Ottimizzazione Combinatoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottimizzazione Combinatoria"

Transcript

1 Ottimizzazione Combinatoria Esercitazione AMPL A.A Esercitazione a cura di Silvia Canale contatto Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale 1

2 Riassumendo AMPL è un linguaggio di modellazione algebrico che ci permette di modellare problemi di programmazione matematica di diversa natura. Abbiamo visto come dichiarare (file.mod) e definire (file.dat) le entità: - Insiemi (parola chiave set); - Parametri semplici o a più dimensioni (parola chiave param); - Variabili (parola chiave var); - Funzione obiettivo (parola chiave minimize o maximize); - Vincoli (parola chiave subject to). Abbiamo visto come far interpretare i file.mod e.dat all interprete AMPL. Abbiamo visto come far risolvere il problema modellato all interprete AMPL invocando un opportuno solutore di programmazione matematica (CPLEX). Oggi vedremo altre funzionalità del linguaggio AMPL e come scrivere script in AMPL per risolvere in maniera efficiente problemi di programmazione matematica. 2

3 Materiale Oltre alle slide di questa esercitazione, è possibile trovare ulteriore materiale alla pagina relativamente a: gestione di canali di input/output in AMPL stringhe di caratteri in AMPL istruzioni iterative e if then script in AMPL 3

4 Il comando data dice all interprete che segue la definizione delle entità precedentemente dichiarate. ampl: data MCF.dat; Modalità dati // carichiamo successivamente i dati del problema Il comando data può essere anche utilizzato per porre l interprete in modalità dati e può essere utilizzato direttamente da riga di comando. ampl: model MCF.mod; ampl: data; ampl data: set NODI := A; ampl data: display NODI; set NODI := A; ampl: Per uscire dalla modalità dati occorre digitare una parola chiave diversa da quelle che identificano i dati (set, param, etc.) 4

5 Modalità dati Quando assegniamo valori dopo il comando data, l interprete verifica che ad un entità non venga assegnato più di un valore. ampl: model MCF.mod; ampl: data; ampl data: set NODI := A; ampl data: display NODI; set NODI := A; ampl: data; ampl data: set NODI := B; data for NODI already read context: set >>> NODI <<< := B; 5

6 Per aggiornare il valore assegnato ad un entità abbiamo due modi: 1) Con l istruzione reset reset data; // cancella tutte le assegnazioni reset data <lista_entità>; // cancella le assegnazioni delle entità nella lista <lista_entità> ampl: model MCF.mod; ampl: data; ampl data: set NODI := A; ampl data: display NODI; set NODI := A; Modalità dati ampl: reset data NODI; ampl: display NODI; Error executing "display" command: no data for set NODI ampl: data; ampl data: set NODI := B; ampl data: display NODI; set NODI := B; 6

7 2) Con l istruzione update update data; // aggiorna tutte le assegnazioni update data <lista_entità>; // aggiorna le assegnazioni delle entitànella lista <lista_entità> ampl: model MCF.mod; ampl: data; ampl data: set NODI := A; ampl data: display NODI; set NODI := A; ampl: update data NODI; ampl: display NODI; set NODI := A; Modalità dati ampl: data; ampl data: set NODI := B; ampl data: display NODI; set NODI := B; 7

8 Insiemi a più dimensioni Come per i parametri, anche gli insiemi (parola chiave set) possono essere a più dimensioni. In AMPL il comando dimen nella dichiarazione di un insieme specifica la dimensione dell insieme. ampl: set COPPIE dimen 2; ampl: data; ampl data: set COPPIE := (A,B) (A,C) (B,C); ampl data: display COPPIE; set COPPIE := (A,B) (A,C) (B,C); Oltre a definire insiemi e operazioni tra insiemi, il comando setof permette di creare insiemi proiezione di insiemi precedentemente dichiarati. ampl: set PROIEZIONE := setof { (i,j) in COPPIE } i; ampl: display PROIEZIONE; set PROIEZIONE := A B; 8

9 Restrizioni sulle variabili Le variabili sono le grandezze che descrivono la soluzione del problema. Le variabili vengono dichiarate nel file del.mod. L identificativo della variabile viene preceduto dalla parola chiave var e, eventualmente, viene seguito da restrizioni al suo valore. In AMPL le restrizioni sulle variabili possono essere descritte da espressioni logiche oppure dalle parole chiave integer e binary per indicare che la variabile è di tipo intero oppure binario. ampl: var x >= 0; ampl: var y binary; ampl: var z integer; 9

10 Gestione I/O Per leggere i singoli valori di una o più entità (parametri, insiemi, etc.) è disponibile l istruzione read seguita dalla lista delle entità cui assegnare un valore nell ordine in cui i valori sono forniti e la sorgente dei dati se diversa dal canale standard di input. read <lista_entità> < <reindirizzamento>; // i valori delle entità vengono letti nell ordine in cui compaiono in // <lista_entità> dalla sorgente <reindirizzamento>; // se manca la sorgente, l interprete attende i valori da assegnare // attraverso il canale standard di input In <lista_entità> le entità della lista sono separate da virgole,. Possiamo avere anche entità a più dimensioni (ad esempio parametri a una dimensione); in questo caso l entità è preceduta dall insieme degli indici tra parentesi graffe ({}). 10

11 Gestione I/O ampl: param n; ampl: param m; ampl: param c {1..n}; ampl: read n, m, {i in 1..n} c[i]; ampl? 3 ampl? 2 ampl? 1 ampl? 2 ampl? 3 ampl: display m, n, {i in 1..n} c[i]; m = 2 n = 3 L espressione 1..n, dove n è un parametro precedentemente dichiarato, indica l intervallo di valori da 1 a n. c[i] [*] := ; 11

12 Gestione I/O ampl: param M; ampl: param N; ampl: param costi {1..N,1..N}; ampl: param i; ampl: param j; ampl: read N, M, {1..M} (i,j,costi[i,j]) < dati_grafo.txt; ampl: display N, M, costi; N = 4 M = 5 50 costi := ;

13 Gestione I/O Per leggere uno o più valori dal canale standard di input (shell dell interprete AMPL) in maniera interattiva, indichiamo il trattino nel comando read : read <lista_entità> < ; // i valori delle entità vengono letti in maniera interattiva Per scrivere uno o più valori dal canale standard di output (shell dell interprete AMPL), possiamo utilizzare sia il comando display che il comando print ampl: param n; ampl: read n; ampl? 3 ampl: display n; n = 3 ampl: print n; 3 Il comando print stampa il dato non formattato, contrariamente al comando display Il comando printf stampa il dato secondo la formattazione specificata dalla stringa che segue il comando 13

14 Stringhe in AMPL In AMPL i membri di un insieme, i valori dei parametri e i nomi dei file sono trattati come stringhe di caratteri. 14

15 Stringhe in AMPL Concatenazione ampl: model MCF.mod; ampl: data MCF.dat; ampl: display NODI; set NODI := A B C D E; ampl: set ARCHI_COMPLETO := setof {i in NODI, j in NODI} i & j; ampl: display ARCHI_COMPLETO; set ARCHI_COMPLETO := AA AC AE BB BD CA CC CE DB DD EA EC EE AB AD BA BC BE CB CD DA DC DE EB ED; ampl: set NO_LOOP := setof {i in NODI, j in NODI : i!= j } i & "_" & j ; ampl: display NO_LOOP; set NO_LOOP := A_B A_D B_A B_D C_A C_D D_A D_C E_A E_C A_C A_E B_C B_E C_B C_E D_B D_E E_B E_D; 15

16 Operazioni su stringhe in AMPL In AMPL le stringhe di caratteri possono apparire tra parentesi tonde ( ) in diversi contesti: - nomi di file che sono parte di comandi AMPL come i comandi model, data e commands # supponiamo di avere due diversi file.dat # MCF_1.dat e MCF_2.dat # e di voler modellare e risolvere il primo dei due ampl: model MCF.mod; ampl: param i := 1; ampl: data ("MCF_" & i & ".dat"); ampl: display NODI; set NODI := A B C D E; 16

17 Operazioni su stringhe in AMPL - nomi di file che seguono i simboli: - < (in lettura) - > (in scrittura: apre il file con il nome indicato, se non esiste lo crea e se esiste lo sovrascrive) - >> (in scrittura: apre il file con il nome indicato, se non esiste lo crea e se esiste si posiziona alla fine del file) per specificare il re-indirizzamento di input e output # scriviamo il valore della funzione obiettivo e il valore delle variabili # del problema di flusso a costo minimo (MCF) sul file sol.txt ampl: model MCF.mod; ampl: data MCF.dat; ampl: option solver cplex; ampl: solve; CPLEX : optimal solution; objective 33 0 dual simplex iterations (0 in phase I) ampl: display Costo_Totale >> sol.txt; ampl: display x >> sol.txt; 17

18 Operazioni su stringhe in AMPL - valori da assegnare alle opzioni AMPL attraverso il comando option Abbiamo visto l uso del comando option solver per indicare all interprete AMPL quale solutore invocare per la soluzione del problema, ma esistono molte altre opzioni. # per eliminare le restrizioni di tipo integer e binary sulle variabili di un problema, usiamo il comando option per cambiare il valore dell opzione relax_integrality ampl: model MCF.mod; ampl: data MCF.dat; ampl: option relax_integrality 1; 18

19 Script in AMPL Uno script in AMPL è una sequenza di comandi AMPL da eseguire. Il comando commands legge il file.run contenente lo script da eseguire. # script_mcf_1.run script che legge i file MCF.mod e MCF.dat e # invoca il solutore CPLEX per risolvere il problema di flusso a costo # minimo stampando la soluzione primale e duale nel file MCF.sol.txt model MCF.mod; data MCF.dat; option solver cplex; solve; display x > MCF.sol.txt; display Incidenza > MCF.sol.txt; ampl: commands script_mcf_1.run; CPLEX : optimal solution; objective 33 0 dual simplex iterations (0 in phase I) 19

20 Cicli in AMPL Il comando for esegue un blocco di istruzioni AMPL per ciascun elemento di un insieme, specificato tra parentesi graffe {}. Utilizzando le stringhe in AMPL ed il comando for possiamo risolvere più problemi scrivendo un unico script AMPL. # script_mcf_2.run script che legge il file MCF.mod e successivamente # legge i file MCF.dat, CM.dat e MF.min.dat e invoca il solutore CPLEX # per risolvere i tre problemi, stampando la soluzione nei relativi file model MCF.mod; set CASI := {"MCF","CM","MF.min"}; for {j in CASI} { reset data; data ( j & ".dat"); solve; display x > ( j & ".sol.txt"); display Incidenza > (j & ".sol.txt"); } 20

21 Problema Taglio minimo in un grafo Sia G(N,A) un grafo orientato connesso. Sia dato il vettore c di capacità definito sull insieme A degli archi del grafo G(N,A) c = { 4, 2, 3, 7, 4, 5, 1 } A = {AC, BA, BC, CD, DB, DE, EB} 2 B 1 A 3 4 E 4 C 7 D 5 Vogliamo risolvere il problema di determinare il taglio di capacità minima sul grafo orientato G(N,A) rispetto al vettore c di capacità. 21

22 Algoritmo di soluzione Sappiamo risolvere il problema di determinare il taglio di capacità minima st con s e t nodi speciali in N. Aggiungiamo l arco ts (e quindi una colonna alla matrice M) di capacità infinita. c = {4, 2, 3, 7, 4, 5, 1, } A ={AC, BA, BC, CD, DB, DE, EB, EA} 2 B 1 A 3 4 E 4 C 7 D 5 IDEA Risolviamo tanti problemi di massimo flusso modificando il grafo. 22

23 Algoritmo di soluzione Facciamo variare s e t in N e risolviamo il problema di massimo flusso da s a t. Il vettore w dei costi definito sull insieme A degli archi del grafo G(N,A) non cambia w = { 0, 0, 0, 0, 0, 0, 0, 1 } A = {AB, AC, BC, BE, CD, DB, DE, ts} Il vettore d di domande definito sull insieme N dei nodi del grafo G(N,A) non cambia d = {0, 0, 0, 0, 0} N = {A, B, C, D, E} Il vettore c di capacità definito sull insieme A degli archi del grafo G(N,A) non cambia c = {4, 2, 3, 7, 4, 5, 1, } A ={AC, BA, BC, CD, DB, DE, EB, ts} 23

24 Algoritmo di soluzione La matrice M di incidenza cambia: la colonna relativa all arco ts varia in funzione di s e t colonna ts per t = E e s = A M = Occorre modificare il grafo al variare di s e t in N e risolvere di volta in volta il problema di massimo flusso da s a t. Realizziamo due script: - modifica_grafo.run che modifica l ultima colonna della matrice M - taglio_minimo.run che dichiara i parametri e definisce il problema, assegna i valori iniziali ai parametri, fa variare i parametri s e t modificando il grafo e risolvendo il problema di massimo flusso. 24

25 # file MF_modf.mod param N; param A; param domanda {1..N}; param capacita {1..A}; param costo {1..A}; param M {1..N, 1..A}; Implementazione in AMPL var x {j in 1..A} >= 0, <= capacita[j]; maximize Costo_Totale: sum {j in 1..A} costo[j] * x[j]; subject to Incidenza {i in 1..N}: sum {j in 1..A} M[i,j] * x[j] = domanda[i]; 25

26 # file MF_modf.dat data; param N := 5 ; param A := 8; Implementazione in AMPL param domanda := ; param: capacita costo := Infinity 1 ; 26

27 Implementazione in AMPL # file MF_modf.dat continua param M : := ; 27

28 Implementazione in AMPL # script taglio_minimo.run - script per determinare # il taglio di capacità minima in un grafo model MF_modf.mod; data MF_modf.dat; param ind_s default 0; param ind_t default 0; param valore_minimo default Infinity; param valore_taglio_minimo { 1..N, 1..N} default 0; param taglio_minimo {1..N, 1..N, 1..N} default 0; option solver cplex; 28

29 Implementazione in AMPL for {s in 1..N, t in 1..N} { if( s!= t ) then { commands modifica_grafo.run; solve; let valore_taglio_minimo[s,t] := Costo_Totale; for { k in 1..N } let taglio_minimo[s,t,k] := Incidenza[k]; if( Costo_Totale < valore_minimo ) then { let valore_minimo := Costo_Totale; let ind_s := s; let ind_t := t; } 29

30 Implementazione in AMPL } } display s > TCM.sol.txt; display t > TCM.sol.txt; display Costo_Totale > TCM.sol.txt; display Incidenza > TCM.sol.txt; display ind_s > TCM.sol.txt; display ind_t > TCM.sol.txt; display valore_minimo > TCM.sol.txt; 30

31 Implementazione in AMPL # script modifica_grafo.run - script per modificare # la matrice di incidenza del grafo in funzione dei # nodi s e t in N for { k in 1..N } let M[k,A] := 0; let M[s,A] := 1; let M[t,A] := -1; M = colonna ts inseriamo -1 nella riga t e 1 nella riga s A (numero degli archi) 31

32 Esecuzione e soluzione ampl: commands taglio_minimo.run; Nel file TCM.sol.txt sono riportati, al variare di s e t in N: - capacità del taglio st di capacità minima - vettore di incidenza dell insieme S di nodi separabili dal taglio st Alla fine del file, viene riportata la coppia st in corrispondenza della quale abbiamo il taglio di capacità minima e la capacità del taglio ind_s = 5 ind_t = valore_minimo =

33 Metodo del Simplesso Dinamico Descrizione implicita di: P ={x R n : Ax<b, x > 0 n } ^ x R n Oracolo di Separazione di P ^x P ^x P a i ^x > b i vincolo violato A x^ < b x^ Riga i a i b i P x^ 33

34 Definizione del problema core A D 0 d 0 b D=D 0 ; d=d 0 min c T x x Q = Dx<d, (P Q) 1 n > x > 0 n Nuova D e nuovo d D a i T d b i Aggiunta del vincolo violato Metodo del Simplesso Q= x * ottima (in Q) Oracolo di Separazione x * P di P x * P a T i x>bi P= x* ottima 34

35 Algoritmo di soluzione Per implementare il metodo del Simplesso Dinamico in AMPL dobbiamo prevedere una struttura dati che ci consenta di definire, iterazione per iterazione, quali vincoli del sistema Ax<b si trovano nel sottoproblema corrente. Dichiariamo nel file.mod -un parametro M che indichi il numero di vincoli -un parametro z che indichi il numero di vincoli presenti nel sottoproblema corrente -un vettore di parametri I che indichi gli indici dei vincoli presenti nel sottoproblema corrente Nel file.dat definiamo i coefficienti e i termini noti di tutti i vincoli. Modificando opportunamente i parametri z e I definiamo di volta in volta il sottoproblema definendo solamente i vincoli con indici in I. 35

36 Algoritmo di soluzione Per risolvere un generico problema di PL con poliedro P ={x R n : Ax<b, x > 0 n } l oracolo di separazione più semplice che possiamo immaginare è quello che verifica che la soluzione x * ottima (in Q) in input verifichi tutti i vincoli del sistema Ax<b (separazione per look-up). x* R n Realizziamo due script: Oracolo di Separazione di P verifica Ax*< b x* P x* P a i x > b i - oracolo.run che trova, se esiste, un vincolo violato, aggiungendolo a I - main.run che dichiara i parametri e definisce il problema, assegna i valori iniziali ai parametri, risolve il sottoproblema corrente e invoca l oracolo. 36

37 # file test.mod param N; param M; param z; param I {1..M}; param c {1..N}; param d {1..M}; param D {1..M, 1..N}; var x {j in 1..N} >= 0; Implementazione in AMPL minimize Funzione_Obiettivo: sum {j in 1..N} c[j] * x[j]; subject to Insieme_Vincoli {i in 1..z}: sum {j in 1..N} D[I[i],j] * x[j] >= d[i[i]]; 37

38 # file test.dat data; param N := 10; param M := 100; Implementazione in AMPL param c := ; // segue definizione dei vettori di parametri D e d 38

39 Implementazione in AMPL # script main.run - script per risolvere un problema # di PL con il metodo del Simplesso Dinamico model test.mod; data test.dat; param nv; let z := 10; let {i in 1..z} I[i] := i; option solver cplex; 39

40 repeat { solve; Implementazione in AMPL commands oracolo.run; display Funzione_Obiettivo > sol.txt; display x > sol.txt; display I > sol.txt; } until nv = 0; display Funzione_Obiettivo; display x; 40

41 Implementazione in AMPL # script oracolo.run - script per l'oracolo di # separazione per look-up let nv := 0; for {i in 1..M} { } if( sum {j in 1..N} D[i,j] * x[j] >= d[i] ) then continue; else { let z := z + 1; let I[z] := i; let nv := 1; break; } 41

42 Esecuzione e soluzione ampl: commands main.run; Nel file sol.txt sono riportati per le diverse iterazioni: - il valore della soluzione -la soluzione - il vettore di indici dei vincoli nel sottoproblema corrente A monitor viene stampata la soluzione ottima: ottenuta risolvendo un problema di PL con 10 variabili e 15 vincoli (anzichè 100): Funzione_Obiettivo = 10 x [*] := ; 42

43 Implementazione in AMPL # script main.run - script per risolvere un problema # di PL con il metodo del Simplesso Dinamico # variante con lettura del valore del parametro z da tastiera model test.mod; data test.dat; param nv; # se al posto di let z := 10; scriviamo: printf "\nhow many of the periods do you want to use?\n"; read z <- ; # il valore del parametro z viene letto da tastiera let {i in 1..z} I[i] := i; option solver cplex; 43

Breve guida all uso di AMPL

Breve guida all uso di AMPL Breve guida all uso di AMPL Renato Bruni AMPL (A Modeling Language for Mathematical Programming) è un linguaggio di modellazione per la programmazione matematica. Serve ad esprimere un problema di ottimizzazione

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 20/12/13. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare:

Esame di Ricerca Operativa del 20/12/13. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: Esame di Ricerca Operativa del 0// (Cognome) (Nome) (Corso di laurea) Esercizio. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: max x x x + x x +x x x x x x x 0 x x

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 18/12/12. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare:

Esame di Ricerca Operativa del 18/12/12. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: Esame di Ricerca Operativa del 8// (Cognome) (Nome) (Corso di laurea) Esercizio. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: max x x x x x x x + x x x + x 8 x Base

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon)

sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) Sed & Awk Sed e Awk sed: editor non interattivo di file di testo (1974 nei Bell Labs come evoluzione di grep, Lee E. McMahon) awk: linguaggio per l'elaborazione di modelli orientato ai campi (1977, Bell

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup

CRYPTSETUP RAPIDO. man cryptsetup CRYPTSETUP RAPIDO La presente guida non vuole essere completa, si tratta solo della somma degli appunti utilizzati per creare e gestire una zona cifrata ove salvare i documenti. La distribuzione di riferimento

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Linguaggio di bash per esempi. Tre modi per quotare. Esempio. quotare: significa trattare caratteri speciali come normali caratteri

Linguaggio di bash per esempi. Tre modi per quotare. Esempio. quotare: significa trattare caratteri speciali come normali caratteri Linguaggio di bash per esempi Tre modi per quotare quotare: signica trattare caratteri speciali come normali caratteri es. di aratteri speciali: $, blank, apici, 1. backslash: per quotare un solo carattere

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Laboratorio di Matlab

Laboratorio di Matlab Laboratorio di Matlab Rudy Manganelli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena manganelli@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/ control/matlab/labmatlab.html Luglio 2008 DII -

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Introduzione Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Il problema del massimo flusso è uno dei fondamentali problemi nell ottimizzazione su rete. Esso è presente

Dettagli

Permutazione degli elementi di una lista

Permutazione degli elementi di una lista Permutazione degli elementi di una lista Luca Padovani padovani@sti.uniurb.it Sommario Prendiamo spunto da un esercizio non banale per fare alcune riflessioni su un approccio strutturato alla risoluzione

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli