Bilancio consuntivo 2013 Relazione del Presidente sulla gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio consuntivo 2013 Relazione del Presidente sulla gestione"

Transcript

1 Bilancio consuntivo 2013 Relazione del Presidente sulla gestione La redazione della presente relazione viene effettuata ai sensi dell'art. 23 del T.U. dell Edilizia Residenziale Pubblica e ai sensi dell'art. 21 del regolamento di contabilità, approvato dal Consiglio di Amministrazione dell Aler con delibera 13/6/2003 n. 35, e con le indicazioni, per quanto congrue con la particolare natura dell'azienda, dell'art del codice civile. Dando atto che il 2013 è coinciso con l avvio della riforma in fase di attuazione e con il conseguente commissariamento dell Azienda dal 4/7/2013 al 31/12/2013, si passa alle seguenti puntuali considerazioni. A) Situazione dell Azienda e andamento della gestione L esame del bilancio consuntivo 2013 conferma la gestione e il controllo di una azienda che, nonostante la difficile congiuntura economica e sociale, si mantiene valida, considerando che i principali valori di formazione di utile sono dati dalla gestione di alloggi per conto terzi, dai compensi tecnici su finanziamenti costruttivi e per attività tecnica conto terzi. Come desumibile in dettaglio dagli allegati, il costo della produzione è stato di Le voci più rilevanti sono costituite da spese per servizi ( ), personale ( ) e oneri diversi di gestione ( ). Il valore della produzione è pari a Le voci da evidenziare sono le entrate da canoni di locazione ( ), da amministrazioni per le gestioni degli immobili comunali ( ), dalle variazioni delle rimanenze ( ), attività conto terzi specchiata anche nei costi ( ) e rimborsi e proventi diversi ( ). Gravano sul bilancio i valori relativi alle imposte: per Ires ed Irap e ,00 per IMU. Gli investimenti raggiungono, complessivamente, l importo di a1) Rischio di credito Altro elemento che ha caratterizzato i bilanci degli ultimi esercizi è l incremento costante del fondo rischi su crediti che si porta a (con un accantonamento di competenza pari a ), valore ormai assolutamente adeguato alla morosità registrata e già decrementato della quota di crediti inesigibili per La morosità dello scorso anno si è attestata sul 11,04% subendo un incremento del 0,85% rispetto al valore dell anno precedente, mentre il dato storico si attesta al 5,87%. E importante osservare come l intera competenza (canoni e servizi) sia aumentata dal 2007 (ultimo anno di applicazione della precedente normativa) al 2013 di oltre il 21%. B) Attività di ricerca e di sviluppo L ufficio tecnico ha svolto l attività, principalmente di direzione dei lavori appaltati negli ultimi mesi del 2013 e di progettazione che però ha risentito della mancanza di investimenti certi e programmati. Immutato l organico di 7 dipendenti a tempo pieno (3 laureati e 4 diplomati) oltre al Dirigente, svolge la massima parte delle attività legate alla realizzazione dei nuovi stabili e sino all avvio della procedura di consegna delle unità immobiliari realizzate (assistenze a enti fornitori, primi avvii di gestione, consegna immobile). 1

2 Il servizio tecnico continua, comunque, a svolgere l attività di ricerca sia sui materiali più performanti da utilizzare sia sulle interconnessioni della progettazione e realizzazione con l evoluzione delle tecniche e delle disposizioni normative in continuo e costante cambiamento e revisione. Gli studi e le ricerche sono rivolti all adozione di sistemi tecnologici per il contenimento energetico, comfort abitativo, sicurezza e durabilità del prodotto realizzabile, avvalendosi delle soluzioni innovative che l evoluzione nel settore delle costruzioni rende disponibili in una valutazione di carattere economico coerente con le finalità dell edilizia residenziale pubblica. Vengono, inoltre, effettuate prestazioni sia per uso interno che per altre aziende ed enti che ne fanno richiesta, relativamente alla validazione dei progetti, la completa messa in sicurezza dal punto di vista ambientale e la certificazione acustica dei nostri alloggi. E normalmente svolta, compatibilmente con le urgenze del caso, anche l attività di redazione di certificati energetici di fabbricati di proprietà ALER che per tipologia rientrano tra quelli prioritari (oltre 1000 m2 di superficie lorda). E, inoltre, gestita anche tutta la procedura di affidi a professionisti abilitati per la redazione delle certificazioni per quanto riguarda le urgenze e le attività commerciali che ne necessitano in caso di nuovo contratto di locazione. Durante l anno si è, infine, solo proceduto con affidi a tecnici per le variazioni catastali proseguendo con l utilizzo di personale interno ove ve ne sia stata necessità per tutte le altre procedure (impianti, strutture, ACE, collaudi). E terminata la collaborazione con Politecnico di Milano ed Università di Brescia per lo studio e la messa a punto di linee guida programmatiche per l approccio a problematiche di tipo ambientale-strutturale-energetico su realtà a dimensione di quartiere con una realtà sociale ed economica articolata. Tale studio, il cui utilizzo è frustrato dalla perdurante crisi, potrà essere in qualche modo utilmente impiegato sino al 31/12/14 salvo proroghe per la presentazione del PdC al Comune di riferimento per l attuazione. La collaborazione con il DICATAM, Dipartimento dell Università di Brescia specializzato in materia, per predisporre uno strumento scientificamente valido per il monitoraggio e la rendicontazione e la proposta d intervento minimo dello stato dei fabbricati aziendali più esposti in caso di replica di accadimenti analoghi è avviata ma presenta una serie di criticità dovute alla necessità di chiudere l accordo definito con la Facoltà. Viene svolta in collaborazione con ufficio appalti e manutenzione anche tutta la gestione della complessa attività di interfaccia con uffici statali e regionali di controllo e vigilanza sulla gestione dell intera opera pubblica. L attività di ricerca si svolge anche, infine, con la partecipazione a corsi di formazione, in svariate occasioni anche in qualità di relatori, consentendo una più ampia base di conoscenze relative ad esperienze sperimentate in altri enti. Va sottolineato come l azienda stimoli con la messa a disposizione di risorse importanti la formazione e la crescita continua del proprio personale. Per i tecnici iscritti agli Ordini o Collegi professionali tale attività diverrà obbligatoria ai sensi della riforma degli ordinamenti professionali e l obbligo di accreditarsi annualmente con corsi di formazione specifici e dedicati a settori tematici. L attività strettamente operativa del Servizio Tecnico nel 2013 si può sintetizzare con questi dati: Lavori svolti nel 2013 da Ufficio Tecnico: Progettazione Progettazione Preliminare Ghedi 4 alloggi; Progettazione esecutiva per bando alloggi sfitti; Progettazione esecutiva sostituzione serramenti per GeSI e ALER; 2

3 Progetti esecutivi sicurezza e coordinamento in alcuni cantieri; Coordinamento progettazioni esterne per l intervento in Marcheno (Aler e Comune) - varianti obbligatorie per difficoltà insorte; Progetto preliminare residenza protetta 2 piano torre Raffaello. Direzioni Lavori Ultimazione di Bovezzo PRU; Marcheno PCERS; Collaborazione con UM per Lumezzane Via Verdi con annesse problematiche di rescissione contrattuale; Ultimazione Sanpolino ex-autocostruzione; Concesio Via Sorlini; Castelcovati Via Toninelli; Fognature San Bartolomeo (intervento COMUNE BS). Pur permanendo le difficoltà sull esecutività di quanto in fase di realizzazione, dovuto all evidente stato di sofferenza in cui versano anche le attività economiche che riguardano l edilizia, durante l anno non si sono riscontrati problemi di contenzioso con le ditte. Tale andamento, che necessita ovviamente di verifica e conferma nei prossimi anni, può dipendere dalla scelta operata di utilizzare la formula dell offerta economicamente più vantaggiosa con il correttivo di sostenibilità economica che da tempo si utilizza per la scelta del contraente. CONTRATTO DI QUARTIERE IN BRESCIA SAN POLO TORRE TINTORETTO Il programma del Contratto ha subito una modifica per quanto riguarda il destino dell edificio Torre Tintoretto. Durante l anno si è avuta la conferma anche dalla nuova Giunta Comunale guidata dal Sindaco Del Bono che l indirizzo voluto è la riqualificazione dell edificio esistente. Sotto tale aspetto si sono presi contatti con Regione Lombardia per modificare gli obiettivi del Contratto di Quartiere. Sono stati compiuti gli acquisti per quanto riguarda la dotazione di alloggi da reperire sul mercato con l acquisizione e la messa in funzione degli 8 alloggi acquisiti da Estelle srl a San Polo via Arici. Sono invece sorte complicazioni per la consegna degli alloggi acquisiti da FInSiBi SpA. Durante l anno si è cercato di risolvere tali problematiche, consistenti in un forte problema economico finanziario della Società venditrice, con l aiuto di uno studio legale esterno per giungere alla soluzione e la trattativa verso la fine dell anno ha probabilmente imboccato la strada giusta con la transazione tra i soggetti attivi della vicenda (FinSiBi, Edilsonico, BNL). Una volta risolta tale situazione sarà però necessario reperire altri 25 alloggi per giungere al numero previsto nell attuale assetto del Contratto di Quartiere. Tutte le risorse dei partner di Contratto sono state incamerate da ALER e per compiere tale aspetto l ALER dovrà provvedere a coprire la differenza dal saldo attivo di circa La parte realizzativa del Contratto è stata rispettata con la realizzazione dei 72 alloggi delle Palazzine Sud. BOVEZZO RESIDENCE PREALPINO Ultimato alla data di settembre 2013 è immediatamente iniziata l assegnazione e l occupazione dei destinatari degli alloggi. BANDO ALLOGGI SFITTI 3

4 Durante il 2013 è stato pubblicato il bando per la sistemazione di alloggi sfitti relativo ad alloggi ubicati, per quanto riguarda ALER Brescia, nel solo capoluogo di provincia, da parte di Regione Lombardia con l assegnazione di un contributo di , iva compresa, ad alloggio da sistemare. Pur non avendo una grossa realtà di alloggi sfitti, per causa tecnica, utilizzando i tempi normali di rilascio degli alloggi che potevano presentare le caratteristiche di bando si è operato per l individuazione totale di 35 alloggi da sottoporre alla riqualificazione che è, nell ambito della spesa, anche totale compresi gli aspetti tecnologici e di finitura. CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN) EX OSPEDALE PSICHIATRICO GIUDIZIARIO E stata avviata una consultazione, promossa dal Comune di Castiglione, per la rivisitazione dell intero PII in modo da frazionare in più lotti l intero intervento, con una riduzione dell impatto insediativo. Innegabilmente la situazione di assetto delle ALER lombarde ha prodotto un rallentamento se non una stasi dell attività in tale senso. Si è continuato comunque a eseguire la manutenzione di sicurezza in collaborazione con ALER MN. SPERIMENTAZIONI Prosegue la sperimentazione nell ambito della rete europea Eurhonet, alla quale l azienda aderisce ormai da diversi anni per lo scambio di buone pratiche. Tale partecipazione ha consentito di: sviluppare approcci comuni alla responsabilità sociale dell'impresa nell'ambito dell'housing sociale migliorare la performance energetica delle abitazioni sociali favorire l'inclusione sociale nel quadro delle politiche urbane, attrezzandosi per affrontare l invecchiamento della popolazione partecipare alle iniziative europee per la ricerca di fondi di finanziamento. C) Manutenzione ordinaria Nel 2013 sono stati effettuati interventi di manutenzione ordinaria per ,92 con un aumento di circa il 9,89 % rispetto al Quanto evidenziato è riferito alla sola manutenzione cosiddetta d urgenza, cioè quella che pone ristoro e riparo al minimo indispensabile per impedire un aggravamento della situazione o per un pericolo imminente ed indifferibile a cose e persone. Si evidenzia, di fondo, come l importo pur incrementato percentualmente non soddisfi l intero bisogno di manutenzione degli stabili ALER. Infatti il patrimonio invecchia e la carenza di manutenzioni programmate, impossibili da prevedere con le dotazioni economiche disponibili, non fanno che aggravare la situazione di anno con anno. Si pone riparo al minimo indispensabile con il risultato che l anno successivo (o la volta successiva) si corre il rischio di andare ad incidere ancora su parti magari già ripristinate. La manutenzione così intesa, come programmata, è forma preventiva al danno reale e contenitiva del deterioramento ineluttabile del manufatto. Una seria politica di previsione di gestione immobiliare è da essa imprescindibile. Le manutenzioni straordinarie eseguite nel periodo di riferimento hanno attinto all unico finanziamento ottenuto da Regione Lombardia e ha riguardato l immobile di Iseo Via Cavone che ha assorbito anche quota del reinvestimento a seguito di vendita immobili con legge 27/07. Queste, trascurando le irrisorie cifre disponibili, non si adattano però ad un più ampio traguardo di manutenzione complessiva che si ribadisce deve essere incentrata su un cospicuo investimento di fondo che è stimabile intorno, per un patrimonio immobiliare come quello di ALER, ad una cifra attestantesi sui 5,5 M /anno. 4

5 D) Attività conto terzi per gestione del patrimonio comunale e attività delegata I risultati della gestione immobiliare effettuata per conto terzi continuano a una concreta e rilevante risorsa finanziaria per l'azienda, che al 31/12/2013 conta nel proprio portafoglio 43 convenzioni per la gestione di alloggi erp, 13 convenzioni per la gestione di unità non erp e 28 convenzioni per la gestione dei bandi di assegnazione. Grazie ad un'intensa attività di contatti e trattative l'ufficio Relazioni Esterne, responsabile dell'attività, è riuscito nel 2013 a rinnovare sei convenzioni in scadenza: Brandico, Breno, Gardone Riviera, Leno, Rodengo Saiano e Visano; a prorogare quattro convenzioni: Dello, Edolo, Montichiari e Travagliato. Non vi è stato nel 2013 un incremento del patrimonio gestito conto terzi, ma sono stati intrattenuti proficui contatti con i Comuni di Botticino e Castel Mella, con i quali sono in corso le attività propedeutiche alla definizione dell accordo, a dimostrazione di un importante e significativo impegno, oltre al riconoscimento delle capacità e professionalità dell Azienda. I Comuni attualmente in gestione sono: Bassano Bresciano, Bovegno, Brandico, Breno, Brescia, Capo di Ponte, Castelcovati, Castegnato, Castrezzato, Cellatica, Chiari, Cologne, Darfo Boario Terme, Dello, Desenzano del Garda, Edolo, Erbusco, Gambara, Gardone Riviera, Gardone Val Trompia, Gavardo, Gottolengo, Leno, Lograto, Lumezzane, Maclodio, Mairano, Manerba del Garda, Mazzano, Montichiari, Offlaga, Palazzolo sull Oglio, Pompiano, Poncarale, Prevalle, Rezzato, Rodengo Saiano, San Zeno Naviglio, Seniga, Travagliato, Torbole Casaglia, Visano e Villa Carcina per un totale di alloggi (sfitti e locati) pari al 35,3% di tutto il patrimonio gestito. Quanto alle convenzioni per la gestione degli edifici non erp e la gestione calore, nel 2013 sono state prorogate le convenzioni con i Comuni di Gambara e Gussago. Nel corso del 2013 sono state inoltre raccolte 28 deleghe da parte dei Comuni per la gestione dei bandi di assegnazione e le domande complessivamente raccolte per conto degli stessi sono state Accanto a dati confortanti, va evidenziata per converso la difficoltà a recuperare i crediti dei Comuni per i quali è cessata la convenzione (sia erp che non erp), in primis il Comune di Calcinato che da diversi anni si dimostra poco disponibile a risolvere la vicenda, nei confronti del quale è stata avviata azione legale. Per quanto riguarda, invece, la morosità maturata nel corso della gestione in particolare per anticipazioni di oneri accessori, l Aler ha attivato una serie di interventi mirati al recupero, per quanto possibile, in fase di rendicontazione annuale. E) Rapporti con le imprese controllate e con la Regione Aler è socio al 50,5% di Gesi srl. Gli altri soci sono A2A spa, al 44,5%, ed Atc Torino al 5%. Gesi, che ha un capitale sociale di , nel 2013 ha avuto ricavi totali per ed un utile netto di L Azienda non fa parte di un gruppo di imprese ai sensi degli artt. da 2497 a sexies c.c. in materia di società soggette alla direzione e al coordinamento altrui. F) Evoluzione prevedibile della gestione Innegabilmente il 2013 ha segnato un punto molto basso per l offerta di proposte e di soluzioni di finanziamento. L unica apparsa nel panorama quella di Regione Lombardia sugli alloggi sfitti, DGR X/401/13 è stata prontamente recepita, sfruttata e utilmente impiegata per la riconversione di alloggi sfitti che necessitavano di un rinnovamento. Ma questa parte è stata indicata nella sezione della presente relazione come tra le cose, appunto, fatte. La programmazione degli interventi di edilizia residenziale pubblica rimane quella prevista nell ultimo programma di esecuzione approvato dal Consiglio di Amministrazione prima e a seguito della riforma di ALER confermata dal Commissario. In particolare proseguono le iniziative per la realizzazione inserite nell Atto aggiuntivo all Accordo di Programma del 19 ottobre 2011, sottoscritto con il MIT nel mese di settembre 2013, e contenente gli interventi 5

6 individuati da Regione Lombardia con D.G.R. n. IX/3942 del 6 agosto 2012 sulla base delle proposte pervenute nel giugno/luglio 2012 che riguardano: intervento in Lonato via dei colli per 29 alloggi; intervento in Brescia via Malga Bala per 12 alloggi. A fronte di un costo complessivo di si è ottenuto il finanziamento di ,4. Dovranno proseguire le acquisizioni di immobili del Contratto di Quartiere, che al momento, non ha subito variazioni sotto tale aspetto per giungere al numero minimo di 99 alloggi previsti a fronte dei 74 acquisiti nel 2011/2012. Ulteriormente si dovranno attivare le procedure per giungere all acquisizione di altre quarantanove unità immobiliari per soddisfare la previsione di dismissione dall ERP della Torre Tintoretto secondo gli accordi tra partners con il Comune di Brescia che deve fornire i capitali per tale operazione. La scadenza temporale per tale acquisizione, oltre che quella per il completamento alla cifra di 99 alloggi, è stata concordemente posticipata di un anno con accordo tra le parti interessate. Regione Lombardia ha, inoltre, all esame il PRERP in cui ci potrebbero essere importanti aperture relativamente al recupero degli edifici e contestuale rinnovamento impiantistico ed al loro comportamento energetico. Sotto tale aspetto ed in previsione di tale evenienza proseguono i contatti con le amministrazioni comunali, soggetti privati proponenti soluzioni che potrebbero rivelarsi interessanti per ALER al fine di poter valutare al meglio le proposte più interessanti per il reperimento di aree o, preferibilmente, di immobili da ristrutturare o acquistare. G) Piano Vendite Nel 2013 sono state realizzate vendite per , dei quali reinvestiti Va segnalato che le risposte rispetto alle unità immobiliari proposte effettivamente in vendita agli assegnatari si attestano all incirca al 24%. Questo dato causerà un drastico ridimensionamento del piano di reinvestimento approvato sul valore presunto globale richiesto dalla Regione Lombardia. L impatto, che è in linea con tutte le altre Aler della Lombardia, è da imputare soprattutto alla forte crisi economica e alla difficoltà di ottenere crediti dagli istituti bancari da parte dei potenziali acquirenti. H) Sicurezza sociale La sicurezza rappresenta una priorità nell attività dell Azienda, per questo motivo nel corso del 2013 l Azienda ha partecipato a diverse iniziative promosse dalla propria associazione di categoria Federcasa e da Regione Lombardia (Laboratorio Sociale). L Azienda si è preoccupata sia di individuare forme di collaborazione con le istituzioni, in primis il Comune di Brescia coinvolgendo il Settore Sicurezza Urbana, sia di attivare misure di prevenzione. A seguito del trasferimento degli inquilini della torre di Via J. Robusti 90 - Brescia, è stato installato un sistema di controllo automatizzato degli accessi del piano terra e piano primo. Tale sistema attiva interventi coordinati di Polizia Locale, Servizio di Vigilanza e Aler. Nel 2013 si sono registrati alcuni tentativi di occupazione abusiva, presumibilmente per esigenze temporanee, di un immobile in attesa di ristrutturazione. La situazione è stata prontamente risolta con l intervento coordinato di Aler e Comune di Brescia che hanno rafforzato i dispositivi anti intrusione. Anche nel 2013 è proseguita la collaborazione con il Comune di Brescia, nell ambito dell asse sociale e sicurezza del Contratto di Quartiere, il progetto di aggregazione Sanpolino nel quale sono stati individuati spazi per i giovani per una migliore convivenza, destinati a promuovere attività ricreative, sportive, sociali e culturali per favorire l inserimento abitativo, l aggregazione e la rivitalizzazione del quartiere. E stato, inoltre, attivato un tavolo di lavoro, che ha coinvolto l Azienda, il Comune di Brescia, l amministratore e la Coop. E.V.A., per affrontare problematiche di varia natura sorte 6

7 nel Condominio Smeraldo di Sanpolino, che hanno messo a rischio la sicurezza e la socialità dei condomini. I) Altre attività istituzionali Nel 2013 sono proseguiti i lavori della Commissione per la valutazione di aiuti a famiglie con sfratti dovuti a morosità incolpevole in accordo con il Comune di Brescia, i sindacati dell utenza e le Associazioni della proprietà edilizia, un iniziativa positiva a fronte di un aumento degli sfratti nel settore privato. Nel corso del 2013 l azienda ha proseguito l attività dello Sportello Casa istituito dalla RL presso lo Ster di Brescia. Ha inoltre partecipato attivamente a tutte le iniziative promosse dalla DG Casa e dallo Ster per il miglioramento del servizio di informazione ed orientamento all utenza da erogare agli sportelli medesimi. Nel 2013 l azienda ha partecipato a Laboratori sociali promossi da RL per ricercare modelli innovati di gestione residenziale, volti a migliorare la qualità della vita e delle relazioni all interno di quartieri di erp. L) Rischio di liquidità La disponibilità liquida al 31/12/2013 è pari a di cui per contabilità speciale; la situazione finanziaria, positiva, denota un attento monitoraggio da parte del Presidente, del Collegio dei Sindaci, della Direzione e degli uffici preposti. M) Risultato d esercizio Il risultato dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 è pari a al netto delle imposte, che, alla luce delle considerazioni svolte nei punti precedenti e di quanto esposto nella nota integrativa viene destinato come segue: - Euro a riserva statutaria - Euro a manutenzione ordinaria Conclusioni Il bilancio consuntivo, che verrà portato all approvazione, dimostra come l Azienda si allinei agli obiettivi che la Regione propone annualmente, secondo quanto previsto dalla legge regionale 30/2006. Va sottolineato come l Azienda si vada via via modificando per riuscire ad essere parte attiva in una società sempre più complessa e con situazioni di difficoltà emergenti. Di questo va dato atto alla direzione ed al personale che hanno assunto atteggiamenti di forte disponibilità, anche se esistono ancora alcune resistenze e criticità. E d obbligo un rimando alla forte pressione fiscale che ancora oggi ci penalizza rispetto alle amministrazioni comunali che gestiscono alloggi di edilizia residenziale pubblica, con un esborso per Ires ed Irap di , rendendoci in condizioni non paritarie con gli altri gestori pubblici. Inoltre, va sottolineato che questa pressione fiscale, con un carico percentuale quantificabile intorno al 14-20% dei canoni, considera imponibili anche le situazioni di morosità. Ricordiamoci l assurdità normativa che non include le nostre Aziende tra i soggetti che possono usufruire dei benefici fiscali per interventi sul risparmio energetico (quali il 55% o il 36% riservato ai privati) subendo anche in questo caso una decisa disparità di trattamento. Questa questione dovrebbe trovare parziale soluzione con l entrata in vigore del finanziamento per il conto termico che include anche le nostre Aziende. Federcasa nazionale e il sistema regionale stanno lavorando per ovviare a queste incongruenze del sistema fiscale, con particolare riferimento all IMU per la quale il Governo ha concesso il rinvio della rata di giugno assimilandoci ai proprietari di prima casa, ed esentandoci con successivo provvedimento. Intorno alla Legge di Stabilità 2013 si è aperto un serrato confronto sulla definizione di alloggio sociale con conseguente esenzione IMU 7

8 che è stato definitivamente risolto con l approvazione del D.L. 47/2014 convertito in Legge 80/2014 in termini positivi. L Azienda in molti casi si deve far carico anche delle morosità sulle utenze dell inquilinato, che oggi incidono sul reddito familiare in modo più pesante rispetto al canone di locazione, e ha incrementato le iniziative di carattere sociale con particolare attenzione alle situazioni più problematiche sviluppando programmi di accompagnamento finalizzati all integrazione. Si dà inoltre conto della prosecuzione del lavoro della commissione del contributo di solidarietà che dà risultati positivi con il Comune di Brescia e che sta ottenendo risposte positive anche da altri comuni della Provincia, sia pure in numero minoritario. Brescia, 6 giugno 2014 Il Presidente: Emidio Ettore Isacchini Presidente firmato 8

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI GAVARDO E L'ALER DI BRESCIA PER LA GESTIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI GAVARDO E L'ALER DI BRESCIA PER LA GESTIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI GAVARDO E L'ALER DI BRESCIA PER LA GESTIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Premesso che: - l'art.12 comma 1 lett.b) del TU leggi regionali in materia di erp n.27/2009

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

UFFICIO PROGETTAZIONE E NUOVE COSTRUZIONI UFFICIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PREVISIONI BILANCIO 2014

UFFICIO PROGETTAZIONE E NUOVE COSTRUZIONI UFFICIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PREVISIONI BILANCIO 2014 UFFICIO PROGETTAZIONE E NUOVE COSTRUZIONI UFFICIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PREVISIONI BILANCIO 2014 Con riferimento ai capitoli specifici delle nuove costruzioni, recupero, manutenzione ordinaria e straordinaria,

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 29/10/2014) Art. n. 1 - Generalità degli interventi Il presente Regolamento disciplina l assegnazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica [14/03/2013 Prot. 647] Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica Programmazione 2014-2020 Tavolo tecnico B Valorizzazione, gestione e tutela dell ambiente

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO

ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO Allegato 3 circ. n.10938 del 19/07/2013 ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO ORGANICO DI DIRITTO CATTEDRE PSICOFISICI ORGANICO DI FATTO CATTEDRE SENSORIALI UDITO CATTEDRE SENSORIALI VISTA Codici

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

PRIME OSSERVAZIONI ANCE SUL DECRETO PER LA CASA APPROVATO DAL CDM IL 28 AGOSTO 2013

PRIME OSSERVAZIONI ANCE SUL DECRETO PER LA CASA APPROVATO DAL CDM IL 28 AGOSTO 2013 PRIME OSSERVAZIONI ANCE SUL DECRETO PER LA CASA APPROVATO DAL CDM IL 28 AGOSTO 2013 30 agosto 2013 Sommario ABOLIZIONE DELL IMU SUL MAGAZZINO DELLE IMPRESE EDILI... 3 DEDUCIBILITÀ DELL IMU AI FINI DELL

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA Deliberazione di Giunta Regionale 22 dicembre 2008 N. VIII/8745 Valentina Sachero REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO Art. 1 Soggetto attuatore Soggetto attuatore del progetto, è Casa e Provincia Spa, che metterà a disposizione le proprie competenze acquisite nello svolgimento

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA COMUNE DI DOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA Approvato con delibera C.C. n. 77 del 22.11.2012 Modificato con

Dettagli

Convenzione. Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati

Convenzione. Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati Convenzione 1. - Oggetto Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati dalla Provincia e dalle Banche di Credito Cooperativo di Carugate, Cernusco sul Naviglio,

Dettagli

Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?!

Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?! Unione Inquilini Conferenza Stampa Fondo Sostegno Affitti in Lombardia e nuovi interventi per edilizia residenziale pubblica verso il tracollo?! Scheda 1: Andamento della spesa destinata al fondo affitti

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde

Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde Misure Salva Mutui Agevolazione alle giovani coppie per l acquisto della prima casa Fondo Sostegno al Disagio Acuto Contributo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Edilizia residenziale pubblica

EFFICIENZA ENERGETICA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Edilizia residenziale pubblica (Proposte incentivi_rel_fc.doc / 28/07/11) EFFICIENZA ENERGETICA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Edilizia residenziale pubblica Premessa: incentivi ed aiuti mirati alla specificità dei soggetti Nel definire

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Imu, Service Tax e fondi per la riqualificazione edilizia ed energetica, in vigore il decreto. Conversano, 3 Settembre 13

COMUNICATO STAMPA. Imu, Service Tax e fondi per la riqualificazione edilizia ed energetica, in vigore il decreto. Conversano, 3 Settembre 13 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master s.r.l. progetta, produce e commercializza accessori

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Bando pubblico per i Cittadini

Bando pubblico per i Cittadini Bando pubblico per i Cittadini 1. - Oggetto Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati dalla Provincia e dalle Banche di Credito Cooperativo di Carugate

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa 1. Finalità L'agenzia casa è un servizio pubblico del Comune di Modena volto istituzionalmente ad assicurare l'accesso alla casa ai cittadini

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 03530/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 03530/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 03530/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

NEL SETTORE DELLA LOCAZIONE

NEL SETTORE DELLA LOCAZIONE PIANO DELLE ATTIVITA a sostegno della MOBILITÀ NEL SETTORE DELLA LOCAZIONE nel Comune di CREMONA in conformità alle disposizioni della Deliberaz. Giunta Regionale 25-7-2014 n. X/2207 ANALISI CONTESTO La

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Piano d azione: Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Area AMBIENTE Bando con scadenza 29 giugno 2007: Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Il problema

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni di euro già stanziati

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 74 Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio 75 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della

Dettagli

I SERVIZI IMMOBILIARI

I SERVIZI IMMOBILIARI I SERVIZI IMMOBILIARI Agec signifi ca Azienda di Gestione degli Edifici Comunali: l Azienda infatti è nata con l obiettivo istituzionale di amministrare e gestire gli immobili di civile abitazione di proprietà

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE Circolare n. 24 del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 Premessa... 2 2 Detrazione IRPEF per interventi di recupero

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 27/02/1997. SOMMARIO: TITOLO I: Fondo Sociale Art. 1 - Istituzione fondo sociale...pag.3

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa.

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA, AL RECUPERO ED ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO DEL COMUNE DI FUSIGNANO ED ALL

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 21 GENNAIO 2014 MANIFESTAZIONE. Mercoledì 22 gennaio 2014 alle ore 16:30. sotto la sede dell Aler di Milano di viale Romagna,26

CONFERENZA STAMPA 21 GENNAIO 2014 MANIFESTAZIONE. Mercoledì 22 gennaio 2014 alle ore 16:30. sotto la sede dell Aler di Milano di viale Romagna,26 Unione Inquilini CONFERENZA STAMPA 21 GENNAIO 2014 MANIFESTAZIONE Mercoledì 22 gennaio 2014 alle ore 16:30 sotto la sede dell Aler di Milano di viale Romagna,26 A seguito della decisione della Presidenza

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E.

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. 1. Premesse In attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa di

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2010

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2010 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2010 L A.L.E.R. di Sondrio chiude il bilancio d esercizio 2010 con un risultato positivo pari ad Euro 260.115,72. Si tratta

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

Determ. n. 870-18.4.2013 N. 40773 P.G.

Determ. n. 870-18.4.2013 N. 40773 P.G. COMUNE DI BRESCIA Determinazione dirigenziale Determ. n. 870-18.4.2013 N. 40773 P.G. OGGETTO: Settore Bilancio e Ragioneria. Misure a sostegno dei soggetti degli inquilini/acquirenti degli alloggi del

Dettagli

Prot. AOODGAI/ 10031 Roma, 30/07/2010

Prot. AOODGAI/ 10031 Roma, 30/07/2010 UNIONE EUROPEA Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione D.G. per gli Affari Internazionali Uff. IV Programmazione

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa Per il pagamento elettronico dei diritti di istruttoria per le pratiche SUED tra la Comunità Montana di Valle Trompia e l'azienda Sanitaria Locale della Provincia di Brescia Tra La

Dettagli

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI

A tal fine concordano di sottoscrivere il presente protocollo così articolato: ART. 1 IMPEGNI DELLE PARTI SOTTOSCRITTRICI PROTOCOLLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI RIMINI, PREFETTURA DI RIMINI, PROVINCIA DI RIMINI, COMUNI DELLA PROVINCIA DI RIMINI, ISTITUTI DI CREDITO, SINDACATI CGIL CISL UIL E ASSOCIAZIONI DELLA PROPRIETA RECANTE

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE Ascolto, attenzione, accompagnamento verso il bisogno primario della casa. Questo è l impegno costante che Regione Lombardia garantisce alle giovani

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte del Fondo (di seguito, Anticipazione),

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE AGEVOLAZIONI ALLE GIOVANI COPPIE PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA Regione Lombardia e ABI, in collaborazione con Finlombarda S.p.a., supporta le

Dettagli

RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO 14,62 Al Comune di Alfonsine Sede

RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO 14,62 Al Comune di Alfonsine Sede RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO AGEVOLATO - Mutui prima casa giovani e giovani coppie - MARCA DA BOLLO,6 Al Comune di Alfonsine Sede All Istituto di credito Banca di Romagna Filiale di Alfonsine

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

La presente Convenzione disciplina le condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di

La presente Convenzione disciplina le condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di Convenzione di Partnerariato per la costituzione di un dispositivo innovativo di credito co-finanziato tra la Provincia di Milano e La Banca Popolare di Milano (Parte A Rapporti Provincia/ Banche /Clienti)

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014 Oggetto: PO FESR 2007/2013. Accelerazione della spesa. Avviso multilinea per la presentazione di progetti per opere pubbliche di pronta cantierabilità. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

Settore Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Partecipazione, Pari Opportunità

Settore Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Partecipazione, Pari Opportunità ATTIVAZIONE DI INTERVENTI PER IL CONTENIMENTO DELLA MOROSITA INCOLPEVOLE SU LIBERO MERCATO O SU ALLOGGI DI PROPRIETA DI COMUNI O ALER A CANONE MODERATO O CONCORDATO AVVISO DI BANDO Il Comune di Monza,

Dettagli

Sicurezza e risparmio energetico

Sicurezza e risparmio energetico Sicurezza e risparmio energetico nell'edilizia edilizia residenziale pubblica Anna Maria Pozzo Federcasa Milano, 25 marzo 2010 Il contesto residenziale il settore residenziale vale il 40% dei consumi europei

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova C.A.P. 46040 - Piazza Emanuele III, 15 P.iva 00159460203 Telefono 0376/800502 Fax 0376/809348 E_mail ufficiotecnico@comune.monzambano.mn.it Posta Certificata E_mail

Dettagli

Direzione Centrale Politiche Sociali 2014 00034/104 Direzione Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Centrale Politiche Sociali 2014 00034/104 Direzione Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Centrale Politiche Sociali 2014 00034/104 Direzione Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 1 approvata il 2

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Relatori: Bazzarello Antonella: Dottore Commercialista e revisore contabile

Dettagli

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea;

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea; Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2014 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello LE COOPERATIVE SOCIALI Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello 11 novembre 2014 LEGGE 8 novembre 1991 n. 381 Art. 1 Definizione Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l INTERESSE GENERALE

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO Fondo Pensione Complementare iscritto al n. 1016 dell Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale Ente morale riconosciuto

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1

Dettagli

Autogestione servizi accessori e spazi comuni. Condominio

Autogestione servizi accessori e spazi comuni. Condominio Autogestione servizi accessori e spazi comuni. ondominio on il presente documento, si intende evidenziare alcune fondamentali norme, nonché suggerimenti procedurali e di collaborazione tra l A.T.E.R. di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli