ARRAY. ARRAY a 3 DIMENSIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARRAY. ARRAY a 3 DIMENSIONI"

Transcript

1 Prof. Claudio Maccherani a.s / 2006 ARRAY 1 TRESSETTE 2 BRISCOLA 4 POKER 6 ARRAY Una VARIABILE SEMPLICE è una scatola che può contenere un oggetto alla volta. La variabile è caratterizzata dal proprio nome (che la identifica univocamente), dal tipo di dato che può contenere e dalla lunghezza (numero di byte che occupa in memoria centrale). A 358 Un ARRAY è una VARIABILE STRUTTURATA caratterizzata dal proprio nome, dal tipo di dato di ogni suo elemento, dal numero di dimensioni (o indici), dal dominio di ogni indice. Ogni elemento dell array viene individuato specificando il nome dell array e, tra parentesi, le coordinate di ciascun indice. Il VETTORE è un array a una dimensione, la MATRICE è un array a due dimensioni. VETTORE MATRICE V M ITA STO ITA MAT ING ITA INF INF MAT RAG INF RAG TEC EDF TEC ARRAY a 3 DIMENSIONI V(2) individua l elemento di indice 2 il cui valore è M(4,2) individua l elemento di riga 4 e colonna 2 il cui valore è "INF". Se l array ha tre dimensioni si specifica prima la riga, poi la colonna ed infine la profondità. In generale, per array a n dimensioni, si specifica, nell ordine, la coordinata di ciascuna dimensione. Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 1

2 Esempio 1: TRESSETTE Per comprendere l utilità "informatica" degli array immaginiamo di voler realizzare un programma Visual Basic che giochi a TRESSETTE, limitandoci alla sola distribuzione delle carte e alla verifica dell eventuale accuso. Il tressette è un gioco di carte che si fa in quattro giocatori, suddivisi in due squadre contrapposte, utilizzando le 40 carte "napoletane" o "piacentine". Si distribuiscono 10 carte per ogni giocatore e, dopo aver verificato se i giocatori accusano, si inizia la mano. Le carte interessate all accuso sono gli Assi, i Due e i Tre. Si accu sa solo se si hanno tre o quattro Assi (rispettivamente tre e quattro punti), tre o quattro Due e tre o quattro Tre. Si accusano inoltre tre punti per ogni eventuale "napoletana", costituita da Asse, Due e Tre dello stesso seme. CARTA MAZZO GC Asse Due Tre Quattro Cinque Sei GIOCATORE 7 Sette Anna 4 8 Fante Claudio 3 9 Cavallo Mario 2 10 Re Vera Bastoni Denari Coppe Spadi SEME Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 2

3 Per simulare il mazzo si può utilizzare una matrice numerica MAZZO di 10 righe, tante quante sono le carte, da 1 (asse) a 10 (re), e 4 colonne, una per ciascuno dei quattro semi. Ogni elemento di questa matrice può assumere il valore 1 - carta presente - o il valore 0 - carta non più nel mazzo. Per i nomi delle carte e dei semi possiamo utilizzare il vettore stringa CARTA di 10 elementi (contenente i nomi delle carte) ed il vettore stringa SEME di 4 elementi (con i nomi dei semi). Per i giocatori si utilizza il vettore stringa GIOCATORE di 4 elementi, contenente i nomi dei giocatori. Per simulare le carte ricevute da ciascun giocatore possiamo utilizzare l array a tre dimensi oni CG (carte giocatori) di 10 righe, tante quante sono le carte, da 1 (asse) a 10 (re), 4 colonne, una per ciascuno dei quattro semi e 4 livelli di profondità, uno per ciascun giocatore. Ogni elemento di questo array può assumere il valore 1 - carta in possesso del giocatore - o il valore 0 - carta non in possesso del giocatore. Per la distribuzione casuale delle carte si utilizza l istruzione RANDOMIZE TIMER e la funzione RND, opportunamente "lavorata", per estrarre casualmente la carta (da 1 a 10) ed il seme (da 1 a 4). Per distribuire effettivamente la carta occorre verificare che sia ancora presente nel MAZZO, cioè che il relativo elemento valga 1. La distribuzione consisterà nel porre a 0 l elemento della matrice MAZZO associato alla carta e a 1 l e lemento dell array CG associato al giocatore. Per visualizzare le carte ricevute da ciascun giocatore si può utilizzare una cosiddetta "matrice" di controlli di tipo list box [lstg] di quattro elementi proprietà index da 1 a 4, una per ciascun giocatore. Tale list box sarà riempita in base alle carte del giocatore array CG "ricostruendo" opportunamente la dicitura completa con l ausilio dei vettori CARTA e SEME. Se si volessero utilizzare le carte "vere", queste potrebbero essere memorizzate in una matrice di controlli di tipo image [imgcarta], di 40 elementi, tanti quante le carte, utilizzando opportunamente la proprietà index (Spadi nei primi 10 elementi, poi Coppe, poi Denari ed infine Bastoni) e quindi assegnate ai giocatori al momento della distribuzione. Per questo occorre prevedere un altra matrice di controlli di tipo image [imggio], di 40 elementi, tanti quante le carte distribuite ai giocatori, utilizzando opportunamente la proprietà index (i primi 10 elementi rappresenteranno le carte del primo giocatore, da 11 al 20 elemento le carte del secondo giocatore, e così di seguito). Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 3

4 Esempio 2: BRISCOLA Restando in un ambito ludico-informatico" dell applicazione degli array, vediamo come si potrebbe realizzare un programma Visual Basic che giochi a BRISCOLA, una partita a due, tra un giocatore e il computer. La briscola è un gioco di carte che si fa in quattro giocatori, suddivisi in due squadre contrapposte, utilizzando le 40 carte "napoletane" o "piacentine", ma che si può giocare anche in due. Si distribuiscono 3 carte per ogni giocatore e, dopo aver scoperto la briscola, si inizia il gioco. Non è obbligatorio rispondere. Le carte che contano sono Assi (11 punti), Tre (10 punti), Re (4 punti), Cavallo (3 punti) e Fante (2 punti). CARTA MAZZO MAZZOC MAZZOG Asse Due Tre Quattro Cinque Sei Sette Fante Cavallo Re CARTEC CARTEG SEME Spadi Coppe Denari Bastoni Per simulare il mazzo si può utilizzare una matrice numerica MAZZO di 10 righe, tante quante sono le carte, da 1 (asse) a 10 (re), e 4 colonne, una per ciascuno dei quattro semi. Ogni elemento di questa matrice può assumere il valore 1 - carta presente - o il valore 0 - carta non più nel mazzo. Per i nomi delle carte e dei semi possiamo utilizzare il vettore stringa CARTA di 10 elementi (contenente i nomi delle carte) ed il vettore stringa SEME di 4 elementi (con i nomi dei semi). Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 4

5 Per le carte acquisite giocando possiamo utilizzare le matrici MAZZOC e MAZZOG, rispettivamente per il computer e per il giocatore, strutture simili alla matrice MAZZO. Per le carte "in mano" al giocatore ed al computer usiamo le matrici CARTEC e CARTEG, di 3 righe - tante quante le tre carte in mano - e due colonne: la prima colonna individua la carta (numero da 1 a 10), la seconda colonna individua il seme (numero da 1 a 4). Nell esempio di cui sopra risulta che il computer ha Tre di Coppe, Quattro di Denari e Sette di Spadi, mentre il giocatore ha Tre di Bastoni, Sette di Coppe e Cavallo di Bastoni. Per la distribuzione casuale delle carte si utilizza l istruzione RANDOMIZE TIMER e la funzione RND, opportunamente "lavorata", per estrarre casualmente la carta (da 1 a 10) ed il seme (da 1 a 4). Per distribuire effettivamente la carta occorre verificare che sia ancora presente nel MAZZO, cioè che il relativo elemento valga 1. La distribuzione consisterà nel porre a 0 l elemento della matrice MAZZO associato alla carta e aggiornare opportunamente - con numero carta e numero seme - le matrici CARTEC e CARTEG nella distribuzione delle carte e quindi aggiornare opportunamente ad 1 le matrici MAZZOC e MAZZOG al momento della "presa". Per visualizzare le carte "vere" esse si memorizzano in una matrice di controlli di tipo image [imgcarta], di 40 elementi, tanti quante le carte, utilizzando opportunamente la proprietà index (Spadi nei primi 10 elementi, poi Coppe, poi Denari ed infine Bastoni) e quindi assegnarle ai giocatori al momento della distribuzione e delle "prese". Per questo occorre prevedere altre matrici di controlli di tipo image quali [imggio] e [imgcom], di 3 elementi, tanti quante le carte in mano a ciascun giocatore. Il programma prevede la possibilità di giocare "a carte coperte" o "a carte scoperte" - per verificare come gioca il programma - e in modo "automatico" - è il programma che sceglie quale carta far giocare al computer - o "manuale" - è il giocatore che sceglie anche per il computer. Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 5

6 Esempio 3: POKER Come ultimo esempio di applicazione degli array in applicazioni informatiche vediamo come potrebbe essere un programma Visual Basic che giochi a POKER, limitandoci alla distribuzione delle carte, al loro cambio e alla definizione del "punto" risultante. Il poker è un gioco che si fa in più giocatori, ciascuno dei quali punta, bluffa e rilancia in base alle carte e all ispi razione del momento. Inizialmente si prendono cinque carte, dopo di che se ne possono cambiare alcune, quindi si gioca. I "punti" sono, in ordine decrescente: Scala Reale (tutte le carte dello stesso seme in ordine crescente); Poker (quattro carte uguali); Colore (cinque carte dello stesso seme); Full (un tris ed una coppia), Scala (tutte le carte in ordine crescente), Tris (tre carte uguali), Doppia Coppia (due coppie), Coppia (due carte uguali). MAZZO GIOCO CARTA vc vs 1 Sei Sette Otto Nove Dieci Jack Donna Re Asse SEME 1 2 CARTEC Fiori Quadri Cuori Picche Per simulare il mazzo si può utilizzare una matrice numerica MAZZO di 9 righe, tante quante sono le carte, da 1 (sei) a 9 (asse), e 4 colonne, una per ciascuno dei quattro semi. Ogni elemento di questa matrice può assumere il valore 1 - carta presente - o il valore 0 - carta non più nel mazzo. Per i nomi delle carte e dei semi possiamo utilizzare il vettore stringa CARTA di 9 elementi (contenente i nomi delle carte) ed il vettore stringa SEME di 4 elementi (con i nomi dei semi). Per le carte acquisite dal giocatore possiamo usare la matrice GIOCO, simile a MAZZO. Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 6

7 Per le carte "in mano" al giocatore si usa la CARGIO, di 5 righe - tante quante le cinque carte in mano - e due colonne: la prima colonna individua la carta (numero da 1 a 9), la seconda colonna individua il seme (numero da 1 a 4). Nell esempio di cui sopra risulta che il giocatore ha in mano Otto di Fiori, Jack di Quadri, Re di Quadri, Re di Cuori e Asse di Picche. Per la distribuzione casuale delle carte si utilizza l istruzione RAND OMIZE TIMER e la funzione RND, opportunamente "lavorata", per estrarre casualmente la carta (da 1 a 9) ed il seme (da 1 a 4). Per distribuire effettivamente la carta occorre verificare che sia ancora presente nel MAZZO, cioè che il relativo elemento valga 1. La distribuzione consisterà nel porre a 0 l elemento della matrice MAZZO associato alla carta e aggiornare opportunamente - con numero carta e numero seme - la matrici CARGIO nella distribuzione delle carte e quindi aggiornare opportunamente ad 1 la matrice GIOCO al momento dell acquisizione delle carte. Per visualizzare le carte "vere" si usa la libreria di sistema CARDS32.DLL, la stessa dalla quale "pescano" le carte tutti i giochi di carte forniti con Windows (Heart, Solitario, Spider, etc.). Il programma prevede la possibilità di acquisire le prime cinque carte, verificare il "punto" realizzato, cambiare una o più carte, verificare il "punto" definitivo realizzato. Introduzione agli ARRAY Tressette, Briscola, Poker - Prof. Claudio Maccherani - Perugia / 2006 Pag. 7

Carte Laurea triennale in Comunicazione Digitale Laboratorio di Informatica Generale

Carte Laurea triennale in Comunicazione Digitale Laboratorio di Informatica Generale Appelli di gennaio, febbraio e aprile 2005 Carte Laurea triennale in Comunicazione Digitale Laboratorio di Informatica Generale 1 Descrizione Il progetto consiste nel realizzare un programma per gestire

Dettagli

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco Scopa Il Torneo Il toreo di scopa viene solitamente organizzato in incontri ad eliminazione diretta due contro due (va quindi utilizzato il tabellone ad eliminazione diretta). Non è consentito parlare

Dettagli

Game Information for Joker Poker Power Poker. Viper - Power Poker Games

Game Information for Joker Poker Power Poker. Viper - Power Poker Games Game Information for Joker Poker Power Poker Viper - Power Poker Games Table of Contents Joker Poker Power Poker... 3 Vincite della partita... 3 Carte jolly... 5 Funzione Raddoppio... 5 Mani di poker...

Dettagli

Manuale di gioco di Tenente Skat

Manuale di gioco di Tenente Skat Martin Heni Eugene Trounev Revisore: Mike McBride Traduzione della documentazione: Andrea Celli Aggiornamento della traduzione per KDE 4: 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Come si gioca 6 3 Regole del gioco,

Dettagli

COMPITO n. 1. 3. Siano X, Y due variabili aleatorie tali che il vettore (X, Y ) sia distribuito uniformemente

COMPITO n. 1. 3. Siano X, Y due variabili aleatorie tali che il vettore (X, Y ) sia distribuito uniformemente COMPITO n. 1 a) Nel gioco del poker ad ogni giocatore vengono distribuite cinque carte da un normale mazzo di 52. Quant è la probabilità che un giocatore riceva una scala di re (ovvero 9, 10, J, Q, K anche

Dettagli

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico):

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico): CARTE aggiornato al 25/06/2014 Entrambe le gare di carte si svolgeranno presso il salone Polivalente di Pinasca. Entrambe le gare saranno giocate da giocatori in coppia, la coppia può essere diversa nelle

Dettagli

Bonus Poker Multi - Regole di Gioco

Bonus Poker Multi - Regole di Gioco Bonus Poker Multi - Regole di Gioco Come giocare Il gioco Bonus Poker Multi utilizza un mazzo francese da 52 carte, e scopo del gioco è ottenere una combinazione pari o superiore alla coppia di Fanti (Jack),

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Scopo del gioco Lo scopo del gioco Pokerclub Texas Hold em è riuscire a tenere per sé tutte le chips. Man mano che i giocatori finiscono le chips

Dettagli

STRATEGIA SHORTSTACK Guida

STRATEGIA SHORTSTACK Guida Basic STRATEGIA SHORTSTACK Guida Principi Come giochi prima del flop? Quali carte puoi avere dopo il flop? Come giochi dopo il flop? Il tuo programma per i primi limiti. 1 Principi Quale è il tuo buy-in?

Dettagli

Double Bonus Poker - Regole di Gioco

Double Bonus Poker - Regole di Gioco Double Bonus Poker - Regole di Gioco Come giocare Il gioco Double Bonus Poker utilizza un mazzo francese da 52 carte, e scopo del gioco è ottenere una combinazione pari o superiore alla coppia di Fanti

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Esercizi di codifica binaria

Esercizi di codifica binaria Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2008/09 Esercizi di codifica binaria Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

Poker tradizionale a 5 carte

Poker tradizionale a 5 carte Poker tradizionale a 5 carte Il poker tradizionale anche denominato poker a 5 carte o 5 card draw è la variante del gioco di carte più conosciuta e diffusa. Le regole e le modalità di gioco variano a seconda

Dettagli

Joker Poker - Regole di Gioco

Joker Poker - Regole di Gioco Joker Poker - Regole di Gioco Come giocare Il gioco Joker Poker utilizza un mazzo da 53 carte composto da 52 carte francesi più una carta Joker(Jolly) che quindi può assumere il valore di ogni altra carta.

Dettagli

Esercizi di codifica binaria

Esercizi di codifica binaria Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2004/05 Esercizi di codifica binaria Stefano Ferrari Università degli Studi di Milano Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Stefano Ferrari Università

Dettagli

Game Information for Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold. Viper Casinos Table Games

Game Information for Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold. Viper Casinos Table Games Game Information for Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold Viper Casinos Table Games Table of Contents Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold... 3 Vincite della partita... 3 Regole del gioco... 7 Regole di

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

TICHU NANJING (per 4 giocatori)

TICHU NANJING (per 4 giocatori) TICHU NANJING (per 4 giocatori) Le carte Sono di quattro tipi (Jade/Sword/Pagoda/Star) (Giada-verde/Spada-nero/Pagoda-blu/Stella-rosso) di 13 valori ognuna che corrispondono alle carte del Poker. L Asso

Dettagli

BlackJack. regole del gioco

BlackJack. regole del gioco BlackJack regole del gioco Il gioco viene aperto dalle parole del croupier Fate il vostro gioco. I giocatori devono effettuare le proprie puntate sui vari Box. Il croupier annuncia Nulla va più, dopo questo

Dettagli

Jack or Better - Regole di Gioco

Jack or Better - Regole di Gioco Jack or Better - Regole di Gioco Come giocare Il gioco Jacks or Better utilizza un mazzo francese da 52 carte, e scopo del gioco e' ottenere una combinazione pari o superiore alla coppia di Jack, come

Dettagli

REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN

REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN Descrizione della fase iniziale Lo scopo del gioco Hold Em Showdown è quello di scegliere la parte (Banco o Avversario) che otterrà una mano di cinque carte contenente una

Dettagli

Come si gioca al Macchiavelli

Come si gioca al Macchiavelli Come si gioca al Macchiavelli Macchiavelli conosciuto anche come Machiavelli, con una sola C, è un gioco di strategia, deriva dal Ramino. Le regole sono semplici ma il gioco è di fatto molto complesso,

Dettagli

Regole di base Poker

Regole di base Poker Regole di base Poker Modalità Torneo Nel poker organizzato in forma di torneo i partecipanti hanno in dotazione un monte Chips che costituisce lo Stack di partenza uguale per tutti. Queste chips hanno

Dettagli

Game Information for Aces & Faces Power Poker. Flash Casinos Power Poker Games

Game Information for Aces & Faces Power Poker. Flash Casinos Power Poker Games Game Information for Aces & Faces Power Poker Flash Casinos Power Poker Games Table of Contents Aces & Faces Power Poker... 3 Vincite della partita... 3 Funzione Raddoppio... 5 Mani di poker... 5 Regole

Dettagli

Regolamento di gioco di PokerClub

Regolamento di gioco di PokerClub Regolamento di gioco di PokerClub Obiettivo del gioco Lo scopo del poker Texas Holdem è avere la migliore mano con cinque carte, usando la combinazione delle due carte coperte personali e le cinque carte

Dettagli

BriscoParse. Un linguaggio per descrivere partite di Briscola a 4 giocatori. Linguaggi e Modelli Computazionali LS. Marco D Alessandro

BriscoParse. Un linguaggio per descrivere partite di Briscola a 4 giocatori. Linguaggi e Modelli Computazionali LS. Marco D Alessandro BriscoParse Un linguaggio per descrivere partite di Briscola a 4 giocatori. Linguaggi e Modelli Computazionali LS Marco D Alessandro 1 Obiettivo del Progetto Sviluppare un Linguaggio semplice che permetta

Dettagli

BLACK JACK. Come si gioca

BLACK JACK. Come si gioca BLACK JACK INDICE 2 Il Gioco 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 5 Varianti del Gioco 7 Regole generali 12 BLACK JACK Il tavolo da gioco 2 Il gioco si svolge tra il banco rappresentato dal Casinó

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em Cash Game

Pokerclub Texas Hold em Cash Game Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em Cash Game Scopo del gioco Il gioco Pokerclub Texas Hold em è offerto, nella modalità di gioco Tavoli Cash, nel quale le vincite sono assegnate sulla base dei risultati

Dettagli

Esercizi di Probabilità e Statistica

Esercizi di Probabilità e Statistica Esercizi di Probabilità e Statistica Samuel Rota Bulò 19 marzo 2007 Spazi di probabilità finiti e uniformi Esercizio 1 Un urna contiene due palle nere e una rossa. Una seconda urna ne contiene una bianca

Dettagli

CowPoker. (Versione 1.0 Giugno 2006)

CowPoker. (Versione 1.0 Giugno 2006) CowPoker (Versione 1.0 Giugno 2006) Traduzione a cura di Andrea Casarino (acasarino70@alice.it) alias Turing70 della Tana dei Goblin (http://nuke.goblins.net/), direttamente dal regolamento ufficiale in

Dettagli

Black Jack BY CASINOS AUSTRIA. Con Black Jack X-change

Black Jack BY CASINOS AUSTRIA. Con Black Jack X-change Black Jack BY CASINOS AUSTRIA Con Black Jack X-change Black Jack: l esperienza In questo opuscolo abbiamo riassunto per voi in maniera concisa i concetti principali del Black Jack: il valore e le combinazioni

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Regolamento Casinò Poker Joker Poker

Regolamento Casinò Poker Joker Poker Regolamento Casinò Poker Joker Poker Lo scopo del poker Joker è di ottenere una mano di poker da 5 carte che contenga una combinazione vincente (vedi la tabella dei pagamenti sulla macchina). Migliore

Dettagli

ESERCIZI DI CALCOLO COMBINATORIO

ESERCIZI DI CALCOLO COMBINATORIO ESERCIZI DI CALCOLO COMBINATORIO 1. Calcolare il numero degli anagrammi che possono essere formati con le lettere della parola Amore. [120] 2. Quante partite di poker diverse possono essere giocate da

Dettagli

Il Codice di Chitarrella

Il Codice di Chitarrella Il Codice di Chitarrella Note storiche Chitarrella: chi era costui? L'unico fatto certo è che egli pubblicò, nel 1750, un trattato nel quale codificava le regole dello Scopone e di altri due giochi di

Dettagli

Indice. Le origini del gioco 6. Texas Hold em High 14. Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte.

Indice. Le origini del gioco 6. Texas Hold em High 14. Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte. Come giocare Poker Indice Le origini del gioco 6 Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte. 8 High card (carta più alta) 8 One pair (coppia) 9 Two pairs

Dettagli

Definizione di nuovi tipi

Definizione di nuovi tipi Definizione di nuovi tipi Un tipo è un insieme di valori. Per definire un nuovo tipo occorre specificare: 1 un nome per il tipo 2 come costruire i valori del tipo, cioè quali sono i costruttori del tipo.

Dettagli

4. SERIE NUMERICHE FIGURALI

4. SERIE NUMERICHE FIGURALI 4. SERIE NUMERICHE FIGURALI Le serie numeriche figurali consistono in: - una successione di numeri collocati all interno di alcune figure, OPPURE - una serie di figure a cui è possibile associare un valore

Dettagli

Pinella Singolo ASC-CAAM 2013/14

Pinella Singolo ASC-CAAM 2013/14 Pinella Singolo ASC-CAAM 2013/14 Vedi Calendario Premi del campionato ( si svolge in 4/5 tappe di qualificazione ) : > Trofei per i primi nr 4 ( quattro ) > Ai prmi due omaggio pernottamento in residence

Dettagli

Introduzione al Foglio Elettronico

Introduzione al Foglio Elettronico Microsoft Excel Introduzione al Foglio Elettronico Il Foglio Elettronico Si presenta come una grande tabella su un foglio di carta Le celle contengono differenti dati Numeri Testo Date Ecc I dati possono

Dettagli

Applicazione ASP di esempio

Applicazione ASP di esempio Applicazione ASP di esempio Database in rete Prof. Claudio Maccherani Un server web è un programma che gira su un computer sempre collegato ad Internet e che mette a disposizione file, pagine e servizi.

Dettagli

BALDAZZI STYL ART S.p.A. - Via dell artigiano 17-40065 Pianoro (BO) Tel. 051-6516102 - Fax 051-6516142 info@baldazzi.com

BALDAZZI STYL ART S.p.A. - Via dell artigiano 17-40065 Pianoro (BO) Tel. 051-6516102 - Fax 051-6516142 info@baldazzi.com GIOCO CHILI KING é un gioco video slot 5 rulli multi - linea, con 10 linee di vincita. Il giocatore vince se 3 o più simboli uguali si allineano (all interno di una linea di vincita). Il gioco viene suddiviso

Dettagli

Probabilità e bridge. Michele Impedovo

Probabilità e bridge. Michele Impedovo Probabilità e bridge Michele Impedovo Riassunto Nel gioco del bridge è di fondamentale importanza prevedere come sono distribuite le carte di un certo seme tra i due avversari. Questo articolo propone

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 9 I SOLITARI AGONISTICI 33 I GIOCHI DI COMBINAZIONE 12 I SOLITARI 40 I GIOCHI DOMINO 21 I GIOCHI PER BAMBINI 27 IL POKER 45

INDICE INTRODUZIONE 9 I SOLITARI AGONISTICI 33 I GIOCHI DI COMBINAZIONE 12 I SOLITARI 40 I GIOCHI DOMINO 21 I GIOCHI PER BAMBINI 27 IL POKER 45 INDICE INTRODUZIONE 9 CAPITOLO 1 I GIOCHI DI COMBINAZIONE 12 1.1 Scala Quarantaquattro 13 (dal gioco Scala Quaranta) 1.1/1 Variante Scala Quarantaquattro ai 151 16 1.2 Pinellix 16 1.3 Flash 18 1.3/1 Variante

Dettagli

Parliamo un po di più di bridge. La filosofia del gioco. Nico Andriola

Parliamo un po di più di bridge. La filosofia del gioco. Nico Andriola Parliamo un po di più di bridge La filosofia del gioco Si gioca a bridge con le carte francesi prive di Jolly Il mazziere distribuisce le carte, 13 per giocatore (o vengono estratte dall astuccio) Ogni

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Lezione 1 BRIDGE: UN GIOCO DI PRESE

Lezione 1 BRIDGE: UN GIOCO DI PRESE Un po di storia Lezione 1 BRIDGE: UN GIOCO DI PRESE Sappiamo che in tutto il XVI secolo era in voga in Inghilterra un gioco che può ritenersi il vero antenato del Bridge: il Triumph. La prima data certa

Dettagli

Calcolo Combinatorio

Calcolo Combinatorio Capitolo S-09 Calcolo Combinatorio Autore: Mirto Moressa Contatto: mirtomo@tiscali.it Sito: www.mirtomoressa.altervista.org Data inizio: 16/10/2010 Data fine: 21/10/2010 Ultima modifica: 21/10/2010 Versione:

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli

PROBABILITA' E VARIABILI CASUALI

PROBABILITA' E VARIABILI CASUALI PROBABILITA' E VARIABILI CASUALI ESERCIZIO 1 Due giocatori estraggono due carte a caso da un mazzo di carte napoletane. Calcolare: 1) la probabilità che la prima carta sia una figura oppure una carta di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO GIOCO DELLA BELOTTA BAR VECCHI RICORDI TRIORA Tutti i diritti sono riservati bar Vecchi Ricordi P.

REGOLAMENTO INTERNO GIOCO DELLA BELOTTA BAR VECCHI RICORDI TRIORA Tutti i diritti sono riservati bar Vecchi Ricordi P. REGOLAMENTO INTERNO GIOCO DELLA BELOTTA BAR VECCHI RICORDI TRIORA Tutti i diritti sono riservati bar Vecchi Ricordi P.IVA 01468030083 1) La distribuzione delle carte 2) Le regole del gioco 3) Dichiarazioni

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL

SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL SPECIFICHE E LIMITI DI EXCEL Un "FOGLIO DI CALCOLO" è un oggetto di un programma per computer costituito da un insieme di celle, organizzate in righe e colonne, atte a memorizzare dati ed effettuare operazioni

Dettagli

metodi matematici per l ingegneria prove scritte d esame 1 Indice

metodi matematici per l ingegneria prove scritte d esame 1 Indice metodi matematici per l ingegneria prove scritte d esame Indice. Novembre 4 - Prova in itinere. Luglio 5.. Febbraio 6 4 4. Giugno 6. 5 5. Luglio 6 6 . Novembre 4 - Prova in itinere Esercizio. Una scatola

Dettagli

I COLORI DELLE CARTE ( SUITS )

I COLORI DELLE CARTE ( SUITS ) Il Pyramid è un gioco di carte giocato nella serie originale di Battlestar Galactica. Nella nuova serie non è scomparso ma viene chiamato Full Colors mentre il termine Pyramid è ora riferito ad uno sport

Dettagli

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca)

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it

Dettagli

Black Jack. www.casinos.at Hotline +43 (0) 50 777 50

Black Jack. www.casinos.at Hotline +43 (0) 50 777 50 Black Jack www.casinos.at Hotline +43 (0) 50 777 50 Fate il Vostro gioco! Indice Indice Pagina Introduzione 2 Valori delle carte e combinazioni delle carte 5 Ogni visita al casinò promette grande divertimento

Dettagli

LE CARTE MATEMATICHE Fausto Presutti 1988 L ACQUISIZIONE DEL NUMERO E DELLE OPERAZIONI DI ADDIZIONE-SOTTRAZIONE

LE CARTE MATEMATICHE Fausto Presutti 1988 L ACQUISIZIONE DEL NUMERO E DELLE OPERAZIONI DI ADDIZIONE-SOTTRAZIONE FAUSTO PRESUTTI LE CARTE MATEMATICHE Fausto Presutti 1988 L ACQUISIZIONE DEL NUMERO E DELLE OPERAZIONI DI ADDIZIONE-SOTTRAZIONE Sono riservati tutti i diritti di traduzione, di riproduzione, di adattamento,

Dettagli

Corrispondenze e relazioni - Complementi

Corrispondenze e relazioni - Complementi PRODOTTO CARTESIANO Nell elencare gli elementi di un insieme, l ordine non ha alcuna importanza; ma ci sono situazioni in cui l ordine con cui si indicano gli elementi è fondamentale. La partita Milan

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008 Se devo memorizzare più valori che sono in qualche modo parenti dal punto di vista logico, posso usare il concetto di vettore di variabili (array). Ad esempio, se devo memorizzare le temperature di tutti

Dettagli

Manuale di KPatience

Manuale di KPatience Paul Olav Tvete Maren Pakura Stephan Kulow Revisore: Mike McBride Sviluppatore: Paul Olav Tvete Sviluppatore: Stephan Kulow Traduzione della documentazione e dell interfaccia grafica: Andrea Celli Aggiornamento

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

STATISTICA MEDICA Prof. Tarcisio Niglio http://www.tarcisio.net tarcisio@mclink.it oppure su Facebook Anno Accademico 2011-2012

STATISTICA MEDICA Prof. Tarcisio Niglio http://www.tarcisio.net tarcisio@mclink.it oppure su Facebook Anno Accademico 2011-2012 STATISTICA MEDICA Prof. Tarcisio Niglio http://www.tarcisio.net tarcisio@mclink.it oppure su Facebook Anno Accademico 2011-2012 Calcolo delle Probabilità Teoria & Pratica La probabilità di un evento è

Dettagli

REGOLAMENTO ED ETICA

REGOLAMENTO ED ETICA REGOLAMENTO ED ETICA edizione 1985 rinvenuto e custodito in sede Fedibur INDICE DELLE CARATTERISTICHE E REGOLE DI GIOCO ART: 1 MAZZO CARTE pag. 2 ART. 2 SISTEMAZIONE TAVOLO DA GIOCO pag. 2 ART. 3 DISTRIBUZIONE

Dettagli

6 ENERGY SPORT 2013 - REGOLAMENTO GENERALE

6 ENERGY SPORT 2013 - REGOLAMENTO GENERALE 6 ENERGY SPORT 2013 - REGOLAMENTO GENERALE La manifestazione è organizzata a scopo di divertimento, quindi essendo questo lo spirito che anima tutti i tornei, i partecipanti sono invitati a gareggiare

Dettagli

Distribuisce le carte Inizia una nuova mano Piazza la stessa puntata della mano precedente Annulla le puntate già presenti sul tavolo

Distribuisce le carte Inizia una nuova mano Piazza la stessa puntata della mano precedente Annulla le puntate già presenti sul tavolo REGOLAMENTO BACCARAT Questo gioco offre il gioco del Baccarat da 6 mazzi. Più sotto nel capitolo REGOLE DEL BACCARAT sono descritte le regole del gioco di carte del Baccarat. Per giocare: Cliccare su una

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS Creazione database vuoto Creazione tabella Inserimento dati A) Creazione di un database vuoto Avviamo il programma Microsoft Access. Dal menu

Dettagli

TOP DOWN. Compiti in classe proposti Modulo 1 JUVENILIA SCUOLA. Iacobelli Ajme Marrone

TOP DOWN. Compiti in classe proposti Modulo 1 JUVENILIA SCUOLA. Iacobelli Ajme Marrone Compiti in classe proposti Modulo 1 Scrivere un programma che carichi in un vettore i tempi ottenuti da un atleta in una serie di gare (massimo 30) e stampi la media dei tempi dell atleta, il tempo migliore

Dettagli

ESERCIZI. Realizzare un progetto PHP che mostri il contenuto di una. messaggio a piacere) in un elemento psenza usare l operatore di concatenazione.

ESERCIZI. Realizzare un progetto PHP che mostri il contenuto di una. messaggio a piacere) in un elemento psenza usare l operatore di concatenazione. PHP COSTRUTTI DEL LINGUAGGIO Realizzare un progetto PHP che produca una pagina HTML il cui contenuto sia un elemento di tipo h1che presenti il messaggio Ciao Mondo. Si svolga l esercizio con una sola istruzione.

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

6 Citazione da Honolulu

6 Citazione da Honolulu FAQ Le domande più frequenti e le relative risposte possono essere trovate su Internet al seguente indirizzo: http://www.fatamorgana.ch/tichu Per coloro invece che non conoscono il cinese, ecco in breve

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio)

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio) Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio 1. Lanciamo due dadi regolari. Qual è la probabilità che la somma delle facce rivolte verso l alto sia pari a 7? 1/6 2. Due palline vengono estratte

Dettagli

CORSO BASE DI CARTOMANZIA

CORSO BASE DI CARTOMANZIA CORSO BASE DI CARTOMANZIA (TAROCCHI MARSIGLIESI) DISPENSA 9 Copyright Grif.Inter@ctve S.r.l Via Mecenate, 76/3-20138 Milano tel 02.50.90.80.70 - fax. 02/50390.80.71 e.mail - suggestions@oroscopofree.com

Dettagli

Statistica Sociale Laboratorio 2

Statistica Sociale Laboratorio 2 CORSO DI STATISTICA SOCIALE Statistica Sociale Laboratorio 2 Dott.ssa Agnieszka Stawinoga agnieszka.stawinoga@unina.it Le variabili qualitative ( mutabili ) Le variabili qualitative (mutabili) assumono

Dettagli

CDR-View. Guida Rapida

CDR-View. Guida Rapida CDR-View Guida Rapida Versione aggiornata: 01.11.2012 Wildix CDR-View permette di visualizzare e monitorare in tempo reale l attività telefonica dei collaboratori all interno dell azienda. Questo strumento

Dettagli

DALL ESPERIENZA DI OKKIO ALLE PENNE! L IDEA DI IMPARARE GIOCANDO

DALL ESPERIENZA DI OKKIO ALLE PENNE! L IDEA DI IMPARARE GIOCANDO ASL CN1 SIAN Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione I.C. Papa Giovanni XXIII IL GIOCO ALIMENTARE DALL ESPERIENZA DI OKKIO ALLE PENNE! L IDEA DI IMPARARE GIOCANDO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione 1

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Ricerche, ordinamenti e fusioni. 5.1 Introduzione. 5.2 Ricerca completa

Ricerche, ordinamenti e fusioni. 5.1 Introduzione. 5.2 Ricerca completa Ricerche, ordinamenti e fusioni 5.1 Introduzione Questo capitolo ci permette di fare pratica di programmazione utilizzando gli strumenti del linguaggio introdotti finora. A una prima lettura possono essere

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO POKER TEXAS HOLD'EM

REGOLAMENTO DI GIOCO POKER TEXAS HOLD'EM REGOLAMENTO DI GIOCO POKER TEXAS HOLD'EM Scopo del gioco La vittoria nei tornei è conseguita da chi riesce ad accumulare tutte le fiches degli altri partecipanti ovvero, nel caso di attribuzione di più

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli

La tavola pitagorica: metodo e attività

La tavola pitagorica: metodo e attività 2 La tavola pitagorica: metodo e attività Nel presente capitolo vengono descritte nel dettaglio le 8 attività proposte nel software, a cui fanno riferimento le schede operative presentate nella seconda

Dettagli

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 2010/2011 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento

Dettagli

Torneo di Scopa seconda edizione

Torneo di Scopa seconda edizione Torneo di Scopa seconda edizione Comune di Scopa Torneo del gioco delle carte Scopa d assi a coppie per adulti e Scopetta individuale per i bambini Il gioco come metafora della vita, per esultare delle

Dettagli

INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro)

INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro) INFORMATICA PER L IMPRESA (Docente Prof. Alfredo Garro) ESERCIZIO 1a a) Creare, utilizzando Microsoft Access, la base di dati Università,, seguendo lo schema logico relazionale seguente: DATABASE Università

Dettagli

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???]

Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] 2000 Prof.Claudio Maccherani [rielaborazione e ampliamento, nella prima parte, delle dispense di???] Access, della Microsoft, è uno dei programmi di gestione dei database (DBMS, Data Base Management System)

Dettagli

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici Cenni sull'impiego di Matlab Il Matlab è un potente valutatore di espressioni matriciali con valori complessi. Lavorando in questo modo il Matlab indica una risposta ad ogni comando od operazione impartitagli.

Dettagli

Scilab: La Grafica. Corso di Informatica CdL: Chimica. Claudia d'amato. claudia.damato@di.uniba.it

Scilab: La Grafica. Corso di Informatica CdL: Chimica. Claudia d'amato. claudia.damato@di.uniba.it Scilab: La Grafica Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il comando plot2d: Sintassi Esistono diversi comandi per gestire la grafica 2D, che in parte sono stati sostituiti

Dettagli

Istruzioni d uso software free to use

Istruzioni d uso software free to use APPENDICE A Istruzioni d uso software free to use Aprire il ile excel accertandosi che il livello di protezione sia tale da attivare la macro in essa contenuta e scritta in linguaggio Visual Basic, Entrare

Dettagli

Cosa dobbiamo già conoscere?

Cosa dobbiamo già conoscere? Cosa dobbiamo già conoscere? Insiemistica (operazioni, diagrammi...). Insiemi finiti/numerabili/non numerabili. Perché la probabilità? In molti esperimenti l esito non è noto a priori tuttavia si sa dire

Dettagli

Esame del 3 febbraio 2010

Esame del 3 febbraio 2010 Fondamenti di Informatica CdL in Ingegneria Gestionale a.a. 2009/2010 Docente: Andrea Prati Esame del 3 febbraio 2010 Esercizio 1 Vettori Sia data un vettore (array monodimensionale) di interi: int VETT[N];

Dettagli

DEFINIZIONE DI NUOVI TIPI Un tipo è un insieme di valori.

DEFINIZIONE DI NUOVI TIPI Un tipo è un insieme di valori. 1 DEFINIZIONE DI NUOVI TIPI Un tipo è un insieme di valori. Per definire un nuovo tipo occorre specificare: 1. un nome per il tipo 2. come costruire i valori del tipo, cioè quali sono i costruttori del

Dettagli

[ Analisi della. concentrazione] di Luca Vanzulli. Pag. 1 di 1

[ Analisi della. concentrazione] di Luca Vanzulli. Pag. 1 di 1 [ Analisi della concentrazione] di Luca Vanzulli Pag. 1 di 1 LA CONCENTRAZIONE NELL ANALISI DELLE VENDITE L analisi periodica delle vendite rappresenta un preziosissimo indicatore per il monitoraggio del

Dettagli

poker come giocare 1

poker come giocare 1 poker come giocare 1 Indice Le origini del gioco 4 Ad ogni gioco le sue chips 5 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte 6 - High card (carta più alta) 6 - One pair (coppia) 7 -

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

Black Jack Professional Series

Black Jack Professional Series Black Jack Professional Series Gioco principale Come si gioca Riepilogo del gioco Blackjack Professional Series è un divertentissimo e nuovo blackjack a 3 mani proposto da Net Entertainment, che presenta

Dettagli