Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati. Pag.1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati. Pag.1)"

Transcript

1 Danno alllle mercii trasportate Tecnica Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati Pag.1)

2 SOMMARIO 01. BREVI NOTE SULL ACCERTAMENTO DEI SINISTRI... 3 INTRODUZIONE... 3 IL COMMISSARIO D AVARIA E IL PERITO... 3 INTERVENTO DEL COMMISSARIO D'AVARIA O DEL PERITO... 3 MERCI TRASPORTATE VIA MARE... 3 MERCI TRASPORTATE PER VIA AEREA... 4 MERCI SPEDITE PER FERROVIA... 4 MERCI SPEDITE A MEZZO POSTA... 5 MERCI TRASPORTATE A MEZZO AUTOCARRI... 5 IL CERTIFICATO DI DANNO CAUSE DI DANNO PIÙ RICORRENTI... 6 INTRODUZIONE... 6 BAGNAMENTO DA ACQUA DI MARE... 6 BAGNAMENTO DA UMIDITÀ DI STIVA... 6 BAGNAMENTO DA ACQUA DOLCE... 7 ROTTURA... 7 COLAGGIO... 7 PERDITA DI PESO - AMMANCO E/O CALO... 7 FURTO PARZIALE - MANOMISSIONE... 8 FURTO TOTALE... 8 MANCATA CONSEGNA... 8 DIFETTO, VIZIO, INSUFFICIENZA D IMBALLAGGIO... 9 VIZIO PROPRIO DELLA MERCE COSE DA FARE PER LA DENUNCIA DEL SINISTRO DOCUMENTI RELATIVI PREMESSA ESEMPLIFICANDO IN CASO DI SINISTRO SI DOVRÀ FARE: SCHEDA A) MERCI MARITTIME SCHEDA B) MERCI VIA AEREA SCHEDA C) MERCI SPEDITE A MEZZO AUTOCARRO SCHEDA C.1 PER IL TRASPORTO DI MERCI DELL'AZIENDA SCHEDA C.2 A GARANZIA DELLA RESPONSABILITÀ VETTORIALE SCHEDA C.3 POLIZZA PER CONTO DEL PROPRIETARIO DELLA MERCE STIPULATA DAL VETTORE/SPEDIZIONIERE SCHEDA D) MERCI SPEDITE A MEZZO FERROVIA SCHEDA E) MERCI SPEDITE A MEZZO POSTA Pag.2)

3 01. BREVI NOTE SULL ACCERTAMENTO DEI SINISTRI Introduzione Le brevi note che seguono non vogliono essere un organica e completa trattazione dei compiti dei Commissari d Avaria o dei Periti, bensì un promemoria che, mentre ricorda ai già esperti i punti basilari di questo lavoro, fornisca ai meno esperti una traccia da seguire. Il Commissario d Avaria e il Perito Le Condizioni Generali delle polizze in uso nel Ramo Trasporti dispongono che il danno deve essere constatato dal Perito nominato dall'assicuratore. In alcuni tipi di polizza si parla ancora di Commissario d'avaria (terminologia proveniente da altri paesi e recepita naturalmente, anche dalla giurisprudenza italiana). Essi sono pertanto, liberi professionisti, cui la fiducia dell'assicuratore - per il Perito - o di entrambe le parti - per il Commissario d'avaria - demanda contrattualmente il compito di accertare le cause, natura ed estensione del danno. Sono genericamente considerate avarie o sinistri le perdite o i danni che colpiscono il mezzo di trasporto e le merci da questo trasportate nonché le spese straordinarie fatte per il contenimento del danno. Anche se, per motivi di praticità, il nome del Commissario d'avaria o del Perito viene proposto dall'assicuratore all'assicurato (salva la facoltà di entrambi, in caso di disaccordo, di avvalersi della clausola compromissoria) restano esclusi dai compiti del Perito, come del Commissario d'avaria, gli atti liquidatori, riservati invece all'assicuratore: le constatazioni - riportate nel Certificato di Danno vengono infatti rilasciate salvi e impregiudicati i diritti derivanti all'assicuratore dalle condizioni della polizza di assicurazione. Il perito ed il Commissario d Avaria debbono, comunque, agire in ogni circostanza con l equità e la competenza richiesta dall'incarico commessogli. Intervento del Commissario d'avaria o del Perito Avuto riguardo ai vari mezzi sui quali le merci vengono trasportate, occorre tener presente i diversi modi e tempi di richiesta delle prestazioni del Perito. In linea generale: Merci trasportate via mare Il nome e indirizzo dei Commissario d'avaria o Perito figura in calce alla polizza o al certificato di assicurazione; pertanto, spetta al ricevitore nel porto di sbarco, per conto dell'assicurato o del destinatario, chiedere tempestivamente l'intervento del Commissario d'avaria affinché i danni subiti dalla merce siano constatati - se evidenti - prima dei ritiro di questa dall'ambito portuale o comunque al magazzino di finale destinazione e Pag.3)

4 siano raccolti tutti i dati e i documenti occorrenti all'assicuratore per la liquidazione del danno; superfluo sottolineare che tale intervento dovrà essere chiesto con pari tempestività non appena il destinatario noti tracce di danneggiamento. I documenti da raccogliere, esaminare, ed allegare al Certificato di danno, da compilarsi, sono i seguenti: originale della polizza o dei certificato di assicurazione; originale o copia fotostatica della fattura della merce; distinta pesi d'origine dei colli (se ciò non risulta dalla fattura); distinta del contenuto dei colli (se ciò non risulta dalla fattura); polizza di carico: insistere affinché sia consegnato uno degli originali multipli (o copia fotostatica compieta),nei quali la Polizza di carico è stata emessa. (E noto che solo sugli originali figurano eventuali «osservazioni» dei vettore per danni preesistenti alla sua presa in consegna, circa lo stato degli imballaggi, la caricazione sopraccoperta, anziché in stiva, nonché clausole particolari circa il carico e lo scarico); fotocopia dei buono di consegna scambiato tra ricevitore e vettore; copia della lettera raccomandata di reclamo agli agenti dei vettore; originale della risposta. Merci trasportate per via aerea Vale in linea generale, quanto richiamato a proposito delle merci trasportate via mare. È tuttavia da tener presente che il ritiro delle merci trasportate per via aerea non avviene, di solito, presso l'impresa aerea vettrice, bensì presso i magazzini di Società di gestione dei servizi aeroportuali; ne consegue che la constatazione dei danni - se evidenti - deve essere richiesta ed effettuata in quest ambito ma prima del ritiro della merce da parte del ricevitore, per conto dell'assicurato o destinatario. Se la merce deve essere inoltrata per via terrestre dall'aeroporto d arrivo alla località di finale destinazione a cura del vettore aereo (perché così stipulato nella Lettera di vettura aerea) l'accertamento dei danni sarà fatto a destino, fermo l'obbligo per il destinatario - in caso di danni evidenti - di apporre sul buono di consegna le dovute osservazioni. I danni ricorrenti sono costituiti da furto e rottura. I documenti da raccogliere, esaminare ed allegare al Certificato di danno da compilarsi sono pressoché identici a quelli indicati per le merci via mare; in luogo della Polizza di Carico, il trasporto aereo è regolato, appunto, dalla Lettera di vettura aerea. Merci spedite per ferrovia Generalmente l'assicurazione delle merci spedite con questo mezzo viene stipulata per caricazione su vagoni chiusi. Poiché, a norma di regolamento, l'amministrazione ferroviaria riconosce la propria responsabilità - con modesto indennizzo forfetizzato per Kg. lordo - soltanto quando questa sia provata, è indispensabile che il ricevitore della merce, al momento dello svincolo ma prima della presa in consegna, chieda - in caso di danni evidenti - l'accertamento degli stessi in contraddittorio coi rappresentanti di quella Amministrazione. Prima della firma del relativo verbale, se il ricevitore non concorda sulla causa ed estensione dei danni, è necessario si Pag.4)

5 faccia assistere dal Perito, la cui esperienza può indurre l'amministrazione ferroviaria a modificare le primitive impostazioni. La documentazione da raccogliere è sostanzialmente identica; il documento inerente il trasporto è rappresentato dalla Lettera di vettura. Le principali cause di danno sono costituite da furto, bagnamento, rottura. Merci spedite a mezzo posta Questa forma di spedizione ha scarsa rilevanza nell'assicurazione delle merci (ad eccezione dei cosiddetti «valori»). Il ricorso alla constatazione dei danni a cura dei Perito è infrequente in quanto l'irregolarità del pacco generalmente evidente alla consegna può essere eccepita dal ricevitore che ne motiva le ragioni sul bollettino postale. Possono tuttavia riscontrarsi danni - non evidenti alla consegna - la cui constatazione deve essere comunque richiesta al Perito. Documentazione: il documento di trasporto è rappresentato dal bollettino di consegna e la protesta è sostituita dal modulo di reclamo amministrativo delle Poste e Telecomunicazioni. Merci trasportate a mezzo autocarri L'enorme sviluppo del trasporto delle merci su strada e l'assicurazione dei rischi ad esso connessi affida al Perito un ruolo assai importante. Il suo intervento viene richiesto dall'assicuratore o direttamente dall'assicurato nel luogo di destinazione per constatare i danni subiti dalla merce a seguito di avvenimenti di modesta portata occorsi nel viaggio, ma anche più frequentemente sul luogo del sinistro (le autostrade e le altre grandi arterie del traffico) in conseguenza di sinistri di particolare gravità (urto, collisione, ribaltamento, incendio, ecc.) che, impediscono all'automezzo di portare a termine il viaggio. L'intervento dei Perito sul posto, il più sollecito possibile, consente già la determinazione delle cause del sinistro (rilevazione fotografica prima che le Autorità di P.S. impongano la rimozione del mezzo) e la scelta delle misure da prendere, di concerto con l'assicuratore e l'assicurato, per ridurre il danno (protezione e conservazione, trasbordo, vendita della merce danneggiata, ecc.). Nei casi gravi prima accennati, oltre alle misure che il caso rende necessarie, il Perito deve sempre esaminare la carta di circolazione dell'autocarro per accertare la validità e la portata consentita ottenendone copia fotostatica. Particolare rilievo assume il compito dei Perito nel caso di furto della merce conseguente al furto dell'autocarro, come vedremo in seguito. Prevalentemente, tale garanzia, è concessa dall'assicuratore a condizione che l'autocarro sia o custodito o munito di apparecchio antifurto approvato (vedi clausole di polizza). Documentazione: sostanzialmente identica a quella prevista per le spedizioni per via marittima. La polizza di carico è sostituita dal buono di consegna e dalla bolletta di accompagnamento della merce. In caso di furto, deve essere ottenuta copia della denuncia dell'evento, sporta dall'assicurato o dai suoi autisti, alle Autorità di P.S. e copia della dichiarazione di ritrovamento delle stesse Autorità, nel caso il veicolo sia ritrovato. Pag.5)

6 Il Certificato di danno Il Certificato di Danno costituito da un formulario che il Perito è pregato di compilare in ogni sua parte, costituisce il punto di arrivo degli accertamenti eseguiti e dei documenti esaminati. I Periti designati per le località portuali e aeroportuali operano generalmente per più Società assicuratrici; sono quindi già in possesso delle necessarie istruzioni in linea generale e per particolari generi di merce, per la constatazione in contraddittorio con i rappresentanti del Vettore, la raccolta dei documenti (in particolare quelli riguardanti la salvaguardia dei diritti di rivalsa verso irresponsabili del danno) nonché - caso non infrequente - per la nomina di un proprio perito che lo assista con specifica conoscenza della merce o per ottenere dal Tribunale la nomina di un perito giudiziario. Il Certificato di Danno corredato dai documenti in precedenza richiamati. È richiesto dalle condizioni di assicurazione affinché l'assicurato, o chi per esso debitamente legittimato, possa esperire l'azione risarcitoria. 02. Cause di danno più ricorrenti Introduzione Numerosissime sono le cause - a prescindere da eventi catastrofici - del danneggiamento delle merci durante il trasporto. Alcune sono tipiche del trasporto per via marittima, come ad esempio il bagnamento da acqua di mare e l'umidità di stiva; altre sono comuni ad ogni tipo di trasporto, come il bagnamento da acqua dolce, la rottura, il colaggio delle merci liquide, la perdita di peso, l'ammanco, il furto e la manomissione, il difetto od insufficienza d'imballaggio, il vizio proprio di alcune merci, ecc. Premesso che non tutti i generi di danno vengono inclusi tra i rischi assicurati e che, come detto al principio di queste note, è indispensabile che il Perito fornisca al liquidatore una precisa individuazione delle cause che hanno prodotto i danni lamentati, sottolineiamo qui di seguito alcune delle caratteristiche più evidenti delle cause soprarichiamate. Bagnamento da acqua di mare L'acqua marina penetra abbastanza facilmente nelle stive dove raggiunge le merci ivi depositate. Non sarà difficile stabilire queste causali poiché allo sbarco i colli appaiono impregnati d'acqua in modo più o meno uniforme e talora si possono notare le tracce sugli involucri lasciate dal contatto col fasciame interno e con le numerose tubazioni che si trovano nelle stive. In ogni modo, l'analisi chimica per campione risolve generalmente, ogni dubbio. Bagnamento da umidità di stiva La condensazione dell'umidità atmosferica sulle, pareti della stiva si traduce in goccioline che cadono in modo ricorrente sui colli imbevendone gli Pag.6)

7 imballaggi e, penetrando infine all'interno, provocando macchie diffuse a causa dei residui oleosi o metallici trascinati. Analogo processo di danneggiamento può aversi anche all'interno dei «containers,, per condensazione dell'umidità atmosferica assorbita nel luogo di riempimento e, anche se meno frequentemente, all'interno di vagoni ferroviari chiusi, in seguito ai mutamenti di clima durante lunghi percorsi. Bagnamento da acqua dolce I danni si presentano generalmente sotto forma di una bagnatura uniforme (causata da pioggia, neve, grandine) sulla superficie della parte superiore dei colli, che tuttavia non penetra troppo profondamente all'interno e non colpisce i colli con la stessa estensione. Rottura L'evidenza del danno non svela di per sé la sua causa. Un esame accurato dovrà stabilire se, per caso, la rottura non sia dovuta a difetto di fabbricazione dell'oggetto o si sia prodotta in epoca precedente il trasporto o se sia dovuta a difetto o insufficienza di imballaggio. Verificandosi una concorrenza di cause, il Perito specificherà la quota imputabile a ciascuna di esse. Particolare attenzione occorre fare per il macchinario accertando innanzitutto se si tratta di merce nuova o usata; prima di pronunciarsi sul costo della riparazione e/o rimpiazzo e sull'eventuale deprezzamento (quest'ultimo è generalmente escluso dai rischi assicurati) il Perito prenderà contatto con la Società Assicuratrice in ordine alla necessità o meno di ottenere preventivi da più aziende riparatrici. Nel trasporto a mezzo ferrovia è molto importante stabilire - mediante il contraddittorio che condurrà alla redazione dei processo verbale - se la rottura dell'oggetto è dovuta a urti anormali dei carro; ciò, per l'attribuzione della relativa responsabilità all'amministrazione ferroviaria. Colaggio Per i liquidi confezionati in latte e lattine, bidoni, fusti metallici o di materiale plastico, occorre innanzitutto verificare se la perdita del prodotto possa dipendere da imperfezione dei contenitore o da cause esterne (uso di ganci nella caricazione, urto contro le pareti dei mezzo dì trasporto, ecc.); causa non infrequente di questo tipo di danno è la dilatazione dei contenuto per influenza di calore con conseguente fuoriuscita dal contenitore. Nei grossi contenitori (autobotti e carri cisterna) il «colaggio,> dei prodotto è spesso dovuto a difetto delle chiusure (valvole e bocchettoni). Perdita di peso - ammanco e/o calo Oltre alla rilevazione, mediante pesatura, dei colli in sospetto di calo peso o ammanco è indispensabile constatare se le differenze di peso siano dovute ad un fatto accidentale o a vizio proprio (ad esempio evaporazione, essiccazione, ecc.) od anche a pesatura difettosa all'origine. È consigliabile che il Perito assista - o almeno prenda visione dei risultati - alla pesatura ufficiale anche dei colli ritenuti conformi, per la comparazione dei pesi dei vari colli. Pag.7)

8 Furto parziale - manomissione Il Perito non deve limitarsi a constatare il fatto, ma cercare di stabilire il luogo ed il tempo dell'evento. L evidente che se egli sarà chiamato quando lo scarico dei mezzo di trasporto è in corso, o poco dopo, il suo compito sotto questo profilo sarà facilitato dall'esame a caldo dello stato esterno dei colli, così da rendere chiaramente attribuibile al vettore la responsabilità per la merce mancante. Se il ricevitore, dopo aver ritirato la merce apparentemente in buono stato, rileva - all'apertura dei colli - mancanza di contenuto, il Perito farà sospendere il disimballo, invitando per iscritto gli Agenti del vettore a presenziare all'accertamento in contraddittorio. Per merci in container, prima di ogni altra operazione è indispensabile esaminare i sigilli con la massima attenzione. Se il container è spedito con la formula «door to door» (da porta a porta) generalmente è sottoposto a ispezione doganale a destino: in questo caso, prima della visita, ci si dovrà accertare che i,sigilli originali siano intatti; se l'ispezione doganale avviene invece nel porto o aeroporto di sbarco, il container sarà risigillato a cura della Dogana per l inoltro a destino; qualora i sigilli doganali appaiano manomessi, il Perito procederà, previa iscrizione di riserve dei ricevitore sul buono dì consegna, all'esame dei contenuto dopo avervi invitato il rappresentante dei vettore. Nessun risarcimento potrà essere riconosciuto in caso di riconsegna a destino dei container con i sigilli originali intatti. Furto totale Il Perito incaricato di esaminare, con l'urgenza che il caso richiede, un autocarro - già avente carico a bordo - sottratto dai ladri e successivamente rintracciato con mancanza totale o parziale del carico, osserverà e descriverà scrupolosamente sia lo stato delle serrature, portiere, deflettori, cristalli, portelli laterali e posteriori che lo stato dell'apparecchio antifurto (se questo ha ancora inserita la chiave di comando o no, se vi sono manomissioni o guasti in altre parti dell'apparecchio stesso). Egli svolgerà pure indagini circa la località in cui l'assicurato (ma più frequentemente gli autisti dell'impresa vettrice) dichiara che è avvenuto il furto e circa i motivi e orari della presenza dell'autocarro nella località stessa. Il controllo dei cronotachigrafo può risultare utile per la determinazione dei tempi, della velocità e dei chilometri percorsi dall'autocarro. Mancata consegna Si ha mancata consegna quando il vettore, all'arrivo del mezzo di trasporto nel luogo stabilito per lo scarico della merce, non è in grado di mettere a disposizione del ricevitore uno o più colli. La mancata consegna può essere imputabile a cause diverse, quali il furto del collo o colli durante il tempo in cui la merce era sotto la responsabilità dei vettori, un errore di scaricazione (disguido, avvio ad altra destinazione) smarrimento durante trasbordi da un mezzo all'altro). Ovviamente il ricevitore dovrà iscrivere le opportune osservazioni sul buono di consegna. Il Perito oltre all'emissione dei Certificato di Danno dovrà dare la sua collaborazione al ricevitore affinché questi - in esito al reclamo scritto verso il Vettore - ottenga da quest'ultimo un'attestazione della mancata consegna della merce. Pag.8)

9 Difetto, vizio, Insufficienza d imballaggio Se l'imballaggio della merce è giudicato inidoneo al trasporto cui la merce era soggetta, il Perito è tenuto a specificarne le 'ragioni. L intuibile che l'arrivo della merce a destino nelle buone condizioni in cui essa ha iniziato il viaggio dipende in larga parte dalla bontà dei tipo d'imballaggio; pertanto il Perito dovrà essere dei tutto esplicito a questo riguardo. Il massiccio, spesso irrazionale impiego degli involucri di plastica, la pallettizzazione dei colli o l'uso dei container non implicano di per sé l'assenza di difetto, vizio o insufficienza d'imballaggio. Anzi l'uso non adeguato di questi mezzi di imballaggio è spesso causa di avaria o di aggravamento dei danno. Vizio proprio della merce Il danneggiamento parziale o totale delle merci è spesso dovuto a cause identificabili come «vizio proprio» delle stesse, rischio dei quale l'assicuratore «Trasporti» non è mai responsabile. In tali circostanze infatti, il danno è una conseguenza inevitabile dell'ordinario trasporto e della durata dello stesso, cioè di fattori che influiscono negativamente sulla natura della merce anche in assenza di eventi straordinari. In caso di dubbio, il Perito farà intervenire immediatamente un esperto di quel genere di merce o disporrà, al caso, l'analisi chimica per campione. Il danneggiamento da vizio proprio si verifica in vari modi, ad esempio per cambiamento di clima e di temperatura, prolungata permanenza sul mezzo di trasporto o nei magazzini, che danno origine a differenti generi di avaria: evaporazione, putrefazione, irrancidimento, muffe, riscaldamento, combustione spontanea, ecc. Alcune di queste avarie hanno analogia con altre invece risarcibili dall'assicuratore e pertanto il Perito dovrà usare la massima attenzione per distinguere quali possano imputarsi alla natura della merce e quali ad altre specifiche cause comprese tra i rischi assicurati. Pag.9)

10 03. COSE DA FARE PER LA DENUNCIA DEL SINISTRO DOCUMENTI RELATIVI Premessa Ai fini di una più agevole e tempestiva liquidazione dei danni che interessano polizze del Ramo Trasporti, richiamiamo la Vostra attenzione sugli obblighi specifici che fanno carico agli Assicurati/Contraenti in caso di sinistro. Esemplificando In caso di sinistro si dovrà fare: immediata denuncia del danno alla Società di Brokeraggio o all'agenzia che detiene il contratto; eventuale richiesta di intervento del perito da concordarsi con la Società Assicuratrice per il tramite della Società di Brokeraggio e/o l Agenzia che detiene il contratto; salvaguardia dell'azione di rivalsa nei confronti del vettore responsabile, fornendo massima collaborazione all Assicuratore. Di seguito trascriviamo su schede, distinte per tipo di trasporto, i documenti necessari all'esame ed apertura di un danno: Scheda A) Scheda B) Scheda C) Scheda D) Scheda E) Merci marittime; Merci spedite via aerea; Merci spedite a mezzo autocarro: C1) per il trasporto delle merci dell'azienda; C2) a garanzia della responsabilità vettoriale; C3) per conto dei proprietario della merce rilasciata al vettore; Merci spedite a mezzo ferrovia Merci spedite a mezzo posta Pag.10)

11 Scheda A) Merci marittime Premesso che i danni di una certa rilevanza conseguenti al trasporto marittimo dovranno essere constatati dal Perito di fiducia dell Assicuratore in contraddittorio con il perito dei Vettore, i documenti richiesti per tali sinistri sono i seguenti: copia dei bollettino di applicazione o originale dei certificato di assicurazione; copia della fattura delle merci; copia del packing-list; copia non negoziabile della polizza di carico marittima; buono di consegna tra vettore e ricevitore con le annotazioni di riserva circa i danneggiamenti o la mancata consegna delle merci; copia della lettera di protesta agli Agenti nave con richiesta del loro intervento alla perizia (lettera da inviare raccomandata entro il periodo previsto dalla polizza di carico); originale della risposta ricevuta; Pag.11)

12 Scheda B) Merci via aerea Fermo restando che l'accertamento di eventuali danni alla merce assicurata dovrà essere effettuato prima del ritiro dai magazzini doganali da parte dello Spedizioniere, ricordiamo i documenti necessari per l'esame di un sinistro aereo: copia del bollettino di applicazione o originale dei certificato di assicurazione; copia della fattura delle merci; copia del packing-list; copia non negoziabile della lettera di vettura aerea (AWB); buono di consegna tra vettore e ricevitore con le annotazioni di riserva circa i danneggiamenti o la mancata consegna delle merci; copia della lettera di protesta alla Compagnia aerea e/o ai suoi Agenti con richiesta del loro intervento alla perizia (lettera da inviare raccomandata entro il periodo previsto dalla lettera di vettura); originale della risposta ricevuta; Pag.12)

13 Scheda C) Merci spedite a mezzo autocarro Tenuto conto che questo tipo di spedizioni possono essere coperte, a secondo dei casi, dalle polizze: C.1 per il trasporto di merci dell'azienda; C.2 a garanzia della responsabilità Vettoriale; C.3 polizza per conto del proprietario della merce stipulata dal vettore/spedizioniere. riteniamo opportuno evidenziarvi i documenti richiesti a seconda del caso, di seguito suddivisi nelle Schede C.1, C.2 e C.3. Pag.13)

14 Scheda C.1 Per il trasporto di merci dell'azienda a) trasporto effettuato da terzi vettori (nel caso il danno sia evidente alla consegna) copia della bolla di accompagnamento merci o lettera di vettura a mani del ricevitore con le annotazioni dei danno controfirmate dall'autista; (nel caso il danno non sia evidente alla consegna) oltre ad una copia della bolla di accompagnamento merci, copia della lettera di protesta fatta al vettore responsabile (nei termini previsti dal contratto di trasporto: generalmente 3 giorni) con la richiesta di risarcimento; (nel caso non ci sia consegna) lettera di comunicazione del danno da parte dei vettore; inoltre: copia della fattura di vendita (o di acquisto) dalla quale sia possibile calcolare il prezzo e la quantità in peso della merce danneggiata o mancante. In caso contrario integrare la fattura con altro documento che contenga questi dati; b) trasporto in conto proprio copia della bolla di accompagnamento merci con le annotazioni di riserva da parte della ricevitrice; copia della fattura di vendita (o di acquisto); eventuale richiesta di risarcimento dei danno da parte della ricevitrice; copia della denuncia effettuata dall'autista all'autorità competente nel caso di furto o rapina dell'intero autocarro o furto parziale di merce. c) trasporto a mezzo ferrovia o posta vedi scheda relativa a tale mezzo di spedizione. Pag.14)

15 Scheda C.2 A garanzia della responsabilità vettoriale Al momento in cui perverrà al vettore un preciso reclamo scritto in caso di danno evidente: dichiarazione, su carta intestata dell'assicurato/vettore, attestante le cause dei danno; copia della fattura e della Bolla di accompagnamento della merce emessa dalla mittente integrata dalla lettera di vettura prevista dalla legge; buono di consegna al sub-vettore o altro documento equipollente nell'eventualità che il trasporto sia affidato a quest'ultimo per l'inoltro o il proseguimento della merce a destino; lettera di riserve del ricevitore per danni e/o perdita alla merce se le stesse non sono state annotate sulla BAM o sul Buono di consegna; copia della successiva corrispondenza intercorsa con il proprietario della merce e relativa al risarcimento del danno; copia della denuncia effettuata dall'autista all'autorità competente nel caso di furto dell'intero autocarro o furto parziale di merce; copia dei libretto di circolazione e dichiarazione dei contraente su eventuali danni ad altre partite oggetto dei trasporto (sempreché non trattasi di carico completo). Inoltre per i trasporti in regime di CMR: copia della lettera di vettura CMR. Pag.15)

16 Scheda C.3 Polizza per conto del proprietario della merce stipulata dal vettore/spedizioniere 1) Per spedizioni Marittime: copia dei bollettino di applicazione o originale del certificato di assicurazione; copia della fattura delle merci; copia del packing-list; copia non negoziabile della polizza di carico marittima; buono di consegna tra vettore e ricevitore con le annotazioni di riserva circa i danneggiamenti o la mancata consegna delle merci; copia della lettera di protesta agli Agenti nave con richiesta del loro intervento alla perizia; originale della risposta ricevuta. 2) Per spedizioni Aeree: copia del bollettino di applicazione o originale dei certificato di assicurazione; copia della fattura delle merci; copia del packing-list; copia non negoziabile della lettera di vettura aerea (AWB); buono di consegna tra vettore e ricevitore con le annotazioni di riserva circa i danneggiamenti o la mancata consegna delle merci; copia della lettera di protesta alla Compagnia aerea e/o ai suoi Agenti con richiesta del loro intervento alla perizia; originale della risposta ricevuta. 3) Autocarro trasporto effettuato da terzi vettori: copia della bolla di accompagnamento delle merci (indispensabile l indicazione del peso); copia della fattura di vendita e/o acquisto; originale della lettera di comunicazione del danno da parte del Vettore; copia della denuncia effettuata dal Vettore all Autorità competente nel caso di furto o rapina dell intero autocarro o furto parziale e smarrimento di colli interi; copia della fattura di addebito emessa nei confronti del Vettore/Spedizioniere. Pag.16)

17 4) Autocarro trasporto effettuato in proprio: copia della bolla di accompagnamento delle merci (indispensabile l indicazione del peso) con annotazioni di riserva da parte della ricevitrice; copia della fattura di vendita; eventuale richiesta di risarcimento del danno da parte della ricevitrice; in caso di furto, smarrimento e rapina di colli interi copia della denuncia presentata all autorità; 5) Ferrovia: Copia della bolla di accompagnamento merci (indispensabile indicare il peso); Copia della fattura di vendita e/o acquisto; Processo verbale delle Ferrovie mod. CH100; Copia del bollettino di spedizione e/o lettera di vettura; Copia del bollettino di svincolo; 6) Posta: Ricevuta d'impostazione; Copia del reclamo all'amm.ne Postale (completato nelle parti I e II - mod. 266 A.P.); Risposta dell'amministrazione Postale; Copia della Bolla di accompagnamento merci; Copia della fattura della merce. Pag.17)

18 Scheda D) Merci spedite a mezzo ferrovia (Polizze singole o stipulate di volta in volta) 1) Originale del bollettino di consegna (costituito dalla seconda parte della lettera di vettura se il reclamo è presentato dal destinatario) Originale della lettera di vettura se trattasi di trasporto internazionale. 2) Originale della ricevuta di spedizione (quinta parte della lettera di vettura se il reclamo è presentato dal mittente) Duplicato della lettera di vettura se trattasi di trasporto internazionale 3) Copia dei processo verbale delle Ferrovie mod. CH100 4) Bolla di accompagnamento merci 5) Copia della fattura 6) Lettera di cessione dei diritti nei confronti della ns. compagnia da parte dei destinatario o dei mittente (a seconda dei casi vedi punti 1 e 2). N. B. La lettera di cessione dei diritti, deve essere formulata dal cessionario su carta intestata come da seguente testo: La sottoscritta... con sede in cede incondizionatamente alla (nome della Società Assicuratrice) di (sede legale della Società Assicuratrice) tutti i diritti derivanti dal Bollettino di Spedizione n.... del da a Pag.18)

19 Scheda E) Merci spedite a mezzo posta (Polizze singole o stipulate di volta in volta) Ricevuta d'impostazione; Copia del reclamo all'amm.ne Postale (completato nelle parti I e II - mod. 266 A.P.); Risposta dell'amministrazione Postale; Copia della Bolla di accompagnamento merci; Copia della fattura della merce. Pag.19)

20 Pagina 1 DENUNCIA DI SINISTRO A POLIZZA R.C. VETTORIALE (Fac-simile) Spett.le (Società di Brokeraggio) Spett.le (Agenzia Generale di..) Luogo e Data In relazione alla Pol. n. portiamo a Vostra conoscenza che la spedizione di cui a bolla di accompagnamento n. è stata colpita da perdita e/o avaria durante il corso del viaggio nelle seguenti circostanze: Pertanto, essendoci pervenuta una nota di addebito da parte del proprietario delle merci, Vi invitiamo a liquidare a nostro favore l'indennizzo da noi dovuto ai sensi di legge al proprietario delle merci in base ai seguenti dati: Spedizione soggetta a tariffa: (portata utile del veicolo Kg. C.M.R. (peso merce danneggiata Kg. Distinti saluti L Assicurato Pagina 2 Pag.20)

POLIZZA R.C. DEL VETTORE NORME DA SEGUIRE

POLIZZA R.C. DEL VETTORE NORME DA SEGUIRE POLIZZA R.C. DEL VETTORE NORME DA SEGUIRE In caso di perdita od avaria delle merci trasportate Fermo restando quanto previsto dalle condizioni di polizza al fine di una più agevole e tempestiva liquidazione

Dettagli

CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci

CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci Sconto 20% sulla tariffa RC Tasso incendio e furto 13 x mille senza franchigia ( fino a 20.000 ) Atti vandalici/eventi atmosferici compresi Cristalli

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Allegato C3 FAC SIMILE Contratto estimatorio Protesi ortopediche e mezzi di sintesi Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

Modulo 3.7 Revisione4 Pagina 1 di 5

Modulo 3.7 Revisione4 Pagina 1 di 5 Italcuscinetti S.p.A. CAPITOLATO DI FORNITURA (CONDIZIONI GENERALI) Introduzione Le forniture dei prodotti, presenti in questo documento redatto da Italcuscinetti S.p.A., sono gestite e regolate dalle

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa si obbliga a pagare il prezzo, salvo che restituisca le cose nel termine stabilito

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA

Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Capitolo 3 - PRODOTTI DELLA SILVICOLTURA Sommario a) Legna da ardere Sezione I Usi generali Distinzione Art. 1 Qualità 2 Pezzatura 3 Stagionatura 4 Provenienza 5 Forma del contratto 6 Prezzo 7 Contrattazione

Dettagli

CON ESCLUSIVO RIFERIMENTO AL RIMBORSO DELLE SPESE DI TRASPORTO IN CASO DI RITARDO NELLA CONSEGNA DELLE MERCI

CON ESCLUSIVO RIFERIMENTO AL RIMBORSO DELLE SPESE DI TRASPORTO IN CASO DI RITARDO NELLA CONSEGNA DELLE MERCI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE AL SERVIZIO PREMIUM CON ESCLUSIVO RIFERIMENTO AL RIMBORSO DELLE SPESE DI TRASPORTO IN CASO DI RITARDO NELLA CONSEGNA DELLE MERCI 1. Premessa 1.1. Le presenti condizioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI

CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI 1. Oggetto del mandato Con riferimento all art. 1737 CC, la spedizione viene eseguita secondo l Ordine di Spedizione impartito

Dettagli

OPODO int Zero Gap 201012 pag. 1 di 6

OPODO int Zero Gap 201012 pag. 1 di 6 OPODO int Zero Gap 201012 pag. 1 di 6 Caratteristiche del prodotto OPODO e MONDIAL ASSISTANCE sono lieti di offrirvi una copertura assicurativa per il noleggio del veicolo prenotato sul sito web di OPODO.

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto

SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO. Articolo 1 Oggetto del contratto SCHEMA DI CONTRATTO ESTIMATORIO PER CONTO DEPOSITO Articolo 1 Oggetto del contratto Il presente contratto ha per oggetto la fornitura secondo lo schema del contratto estimatorio, con relativa consegna

Dettagli

PONY EXPRESS ROMA. Condizioni generali di trasporto

PONY EXPRESS ROMA. Condizioni generali di trasporto PONY EXPRESS ROMA Condizioni generali di trasporto Le presenti Condizioni Generali (di seguito CGS ) che costituiscono attuazione delle condizioni generali per l espletamento del servizio postale universale

Dettagli

Principi ispiratori e obiettivi della Carta di Qualità

Principi ispiratori e obiettivi della Carta di Qualità 1 Principi ispiratori e obiettivi della Carta di Qualità In conformità con il D.lgs 261/99, la Carta della Qualità di MB Post&Services recepisce gli obiettivi di qualità dei servizi rientranti nell ambito

Dettagli

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS Il presente Fascicolo Informativo contenente la Nota Informativa,

Dettagli

conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile

conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile FURTI ED AMMANCHI DI BENI AZIENDALI conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile 1 FURTI - DISCIPLINA DI BILANCIO La normativa civilistica distingue tra: perdita di beni-merce perdita di altri

Dettagli

Modulo di Denuncia RCT - Responsabilità civile verso terzi

Modulo di Denuncia RCT - Responsabilità civile verso terzi LA INVITIAMO A RISPONDERE A TUTTE LE DOMANDE E A RESTITUIRE IL MODULO ALL'INDIRIZZO INDICATO. COMPILI IN STAMPATELLO E CON INCHIOSTRO NERO. LA COMPILAZIONE ERRATA O PARZIALE DEL MODULO POTREBBE RITARDARE

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 159

Dettagli

Contratto Verificato dalla Commissione Controllo Clausole Vessatorie CAMERA DI COMMERCIO DI UDINE CONTRATTOGARANTITO

Contratto Verificato dalla Commissione Controllo Clausole Vessatorie CAMERA DI COMMERCIO DI UDINE CONTRATTOGARANTITO Contratto Verificato dalla Commissione Controllo Clausole Vessatorie CAMERA DI COMMERCIO DI UDINE CONTRATTOGARANTITO Condizioni Generali di Contratto per la Prestazione del Servizio di Pulitintolavanderia

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

CARTA DI QUALITA SERVIZI POSTALI DELLA DITTA ORTIGIA RECAPITI SRL

CARTA DI QUALITA SERVIZI POSTALI DELLA DITTA ORTIGIA RECAPITI SRL CARTA DI QUALITA SERVIZI POSTALI DELLA DITTA ORTIGIA RECAPITI SRL La carta della qualità dei servizi della ditta Ortigia recapiti Srl è disponibile presso la sede di Via Malta n 14 e di Via Diaz n 25 Siracusa

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI CHIUSA COMUNE DI SCLAFANI Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI Allegato alla Deliberazione di G.C. n. 20 del 20/02/2013 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO

POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO POLIZZA II RISCHIO PER LA RESPONSABILITA' CIVILE DEL RISCHIO FERROVIARIO Ottobre 2015 DEFINIZIONI I seguenti vocaboli, indicati nella polizza, significano : Contraente TPER S.p.A. che stipula il contratto

Dettagli

L ordinazione fatta senza precisare la data di effettuazione, si intende da eseguirsi il giorno lavorativo successivo, se effettuato in Provincia.

L ordinazione fatta senza precisare la data di effettuazione, si intende da eseguirsi il giorno lavorativo successivo, se effettuato in Provincia. Capitolo V USI NEI TRASPORTI TERRESTRI TRASPORTI A MEZZO AUTOCARRI 1050. Ordinazione. L ordinazione fatta senza precisare la data di effettuazione, si intende da eseguirsi il giorno lavorativo successivo,

Dettagli

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE.

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. CONTRATTO DI TRASPORTO DI MERCI SU STRADA PER PRESTAZIONE SINGOLA O PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. Art. 1. Identificazione delle Parti Con la presente scrittura privata da valere ad

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI 2002 APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 L Ufficio Oggetti Rinvenuti, ha

Dettagli

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni Con la presente Comunicazione Organizzativa vengono definite le modalità operative

Dettagli

SKIPPERASSICURATO. Condizioni Generali di Assicurazione relative alla Responsabilità Civile NATANTI

SKIPPERASSICURATO. Condizioni Generali di Assicurazione relative alla Responsabilità Civile NATANTI SKIPPERASSICURATO Condizioni Generali di Assicurazione relative alla Responsabilità Civile NATANTI Definizioni Nel testo che segue si intendono: per Alienazione: trasferimento a qualsiasi titolo della

Dettagli

1. Vettura, uso e custodia del veicolo

1. Vettura, uso e custodia del veicolo Il presente contratto di noleggio con guida autonoma rispetta quanto consigliato dall'associazione degli operatori per gli autonoleggi delle Seychelles. Firmando il presente contratto, il cliente conferma

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

CONDIZIONI DI VENDITA

CONDIZIONI DI VENDITA Modalità di acquisto La ricezione dell'ordine è confermata mediante una risposta via e-mail, inviata all'indirizzo di posta elettronica comunicato dal Cliente. Il messaggio ripropone tutti i dati inseriti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA Le presenti condizioni generali di fornitura regoleranno i rapporti intercorrenti tra: Piaggio & C. S.p.A., con

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA

COMUNE DI MASSA MARITTIMA COMUNE DI MASSA MARITTIMA COPERTURA ASSICURATIVA CORPO VEICOLI TERRESTRI (INCENDIO, FURTO, KASKO E RISCHI DIVERSI) DURATA DEL CONTRATTO: DALLE ORE 24.00 DEL 31.12.2014 ALLE ORE 24.00 DEL 31.12.2017 SCADENZE

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Contratto per la fornitura di ingranaggi, con assistenza tecnica TRA

Contratto per la fornitura di ingranaggi, con assistenza tecnica TRA 1 Spett.le ESSE STAMPI SpA Oggetto: Contratto per la fornitura di ingranaggi, con assistenza tecnica TRA CLIENTE ITALIA S.p.A. - con sede legale in Milano di seguito menzionata come CLIENTE ITALIA E ESSE

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile A mente dell'art. 927 del C.C., chiunque ritrova una cosa mobile nel territorio del Comune deve restituirla al proprietario.

Dettagli

Questionario di Assicurazione per raccolta informazioni della AZIENDA INDUSTRIALE o COMMERCIALE nel Trasporto Terrestre Marittimo Aereo di Merci

Questionario di Assicurazione per raccolta informazioni della AZIENDA INDUSTRIALE o COMMERCIALE nel Trasporto Terrestre Marittimo Aereo di Merci Questionario di Assicurazione per raccolta informazioni della AZIENDA INDUSTRIALE o COMMERCIALE nel Trasporto Terrestre Marittimo Aereo di Merci La sottoscrizione del presente Questionario non impegna

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1 DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 29 ottobre 2008, n. 191 1 Regolamento concernente: «Disciplina del diritto di accesso dei contraenti e dei danneggiati agli atti delle imprese di assicurazione

Dettagli

ANIA. Trasporto su gomma RACCOMANDAZIONI PER IL VETTORE. Sezione Tecnica per le Assicurazioni Aeronautiche, Trasporti e per la Riassicurazione

ANIA. Trasporto su gomma RACCOMANDAZIONI PER IL VETTORE. Sezione Tecnica per le Assicurazioni Aeronautiche, Trasporti e per la Riassicurazione ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici Trasporto su gomma RACCOMANDAZIONI PER IL VETTORE Sezione Tecnica per le Assicurazioni Aeronautiche, Trasporti e per la Riassicurazione Aprile 2002

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA E VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA E VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA E VENDITA PREMESSE Le presenti condizioni generali di fornitura e vendita si applicano integralmente a tutte le offerte di vendita emesse e a tutte le vendite effettuate

Dettagli

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 33

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE NUCLEO POLIZIA AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Art. 2: Art. 3: Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

SINISTRI ASSISTENZA CLIENTI

SINISTRI ASSISTENZA CLIENTI SINISTRI ASSISTENZA CLIENTI COSA FARE IN CASO DI Una guida rapida, suddivisa per tipologia di sinistro, che informa cosa fare in caso di difficoltà. Seleziona una tipologia di sinistro: SINISTRI AUTO:

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

SUORE FRANCESCANE ELISABETTINE LE ASSICURAZIONI. Padova 1-41. 4 luglio 09

SUORE FRANCESCANE ELISABETTINE LE ASSICURAZIONI. Padova 1-41. 4 luglio 09 SUORE FRANCESCANE ELISABETTINE LE ASSICURAZIONI Padova 1-41 4 luglio 09 LE NOSTRE POLIZZE ASSICURATIVE Sono gestite da Janua B. & A. Broker S.p.A. AXA Convezione pronta diaria LE POLIZZE gestite da Janua

Dettagli

INDICE. 2. I prodotti di corrispondenza. 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità. 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi

INDICE. 2. I prodotti di corrispondenza. 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità. 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. Premessa 2. I prodotti di corrispondenza 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi 1. Premessa OBIETTIVI E PRINCIPI ISPIRATORI La Carta della

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Disposizioni generali Le presenti Condizioni, oggetto di discussione e negoziazione tra le Parti riguardo ciascuna clausola, ove non derogate da condizioni particolari

Dettagli

COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Allegato B alla delib. GC n. 20 del 19/02/2014 COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

CONVENZIONE ASSICURATIVA KASKO

CONVENZIONE ASSICURATIVA KASKO 2010/2011 CONVENZIONE ASSICURATIVA KASKO Infortuni Assicurativo Convenzione Kasko Arbitri ed Osservatori federali (2351/131/24475) Fipav Settore Assicurazioni 2010/2011 Pagina 1 di 8 SOMMARIO SOMMARIO...

Dettagli

SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE

SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE SCOOTER FOR RENT CLAUSOLE 1_condizioni di accessibilità al noleggio di ciclomotori e motoveicoli Per il noleggio di ciclomotori di 50cc è richiesta un età minima di 14 anni, un documento d identità valido

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTRODUZIONE: Le presenti condizioni generali di vendita (di seguito solo Condizioni Generali ) disciplinano la vendita dei prodotti commercializzati da Colmegna Srl tramite

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d uso e manutenzione Scaffalatura fissa TECFIX Documento generico riferito al prodotto Tecnofix. Per dettagli specifici riferiti ad ogni singolo impianto personalizzato contattare l Ufficio Tecnico

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le funzioni che il Codice

Dettagli

AUTO SOSTITUTIVA Responsabilità civili e penali

AUTO SOSTITUTIVA Responsabilità civili e penali AUTO SOSTITUTIVA Responsabilità civili e penali PREMESSA. Un numero sempre maggiore di autoriparatori, offre alla propria clientela il servizio di auto sostitutiva o di cortesia. Si tratta di un servizio

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONDIZIONI CONTRATTUALI CONDIZIONI CONTRATTUALI Contratto di capitalizzazione a premio unico e premi integrativi, con rivalutazione annuale del capitale assicurato (tariffa n 357) PARTE I - OGGETTO DEL CONTRATTO Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 99 del 13-03-1995 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 244 del 29-10-1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 112 del 30 se embre 2013 "REGOLAMENTO"PER"LA"GESTIONE"DEGLI"OGGETTI"RINVENUTI"NEL"TERRITORIO"COMUNALE"

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

Service Guide. L aiuto per chi è in viaggio. Linea diretta assistenza 24h +41 800 818 418

Service Guide. L aiuto per chi è in viaggio. Linea diretta assistenza 24h +41 800 818 418 Service Guide. L aiuto per chi è in viaggio. Linea diretta assistenza 24h +41 800 818 418 Indice Linea diretta per assistenza 24h pagina 3 Service Card pagina 4 Gestione sinistri pagina 5 Gestione assicurazioni

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 60 del 14.03.2013 Sommario TITOLO I - OGGETTO... 3 Art.

Dettagli

ALTRI USI TITOLO VII

ALTRI USI TITOLO VII ALTRI USI TITOLO VII Capitolo 1 Prestazioni varie d'opera e di servizi Art. 105 Portiere condominiale Le spese relative alla gestione dell abitazione del portiere (es. energia elettrica, riscaldamento,...)

Dettagli

PUBBLICI SERVIZI DI LINEA.

PUBBLICI SERVIZI DI LINEA. IL CONTRATTO DI TRASPORTO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 NOZIONE. TIPI. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 PUBBLICI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio.

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio. CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO 1.QUALIFICAZIONE RICHIESTA PER IL NOLEGGIO - Ogni guidatore deve presentare la sua patente di guida (patente categoria B in corso di validità) valida per il paese in cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Premessa : ogni fornitura comprende esclusivamente la merce e i servizi indicati nel relativo ordine d acquisto, nel preventivo e/o nella lettera di conferma d ordine accettati

Dettagli

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE DANNI ALLE AUTOVETTURE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI UTILIZZATE PER CAUSA DI SERVIZIO

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE DANNI ALLE AUTOVETTURE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI UTILIZZATE PER CAUSA DI SERVIZIO CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE DANNI ALLE AUTOVETTURE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI UTILIZZATE PER CAUSA DI SERVIZIO SCHEMATIZZAZIONE RICHIESTA DI OFFERTA Effetto contratto : ore 24,00 del 30.09.2012

Dettagli

LA NOSTRA CARTA QUALITA della Società: GLOBAL POSTAL EXPRESS SERVICES S.a.s

LA NOSTRA CARTA QUALITA della Società: GLOBAL POSTAL EXPRESS SERVICES S.a.s LA NOSTRA CARTA QUALITA della Società: GLOBAL POSTAL EXPRESS SERVICES S.a.s La Carta della Qualità di GLOBAL POSTAL EXPRESS traccia una linea e si assume gli impegni relativamente agli obiettivi di semplificazione,

Dettagli

Assicurazioni RC Professionali

Assicurazioni RC Professionali Proposta di assicurazione R.C. per gli Amministratori, Dirigenti e Sindaci di Società. TAILOR MADE La seguente Proposta di assicurazione è in relazione ad un polizza claims made. Essa copre esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

I vini sulla piazza si contrattano normalmente nella zona di produzione, in seguito ad assaggio che avviene nei magazzini del venditore.

I vini sulla piazza si contrattano normalmente nella zona di produzione, in seguito ad assaggio che avviene nei magazzini del venditore. R) VINI E MOSTI 324. Conclusione del contratto. I vini sulla piazza si contrattano normalmente nella zona di produzione, in seguito ad assaggio che avviene nei magazzini del venditore. 325. Oggetto del

Dettagli

U.N.P.I.S.I. Dipendente Pubblico. Responsabilità Civile patrimoniale. Manuale Operativo

U.N.P.I.S.I. Dipendente Pubblico. Responsabilità Civile patrimoniale. Manuale Operativo U.N.P.I.S.I. Dipendente Pubblico Responsabilità Civile patrimoniale Manuale Operativo 19 marzo 2014 Introduzione Il manuale è costituito di due parti principali: Risposte ai quesiti più frequenti in relazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

Regolamento per la disciplina e la gestione dei sinistri su patrimonio provinciale PREMESSA ART.1. ART.2 La richiesta di risarcimento danni

Regolamento per la disciplina e la gestione dei sinistri su patrimonio provinciale PREMESSA ART.1. ART.2 La richiesta di risarcimento danni Regolamento per la disciplina e la gestione dei sinistri su patrimonio provinciale PREMESSA I cittadini che ritengono di aver subito un danno ingiusto a seguito di un fatto riconducibile alla responsabilità

Dettagli

Condizioni di vendita via Internet

Condizioni di vendita via Internet Condizioni di vendita via Internet 1. Informazioni Generali - Tutti i prodotti destinati all utenza finale sono corredati di relativa garanzia per DUE anni - La vendita è tutelata da tutti i diritti che

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLE MERCI

ASSICURAZIONE DELLE MERCI Università degli Studi di Bergamo lezione 9 ASSICURAZIONE DELLE MERCI i n t r o d u z i o n e definizione polizze a viaggio singolo in abbonamento calcolo del valore assicurabile accertamento del danno

Dettagli

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni;

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni; REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI E DELLE APPARECCHIATURE MUSICALI DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. PIERLUIGI DA PALESTRINA DI CAGLIARI, (art. 14, comma 4 del D.P.R. 28 febbraio

Dettagli

ADDESTRAMENTO. Accredited School

ADDESTRAMENTO. Accredited School 1 ADDESTRAMENTO Accredited School Tutte le normative che disciplinano il trasporto di merci pericolose, per aereo, strada e mare, impongono oramai che tutto il personale coinvolto nelle spedizioni di dette

Dettagli

CORRIERI ITALIANI PER IL TRASPORTO NAZIONALE

CORRIERI ITALIANI PER IL TRASPORTO NAZIONALE CORRIERI ITALIANI PER IL TRASPORTO NAZIONALE Sommario Nozione ed ambito di applicazione e soggetti....................... Art. 1 Limiti di assunzione degli incarichi..............................» 2 Facoltà

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. 4

REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. 4 REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. 4 AVVISO PUBBLICO RISERVATO A CITTADINI EXTRACOMUNITARI PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO A TEMPO DETERMINATO A N. 25 POSTI DI COLLABORATORE PROFESSIONALE

Dettagli

QUESTIONARIO PER L AUTOTRASPORTATORE DI COSE PER CONTO TERZI

QUESTIONARIO PER L AUTOTRASPORTATORE DI COSE PER CONTO TERZI QUESTIONARIO PER L AUTOTRASPORTATORE DI COSE PER CONTO TERZI La sottoscrizione del presente questionario non impegna il firmatario nè la Compagnia Assicuratrice alla stipulazione della polizza di assicurazione:

Dettagli