N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. IL SI.A.L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. IL SI.A.L."

Transcript

1 N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. E' DEL TUTTO FARSO ASCRIVERE DA VOCABOLARIO AL SOLO CAPITALE O AL SOLO LAVORO CIO' CHE SI OTTIENE CON L'OPERA UNITA DELL'UOMO O DELL'ALTE : ED E' INGIUSTO CHE L'UOMO ARROGHI A SE' QUEL CHE SI FA NEGANDO L'EFFICACIA DELL'ALTRO. ALLO SVILUPPO ECONOMICO SI ACCOMPAGNA E SI ADEGUA IL PROGRESSO SOCIALE, COSI' CHE DEGLI INGRAMENTI PRODUTTIVI ABBIANO A PARTICIPARE TUTTE LE CATEGORIE DI CITTADINI...A FAR SI' CHE I LAVORATORI NELLE FORME E NEI MODI PIU' CONVENIENTI POSSONO GIUNGERE A PARTECIPARE ALLA PROPRIETA' DELLE STESSE IMPRESE. E' NECESSARIO CHE IN AVVENIRE I CAPITALI GUADAGNATI SI DISTRIBUISCANO CON UNA CERTA AMPIEZZA FRA I PRESTATORI D'OPERA, NELLE ODIERNA CONDIZIONI SOCIALI STIMIAMO <OPPORTUNO> CHE IL CONTRATTO DEL LAVORO VENGA TEMPERATO ALQUANTO CON IL CONTRATTO DI SOCIETA'COSI' GLI OPERAI DIVENTANO COITERESSATI O NELLA PROPRIETA' O NELLA AMMINISTRAZIONE, O COMPARTECIPI IN CERTA MISURA DEI LUCRI PERCEPITI. IL SI.A.L.E. AFFERMA, DUNQUE, IL DIRITTO DI OGNI PRODUTTORE ALLA COMPROPRIETA' DELL'AZIENDA DA LUI CREATA, FINANZIATA, DIRETTA OVVERO NELLA QUALE EGLI PRESTA LA SUA OPERA. NEI PAESI SOCIALMENTE ARRETRATI SARA' NECESSARIO MODIFICARE LE LEGGI CIVILI VIGENTI SPECIALMENTE QUANDO, COME IN ITALIA, ESSE RISERVANO AI SOTTOSCRITTORI DEL CAPITALE L'INTERA PROPRIETA' E DIREZIONE DELLE AZIENDE RELEGANDO I PRESTATORI D'OPERA AL RANGO DI DIPENDENTI SALARIATI ESCLUSI DALLA PROPRIETA E DAGLI UTILI DELL'AZIENDA STESSA. CON QUESTO TITOLO E DIMOSTRATASI IDONEA PER L'ALLEANZA FRA CAPITALE E LAVORO PER LA PACIFICAZIONE INDUSTRIALE E SOCIALE IN LUOGO DELLA LOTTA DI CLASSE. IL SI.A.L.E PREVEDE LA PARTICIPAZIONE AGLI UTILI AZIENDALI DA PARTE DEI DIPENDENTI IN FORMA DI QUOTE DI CAPITALE DELL AZIENDA AL CUI GOVERNO ESSI PARTECIPANO: ALLORQUANDO IL DIPENDENTE IN QUIESCENZA, A PARTE EVENTUALE PENSIONE,POTRA' 1

2 RITIRARE IL CAPITALE ACCUMULATO DURANTE LA SUA ATTIVITA' LAVORATIVA. I VANTAGGI DIMOSTRATI DA TALE SISTEMA ECONOMICO POSSONO COSI' SINTETIZZARE: N 16 A) LA PRODUTTIVITA' SUBISCE UN AUMENTO CON CONSEGUENTE CONTENIMENTO DEI COSTI QUINDI DEI PREZZI E IN DEFINITIVA SI OTTIENE UN MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO SOCIALE GENERALE. B) IL POTERE DECISIONALE NELLE AZIENDE ESERCITATO NON SOLO DAL FATTORE CAPITALE MA ANCHE DAL FATTORE LAVORO ATRAVERSO I SUOI RAPPRESENTANTI, IN MODO CHE I DIPENDENTI CONDIVIDANO LE RESPONSABILITA' DELL'ANDAMENTO PRODUTTIVO. C) LO SFRUTTAMENTO DENUNCIATO DAI TEORICI MARXISTI NON ESISTEREBBE PIU' ED I CONFLITTI SOCIALI CHE ORA NE DERIVANO VERREBBERO ELIMINATI. LA MODIFICA DI CUI ALL'ART. 83,DEVE PREVEDERE LA GRADUALE ASSEGNAZIONE AI SOCI LAVORATORI DI UNA PARTE DELLE AZIONI O QUOTE INIZIALMENTE SOTTOSCRITTE DAI SOCI CAPITALISTI. NEL PERIODO DURANTE IL QUALE AVVERRA' LA TRASFORMAZIONE DELL'ATTUALE SOCIETA' CAPITALISTA IN QUELLA AUSPICATA E MENTRE PER LE NUOVE AZIENDE VERRANNO ADOTTATI I CRITERI CONSACRATI DAL PRECEDENTE ARTICOLO. PER QUELLE GIA' ESISTENTI SI PROCEDERA' A COINTERESSARE ALL'ULTIMO MANOVALE, ATTRAVERSO LA CESSIONE DI AZIONI O DI QUOTE DELLE SOCIETA' PROPRIETARIE DELLE AZIENDE SOTTO FORMA DI ANTICIPAZIONI DECENNALI DI QUOTE DELLA PENSIONE FINALE CHE DEVE PREMIARE OGNI PRODUTTORE AL TERMINE DELLA PROPRIA ATTIVITA' PRODUTTRICE. ATTUALMENTE IN ALCUNI PAESI IL 40 % PER CENTO DEL COSTO DELLA MANO D'OPERA VIENE VERSATO QUALE CONTRIBUTO OBBLIGATORIO DEL LAVORATORE A RICCHISSIMI ISTITUTI DI PREVIDENZA SOCIALE EDALLE CASSE MALATTIE NELLO STATO TALI VERSAMENTI CHE OSCILLANO ANNUALMENTE TRA IL 10 % ED 20 % DEL FATTURATO DELLE AZIENDE VERRANNO DEVOLUTI AD UNA CASSA DELL'AZIONARIATO DEI LAVORATORI. 2

3 LA CASSA ALLA QUALE VERRANNO TRASFERITI I BENI IMMOBILIARI E, MOBILIARI, IL PERSONALE DEGLI ISTITUTI DI PREVIDENZA E DELLE CASSE MALATTIE ATTUALMENTE ESISTENTI INVESTIRA' IN AZIONI O QUOTE DELLE AZIENDE CHE GODRANNO DI PARTICOLARI GARANZIE DA PARTE DELLO STATO ( VEDI ART. 96 ) CIFRE CORRISPONDENTI AI CONTRIBUTI RISCOSSI. TALI AZIONI E QUOTE NON SOGGETTE A SVALUTAZIONE VERRANNO N 17- DATE QUALE PENSIONE AI LAVORATORI IN QUATTRO RATE E CIOE' RISPETTIVAMENTE DOPO DIECI. VENTI. TRENTA. QUARANT'ANNI DI LAVORO. I REDDITI DELLE PROPRIETA' IMMOBILIARI EREDITATE DEGLI ISTITUTI DI PREVIDENZA ED I DIVIDENDI DELLE AZIONI O QUOTE NON ANCORA ASSEGNATE AI PENSIONATI VERRANNO UTILIZZATI COME FONDO PREVIDENZIALE IN CASO DI MALATTIA O DI MORTE DEL LAVORATORE E COME FONDO PER ATTIVITA' DOPOLAVORISTICHE. IL PROBLEMA DEL TEMPO LIBERO, CON LA DIMINUITA NECESSITA' DI PRESENZE LAVORATIVE LEGATA ALL'AUTOMAZIONE, VERRA' STUDIATO E RISOLTO ADEGUATAMENTE,IN MODO DA FORMARE UN PROGRAMMA CONCRETO ED EFFICIENTE, IN RELAZIONE AI PIU' MODERNI DETTAMI DELLA SCIENZA PSICO-SOCIOLOGICA, AL FINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA SI PROVVEDERA' MEDIANTE L'IMPIEGO DELLE RISORSE DERIVANTI DAL FONDOSPECIALE DI CUI ALL'ART. 90 LE AZIONI ASSEGNATE QUALE PENSIONE O IN CONTO PENSIONE NON POTRANNO ESSERE ALIENATE DALL'ASSEGNATARIO, POTRANNO PUR TUTTAVIA LIMITATAMENTE AL 40 % ESSERE USATE QUALE MEZZO DI PAGAMENTO PER L'ACQUISTO DI UN APPARTAMENTO. LE AZIENDE ANZICHE'NUMERARIO POTRANNO VERSARE AZIONI DERIVATE DA AUMENTI ANNUALI DEI CAPITALE SOCIALE NON ECCEDENTI IL 10 % E SOLTANTO NEI CASI IN CUI AL SUCCESSIVO ART.95. E FINO AL LIMITE DEL DOPPIO DEL CAPITALE SOCIALE INIZIALE. B) AZIENDE E STATO PRESSO IL MINISTERO DEL BILANCIO DI OGNI PAESE EUROPEO VERRA' COSTITUITO UN UFFICIO SPECIALE CHE DOVRA' TENERE AGGIORNATE LE SITUAZIONI DEL MERCATO 3

4 INTERNO E DI QUELLO INTERNAZIONALE ED ORIENTARE ATTRAVERSO APPOSITE PUBBLICAZIONI DI SETTORE LA PRIVATA E LA PUBBLICA INZIATIVA SUI NUOVI INVESTIMENTI DA EFFETTUARE OPERANDO IN STRETTA COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PREVISTO DAL SUCCESSIVO ART.102. TALE ORIENTAMENTO DERIVERA' DALLO STUDIO DELLE RICHIESTE DI PRODOTTI PREVEDIBILI PER UN PERIODO CORRISPONDENTE A QUELLO NORMALMENTE PREVISTO PER GLI INVESTIMENTI A MEDIO O LUNGO TERMINE. LO STATO ASSUMERA' PARTE DEL RISCHIO DELLE IMPRESE ASSICURANDO L' ASSORBIMENTO DEI PRODOTTI INCOLLOCABILI SUL MERCATO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE. TALE GARANZIA DI ASSORBIMENTO VERRA' LIMITATA IN UN PRIMO TEMPO ALLE INDUSTRIE PRODUTTRICI DI BENI DI PRIMA NECESSITA' N 18- (ALIMENTARI.ABBIGLIAMENTO ECC,), SUCCESSIVAMENTE A TUTTI LE INDUSTRIE PRODUTTRICI DI BENI DI CONSUMO, IN UNA TERZA FASE ALLE RIMANENTI INDUSTRIE SEMPRE CHE ESSE SIANO STATE CREATE SULLE BASI DEGLI ORIENTAMENTI PREVISTI DALL'ART.94. GLI STOCKS DI BENI INCOLLOCABILI SARANNO ACQUISTATI DALLO STATO E TENUTI DISPONIBILI PER FORNITURE A NAZIONI IN VIA DI SVILUPPO PRIVE DI OGNI CAPACITA' DI ACQUISTO. C ) COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA IL SI.A.L.E PONE A FONDAMENTO MORALE DELLA SUA POLITICA ECONOMICA COMUNITARIA EUROPEA LE STESSE CONCEZIONI SOCIALI E BISOGNA AFFRETTARSI TROPPI UOMINI SOFFRONO...VI E' URGENZA DI UNA AZIONE SOLIDALE IN QUESTA SVOLTA DELLA STORIA DELL'UMANITA'...PER LO SVILUPPO INTEGRALE DELL'UOMO E SOLIDALE DELL'UMANITA'... LA SOLIDARIETA' UNIVERSALE...E' UN DOVERE...IL SUPERFLUO DEI PAESI RICCHI DEVE SERVIRE AI PAESI POVERI...STUDI APPROFONDITI, DETERMINAZIONE DEI MEZZI.ORGANIZZAZIONE DEGLI SFORZI... COLLABORAZIONE EUROPEA DELLA QUALE UN FONDO COMUNE SAREBBE L'ESPRESSIONE ELO STRUMENTO,UN TALE FONDO FACILITEREBBE LA RICONVERSIONE DI SPERPERI CHE SONO FRUTTO DELLA PAURA E DELL'ORGOGLIO...OGNI SPERPERO PUBBLICO O PRIVATO... ( E' UN ) SCANDALO INTOLLERABILE. E PERTANTO IL SI.A.L.E PROPONE IL SEGUENTE SCHEMA DI ATTUAZIONE DI UNA COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA. GLI STATI IN POSSESSO DEGLI STOCKS DI CUI LA PRECEDENTE ART. 97 COSTITUIRANNO UNA BANCA EUROPEA DEI SURPLUS CHE 4

5 NE CURERA' LASSEGNAZIONE AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO ED ALLENAZIONI SOTTONUTRITE. LA PARTECIPAZIONE ALLA QUOTA DELLA BANCA EUROPEA DEI SURPLUS AGRICOLI ED INDUSTRIALI VARIERA' A SECONDA DELLA CONSISTENZA FLUTTUANTE DEGLI STOCKS. LE NAZIONI BENIFICIARIE RESTITUIRANNO I PRESTITI OTTENUTI ATTRAVERSO LA CONCESSIONE ALLA BANCA EUROPEA DELLO SFRUTTAMENTO E DELLA VALORIZZAZIONE DELLE LORO RISORSE NATURALI PER IL TEMPO NECESSARIO A COMPENSARE I PRESTITI RICEVUTI. LA BANCA SARA' DIRETTA DA UN COMITATO POLITICO ECONOMICO E BENEFICIARIO DEI PRESTITI SARANNO TUTTE LE NAZIONI IN VIA DI SVILUPPO, CON PRECEDENZA A QUELLE CHE AVRANNO ACCETTATO LE FORME DI AUTOGOVERNO DEMOCRATICO INDICATE DAL SI.A.L.E. PRESSO LA BANCA EUROPEA AVRA' SEDE UN COMITATO COSTITUITO DAI MAGGIORI ESPERTI ECONOMICI, STATISTICI E FINANZIARI DEGLI EUROPEI. IL CUI COMPITO SARA' QUELLO DI TENERE CONTINUAMENTE AGGIORNATI I DATI INERENTI ALLA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE MONDIALE E ALLE ESIGENZA DI PRODUZIONE DI BENI DI CONSUMO N 19- TENENDO CONTO DELLE RISORSE NATURALI GIA'INTEGRALMENTE UTILIZZATE, IL COMITATO DOVRA'PROGRAMMARE LA PROGRESSIVA MOBILITAZIONE DI TUTTI LE ENERGIE E RISORSE ANCORA LATENTI,PROVVEDENDO NEL CONTEMPO ALLA ELIMINAZIONE DI OGNI SPRECO.( PER SPRECO IL SI.A.L.E. INTENDE LA MANCATA UTILIZZAZIONE DI ENERGIA, DI MEZZI TECNICI,DI RISORSE NATURALI E DI BENI STRUMENTALI O DI CONSUMO CHE SE UTILIZZATE POTREBBERO COMUNQUE GIOVARE AL PROGRESSO ED ALLA PROSPERITA' DEL GENERE UMANO). A TAL UOPO, IL COMITATO SI AVVARRA' DELLA COLLABORAZIONE DEGLI UFFICI SPECIALI ED ASSUMERANNO QUELLA DI <<PRIMI CITTADINI DELL'EUROPA >> E LA LORO ATTIVITA' SARA' VITALIZIA. IL SI.A.L.E.AFFERMA CHE LA CULTURA DI OGNI POPOLO E' MISURA ED ESPRESSIONE DELLA CIVILTA' E DELLA CULTURA UNIVERSALE. LE TRADIZIONI DI OGNI POPOLO RETAGGIO DELLE SINGOLE NAZIONI TRASMESSO DA UNA GENERAZIONE ALL'ALTRA FORMANO IL COMUNE PATRIMONIO CULTURALE DEL GENERE UMANO. IL SI.A.L.E. PROPONE L'UNIFICAZIONE DELLA CULTURA E, CONSE QUENTEMENTE, DEI CANALI DI INFORMAZIONE FRA GLI STATI, SIA PER FAVORIRE IL PROGRESSO DELL'EUROPA, SIA PER LA PIU' RAPIDA PARIFICAZIONE DEI TITOLI DI STUDIO E L'ISTITUZIONE DI 5

6 CENTRI DI STUDI COMPARATI PER LA SINTESI DELLE VARIE SCOPERTE SCIENTIFICHE E LA LORO DIVULGAZIONE.E PER LA UNIFORMITA' DELL'INSEGNAMENTO FRA I CITTADINI DI TUTTI I PAESI DEL'EUROPA. IL SI.A.L.E. AFFERMA CHE L'UOMO E LA DONNA DEVONO PARTECIPARE ALLA CONVIVENZA UMANA A PARITA' DI DIRITTI E DI DOVERI. SINO AL MOMENTO IN CUI TALE PARITA' NON SARA' STATA RAGGIUNTA IN TUTTI I PAESI EUROPEI, IL SI.A.L.E AUSPICA CHE I DIRITTI DELLA DONNA LAVORATRICE SIANO TUTELATI DA UNA CONFEDERAZIONE EUROPEA FEMMINILE DEL LAVORO. DOVRANNO ESSERE ELIMINATE ATTRAVERSO UNA MAGGIORE PARTECIPAZIONE DELLA DONNA ALLA VITA POLITICA,CULTURALE E PROFESSIONALE DELLA SOCIETA' LE DISCRIMINAZIONI CHE NE LIMITANO ATTUALMENTE L'INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO EXTRA DOMESTICO. OGNI STATO CONTRIBUIRA' A FORMARE NEI GIOVANI UNA SALDA COSCIENZA DEMOCRATICA ED INCREMENTANDONE GLI SCAMBI EUROPEI CULTURALI E TURISTICI,I GIOVANI DEVONO ESSERE EDUCATI ALLA LIBERTA' ED ALLA COSCIENZA SOCIALE, ATTRAVERSO, PROCESSI DI AUTOEDUCAZIONE MEDIANTE ORGANISMI CHE ESCLUDANO OGNI DISCRIMINAZIONE SETTARIA,SIA ESSA CONFESSIONALE,POLITICA O RAZZIALE. LO STATO INTEVERRA' CON LA CREAZIONE DI IMPIANTI SPORTIVI N 20- ADEGUATI ALLE EFFETTIVE ESIGENZE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE. E PER OGNI ALTRA ATTIVITA' LUDICA DEGLI ANZIANI. IL SI.A.L.E.CONSIDERA IL PROBLEMA DEGLI ANZIANI NON SOLTANTO SOTTO L'ASPETTO ASSISTENZIALE, MA ANCHE MORALE ED ECONOMICO. MENTRE IL LIVELLO DELLA VITA SI VA SEMPRE PIU' ELEVANDO, L'ETA'DEL PENSIONAMENTO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI TENDE AD ABBREVIARSI. SENZA TENER CONTO CHE IL CONTRIBUTO DI ESPERIENZA DEGLI ANZIANI ALL'ECONOMIA NAZIONALE NON PUO' NE DEV'ESSERE SOTTOVALUTATO. 97) L'EFFICIENZA FISICA DELL'INDIVIDUO NON PUO' ESSERE VALUTATA UNICAMENTE IN RAPPORTO ALLA SUA ETA': TRE FATTORI CONSIGLIAMO PER DILAZIONARE IL PENSIONAMENTO O QUANTO MENO A NON RENDERLO SOTTOVALUTATO. 98) PRIMO: IL MERCATO INDUSTRIALE VIENE PRIVATO DELLE CAPACITA' 6

7 DI UN GRAN NUMERO DI OPERATORI CHE HANNO ACQUISITO ESPERIENZA E SAGGEZZA; SECONDO:IL POTERE DI ACQUISTO DA PARTE DEL PERSONALE PENSIONATO VIENE IMMEDIATAMENTE CONTRATTO CON GRAVE DANNO ALL'ECONOMIA; TERZO: SE GLI ANZIANI VENISSERO REINTEGRATI NELLA VITA OPERATIVA NE DERIVEREBBE UN MINORE ONERE PER LE VARIE FORME ASSISTENZIALI,IN QUANTO MOLTI MALANNI DI CUI SONO AFFLITTI GLI ANZIANI DERIVANO DA TRAUMI PSICO-FISICI PRODOTTI PROPRIO DAL PENSIONAMENTO,<<IL PENSIONAMETO A 65 ANNI COSTA ALL'ECONOMIA ITALINA DECINA DI MILIARDI ALL'ANNO PIU' DI QUANTO COSTEREBBE MANTENERE IN SERVIZIO GLI ANZIANI GIUNTI ALL'ETA' DEL PENSIONAMENTO. IL SI.A.L.E. AUSPICA ADEGUATE SOLUZIONI CHE, TENENDO CONTO DELL'ACCUPAZIONE ALLA QUALE IL PENSIONATO HA DEDICATO L'INTERA VITA LAVORATIVA,POSSANO MANTENERLO ANCORA LEGATO AL SUO LOVORO. CONCLUSIONE GLI ASSERTORI DEL SI.A.L.E. INVITANO I PARTITI POLITICI ED I GOVERNI DI TUTTI LE NAZIONI EUROPEE NEI LIMITI DELLA LORO IDENTITA' CULTURALI E DELLE LORO PRESENTI SITUAZIONI CONTINGETALI AD ISPIRARSI AI PRINCIPI ESPOSTI NEL PRESENTE MANIFESTO. IL SI.A.L.E. POTRA' CONTRIBUIRE A MODO ARMONICO E GLOBALE I PROBLEMI FILOSOFICI, SOCIALI, ECONOMICI E POLITICI DELL'UMANITA' IN QUESTA TORMENTATA FASE DELLA SUA STORIA. NEL SUPERAMENTO DI OGNI PARTICOLARE EGOISMO, DI OGNI UTOPIA POLITICA, DI OGNI SOGNO DI PRESTICIO, DI POTENZA E DI DIFESA DEL PRIVILEGIO : NELLA LOTTA AD OLTRANZA CONTRO OGNI DISPERSIONE DI ENERGIA E CONTRO OGNI SPRECO DI BENI E' L'AVVENIRE DI UNA N 21- SOCIETA' UMANA SCIENTIFICAMENTE ORGANIZZATA IN UNA CIVILTA' DEL LAVORO CHE NON SIA SOLTANTO UNA VANA ESPRESSIONE RETORICA. TALE CIVILTA' DOVRA' ESSERE RAGGIUNTA DAL GENERE UMANO ATTRAVERSO UNA GRADUALE EVOLUZIONE. OGGI DOPO TUTTI GUESTI ANNI DI POLITICA E POLITICA SINDACALE SI E' CREATA SOLO UNA GESTIONE DI POTERE IGNORANDO VOLUTAMENTE L'ECONOMIA E L'OCUPAZIONE DEI POPOLI CREANDO CORRUZIONE NEI POTENTI POLITICI E CHE HANNO COINVOLTO E CORROTTO I CITTADINI OGGI ACCUSATI DI CORRUZIONE; CHI DIFENDE QUESTI CORROTI? 7

8 E TRA STATO ED UMANITA', COSTITUIRANNO NEL LORO INSIEME LE FASI DI UN NUOVO PATTO SOCIALE MODERNO, NELLA SUA ESSENZA FILOSOFICA, IL SI.A.L.E. PREPARA I SINGOLI INDIVIDUI ALLA SPONTANEA ACCETTAZIONE DEL NUOVO PATTO SOCIALE QUALE SUPREMA LEGGE UMANA POSTA AL SERVIZIO DEL BENE COMUNE E FAVORISCE L'ELEVAZIONE MORALE E SPIRITUALE DI OGNI ESSERE UMANO NEL SUPREMO INTERESSE LELL'INTERA UMANITA,EURPA. IL CONTENUTO DEL PRESENTE PROGRAMMA SARA SVILUPPATO SUCCESSIVAMENTE. 8

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2008 - Rendiconto Finanziario al 31/12/2008 - Conto Economico Consuntivo al 31/12/2008

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI [doc. web n. 3620014] Autorizzazione n. 3/2014 - Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni - 12 dicembre 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE 3 CONGRESSO MONDIALE DELLA CSI - Berlino 18-23 Maggio 2014 OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE BOZZA Quadro d Azione CONFEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI SINDACATI OCCUPAZIONE SOSTENIBILE,

Dettagli

INPDAP. INADEL 11102 Contributi enti ed iscritti per trattamento di fine servizio

INPDAP. INADEL 11102 Contributi enti ed iscritti per trattamento di fine servizio INPDAP INPS descr gest capitolo Descrizione DESCRIZIONE CAPITOLO Aliquote contributive a carico dei datori di lavoro e/o degli iscritti E1101 CPDEL 11101 Contributi enti ed iscritti ai fini pensionistici

Dettagli

Preventivo Finanziario Decisionale 2014

Preventivo Finanziario Decisionale 2014 Preventivo Finanziario Decisionale 2014 CONSORZIO DI BONIFICA 8 - RAGUSA Via Stesicoro 54,56 Ragusa(RG) null PARTE I ENTRATE E000001 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE PRESUNTO NON VINCOLATO E000002 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

MPA pittori e gessatori

MPA pittori e gessatori MPA pittori Il modello di pensionamento anticipato flessibile Stato di avanzamento: «piccolo gruppo di lavoro CPPC» del 21.8.2013 2 / 24 Temi: Filosofia di base del MPA Basi di calcolo Prestazioni / criteri

Dettagli

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

CESSIONE RAMO DI AZIENDA

CESSIONE RAMO DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE RAMO DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE RAMO DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA

CONTRATTI TIPO CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTI TIPO di CESSIONE DI AZIENDA CONTRATTO DI CESSIONE DI AZIENDA Con la presente scrittura privata, che verrà conservata agli atti del Notaio autenticante, espressamente autorizzato a rilasciarne

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

La Cassa nazionale di assistenza per gli impiegati agricoli e forestali, giuridicamente

La Cassa nazionale di assistenza per gli impiegati agricoli e forestali, giuridicamente Art. 1 La Cassa nazionale di assistenza per gli impiegati agricoli e forestali, giuridicamente riconosciuta con regio decreto 14 luglio 1937, n. 1485, che ne ha pure approvato lo Statuto, assume la denominazione

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo. Fondo Pensione. Regolamento

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo. Fondo Pensione. Regolamento Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Regolamento INDICE Parte I) Identificazione e scopo del PIP Art.1 - Denominazione Art.2 - Istituzione del PIP Art.3

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Preventivo Finanziario Decisionale Pluriennale 2012

Preventivo Finanziario Decisionale Pluriennale 2012 Preventivo Finanziario Decisionale Pluriennale 2012 ENTE PARCO DELLE MADONIE Corso Paolo Agliata, 16 Petralia Sottana(PA) 90027 PARTE I ENTRATE E000001 Avanzo di amministrazione non vincolato 3.762,19

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO "PREVEDI"

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PREVEDI SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO "PREVEDI" (autorizzato in data 8 agosto 2002 e iscritto all Albo dei fondi pensione con il n 136) Sede legale: via Nomentana, 126 00161 Roma tel. e

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione OBIETTIVO PENSIONE Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione Iscritto all Albo dei fondi pensione tenuto dalla COVIP con il n 5035 REGOLAMENTO 1 INDICE Parte I) Identificazione

Dettagli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli

AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e per i quadri e gli impiegati agricoli Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti e Regolamento recante la disciplina per l erogazione delle anticipazioni delle prestazioni SEZIONE I: NORME GENERALI

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO

SCHEMA DI REGOLAMENTO Piani Individuali Pensionistici (PIP) Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005)

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015

Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 Donne cattoliche riflettono sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel quadro dell Agenda di Sviluppo post-2015 E indubbio che dobbiamo fare molto di più in favore della donna, se vogliamo ridare più

Dettagli

Informazioni Sommario

Informazioni Sommario Informazioni Sommario LA VECCHIAIA... 2 L'INVALIDITA'... 2 LA RENDITA Inail E LA REVERSIBILITA'... 3 L'ANZIANITA'... 3 IL PART TIME... 5 AZIENDA O Inps... 5 PENSIONE CONTRIBUTIVA... 5 LA VECCHIAIA Quando

Dettagli

FONDO PENSIONE FUTURA

FONDO PENSIONE FUTURA FONDO PENSIONE FUTURA REGOLAMENTO INDICE PARTE I - IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 - Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Istituzione del Fondo ed esercizio dell attività Art.

Dettagli

L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13.

L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13. L.

Dettagli

PREVIGEN ASSISTENZA CASSA DI ASSISTENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

PREVIGEN ASSISTENZA CASSA DI ASSISTENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE PREVIGEN ASSISTENZA CASSA DI ASSISTENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011 PreviGen Assistenza 31021 Mogliano Veneto (TV), Via Marocchesa

Dettagli

Sono obbligatoriamente assicurate all AVS e dunque hanno diritto alle relative prestazioni:

Sono obbligatoriamente assicurate all AVS e dunque hanno diritto alle relative prestazioni: IL SISTEMA PREVIDENZIALE SVIZZERO A SEGUITO DELL ENTRATA IN VIGORE DEI PATTI BILATERALI Come funziona a grandi linee il sistema previdenziale svizzero? Il sistema pensionistico svizzero può sembrare effettivamente

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Generali Italia S.p.A. VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione (Art. 13 del Decreto Legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Regolamento Pagina 2 di 14 - Pagina

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 Pag. 2 In data 24 ottobre 2002 alle ore 10,30 ha avuto luogo l'incontro

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli

Piano di previdenza Perspective

Piano di previdenza Perspective Composizione, contributi e prestazioni in breve Stato 1 gennaio 2014 0 Pagina 1 Questa versione ridotta del Regolamento è stata concepita per permettervi di trovare subito le risposte alle vostre domande

Dettagli

Previdenza Attiva. Regolamento. Linea Previdenza Complementare

Previdenza Attiva. Regolamento. Linea Previdenza Complementare Linea Previdenza Complementare BG Previdenza Attiva Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5016 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

Traduzione 1. Preambolo

Traduzione 1. Preambolo Traduzione 1 Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Tunisina concernente la promozione e la protezione reciproca degli investimenti Concluso il 16 ottobre 2012 Approvato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA ARTICOLO 1 - E costituita l Associazione denominata PRO SENECTUTE. Ai sensi e per gli effetti di cui agli art. 10 e segg. del D.L. 4 dicembre 1997,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Fondazione SEF Konsumstrasse 22A 3000 Berna 14 www.eev.ch Promozione della proprietà dell abitazione mediante i fondi della previdenza professionale

Dettagli

Documento sulle anticipazioni

Documento sulle anticipazioni Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sulle anticipazioni (depositato presso la

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

FONDO INTERNO DI ASSISTENZA AL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO REGOLAMENTO

FONDO INTERNO DI ASSISTENZA AL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO REGOLAMENTO FONDO INTERNO DI ASSISTENZA AL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO (ISTITUITO CON DELIBERA 3 AGOSTO 1956 N. 682 DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO)

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 225 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 Legge quadro sulla famiglia TIPOGRAFIA DEL SENATO

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE QUANTO SEGUE: ALL. A) alla delibera C.C. n. 35 del 21/05/2015 CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI IMPRESE COMMERCIALI AL MINUTO IN SEDE FISSA, ALL'INGROSSO, SU AREE PUBBLICHE, PUBBLICI ESERCIZI

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI L aderente, utilizzando il facsimile di domanda unita al presente modulo (allegato n. 1), può richiedere l anticipazione sulla posizione previdenziale maturata nei seguenti

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA

UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA Nel n. 118, 1977 di questa rivista, avevamo riprodotto il modulo utilizzato nel Canton Ticino per la dichiarazione non solo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di politiche giovanili N. 2660 BARBIERI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2660 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL DEPUTATO BARBIERI Disposizioni in materia di politiche giovanili Presentata il 29 luglio 2009 ONOREVOLI

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento per l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Competenze connesse. Regolamento di previdenza

Competenze connesse. Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Versione abbreviata Indice Qual è lo scopo del presente opuscolo? 3 Primo, secondo, terzo pilastro: Cosa significa per voi personalmente? 3 Il primo pilastro: l AVS / AI Il secondo

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Spett.le PREVIAMBIENTE c/o PREVINET SPA VIA E. FORLANINI, 24 31022 PREGANZIOL TV

Spett.le PREVIAMBIENTE c/o PREVINET SPA VIA E. FORLANINI, 24 31022 PREGANZIOL TV spazio riservato alla protocollazione MODULO DI RICHIESTA ANTICIPAZIONE ATTENZIONE : LA RICHIESTA E VALIDA SOLO SE TRASMESSA UNITAMENTE AD UNA COPIA DI UN DOCUMENTO DI IDENTITA IN VIGORE LE RICHIESTE TRASMESSE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE FIPREM Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 Marzo 2003 e coordinato con le modifiche ed integrazioni

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 e-parl 01.02.2012 07:16 (Retribuzioni nelle società quotate in

Dettagli

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA

FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA Allegato alla Deliberazione della Giunta Camerale n. 72 del 21 luglio 2015 FONDO DI QUIESCENZA COSTITUITO CON DELIBERAZIONE N. 84 DEL 12 DICEMBRE 2014 DELLA GIUNTA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI RAGUSA STATUTO

Dettagli

Assicurazioni sociali. Informazioni utili sulla sicurezza sociale/

Assicurazioni sociali. Informazioni utili sulla sicurezza sociale/ ssicurazioni sociali Informazioni utili sulla sicurezza sociale/ Sistema previdenziale in Svizzera Stato gennaio 2015 Cerchia delle persone assicurate Prestazioni Basi per il calcolo dell importo delle

Dettagli

STATUTO SOCIETÁ OPERAIA MASCHILE E FEMMINILE DI MUTUO SOCCORSO IN ISEO CAPO I NATURA E SCOPO DELLA SOCIETÁ

STATUTO SOCIETÁ OPERAIA MASCHILE E FEMMINILE DI MUTUO SOCCORSO IN ISEO CAPO I NATURA E SCOPO DELLA SOCIETÁ STATUTO SOCIETÁ OPERAIA MASCHILE E FEMMINILE DI MUTUO SOCCORSO IN ISEO CAPO I NATURA E SCOPO DELLA SOCIETÁ Art. 1 - È riconosciuta come già esistente a partire dal 1 ottobre 1863 e duratura in perpetuo,

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI BIENNIO CONTRATTUALE 2002-2003

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI BIENNIO CONTRATTUALE 2002-2003 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI BIENNIO CONTRATTUALE 2002-2003 In data 11 ottobre 2006 alle ore 11.00 ha avuto luogo l incontro per la

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DA ENTI DI DIRITTO PUBBLICO

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DA ENTI DI DIRITTO PUBBLICO ANNESSO N. 5 allo stato di previsione della spesa del Ministero del lavoro e della previdenza sociale per l'anno finanziario 1979 CONTO CONSUNTIVO ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DA ENTI

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005 In data 1 agosto 2006 alle ore 12.15. ha avuto luogo l incontro per la definizione

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sulle Anticipazioni Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 SEZIONE I: NORME GENERALI Art. 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Andrea Lesca 1 Milano, 10 maggio 2012 Lo sviluppo delle forme pensionistiche complementari passa all interno del progressivo mutamento delle forme di

Dettagli

Comune di Carmignano

Comune di Carmignano Comune di Carmignano (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA (ISE) PER L EROGAZIONE DI ALCUNE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali e successive

istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali e successive 18 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 28-11-2003 - N. 112 LEGGE REGIONALE 24 novembre 2003, n. 38 Disposizioni in materia di tributi regionali. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore La destinazione del tfr 1 Premessa: date rilevanti 29 aprile 1993: data di entrata in vigore del D.Lgs 124/1993 sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari. L'art. 8, comma 3, prevede che

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI NORME GENERALI Art.1 - Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte

Dettagli

CODICE SOTTOGRUPPO. Sottogruppo: Amministrazione statale e Organi costituzionali (cod. 102)

CODICE SOTTOGRUPPO. Sottogruppo: Amministrazione statale e Organi costituzionali (cod. 102) CODICE SOTTOGRUPPO SOTTOGRUPPO descrizione 102 100 Sottogruppo: Amministrazione statale e Organi costituzionali (cod. 102) Tesoro dello Stato Appartengono a questo Sottogruppo: a) la Presidenza della Repubblica,

Dettagli

Dopo l'articolo 83, inserire i seguenti:

Dopo l'articolo 83, inserire i seguenti: Dopo l'articolo 83, inserire i seguenti: Art. 83-bis. (Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi). 1. L'Osservatorio sulle attività di

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

Regolamento sulla previdenza

Regolamento sulla previdenza Fondazione di previdenza indipendente 3a Zurigo Regolamento sulla previdenza Fondazione di previdenza indipendente 3a Zurigo Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli