N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. IL SI.A.L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. IL SI.A.L."

Transcript

1 N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. E' DEL TUTTO FARSO ASCRIVERE DA VOCABOLARIO AL SOLO CAPITALE O AL SOLO LAVORO CIO' CHE SI OTTIENE CON L'OPERA UNITA DELL'UOMO O DELL'ALTE : ED E' INGIUSTO CHE L'UOMO ARROGHI A SE' QUEL CHE SI FA NEGANDO L'EFFICACIA DELL'ALTRO. ALLO SVILUPPO ECONOMICO SI ACCOMPAGNA E SI ADEGUA IL PROGRESSO SOCIALE, COSI' CHE DEGLI INGRAMENTI PRODUTTIVI ABBIANO A PARTICIPARE TUTTE LE CATEGORIE DI CITTADINI...A FAR SI' CHE I LAVORATORI NELLE FORME E NEI MODI PIU' CONVENIENTI POSSONO GIUNGERE A PARTECIPARE ALLA PROPRIETA' DELLE STESSE IMPRESE. E' NECESSARIO CHE IN AVVENIRE I CAPITALI GUADAGNATI SI DISTRIBUISCANO CON UNA CERTA AMPIEZZA FRA I PRESTATORI D'OPERA, NELLE ODIERNA CONDIZIONI SOCIALI STIMIAMO <OPPORTUNO> CHE IL CONTRATTO DEL LAVORO VENGA TEMPERATO ALQUANTO CON IL CONTRATTO DI SOCIETA'COSI' GLI OPERAI DIVENTANO COITERESSATI O NELLA PROPRIETA' O NELLA AMMINISTRAZIONE, O COMPARTECIPI IN CERTA MISURA DEI LUCRI PERCEPITI. IL SI.A.L.E. AFFERMA, DUNQUE, IL DIRITTO DI OGNI PRODUTTORE ALLA COMPROPRIETA' DELL'AZIENDA DA LUI CREATA, FINANZIATA, DIRETTA OVVERO NELLA QUALE EGLI PRESTA LA SUA OPERA. NEI PAESI SOCIALMENTE ARRETRATI SARA' NECESSARIO MODIFICARE LE LEGGI CIVILI VIGENTI SPECIALMENTE QUANDO, COME IN ITALIA, ESSE RISERVANO AI SOTTOSCRITTORI DEL CAPITALE L'INTERA PROPRIETA' E DIREZIONE DELLE AZIENDE RELEGANDO I PRESTATORI D'OPERA AL RANGO DI DIPENDENTI SALARIATI ESCLUSI DALLA PROPRIETA E DAGLI UTILI DELL'AZIENDA STESSA. CON QUESTO TITOLO E DIMOSTRATASI IDONEA PER L'ALLEANZA FRA CAPITALE E LAVORO PER LA PACIFICAZIONE INDUSTRIALE E SOCIALE IN LUOGO DELLA LOTTA DI CLASSE. IL SI.A.L.E PREVEDE LA PARTICIPAZIONE AGLI UTILI AZIENDALI DA PARTE DEI DIPENDENTI IN FORMA DI QUOTE DI CAPITALE DELL AZIENDA AL CUI GOVERNO ESSI PARTECIPANO: ALLORQUANDO IL DIPENDENTE IN QUIESCENZA, A PARTE EVENTUALE PENSIONE,POTRA' 1

2 RITIRARE IL CAPITALE ACCUMULATO DURANTE LA SUA ATTIVITA' LAVORATIVA. I VANTAGGI DIMOSTRATI DA TALE SISTEMA ECONOMICO POSSONO COSI' SINTETIZZARE: N 16 A) LA PRODUTTIVITA' SUBISCE UN AUMENTO CON CONSEGUENTE CONTENIMENTO DEI COSTI QUINDI DEI PREZZI E IN DEFINITIVA SI OTTIENE UN MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO SOCIALE GENERALE. B) IL POTERE DECISIONALE NELLE AZIENDE ESERCITATO NON SOLO DAL FATTORE CAPITALE MA ANCHE DAL FATTORE LAVORO ATRAVERSO I SUOI RAPPRESENTANTI, IN MODO CHE I DIPENDENTI CONDIVIDANO LE RESPONSABILITA' DELL'ANDAMENTO PRODUTTIVO. C) LO SFRUTTAMENTO DENUNCIATO DAI TEORICI MARXISTI NON ESISTEREBBE PIU' ED I CONFLITTI SOCIALI CHE ORA NE DERIVANO VERREBBERO ELIMINATI. LA MODIFICA DI CUI ALL'ART. 83,DEVE PREVEDERE LA GRADUALE ASSEGNAZIONE AI SOCI LAVORATORI DI UNA PARTE DELLE AZIONI O QUOTE INIZIALMENTE SOTTOSCRITTE DAI SOCI CAPITALISTI. NEL PERIODO DURANTE IL QUALE AVVERRA' LA TRASFORMAZIONE DELL'ATTUALE SOCIETA' CAPITALISTA IN QUELLA AUSPICATA E MENTRE PER LE NUOVE AZIENDE VERRANNO ADOTTATI I CRITERI CONSACRATI DAL PRECEDENTE ARTICOLO. PER QUELLE GIA' ESISTENTI SI PROCEDERA' A COINTERESSARE ALL'ULTIMO MANOVALE, ATTRAVERSO LA CESSIONE DI AZIONI O DI QUOTE DELLE SOCIETA' PROPRIETARIE DELLE AZIENDE SOTTO FORMA DI ANTICIPAZIONI DECENNALI DI QUOTE DELLA PENSIONE FINALE CHE DEVE PREMIARE OGNI PRODUTTORE AL TERMINE DELLA PROPRIA ATTIVITA' PRODUTTRICE. ATTUALMENTE IN ALCUNI PAESI IL 40 % PER CENTO DEL COSTO DELLA MANO D'OPERA VIENE VERSATO QUALE CONTRIBUTO OBBLIGATORIO DEL LAVORATORE A RICCHISSIMI ISTITUTI DI PREVIDENZA SOCIALE EDALLE CASSE MALATTIE NELLO STATO TALI VERSAMENTI CHE OSCILLANO ANNUALMENTE TRA IL 10 % ED 20 % DEL FATTURATO DELLE AZIENDE VERRANNO DEVOLUTI AD UNA CASSA DELL'AZIONARIATO DEI LAVORATORI. 2

3 LA CASSA ALLA QUALE VERRANNO TRASFERITI I BENI IMMOBILIARI E, MOBILIARI, IL PERSONALE DEGLI ISTITUTI DI PREVIDENZA E DELLE CASSE MALATTIE ATTUALMENTE ESISTENTI INVESTIRA' IN AZIONI O QUOTE DELLE AZIENDE CHE GODRANNO DI PARTICOLARI GARANZIE DA PARTE DELLO STATO ( VEDI ART. 96 ) CIFRE CORRISPONDENTI AI CONTRIBUTI RISCOSSI. TALI AZIONI E QUOTE NON SOGGETTE A SVALUTAZIONE VERRANNO N 17- DATE QUALE PENSIONE AI LAVORATORI IN QUATTRO RATE E CIOE' RISPETTIVAMENTE DOPO DIECI. VENTI. TRENTA. QUARANT'ANNI DI LAVORO. I REDDITI DELLE PROPRIETA' IMMOBILIARI EREDITATE DEGLI ISTITUTI DI PREVIDENZA ED I DIVIDENDI DELLE AZIONI O QUOTE NON ANCORA ASSEGNATE AI PENSIONATI VERRANNO UTILIZZATI COME FONDO PREVIDENZIALE IN CASO DI MALATTIA O DI MORTE DEL LAVORATORE E COME FONDO PER ATTIVITA' DOPOLAVORISTICHE. IL PROBLEMA DEL TEMPO LIBERO, CON LA DIMINUITA NECESSITA' DI PRESENZE LAVORATIVE LEGATA ALL'AUTOMAZIONE, VERRA' STUDIATO E RISOLTO ADEGUATAMENTE,IN MODO DA FORMARE UN PROGRAMMA CONCRETO ED EFFICIENTE, IN RELAZIONE AI PIU' MODERNI DETTAMI DELLA SCIENZA PSICO-SOCIOLOGICA, AL FINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA SI PROVVEDERA' MEDIANTE L'IMPIEGO DELLE RISORSE DERIVANTI DAL FONDOSPECIALE DI CUI ALL'ART. 90 LE AZIONI ASSEGNATE QUALE PENSIONE O IN CONTO PENSIONE NON POTRANNO ESSERE ALIENATE DALL'ASSEGNATARIO, POTRANNO PUR TUTTAVIA LIMITATAMENTE AL 40 % ESSERE USATE QUALE MEZZO DI PAGAMENTO PER L'ACQUISTO DI UN APPARTAMENTO. LE AZIENDE ANZICHE'NUMERARIO POTRANNO VERSARE AZIONI DERIVATE DA AUMENTI ANNUALI DEI CAPITALE SOCIALE NON ECCEDENTI IL 10 % E SOLTANTO NEI CASI IN CUI AL SUCCESSIVO ART.95. E FINO AL LIMITE DEL DOPPIO DEL CAPITALE SOCIALE INIZIALE. B) AZIENDE E STATO PRESSO IL MINISTERO DEL BILANCIO DI OGNI PAESE EUROPEO VERRA' COSTITUITO UN UFFICIO SPECIALE CHE DOVRA' TENERE AGGIORNATE LE SITUAZIONI DEL MERCATO 3

4 INTERNO E DI QUELLO INTERNAZIONALE ED ORIENTARE ATTRAVERSO APPOSITE PUBBLICAZIONI DI SETTORE LA PRIVATA E LA PUBBLICA INZIATIVA SUI NUOVI INVESTIMENTI DA EFFETTUARE OPERANDO IN STRETTA COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PREVISTO DAL SUCCESSIVO ART.102. TALE ORIENTAMENTO DERIVERA' DALLO STUDIO DELLE RICHIESTE DI PRODOTTI PREVEDIBILI PER UN PERIODO CORRISPONDENTE A QUELLO NORMALMENTE PREVISTO PER GLI INVESTIMENTI A MEDIO O LUNGO TERMINE. LO STATO ASSUMERA' PARTE DEL RISCHIO DELLE IMPRESE ASSICURANDO L' ASSORBIMENTO DEI PRODOTTI INCOLLOCABILI SUL MERCATO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE. TALE GARANZIA DI ASSORBIMENTO VERRA' LIMITATA IN UN PRIMO TEMPO ALLE INDUSTRIE PRODUTTRICI DI BENI DI PRIMA NECESSITA' N 18- (ALIMENTARI.ABBIGLIAMENTO ECC,), SUCCESSIVAMENTE A TUTTI LE INDUSTRIE PRODUTTRICI DI BENI DI CONSUMO, IN UNA TERZA FASE ALLE RIMANENTI INDUSTRIE SEMPRE CHE ESSE SIANO STATE CREATE SULLE BASI DEGLI ORIENTAMENTI PREVISTI DALL'ART.94. GLI STOCKS DI BENI INCOLLOCABILI SARANNO ACQUISTATI DALLO STATO E TENUTI DISPONIBILI PER FORNITURE A NAZIONI IN VIA DI SVILUPPO PRIVE DI OGNI CAPACITA' DI ACQUISTO. C ) COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA IL SI.A.L.E PONE A FONDAMENTO MORALE DELLA SUA POLITICA ECONOMICA COMUNITARIA EUROPEA LE STESSE CONCEZIONI SOCIALI E BISOGNA AFFRETTARSI TROPPI UOMINI SOFFRONO...VI E' URGENZA DI UNA AZIONE SOLIDALE IN QUESTA SVOLTA DELLA STORIA DELL'UMANITA'...PER LO SVILUPPO INTEGRALE DELL'UOMO E SOLIDALE DELL'UMANITA'... LA SOLIDARIETA' UNIVERSALE...E' UN DOVERE...IL SUPERFLUO DEI PAESI RICCHI DEVE SERVIRE AI PAESI POVERI...STUDI APPROFONDITI, DETERMINAZIONE DEI MEZZI.ORGANIZZAZIONE DEGLI SFORZI... COLLABORAZIONE EUROPEA DELLA QUALE UN FONDO COMUNE SAREBBE L'ESPRESSIONE ELO STRUMENTO,UN TALE FONDO FACILITEREBBE LA RICONVERSIONE DI SPERPERI CHE SONO FRUTTO DELLA PAURA E DELL'ORGOGLIO...OGNI SPERPERO PUBBLICO O PRIVATO... ( E' UN ) SCANDALO INTOLLERABILE. E PERTANTO IL SI.A.L.E PROPONE IL SEGUENTE SCHEMA DI ATTUAZIONE DI UNA COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA. GLI STATI IN POSSESSO DEGLI STOCKS DI CUI LA PRECEDENTE ART. 97 COSTITUIRANNO UNA BANCA EUROPEA DEI SURPLUS CHE 4

5 NE CURERA' LASSEGNAZIONE AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO ED ALLENAZIONI SOTTONUTRITE. LA PARTECIPAZIONE ALLA QUOTA DELLA BANCA EUROPEA DEI SURPLUS AGRICOLI ED INDUSTRIALI VARIERA' A SECONDA DELLA CONSISTENZA FLUTTUANTE DEGLI STOCKS. LE NAZIONI BENIFICIARIE RESTITUIRANNO I PRESTITI OTTENUTI ATTRAVERSO LA CONCESSIONE ALLA BANCA EUROPEA DELLO SFRUTTAMENTO E DELLA VALORIZZAZIONE DELLE LORO RISORSE NATURALI PER IL TEMPO NECESSARIO A COMPENSARE I PRESTITI RICEVUTI. LA BANCA SARA' DIRETTA DA UN COMITATO POLITICO ECONOMICO E BENEFICIARIO DEI PRESTITI SARANNO TUTTE LE NAZIONI IN VIA DI SVILUPPO, CON PRECEDENZA A QUELLE CHE AVRANNO ACCETTATO LE FORME DI AUTOGOVERNO DEMOCRATICO INDICATE DAL SI.A.L.E. PRESSO LA BANCA EUROPEA AVRA' SEDE UN COMITATO COSTITUITO DAI MAGGIORI ESPERTI ECONOMICI, STATISTICI E FINANZIARI DEGLI EUROPEI. IL CUI COMPITO SARA' QUELLO DI TENERE CONTINUAMENTE AGGIORNATI I DATI INERENTI ALLA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE MONDIALE E ALLE ESIGENZA DI PRODUZIONE DI BENI DI CONSUMO N 19- TENENDO CONTO DELLE RISORSE NATURALI GIA'INTEGRALMENTE UTILIZZATE, IL COMITATO DOVRA'PROGRAMMARE LA PROGRESSIVA MOBILITAZIONE DI TUTTI LE ENERGIE E RISORSE ANCORA LATENTI,PROVVEDENDO NEL CONTEMPO ALLA ELIMINAZIONE DI OGNI SPRECO.( PER SPRECO IL SI.A.L.E. INTENDE LA MANCATA UTILIZZAZIONE DI ENERGIA, DI MEZZI TECNICI,DI RISORSE NATURALI E DI BENI STRUMENTALI O DI CONSUMO CHE SE UTILIZZATE POTREBBERO COMUNQUE GIOVARE AL PROGRESSO ED ALLA PROSPERITA' DEL GENERE UMANO). A TAL UOPO, IL COMITATO SI AVVARRA' DELLA COLLABORAZIONE DEGLI UFFICI SPECIALI ED ASSUMERANNO QUELLA DI <<PRIMI CITTADINI DELL'EUROPA >> E LA LORO ATTIVITA' SARA' VITALIZIA. IL SI.A.L.E.AFFERMA CHE LA CULTURA DI OGNI POPOLO E' MISURA ED ESPRESSIONE DELLA CIVILTA' E DELLA CULTURA UNIVERSALE. LE TRADIZIONI DI OGNI POPOLO RETAGGIO DELLE SINGOLE NAZIONI TRASMESSO DA UNA GENERAZIONE ALL'ALTRA FORMANO IL COMUNE PATRIMONIO CULTURALE DEL GENERE UMANO. IL SI.A.L.E. PROPONE L'UNIFICAZIONE DELLA CULTURA E, CONSE QUENTEMENTE, DEI CANALI DI INFORMAZIONE FRA GLI STATI, SIA PER FAVORIRE IL PROGRESSO DELL'EUROPA, SIA PER LA PIU' RAPIDA PARIFICAZIONE DEI TITOLI DI STUDIO E L'ISTITUZIONE DI 5

6 CENTRI DI STUDI COMPARATI PER LA SINTESI DELLE VARIE SCOPERTE SCIENTIFICHE E LA LORO DIVULGAZIONE.E PER LA UNIFORMITA' DELL'INSEGNAMENTO FRA I CITTADINI DI TUTTI I PAESI DEL'EUROPA. IL SI.A.L.E. AFFERMA CHE L'UOMO E LA DONNA DEVONO PARTECIPARE ALLA CONVIVENZA UMANA A PARITA' DI DIRITTI E DI DOVERI. SINO AL MOMENTO IN CUI TALE PARITA' NON SARA' STATA RAGGIUNTA IN TUTTI I PAESI EUROPEI, IL SI.A.L.E AUSPICA CHE I DIRITTI DELLA DONNA LAVORATRICE SIANO TUTELATI DA UNA CONFEDERAZIONE EUROPEA FEMMINILE DEL LAVORO. DOVRANNO ESSERE ELIMINATE ATTRAVERSO UNA MAGGIORE PARTECIPAZIONE DELLA DONNA ALLA VITA POLITICA,CULTURALE E PROFESSIONALE DELLA SOCIETA' LE DISCRIMINAZIONI CHE NE LIMITANO ATTUALMENTE L'INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO EXTRA DOMESTICO. OGNI STATO CONTRIBUIRA' A FORMARE NEI GIOVANI UNA SALDA COSCIENZA DEMOCRATICA ED INCREMENTANDONE GLI SCAMBI EUROPEI CULTURALI E TURISTICI,I GIOVANI DEVONO ESSERE EDUCATI ALLA LIBERTA' ED ALLA COSCIENZA SOCIALE, ATTRAVERSO, PROCESSI DI AUTOEDUCAZIONE MEDIANTE ORGANISMI CHE ESCLUDANO OGNI DISCRIMINAZIONE SETTARIA,SIA ESSA CONFESSIONALE,POLITICA O RAZZIALE. LO STATO INTEVERRA' CON LA CREAZIONE DI IMPIANTI SPORTIVI N 20- ADEGUATI ALLE EFFETTIVE ESIGENZE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE. E PER OGNI ALTRA ATTIVITA' LUDICA DEGLI ANZIANI. IL SI.A.L.E.CONSIDERA IL PROBLEMA DEGLI ANZIANI NON SOLTANTO SOTTO L'ASPETTO ASSISTENZIALE, MA ANCHE MORALE ED ECONOMICO. MENTRE IL LIVELLO DELLA VITA SI VA SEMPRE PIU' ELEVANDO, L'ETA'DEL PENSIONAMENTO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI TENDE AD ABBREVIARSI. SENZA TENER CONTO CHE IL CONTRIBUTO DI ESPERIENZA DEGLI ANZIANI ALL'ECONOMIA NAZIONALE NON PUO' NE DEV'ESSERE SOTTOVALUTATO. 97) L'EFFICIENZA FISICA DELL'INDIVIDUO NON PUO' ESSERE VALUTATA UNICAMENTE IN RAPPORTO ALLA SUA ETA': TRE FATTORI CONSIGLIAMO PER DILAZIONARE IL PENSIONAMENTO O QUANTO MENO A NON RENDERLO SOTTOVALUTATO. 98) PRIMO: IL MERCATO INDUSTRIALE VIENE PRIVATO DELLE CAPACITA' 6

7 DI UN GRAN NUMERO DI OPERATORI CHE HANNO ACQUISITO ESPERIENZA E SAGGEZZA; SECONDO:IL POTERE DI ACQUISTO DA PARTE DEL PERSONALE PENSIONATO VIENE IMMEDIATAMENTE CONTRATTO CON GRAVE DANNO ALL'ECONOMIA; TERZO: SE GLI ANZIANI VENISSERO REINTEGRATI NELLA VITA OPERATIVA NE DERIVEREBBE UN MINORE ONERE PER LE VARIE FORME ASSISTENZIALI,IN QUANTO MOLTI MALANNI DI CUI SONO AFFLITTI GLI ANZIANI DERIVANO DA TRAUMI PSICO-FISICI PRODOTTI PROPRIO DAL PENSIONAMENTO,<<IL PENSIONAMETO A 65 ANNI COSTA ALL'ECONOMIA ITALINA DECINA DI MILIARDI ALL'ANNO PIU' DI QUANTO COSTEREBBE MANTENERE IN SERVIZIO GLI ANZIANI GIUNTI ALL'ETA' DEL PENSIONAMENTO. IL SI.A.L.E. AUSPICA ADEGUATE SOLUZIONI CHE, TENENDO CONTO DELL'ACCUPAZIONE ALLA QUALE IL PENSIONATO HA DEDICATO L'INTERA VITA LAVORATIVA,POSSANO MANTENERLO ANCORA LEGATO AL SUO LOVORO. CONCLUSIONE GLI ASSERTORI DEL SI.A.L.E. INVITANO I PARTITI POLITICI ED I GOVERNI DI TUTTI LE NAZIONI EUROPEE NEI LIMITI DELLA LORO IDENTITA' CULTURALI E DELLE LORO PRESENTI SITUAZIONI CONTINGETALI AD ISPIRARSI AI PRINCIPI ESPOSTI NEL PRESENTE MANIFESTO. IL SI.A.L.E. POTRA' CONTRIBUIRE A MODO ARMONICO E GLOBALE I PROBLEMI FILOSOFICI, SOCIALI, ECONOMICI E POLITICI DELL'UMANITA' IN QUESTA TORMENTATA FASE DELLA SUA STORIA. NEL SUPERAMENTO DI OGNI PARTICOLARE EGOISMO, DI OGNI UTOPIA POLITICA, DI OGNI SOGNO DI PRESTICIO, DI POTENZA E DI DIFESA DEL PRIVILEGIO : NELLA LOTTA AD OLTRANZA CONTRO OGNI DISPERSIONE DI ENERGIA E CONTRO OGNI SPRECO DI BENI E' L'AVVENIRE DI UNA N 21- SOCIETA' UMANA SCIENTIFICAMENTE ORGANIZZATA IN UNA CIVILTA' DEL LAVORO CHE NON SIA SOLTANTO UNA VANA ESPRESSIONE RETORICA. TALE CIVILTA' DOVRA' ESSERE RAGGIUNTA DAL GENERE UMANO ATTRAVERSO UNA GRADUALE EVOLUZIONE. OGGI DOPO TUTTI GUESTI ANNI DI POLITICA E POLITICA SINDACALE SI E' CREATA SOLO UNA GESTIONE DI POTERE IGNORANDO VOLUTAMENTE L'ECONOMIA E L'OCUPAZIONE DEI POPOLI CREANDO CORRUZIONE NEI POTENTI POLITICI E CHE HANNO COINVOLTO E CORROTTO I CITTADINI OGGI ACCUSATI DI CORRUZIONE; CHI DIFENDE QUESTI CORROTI? 7

8 E TRA STATO ED UMANITA', COSTITUIRANNO NEL LORO INSIEME LE FASI DI UN NUOVO PATTO SOCIALE MODERNO, NELLA SUA ESSENZA FILOSOFICA, IL SI.A.L.E. PREPARA I SINGOLI INDIVIDUI ALLA SPONTANEA ACCETTAZIONE DEL NUOVO PATTO SOCIALE QUALE SUPREMA LEGGE UMANA POSTA AL SERVIZIO DEL BENE COMUNE E FAVORISCE L'ELEVAZIONE MORALE E SPIRITUALE DI OGNI ESSERE UMANO NEL SUPREMO INTERESSE LELL'INTERA UMANITA,EURPA. IL CONTENUTO DEL PRESENTE PROGRAMMA SARA SVILUPPATO SUCCESSIVAMENTE. 8

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

Legge del 19 gennaio 1955 n. 25

Legge del 19 gennaio 1955 n. 25 Legge del 19 gennaio 1955 n. 25 Disciplina dell'apprendistato TITOLO I - Comitato consultivo e definizione dell'apprendistato Articolo 1 Presso la Commissione centrale per l'avviamento al lavoro e l'assistenza

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli