Giovanni Cammareri La processione dei Misteri a Trapani ISBN by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni Cammareri La processione dei Misteri a Trapani ISBN 9788877584405. 2015 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel."

Transcript

1

2 Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealtà del nostro giudizio; e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato e rispettato. In altre parole: per poter criticare si dovrebbe avere un amorevole capacità, una chiara intuizione e un assoluta tolleranza. Gandhi

3 Giovanni Cammareri La processione dei Misteri a Trapani ISBN by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel Prima edizione: marzo 2015 Cammareri, Giovanni <1956-> La processione dei Misteri a Trapani : dinamiche evolutive e frammenti di tradizione / Giovanni Cammareri. - Palermo : D. Flaccovio, ISBN Processione dei Misteri <Trapani> CDD-22 SBN PAL CIP - Biblioteca centrale della Regione siciliana Alberto Bombace Tutte le immagini sono proprietà dei rispettivi soggetti citati. La fotocopiatura dei libri è un reato. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata dagli aventi diritto/dall editore.

4 SOMMARIO Premessa... pag. 7 Prima parte Ai tempi del Mondello...» 35 Processionanti di oggi...» 46 La musica viene prima...» 54 Volontari, questua, cerimonie religiose e altre innovazioni...» 62 L Unione Maestranze...» 78 La Confraternita...» 88 Ciack, si gira...» 95 Seconda parte I Misteri...» 107 Restauri...» 114 La chiesa di S. Michele: mito e rimpianto...» 123 A scinnuta ru misteri...» 132 Percorsi misteriosi...» 138 Il » 152 L alternanza...» 157 Cala il sipario...» 164 Bibliografia...» 175

5 Premessa La proposta di una processione estiva dei Misteri fu una boutade. Lo affermò lo stesso ideatore, Enzo Tartamella, noto giornalista trapanese che nel numero del 5 aprile 2013 di Nuova Città l ebbe a lanciare alla stregua di una libera raccolta di opinioni. Con grande libertà, senza ostilità preconcette, ma con il piacere della dialettica, aveva scritto, tratteggiando tuttavia con approssimata acribia i contorni di qualcosa che pareva ben distante dalle provocazioni. L edizione sarebbe stata notturna, magari ridotta, con soli dieci gruppi e con la benedizione dell autorità ecclesiastica che avrebbe apprezzato una riedizione fedele e liturgica: sebbene non si riesca a comprendere cosa egli intendesse per fedeltà della riedizione e cosa c entrasse la liturgia. Il dibattito seguì davvero. Bastò che uscisse il numero successivo del giornale. Il parlamentare Michele Rallo definì l idea brillante, il parere del notaio Rosanna Figlioli fu abbastanza favorevole, mentre l architetto Giovanni D Aleo, ex presidente dell Unione Maestranze la struttura deputata all organizzazione della processione la definì addirittura congeniale con la cultura e la fede dei trapanesi. E visto che c era, giocò al raddoppio della decontestualizzazione: all edizione estiva aggiunse la rivisitazione storica della processione, da svolgersi però nella città nuova! A mantenersi nei ranghi fu lo studioso Salvatore Accardi, razionalmente contrario e semmai propositivo verso una promozione turistica, sempre estiva, da realizzare con l ausilio di supporti video. Ora, se davvero quello fu uno scherzo e non un arguta correzione di rotta scaturita da un rendersi conto della grossolanità della 7

6 proposta, rimane ai limiti del grottesco la serietà con la quale gli ignari intervistati, vittime pubbliche dello scherzo, si prestarono ad affrontare l argomento. In tal caso Tartamella riuscì pienamente nell intento di provocare. A lui vanno i miei complimenti e i più sentiti ringraziamenti per aver fatto scoccare la scintilla ispiratrice di questo lavoro che non può assolutamente esimersi da un paio di ragionevoli quesiti iniziali. Se qualcuno, infatti, per burla o reale convinzione ebbe l acume di avanzare quella proposta, qualcosa, a questa processione, sarà pure accaduto. La risposta potrebbe provenire da certe frange di puristi della tradizione e da nostalgici a vario titolo, quando parlano di un vero e proprio disastro culturale. Necessiterebbe dare contenuti a questa manifestazione, affermò monsignor Alessandro Plotti in un intervista rilasciatami per un articolo uscito su Il Monitor del 18 ottobre 2013, contestualmente alla conclusione del suo mandato di amministratore apostolico della Diocesi di Trapani. Interessante notare come l arcivescovo preferisca definirla manifestazione e non processione e che a un certo punto, con apparente riferimento ad altre processioni cittadine, concluda: Non c è messaggio che viene percepito, per cui talvolta diventano solo folclore un po kitsch. Eppure, tanta altra gente, unitamente alla maggior parte dei media locali, non si è accorta di nulla. Al massimo, i commenti più critici sulla riuscita della manifestazione perché di manifestazione sembrerebbe più giusto parlare non vanno oltre alle più o meno evidenti scollature del corteo, cioè alle distanze, ai distacchi che vengono a crearsi nell arco della sua lunga durata fra un gruppo sacro e il successivo. Per il resto, routine: le buone o cattive condizioni climatiche, l affluenza della gente. 8

7 Alla fine, soprattutto i media insistono sulla grandiosità, sulla straordinarietà dell evento annuale, riassumendo il tutto nella durata complessiva, in qualche ritardo sulla tabella di marcia, nel numero delle bande, nei fiori costosi degli addobbi o ponendo, nel corso di certe trasmissioni televisive, domande del tipo: Cosa fate per rendere la processione più appetibile ai turisti? Ossia, l amara conferma delle gravi motivazioni che in Sicilia hanno guastato molte feste religiose, ritenendo di doverle organizzare proprio per i turisti. Quindi, il conduttore passa ad altre domande: Quanto è lungo il corteo? È il più lungo d Europa? E la risposta compiaciuta: È un fatto oggettivo. Senza sapere che esistono cortei più lunghi. Sempre se la cosa possa essere di rilevante importanza. Soprattutto però, in questi programmi faziosi non si vede gente che abbia studiato davvero la processione, storici veri, opinionisti liberi (di mente), antropologi, cultori di tradizioni popolari, magari semplici appassionati, comuni cittadini ai quali venga permesso di dire la loro. Lasciando affermare liberamente a un presidente qualsiasi dell Unione Maestranze che gli itinerari devono tenere conto degli assi commerciali e contestualmente aggiungere: Siamo i custodi della tradizione! I custodi di cosa? Uno si chiede tra sé e sé, pensando di aver capito male. Che sia stato il maestro cerimoniere, la tradizione? Riassumendo, i loro parametri sono altri rispetto a chi seriamente studia e indaga davvero questi fenomeni. Di fatto, non si riesce soprattutto a comprendere quanto male faccia alla stessa processione questa continua esaltazione dei numeri. Perché la gente poi ci crede veramente. E si confonde. Ci crede in Quaresima, durante la lunga vigilia che accompagna le chiacchiere sterili attorno ai numeri, appunto, annoiandosi il Venerdì Santo quando, guardandola passare, si annoia e si stanca; si spazientisce, non comprende, e molte volte va via. 9

8 Ne avevano parlato così bene! Pure nei libri: una ricca, mai esaurita produzione scaturita da un interesse, secolare anch esso, per i Misteri. La loro lunga storia, la loro originalità artistica, gli aspetti etno-antropologici, religiosi, di una processione davvero antichissima e storica. Dibattiti riguardanti i presunti o reali autori di tali sculture vengono addirittura ancora alimentati. Certezze e incertezze su tutto. La Confraternita del Preziosissimo Sangue (comunemente detta di S. Michele), le maestranze, gli atti notarili che a ciascuna di esse vennero rogati per l assegnazione di un mistero, per non parlare delle dispute giuridiche sulla proprietà delle sculture. Tribunali civili ed ecclesiastici furono tenuti in moto per decenni, quasi ad acuire ulteriormente l importanza del contendere. Per fortuna, la processione dei Misteri abbiamo fatto in tempo a vederla. Quelli della mia generazione hanno avuto l occasione di spingersi oltre un presente che ancora offriva qualche possibilità di raffronto con il passato. Sottoponendo l immaginazione a uno sforzo non tanto gravoso potevamo farci una buona idea di com era stata. I raffronti con vecchi filmati, fotografie e descrizioni ancora più antiche ci confortavano. L immaginazione non tradiva l aspetto estetico della processione ch era stata, nella constatazione della metamorfosi, comunque costante. Prima lentissima, quindi lenta e poi rapidissima, devastante come un ciclone. Ma qui occorre fermarsi un attimo su un nuovo quesito. Una festa in genere, nella sua accezione precisa, con chiaro riferimento alla tradizione, va cambiata o deve essere mantenuta immutabile nei secoli? Risposta: va cambiata. O meglio, si cambia da sola. In relazione ai tempi che mutano, ai valori e al sociale che si trasformano, all economia che trasforma le proprie regole, va modificata pure la festa. Pensare di poterla mantenere negli stessi, identici schemi, nei medesimi aspetti dei secoli pregressi, se non pura follia è quantomeno utopia o idea grossolana. Diciamolo chiaramente: una 10

9 festa, così come trovava svolgimento nel 700, risulterebbe anacronistica, fuori dal tempo, dal nostro tempo. Fatima Giallombardo 1 la definirebbe festa archeologica. E l archeologia è una scienza che guardiamo con stupore mentre fornisce l affascinante traccia di qualcosa che viveva, che respirava, pulsava. Ma al momento irrimediabilmente morta e testimoniata da resti bellissimi che però non ci appartengono. Allo stesso modo di certi dipinti, di taluni manufatti eccezionali esposti nei musei e che non metteremmo mai nelle nostre case. Beni culturali, insomma, che riscuotono la nostra grande ammirazione, ma solo quella. Sono cambiati i gusti negli arredi e le funzionalità delle cose. Del resto sono trascorsi anni e perfino epoche. Avrebbero ragione, per questo, gli innovatori di tutto e a tutti i costi e i giornalisti avvezzi a ravvisare perfino nelle processioni la corsa al guinness dei primati. Senonché, esiste il concetto di tradizione. E della memoria che deve rinnovarsi in essa. Tradizione proviene dal latino tradere. Significa: consegnare. Rinnovare la tradizione vuol dire trasmettere, riconsegnare integro quanto si è ricevuto, trasmettere di generazione in generazione un patrimonio culturale accumulato e custodito nei secoli. Questo patrimonio non è proprietà del singolo ma della collettività, la stessa che si identifica in una comunità. Nessuno ne può fare scempio, significherebbe tradire un testamento. Scrisse un vescovo 2 : Tanto più ricco è il patrimonio che si riceve, che si conserva con cura, che si riesce a trasmettere, tanto più grande e bella è la tradizione. Che rinnova quindi la memoria, cosa ben diversa dai ricordi. Pure la memoria appartiene a tutti. Al singolo appartengono i ricordi e il personalissimo modo di serbarli. E ogni singola 1 È stata ricercatrice presso l Istituto di Scienze Antropologiche e Geografiche della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università di Palermo. 2 Alfredo M. Garsia, già vescovo di Caltanissetta. 11

10 anamnesi è assolutamente filtrata dalle proprie emozioni, da propri stati d animo e dal proprio vissuto. Per tale ragione nessun singolo può permettersi di abolire un qualsiasi simbolo, un certo elemento in uso in una tradizione solo perché a essa non si confanno i suoi gusti. Nessun singolo può inventarsi di punto in bianco soluzioni assolutamente alternative in merito al proprio, personalissimo modo di vedere una certa tradizione che invece non può mai avere chiavi di lettura individualizzate. Cambiamenti di percorsi, di insegne, di stendardi, di modalità (perfino) rituali non possono risultare condivisibili se vanno a modificare situazioni esistenti e vive. Che fanno ancora parte della tradizione, che appartengono alla memoria di un popolo. Nella processione dei Misteri di Trapani dovremmo allora, per esempio, vestire quanto rimarrebbe (poco o niente) delle antiche maestranze (oggi categorie economiche) con abiti settecenteschi? Il quesito nasce da ulteriori proposte che di tanto in tanto si affacciano in questo variegato universo, come l allestimento di una processione storica e rievocativa (non estiva) di cui qualche altro parlò agli inizi degli anni 90 dello scorso secolo. Tuttavia, il quesito di prima aiuta a comprendere meglio altri ragionamenti inerenti al vissuto festivo in generale. Dunque, la risposta alla domanda precedente è: no. Gli abiti indossati nel 700 non erano costumi, ma il normale abbigliamento di una certa epoca. Nessuna forma di folclore, nell accezione più ampia e degenerativa del significato, veniva perpetrata a fini spettacolarizzanti e, in un certo senso, speculativi. Ovviamente però, il problema di questa processione non sarà solo il vestiario. Quello voleva essere semplicemente un esempio. Ci chiediamo invece se determinate invenzioni, migliorative della vita dell uomo, possano essere trasferite all interno di una cerimonia al fine di esemplificarne, migliorarne, praticizzarne le modalità rituali. Per la verità ciò mi sembra un nonsenso. Ele- 12

11 menti dettati dall esigenza di far prima, di essere moderni, di adeguarsi ai tempi, appaiono già in partenza in antitesi con il più profondo significato di rito. A Trapani, i sacri gruppi dei Misteri percorrevano certe strade per la precisa ragione di dover fare ingresso nelle parrocchie e nelle rettorie, nelle chiese dei monasteri e dei conventi. La processione durava in origine intorno alle cinque-sei ore e prima dell avvento delle bande musicali i cantori ne accompagnavano il cammino cantando lo Stabat Mater, il Miserere e altri canti di circostanza, fuori e all interno delle numerose chiese visitate. Durante il tragitto le vare venivano adagiate sulle forcelle che, poste nell intercapedine delle aste, dovevano essere tenute dai portatori affinché il gruppo non precipitasse per terra. Fino a quando non si divulgò l uso del gas, prima, e dell elettricità, poi, l illuminazione sui fercoli fu mantenuta rigidamente a cera. Le candele erano alte e sottili, proporzionate alla grandezza delle statue. Più ridotte erano quelle che venivano collocate all interno di artistici lampioncini in ferro battuto indorato, generalmente installati agli angoli delle vare, che completavano così l aspetto visivo (estetico) reso sacrale proprio dal naturale uso della cera posta nei candelabri e nelle lanterne; oggetti, cioè, piuttosto consoni all idea di sacro in genere. I singoli gruppi erano preceduti dalle maestranze cittadine. I rappresentanti di ognuna di esse, generalmente in numero di venti, nel rispetto di quanto statuito dagli atti notarili, conducevano un cero ciascuno e indossavano giacca, pantaloni, cravatta e guanti neri, trovando diversificazione attraverso il cosiddetto abbitinu, una piastra lavorata d argento e velluto che, tenuta all altezza del petto da un elegante cordicella al collo, riproduceva il Mistero di appartenenza. Lo stendardo condotto da ciascuna maestranza era unico e ufficiale, ossia quello con l effigie del proprio santo protettore, ma 13

12 nell occasione abbrunato, ricoperto cioè da un velo nero in segno di lutto, e per questo tenuto abbassato. Uno stendardo rosso, con impresso sui due lembi il Mondo con le ali all interno del quale la scritta S.P.Q.R. da un lato, Quis ut Deus dall altro era invece il vessillo della confraternita, che il Venerdì Santo vi annodava un nastro nero in cima, in segno di lutto. In testa al corteo, precedeva dunque i confratelli del Preziosissimo Sangue di Cristo sotto il titolo di S. Michele Arcangelo, in sacco rosso e visiera e mantello bianchi, colori assunti dopo la fusione tra il primo e il secondo sodalizio. I confrati portavano inoltre in spalla il simulacro di Gesù nel Sepolcro o, meglio, u Signuri n Monumentu, come era anticamente e normalmente chiamato. Il medesimo abito confraternale fu indossato dai nobili della città nella conduzione della statua dell Addolorata fino a quando la cultura post-unitaria non fece demandare tale compito, assieme all abito, ai camerieri, cuochi e cocchieri che presso le famiglie nobiliari prestavano servizio. Notizie tramandateci da autori di libri e diaristi del tempo ci informano che dietro l Addolorata seguivano infine le rappresentanze civiche del Senato, il Capitano di Giustizia e il sindaco, assieme al governatore della confraternita. Ciascuno recava un cero acceso. In origine, l antica Casazza Magna del Venerdì Santo registra la naturale presenza, per l epoca e per le origini penitenziali del rito, di battitori dediti alla pubblica fustigazione a sangue, presenza definitivamente proibita con decreto del 2 gennaio 1856, a firma di monsignor Ciccolo Rinaldi, vescovo di Trapani. In un documento del 1614 conservato presso la curia di Mazara del Vallo si legge: Ogni Venerdì Santo, dopo mangiari, si fa la cercha con 180 battenti in circa et portandosi in processione tutti li misterii della SS. Passione di Gesù X.to nostro et il X.to nel monumento con grandissima devotione et pietà et sua musica. 14

13 Ciaccule, foto di Giuseppe Fortunato Ma una figura ho voluto tralasciare, proprio per porla in ultimo: giusto quella che era la prima di tutte. Occorre sapere che antica consuetudine della Confraternita di S. Michele era quella di farsi precedere dal personaggio dell Arcangelo. Ciò accadeva nelle processioni organizzate dalla stessa confraternita, ossia il Risorto e San Michele, e in quelle a cui semplicemente interveniva: l Immacolata 3, Sant Alberto (patrono della città), Corpus Domini, eccezionali trasporti della Madonna di Trapani, dal Santuario in città e ritorno. Il personaggio simbolo compariva dunque con la spada sguainata verso l alto, impugnata con una mano, e lo scudo con l epigrafe Quis ut Deus retto dall altra. Ma il Venerdì Santo, il suo aspetto solito e trionfale mutava in lutto. Coprendo il suo viso con un velo nero e reggendo tra le mani una croce astile anch essa nera, dalla quale pendeva il 3 Si teneva la domenica in Albis. 15

14 bianco sudario con impressi i simboli del Mondo con le ali, era il primo a giungere in strada, varcato il cancello del cortile della chiesa. Dietro di lui, il resto della sacra comitiva. Una tromba monotona e un tamburo velato ne annunciavano il passaggio. Se era un giorno di festa avvolto nel lutto, o un giorno di lutto vissuto in festa, non necessita stabilirlo. Penso però dovette essere un giorno speciale. 16

15 Il manifesto del celebre disegnatore Filippo Romoli (Savona Genova 1968) che, utilizzato per quasi un trentennio a partire dal 1957, era divenuto un vero e proprio logo promozionale della processione

16 Itinerario 700 fine Uscita dalla chiesa di S. Michele Via S. Michele, largo Franchì, Buscaino, Cuba, Barone Sieri Pepoli, Carreca, Orfani, vicolo Itria, Garibaldi, piazza Cavour, XXX Gennaio, Serraglio S. Pietro, S. Pietro, S. Elisabetta, largo Franchì, Orfeo, p.zza S. Agostino, p.tta Saturno, Torrearsa, Casina delle Palme, p.zza Lucadelli, Turretta, N. Nasi, Tartaglia, largo S. Franc. d Assisi, Corallai, c.so Vitt. Emanuele, Torrearsa, Garibaldi, Badia Nuova, delle Arti, Barone Sieri Pepoli, Cuba, Buscaino, largo Franchì, S. Michele. Sono state utilizzate le denominazioni attuali delle vie. Aggiunte e modifiche successive Chiese 1

17 Itinerario fine 800 prime decadi Uscita dalla chiesa di S. Michele Via S. Michele, largo Franchì, Buscaino, Cuba, Barone Sieri Pepoli, delle Arti, Torrearsa, Garibaldi, Barone Sieri Pepoli, Carreca, Orfani, XXX Gennaio, Mercè, piazza S. Francesco di Paola, vico Todaro, S. Eligio - Carrara (già via Gurga), Giudecca, Apì, c.so Italia (tratto già via e largo Tardia), Serraglio S. Pietro, S. Pietro, S. Elisabetta - S. Pietro (in quanto la processione faceva ingresso dalla porta laterale della chiesa di S. Maria di Gesù, uscendone dalla principale posta sulla via S. Elisabetta, per poi tornare sulla via S. Pietro), S. Agostino, p.tta Saturno, Torrearsa, C.na delle Palme, p.zza Lucadelli, Turretta, N. Nasi, Tartaglia, largo S. Francesco d Assisi, Corallai, c.so Vittorio Emanuele, Arco dell Orologio, p.tta Notai, Balì Cavarretta, largo Franchì, S. Michele. Sono state utilizzate le denominazioni attuali delle vie. Aggiunte successive Chiese 2

18 Itinerario fine anni 20 fino al Uscita dalla chiesa di S. Michele Via S. Michele, largo Franchì, Buscaino, Cuba, Barone Sieri Pepoli, delle Arti, Torrearsa, c.so Vittorio Emanuele, Roma, Libertà, Garibaldi, Barone Sieri Pepoli, Carreca, Orfani, XXX Gennaio, Mercè, piazza S. Francesco di Paola, vico Todaro, S. Eligio - Carrara (già via Gurga), Giudecca, Apì, c.so Italia (tratto già via e largo Tardia), Serraglio S. Pietro, S. Pietro, S. Elisabetta - S. Pietro (fino a quando la processione non fece più ingresso in S. Maria di Gesù; successivamente, eliminato il breve tratto di via S. Elisabetta), S. Agostino, p.tta Saturno, Torrearsa, Casina delle Palme, p.zza Lucadelli, Turretta, N. Nasi, Tartaglia, largo S. Francesco d Assisi, Corallai, c.so Vitt. Emanuele, piazza Gen Scio, c.so Vitt. Emanuele, Arco dell Orologio, p.tta Notai, Cuba, Buscaino, largo Franchì, S. Michele. Sono state utilizzate le denominazioni attuali delle vie. N.B. Nel 1946 il percorso conserva, almeno nelle intenzioni, la presente struttura, sebbene la processione venga avviata e conclusa alla Badia Grande e talune vie devono essere sostituite a causa delle macerie che le rendevano inaccessibili (vedi cap., Percorsi misteriosi). Chiese 3

19 La spartenza (Orefici), foto di Angelo Guarnotta La lavanda dei piedi (Pescatori), foto di Angelo Guarnotta

20 Gesù nell orto (Ortolani), foto di Angelo Guarnotta L arresto (Metallurgici), foto di Angelo Guarnotta

21 Prima parte

22 Ai tempi del Mondello Nel 1992 diedi alle stampe un manoscritto datato 1901 (con qualche nota aggiuntiva fino al 1903) che l autore, il canonico Fortunato Mondello 4, non riuscì a pubblicare. La processione del Venerdì Santo in Trapani, titolo dell opera, incentra i suoi contenuti principalmente attorno all arte, innestando in essa ragionamenti di natura religiosa e perfino teologica. Attraverso i suoi studi, Mondello concorda con talune paternità artistiche riguardanti ovviamente i Misteri, tentando di smentirne qualcuna e proponendone di nuove. Nell insieme finisce col confermare il XVIII secolo quale periodo in cui furono realizzate le sculture e venne completata definitivamente la collezione, rimanendo molto più antica la processione. Fu infatti a partire dal 1602, anno in cui viene ufficialmente fondata a Trapani la Compagnia del Preziosissimo Sangue di Cristo, che la processione dei Misteri cominciò a muovere i suoi primi passi. Probabilmente con personaggi (nel significato più arcaico e teatrale di misteri ), di sicuro con penitenti e con sculture di scarso pregio artistico. Non a caso, l autore ripetutamente mette a confronto le date delle concessioni notarili da parte della Compagnia alle maestranze cittadine con le date di nascita degli autori degli attuali gruppi, i vari Pisciotta, Milanti, Nolfo, ecc., nati abbastanza posteriormente agli anni delle concessioni, cui va aggiunto il tempo affinché 4 Al secolo Giuseppe Mondello, nasce a Trapani il 28 dicembre 1834, dove muore il 12 luglio Autore di una vasta produzione libraria, ricoprì numerose e rilevanti cariche in ambito ecclesiastico ricevendo parecchi riconoscimenti, nazionali e internazionali, nel campo della cultura. Fu cantore della Cattedrale e direttore della locale Biblioteca Fardelliana. 35

23 essi crescessero e raggiungessero una certa maturità artistica. Il presente volume, però, non ha pretese di imbastire disamine artistiche. Né storiche o addirittura di natura teologica. L intento principale rimane l analisi della dinamica evolutiva della processione. Tutto qua. Rimane semmai da chiarire al lettore il riferimento a Mondello e alla sua opera: l interesse suscitato in me non fu tanto legato alle Canonico Fortunato Mondello questioni, per così dire, artistiche, ma da certe rare e preziose pennellate che qua e là lasciano intravedere l aspetto popolare della processione e non solo. È un aspetto che intriga e affascina, ossia quell afflato tra la gente (fedeli, appassionati, semplici curiosi, turisti) e la processione. Un raffronto tra ieri e oggi reso possibile da pochi, succinti ma preziosi riferimenti a questo momento che move a festa cittadini e forestieri, scrisse. Tuttavia, ciò che maggiormente mi colpì a una prima lettura fu il suo atteggiamento critico nei confronti di situazioni che biasimava. Il manoscritto, non dimentichiamolo, è datato 1901, ma a conti fatti è la processione di fine 800 che Mondello conosce, descrive e commenta. Lo colpiscono la rumorosità in particolare quella dei facchini, ossia i portatori il reiterato grido Avanti! delle guardie municipali al fine di sollecitare l incedere del corteo, le grida assordanti de venditori e l atteggiamento della gente: il brulichio della fitta popolazione, lo spasso riprovevole di tutta la notte. La gente, insomma, molto propensa a distrarsi, non saziandosi di vedere i Misteri, unico oggetto di curiosità e mai di devozione; la gente che magari mangia calia, o il ghiotto dolciume dei bambini, ascoltando le bande musicali. Diverse musiche, venute dalla Provincia con le loro marce funebri, invece di ridestare migliori senti- 36

24 menti nell animo, atteso lo spirito indifferente de tempi, divagano l immensa folla, che spensierata rivolge altrove la mente. Sebbene si compiaccia di coloro, che con religioso contegno, riparano alla gazzarra della plebe. È il solito contrasto, tipico delle feste, insito nelle espressioni della pietà popolare, da sempre oggetto di critiche ma che si traduce in un elemento fondamentale atto a dar linfa a sopravvivenze plurisecolari. Proprio per tale ragione le nostre feste religiose si traducono in fenomeni da studiare, in cose da vedere. Ecco: la rinomanza dell evento, una popolarità che già allora varcava i confini della città sebbene il termine turista non fosse stato ancora coniato. Allora, quelli che arrivavano qui erano semplicemente forestieri che, non avendo la possibilità di fotografare, prendevano nota ne loro taccuini. Dalle vaghe ma utilissime descrizioni dal sapore contemporaneo, ci rendiamo conto che da un certo punto di vista poco è cambiato. Ma il Mondello ci informa pure, inconsapevolmente, di taluni aspetti tipici e caratterizzanti della processione. Primo fra tutti, la presenza di ciascuna maestranza innanzi al gruppo sacro di appartenenza. Sebbene occorra comunque ricordare che all epoca, già da tempo, le maestranze non godevano più di riconoscimento sul piano giuridico. Ciò da quando il vento della rivoluzione francese si propagò in tutta Europa e i moti del 20 condussero alla legge del 23 ottobre 1821 che le soppresse. Le Maestranze, scrive però ugualmente l autore, precedono il proprio Misterio con ceri accesi e vi si associano tutta la notte. È indubbio l uso degli abiti neri: Non si affrettano che a darsi briga per fornirsi di abiti neri, e preparare i ceri, ardenti per tutta la notte: Gelosi de loro antichi usi. E più avanti, quando descrive il corteo che precede Gesù dinanzi ad Hanna, ritorna sull argomento: Essendo, in tutti i Misteri, conforme l accompagnamento con ceri accesi, rilevando inoltre la brillante comparsa de giovinetti, figli de venditori splendendo i loro petti di catenelle d oro e preziosi monili. Prima di ribadire ancora 37

25 una volta che nel Venerdì della Settimana Santa vi è la comparsa di abiti neri indossati da processionanti. Credo possa bastare. Fortunato Mondello rammenta inoltre il tempo in cui erano gli stessi maestri artigiani a condurre in spalla il proprio gruppo e, dato significativo, nel loro ruolo di portatori non indossavano l abito scuro ma una livrea (che egli chiama sacco) diversa per ciascuna maestranza, distinguo poi mantenuto quando il trasporto passò ai massari, i facchini, ossia i portatori remunerati. Le antiche Maestranze nell accompagnamento processionale del Misterio vestivano il sacco proprio, lasciando ora ai facchini, che lo conducono in spalla con la divisa dell arte. Oltre alle sparute foto d epoca, a confermarlo saranno successivi opuscoli e manifesti divulgativi prodotti fino all anteguerra. In essi è riportata la seguente dicitura: Tutti i portatori dei Misteri avranno la tenuta di prescrizione, con le insegne delle varie Arti. L eccezione, lo sappiamo, riguardava l Addolorata: Portano la bara e il baldacchino uomini con il tradizionale abito dei Fratelli dell Arcangelo e pure L Urna con il Cristo morto fino a quando la Confraternita non lo cedette ai Pastai. Così il Mondello, ma in un precedente lavoro edito nel 1882: Questa Compagnia, dopo tutte le Maestranze, conduce anch essa, il decimonono Mistero che rappresenta G. Cristo nel Sepolcro, ed è l unico corpo chiesastico che ha luogo nella divisata secolare comparsa (in Spettacoli e Feste popolari in Trapani, pag. 20). Lo studioso ci conferma infine, essendo ai suoi tempi ancora in uso da parte degli Ortolani condurre in spalla il proprio gruppo, che fu esattamente questa l ultima categoria ad affidarne il trasporto ai cosiddetti massari, termine con il quale a Trapani si fa riferimento ai portatori retribuiti: Vien potato in spalla dagli stessi ortolani, scrive nella sua opera. Apprendiamo inoltre di una consueta offerta elargita dai Pescatori una volta arrivati alla chiesa di S. Pietro: Quattro sacerdoti, beneficiati, si associano loro nella processione dalla porta latera- 38

26 L antico Monumento appena fuori dal cortile di S. Michele nel 1901 le della chiesa sino alla porta maggiore da dove esce il gruppo della Lavanda. E nello stesso tempo la forte e radicata usanza del continuo entrare e uscire dalle chiese cittadine, dello Stabat Mater che vi si cantava e dei musici che erano spesati dal Municipio. L Addolorata sostava innanzi all abside un po più degli altri. Pochi strumenti musicali accompagnavano le note del Mercadante, e più spesso di Tommaso Lombardo. Mi permetto di aggiungere che pure lo Stabat Mater di Pergolesi, più raramente quello di Rossini, venivano eseguiti. Piace infine evidenziare altre due cose: la dinamicità che dovette ruotare attorno alla processione e la sua durata, già intorno alle dodici ore. Niente di più esaustivo delle parole del canonico. Mi divago alle continue fermate dei facchini, i quali si affaticano ad accendere le torce, a cambiar la cera Passasi in questo modo la santa notte, aspettando gli ostinati sonnicchiosi che il chiaror dell alba venga a movere i tardi facchini, in livrea, saturi di pane e di vino, e rientrare finalmente, a sole spiegato, nella chiesa di San Michele. Ecco, la processione di fine 800 che rientra con il sole del Sabato di Gloria che aveva cominciato ad allungare i suoi raggi sopra i Misteri. Eppure, nel suddetto periodo, la conclusione ufficiale rimaneva fissata verso le tre della notte o poco più tardi. Oltre ai documenti ufficiali, un articolo a firma di Pasquale Gianno, apparso sul Corriere Trapanese del 5 aprile 1896, lo ribadisce implicitamente, riferendo di un immancabile incidente. 39

27 Sosta e funzione religiosa in piazza Vittorio Emanuele con luna park; anno 1981, archivio Paolo Grimaudo to si ebbe l impressione che i Misteri uscissero proprio in funzione dell entrata, momento mediatico in cui poter dare sfoggio a variegate performance. Un rapido salto in avanti fino ai nostri giorni segnala l arrivo di altri volontari, questa volta portatori diurni. Per distinguersi indossano giacca e cravatta. Contestualmente anche le tenute dei portatori sono diventate un optional. Chi le mette e chi no, chi indossa solo il cappellino, chi solamente la tunica. Eppure la visione omogenea di portatori con tuniche e cappellini col pon pon aveva avuto un suo fascino, una sua bellezza, un suo ordine mentale e visivo. Ma partiamo da più lontano. Abbiamo visto che quando le antiche maestranze conducevano il Mistero, indossavano le livree. Diverse da una maestranza all altra, il Mondello le considerò divise dell Arte. Tali restarono quando il trasporto passò a persone 75

28 retribuite. Sopravvissute fino all immediato Dopoguerra, pure queste divise subirono nel tempo delle modifiche. Una prima uniformità si ebbe con la realizzazione di tuniche grigie uguali per tutti, con cappellino di analogo colore; colletti, maniche e pon pon celesti e la scritta del ceto di appartenenza sui bordi dei cappellini. Nel 1956 l Ente Provinciale per il Turismo confeziona tuniche ormai sempre uguali per tutti (fatta eccezione per i portatori dell Addolorata). Sono di colore blu come i cappellini, il cui pon pon è di un rosso scuro analogamente a un ovale bordato d oro sul petto, con una scritta dello stesso colore riferita alla scena portata in spalla da ciascuna ciurma. Le diciture erano: Partenza, Lavanda, All Orto, Arresto, Caduta, Hanna, Negazione, Erode, Flagellazione, Coronazione, Ecce Homo, Sentenza, Calvario, Spogliazione, Sollevazione, Ferita, Deposizione, Trasporto, Sepolcro. Nel 1969 vengono accantonate per essere sostituite da analoghe tenute, ma con una differenza sostanziale: sul petto di tutti i portatori spicca uno stemma con la scritta Ente Provinciale per il Turismo. I tempi delle visibilità e degli sponsor ante litteram diventano maturi. Quando arrivano gli anni 90 e le livree vengono spesate dall Unione Maestranze (di cui si dirà nel paragrafo seguente), la scritta per tutti non può non essere che quella dell associazione organizzatrice. Solo che il colore della tenuta diventa più scuro e, quasi per un inconscia e ormai avviata paura per il colore (quello autentico), i pon pon sono neri. Quindi, i volontari. Che per distinguersi dai portatori, diciamo ufficiali, indossano dunque abito e cravatta, inducendo anche alcuni portatori a fare lo stesso. Poco, evidentemente, sanno delle Maestranze che mettevano la divisa dell Arte, in questa odierna, discutibile e confusa diversificazione con il portatore retribuito. Cresciuto a dismisura il numero di persone da porre sotto le aste, l allungamento di queste ultime diventa necessario. Occorre accontentare tutti. Portatori e volontari. Poco interessa se i gruppi sembrano diventare sempre più piccoli sotto un numero incredibile di portatori a vario titolo che dominano la scena. 76

29 Anno 1948: L arresto nell originaria disposizione delle aste; sono visibili i cavalletti non essendo ancora stati ideati i drappi neri, foto proprietà famiglia Asta E pensare che erano quattro, arrivando col tempo a un ragionevole numero di dieci-dodici al massimo se la pesantezza del Mistero era eccessiva e ora è diventato abnorme a causa pure delle spugne imbevute d acqua collocate sulle vare dai fioristi al fine di garantire il mantenimento della freschezza dei fiori. In barba all acqua assorbita dalle statue. E alla fatica dei portatori, naturalmente. 77

30 L Unione Maestranze L anno 1975 fu il primo in cui la processione venne organizzata da una struttura associativa. Il 23 giugno 1974 era nata l Unione Maestranze. Di fatto, però, fu nel giorno dell Immacolata dello stesso anno che venne convocata la prima assemblea, ratificato lo Statuto e dato luogo alle prime votazioni per la distribuzione delle cariche. La neo associazione ebbe immediatamente la possibilità di riunirsi in quella che fu la sua prima sede di via Poeta Calvino, dove rimase fino al I locali furono ricavati da un area dell ex convento domenicano, nella parte esattamente ad angolo con la Scalinata S. Domenico. Di quella Unione vanno ricordati i signori Paolino Romano (all epoca gestore de La Casa del Vino e ultimo console vinattiere de L ascesa al Calvario), Giuseppe Savona, Pio Romeo, Vito D Aleo, Giuseppe Taormina, Michele Sansica, Salvatore Anastasi, Pietro Lipari, Benvenuto Lantillo, Antonio Nocitra, Francesco Cognata, Gaetano Garuccio, Pierino Bellomo, Salvatore Bellomo, il comandante Francesco Bosco (tra i promotori principali del sodalizio) e il cavaliere Nicola Impellizzeri, secondo presidente 16 della storia e primo di lunga durata. Questi uomini, e ovviamente altri, rappresentarono l anello di congiunzione fra il passato e l inedito presente che apriva nuove prospettive dal punto di vista soprattutto economico: questua e contributi erogati dagli enti pubblici. Tale struttura, insomma, nasce e momentaneamente necessita 16 Cronologia dei presidenti: Francesco Bosco, ; Nicola Impellizzeri, ; Mario Canino, ; Giovanni D Aleo, ; Leonardo Buscaino, ; Ignazio Bruno, novembre 2014 (dimissionario); dal 21 dicembre 2014, Vito Dolce. 78

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Matrimonio alle Seychelles

Matrimonio alle Seychelles Benvenuti nella nostra pagina Matrimoni! Qui potrete definire ogni dettaglio per il Vostro meraviglioso matrimonio a Praslin, La Digue o in qualsiasi piccola isola delle Seychelles, scegliendo sia le decorazioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La sentenza massonica di espulsione. Il Gran Maestro della Massoneria, con circolare n.54, così si esprimeva:

La sentenza massonica di espulsione. Il Gran Maestro della Massoneria, con circolare n.54, così si esprimeva: La sentenza massonica di espulsione Il Gran Maestro della Massoneria, con circolare n.54, così si esprimeva: Rispett. Maestri Venerabili, Cari Fratelli. Compio il mio dovere partecipandovi che il Tribunale

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli