposto. Fig.3. Profili delle gocce di acqua su vetro trattato: C) HFTS, D) OTS.

22 22 Altavilla, Ciliberto, Trigilia Riferendosi a casi reali e considerando una esposizione del campione trattato a 100 ore di pioggia ogni anno [6,8] è stata stimata una durata minima del ricoprimento dei vetrini di circa dieci anni. Durante tale periodo, i coatings sono in grado di esplicare la loro azione protettiva, impedendo ogni contatto tra il vetro e l acqua. In realtà i campioni in laboratorio se esposti a cicli di invecchiamento della durata superiore ad un mese potrebbero rivelare la capacità di mantenere per tempi più lunghi le loro proprietà idrofobe, garantendo una durata superiore a dieci anni. In tal caso il metodo di conservazione proposto per la protezione dei manufatti in vetro contro il degrado atmosferico potrebbe richiedere cicli di manutenzione meno frequenti e costi di applicazione inferiori. Studi successivi in tale direzione si dovranno effettuare per stimare con più precisione la durata di rivestimenti SAM. BIBLIOGRAFIA 1. K. Cummings; W.A. Lanford; M. Feldmann. «Weathering of glass in moist and polluted air», Nuclear Instruments and Methods in Physics Research, B (1998), pp F. Schreiber. «Structure and growth of self-assembling monolayers», Progress in Surface Science, 65 (2000), pp B.S. Hong; J.H. Han; S.T. Kim; Y.J. Cho; M.S. Park; T. Dolukhanyan; C. Sung. «Endurable water-repellent glass for automobiles», Thin Solid Films 351 (1999), pp K. Kamitani; T. Teranishi. «Development of Water-Repellent Glass Improved Water-Sliding Property and durability», Journal of Sol-Gel Science and Technology 26 (2003), pp U.S. Patent No. 5,, pp. 415, T. Ozsoy; A. Cemel Saydam. «Acid and alkaline precipitation in the Cilician Basin, north eastern Mediterranean Sea», The Science of the Total Environment 253 (2000), pp S. Glaves; N. Moschonas. «Origin of observed acidic-alkaline rains in wet-only precipitation study in a Mediterranean coastal site, Patras, Greece», Atmospheric Environment 36 (2002), pp A. Avila; M. Alarón. «Relationship between precipitation chemistry and metereological situations at rural site in NE Spain», Atmospheric Environment 33 (1999), pp M.D. Loye-Pilot; J. Morelli. «Fluctuations of ionic composition of precipitation collected in Corsica related to changes in the origins of incoming aerosol», Journal of Aerosol Science 19, (1988), pp

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Guida ai Test di Prova I vostri prodotti resisteranno all esterno? Guida alle Prove Accelerate di Solidità alla Luce ed alle Intemperie I vostri prodotti

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi Enrico Boccaleri, Ph.D.,, Leonardo Maffia, Ing., Ph.D.,, Giuseppe Rombolà, Ph.D. info@novares.org

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli