In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite."

Transcript

1 Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Nel Pokerclub Texas Hold em ogni singola partita, pur svolgendosi secondo le regole generali illustrate nel successivo paragrafo Meccanismi di gioco, si può svolgere secondo specifiche formule di gioco in virtù della presenza o meno di determinate variabili e/o del valore che ad esse viene attribuito. Tali variabili (che pertanto connotano una partita ed eventualmente una formula di torneo) vengono descritte qui di seguito nel presente paragrafo. Il re-buy Alcune partite del Pokerclub Texas Hold em possono prevedere la possibilità, da parte di un giocatore che possegga un ammontare di Chips inferiore a quello iniziale, di ottenere un ulteriore ammontare di chips pari a quello iniziale a fronte del pagamento (re-buy) di un importo pari al diritto di partecipazione già acquistato. Il numero di re-buy ammessi può essere previsto anche in numero maggiore di 1, fermo restando che la somma dei diritti di partecipazione complessivamente acquistati da un giocatore per un torneo (diritto di partecipazione piu re-buy piu add-on) non potrà superare euro 250,00. Il numero massimo di re-buy ammessi e il tempo massimo entro il quale l eventuale o gli eventuali re-buy possono essere esercitati saranno resi noti sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo. L add-on Alcune partite di Pokerclub Texas Hold em possono prevedere la possibilità, da parte di un giocatore, di ottenere un ulteriore ammontare di chips a fronte del pagamento (add-on) di un importo parziale del diritto di partecipazione già acquistato. L ammontare di chips ottenuto dal giocatore sarà proporzionato all importo versato. Può essere previsto un solo add-on, fermo restando che la somma dei diritti di partecipazione complessivamente acquistati da un giocatore per un torneo (diritto di partecipazione piu re-buy piu add-on) non potrà superare euro 250,00. Il tempo massimo entro il quale l eventuale add-on può essere esercitato e, eventualmente, l ammontare dell add-on consentito saranno resi noti sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo.

2 Limiti di puntata Le partite di Pokerclub Texas Hold em possono prevedere 3 differenti tipologie di puntata: limite (Limit). Nelle partite "Limit" è possibile effettuare puntate o rilanci di un importo prestabilito. Nei primi due giri di puntate tale importo è pari al contro buio e negli ultimi due giri di puntate l importo è pari al doppio del contro buio. In ogni giro di puntate non è possibile effettuare più di 4 puntate/rilanci; nessun limite (No limit). Nelle partite "No Limit" è presente solo un limite minimo di puntata/rilancio pari al contro buio o all ultima puntata/rilancio. Non esiste alcun limite massimo oltre a quello imposto dalla disponibilità di chips di ogni giocatore (una puntata di tutte le Chips possedute equivale ad un All-in da parte del giocatore). Non esistono limitazioni al numero di rilanci; limite di piatto (Pot limit). Nelle partite "Pot Limit" è presente un limite minimo di puntata/rilancio pari al contro buio o all ultima puntata/rilancio. Il limite massimo è dato dal valore del piatto. Non esistono limitazioni al numero di rilanci. Il limite (o l assenza di limite) di puntata è reso noto sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo. Importo del buio e del contro buio L importo (il livello) iniziale del buio (e conseguentemente del contro buio che è pari al suo doppio) è stabilito all inizio del torneo. Tale importo può aumentare progressivamente nel corso di una partita sulla base di intervalli di tempo prefissati (a partire dalla mano successiva alla scadenza di tale intervallo) e/o a intervalli di mani prefissate. L importo (il livello) iniziale del buio (e conseguentemente del contro buio che è pari al suo doppio) nonché del tempo (o delle mani) oltre i quale cambia livello, è stabilito all inizio del torneo dandone comunicazione ai giocatori sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio del torneo. Puntata ad invito Alcune partite di Pokerclub Texas Hold em possono prevedere per tutti i giocatori l obbligo dell effettuazione di una puntata ad invito (ante) che è effettuata solo prima del buio o, eventualmente, del controbuio. L eventuale presenza della puntata ad invito è resa nota sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo.

3 Double Chance Alcune partite di Pokerclub Texas Hold em possono prevedere per tutti i giocatori la formula di gioco del Double Chance nella quale l ammontare di chips assegnato a ciascun giocatore all inizio della partita viene diviso in due parti uguali di cui una disponibile dalla prima mano e l altra in una fase successiva. L eventuale presenza di tale formula di gioco è resa nota sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo. Importi del diritto di partecipazione Per tutti i tornei, indipendentemente dalla formula di gioco offerta e ad eccezione dei tornei gratuiti, i diritti di partecipazione sono stabiliti in euro 0,50 e multipli di euro 0,50 fino al massimo di euro 250,00. Qualora, in relazione alla specifica formula di gioco, fosse prevista la possibilità di acquistare più volte il diritto di partecipazione (in virtù della presenza di re-buy e add-on) e fermo restando che la somma dei diritti di partecipazione complessivamente acquistati da un giocatore per un torneo non potrà superare euro 250,00, allora : l ammontare del re-buy assume valore uguale a quello del diritto di partecipazione iniziale; l ammontare dell add-on potrà assumere valore al massimo pari a quello del diritto di partecipazione iniziale. Determinazione e assegnazione delle vincite Fermo restando che per ciascun torneo l importo della vincita più alta è sempre superiore al diritto di partecipazione, il montepremi può essere assegnato, in coerenza con le indicazioni che saranno di volta in volta rese disponibili ai giocatori all inizio del torneo, secondo le seguenti modalità: interamente al vincitore del torneo; a più partecipanti al torneo sulla base della classifica finale (e/o dei turni superati). Eventuali premi in denaro potranno essere assegnati ai giocatori che, indipendentemente dalla vittoria in un torneo, riescano a raggiungere determinati obiettivi di punteggio o di gioco stabiliti all inizio di ciascun torneo (ad esempio potrà essere assegnato un premio a chi realizza la combinazione di punteggio chiamata scala reale ).

4 Meccanismo di gioco Oggetto del gioco Nel Pokerclub Texas Hold em per il gioco è utilizzato un mazzo di 52 carte di 4 semi diversi: cuori (), quadri (), picche () e fiori (). Ci sono 13 carte per ciascun seme. Il valore dei semi è identico. Il valore delle carte è diverso e decrescente nel seguente ordine: A (Asso), K (Re), Q (Donna), J (Fante), 10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3 e 2. Una partita di Pokerclub Texas Hold em comporta lo svolgimento di una successioni di mani descritte nel paragrafo Fasi di gioco. L obiettivo di ciascun giocatore è quello di eliminare tutti i gli altri giocatori acquisendone le chips in dotazione. Fasi di gioco Inizio della partita All inizio di ciascuna partita è determinata, in maniera casuale, la posizione dei giocatori al tavolo di gioco. Ciascun giocatore inizia la partita con una dotazione di chips uguale a quella degli altri giocatori secondo quanto comunicato ai giocatori nel sito e/o nell ambiente di gioco prima dell inizio del torneo. Viene stabilito in maniera casuale il giocatore che assume, nella prima mano di gioco, il ruolo di mazziere (dealer) ossia del giocatore che distribuisce le carte da gioco. Nelle mani successive diviene mazziere il giocatore collocato alla sinistra del mazziere della mano precedente. All inizio del gioco, e al termine di ciascuna mano, vengono mischiate le carte (dal sistema). Svolgimento delle mani I due giocatori alla sinistra del mazziere effettuano obbligatoriamente delle puntate prima che vengano distribuite le carte. In particolare: il primo giocatore alla sinistra del mazziere effettua una puntata chiamata buio; il secondo giocatore alla sinistra del mazziere effettua una puntata chiamata contro buio generalmente di importo pari al doppio del buio. Le puntate vanno a costituire un ammontare chiamato piatto (pot).

5 Una volta che le puntate del buio e del contro buio sono state fatte, viene effettuato il primo giro di carte, attraverso la distribuzione di 2 carte coperte a ciascun giocatore. Tali carte sono le uniche 2 carte personali, utilizzabili solo dal giocatore che le ha ricevute. Dopo la distribuzione della 2 carte coperte ai giocatori inizia il primo giro di puntate (pre-flop). Il giocatore che inizia il primo giro di puntate, che è quello posto alla sinistra del giocatore che ha effettuato il contro buio, può, in alternativa: passare (fold) ossia rinunciare a partecipare alla mano; vedere (call) ossia accettare il valore della puntata del contro buio, versando nel piatto il relativo ammontare di chips; rilanciare (raise) ossia effettuare una puntata di valore superiore al contro buio, versando nel piatto il relativo ammontare di chips. A questo punto la parola passa a turno ai giocatori collocati di volta in volta a sinistra (seguendo il senso orario), anche con l effettuazione di più giri di tavolo. Ciascun giocatore successivo può, in alternativa: passare (fold) ossia rinunciare a partecipare alla mano; vedere (call) ossia accettare il valore della puntata del contro buio o di eventuali rilanci effettuati, versando nel piatto il relativo ammontare di chips (o eventualmente, nel caso il giocatore abbia già effettuato una puntata, la differenza rispetto a quanto già puntato) rilanciare (raise) ossia effettuare una puntata di valore superiore al contro buio o ad eventuali rilanci già effettuati, versando nel piatto il relativo ammontare di chips (o eventualmente, nel caso il giocatore abbia già effettuato una puntata, la differenza rispetto a quanto già puntato); stare (check) ossia cedere la parola al giocatore successivo, nel caso in cui l importo puntato da ognuno dei giocatori ancora partecipanti alla mano coincida con l importo già puntato dal giocatore stesso. Il giro di puntate termina quando tutti i giocatori hanno visto la puntata dei giocatori che li hanno preceduto o hanno lasciato la mano. Qualora un giocatore effettui una puntata e tutti gli altri giocatori ancora in gioco lascino la mano, la stessa si conclude ed il piatto è assegnato al giocatore stesso. Terminato il primo giro di puntate viene effettuato il secondo giro di carte nel quale il mazziere pone 3 carte scoperte (flop) al centro del tavolo. Queste 3 carte sono comuni e possono essere utilizzate da ciascun giocatore ancora in gioco per comporre la propria combinazione di carte.

6 A questo punto viene effettuato il secondo giro di puntate che inizia da parte del giocatore, tra quelli ancora in gioco, posto alla sinistra del mazziere, che può, in alternativa: passare (fold) ossia rinunciare a partecipare alla mano; fare check ossia cedere la parola al giocatore successivo; puntare (bet) ossia effettuare una puntata, versando nel piatto il relativo ammontare di chips, qualora tutti i giocatori precedenti abbiano fatto check. A questo punto la parola passa a turno ai giocatori collocati di volta in volta a sinistra (seguendo il senso orario), anche con l effettuazione di più giri di tavoli. Ciascun giocatore successivo può, in alternativa: passare (fold) ossia rinunciare a partecipare alla mano; puntare (bet) ossia effettuare una puntata, versando nel piatto il relativo ammontare di chips. vedere (call) ossia accettare il valore della puntata effettuata dai precedenti giocatori, versando nel piatto il relativo ammontare di chips (o eventualmente, nel caso il giocatore abbia già effettuato una puntata, la differenza rispetto a quanto già puntato); rilanciare (raise) ossia effettuare una puntata di valore superiore alle puntate già effettuate, versando nel piatto il relativo ammontare di chips (o eventualmente, nel caso il giocatore abbia già effettuato una puntata, la differenza rispetto a quanto già puntato); stare (check) ossia cedere la parola al giocatore successivo, nel caso in cui l importo puntato da ognuno dei giocatori ancora partecipanti alla mano coincida con l importo già puntato dal giocatore stesso. Il giro di puntate termina quando tutti i giocatori hanno visto la puntata dei giocatori che li hanno preceduto o hanno lasciato la mano. Qualora un giocatore effettui una puntata e tutti gli altri giocatori ancora in gioco lascino la mano, la stessa si conclude ed il piatto è assegnato al giocatore stesso. Terminato il secondo giro di puntate viene effettuato il terzo giro di carte nel quale il mazziere pone 1 carta scoperta (turn) al centro del tavolo. Anche questa carta (come le altre 3) è comune e può essere utilizzata da ciascun giocatore ancora in gioco per comporre la propria combinazione di carte. A questo punto viene effettuato il terzo giro di puntate che si svolge con le medesime modalità del secondo giro di puntate. Il terzo giro di puntate termina quando tutti i giocatori hanno visto la puntata dei giocatori che li hanno preceduto o hanno lasciato la mano.

7 Qualora un giocatore effettui una puntata e tutti gli altri giocatori ancora in gioco lascino la mano, la stessa si conclude ed il piatto è assegnato al giocatore stesso. Terminato il terzo giro di puntate viene effettuato il quarto giro di carte nel quale il mazziere pone 1 carta scoperta (river) al centro del tavolo. Anche questa carta (come le altre 4) è comune e può essere utilizzata da ciascun giocatore ancora in gioco per comporre la propria combinazione di carte. A questo punto nel tavolo ci sono 5 carte comuni scoperte utilizzabili da ogni giocatore ancora in gioco che le può utilizzare congiuntamente con le 2 carte coperte in proprio possesso; il suo punto nella mano sarà determinato dalla migliore combinazione di 5 carte tra le 7 disponibili. Successivamente viene effettuato il quarto giro di puntate che si svolge con le medesime modalità del secondo e del terzo giro di puntate. Il quarto giro di puntate termina quando tutti i giocatori hanno visto la puntata dei giocatori che li hanno preceduti o hanno lasciato la mano e: qualora siano rimasti in gioco 2 o più giocatori al termine del giro di puntate, viene individuato, sulla base di quanto esposto nel successivo paragrafo Modalità di determinazione del punteggio, il giocatore con la combinazione di 5 carte di valore maggiore che si aggiudica il piatto. Nel caso di più giocatori con combinazioni di carte di pari valore il piatto è ripartito ed assegnato in parti uguali ai giocatori medesimi; qualora un giocatore effettui una puntata e tutti gli altri giocatori ancora in gioco lascino la mano, la stessa si conclude ed il piatto è assegnato al giocatore stesso. Tutti i giocatori mostrano le carte (showdown) quando un solo giocatore rimane con un ammontare di chips superiore a zero in quanto gli altri giocatori che partecipano alla mano hanno puntato tutto il loro ammontare di chips (all-in) e non c è più alcuna possibilità di gioco. All-in L operazione di all-in equivale per un giocatore a puntare tutte le chips a sua disposizione. Nel corso di una mano, qualora un giocatore disponga di un ammontare di chips inferiore all importo puntato da ciascuno dei giocatori in gioco (o alla differenza tra l importo puntato da ciascuno dei giocatori in gioco che lo precedono e l eventuale importo già precedentemente puntato dal giocatore stesso) può andare all-in cioè puntare tutte le chips in proprio possesso senza dover aggiungere altre chips. Il giocatore acquisisce il diritto a partecipare allo svolgimento della mano fino allo showdown concorrendo alla vincita del piatto solo relativamente alla quota parte del piatto coperta dalle chips da esso puntate. Il piatto, a seguito dell all-in, viene diviso in una quota coperta dalle chips puntate dal giocatore in

8 all-in (Main pot) ed in una seconda quota (Side pot) alla cui aggiudicazione egli non partecipa. La mano procede ed il giocatore andato all-in non potrà ulteriormente intervenire con le proprie puntate. Al momento dello showdown il giocatore con la combinazione migliore fra tutti i giocatori in gioco, incluso il giocatore andato all-in, si aggiudica il main pot; il giocatore con la combinazione migliore fra tutti i giocatori in gioco, escluso il giocatore andato all-in, si aggiudica il side pot. Naturalmente qualora il giocatore andato all-in non si aggiudichi il main pot avendo esaurito le chips è escluso dalla partita. Tutti i giocatori in gioco (ad eccezione di quello con l ammontare di chips più alto) possono andare all-in nel corso della stessa mano ed il piatto è conseguentemente ripartito. Casi particolari Nel caso in cui in una data mano venga eliminato il giocatore che ha effettuato il controbuio (che pertanto nella mano successiva avrebbe dovuto effettuare il buio) nella mano successiva non è previsto il buio, ma verrà effettuato unicamente il controbuio. Nel caso in cui in una data mano venga eliminato il giocatore che ha effettuato il buio (che pertanto nella mano successiva avrebbe dovuto svolgere il ruolo di mazziere) nella mano successiva il ruolo di mazziere è svolto dallo stesso giocatore che è stato mazziere della mano precedente Tempo per la giocata Nei tornei, in ogni mano, il giocatore ha un tempo generalmente massimo stabilito per poter effettuare una giocata. Il valore di tale limite temporale, che può variare o meno a seconda della tipologia di struttura temporale dei bui, è reso noto sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo. Trascorso questo intervallo temporale, il sistema porrà automaticamente fuori dal tavolo il giocatore (sit-out) fin quando non deciderà egli stesso di rientrare (anche nella mano in corso) attraverso l utilizzo di un apposito tasto SONO TORNATO. In alcuni casi può essere prevista l opzione di aumentare il tempo a disposizione per effettuare la giocata, attraverso la funzione detta di time-bank. Il time bank è una riserva di tempo che definita

9 in un numero preciso di secondi, è utilizzabile, esclusivamente nel torneo in corso, e una sola volta, anche dividendola su più mani. Sit-out Il giocatore può decidere di uscire da una o più mani del gioco utilizzando la funzione di sit-out, in questo caso il giocatore pagherà automaticamente il buio e controbuio fino ad un suo eventuale rientro in gioco che non può avvenire prima della conclusione della mano in corso. Durante lo stato di sit-out il giocatore è considerato ancora in gioco. Il giocatore che durante il sit-out esaurisce le chips a sua disposizione viene escluso dalla partita e otterrà una posizione in classifica determinata dal momento in cui è avvenuta l esclusione. La modalità sit-out è utilizzata: per gestire tutti i casi di disconnessione volontaria e non volontaria del giocatore; nel caso di tonei programmati qualora un giocatore iscritto non si collega agli ambienti di gioco al momento dell avvio del torneo (nel qual caso viene posto in automatico nella modalità sit-out). Pause di gioco Nelle partite di Pokerclub Texas Hold em possono essere previste delle pause dal gioco. L eventuale presenza di pause, la loro frequenza e la loro durata saranno rese note sul sito e/o nell ambiente di gioco a partire dall annuncio di un torneo. Modalità di determinazione del punteggio Per determinare i vincitori di una mano di Pokerclub Texas Hold em si segue la classificazione dei punteggi di seguito (descritti dalla combinazione di valore maggiore la scala reale fino a quella di valore minore carta più alta). Nel caso che due o più giocatore raggiungano lo stesso punteggio, il piatto verrà ripartito fra tutti i giocatori.

10 Scala reale 5 carte dello stesso seme in sequenza dal 10 all asso. Scala di Colore 5 carte dello stesso seme in sequenza esclusa quella dal 10 all asso. Pertanto la Scala di Colore più alta risulta quella che va dal 9 al K. E ammesso l utilizzo dell asso come carta più bassa di una scala A La carta più alta usata per fare la Scala di Colore decreta il vincitore del piatto. Poker 4 carte dello stesso valore ed una quinta carta qualsiasi. Se avviene una combinazione di due Poker nella stessa mano vince quello composto dalla carta più alta. Il poker più alto determina il vincitore. A parità di Poker vince il giocatore con la quinta carta di valore maggiore. Full 3 carte dello stesso valore (che costituiscono un Tris) accoppiate con 2 carte dello stesso valore (una coppia). Il valore del Full è determinato dal Tris, pertanto in caso di realizzazione di due o più full durante una stessa mano vince il Full con Tris di carte più alte.

11 In caso di Full con lo stesso valore di Tris, è la coppia più alta che compone il Full a determinare il vincitore. Colore 5 carte dello stesso seme non in sequenza. Nel caso di realizzazione da parte di due o più giocatori, il Colore vincente è determinato dalla prima carta più alta. A parità della prima carta più alta si passa alla seconda fino alla quinta. Scala 5 carte in sequenza non tutte dello stesse seme. Nel caso di più scale durante una stessa mano la scala vincente è quella con la carta più alta. E ammesso l utilizzo dell asso come carta più bassa di una scala A Tris 3 carte dello stesso valore. Nel caso di più giocatori con Tris diversi, quello vincente è quello composto dalla carta più alta. Nel caso in cui i giocatori abbiano un tris dello stesso valore, è la quarta carta (e in caso di quarta carta uguale la quinta) a decretare il vincitore della mano.

12 Doppia Coppia 2 coppie di carte dello stesso valore In caso di due o più doppie coppie in una stessa mano risulta vincente quella con la coppia più alta. A parità di coppia più alta è vincente la Doppia Coppia con la coppia minore più alta, ed a parità di quest ultima diventa determinante la quinta carta più alta. Coppia 2 carte dello stesso valore. Nel caso di più giocatori con una Coppia, quella vincente è quella composta dalla carta più alta. A parità di Coppia risulta vincente la Coppia con la terza carta (e via via la quarta o la quinta in caso di carte uguali) più alta.. Carta più Alta E il punto minore dato da 5 carte la cui combinazione non fornisce nessuno dei punti precedentemente elencati. In una mano di sole carte più alte, vince il giocatore che ha la carta più alta. Nel caso di stesso valore di quest ultime si procede con la seconda fino alla quinta carta più alta.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4

REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4 REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4 1. Promotori e Obiettivi Il FAI Fondo Ambiente Italiano in partnership con Intesa Sanpaolo SpA, promuove la settima edizione del censimento I Luoghi del

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

M.A.C.C. Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli Impianti

M.A.C.C. Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli Impianti Piano PRIMO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 24 Piano SECONDO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 25 Piano TERZO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 26 Piano QUARTO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 27 Piano

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Matematica Discreta PARTE II

Matematica Discreta PARTE II Matematica Discreta PARTE II Giuseppe Lancia Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Indice 1 Piccioni e buche 1 1.1 Il principio della piccionaia, forma semplice............................

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO - WIN 38/14 VINCI CON ALLIANZ 2014-2015

REGOLAMENTO CONCORSO - WIN 38/14 VINCI CON ALLIANZ 2014-2015 Concorso a Premi indetto da: Promotrice Allianz Spa Indirizzo Largo Ugo Irneri, 1 Località 34123 Trieste Codice Fiscale 05032630963 Partita iva 05032630963 REGOLAMENTO CONCORSO - WIN 38/14 VINCI CON ALLIANZ

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la

GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la GUIDA PROVVISORIA: versione 1.0.5 ATTENZIONE: Non tutte le features sono ancora elencate in questa guida. Saranno inserite di volta in volta dopo la pubblicazione dei componenti. Invitiamo gli utenti a

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Scopo del documento Questo documento si propone di fornire alcuni suggerimenti agli organizzatori sulla distribuzione del montepremi nei tornei.

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

1 L IDEA DEL 4 COLORE

1 L IDEA DEL 4 COLORE Nei meandri del QUARTO COLORE Marina Causa Claudio Rossi AVVERTENZA: questo articolo non costituisce una trattazione del 4 Colore Forzante. Si tratta invece di una serie di considerazioni che hanno lo

Dettagli

NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO

NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO codice manifestazione: 14/011 REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO: NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO Promosso da HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione Cosmetica Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

LA PRATICA DEL GIOCO DELLE CARTE NEL BRIDGE

LA PRATICA DEL GIOCO DELLE CARTE NEL BRIDGE Luciano Cosimi Istruttore Federale F.I.G.B. LA PRATICA DEL GIOCO DELLE CARTE NEL BRIDGE POTERE E LOGICA DELLE CARTE REGOLE GENERALI GIOCO DEL DICHIARANTE COL MORTO CONTROGIOCO DEI DIFENSORI dalle manovre

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Uno Mattina Estate 2014

Uno Mattina Estate 2014 Uno Mattina Estate 2014 La RAI-Radiotelevisione italiana Spa realizza un programma televisivo denominato UNO MATTINA ESTATE, diffuso su Rai Uno, dal lunedì al venerdì, dal 02 giugno al 05 settembre 2014.

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra Manuale d uso Servizio Segreteria Telefonica Memotel per Clienti con linea Fibra 1 INDICE 1. GUIDA AL PRIMO UTILIZZO 2. CONFIGURAZIONE SEGRETERIA 3. CONSULTAZIONE SEGRETERIA 4. NOTIFICHE MESSAGGI 5. ASCOLTO

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli