Mensile di informazione, cultura e sport del Lagonegrese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mensile di informazione, cultura e sport del Lagonegrese"

Transcript

1 mobili arredamenti s.r.l. LAGONEGRO C.da Verneta tel fax il sirino ANNO XI - N. 3-4 APR. / MAGGIO 2006 Mensile di informazione, cultura e sport del Lagonegrese Redazione: Via R. Margherita, 123/ NEMOLI (Pz) - telefax Autorizzazione Tribunale di Lagonegro n. 3 /95 Stampato su carta FREELIFE riciclata ed ecologica da: Grafiche ZACCARA - Lagonegro (PZ) - tel Abbonamento c.c.p. n Ordinario Euro 12,91 - Sostenitore Euro 25,82 - Benemerito Euro 51,65 Metalfiore srl SERRAMENTI Loc. PECORONE tel fax LAURIA (PZ) AMBIENTE/Sì del Governo all area protetta dell Appennino Lucano, cerniera con il Cilento e Pollino Nasce il Parco nazionale Val d Agri-Lagonegrese ese Per il presidente della Regione Basilicata, De Filippo: occasione importante per lo sviluppo Dopo oltre un decennio di attesa nasce il Parco Nazionale dell Appennino Lucano-Val d Agri- Lagonegrese. Un area protetta, che si estende su ettari ed interessa i territori di 29 Comuni e 9 Comunità montane della Provincia di Potenza in continuum con i parchi del Cilento e Pollino. L atto, approvato dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell Ambiente, Pecoraro Scanio, restituisce ai territori un occasione importante per il loro sviluppo e conferma la capacità progettuale ed istituzionale messa in campo dalla Regione per valorizzare in modo sostenibile e responsabile le risorse di cui è straordinariamente dotata la Basilicata. E quanto ha dichiarato il Presidente della giunta regionale, Vito De Filippo secondo il quale d ora in poi, le amministrazioni dell area e le comunità locali potranno esprimere con maggiore efficacia il loro protagonismo, facendo leva sulla qualità dei servizi turistici e sull allargamento delle attività produttive, da cui provengono significative opportunità anche per invertire il processo di spopolamento che si registra. La scommessa, ha proseguito De Filippo, su cui le Istituzioni intendono continuare a puntare è perciò quella dell equilibrio della coesione sociale con la competitività economica, per fare dei territori luoghi privilegiati in cui s incrociano le vocazioni produttive, la creatività delle giovani generazioni e l intraprendenza imprenditoriale. Per questo nella lunga battaglia per l istituzione del parco nazionale che abbiamo condotto contro la disattenzione e l ostruzionismo manifestati dal ministero dell Ambiente del governo Berlusconi, siamo riusciti ad impegnare positivamente la s t e s s a Conferenza Unificata che ha dato voce ed autorevolezza alle ragioni della piccola, ma determinata Basilicata. Così la vicenda riguardante la perimetrazione del parco e l inclusione della montagna di Caperrino ha rappresentato un modello giusto e solidale di federalismo in grado di perseguire il principio dell autodeterminazione dei territori nei processi di sviluppo. Finalmente aria nuova e pulita. E il commento del capogruppo dei Democratici di sinistra in Consiglio regionale, Vincenzo Folino, dopo il via libera del governo Prodi all istituzione del Parco. I Ds esprimono viva soddisfazione perchè uno dei primi atti del BASILICATA/Investimento da 81 milioni e 587mila euro Un Patto della Regione con i giovani Ammonta a ottantuno milioni e mezzo di euro l investimento complessivo della Regione Basilicata a favore delle nuove generazioni. La Giunta regionale, infatti, ha approvato il piano strategico Il Patto con i giovani: un investimento per il futuro della Basilicata. Diversi i settori di intervento: si passa dall arte ai luoghi per la fruizione dello spettacolo, dalla ricerca e innovazione all innalzamento delle competenze alle nuove professioni, dal sostegno alle iniziative nel settore turistico a quello per la promozione dell autoimpiego, agli interventi per l inserimento lavorativo. Previste, inoltre, iniziative per favorire il passaggio dall Università al lavoro, per contrastare le dipendenze e per sostenere le disabilità giovanili. Infine, il piano ha un programma di azioni per la comunicazione tra le generazioni. Con questo provvedimento ha affermato il presidente della Regione, Vito De Filippo - abbiamo voluto disegnare il quadro delle opportunità per i giovani, gli indirizzi strategici e le modalità organizzative e gestionali di uno strumento fortemente innovativo per la Basilicata. Di carattere sperimentale per i prossimi sei mesi, si colloca in un periodo particolare: tra la fine di un programma e l avvio di un nuovo ciclo di programmazione. Se le azioni che metteremo in campo daranno i risultati preventivati, il Patto per i giovani diventerà uno strumento stabile nella programmazione regionale. Il Patto si concentra su un target con scolarizzazione alta, nella fascia di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Lo strumento si articolerà in cinque assi fondamentali: i talenti, l innovazione e le nuove professioni (opportunità occupazionali e di alta formazione per circa giovani laureati, intervento finanziario di 17 milioni e 310mila euro); l accesso al lavoro e lo spirito di iniziativa (opportunità per giovani, circa 42 milioni di euro); il ponte verso il futuro beneficiari circa 700 giovani, investimento di circa 13 milioni di euro); la creatività (opportunità di espressione per circa giovani e creazione di luoghi di fruizione di eventi per circa posti, oltre 9 milioni di euro) e la voce dei giovani. Per maggiori informazioni consultare il sito: governo ha riguardato l istituzione attesa da tredici anni. Fra i misteri del recente passato che andrebbero chiariti quello di un Ministero dell Ambiente che durante la gestione Matteoli ha cercato in tutti i modi di modificare la perimetrazione democraticamente, decisa dal territorio, rallentando di fatto fino a congelare l istituzione del Parco. Diamo atto, quindi, alla nuova gestione del ministro afferma Folino di aver accolto con sollecitudine l appello lanciato dal presidente della Regione e dall assessore all Ambiente Rondinone Siamo certi che il nuovo governo assumerà decisioni conseguenti anche per ciò che riguarda gli organismi di gestione del Parco, nella consapevolezza che il successo di questa nuova avventura dipende anche dalla capacità degli organismi preposti di rappresentare realmente la Regione ed i Comuni interessati, evitando quindi di ripercorrere l esperienza non positiva vissuta nel vicino Parco del Pollino. ALL INTERNO ATTUALITA /Lettera a Vittorio Emanuele Pesce a pag. 2 LAVORO/Cig e occupazione a Maratea Zaccara a pag. 3 SANITA / Centro Disturbi Alimentari Asl 3 Redazione a pag. 4 SOCIETA /Corrispondenza dall Africa De Nicola a pag. 6 LIBRI/la Diocesi di Policastro nel 700 Guzzo-Papaleo a pag. 7 TRADIZIONI/Una nuova sagra dell abete Fittipaldi a pag. 8 BIBLIOTECA/Il Fondo Cascini di Carbone Armenti a pag. 9 LEGALITA /L Angolo giuridico Lettieri a pag. 11 OMAGGI/In memoria del poeta Tortorella Ferrari a pag. 12 SCUOLA/Premi all Isis di Lauria Pongitore a pag. 13 *** NOTIZIE DA NEMOLI pagg LEGGETE E ABBONATEVIA A IL SIRINO

2 2 / il s irino CRONACHE a pr./maggio IL CASO/Lettera aperta a Vittorio Emanuele Seppelliamo Passannante a Savoia Ancora in museo cervello del cuoco lucano Spettacolo a Potenza per riportarlo in Basilicata Signor Vittorio Emanuele, siamo spiacenti del suo arrivo in Basilicata per motivi giudiziari. Sappiamo che nel carcere di Basilicata è stato trattato in maniera civile come purtroppo casa Savoia e il nascente Stato italiano non fecero nei confronti di Giovanni Passannante, l anarchico lucano che il 17 novembre 1878 attentò alla vita di Umberto I con un coltellino che aveva una lama lunga quattro dita non adatta ad uccidere un uomo. Per ordine dei Savoia, suoi avi, che firmarono le leggi razziali del 1938 che condussero milioni di ebrei nei forni crematori, Passannante fu rinchiuso in una Torre sull Isola d Elba, in una cella buia situata sotto il livello del mare dove fu torturato. Lì fu isolato per dodici lunghi anni fino a diventare cieco, in quella cella arrivò a mangiare le sue stesse feci. Il paese in cui nacque si chiamava Salvia, vicino a Potenza, il sindaco il giorno dopo l attentato per chiedere scusa al re lo ribattezzò Savoia di Lucania. E l unico lembo di terra che porta il suo cognome signor Vittorio Emanuele. Quando nel 1910 Passannante morì gli tagliarono la testa, il cranio fu segato, il cervello prelevato e messo sotto formalina, entrambi esposti nel Museo Criminologico di Roma dove ancora oggi possono essere ammirati pagando due euro. Signor Vittorio Emanuele noi ci chiediamo: Perché tenere nel Museo del Crimine un uomo che non ha ucciso nessuno, che non voleva arricchirsi in maniera illecita, che non aveva donne squillo né video poker, perché tenere di ULDERICO PESCE nel Museo del Crimine un uomo che aveva degli ideali di giustizia e che predicava l avvento della Repubblica e la dignità dei lavoratori?. Racconto tutto questo in uno spettacolo teatrale L innaffiatore del cervello di Passannante. Lunedì 26 giugno ho recitato lo spettacolo nel piazzale del Mattatoio comunale che si trova di fianco al carcere, per sollecitare tutti, compreso lei, a firmare la petizione popolare sul sito per la sepoltura dei resti di Passannante nel suo paese e la sostituzione all interno del museo dei resti veri con calchi di gesso affinché si possa ricordare un ingiustizia subita da Passannante e dai suoi seguaci in vita e in morte. Una riflessione finale: come rimane ingiusta la vita, Passannante stette in galera fino alla morte, i suoi resti stanno ancora nel Museo del Crimine, sua madre e i suoi fratelli morirono nel manicomio dove furono rinchiusi dai Savoia, lei invece va in galera ai Parioli di Roma, il quartiere più esclusivo della capitale, mentre molte piazze delle nostre città portano ancora il suo nome: che vergogna. Come sarebbe stato bello se lei avesse scelto di andare in galera in un prefabbricato di Bucaletto, tra il Popolo. Ma questa, si sa, sarebbe un altra storia! Per i monarchici il Popolo è fatto da sudditi per noi altri repubblicani il Popolo è sovrano. Ed è il Popolo che si è fatto da decenni un opinione precisa. Per firmare la petizione: <http://www.uldericopesce.com/> BASILICATA/ Con il 77,2 per cento dei voti, nessuno contrario Piero Lacorazza è il più giovane segretario regionale Ds d Italia AMMINISTRATIVE/ I RISULTATI NEI COMUNI DEL LAGONEGRESE ROBERTO GIORDANO SINDACO DI CASTELLUCCIO INFERIORE. Ha riportato 882 voti pari al 57,5 per cento. Guidava una lista Civica. Egidio Altieri del centrosinistra ha, invece, ottenuto 651 voti (42,5%). A CASTRONUOVO S. ANDREA, ANTONIO BULFARO della Margherita sarà il primo cittadino. Ha ottenuto 488 voti pari al 52,3 per cento (8 seggi). Il candidato della Civica, Vincenzo Di Sario, ha raggiunto il 47,7 per cento con 445 voti (4 seggi). FARDELLA: VINCE PIETRO MOTOLESE. La sua Lista Civica ha raccolto 308 voti pari al 60,7 per cento. L altra Civica, di Antonietta, Latronico, ha riportato 199 voti, pari al 39,3. A Motolese 8 seggi, alla minoranza 4. A FRANCAVILLA IN SINNI: FELICE MARZIALE è il nuovo sindaco. Guidava una lista civica che ha totalizzato voti (58,4 per cento). La lista Progetto del sindaco uscente Vincenzo Amatucci ha conseguito voti (41,6%). A LAGONEGRO LA SPUNTA DOMENICO MITIDIERI con il Centrosinistra. Per il nuovo sindaco voti pari al 61,2%. Quello uscente, Francesco Costanza, della lista Civica si è fermato a 1.061, pari al 26,4. A Rifondazione Comunista, capeggiata da Ivana Vita: 499 voti (12,4). A LAURIA TORNA ANTONIO PISANI, dopo dieci anni. Guidava una lista di Centrosinistra che ha conseguito il 61,2 per cento, pari a voti, e 13 seggi. Nicola Manfredelli della lista La svolta voti, pari al 16,4% e 3 seggi. Mariano Pici di Forza Italia voti (15%, tre seggi) mentre Valeria Scavo di Rifondazione un solo seggio con i 624 voti (6,8%). Per Antonio Cosentino, di Fiamma Tricolore, 56 voti e 0,6%. S. CHIRICO RAPARO, VINCE CLAUDIO BORNEO. Elezioni valide con l unica lista presente alla competizione, che ottiene 768 voti. LUDOVICO IANNOTTI DI NUOVO SINDACO A TRECCHINA dove la lista Nuovo Progetto ha raggiunto il quorum e voti. Basilicata Elezioni Politiche Piero Lacorazza è stato eletto segretario regionale dei Democratici della Sinistra della Basilicata. Ha ottenuto il 77,2 per cento dei consensi sui 399 delegati aventi diritto al voto. Lo hanno sostenuto gli appartenenti alle mozioni del segretario nazionale Fassino e dell ambientalista Bandoli, mentre gli aderenti alla mozione Mussi si sono astenuti e quelli della mozione Salvi hanno votato scheda bianca. Piero Lacorazza è il più giovane segretario regionale Ds d Italia. In precedenza è stato segretario della Sinistra Giovanile, coordinatore del partito per la Val d Agri e, da due anni, coordinatore della segreteria regionale. il sirino Direttore Responsabile: SALVATORE LOVOI Redazione: ANTONELLA CANTISANI, MARIO CARRAZZONE, GIUSEPPE CIUFFO, VINCENZO DEL DUCA, BIANCA G. IELPO, ANNA PAPALEO, NICOLA PONGITORE, FRANCESCO ZACCARA Grafica e impaginazione: MARZIO AMOROSI Il Sirino non ha fini di lucro, offre esclusivamente un servizio. La collaborazione è gratuita, per invito e per accettazione e non instaura nessun rapporto di lavoro. Gli articoli rispecchiano le idee degli autori che se ne assumono la responsablità. Tutti gli avvisi pubblicitari ospitati sono a titolo di omaggio a ditte che offrono un contributo di sostegno al giornale. SUPERMERCATO GRAN SOLE LE tel S.S. 19 LAGO SIRINO - NEMOLI (PZ)

3 a p r./maggio C RO NAC H E il sirino / 3 MARATEA/Proroga della Cig per le maestranze Calzature, l Ekotime assumerà 70 operai Per il rilancio calzaturiero accordo Regione-Sindacati Si affaccia uno spiraglio di luce sulla riapertura dei cancelli del calzaturificio di Passo Colla. Nei giorni scorsi, in Regione, presso la sede dell Assessorato alle attività produttive, è stato siglato un accordo che permetterà di chiedere la proroga per le mobilità scadute e di avviare il discorso formazione. Buone notizie anche per i 143 giovani che aspettano i soldi della mobilità scaduta a dicembre Sulla questione i sindacati recentemente avevano chiesto anche l intervento del Prefetto di Potenza, Luciano Mauriello, ed ora l Inps di Potenza ha confermato che i pagamenti avverranno entro la fine di giugno. Nell incontro del 7, intanto, sono state dettate le indicazioni per una nuova fase dell opificio. Siamo rimasti soddisfatti nel constatare l impegno dell Assessore Salvatore e di tutta la giunta regionale nel sottoscrivere un accordo che sancisce l inizio di una nuova iniziativa industriale, ha dichiarato al termine della riunione Gerardo Casaletto, segretario regionale della Femca-Cisl Basilicata. Adesso continua Casaletto - sarà importante seguire le fasi di gestione del piano industriale che porterà occupazione in un area precaria della Regione. di FRANCESCO ZACCARA L accordo si è potuto stipulare sulla base delle intenzioni manifestate dal gruppo marchigiano dell Ekotime, operante nel settore calzaturiero, di avviare attività industriale nella struttura di Passo Colla. Ora i sindacati potranno inoltrare alla sede del Ministero del lavoro la richiesta per la proroga della mobilità per i 143 lavoratori, per i quali, è scaduta a dicembre 2005 e per l altro scaglione di 70 operai a cui è scaduta a maggio scorso. L Ekotime, da parte sua, ha ottenuto dall assessore regionale Donato Salvatore, l impegno di avere delle risposte concrete sui fondi per la formazione entro il mese di luglio. In tal modo, se le cose vanno nel verso giusto, dopo l estate si potrebbe avviare la formazione per 120/140 unità della piattaforma lavorativa della ex Lucana Calzature. Il piano industriale presentato dall Ekotime, una volta terminata la fase formativa, dal punto di vista occupazionale porterebbe all inserimento nella produzione di 60/70 lavoratori. All incontro hanno partecipato l assessore Salvatore, il presidente Task force Nardozza, i sindaci del lagonegrese, le rappresentanze sindacali e una delegazione di operai. NEMOLI/In occasione della festa della Repubblica Il Sindaco Filardi con l Anpci al Quirinale Perorate le cause dei piccoli comuni e l Autosole La causa dei piccoli comuni e l annosa questione della Salerno-Reggio Calabria discusse direttamente con il Presidente della Repubblica e altri esponenti del Governo italiano. E successo al sindaco di Nemoli, Antonio Filardi, recatosi a Roma in occasione della Festa della Repubblica, con una delegazione dell Anpci, l associazione nazionale dei piccoli comuni d Italia. Dopo il consueto concerto eseguito dall orchestra sinfonica della Rai e dal coro del Teatro Regio di Torino, la manifestazione si è spostata nei giardini del Quirinale. Proprio qui, Filardi, ha avuto modo di salutare e dialogare con il Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano, il presidente del Senato Franco Marini, il presidente della Camera dei deputati Fausto Bertinotti e il presidente del Consiglio Romano Prodi. Filardi ha discusso delle priorità dei piccoli comuni, in particolare dell esigenza di riprendere la legge Realaci-Bocchino-Molinari. Poi, con il presidente Prodi, si è soffermato sui disagi del tratto lucano della A3 e sulla necessità di non fermare i lavori così come s era sentito dire nei giorni predenti. Il Presidente del Consiglio da parte sua ha assicurato che saranno trovati i soldi necessari per continuare i lavori sull autostrada, considerando l autostrada un arteria importante, utile e allo stesso tempo necessaria di interventi. Filardi ha partecipato come componente del direttivo nazionale dell associazione, con una delegazione guidata dal presidente dell Anpci Franca Biglio. Per tutti si è trattato di un esperienza significativa, contraddistinta dalla cordialità con cui sono stati accolti dai rappresentanti del Governo italiano. Francesco Zaccara Laboratorio I.P.M. s.a.s. I.P.M. Laboratorio prove - Materiali da costruzione Autorizzazione Ministero L.L.P.P. N del TORTORA (CS) - Via Provinciale Loc. Poiarelli - telefax Fondi per dissesto e danni della nevicata 2005 Frane, dalla Regione 3,5 milioni di euro Ai comuni euro/ai privati 686 Per l emergenza a Nemoli 800mila/Potenza Unmilione Fondi pubblici per prevenire e contenere il rischio diffuso sullo sfasciume del territorio lucano, più a rischio, e riparare infrastrutture e strutture messe a dura prova dagli eventi atmosferici. Ammonta a circa 3milioni e mezzo di euro la somma, destinata dalla Regione Basilicata, per fronteggiare i fenomeni di dissesto idrogeologico e i danni provocati dalle calamità atmosferiche sul patrimonio pubblico e privato. Il provvedimento - che fa seguito alla dichiarazione dello stato di emergenza, conseguente alle eccezionali precipitazioni nevose del gennaio interessa alcuni centri del Lagonegrese e dell hinterland potentino. Parliamo di aree, da sempre, soggette a precipitazioni copiose che si innestano nell instabilità del suolo, colpito da frequenti sismi. Bombardamenti sostenuti, sia in superficie che in profondità, se si considerano i gradi delle scosse telluriche e la piovosità del Lagonegrese tirrenico, che è pari alle medie alpine tra i 2000 e i 3500 millimetri annui. Le risorse, previste dalla Giunta Regionale, sono rivenienti da contributi del Ministero della Protezione Civile Nazionale - ai sensi dell Ordinanza n del della Presidenza del Consiglio dei Ministri - sono state distribuite in base alle segnalazioni dei comuni e dei privati, ed alle successive indagini, effettuate dai competenti uffici dipartimentali regionali. In particolare Due milioni e 800mila euro sono stati assegnati a sette comuni in proporzione all ammontare dei danni indicati. In cima alla classifica dell emergenza i comuni di Potenza e Nemoli, il primo per fare fronte al movimento della contrada Bosco Piccolo - che ha subito guasti indicibili e conseguenti sgomberi - il secondo alla vastità della frana che coinvolge direttrici viarie, servizi e abitazioni, nei pressi del Lago Sirino ed altri fenomeni diffusi. Non a caso i maggiori importi toccano al capoluogo (Potenza: Unmilione di euro), e al centro del Noce (Nemoli: 800mila), a seguire, poi, ci sono con 200mila euro a Nel lagonegrese si lavora per la raccolta differenziata dei rifiuti. La recente Conferenza di servizi che si è svolta presso la Regione Basilicata, ha di fatto dato il via per la realizzazione delle isole ecologiche. Ora la Comunità montana del Lagonegrese si adopererà per l avvio della gara di appalto per la realizzazione delle opere e per l acquisto dei mezzi e delle attrezzature necessarie. La raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei materiali ingombranti interesserà i 6 comuni della Valle del Noce: Lagonegro, Lauria, Maratea, Nemoli, Rivello e Trecchina. Un area che attualmente conta una popolazione di 30 mila abitanti e produce circa 11 mila tonnellate di rifiuti solidi urbani all anno. Il primo passo del progetto sarà la realizzazione delle isole ecologiche. Uno a Lagonegro, alla località Calda, al posto della vecchia discarica comunale e un altro a Maratea, alla località Colla. L eco punto di Lagonegro servirà anche i comuni di Nemoli e Rivello. Mentre quello di testa: Castelsaraceno, Latronico, Lauria, Pignola e Tolve. La Deliberazione della Giunta Regionale del 19 aprile 2006, n. 569, prevede anche fondi per ,65 euro, per il ripristino di strutture private, destinate ad attività produttive maggiormente danneggiate dagli eventi. Nell elenco figurano i centri di: Latronico, Lauria, Rivello, Rotonda e Tramutola. Altra deliberazione, pubblicata sul Bollettino Ufficiale Regionale del 5 maggio scorso, riguarda l assegnazione di un primo contributo per il ripristino delle infrastrutture danneggiate dagli eventi alluvionali di fine 2005 e inizio Si tratta di finanziamenti pari a 560mila euro da utilizzare per la viabilità rurale da parte di 31 enti. In ordine hanno ricevuto fondi i comuni di Castronuovo di S. Andrea e Muro Lucano (40 mila euro); Lauria (35mila), Nova Siri e Pietragalla (30mila), Rapolla (25mila), Colobraro, Genzano di Lucania, Nemoli, Ripacandida e le Comunità Montane Alto Basento, Medio Basento e Alto Sinni (20 mila euro); Calvello, Filiano, Noepoli, Rivello, Ruoti, S. Chirico Nuovo, Venosa e Viggianello (15mila euro); Albano di Lucania, Cirigliano, Grassano, Maratea, Montalbano jonico, Salandra, S. Paolo Albanese, Satriano di Lucania, Terranova di Pollino, Vaglio di Basilicata (10mila euro). Sempre sullo stesso Bur, infine, si ha notizia di ulteriori contributi a parziale copertura delle spese sostenute per la gestione dell emergenza nei territori della Provincia di Potenza e l Alta Collina Materana. RIFIUTI/Il progetto interessa sei comuni Presto al via la raccolta differenziata nel Noce Maratea, il comune di Trecchina. Resterà autonomo il comune di Lauria. I sistemi di raccolta saranno quello porta a porta e quello della raccolta stradale spinta. Mentre per le contrade resterà la raccolta di tipo tradizionale. L obiettivo dell iniziativa è quello di ottenere il 35 per cento di raccolta differenziata entro un anno dalla realizzazione e l avvio delle isole ecologiche. Il servizio potrebbe essere gestito da una società privata o dall Ato rifiuti. La spesa prevista per lavori e forniture, a carico della Regione, è pari a 1 milione e 800 mila euro circa. Soddisfazione per l approvazione del progetto, è stata manifestata dal Presidente della Comunità montana del Lagonegrese Domenico Carlomagno: Cercheremo di snellire al massimo le altre procedure ha detto per arrivare in breve tempo all obiettivo della raccolta differenziata nella Valle del Noce. (F. Zaccara)

4 4 / il sirino SOCIETA a pr./maggio SANITA /Secondo Centro pubblico in Italia dopo Todi in Umbria Il comportamento dei disturbi alimentari si cura a Chiaromonte Punto di riferimento nel meridione per un problema sociale giovanile Nasce in Basilicata il secondo Centro pubblico per il Comportamento dei Disturbi Alimentari e del Peso, in partenariato con quello già esistente di Todi in Umbria. Il Centro di Chiaromonte, nell Azienda Sanitaria n 3 di Lagonegro, si prefigge di essere punto di riferimento dell Italia Meridionale per un problema sociale che sembra non trovare argine alla sua crescita. Il centro DCA, intitolato a Giovanni Gioia, è stato inaugurato a fine maggio, in occasione del Convegno Nazionale sul tema Curare e prendersi cura: il trattamento dei disturbi del comportamento alimentare nel Servizio Pubblico. Al Convegno ed alla successiva inaugurazione hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, l Assessore Sicurezza Solidarietà Sociale della Regione Basilicata, Rocco Colangelo, l Assessore Sicurezza Solidarietà Sociale della Regione Umbria, Maurizio Rosi, nonché personalità politiche, tra cui il Senatore a vita On.le Emilio Colombo, e scientifiche nazionali. Il centro che, è rivolto in particolare alla riabilitazione dei giovani affetti da disturbi del comportamento alimentare spiega il dott. Mario Marra, Direttore Generale dell ASL n 3 - è dotato di venti posti letto ed opera in partenariato con l unico centro pubblico residenziale italiano di Todi. I disturbi del comportamento affliggono ormai, secondo i dati della Commissione di studio del Ministero della Sanità per l assistenza ai pazienti affetti da Anoressia e Bulimia Nervosa, dieci ragazze per ogni cento di età compresa tra i 12 e i 25 anni, di cui una-due delle forma più gravi come l Anoressia e la Bulimia, le altre in manifestazioni cliniche transitorie e incomplete. Il centro si prefigge di rappresentare un punto di riferimento per l Italia Meridionale, su un problema sanitario che è considerato una vera epidemia sociale. La struttura di Chiaromonte realizza all interno della Regione Basilicata una rete di intervento assistenziale per i DCA, quale quella suggerita dalle indicazioni ministeriali, che rimanda all idea di una vera e propria presa in carico del paziente e della sua famiglia. Il progetto è stato avviato e promosso in stretta collaborazione con il Centro DCA Palazzo Francisci di Todi della USL 2 dell Umbria, in stretto rapporto con la dottoressa Laura Dalla Ragione, psichiatra responsabile del centro di Todi, e intende sviluppare programmi di ricerca, formazione e studi epidemiologici, rivolti ad una patologia complessa e in continua trasformazione. Il Congresso Nazionale intende sviluppare la discussione su Curare e prendersi cura nei DCA all interno del Servizio Pubblico, mettendo a confronto varie esperienze italiane nella loro declinazione ospedaliera, territoriale, residenziale, ma anche mettendo a fuoco il punto di vista dei Familiari, delle Associazioni del volontariato, dei Medici e dei Pediatri di base, e tutti coloro che intercettano una domanda di cura, spesso nascosta e difficile da accogliere. (R.C.) Progetto del Cif della Provincia di Potenza Essere e genitori oggi Laboratori a Lauria e Rotonda, Muro, S. Fele e Rionero La Presidenza Provinciale del Centro Italiano Femminile di Potenza, ritenendo prioritario, per il futuro del Paese, l impegno per la famiglia, ha elaborato il Progetto Essere genitori - Genitorialità e responsabilità educativa, approvato dalla Regione Basilicata. Il Progetto è in fase di realizzazione, per quest anno, nei Comuni di Lauria, Muro Lucano, Rionero in Vulture, Rotonda e San Fele, nei quali il CIF già svolge servizi a sostegno della famiglia e dei minori. La proposta progettuale si articola in una serie di laboratori di riflessione, all interno dei quali i genitori sono chiamati a ripensare le proprie responsabilità ed a condividere le strategie per un progetto che riguardi la vita, nel senso più completo del termine, dei propri figli. Alcuni dei temi sui quali verteranno gli incontri sono: Il dialogo educativo. La posizione di ascolto delle problematiche giovanili. Il rapporto formativo con i propri figli, necessario per costruire una società più equilibrata. La ricerca di regole educative da condividere per fondare una comunità di amore e di rispetto reciproco. Tra gli elementi che caratterizzano il progetto: Le giornate con i figli : esperienze ludiche e conviviali, alle quali vengono invitate le famiglie dei paesi limitrofi; Le giornate dell accoglienza, nelle quali le famiglie si impegnano ad ospitare per un giorno altri bambini e/o adolescenti; Le giornate con le Istituzioni, in cui queste vengono coinvolte e si rendono consapevoli delle problematiche familiari; Genitori in rete : una rete di rapporti tra genitori per scambio di esperienze e sostegno solidale alla genitorialità. Inoltre, saranno coinvolti attivamente i padri e, affinché sia l Associazione ad andare incontro alle famiglie, alcuni incontri saranno tenuti nelle contrade dei rispettivi paesi, per favorire la partecipazione di quei genitori sempre assenti da qualsiasi attività formativa o sociale. Nell incontro tenuto a Rotonda nella Sala Consiliare del Comune (che è uno dei soggetti che hanno aderito al Progetto) la psicologa dott.ssa Ena Mainieri (perfezionata in psicoterapia familiare sistemicorelazionale nonché in prevenzione del disagio adolescenziale) ha trattato il tema La genitorialità: responsabilità, dovere sociale, difficoltà e gioie, conducendo il gruppo dei genitori presenti in modo da renderli protagonisti attivi. La riflessione e il pensare insieme ha stimolato i presenti a comunicare i propri vissuti, a mettere in comune le esperienze, ad interrogarsi e ad elaborare le conoscenze. L incontro di giugno, a Lauria, condotto anch esso dalla psicologa Mainieri, vedrà coinvolti il CIF ed i genitori di Lauria, nonché la Parrocchia San Nicola di Bari di Lauria, che ha aderito al Progetto. Maria Josè Mainieri Presidente Provinciale CIF Magna Grecia e Prodotti caseari questi i temi, oggetto di un incontro dell Upel-Auser Trecchina Maratea, a cura del giovane studente Benedetto Caricchio e di Donato Nicastro collaboratore dell Istituto Sperimentale di Potenza. La relazione sulla Grande Grecia, svolta con passione dal giovane studioso, è stata profonda ed articolata. Benedetto ha parlato delle colonie sullo Ionio e Tirreno (di Siris, Taranto, Heraclea, Sibari, Policoro, Metaponto, Crotone, lao, Scidro, Pixunte, Elea, Poseidonia). Ha accennato alla scuola Eleatica di Parmenide ed alla scuola Pitagorica. L autore è stato elogiato dalle sue insegnanti, delle elementari, M. Pia Lamberti e Lucia Filardi, e da Lidia Magna Grecia e Prodotti caseari lucani Conferenza di Caricchio e Nicastro all Upel di Maratea-Trecchina Orrico docente di artistica alle medie. Commosse hanno evidenziato la passione che Dino manifestava per gli studi e le ricerche storiche. *** Nella relazione, di Prodotti caseari, Donato Nicastro, l esperto ha evidenziato l importanza dei formaggi nell alimentazione umana; descritto la bontà e la tipologia di quelli lucani, come il canestrato, il pecorino, la ricotta: in maggior parte prodotti dal latte di bovini, d ovini e di caprini che pascolano sui prati delle colline e dei monti del nostro territorio. Il formaggio ha origine nella coagulazione del latte, provocato dal caglio: fenomeno notato dagli antichi pastori, quando usavano lo stomaco degli animali uccisi, per trasportare ol latte. Il gorgonzola si formò perché un giorno fu dimenticata un po di pasta di formaggio sul tavolo: il giorno dopo la pasta fu trovata con la muffa verdastra. La ricotta si forma ricuocendo il siero della cagliata. *** Al termine, riflettendo sugli argomenti trattati, sono giunto alla seguente conclusione: gli argomenti esposti dai due oratori, apparentemente, avevano contenuti distanti, invece, s integravano, perché, nell economia della civiltà greca, la pastorizia era molto praticata (lo testimonia l episodio di Ulisse e Polifemo). Nell uscire dalla Biblioteca, lo sguardo si è soffermato sul monte Coccovello, che si erge poco distante, con la sua caratteristica forma di caldaia capovolta, il caccheve, dal greco caccabos, caldaia dei pastori, da cui la montagna prende il nome: in dialetto Caccuvielle, italiano Coccovello. Ho pensato, di conseguenza, ai coloni e ai pastori greci, che, nel periodo ellenico, passavano per motivi di commercio attraverso la nostra valle e pascolavano i loro armenti sui nostri ameni monti. Biagio Ferrari AGENZIA DI LAURIA - tel GOLDENFRUTTA Ingrosso e dettaglio di ANTONIO VICECONTI C.da Capraro di Rosa 211 LAURIA (PZ) tel fax cell

5 a p r./maggio C R O N A C H E il sirino / 5 Insediato il Consiglio Comunale/Varata la giunta Iannotti Trecchina punta al bilancio partecipato Sarà il bilancio partecipato uno degli strumenti che animerà l azione dei nuovi amministratori comunali trecchinesi. L introduzione di questo istituto, di democrazia diretta, punterà a dar voce ad una domanda sociale coinvolgendo i cittadini nella gestione della cosa pubblica (e, forse, riprendere il dialogo con alcune forze politiche dell Unione n.d.r., dopo l anomala tornata elettorale). A questo filo conduttore si è richiamato il sindaco diessino, Ludovico Iannotti, intenzionato a riportare i cittadini a partecipare alla politica e restituirle eticità, in un momento di crisi. L assunto, nel corso dell insediamento ufficiale del consiglio comunale - eletto nelle consultazioni amministrative del 28 e 29 maggio scorsi durante il quale sono state esaminate le condizioni di eleggibilità degli eletti, prestato il giuramento del primo cittadino, e attribuito le deleghe ai componenti della giunta. Gli assessori nominati sono: Carlo Petta, vicesindaco (sanità, servizi socioassistenziali, pubblica istruzione e cultura); Giacomo D Imperio (bilancio, personale, turismo e politiche ambientali); Fabio Marcante (bilancio partecipato e politiche del lavoro); Giuseppe Agrelli (tutela della qualità della vita nei Villaggi e aree rurali sport). Deleghe anche ai consiglieri Michele Papaleo (viabilità rurale e agricoltura) e Michele Alario (politiche giovanili, spettacolo e attività produttive). Nella relazione - approvata dal civico consesso (completato da Francesco Alagia, Rosa Cosenza, Luigi Falcone, Davide Filardi, Domenico Iaria e Giacomo Limongi) - il sindaco, ha ribadito le linee del programma elettorale. Partendo dalla democrazia e la partecipazione, Iannotti, ha toccato aspetti generali quali la questione morale, pace e guerra per soffermarsi su quelli particolari, riguardanti il territorio. Tra i più importati in agenda, la tutela ambientale, con l assetto idrogeologico, la riqualificazione della viabilità rurale, il risparmio energetico, l agricoltura biologica e compatibile, l ecoturismo, il recupero del centro storico. Sul piano dei servizi, ribadito il diritto alla salute e salvaguardia delle categorie deboli. Giudicata attenta la risposta, ai disservizi e disagi, con l istituzione dell Ospedale Unico e utile una condivisa rivisitazione dell assistenza sanitaria di base. Riguardo scuola, formazione, cultura e politiche giovanili, si punterà sulla qualità e la specializzazione, mentre va rilanciato il servizio della Biblioteca comunale. Altro tema fondamentale il lavoro con azioni di supporto allo sviluppo e di intervento, a tutela del patrimonio produttivo e ambientale. Non ultime le politiche della solidarietà, parità e pari opportunità femminili. Iannotti, (imprenditore 42enne, vicepresidente della Comunità Montana Lagonegrese, al terzo mandato nella carica sindacale) sarà affiancato, dagli esponenti di Nuovo Progetto per Trecchina, cartello di centrosinistra che ha superato seppure al battiquorum - lo scoglio dell astensione portando alle urne votanti su iscritti (488 residenti all estero) e ottenendo voti di lista. TRECCHINA/La Provincia consegna i lavori Lavori sulla SP 3 tirrena e sp 44 del Noce Un euromilione per ammodernare l asse turistico con Maratea La Provincia di Potenza continua a preparare la strada per lo sviluppo. Ad un anno e mezzo dalla presentazione del Piano della viabilità - avvenuta proprio a Trecchina il presidente Sabino Altobello ha ricordato che sono già partiti ben 30 interventi sui 44 previsti con un investimento pari a 22milioni di euro. Si tratta di un programma significativo e poderoso che toccherà i 40milioni di euro che, accanto a nuove opere, provvede alla manutenzione dell esistente mettendolo in sicurezza operando in sinergia con le amministrazioni locali. Nell elogiare l assessore al ramo e l ufficio preposto guidato dall ing. Rocco Continolo - per la celerità nei procedimenti (progetti, appalti ecc.), Altobello, ha rimarcato la concretezza del lavoro, svolto in concertazione coi cento comuni, riguardo le priorità. Due di queste importanti direttrici viarie sono la SP 3 Tirrena, che da Trecchina conduce a Maratea, e la SP 44 che collega Trecchina alla Fondovalle del Noce, servendo i villaggi di Piano dei Peri e Parrutta. All atto della consegna dei lavori, il neo-sindaco Ludovico Iannotti, ha sottolineato l importanza dei due collegamenti sull asse turistico Trecchina-Maratea e fra il centro e le due popolose contrade (circa 700 abitanti) e le attività produttive collocate sulla SS 585, lungo un percorso tormentato geologicamente da frane. Stiamo cercando di dare risposte, in tempi brevi, nonostante le continue calamità, così da favorire la fruibilità dei percorsi e l economia dei luoghi ha detto l assessore alla viabilità e trasporti, Pasquale Robortella. Trecchina è la porta verso Maratea e registra flussi viari locali, regionali e nazionali. Un tracciato tortuoso ma suggestivo che ammodernato assicurerà tranquillità a turisti e residenti, nel raggiungere la stazione ferroviaria ed il porto di Maratea, scalo per le autostrade del mare contribuendo ad elevare il Lagonegrese a territorio d eccellenza per il sindaco di Maratea, Francesco Ambrosio. Per garantire maggiore sicurezza ha illustrato l ing. Nicola Rubino - saranno installate nuove barriere, migliorata la visibilità in alcune curve, rifatto il manto stradale, realizzate gabbionate e risagomato il tracciato della sede stradale, demoliti alcuni parapetti sostituendoli con muretti in pietra. I lavori per 718mila euro - affidati alle imprese Pavilab srl di Lagonegro per la SP3, e per 313milla a Salvatore Schillizzi di S. Costantino Albanese, per la SP 44 dovranno essere realizzati in otto mesi. Ricam Art di SILVANA LOVOI Laboratorio Artigianale di Ricamo Produzione e vendita di capi per Corredo - Arredo - Articoli da regalo - Ricamati o dipinti a mano Via R. Margherita, 52 - NEMOLI (Pz) tel cell TV/Lagonegro e Rivello nel programma Cominciamo bene La Basilicata Sud su Rai3, per iniziativa di Allba L area sud lucana continua a rimanere al centro dell attenzione del mondo televisivo. Di recente la troupe di Italia Amore Mio, programma inserito nel palinsesto di Cominciamo bene estate che va in onda su Rai Tre, ha puntato il proprio obiettivo sul Lagonegrese in particolare Lagonegro e Rivello. Tre i servizi realizzati, in onda nel mese di giugno. Ad accompagnare il presentatore, Domenico Nucera, per il borgo antico di Lagonegro un testimonial d eccezione, l artigiano Biagio Grezzi, arzillo 71enne che raccontando la sua storia di fabbro ha presentato la sua città ed i luoghi a lui più cari. Vicolo per vicolo, rievocando i posti attraversati, si è lasciato andare confessando le proprie emozioni. I tecnici della Orisa Produzioni si sono trasferiti, poi, a Rivello per incontrare il prof. Vincenzo Labanca che ha affascinato l equipe col suo mondo di Briganti. E dai paesi alle montagne del Via Isola del Bosco - NEMOLI (PZ) tel fax lagonegrese, dove Franco Alberti con la sua cagnetta Brigitte, ha guidato la troupe in cerca di tartufi. Molto soddisfatto il vice Presidente del GAL (Gruppo di Azione Locale) ALLBA (Agenzia Locale Leader Basilicata) Christian Merli, che già nel 2005 aveva invitato Nucera ad inserire la Lucania nelle sue trasmissioni accompagnando, personalmente, la troupe dal Lago Laudemio (Monte Sirino) alla Valle del Mercure per realizzare due servizi per l estate Mentre, per il 2006, sono in programma altre 3 puntate. Merli incontrando gli autori della Orisa, oltre ad ottenere garanzia per nuovi servizi nel territorio della Basilicata sud occidentale, ha programmato importanti progetti futuri. Hanno affiancato e collaborato con lo staff della Orisa Produzioni: Giovanni Torcelli, Giuseppe D Alessio, la Pro Loco di Lagonegro e Peppino De Filippis che ha coadiuvato la regia della trasmissione. Arredamenti Elettrodomestici EUROGOMME DI GIUSEPPE GRECO GOMMISTA AUTOLAVAGGIO AUTOMATICO LAVAGGIO TAPPEZZERIA Via Roma - NEMOLI (PZ) - tel

6 6 / il s irino M ISSIONI a pr./maggio Marzia Schettino: sensazioni, emozioni, riflessioni dall Africa MARATEA - Avrei potuto scegliere di lavorare dietro una scrivania e rendere così tranquilla la mia vita e quella delle persone a me care. La condivisione, però, del destino di quegli uomini che vivono ai margini della storia ha coinvolto il mio cuore e la mia mente, ovvero i miei sentimenti più profondi e la mia razionalità. Il loro mondo pieno di speranze, semplicità e dolore è diventato il mio facendomi scegliere di lavorare per essi e con essi. Questo è quanto mi dice con estrema modestia Marzia Schettino di 24 anni, ragazza esile, semplice, priva di ogni forma di autocelebrazione. Laureatasi da quasi un anno in scienze dell amministrazione, Marzia ha lavorato come volontaria a Roma in una mensa per uomini senza fissa dimora ed extracomunitari e, per qualche mese, poi, tra la gente colpita dalla tragedia dello tsumani conoscendo dal vivo il dramma del bisogno, dell emarginazione, della morte. Marzia decide, così, definitivamente di lavorare nel mondo della cooperazione e, pur non sentendosi preparata ad affrontare la realtà africana, decide di partire per l Africa accettando l opportunità offertale, per la realizzazione di alcuni progetti a termine, da una associazione non governativa vicina al mondo salesiano. Il primo ottobre 2005 Marzia tocca il suolo africano dello Zambia. La colpisce subito, sentendosi di vivere quasi in un film, sono sue parole, il contrasto fra la ricchezza dei pochi e l estrema povertà dei tanti; sente e vive con disagio la diversità del colore della sua pelle e avverte l ostilità diffusa e secondo lei anche giustificata dei tanti che vedono in lei la bianca, la sfruttatrice storica legata in qualche modo alle multinazionali, la turista in cerca del brivido di nuove emozioni in un mondo di fame e di bisogni. Marzia comincia a riflettere, ad imparare, a capire meglio se stessa e la realtà che ora la circonda per trovare una sintesi fra il suo mondo, la sua cultura, le sue tradizioni con quelle della società con la quale ora si confronta. Questo è il senso di una sua lettera che ci permettiamo di pubblicare quasi integralmente, dissacrando, forse, l intimo e personale travaglio di una giovane in cerca sempre più di una sua identità ma che dimostra, come anche fra noi, c è chi rifugge i vuoti valori propinatici spesso dal mondo mediatico e dal consumismo per cercare di cogliere i più veri e reali valori della vita... *** La porta aperta, il cane che dorme in un angolo, fuori la pioggia continua a cadere portando all interno della capanna l odore di terra africana bagnata. E ti scrivo da questo posto lontano serena ma mai totalmente rilassata Ho cominciato a scrivere più o meno una ventina di volte, dovrei scrivere ai miei, a C, dovrei scrivere a M, ad alcuni amici che continuano ad inviare msg senza ricevere risposta Da quando sono arrivata in Africa, in questa terra che mia non è ma alla quale vorrei appartenere, cado in preda a violenti sbalzi d umore come mai mi era capitato. Passo dalla gioia, che porta alle lacrime, al triste sorridere di me per non essere in grado di affrontare situazioni particolari se non piangendo, dalla rabbia verso un mondo cattolico e bigotto che spero di non subire mai (come invece accade per questa gente) allo scoppio di risate tra le più sincere e naturali. Trattengo le lacrime anche ora, senza sapere bene quale filo seguire, quale direzione far prendere ai miei pensieri per dare un po d ordine a quello che ti vorrei dire e sarebbero davvero tante le cose mille sensazioni, emozioni ed attimi infiniti che faccio fatica ad imprimere sulla carta. E dura l Africa G., fa male, ma basta poco per innamorarti di questa gente, di questa terra, sono felice. Ogni minuto che passa serve solo a farmi capire quanto mi sarà difficile lasciare tutto questo, abbandonare la voglia di vivere che si può leggere negli occhi dei bambini che incontro per strada per un Italia che non mi appartiene allo stesso modo in cui non mi appartiene lo Zambia. Non e di questo paese dalla strana forma che mi sono innamorata, ma della sua gente, voglio questo dalla vita G., voglio poter vivere circondata da questi bambini, immersa in una terra rossa dorata e verde, avara e generosa con i suoi figli, sovrastata da cieli immensi, azzurri come il mare e costellati da miriadi di stelle carichi di nuvole nero fumo che portano ricchezza e devastazione. Ma io non sono figlia di questa terra. Vorrei poter riempire le mie giornate degli sguardi di donne che guardano nulla e raccontano tutto, di mille colori e sfumature, di fronte alle quali perdi coscienza di te stessa per immergerti nella loro essenza, dei sorrisi dei bambini che corrono nelle pozzanghere e mi parlano attraverso i loro disegni, di mani che stringono le mie per minuti lunghi e intensi lasciando tracce come fossero colori caldi che lentamente penetrano nel mio corpo. Vorrei poter succhiare da questi volti l intensità dei loro gesti, apprendere da loro la bellezza, la sincerità, l immediatezza e la semplicità. Ci sono, però, giorni in cui mi sento un intrusa in una terra che non è di me che ha bisogno e che io sfrutto per appagare un senso di vuotezza e di povertà di spirito che altrimenti mi trascinerei dietro costantemente. Sono una straniera, una bianca, venuta da chissà dove e per quale ragione e mi sento sporca per essere ciò che non vorrei questa cosa i primi giorni mi ha fatto star male, tanto male, ma grazie ai bimbetti, sempre loro, sono riuscita a superare anche questo. Ho odiato la mia pelle e solo ora che mi capita di confondermi e di non riuscire più a distinguere i diversi colori, riesco ad essere felice, solo ora che non sono più costretta a pensare continuamente alla differenza che mi separa dal resto di questo mondo, felice di poter camminare verso il campetto da calcio circondata da bambini che mi chiedono di disegnare e di giocare con loro, felice di essere accompagnata dai ragazzi della scuola alla big stone per vedere il panorama, per vedere Luapula, lasciando che siano loro a scattare fotografie piene di sorrisi e risate mentre mi raccontano del loro vivere. Voglio poter continuare a sentirmi viva qui: i bambini sono il mio vaccino e la mia cura all insensatezza del mio essere. Non voglio far altro nella mia vita se di SERGIO DE NICOLA non portar loro un sorriso e riceverne mille in risposta infinitamente più belli. Non voglio tornare perché ho paura di impazzire, ma so che prima o poi succederà e allora penso che tornerò per studiare qualcosa che mi serva per poter ritornare qui per dare un senso un po più valido al mio stare in mezzo a loro. Voglio ricambiare il regalo che ognuno di loro mi dona ogni giorno offrendomi semplicemente se stesso. Vorrei poter sentire le loro risa, perforanti e liberatorie, come accade ora, dritte dentro al cuore e vorrei che potesse essere così ogni giorno. Poter godere della loro linfa vitale per sempre, per incazzarmi ed agire da qui contro ciò che contrasta ed uccide il vivere stesso dell uomo! Non so ancora se questo e il mio posto ma non so se sarei più capace di viverne senza. E una sera come tante, sono da poco passate le 23, Kelvin (il mio angelo custode) che per me e ormai tutto quello che sono sempre stati tutti i miei amici si e addormentato sul pavimento accanto a me. Fuori continua a piovere (da qualche settimana è iniziata la stagione delle piogge: violentissimi acquazzoni che durano poco più di 1 ora) come fosse una musica che accompagna i miei pensieri. Trascorro le mie giornate con i bimbi, al mattino a scuola lezioni di inglese, matematica, igiene (quant e difficile parlare a dei bambini di problemi come l HIV ed accorgersi dai loro sguardi che sanno fin troppo bene di cosa tu stia parlando), disegno e canto (hanno già imparato tutte le strofe di bella ciao, dovresti sentirli!!!), nel pomeriggio altre mille attività! Gli insegnanti mi hanno confessato che da un mesetto a questa parte i bambini partecipano alle attività pomeridiane, cosa che prima non accadeva mai, sono felice, segno che il mio impegno sta iniziando a dare i primi frutti! Gioco, rido, scherzo con loro. Li guardo vivere, assaporo attimi, odori, colori e suoni come non ho fatto mai, godendo della luce di questi volti colorati dai mille toni che corrono ovunque vestiti di stracci, scalzi ma sorridenti. Piangono, piangono anche molto, come tutti i bambini, ma soprattutto per la violenza che accompagna qualsiasi loro gesto, per l aggressività che emerge in qualsiasi loro gioco e che lascia trasparire tutto il dolore che tanti, troppi di loro racchiudono dentro. Quasi dimenticavo di parlarti di una delle cose più belle che ci sono qui: la loro musica! Cantano mattina, pomeriggio e sera, a volte anche durante la notte più che altro per motivi religiosi a mo di preghiera. Le loro voci si uniscono al battito di mani e al rullare dei drums sotto palmi scuri seguite da corpi che ondeggiano come fossero di fuoco fiammelle tenute in vita dalla passione e dalla sensualità nate direttamente dalla terra. Mentre ballano in realtà non mi sono di fronte ma in qualche dimensione ancestrale alla quale io non ho accesso! Mangio nshima (polenta bianca) con le mani, facendo piccole palline con le quali accompagnare le altre portate ( altre portate che parolone ) con le quali accompagnare le verdure cotte, bruchi fritti e pesci essiccati, kasawa (frutti particolari: sembrano un po patate allungate con tanto di buccia, ma sono bianchissime) arrostite, mango piccoli e acerbi, staccati dagli alberi, o grossi ed arancioni, buonissimi e dolcissimi. Ieri uno dei ragazzi, della scuola, mi ha scritto una lettera dichiarandomi il suo amore su di un foglio di carta unta ma che mai mi e sembrata tanto bella! Parole strane a sentirsi, sembrano racconti di mondi lontani e invece no il ragazzo dolcissimo che scrive di voler studiare tanto per poter sposare una bianca even if he belongs to a poor family é lo stesso che mi prende in giro e mi chiama Miss. Schietti o Martiamango, lo stesso che arriva con indosso solo un paio di shorts color cannella ma con tanto di fiori bianchi da regalarmi, che non ti guarda in faccia quando ti parla tant è timido ma che ti trapassa con quegli occhi così neri ed enormi. Storie dell altro mondo per le quali piango seduta sul pavimento di questa stanza cercando parole da scrivere a chi merita una vita meno ingiusta (non mi è mai risultato così difficile rispondere ad una lettera). Sono in Africa G., in Africa, o almeno in una delle tante, ricca di contraddizioni e problemi, di sguardi che ti penetrano nelle viscere e di sorrisi che ti tagliano in due, di bambini che corrono nelle pozzanghere (ed io li seguo senza pensarci) e di donne vestite di mille colori che portano pesanti ceste in equilibrio sulla testa, di ragazzine di 13 anni che portano avanti una gravidanza e di uomini che muoiono di Aids senza neanche saperlo, di anziani che ti salutano con un inchino e ti stringono la mano per lunghi minuti, battendosi la loro sul cuore, di fronte ai quali ti senti piccola ed inutile, vuota e povera di spirito. Lacrime versate di fronte a bambini costretti a crescere troppo in fretta ma il cui viso e la cui statura sembra rimanere sempre uguale, Africa fatta di mercati e merci di mille colori, di razzismo verso di me che sono bianca, verso di me che, occidentale e ricca, pretendo di venire qui a dimostrare qualcosa. Non posso fare altro che apprendere da questa gente, dai loro gesti pieni di umanità e dalle loro parole cariche di rispetto. Sento M. lontano da quello che sono io, non perché sia lui a volerlo ma perché probabilmente solo ora mi accorgo di quanto siano distanti i nostri sogni e poi c e questo mio vagare in una terra che non mi permette di essere in pace con me stessa. Mi mancano gli affetti ma non mi manca il mio vivere passato. Ho voltato pagina in modo brutale cominciando di netto un nuovo foglio di carta bianca è un inchiostro leggero che fatica ad essere letto Ogni giorno succedono cose che mi portano ad immaginare situazioni nuove e diverse, mi trascinano e mi violentano nelle viscere, capovolgendo ogni mio punto di riferimento. Ti ho pensato tanto da quando e iniziata questa mia avventura africana, catapultata in questo mondo così diverso dal nostro nel quale per tanto tempo ho sognato di essere. Mi auguro che tu riesca sempre a trasmettere la voglia di sorridere: quella che sei sempre riuscito a trasmettermi. Grazie per la chiacchierata G., ti auguro di svegliarti con lo stesso sorriso che ogni giorno vedo sui volti dei miei bambini e di cominciare così nel migliore dei modi una stupenda giornata. Che un po della mia africa possa giungere fino a te un piccolo squarcio di sensazioni ed un sorriso. Ti abbraccio immensamente, sempre Marziè *** Ti auguriamo e ci auguriamo che la tua vita sia sempre per te e per tutti noi una lezione di perseveranza e di coerenza.

7 a p r./maggio AVVENIMENTI il sirino / 7 Nella suggestiva Sala degli Stemmi dell antico episcopio, attiguo alla millenaria cattedrale di Policastro Bussentino - monumento nazionale dal si è svolta la cerimonia di presentazione del libro di Francesco Volpe, La Diocesi di Policastro nella prima metà del Settecento. Ai saluti del sindaco di Santa Marina Giuseppina Castaldi e del Vicario Generale e parroco di Policastro mons. Gennaro Farnetano, hanno fatto seguito le brillanti relazioni del dirigente del Polo Liceale di Sapri prof. Cesare Pifano e dello storico della Diocesi di Illuminante monografia del prof. Francesco Volpe La Diocesi di Policastro nel Settecento Presentata nella Sala degli Stemmi del palazzo vescovile di ANGELO GUZZO Teggiano-Policastro prof. Arturo Didier, mentre le conclusioni sono state affidate al Vescovo mons. Angelo Spinillo - curatore della prefazione del libro - e allo stesso autore dell opera prof. Volpe, ordinario di metodologia della ricerca storica presso la facoltà di Scienze Politiche dell Università di Salerno. Puntuale ed impeccabile il coordinamento del direttore dell Ufficio BBCCEE della Diocesi Don Fernando Barra. Nella storia della Diocesi di Policastro la prima metà del Settecento fu largamente coperta e caratterizzata dalla figura e dall opera del Vescovo Andrea De Robertis, originario di Giffoni Sei Casali, in provincia di Salerno, il cui episcopato durò ben trentaquattro anni. Il libro, che ne esamina l operato attraverso una ricca ed inedita documentazione d archivio, rivela e tratteggia una figura di pastore attivissimo e zelante, sollecito a soddisfare le esigenze spirituali delle popolazioni, generoso nel contribuire col proprio denaro all erezione e alla funzionalità delle chiese, sensibile e attento ai problemi della povertà. Nel corso del suo lungo presulato De Robertis visitò con assiduità la sua vasta Diocesi, mostrandosi infaticabile viaggiatore lungo gli impervi tratturi e le aspre mulattiere del Cilento e della Lucania. Severo nelle selezioni e nelle ordinazioni sacerdotali, fu inflessibile e intransigente nei confronti dei feudatari prepotenti e del clero indisciplinato. La sua opera si segnalò anche nel campo dell assistenza con l istituzione di confraternite ed altri enti di carità e di pietà collaterali alle parrocchie, come i monti frumentari e gli ospedali, soggetti alla giurisdizione vescovile, la cui funzione fu importantissima soprattutto nelle contingenze critiche che costringevano poveri e diseredati a ricorrere agli usurai e a soggiacere agli speculatori. Molti monti frumentari sorsero, nel?700, secondando le esortazioni del cardinale Orsini, avanzate prima come arcivescovo di Benevento e poi come Papa Benedetto XIII. Con questo suo lavoro - afferma il vescovo mons. Angelo Spinillo nella sua prefazione al libro - il prof. Volpe ha sollevato un velo, ha aperto una via, invitandoci a percorrerla, perché, riappropriandoci della ricchezza dei valori, degli esempi e delle memorie del nostro passato, potremo capire, giudicare ed organizzare il presente per un cammino che sappia ben orientarsi verso il futuro. Lo studioso fece luce anche sul tempo del Beato Lentini Un Vescovo V dell età dei lumi riscoperto da VolpeV Mons. De Robertis eresse Nemoli a Parrocchia nel 1725 di ANNA PAPALEO La presentazione del libro La Diocesi di Policastro nella prima metà del Settecento è stata per me l occasione per rivedere con molto piacere, dopo anni, il prof. Francesco Volpe - relatore della mia tesi di laurea e conoscere gli ultimi risvolti della sua infaticabile opera di ricerca. Duplice il motivo di gaudio in quanto il periodo trattato dall autore è lo stesso sul quale ho indagato in Trecchina nell età moderna, oltre un decennio fa, e parla dell episcopato di Mons. Andrea de Robertis, lo stesso che eresse a Vicariale Curata la Parrocchia di Nemoli, paese dove vivo. Il prof. Volpe - docente presso l antica Università degli Studi di Salerno ha tra le sue numerose pubblicazioni testi riguardanti gli aspetti storici, socio-religiosi e demografici del meridione e dell area campana. Membro dell Associazione per la Storia sociale del Mezzogiorno e dell area mediterranea, ha curato nel 1987 con il prof. Gabriele De Rosa - un interessante lavoro, a noi molto caro, sull allora Venerabile Lentini, nella storia sociale e religiosa della Basilicata. In Territorio, popolazione e ambiente a Lauria tra 700 e 800, Volpe fornisce un quadro preciso sullo stato del Lagonegrese, al tempo del Beato, attingendo proprio dalle fonti ecclesiastiche, nel caso la relazione ad limina, del Vescovo de Robertis, spedita alla Sacra Congregazione del Concilio il 2 giugno del La lettura del prezioso manoscritto - conservato alla Biblioteca di Napoli, presso la sezione manoscritti (IX A 35) da parte di Francesco Volpe, svela lati inediti sulla vita del clero e dell evoluzione della società di allora. Un epoca, segnata da terremoti e carestie come da me verificato consultando i registri dell Archivio Parrocchiale di Trecchina - ma connotata di forte incremento demografico in alcune province del regno. I dati sulla popolazione, forniti dal Vescovo, sono quasi concordi con quelli della Relazione Gaudioso, sempre del Delle 35 Parrocchie presenti nella Diocesi tre erano state erette proprio da Mons. Robertis che venne incontro alle richieste di nuclei abitati distanti dai rispettivi centri, fra queste Rocchetta, Sapri e Bosco di Rivello (oggi Nemoli). Quest ultima venne eretta su una petizione della popolazione che nel 1725 contava 450 anime. Il distacco di Bosco seu Tabernae, distante da Rivello tre miglia di strade precipitose, incommode e fangose, venne decretato il 13 ottobre del 1725, a Lauria, con la bolla di erezione della Parrocchia di S. Maria delle Grazie di Bosco. Per il suo sostegno provvide la popolazione locale tassandosi davanti ad un pubblico notaio mentre il Vescovo contribuì con il ricavato delle multe pecuniarie, delle rendite del feudo di Seluci e sue personali. Nella Visita pastorale del 1726 Bosco contava 557 anime ancora divise tra le Chiese di Rivello (354 di S. Nicola e 203 di S. Maria del Podio), il vice parroco era don Bartolomeo Barone. Quest ultima fatica, in definitiva, riporta alla luce l opera di un Pastore arso dallo zelo per la casa del Signore. Si tratta di notizie attinte, anche da quell autentico archivio vivente che è don Peppino Cataldo, bibliotecario della Diocesi policastrense, rivisto con gioia e, al quale, auguriamo pronta guarigione. Gratitudine ancora per il prof. Volpe, che mi ha insegnato i rudimenti per la ricerca storica e guidato al compimento dei miei studi universitari. Oggi in congedo, e per questo più libero (è già impegnato quale assessore alla cultura del suo paese natale) auspico che continui la sua opera e che gli studiosi come i suoi allievi sappiano percorrere la strada da Lui tracciata. Loc. S. Caterina - SS tel TRECCHINA (Pz) ONORANZE FUNEBRI PADRE PIO di Pietrina Vigorito TRASPORTI NAZIONALI ED ESTERI - STAMPA MANIFESTI C.da Chiusa Natale - NEMOLI (PZ) Tel Cell SUPERMERCATO "Le Cime" Via E. Schettini, 53 tel TRECCHINA SPECIALCAR COMMERCIO AUTOFUNEBRI CARMELO FIORE Via Fontanelle - MARSICONUOVO PZ Tel

8 8 / il s irino CULTURA & DINTORNI a pr./maggio ROTONDA/Si rinnova il suggestivo rito in onore del Patrono Diamo un volto nuovo alla sagra dell abete Partecipare alla Tredicina e rappresentare sulla vita di S. Antonio di MARUZZA FITTIPALDI MAINIERI Ho rivisto, dopo quarantadue anni, la sagra di S. Antonio nella sua ultima fase in piazza. Le braccia che all unisono alzavano l abete verso il cielo, al grido del Caporale all impiedi sul sacro tronco, mi hanno provocato una emozione nuova positiva, diversa da quando, giovane, ritenevo la sagra un rito pagano che incuteva paure ancestrali. Era un rito pagano e rimane tale, ma oggi lo sento pervaso da una devozione più matura ed essenziale. Erano tutti giovani gli uomini dell abete, quest anno, segno che essi hanno interiorizzato la tradizione dei padri depurandola da tante scorie primitive e violente. In piazza sempre la stessa suggestione: le stesse voci, gli stessi colori, la stessa musica. Suoni di zampogne, di tamburelli, di organetti. Colori sgargianti nei cinti, colori allegri nei palloncini sospesi nell aria e nelle vesti variopinte delle contadinelle felici. Nell aria il respiro bucolico del passato, fresco e rasserenante. La piazza è gremita. Fra tanta festa, le mie riflessioni socio-politiche, che io prediligo, mi riportano alle adunate oceaniche al cospetto del Duce che tuonava dal balcone di Palazzo Venezia. I palloncini volano indifferenti sulla folla, dondolandosi al vento. I buoi, come sempre mansueti e pazienti, sono i soli stanchi e barcollanti. Gli unici a non essere allegri fra tanto clamore! Stanchi, in verità, lo sono anche gli uomini dell abete, ma la loro stanchezza è quella dei vincitori; la stanchezza dei buoi, invece, è quella dei vinti. I giovani dell abete, immagine del futuro, sono anch essi stanchi e sudati, ma felici, perché credono in quello che fanno. E questa devozione somiglia molto alla fede. Ma oggi vorrei qualcosa in più da questi giovani. Vorrei tanto che in chiesa, durante la Tredicina, i ragazzi ed i giovani di Rotonda venissero numerosi ad ascoltare, dalla voce del Parroco, il racconto della vita di S. Antonio nei suoi molteplici aspetti, ed il racconto dei suoi innumerevoli miracoli. Mai Santo è stato più generoso e più tenero con l umanità, tanto da superare qualunque altro nell elargire grazie e miracoli per amore degli uomini; per questo il meritato appellativo di Santo dei miracoli. I rotondesi, nella maggior parte, conoscono troppo poco della vita terrena di S. Antonio e, dei suoi miracoli, forse solo i più noti. In verità, la nostra conoscenza di Lui si basa solo sulla grande antica devozione verso il proprio Patrono, e sul miracolo nostrano ricevuto dal povero bovaro che fu salvato nelle nostre montagne, dopo essere precipitato in un burrone insieme ai suoi buoi. Così la leggenda. Da allora nacque il rito dell abete. Il bovaro, per ringraziare S. Antonio del miracolo ricevuto, tagliò degli abeti in suo onore, per offrirglieli insieme ad altri fedeli. Alla scarsa conoscenza della vita del Santo, specialmente da parte dei giovani, si univa in passato il rammarico dei sacerdoti che rimproveravano i fedeli di non rispettare ed amare Dio-Padre, mentre si sprecavano in adorazione paganeggiante verso il loro Patrono. In realtà, i rotondesi credono e venerano Iddio Padre (basti pensare alla folla del Venerdì Santo accalcata in chiesa e per le strade del paese durante la processione di Gesù Morto), ma vogliono bene soprattutto al loro caro Patrono, più vicino ai loro bisogni, più confidenziale e più umano. Nell agosto del 2003 le fu assegnato Il Sirino d argento Mi piacerebbe, inoltre, che ogni anno venisse rappresentato in piazza, dai giovani rotondesi, uno spettacolo teatrale sulla vita del Santo per una maggiore conoscenza di Lui poiché, pur essendo un grande Dottore della Chiesa e uno dei maggiori educatori del popolo cristiano dal fascino umano sorprendente, poco si sa delle sue date storiche e delle sue esperienze d uomo dalla profonda cultura sacra ed umana. Sarebbe il modo migliore per onorarlo e per tramandare nei secoli la festa in suo onore che, pur nel rispetto della grande amata tradizione della sagra dell abete, deve spogliarsi da ogni selvaggio istinto primitivo come per il passato. Una festa serena senza risse e senza violenze, non inquinata dalla spavalderia da rodeo del Far West, provocante grossi danni al bosco e maltrattamenti ai poveri buoi, ma allegra e sobria, così come si conviene ad una sagra religiosa agli inizi del terzo millennio, ancora così cara al cuore dei rotondesi. L archeologa Paola Bottini lascia Maratea Da 25 anni alla Soprintendenza lucana/dirigeva il Centro Operativo BAAS: Notevoli i contributi per il museo di Grumentum, l archeologia subacquea, quella terrestre fra Noce e Lao, il patrimonio archeoindustriale lagonegrese Dopo venticinque anni di attivo e proficuo lavoro la dottoressa Paola Bottini ci lascia per continuare la sua attività professionale al nord. Originaria di Cremona, la dott.ssa Bottini, fino ad oggi direttrice del Centro Operativo di Maratea, che dipende dal Ministero per i beni e le attività culturali, giunse in Basilicata nel 1981 quale funzionaria della soprintendenza per i beni archeologici. Col suo impegno e con la sua professionalità la Bottini ha dato notevole impulso allo studio e alla scoperta di importanti giacimenti archeologici e culturali del Lagonegrese e dell alta Val d Agri valorizzando, così, beni di notevole valore storico e sociale. Da quelli legati all area archeologica della città romana di Grumentum, di Greci e indigeni tra Noce e Lao (esposti nel Monastero di S. Antonio a Rivello) o all archeologia industriale delle nostre zone, patrimonio, quest ultimo, del quale la cultura locale si era perniciosamente disinteressata (vedi i cataloghi Archeologia, arte e storia alle Sorgenti HOTEL RISTORANTE per i i tuoi ricevimenti PER PRENOTAZIONI RIVOLGERSI IN Via F. Turati, 21 PRAIA A MARE (CS) tel fax LAVANDERIA PASQUALINA ALAGIA del Lao e Per un Censimento delle presenze archeoindustriali nel Lagonegrese. Notevole è stato il suo contributo all apertura del museo dell alta Val d Agri, dove le risultanze e i reperti provenienti dagli scavi dell antica Grumentum fanno bella mostra di sè e ci invitano a continuare gli studi e la ricerca per scoprire il patrimonio storico e artistico che l antica città ancora ci nasconde, pregevolissima, poi, ne è stata la stesura da lei curata del voluminoso e dettagliato catalogo pubblicato nel Di particolare rilievo è stata la ricerca che la studiosa ha svolto nel territorio di Maratea sia individuandone i primi insediamenti antropici sia nel portare alla luce quel patrimonio di vita e di storia che si svolse, in epoca romana, intorno all isola di Santo Janni, promuovendo, così, uno dei primi progetti di studio sull archeologia marina condotti in Italia. Sulla rotta della Venus - Storie di navi, commerci e ancore perdute è il titolo di un interessante catalogo che la dott.ssa Bottini ha curato con la collega Alice Freschi (riportando a galla il più cospicuo rinvenimento di ancore del Mediterraneo). Venus è quanto si legge su un ancora fra le molte portate alla luce dai fondali prospicienti l isola di S. Janni, luogo di commercio e di produzione del garum, salsa di pesce tanto gradita ai romani, appartenente ad una omonima nave fra le tante che per attività commerciali frequentavano l area. Tutto questo patrimonio archeologico, testimonianza di un vissuto lontano ma che sa ancora parlare e interagire con gli uomini di oggi, grazie alla tenacia della dott.ssa Bottini, si può ammirare in un ricco percorso museale stabilmente allestito nei luminosi locali di palazzo Di Lieto. Con la recentissima pubblicazione, poi, che ha curato insieme alla dott.ssa Valeria Verrastro su Villa Nitti a Maratea: il luogo del pensiero la Bottini, prima di lasciarci, ha donato alla comunità di Maratea e della Lucania tutta uno studio e una ricerca di pregevolissimo valore storico e culturale. In questo lavoro, infatti, edito a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Consiglio Regionale della Basilicata, vengono evidenziate tutte le caratteristiche storiche, ambientali e stilistiche dell importante complesso architettonico progettato da Vincenzo Rinaldo, architetto veneziano, molto stimato per le sue capacità agli inizi del 900. Sono stati quelli della Bottini in Basilicata venticinque anni di continue ricerche e studi condotti con serietà, tenacia e rigore subendo spesso incomprensioni da politici e istituzioni per il suo carattere schivo ad ogni tipo di compromesso. Per la sua professionalità e per quanto ha restituito alla cultura lucana, e in particolare del Lagonegrese, il nostro giornale, nell agosto del 2003, le assegnò il premio Il Sirino d argento riconoscimento che annualmente viene assegnato, dalla redazione, a personalità che si sono particolarmente distinte per il loro operato nel Lagonegrese. Alla dott.ssa Paola Bottini che va via non possiamo, quindi, che augurare un proficuo e soddisfacente lavoro nella sua nuova sede. Ci auguriamo che porti con sè il ricordo di tutta quella gente lucana che ha imparato ad apprezzarla e che conservi l amore per il nostro sole, per il nostro mare e per i nostri paesaggi che lei ha contribuito, per quel che ha potuto, a preservare da ogni tipo di deturpazione ambientale. Sergio De Nicola LAVAGGIO GIO A SECCO E AD ACQUA QUA CAPI I IN PELLEP NOLEGGIO GIO BIANCHB IANCHERIA PER P RISR ISTORANTI PREZZI MODICI LAGO SIRINO (Nemoli) tel Cell

9 a p r./maggio CULTURA il sirino / 9 Pregevole biblioteca lucana di 2mila volumi Il fondo Cascini di Carbone in mostra all Archivio di Stato di Potenza Generalmente, quando si parla di Archivio, il pensiero va a sale lunghe e tetre, a silenzi secolari, a prolungati sbadigli, al respiro pesante, agli sguardi oziosi. Non è così per l Archivio di Stato di Potenza, che ho avuto modo di frequentare da anni, sia per le ricerche storiche, sia per la realizzazione di attività didattiche nella scuola media di Castelsaraceno, come i Capitoli Matrimoniali e l Alimentazione, svolte in collaborazione con il Cidi, con l allora direttore Gregorio Angelini e la dottoressa Valeria Verrastro. Le sale, modernamente attrezzate e computerizzate, la calda accoglienza da parte di tutti gli operatori offrono agli studiosi un ambiente sereno e ricco di curiosità, anche per le mostre originali che vengono preparate con professionalità e meticolosità. Documenti antichi, seppelliti sotto cumuli di polvere, vengono, così, restituiti alla luce e fanno palpitare il cuore dei numerosi visitatori. Tante sono le iniziative che sono state realizzate e che si possono proporre, anche perché l Archivio conserva una fornitissima biblioteca, certamente fra le più qualificate di tutta la Regione, con oltre volumi, tra cui manoscritti e cinquecentine. È una biblioteca specialistica, nella quale prevalgono testi di storia delle istituzioni e sull ordinamento amministrativo napoletano e italiano; opere di storia generale, del Mezzogiorno d Italia e locale; edizioni di TERESA ARMENTI di fonti (come I Registri della Cancelleria angioina e le Fonti aragonesi); manuali di archivistica, diplomatica, paleografia, cronologia, araldica, metrologia; guide, inventari, sussidi e repertori di fondi documentari conservati in istituti archivistici italiani e stranieri; collezioni di legislazione e di diritto del XIX secolo, una raccolta di periodici con testate di carattere storico, giuridico e archivistico. Molte sono anche le opere, messe in rete, che possono essere consultate via Internet. In questo periodo, fino a settembre, si può visitare la mostra: Il fondo Cascini di Carbone: una pregevole biblioteca lucana donata all Archivio di Stato di Potenza, inaugurata in occasione della VIII Settimana della Cultura. La mostra è stata preceduta dall interessante Convegno Le biblioteche d archivio: fondi speciali e collezioni nell Archivio di Stato di Potenza, al quale hanno partecipato insigni relatori come Donato Tamblé, direttore dell Archivio di Stato, Angela Costabile, direttore Biblioteca Provinciale, Maurizio Cassetti, dirigente della Direzione generale per gli Archivi; Serena Dainotto, responsabile della biblioteca dell Archivio di Stato di Roma, Valeria Verrastro, archivista di Stato presso l Archivio di Stato di Potenza, Maria Teresa Gino, bibliotecaria presso la Biblioteca Provinciale di Potenza e Caterina Coppola, naturalista. Il fondo Cascini è una pregevole biblioteca di circa 2000 volumi, donata CALZATURE A prezzi incredibili! Via R. Margherita tel N EMOLI (Pz) nel 2004 dalla vedova di Fulvio Cascini all Archivio di Stato. Il fondo librario costituisce parte di un antica biblioteca di famiglia. Delle circa seicentocinquanta opere (corrispondenti a circa milleduecento volumi) che ora compongono il fondo, la metà sono libri antichi e in particolare vi sono 6 cinquecentine, circa centocinquanta libri del Settecento, più di duecento dell Ottocento. Vi sono conservati anche sei manoscritti, di cui quattro settecenteschi e due ottocenteschi. Sono particolarmente notevoli alcuni libri a stampa di argomento naturalistico e geografico. Molti dizionari e libri di agricoltura segnalano gli interessi dei Cascini per la coltivazione dei terreni, in quanto proprietari di grandi appezzamenti nella zona di Carbone e di Castelsaraceno. I Cascini, non bisogna dimenticarlo, provengono da una nobile e ricca famiglia di Castelsaraceno, che nella seconda metà dell 800 si era trasferita a Carbone, avendo un loro componente sposato una Innecco. Diversi repertori di botanica ed alcuni diari di viaggio di grandi esploratori attestano ben più vasti interessi di alcuni membri della famiglia per il mondo naturale, per la medicina e per la geografia. Del fondo Cascini fanno parte anche due platee dei beni dell antico monastero italo-greco dei SS. Elia e Anastasio di Carbone, fondato negli A SAN GIORGIO LUCANO/Restaurata l Oasi di spiritualità Il Santuario della Madonna del Pantano Luogo di pellegrinaggio ricco di storia e suggestione Sorge tra il giallo di argilla e ginestre della val Sarmento il Santuario Diocesano di S. Maria degli Angeli. Lo scopri percorrendo il nastro d asfalto della sarmentana, proprio di fronte alla collina a terrazzo sulla valle dove si stende San Giorgio Lucano. Più noto come la Madonna del Pantano, per via del luogo dove sorge, è un sito frequentato da antica data. Tracce di un eremo di monaci basiliani sono visibili nella parte più interna, dove compaiono delle cavità, simili alle famose grotte di S. Giorgio Tra queste quella dell eremita, con annessa dispensa che ricostruisce le condizioni della vita monastica, e quella più grande adibita ad aula liturgica dove secondo la tradizione la Vergine apparve a dei cacciatori e pastori. Opportunamente restaurata, come tutto il santuario, ospita oggi una tela del pittore Emilio Larocca, di Trecchina, che riproduce la scena del Ritrovamento della statua. Venerata da almeno 1500 anni la Sacra Immagine, sopravvissuta alla lotta iconoclasta e ad un incendio è stata trafugata dagli infedeli del 20mo secolo e rifatta, similmente all originale, dai maestri di Ortisei. La struttura attuale che ingloba i luoghi di culto più arcaici, è di epoca setteottocentesca, come si legge dai vari impianti e opere d arte (stucchi, altare ecc.). Dotato, nel tempo, di campanile e di vani per alloggiare forestieri e pellegrini, l impianto monumentale è stato oggi completamente restaurato attraverso puntuali lavori (con la consulenza del geom. Giovanni Del Vecchio, responsabile diocesano). Luogo Giubilare nel 2000, è stato reso idoneo per il turismo religioso (con una comoda attrezzata foresteria) per ritiri spirituali, periodi di riposo, convegni, incontri formativi, con opportunità di escursioni: Di tipo geologico, naturalistico e culturale nell antro adiacente, con diversi strati di conchiglie fossili, sui sovrastanti calanchi e le guglie erose di Noepoli, nei vicini centri di origine albanese, alla poetica Valsinni, e gli itinerari del Parco nazionale del Pollino. Non ultime le feste che, da maggio a settembre si svolgono dal paese (ricco di murales) al santuario, per i pellegrinaggi in onore della Madonna ai riti in onore del co-patrono S. Rocco, con le cinte votive di grano e la celebre danza del falcetto. Accessibile con auto sino al sagrato, il Santuario, è stato inaugurato a fine maggio mese mariano per eccellenza E DILIZIA A RTIGIANA GIOVANNI I ALBANESE Via R. Margherita,146 ultimi decenni del secolo X, di cui oggi non rimangono che pochi ruderi alle porte del paese. L importanza delle due platee, per la prima volta esposte al pubblico, deriva dalla circostanza che esse costituiscono gli unici documenti dell archivio del monastero che, oltre ad essere sopravvissute al destino di perdite e dispersioni che ha caratterizzato la storia di quell archivio, sono anche gli unici documenti monastici rimasti in Basilicata. La platea dal formato più piccolo è una copia tardo-cinquecentesca della platea fatta eseguire nel 1577 dall abate commendatario Giulio Antonio Santoro. Essa costituisce un documento indispensabile, per la ricostruzione del patrimonio dell abbazia e dei suoi rapporti giurisdizionali con il territorio e l università di Carbone nella seconda metà del XVI secolo. L altra platea è invece una copia della platea fatta eseguire nel 1741 dall abate commendatario dell epoca, Giuseppe Firrao di S. Donato. Si tratta di un documento di grande importanza perché, oltre ad un analitico inventario dei beni e delle rendite, comprende anche la storia dell antico monastero, l elenco degli archimandriti succedutisi nel suo governo e delle reliquie ivi venerate. dal Cardinale emerito di Napoli, S. E. Michele Giordano, alla presenza del Vescovo di Tursi-Lagonegro, Mons. Francesco A. Nolè, dei sindaci della valle e altre personalità. Non poteva mancare l infaticabile parroco don Rocco Natale che abbiamo avuto modo di conoscere ed apprezzare (insieme con il geom. Giovanni Del Decchio consulente tecnico della curia vescovile). Come avvenne per l antica Chiesa madre di S. Francesco, don Rocco uno che guarda lontano - si è speso per il compimento dell opera, oggi restituita al culto in veste rinnovata e fruibile a tutti, in ogni stagione dell anno. Per informazioni Parrocchia tel Suore domenicane tel NEMOLI (PZ)

10 10 / il sirino S PECIALE ROYA RY a pr./maggio La 29ma si è svolta a Maratea dal 19 al 21 Maggio 2006 Assemblea distrettuale del Rotary y International Insediato il nuovo Governatore del Distretto 2100, Vito Mancusi Si è svolta nei giorni 19, 20 e 21 maggio, nella suggestiva cornice del Pianetamaratea la XXIX Assemblea Distrettuale del Distretto, preludio del passaggio di consegne tra il Governatore in carica, Prof. Alfredo Focà ed il Governatore Incoming, Dott. Vito Mancusi. Al tavolo della Presidenza, accanto al Governatore Alfredo Focà all Incoming Vito Mancusi, due massime autorità rotariane: il Board Director Raffaele Pallotta d Acquapendente PDG ed il Coordinatore della Zona 12 Vito Rosano PDG; a seguire, il Governatore Eletto Giancarlo Calise, il Presidente del Club di Lauria Antonio Vecchione ed i Segretari Distrettuali Luciano Lucania e Giuseppe Mensitiere. Sempre presenti il Presidente della Commissione Distrettuale RF, Michelangelo Ambrosio e l infaticabile Rodolfo Inderst, Co-Segretario Distrettuale. Tra i graditi ospiti il Governatore Incoming del Distretto 2080, Ing. Roberto Ivaldi, il Coordinatore Interdistrettuale e Delegato presso la Presidenza dei C.I.P. di Strasburgo Prof. Antonio De Majo, il Governatore Designato del Distretto 2100, Avv. Guido Parlato, la signora Bettina Lombardi in rappresentanza dell Inner Wheel. Presenti, inoltre, anche i Past Governor Dino Barbato, Pasquale Sansalone, Salvatore Mazzara, Gennaro Esposito, Natale Naso e Sandro Marotta. Numerosa e molto qualificata la platea delle autorità civili e militari intervenute: in particolare, il Sindaco di Maratea, Arch. Franco Ambrosio; il Presidente della Commissione Regionale per le Politiche Sociali, Dott. Gennaro Straziuso, in rappresentanza della Regione Basilicata; il Presidente del Tribunale di Lagonegro, Dott. Antonio Cirillo; il Maggiore Dott. Claudio Fiorillo, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Lagonegro. Da registrare anche la numerosa partecipazione di circa 400 congressisti, membri dei direttivi dei singoli Club del Distretto, ma anche tanti Soci che hanno contribuito a sottolineare con la loro presenza l importanza del Congresso quale momento culminante dell attività rotariane e sede ideale per rinsaldare i vincoli di amicizia fra i Rotariani del Distretto. Particolarmente numerosa la presenza dei Soci del Club di Lauria che hanno voluto dimostrare con un lunghissimo applauso il loro affetto e la loro stima a Vito Mancusi, socio del Club di Lauria, che per la prima volta, nella sua storia quarantennale, esprime il Governatore del Distretto. I lavori congressuali dopo la cerimonia ed i saluti di apertura - sono stati introdotti dal Governatore in carica Alfredo Focà, che ha voluto ancora una volta sottolineare il buon carattere dei rotariani del nostro Distretto e la sua profonda soddisfazione per i rapporti di amicizia e di servizio che ha personalmente constatato nel corso delle numerosissime manifestazioni di quest anno rotariano che lo ha visto alla guida del Distretto e che con successo volge ormai al termine. L intervento si è concluso con l augurio, a Vito Mancusi, di dare continuità al lavoro intrapreso con l entusiasmo che ha sempre profuso nel Rotary. Il Governatore Incoming Vito Mancusi, dal suo canto, in un brillante intervento, nel suo stile da tutti gradito ed apprezzato, ha introdotto il tema distrettuale Portiamo la pace nel mondo sulla scia delle indicazioni più vaste del Presidente Internazionale William Bill Boyd che fra i compiti assegnati alla Rotary Foundation individua al primo posto la pace nel mondo, ed il suo motto Insieme con amicizia per la pace ribadendo che nel Rotary non c è posto per quelle che vengono considerate amicizie dai più: un insieme di interessi personali, opportunismi, calcoli mondani. L amicizia rotariana è quella in cui l interesse personale è bandito, in cui l intesa spirituale, pur nella divergenza di idee, è la caratteristica determinante; è un sentimento assai duraturo che è capace di gratificare in somma misura chi lo assapora. Questo sentimento, creduto così comune ma, in realtà difficile a trovarsi, è uno dei più belli e pone le basi per una migliore comprensione e realizzazione dell amicizia e, quindi, della pace tra i popoli, che è poi lo scopo che il Rotary si propone. Mancusi ha, inoltre, rappresentato gli obiettivi del Presidente Internazionale per l anno 2006/2007 e precisamente: l alfabetizzazione, la fame e la sanità, la gestione dell acqua, la famiglia del Rotary, per la cui pratica attuazione il Rotary ha individuato le vie del servire : l azione interna, l azione di pubblico interesse, l azione professionale, l azione internazionale, le nuove generazioni e la sesta linea: l opportunità di servizio. Dopo la colazione, hanno avuto inizio le affollate Sessioni di lavoro parallele dedicate ai Presidenti Eletti ed Assistenti, ai Segretari, ai Tesorieri ed ai Prefetti. Alla ripresa dei lavori, dopo la prolusione del Governatore Eletto Vito Mancusi, vi è stato un breve intervento di saluto dell RD Rotaract, Alessandra Focà, ed a seguire la presentazione del Team Scambio Gruppi di Studio del Distretto 7260 Usa, guidato dal Team Leader Gloria Ingegno. In serata la cena di gala e l apprezzatissimo concerto all aperto della Noche Portena: lettere e musiche di Astor Piazzola a suggello di una indimenticabile XXIX Assemblea Distrettuale, la cui impeccabile organizzazione è stata certamente uno dei denti più robusti che hanno contribuito ancora una volta al giro della ruota. Nicola Gulfo Tesoriere Distrettuale Lanterna Verde di Salvatore Ruggiero Bar Ristorante Pizzeria SPECIALITÀ LOCALI - APERTO TUTTO L ANNO Piazza del Popolo, 25 - tel. 0973/ TRECCHINA SOCIETÀ LAGONEGRESE AUTOMOBILISTICA Servizi di Linea e Turismo Viaggi Nazionali ed Internazionali Gite scolastiche - Pellegrinaggi - Congressi - Escursioni Via Roma, 6 - LAGONEGRO (PZ) tel Azienda con Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9002 EDILIZIA ARTIGIANA di Giuseppe Ferrari NEMOLI (PZ) - tel cell Specializzato anche in: IMPERMEABILIZZAZIONE TERRAZZE - COIBENTATURE - FORNI - CAMINETTI - LAVORI IN PIETRA - CARTONGESSO - PITTURAZIONI VARIE ecc.

11 a p r./maggio RUBRICHE il sirino / 1 1 L ANGOLO GIURIDICO Della violazione degli obblighi di assistenza a cura dell avv. FERNANDO LETTIERI Cominciamo, così, ad entrare nell ambito dei reati commessi in famiglia, spesso taciuti, apparentemente non visti, non denunciati. In genere, diffusi e impuniti. Gravemente lesivi dei diritti, delle persone più deboli ed esposte a comportamente volutamente dannosi. Sul tema, numerosi e ampi sono i richiami alle componenti etiche, psicologiche e anche filosofiche. Queste righe intedono essere estremamente oggettive e scarne, prive di qualsiasi eco di natura diversa da quella giuridica. L ipotesi dalla quale si parte è quella della violazione degli obblighi di assistenza, ex art. 570 del codice penale. Chiunque, cioè, abbandoni la propria abitazione o non adempia agli obblighi di genitore o di coniuge è punito con sanzione pecuniaria e/o con la reclusione. Tale ipotesi delittuosa si manifesta con la malversazione o la dilapidazione di beni del figlio minorenne o del coniuge. E, dunque, un reato che si consuma a partire dalle mura domestiche. Può non essere veduto; non è di agevole individuazione, poiché si deve manifestare con comportamenti evidenti e dannosi. Evidente è solo l ipotesi, anch essa di violazione degli obblighi di assistenza, dell abbandono del domicilio domestico. Si vede; è verificabile, e maggiormente rilevabile, anche ufficialmente e pubblicamente. L ipotesi dell abbandono si concretizza dopo lungo tempo e senza che i familiari lo sappiano. Con l abbandono del domicilio proprio, ci si sottrae volutamente agli obblighi predetti, al fine di far venire meno anche ogni forma di collaborazione e di assistenza. E tipica la fattispecie del concubinato e di quella in cui si trascura l assistenza medica o si trascurano i figli minori di età, sia sotto il profilo fisico, che affettivo ed educativo. Nella fattispecie in esame, ricorrone anche le ipotesi della malversazione e della prodigalità, le quali si manifestano con la cattiva gestione del patrimonio della famiglia insieme con la diminuzione di patrimonio, generata da condotte volutamente rivolte a far perdere ricchezza alla famiglia o ad ogni suo membro. Ciò accade quando un genitore allontana dalla famiglia o sperpera denaro per cose personali futili o inutili e comunque senza che i familiari lo sappiano o contro la loro volontà. Lo sperpero di denaro abituale, disorganizzato e smisurato, non confacente con le condizioni economiche e patrimoniali di chi lo pone in essere, è ritenuto come gravemente pregiudizievole per la libertà e le aspettative dei familiari. Una delle principali fattispecie concrete è rappresentata dal gioco d azzardo. Esso è considerato, in taluni casi, anche come malattia della psiche ed è annoverato tra i gravi disturbi compulsivi. Tuttavia, lo sperpero di denaro può non derivare da alcuna infermità psichica. Altra ipotesi è quella della privazione dei mezzi di sussistenza ai figli minori o inabili al lavoro anche quando l inabilità può derivare, oltre che dalla malattia, da altre cause. Tale ipotesi può essere rilevata anche quando si manifesta contro il coniuge o i genitori. Tale norma, relativa ai mezzi di sussistenza, richiama gli obblighi alimentari concepiti come doveri di solidarietà verso lo stato di bisogno e nei confronti di chi non è in grado di provvedere al proprio sostentamento. Avverso tali comportamenti arbitrari e contrari alla volontà dei familiari conviventi, può essere disposto, eccezionalmente, anche l allontanamento coatto dalla casa familiare quale misura di sicurezza, qualora l abbandonante voglia per ragioni oscure o anomale farvi sporadico e improvviso ritorno; o può essere disposto l obbligo del pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi, quale rimedio riparatorio. Può esser pronunciato anche provvedimento inabilitativo e quindi limitativo dell esercizio dei diritti. Va anche ricordato, in sintesi, che chi viola i doveri coniugali incorre nella privazione delle tutele familiari a cui avrebbe diritto, essendo i doveri coniugali informati al principio di reciprocità. Taluni Autori si chiedono se sia più utile socialmente pensare a responsabilizzare il colpevole o a punirlo; se siano più gravi le violazioni degli obblighi patrimoniali o quelli di assistenza e di educazione. *L ASTERISCO/Più amore per i bambini Quando la televisione diverte ed educa Con piacere ho seguito la trasmissione della Carrà, la Signora della televisione, che ha rafforzato negli italiani il sentimento d amore verso i bambini derelitti, senza voce, traditi, lacerati ed uccisi. Anch io, rinnovando con Raffaella il mio amore per i bambini di tutto il mondo, ho rafforzato la mia indignazione verso quelli che adorano gli animali e sono indifferenti verso i bambini. Anzi, la mia indignazione cresce ogni giorno di più, perché constato che gli uomini amano più gli animali che i propri simili. E grave, infatti, che alcuni amino morbosamente gli animali, sbaciucchiandoli, facendoli dormire nel proprio letto, e che spendano un occhio della testa per vestirli, curare la loro toletta e nutrirli, mentre intorno c è gente che muore di fame. Gli animali si amano e si rispettano in maniera normale ed equilibrata, mai al di sopra dell uomo. Quando il modo di amare gli animali sconfina nel fanatismo, l uomo dimostra di non avere nessun interesse per le persone, ma solo desiderio di soddisfare il proprio personale egoismo nel possedere un oggetto che, tutto sommato, non chiede nulla e non costa fatica. In questo caso il rapporto è padroneschiavo. Costa fatica adottare un bambino, invece. Il bambino non è un oggetto, né un animale. E chi adora il cane per il suo morboso piacere, non è in grado di adottare un bambino. Né è degno di adottarlo. Conosco gente che riesce ad indignarsi solo per i maltrattamenti agli animali, ma rimane indifferente dinanzi alle atrocità perpetrate contro i bambini! Conosco gente che riesce a vincere la propria solitudine solo con un cane. Ci può essere cosa più triste? Per questo ribadisco ancora con convinzione che le persone che amano gli animali in maniera morbosa non sono sensibili verso gli umani; in realtà non sono capaci di distinguere la linea di demarcazione tra l uomo e la bestia. E questo è grave. Viva la televisione che sveglia la nostra etica assopita, fra tanto marciume televisivo! Maruzza Fittipaldi Mainieri Bandita la II edizione/scadenza il 30 settembre 2006 Premio internazionale di fotografia Viaggio in Basilicata Bandita la 2^ edizione del Premio Internazionale di forografia Viaggio in Basilicata (I giovani e il futuro la percezione di una speranza). Il Premio è istituito e organizzato dal Consiglio regionale della Basilicata in collaborazione con l Università di Westminster (Gran Bretagna) - Master in Fotografia - e l Azienda di promozione turistica della Basilicata. Il concorso è aperto a tutti i fotografi, professionisti e non professionisti, senza limiti di età. Ogni concorrente dovrà inviare, entro e non oltre il 30 settembre 2006, una sequenza fotografica compresa tra 7 e 12 foto. I premi: 1 classificato euro 5.000,00; 2 classificato euro 3.500,00; 3 classificato euro Per informazioni rivolgersi alla Segreteria del Premio: Tel via della Regione 8 Potenza. Numero verde LAUREA A NEMOLI Nuovo laureato in Ingegneria Edile a Nemoli. Si tratta di Franco Cantisani, che ha conseguito il titolo, presso l Università degli Studi Federico II, di Napoli, col voto di 101/110. Riqualificazione ed ampliamento di un complesso socioparrocchiale nel comune di Rivello, questo il titolo della tesi discussa dal candidato -assistito dal Relatore, prof.ssa Arch. Flavia Fascia, e dal Correlatore: ing. Serafino Regina. Congratulazioni vivissime dalla Redazione de Il Sirino. ONORANZE FUNEBRI DOM EN ICO LENTINI Arredi sacri e religiosi Via R. Margherita - NEMOLI (Pz) tel

12 12 / il s irino OMAGGI a pr./maggio Risorto alla Vigilia di Pasqua In memoria di nostro padre Prospero Sappiate che i fiumi ritornano indietro, che le pietre ricordano! (Marina Cvetàeva) Ciao Papà, non te l aspettavi che, dopo tanti nomi, più o meno illustri, dedicassimo una pagina anche a te. Era doveroso, infatti, tributarti un pensiero non foss altro per gratitudine in quanto se noi siamo quel che siamo, in fondo, lo dobbiamo anche a te. C eravamo tutti molti di più di quanti avevi invitati - alla tua festa, il giorno di Pasqua, per il quale avevi già prenotato l agnello sacrificale Parenti e amici, come piaceva a te. E, come ogni anno, i piccoli avevano preparato le letterine, da riporre sotto il piatto, con le promesse di essere più buoni. Ma Qualcuno che apparecchia una tavola più grande ha voluto che tu sedessi ad un altra mensa, e così, dopo aver vissuto la tua passione, Quella mano pietosa ha voluto portarti con Sé, proprio per la festa più importante della cristianità. E stato un grande privilegio e, forse, questo rende meno doloroso il nostro distacco, sapere che sei salito al cielo per la Resurrezione, quando tutti i credenti gioiscono in vista di un mondo nuovo. Come ha detto il parroco, don Guido, ciò allevia le nostre sofferenze Il giorno che te ne sei andato, un uccello strano, di una specie mai vista, ha battuto contro i vetri della casa dei tuoi nipoti. Spiumato e intontito si è accasciato proprio come te. Abbiamo subito pensato che come il nostro nido, disfatto dalla tua dipartita, anche lui aveva lasciato il suo e si era perso al primo battito d ali. Così temevamo che non ce la facesse, invece, dopo un po con nostra gioia e sorpresa - si è ripreso ed è volato via. Pur non credendo alla metempsicosi (reincarnazione) ci piace credere che questo sia un segno, e che tu abbia voluto farci un ultima visita, similmente alle due farfalle notturne, una bianca e una falena, che all imbrunire, terminata l ultima recita del S. Rosario, volavano intorno alla tua casa. Erano in tanti, come per l ultimo saluto al Ponte di Malizia. E, nell accompagnarti all ultima dimora, nella mente i pensieri s affollavano. Ricordavamo gli ultimi momenti, i più tristi della tua esistenza, ma, soprattutto, quelli più belli, quelli legati alla quotidianità che con la tua vita semplice ci hai insegnato ad apprezzare. Ci attendevamo che come le nonne, venute a mancare quasi centenarie, anche tu vivessi più a lungo e ci trasmettessi ancora qualcuno dei tuoi tanti saperi. Quinto figlio di una nidiata di dieci, cresciuti in un dolce villaggio sul fiume, mandati in tenera età a fronteggiare gli eventi della vita, per la scomparsa del padre, sei diventato uomo. Tanto da tener testa allo scrittore e giornalista Giorgio Bassani, che in vacanza a Maratea, con la sua fuoriserie, aveva investito uno degli armenti che allevavi. Ci devi perdonare se raccontiamo l aneddoto, ma ciò aderisce a quanto diceva R. Kipling e al senso del dovere di cui era impregnato il tuo lavoro. Patriarca di una famiglia di sei figli, ci lasci il ricordo di una persona umile, discreta, con la scorza amabilmente dura ma dal cuore tenero. Rammenteremo di te l essere creativo, l abilità che avevi in ogni sorta di opera che facevi, dalla magìa degli innesti all intreccio dei cesti, all orto che curavi amorevolmente con la mamma, che è stata la tua ombra per 57 lunghi anni. Più di mezzo secolo di matrimonio, che abbiamo celebrato insieme, uniti, regalandovi e regalandoci un anniversario irripetibile, inciso nel più profondo dell anima, al pari del tuo 80mo compleanno che hai voluto quasi un presagio festeggiare con una cerimonia nell intimità familiare, così come volevi avvenisse per l ultimo Natale. Ma il momento ci restituisce ancora riti come la vendemmia nel vigneto sul Noce, tra la vigna vecchia (di memoria sinisgalliana) e quella nuova, ora quasi abbandonata come quei luoghi un tempo abbondanti di frutti rigogliosi. Frutti come l uva spremuta nel grande tino per ottenere quel dolcissimo vino rosso. Quello che tu chiamavi rosolio, intriso di sudori e viaggi continui, maturato per allietare le nozze e i conviviali di figli e nipoti. Di te porteremo, pure, i rari racconti, attinti dai fatti degli avi, le filastrocche e gli antichi proverbi. Le storie di Pringhillo, di draghi, della volpe e il lupo, i giochi con cui intrattenevi nipoti e pronipoti (perché la sorte ti aveva reso bisnonno). In ultimo, come dimenticare la tua passione per l arte venatoria, quella caccia che praticavi con gli amici fino a non molto tempo fa, a dispetto degli anni e della salute (contro il nostro volere). Quelle foto con trofei, pur non sempre condivise, testimoniano di una pratica antica quanto l uomo che avevi nel sangue, come l amicizia, il rispetto, l amore. Insegnamenti e valori che albergano anche nei nostri cuori, dove risiedono i sentimenti di affetto e stima per te, segnati indelebilmente. Nell esprimerti la gratitudine per averceli trasmessi, ora che abbiamo imparato a camminare da soli, non dimenticarti di noi e continua a guidarci nel difficile cammino della vita. Anna e Salvatore Scompare un uomo di cultura e fine poeta In ricordo del notaio Carlo Tortorella di BIAGIO FERRARI Il 23 maggio u.s., all età di 77 anni, ci ha lasciati il notaio Carlo Tortorella. Un pensiero commosso va ai suoi familiari: alla gentile sig.ra Teresa, ai figli Francesco e Mariella, al genero, notaio Nicola Guerriero. Il notaio apparteneva ad una nota ed antica famiglia di Lagonegro. Fra i suoi parenti si ricordano il grande storico avv. Carlo Pesce (del quale il notaio portava il nome), autore del libro La Città di Lagonegro, ed il fratello Antonio, autore di pregevoli poesie in italiano ed in vernacolo lagonegrese. Il notaio Tortorella ci lascia una grande raccolta di poesie in dialetto lagonegrese, nelle quali, con grande efficacia descrive momenti della vita passata e recente di Lagonegro, evidenziando, così, le sue innate capacità poetiche. Lo ricordiamo con affetto e stima; e sentiamo il dovere di riportare una tra le tante sue belle poesie: AFFABBETA U cori miu comi a me pocu sapi parlà senti ca voli beni ma nun tu sapi rici e quannu faci a prova si mbroglia nun canosci i virguli, ma si forti sbatti u cori senti na cosa sola comi nu ngaravuogliu ca tuttu u cuorpu aggira sulu a la vista toi e aggiu sintutu rici ca sta catena roci teni nu nomi bellu ca si chiama amore. Dipinto di Emilio Larocca TUTTO P E R L A G R I CO LT U R A Cereali - Mangimi - Sementi Fertilizzanti - Fitofarmaci - Ferramenta Prodotti per la casa e la persona Via Pozzodonato, Tel. 0973/ TRECCHINA (PZ) TRATTORIA - PIZZERIA - BAR LA CASERECCIA Forno a legna loc. Parrutta - TRECCHINA (PZ) 200 mt Fondovalle Noce tel

13 a p r./maggio SCUOLA il sirino / 1 3 SICUREZZA/Al Concorso nazionale dell Inail e Miur Premiati gli studenti dell Isis R. di Lauria Riconoscimento anche dalla Bmp per un allievo modello di NICOLA PONGITORE Forme di incentivazione allo sviluppo di professionalità in materia di sicurezza e salute negli ambienti di lavoro questo il tema di un concorso a livello nazionale indetto dall INAIL e dal Ministero dell Istruzione. Cinque le borse di studio riservate alle scuole della Basilicata. La commissione esaminatrice per la valutazione degli elaborati presentati dalle Scuole Secondarie Superiori della Regione sul tema specifico Sicurezza e salute negli ambienti di vita, di studio e di lavoro ha assegnato una borsa di studio di 1.550,00 al progetto Sicurezza elettrica elaborato in forma collettiva dagli studenti della classe 4 C dell IPSIA di Lauria associato all ISIS Ruggero di Lauria, Biagio Cava, Francesco Di Giacomo, Antonio Durante, Giuseppe Ferro, Domenico Franzese, Emanuele Guerra, Luigi Maiolino e Daniele Rossi ed un premio di 770 euro alle scuole. L Ing. Nicola Scaldaferri ed il prof. Nicola Cicale coordinatori dei lavori hanno precisato che il modulo svolto ha riguardato i seguenti aspetti: cultura della prevenzione e della sicurezza; pericolo della corrente elettrica, protezione dei contatti diretti ed indiretti, protezione contro le sovratensioni, Normative, leggi ed Enti preposti. Il prof. Francesco Billari, vicario dell ISIS Ruggero, nell interpretare anche il pensiero del Dirigente Scolastico prof Francesco Boccarrato, esprime la personale soddisfazione e dell intero Collegio dei docenti per il premio consegnato ai ragazzi ed il riconoscimento alla scuola per un lavoro di elevato livello tecnico che realizza anche gli obiettivi previsti nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. Il prof. Billari fa presente, inoltre, che il riconoscimento ufficiale del premio è frutto di ideazione progettuale e di professionalità nella progettazione che impegnano studenti, docenti e tutto il personale dell Istituto per assicurare un livello di istruzione di formazione di qualità in linea con quelli che sono le esigenze del mondo del lavoro anche in prospettiva dei parametri europei e degli obiettivi di Lisbona. Nel corso della cerimonia ufficiale della premiazione, svoltasi presso la Prefettura di Potenza alla presenza del prefetto dott. Luciano Mauriello, sono state premiate anche le altre due scuole della provincia di Potenza: l Istituto Tecnico Statale Commerciale- Liceo Linguistico Leonardo da Vinci di Potenza e Istituto Statale di Istruzione superiore Liceo scientifico E. Maiorana di Genzano. Altro riconoscimento ufficiale, ma in un contesto diverso, quello che, a conclusione dell anno scolastico, è andato all alunno dell ISIS Ruggero, Michele Rossi. Si tratta di una borsa di studio messa in palio dalla Banca Popolare del Materano consegnata allo studente di Chiaromonte per la sua valida, ricercata costante attività nello studio, quale incentivazione a proseguire gli studi con la stessa passione, l impegno e la serietà che gli hanno consentito di essere individuato come modello meritevole, esempio da seguire ed orgoglio anche dell intero Istituto. LAURIA/Progetto delle Primarie del I Circolo Sorella acqua, dalle sorgenti al mare Si chiama Sorella Acqua il progetto di educazione ambientale realizzato da alunni e docenti del Primo Circolo Didattico di Lauria, retto dalla dirigente, M. Giovanna Chiorazzo. Redatto dalle referenti, Luisa D Avino e Maria De Simone - il percorso educativo si è snodato lungo tutto l anno scolastico, appena conclusosi, coinvolgendo 190 allievi delle classi 2^, 3^ e 4^ delle Scuole Primarie G. Marconi. Inserito nel Piano dell Offerta Formativa d Istituto - e condiviso dalle famiglie - aveva come obiettivo l acquisizione di maggiore sensibilità alle tematiche ambientali, in particolare relative all acqua, tramite scoperte ed esperienze dirette. Nell itinerario didattico sono state effettuate visite guidate sul campo, dalle sorgenti del Lago Sirino, al depuratore del Comune di Lauria, al mare di Maratea e al Museo di Montecorvino. Tutte resocontate, al termine della ricerca, da una mostra documentaria, proiezioni e dispense. Nell escursione, presso l invaso lacustre, la pattuglia di 215 elementi, ha avuto come cicerone il sindaco di Nemoli, Antonio Filardi, che ha illustrato le peculiarità delle polle sorgive e la natura del bacino pedemontano. Più a fondo sono andati i responsabili del Parco geologico Il Micromondo, svelando i segreti celati nel sottosuolo terrestre, ivi compresi, il carsismo diffuso anche nel Lagonegrese, nel monte Coccovello. In questo meraviglioso viaggio alla scoperta dell oro bianco gli scolari hanno indagato sui vari aspetti del prezioso elemento vitale: dalla storia (miti, leggende, religione), la lingua con poesie e proverbi, l arte (opere di pittori famosi ma anche conoscendo le fontane di Lauria). Dal lato scientifico indagato il ciclo dell acqua e il tragitto che va dalle sorgenti, al fiume al mare (foci del Noce e porto di Maratea), passando attraverso l utilizzo umano (alimentare, igienico, industriale...) del prezioso liquido. Per concludere torniamo al lago Sirino, dove gli alunni hanno appreso delle sue origini leggendarie, legate allo sprofondamento di un bovaro coi suoi armenti, reo di lavorare in giorno di festa e di come, questo dono di Dio, sia condannato a svuotarsi periodicamente. In sintonia col fenomeno, di equilibrio ecologico, ci piace riportare uno degli slogan del lavoro La terra fa acqua da tutte le parti. Ma i buchi si possono chiudere con un dito. Il tuo. Insegnamento migliore i nostri eredi non potevano ricevere. (S.L.) NEMOLI/Alla Primaria presentato il progetto ethnemus La Scuola come Centro di Ricerca In scena storia e tradizioni, racconti, canti e immagini Il paese si riappropria di una parte di storia e costume, attraverso il lavoro di indagine svolto della Scuola Primaria Beato D. Lentini. E quanto è successo a Nemoli, grazie al progetto ethnemus, una ricerca etnografica sulle vicende e le tradizioni del centro valligiano. Inserito nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto Comprensivo di Trecchina-Nemoli, il progetto era finalizzato a riscoprire e valorizzare l identità culturale della comunità. Guidati dai loro docenti i 46 alunni del plesso hanno effettuato ricerche presso le proprie famiglie, tramite interviste e raccolta di fonti quali: racconti orali, documenti e fotografie. Al termine dell anno scolastico, assemblato il materiale, hanno presentato l attività svolta. Attraverso drammatizzazioni, proiezioni di immagini, racconti e canzoni, gli allievi hanno illustrato il percorso effettuato. Messi in scena tre quadri recitati, sulle tradizioni locali: dal Fuoco di Natale, al suono delle zampogne, delle troccole che girano, in occasione della Pasqua, all Infiorata del Corpus Domini con le lanterne. Nella seconda, proposte 16 storie attinte dalla memoria di nonni e parenti sull emigrazione - che annovera sin dal 700 calderai in Europa e Americhe e da metà Novecento partenze in Italia ed estero. Altri fatti - riguardanti il fenomeno del brigantaggio e la guerra, con episodi toccanti, riferiti a soldati e civili scampati al conflitto - sono stati proposti, fra canzoni classiche e moderne in tema. Per gli insegnanti referenti tutti gli obiettivi previsti sono stati raggiunti mentre, il progetto, ha incontrato il gradimento dell uditorio, vuoi per la natura degli argomenti, il supporto delle nuove tecnologie e l originalità dei piccoli protagonisti. Sulla valenza didattica, lo spessore e i messaggi, offerti dal lavoro, si è soffermata la dirigente scolastica, Francesca M. Cozzi. Il sindaco di Nemoli, invece, ha sottolineato l importante opera di recupero, conoscenza e promozione del patrimonio. Fiori - Piante Articoli da regalo L ANGOLO DEI FIORI Via Roma, 39 - tel NEMOLI (PZ)

14 14 / il s irino Q U I N E M O L I a pr./maggio BILANCIO/Manovra per 2milioni e 366mila euro Assetto del suolo ed energia pulita i programmi Nessun aumento di tariffe/assegnati lotti artigianali/ LE POLITICHE A NEMOLI COMUNE/PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE LAVORATIVA PER 8 PERSONE Provincia di Potenza e Comuni del Lagonegrese a fianco dei soggetti più deboli dell area sud. E quanto prevede un progetto di Integrazione Sociale Lavorativa a sostegno di Persone Diversamente Abili e Svantaggiate, approvato dalla Conferenza dei Sindaci nell ambito del Piano Sociale di Zona del Lagonegrese (capofila il comune di Viggianello). La Giunta Municipale di Nemoli che ne condivide tutte le motivazioni, ha deliberato la propria adesione, approvandone la progettualità e passando alla realizzazione delle attività previste, all interno della propria comunità. L iniziativa che viene cofinanziata dall Amministrazione Provinciale potentina e da ognuno dei 13 comuni del comprensorio meridionale lucano, è finalizzata ad inserire nel tessuto sociale, culturale ed economico, dei paesi di appartenenza, di soggetti con disabilità lieve o di cittadini portatori di problematiche varie. Nel caso di Nemoli - ci dice il referente tecnico, lo psicologo di comunità, dott. Antonello Chiacchio - sono otto le figure interessate dal piano di inclusione. Per sei mesi, esse, renderanno un prezioso servizio alla comunità con una evidente ricaduta sul piano sociale e ricevendo un piccolo sostegno (a titolo di rimborso) pari a 120 euro mensili. Il progetto, partito già nel mese di giugno - aggiunge il sindaco di Nemoli, Antonio Filardi - apporterà benefici su diversi aspetti: dalla solidarietà attiva a quello sociale. Difatti le persone coinvolte, grazie all ausilio del referente e di un tutor per ogni area, saranno impegnate per nove ore settimanali (tre ore al giorno) in varie mansioni. Seguendo le indicazioni progettuali del Piano zonale, infatti, i soggetti prestano la loro opera affiancando gli operatori del verde pubblico e quelli degli altri uffici municipali. Si tratta di un modo nuovo per far socializzare tali persone con gli altri, distoglierle dalle abitudini routinarie, renderle utili sia pure attraverso brevi incarichi, fare acquisire loro nuove abilità o fare emergere le proprie, e, non ultimo, farle inserire, a pieno, titolo nel proprio ambiente. In una parola offrire delle opportunità a soggetti deboli, spesso ai margini della società. exedra disco pub PIZZERIA - BIRRERIA LAGO SIRINO (Nemoli) tel /40586 Guarda ai bisogni primari quali l assetto del suolo, e al risparmio energetico con l utilizzo delle fonti alternative, la relazione previsionale e programmatica, approvata con il Bilancio di Previsione 2006 dal Consiglio Comunale di Nemoli, con 6 voti favorevoli e 3 contrari. Si tratta di uno strumento ingessato, che non dà spazio a voli pindarici, per via delle progressive riduzioni di trasferimenti statali alle municipalità alle quali - durante le politiche - è stata anche prospettata l abolizione dell Ici. Un paese come Nemoli, a cui sono stati decurtati circa 25mila euro, deve fare i salti mortali per chiudere in pareggio. Grazie alle royalty dell acqua e al contributo straordinario per il terremoto e, improntando la manovra finanziaria al massimo risparmio, abbiamo cercato anche di ipotizzare progetti futuri - ha detto il sindaco di Nemoli, Antonio Filardi. Nel contempo non si è alzato il costo di nessuna tariffa: dall Ici alla Tarsu, ai servizi a domanda individuale (mensa e trasporti scolastici, impianti sportivi) Lo strumento contabile dispone di Duemilioni e ,00 euro (circa 4miliardi e mezzo di lire) la maggior parte delle quali è destinata a coprire le spese correnti, quasi ,00 di euro infatti, saranno destinate a servizi e spese di funzionamento. Mentre ammontano a 150mila euro le rate annuali per ammortamento mutui. Tra i 554mila euro di investimenti, ne troviamo 350mila riservati ai noti dissesti idrogeologici, che stanno flagellando l intero territorio comunale; circa 100mila, invece, saranno utilizzati per iniziare un discorso di risparmio energetico, partendo dall ammodernamento dell illuminazione pubblica, la conversione a metano e pannelli solari del Municipio e la Scuola Primaria. Nel contempo l avvio di uno studio sulle potenzialità energetiche pulite del territorio (dalle fonti idroelettriche alle bio-masse ecc.). Tali investimenti sono resi possibili, per metà, dalle royalty quale comune macrofornitore. Altre opere sono previste a vantaggio del cimitero comunale, la sentieristica e, nel sociale, all avvio di un servizio per l inserimento dei disabili (in collaborazione con la Provincia). L assise, che ha registrato una discussione sostenuta sui vari argomenti, tra la maggioranza (Udeur-Ds-Socialisti- Margherita) e l opposizione (Rifondazione, Verdi e F. Italia), ha proceduto all assegnazione di 3 lotti nell area artigianale che, a regime, dovrebbe occupare circa 50 unità lavorative. Anagrafe & Demografia Abitanti al n (M F. 803) Famiglie n. 571 NATI n. 8 - De Gennaro Chiara, di Giosuè ed Emma Martino, a Napoli il Pagliuso Angela, di Sebastiano e Rosa Maria Lombardi, a Sapri il Viceconti Ismaele, di Marco e M. Giusy Viceconti, a Sapri il Cascelli Martina, di Tonino e Cinzia Martino, a Sapri l Labanca Vincenzo, di Francesco e Anna Rita Alagia, a Sapri l Ferrari Noemi, di Antonio e Graziella Filardi, a Sapri il Dragone Miriana di Giuseppe e Mary Cantisani il D Imperio Pietro, di Emilio e M. Antonietta Vigorito, a Praia a mare il MATRIMONI n. 2 Palmieri Vincenzo e Pecorelli M. Angela, a Rivello il Lombardi Antonello e M. Grazia Scaldaferri, a Lauria il MORTI n. 15 Cascelli Nicola, di anni 77, il (pensionato T. Castagna) Forestiero Vito A. di anni 94, (pensionato c.da Paccione) Viceconti Maria Lucia ved. Palmieri, di anni 94 (pensionata, Lago Sirino) il Di Lascio M. Giovanna in Viceconti, di anni 80 (pensionata, c.da Varco Valle), il Bianco Immacolata ved. Lentini, di anni 80 (pensionata, Via R. Margherita) il Viceconti Domenico, di anni 76 (pensionato, L. Sirino) l Pettinato Silvana in Vita, di anni 46, il (casalinga, c.da Ferriera) Carlomagno Domenica Maria in Perretta, di anni 85, il a Lagonegro (pensionata C.da Paccione) Alagia Giacomo, di anni 74, il (pensionato c.da Ramiera) Risi Rosa, ved. Perrella, di anni 93, il (pensionata P.za Umberto I) Calcagno Gaetano, di anni 67, a Potenza il (pensionato C.da Sotto il Lago) Rossino Giuseppina, ved. Ielpo, di anni 76, il (pensionata c.da Frassini) Labanca Maddalena, in Pansardi, di anni 82, il (pensionata c.da Arenazzo) Labanca Raffaela, ved. Cirigliano, di anni 71, il (pensionata, c.da Quino) Cantisani Maria, ved. Viceconti, di anni 91, il (pensionata c.da Varcovalle). Bar - Ristorante - Pizzeria L Orchidea NEMOLI tel Pizze con forno a legna tutte le sere

15 a p r./maggio CRONACHE & SP ORT il sirino /1 5 PALERMO/Alla presenza del card. De Giorgi Nemoli riabbraccia Don Massimiliano All insediamento nella parrocchia di Cruillas Il 20 maggio 2006 nell aula liturgica di Cruillas, quartiere di Palermo, il cardinale Salvatore De Giorgi ha conferito il mandato di parroco, della c h i e s a Madonna del Rosario, a Don Massimiliano Scalici. Sono stati giorni molto intensi per la delegazione di Nemoli che ha affrontato il viaggio nell isola per poter riabbracciare il carissimo Don Max che per 8 anni ha svolto l attività di parroco nella comunità lucana. La delegazione, composta da più di 50 persone - guidata dalla nuova guida pastorale Don Maurizio Giacoia - era curiosa di vedere la nuova parrocchia di Don Scalici. La cerimonia si è svolta nell aula liturgica - allestita nel refettorio della scuola materna a causa dell inagibilità della Chiesa per il crollo di parte del soffitto. L accoglienza è stata molto calorosa da parte dei parrocchiani. Don Massimiliano, visibilmente teso e preoccupato per la buona riuscita della celebrazione, ci ha abbracciato uno per uno mostrando la sua riconoscenza. Tra i momenti belli della liturgia, molto suggestivo l arrivo del Cardinale di Palermo che ha salutato i fedeli in un modo tipico del papa. Nella S. Messa, diversa dal normale, il rito d insediamento canonico del nuovo parroco con il rinnovo delle promesse sacerdotali, il giuramento di fedeltà al Vescovo e ai suoi successori, alla missione che andava ad intraprendere ecc. Presenti alcuni sacerdoti della Diocesi palermitana e alcuni seminaristi, il cardinale, nell omelia, ha ringraziato il predecessore per il lavoro svolto ed ha accolto il religioso invitandolo a svolgere degnamente il compito affidatogli. All offertorio sono stati portati il calice e la patena regalati dalla comunità nemolese all ex parrocco. Con sotto incisa la data e una frase di ringraziamento da parte del popolo. Regalo molto gradito dal prete che lo ha mostrato al popolo e, molto apprezzato, dal cardinale. Alla fine della celebrazione sono intervenuti il sindaco di Nemoli, Filardi, e l amministratore Don Giacoia, e alcuni rappresentanti delle associazioni laicali e religiose di Cruillas per augurare un buon parrocato. Don Massimiliano ha parlato di come intende operare, nella sua terra d origine, e ringraziato Nemoli e la Basilicata per avergli offerto assistenza e ospitalità negli anni di permanenza. Antonio Zaccara FOLCLORE/L opera di Salvatore Falabella e figli Ecco le belle arie di Sirino Musica e suoni della tradizione popolare lagonegrese L aria che spira al mattino/ gioia di viver ti dà/ ti fa sentire bambino/ e la fatica scordar,/ con un bicchiere di vino/ vai con gli amici a cantar,/ poi quando il sole declina/ una preghiera si fa Inizia a ritmo di valzer l opera prima di Salvatore, Luca e Monica Falabella. Con L aria di Sirino padre e figli, lagonegresi ( lavrusciani doc ) hanno inteso documentare, ai soli fini culturali, quanto il capostipite, ha realizzato, in quasi tre lustri, come direttore artistico del Gruppo folk del Sirino (sodalizio conosciuto in Italia ed estero). Si tratta di una raccolta di canti e musiche che vale la pena di ascoltare, per comprendere a fondo il patrimonio popolare dell area sud lucana. Sia che si parli di brani profani che religiosi i motivi propongono uno spaccato variegato e autentico sui caratteri e le usanze del lagonegrese. Si va dall Aria alla Madonna ri Sirinu, intrisi di melodie coinvolgenti e religiosità popolare, per un pellegrinaggio verso il santuario montano, che ha origini leggendarie. Si continua con lo Stornello del trainiere, testimonianza di una attività molto diffusa nel passato che, per il ritmo e fattura, rimanda ai canti a dispetto. D interesse risulta anche Cardamu la lana, un canto di lavoro, risalente secondo la memoria trecchinese al Intrisa di sapori e motivi arcaici è ancora Na vignicedda, al pari dell immancabile Tarantella Lagonegrese, al cui ritmo non si può resistere secondo la tradizione. Accanto ai Falabella (voce, cori, zampogna, ciaramella, scacciapensieri, percussioni, basso) troviamo Massimo Della Monica, Claudia Inglese (cori), Francesco Pecorelli (fisarmonica), Vito Pecorelli e Angelo Rizzo (organetto). Un gruppo che ci e si propone con dieci buoni motivi, utili a conoscere o ritrovare i suoni di costumanze dimenticate quando non scomparse dal bagaglio culturale della nostra gente, il cui sguardo è sempre più votato all omologazione e la globalizzazione. Resta un solo rammarico in quanto l operazione di recupero che testimonia i segni di un mondo che scompare - purtroppo è destinata a circolare solo tra gli aficionados. Infatti l album, frutto di una registrazione in proprio, non è in vendita ai più. A parer nostro, invece, per il nobile scopo che si prefigge, il lavoro meriterebbe di essere conosciuto ed apprezzato e, perché no, sostenuto dalle istituzioni preposte in materia. Salvatore Lovoi CAMPIONATI DI CALCIO REGIONALE - CLASSIFICHE ECCELLENZA PROMOZIONE PRIMA CAT. GIRONE B SECONDA CAT. GIRONE C TERZA CAT. GIRONE D Policoro 78 C. Abbatino 67 Viggiano 61 Serafica C. 43 Tito 43 Salandra 41 Tramutolese 39 Montescaglioso 38 Grassano 35 A. Scanzano 34 Baragiano 32 Pantano Pignola 32 Grottole 31 Bar la Notte 28 Sarconi 27 Atl. Albano 26 *Promossa: Policoro 2000 *Retrocesse: Sarconi, Atl. Albano R. Viggiano 55 Rotondella 53 Roccanova 52 Lagonegro 44 Chiaromonte 36 R. Senise 34 S. Martino 32 Montemurro 27 Rivello 27 Paterno 24 Corleto 18 Teana 16 Marsico 11 *Promossa Viggiano *Retrocesse Marsico, Episcopia Laino Nemus 38 S. Costantino 38 Castelluccio 31 S. Severinese 22 S. Cririco R. 21 Pollino 20 Carbone 17 F.lli Cafaro 16 R. S. Giorgio 6 *Promosso Laino G.M. S P O R T ARTICOLI PER LA PESCASPORTIVA Sali e Tabacchi Via Perillo, 1 NEMOLI (Pz) tel Via P. Longo, PRAIA A MARE (CS) Tel./fax cell

16 16 il sirino a p r./maggio L ANGOLO DELL ERBORISTA Il Basilico: ortaggio o pianta medicinale? a cura della dott.ssa MARGHERITA SANTARSIERO E arrivato il caldo dell estate e con esso i profumi di fiori variopinti invadono le strade e ne impregnano l aria. Anche una pianta orticola, con il suo caratteristico aroma stimola il nostro odorato: il basilico. IL BASILICO (Ocinum Basilicum L.) è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle labiate, che accomuna numerose altre specie aromatiche come salvia, rosmarino, timo, melissa, maggiorana e origano. Il nome del basilico sembra derivi da Basilicum cioè regale riferito all uso del basilico presso gli egiziani per imbalsamare il corpo del faraone e ciò fa intuire l importanza erboristica che la pianta ha raccolto nel tempo. E una pianta originaria dell Asia e della zona tropicale dell Africa, ritenuta un importante centro di diversificazione delle varie specie. Nelle zone centrali e meridionali della Russia è ancora coltivata per estrarne l essenza, che viene esportata in Europa. E anche coltivata nell area mediterranea specialmente in Italia, Francia, Marocco, Egitto. Una significativa produzione di basilico è localizzata anche in California. Dal basilico si ottengono le seguenti materie prime: a) foglie fresche: utilizzate oltre che in culinaria per ottenere estratti e derivati di vario tipo; b) foglie secche: destinate allo stesso uso delle foglie fresche; c) olio essenziale: ottenuto per distillazione in corrente di vapore delle parti aeree raccolte prima della fioritura o all inizio; Il principale costituente del basilico è l olio essenziale, altri costituenti sono: flavonoidi, antociani, saponini, proteine, carboidrati, vitamine A, B e C. Le proprietà salutistiche di questa pianta sono essenzialmente tre: 1) tonico-stimolante, esercitate su tutto l organismo aumentandone l energia e l attività celebrale; 2) antisettiche, utile nelle infezioni intestinali; 3) antispasmodiche, che si esercitano sugli spasmi nervosi e digestivi. L essenza di basilico svolge azione antisettica e disinfettiva ed il suo tipico aroma allontana le zanzare e gli insetti fastidiosi, sui davanzali di finestre e balconi. L olio essenziale di basilico può essere associato con l essenza di ginepro, rosmarino, menta, mirto, canfora per trattare, mediante frizioni con preparazioni specifiche per uso topico, dolori, affezioni reumatiche e contratture muscolari. Tra i consumatori e gli appassionati di culinaria e di pesto alla genovese si è creata non poca confusione alla notizia che il basilico potrebbe avere effetti dannosi sulla salute, per la presenza, nell olio essenziale, di una sostanza (metil-eugenolo) ritenuta tossica per il fegato ed addirittura cancerogena. Tale sostanza è presente, nell olio essenziale, in quantità così ridotte che è molto difficile arrivare, con il consumo di basilico, alla dose tossica. L aspetto più tranquillizzante, inoltre, per produttori e consumatori è che tale sostanza (metil-eugenolo) è presente solo nelle piantine molto giovani, ai primi stadi di vita, successivamente, con lo sviluppo ulteriore della pianta, essa viene trasformata, ad opera di un enzima da metileugenolo in eugenolo che non è assolutamente tossico. Per non avere, quindi, risvolti (per la salute) basta utilizzare piantine già sviluppate e cioè alte più di 12 centimetri. Basilicando, basilicando auguro a tutti Buona estate. VENDO - COMPRO - AFFITTASI - AFFARI IL CONDOMINIO di GELSOMINA PICARELLA Vico I S. Pietro, 1 - LAGONEGRO (PZ) tel/fax cell VENDESI a Lagonegro in Via Portella (centro storico), abitazione ristrutturata di mq. 55 circa, composta da cucina-soggiorno, due camere da letto, bagno e ripostiglio. Raggiungibile facilmente e comodamente. Legnaia in prossimità dell abitazione. AFFITTASI a Lagonegro, in Via S. Antuono, appartamento di mq 120 circa composto da cucina, salone, tre camere da letto, bagno, ampia balconata, terrazzino, veranda con bagno di servizio. Termoautonomo, piano secondo. VENDESI a Trecchina, località Parrutta (SS 585 Valle del Noce) abitazione indipendente composta da mq 90 al piano terra e mq 90 al primo piano, garage ed annesso terreno di pertinenza. VENDESI a Nemoli, località Lago Sirino, villetta di mq. 100 circa composta da due vani ed accessorio al piano terra e n. 4 vani ed accessorio al piano primo, sottotetto di mq. 90, garage di mq. 12 circa e limitrofo terreno pertinente di circa mq AFFITTASI a Lagonegro, Piazza Trieste, locale seminterrato di mq. 100 circa con accessorio. VENDESI a Lagonegro, Viale Colombo, appartamento di mq. 110 composto da n. 5 vani ed accessorio, locale seminterrato di mq. 46. Piano secondo. VENDESI a Lagonegro, Viale Colombo, appartamento di mq 100 circa, composto da quattro vani ed accessori, terzo piano, termoautonomo. VENDESI a Lagonegro, Via Trinità, civile abitazione in buone condizioni composta da 8 vani e 4 accessori distribuiti su tre livelli, deposito piano terra. AFFITTASI a Tortora Marina, abitazione mq 150 circa composta da cucina, soggiorno, due camere da letto, cameretta, salone, bagno, ripostiglio, posto auto. Disponibilità: Giugno, 15 gg. Luglio, Agosto. AFFITTASI a Lagonegro, Via S. Rocco (prossimità centro), locale commerciale di mq 120 circa con accessori. Doppia entrata. CERCHIAMO IMMOBILI PER LA NOSTRA CLIENTELA SELEZIONATA VENDESI A NEMOLI, C.DA ISOLA DEL BOSCO-VENTRONE: TERRENO IRRIGABILE DI MQ CIRCA, CON CASA NON ABITABILE servito strada comunale. Per informazioni rivolgersi VENDESI NEMOLI, LOCALITA QUINO, TERRENO IRRIGABILE DI TRE ETTARI ca., CON CASA RURALE ABITABILE (di tre vani piu servizi) e annessi agricoli Raggiungibile strada comunale. Per informazioni: tel. 0332/ / VENDESI NEMOLI VIA R. MARGHERITA FABBRICATO NUOVO DI MQ. 120 su due livelli, piu seminterrato (interni da completare) con Terreno di mq Info tel Erboristeria H E R B AS A N della dott.ssa Margherita Santarsiero FITOTERAPIA - ALIMENTAZIONE NATURALE - FITOCOSMESI FIORI DI BACH - INTEGRATORI PER LO SPORT - OGGETTISTICA Via Cairoli, 9 - tel LAURIA - RIONE INFERIORE ABBONATEVI A il sirino Contributo Ordinario Euro 12,91 Sostenitore Euro 25,82 Benemerito Euro 51,65 sul Conto Corrente Postale n intestato a: IL SIRINO Via R. Margherita, 123/ NEMOLI (PZ) VIVAI e PIANTE SCHETTINI di MARIA INNECCO C.da Bamonte - LAURIA (PZ) tel Un viaggio nella Terra con IL MICROMONDO Parco tematico sulla Geologia LAGO SIRINO NEMOLI (PZ) tel cell

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

L adozione internazionale in Basilicata

L adozione internazionale in Basilicata 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme L adozione internazionale in Basilicata 995000 I dati del Gruppo del Volontariato Solidarietà 000 8 9 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

la girandola delle emozioni PER BAMBINI & GENITORI maggio 2014 novembre 2013 L'angolo della salute @lla tua biblioteca

la girandola delle emozioni PER BAMBINI & GENITORI maggio 2014 novembre 2013 L'angolo della salute @lla tua biblioteca L'angolo della salute @lla tua biblioteca la girandola delle emozioni Letture animate - Laboratori esperienziali - Incontri novembre 2013 maggio 2014 PER BAMBINI & GENITORI PRATO Biblioteca comunale Circoscrizione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Oggetto: servizio di raccolta e smaltimento delle carcasse animali. Le APA di Potenza e di Matera comunicano di aver stipulato un

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii Avviso Pubblico Bando per la concessione di agevolazioni per la progettazione e realizzazione di interventi per il contenimento dei consumi energetici degli edifici pubblici e degli impianti di illuminazione

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO PREMESSA L Associazione M.G.S. SER.MI.G.O. (Iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con Decreto n. 22 del 28/02/2007) ha lo scopo

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

idealfoto wedding & fashion photographers

idealfoto wedding & fashion photographers Cari Sposi, in questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di matrimonio. E importante che leggiate perchè vi daranno alcune informazioni molto utili

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Centro Antiviolenza Catia Doriana Bellini nel comune di Perugia per donne sole o con eventuali figli minori, vittime di violenza o di stalking,

Centro Antiviolenza Catia Doriana Bellini nel comune di Perugia per donne sole o con eventuali figli minori, vittime di violenza o di stalking, Presentazione Apertura centro antiviolenza Catia Doriana Bellini di Perugia Perugia, Palazzo dei Priori - Sala dei Notari Giovedì 6 marzo 2014 ore 17.30 Intervento introduttivo Lorena Pesaresi Assessore

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano I.C. Giovanni Falcone Mappano Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone Classe II A Prof. Bombonati Massimiliano IL MIO FUTURO Il mio futuro lo vorrei così, come il sole che splende e la pioggia

Dettagli

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 Giugno 2010 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 2 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7

FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Un progetto Fa.Ce. - Famiglie Cerebrolesi Associazione Provinciale di Reggio Emilia bfruvc_` _*, FTT`ccV ^`]e` T`cRXXZ` avc XfRcURcV `]ecv7 Fotografie

Dettagli

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Con la legge sulla Rete regionale integrata dei servizi di cittadinanza sociale si punta ad un maggiore coordinamento degli interventi di

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF

LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF Comitato Unicef Emilia Romagna Comitato Unicef Bologna LABORATORIO PIGOTTE PER UNICEF presso la Casa Circondariale di Bologna Le testimonianze delle detenute e delle volontarie Le detenute: B. O. (Romania)

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 3 3 Ad Emmaus si canta che è una bellezza S O M M A R I O In Prima 1 Caro amico 2 ti scrivo Eventi 3 Articolo 4 Fashion Lavelli 5 LA SETTIMANA SCORSA

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli