L approccio multidisciplinare allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L approccio multidisciplinare allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali"

Transcript

1 A04 14

2

3 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Centro di Ricerca C.R.I.Be.Cu.M. L approccio multidisciplinare allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali Atti del workshop Siracusa, ottobre 2005 a cura del C.RI.BE.CU.M.

4 Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 a/b Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2006

5 CRIBeCuM (Centro di Ricerche sulle cause di degrado per il recupero dei Beni Culturali e Monumentali) - Direzione c/o Università di Catania - Dipartimento di Scienze Geologiche Corso Italia 57, Catania - Tel Fax Web site: Comitato Scientifico A. Pezzino (Direttore CRIBeCuM) L. Andreozzi (Dipartimento Architettura e Urbanistica) S. Cascone (Dipartimento Architettura e Urbanistica) E. Ciliberto (Dipartimento Scienze Chimiche) A. Failla (Dipartimento Ingegneria Agraria) I. Fragalà (Dipartimento Scienze Chimiche) G. Giaccone (Dipartimento Botanica) A. Guglielmo (Dipartimento Botanica) P. Mazzoleni (Dipartimento Scienze Geologiche) P. Militello (Dipartimento Studi Archeologici, Filologici e Storici) E. Poli (Dipartimento Scienze Agronomiche Agrochimiche Prod. Animali) R. Rizzo (Dipartimento Economia e Metodi Quantitativi) F. Tomasello (Dipartimento Studi Archeologici, Filologici e Storici) S.O. Troja (Dipartimento Fisica e Astronomia) Comitato Organizzatore C. Altavilla (Dip. Scienze Chimiche) L. Barnobi (Dip. Architettura e Urbanistica) A. Giuffrida (Dip. Architettura e Urbanistica) A. Gueli (Dip. Fisica e Astronomia) A. Manera (Dip. Fisica e Astronomia) A. Mignosa (Dip. Economia e Metodi Quantitativi) A. Pezzino (Dip. Botanica) S. Porto (Dip. Ingegneria Agraria) R. A. Punturo (Dip. Scienze Geologiche) F. Trapani (Dip. Studi Archeologici, Filologici e Storici) A. Zuccarello (Dip. Fisica e Astronomia) Comitato Editoriale Anna Gueli, Rosalda Punturo

6

7 INDICE Premessa Altavilla C., Ciliberto E., Trigilia M. La Protezione delle Superfici Vetrose Altieri A., Guidetti V., Malagodi M., Nugari M.P., La Russa M.F. Formulati idrorepellenti e antivegetativi miscelabili a malte in uso nel restauro: valutazione dell efficacia su provini Andreozzi L. I modelli digitali nella rappresentazione per i Beni Culturali. La scientificità del rilevamento e del rilievo Azzaro E., Montana G., Pisciotta G.T., Cau Ontiveros M.A., Portillo Ramirez M. Studio petrografico di macine protostoriche dai siti di Alorda Park e di Barranc de Gafols (Spagna) Bahain J.J., Burrafato G., Dolo J.M., Falguères C., Gueli A.M., Lahaye C., Leonardi R., Occhipinti A., Placenti G., Stella G., Troja S.O., Zuccarello A.R. L apporto della Risonanza Paramagnetica Elettronica (EPR) nello studio dei Beni Culturali: caso delle calciti Barca D., Crisci G.M., De Francesco A.M. Caratterizzazione archeometrica delle ossidiane del Monte Arci tramite ICP-MS-LA Barnobi L., Colaiacovo L., Di Gregorio G., Galizia M., Giuffrida A., Grasso S., Liuzzo M., Santagati C. Rilievo geometrico ed architettonico della Chiesa di San Nicolò L Arena, Catania* Barone G., Belfiore C.M., Lo Giudice A., Mazzoleni P., Pezzino A., Spagnolo G., Ingoglia C., Tigano G., Albanese R.M Localizzazione dei centri di produzione anforica nell occidente greco: dati archeometrici su anfore corinzie B, ionico-massaliote, pseudo-chiote e greco-italiche rinvenute in Sicilia

8 8 Indice Barone G., Crisci G.M., La Russa M.F., Malagodi M., Ruffolo S. Studio preliminare dei parametri termoigrometrici e delle loro variazioni all interno della Chiesa di S. Adriano in S. Demetrio Corone (CS) Bellezza S., Volpini M., Bruno L., Albertano P. Effetto di luci monocromatiche sulla composizione in specie, morfologia e pigmenti di biofilm a cianobatteri in ipogei romani Bultrini G. Fragalà I., Ingo G.M., De Caro T. Microchemical and micromorphological investigation of lustre painted ceramic from Sicily and Sardinia (Italy) Bultrini G., Fragalà I., Ingo G.M., Lanza G. Caratterizzazione minero-petrografica, microchimica e microstrutturale di malte storiche usate a Catania durante il XVII secolo Burrafato G., De Vincolis R., Greco V., Gueli A.M., Lahaye C., Occhipinti A., Stella G., Troja S.O., Zuccarello A.R Colorimetria con tecniche spettrofotometriche e radiometriche sui dipinti del Minniti Burrafato G., Gueli A.M., Lahaye C., Manera A., Stella G., Troja S.O., Zuccarello A.R. Datazione di strutture architettoniche mediante TermoLuminescenza: La Chiesa di San Nicolò La Rena e la Cuba di Fontane Bianche* Buscemi F., Tomasello F., Trapani F. Un ninfeo romano a Leptis Magna. Sinergie multidisciplinari Campolo D. Progetto di valorizzazione di un centro storico: il caso Pentedattilo Caneva G., Pacini A., Nugari M.P., Pietrini A.M. Il biodeterioramento della cripta del Peccato Originale nella gravina di Matera e la sua analisi ecologica per il biomonitoraggio dei parametri ambientali Caponetto R., Chisari W., Gulisano G., Lo Faro A., Margani G., Moschella A., Napoleone A., Sanfilippo G., Sapienza V. L apparecchiatura tecnico-costruttiva della chiesa di San Nicolò l Arena (CT)* Cascone S. M., Porto S. M. C. Repertorio delle tecniche costruttive negli edifici rurali tradizionali nel comprensorio etneo

9 Indice 9 Catra M., Giaccone G., Pezzino A. Individuazione dei decadimenti causati dai biodeteriogeni algali nell involucro esterno della Chiesa di S. Nicolò L Arena (Catania, Monastero Benedettini)* Chisari W., Lo Faro A., Moschella A., Napoleone A., Sanfilippo G. Analisi multidisciplinare per l individuazione dei degradi presenti nella chiesa di San Nicolò l Arena* Cicala Campagna F. Spunti Caravaggeschi nella pittura siciliana del Seicento Cirrincione R., Crisci G.M, De Vuono E, Lo Giudice A, Miriello D., Pezzino A., Punturo R. Caratterizzazione e Provenienza dei materiali litoidi impiegati nella costruzione delle colonne dell Emiciclo Teatro del Parco del Cavallo di Sibari (Calabria) Corrao M., Licitra M. Il terremoto di Santa Venerina del 29 ottobre 2002:aspetti sismologici e applicazioni diagnostiche propedeutiche ai sistemi di intervento Crisci G. M., Gattuso C., Macchione M., Miriello D. Analisi dei meccanismi di degrado dei materiali calcarenitici dovuti all azione dei licheni Failla A., Cascone G., Porto S. M. C. Valutazione della suscettività al riuso per fini agrituristici dei fabbricati rurali tradizionali. Confronto tra due casi studio Finocchiaro Castro M., Rizzo I. Misurazione della performance e tutela dei beni culturali: il caso della Sicilia Greco V. Il prezioso ruolo della ricerca nei Beni Culturali Guglielmo A, Pavone P., Spampinato G., Tomaselli V. Analisi della flora e della vegetazione delle aree archeologiche della Sicilia orientale finalizzata alla tutela e valorizzazione dei manufatti architettonici Guglielmo A., Pavone P., Salmeri C. Su alcuni giardini storici della Sicilia Orientale

10 10 Indice Imposa S., Gresta S. Stima della risposta di sito ed indagini Georadar: un caso studio applicato alla Chiesa dei Minoritelli (Catania) Incatasciato S. Il museo del mare di Pozzallo: uno studio preliminare La Rosa V. Il valore di un esperienza multidisciplinare: il caso di Festòs (Creta) La Russa M.F., Barone G., Mazzoleni P., Pezzino A., Crisci G. M., Malagodi M., Areddia G., Vindigni A. Il Duomo di S. Giorgio a Ragusa Ibla: individuazione dei materiali litici utilizzati, implicazioni architettoniche ed analisi delle forme di degrado Lamagna R. La ricostruzione settecentesca del monastero di San Benedetto in via dei Crociferi a Catania. Fabbriche e libri di spesa Martini M. Datazione con Termoluminescenza: recenti sviluppi e nuove prospettive Matteini M. L approccio multidisciplinare alla conoscenza scientifica delle opere d arte Mazzoleni P., Punturo R., Russo L.G., Censi P., Lo Giudice A., Pezzino A. La geoarcheometria applicata alla Conoscenza e alla Conservazione dei Beni Culturali. Un caso di studio: la facciata della Chiesa di S. Nicolò L Arena di Catania* Mignosa A. Devoluzione e beni culturali: il caso della Sicilia e della Scozia Montana G, Triscari M. Campionari in marmi e pietre dure del barocco siciliano: un esempio a Siracusa Mottana A., Massacci G.A.M. Conoscenza, progetto e tutela del complesso edilizio fortificato Castello di Pitino sito nel comune di San Severino Marche (MC) Poli Marchese E., Grillo M., Stagno F. Biodeteriogeni vegetali della Chiesa di S. Nicolo L Arena (Catania)*

11 Indice 11 Poli Marchese E., Grillo M., Stagno F. Colonizzazione vegetale in monumenti e siti archeologici della Sicilia orientale Punturo R., Russo L. G., Lo Giudice A., Mazzoleni P., Pezzino A., Trovato C., Vinciguerra S. I materiali lapidei utilizzati nei monumenti d epoca tardo barocca del centro storico di Catania: caratterizzazione e stato di degrado Romano M. Disegno e pittura nella fisiognomica del Seicento in Sicilia: Mario Minniti e Filippo Paladini Russo M. I musei nella Provincia di Catania Salemi A. L approccio multidisciplinare come atto preliminare per la salvaguardia dei Beni Culturali: la chiesa di San Nicolò l Arena* Sgariglia S. L Athenaion di Siracusa e il suo duomo, una storia di pietra. Metodologie verso la conoscenza Spagnolo D. Mario Minniti tra maniera e naturalismo caravaggeschi in Sicilia Urzì C., De Leo F. Utilizzo di tecniche di campionamento non distruttive per lo studio di microrganismi biodeteriogeni da superfici di interesse storico-artistico * Lavoro realizzato nell ambito del progetto Il recupero e la valorizzazione del patrimonio architettonico della Sicilia orientale: l emergenza architettonica urbana e l edilizia rurale. Conoscenza, interventi e formazione (T3 CLUSTER C 29), finanziato dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica

12

13 PREFAZIONE Le discipline scientifiche si stanno affermando sempre più come strumento di indagine insostituibile nella ricerca, nella conoscenza, nella protezione e conservazione, nella valorizzazione dei Beni Culturali. Se da un canto è oggetto di sempre maggiore attenzione l individuazione delle metodologie di indagine, innovative e necessarie per una corretta conoscenza del Bene, dall altro appare comunque vincente, un nuovo modo di affrontare ogni problematica caratterizzato da un approccio che veda l opera sinergica di ricercatori di varia estrazione disciplinare che interferiscano costruttivamente nel pieno rispetto delle competenze specialistiche possedute. Con la consapevolezza dell importanza del Bene Culturale in quanto preziosa eredità del passato e risorsa per lo sviluppo futuro, nonché della rilevanza dell approccio multidisciplinare nella diagnostica e conservazione del Bene stesso, si è tenuto a Siracusa, nei giorni 28 e 29 ottobre 2005, il Workshop dal titolo L approccio multidisciplinare allo studio ed alla valorizzazione dei Beni Culturali. Tale iniziativa è stata organizzata dal CRIBeCuM (Centro di Ricerche sulle cause di degrado per il Recupero dei Beni Culturali e Monumentali) in collaborazione con il Corso di Laurea in Tecnologie applicate alla conservazione ed al restauro dei Beni Culturali della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università di Catania. Il Workshop, del quale il presente volume raccoglie gli Atti, è stato articolato, nelle due giornate, in altrettante sessioni: la prima incentrata sullo stato dell arte; la seconda sugli interventi di tutela e valorizzazione. Ha fatto parte integrante del Workshop il seminario satellite relativo all esperienza di collaborazione portata avanti dal Museo di Palazzo Bellomo e dal Corso di Laurea in Tecnologie Applicate alla Conservazione e Restauro dei Beni Culturali che ha avuto come occasione di 13

14 14 Prefazione incontro l opera del Minniti e della sua Bottega durante una recente mostra. È infine da sottolineare che, a testimonianza della validità dell approccio multidisciplinare nel campo dei Beni Culturali, diverse relazioni presentate hanno riguardato i risultati ottenuti nell ambito del progetto Il recupero e la valorizzazione del patrimonio architettonico della Sicilia orientale: l emergenza architettonica urbana e l edilizia rurale. Conoscenza, interventi e formazione (T3 CLUSTER C 29), finanziato dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica che ha visto la collaborazione fattiva di gruppi di ricercatori di varia estrazione. Relazioni ad invito e comunicazioni su tutte le tematiche affrontate, si sono rivelate una preziosa occasione di confronto e di dibattito per gli addetti ai lavori e per quanti interessati a nuove prospettive di studio sui Beni Culturali.

15 15 LA PROTEZIONE DELLE SUPERFICI VETROSE ALTAVILLA C., CILIBERTO E., TRIGILIA M. Dipartimento di Scienze Chimiche dell Università di Catania, viale A. Doria Catania, tel , fax , 1. Introduzione I vetri sono materiali solidi amorfi generalmente silicatici. Nel caso dei vetri antichi, l azione delle piogge acide e basiche ha innescato nel tempo forti processi degradativi della matrice vetrosa attraverso meccanismi di lisciviazione e di corrosione che hanno colpito gravemente molte opere in vetro esposte all azione degli agenti atmosferici [1]. Si -O- Na + H 2 O Si- OH + Na + + OH - Aggressione in ambiente neutro-acido Si- O- Si + OH - Si -OH + - Si - O - Si- O - + H 2 O Si- OH + OH - Aggressione in ambiente alcalino Lo scopo di questo lavoro è stato quello di mettere a punto, utilizzando la tecnica Self Assembled Monolayer, la deposizione di film protettivi, dello spessore di pochi angstrom costituiti da molecole organosilaniche bifunzionalizzate, in grado di modificare l angolo di contatto acquavetro e di garantire al contempo grande resistenza chimica, così da rendere idrorepellente la superficie vetrosa, limitando l attacco del vetro da parte degli agenti atmosferici. Il termine self-assembly indica la spontanea tendenza alla formazione, in determinate condizioni, di complesse strutture da blocchi predeterminati che coinvolgono diverse scale di energia e diversi gradi di libertà. In altre parole, i self-assembled monolayers (SAM) sono aggregati molecolari ordinati, nati spontaneamente a seguito dell adsorbimento di opportune catene organiche,

16 16 Altavilla, Ciliberto, Trigilia la cui testa presenta una particolare affinità con il substrato su cui deve essere eseguita la deposizione. Le molecole comunemente depositate sono molecole organiche lunghe mediamente una decina di atomi di carbonio e tra le più usate citiamo le catene tioliche e ditioliche e gli idrossimercaptani, per substrati di oro e alchiltriclorosilani e gli alchiltrimetossisilani per substrati a base di silicio ossido o vetro, sistemi questi ultimi di cui ci siamo occupati in modo specifico. Le molecole indicate sono tra le più usate con la tecnica SAM in quanto sono capaci di generare monostrati altamente impaccati ed ordinati grazie alla loro struttura costituita da uno scheletro molecolare alchilico di lunghezza variabile (backbone), recante o meno gruppi funzionali che conferiscono specificità al film, da un gruppo terminale (endgroup) e da un gruppo di testa (headgroup), responsabile del legame chimico con la superficie (v. Fig.1). In particolare, l ancoraggio delle molecole di alchilsilani al substrato di vetro è dovuto alla condensazione tra la testa del precursore ed i gruppi funzionali (silanoli) emergenti dal substrato stesso, mentre il corretto allineamento, che dispone le molecole in modo quasi parallelo, è reso possibile dalle interazioni idrofobiche tra le catene alifatiche [2]. La tecnica Self Assembled Monolayer permette quindi, senza alterare l estetica del manufatto, di creare film nanostrutturati trasparenti, in grado, se scelto un opportuno precursore, di invertire le proprietà di bagnabilità di una superficie; si può rendere così idrofobo lo strato trattato del vetro, limitando, per un periodo pari alla durata del coating, l interazione tra l acqua e la superficie stessa. Fig. 1. Rappresentazione schematica della struttura di un SAM

17 La protezione delle superfici vetrose 17 Nel nostro lavoro abbiamo scelto molecole che potessero offrire un ottima adesione chimica alle superfici vetrose nonché una buona resistenza all attacco di specie aggressive. In particolare l attenzione è stata posta sulle molecole di octadeciltriclorosilano (OTS) e su alcune molecole fluorurate della famiglia degli alchilfluorosilani (FAS). [3, 4, 5]. Lo studio della resistenza chimica di tali film è stato, per i nostri scopi, eseguito ideando cicli di invecchiamento che simulassero le possibili aggressioni causate dalle piogge, dall irraggiamento solare e dagli stress termici cui andrebbero soggetti i vetri protetti da FAS negli anni, se esposti in ambienti esterni. È noto che, in assenza di agenti inquinanti, le piogge sono leggermente acide per la presenza di anidride carbonica nell atmosfera (ph=5.6); la formazione, in regioni particolarmente industrializzate, di vapori di SO x ed NO x induce invece la caduta di piogge acide (ph=4), responsabili negli ultimi anni di forti processi degradativi di una serie di manufatti artistici diversi, dai vetri ai bronzi. Studi recenti, infine, hanno dimostrato, in diverse regioni d Europa (Spagna, Turchia, Grecia, Francia e Italia ), l esistenza, accanto a precipitazioni acide, di piogge basiche (ph 8) [6, 7, 8]. Le piogge rosse o basiche sono associate a masse di aria provenienti dalle regioni aride del Nord d Africa, contenenti una quantità superiore al 30% di calcite (CaCO 3 ): la presenza del particolato di carbonato di calcio nell atmosfera incrementa significativamente il ph [9]. A partire da questi dati, sono stati pensati opportuni cicli settimanali di invecchiamento ed un protocollo che potesse tenere conto delle varie tipologie di stress ambientale. Il protocollo messo a punto ha previsto un invecchiamento complessivo di quattro settimane con controllo dei parametri di degrado realizzato ogni settimana. Le condizioni scelte per stimare la resistenza dei film sono state particolarmente drastiche in quanto il ciclo acido è stato eseguito a ph=2, mentre il valore più basso di ph registrato in condizioni reali è di appena 4. Inoltre, essendo stato eseguito ciascun ciclo per immersione del campione in soluzione, si è simulato un degrado di tipo statico, in cui la soluzione rimane per un certo tempo in contatto con la superficie del manufatto, procurando danni superiori a quelli registrabili in un degrado di tipo dinamico, più frequente nei casi reali, in cui le gocce di acqua scivolano continuamente, allontanandosi dalla superficie. È stato infatti dimostrato che il degrado dinamico favorisce processi di lisciviazione, mentre il degrado statico innesca processi ben più gravi di corrosione [10].

18 18 Altavilla, Ciliberto, Trigilia Risulta evidente, per quanto detto, che stimare l efficacia o meno del metodo conservativo proposto equivale, in qualche modo, a stimare sia l idrorepellenza del film, sia la capacità di mantenere inalterate le proprietà idrofobe anche a seguito dei cicli di invecchiamento. Per verificare la bontà del metodo e studiare i sistemi ottenuti, è sembrato opportuno avvalersi, in particolare, della tecnica di misura dell angolo di contatto, per indagare sulle proprietà di bagnabilità della superficie vetrosa, modificata ed invecchiata, e della spettroscopia XPS (X ray Photoelectron Spectroscopy), per conoscere lo stato chimico della superficie. In particolare, le indagini XPS sono state effettuate sia allo scopo di caratterizzare il vetro scelto come substrato di deposizione sia per valutare di volta in volta la bontà ed il grado di ricopertura ottenuto sui vetrini, a seguito della deposizione e dei trattamenti di invecchiamento sia per verificare eventuali relazioni tra le proprietà di superficie e la bagnabilità dei campioni. 2. Aspetti Sperimentali Pulitura dei vetrini modello. I campioni di vetro utilizzati per la deposizione sono stati normali vetrini portaoggetto, delle dimensioni di 18mm18mm, prodotti dalla Carlo Erba. Ogni vetrino è stato tagliato con una punta diamantata in due parti, ciascuna avente dimensioni pari a 18mm9mm. Prima di ogni deposizione è stato necessario sottoporre a processi di pulitura il campione, allo scopo di sgrassarlo totalmente, garantendo così condizioni ottimali per la formazione del film sulla superficie vetrosa. I vetrini sono stati sottoposti a processi sequenziali di pulitura, della durata di 15 minuti ciascuno, utilizzando tre diversi solventi con polarità crescente, toluene anidro, acetone al 99.99% (prodotti dalla Aldrich) ed acqua bidistillata. Il campione successivamente è stato trattato, per trenta minuti a temperatura ambiente, con una soluzione piranha, costituita da acido solforico al 98% ed acqua ossigenata al 30%, in rapporto volumetrico 3:1. Infine il substrato è stato sciacquato con acqua bidistillata, asciugato in corrente di azoto e conservato in provette con gel di silice. Deposizione di Alchilsilani e Fluoroalchilsilani su vetro. Le molecole organiche bifunzionalizzate usate in questo lavoro allo scopo di creare film idrorepellenti sulla superficie vetrosa sono state: l octadeciltriclorosilano

19 La protezione delle superfici vetrose 19 (OTS), e l eptadecafluorodeciltrimetossisilano (HFTS), prodotto e commercializzato dalla ABCR. I ricoprimenti sono stati realizzati utilizzando una apparecchiatura progettata in modo da assicurare, per l intero ciclo di deposizione, una atmosfera inerte di azoto, risolvendo così il problema legato all umidità dell aria; si è deciso inoltre, prima di ciascuna deposizione, di sottoporre la vetreria ad essiccamento in stufa per 14 ore alla temperatura di 70 C, allo scopo di allontanare l acqua adsorbita sulle pareti; il solvente di deposizione è stato anidrificato, così come il prelievo della molecola da depositare è stato eseguito in atmosfera inerte, in box di azoto. I vetrini con SAM depositato, sono stati conservati in provette di vetro, con gel di silice, e posti in essiccatore. Indagini XPS. Le misure di spettroscopia di fotoelettroni di raggi X sono state effettuate mediante l uso di uno spettrometro di fotoelettroni PE-PHI ESCA/SAM 5600 Monocromator System, operante in condizioni di vuoto base di torr all interno della camera di misura. È stata usata una sorgente Al Kα monocromatica. Lo spettrometro è stato calibrato facendo riferimento alla regione di emissione 3d dell argento. La scala di energie (B.E.) è stata tarata ponendo il picco relativo alla ionizzazione dell orbitale C 1s corrispondente al carbonio avventizio di contaminazione superficiale a 285,0 ev. I curve fitting sono stati ricavati mediante programmi a minimi quadrati non lineari facenti uso di combinazioni lineari di funzioni Gaussiane- Lorenziane. Determinazione del valore di angolo di contatto. Le misure di angolo di contatto sono state eseguite utilizzando come strumento di misura un Contact Angle System OCA. Ciascuna misura è stata effettuata con metodo statico (sessile drop) ed a temperatura ambiente; su ognuno dei vetrini la stima del valore dell angolo di contatto è stata calcolata depositando, con una velocità di cinque microlitri al secondo, gocce di acqua distillata del volume ciascuna di due microlitri. Su ognuno dei campioni, le misure sono state eseguite in tre punti diversi della superficie, utilizzando tre gocce e la media statistica è stata fatta utilizzando i valori di angolo di contatto, ottenuti per i tre punti della superficie, considerando il lato destro e sinistro del profilo di ciascuna goccia. Le misure di angolo di contatto sono state effettuate lasciando il campione in contatto con l aria, ne segue che le tre fasi coinvolte nella determinazione del valore dell angolo sono state il substrato vetroso ricoperto come fase solida, l aria come fase vapore e l acqua distillata quale fase liquida.

20 20 Altavilla, Ciliberto, Trigilia Cicli di invecchiamento. L invecchiamento è durato quattro settimane. Di seguito vengono riportati i cicli settimanali realizzati: 1. trattamento acido a ph 2 - da lunedì a lunedì (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 2. trattamento basico a ph 8 - da lunedì a lunedì (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 3. trattamento acido a ph 2 + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento acido, sabato e domenica irraggiamento UV (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 4. trattamento basico a ph 8 + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento basico, sabato e domenica irraggiamentouv (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 5. trattamento di una settimana con luce UV (350 nm) - da lunedì a lunedì (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 6. trattamento termico a 50 C + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento termico, sabato e domenica irraggiamento UV (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 7. shock termico 50 C 4 C + irraggiamento UV (350 nm) - da lunedì a venerdì trattamento termico (di giorno caldo e di notte freddo), sabato e domenica irraggiamento UV (misura dell angolo di contatto ogni lunedì) 3. Discussione dei risultati I campioni di vetro sono stati puliti, con successo, in ultrasonicatore, utilizzando toluene, acetone e acqua bidistillata e successivamente immersi in soluzione piranha per mezz ora a temperatura ambiente, così da ottenere un buon etching del substrato. Infatti, la caratterizzazione attraverso misure di angolo di contatto (q 10 ) [13] e le indagini XPS (assenza di segnali relativi ad agenti inquinanti, elevato segnale delle O1s e Si2p, basso segnale del carbonio avventizio) hanno confermato questo dato. L ottimizzazione del metodo di pulitura (v. Fig.2) e l adeguata scelta del sistema di deposizione hanno permesso di creare film self-assembled di OTS e FAS. Inoltre, la caratterizzazione dei SAM di alchilsilani e di fluoroalchilsilani, attraverso misure di angolo di contatto, ha dimostrato adeguata la scelta delle molecole ai fini di generare le volute proprietà di idrorepellenza (v. Fig.3). La caratterizzazione XPS dei campioni in esame ha indicato un potere coprente maggiore per la molecola del fluoroalchilsilano, rispetto alla mole-

21 La protezione delle superfici vetrose 21 cola di alchilsilano, come dimostra l alta percentuale di fluoro in superficie, il basso valore del segnale di O1s e la totale assenza dei segnali di boro, sodio e potassio, caratterizzanti la matrice vetrosa. La diversa capacità di ricopertura è stata giustificata in base alla tendenza della molecola di FAS, a differenza della molecola di OTS, a formare, durante la deposizione, doppi e tripli strati, capaci di garantire una più densa e compatta ricopertura superficiale. Inoltre la lunga molecola di HFTS presenta una conformazione elicoidale, rispetto alla conformazione transplanare della molecola di OTS, che giustifica la sua capacità di ricoprire aree più vaste, una volta ancorata al substrato. L approccio sperimentale eseguito ha permesso anche di dimostrare la capacità delle molecole di OTS e di HFTS di resistere ad attacchi acidi, blandamente acidi e basici fino a ph 8 essendo variato l angolo di contatto nel peggiore dei casi di appena il 6%. Nessun effetto hanno invece avuto gli stress termici e i cicli di irraggiamento UV. A B Fig.2. Profili di gocce di acqua su vetro. A) vetro non sgrassato; B) vetro pulito con metodo proposto. Fig.3. Profili delle gocce di acqua su vetro trattato: C) HFTS, D) OTS.

22 22 Altavilla, Ciliberto, Trigilia Riferendosi a casi reali e considerando una esposizione del campione trattato a 100 ore di pioggia ogni anno [6,8] è stata stimata una durata minima del ricoprimento dei vetrini di circa dieci anni. Durante tale periodo, i coatings sono in grado di esplicare la loro azione protettiva, impedendo ogni contatto tra il vetro e l acqua. In realtà i campioni in laboratorio se esposti a cicli di invecchiamento della durata superiore ad un mese potrebbero rivelare la capacità di mantenere per tempi più lunghi le loro proprietà idrofobe, garantendo una durata superiore a dieci anni. In tal caso il metodo di conservazione proposto per la protezione dei manufatti in vetro contro il degrado atmosferico potrebbe richiedere cicli di manutenzione meno frequenti e costi di applicazione inferiori. Studi successivi in tale direzione si dovranno effettuare per stimare con più precisione la durata di rivestimenti SAM. BIBLIOGRAFIA 1. K. Cummings; W.A. Lanford; M. Feldmann. «Weathering of glass in moist and polluted air», Nuclear Instruments and Methods in Physics Research, B (1998), pp F. Schreiber. «Structure and growth of self-assembling monolayers», Progress in Surface Science, 65 (2000), pp B.S. Hong; J.H. Han; S.T. Kim; Y.J. Cho; M.S. Park; T. Dolukhanyan; C. Sung. «Endurable water-repellent glass for automobiles», Thin Solid Films 351 (1999), pp K. Kamitani; T. Teranishi. «Development of Water-Repellent Glass Improved Water-Sliding Property and durability», Journal of Sol-Gel Science and Technology 26 (2003), pp U.S. Patent No. 5,, pp. 415, T. Ozsoy; A. Cemel Saydam. «Acid and alkaline precipitation in the Cilician Basin, north eastern Mediterranean Sea», The Science of the Total Environment 253 (2000), pp S. Glaves; N. Moschonas. «Origin of observed acidic-alkaline rains in wet-only precipitation study in a Mediterranean coastal site, Patras, Greece», Atmospheric Environment 36 (2002), pp A. Avila; M. Alarón. «Relationship between precipitation chemistry and metereological situations at rural site in NE Spain», Atmospheric Environment 33 (1999), pp M.D. Loye-Pilot; J. Morelli. «Fluctuations of ionic composition of precipitation collected in Corsica related to changes in the origins of incoming aerosol», Journal of Aerosol Science 19, (1988), pp

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

LA NATURA DEL SILOSSANICO

LA NATURA DEL SILOSSANICO LA NATURA DEL SILOSSANICO Una sempre maggior attenzione al restauro degli edifici, in particolare nei centri storici, ha stimolato nuovi studi e ricerche di prodotti, e trattamenti preventivi di facciate,

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

Impressioni d Italia

Impressioni d Italia Impressioni d Italia della Fototeca dell Istituto Reale del Patrimonio Artistico, Bruxelles Roma, Academia Belgica 11 settembre > 6 novembre 2008 Cartella Stampa Impressioni d Italia In occasione del suo

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A.

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. DIPARTIMENTO DI CHIMICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. Ferrara, 28/07/07 1/9 Premessa: Questa relazione contiene

Dettagli

L impronta digitale dei Dipinti

L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei dipinti Bernd Breuckmann - Breuckmann GmbH (Traduzione di UNOCAD Srl) SOMMARIO Normalmente consideriamo i dipinti come oggetti quasi piatti, nei

Dettagli

SCIENZA DEI MATERIALI STUDIO DI BAGNABILITA DELL OSSIDO DI GRAFENE

SCIENZA DEI MATERIALI STUDIO DI BAGNABILITA DELL OSSIDO DI GRAFENE UNIVERSITÀ DEGLISTUDIDIPADOVA Dipartimento di Scienze Chimiche Dipartimento di Fisica ed Astronomia Galileo Galilei Laurea specialistica in SCIENZA DEI MATERIALI STUDIO DI BAGNABILITA DELL OSSIDO DI GRAFENE

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara STATUTO DEL CENTRO DI RICERCA E SERVIZI DENOMINATO CENTRO PER LO SVILUPPO DI PROCEDURE AUTOMATICHE INTEGRATE PER IL RESTAURO DEI MONUMENTI D.I.A.P.RE.M. (DEVELOPMENT OF

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO SINTESI DEI RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE SU PROPRIETA FOTOCATALITICHE ED AUTIPULENTI DI SOLUZIONE LIGHT-tech Premessa Nel seguito sono riportati in modo estremamente sintetico i risultati iniziali

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe LM-24 in Ingegneria Edile per il Recupero conforme al D.M. 270

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe LM-24 in Ingegneria Edile per il Recupero conforme al D.M. 270 52 Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea classe LM-24 in Ingegneria Edile per il Recupero conforme al D.M. 270 Denominazione del corso di studio: Ingegneria Edile per il Recupero Classe di appartenenza:

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

EDA QUADERNI DI ARCHITETTURA

EDA QUADERNI DI ARCHITETTURA EDA QUADERNI DI ARCHITETTURA 1 Direttore Olimpia NIGLIO Kyoto University Comitato scientifico Rubén HERNÁNDEZ MOLINA Universidad Nacional de Colombia Taisuke KURODA Kanto Gakuin University Alberto PARDUCCI

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA

UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA Ing. Roberto Zecchin, Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Padova Ing. Viliam Stefanutti, Studio Manens-Tifs, Padova

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI)

Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI) PFP 1 Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI) Premessa 1. L insegnamento comprende una parte teorica (svolta con esempi,

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE

SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE I corsi proposti nel nostro centro hanno l obiettivo di formare o consolidare le competenze artistiche e professionalità qualificate, che attraverso l acqusizione sia delle

Dettagli

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte LA GROTTA DEI CERVI DI PORTO BADISCO IN 3D Una visita virtuale nel Castello di Otranto Otranto (LE), 25-26 novembre 2010 La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte Virginia Valzano (Direttore

Dettagli

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Laurea Magistrale in ARCHITETTURA Anno Accademico 2015-2016 Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Coordinatore: Prof. L. NOBILE Semestre preferenziale: II INTRODUZIONE Gli scavi

Dettagli

COMPAN COMP Y PROFILE

COMPAN COMP Y PROFILE COMPANY PROFILE www.deamingegneria.it DEAM ingegneria è una società che opera nei settori delle demolizioni, del decommissioning e dell ambiente, fornendo servizi di progettazione, direzione lavori e consulenza

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE R. Pucinotti, M.R. Udardi Dipartimento Patrimonio, Architettura e Urbanistica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

impresa di pulizie presenta High Pure sistema di pulizia per superfici non porose che utilizza acqua pura al 100%

impresa di pulizie presenta High Pure sistema di pulizia per superfici non porose che utilizza acqua pura al 100% impresa di pulizie presenta High Pure sistema di pulizia per superfici non porose che utilizza acqua pura al 100% L impresa di pulizia Tom & Jerry è una società specializzata nella pulizia per privati

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

Progetto Cobra. Il contributo delle tecnologie al restauro. Franca Persia ENEA-SSPT-USER-SITEC

Progetto Cobra. Il contributo delle tecnologie al restauro. Franca Persia ENEA-SSPT-USER-SITEC Progetto Cobra Il contributo delle tecnologie al restauro Franca Persia ENEA-SSPT-USER-SITEC Workshop ENEA Roma 26 gennaio 2016 Dalle tecnologie nucleari a. Cobra Tecnologie di origine nucleare, patrimonio

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh www.terrelogiche.com Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh >>ROMA >>07-08-09 ottobre 2015 Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale. Sapienza Università di Roma, Via Eudossiana,

Dettagli

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale PARTNER DI PROGETTO Il raggruppamento dei soggetti attuatori è altamente qualificato. Da una parte, la presenza di quattro aziende del settore ICT garantirà, ognuna per le proprie aree di competenza, un

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana UN TERMOMETRO PER LA POSA Serramenti in PVC Marco Piana 1 La posa in opera del componente in edilizia è da sempre argomento ampiamente discusso e controverso. Tutti gli operatori fanno riferimento alla

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali. Muoversi consapevolmente nello spazio circostante,

Dettagli

Guida per il formatore

Guida per il formatore Sistema flessibile di formazione al ruolo di Capocantiere dell edilizia storica PON IT 053-PO 007- Avviso 1/01 Fasc. 37 Guida per il formatore La formazione del Capocantiere edilizia storica 1. Gli elementi

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE TERZA A - Numeri COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA

PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA Associazione Italiana di Acustica Convegno Nazionale Milano, 11-13 giugno 08 PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA L. Parati (1), A. Carrettini (1), C. Scrosati

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA Pag.1 GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave Europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno Individua le posizioni

Dettagli

Proprietà ottiche ed oceanografiche di un sito abissale rilevanti per un telescopio a neutrini

Proprietà ottiche ed oceanografiche di un sito abissale rilevanti per un telescopio a neutrini Capitolo 2 Proprietà ottiche ed oceanografiche di un sito abissale rilevanti per un telescopio a neutrini Come si è già detto, la collaborazione NEMO sta realizzando un telescopio sottomarino per la rivelazione

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

ARCHITETTURA VIRTUALE [AVR]

ARCHITETTURA VIRTUALE [AVR] corso master ARCHITETTURA VIRTUALE [AVR] Spazio e materia si dispiegano e danno corpo all idea architettonica. La luce diviene sintesi essenziale, i materiali adattati e permutati, il virtuale diviene

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

Cluster in progress: la Tecnologia dell Architettura in rete per l innovazione

Cluster in progress: la Tecnologia dell Architettura in rete per l innovazione Milano 20 marzo 2015 Cluster in progress: la Tecnologia dell Architettura in rete per l innovazione Produzione edilizia-prodotto edilizio DECLARATORIA E OBIETTIVI 2 à OBIETTIVO Studio delle condizioni

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 )

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) Collaboratori: Ing. Marco Giorgio Bevilacqua - Arch. Massimo Bertellotti Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre.

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre. EXTRUSION COATING EXTRUSION COATING L extrusion coating è un processo utilizzato per preparare complessi utilizzati per imballaggi asettici, quali contenitori per latte, vino, succhi di frutta, acqua etc.

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro,

Dettagli

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPLOMA UNIVERSITARIO A DISTANZA IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI Consorzio Nettuno - NAPOLI a.a. 1999-2000 RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI prof.

Dettagli

Presentazione CORSI. Studio di Architettura & Tutela del Paesaggio Giuseppe BARONE Architetto_Agronomo_Paesaggista

Presentazione CORSI. Studio di Architettura & Tutela del Paesaggio Giuseppe BARONE Architetto_Agronomo_Paesaggista Presentazione CORSI Studio di Architettura & Tutela del Paesaggio Giuseppe BARONE Architetto_Agronomo_Paesaggista mobile +39 339.1039766 e_mail: giuseppe.barone@hotmail.it _ Via Roma n. 11 _ 38033 _ Cavalese

Dettagli

INCONTRO CON I TECNICI

INCONTRO CON I TECNICI INCONTRO CON I TECNICI Ing. GIUSEPPE DESOGUS Ing. LORENZA DI PILLA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura L AUDIT ENERGETICO INTERVENTI E TECNOLOGIE

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

Arch. Giuseppe Manara, Presidente C.N.E.T.O.

Arch. Giuseppe Manara, Presidente C.N.E.T.O. Arch. Giuseppe Manara, Presidente C.N.E.T.O. Sistemi costruttivi modulari Negli anni recenti, l uso di sistemi costruttivi modulari, è cresciuto in molti settori. In particolare, a negli Ospedali e nel

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

La corrosione metallica

La corrosione metallica La corrosione metallica La durata di una copertura metallica è condizionata dalla sua capacità di resistere alla corrosione. L'azione delle sostanze chimicamente aggressive presenti nell'atmosfera, specie

Dettagli

ATI ARIOLI Spa Gerenzano VA STAZIONE SPERIMENTALE DELLA SETA DI COMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA (Dipartimento di Fisica)

ATI ARIOLI Spa Gerenzano VA STAZIONE SPERIMENTALE DELLA SETA DI COMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA (Dipartimento di Fisica) SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI ARIOLI Spa Gerenzano VA STAZIONE SPERIMENTALE DELLA SETA DI COMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA (Dipartimento di Fisica) ID75/2003 PROGETTO R&S Trattamento

Dettagli

Simulazione acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazione acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazione acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da L ambiente, anno VI N.2, marzo-aprile 1999, Ranieri Editore) In un precedente numero della rivista è stato illustrato

Dettagli

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 200 RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 201 I MECCANISMI DEL DEGRADO Il degrado dei manufatti in calcestruzzo, si manifesta essenzialmente mediante distacchi localizzati di porzioni di copriferro,

Dettagli

La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano

La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano La campagna di monitoraggio del Politecnico di Milano La valutazione del sistema edificio-impianto Un processo costruttivo di qualità non si limita a progettare e a realizzare edifici con standard energetici

Dettagli

Introduzione al monitoraggio degli edifici

Introduzione al monitoraggio degli edifici Introduzione al monitoraggio degli edifici ing. Lorenzo Balsamelli Onleco s.r.l. balsamelli@onleco.com _Profilo ONLECO nasce nel 2001 per iniziativa di giovani ricercatori e dottorandi in Energetica e

Dettagli

GRIGLIA N 1 - ORIENTAMENTO COMPETENZA/E CHIAVE DI CITTADINANZA DA PROMUOVERE. Imparare ad imparare. Progettare. Comunicare. Collaborare e partecipare.

GRIGLIA N 1 - ORIENTAMENTO COMPETENZA/E CHIAVE DI CITTADINANZA DA PROMUOVERE. Imparare ad imparare. Progettare. Comunicare. Collaborare e partecipare. IC SIGNA- Curricolo verticale di Geografia (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) GRIGLIA N 1 - ORIENTAMENTO COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse La riqualificazione della scena urbana passa necessariamente attraverso un

Dettagli

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA ISOLAMENTO A CAPPOTTO Scheda: L&C-TS 02 Lime&Cork TECHNIC SCHOOL è un iniziativa aziendale di informazione tecnica rivolta alla diffusione di una cultura dell edilizia di qualità. L isolamento a cappotto

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI TECNOLOGIA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI TECNOLOGIA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici

Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici XCIX Congresso Nazionale SIF - Trieste, 23-27 settembre 2013 Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici Brescia, Palazzo della Loggia, 1574 PROGETTO MONSTER&CO

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli