Cristiano Fiameni infrastrutture, impianti ed energia"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.uni.com Cristiano Fiameni infrastrutture, impianti ed energia""

Transcript

1 Ente Nazionale Italiano di Unificazione Le normative UNI per il settore antincendio Sicurezza_ Rho, 18 novembre 2010 Cristiano Fiameni Funzionario i Divisione i i "Edilizia, i infrastrutture, impianti ed energia"

2 Ente Nazionale Italiano di Unificazione Libera Associazione, senza scopo di lucro, fondata nel 1921 Riconosciuta dal DPR 1522 nel 1955 Riconosciuta dalla Direttiva Europea 83/189 del marzo 1983 recepita con la legge n. 317 del 21 giugno 1986 CAMPO DI ATTIVITA Tutti i settori industriali, commerciali e del terziario tranne quello elettrico ed elettrotecnico di competenza CEI

3 NORMA ITALIANA DESCRITTORI Environmental management Guidelines CLASSIFICAZIONE ICS SOMMARIO RELAZIONI NAZIONALI Ambiente, protezione ambientale, gestione, gestione ambientale, prestazione ambientale La norma fornisce una guida per progettare e utilizzare la valutazione della prestazione ambientale in un organizzazione. È applicabile a qualsiasi organizzazione, senza riguardo alla tipologia, alle dimensioni, alla localizzazione e alla complessità. La norma non stabilisce livelli di prestazione ambientale. Essa non è finalizzata ad essere utilizzata come norma prescrittiva ai fini della certificazione o della registrazione e nemmeno per definire qualsiasi altro requisito di conformità dei sistemi di gestione ambientale. RELAZIONI INTERNAZIONALI = EN ISO 14031:1999 (= ISO 14031:1999) La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN ISO (edizione novembre 1999). ORGANO COMPETENTE Commissione "Ambiente" RATIFICA Presidente dell UNI, delibera del 6 settembre 2000 RICONFERMA UNI UNI - Milano 2000 Ente Nazionale Italiano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento di Unificazione può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza Via Battistotti Sassi, 11B il consenso scritto dell UNI Milano, Italia Gr. 10 Nº di riferimento UNI EN ISO 14031:2000 SETTEMBRE 2000 Pagina I di IV L'UNI: il ruolo istituzionale ELABORARE, PUBBLICARE e DIFFONDERE le norme tecniche Gestione ambientale Valutazione della prestazione ambientale Linee guida Environmental performance evaluation UNI EN ISO RAPPRESENTARE L ITALIA ISO presso CEN ed NORMA EUROPEA COLLABORARE con gli altri Enti di normazione DIFFONDERE la cultura normativa

4 Ente Nazionale Italiano di Unificazione Comitè Européen de Normalisation International Organization for Standardization Member Body Partecipazione / Mirroring Vienna Agreement Liason

5 Mercato definizioni e concetti principali i Stadio dello sviluppo raggiunto in un determinato momento dalle capacità tecniche relative a prodotti, processi o servizi basato su scoperte scientifiche, tecnologiche e sperimentali (UNI CEI EN 45020: Punto 1.4) UNI CEI EN 45020:2007 Normazione ed attività connesse - Vocabolario generale

6 Mercato definizioni e concetti principali i Organismo con attività di normazione, riconosciuto a livello nazionale, regionale o internazionale, la cui principale funzione, in applicazione del proprio statuto, è l elaborazione, approvazione o adozione di norme che sono rese disponibili al pubblico (UNI CEI EN 45020: Punto 4.4) Documento, stabilito mediante CONSENSO e approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per usi comuni e ripetuti, regole, linee guida o caratteristiche, relative a determinate attività o ai loro risultati, al fine di ottenere il miglior ordine in un determinato contesto (UNI CEI EN 45020: Punto 3.2)

7 Principi fondamentali della normazione Trasparenza Consensualità Volontarietà Democraticità

8 ISO UNI EN ISO CEN UNI ISO UNI EN UNI UNI

9 UNI norma tecnica nazionale 1 UNI EN norma europea recepita quale norma tecnica nazionale 2 UNI ISO UNI EN ISO norma internazionale adottata dall UNI norma internazionale adottata dal CEN e recepita dall UNI UNI/TS specifica tecnica nazionale UNI CEN/TS specifica tecnica europea recepita quale specifica tecnica nazionale UNI ISO/TS specifica tecnica internazionale adottata dall UNI 3 UNI/TR UNI CEN/TR UNI ISO/TR rapporto tecnico nazionale rapporto tecnico europeo recepito quale rapporto tecnico nazionale Rapporto internazionale adottato dall UNI

10 Il Nuovo Approccio o Risoluzione del Consiglio CEE del 7 Maggio 1985 Direttive Requisiti essenziali di sicurezza e salute Norme armonizzate Specifiche tecniche per progettare e fabbricare prodotti conformi ai requisiti essenziali

11 Nuovo Approccio solo Requisiti Essenziali nelle Direttive riferimento alle norme armonizzate per le specifiche tecniche dei prodotti l applicazione delle norme (armonizzate o meno) rimane volontario; il produttore può applicare altre specifiche tecniche i prodotti fabbricati nel rispetto delle norme armonizzate hanno presunzione di conformità ai corrispondenti Requisiti Essenziali Marcatura CE

12 Nuovo Approccio Direttive non eccessivamente dettagliate Semplificazione del processo decisionale nel Consiglio o Incremento del ruolo della normativa tecnica europea Clausola di salvaguardia per la limitazione o Clausola di salvaguardia per la limitazione o l immissione nel mercato dei prodotti

13 Il ruolo degli Organismi Europei di normazione (CEN, EOTA) nuovo ruolo nell implementazione l i delle direttive europee regole condivise e non imposte, definite mediante diretto coinvolgimento di tutte le parti interessate trasparenza e consenso come pietre miliari del processo di elaborazione delle norme

14 Partecipazione lavori CEN Parti interessate Parti interessate Mirror Groups nazionali Organizzazioni industriali nazionali Delegazioni nazionali Organizzazioni industriali europee CEN/TC - SC Rappresentanti

15 MEMBRI Austria Belgio Bulgaria Cipro Croazia Rep. Ceca Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Grecia Islanda (EFTA) Irlanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo CEN European Committee for Standardization di ti Malta Norvegia (EFTA) Paesi Bassi Polonia Portogallo Regno Unito Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Svizzera (EFTA) Ungheria

16 Il ruolo del CEN Direttive Nuovo Approccio Norme EN armonizzate

17 Procedura pubblicazione norme EN ESIGENZA elabora un programma di lavoro CEN/TC_/WG_ Prepara un pren sottopone il pren a Inchiesta Pubblica (6 mesi) CEN/TC CEN/TC_/WG_ approva il pren Esamina i commenti sottopone il pren a Voto Formale (2 mesi) pubblica una EN

18 Elementi pubblicazione nazionale di una Norma Europea a b c d e a Copertina Nazionale b Premessa Nazionale c Copertina EN d Testo EN e Appendici EN f f Appendice Nazionale

19 Direttiva 89/106/CEE (CPD) Direttiva del Consiglio del 21 Dicembre 1988 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati Membri concernenti i prodotti da costruzione

20 Prodotto da costruzione Qualunque prodotto fabbricato per essere incorporato permanentemente in un opera, inclusi edifici ed opere di genio civile (Art. 1.2) (Sono prodotti da costruzione anche gli impianti e loro parti)

21 Direttiva 89/106/CEE (CPD) Individua sei requisiti essenziali cui i prodotti da costruzione devono essere conformi. Prevede che, a partire da una certa data, alcuni prodotti da costruzione non possano circolare sul mercato europeo se non conformi ai requisiti essenziali. La conformità ai requisiti essenziali, a carico del produttore stesso, deve essere manifestata con l apposizione i della marcatura CE.

22 Requisiti Essenziali (RE) delle opere Resistenza meccanica e stabilità Sicurezza in caso d incendio Igiene, salute, ambiente Sicurezza in uso Protezione contro il rumore Economia di energia e ritenzione del calore Durata di vita economicamente ragionevole (serviceability) Soddisfacimento dei requisiti a fronte di normale manutenzione per un periodo di tempo ragionevole (durability)

23 RE 2 Sicurezza in caso di incendio - la capacità portante dell edificio deve essere garantita per un periodo di tempo determinato - la produzione e la propagazione del fuoco e del fumo all interno delle opere, e alle opere vicine, devono essere limitate - gli occupanti devono poter lasciare l opera o essere soccorsi altrimenti - deve essere considerata la sicurezza delle squadre di soccorso

24 Le norme hen: il periodo transitorio i hen disponibile hen citata in GUUE Ritiro disposizioni tecniche in contrasto CE non possibile CE possibile CE obbligatorio i 9 mesi 12/24 mesi

25 Marcatura La marcatura CE indica: che il prodotto è conforme alle norme nazionali che adottano le norme europee armonizzate che è stato t applicato il sistema di attestazione t di conformità, stabilito dalla Decisione della Commissione Europea relativo al prodotto (1) che il prodotto è IDONEO all uso previsto

26 Marcatura CE è un marchio di conformità garantisce il rispetto di requisiti minimi di sicurezza (per tutte le direttive applicabili)

27 Marcatura CE - Affissione COME modo visibile modo leggibile modo indelebile DOVE direttamente sul prodotto etichetta attaccata ad esso imballo documenti di accompagnamento

28 Marcatura CE (esempio) 0123 Azienda AnyCo Ltd, P.O. Box 21, B 1050 N. 07 certificato 0123-CPD-0001 N. norma EN 54-7 Parte 7:Rivelatori di fumo - Rilevatori puntiformi funzionanti secondo il principio della diffusione della luce,della trasmissione della luce o della Prestazioni ionizzazione Tecnical ca data -Doc n

29 Marcatura CE e marchi volontari PRODOTTI OPERE AMBITO COGENTE Direttiva Prodotti da Costruzione + altre direttive applicabili Regolamenti nazionali AMBITO VOLONTARIO Caratteristiche di prodotto e/o sistemi di attestazione volontari non in contrasto Attestazioni volontarie al di fuori dell ambito cogente

30 Situazione attuale norme armonizzate (hen) Disponibilità complessiva norme armonizzate - hen di prodotto: circa 475 Disponibilità di hen a Settembre 2010 emanate dal CEN: 414 di cui citate in GUUE: 395 in attesa di citazione: i 17 non ancora disponibili: 2

31 Commissione protezione attiva TC DI COMPETENZA -TC 70 Mezzi manuali di lotta contro l'incendio - TC 72 Sistemi automatici di rivelazione di incendio - TC 191 Sistemi fissi di estinzione di incendio - TC 192 Attrezzature di servizio antincendio TC DI COMPETENZA - TC 21 Attrezzature di protezione e di lotta contro l'incendio

32 CEN/TC 72 Sistemi automatici di rivelazione di incendio

33 Sistemi automatici di rivelazione di incendio Serie UNI EN 54 Parte 1 Introduzione Parte 2: Centrale di controllo e di segnalazione Parte 3: Dispositivi sonori di allarme incendio Parte 4 Apparecchiature di Alimentazione Parte 5: Rivelatori puntiformi Parte 7: Rivelatori di fumo - Rilevatori puntiformi funzionanti secondo il principio della diffusione della luce, della trasmissione della luce o della ionizzazione Parte 10: Rivelatori di fiamma - Rivelatori puntiformi Parte 11: Punti di allarme manuali Parte 12: Rivelatori lineari che utilizzano un raggio ottico luminoso Parte 13: Valutazione della compatibilità dei componenti di un sistema Parte NN:Citata nella GUUE 2010/C67/01 del ai fini della Marcatura CE

34 Sistemi automatici di rivelazione di incendio Serie UNI EN 54 Parte 14: Linee guida per la pianificazione, la progettazione, l'installazione, la messa in servizio, l'esercizio e la manutenzione Parte 16*: Apparecchiatura di controllo e segnalazione per i sistemi di allarme vocale Parte 17: Isolatori di corto circuito Parte 18: Dispositivi di ingresso/uscita Parte 20: Rivelatori di fumo ad aspirazione Parte 21: Apparecchiature di trasmissione i allarme e di segnalazione remota di guasto e avvertimento Parte 23*: Dispositivi visuali di allarme incendio Parte 24*: Componenti di sistemi di allarme vocale - Altoparlanti Parte 25*: Componenti che utilizzano collegamenti radio

35 Sistemi automatici di rivelazione di incendio Serie UNI EN 54 (in elaborazione) Part 14: Guidelines for planning, design, installation, commissioning, use and maintenance Part 22: Line type heat detectors Part 26: Point fire detectors t using carbon monoxide sensors Part 27: Duct smoke detectors Part 28: Non-resettable (digital) line type heat detectors Part 29: Multi-sensor fire detectors Point detectors using a combination of smoke and heat sensors Part 30: Multi-sensor detectors Point detectors using a combination of carbon monoxide and heat sensors Part 32: Planning, design, installation, commissioning, use and maintenance of voice alarm systems (stadio preliminare)

36 . A livello nazionale UNI 9795: 2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d'incendio - Progettazione, installazione ed esercizio UNI 11224: 2007* Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi UNI ISO Progettazione, installazione, messa in servizio, manutenzione ed esercizio dei sistemi di allarme vocale per scopi d'emergenza * in fase di revisione

37 CEN/TC 191 Sistemi fissi di estinzione di incendio

38 Sistemi fissi di estinzione di incendio (sprinkler) UNI EN 12845:2009 (include aggiornamenti A1 e A2) Sistemi automatici a sprinkler Progettazione, installazione i e manutenzione

39 Sistemi fissi di estinzione di incendio (sprinkler) Serie UNI EN Installazioni fisse antincendio - Componenti sistemi a sprinkler e a spruzzo d'acqua Parte 1 Sprinkler Parte 5 Indicatori di flusso

40 Sistemi fissi di estinzione di incendio UNI CEN/TS 14972:2008* Installazioni fisse antincendio - Sistemi ad acqua nebulizzata - Progettazione e installazione ione * In fase di aggiornamento UNI CEN/TS 14816:2009 Installazioni fisse antincendio - Sistemi spray ad acqua Progettazione, installazione e manutenzione

41 Sistemi fissi di estinzione di incendio (naspi/idranti) UNI EN 671 Sistemi fissi di estinzione e incendi - Sistemi equipaggiati con tubazioni Parte 1: Naspi antincendio con tubazioni semirigide Parte 2: Idranti a muro con tubazioni flessibili Parte 3*: Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili * nuova ed. luglio 2009

42 . A livello nazionale UNI 10779: 2007 Impianti di estinzione incendi - Reti di idranti - Progettazione, installazione ed esercizio UNI 9487:2006 Apparecchiature per estinzione incendi - Tubazioni flessibili antincendio di DN 70 per pressioni di esercizio fino a 1,2 MPa UNI 804: 2007 Apparecchiature per estinzione incendi - Raccordi per tubazioni flessibili UNI 814: 2009 Apparecchiature per estinzione incendi - Chiavi per la manovra dei raccordi, attacchi e tappi per tubazioni flessibili UNI 11292:2008 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per impianti antincendio - Caratteristiche costruttive e funzionali UNI/TR 11365:2010 Chiarimenti applicativi relativi alla UNI EN 12845

43 . A livello nazionale In fase di elaborazione UNI/TR Gruppi di pompaggio Istruzioni complementari per l applicazione della UNI EN UNI/TR Sistemi di tubazioni Istruzioni complementari per l applicazione della UNI EN UNI 7422 Sistemi di fissaggio (revisione)

44 Sistemi fissi di estinzione di incendio (Schiuma) EN Sistemi fissi antincendio- Sistemi a schiuma - Parte 1: 2003 Requisiti e metodi di prova per componenti -Parte 2: 2009 Progettazione, costruzione e manutenzione UNI EN 1568 UNI EN 1568 Mezzi di estinzione incendi - Liquidi schiumogeni concentrati - Specifiche per liquidi schiumogeni concentrati

45 Sistemi fissi di estinzione di incendio (gas) UNI EN 15004:2008 (ISO mod.) Installazioni fisse antincendio - Sistemi ad estinguenti gassosi Parte 1*: Progettazione, installazione e manutenzione Parte 2-10: Proprietà fisiche dell agente estinguente NNN * versione italiana disponibile da marzo 2009

46 Sistemi fissi di estinzione di incendio (gas) Serie UNI EN Sistemi fissi di lotta contro l'incendio -Componenti impianti estinzione a gas Parte 1:2004 Requisiti e metodi di prova per dispositivi elettrici automatici di comando e gestione spegnimento e di ritardo.. Parte 5: 2006 Requisiti e metodi di prova per valvole direzionali e loro attuatori in alta e bassa pressione Parte 6: 2006 Requisiti e metodi di prova per dispositivi non elettrici di messa fuori servizio Parte 8: 2006 Requisiti e metodi di prova per raccordi. Parte 13: 2002 Requisiti iti e metodi di prova per valvole l di ritegno e valvole l di non ritorno Parte 16: 2004 Requisiti e metodi di prova per dispositivi odorizzanti per sistemi a bassa pressione a CO2

47 Sistemi fissi di estinzione di incendio (polvere) Serie UNI EN Sistemi fissi antincendio- Sistemi a polvere Parte 1:2007 Requisiti e metodi di prova per componenti Parte 2:2007 Progettazione, costruzione e manutenzione UNI EN 615:2009 Protezione contro l'incendio - Agenti estinguenti Specifiche per le polveri (diverse dalle polveri di classe D)

48 Sistemi fissi di estinzione di incendio (aerosol) UNI CEN/TR Installazioni fisse antincendio - Sistemi estinguenti ad aerosol condensato Parte 1:2009* Requisiti e metodi di prova per componenti Parte 2:2009** Progettazione, installazione e manutenzione * Ed. bilingue Agosto 2010 **Ed. bilingue Gennaio 2010

49 . A livello nazionale UNI 11280:2008 Sistemi di estinzione incendi ad estinguenti gassosi Controllo iniziale e Manutenzione UNI ISO/TS 13075: 2010 Metodo per l' implementazione, la prova e la verifica del calcolo delle portate ai fini dell approvazione In elaborazione Progetto norma nazionale Valutazione compatibilità dei componenti

50 CEN/TC 191/SC 1 CEN/TC 191/SC 1 Sistemi per controllo di fumo e calore

51 CEN/TC 191/SC 1 Sistemi per controllo di fumo e calore UNI EN Sistemi per il controllo fumo e calore - Parte 1B Barriere al fumo - Parte 2 EFC naturali - Parte 3 EFC forzati - Parte 6 Specifiche per i sistemi a differenza di pressione - Kit - Parte 10 Apparecchiature di Alimentazione CEN/TR Part 4:2006 Installed SHEVS systems for smoke and heat ventilation - Part 5: 2005 Guidelines on functional recommendations and calculation l methods for smoke and heat exhaust ventilation systems

52 . A livello nazionale UNI 9494:2007 Evacuatori di fumo e calore. Caratteristiche, dimensionamento e prove In elaborazione Revisione UNI 9494 Parte 1: Evacuatori naturali (ENFC) Parte 2: Evacuatori forzati (EFFC)

53 Dove trovare le informazioni hen citate in Gazzetta europea hen emanate dal CEN - progress report default.aspxaspx (le norme ISO)

54 Dove trovare le norme Punti di informazione e diffusione UNI hp?option=com com_content&vicontent&vi ew=article&id=144&itemid= 161&lang=it Catalogo UNI on-line store/public/searchproducts?language=it

55 Grazie per l attenzione i

Le norme UNI e le norme EN. Ente Nazionale Italiano di Unificazione. Ente Nazionale Italiano di Unificazione www.uni.com

Le norme UNI e le norme EN. Ente Nazionale Italiano di Unificazione. Ente Nazionale Italiano di Unificazione www.uni.com Ente Nazionale Italiano di Unificazione www.uni.com Le norme UNI e le norme EN Sistemi per il controllo del fumo e del calore FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2011 Milano 26 ottobre 2011 Cristiano Fiameni

Dettagli

La gestione innovativa della sicurezza attraverso le norme tecniche: il ruolo dell UNI

La gestione innovativa della sicurezza attraverso le norme tecniche: il ruolo dell UNI ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza La gestione innovativa della sicurezza attraverso le norme tecniche: il ruolo dell UNI Le norme UNI: categorie e finalità.

Dettagli

UNI EN 671-3 NORMA ITALIANA APRILE 2001

UNI EN 671-3 NORMA ITALIANA APRILE 2001 NORMA ITALIANA Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili Fixed firefighting

Dettagli

L'evoluzione delle norme della serie ISO 14000 sulla gestione ambientale. Stefano Sibilio

L'evoluzione delle norme della serie ISO 14000 sulla gestione ambientale. Stefano Sibilio L'evoluzione delle norme della serie ISO 14000 sulla gestione ambientale Stefano Sibilio Ente Nazionale Italiano di Unificazione Fondazione : 1921 Riconoscimento: Ente Normatore Membro italiano Finalità

Dettagli

Estintori d incendio portatili Cariche, focolari minimi esigibili

Estintori d incendio portatili Cariche, focolari minimi esigibili NORMA ITALIANA Estintori d incendio portatili Cariche, focolari minimi esigibili UNI EN 3-4 Seconda edizione SETTEMBRE 1998 Portable fire extinguishers Charges, minimum required fire DESCRITTORI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

La pubblicazione della DIRETTIVA COMUNITARIA 93/42/CEE concernente i DISPOSITIVI MEDICI ha provocato una grande rivoluzione strutturale, giuridica ed

La pubblicazione della DIRETTIVA COMUNITARIA 93/42/CEE concernente i DISPOSITIVI MEDICI ha provocato una grande rivoluzione strutturale, giuridica ed La pubblicazione della DIRETTIVA COMUNITARIA 93/42/CEE concernente i DISPOSITIVI MEDICI ha provocato una grande rivoluzione strutturale, giuridica ed amministrativa nel settore della sanità, coinvolgendo

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 1 Sala AVIS Cremona - 27

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti Titolo ISO/FDIS 9001:2000 Sistemi di gestione per la qualità Requisiti Quality management systems Requirements DOCUMENTO ISO ALLO STADIO DI PROGETTO FINALE DI NORMA INTERNAZIONALE (FINAL DRAFT INTERNATIONAL

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Gli impianti antincendio. Il quadro normativo di riferimento

Gli impianti antincendio. Il quadro normativo di riferimento Gli impianti antincendio Il quadro normativo di riferimento Mariangela Merrone Chieti, 24 marzo 2010 LA NORMATIVA COGENTE E VOLONTARIA Sin dagli anni 60 nel nostro Paese e negli altri che si proponevano

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo La Norma Tecnica impiantistica UNI 9795: 2010 per realizzare un Impianto secondo la Regola dell Arte M. Damoli 1 Norma UNI 9795 NORMA ITALIANA Gennaio 2010 TITOLO: Sistemi Fissi Automatici di Rivelazione

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

A cura di Noemi Baschera. Con il Contributo di

A cura di Noemi Baschera. Con il Contributo di A cura di Noemi Baschera Con il Contributo di Cosa Sono? A Cosa Servono? Sistemi Audio Inseriti nei Sistemi di Sicurezza Utilizzati per Gestire una Rapida ed Ordinata Mobilitazione degli Occupanti di Aree

Dettagli

Ministero delle infrastrutture. Decreto ministeriale del 5 marzo 2007

Ministero delle infrastrutture. Decreto ministeriale del 5 marzo 2007 Ministero delle infrastrutture Decreto ministeriale del 5 marzo 2007 Applicazione della Direttiva n. 89/106/CEE sui prodotti da costruzione, recepita con decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

IL VALORE DEL TERRITORIO TURISMO, CIBO, AMBIENTE

IL VALORE DEL TERRITORIO TURISMO, CIBO, AMBIENTE IL VALORE DEL TERRITORIO TURISMO, CIBO, AMBIENTE TAVOLA ROTONDA SULLE NORMATIVE TCI Milano, 21 Ottobre 2015 Ruggero Lensi Direttore Relazioni esterne, sviluppo e innovazione Tel: +39 02 70024441 E mail:

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

SEMINARIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NEL SETTORE DELLA REAZIONE AL FUOCO

SEMINARIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NEL SETTORE DELLA REAZIONE AL FUOCO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA SEMINARIO LA SICUREZZA

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

entrata in vigore delle norme armonizzate e della fine del periodo di coesistenza delle disposizioni legislative nazionali preesistenti.

entrata in vigore delle norme armonizzate e della fine del periodo di coesistenza delle disposizioni legislative nazionali preesistenti. La direttiva 89/106 sui prodotti da costruzione e la normativa tecnica - Il ruolo dell UNI Ruggero Lensi Direttore Tecnico UNI Fin dal primo giorno del suo insediamento il Comitato Costruzioni UNI ha individuato

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO QUADRO NORMATIVO Relatore: Ing. Valeria Gambardella

IL RISPARMIO ENERGETICO QUADRO NORMATIVO Relatore: Ing. Valeria Gambardella IL RISPARMIO ENERGETICO QUADRO NORMATIVO Relatore: Ing. Valeria Gambardella Il sistema energetico è strutturalmente collegato al tema dei cambiamenti climatici, che costituisce una delle maggiori preoccupazioni

Dettagli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO DELLA TAVOLA: TAVOLA N RELAZIONE GENERALE

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

Progettazione e Installazione degli Impianti di Rivelazione Incendi secondo la Norma UNI 9795:2010

Progettazione e Installazione degli Impianti di Rivelazione Incendi secondo la Norma UNI 9795:2010 Approfondimenti Tecnici Progettazione e Installazione degli Impianti di Rivelazione Incendi secondo la Norma UNI 9795:2010 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Cenni sul Fenomeno Incendio/Funzione dell Impianto

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

Direttiva sui Prodotti da Costruzione

Direttiva sui Prodotti da Costruzione Direttiva sui Prodotti da Costruzione Guida al marchio dei vetri per edilizia, a partire dall'anno 2003 Direttiva sui Prodotti da Costruzione Guida al marchio dei vetri per edilizia, a partire dall'anno

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 2016 è prevista la raccolta di informazioni

Dettagli

Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale

Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale NORMA ITALIANA Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale UNI EN ISO 19011 FEBBRAIO 2003 Guidelines for quality and/or environmental management systems

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Cosa è il Volontariato?

Cosa è il Volontariato? VOLONTARIATO Cosa è il Volontariato? Attività all'interno di una organizzazione strutturata Aree di intervento: ambiente, arte, cultura, conservazione del patrimonio culturale, disabilità, disagio sociale,

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Ing. GIUSEPPE GIUFFRIDA ZENITAL Associazione italiana sistemi di illuminazione

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE Formazione oltre i confini per crescere insieme SELEZIONE CANDIDATURE PAESE SELEZIONE CANDIDATURE FORMAZIONE FRANCIA 12 3 Formazione Esabac 3 Formazione

Dettagli

Il quadro normativo: ieri, oggi, domani

Il quadro normativo: ieri, oggi, domani Il quadro normativo: ieri, oggi, domani In Italia dall ottobre dell anno 1999 la norma tecnica di riferimento per gli impianti sonori a scopo di emergenza è la nota CEI EN 60849 dal titolo Sistemi elettroacustici

Dettagli

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA 1. I MOTIVI DELLA RIFORMA La riforma del Codice Doganale Comunitario, avvenuta con l adozione del Regolamento (CE) n. 450 del 2008 1, trova il suo fondamento giuridico nella disposizione contenuta all

Dettagli

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1 Creditreform Italia 1 Creditreform in Europa Creditreform nata in Germania nel 1879 Servizi di Informazioni Commerciali, Recupero Crediti e Marketing 543.000.000 fatturato totale 170.000 clienti 200 sedi

Dettagli

NOI E L UNIONE EUROPEA

NOI E L UNIONE EUROPEA VOLUME 1 PAGG. IX-XV MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese... stato... governo...

Dettagli

Attrezzature per piscine Requisiti aggiuntivi specifici di sicurezza e metodi di prova per attrezzature di trattamento dell acqua

Attrezzature per piscine Requisiti aggiuntivi specifici di sicurezza e metodi di prova per attrezzature di trattamento dell acqua NORMA ITALIANA Attrezzature per piscine Requisiti aggiuntivi specifici di sicurezza e metodi di prova per attrezzature di trattamento dell acqua UNI EN 13451-3 Swimming pool equipment Additional specific

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

UNISCITI ORA AI MIGLIORI PARRUCCHIERI D EUROPA

UNISCITI ORA AI MIGLIORI PARRUCCHIERI D EUROPA UNISCITIORAAIMIGLIORIPARRUCCHIERID EUROPA 10dicembre2012 Gentile, Tuttiipaesieuropeidispongonodiproprisisteminazionaliperlaformazioneelaqualificadiparrucchieri

Dettagli

PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS

PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS . p.1/10 Università della Calabria PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS Dr. Antonio Fuduli (Corso di Laurea in Informatica) Dr. Gennaro Infante (Corso di Laurea in Matematica) . p.2/10 Lifelong Learning

Dettagli

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Il Programma Erasmus+ permette di vivere esperienze culturali all'estero, di conoscere nuovi sistemi di istruzione superiore e di incontrare giovani di altri

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE 305/2011: COSA CAMBIA PER I SERRAMENTISTI? Relatore: Ing. Sergio Botta STUDIO BOTTA & ASSOCIATI

IL NUOVO REGOLAMENTO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE 305/2011: COSA CAMBIA PER I SERRAMENTISTI? Relatore: Ing. Sergio Botta STUDIO BOTTA & ASSOCIATI IL NUOVO REGOLAMENTO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE 305/2011: COSA CAMBIA PER I SERRAMENTISTI? Relatore: Ing. Sergio Botta STUDIO BOTTA & ASSOCIATI INDICE [1] LA MARCATURA CE: CONTESTO LEGISLATIVO E NORMATIVO

Dettagli

Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n.

Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n. Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n. 157/2014 Ing. Lorenzo Bari Bari, 26 settembre 2014 MARCATURA CE Contesto legislativo

Dettagli

Scritto da Silvano Costanzi Giovedì 27 Dicembre 2012 16:04 - Ultimo aggiornamento Sabato 05 Gennaio 2013 06:09

Scritto da Silvano Costanzi Giovedì 27 Dicembre 2012 16:04 - Ultimo aggiornamento Sabato 05 Gennaio 2013 06:09 Ministero dell'interno, dec. 20 dicembre 2012 - Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di pr Decreto del M. I. 20 dicembre 2012, recante "Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti

Dettagli

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI Aggiornamento sulle norme UNI e C Elenco tematico delle norme UNI e C per l edilizia nuove o aggiornate, suddiviso in 7 capitoli: I. sistema edilizio e tecnologico; II. applicazioni di fisica tecnica;

Dettagli

PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS

PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS p. 1/10 Università della Calabria PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS Dr. Antonio Fuduli (Corso di Laurea in Informatica) Dr. Gennaro Infante (Corso di Laurea in Matematica) p. 2/10 Lifelong Learning

Dettagli

CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01.

CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01. N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01. Titolo Apparecchi elettromedicali - Verifiche periodiche e prove

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti

Sistemi di gestione per la qualità Requisiti NORMA ITALIANA Sistemi di gestione per la qualità Requisiti UNI EN ISO 9001 DICEMBRE 2000 Quality management systems Requirements DESCRITTORI CLASSIFICAZIONE ICS 03.120.10 SOMMARIO Qualità, gestione, gestione

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO

IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO IBAN E BONIFICI: GUIDA ALL UTILIZZO DEL CODICE UNICO BANCARIO 2 CARO CLIENTE, nel mondo dei servizi bancari c è una novità. Nel giro di pochi anni infatti sarà portata a compimento l Area Unica dei Pagamenti

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Sicurezza impianti di riscaldamento - Norme generali di attuazione degli impianti - Riferimenti legislativi

Sicurezza impianti di riscaldamento - Norme generali di attuazione degli impianti - Riferimenti legislativi Principali riferimenti normativi per la progettazione degli impianti termomeccanici e tecnici in genere, norme di sicurezza, di esercizio, di controllo e manutenzione degli impianti Elenco delle principali

Dettagli

5594_CE Q&A 6pg_ITALIAN 20/9/05 11:08 am Page 3. September 2005 Version 2. Introduzione alle procedure/requisiti del Marchio

5594_CE Q&A 6pg_ITALIAN 20/9/05 11:08 am Page 3. September 2005 Version 2. Introduzione alle procedure/requisiti del Marchio 5594_CE Q&A 6pg_ITALIAN 20/9/05 11:08 am Page 3 September 2005 Version 2 Marcatura : Domande e Risposte Introduzione alle procedure/requisiti del Marchio 5594_CE Q&A 6pg_ITALIAN 20/9/05 11:08 am Page 4

Dettagli

Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi

Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi NORMA ITALIANA Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi UNI 11224 MARZO 2007 Initial verification and maintenance of automatic fire detection and fire alarm systems La norma

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO ASSOCIAZIONE NAZIONALE AZIENDE SICUREZZA E ANTINCENDIO FEDERATA FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL'INDUSTRIA MECCANICA VARIA

Dettagli

TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Premessa... Pag. 1 Nota informativa...» 5 Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Preambolo...» 13 Parte I...» 15 Titolo I - Definizione e obiettivi dell Unione...» 15 Titolo II - Diritti

Dettagli

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio).

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio). ESTRATTO DELL ALLEGATO VI HANDBOOK ERASMUS A.A. 2008/2009 Estratto della Guida per le Agenzie Nazionali per l implementazione del Programma LLP, dell Invito a presentare proposte 2008 e della Guida del

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

Erasmus per giovani imprenditori

Erasmus per giovani imprenditori Erasmus per giovani imprenditori Il nuovo Programma di scambio Europeo É un programma di scambio che offre agli aspiranti imprenditori la possibilità di lavorare a fianco di un imprenditore esperto nel

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità Fondamenti e vocabolario

Sistemi di gestione per la qualità Fondamenti e vocabolario NORMA EUROPEA Sistemi di gestione per la qualità Fondamenti e vocabolario UNI EN ISO 9000 DICEMBRE 2005 Quality management systems Fundamentals and vocabulary La norma descrive i fondamenti dei sistemi

Dettagli

Impianti di rivelazione incendi Guida alla progettazione secondo la UNI 9795:2010 e aggiornata con le disposizioni del D.P.R. n.

Impianti di rivelazione incendi Guida alla progettazione secondo la UNI 9795:2010 e aggiornata con le disposizioni del D.P.R. n. Spaziani - PROVA 2:Copia di Legge 10.qxp N T Q u a d e r n i I N C p e r l a E 16.32 N Pagina 1 D I O ANTINCENDIO p r o g e t t a z i o n e altri titoli l'autore Guida alla progettazione secondo la UNI

Dettagli

UNInotizie n. 07 del 15/04/2012

UNInotizie n. 07 del 15/04/2012 UNInotizie n. 07 del 15/04/2012 Avviso Causa lavori di manutenzione, martedì 17 aprile - dalle 19.30 - le pagine di UNIstore (catalogo norme e commercio elettronico) saranno momentanenamente fuori servizio.

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 0 è prevista la raccolta

Dettagli

LA MARCATURA CE Cos è marcatura CE

LA MARCATURA CE Cos è marcatura CE Cos è La marcatura CE è un contrassegno che deve essere apposto su determinate tipologie di prodotti dal fabbricante stesso che con essa autocertifica la rispondenza (o conformità) ai requisiti essenziali

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio -

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - 18 Novembre 2014 1 Seminario Criteri di scelta tecnico dei Rivelazione rilevatori Incendio - Spunto di riflessione nella

Dettagli

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007 IP/07/584 Bruxelles, 27 avril 2007 Sicurezza stradale: il programma d azione europeo continua a registrare buoni risultati l obiettivo di salvare 25 000 vite sulle strade d Europa può essere raggiunto

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO ASSOCIAZIONE NAZIONALE AZIENDE SICUREZZA E ANTINCENDIO FEDERATA FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL'INDUSTRIA MECCANICA VARIA

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Reazione al fuoco dei materiali

Reazione al fuoco dei materiali Reazione al fuoco dei materiali Definizione Reazione al fuoco grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto. In relazione a ciò i materiali sono assegnati alle classi

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli