Giovanni Cammareri La processione dei Misteri a Trapani ISBN by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni Cammareri La processione dei Misteri a Trapani ISBN 9788877584405. 2015 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel."

Transcript

1

2 Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealtà del nostro giudizio; e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato e rispettato. In altre parole: per poter criticare si dovrebbe avere un amorevole capacità, una chiara intuizione e un assoluta tolleranza. Gandhi

3 Giovanni Cammareri La processione dei Misteri a Trapani ISBN by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel Prima edizione: marzo 2015 Cammareri, Giovanni <1956-> La processione dei Misteri a Trapani : dinamiche evolutive e frammenti di tradizione / Giovanni Cammareri. - Palermo : D. Flaccovio, ISBN Processione dei Misteri <Trapani> CDD-22 SBN PAL CIP - Biblioteca centrale della Regione siciliana Alberto Bombace Tutte le immagini sono proprietà dei rispettivi soggetti citati. La fotocopiatura dei libri è un reato. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata dagli aventi diritto/dall editore.

4 SOMMARIO Premessa... pag. 7 Prima parte Ai tempi del Mondello...» 35 Processionanti di oggi...» 46 La musica viene prima...» 54 Volontari, questua, cerimonie religiose e altre innovazioni...» 62 L Unione Maestranze...» 78 La Confraternita...» 88 Ciack, si gira...» 95 Seconda parte I Misteri...» 107 Restauri...» 114 La chiesa di S. Michele: mito e rimpianto...» 123 A scinnuta ru misteri...» 132 Percorsi misteriosi...» 138 Il » 152 L alternanza...» 157 Cala il sipario...» 164 Bibliografia...» 175

5 Premessa La proposta di una processione estiva dei Misteri fu una boutade. Lo affermò lo stesso ideatore, Enzo Tartamella, noto giornalista trapanese che nel numero del 5 aprile 2013 di Nuova Città l ebbe a lanciare alla stregua di una libera raccolta di opinioni. Con grande libertà, senza ostilità preconcette, ma con il piacere della dialettica, aveva scritto, tratteggiando tuttavia con approssimata acribia i contorni di qualcosa che pareva ben distante dalle provocazioni. L edizione sarebbe stata notturna, magari ridotta, con soli dieci gruppi e con la benedizione dell autorità ecclesiastica che avrebbe apprezzato una riedizione fedele e liturgica: sebbene non si riesca a comprendere cosa egli intendesse per fedeltà della riedizione e cosa c entrasse la liturgia. Il dibattito seguì davvero. Bastò che uscisse il numero successivo del giornale. Il parlamentare Michele Rallo definì l idea brillante, il parere del notaio Rosanna Figlioli fu abbastanza favorevole, mentre l architetto Giovanni D Aleo, ex presidente dell Unione Maestranze la struttura deputata all organizzazione della processione la definì addirittura congeniale con la cultura e la fede dei trapanesi. E visto che c era, giocò al raddoppio della decontestualizzazione: all edizione estiva aggiunse la rivisitazione storica della processione, da svolgersi però nella città nuova! A mantenersi nei ranghi fu lo studioso Salvatore Accardi, razionalmente contrario e semmai propositivo verso una promozione turistica, sempre estiva, da realizzare con l ausilio di supporti video. Ora, se davvero quello fu uno scherzo e non un arguta correzione di rotta scaturita da un rendersi conto della grossolanità della 7

6 proposta, rimane ai limiti del grottesco la serietà con la quale gli ignari intervistati, vittime pubbliche dello scherzo, si prestarono ad affrontare l argomento. In tal caso Tartamella riuscì pienamente nell intento di provocare. A lui vanno i miei complimenti e i più sentiti ringraziamenti per aver fatto scoccare la scintilla ispiratrice di questo lavoro che non può assolutamente esimersi da un paio di ragionevoli quesiti iniziali. Se qualcuno, infatti, per burla o reale convinzione ebbe l acume di avanzare quella proposta, qualcosa, a questa processione, sarà pure accaduto. La risposta potrebbe provenire da certe frange di puristi della tradizione e da nostalgici a vario titolo, quando parlano di un vero e proprio disastro culturale. Necessiterebbe dare contenuti a questa manifestazione, affermò monsignor Alessandro Plotti in un intervista rilasciatami per un articolo uscito su Il Monitor del 18 ottobre 2013, contestualmente alla conclusione del suo mandato di amministratore apostolico della Diocesi di Trapani. Interessante notare come l arcivescovo preferisca definirla manifestazione e non processione e che a un certo punto, con apparente riferimento ad altre processioni cittadine, concluda: Non c è messaggio che viene percepito, per cui talvolta diventano solo folclore un po kitsch. Eppure, tanta altra gente, unitamente alla maggior parte dei media locali, non si è accorta di nulla. Al massimo, i commenti più critici sulla riuscita della manifestazione perché di manifestazione sembrerebbe più giusto parlare non vanno oltre alle più o meno evidenti scollature del corteo, cioè alle distanze, ai distacchi che vengono a crearsi nell arco della sua lunga durata fra un gruppo sacro e il successivo. Per il resto, routine: le buone o cattive condizioni climatiche, l affluenza della gente. 8

7 Alla fine, soprattutto i media insistono sulla grandiosità, sulla straordinarietà dell evento annuale, riassumendo il tutto nella durata complessiva, in qualche ritardo sulla tabella di marcia, nel numero delle bande, nei fiori costosi degli addobbi o ponendo, nel corso di certe trasmissioni televisive, domande del tipo: Cosa fate per rendere la processione più appetibile ai turisti? Ossia, l amara conferma delle gravi motivazioni che in Sicilia hanno guastato molte feste religiose, ritenendo di doverle organizzare proprio per i turisti. Quindi, il conduttore passa ad altre domande: Quanto è lungo il corteo? È il più lungo d Europa? E la risposta compiaciuta: È un fatto oggettivo. Senza sapere che esistono cortei più lunghi. Sempre se la cosa possa essere di rilevante importanza. Soprattutto però, in questi programmi faziosi non si vede gente che abbia studiato davvero la processione, storici veri, opinionisti liberi (di mente), antropologi, cultori di tradizioni popolari, magari semplici appassionati, comuni cittadini ai quali venga permesso di dire la loro. Lasciando affermare liberamente a un presidente qualsiasi dell Unione Maestranze che gli itinerari devono tenere conto degli assi commerciali e contestualmente aggiungere: Siamo i custodi della tradizione! I custodi di cosa? Uno si chiede tra sé e sé, pensando di aver capito male. Che sia stato il maestro cerimoniere, la tradizione? Riassumendo, i loro parametri sono altri rispetto a chi seriamente studia e indaga davvero questi fenomeni. Di fatto, non si riesce soprattutto a comprendere quanto male faccia alla stessa processione questa continua esaltazione dei numeri. Perché la gente poi ci crede veramente. E si confonde. Ci crede in Quaresima, durante la lunga vigilia che accompagna le chiacchiere sterili attorno ai numeri, appunto, annoiandosi il Venerdì Santo quando, guardandola passare, si annoia e si stanca; si spazientisce, non comprende, e molte volte va via. 9

8 Ne avevano parlato così bene! Pure nei libri: una ricca, mai esaurita produzione scaturita da un interesse, secolare anch esso, per i Misteri. La loro lunga storia, la loro originalità artistica, gli aspetti etno-antropologici, religiosi, di una processione davvero antichissima e storica. Dibattiti riguardanti i presunti o reali autori di tali sculture vengono addirittura ancora alimentati. Certezze e incertezze su tutto. La Confraternita del Preziosissimo Sangue (comunemente detta di S. Michele), le maestranze, gli atti notarili che a ciascuna di esse vennero rogati per l assegnazione di un mistero, per non parlare delle dispute giuridiche sulla proprietà delle sculture. Tribunali civili ed ecclesiastici furono tenuti in moto per decenni, quasi ad acuire ulteriormente l importanza del contendere. Per fortuna, la processione dei Misteri abbiamo fatto in tempo a vederla. Quelli della mia generazione hanno avuto l occasione di spingersi oltre un presente che ancora offriva qualche possibilità di raffronto con il passato. Sottoponendo l immaginazione a uno sforzo non tanto gravoso potevamo farci una buona idea di com era stata. I raffronti con vecchi filmati, fotografie e descrizioni ancora più antiche ci confortavano. L immaginazione non tradiva l aspetto estetico della processione ch era stata, nella constatazione della metamorfosi, comunque costante. Prima lentissima, quindi lenta e poi rapidissima, devastante come un ciclone. Ma qui occorre fermarsi un attimo su un nuovo quesito. Una festa in genere, nella sua accezione precisa, con chiaro riferimento alla tradizione, va cambiata o deve essere mantenuta immutabile nei secoli? Risposta: va cambiata. O meglio, si cambia da sola. In relazione ai tempi che mutano, ai valori e al sociale che si trasformano, all economia che trasforma le proprie regole, va modificata pure la festa. Pensare di poterla mantenere negli stessi, identici schemi, nei medesimi aspetti dei secoli pregressi, se non pura follia è quantomeno utopia o idea grossolana. Diciamolo chiaramente: una 10

9 festa, così come trovava svolgimento nel 700, risulterebbe anacronistica, fuori dal tempo, dal nostro tempo. Fatima Giallombardo 1 la definirebbe festa archeologica. E l archeologia è una scienza che guardiamo con stupore mentre fornisce l affascinante traccia di qualcosa che viveva, che respirava, pulsava. Ma al momento irrimediabilmente morta e testimoniata da resti bellissimi che però non ci appartengono. Allo stesso modo di certi dipinti, di taluni manufatti eccezionali esposti nei musei e che non metteremmo mai nelle nostre case. Beni culturali, insomma, che riscuotono la nostra grande ammirazione, ma solo quella. Sono cambiati i gusti negli arredi e le funzionalità delle cose. Del resto sono trascorsi anni e perfino epoche. Avrebbero ragione, per questo, gli innovatori di tutto e a tutti i costi e i giornalisti avvezzi a ravvisare perfino nelle processioni la corsa al guinness dei primati. Senonché, esiste il concetto di tradizione. E della memoria che deve rinnovarsi in essa. Tradizione proviene dal latino tradere. Significa: consegnare. Rinnovare la tradizione vuol dire trasmettere, riconsegnare integro quanto si è ricevuto, trasmettere di generazione in generazione un patrimonio culturale accumulato e custodito nei secoli. Questo patrimonio non è proprietà del singolo ma della collettività, la stessa che si identifica in una comunità. Nessuno ne può fare scempio, significherebbe tradire un testamento. Scrisse un vescovo 2 : Tanto più ricco è il patrimonio che si riceve, che si conserva con cura, che si riesce a trasmettere, tanto più grande e bella è la tradizione. Che rinnova quindi la memoria, cosa ben diversa dai ricordi. Pure la memoria appartiene a tutti. Al singolo appartengono i ricordi e il personalissimo modo di serbarli. E ogni singola 1 È stata ricercatrice presso l Istituto di Scienze Antropologiche e Geografiche della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università di Palermo. 2 Alfredo M. Garsia, già vescovo di Caltanissetta. 11

10 anamnesi è assolutamente filtrata dalle proprie emozioni, da propri stati d animo e dal proprio vissuto. Per tale ragione nessun singolo può permettersi di abolire un qualsiasi simbolo, un certo elemento in uso in una tradizione solo perché a essa non si confanno i suoi gusti. Nessun singolo può inventarsi di punto in bianco soluzioni assolutamente alternative in merito al proprio, personalissimo modo di vedere una certa tradizione che invece non può mai avere chiavi di lettura individualizzate. Cambiamenti di percorsi, di insegne, di stendardi, di modalità (perfino) rituali non possono risultare condivisibili se vanno a modificare situazioni esistenti e vive. Che fanno ancora parte della tradizione, che appartengono alla memoria di un popolo. Nella processione dei Misteri di Trapani dovremmo allora, per esempio, vestire quanto rimarrebbe (poco o niente) delle antiche maestranze (oggi categorie economiche) con abiti settecenteschi? Il quesito nasce da ulteriori proposte che di tanto in tanto si affacciano in questo variegato universo, come l allestimento di una processione storica e rievocativa (non estiva) di cui qualche altro parlò agli inizi degli anni 90 dello scorso secolo. Tuttavia, il quesito di prima aiuta a comprendere meglio altri ragionamenti inerenti al vissuto festivo in generale. Dunque, la risposta alla domanda precedente è: no. Gli abiti indossati nel 700 non erano costumi, ma il normale abbigliamento di una certa epoca. Nessuna forma di folclore, nell accezione più ampia e degenerativa del significato, veniva perpetrata a fini spettacolarizzanti e, in un certo senso, speculativi. Ovviamente però, il problema di questa processione non sarà solo il vestiario. Quello voleva essere semplicemente un esempio. Ci chiediamo invece se determinate invenzioni, migliorative della vita dell uomo, possano essere trasferite all interno di una cerimonia al fine di esemplificarne, migliorarne, praticizzarne le modalità rituali. Per la verità ciò mi sembra un nonsenso. Ele- 12

11 menti dettati dall esigenza di far prima, di essere moderni, di adeguarsi ai tempi, appaiono già in partenza in antitesi con il più profondo significato di rito. A Trapani, i sacri gruppi dei Misteri percorrevano certe strade per la precisa ragione di dover fare ingresso nelle parrocchie e nelle rettorie, nelle chiese dei monasteri e dei conventi. La processione durava in origine intorno alle cinque-sei ore e prima dell avvento delle bande musicali i cantori ne accompagnavano il cammino cantando lo Stabat Mater, il Miserere e altri canti di circostanza, fuori e all interno delle numerose chiese visitate. Durante il tragitto le vare venivano adagiate sulle forcelle che, poste nell intercapedine delle aste, dovevano essere tenute dai portatori affinché il gruppo non precipitasse per terra. Fino a quando non si divulgò l uso del gas, prima, e dell elettricità, poi, l illuminazione sui fercoli fu mantenuta rigidamente a cera. Le candele erano alte e sottili, proporzionate alla grandezza delle statue. Più ridotte erano quelle che venivano collocate all interno di artistici lampioncini in ferro battuto indorato, generalmente installati agli angoli delle vare, che completavano così l aspetto visivo (estetico) reso sacrale proprio dal naturale uso della cera posta nei candelabri e nelle lanterne; oggetti, cioè, piuttosto consoni all idea di sacro in genere. I singoli gruppi erano preceduti dalle maestranze cittadine. I rappresentanti di ognuna di esse, generalmente in numero di venti, nel rispetto di quanto statuito dagli atti notarili, conducevano un cero ciascuno e indossavano giacca, pantaloni, cravatta e guanti neri, trovando diversificazione attraverso il cosiddetto abbitinu, una piastra lavorata d argento e velluto che, tenuta all altezza del petto da un elegante cordicella al collo, riproduceva il Mistero di appartenenza. Lo stendardo condotto da ciascuna maestranza era unico e ufficiale, ossia quello con l effigie del proprio santo protettore, ma 13

12 nell occasione abbrunato, ricoperto cioè da un velo nero in segno di lutto, e per questo tenuto abbassato. Uno stendardo rosso, con impresso sui due lembi il Mondo con le ali all interno del quale la scritta S.P.Q.R. da un lato, Quis ut Deus dall altro era invece il vessillo della confraternita, che il Venerdì Santo vi annodava un nastro nero in cima, in segno di lutto. In testa al corteo, precedeva dunque i confratelli del Preziosissimo Sangue di Cristo sotto il titolo di S. Michele Arcangelo, in sacco rosso e visiera e mantello bianchi, colori assunti dopo la fusione tra il primo e il secondo sodalizio. I confrati portavano inoltre in spalla il simulacro di Gesù nel Sepolcro o, meglio, u Signuri n Monumentu, come era anticamente e normalmente chiamato. Il medesimo abito confraternale fu indossato dai nobili della città nella conduzione della statua dell Addolorata fino a quando la cultura post-unitaria non fece demandare tale compito, assieme all abito, ai camerieri, cuochi e cocchieri che presso le famiglie nobiliari prestavano servizio. Notizie tramandateci da autori di libri e diaristi del tempo ci informano che dietro l Addolorata seguivano infine le rappresentanze civiche del Senato, il Capitano di Giustizia e il sindaco, assieme al governatore della confraternita. Ciascuno recava un cero acceso. In origine, l antica Casazza Magna del Venerdì Santo registra la naturale presenza, per l epoca e per le origini penitenziali del rito, di battitori dediti alla pubblica fustigazione a sangue, presenza definitivamente proibita con decreto del 2 gennaio 1856, a firma di monsignor Ciccolo Rinaldi, vescovo di Trapani. In un documento del 1614 conservato presso la curia di Mazara del Vallo si legge: Ogni Venerdì Santo, dopo mangiari, si fa la cercha con 180 battenti in circa et portandosi in processione tutti li misterii della SS. Passione di Gesù X.to nostro et il X.to nel monumento con grandissima devotione et pietà et sua musica. 14

13 Ciaccule, foto di Giuseppe Fortunato Ma una figura ho voluto tralasciare, proprio per porla in ultimo: giusto quella che era la prima di tutte. Occorre sapere che antica consuetudine della Confraternita di S. Michele era quella di farsi precedere dal personaggio dell Arcangelo. Ciò accadeva nelle processioni organizzate dalla stessa confraternita, ossia il Risorto e San Michele, e in quelle a cui semplicemente interveniva: l Immacolata 3, Sant Alberto (patrono della città), Corpus Domini, eccezionali trasporti della Madonna di Trapani, dal Santuario in città e ritorno. Il personaggio simbolo compariva dunque con la spada sguainata verso l alto, impugnata con una mano, e lo scudo con l epigrafe Quis ut Deus retto dall altra. Ma il Venerdì Santo, il suo aspetto solito e trionfale mutava in lutto. Coprendo il suo viso con un velo nero e reggendo tra le mani una croce astile anch essa nera, dalla quale pendeva il 3 Si teneva la domenica in Albis. 15

14 bianco sudario con impressi i simboli del Mondo con le ali, era il primo a giungere in strada, varcato il cancello del cortile della chiesa. Dietro di lui, il resto della sacra comitiva. Una tromba monotona e un tamburo velato ne annunciavano il passaggio. Se era un giorno di festa avvolto nel lutto, o un giorno di lutto vissuto in festa, non necessita stabilirlo. Penso però dovette essere un giorno speciale. 16

15 Il manifesto del celebre disegnatore Filippo Romoli (Savona Genova 1968) che, utilizzato per quasi un trentennio a partire dal 1957, era divenuto un vero e proprio logo promozionale della processione

16 Itinerario 700 fine Uscita dalla chiesa di S. Michele Via S. Michele, largo Franchì, Buscaino, Cuba, Barone Sieri Pepoli, Carreca, Orfani, vicolo Itria, Garibaldi, piazza Cavour, XXX Gennaio, Serraglio S. Pietro, S. Pietro, S. Elisabetta, largo Franchì, Orfeo, p.zza S. Agostino, p.tta Saturno, Torrearsa, Casina delle Palme, p.zza Lucadelli, Turretta, N. Nasi, Tartaglia, largo S. Franc. d Assisi, Corallai, c.so Vitt. Emanuele, Torrearsa, Garibaldi, Badia Nuova, delle Arti, Barone Sieri Pepoli, Cuba, Buscaino, largo Franchì, S. Michele. Sono state utilizzate le denominazioni attuali delle vie. Aggiunte e modifiche successive Chiese 1

17 Itinerario fine 800 prime decadi Uscita dalla chiesa di S. Michele Via S. Michele, largo Franchì, Buscaino, Cuba, Barone Sieri Pepoli, delle Arti, Torrearsa, Garibaldi, Barone Sieri Pepoli, Carreca, Orfani, XXX Gennaio, Mercè, piazza S. Francesco di Paola, vico Todaro, S. Eligio - Carrara (già via Gurga), Giudecca, Apì, c.so Italia (tratto già via e largo Tardia), Serraglio S. Pietro, S. Pietro, S. Elisabetta - S. Pietro (in quanto la processione faceva ingresso dalla porta laterale della chiesa di S. Maria di Gesù, uscendone dalla principale posta sulla via S. Elisabetta, per poi tornare sulla via S. Pietro), S. Agostino, p.tta Saturno, Torrearsa, C.na delle Palme, p.zza Lucadelli, Turretta, N. Nasi, Tartaglia, largo S. Francesco d Assisi, Corallai, c.so Vittorio Emanuele, Arco dell Orologio, p.tta Notai, Balì Cavarretta, largo Franchì, S. Michele. Sono state utilizzate le denominazioni attuali delle vie. Aggiunte successive Chiese 2

18 Itinerario fine anni 20 fino al Uscita dalla chiesa di S. Michele Via S. Michele, largo Franchì, Buscaino, Cuba, Barone Sieri Pepoli, delle Arti, Torrearsa, c.so Vittorio Emanuele, Roma, Libertà, Garibaldi, Barone Sieri Pepoli, Carreca, Orfani, XXX Gennaio, Mercè, piazza S. Francesco di Paola, vico Todaro, S. Eligio - Carrara (già via Gurga), Giudecca, Apì, c.so Italia (tratto già via e largo Tardia), Serraglio S. Pietro, S. Pietro, S. Elisabetta - S. Pietro (fino a quando la processione non fece più ingresso in S. Maria di Gesù; successivamente, eliminato il breve tratto di via S. Elisabetta), S. Agostino, p.tta Saturno, Torrearsa, Casina delle Palme, p.zza Lucadelli, Turretta, N. Nasi, Tartaglia, largo S. Francesco d Assisi, Corallai, c.so Vitt. Emanuele, piazza Gen Scio, c.so Vitt. Emanuele, Arco dell Orologio, p.tta Notai, Cuba, Buscaino, largo Franchì, S. Michele. Sono state utilizzate le denominazioni attuali delle vie. N.B. Nel 1946 il percorso conserva, almeno nelle intenzioni, la presente struttura, sebbene la processione venga avviata e conclusa alla Badia Grande e talune vie devono essere sostituite a causa delle macerie che le rendevano inaccessibili (vedi cap., Percorsi misteriosi). Chiese 3

19 La spartenza (Orefici), foto di Angelo Guarnotta La lavanda dei piedi (Pescatori), foto di Angelo Guarnotta

20 Gesù nell orto (Ortolani), foto di Angelo Guarnotta L arresto (Metallurgici), foto di Angelo Guarnotta

21 Prima parte

22 Ai tempi del Mondello Nel 1992 diedi alle stampe un manoscritto datato 1901 (con qualche nota aggiuntiva fino al 1903) che l autore, il canonico Fortunato Mondello 4, non riuscì a pubblicare. La processione del Venerdì Santo in Trapani, titolo dell opera, incentra i suoi contenuti principalmente attorno all arte, innestando in essa ragionamenti di natura religiosa e perfino teologica. Attraverso i suoi studi, Mondello concorda con talune paternità artistiche riguardanti ovviamente i Misteri, tentando di smentirne qualcuna e proponendone di nuove. Nell insieme finisce col confermare il XVIII secolo quale periodo in cui furono realizzate le sculture e venne completata definitivamente la collezione, rimanendo molto più antica la processione. Fu infatti a partire dal 1602, anno in cui viene ufficialmente fondata a Trapani la Compagnia del Preziosissimo Sangue di Cristo, che la processione dei Misteri cominciò a muovere i suoi primi passi. Probabilmente con personaggi (nel significato più arcaico e teatrale di misteri ), di sicuro con penitenti e con sculture di scarso pregio artistico. Non a caso, l autore ripetutamente mette a confronto le date delle concessioni notarili da parte della Compagnia alle maestranze cittadine con le date di nascita degli autori degli attuali gruppi, i vari Pisciotta, Milanti, Nolfo, ecc., nati abbastanza posteriormente agli anni delle concessioni, cui va aggiunto il tempo affinché 4 Al secolo Giuseppe Mondello, nasce a Trapani il 28 dicembre 1834, dove muore il 12 luglio Autore di una vasta produzione libraria, ricoprì numerose e rilevanti cariche in ambito ecclesiastico ricevendo parecchi riconoscimenti, nazionali e internazionali, nel campo della cultura. Fu cantore della Cattedrale e direttore della locale Biblioteca Fardelliana. 35

23 essi crescessero e raggiungessero una certa maturità artistica. Il presente volume, però, non ha pretese di imbastire disamine artistiche. Né storiche o addirittura di natura teologica. L intento principale rimane l analisi della dinamica evolutiva della processione. Tutto qua. Rimane semmai da chiarire al lettore il riferimento a Mondello e alla sua opera: l interesse suscitato in me non fu tanto legato alle Canonico Fortunato Mondello questioni, per così dire, artistiche, ma da certe rare e preziose pennellate che qua e là lasciano intravedere l aspetto popolare della processione e non solo. È un aspetto che intriga e affascina, ossia quell afflato tra la gente (fedeli, appassionati, semplici curiosi, turisti) e la processione. Un raffronto tra ieri e oggi reso possibile da pochi, succinti ma preziosi riferimenti a questo momento che move a festa cittadini e forestieri, scrisse. Tuttavia, ciò che maggiormente mi colpì a una prima lettura fu il suo atteggiamento critico nei confronti di situazioni che biasimava. Il manoscritto, non dimentichiamolo, è datato 1901, ma a conti fatti è la processione di fine 800 che Mondello conosce, descrive e commenta. Lo colpiscono la rumorosità in particolare quella dei facchini, ossia i portatori il reiterato grido Avanti! delle guardie municipali al fine di sollecitare l incedere del corteo, le grida assordanti de venditori e l atteggiamento della gente: il brulichio della fitta popolazione, lo spasso riprovevole di tutta la notte. La gente, insomma, molto propensa a distrarsi, non saziandosi di vedere i Misteri, unico oggetto di curiosità e mai di devozione; la gente che magari mangia calia, o il ghiotto dolciume dei bambini, ascoltando le bande musicali. Diverse musiche, venute dalla Provincia con le loro marce funebri, invece di ridestare migliori senti- 36

24 menti nell animo, atteso lo spirito indifferente de tempi, divagano l immensa folla, che spensierata rivolge altrove la mente. Sebbene si compiaccia di coloro, che con religioso contegno, riparano alla gazzarra della plebe. È il solito contrasto, tipico delle feste, insito nelle espressioni della pietà popolare, da sempre oggetto di critiche ma che si traduce in un elemento fondamentale atto a dar linfa a sopravvivenze plurisecolari. Proprio per tale ragione le nostre feste religiose si traducono in fenomeni da studiare, in cose da vedere. Ecco: la rinomanza dell evento, una popolarità che già allora varcava i confini della città sebbene il termine turista non fosse stato ancora coniato. Allora, quelli che arrivavano qui erano semplicemente forestieri che, non avendo la possibilità di fotografare, prendevano nota ne loro taccuini. Dalle vaghe ma utilissime descrizioni dal sapore contemporaneo, ci rendiamo conto che da un certo punto di vista poco è cambiato. Ma il Mondello ci informa pure, inconsapevolmente, di taluni aspetti tipici e caratterizzanti della processione. Primo fra tutti, la presenza di ciascuna maestranza innanzi al gruppo sacro di appartenenza. Sebbene occorra comunque ricordare che all epoca, già da tempo, le maestranze non godevano più di riconoscimento sul piano giuridico. Ciò da quando il vento della rivoluzione francese si propagò in tutta Europa e i moti del 20 condussero alla legge del 23 ottobre 1821 che le soppresse. Le Maestranze, scrive però ugualmente l autore, precedono il proprio Misterio con ceri accesi e vi si associano tutta la notte. È indubbio l uso degli abiti neri: Non si affrettano che a darsi briga per fornirsi di abiti neri, e preparare i ceri, ardenti per tutta la notte: Gelosi de loro antichi usi. E più avanti, quando descrive il corteo che precede Gesù dinanzi ad Hanna, ritorna sull argomento: Essendo, in tutti i Misteri, conforme l accompagnamento con ceri accesi, rilevando inoltre la brillante comparsa de giovinetti, figli de venditori splendendo i loro petti di catenelle d oro e preziosi monili. Prima di ribadire ancora 37

25 una volta che nel Venerdì della Settimana Santa vi è la comparsa di abiti neri indossati da processionanti. Credo possa bastare. Fortunato Mondello rammenta inoltre il tempo in cui erano gli stessi maestri artigiani a condurre in spalla il proprio gruppo e, dato significativo, nel loro ruolo di portatori non indossavano l abito scuro ma una livrea (che egli chiama sacco) diversa per ciascuna maestranza, distinguo poi mantenuto quando il trasporto passò ai massari, i facchini, ossia i portatori remunerati. Le antiche Maestranze nell accompagnamento processionale del Misterio vestivano il sacco proprio, lasciando ora ai facchini, che lo conducono in spalla con la divisa dell arte. Oltre alle sparute foto d epoca, a confermarlo saranno successivi opuscoli e manifesti divulgativi prodotti fino all anteguerra. In essi è riportata la seguente dicitura: Tutti i portatori dei Misteri avranno la tenuta di prescrizione, con le insegne delle varie Arti. L eccezione, lo sappiamo, riguardava l Addolorata: Portano la bara e il baldacchino uomini con il tradizionale abito dei Fratelli dell Arcangelo e pure L Urna con il Cristo morto fino a quando la Confraternita non lo cedette ai Pastai. Così il Mondello, ma in un precedente lavoro edito nel 1882: Questa Compagnia, dopo tutte le Maestranze, conduce anch essa, il decimonono Mistero che rappresenta G. Cristo nel Sepolcro, ed è l unico corpo chiesastico che ha luogo nella divisata secolare comparsa (in Spettacoli e Feste popolari in Trapani, pag. 20). Lo studioso ci conferma infine, essendo ai suoi tempi ancora in uso da parte degli Ortolani condurre in spalla il proprio gruppo, che fu esattamente questa l ultima categoria ad affidarne il trasporto ai cosiddetti massari, termine con il quale a Trapani si fa riferimento ai portatori retribuiti: Vien potato in spalla dagli stessi ortolani, scrive nella sua opera. Apprendiamo inoltre di una consueta offerta elargita dai Pescatori una volta arrivati alla chiesa di S. Pietro: Quattro sacerdoti, beneficiati, si associano loro nella processione dalla porta latera- 38

26 L antico Monumento appena fuori dal cortile di S. Michele nel 1901 le della chiesa sino alla porta maggiore da dove esce il gruppo della Lavanda. E nello stesso tempo la forte e radicata usanza del continuo entrare e uscire dalle chiese cittadine, dello Stabat Mater che vi si cantava e dei musici che erano spesati dal Municipio. L Addolorata sostava innanzi all abside un po più degli altri. Pochi strumenti musicali accompagnavano le note del Mercadante, e più spesso di Tommaso Lombardo. Mi permetto di aggiungere che pure lo Stabat Mater di Pergolesi, più raramente quello di Rossini, venivano eseguiti. Piace infine evidenziare altre due cose: la dinamicità che dovette ruotare attorno alla processione e la sua durata, già intorno alle dodici ore. Niente di più esaustivo delle parole del canonico. Mi divago alle continue fermate dei facchini, i quali si affaticano ad accendere le torce, a cambiar la cera Passasi in questo modo la santa notte, aspettando gli ostinati sonnicchiosi che il chiaror dell alba venga a movere i tardi facchini, in livrea, saturi di pane e di vino, e rientrare finalmente, a sole spiegato, nella chiesa di San Michele. Ecco, la processione di fine 800 che rientra con il sole del Sabato di Gloria che aveva cominciato ad allungare i suoi raggi sopra i Misteri. Eppure, nel suddetto periodo, la conclusione ufficiale rimaneva fissata verso le tre della notte o poco più tardi. Oltre ai documenti ufficiali, un articolo a firma di Pasquale Gianno, apparso sul Corriere Trapanese del 5 aprile 1896, lo ribadisce implicitamente, riferendo di un immancabile incidente. 39

27 Sosta e funzione religiosa in piazza Vittorio Emanuele con luna park; anno 1981, archivio Paolo Grimaudo to si ebbe l impressione che i Misteri uscissero proprio in funzione dell entrata, momento mediatico in cui poter dare sfoggio a variegate performance. Un rapido salto in avanti fino ai nostri giorni segnala l arrivo di altri volontari, questa volta portatori diurni. Per distinguersi indossano giacca e cravatta. Contestualmente anche le tenute dei portatori sono diventate un optional. Chi le mette e chi no, chi indossa solo il cappellino, chi solamente la tunica. Eppure la visione omogenea di portatori con tuniche e cappellini col pon pon aveva avuto un suo fascino, una sua bellezza, un suo ordine mentale e visivo. Ma partiamo da più lontano. Abbiamo visto che quando le antiche maestranze conducevano il Mistero, indossavano le livree. Diverse da una maestranza all altra, il Mondello le considerò divise dell Arte. Tali restarono quando il trasporto passò a persone 75

28 retribuite. Sopravvissute fino all immediato Dopoguerra, pure queste divise subirono nel tempo delle modifiche. Una prima uniformità si ebbe con la realizzazione di tuniche grigie uguali per tutti, con cappellino di analogo colore; colletti, maniche e pon pon celesti e la scritta del ceto di appartenenza sui bordi dei cappellini. Nel 1956 l Ente Provinciale per il Turismo confeziona tuniche ormai sempre uguali per tutti (fatta eccezione per i portatori dell Addolorata). Sono di colore blu come i cappellini, il cui pon pon è di un rosso scuro analogamente a un ovale bordato d oro sul petto, con una scritta dello stesso colore riferita alla scena portata in spalla da ciascuna ciurma. Le diciture erano: Partenza, Lavanda, All Orto, Arresto, Caduta, Hanna, Negazione, Erode, Flagellazione, Coronazione, Ecce Homo, Sentenza, Calvario, Spogliazione, Sollevazione, Ferita, Deposizione, Trasporto, Sepolcro. Nel 1969 vengono accantonate per essere sostituite da analoghe tenute, ma con una differenza sostanziale: sul petto di tutti i portatori spicca uno stemma con la scritta Ente Provinciale per il Turismo. I tempi delle visibilità e degli sponsor ante litteram diventano maturi. Quando arrivano gli anni 90 e le livree vengono spesate dall Unione Maestranze (di cui si dirà nel paragrafo seguente), la scritta per tutti non può non essere che quella dell associazione organizzatrice. Solo che il colore della tenuta diventa più scuro e, quasi per un inconscia e ormai avviata paura per il colore (quello autentico), i pon pon sono neri. Quindi, i volontari. Che per distinguersi dai portatori, diciamo ufficiali, indossano dunque abito e cravatta, inducendo anche alcuni portatori a fare lo stesso. Poco, evidentemente, sanno delle Maestranze che mettevano la divisa dell Arte, in questa odierna, discutibile e confusa diversificazione con il portatore retribuito. Cresciuto a dismisura il numero di persone da porre sotto le aste, l allungamento di queste ultime diventa necessario. Occorre accontentare tutti. Portatori e volontari. Poco interessa se i gruppi sembrano diventare sempre più piccoli sotto un numero incredibile di portatori a vario titolo che dominano la scena. 76

29 Anno 1948: L arresto nell originaria disposizione delle aste; sono visibili i cavalletti non essendo ancora stati ideati i drappi neri, foto proprietà famiglia Asta E pensare che erano quattro, arrivando col tempo a un ragionevole numero di dieci-dodici al massimo se la pesantezza del Mistero era eccessiva e ora è diventato abnorme a causa pure delle spugne imbevute d acqua collocate sulle vare dai fioristi al fine di garantire il mantenimento della freschezza dei fiori. In barba all acqua assorbita dalle statue. E alla fatica dei portatori, naturalmente. 77

30 L Unione Maestranze L anno 1975 fu il primo in cui la processione venne organizzata da una struttura associativa. Il 23 giugno 1974 era nata l Unione Maestranze. Di fatto, però, fu nel giorno dell Immacolata dello stesso anno che venne convocata la prima assemblea, ratificato lo Statuto e dato luogo alle prime votazioni per la distribuzione delle cariche. La neo associazione ebbe immediatamente la possibilità di riunirsi in quella che fu la sua prima sede di via Poeta Calvino, dove rimase fino al I locali furono ricavati da un area dell ex convento domenicano, nella parte esattamente ad angolo con la Scalinata S. Domenico. Di quella Unione vanno ricordati i signori Paolino Romano (all epoca gestore de La Casa del Vino e ultimo console vinattiere de L ascesa al Calvario), Giuseppe Savona, Pio Romeo, Vito D Aleo, Giuseppe Taormina, Michele Sansica, Salvatore Anastasi, Pietro Lipari, Benvenuto Lantillo, Antonio Nocitra, Francesco Cognata, Gaetano Garuccio, Pierino Bellomo, Salvatore Bellomo, il comandante Francesco Bosco (tra i promotori principali del sodalizio) e il cavaliere Nicola Impellizzeri, secondo presidente 16 della storia e primo di lunga durata. Questi uomini, e ovviamente altri, rappresentarono l anello di congiunzione fra il passato e l inedito presente che apriva nuove prospettive dal punto di vista soprattutto economico: questua e contributi erogati dagli enti pubblici. Tale struttura, insomma, nasce e momentaneamente necessita 16 Cronologia dei presidenti: Francesco Bosco, ; Nicola Impellizzeri, ; Mario Canino, ; Giovanni D Aleo, ; Leonardo Buscaino, ; Ignazio Bruno, novembre 2014 (dimissionario); dal 21 dicembre 2014, Vito Dolce. 78

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE - MODICA

PARROCCHIA SACRO CUORE - MODICA PARROCCHIA SACRO CUORE - MODICA PROGRAMMA RELIGIOSO LUNEDÌ 1 GIUGNO chiesa piccola chiesa grande Ore 19.00: Solenne apertura del mese del Sacro Cuore con S. Messa. Ore 19.45: Trasferimento dei fedeli nella

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Nome e cognome Maurizio Gibertini Via di Valtellina N. 59 C.A.P. 00151 Città Roma

Nome e cognome Maurizio Gibertini Via di Valtellina N. 59 C.A.P. 00151 Città Roma Titolo A volo d Angelo Regia Manuela Costa, Maurizio gibo Gibertini, Carlo Tomassi Soggetto e sceneggiatura Manuela Costa, Maurizio gibo Gibertini, Carlo Tomassi Fotografia Maurizio gibo Gibertini, Carlo

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INDICE. Premessa... 7

INDICE. Premessa... 7 INDICE Premessa... 7 GIOVEDÌ SANTO Schema della Celebrazione... 12 I Santi Padri... 13 Agostino: Vi do un comandamento nuovo... 13 Efrem: L agnello figura e l Agnello vero... 16 Cirillona: La gioia di

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Corso Chierichetti Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Abiti liturgici Per le liturgie, i sacerdoti e coloro che prestano servizio all altare indossano abiti speciali perché si sta svolgendo

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA

LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA IL DECRETO DI ISTITUZIONE DELLA FESTA L'INDULGENZA PLENARIA LEGATA ALLA FESTA LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA E' la più importante di tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia. Gesù parlò

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia

Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Da Napoleone a Umberto II -Storia del Regno d Italia Dipinti, Sculture, Uniformi, Decorazioni, Armi antiche e Documenti Storici in un Percorso Tematico che Racconta la Storia del Regno d Italia www.collezionesabauda.it

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE Illusione reale Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Daniele Tuzi Tutti i diritti riservati Dedicato a coloro che sanno come camminare nell Inferno di questi giorni

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli