Indice. Le origini del gioco 6. Texas Hold em High 14. Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Le origini del gioco 6. Texas Hold em High 14. Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte."

Transcript

1 Come giocare Poker

2

3 Indice Le origini del gioco 6 Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte. 8 High card (carta più alta) 8 One pair (coppia) 9 Two pairs (doppia coppia) 9 Three of a kind (tris) 10 Straight (Scala) 10 Flush (colore) 11 Full house (full) 11 Four of a kind (Poker) 12 Straight flush (scala colore) 12 Royal flush (scala reale) 13 Texas Hold em High 14 Come si gioca a Texas Hold em High Blind Bets (buio e controbuio) Distribuzione iniziale 15

4 Come giocare Poker 3. Il primo turno di scommesse Fold, call, raise, check e bet Flop (prime tre carte comuni) Il secondo turno di scommesse Il terzo turno di scommesse Showdown (scopertura delle carte) 19 Omaha Hold em High 21 Come si gioca l Omaha Hold em High 21 Seven card stud 22 Come si gioca il Seven card stud Buio e controbuio Distribuzione iniziale Primo turno di scommesse Secondo turno di scommesse Terzo turno di scommesse Quarto turno di scommesse Quinto ed ultimo turno di scommesse Lo showdown 24 4

5 Teresina 25 Come si gioca la Teresina Invito Distribuzione iniziale Primo turno di scommesse Secondo turno di scommesse Terzo turno di scommesse Quarto giro di scommesse 27 Limiti applicati ai giochi di poker e relativa tassazione 28 POT LIMIT 28 NO LIMIT 28 SPLIT LIMIT 28 TASSAZIONE 29

6 Come giocare Poker Le origini del gioco I saloon del selvaggio west degli Stati Uniti hanno contribuito ad accrescere immensamente la popolarità di questo gioco. Da allora, molteplici varianti del poker sono state sviluppate e oggi vengono giocate in tutto il mondo. Nonostante l abbondanza delle suddette varianti, lo scopo di ognuna di esse rimane il medesimo: utilizzando un massimo di cinque carte, è necessario realizzare una combinazione che ottenga un punteggio maggiore rispetto al valore delle combinazioni in mano agli avversari. Per questo motivo, nel poker non si gioca contro il banco, bensì contro gli altri giocatori. Il Casinò di Lugano mette a disposizione il proprio staff, i tavoli da gioco e l equipaggiamento necessario. Assicura altresì, che il gioco si svolga correttamente. Per questo servizio, il Casinò di Lugano riceve una commissione sulle scommesse effettuate dai giocatori, le quali, tutte insieme, formano il piatto. 6

7 Questa brochure presenta quattro famose varianti del poker: Texas Hold em High, Omaha Hold em High, Seven Card Stud e Teresina (anche detta Telesina). Il regolamento di gioco del Poker può essere consultato su richiesta. Offriamo la possibilità di giocare su tavoli con limite di puntata diferenziato. Ad ogni gioco le sue chips Il Casinò di Lugano usa differenti tipi di chips. Per giocare a Poker si utilizzano le cash chips, esattamente come per giocare al Black Jack e al Punto Banco. Ogni giocatore può procurarsi le proprie cash chips alla cassa o ottenerle dal croupier responsabile del tavolo dove si decide di giocare. Le cash chips verranno convertite in contanti, banconote e monete, alla cassa, alla fine della visita al casinò. Un croupier non è autorizzato a prendere del denaro direttamente dalle mani del giocatore. Se si desidera acquistare delle chips direttamente ad un tavolo da gioco, si dovrà depositare la somma di denaro direttamente sullo stesso, sarà poi il croupier ad eseguire l operazione di cambio. Ai tavoli di poker del Casinò di Lugano si utilizza la terminologia di gioco in inglese e si parla in italiano.

8 Come giocare Poker Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte. Di seguito presentiamo una lista che classifica le dieci combinazioni che definiscono il gioco. L ordine di questa esposizione è crescente: parte dalla combinazione cui è assegnato il punteggio minore, per arrivare a quella con il punteggio maggiore. High card (carta più alta) A K A K Nella situazione in cui il giocatore ha in mano cinque carte che non formano nessuna combinazione regolare, la carta più alta determina il valore della mano. L ordine delle carte (in base al loro valore) in senso decrescente è: Asso, Re, Regina, Jack, Dieci, Nove, Otto, Sette, Sei, Cinque, Quattro, Tre, Due. Se, durante lo showdown, ossia nel momento del confronto con le carte in tavola, si verifica un pareggio, sarà la seconda, la terza, la quarta o la quinta carta, in base al suo valore, a decidere il vantaggio. 8

9 One pair (coppia) Q Q Q Q E la combinazione con due carte uguali, di ugual valore. Se, con le carte in tavola, si scopre un pareggio, sarà la terza, la quarta o la quinta carta a decidere. Two pairs (doppia coppia) A A Due coppie diverse nella stessa combinazione. Se più giocatori hanno la combinazione di Doppia Coppia, il possessore della coppia di maggior valore sarà il vincitore della mano. In caso di parità della coppia di maggior valore, sarà il valore della seconda coppia a decretare il vincitore della mano, altrimenti sarà il valore della quinta carta a diventare decisivo.

10 Come giocare Poker 10 Three of a kind (tris) J J A A Tre carte dello stesso valore. Se capitano più combinazioni di tre carte uguali, ossia più di un Tris, la combinazione con carte di maggior valore decreterà il vincitore della mano. Straight (Scala) J J Combinazione di cinque carte in ordine sequenziale, ma di un seme diverso. L Asso può essere utilizzato come carta più alta (dopo il Re, in ordine crescente) o più bassa (prima del Due, sempre in ordine crescente). La straight con carta più alta si aggiudicherà la vincita nell eventualità di più straight concorrenti.

11 11 Flush (colore) Q Q 7 7 Cinque carte dello stesso seme non in ordine sequenziale, che non compongano, dunque, uno straight. La carta più alta è decisiva nell eventualità di più combinazioni di colore concorrenti. Nel caso in cui questa non dovesse bastare, entreranno in gioco la seconda, la terza, la quarta o la quinta carta. Full house (full) Q Q Q Q E la combinazione di un Tris ed una Coppia. Nel caso in cui più combinazioni di Full siano in concorrenza fra loro, il Tris di maggior valore aggiudica la mano.

12 Come giocare Poker 12 Four of a kind (Poker) Quattro carte di uguale valore. In caso di più combinazioni concorrenti di Four of a kind. il maggior valore delle quattro carte aggiudica la mano. Straight flush (scala colore) E la combinazione di cinque carte dello stesso colore in ordine sequenziale. La carta più alta decide chi sarà il vincitore fra più giocatori avversari in possesso di Straight flush.

13 Royal flush (scala reale) A A K K Q Q J J 0 0 E la combinazione, nell ordine, di: Asso, Re, Regina, Jack e Dieci dello stesso seme. 13

14 Come giocare Poker 14 Texas Hold em High Si tratta di una delle più famose varianti del poker, le cui modalità di gioco, in sintesi, sono quelle che presentiamo qui di seguito. Ad ogni giocatore vengono distribuite due carte coperte. Quindi, un totale di cinque carte scoperte viene disposto al centro del tavolo. Scopo del gioco è quello di realizzare la mano dal valore più alto possibile, utilizzando cinque carte tra le due carte in proprio possesso e le cinque scoperte al centro del tavolo. Come si gioca a Texas Hold em High Ad un tavolo di Texas Hold em High possono partecipare massimo dieci giocatori. La prima azione preparatoria vede il croupier mescolare le carte. All inizio di ogni mano, un giocatore a turno in senso orario, riceve un button (dischetto in plastica), anche detto dealer button, che indica chi è l ipotetico mazziere. Sua funzione è segnalare a partire da quale giocatore le carte vengono distribuite. La prima carta distribuita è sempre destinata al giocatore seduto immediatamente alla sinistra dell ipotetico mazziere, ossia di colui al quale è stato precedentemente assegnato il gettone. La posizione di partenza del dealer button viene determinata dal croupier, che distribuendo una carta a ciascun giocatore, consegnerà al possessore della carta di maggior valore il dealer button.

15 1. Blind Bets (buio e controbuio) Prima della distribuzione delle carte, il giocatore seduto alla sinistra di chi possiede il dealer button deve compiere una sommessa, la cosiddetta small blind (buio). Il giocatore seduto alla sinistra di chi ha puntato la small blind (buio), deve egli stesso procedere ad una scommessa, detta big blind (controbuio). La big blind ammonta al doppio della small blind. Durante una partita già iniziata, ogni persona può sedersi al tavolo e cominciare a giocare utilizzando una tra le due seguenti opzioni: Attendere il proprio turno per effettuare una scommessa big blind. Prendere immediatamente parte al gioco, piazzando una big blind supplementare. Ciò non può avvenire quando una mano e in corso, ma solo all inizio della successiva. 2. Distribuzione iniziale Il croupier distribuisce a tutti i giocatori una prima carta coperta, quindi procede con una seconda, anch essa coperta. 15

16 Come giocare Poker 3. Il primo turno di scommesse Il giocatore seduto immediatamente alla sinistra di chi effettua la big blind dà inizio al primo turno di scommesse decidendo per una delle seguenti opzioni: fold (lasciare), call (accettare) o raise (rilanciare) entro i limiti previsti dalla Casa. Non appena tutti i giocatori hanno avuto il loro turno di scommessa, il croupier raccoglie tutte le puntate, le unisce al centro del tavolo, formando il cosiddetto pot (piatto). 4. Fold, call, raise, check e bet (lasciare, accettare, rilanciare, astenersi, scommettere) Nel successivo giro di puntate, il primo giocatore attivo alla sinistra del dealer button, fa la prima scommessa. E il caso, forse, di puntualizzare che i giocatori attivi sono quelli che sono ancora in gioco per l aggiudicazione del piatto. A questo punto, è possibile decidere per una delle seguenti opzioni: fold (lasciare), check (astenersi), bet (scommettere). Se il primo giocatore si astiene dall effettuare scommesse, il giocatore successivo può anch egli decidere di non utilizzare la sua possibilità di puntare, e così via; d altra parte, se un giocatore punta, agli altri restano le seguenti opzioni: fold (lasciare), bet (scommettere), raise (rilanciare), entro i limiti previsti dalla casa. 16

17 FOLD (lasciare) Abbandonare o dare partita vinta. CHECK (astenersi) Astenersi dall effettuare la propria puntata. CALL (accettare) Effettuare una puntata di ugual valore rispetto a quella di un altro giocatore. BET (puntare) Piazzare la propria puntata. RAISE (rilanciare) Aumentare l ammontare di una puntata. 5. Flop (prime tre carte comuni) Terminato il primo giro di scommesse il croupier provvederà a raccogliere tutte le scommesse, quindi, dopo aver bussato una volta con le nocche sul tavolo, brucerà la prima carta posta in cima al mazzo, posizionandola parzialmente sotto i gettoni che formano il piatto. Tre carte verranno ora disposte, coperte, una sull altra, al centro del tavolo. Con un apposita manovra, il croupier le girerà tutte nello stesso istante e le sistemerà una accanto all altra. I giocatori rimasti attivi, avranno cadauno, un totale di cinque carte: due in mano coperte tre comuni disposte, scoperte, al centro del tavolo. 17

18 Come giocare Poker 6. Il secondo turno di scommesse Il secondo turno comincia con la giocata del primo giocatore attivo seduto alla sinistra del BUTTON e procede fino a che tutti i giocatori non avranno fatto il loro gioco. Il croupier torna a bussare sul tavolo con le nocche almeno una volta, quindi brucia la prima carta del mazzo e la sistema con la carta già bruciata in precedenza sotto i gettoni del POT. A questo punto, procede disponendo un altra carta scoperta alla destra del FLOP. Questa quarta carta è chiamata THE TURN. 7. Il terzo turno di scommesse Il terzo turno, come i due precedenti, comincia dal primo giocatore attivo alla sinistra del button. Il croupier bussa, almeno una volta, con le nocche sul tavolo, brucia la prima carta del mazzo e la ripone con le altre precedentemente bruciate. Un ulteriore carta scoperta viene aggiunta alle altre, che abbiamo detto essere anch esse scoperte. Si contano, adesso, cinque carte scoperte al centro del tavolo. La quinta carta, aggiunta in questo terzo giro, è chiamata the river. 18

19 8. Il quarto (ed ultimo) turno di scommesse e lo showdown (scopertura delle carte) Anche questo quarto turno comincia dal primo giocatore attivo alla sinistra del BUTTON. Il giocatore in possesso della migliore combinazione, composta scegliendo tra le cinque carte sul tavolo e le due nelle sue mani, vince il piatto. Se due o più giocatori sono in possesso di una stessa mano vincente, il piatto viene diviso equamente fra di essi. I giocatori possono formare una mano di poker in tre diversi modi, utilizzando rispettivamente: a. Le due carte in possesso del giocatore + tre carte fra quelle scoperte. b. Una carta fra quelle in possesso del giocatore + quattro carte scelte fra quelle scoperte. c. Nessuna carta in mano al giocatore ma tutte le cinque carte scoperte sul tavolo. Durante lo showdown, ossia quando si procede al confronto tra le combinazioni, il giocatore deve mostrare le sue due carte, indipendentemente da quale delle tre possibilità sopra menzionate abbia deciso di utilizzare. Quando il vincitore ha ricevuto il piatto, il croupier muove il button di una posizione, in senso orario, verso il giocatore successivo. 19

20 Come giocare Poker Tutte le carte vengono raccolte e mescolate ed ha così inizio una nuova mano. I giocatori che sono obbligati ad effettuare una blind bet (buio e controbuio), ne ricevono la richiesta proprio mentre le carte vengono rimescolate. 20

21 Omaha Hold em High Omaha Hold em High è un altra nota variante del poker. Presentiamo di seguito le particolarità di questa variante. Ad ogni giocatore vengono distribuite quattro carte coperte, mentre un totale di cinque carte viene sistemato al centro del tavolo. I giocatori devono realizzare, con un massimo di cinque carte, la miglior combinazione possibile, composta da due fra le quattro carte coperte in mano e tre delle cinque carte scoperte al centro del tavolo. Come si gioca l Omaha Hold em High Ad un tavolo di Omaha Hold em High possono partecipare al massimo dieci giocatori. Le regole del gioco relative a questa variante sono le stesse che riguardano il Texas Hold em High, fatta eccezione per i due punti sotto riportati: Nell Omaha Hold em High, vengono distribuite quattro carte coperte, anziché le due della versione del Texas Hold em High. Nell Omaha Hold em High ciascun giocatore deve comporre la sua combinazione di cinque carte utilizzando due carte delle proprie quattro coperte e tre fra le cinque carte scoperte sul tavolo, dette anche board cards. 21

22 Come giocare Poker Seven card stud Il Seven card stud è una variante del poker tradizionale, caratterizzata dal fatto che ogni giocatore può realizzare una combinazione di cinque carte, scegliendola tra le sette a sua disposizione (quattro scoperte e tre coperte). Si ricorda, inoltre, che al tavolo possono sedersi fino ad un massimo di otto giocatori. Come si gioca il Seven card stud All inizio del gioco viene distribuita una carta ad ogni giocatore, la carta più alta identificherà il dealer button. 1. Buio e controbuio Prima della distribuzione delle carte c è l obbligo per il giocatore a sinistra del mazziere di fare il buio, e per il giocatore alla sinistra di chi ha giocato il buio di fare il controbuio (che risulta essere il doppio del buio). 2. Distribuzione iniziale Il croupier distribuisce a tutti i giocatori due carte coperte ed una scoperta. 22

23 3. Primo turno di scommesse Il giocatore alla sinistra del controbuio può ora aprire le scommesse avendo le seguenti opzioni: Ritirarsi spingendo le carte al croupier Accettare il controbuio Rilanciare entro i limiti previsti dalla Casa Il turno prosegue fino a quando tutti i giocatori hanno esercitato una di queste opzioni. 4. Secondo turno di scommesse Il croupier, dopo aver raccolto tutte le scommesse nel pot e bruciato al prima carta del mazzo, distribuisce una carta scoperta a tutti i giocatori attivi. La combinazione più alta adesso, avrà il diritto di parlare usando una delle seguenti opzioni: Passare parola (check) Puntare entro i limiti previsti dalla casa da gioco Gli altri giocatori hanno le seguenti opzioni di gioco: Ritirarsi Accettare la scommessa Rilanciare (raise) entro i limiti previsti dalla casa da gioco 23

24 Come giocare Poker 5. Terzo turno di scommesse Il croupier distribuirà una quinta carta a tutti i giocatori attivi (scoperta). Il turno di scommesse procede come il precedente dove tutte le opzioni sono ancora possibili per tutti i giocatori ancora in gioco. 6. Quarto turno di scommesse Il croupier distribuisce una sesta carta (scoperta) a tutti i giocatori attivi, i quali possono avvalersi di tutte le opzioni di gioco come nei turni precedenti. 7. Quinto ed ultimo turno di scommesse Il croupier distribuisce una settima ed ultima carta questa volta coperta. Il turno di scommesse procede esattamente come il secondo, il terzo ed il quarto. 8. Lo showdown Tutti i giocatori rimasti in gioco scommettono l uno contro l altro per confrontare le diverse combinazioni ed aggiudicarsi il Pot. Il giocatore in possesso della combinazione più alta formata da cinque delle sette carte a sua disposizione sarà il vincitore del piatto. 24

25 Teresina La teresina è tradizionalmente la versione di poker aperto più giocata in Italia. La sua popolarità deriva dalla semplicità insita nella sua struttura di gioco che si dimostra facilmente comprensibile anche ai giocatori meno esperti. Come si gioca la Teresina Il numero dei giocatori al tavolo varia da un minimo di 2 ad un massimo di 6. Si gioca con 32 carte: A, K, Q, J, 10, 9, 8, 7. Ad inizio partita il croupier distribuisce una carta scoperta ad ogni giocatore per stabilire la posizione di partenza del dealer button. La carta più alta avrà il button che verrà successivamente spostato dal croupier, in senso orario, da giocatore a giocatore. 1. Invito Prima della distribuzione delle carte il croupier raccoglie l invito di tutti i giocatori. L invito varia a seconda del tavolo. Il croupier, quindi, posiziona i gettoni al centro del tavolo formando cosi, il piatto o pot principale. 25

26 Come giocare Poker 2. Distribuzione iniziale A tutti i giocatori viene distribuita una carta coperta ed una scoperta 3. Primo turno di scommesse Il giocatore con la carta scoperta più alta ha l obbligo di aprire, puntando una cifra non superiore al piatto iniziale, tutti gli altri giocatori hanno la facoltà di passare,vedere la puntata o rilanciare in maniera libera (senza limiti). 4. Secondo turno di scommesse A tutti i giocatori ancora in gioco viene distribuita un altra carta scoperta. Il giocatore che con le 2 carte scoperte ha la mano più alta ha il diritto di scommettere, agli altri giocatori restano le medesime opzioni riportate nel primo turno di scommesse. 5. Terzo turno di scommesse I giocatori ottengono una terza carta scoperta. Il giocatore con la mano scoperta più alta ha il diritto di scommettere, per tutti gli altri giocatori restano invariate le opzioni dei 2 turni precedenti. 26

27 6. Quarto giro di scommesse A tutti i giocatori ancora in gioco viene distribuita un ultima carta scoperta. Partendo dal giocatore con la mano esposta più alta parte l ultimo giro di scommesse, restano invariate le opzioni degli altri giocatori. Il piatto viene vinto dal giocatore che usando tutte e 5 le carte in suo possesso ha la mano più alta. 27

28 Come giocare Poker Limiti applicati ai giochi di poker e relativa tassazione. All inizio di ciascun gioco vengono fissati i limiti ( min-max ) e il valore delle puntate per ogni betting round. Le varianti dei limiti applicabili sono: POT LIMIT Le puntate variano tra il minimo stabilito e al massimo l ammontare aggiornato del Pot ( piatto ). Il Pot indica il totale di tutte le puntate effettuate, antecedenti al giocatore di parola. NO LIMIT Viene fissato un limite minimo di puntata, ma non un tetto massimo. Vige in pratica il massimo ammontare ( in gettoni ) a disposizione di ogni singolo giocatore al momento della puntata. SPLIT LIMIT Viene fissato un limite di puntata per ogni giro di scommessa, minore per i primi 2 round e superiore per gli ultimi 2 round Es. 20 CHF per i primi 2 giri, 40 CHF per il terzo e quarto giro. 28

29 TASSAZIONE Il Croupier trattiene dal Pot (piatto), una percentuale prestabilita dal Casinò, solo a partire dal minimo richiesto per l applicazione della tassa. Dopo l assegnazione del POT vincente e relativa trattenuta, il gioco può ricominciare. 29

30 Come giocare Poker Non tutte le norme relative al gioco sono incluse in questo prospetto. Per favorirne la leggibilità sono state tracciate solo le linee guida. Relativamente a questa pubblicazione, non può essere avanzato nessun diritto. Per quanto riguarda le regole ufficiali del Casinò, si prega di consultare il Regolamento del Casinò e il Regolamento di Gioco, disponibili, per qualunque verifica o accertamento, presso la reception. Per accedere al Casinò di Lugano è richiesta l età minima di 18 anni, comprovata da un documento d identità ufficiale. 30

31 31

32 Come giocare Poker 32 Via Stauffacher 1 CH Lugano Tel Fax

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

A queste rispondo cosi:

A queste rispondo cosi: La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento originale del gioco. Il presente documento è da intendersi come un aiuto per i giocatori di lingua italiana per comprendere le regole

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO - WIN 38/14 VINCI CON ALLIANZ 2014-2015

REGOLAMENTO CONCORSO - WIN 38/14 VINCI CON ALLIANZ 2014-2015 Concorso a Premi indetto da: Promotrice Allianz Spa Indirizzo Largo Ugo Irneri, 1 Località 34123 Trieste Codice Fiscale 05032630963 Partita iva 05032630963 REGOLAMENTO CONCORSO - WIN 38/14 VINCI CON ALLIANZ

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

M.A.C.C. Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli Impianti

M.A.C.C. Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli Impianti Piano PRIMO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 24 Piano SECONDO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 25 Piano TERZO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 26 Piano QUARTO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 27 Piano

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA.

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. 1) Il presente regolamento è valido dal 10.01.2012, sostituisce ogni altra precedente

Dettagli

Tariffa comune Ma 2012 2015

Tariffa comune Ma 2012 2015 SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica SWISSPERFORM Società svizzera per i diritti di protezione affini Tariffa comune Ma 2012 2015 Juke-Box Approvata dalla Commissione arbitrale federale

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

DIVENTA PROFESSIONISTA ANCHE TU

DIVENTA PROFESSIONISTA ANCHE TU REGOLAMENTO DEL CONCORSO MISTO DENOMINATO DIVENTA PROFESSIONISTA ANCHE TU Promosso da HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Cosmetica Rif.15/002 Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Cosmetica con

Dettagli

NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO

NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO codice manifestazione: 14/011 REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO: NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO Promosso da HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione Cosmetica Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

GICO ELETTRONICO DELLE FRECCETTE CON PUNTA SOFT TIP

GICO ELETTRONICO DELLE FRECCETTE CON PUNTA SOFT TIP Italiano GICO ELETTRONICO DELLE FRECCETTE CON PUNTA SOFT TIP Il gioco del Dart (l odierno gioco delle freccette) risale a centinaia di anni fa. Pare, infatti, che perfino Enrico VIII e Carlo VI di Francia

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

D: QUALI SONO I REQUISITI DI RESIDENZA PER CHI VUOLE COMPETERE? R: Questo evento è limitato ai residenti in Italia, quindi:

D: QUALI SONO I REQUISITI DI RESIDENZA PER CHI VUOLE COMPETERE? R: Questo evento è limitato ai residenti in Italia, quindi: FAQ D: QUANTE PARTITE VERRANNO GIOCATE PER DETERMINARE I VINCITORI DI OGNI SCONTRO? R: Il torneo prevede dei 5v5 nella Landa degli evocatori in stile "sudden death" (ossia a eliminazione diretta, al meglio

Dettagli

Nicola Tosi Mattia Bernasconi Giuliano Poggi Pagina 1 di 15

Nicola Tosi Mattia Bernasconi Giuliano Poggi Pagina 1 di 15 1. QUANDO E DOVE IL GIOCO D AZZARDO È NATO GLI INIZI DEL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo risale agli inizi dell umanità. Si presume che il suo scopo fosse quello di conoscere il volere divino. I primi

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI Play your Key and win

REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI Play your Key and win REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI Play your Key and win La Anheuser-Busch InBev Italia S.p.A., con sede in Piazza F. Buffoni 3, 21013 - Gallarate, P. IVA 02685290120, promuove la seguente manifestazione,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Uno Mattina Estate 2014

Uno Mattina Estate 2014 Uno Mattina Estate 2014 La RAI-Radiotelevisione italiana Spa realizza un programma televisivo denominato UNO MATTINA ESTATE, diffuso su Rai Uno, dal lunedì al venerdì, dal 02 giugno al 05 settembre 2014.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Il bando relativo all iniziativa URSA AWARD: Best project for a better tomorrow si modifica e integra come segue: 1) la partecipazione viene prorogata fino

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli