N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. IL SI.A.L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. IL SI.A.L."

Transcript

1 N 15 ARMONIA DI ATTIVITA' E DI OPERE, COME L'EFFETTO APPARTIENE ALLA SUA CAUSA, COSI' IL FRUTTO DEL LAVORO DEVE APPARTENE REA CHI LAVORA. E' DEL TUTTO FARSO ASCRIVERE DA VOCABOLARIO AL SOLO CAPITALE O AL SOLO LAVORO CIO' CHE SI OTTIENE CON L'OPERA UNITA DELL'UOMO O DELL'ALTE : ED E' INGIUSTO CHE L'UOMO ARROGHI A SE' QUEL CHE SI FA NEGANDO L'EFFICACIA DELL'ALTRO. ALLO SVILUPPO ECONOMICO SI ACCOMPAGNA E SI ADEGUA IL PROGRESSO SOCIALE, COSI' CHE DEGLI INGRAMENTI PRODUTTIVI ABBIANO A PARTICIPARE TUTTE LE CATEGORIE DI CITTADINI...A FAR SI' CHE I LAVORATORI NELLE FORME E NEI MODI PIU' CONVENIENTI POSSONO GIUNGERE A PARTECIPARE ALLA PROPRIETA' DELLE STESSE IMPRESE. E' NECESSARIO CHE IN AVVENIRE I CAPITALI GUADAGNATI SI DISTRIBUISCANO CON UNA CERTA AMPIEZZA FRA I PRESTATORI D'OPERA, NELLE ODIERNA CONDIZIONI SOCIALI STIMIAMO <OPPORTUNO> CHE IL CONTRATTO DEL LAVORO VENGA TEMPERATO ALQUANTO CON IL CONTRATTO DI SOCIETA'COSI' GLI OPERAI DIVENTANO COITERESSATI O NELLA PROPRIETA' O NELLA AMMINISTRAZIONE, O COMPARTECIPI IN CERTA MISURA DEI LUCRI PERCEPITI. IL SI.A.L.E. AFFERMA, DUNQUE, IL DIRITTO DI OGNI PRODUTTORE ALLA COMPROPRIETA' DELL'AZIENDA DA LUI CREATA, FINANZIATA, DIRETTA OVVERO NELLA QUALE EGLI PRESTA LA SUA OPERA. NEI PAESI SOCIALMENTE ARRETRATI SARA' NECESSARIO MODIFICARE LE LEGGI CIVILI VIGENTI SPECIALMENTE QUANDO, COME IN ITALIA, ESSE RISERVANO AI SOTTOSCRITTORI DEL CAPITALE L'INTERA PROPRIETA' E DIREZIONE DELLE AZIENDE RELEGANDO I PRESTATORI D'OPERA AL RANGO DI DIPENDENTI SALARIATI ESCLUSI DALLA PROPRIETA E DAGLI UTILI DELL'AZIENDA STESSA. CON QUESTO TITOLO E DIMOSTRATASI IDONEA PER L'ALLEANZA FRA CAPITALE E LAVORO PER LA PACIFICAZIONE INDUSTRIALE E SOCIALE IN LUOGO DELLA LOTTA DI CLASSE. IL SI.A.L.E PREVEDE LA PARTICIPAZIONE AGLI UTILI AZIENDALI DA PARTE DEI DIPENDENTI IN FORMA DI QUOTE DI CAPITALE DELL AZIENDA AL CUI GOVERNO ESSI PARTECIPANO: ALLORQUANDO IL DIPENDENTE IN QUIESCENZA, A PARTE EVENTUALE PENSIONE,POTRA' 1

2 RITIRARE IL CAPITALE ACCUMULATO DURANTE LA SUA ATTIVITA' LAVORATIVA. I VANTAGGI DIMOSTRATI DA TALE SISTEMA ECONOMICO POSSONO COSI' SINTETIZZARE: N 16 A) LA PRODUTTIVITA' SUBISCE UN AUMENTO CON CONSEGUENTE CONTENIMENTO DEI COSTI QUINDI DEI PREZZI E IN DEFINITIVA SI OTTIENE UN MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO SOCIALE GENERALE. B) IL POTERE DECISIONALE NELLE AZIENDE ESERCITATO NON SOLO DAL FATTORE CAPITALE MA ANCHE DAL FATTORE LAVORO ATRAVERSO I SUOI RAPPRESENTANTI, IN MODO CHE I DIPENDENTI CONDIVIDANO LE RESPONSABILITA' DELL'ANDAMENTO PRODUTTIVO. C) LO SFRUTTAMENTO DENUNCIATO DAI TEORICI MARXISTI NON ESISTEREBBE PIU' ED I CONFLITTI SOCIALI CHE ORA NE DERIVANO VERREBBERO ELIMINATI. LA MODIFICA DI CUI ALL'ART. 83,DEVE PREVEDERE LA GRADUALE ASSEGNAZIONE AI SOCI LAVORATORI DI UNA PARTE DELLE AZIONI O QUOTE INIZIALMENTE SOTTOSCRITTE DAI SOCI CAPITALISTI. NEL PERIODO DURANTE IL QUALE AVVERRA' LA TRASFORMAZIONE DELL'ATTUALE SOCIETA' CAPITALISTA IN QUELLA AUSPICATA E MENTRE PER LE NUOVE AZIENDE VERRANNO ADOTTATI I CRITERI CONSACRATI DAL PRECEDENTE ARTICOLO. PER QUELLE GIA' ESISTENTI SI PROCEDERA' A COINTERESSARE ALL'ULTIMO MANOVALE, ATTRAVERSO LA CESSIONE DI AZIONI O DI QUOTE DELLE SOCIETA' PROPRIETARIE DELLE AZIENDE SOTTO FORMA DI ANTICIPAZIONI DECENNALI DI QUOTE DELLA PENSIONE FINALE CHE DEVE PREMIARE OGNI PRODUTTORE AL TERMINE DELLA PROPRIA ATTIVITA' PRODUTTRICE. ATTUALMENTE IN ALCUNI PAESI IL 40 % PER CENTO DEL COSTO DELLA MANO D'OPERA VIENE VERSATO QUALE CONTRIBUTO OBBLIGATORIO DEL LAVORATORE A RICCHISSIMI ISTITUTI DI PREVIDENZA SOCIALE EDALLE CASSE MALATTIE NELLO STATO TALI VERSAMENTI CHE OSCILLANO ANNUALMENTE TRA IL 10 % ED 20 % DEL FATTURATO DELLE AZIENDE VERRANNO DEVOLUTI AD UNA CASSA DELL'AZIONARIATO DEI LAVORATORI. 2

3 LA CASSA ALLA QUALE VERRANNO TRASFERITI I BENI IMMOBILIARI E, MOBILIARI, IL PERSONALE DEGLI ISTITUTI DI PREVIDENZA E DELLE CASSE MALATTIE ATTUALMENTE ESISTENTI INVESTIRA' IN AZIONI O QUOTE DELLE AZIENDE CHE GODRANNO DI PARTICOLARI GARANZIE DA PARTE DELLO STATO ( VEDI ART. 96 ) CIFRE CORRISPONDENTI AI CONTRIBUTI RISCOSSI. TALI AZIONI E QUOTE NON SOGGETTE A SVALUTAZIONE VERRANNO N 17- DATE QUALE PENSIONE AI LAVORATORI IN QUATTRO RATE E CIOE' RISPETTIVAMENTE DOPO DIECI. VENTI. TRENTA. QUARANT'ANNI DI LAVORO. I REDDITI DELLE PROPRIETA' IMMOBILIARI EREDITATE DEGLI ISTITUTI DI PREVIDENZA ED I DIVIDENDI DELLE AZIONI O QUOTE NON ANCORA ASSEGNATE AI PENSIONATI VERRANNO UTILIZZATI COME FONDO PREVIDENZIALE IN CASO DI MALATTIA O DI MORTE DEL LAVORATORE E COME FONDO PER ATTIVITA' DOPOLAVORISTICHE. IL PROBLEMA DEL TEMPO LIBERO, CON LA DIMINUITA NECESSITA' DI PRESENZE LAVORATIVE LEGATA ALL'AUTOMAZIONE, VERRA' STUDIATO E RISOLTO ADEGUATAMENTE,IN MODO DA FORMARE UN PROGRAMMA CONCRETO ED EFFICIENTE, IN RELAZIONE AI PIU' MODERNI DETTAMI DELLA SCIENZA PSICO-SOCIOLOGICA, AL FINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA SI PROVVEDERA' MEDIANTE L'IMPIEGO DELLE RISORSE DERIVANTI DAL FONDOSPECIALE DI CUI ALL'ART. 90 LE AZIONI ASSEGNATE QUALE PENSIONE O IN CONTO PENSIONE NON POTRANNO ESSERE ALIENATE DALL'ASSEGNATARIO, POTRANNO PUR TUTTAVIA LIMITATAMENTE AL 40 % ESSERE USATE QUALE MEZZO DI PAGAMENTO PER L'ACQUISTO DI UN APPARTAMENTO. LE AZIENDE ANZICHE'NUMERARIO POTRANNO VERSARE AZIONI DERIVATE DA AUMENTI ANNUALI DEI CAPITALE SOCIALE NON ECCEDENTI IL 10 % E SOLTANTO NEI CASI IN CUI AL SUCCESSIVO ART.95. E FINO AL LIMITE DEL DOPPIO DEL CAPITALE SOCIALE INIZIALE. B) AZIENDE E STATO PRESSO IL MINISTERO DEL BILANCIO DI OGNI PAESE EUROPEO VERRA' COSTITUITO UN UFFICIO SPECIALE CHE DOVRA' TENERE AGGIORNATE LE SITUAZIONI DEL MERCATO 3

4 INTERNO E DI QUELLO INTERNAZIONALE ED ORIENTARE ATTRAVERSO APPOSITE PUBBLICAZIONI DI SETTORE LA PRIVATA E LA PUBBLICA INZIATIVA SUI NUOVI INVESTIMENTI DA EFFETTUARE OPERANDO IN STRETTA COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PREVISTO DAL SUCCESSIVO ART.102. TALE ORIENTAMENTO DERIVERA' DALLO STUDIO DELLE RICHIESTE DI PRODOTTI PREVEDIBILI PER UN PERIODO CORRISPONDENTE A QUELLO NORMALMENTE PREVISTO PER GLI INVESTIMENTI A MEDIO O LUNGO TERMINE. LO STATO ASSUMERA' PARTE DEL RISCHIO DELLE IMPRESE ASSICURANDO L' ASSORBIMENTO DEI PRODOTTI INCOLLOCABILI SUL MERCATO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE. TALE GARANZIA DI ASSORBIMENTO VERRA' LIMITATA IN UN PRIMO TEMPO ALLE INDUSTRIE PRODUTTRICI DI BENI DI PRIMA NECESSITA' N 18- (ALIMENTARI.ABBIGLIAMENTO ECC,), SUCCESSIVAMENTE A TUTTI LE INDUSTRIE PRODUTTRICI DI BENI DI CONSUMO, IN UNA TERZA FASE ALLE RIMANENTI INDUSTRIE SEMPRE CHE ESSE SIANO STATE CREATE SULLE BASI DEGLI ORIENTAMENTI PREVISTI DALL'ART.94. GLI STOCKS DI BENI INCOLLOCABILI SARANNO ACQUISTATI DALLO STATO E TENUTI DISPONIBILI PER FORNITURE A NAZIONI IN VIA DI SVILUPPO PRIVE DI OGNI CAPACITA' DI ACQUISTO. C ) COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA IL SI.A.L.E PONE A FONDAMENTO MORALE DELLA SUA POLITICA ECONOMICA COMUNITARIA EUROPEA LE STESSE CONCEZIONI SOCIALI E BISOGNA AFFRETTARSI TROPPI UOMINI SOFFRONO...VI E' URGENZA DI UNA AZIONE SOLIDALE IN QUESTA SVOLTA DELLA STORIA DELL'UMANITA'...PER LO SVILUPPO INTEGRALE DELL'UOMO E SOLIDALE DELL'UMANITA'... LA SOLIDARIETA' UNIVERSALE...E' UN DOVERE...IL SUPERFLUO DEI PAESI RICCHI DEVE SERVIRE AI PAESI POVERI...STUDI APPROFONDITI, DETERMINAZIONE DEI MEZZI.ORGANIZZAZIONE DEGLI SFORZI... COLLABORAZIONE EUROPEA DELLA QUALE UN FONDO COMUNE SAREBBE L'ESPRESSIONE ELO STRUMENTO,UN TALE FONDO FACILITEREBBE LA RICONVERSIONE DI SPERPERI CHE SONO FRUTTO DELLA PAURA E DELL'ORGOGLIO...OGNI SPERPERO PUBBLICO O PRIVATO... ( E' UN ) SCANDALO INTOLLERABILE. E PERTANTO IL SI.A.L.E PROPONE IL SEGUENTE SCHEMA DI ATTUAZIONE DI UNA COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA. GLI STATI IN POSSESSO DEGLI STOCKS DI CUI LA PRECEDENTE ART. 97 COSTITUIRANNO UNA BANCA EUROPEA DEI SURPLUS CHE 4

5 NE CURERA' LASSEGNAZIONE AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO ED ALLENAZIONI SOTTONUTRITE. LA PARTECIPAZIONE ALLA QUOTA DELLA BANCA EUROPEA DEI SURPLUS AGRICOLI ED INDUSTRIALI VARIERA' A SECONDA DELLA CONSISTENZA FLUTTUANTE DEGLI STOCKS. LE NAZIONI BENIFICIARIE RESTITUIRANNO I PRESTITI OTTENUTI ATTRAVERSO LA CONCESSIONE ALLA BANCA EUROPEA DELLO SFRUTTAMENTO E DELLA VALORIZZAZIONE DELLE LORO RISORSE NATURALI PER IL TEMPO NECESSARIO A COMPENSARE I PRESTITI RICEVUTI. LA BANCA SARA' DIRETTA DA UN COMITATO POLITICO ECONOMICO E BENEFICIARIO DEI PRESTITI SARANNO TUTTE LE NAZIONI IN VIA DI SVILUPPO, CON PRECEDENZA A QUELLE CHE AVRANNO ACCETTATO LE FORME DI AUTOGOVERNO DEMOCRATICO INDICATE DAL SI.A.L.E. PRESSO LA BANCA EUROPEA AVRA' SEDE UN COMITATO COSTITUITO DAI MAGGIORI ESPERTI ECONOMICI, STATISTICI E FINANZIARI DEGLI EUROPEI. IL CUI COMPITO SARA' QUELLO DI TENERE CONTINUAMENTE AGGIORNATI I DATI INERENTI ALLA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE MONDIALE E ALLE ESIGENZA DI PRODUZIONE DI BENI DI CONSUMO N 19- TENENDO CONTO DELLE RISORSE NATURALI GIA'INTEGRALMENTE UTILIZZATE, IL COMITATO DOVRA'PROGRAMMARE LA PROGRESSIVA MOBILITAZIONE DI TUTTI LE ENERGIE E RISORSE ANCORA LATENTI,PROVVEDENDO NEL CONTEMPO ALLA ELIMINAZIONE DI OGNI SPRECO.( PER SPRECO IL SI.A.L.E. INTENDE LA MANCATA UTILIZZAZIONE DI ENERGIA, DI MEZZI TECNICI,DI RISORSE NATURALI E DI BENI STRUMENTALI O DI CONSUMO CHE SE UTILIZZATE POTREBBERO COMUNQUE GIOVARE AL PROGRESSO ED ALLA PROSPERITA' DEL GENERE UMANO). A TAL UOPO, IL COMITATO SI AVVARRA' DELLA COLLABORAZIONE DEGLI UFFICI SPECIALI ED ASSUMERANNO QUELLA DI <<PRIMI CITTADINI DELL'EUROPA >> E LA LORO ATTIVITA' SARA' VITALIZIA. IL SI.A.L.E.AFFERMA CHE LA CULTURA DI OGNI POPOLO E' MISURA ED ESPRESSIONE DELLA CIVILTA' E DELLA CULTURA UNIVERSALE. LE TRADIZIONI DI OGNI POPOLO RETAGGIO DELLE SINGOLE NAZIONI TRASMESSO DA UNA GENERAZIONE ALL'ALTRA FORMANO IL COMUNE PATRIMONIO CULTURALE DEL GENERE UMANO. IL SI.A.L.E. PROPONE L'UNIFICAZIONE DELLA CULTURA E, CONSE QUENTEMENTE, DEI CANALI DI INFORMAZIONE FRA GLI STATI, SIA PER FAVORIRE IL PROGRESSO DELL'EUROPA, SIA PER LA PIU' RAPIDA PARIFICAZIONE DEI TITOLI DI STUDIO E L'ISTITUZIONE DI 5

6 CENTRI DI STUDI COMPARATI PER LA SINTESI DELLE VARIE SCOPERTE SCIENTIFICHE E LA LORO DIVULGAZIONE.E PER LA UNIFORMITA' DELL'INSEGNAMENTO FRA I CITTADINI DI TUTTI I PAESI DEL'EUROPA. IL SI.A.L.E. AFFERMA CHE L'UOMO E LA DONNA DEVONO PARTECIPARE ALLA CONVIVENZA UMANA A PARITA' DI DIRITTI E DI DOVERI. SINO AL MOMENTO IN CUI TALE PARITA' NON SARA' STATA RAGGIUNTA IN TUTTI I PAESI EUROPEI, IL SI.A.L.E AUSPICA CHE I DIRITTI DELLA DONNA LAVORATRICE SIANO TUTELATI DA UNA CONFEDERAZIONE EUROPEA FEMMINILE DEL LAVORO. DOVRANNO ESSERE ELIMINATE ATTRAVERSO UNA MAGGIORE PARTECIPAZIONE DELLA DONNA ALLA VITA POLITICA,CULTURALE E PROFESSIONALE DELLA SOCIETA' LE DISCRIMINAZIONI CHE NE LIMITANO ATTUALMENTE L'INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO EXTRA DOMESTICO. OGNI STATO CONTRIBUIRA' A FORMARE NEI GIOVANI UNA SALDA COSCIENZA DEMOCRATICA ED INCREMENTANDONE GLI SCAMBI EUROPEI CULTURALI E TURISTICI,I GIOVANI DEVONO ESSERE EDUCATI ALLA LIBERTA' ED ALLA COSCIENZA SOCIALE, ATTRAVERSO, PROCESSI DI AUTOEDUCAZIONE MEDIANTE ORGANISMI CHE ESCLUDANO OGNI DISCRIMINAZIONE SETTARIA,SIA ESSA CONFESSIONALE,POLITICA O RAZZIALE. LO STATO INTEVERRA' CON LA CREAZIONE DI IMPIANTI SPORTIVI N 20- ADEGUATI ALLE EFFETTIVE ESIGENZE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE. E PER OGNI ALTRA ATTIVITA' LUDICA DEGLI ANZIANI. IL SI.A.L.E.CONSIDERA IL PROBLEMA DEGLI ANZIANI NON SOLTANTO SOTTO L'ASPETTO ASSISTENZIALE, MA ANCHE MORALE ED ECONOMICO. MENTRE IL LIVELLO DELLA VITA SI VA SEMPRE PIU' ELEVANDO, L'ETA'DEL PENSIONAMENTO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI TENDE AD ABBREVIARSI. SENZA TENER CONTO CHE IL CONTRIBUTO DI ESPERIENZA DEGLI ANZIANI ALL'ECONOMIA NAZIONALE NON PUO' NE DEV'ESSERE SOTTOVALUTATO. 97) L'EFFICIENZA FISICA DELL'INDIVIDUO NON PUO' ESSERE VALUTATA UNICAMENTE IN RAPPORTO ALLA SUA ETA': TRE FATTORI CONSIGLIAMO PER DILAZIONARE IL PENSIONAMENTO O QUANTO MENO A NON RENDERLO SOTTOVALUTATO. 98) PRIMO: IL MERCATO INDUSTRIALE VIENE PRIVATO DELLE CAPACITA' 6

7 DI UN GRAN NUMERO DI OPERATORI CHE HANNO ACQUISITO ESPERIENZA E SAGGEZZA; SECONDO:IL POTERE DI ACQUISTO DA PARTE DEL PERSONALE PENSIONATO VIENE IMMEDIATAMENTE CONTRATTO CON GRAVE DANNO ALL'ECONOMIA; TERZO: SE GLI ANZIANI VENISSERO REINTEGRATI NELLA VITA OPERATIVA NE DERIVEREBBE UN MINORE ONERE PER LE VARIE FORME ASSISTENZIALI,IN QUANTO MOLTI MALANNI DI CUI SONO AFFLITTI GLI ANZIANI DERIVANO DA TRAUMI PSICO-FISICI PRODOTTI PROPRIO DAL PENSIONAMENTO,<<IL PENSIONAMETO A 65 ANNI COSTA ALL'ECONOMIA ITALINA DECINA DI MILIARDI ALL'ANNO PIU' DI QUANTO COSTEREBBE MANTENERE IN SERVIZIO GLI ANZIANI GIUNTI ALL'ETA' DEL PENSIONAMENTO. IL SI.A.L.E. AUSPICA ADEGUATE SOLUZIONI CHE, TENENDO CONTO DELL'ACCUPAZIONE ALLA QUALE IL PENSIONATO HA DEDICATO L'INTERA VITA LAVORATIVA,POSSANO MANTENERLO ANCORA LEGATO AL SUO LOVORO. CONCLUSIONE GLI ASSERTORI DEL SI.A.L.E. INVITANO I PARTITI POLITICI ED I GOVERNI DI TUTTI LE NAZIONI EUROPEE NEI LIMITI DELLA LORO IDENTITA' CULTURALI E DELLE LORO PRESENTI SITUAZIONI CONTINGETALI AD ISPIRARSI AI PRINCIPI ESPOSTI NEL PRESENTE MANIFESTO. IL SI.A.L.E. POTRA' CONTRIBUIRE A MODO ARMONICO E GLOBALE I PROBLEMI FILOSOFICI, SOCIALI, ECONOMICI E POLITICI DELL'UMANITA' IN QUESTA TORMENTATA FASE DELLA SUA STORIA. NEL SUPERAMENTO DI OGNI PARTICOLARE EGOISMO, DI OGNI UTOPIA POLITICA, DI OGNI SOGNO DI PRESTICIO, DI POTENZA E DI DIFESA DEL PRIVILEGIO : NELLA LOTTA AD OLTRANZA CONTRO OGNI DISPERSIONE DI ENERGIA E CONTRO OGNI SPRECO DI BENI E' L'AVVENIRE DI UNA N 21- SOCIETA' UMANA SCIENTIFICAMENTE ORGANIZZATA IN UNA CIVILTA' DEL LAVORO CHE NON SIA SOLTANTO UNA VANA ESPRESSIONE RETORICA. TALE CIVILTA' DOVRA' ESSERE RAGGIUNTA DAL GENERE UMANO ATTRAVERSO UNA GRADUALE EVOLUZIONE. OGGI DOPO TUTTI GUESTI ANNI DI POLITICA E POLITICA SINDACALE SI E' CREATA SOLO UNA GESTIONE DI POTERE IGNORANDO VOLUTAMENTE L'ECONOMIA E L'OCUPAZIONE DEI POPOLI CREANDO CORRUZIONE NEI POTENTI POLITICI E CHE HANNO COINVOLTO E CORROTTO I CITTADINI OGGI ACCUSATI DI CORRUZIONE; CHI DIFENDE QUESTI CORROTI? 7

8 E TRA STATO ED UMANITA', COSTITUIRANNO NEL LORO INSIEME LE FASI DI UN NUOVO PATTO SOCIALE MODERNO, NELLA SUA ESSENZA FILOSOFICA, IL SI.A.L.E. PREPARA I SINGOLI INDIVIDUI ALLA SPONTANEA ACCETTAZIONE DEL NUOVO PATTO SOCIALE QUALE SUPREMA LEGGE UMANA POSTA AL SERVIZIO DEL BENE COMUNE E FAVORISCE L'ELEVAZIONE MORALE E SPIRITUALE DI OGNI ESSERE UMANO NEL SUPREMO INTERESSE LELL'INTERA UMANITA,EURPA. IL CONTENUTO DEL PRESENTE PROGRAMMA SARA SVILUPPATO SUCCESSIVAMENTE. 8

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo 6 modulo Aspetti di fiscalità dei fondi pensione Riferimento bibliografico: 4 capitolo Art. 53 della costituzione Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

INPDAP. INADEL 11102 Contributi enti ed iscritti per trattamento di fine servizio

INPDAP. INADEL 11102 Contributi enti ed iscritti per trattamento di fine servizio INPDAP INPS descr gest capitolo Descrizione DESCRIZIONE CAPITOLO Aliquote contributive a carico dei datori di lavoro e/o degli iscritti E1101 CPDEL 11101 Contributi enti ed iscritti ai fini pensionistici

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2008 - Rendiconto Finanziario al 31/12/2008 - Conto Economico Consuntivo al 31/12/2008

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337 mod. C/P01 (Rev. Nov 2010) FONDO PENSIONE MEDICI C/P01 - PENSIONAMENTO RICHIESTA DI PRESTAZIONE PENSIONISTICA Da compilarsi e sottoscrivere a cura dell'aderente Il Sottoscritto.. nato a.. (prov....) il...

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO "PREVEDI"

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PREVEDI SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO "PREVEDI" (autorizzato in data 8 agosto 2002 e iscritto all Albo dei fondi pensione con il n 136) Sede legale: via Nomentana, 126 00161 Roma tel. e

Dettagli

PENSARE AL FUTURO LO SAPEVATE CHE...?

PENSARE AL FUTURO LO SAPEVATE CHE...? LO SAPEVATE CHE...? PENSARE AL FUTURO Si potrebbe anche pensare che, vista l attuale situazione economica nazionale e mondiale, l argomento possa essere anacronistico, sbagliato, non aderente alla situazione

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI NORME GENERALI Art.1 - Oggetto 1. Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale da parte

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

FONDO PENSIONE PRIAMO

FONDO PENSIONE PRIAMO I VANTAGGI DELL ADESIONE AL FONDO PENSIONE PRIAMO INTEGRAZIONE E PROTEZIONE FALITÀ REDDITIVITÀ FLESSIBILITÀ ECONOMICITÀ DIVERSIFICAZIONE L adesione a Priamo comporta, per l aderente, una serie di VANTAGGI

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 31/05/2013 2 I N D I C E Premessa...5 Art.

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Esposizione del quesito

Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 30/E Roma, 31 gennaio 2002 Oggetto: Istanza di interpello n../2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dalla Banca XY società cooperativa per azioni a responsabilità

Dettagli

servizi finanziari schede di prodotto

servizi finanziari schede di prodotto servizi finanziari schede di prodotto aumento di capitale sociale p. 03 socio sovventore p. 05 consolidamento indebitamento a breve termine p. 07 liquidità p. 09 sostegno agli investimenti p. 15 finanziamento

Dettagli

Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi

Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi Campagna RED 2012 Redditi 2011 Scheda tecnica per l acquisizione dei redditi Versione 1.2 del 16/05/2012 Premessa Per la Campagna RED 2012, la richiesta di dichiarazione reddituale viene inviata a tutti

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro validi dallo 01.01.2011 cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANZIANI E PENSIONATI DI PEIA ARTICOLO 1 - E costituita l Associazione denominata PRO SENECTUTE. Ai sensi e per gli effetti di cui agli art. 10 e segg. del D.L. 4 dicembre 1997,

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione

Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione (RPIC) Modifica del 26 giugno 2012 Approvata dal Consiglio federale

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie riorganizzazioni e ristrutturazione del Gruppo Sanpaolo, hanno reso necessaria

Dettagli

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare Sicurezza dell'alloggio per i pensionati ARGOMENTI PRO 10.060 Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO Argomenti-In breve Iniziativa Sicurezza dell alloggio per i pensionati in breve Occasione

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA ASSICURAZIONI VITA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

APPROFONDIMENTO SU COLLOCAMENTO DISABILI

APPROFONDIMENTO SU COLLOCAMENTO DISABILI Decreto Legislativo 14 settembre 2015 Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto

Dettagli

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Fondazione SEF Konsumstrasse 22A 3000 Berna 14 www.eev.ch Promozione della proprietà dell abitazione mediante i fondi della previdenza professionale

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta n. 248 del 23.12.2013 pubblicato in data 03.01.2014

Approvato con delibera di Giunta n. 248 del 23.12.2013 pubblicato in data 03.01.2014 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI MARUGGIO Approvato con delibera

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DA ENTI DI DIRITTO PUBBLICO

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DA ENTI DI DIRITTO PUBBLICO ANNESSO N. 5 allo stato di previsione della spesa del Ministero del lavoro e della previdenza sociale per l'anno finanziario 1979 CONTO CONSUNTIVO ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DA ENTI

Dettagli

Per un Lavoro Dignitoso. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Per un Lavoro Dignitoso. Organizzazione Internazionale del Lavoro Per un Lavoro Dignitoso Organizzazione Internazionale del Lavoro Organizzazione Internazionale del Lavoro (O.I.L.) Agenzia specializzata delle Nazioni Unite che persegue la promozione della giustizia sociale

Dettagli

PlanoPension, RythmoPension Rendite vitalizie. Il vostro reddito garantito a vita in tutta flessibilità e serenità

PlanoPension, RythmoPension Rendite vitalizie. Il vostro reddito garantito a vita in tutta flessibilità e serenità PlanoPension, RythmoPension Rendite vitalizie Il vostro reddito garantito a vita in tutta flessibilità e serenità PlanoPension, RythmoPension Vaudoise Pianificate un pensionamento sereno Per una quiescenza

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

STATUTO TITOLO 1. Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1. Costituzione e denominazione

STATUTO TITOLO 1. Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1. Costituzione e denominazione STATUTO TITOLO 1 Costituzione e denominazione Sede Scopi ed attività - Durata ART. 1 Costituzione e denominazione E costituita ai sensi dell art.14 e seguenti del Codice Civile tra aziende produttrici

Dettagli

Regolamento concernente la promozione della proprietà di un abitazione della Tellco Pensinvest

Regolamento concernente la promozione della proprietà di un abitazione della Tellco Pensinvest Regolamento concernente la promozione della proprietà di un abitazione della Tellco Pensinvest valevoli dal 24.07.2012 Tellco Pensinvest Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

Preventivo Finanziario Decisionale 2014

Preventivo Finanziario Decisionale 2014 Preventivo Finanziario Decisionale 2014 CONSORZIO DI BONIFICA 8 - RAGUSA Via Stesicoro 54,56 Ragusa(RG) null PARTE I ENTRATE E000001 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE PRESUNTO NON VINCOLATO E000002 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO Per la concessione in locazione delle Botteghe Artigiane

REGOLAMENTO Per la concessione in locazione delle Botteghe Artigiane C O M U N E D I S I N N A I Provincia di Cagliari Parco delle Rimembranze C.A.P. 09048 Tel. 070/76901 Fax 070 781412 www.comune.sinnai.ca.it Allegato alla deliberazione C.C. n 24 del 14 Giugno 2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

MPA pittori e gessatori

MPA pittori e gessatori MPA pittori Il modello di pensionamento anticipato flessibile Stato di avanzamento: «piccolo gruppo di lavoro CPPC» del 21.8.2013 2 / 24 Temi: Filosofia di base del MPA Basi di calcolo Prestazioni / criteri

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO ANNESSO N. 9 allo stato di previsione della spesa del Ministero del lavoro e della previdenza sociale per l'anno finanziario 1977 CONTO CONSUNTIVO ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

Dettagli

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e II giorno 8 dicembre 2007, in Bergamo t r a UBI Banca S.c.p.a. Banca Popolare di Bergamo S.p.A. Banco di Brescia S.p.A. Banca Popolare Commercio & Industria S.p.A. di seguito Cedente, Banca Popolare di

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE CIPAG IL FONDO PENSIONE FUTURA Problem Setting Perché è importante disporre in vecchiaia di un assegno pensionistico adeguato? Come garantire nel tempo agli iscritti un dignitoso

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

TRATTAMENTO PENSIONISTICO

TRATTAMENTO PENSIONISTICO TRATTAMENTO PENSIONISTICO di Valerio Cai, dalla Gilda di Firenze, 2 dicembre 2005. Le riforme del sistema pensionistico, attuate a partire dal 1992, hanno mirato ad impedire il prepensionamento e a ridurre

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli