Scheda di progetto P

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda di progetto P16-03.24"

Transcript

1 Ricerca di contributi da privati a supporto di attività aziendali mediante contratti di sponsorizzazione o liberalità Bando di riferimento: P16 deliberazione n del 03/10/2013 Tipologia di riferimento: P16-03 Sostegno ad attività di sperimentazione studio, ricerca e sviluppo in campo medico scientifico, clinico, di perfezionamento formazione e ottimizzazione dei processi aziendali; Scheda di progetto P Data di emissione Febbraio 2015 Titolo Progetto di radiologia domiciliare nel territorio della provincia di Bergamo Periodo riferimento Marzo 2015 / Marzo 2017 Strutture proponenti Responsabili progetto USC Direzione Professioni Sanitarie USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Dott.ssa Simonetta Cesa - Dott. Giuseppe Bonaldi Direttore USC D.P.S. - USC Radiologia Diagnostica per Immagini 1 Tel Tel Stato di avanzamento FASE 1 Analisi e progettazione FASE 2 Redazione Progetto FASE 3 Presentazione alla Direzione FASE 4 Acquisto apparecchiatura e pratiche autorizzative FASE 5 Configurazione apparecchiatura e formazione del personale FASE 6 Procedura informativa/operativa e prime prove nelle sedi esterne dell ospedale FASE 7 Inizio attività sul territorio FASE 8 Verifica dell attività, piano di sviluppo e consolidamento SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 1 di 5

2 Fasi e tempi di realizzazione stimati Collaborazioni con altre strutture aziendali o altri soggetti esterni Risorse Professionali Strumentazione Finanziamento richiesto Criteri ed indicatori per la verifica del raggiungimento degli obiettivi Contropartita per i finanziatori 2 anni rinnovabile Collaborazione con : - USC Medicina Fisica e Riabilitazione di Mozzo - Cure Palliative Hospice Terapia del dolore di Borgo Palazzo 1 Medico Radiologo 1 Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM) 1 Autista Oltre all autovettura fornita dall Azienda la dotazione tecnologica necessaria prevede: un tubo radiogeno portatile ad alta frequenza, con apposito stativo su misura. un rivelatore d immagini digitali «detettore DR» un computer portatile con collegamento web al virtual server dedicato e con masterizzatore Una stampante per i referti Euro ,00 di cui : - Euro ,00 / acquisizione strumentazione radiologica - Euro ,00 / contributo alla implementazione del servizio Rapporti semestrali e valutazione del raggiungimento degli obiettivi Visibilità del logo e /o targa sulla strumentazione APPENDICE Descrizione progetto Obiettivo del progetto è attuare un SERVIZIO DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DIRETTA (R DR) 1 a favore di persone anziane, disabili o le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in una struttura ospedaliera, se non sottoponendo loro e le loro famiglie ad un grave disagio e/o rischio clinico e a un elevato costo per la collettività. L evoluzione della telemedicina in particolare della teleradiologia consente l esecuzione di esami sul territorio extra ospedaliero e l acquisizione da parte di tecnici di radiologia di immagini digitali che possono essere trasmesse via web a un medico radiologo per la refertazione. La Radiologia con tecnologia DR (Digital Radiography) è un innovativo sistema che permette l acquisizione dell immagine radiologica direttamente in digitale, senza più l intervento d inutili passaggi in bagni chimici di fissaggio e sviluppo dell immagine stessa. Il processo d invecchiamento della popolazione, correlato alla diminuzione della SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 2 di 5

3 mortalità e ai continui progressi raggiunti in campo medico-scientifico, conduce necessariamente a un aumento delle disabiltà e a un notevole incremento delle patologie croniche. I soggetti anziani affetti da pluripatologie (co-morbilità) risultano, inoltre, particolarmente esposti a ulteriori criticità, in relazione, da una parte, a situazioni personali, familiari e sociali spesso di disagio e, dall altra, a specifici rischi di reazione avversa connessi alle politerapie. 1 (intendersi una attività radiologica effettuata a domicilio con apparecchiature che trasmettono direttamente l immagine alla sede di refertazione) A ciò si aggiunga che tali categorie di pazienti, per le ragioni esposte, spesso presentano oggettive difficoltà di accesso alla rete istituzionale di prescrizione e distribuzione dei farmaci e dei presidi (studi medici, farmacie convenzionate e farmacie aziendali). La Regione Lombardia, al fine di offrire adeguate risposte socio sanitarie a tali significative emergenze attraverso la predisposizione di misure e interventi integrati a livello sociale e sanitario, ha attribuito particolare rilevanza alle cure domiciliari, anche quale valido strumento per garantire l assistenza di lunga durata ai pazienti cosiddetti fragili. Secondo una definizione corrente, i pazienti fragili sono quei soggetti cronicamente affetti da patologie spesso multiple, con stato di salute instabile, frequentemente disabili, e di età avanzata in cui gli effetti dell invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socioeconomico. Con radiologia domiciliare si intendono tutte quelle procedure atte ad effettuare esami di tipo radiologico al domicilio del paziente o quantomeno in una struttura non ospedaliera o ambulatoriale; la radiologia domiciliare non è una novità, questa infatti esiste da anni sotto forma privata, il presente progetto rappresenta la prima esperienza nella quale un ente pubblico si occupa di fornire questo servizio agli utenti della città e della provincia di Bergamo. Da tempo possiamo vedere alcune esperienze riguardanti la delocalizzazione sul territorio e al domicilio dell assistenza sanitaria; si pensi per esempio alla assistenza domiciliare integrata (ADI) attivata dall ASL sul territorio provinciale e regionale. Tra i tanti servizi che ancora non sono stati portati al domicilio ci sono gli esami radiologici che, sebbene vengano spesso richiesti dai medici di base e dagli specialisti, e non possano essere considerati meno importanti di altre pratiche sanitarie, vengono eseguiti nella stragrande maggioranza dei casi negli ospedali o comunque in strutture dotate di sale radiologiche. Per valutare la possibilità di ovviare a questa carenza, si è tentato di portare le indagini radiologiche, a domicilio, perlomeno quelle per le quali l esecuzione in tale sede non ne comprometta la qualità. È importante però fare un'importante precisazione per quanto riguarda il servizio pubblico di radiologia domiciliare: questo servizio è da considerarsi complementare ad un servizio di radiologia tradizionale e non sostitutivo, questo perché molti esami che si possono eseguire in una struttura radiologica non possono essere eseguiti al domicilio del paziente a causa delle limitazioni tecnologiche. Numerosi progetti sperimentali volti alla radiologia domiciliare sono stati effettuati in Europa e nel mondo, con ricerche scientifiche specifiche, condotte SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 3 di 5

4 in Nuova Zelanda, Canada, Norvegia, Italia. In particolar modo, una pubblicazione scientifica del Journal of the American Medical Directors Association 2 racchiude in se i metodi, gli obiettivi, gli esiti dei lavori svolti nei paesi sopraccitati e ne fornisce un interpretazione notevolmente favorevole. Obiettivi del progetto Materiali e metodi Bibliografia Il gruppo di lavoro, sulla base delle esperienze italiane già in atto, ha studiato un progetto di radiologia domiciliare che ha come obiettivi: 1. un servizio di radiologia per le sedi esterne all ospedale (Casa egli angeli di Mozzo e Hospice). 2. un servizio di radiologia per degenze convenzionate con il Papa Giovanni XXIII. 3. un servizio di radiologia per i pazienti fragili dimessi direttamente dal nostro ospedale. 4. Sperimentazione di una tecnologia avanzata che permette rispetto alle esperienze di altri territori di effettuare un servizio completo di refertazione e masterizzazione a domicilio. Popolazione in studio: 1 Pazienti dimessi dall AO HPG23 con le seguenti condizioni: 2 vedi bibliografia n 11 - Paziente anziano - Paziente oncologico - Paziente allettato - Paziente immuno-depresso - Paziente in RSA o Comunità - Paziente disabile in genere 2 Pazienti di sedi esterne all ospedale (Casa degli Angeli di Mozzo o Hospice di via Borgo Palazzo - Strutture convenzionate - 1. Caramella D, Reponen J, Fabbrini F, Bartolozzi C Teleradiology in Europe Eur J Radiol 33: 2-7, Bucelli C, Tamburrini O Telemedicina e Teleradiologia: aspetti clinici e medico legali Radiologia Forense Ed Mediserve, Napoli, Legal issue in teleradiology-distant thoughts Br J Radiol 75: , ACR Technical Standard for teleradiology ACR Practice Guidelines for communication: diagnostic radiology Libro Bianco SULLO SVILUPPO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO IN LOMBARDIA SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 4 di 5

5 Un impegno comune per la Salute MILANO, 30 GIUGNO Tesi di master management di Chiodini Stefano per le professioni Sanitarie e della Assistenza Sociale Coordinamento e Organizzazione dei servizi Ospedalieri, Domiciliari, e Territoriali anno Piano di Organizzazione Aziendale ASL della provincia di Bergamo. Anno ASL della provincia di Bergamo : Piano integrato di Prevenzione e Controllo 2012\ Sawyer RH, Patel U, Horrocks AW; Domiciliary radiography: an important service? Clinical Radiology, 1995 Jan; 50 (1): Loeb MB, Carusone SB, Marrie TJ, Brazil K, Krueger P, Lohfeld L, Simor AE, Walter SD; Interobserver reliability of radiologists interpretations of mobile chest radiographs for nursing home-acquired pneumonia Journal of the American Medical Directors Association, 2006 sept.; vol. 7, issue 7, pages Aimonino Ricauda N, Tibaldi V, Leff B, Scarafiotti C, Marinello R, Zanocchi M, Molaschi M.; Substitutive "hospital at home" versus inpatient care for elderly patients with exacerbations of chronic obstructive pulmonary disease: a prospective randomized, controlled trial.; Epub 2008 Jan Cammarota T, Aimonino Ricauda N*, Davini O^, Beux A, Grosso M+, Minniti D^, Tibaldi V*, Cerri R+,, Di Marco I+, Di Novi Cinziaª, Bertetto O; Design of a study on the quality perceived by patients hospitalized at home undergoing domiciliary radiography; XIX IAGG World Gongress of Gerontology And Geriatrics, PARIGI 5-9 LUGLIO 2009 SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 5 di 5

6 Progetto di Radiologia Domiciliare nel territorio della provincia di Bergamo RESPONSABILI DEL PROGETTO Dott.ssa Simonetta Cesa - Dott. Giuseppe Bonaldi GRUPPO TECNICO DI PROGETTO Dott. Antonio Castaldello TSRM Guido Muzzi Dott. Stefano Chiodini Dott.ssa Monica Casati PROMOTORE DEL PROGETTO Dott. Carmine Valentino Rev del

7 Sommario 1) Premessa ) Obiettivi del progetto ) Metodologia e strumenti di progetto ) Fasi e Tempi di Realizzazione- CRONOPROGRAMMA ) Diagramma di Flusso ) Bibliografia e norme di riferimento ) Premessa Obiettivo del progetto è attuare un SERVIZIO DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DIRETTA (R DR) 1 a favore di persone anziane, disabili o le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in una struttura ospedaliera, se non sottoponendo loro e le loro famiglie ad un grave disagio e/o rischio clinico e a un elevato costo per la collettività. L evoluzione della telemedicina in particolare della teleradiologia consente l esecuzione di esami sul territorio extra ospedaliero e l acquisizione da parte di tecnici di radiologia di immagini digitali che possono essere trasmesse via web a un medico radiologo per la refertazione. La Radiologia con tecnologia DR (Digital Radiography) è un innovativo sistema che permette l acquisizione dell immagine radiologica direttamente in digitale, senza più l intervento d inutili passaggi in bagni chimici di fissaggio e sviluppo dell immagine stessa. 1 (intendersi una attività radiologica effettuata a domicilio con apparecchiature che trasmettono direttamente l immagine alla sede di refertazione) 2

8 Questo tipo di tecnologia è già stata sperimentata in altre provincie e questo progetto mira a renderla disponibile nel sistema domiciliare, dove essa si rileva ancora più indispensabile. L obiettivo è di fornire un servizio pratico e veloce con un attrezzatura portatile e tecnologicamente evoluta, nell interesse del paziente bisognoso che non può sopportare attese e spostamenti faticosi. Il processo d invecchiamento della popolazione, correlato alla diminuzione della mortalità e ai continui progressi raggiunti in campo medico-scientifico, conduce necessariamente a un aumento delle disabiltà e a un notevole incremento delle patologie croniche. I soggetti anziani affetti da pluripatologie (co-morbilità) risultano, inoltre, particolarmente esposti a ulteriori criticità, in relazione, da una parte, a situazioni personali, familiari e sociali spesso di disagio e, dall altra, a specifici rischi di reazione avversa connessi alle politerapie. A ciò si aggiunga che tali categorie di pazienti, per le ragioni esposte, spesso presentano oggettive difficoltà di accesso alla rete istituzionale di prescrizione e distribuzione dei farmaci e dei presidi (studi medici, farmacie convenzionate e farmacie aziendali). La Regione Lombardia, al fine di offrire adeguate risposte socio sanitarie a tali significative emergenze attraverso la predisposizione di misure e interventi integrati a livello sociale e sanitario, ha attribuito particolare rilevanza alle cure domiciliari, anche quale valido strumento per garantire l assistenza di lunga durata ai pazienti cosiddetti fragili. Secondo una definizione corrente, i pazienti fragili sono quei soggetti cronicamente affetti da patologie spesso multiple, con stato di salute instabile, frequentemente disabili, e di età avanzata in cui gli effetti dell invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socio-economico. Con radiologia domiciliare si intendono tutte quelle procedure atte ad effettuare esami di tipo radiologico al domicilio del paziente o quantomeno in una struttura non ospedaliera o ambulatoriale; la radiologia domiciliare non è una novità, questa infatti esiste da anni sotto forma privata, il presente progetto rappresenta la prima esperienza nella quale un ente pubblico si occupa di fornire questo servizio agli utenti della città e della provincia di Bergamo. Da tempo possiamo vedere alcune esperienze riguardanti la delocalizzazione sul territorio e al domicilio dell assistenza sanitaria; si pensi per esempio alla assistenza domiciliare integrata (ADI) attivata dall ASL sul territorio provinciale e regionale. 3

9 Tra i tanti servizi che ancora non sono stati portati al domicilio ci sono gli esami radiologici che, sebbene vengano spesso richiesti dai medici di base e dagli specialisti, e non possano essere considerati meno importanti di altre pratiche sanitarie, vengono eseguiti nella stragrande maggioranza dei casi negli ospedali o comunque in strutture dotate di sale radiologiche. Per valutare la possibilità di ovviare a questa carenza, si è tentato di portare le indagini radiologiche, a domicilio, perlomeno quelle per le quali l esecuzione in tale sede non ne comprometta la qualità. È importante però fare un'importante precisazione per quanto riguarda il servizio pubblico di radiologia domiciliare: questo servizio è da considerarsi complementare ad un servizio di radiologia tradizionale e non sostitutivo, questo perché molti esami che si possono eseguire in una struttura radiologica non possono essere eseguiti al domicilio del paziente a causa delle limitazioni tecnologiche. Numerosi progetti sperimentali volti alla radiologia domiciliare sono stati effettuati in Europa e nel mondo, con ricerche scientifiche specifiche, condotte in Nuova Zelanda, Canada, Norvegia, Italia. In particolar modo, una pubblicazione scientifica del Journal of the American Medical Directors Association 2 racchiude in se i metodi, gli obiettivi, gli esiti dei lavori svolti nei paesi sopraccitati e ne fornisce un interpretazione notevolmente favorevole. 2) Obiettivi del progetto Il gruppo di lavoro, sulla base delle esperienze italiane già in atto, ha studiato un progetto di radiologia domiciliare che ha come obiettivi: 1. un servizio di radiologia per le sedi esterne all ospedale (Casa egli angeli di Mozzo e Hospice). 2. un servizio di radiologia per degenze convenzionate con il Papa Giovanni XXIII. 3. un servizio di radiologia per i pazienti fragili dimessi direttamente dal nostro ospedale. 4. Sperimentazione di una tecnologia avanzata che permette rispetto alle esperienze di altri territori di effettuare un servizio completo di refertazione e masterizzazione a domicilio. 3) Metodologia e strumenti di progetto A)PAZIENTI CHE POSSONO BENEFICIARE DELLA RADIOLOGIA A DOMICILIO. 1 Pazienti dimessi dall AO HPG23 con le seguenti condizioni: 2 vedi bibliografia n 11 4

10 - Paziente anziano - Paziente oncologico - Paziente allettato - Paziente immuno-depresso - Paziente in RSA o Comunità - Paziente disabile in genere 2 - Paziente di sedi esterne all ospedale ( Casa degli Angeli di Mozzo o Hospice di via Borgo Palazzo - strutture convenzionate B) PERSONALE COINVOLTO. Il medico richiedente (Medico RSA, MMG, Medico specialista di USC) : formula la richiesta di prestazione radiologica a domicilio a favore di persone per le quali risulta difficile accedere alla struttura ospedaliera con le caratteristiche sopradescritte. Segreteria della Radiologia: riceve le richieste pianificate, prepara la procedura amministrativa inserendo i pazienti nei programmi aziendali ed emette il ticket. Il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM): è colui che effettua l esame al domicilio del paziente o in sedi esterne dell Azienda. Dopo aver eseguito l esame contatta il medico radiologo in sede e successivamente stampa il referto e masterizza il CD dell esame. Nel suo agire la preoccupazione primaria sarà di garantire i massimi livelli in termini di qualità della prestazione e di sicurezza per sé stesso e per l utenza. Il Medico Radiologo: riceve le immagini in tempo reale. Referta la radiografia acquisendola dal server aziendale e, firmandola digitalmente, la rende disponibile al TSRM presso la sede di esecuzione. 5

11 C) ATTREZZATURA IMPIEGATA. Oltre all autovettura fornita dall Azienda la dotazione tecnologica necessaria prevede: un tubo radiogeno portatile ad alta frequenza, con apposito stativo su misura. un rivelatore d immagini digitali «detettore DR» un computer portatile con collegamento web al virtual server dedicato e con masterizzatore Una stampante per i referti D) ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE DOMICILIARE. 1) ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO: L Azienda Ospedaliera, comunicherà all ASL l attivazione di tale servizio e con essa deciderà l area di intervento che inizialmente potrebbe essere Bergamo e comuni limitrofi. Le richieste possono essere effettuate del medico curante, dal medico specialista dell azienda o dal medico delle strutture convenzionate attraverso la creazione al CUP di agende informatizzate. La centrale di dimissioni protette dell ospedale può segnalare alla segreteria della radiologia eventuali pazienti fragili da loro seguiti che necessitano della radiologia domiciliare, da inserire preventivamente nella lista di lavoro. 2) REGISTRAZIONE AMMINISTRATIVA DELLE PRENOTAZIONI: La segreteria dell USC di Radiologia riceve le richieste dal CUP in via informatizzata, le sottopone al medico radiologo dedicato per la giustificazione all esame e in caso positivo, prepara la lista di lavoro inserendo i pazienti nel programma aziendale Polaris (RIS). 3) ESECUZIONE DELL ESAME: il TSRM prima della partenza dalla sede ospedaliera con l auto acquisisce sull apparecchiatura radiologica domiciliare la lista dei esami da effettuare. Il TSRM arrivato sul posto scarica tutta l attrezzatura portatile contenuta in due valigie fissate sullo stativo a soffietto montabile in pochi minuti. Al letto del malato apre lo stativo, vi fissa il tubo radiogeno, esegue i collegamenti per l alimentazione, accende PC, posiziona la cassetta detettrice. 6

12 A questo punto si erogano RX e nel giro di qualche secondo l immagine è visibile sullo schermo del PC. La possibilità di visualizzare subito le immagini rilevate consente ai tecnici di radiologia di effettuare un immediata valutazione della qualità tecnica dell iconografia, comunicando tempestivamente al clinico di riferimento (radiologo) le eventuali alterazioni alla normale anatomia radiologica. Previo consenso del paziente e avviso tramite telefonata al medico radiologo, si invia l immagine al server aziendale tramite linea dedicata VPN protetta da password personali per dati sensibili. 7

13 3) REFERTAZIONE DELLE IMMAGINI: il medico radiologo, avvisato tramite telefonata, si collega con la propria password al server aziendale, legge l esame in formato DICOM, referta lo stesso con firma digitale certificata, e invia la conferma al TSRM. 4) CONSEGNA DELL ESAME e ARCHIVIAZIONE: il TSRM durante il tempo di refertazione copia il file DICOM su CD attraverso un masterizzatore dedicato e ripone l attrezzatura. Appena ricevuto la conferma di ritorno dal medico il TSRM acquisisce il referto dal server e lo stampa in tempo reale consegnando il tutto al paziente. Possiamo dunque calcolare il tempo medio di esecuzione della prestazione (esame, stampa e refertazione) e stimarlo attorno ai 25/30 minuti. Tutta la documentazione e le immagini vengono salvati su back-up server e conservati nell archivio aziendale per il tempo stabilito dalla legge; ogni informazione è trattata secondo la legge sulla privacy vigente E) VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADIOLOGICO: Oltre che per il paziente, sono stati valutati i rischi: per chi presta assistenza per le persone del pubblico per l operatore TRSM Con i parametri tipici di un esame di «torace al letto» (es. 80 kv 3 mas) ad altezza petto di 1 metro si hanno i valori di radiazione diffusa riportati in figura. In particolare (per la legge del quadrato della distanza) già ad un paio di metri la radiazione diffusa è estremamente limitata. L utilizzo del camice piombato, come evidente, limita di almeno un fattore 100 la radiazione diffusa (es. a 50 cm da 3.6 a 0.36 msv). 8

14 Si prendono in considerazione la componente relativa alla radiazione primaria e alla radiazione diffusa conoscendo i rendimenti e le distribuzioni di radiazione primaria di un tipico portatile per grafia. Nei locali adiacenti alla stanza del paziente, sempre a parità di condizione operative, considerando una distanza media dalla parete di circa 2 metri ed uno spessore della parete stessa di circa 14 cm di mattoni forati (fattore di trasmissione pari a ), otteniamo una dose di circa 0.04 µgy per scatto nella stanza accanto. Tale dose è dell ordine di 1/10000 della dose prevista per la popolazione ai sensi del D.Lgs 230/95 e s.m.i. Per quanto concerne i rischi da radiazioni: I rischi per l operatore sono stimati su un carico di lavoro di 10 esami alla settimana e ad una distanza di 2 m dal paziente e con camice piombato, un valore annuo di dose di 40 µgy. Tale dose è da suddividersi tra i vari operatori che effettueranno le prestazioni Con le medesime ipotesi di carico massimo previste per l operatore la dose massima stimabile alla persona che assiste risulta essere minore di 10 µsv per scatto, quindi molto 9

15 inferiore al vincolo di dose di 3 msv come definito dal D.Lgs 187/00. Resta inteso il divieto di permanenza durante l esecuzione dell esame di minori e donne gravide e di chiunque non risulti indispensabile all esecuzione dell esame e all assistenza al paziente. Tuttavia anche nel caso più sfavorevole di presenza obbligatoria di persone estranee per contenimento del paziente e senza l ausilio del camice piombato, trascurando l attenuazione del fascio dovuta all interazione con il paziente, si ha una dose di circa µgy per scatto. Anche tale dose è di molto inferiore alla dose prevista per la popolazione ai sensi del D.Lgs 230/95. G) VANTAGGI: I vantaggi di un progetto di radiologia domiciliare sono di tipo: - sanitario: l ospedalizzazione sottopone il malato a possibili disagi, sbalzi di temperatura, movimentazioni dolorose, attese stancanti ed in generale al tentativo di soprassedere ai dovuti controlli clinici; - sociale: a volte il trasporto di malati particolarmente complessi costa alla società più della prestazione, sottraendo mezzi e strutture a casi più gravi ed urgenti; - relazionale ed umano: le persone stanno sicuramente meglio nella tranquillità di casa loro in compagnia dei propri cari; in tale sede la relazione malato-professionista è enormemente favorita; - economico: è possibile che per il trasporto debbano essere coinvolti uno o più familiari della persona, presupponendo la perdita di giornate lavorative. - per quanto riguarda la radiologia domiciliare fatta per le sedi periferiche dell ospedale (Casa degli Angeli di Mozzo, Hospice di Borgo Palazzo) e per le strutture convenzionate, il vantaggio per l ospedale Papa Giovanni XXIII è di evitare oltre che lo spostamento del paziente anche quello degli operatori che vengono sottratti all assistenza. Concludendo, visto che è possibile fornire la stessa qualità clinico diagnostica delle immagini prodotte in ospedale presso il domicilio, si evince che andare a casa del paziente costa meno che portarlo in ospedale, e lo si salvaguarda anche dal punto di vista psicologico evitando a lui e ai suoi famigliari lo stress del trasporto in ambienti esterni. 10

16 H) Sviluppi futuri - Fuori dalla città o del suo hinterland un servizio di questo tipo potrebbe trovare un applicazione ancora maggiore perché le ASL o le ASO devono coprire zone molto più ampie di territorio, e dove i pazienti per recarsi nella struttura più vicina devono spesso percorrere molti chilometri. - Questo progetto si può integrare con altri servizi fruibili sul territorio quali ad es. prelievi domiciliari, ECG, ecografie, EEG, ecc. con una sorta di auto mobile diagnostica collegabile con le associazioni dei MMG, RSA e servizi sociali del territorio. - Con la raccolta dei dati dei primi mesi di esperienza si potrebbe proporre un convegno invitando gli attori coinvolti in questo servizio (Ospedale Papa Giovanni XXIII, ASL, MMG) e proporre un allargamento del servizio. 11

17 5) Fasi e Tempi di Realizzazione- CRONOPROGRAMMA Fase 1 FASE/ANNO 2014 III quadrimestre I quadrimestre II quadrimestre III quadrimestre Analisi Progettazione Fase 2 Redazione Progetto Fase 3 Presentazione alla Direzione Fase 4 Acquisto apparecchiatura e pratiche autorizzative Fase 5 Configurazione apparecchiatura e formazione del personale Fase 6 Procedura informativa/operativa e prime prove nelle sedi esterne dell ospedale Fase 7 Inizio attività sul territorio Fase 8 Verifica dell attività e piano di sviluppo e consolidamento 12

18 6) Diagramma di Flusso Diagramma di flusso Processo di Radiologia Domiciliare: Medico Richiedente -Medico di Base -Medico Specialista - Personale Amministrativo Radiologia Medico Radiologo Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Richiesta esame Trasmissione Richiesta CUP Radiologia Acquisizione Richiesta Inserimento Su Software Book & passaggio richiesta su Ris Polaris, Emissione ticket (Book) SI Valutazi one Appropri atezza Richiest NO -Acquisizione Lista Lavoro da Polaris -Pianificazione Spostamento al domicilio del Paziente Esecuzione Esame Refertazione Esame Polaris Trasmissione immagini Ricezione Referto Stampa CD Esame\Referto Consegna Paziente 13

19 7) Bibliografia e norme di riferimento 1. Caramella D, Reponen J, Fabbrini F, Bartolozzi C Teleradiology in Europe Eur J Radiol 33: 2-7, Bucelli C, Tamburrini O Telemedicina e Teleradiologia: aspetti clinici e medico legali Radiologia Forense Ed Mediserve, Napoli, Legal issue in teleradiology-distant thoughts Br J Radiol 75: , ACR Technical Standard for teleradiology ACR Practice Guidelines for communication: diagnostic radiology Libro Bianco SULLO SVILUPPO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO IN LOMBARDIA Un impegno comune per la Salute MILANO, 30 GIUGNO Tesi di master management di Chiodini Stefano per le professioni Sanitarie e della Assistenza Sociale Coordinamento e Organizzazione dei servizi Ospedalieri, Domiciliari, e Territoriali anno Piano di Organizzazione Aziendale ASL della provincia di Bergamo. Anno ASL della provincia di Bergamo : Piano integrato di Prevenzione e Controllo 2012\ Sawyer RH, Patel U, Horrocks AW; Domiciliary radiography: an important service? Clinical Radiology, 1995 Jan; 50 (1): Loeb MB, Carusone SB, Marrie TJ, Brazil K, Krueger P, Lohfeld L, Simor AE, Walter SD; Interobserver reliability of radiologists interpretations of mobile chest radiographs for nursing home-acquired pneumonia Journal of the American Medical Directors Association, 2006 sept.; vol. 7, issue 7, pages Aimonino Ricauda N, Tibaldi V, Leff B, Scarafiotti C, Marinello R, Zanocchi M, Molaschi M.; Substitutive "hospital at home" versus inpatient care for elderly patients with exacerbations of chronic obstructive pulmonary disease: a prospective randomized, controlled trial.; Epub 2008 Jan Cammarota T, Aimonino Ricauda N*, Davini O^, Beux A, Grosso M+, Minniti D^, Tibaldi V*, Cerri R+,, Di Marco I+, Di Novi Cinziaª, Bertetto O; Design of a study on the quality perceived by patients hospitalized at home undergoing domiciliary radiography; XIX IAGG World Gongress of Gerontology And Geriatrics, PARIGI 5-9 LUGLIO

DELIBERAZIONE N. 381/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 381/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 381/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 OGGETTO: Integrazione del Bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-03.24 Progetto di radiologia domiciliare nel territorio

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE

SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE SOSTENIBILITA DELL ASSISTENZA A DOMICILIO: RUOLO DEL CAREGIVING FAMILIARE Brescia, 7 novembre 2011 Enrico Zampedri, direttore generale Alessandro Signorini, direttore sanitario Contenuti dell intervento

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 607/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015

DELIBERAZIONE N. 607/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 DELIBERAZIONE N. 607/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-03.29 Implementazione della cartella clinica informatizzata

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 05 gennaio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 05 gennaio 2013 Rassegna Stampa Sabato 05 gennaio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 05 gennaio

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO S.C. GERIATRIA E MALATTIE METABOLICHE DELL OSSO

CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO S.C. GERIATRIA E MALATTIE METABOLICHE DELL OSSO G.C. Isaia A.O.U. CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO S.C. GERIATRIA E MALATTIE METABOLICHE DELL OSSO Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Metaboliche dell osso Telemedicine and other

Dettagli

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza II^ Forum Risk Management in Sanità Applicazione delle tecnologie alla sicurezza del paziente Arezzo, Centro

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS dr.ssa Michelina Graziano Responsabile Tecnologico di Sistema ASP di Cosenza Sistemi Digitali per le Radiologie RIS &PACS L avvento dell imaging diagnostico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 07 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 1 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 07 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE

LOTTO N 6. N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE LOTTO N 6 N 1 PORTATILE DI RADIOGRAFIA PER ESAMI A POSTO LETTO per il P.O. San Martino di Oristano. SPECIFICHE TECNICHE L apparecchiatura in oggetto dovrà essere caratterizzata da prestazioni di altissimo

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA CONFERENZA EPISCOPALE PIEMONTESE CONSULTA REGIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA Torino, 10 dicembre 2012 Giovanni MONCHIERO Il Servizio Sanitario

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Tavolo tecnico per il Governo della spesa pubblica dei dispositivi medici

Tavolo tecnico per il Governo della spesa pubblica dei dispositivi medici FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AISPEC Gruppo prodotti sensibili Introduzione Tavolo tecnico per il Governo della spesa pubblica dei dispositivi medici Considerazioni del Gruppo Prodotti Sensibili Settore diagnostica

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1236/2015 ADOTTATA IN DATA 06/08/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1236/2015 ADOTTATA IN DATA 06/08/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1236/2015 ADOTTATA IN DATA 06/08/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-02.07 Quasi a casa proposto dall USC Pediatria 1 USS Oncologia

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

PROCEDURA DI IMPIEGO SISTEMA RIS E PACS DIAGNOSTICA PER IMMAGINI ASL ROMAA

PROCEDURA DI IMPIEGO SISTEMA RIS E PACS DIAGNOSTICA PER IMMAGINI ASL ROMAA Dipartimento di Diagnostica di immagini Direttore :Dr.ssa Paola Cerro Tel. 06 5846620/22 Fax 06 0658446775 E mail: uo.radiologia.onrm@aslromaa.it PROCEDURA DI IMPIEGO SISTEMA RIS E PACS DIAGNOSTICA PER

Dettagli

Società Italiana Sistemi 118 Accreditamento all Eccellenza dei Sistemi 118 CONGRESSO NAZIONALE. Perugia 8-10 maggio 2003

Società Italiana Sistemi 118 Accreditamento all Eccellenza dei Sistemi 118 CONGRESSO NAZIONALE. Perugia 8-10 maggio 2003 Società Italiana Sistemi 118 Accreditamento all Eccellenza dei Sistemi 118 CONGRESSO NAZIONALE Perugia 8-10 maggio 2003 LA TELEMEDICINA NEL TRAUMA SYSTEM Dott. Francesco Scomazzoni Dirigente medico di

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica 9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 14 marzo 2014 Ridurre i ricoveri inappropriati: l'integrazione tra emergenza-urgenza e assistenza

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE)

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO Gruppo di Lavoro Federsanità ANCI Veneto e Friuli Venezia Giulia Salute e Welfare a Nordest Udine, Fondazione CRUP- 23 febbraio 2009 Dott. Daniele

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 12 Carta Serv. CSC 08 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 2 / 12 Carta Serv. CSC 08 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI

PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI INTRODUZIONE In periodo di evoluzione tecnologica in Sanità, l

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-03.23 Follow-up clinico ed endoscopico nei pazienti con

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV)

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Ing Vincenzo Gullà ADiTech Srl- L evoluzione in termini di crescita numerica della popolazione Europea

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

Servizio di Radiologia

Servizio di Radiologia Servizio di Radiologia Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI RADIOTERAPIA INFORMAZIONI Lo scopo di questo opuscolo è fornire al paziente e ai familiari alcune semplici informazioni per conoscere meglio la radioterapia e affrontare il trattamento nel modo più sereno

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Gianni Commissione Nazionale FIMMG per la Telemedicina LE CURE PRIMARIE Cure Primarie

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

TECNOLOGIA SEMPLICITÀ E LIBERTÀ PER I PAZIENTI. MoMED. health cloud

TECNOLOGIA SEMPLICITÀ E LIBERTÀ PER I PAZIENTI. MoMED. health cloud TECNOLOGIA SEMPLICITÀ E LIBERTÀ PER I PAZIENTI MoMED health cloud Finalmente ogni paziente può avere libero accesso ai propri dati clinici! Videopress s.r.l., leader nel settore dell informatica dal 1991,

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli