MARINI A LENDINARA. n.03/09 IL 24 APRILE IL PROGETTO DI FILIERA AGRICOLA. marzo. mensile dell associazione polesana coldiretti rovigo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARINI A LENDINARA. n.03/09 IL 24 APRILE IL PROGETTO DI FILIERA AGRICOLA. marzo. mensile dell associazione polesana coldiretti rovigo"

Transcript

1 mensile dell associazione polesana coldiretti rovigo n.03/09 marzo Anno LXIVI - n. 3 - Marzo Direzione, Redazione e Amministrazione - Via A. Mario Rovigo - Tel Poste Italiane spa - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L n. 46) art. 1 comma 1 - DCB Rovigo - Pagamento assolto tramite vesamento della quota associativa - Contiene I.R. MARINI A LENDINARA IL 24 APRILE IL PROGETTO DI FILIERA AGRICOLA

2 Vi aiutiamo a coltivare i vostri interessi. PROGETTO AGRICOLTURA. PRESTITI, FINANZIAMENTI, COPERTURE ASSICURATIVE, CONTI CORRENTI E TANTI VANTAGGI PER GESTIRE LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA VOSTRA ATTIVITÀ. Messaggio Pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili in Filiale. La concessione dei fi nanziamenti è subordinata all approvazione della Banca. Banca del gruppo

3 mensile dell associazione polesana coldiretti rovigo n.03/09 marzo mensile dell associazione polesana coldiretti rovigo n.03/09 marzo MARINI A LENDINARA IL 24 APRILE IL PROGETTO DI FILIERA AGRICOLA in copertina... le carote prodotte in polesine Direzione, Redazione e Amministrazione Coldiretti Rovigo Via A. Mario Rovigo - Tel Fax Proprietario Editore Ass. Polesana Coltivatori Diretti Rapp. legale - Valentino Bosco - Via A. Mario Rovigo Direttore Adriano Toffoli Direttore Responsabile Beatrice Tessarin Progetto Grafico e Impaginazione Freskiz Comunicate Via P.M. Fortini Fratta Polesine (RO) Stampa Stampe Violato Viale dell Industria, VI Strada Bagnoli di Sopra (PD) Responsabilità La riproduzione delle fotografie, illustrazioni e articoli pubblicati dalla rivista è riservata e non può avvenire senza espressa autorizzazione di Coldiretti Rovigo. I manoscritti, le fotografie e le illustrazioni inviati alla redazione non saranno restituiti, anche se non unici. Coldiretti Rovigo non si assume responsabilità per i casi di eventuali errori contenuti negli articoli pubblicati o di errori in cui fosse incorsa nella loro riproduzione sulla rivista. Periodicità Mensile - Poste Italiane spa - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L n. 46) art. 1 comma 1 - DCB Rovigo Registrazione Aut. Tribunale di Rovigo - n Maggio 1948 Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa n Dicembre 1997 Iscrizione al ROC - Registro Operatori di Comunicazione n Novembre 2001 Tiratura 6500 copie su carta Dalum Cyclus Print certificata Ecolabel (100% Riciclata) editoriale La filiera agricola è una necessità del mercato... pag. 4 report regionale Le Coopcoldiretti Veneto riunite a Verona... pag. 6 piano speciale Firmato il nuovo accordo sui rifiuti con Polaris... pag. 10 assemblea pensionati Avviso convocazione Assemblea Pensionati... pag. 12 fare impresa/pac Lo stato di salute della PAC... pag. 14 mondo epaca Figli studenti si può iscriverli all INPS... pag. 16 fare impresa/prodotti COPROB, la cooperazione fa la differenza... pag. 22 fare impresa/normativa PSR presente e futuro... pag. 22 pensionati Mosè Crivellari, un pezzo della nostra storia... pag. 24 economia in rete È nato Euromais la filiera corta mais-uovo... pag. 26 territorio polesine Cena ossi, sostenere l economia reale... pag. 28 Nuovo distributore di latte a Lendinara... pag. 30 vetrina... pag. 32 sommario

4 editoriale La filiera agricola è una necessità del mercato Ricorrere a Confidagri per affrontare le banche ed ottenere il credito agevolato > Valentino Bosco, presidente Coldiretti Rovigo A seguito del convegno sullo stato di salute della Pac del 19 gennaio, abbiamo organizzato degli incontri sul territorio, a Fiesso e a Porto Viro, per approfondire l argomento ed entrare nel merito della riforma. Nella nuova normativa non compare alcun ammortizzatore per stabilizzare i prezzi dei prodotti agricoli. Questo significa che quello che abbiamo vissuto nel con l impennata dei prezzi dei cereali, seguita a ruota dal repentino crollo, è destinato a ripetersi sempre più frequentemente. Le aziende agricole sono sempre più immerse in un mercato globalizzato, dove ci sono poche regole e si sentono le influenze delle speculazioni. E una situazione che ci deve indurre a riflettere su cosa significhi oggi mercato. Il mercato implica una situazione di prezzo relativamente stabile per il consumatore, mentre le materie prime sono in balia di molteplici variabili, anche speculative, che le conferiscono un andamento a picchi. Fra il prezzo al consumo e quello alla produzione c è una terra di nessuno dove è necessario che le nostre imprese si posizionino e costruiscano delle filiere agricole. Non è una specie di mania del momento di Coldiretti, che sta insistendo per fare delle filiere tutte italiane e tutte agricole, ma una necessità imposta dall andamento del mercato: una filiera agricola consolidata ha il senso di stabilizzare il resto del mercato. Se caliamo il progetto nel nostro territorio, dobbiamo dire che il Piano integrato di filiera (Pif) progettato dalle cooperative cerealicole è assolutamente lodevole, ma deve essere implementato con ulteriori collaborazioni tra strutture per arrivare a trasformare il prodotto. Si tratta di uscire dalla logica del solo stoccaggio e magazzino, che fra l altro, a noi costa, mentre è un guadagno per chi compra. Non è necessario creare strutture nuove o inventarsi innovativi progetti. Per realizzare una filiera basterà mettere assieme quello che abbiamo e quello che già facciamo: i consorzi agrari e le cooperative con magazzini e punti vendita. Fare fronte comune tra produttori e consumatori di fronte alla grande distribuzione, è possibile. Per noi veneti è anche più facile perché abbiamo una legge regionale che prevede l ingresso dei prodotti del territorio nelle mense e nella distribuzione. Credo che tutti dobbiamo partecipare alla realizzazione del progetto Coldiretti delle filiere, ciascuno al suo livello territoriale e per il suo ruolo, rendendoci consapevoli che questo progetto è una forte leva per fare tornare risorse e guadagno alle nostre imprese. L IMPORTANZA DI CONFIDAGRI Coldiretti è l unica organizzazione agricola che ha un Consorzio interno, Confidagri, deputato alla contrattazione con le banche per ottenere prodotti finanziari agevolati, specificatamente diretti alle imprese agricole, ma anche per predisporre dei piani finanziari per pianificare gli acquisti aziendali, anche in tempo di crisi. Il fido ed il piano finanziario non sono un optional per le imprese agricole e devono essere adeguati al tipo di attività dell impresa. Oggi tutti i settori sono in difficoltà e le banche non concedono credito facilmente. Nonostante la crisi, però, il primario ha aumentato l export del 10 per cento negli ultimi 10 mesi del Questo significa che il prodotto agricolo continua ad essere lavorato e consumato. Proprio per affrontare la crisi ed ottenere degli affidamenti a tassi agevolati per le nostre imprese è fondamentale servirsi delle consulenze e dell operato del Confidagri, che è in grado di dialogare alla pari con le banche ed ottenere il credito necessario per continuare l attività d impresa. 4

5 VISITA VIENI A SCOPRIRE LA NUOVA SERIE JOHN DEERE 5R IL TRATTORE DI MEDIE DIMENSIONI CON TELAIO INTEGRALE DA 80 A 108 HP Il trattottore perfetto per tutte le aziende! Potenza, comfort e versatilità senza pari PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOSTRE OFFERTE VISITA IL NOSTRO SITO: NUOVO NOLEGGIO USATO RICAMBI IN GENERE RIPARAZIONI E MODIFICHE ASSISTENZA ESTERNA COLLAUDI E OMOLOGAZIONI SERVIZI FINANZIARI CHIAMACI PER SCOPRIRE LE FORMIDABILI CONDIZIONI DI VENDITA PRIMAVERILI Dalla Vecchia Fabrizio e C. sas TRE SEDI PER UN SERVIZIO COMODO COMPLETO E PUNTUALE INFORMAZIONI COMMERCIALI Dalla Vecchia Fabrizio tel Magri Mario tel VISITA 5 MAIL

6 report regionale Le Coopcoldiretti Veneto riunite a Verona In assemblea con tutte le federazioni provinciali Marini ha esposto la strategia per le filiere tutte italiane e tutte agricole > Ufficio stampa Coldiretti Veneto VERONA - «Il futuro delle cooperative agricole italiane è legato alla loro capacità di fare propri i valori forti, distintivi ed esclusivi dell'agricoltura italiana: il territorio, l'identità, la qualità e la sicurezza». E' quanto ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini a Verona, durante i lavori dell assemblea di Coopcoldiretti del 17 febbraio, cui hanno partecipato un migliaio di rappresentanti di imprese, cooperative e consorzi agrari del Veneto. Presenti anche una settantina di persone dal Polesine, funzionari e dirigenti dell Associazione Polesana, soci consiglieri di 17 cooperative agroalimentari e di Agrimercato. Apprezzato l intervento del presidente della cooperativa polesana I pioppi, Gianni Pomaro, che è anche presidente della sezione Coldiretti di Lusia. Parlando ad un migliaio di dirigenti di Coopcoldiretti del Veneto, il presidente nazionale della Coldiretti Sergio Marini ha sottolineato che «solo 17 centesimi sui 100 spesi dai consumatori, rimangono nelle tasche degli agricoltori. Alcuni anni fa erano 25. Se non si introducono elementi radicali che invertano le ragioni di scambio, ci sono tutte le premesse perché questo "valore" scenda ulteriormente. Qui non c'entra né la crisi mondiale né altro, si tratta semplicemente di una prolungata rapina nei confronti delle imprese agricole». «Dobbiamo quindi riorganizzare le filiere agroalimentari del nostro Paese, con un forte investimento su consorzi agrari e cooperative che sono Gli Interventi SERGIO MARINI, PRESIDENTE CONFEDERALE UNA SFIDA LUNGA E DIFFICILE Il Veneto è una regione importante e l agricoltura avrà sempre di più un ruolo fondamentale per l economia. Sarà una sfida lunga e difficile, ma bisogna crederci. La difficoltà dell agroalimentare italiano è data dalla assenza di redditività perché, così com è, la filiera non funziona. E necessario quindi una nuova filiera: italiana perché l italianità è un valore e più italiana sarà la filiera e più si distinguerà da quella che italiana non è; agricola, cioè gestita e controllata da agricoltori, perché le cooperative e i consorzi agrari sono strumenti fondamentali per realizzarla (la Coldiretti non è contro la cooperazione, ma contro un certo modo di fare cooperazione); firmata: i prodotti devono indicare la provenienza, ma questo non basta, deve essere una filiera; co-promossa attraverso Campagna Amica come strumento promozionale di comunicazione diretto alla gente, con messaggi positivi di una agricoltura vera. La strada è da percorrere assieme. La seconda sfida che dobbiamo lanciare è di contestare coloro che attaccheranno il progetto Coldiretti in particolare la grande distribuzione italiana, caricata di una italianità finta che ci attaccherà con ogni strumento per non perdere il monopolio. La grande cooperazione sul nostro progetto non è d accordo, non rendendosi conto che ha i bilanci in perdita, salvo poi far cadere le colpe sul socio e distruggendo così se stesse e l agricoltura italiana. E necessario guardarsi anche da chi, sorretto da titoli accademici, da anni ripete che il problema delle imprese agricole è l efficienza perché non si sono abituate a servire bene la grande distribuzione. E necessario ostacolare coloro che perdendo di vista la questione generale e centrale si soffermano sul particolare, sul dettaglio: ne è un esempio il decreto sulle quote latte con il quale si continua a discutere del problema quote perdendo di vista che il vero problema del latte è il suo prezzo. Non ci faremo distrarre! La terza sfida è credere in quello che stiamo facendo, sulla nostra forza politico-sindacale. Tutti coloro che non condividono il progetto Coldiretti è perché non lo conoscono, per cui è necessario spiegarglielo, coinvolgendo le forze vitali, per dire che il progetto è per cambiare il volto dell agroalimentare italiano. In questa sfida dobbiamo crederci, perché siamo la parte nobile e sana di questo Paese, è necessario tirar fuori l orgoglio di questo Paese. GIORGIO PIAZZA, PRESIDENTE COLDIRETTI VENETO CREDERCI COL CUORE Dobbiamo dare un segnale forte verso tutti coloro che ci stanno ostacolando perché le reazioni a cui stiamo assistendo da parte delle altre categorie, dimostrano che stiamo percorrendo la strada giusta, la strada della rigenerazione, mettendo 6

7 Il tavolo dei relatori report regionale tutte le nostre risorse culturali e professionali per un progetto per il nostro Paese, avendo l appoggio dei consumatori: dobbiamo crederci e metterci il cuore. FRANCO PASQUALI, SEGRETARIO GENERALE COLDIRETTI PROMUOVERE IL PROGETTO Di fronte alla crisi economica del nostro Paese abbiamo sentito di reagire attraverso proposte concrete. La vecchia filiera non può più reggere e il nostro progetto di nuova filiera deve essere valutato con serenità, presentato in tutte le realtà assembleari, a tutte le imprese, anche attraverso l impegno e lo sforzo di promozione dei farmers market. GIANNI POMARO, PRESIDENTE COLDIRETTI LUSIA INCENTIVARE SOLO LE COOP CHE LAVORANO PRODOTTI DEI SOCI Auspichiamo che le cooperative che lavorano il prodotto dei propri soci siano tenute distinte da quelle che lavorano anche prodotto non italiano, sia per gli interventi promozionali, sia per gli investimenti, sia per gli incentivi. Vorrei fare una provocazione. Proponiamo a tutti i Comuni della nostra Regione di dare un segnale con l Ici o l addizionale comunale, devolvendo, anche solo uno 0,n per mille, a favore di tutte le imprese commerciali e di trasformazione che accettano di mettersi in filiera per vendere direttamente al consumatore il prodotto agricolo del proprio Comune o della propria Provincia. Mi rendo conto che un tale segnale non interesserà a molti, ma fruttivendoli, piccolo laboratori artigianali e supermercati locali, invece di pensare alle rivalità di categoria, potranno essere incentivati a mettersi in filiera con le nostre imprese agricole. E, comunque, sempre un indicazione forte, quella di premiare chi mantiene il valore aggiunto di un prodotto e crea lavoro sul proprio territorio. Una delle armi vincenti di Coldiretti è stata l alleanza col consumatore, che ha portato la società civile ad essere più attenta a cosa mangia e alle problematiche del nostro mondo. Auspico che si continui su questa strada, poiché più il consumatore sa scegliere, più si difenderà il prezzo dei nostri prodotti ed il nostro reddito. GIORGIO MORINI, PRESIDENTE CALV ADERIAMO PER CAMBIARE L adesione del Calv (Consorzio agrario Lombardo Veneto) alla Coldiretti è stata importante perché presa all unanimità per condividere gli stessi valori e per la realizzazione del progetto il Calv può fare la sua parte. La Coldiretti è stata l unica Organizzazione che si è battuta affinché i consorzi potessero avere un ruolo nel progetto, come soggetti attivi per supportarne la validità. La storia del Calv, fatta di risorse di esperienza può essere messa a disposizione e al servizio del progetto Coldiretti per cambiare. L evoluzione del fenomeno dei mercati agricoli ci deve far riflettere e guardare con attenzione a fenomeni nuovi che, seppur non riguardino direttamente la vita del consorzio, possono incidere positivamente su di esso. 7

8 report regionale - ha precisato Marini - il perno sul quale ruoterà il nostro progetto per una filiera tutta agricola, tutta italiana e firmata dagli agricoltori. Una filiera più trasparente perché firmata, più onesta perché agricola e più pulita perché italiana. Una filiera - ha aggiunto Marini - che ha le sembianze e la firma degli agricoltori e degli allevatori italiani. Una filiera che possiede una sua massa critica, spostando l'ombrello di garanzia dal singolo prodotto di ogni parte del mondo alla totalità del cibo dei soli territori Italiani. Una filiera che trasferisca direttamente al consumatore italiano e del mondo, valori di genuinità, sicurezza, territorialità, distintività che sono propri della nostra produzione». Al progetto per una nuova filiera agroalimentare hanno già aderito in Veneto consorzi agrari e cooperative che sviluppano nel complesso un fatturato di 730 milioni di euro all anno. «Il nostro impegno per la qualità, la tracciabilità ed il giusto prezzo degli alimenti sarà nel senso di facilitare la concentrazione dell offerta e la differenziazione del prodotto - sottolinea Marco Pancaldi, presidente di Assocap, associazione nazionale dei consorzi agrari italiani - i passaggi saranno due: la messa in rete e la riorganizzazione delle nostre strutture e la predisposizione di nuovi strumenti negoziali al servizio dei produttori». IL PROGETTO COLDIRETTI PER UNA FILIERA AGROALIMENTARE VENETA Le cooperative che in Veneto hanno aderito al progetto Coldiretti sono 102. La maggioranza è impegnata nella trasformazione dei prodotti dei soci (vino, formaggi, olio) o nella vendita dei prodotti tal quali (ortofrutta, carne). Altre si dedicano alla vendita di mezzi tecnici ai soci (sono i consorzi agrari). Altre ancora si occupano della promozione dei prodotti degli associati (consorzi di tutela). Nel complesso, le parti della filiera agroalimentare che partecipano al progetto Coldiretti realizzano più di 730 milioni di euro di fatturato annuo. In evidenza GIORGIO ROCCHI RESPONSABILE DEL SETTORE FORMAZIONE DI IMPRESA VERDE MATTEO CASSETTA NUOVO SEGRETARIO DI ZONA A TAGLIO DI PO E PORTO TOLLE (r.b.) - Visto il notevole interesse manifestato dai soci sulla necessità di formazione e l impegno necessario, il Consiglio di Impresa verde Rovigo, appurata la professionalità, ha deliberato di incaricare Giorgio Rocchi, 53 anni, perito agrario, dal 1982 nel sistema Coldiretti, quale Responsabile dell Ufficio formazione della nostra Impresa Verde. Rocchi lascia la Segreteria di Zona di Taglio di Po e Porto Tolle, nella quale è stato nominato segretario di zona Matteo Cassetta, 37 anni, un diploma di perito commerciale, dal 1994 in Coldiretti, il quale manterrà anche la funzione di Responsabile fiscale sia per Taglio di Po che per Porto Tolle. Ad affiancare Cassetta è stata chiamata Elena Bellesia, 46 anni, maturità magistrale, con l incarico di aiuto zona per Porto Tolle. 8

9 9

10 piano speciale Firmato il nuovo accordo sui rifiuti con Polaris Il Presidente Verzola spiega tutte le novità costi fermi al 2007, più eco-centri e meno code > Beatrice Tessarin Daniele Verzola, Presidente Polaris srl E stato firmato il nuovo accordo di programma per lo smaltimento dei rifiuti agricoli pericolosi e non-pericolosi tra Provincia di Rovigo, Consorzio Rsu, associazioni di categoria (Coldiretti, Confagricoltura e Cia) e la società pubblica specializzata Polaris srl. Il testo del nuovo accordo, reso possibile dopo il cambiamento di normativa, rispecchia quello del 2007, che aveva funzionato egregiamente. Tutte le novità di interesse per gli agricoltori le spiega il presidente di Polaris srl, Daniele Verzola. «Le imprese agricole possono tornare a conferire i rifiuti agli eco-centri e alle cooperative ortofrutticole e cerealicole autorizzate dalla Provincia - spie- ga il presidente Daniele Verzola - Ci sono alcune importanti novità. Anzitutto non sono stati alzati i costi di smaltimento, ma si pagherà meno rispetto al 2008: fino a 30 chili di rifiuto conferito si pagavano 80 euro più Iva nel 2008, se ne pagheranno 40 più Iva nel Nella cifra è compreso tutto, sia le voci di spesa che di smaltimento. Per conferimenti superiori ai 30 chili rimane in vigore il tariffario Se l azienda opta per la chiamata pagherà 40 euro fino ai 30 chili e 50 euro sopra i 30 chili, oltre al costo di smaltimento». «L altra importante novità è il miglioramento del servizio - continua il presidente Verzola - sia perché sono aumentati gli eco-centri, sia perché abbiamo stabilito un calendario in base al quale soltanto gli agricoltori di Comuni limitrofi a quello dell eco-centro potranno conferirvi il proprio rifiuto. In questo modo si eliminano le file, i tempi di attesa ed i possibili ingorghi alla viabilità ordinaria». Da quando partirà il nuovo sistema di conferimenti? «Contiamo di essere operativi entro il mese di aprile. Sia il calendario di raccolta, che il tariffario saranno pubblicizzati su Terra Polesana e spediti alle aziende agricole che, nel passato, hanno già smaltito usufruendo dell accordo di programma». Perché la Provincia ha scelto l azienda Polaris e non un altra? Cosa offre Polaris? «Polaris è un azienda pubblica - spiega il presidente Verzola - Il 51 per cento delle quote sociali sono di proprietà del Consorzio Rsu, che è formato dai 50 comuni polesani; il restante 49 per cento è di Cisi spa, una società pubblica, controllata da 29 comuni del Basso veronese. Polaris è l azienda di riferimento per la Provincia e per il Consorzio Rsu in materia di raccolta e smaltimento dei rifiuti speciali, come Ecogest lo è per i rifiuti urbani. Essendo di proprietà pubblica, Polaris è un po l azienda dei cittadini polesani e, dunque, degli agricoltori in quanto cittadini». 10

11 «Teniamo presente che l attività di smaltimento dei rifiuti agricoli incide sul fatturato di Polaris per il 2,6 per cento, perché l azienda gestisce rifiuti speciali di tutti i settori (artigianato, industria, commercio, enti locali) che vanno dai fanghi industriali, ai pneumatici, per quanto riguarda i non-pericolosi, ai medicinali, agli oli esausti di officina, all amianto, alle batterie, in campo dei pericolosi. In particolare, siamo stati i primi a livello nazionale a smaltire l amianto all estero, dopo che dal 2003 in Italia non ci sono più discariche autorizzate». «Polaris - continua Verzola - è certificata Iso 9000, Iso ed Emas. E autorizzata allo smaltimento di tutti i rifiuti indicati nell accordo di programma. Forse bisognerebbe ricordare che l anno scorso per cercare, giustamente, di risparmiare, alcuni imprenditori agricoli, in buona fede, hanno smaltito i rifiuti con altre aziende, che non erano autorizzate alla raccolta della tipologia di interesse agricolo. Lo spendere meno, in questi casi, non è sinonimo di corretto smaltimento e garanzia di qualità del servizio, perché, pur essendo in buona fede, in caso di controllo (da parte di Arpav, Noe, Nas, Corpo forestale o Provincia) queste aziende agricole potrebbero incorrere in sanzioni amministrative pecuniarie». Cosa succede nelle altre Province venete? «A Verona - risponde Verzola - le aziende agricole pagano per lo smaltimento una quata fissa annua di 30 euro, più una cifra dai 50 ai 150 euro a seconda della quantità ritirata a domicilio, più il costo di smaltimento di 1,4 euro/kg. A Treviso si paga una quota annua di 33 euro, più il costo della chiamata di 30 euro fino a 30 chili di rifiuti e di 65 euro per pesi superiori, più il costo di 1,069 euro/kg per lo smaltimento dei contenitori vuoti di fitofarmaci. A Venezia e a Belluno la raccolta la fa Polaris. A Padova si paga una quota di 35 euro, più 50 euro per la chiamata ed il costo di smaltimento di 1 euro/kg; a Vicenza il costo annuale è di 25 euro, più la chiamata di 32 euro fino a 60 chili e di 52 euro da 61 chili a 500, più lo smaltimento di 1 euro/kg». Cosa ci si deve aspettare per il futuro dei rifiuti agricoli? «La normativa europea sui fitofarmaci sta gradatamente cambiando - afferma Verzola - L Unione europea progressivamente andrà ad eliminare dal mercato i fitofarmaci attualmente classificati come tossici e molto tossici. Questo significa che sul mercato rimarranno prodotti molto meno pericolosi per l ambiente e per la salute di quelli attuali. Arriverà, pertanto, il tempo di rivedere la nostra normativa sui rifiuti agricoli, soprattutto se prodotti dalle aziende medio-piccole. Con la normativa attuale, i contenitori vuoti devono essere lavati con soluzioni liquide che eliminino i residui; poi vengono macinati e reimmessi sul mercato. Credo che si potrebbe cominciare a proporre che, per esempio, sotto i 100 chili di rifiuto, il lavaggio sia effettuato dagli stessi agricoltori, visto che il fitofarmaco sarà meno pericoloso, e lo smaltimento potrebbe avvenire con i rifiuti plastici assimilati agli urbani. Si abbatterebbero i costi». TUTTI GLI ECO-CENTRI - Badia Polesine, c/o Coap - via Bronziero - Canaro, c/o Consorzio viticoltori polesani- via Roma (non confermato) - Bergantino, c/o area comunale pesa pubblica - via Vaccara - Lusia, c/o Mercato ortofrutticolo - via Provvidenza - Rosolina, c/o Mercato ortofrutticolo - via Po Brondolo - Adria, c/o Coop. Santa Maria Assunta - via Cengiaretto - San Martino di Venezze, c/o Coop. produttori mais S. Martino - via Madonnina - Porto Tolle, c/o Cosva - località Pradon - Fratta Polesine, c/o Cons. produttori agricoli polesani - via Vespara - Ficarolo, c/o piarda comunale - Taglio di Po, c/o Delta mais - via Provinciale piano speciale 11

12 assemblea pensionati AVVISO CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PENSIONATI RINNOVO CARICHE SOCIALI Associazione Provinciale Pensionati Coltivatori Diretti Coloni e Mezzadri Si avvisano tutti gli associati che ai sensi dell art. 8 dello Statuto dell Associazione sono convocate le Assemblee di sezione come di seguito elencato per esaminare il seguente o.d.g.: - elezione del rappresentante di Sezione; - elezione del Presidente di Zona; - varie ed eventuali. ZONA DI LENDINARA SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO CASTELGUGLIELMO LUSIA E CAVAZZANA FRATTA POLESINE E VILLANOVA DEL GHEBBO LENDINARA, RASA E RAMODIPALO ZONA DI ADRIA MARTEDÌ 24 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 17,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO ADRIA BARICETTA BELLOMBRA CÀ EMO CORBOLA FASANA LOREO PAPOZZE PETTORAZZA ZONA DI FICAROLO MERCOLEDÌ 25 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 17,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO FICAROLO GAIBA SALARA ZONA DI CASTELMASSA GIOVEDÌ 26 MARZO ORE 9,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 10,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO BERGANTINO CASTELMASSA CASTELNOVO BARIANO CENESELLI/CALTO MELARA GIOVEDÌ 26 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 17,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SALA DEI FRATI CAPPUC- CINI DI LENDINARA SALA DELL OSTELLO AMOLARA DI ADRIA FATTORIA DIDATTICA DI RASI STEFANIA IN VIA ERIDANIA - GAIBA SALA CONSIGLIARE DEL COMUNE DI BERGAN- TINO 12

13 ZONA DI BADIA POLESINE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO BADIA POLESINE CANDA/BAGNOLO GIACCIANO CON BARUCCHELLA TRECENTA VILLA D ADIGE VILLAFORA ZONA DI TAGLIO DI PO VENERDÌ 27 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 17,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO ARIANO POLESINE PORTO VIRO ROSOLINA TAGLIO DI PO ZONA DI PORTO TOLLE LUNEDÌ 30 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 16,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO BOCCASETTE/CÀ VENIER CÀ MELLO/TOLLE OCA/CÀ VENDRAMIN POLESINE CAMERINI LUNEDÌ 30 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 18,30 IN SECONDA CONVOCAZIONE SALA RIUNIONI DELLA BCC PADANA ORIENTALE S. MARCO DI GIACCIA- NO CON BARUCCHELLA SALA CONFERENZE VICO- LO OROBONI, VICINO AL COMUNE SALA PARROCCHIALE DI CA TIEPOLO assemblea pensionati ZONA DI ROVIGO INTERNO SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO ARQUÀ POLESINE/VILLAMARZANA BOARA/MARDIMAGO BORSEA/FENIL DEL TURCO BUSI/SARZANO ROVIGO/ROVERDICRÈ/CONCADIRAME COSTA DI ROVIGO FRASSINELLE POLESINE GRIGNANO POLESINE ZONA DI FIESSO UMBERTIANO MARTEDÌ 31 MARZO ORE 9,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 10,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO CANARO FIESSO UMBERTIANO/PINCARA OCCHIOBELLO STIENTA ZONA DI ROVIGO ESTERNO MARTEDÌ 31 MARZO ORE 13,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 17,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SEZIONI INVITATE DATA ASSEMBLEA ORARIO LUOGO CRESPINO GAVELLO/CEREGNANO ERIDANO S.MARTINO DI VENEZZE/BEVERARE VILLADOSE VILLANOVA MARCHESANA GIOVEDÌ 2 APRILE ORE 9,00 IN PRIMA CONVOCA- ZIONE; ORE 10,00 IN SECONDA CONVOCAZIONE SALA CITTANTE DELLA COLDIRETTI A ROVIGO SALA CIVICA PARRI DI FIESSO UMBERTIANO SALA CITTANTE DELLA COLDIRETTI A ROVIGO Informazioni: Coldiretti Rovigo Via A. Mario Rovigo - Tel Oppure rivolgersi alle segreterie di zona 13

14 fare impresa/pac Lo stato di salute della PAC Due incontri a Fiesso Umbertiano e a Porto Viro Si sono tenuti venerdì 20 febbraio, a Fiesso Umbertiano, e lunedì 23 febbraio, a Porto Viro, due incontri di approfondimento sullo stato di salute della politica agricola comunitaria (health check della pac), organizzati da Coldiretti Rovigo. Relatore è stato l esperto Paolo Magaraggia, responsabile della Rappresentanza per le relazioni con le istituzioni comunitarie di Coldiretti Bruxelles. Sono intervenuti il presidente provinciale di Coldiretti Rovigo, Valentino Bosco ed il direttore Adriano Toffoli. HEALTH CHECK DELLA PAC (Paolo Magaraggia) - L healt check della Pac, ossia la verifica dello stato di salute della Politica agricola comunitaria stabilisce regole fisse fino al La vera sfida sarà dopo il Il 20 novembre 2008 i Ministri dell agricoltura dell UE hanno raggiunto l accordo politico sulle proposte legislative relative alla verifica dello stato di salute della PAC. La definitiva adozione dei regolamenti si è avuta alla riunione del Consiglio agricoltura del 19 gennaio scorso e sono stati pubblicati nella Guce del 31 gennaio I principali contenuti riguardano: I diritti all aiuto (titoli) La condizionalità Disaccoppiamento Regionalizzazione L aiuto specifico (Art. 68) Quote latte e misure di mercato Modulazione Sviluppo rurale Assegnazione dei diritti all aiuto (titoli) Gli Stati membri possono decidere, in un modo obiettivo e non discriminatorio, di non assegnare i pagamenti diretti alle aziende o alle società se l oggetto principale dell azienda non consiste nell esercizio dell attività agricola. Questa norma impedirebbe, ad esempio, a determinate società di comodo, alle imprese energeti- che o ai golf club di effettuare la richiesta dei pagamenti PAC. Viene ulteriormente rafforzata la figura dell imprenditore agricolo. Attuazione regionale e parziale Pagamento unico semplificato e forfetizzato Passaggio dai titoli storici a titoli più uniformi, da attuarsi con due metodi (a discrezione dello Stato membro): 1. Ravvicinamento del valore dei titoli attualmente assegnati (i titoli di valore elevato vengono diminuiti, mentre i titoli di valore basso vengono aumentati). La riduzione non può superare il 50% della differenza tra il valore iniziale e quello finale; 2. Regionalizzazione: assegnazione di titoli a tutti gli agricoltori, compresi quelli che non detengono diritti all aiuto, sulla base della superficie ammissibile. La regionalizzazione può riguardare, al massimo, il 50% del plafond regionale. Il passaggio al nuovo sistema è volontario e gli Stati membri devono decidere entro il 1 agosto 2009, per l applicazione dal 2010, o entro il 1 agosto 2010, per l applicazione negli anni successivi. La regionalizzazione rappresenta un ulteriore approfondimento del processo di disaccoppiamento del PU: il pagamento unico sgancia il sostegno da cosa e quanto si produce; la regionalizzazione sgancia il sostegno da quante risorse finanziarie si sono ricevute in passato e dal fatto di averne ricevuto o meno. Da questo punto di vista il modello regionalizzato appare più equo del modello basato sugli aiuti storici aziendali. Quale sistema di pagamenti dopo il 2013? Dopo il 2013 si prospettano due opzioni: Regionalizzazione obbligatoria: aiuto elargito a tutti gli agricoltori con conseguente necessità di giustificare perché si distribuisce l aiuto e l im- 14

15 porto dello stesso, perché differenziato tra regioni o Stati membri, o perché uguale nell ambito della stessa regione (Pianura Padana e Valle d Aosta?). Aiuti mirati: aiuti selettivi (elargiti a pochi, a molti, ma non a tutti) finalizzati al raggiungimento di determinati obiettivi misurabili, valutabili nella loro efficacia ed efficienza, monitorabili. Riepilogo pagamenti diretti Norme applicabili nel 2009 Modulazione: 7% (+4% per importi > , esenti importi < euro) Pagamenti minimi: non corrisposti importi < 100 euro (DM 22/03/07) Set aside: abolito l obbligo di ritiro dei terreni (GUCE C324 del 19/12/08) Titoli riserva: eliminati i vincoli al trasferimento Titoli speciali: utilizzo e trasferimento con mantenimento 50% attività lavorativa Vendita titoli senza terra: abolito il vincolo utilizzo all 80% e della preventiva cessione alla riserva nazionale dei titoli non utilizzati al 1 anno Superficie ammissibile: seminativi, orticole (escluse patate), prati e pascoli permanenti, oliveti, vigneti e agrumeti, pioppeti (agricoli) e imboschimenti (PSR); Riserva x agricoltori: nuovi, in particolari condizioni e in zone soggette a programmi di ristrutturazione (non più limite regionale) Attuazione parziale: invariati i pagamenti per pomodori, pere, pesche, prugne Art. 69: rimangono le medesime disposizioni per seminativi, carni bovine e ovi-caprine, barbabietola da zucchero Aiuti accoppiati: p.s. qualità frumento duro, aiuto trasf. foraggi essiccati, p. colture proteiche, aiuto riso, frutta in guscio, sementi, colture energetiche Disponibilità terreni per RPU: 15 maggio (al posto del 9 giugno) La revisione del bilancio UE: nuove priorità Competitività, ricerca, innovazione - Significativa crescita spesa x R&D - Più consistente sostegno finanziario all innovazione - Concentrare tutte le politiche verso la competitività Ambiente e cambiamento climatico - Maggiore spesa diretta in questa direzione - Più spesa in R&D a sostegno di obiettivi ambientali - Allineare tutte le politiche alle necessità dell ambiente Energia - Accrescere la sicurezza energetica - Concentrare la ricerca sull efficienza energetica - Investire in tecnologie per l efficienza energetica - Più spesa per lo sviluppo delle energie rinnovabili Dalla revisione di bilancio (novembre 2008), quali indicazioni per il futuro della PAC? Necessaria una riforma della spesa per l agricoltura Allineare la PAC con i nuovi obiettivi dell UE Qualificare la spesa PAC Spostare lo sviluppo rurale verso la politica di coesione Il futuro della PAC Dal 1 gennaio 2009 doveva scattare la procedura di co-decisione Parlamento-Consiglio, che rende il processo decisionale più democratico, ma anche più complesso e più incerto Nel giugno 2009 vi saranno le elezioni europee (Parlamento) ed il 1 novembre si insedierà la nuova Commissione Nel 2009 vi sarà la Revisione del Budget, che preparerà il successivo dibattito sulle prospettive finanziarie post-2013, nel cui ambito si definirà il peso e la dotazione finanziaria che l Unione europea intenderà dare alle politiche agricole e cioè quanta spesa per l agricoltura Ci sono alcuni segnali positivi: la recente crisi alimentare ha fatto sì che l agricoltura torni ad essere un settore strategico e la conseguente impossibilità di considerarla, come in passato, un settore residuale. Ma i prezzi di mercato? Non sappiamo cosa accadrà nei prossimi anni ai mercati agricoli: l anno scorso i prezzi sono esplosi, oggi crollano, e non è escluso che saranno di nuovo alti tra qualche anno (nella fase decisiva del negoziato sul bilancio). Ma certamente i prezzi saranno più variabili rispetto al passato In questo quadro potrebbe avere senso una base fissa di sostegno al reddito, disaccoppiato e tendenzialmente uguale per aree geografiche omogenee, accompagnato dalle misure del II pilastro (con aumento della modulazione) e di misure selettive con l Art. 68 L obiettivo è di mettere in condizione gli imprenditori agricoli, nel breve periodo, di rispondere al meglio ai mutevoli segnali del mercato e di adottare misure che premiano le capacità imprenditoriali Assicurato un quadro di relativa certezza sino al 2013, è necessario guardare ad un futuro più lontano, lavorando sui nuovi strumenti offerti dall HC: l Art. 68 per qualificare il primo pilastro in senso più selettivo, ragionare come applicare la regionalizzazione per rendere più equi gli aiuti disaccoppiati, la modulazione per rafforzare il II pilastro affrontare le nuove sfide dello SR. fare impresa/pac 15

16 mondo epaca Figli studenti si può iscriverli all INPS La contribuzione del titolare d azienda avrà valore ai fini pensionistici e potrà essere cumulata > Susanna Boccia, responsabile provinciale Epaca L attuale normativa previdenziale relativa all iscrizione negli elenchi nominativi dei coltivatori diretti prevede la possibilità, anche per gli studenti, di poter essere iscritti in qualità di unità attive coadiuvanti nel nucleo aziendale. Tale possibilità è ammessa nei confronti di coloro i quali possono garantire tali requisiti: almeno il 16 anno di età; frequenza di istituti scolastici di scuola media superiore senza permanenza notturna (collegio); iscrizione a facoltà universitarie senza obbligo di frequenza. Laddove sussistano queste condizioni e lo studente svolga in forma continuativa e PREVALENTE attività di coltivatore diretto, lo stesso deve essere iscritto all Inps, entro 90 giorni dalla data di inizio dell attività agricola. Se, invece, lo studente svolgesse l attività agricola Cos e la prevalenza (s.b.) - La legge n. 9/63 relativa all iscrizione all Inps dei coltivatori diretti, prevede che tale attività venga svolta con carattere di continuità e prevalenza. In particolare, relativamente a quest ultimo requisito della prevalenza, il coltivatore diretto che, nell arco dell anno, svolga anche altra attività lavorativa autonoma o dipendente, deve attentamente verificare che continui a permanere la prevalenza sia di tempo che di reddito ai fini del mantenimento della qualifica di coltivatore diretto, anche per evitare in futuro di essere cancellato retroattivamente dall Inps dagli elenchi previdenziali, con conseguente danno sulla pensione futura. Gli uffici di zona e di recapito della Coldiretti invitano tutti coloro che si trovano nella situazione sopra citata a valutare annualmente, con gli operatori del Patronato Epaca, il permanere dei requisiti di legge predisponendo un semplice modulo utile ad individuare il rispetto del concetto di prevalenza. soltanto nei periodi estivi, dovrà essere iscritto a periodo chiuso, per i soli mesi di attività da giugno a settembre di ciascun anno. Ovviamente la contribuzione versata dal titolare dell azienda a favore del figlio studente ha valore ai fini pensionistici e potrà essere utilizzata in futuro, anche cumulandola con altra eventuale contribuzione versata successivamente per effetto di attività lavorative intraprese nel tempo. Per qualsiasi informazione o chiarimento in merito, invitiamo i soggetti interessati a rivolgersi agli uffici di zona o recapito della Coldiretti e del Patronato Epaca. Bollette acquedotto A seguito di una sentenza del Tar del Veneto, sezione III, n del 24 dicembre 2008 è possibile provare a richiedere la restituzione del conguaglio pagato per aumento retroattivo delle tariffe del servizio idrico integrato per il periodo gennaio-ottobre 2006, da parte di Polesine acque spa. Gli uffici Epaca sono a disposizione per una consulenza personalizzata ed eventuale compilazione della domanda. 16

17 17

18 in collaborazione con Regione Veneto Provincia di Rovigo Città di Lendinara Città di LENDINARA In occasione della 403 a Fiera di San Marco e nel 90 anniversario della presenza della Coldiretti a Lendinara DOMENICA 26 APRILE 2009 ore TRATTORADUNO d EPOCA MULTIMARCHE Adesioni entro venerdì 17 aprile 2009 A TUTTI I PARTECIPANTI VERRÀ RILASCIATO UN RICORDO DELLA GIORNATA PER INFORMAZIONI Coldiretti di Lendinara - Tel Comune di Lendinara - Tel DOM 10 MAGGIO ore TRACTOR PULLING CAMPIONATO località RAMODIPALO di Lendinara INFO - Tel ITALIANO

19 LE ORIGINI DELL ASSOCIAZIONISMO COLDIRETTI IN POLESINE 90 ASSOCIAZIONE POLESANA PICCOLI PROPRIETARI E FITTAVOLI 90 ANNI FA NASCEVA A LENDINARA L ASSOCIAZIONE POLESANA PICCOLI PROPRIETARI E FITTAVOLI, CHE HA DATO ORIGINE NEL 1945 ALLA SUCCESSIVA ASSOCIAZIONE POLESANA COLTIVATORI DIRETTI PER RICORDARE QUESTO MOMENTO STORICO, COLDIRETTI ROVIGO adv freskiz.com CON LA SEZIONE DI LENDINARA, HA PREDISPOSTO UN RICCO PROGRAMMA DI MANIFESTAZIONI IN COLLABORAZIONE COL COMUNE DI LENDINARA, NELL AMBITO DELL ANNUALE FIERA AGRICOLA DI SAN MARCO VENERDÌ 24 APRILE TALKSHOW SULLE PROBLEMATICHE DEL MONDO AGRICOLO INTERVERRÀ SERGIO MARINI PRESIDENTE CONFEDERALE COLDIRETTI CERIMONIA DEL 90ESIMO BUFFET A KM ZERO ESPOSIZIONE DI PRODOTTI E PRESENTAZIONE DELLE AZIENDE AGRICOLE DEL TERRITORIO MOSTRA STORICO-DOCUMENTALE CON MATERIALE TRATTO DAI QUOTIDIANI DELL EPOCA DAGLI ARCHIVI DI STATO, NOTARILE E VESCOVILE ESPOSIZIONE MACCHINE AGRICOLE COLDIRETTI ROVIGO VIA A. MARIO ROVIGO - TEL FAX

20 fare impresa/prodotti COPROB, la cooperazione fa la differenza Alla base del progetto Soci Veneti i valori portanti del Consorzio bolognese > Giulia Cavallari, Coprob Claudio Gallerani, Presidente Coprob Co.Pro.B., l unico zuccherificio cooperativo d Italia, ha inaugurato il 2009 organizzando una serie di incontri nelle province venete di Padova, Venezia e Rovigo, al fine di sensibilizzare i bieticoltori del luogo a diventare parte integrante del Gruppo con sede a Minerbio. Il presidente Claudio Gallerani ha partecipato attivamente a tutte le riunioni esponendo i punti di forza di Co.Pro.B. e sottolineando l importanza della cooperazione. Presidente Gallerani, in cosa consiste il progetto Soci Veneti? «Nei suoi 47 anni di vita Coprob ha sempre dato soddisfazione ai propri soci bieticoltori. Il progetto, rivolto ai produttori veneti, prevede di riunire i bieticoltori conferenti allo stabilimento padovano ai soci di Coprob e giungere così ad una cooperativa proprietaria dei due zuccherifici di Minerbio (Bo) e Pontelongo (Pd), alimentati da un bacino bieticolo di oltre ettari. La realizzazione del progetto consentirà di sviluppare sinergie ed efficienze per dare maggiori garanzie di continuità nella produzione di bietole e soddisfazione a tutti i bieticoltori del Gruppo; un progetto di sviluppo cooperativo che porti la nostra bieticoltura oltre la riforma, rendendola capace di affrontare le prossime importanti sfide che ci aspettano in futuro». Coprob, una realtà consolidata proiettata al futuro Co.Pro.B. (Cooperativa produttori Bieticoli) è l unico produttore cooperativo di zucchero in Italia, con configurazione giuridica analoga a quelle già esistenti in altri Paesi dell Unione Europea, dove oltre il 60 per cento dell industria saccarifera è controllata da cooperative. Nasce nel 1962, promossa dal senatore Giovanni Bersani, attraverso le cooperative bracciantili del Cica (Consorzio interprovinciale cooperative agricole) a cui si unirono, successivamente, le diverse forze del mondo agricolo quali l Unione provinciale delle cooperative, la Federazione Coldiretti e l Unione degli Agricoltori. Nel 2001 Coprob partecipa all acquisizione di parte degli assets saccariferi dell ex Gruppo Eridania che confluiscono in Italia zuccheri spa, oggi controllata al 100 per cento dalla Cooperativa. Nel 2006, dall alleanza strategica con Pfeifer&Langen (terzo produttore di zucchero tedesco), prende vita Italia zuccheri commerciale srl, di cui il Gruppo detiene il 50,1 per cento. Nel 2009, Coprob ha triplicato il proprio capitale sociale grazie all ingresso di Finbieticola spa e Fondosviluppo spa, quali soci finanziatori, rispettivamente con 7 e 5 milioni di euro; tale aumento di capitale è funzionale alla realizzazione dei piani strategici del Gruppo che prevedono, da un lato, investimenti volti alla sostenibilità del core business zucchero e, dall altro, un forte impegno nella diversificazione in business adiacenti sempre basati sul presidio della filiera agricola. 20

21 «Il progetto si articolerà nell arco temporale e prevede, per ogni anno, l adesione del 33 per cento dei bieticoltori del bacino veneto. L accesso alla qualifica di socio sarà consentito in maniera proporzionale per provincia veneta sulla base dei contratti 2007/08 (il 33 per cento per ogni provincia)». Come faranno i bieticoltori veneti a diventare soci di Coprob? «Occorre presentare la domanda di ammissione a socio entro il 31 marzo di ogni anno. Una volta accettata la domanda da parte del Consiglio di amministrazione (accettazione che avverrà entro il 31 maggio di ogni anno), il bieticoltore sarà chiamato al versamento della quota sociale di euro 250 (pari a 10 azioni) e, successivamente, all adeguamento del capitale sociale mediante il versamento del 12 per cento del valore del prodotto conferito nell anno (che sarà prelevabile in presenza di ristorni distribuiti ai soci dalla cooperativa). Solo per il 1 anno di adesione alla Cooperativa è, inoltre, previsto che l imprenditore agricolo, ove iscritto ad associazione bieticola, versi anche la quota associativa». Come vi comporterete qualora le domande di ammissione siano eccedenti? Avete previsto un meccanismo di selezione? «Nel caso le richieste si presentino superiori al previsto 33 per cento di nuovi soci annuali, la Cooperativa le selezionerà in base a precisi criteri valutati dal Consiglio di amministrazione: la maggiore produttività media per ettaro, la minore distanza dallo stabilimento (su base provinciale), la programmazione di coltivazione triennale e la maggiore anzianità di conferimento a Italia zuccheri spa». Perché scegliere di diventare socio e quali sono i vantaggi? «Il nostro motto è L unione fa la forza. Il modello cooperativo ha infatti lo scopo di accrescere la forza dei singoli produttori agricoli e consente all imprenditoria agricola di controllare l intera filiera produttiva dello zucchero, dal campo al consumatore. L esempio cooperativo si è affermato, nel mondo bieticolo saccarifero europeo, come quello più praticato e questo perché crea, nel mercato dello zucchero, un vantaggio competitivo rispetto alle altre strutture imprenditoriali esistenti». «I vantaggi, sinteticamente, sono i seguenti: la remunerazione annuale del capitale; il ristorno annuale quale sovrapprezzo della materia prima; la fornitura del seme a prezzo di costo con conguaglio in occasione del pagamento bietole; la fornitura di servizi ai soci (analisi terreni, assistenza tecnica, servizio calce, ecc.)». 21

22 fare impresa/normativa PSR presente e futuro Proroghe, scadenze e raccomandazioni da tenere a mente > Enzo Santato, capo settore Agevolazioni e strutture Impresa verde Rovigo Con il presente articolo si vogliono dare alcuni ragguagli e comunicazioni relativamente alle diverse misure del Psr , richiamando altresì l attenzione su alcuni aspetti importanti. MISURA CONSULENZA AZIENDALE Le domande individuali relative alla misura servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli - sono state approvate, come da comunicazione Avepa con decreto n. 34 dell 11/11/2008, pubblicato nel Bur n. 98 del 28/11/2008. Il contributo previsto è pari all 80 per cento della spesa ammessa. L avvio della consulenza è stato prorogato, con delibera della Giunta regionale (Bur n. 318 del 17/02/2009), al 28/03/2009. Le aziende che beneficiano di tale misura, sia se presentata singolarmente, sia in ambito Pif e sia all interno del pacchetto Pg (insediamento giovani), saranno oggetto di consulenza tecnico-gestionale da parte dei tecnici di Impresa verde, nonché di valutazione interna circa il rispetto di quanto correlato con la condizionalità. PIF, PIANI INTEGRATI DI FILIERA Relativamente al Progetto integrato di filiera, si ricorda che la graduatoria delle domande ammesse e finanziabili è stata approvata da Avepa con decreto n. 39 del 21/11/2008 (pubblicato nel Bur n. 102 del 12/12/2008). La scadenza prevista per la presentazione di tali domande era fissata in data 11/03/2009, successivamente prorogata al 15/04/2009 con Dgr n. 318 del 17/02/2009. AGROAMBIENTE Le domande presentate nell ambito del Progetto integrato d area (Pia) sono state approvate con decreto del 24/07/2008, e dopo varie modifiche e pubblicazioni, definite nel Bur del 21/11/2008, con co- municazione Avepa avvenuta ai primi di gennaio Solo dopo l approvazione del Pia, la Regione ha chiarito che gli impianti di boschetti previsti da tali domande includevano il vincolo permanente della forestale. La Giunta regionale, a seguito di solleciti, con deliberazione n. 318 del 17/02/2009, ha stabilito che la riduzione parziale e/o le altre variazioni apportate agli impianti interessati mantenga la valutazione istruttoria positiva sul Pia da parte della commissione mista Avepa/Regione; questo per trovare almeno una via d uscita. Si ricorda, in ogni caso, la necessità, per coloro non lo avessero ancora fatto, di mettersi in contatto con i tecnici di Impresa verde con cui è stata fatta la domanda al fine di più dettagliati ragguagli e suggerimenti per l attuazione dei progetti e la pianificazione delle varie operazioni. 22

23 Fabbricati rurali, esentati dall ICI (Elia Bellesia, capo area Caf) - I fabbricati rurali sono da sempre esentati dall imposta Ici, ma recentemente, a causa di due sentenze della Corte di Cassazione (la numero del 10 giugno 2008 e la numero del 15 settembre 2008) e della Circolare dell Anci 141/2008, che sostenevano l assoggettamento al tributo locale, si è reso necessario un tempestivo intervento legislativo chiarificatore. All interno del decreto milleproroghe, (già convertito in legge il 24 febbraio) è stata inserita una norma interpretativa che stabilisce in maniera chiara ed inequivocabile che ai fini dell Ici non sono considerati fabbricati le unità immobiliari, anche iscritte o iscrivibili in Catasto fabbricati per le quali ricorrono i requisiti di ruralità. Il legislatore, con questo chiarimento pone fine ad ogni dubbio interpretativo perché elimina il presupposto oggettivo per l applicazione dell Ici. Se le costruzioni rientrano nei parametri fissati per la ruralità, l esclusione dall Ici è fuori discussione, indipendentemente dalla loro classificazione catastale (iscrizione nel catasto terreni o nel catasto fabbricati) quanto dalla loro collocazione urbanistica. La norma, essendo di natura interpretativa agisce da subito con effetto retroattivo e potrà essere invocata per porre fine e far archiviare quelle specifiche pretese di imposta che alcuni Comuni (precipitosi) avevano avanzato per gli anni scorsi nei confronti dei produttori agricoli. Dopo la protesta, la Coldiretti finalmente esprime grande soddisfazione per l approvazione della norma che va a risolvere una situazione che si stava rivelando fortemente penalizzante per gli imprenditori agricoli, in quanto si tratta di fabbricati strumentali all esercizio dell attività agricola. fare impresa/normativa Per quanto riguarda la misura 216 del Pia (az. 5) - impianto di nuove formazioni - si comunica che la precedente scadenza prevista per il 15/05/2009 è stata prorogata, con Dgr n. 318 del 17/02/2009, alla data del 15/03/2010. Con ulteriore deliberazione (n. 317 del 17/02/2009) la Giunta regionale ha proposto un pre-bando (manifestazione di interesse) che scade il 16/03/09 rivolto alle aziende che conducono superfici a fasce tampone, siepi e boschetti, già beneficiarie di precedenti programmazioni agroambientali regionali - quali la misura D1-a, del Regolamento (Cee) n. 2078/92 e la legge regionale n. 42/97 - per le quali non è stata attivata la procedura di apertura termini nel precedente bando Psr valevole per l anno SECONDO BANDO EX-BIETICOLTORI A seguito di disponibilità finanziaria, con deliberazione della Giunta regionale n. 135 del 3/02/2009 (pubblicato nel Bur n. 14 del 13/02/2009) è stato approvato il 2 bando relativo al Piano di azione regionale per investimenti nelle imprese agricole. Nello specifico sono stati riaperti i termini per la presentazione delle domande di aiuto per le misure 121 e 311, azione 3, con scadenza 16/03/2009. I beneficiari sono gli imprenditori agricoli che hanno ridotto la superficie bieticola di almeno 1 ha rispetto ai tre anni antecedenti che prevedevano contratti di fornitura di barbabietola con società produttrici che hanno dimesso zuccherifici ed hanno rinunciato alla relativa quota. PROSSIMI APPUNTAMENTI PSR La Regione verso metà marzo, aprirà i termini per la conferma annuale delle domande agroambientali Mis 214-a (mantenimento), finanziate con il primo bando, che scadranno il 15 maggio di ogni anno. Verso aprile verranno altresì aperti i termini per la presentazione di nuove domande 214-a. (mantenimento di formazioni esistenti). La Regione anticipa che dopo la metà dell anno si dovrebbero aprire anche i bandi per nuovi impianti (siepi, boschetti), nonché relativamente alle misure correlate con gli investimenti e i nuovi insediamenti. RACCOMANDAZIONI SEMPRE VALIDE Tutti i bandi del Psr prevedono dei requisiti minimi per la loro partecipazione. Ad esempio alcune misure prevedono che l imprenditore non abbia una età maggiore dei 65 anni o una certa dimensione aziendale; molte misure si rivolgono ad imprenditori agricoli professionali (Iap); esiste una spesa minima di investimento. Altre misure si rivolgono ai giovani per il loro primo insediamento. Avepa a tutti i finanziati nelle varie misure del Psr, invia una comunicazione di finanziamento corredata di informazioni riguardanti gli impegni, gli obblighi e le scadenze. Si richiama la massima attenzione su tali prescrizioni. Purtroppo, gli imprenditori che sottovalutano quanto previsto dalla domanda finanziata, rischiano la decadenza del finanziamento con restituzione di quanto percepito. Importante è, altresì, la rendicontazione degli investimenti nei tempi previsti, nonché il rispetto delle modalità di pagamento (non in contanti, né con assegni senza la dicitura non trasferibile ). 23

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli