Indice. Bibliografia e siti internet visitati. Introduzione... pag VOLUGRAFO Bimbo pag ALCA Volpe...» 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Bibliografia e siti internet visitati. Introduzione... pag. 1. 1945 VOLUGRAFO Bimbo 46... pag. 5. 1947 ALCA Volpe...» 10"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Elaborato del corso Storia della Meccanica Prof. Edoardo Rovida L EVOLUZIONE DELLA MICROCAR: da semplice motocicletta con il tetto a solutrice dei problemi del traffico urbano e dell ecologiaecologia Autori: Agosti Diego Matr Inglardi Stefano Matr Vercesi Emanuele Matr Anno Accademico

2 Indice Introduzione pag VOLUGRAFO Bimbo pag ALCA Volpe » MI-VAL Mivalino » ISO Isetta » ACMA Vespa » LAWIL Varzina » CASALINI Sulky » 41 Qualche curiosità pag. 45 Uno sguardo all Europa » 50 Microcars: tra passato e futuro » 54 Car-Sharing: una proposta di mobilità sostenibile » 69 Bibliografia e siti internet visitati Bibliografia pag. 73 I

3 Poca ingegneria tanta fantasia Parola d ordine: semplicità. Per costare poco, pesare poco, consumare poco. I progettisti, spesso provenienti dall industria aeronautica, possono sbizzarrirsi, eliminando tutto il possibile: ruote, differenziali, ammortizzatori, retromarcia, porte. A volte persino il tetto. La scuola tedesca è la più prolifica per varietà di modelli, l italiana la più originale mentre l inglese è la più sconcertante. Le micro vetture esistono da sempre, dagli albori della motorizzazione; esemplari unici assemblati da costruttori dilettanti, modelli a volte geniali prodotti in piccole serie da modesti artigiani, ma anche raffinati progetti di importanti aziende costrette, nel dopoguerra, a riconvertire la produzione per cogliere le opportunità offerte dal mercato. In passato le microvetture costituivano spesso l unica soluzione per soddisfare a poco prezzo il desiderio di automobile. Niente a che vedere con le moderne city-car, seconde macchine concepite per districarsi nel traffico caotico delle città e spesso molto costose. Le microvetture hanno avuto sostanzialmente due periodi di forte espansione: negli anni 30, in seguito alla Grande Depressione e, soprattutto, nel dopoguerra, quando costituivano una sorta di seconda generazione nello sviluppo della motorizzazione individuale, toccando la loro massima popolarità, dopo il 1955, nei Paesi del Nord e Centro Europa. Mentre in Italia, e 1

4 in generale nei paesi con il clima più clemente, la prima generazione è costituita dagli scooter e continua a prosperare fino alla diffusione su larga scala delle automobili vere, nei Paese freddi la necessità di avere un abitacolo ben protetto è prioritaria fin dall inizio. Emblematico l esempio della Germania, la cui produzione di microvetture negli anni 50 si articola su una gamma vastissima di marche e modelli, forse la più completa d Europa. Dopo il 45, delle grandi fabbriche belliche rimane poco o nulla, ma le menti creative sono in gran parte sopravvissute e la manodopera non manca. Mancano invece il denaro e le materie prime: un motivo in più per aguzzare l ingegno. Già a partire dal 1950 infatti, diverse aziende sviluppano prototipi, acquisiscono brevetti e licenze e realizzano piccole serie di veicoli, che oggi possono destare tenerezza, ma che spesso sono un lavoro di compromesso tra genio creativo e modestia di mezzi. La tecnologia è raramente di tipo automobilistico: più spesso si rifà alle soluzioni motociclistiche o aeronautiche, oppure è il risultato di un bricolage evoluto e molto creativo. La parola d ordine, per tutti, è leggerezza, poiché i motori, quasi sempre di origine motociclistica con raffreddamento ad aria, hanno cilindrata e potenza assai modeste, perché devono costare poco e consumare pochissimo. Si tratta per lo più di motori tedeschi, in genere monocilindrici a 2 tempi, semplici e leggeri, con cilindrate da 125 a 300 cm 3, ma non mancano raffinati bicilindrici, sempre a due tempi, con cilindrate da 250 fino a oltre 450 cm 3. Alcuni costruttori poi, per tradizione aziendale (vedi BMW con l Isetta), preferiscono fin da subito i 4 tempi. La semplicità concettuale e la ricerca della leggerezza impongono la 2

5 rinuncia a qualsiasi complicazione tecnica: gli schemi prescelti sono quindi o tutto dietro o tutto avanti, con trasmissione tipo scooter a catena o ad ingranaggi, e solo in rari casi si ricorre a corti alberi di rinvio. La soluzione tutto dietro è decisamente la più diffusa: viene adottata su tutte le 3 ruote e sulle 4 ruote con carreggiata posteriore molto stretta, che consente di fare a meno del differenziale offrendo al tempo stesso un comportamento più stabile in curva. Il tutto dietro lo ritroviamo anche su molte 4 ruote di concezione più automobilistica, le quali si uniformano così alla configurazione più diffusa delle utilitarie anni 50. Anche i cambi sono si origine motociclistica: si va dalle soluzioni più semplici che non prevedono la retromarcia a quelle più complesse che fanno ricorso a campi ad innesti elettromagnetici. I telai sono costituiti da tubi d acciaio, saldati spesso senza neanche essere piegati. Lo schema più in voga prevede un tubo centrale e due trasversali, anche se non mancano esempi di telai a piattaforma: pur ridotti all osso, essi garantiscono quel minimo di stabilità e resistenza necessarie a mezzi con prestazioni e capacità di carico più elevate. Le sospensioni, montate su piccole incastellature ausiliarie, sono un esempio di razionalità e leggerezza, quanto di meglio si può concepire negli anni 50. Le sospensioni posteriore delle 3 ruote o delle 4 ruote a carreggiata molto stretta sono quasi sempre costituite da mezze balestre longitudinali a sbalzo (cantilever) accoppiate, nei casi più evoluti, ad ammortizzatori telescopici; mentre sulle 4 ruote più convenzionali si trovano in genere semiassi oscillanti con molle elicoidali e ammortizzatori telescopici coassiali. All anteriore troviamo invece braccetti longitudinali con barre di torsione oppure quadrilateri articolati con molle elicoidali o barre di torsione. Ma il massimo della creatività viene espresso nelle carrozzerie. All inizio si tratta di trovare un alternativa 3

6 alla lamiera d acciaio stampata, che non sarebbe giustificata dai modesti volumi produttivi. Si opta allora per intelaiature in legno, sulle quali vengono fissati pannelli di lamierino, soluzione che fa assomigliare la vettura alla fusoliera di un vecchio aeroplano. Per migliorare l estetica e ridurre le spaventose vibrazioni di una simile struttura, si pensa allora ad un rivestimento in finta pelle che permette di ottenere forme più arrotondate ed aggraziate. Evidentemente non ci si poneva affatto il problema della resistenza agli urti o anche soltanto alle sollecitazioni durante la guida, eppure vengono costruite e vendute migliaia di vetture realizzate con questa tecnica. Con il passare degli anni la reperibilità di materie prime migliora e si cominciano a realizzare stampi per carrozzerie in alluminio che, al di là di scelte estetiche a volte discutibili, sono leggere e resistenti. Dalla metà degli anni 50 si diffondono infine le carrozzerie in acciaio, autoportanti o saldate su telai a piattaforma, mentre per le piccole serie compaiono le prime carrozzerie in plastica. Ma intento è cominciata l era delle moderne utilitarie, che costano come le microcar e offrono i vantaggi delle vere automobili. 4

7 VOLUGRAFO Bimbo Sembra uscita dalle giostre, invece è una macchina vera, uno dei tanti tentativi di offrire, nel dopoguerra, quattro ruote al prezzo di due. La Bimbo nasce nel 1945 per opera dalle Officine Meccaniche Volugrafo, azienda di Torino specializzata nella produzione di rimorchi, cisterne e pompe per i distributori di carburante. Progettata dall ingegner Belmondo, la microcar sembrava più una automobilina giocattolo che una vera e propria vettura. E infatti difficile definirla automobile: sebbene sia immatricolata come tale, ricorda le vetture delle giostre o le macchine a motore elettrico per i ragazzini. Era molto bassa, di dimensioni estremamente contenute (passo di appena 1,5 m), senza porte (per entrare infatti, si scavalcava la fiancata), con carrozzeria d alluminio di linea tondeggiante e carenata. Poteva trasportare due sole persone a condizione che fossero di piccola taglia. I due tappi sopra il muso sono per il serbatoio della benzina (dieci litri) e per quello dell'olio (tre litri). La lubrificazione è a carter secco. 5

8 Il parabrezza è simbolico in quanto adatto appena a riparare il tronco del guidatore ma non la testa, che sporge quasi completamente. Le ruote, di taglia minima, montano pneumatici di misura 3.50x8, ossia quelle utilizzate normalmente per le carriole dei muratori. Il disegno evidenza l estrema semplicità della Bimbo priva di porte, cofani e paraurti come le automobiline delle giostre. Sia i freni che lo sterzo sono comandati da cavi metallici. 6

9 Il telaio era in tubi d acciaio con sospensione anteriore ad assale rigido e mezze balestre longitudinali; per quanto riguarda il retrotreno, la sospensione posteriore è a ruote indipendenti. A differenza delle altre micro vetture dell epoca, che generalmente adottavano un motore bicilindrico a due tempi, la bimbo era spinta da un motore monocilindrico a quattro tempi di 125 cm 3 con valvole in testa, raffreddato ad aria, sistemato dietro, che agiva mediante una catena sulla sola ruota sinistra. La strumentazione non si può guastare perché manca del tutto. Il commutatore nero sulla sinistra serve per contatto e luci, quello bianco, aggiunto dopo, per le frecce. Il lungo pedale che sporge dietro la leva del cambio è quello dell'avviamento. Il motore era di origine motociclistica con carter cilindro e testa in alluminio. Con una corsa di 58 mm e un alesaggio di 52 mm, sviluppava una potenza di 4,5 cavalli a 4500 giri/min. Il rapporto di compressione è di 6:1 e montava una carburatore Weber da 18mm. Il cambio era a tre marce, senza retro, con comando a leva laterale e i pneumatici erano da 3.50x8. Il serbatoio di carburante era capace di 10 litri mentre quello di lubrificante ne conteneva 3. 7

10 L omologazione è per due persone, ma come si può notare, bisogna essere snelli per poterci entrare. Da osservare inoltre l assenza degli specchietti di serie, che possono però essere aggiunti, così come le frecce direzionali. La Bimbo aveva delle dimensioni piuttosto caratterizzanti, un passo di 1610 mm, una carreggiata anteriore di 820mm, una carreggiata posteriore di 830 mm, una lunghezza di 2000mm e un peso a vuoto di soli 125 Kg. La vetturetta si avviava tirando una leva a mano (come sui motofurgoni), aveva un cambio a tre marce in blocco con il motore e freni sulle tutte e quattro le ruote. I cinque cavalli di potenza le permettevano di raggiungere i 60 all ora e di consumare circa 2,5 litri per percorrere 100 km. Per migliorare ed incrementare le prestazioni, la Volugrafo studiò anche la possibilità di montare un secondo motore che spingesse anche sulla ruota di destra: sarebbe stato compito del guidatore scegliere se utilizzare contemporaneamente oppure no i due propulsori. Della originale vetturetta, venduta a circa trecentomila lire, furono costruiti solo pochissimi modelli sino al 1948, che però scomparvero quasi subito dalla circolazione. 8

11 Motore Monocilindrico di origine motociclistica - Carter, cilindro e testata in alluminio - Cilindrata 125 cm³ - Alessaggio 52 mm - Corsa 58 mm - Potenza 4,5 CV a 4500 giri/min - Rapporto di compressione 6:1 - Distribuzione a valvole in testa e albero nel basamento - Lubrificazione a carter secco con pompa - Un carburatore Weber 18 MF. Trasmissione Corpo vettura Motore centrale sul lato sinistro - Trazione a catena sulla sola ruota posteriore sinistra - Cambio a tre marce senza RM - Comando a leva laterale - Pneumatici 3.50x8. Spider due posti, senza porte - Telaio in tubi d'acciaio - Sospensione anteriore ad assale rigido, mezze balestre longitudinali - Sospensione posteriore a ruote indipendenti, mezze balestre longitudinali - Freni a tamburo sulle quattro ruote - Sterzo a rocchetto e cavo metallico - Capacità serbatoio carburante 10 litri, serbatoio lubrificante 3 litri - Impianto elettrico a 6 V. Dimensioni e peso Passo 1610 mm - Carreggiata anteriore 820 mm - Carreggiata posteriore 830 mm - Lunghezza 2000 mm - Peso a vuoto 125 kg. Prestazioni Velocità; 60 km/h - Consumo medio 2,5 litri/100 km. Libretto di Circolazione di una Volugrafo Bimbo del

12 ALCA Volpe L'immediato dopoguerra italiano era pervaso, almeno dal punto di vista dei trasporti, da un genuino, ingenuo ottimismo nei confronti di tutto ciò che poteva rappresentare o almeno sembrare un innovazione e una comodità in più per spostarsi. Con l'entusiasmo di una nazione che usciva da una guerra disastrosa, l'italia dell'automobile tentava di rialzare la testa, sostenuta inizialmente dalle più economiche due ruote: il Garelli Mosquito motorizzava le biciclette, mentre Piaggio presentava nel 1946 la mitica Vespa. Alla motorizzazione di massa, ancora da creare, la nostra industria proponeva quindi mezzi semplici, economici, robusti e utili, copiando un po' ciò che già era stato ideato prima della guerra (in Italia ma anche in America, Inghilterra e Germania) e un po' proponendo progetti originali. In questo clima nasce la curiosa ALCA Volpe, una microvettura pensata appunto per i desideri di milioni di italiani, per la prima volta alle prese con l'acquisto di un'auto. Presentata nel 1947 dalla neonata società Anonima Lombarda Cabotaggio Aereo (ALCA), la Volpe ha in realtà ben poco di una automobile come la concepiamo oggi. Durante una spettacolare presentazione fatta in un teatro romano il 30 marzo 1947, con la partecipazione dell'allora famosa compagnia del comico Erminio Macario, la Volpe viene pubblicizzata come la scelta ideale per la mobilità del dopoguerra italiano. Si tratta di una vetturetta aperta, a due posti, lunga 2,5 e larga 1,02 metri, equipaggiata da un motore bicilindrico, sistemato posteriormente, di 124 centimetri cubici di cilindrata che sviluppava una potenza di 6 cavalli a 5ooo giri/min ed in grado di spingere teoricamente la Volpe a 75 km/h di velocità massima. 10

13 Il cambio è a quattro rapporti più retromarcia, con leva al volante e preselettore. Le marce si innestano premendo direttamente il pedale della frizione. Il motore si avvia a strappo (come nei motori fuoribordo) o premendo un pedale. L alimentazione e la lubrificazione sono a miscela, l accensione a volano ed il raffreddamento ad aria forzata. Data la leggerezza (in ordine di marcia la Volpe pesava appena 135 Kg) e la ridotta carreggiata posteriore, fu possibile eliminare il differenziale. Come già sottolineato, il motore è sistemato posteriormente e ha il basamento incernierato alla carrozzeria: con questa soluzione il gruppo motore-cambio oscillava assieme all assale rigido posteriore. Gli elementi elastici delle sospensioni sono costituiti da balestre, sistemate, davanti in posizione trasversale, dietro, longitudinale. Per la Volpe i tecnici dell Alca optarono per una scocca autoportante e per tre freni: due sulle ruote anteriori e uno sull assale posteriore: su quest ultimo agisce anche il freno a mano. Particolarità molto semplice era il comando meccanico dei tamburifreno. Altri aspetti curiosi e per certi versi risibili del progetto Volpe sono anche le minuscole ruote 4.00 J x 8 pollici e la fragile capote apribile con 11

14 archetti snodati. Altri dati dichiarati parlano di una pendenza massima superabile del 25 % e di uno spazio d'arresto da 60 Km/h in meno di 7 metri. L Alca, l azienda produttrice della Volpe, sognava la grandezza e si auspicava, molto ottimisticamente, di avviare con questo modello una motorizzazione di massa. Al di là della roboante presentazione, avvenuta nella primavera del 1947 sul palco del Teatro Lirico di Milano, tra le belle ragazze della compagnia di rivista ed il comico Erminio Macario, l accoglienza che il pubblico riservò alla Volpe fu favorevole, tanto è vero che si manifestò in un buon numero di prenotazioni. A ciò bisogna aggiungere una pressante campagna pubblicitaria che prevedeva l inizio delle consegne nel luglio dello stesso anno. Invece i contratti non furono rispettati, le consegne sempre più rimandate, con assicurazioni da parte dei responsabili della casa sempre meno convincenti. Così, per carenze organizzative il progetto Volpe si arenò il 26 aprile 1948 e 12

15 dopo soli 6 esemplari prodotti la Volpe sparì, come la stessa ditta produttrice che nel 1948 fu indagata per bancarotta fraudolenta dopo aver intascato gli acconti dei clienti che avevano ordinato la microvettura (circa 300 milioni di lire in totale). Nella stessa strategia commerciale di lancio si pose anche l'iscrizione di cinque Alca Volpe alla prima Mille Miglia del dopoguerra, quella del '47, tre delle quali allestite in una fantomatica versione turbocompressa, priva di capote e dotate di coda aerodinamica arrotondata con poggiatesta integrato. Le cinque vetture non si presentarono mai alla partenza. Nella grossa truffa della "Volpe mai nata" è rimasta coinvolta anche la spagnola Gemicar Internacional Auto S.L. di Madrid, che nel '47 decide di costruire su licenza la Hispano Volpe, versione della microcar italiana per il mercato iberico, Portogallo, Marocco, America latina e colonie spagnole. Come è facile intuire, nessuno stabilimento madrileno ha mai sfornato alcuna Hispano Volpe. I pochi esemplari sopravvissuti di Alca Volpe si trovano oggi in musei o collezioni private, muta testimonianza di un sogno che ha illuso e deluso molti italiani, uno dei primi pasticci nell'italia del dopoguerra. La cosa che lascia l'amaro in bocca è che la Volpe abbia per certi versi anticipato e prefigurato alcune delle soluzioni super-economiche che sarebbero poi state adottate su microcar di un certo successo commercializzate quasi dieci anni dopo: in primis la Kleinschnittger F125, poi la Iso Isetta, la Messerchmitt Kabinenroller (Mi-Val in Italia), la Brütsch Mopetta e la Glas Goggomobil. 13

16 MI-VAL Mivalino Sono gli anni della rinascita, al termine del secondo conflitto mondiale. Tutti vogliono dimenticare gli orrori della guerra e creare dalle rovine un nuovo paese. Tanta voglia di fare ma le risorse sono scarse, c è bisogno di fabbriche dove lavorare e di mezzi economici per muoversi. Si sviluppa così la produzione motociclistica, con nuove aziende e prodotti utilitari. E successo negli anni Venti e il fenomeno si ripete immutato anche negli anni Cinquanta quando, tra queste nuove aziende compare la MI-VAL, frutto della convergenza di alcuni industriali bolognesi (tra cui Ettore Minganti) e della necessità di riconversione della fabbrica d armi di Pietro Beretta di Gardone Valtrompia (BS). Sull eco della presentazione dell Isetta (dicembre 1952), nel 1953 la MI-VAL annuncia l entrata in produzione, su licenza della famosa industria aeronautica tedesca Messerschmitt, di una microvettura a due posti. E il Mivalino, uno scooter cabinato a tre ruote con il muso da ranocchio e l abitacolo a carlinga, la cui pubblicità recitava: Non è un automobile, né lo vuole essere: si tratta di una motocicletta con tutte le comodità, protetta contro tutte le intemperie e il vento. 14

17 E evidente come la linea del Mivalino si rifaccia a quella dei famosi caccia Messerschmitt G 109 della Seconda Guerra Mondiale. Per accedere all abitacolo occorre infatti sollevare di 90, verso il lato destro, la calotta in plexiglas incernierata alla carrozzeria. Il motore invece (sia quello impiegato per la versione tedesca (Sachs) sia il MI-VAL 175 della Casa bresciana) è di natura prettamente motociclistica così come il telaio in tubi d acciaio saldati e la carrozzeria in acciaio stampato. Davanti ha due ruote sterzanti, con carreggiata di soli 92 cm, e sospensioni indipendenti a tre elementi di gomma in compressione, mentre al posteriore c è una singola ruota motrice con la catena della trasmissione finale e la sospensione a forcellone oscillante con molla di gomma. Anche la guida è di tipo motociclistico, con uno sterzo a manubrio e il comando dell acceleratore a manopola (stranamente posto sulla sinistra). 15

18 Si poteva guidare senza patente perché ai fini burocratici-fiscali era equiparato ad una moto e la pubblicità della Casa sottolineava il fatto che con il nuovo veicolo veniva risolto economicamente il problema della motorizzazione del ceto medio perché non soddisfa soltanto il sogno della gioventù sportiva di avere un veicolo chiuso, ma offre anche per i viaggi d affari e le gite di piacere, al costo e con le spese di manutenzione di una motocicletta, la comodità, la resistenza e la sicurezza di un autovettura. 16

19 Erano stati previsti due tipi di equipaggiamenti: il primo, di serie, comprendeva tachimetro, tergicristalli, specchietto retrovisore e ferri di bordo; il secondo aveva, in aggiunta, ruota di scorta, copriruota cromati, orologio, borse laterali di stoffa, porta bagagli esterno e addirittura l alloggiamento per l autoradio. Nelle intenzioni del costruttore lo scooter a tre ruote, oltre ad essere più stabile e quindi più sicuro di quello a due, permetteva di arrivare, a fine viaggio, meno stanchi e con gli abiti asciutti oltre che puliti. Tutto questo senza le spese di acquisto e di manutenzione di un automobile (il Mivalino costava Lire) né con il conseguente obbligo di patente per guidarla. In sintonia con i comunicati pubblicitari, la stampa scriveva del Mivalino in termini ugualmente entusiastici: per esempio, in occasione della presentazione a Gardone Valtrompia, la Gazzetta dello Sport si spinse addirittura a parlare di linea elegantissima. Purtroppo però, alla prova dei fatti, il tre ruote bresciano si rivelò scomodo da utilizzare, scarso nelle prestazioni e anche pericoloso nella guida. Ciò, nonostante la Casa assicurasse che il baricentro molto basso e le ruote anteriori indipendenti erano garanzia di buona tenuta di strada e stabilità in curva anche su terreni accidentati. 17

20 La stabilità del Mivalino è stata ottenuta applicando i migliori accorgimenti tecnici al riguardo, operando nel seguente modo: 1. è stato abbassato il più possibile il baricentro della massa componente il Mivalino; 2. i carichi sono stati distribuiti su tre appoggi, dimensionandoli tra loro in modo tale che la risultante R (dal baricentro G) della forza viva Fe e della forza centrifuga Fc cada entro il semiasse anteriore; 3. la disposizione in tandem dei passeggeri è tecnicamente razionale poiché anche nel caso in cui i due componenti dell equipaggio abbiano peso differente, questo agisce solamente sull asse longitudinale, per cui rimane ugualmente equilibrato durante la marcia. Nei posti affiancati invece ne rimarrebbe compromessa la stabilità, soprattutto nel caso in cui il pilota viaggi da solo. Quindi, nonostante le premesse, il Mivalino non ebbe né vita lunga (la produzione, iniziata nel 1954 cessò dopo soli due anni) né successo commerciale: oltre ai motivi già esposti, contribuirono certamente al flop delle vendite la sua forma un po troppo pittoresca nonché la nota avversione del mercato italiano ai veicoli troppo dichiaratamente utilitari. Maggiore (anche se non troppa) fortuna ebbe invece il gemello tedesco, motivata in origine sia dal loro clima più sfavorevole sia dalle maggiori possibilità economiche del mercato. Con quel muso a ranocchio e l abitacolo a carlinga, il Messerschmitt era frutto di un progetto dell ingegner Fritz Fend (specialista in vetture per disabili), con la supervisione dello stesso professor Willi Messerschmitt. In Germania, il tre ruote KR 175 (la sigla deriva da Kabinenroller, cioè scooter con cabina ) fece la sua comparsa nel 1952 ed ebbe un discreto successo cesso anche in Belgio, Francia, Olanda, Inghilterra e persino in 18

21 Giappone. Nel 1954 fu poi seguito dal modello KR 200, sempre con motore Sachs a 2 tempi ma con cilindrata aumentata da 175 a 200 cc. Assieme ad un aumento delle prestazioni, la nuova versione dell autoscooter (questa è la definizione che utilizzò la stampa francese per descriverlo) presentava altri miglioramenti; tra i più curiosi: il sedile posteriore sdoppiato, per ospitare una mamma con un bambino (il mezzo diventava così a tutti gli effetti un 3 posti) ed il manubrio a forma di semicerchio schiacciato simile a quella dei moderni volanti automobilistici da competizione. Anche nello sport, lo scooter cabinato lascia il segno; alla nona Milano-Taranto (20 giugno 1954), tre dei cinque Mivalino iscritti alla competizione tagliano infatti il traguardo dopo una logorante tirata di chilometri. Il vincitore (C. Manfredini) ottiene la media di 64,787 km/h, risultato assolutamente non disprezzabile dato il primo della categoria sidecar (Borri su Moto Guzzi 500) raggiunge la città dei due mari a 83,736 km/h. Ad Hockenheim, siamo ai primi di Settembre del 1955, un Messerschmitt KR 200 batte una serie di primati mondiali sulle lunghe e medie distanze nella classe tre ruote 250. Dotato del motore Sachs a 2 tempi opportunamente preparato, anche se con regolare marmitta silenziatrice, raggiunge una velocità massima di 114 km/h che riesce a mantenere pressoché costante anche nelle prove a lunga distanza (1000 miglia a 106 km/h di media e 24 ore a oltre 103 km/h), a testimonianza dell ottima regolarità di funzionamento della macchina. 19

22 ISO Isetta Due posti coma la Smart. Motore posteriore come la Smart. Linea monovolume come la Smart. Il parallelo finisce qui, perché l Isetta, la microvettura della Iso non ha il motore turbo, l aria condizionata, il catalizzatore, le cinture di sicurezza, l abitacolo con la cellula di protezione. Però, per la sua epoca, quando ancora non era esploso il problema del traffico, l Isetta era davvero all avanguardia. Il commendator Renzo Rivolta, titolare della Iso, e l ingegner Ermenegildo Preti, progettista aeronautico, avevano visto giusto quando si misero al lavoro per avviare la produzione di un veicolo soprattutto economico, destinato a chi voleva fare il salto di qualità dalla motocicletta all automobile, ma non poteva ancora permettersi di acquistare la Topolino. Per capire le origini della più popolare tra le microvetture del dopoguerra, occorre fare un salto indietro nel tempo, esattamente fino al 1939, anno in cui Renzo Rivolta fondò la Iso, una ditta con sede a Bolzaneto (GE), specializzata in impianti di refrigerazione ad uso industriale o privato. Nel 1943, la Iso si trasferì a Bresso, in provincia di Milano, dove alla precedente attività si aggiunse anche quella di produzione di elettrodomestici. Terminata la Seconda guerra mondiale, però, Renzo Rivolta si accorse che una delle maggiori esigenze e priorità della popolazione italiana era quella di potersi spostare tramite un mezzo di locomozione che fosse economico, molto più di un'automobile a buon mercato come lo era la Topolino di quegli 20

23 anni. Decise quindi di convertire la produzione di elettrodomestici a quella di motociclette. Fu così che nacquero modelli di un certo successo. Ma dopo questi piccoli successi, Renzo Rivolta decise che era arrivato il momento di passare alla produzione automobilistica. La ragione sociale della ditta fu perciò mutata in Iso Autoveicoli SpA. Ciò che aveva in mente era un automezzo che stesse a metà tra una motocicletta ed una "Topolino". Doveva, cioè, essere semplice come una moto, ma con carrozzeria chiusa come un'auto. La filosofia costruttiva di Renzo Rivolta nel settore delle automobili era quella di privilegiare prima di tutto la comodità ed il comfort dei passeggeri, nonché un'oculata sistemazione della meccanica all'interno del corpo vettura: la carrozzeria sarebbe stata modellata solo a quel punto, sulla base delle specifiche precedenti. Per realizzare la nuova vetturetta, Renzo Rivolta si affidò a due vulcanici personaggi, giovani ma con un significativo passato alle spalle in campo aeronautico: Ermenegildo Preti e Pierluigi Raggi. Il primo prototipo fu realizzato nell'estate del 1952 e già prefigurava molte delle soluzioni tecnico-stilistiche presenti sulla vettura definitiva, come il corpo vettura "ad uovo", la meccanica di derivazione motociclistica e la presenza di un 21

24 unico portellone frontale, che andava a costituire praticamente l'intero muso della vetturetta. Pressoché definitiva era anche l'architettura della vettura, con scocca in lamiera d'acciaio dotata di un'ampia vetratura fissata a un telaio di tubi d'acciaio. Tale prototipo era inoltre provvisto di tre sole ruote: due davanti ed una dietro, soluzione presto abbandonata quando ci si accorse della sua inaffidabilità in caso di foratura durante alcune prove su strada. Si scelse perciò una soluzione intermedia, ossia quattro ruote, delle quali le due posteriori erano molto ravvicinate tra loro per risparmiare sul differenziale. Quanto al motore, esso era inizialmente un monocilindrico a due tempi ripreso pari pari dal motociclo Iso 200, della cilindrata di 198cc ed in grado di erogare circa 8 CV. In seguito fu realizzato un nuovo prototipo che montava le due ruote posteriori ravvicinate, ma che ancora era provvisto di accensione a strappo come il prototipo precedente. Ma oramai erano pochi gli aggiornamenti che separavano tale prototipo dal modello finale. Il 9 aprile 1953 infatti, oltre duemila invitati la videro e la provarono lungo i viali di villa Patellani. Ma non si levò nemmeno un "Ohhh" di stupore, semmai si udirono velati risolini di scherno e qualche commento imbarazzato. Renzo Rivolta aveva visto giusto, ma con troppo anticipo. Le sue idee cozzavano con 22

PORTA PIù DI QUELLO CHE PESA.

PORTA PIù DI QUELLO CHE PESA. PORTA PIù DI QUELLO CHE PESA. V E I C O L I T R A S P O R T O L E G G E R O P I A G G I O. G R A N D I L A V O R A T O R I D I P I C C O L A T A G L I A. QUALCOSA DI INCONFONDIBILE: LA STORIA L Ape è un

Dettagli

LA : 150 del 1954. Grigio MaxMayer 15048 (Foto e dati colore ricavati dal sito VespaClub.com)

LA : 150 del 1954. Grigio MaxMayer 15048 (Foto e dati colore ricavati dal sito VespaClub.com) LA : 150 del 1954 VESPA 150 VL1T/VL2T/VL3T (1954-1956) Numero di esemplari prodotti VL1T: 15.999 VL2T: 76.100 VL3T: 39.635. E il modello denominato Vespa struzzo Presentata alla fine del 1954, la Vespa

Dettagli

AUTOCAPITAL. di Elvio Deganello foto di Art Photo

AUTOCAPITAL. di Elvio Deganello foto di Art Photo di Elvio Deganello foto di Art Photo Metamorfosi Nel 1965 Carlo Abarth allestì un efficientissima coupé da corsa partendo dalla base dell umile Fiat 850 berlina. Velocissima e aggressiva, dominò la classe

Dettagli

300 SL Mercedes-Benz

300 SL Mercedes-Benz 300 SL Mercedes-Benz Denominazione di fabbrica: W 194 Anno di fabbricazione: 1952 Periodo di produzione: 1952; unità prodotte: 10 Prezzo originario: veicolo sperimentale invendibile Storia e Tecnica Il

Dettagli

LA LEGGENDA SI RINNOVA.

LA LEGGENDA SI RINNOVA. Vespa GTS 250 i.e. LA LEGGENDA SI RINNOVA. Praticità e design. Vespa Gts 250 i.e. ha tutte le qualità per essere davvero la numero uno. Per l estetica delle sue linee e il suo look inconfondibile che ne

Dettagli

MP3 TRE PER TE MP3 YOURBAN

MP3 TRE PER TE MP3 YOURBAN TRE PER TE mp3 Yourban: Elegante, compatto, dinamico, ideale Per il traffico della città. dedicato a chi vuole muoversi con sicurezza, senza rinunciare al divertimento, anche con la sola patente auto (LT).

Dettagli

50 street 50 4Valvole 100 4T

50 street 50 4Valvole 100 4T street 4Valvole 100 4T Se sai riconoscere un MITO al primo sguardo, sai VIVERE nel gruppo, CONQUISTARE il divertimento, SFIDARE ogni tua emozione. SEI SCARABEO Descrivere Scarabeo significa parlare di

Dettagli

FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA

FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA Chissà se i tecnici delle industrie Alleate che, durante la Guerra, progettarono i piccoli fuoristrada paracadutabili da impiegare nella giungla contro

Dettagli

Volume con tutti i sedili sollevati (VDA) l 519 510 519 Volume con 2 fila di sedili abbattuta (fino al tetto) l --- 1.702 1.751

Volume con tutti i sedili sollevati (VDA) l 519 510 519 Volume con 2 fila di sedili abbattuta (fino al tetto) l --- 1.702 1.751 8. Dati Tecnici Mazda6 Facelift 2010 Mazda6 Facelift 2010 Dimensioni Berlina Due Volumi Station Wagon Tipo di Carrozzeria Monoscocca Monoscocca Monoscocca Porte 4 4 + portellone 4 + portellone Posti a

Dettagli

DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO

DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO gamma Ape DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO Dal Secondo Dopoguerra le sue tre ruote hanno calcato le strade di tutto il mondo e assicurato il trasporto di ogni tipo di merce.

Dettagli

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA

MOVIMENTO ACCESSO E GUIDA DIRETTAMENTE DALLA CARROZZINA INDIPENDENZA e LIBERTÀ di MOVIMENTO Sappiamo che l indipendenza e la mobilità è estremamente importante per tutte le persone, in particolare per le persone che vivono quotidianamente su una carrozzina

Dettagli

LANDROVER IL MITO INTEGRALE

LANDROVER IL MITO INTEGRALE IL MITO INTEGRALE In produzione da sessant anni la popolare fuoristrada britannica non ha mai cambiato il suo stile Un icona dell Inghilterra prodotta in 4 milioni di esemplari ed esportata in tutto il

Dettagli

DIVERTIMENTO SICURO. 3 ruote + 3 freni a disco = +20% POTENZA FRENANTE

DIVERTIMENTO SICURO. 3 ruote + 3 freni a disco = +20% POTENZA FRENANTE TRIPLA INNOVAZIONE DA SEMPRE PIAGGIO È SINONIMO DI UNA MOBILITA INDIVIDUALE CHE DIVENTA FENOMENO DI MASSA. UNA RIVOLUZIONE CHE PERCORRE LE STRADE DI TUTTE LE CITTA DEL MONDO, ATTRAVERSANDO LE MODE E LE

Dettagli

DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO

DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO gamma Ape DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO Dal secondo Dopoguerra le sue tre ruote hanno calcato le strade di tutto il mondo e assicurato il trasporto di ogni tipo di merce.

Dettagli

Scheda tecnica Lancia Fulvia Coupè 1,6 HF 2 a Serie

Scheda tecnica Lancia Fulvia Coupè 1,6 HF 2 a Serie ANNO DI PRODUZIONE: 1970 1973 ESEMPLARI PRODOTTI: 3.690 TELAIO Scheda tecnica Lancia Fulvia Data emissione: febb 2010 Pag 1 di 6 Tipo: 818.740 guida a sinistra 818.741 guida a destra MOTORE Tipo: 818.540,

Dettagli

TRE PER TE PIAGGIO MP3. ha cambiato il mondo degli scooter. Un

TRE PER TE PIAGGIO MP3. ha cambiato il mondo degli scooter. Un SPORT LT LT TRE PER TE mp3 è l originale tre ruote che ha cambiato il mondo degli scooter. Un modo speciale di spostarsi in città e fuori città, con un eleganza irresistibile ed una sicurezza superiore.

Dettagli

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com PIù DI 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITà E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, la storia di Gilera

Dettagli

AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE.

AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE. AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE. V E I C O L I T R A S P O R T O L E G G E R O P I A G G I O. G R A N D I L A V O R A T O R I D I P I C C O L A T A G L I A. AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE VERSIONE CARROZZERIA/MODELLO CHASSIS/ K0 PICK UP/K01 PIANALE RIBALTABILE/KR01 MINIVAN/K05 MOTORE

CARATTERISTICHE TECNICHE VERSIONE CARROZZERIA/MODELLO CHASSIS/ K0 PICK UP/K01 PIANALE RIBALTABILE/KR01 MINIVAN/K05 MOTORE E U R O 4 G I OT T I V I C TO R I A A M P L I A L A P R O P R I A G A M M A P R O D OT T I R I V O L G E N D O S I A L S E T TO R E D E I V E I C O L I PROFESSIONALI DA TRASPORTO. LA MISSION DEL GRUPPO

Dettagli

Il Van tutto incluso

Il Van tutto incluso Il Van tutto incluso L ultima generazione di H-1 rappresenta un pratico strumento di lavoro progettato da Hyundai per soddisfare tutte le vostre esigenze di trasporto e mobilità. L eccellenza di H-1 è

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

Ford Grand C-Max. Test autovetture

Ford Grand C-Max. Test autovetture Test autovetture Ford Grand C-Max La Grand C-Max, rispetto alla C-Max, ha 14 cm di interasse e di lunghezza esterna in più e può essere completata con una terza fila di sedili per un totale di 7 posti.

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

Strada libera. FJR1300A www.yamaha-motor.it

Strada libera. FJR1300A www.yamaha-motor.it Strada libera. Negli ultimi dieci anni questo modello straordinario ha regalato a migliaia di piloti l'opportunità di guidare con prestazioni da supersportiva, abbinate a un comfort senza paragoni per

Dettagli

Strumentazione chiara e completa con cornice cromata (50 cc) per il passeggero

Strumentazione chiara e completa con cornice cromata (50 cc) per il passeggero L I B E R T Y Finiture cromate Comode pedane estraibili per il passeggero Strumentazione chiara e completa con cornice cromata (50 cc) ANIMA METROPOLITANA Compatto nelle dimensioni ed elegante nei tratti,

Dettagli

DESIGN INNOVATION PASSION RACING

DESIGN INNOVATION PASSION RACING www.gilera.com DESIGN INNOVATION PASSION RACING 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITA E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, alla vittoria di Marco Simoncelli nel Motomondiale

Dettagli

NEXUS MAXISCOOTER MOTORCYCLESOUL NATA DAL DESIDERIO

NEXUS MAXISCOOTER MOTORCYCLESOUL NATA DAL DESIDERIO NEXUS 500250125 MAXISCOOTER MOTORCYCLESOUL NATA DAL DESIDERIO NEXUS 500 SCOPRI L ANIMA SPORTIVA DELLO SCOOTER Per te che vivi con intensità ogni momento della giornata, affrontando il traffico e gli impegni

Dettagli

city car, ma non fatevi trarre in inganno: La linea è compatta, da perfetta

city car, ma non fatevi trarre in inganno: La linea è compatta, da perfetta Il motore da 1.4 litri pulsa in quattro diverse versioni: l efficace benzina da 62,5 kw, il generoso turbodiesel common rail ad iniezione diretta (Dicor) 16 valvole da 52 kw e gli ecologici a doppia alimentazione:

Dettagli

Nuovo Yamaha NMAX. Con te, ogni giorno.

Nuovo Yamaha NMAX. Con te, ogni giorno. Nuovo Yamaha NMAX. Con te, ogni giorno. Grazie alla guida sportiva del nuovo NMAX Yamaha, ogni spostamento in città non sarà più un fastidio, ma un divertimento. NMAX è un urban commuter sportivo, pensato

Dettagli

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it

Sali e guida! MT-07 www.yamaha-motor.it Sali e guida! MT-07 è una nuova specie di moto, progettata per riportare sulla strada il divertimento e il piacere di guidare, a un prezzo accessibile. Tutto in questa MT è fuori dall'ordinario: la coppia

Dettagli

DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO

DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO gamma Ape DA SESSANT ANNI IL VEICOLO COMMERCIALE PIU VERSATILE AL MONDO Dal Secondo Dopoguerra le sue tre ruote hanno calcato le strade di tutto il mondo e assicurato il trasporto di ogni tipo di merce.

Dettagli

Caratteristiche Tecniche Nuova HYUNDAI i20

Caratteristiche Tecniche Nuova HYUNDAI i20 Caratteristiche Tecniche Nuova HYUNDAI i20 DIMENSIONI Lunghezza totale mm 3.940 Larghezza mm 1.710 Altezza totale mm 1.490 Passo mm 2.525 Carreggiata anteriore mm 1.505 Carreggiata posteriore mm 1.503

Dettagli

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS 1 AZIENDA CON PRODUZIONE DI SERIE 11000 veicoli prodotti per anno 250 dipendenti 2 fabbriche 100M turnover Produzione di serie Attività iniziata nel 1975 DATI TECNICI

Dettagli

tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km

tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km fiat DUCATO TRASPORTO MERCI tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 48 000 km Gamma 4x4 Cambio robotizzato

Dettagli

LA MISURA ESATTA DELLE ESIGENZE DELLA VOSTRA PROFESSIONE

LA MISURA ESATTA DELLE ESIGENZE DELLA VOSTRA PROFESSIONE GAMMA VAN LA MISURA ESATTA DELLE ESIGENZE DELLA VOSTRA PROFESSIONE Le versioni Van, valorizzanti e funzionali, vi offrono una gamma ergonomica e piacevole che mantiene tutte le prerogative di sicurezza

Dettagli

Il Van tutto incluso

Il Van tutto incluso Il Van tutto incluso L ultima generazione di H-1 rappresenta un pratico strumento di lavoro progettato da Hyundai per soddisfare tutte le vostre esigenze di trasporto e mobilità. L eccellenza di H-1 è

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

Zafira turbo metano: la prima vettura sul mercato con motore turbo metano che unisce prestazioni elevate ad emissioni e consumi ancora più contenuti

Zafira turbo metano: la prima vettura sul mercato con motore turbo metano che unisce prestazioni elevate ad emissioni e consumi ancora più contenuti Notizie Stampa 3 Dicembre 2008 Opel al 33 Bologna Motor Show Sette anteprime Opel per il pubblico del Motor Show Anteprima mondiale: Zafira Turbo ecom Design sportivo, dinamicità di guida e tecnologia

Dettagli

NEW HOLLAND TD4OOOF TD4O2OF TD4O3OF TD4O4OF

NEW HOLLAND TD4OOOF TD4O2OF TD4O3OF TD4O4OF NEW HOLLAND TD4OOOF TD4O2OF TD4O3OF TD4O4OF 2 3 VALORE ECCEZIONALE, PRESTAZIONI BRILLANTI Azionati da motori moderni a 4 cilindri con basso consumo di combustibile, i trattori TD4000F uniscono caratteristiche

Dettagli

Veicoli speciali per paracadutisti

Veicoli speciali per paracadutisti Veicoli speciali per paracadutisti Nonostante gli sforzi delle Case motociclistiche il problema della movimentazione dei paracadutisti, giunti a terra dopo il lancio, continuava ad essere irrisolto ed

Dettagli

ATVSPECIALIST. brochure gammait001.indd 1 30-10-2007 17:56:25

ATVSPECIALIST. brochure gammait001.indd 1 30-10-2007 17:56:25 ATVSPECIALIST brochure gammait001.indd 1 30-10-2007 17:56:25 INDEX Cobra 350 4-5 LEISURE Cobra 220 Cobra 50 Revo 100 Minikolt 50 6-7 8 9 17 Cube 350 X4 12-13 UTILITY Cube 350 X4 full-optional Cube 300

Dettagli

Gli omnibus a vapore

Gli omnibus a vapore L automobile I trasporti urbani Le strade ferrate non fornivano alle città un efficiente mezzo di trasporto interno. Per questo furono necessari gli omnibus a cavalli e poi i tram, i quali consentirono

Dettagli

THE SIGN OF YOU. IL 13 SEGNO È IN CIRCOLAZIONE. 50 Street 50 4V4T 100 4T 125 ie 200 ie

THE SIGN OF YOU. IL 13 SEGNO È IN CIRCOLAZIONE. 50 Street 50 4V4T 100 4T 125 ie 200 ie THE SIGN OF YOU. IL 13 SEGNO È IN CIRCOLAZIONE. 50 Street 50 4V4T 100 4T 125 ie 200 ie Nero Competition Bianco Cult La sella di Scarabeo 100 4T offre un comfort elevato per il pilota e il passeggero ed

Dettagli

VEICOLI DA TRASFORMAZIONE. tecnica / motori 01/2014. 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa

VEICOLI DA TRASFORMAZIONE. tecnica / motori 01/2014. 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa fiat DUCATO VEICOLI DA TRASFORMAZIONE tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 48 000 km Gamma 4x4

Dettagli

FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125 FAP

FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125 FAP L1H1 27 1.6 HDi 90 L1H1 27 L1H1 29 1.6 HDi 90 L1H1 29 L1H1 29 Normativa antinquinamento Euro 5 Euro 5 Euro 5 Euro 5 Euro 5 Cavalli fiscali - cv 17 20 17 20 20 Alesaggio e corsa - mm 75 88,3 85 88 75 88

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISTO DI N 1 VEICOLO CABINATO CON PIATTAFORMA AEREA PORTA OPERATORI CIG: 6060322FE8 2 OGGETTO: Acquisto di n 1 veicolo cabinato con

Dettagli

FURGONE L1H1 29 2.0. FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125 FAP

FURGONE L1H1 29 2.0. FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125 FAP H1 27 H1 27 H1 29 2.0 H1 29 H1 29 H1 29 Normativa antinquinamento Euro 5 Euro 5 Euro 4 Euro 5 Euro 5 Euro 5 Cavalli fiscali - cv 17 20 20 17 20 20 Alesaggio e corsa - mm 75 88,3 85 88 85 88 75 88 85 x

Dettagli

1995 mm. 2195-2225 mm. 1140 mm Sbalzo anteriroe

1995 mm. 2195-2225 mm. 1140 mm Sbalzo anteriroe 1995 mm FUSO A Daimler Group Brand 3995 4985 5725 6470 7210 Lungh. max allest.** CANTER 7C15 (D) 2195-2225 mm 1140 mm Sbalzo anteriroe 2800 3400 3850 4300 4750 Passi 5135 5935 6685 7185 7735 Masse/Dimensioni

Dettagli

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 CRF150R 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 Introduzione Colorazioni La rivoluzionaria CRF150R e la gemella CRF150R2 con cerchi da 19, sono le prime moto racing da cross di piccola cilindrata. Equipaggiate

Dettagli

CITROËN JUMPER. Caratteristiche tecniche ed equipaggiamenti. Maggio 2007

CITROËN JUMPER. Caratteristiche tecniche ed equipaggiamenti. Maggio 2007 CITROËN JUMPER tecniche ed equipaggiamenti 1I Maggio 2007 Principali caratteristiche tecniche CITROËN JUMPER tecniche generali Turbo Diesel Turbo Diesel Turbo Diesel Iniezione diretta Iniezione diretta

Dettagli

Un amico affidabile. Grizzly 125 www.yamaha-motor.it

Un amico affidabile. Grizzly 125 www.yamaha-motor.it Un amico affidabile. Se hai deciso di prenderti un compagno di lavoro a quattro ruote che ti dia una mano, l'hai trovato: Grizzly 125. Pratico e resistente, è fatto apposta per essere guidato anche da

Dettagli

Maserati GranTurismo Sport

Maserati GranTurismo Sport Maserati GranTurismo Sport Maggiore potenza, più coppia, linea più aggressiva e interni più spaziosi per la nuova Maserati GranTurismo Sport. La GranTurismo Sport rilancia la tradizione Maserati che unisce

Dettagli

LE MODIFICHE APPORTATE DURANTE LA PRODUZIONE

LE MODIFICHE APPORTATE DURANTE LA PRODUZIONE LE MODIFICHE APPORTATE DURANTE LA PRODUZIONE Gennaio 1976 fascia in plastica rigata nera tra i gruppi ottici posteriori nuova leva del freno a mano Marzo 1976 nuova guarnizione di fissaggio alla scocca

Dettagli

INFORMAZIONI. La Turbo nera del XXI Secolo. Nuova Saab Turbo X

INFORMAZIONI. La Turbo nera del XXI Secolo. Nuova Saab Turbo X INFORMAZIONI Nuova Saab Turbo X La Turbo nera del XXI Secolo Automobile ad alte prestazioni per ricordare i 30 anni delle Saab turbo Innovativa trazione integrale Saab XWD Estetica molto originale che

Dettagli

NUOVO CARGO. CARATTERISTICHE TECNICHE E PRINCIPALI DOTAZIONI

NUOVO CARGO. CARATTERISTICHE TECNICHE E PRINCIPALI DOTAZIONI NUOVO DOBLÒ CARGO. CARATTERISTICHE TECNICHE E PRINCIPALI DOTAZIONI Caratteristiche tecniche 120 T-JET 120 T-JET NATURAL POWER Motore N. cilindri, disposizione 4 in linea, trasversale anteriore 4 in linea,

Dettagli

Assistenza PIAGGIO Piaggio ha perfezionato nel tempo un programma di servizi e assistenza post-vendita

Assistenza PIAGGIO Piaggio ha perfezionato nel tempo un programma di servizi e assistenza post-vendita Assistenza PIAGGIO Piaggio ha perfezionato nel tempo un programma di servizi e assistenza post-vendita su un modello di assoluta efficienza. La forte presenza sul territorio dei centri specializzati Piaggio

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Schede tecniche esemplari storici e modelli attuali

Schede tecniche esemplari storici e modelli attuali Schede tecniche esemplari storici e modelli attuali 1. Gilera Saturno 500 militare Marmitta Abarth (1956 1957) Motore: 4 tempi monocilindrico mm 84x90 cm 3 498,7 Potenza e regime: CV 22 a 5000 giri/min

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA APE: LA STORIA L Ape nacque nel 1948, quando, Enrico Piaggio decise di affidare all'ingegnere aeronautico Corradino D'Ascanio il progetto di un motofurgone derivato dallo scooter, con l'idea di realizzare

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI

CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Dati e dimensioni Pagina: 1 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Dimensioni esterne Lunghezza, mm Larghezza, mm Altezza, mm Dimensioni cerchi - pneumatici: V6 TDI V6 TSI Hybrid V8 TDI Dimensioni vano bagagli

Dettagli

Consumi (l/100 km) ØØ. Extra Urbano. Urbano 125 125 6,6 4,7 5,3 180 12,7 12,8 112 149 8,1 5,2 6,3 172 13,3 20,3. 112 149 7,9 5,3 6,3 172 14,1 n/d

Consumi (l/100 km) ØØ. Extra Urbano. Urbano 125 125 6,6 4,7 5,3 180 12,7 12,8 112 149 8,1 5,2 6,3 172 13,3 20,3. 112 149 7,9 5,3 6,3 172 14,1 n/d SCHEDA TECNICA FORD ECOSPORT PRESTAZIONI E CONSUMI Consumi (l/100 km) ØØ Prestazioni Ø Motore EcoBoost 1.0 Duratec 1.5 Ti-VCT Duratec 1.5 Ti-VCT (cambio aut. 6 rapp.) Duratorq TDCi 1.5 Potenza (cv) CO

Dettagli

Decespugliatori attila. Loro passano dove gli altri si arrestano

Decespugliatori attila. Loro passano dove gli altri si arrestano Decespugliatori attila Loro passano dove gli altri si arrestano attila 51 Sicuro ed efficace attila 51 falciadecespugliatore robusto, sicuro e particolarmente efficace. A proprio agio su tutti i tipi di

Dettagli

MOTORI A DUE TEMPI TUTTI I PREGI E I DIFETTI

MOTORI A DUE TEMPI TUTTI I PREGI E I DIFETTI MOTORI A DUE TEMPI TUTTI I PREGI E I DIFETTI Dalle teorie di Clerk del 1879 alla sperimentazione di Benz nel 1880 Molto usati nelle auto di piccola cilindrata dopo essere stati utilizzati anche in campo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLUCCI REGGIO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLUCCI REGGIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLUCCI REGGIO Via Pirandello, 7 03036 ISOLA DEL LIRI (FR) Cod. fiscale

Dettagli

Continuando ad operare nella ricerca e nell innovazione, con una gamma di prodotti in continua evoluzione, l azienda Antonio Carraro è pronta ad

Continuando ad operare nella ricerca e nell innovazione, con una gamma di prodotti in continua evoluzione, l azienda Antonio Carraro è pronta ad THE 15 SERIES Continuando ad operare nella ricerca e nell innovazione, con una gamma di prodotti in continua evoluzione, l azienda Antonio Carraro è pronta ad affrontare le sfide del futuro con uno spirito

Dettagli

Lamborghini Green Pro La soluzione ideale per il compact farming.

Lamborghini Green Pro La soluzione ideale per il compact farming. The easy pro. Lamborghini Green Pro La soluzione ideale per il compact farming. G.23 H G.27 H G.30 H G.35 H Prestazioni, semplicità, efficienza. Con la linea Lamborghini Green Pro, nasce una nuova categoria

Dettagli

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ.

Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Più leggera, più veloce, più agile. Sempre più YZ. Il modello 2014 è l'esemplare di una nuova specie e Yamaha è pronta a scatenare il suo purosangue da competizione, per dominare i circuiti di tutto il

Dettagli

Gli aspetti fondamentali. Concetto Pagina 3. Design Pagina 3. Comandi intuitivi Pagina 6

Gli aspetti fondamentali. Concetto Pagina 3. Design Pagina 3. Comandi intuitivi Pagina 6 Tokyo Motor Show Ottobre 2007 Anteprima mondiale della space up! Gli aspetti fondamentali Concetto Pagina 3 Design Pagina 3 Design degli interni Pagina 5 Comandi intuitivi Pagina 6 Nota: Tutti i dati e

Dettagli

Liberi per natura H E A L T H C A R E

Liberi per natura H E A L T H C A R E Liberi per natura H E A L T H C A R E LASCIATI TRASPORTARE¼ Ti portano ovunque Ideali per qualsiasi situazione: in casa, all'aperto, in ufficio o per una gita fuori porta c' uno Urban Mobility adatto a

Dettagli

Liberi per natura H E A L T H C A R E

Liberi per natura H E A L T H C A R E Liberi per natura H E A L T H C A R E LASCIATI TRASPORTARE¼ ¼fuori e dentro casa Ti portano ovunque Ideali per qualsiasi situazione: in casa, all'aperto, in ufficio o per una gita fuori porta c' uno Urban

Dettagli

DESIGN PASSION SPORT

DESIGN PASSION SPORT DESIGN PASSION SPORT GP 800 UNA NUOVA DIMENSIONE. Gilera GP 800: la potenza di un idea. Motore bicilindrico a V di 90, 839cc, 4 valvole per cilindro, 75CV di potenza. Nasce con Gilera GP 800 una nuova

Dettagli

Abbiamo il piacere di presentarle il nuovo quadriciclo leggero elettrico distribuito dalla ns. azienda.

Abbiamo il piacere di presentarle il nuovo quadriciclo leggero elettrico distribuito dalla ns. azienda. Grassobbio 29.11.2010 Spett.le Oggetto: Presentazione quadriciclo leggero elettrico Abbiamo il piacere di presentarle il nuovo quadriciclo leggero elettrico distribuito dalla ns. azienda. Crediamo che

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO R1 NAZIONALE

REGOLAMENTO TECNICO R1 NAZIONALE Regolamento di Settore REGOLAMENTO TECNICO R1 NAZIONALE 1. Definizione Vetture turismo di grande produzione di serie con almeno 4 posti omologati e rispondente al regolamento di omologazione Gruppo A FIA;

Dettagli

Indice DEFINIZIONE... 2 Allestimento flessibile alla torsione... 2 CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELAIO... 3 Uso... 3 Resistenza... 3 Stabilità durante il ribaltamento... 3 Comfort, caratteristiche di guida...

Dettagli

Professionista del verde

Professionista del verde Professionista del verde f a l c i a t r i c i a p i a t t o f r o n t a l e t r a t t o r i a g r i c o l i e p e r g i a r d i n a g g i o Falciatrici a piatto frontale Elevata produttività, versatilità,

Dettagli

ENDURO CATALOGO 2016

ENDURO CATALOGO 2016 ENDURO CATALOGO 2016 IT 4 TEMPI 250 SEF-R 3 Sono quasi dieci anni che la Sherco 250 a 4 tempi è stata presentata sul mercato per competere ad altissimo livello nel Campionato mondiale Enduro. I cambiamenti

Dettagli

Serie 5GL. Trattori per applicazioni specifiche a profilo ribassato 57 kw (75 CV) 65 kw (85 CV) (97/68 EC)

Serie 5GL. Trattori per applicazioni specifiche a profilo ribassato 57 kw (75 CV) 65 kw (85 CV) (97/68 EC) Serie 5GL Trattori per applicazioni specifiche a profilo ribassato 57 kw (75 CV) 65 kw (85 CV) (97/68 EC) 2 Trattori Serie 5GL Panoramica 5G con profilo ribassato Una nuova soluzione John Deere Accanto

Dettagli

fiat doblò tecnica / motori 01/2014 WORK UP Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 35 000 km

fiat doblò tecnica / motori 01/2014 WORK UP Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 35 000 km fiat doblò WORK UP tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 35 000 km tecnica Peso 90 Multijet Peso

Dettagli

HONDA NSC50R. Contenuti: 1. Introduzione 2. Panoramica del modello 3. Caratteristiche principali 4. Accessori 5. Dati tecnici

HONDA NSC50R. Contenuti: 1. Introduzione 2. Panoramica del modello 3. Caratteristiche principali 4. Accessori 5. Dati tecnici HONDA NSC50R Data comunicato stampa: 2 ottobre 2012 Caratteristiche modello: un nuovo scooter 50 cc sportivo, con motore quattro tempi brillante e dalla grande efficienza nei consumi. Sicuro, perché dotato

Dettagli

Compattezza semi-vio. Mini-escavatore. Caratteristiche principali. Vantaggi operativi

Compattezza semi-vio. Mini-escavatore. Caratteristiche principali. Vantaggi operativi Mini-escavatore Compattezza semi-vio Caratteristiche principali Dimensioni compatte : - larghezza della macchina ridotta a 980 mm ; - raggio di rotazione posteriore di soli 980 mm ; - raggio di rotazione

Dettagli

125 ie 200 ie 300 Special 500 ie

125 ie 200 ie 300 Special 500 ie 125 ie 200 ie 300 Special 500 ie Scarabeo, un icona di stile dove classico e moderno si fondono in un unica filosofia: il piacere della guida. Un design unico ed inimitabile. Prestazioni per muoversi sicuri

Dettagli

LE ORIGINI DELLA CITROËN TRACTION AVANT

LE ORIGINI DELLA CITROËN TRACTION AVANT LE ORIGINI DELLA CITROËN TRACTION AVANT ALL ORIGINE DELLA TRACTION AVANT, PRESENTATA NEL 1934, VI SONO TRE TALENTI: OVVIAMENTE ANDRÉ CITROËN, L INGEGNERE ANDRÉ LEFÈBVRE E IL DESIGNER FLAMINIO BERTONI.

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO MINIMOTO E MIDIMOTO (RTMMT)

REGOLAMENTO TECNICO MINIMOTO E MIDIMOTO (RTMMT) REGOLAMENTO TECNICO MINIMOTO E MIDIMOTO (RTMMT) Fermo restando le norme riportate nell R.M.M. e nel RTGS i motocicli che partecipano a questa classe devono rispettare i seguenti articoli. ART. 1 GENERALITÀ

Dettagli

ST7. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai rigidi standard ambientali che acus ci.

ST7. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai rigidi standard ambientali che acus ci. ST7 1 CRUSCOTTO Il crusco o ha un tachimetro con un'ampia lance a, che migliora la visibilità ed un LCD mul funzione. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai

Dettagli

Studio di stile ed ergonomico per una vettura sportiva pensata anche per diversamente abili

Studio di stile ed ergonomico per una vettura sportiva pensata anche per diversamente abili ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA TESI DI LAUREA in Disegno Tecnico Industriale Studio di stile ed ergonomico per una vettura sportiva

Dettagli

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS PESO OPERATIVO: POTENZA MASSIMA: 4300 4750 kg 34,1 kw H E I F K C J A B D G L JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS A Interasse ruote 1845 1990 B Lunghezza totale carro 2385 2530 C Luce libera supporto escavatore

Dettagli

Le pale compatte Wacker Neuson. 501s 701s 901s 1101c: potenti in ogni categoria di peso.

Le pale compatte Wacker Neuson. 501s 701s 901s 1101c: potenti in ogni categoria di peso. DOTAZIONE DI SERIE 501s MOTORE Motore diesel YANMAR a 3 cilindri raffreddato ad acqua SISTEMA IDRAULICO Posizione flottante del braccio di sollevamento Freno di parcheggio idraulico Idraulica frontale

Dettagli

Il tuo miglior amico a due ruote.

Il tuo miglior amico a due ruote. Il tuo miglior amico a due ruote. Scegli il modo più intelligente, facile ed elegante per guidare in città. Pratico e affidabile, Neo's elimina lo stress dalla tua agenda, e lo sostituisce con il divertimento.

Dettagli

Per facilitare il tuo business, scegli la squadra vincente.

Per facilitare il tuo business, scegli la squadra vincente. In Italia la telefonata è gratuita sia da rete fissa che mobile. Limitatamente ad alcuni paesi europei, da rete mobile è previsto un addebito al chiamante secondo le tariffe applicate dall operatore locale.

Dettagli

LA : PX (125, 150 e 200 cc.) del 1977 / 78

LA : PX (125, 150 e 200 cc.) del 1977 / 78 LA : PX (125, 150 e 200 cc.) del 1977 / 78 VESPA PX del 1977 e 1978 125 cc. VNX1T di esemplari prodotti: 197.147; 150 cc. VLX1T esemplari prodotti: 345.301; 200 cc. VSX1T esemplari prodotti 158.999 La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi Correnti

Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi Correnti Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi Correnti Prot. n. Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 SITO WEB :www.severi-correnti.it Codice

Dettagli

Il modo migliore di guidare associando l emozione al rispetto dell ambiente

Il modo migliore di guidare associando l emozione al rispetto dell ambiente Il modo migliore di guidare associando l emozione al rispetto dell ambiente La 307 CC IbridaHDi evidenzia nel migliore dei modi l impegno di Peugeot a favore della protezione dell ambiente attraverso la

Dettagli

Multi-Tool Le pale compatte Wacker Neuson 501s 701s 701sp

Multi-Tool Le pale compatte Wacker Neuson 501s 701s 701sp Multi-Tool Le pale compatte Wacker Neuson 501s 701s 701sp Le agili e versatili macchine per attrezzi 501s e 701s(p) per parco macchine a noleggio, cantiere, industria e agricoltura. POTENTI PALE COMPATTE

Dettagli

SUZUKI ADDRESS 110 PROVA SCOOTER

SUZUKI ADDRESS 110 PROVA SCOOTER Suzuki Address 110 PREGI Prezzo e praticità d utilizzo DIFETTI Sospensioni Prezzo 1.899 PROVA SCOOTER SUZUKI ADDRESS 110 Piccolino, economico e decisamente minimal, il nuovo Suzuki Address riesce ad essere

Dettagli

New Kyron, il SUV più spazioso della categoria

New Kyron, il SUV più spazioso della categoria Potenza e stile New Kyron, il SUV più spazioso della categoria L'AMPIO SPAZIO A DISPOSIZIONE PERMETTE DI VIAGGIARE COMODAMENTE E DI TRASPORTARE AL TEMPO STESSO TUTTO CIO CHE OCCORRE PER IL LAVORO, LO SPORT

Dettagli

600 FORNASARI 600 La 600 è l evoluzione della storica 450, il punto di partenza della produzione della Fornasari. Rappresenta la sintesi più estrema presente sul mercato di prestazioni sportive e fuoristradistiche.

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE - 3008 HYbrid4 Sintesi - 06/2011

CARATTERISTICHE TECNICHE - 3008 HYbrid4 Sintesi - 06/2011 Sintesi - 06/2011 CARATT. GENERALI Diesel - Cilindrata (cm 3 ) 1.997 Diesel - Potenza massima in kw (o CV) / regime (g/min) 120 (163) / 3 850 Diesel - Coppia massima (Nm) / regime (g/min) 300 / 1 750 Elettrico

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

LA VESPA PIAGGIO: Storia di un mito

LA VESPA PIAGGIO: Storia di un mito LA VESPA PIAGGIO: Storia di un mito Guarda questo tributo alla Vespa con un intervista a Corradino D Ascanio url: http://www.youtube.com/watch?v=hkr4xng-lps Conosci la Vespa? Che immagini ti evoca alla

Dettagli

N OVI T À. Serie 5H-T4. interim. interim 90-100 - 110-115

N OVI T À. Serie 5H-T4. interim. interim 90-100 - 110-115 N OVI T À Serie 5H-T4 90-100 - 110-115 interim interim Nuova Serie 5H-T4 interim la differenza c è e si vede La Serie Landini 5H si rinnova nelle motorizzazioni con l introduzione dei nuovi Perkins 854E-E34TA

Dettagli