Scheda di progetto P

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda di progetto P16-03.24"

Transcript

1 Ricerca di contributi da privati a supporto di attività aziendali mediante contratti di sponsorizzazione o liberalità Bando di riferimento: P16 deliberazione n del 03/10/2013 Tipologia di riferimento: P16-03 Sostegno ad attività di sperimentazione studio, ricerca e sviluppo in campo medico scientifico, clinico, di perfezionamento formazione e ottimizzazione dei processi aziendali; Scheda di progetto P Data di emissione Febbraio 2015 Titolo Progetto di radiologia domiciliare nel territorio della provincia di Bergamo Periodo riferimento Marzo 2015 / Marzo 2017 Strutture proponenti Responsabili progetto USC Direzione Professioni Sanitarie USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Dott.ssa Simonetta Cesa - Dott. Giuseppe Bonaldi Direttore USC D.P.S. - USC Radiologia Diagnostica per Immagini 1 Tel Tel Stato di avanzamento FASE 1 Analisi e progettazione FASE 2 Redazione Progetto FASE 3 Presentazione alla Direzione FASE 4 Acquisto apparecchiatura e pratiche autorizzative FASE 5 Configurazione apparecchiatura e formazione del personale FASE 6 Procedura informativa/operativa e prime prove nelle sedi esterne dell ospedale FASE 7 Inizio attività sul territorio FASE 8 Verifica dell attività, piano di sviluppo e consolidamento SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 1 di 5

2 Fasi e tempi di realizzazione stimati Collaborazioni con altre strutture aziendali o altri soggetti esterni Risorse Professionali Strumentazione Finanziamento richiesto Criteri ed indicatori per la verifica del raggiungimento degli obiettivi Contropartita per i finanziatori 2 anni rinnovabile Collaborazione con : - USC Medicina Fisica e Riabilitazione di Mozzo - Cure Palliative Hospice Terapia del dolore di Borgo Palazzo 1 Medico Radiologo 1 Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM) 1 Autista Oltre all autovettura fornita dall Azienda la dotazione tecnologica necessaria prevede: un tubo radiogeno portatile ad alta frequenza, con apposito stativo su misura. un rivelatore d immagini digitali «detettore DR» un computer portatile con collegamento web al virtual server dedicato e con masterizzatore Una stampante per i referti Euro ,00 di cui : - Euro ,00 / acquisizione strumentazione radiologica - Euro ,00 / contributo alla implementazione del servizio Rapporti semestrali e valutazione del raggiungimento degli obiettivi Visibilità del logo e /o targa sulla strumentazione APPENDICE Descrizione progetto Obiettivo del progetto è attuare un SERVIZIO DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DIRETTA (R DR) 1 a favore di persone anziane, disabili o le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in una struttura ospedaliera, se non sottoponendo loro e le loro famiglie ad un grave disagio e/o rischio clinico e a un elevato costo per la collettività. L evoluzione della telemedicina in particolare della teleradiologia consente l esecuzione di esami sul territorio extra ospedaliero e l acquisizione da parte di tecnici di radiologia di immagini digitali che possono essere trasmesse via web a un medico radiologo per la refertazione. La Radiologia con tecnologia DR (Digital Radiography) è un innovativo sistema che permette l acquisizione dell immagine radiologica direttamente in digitale, senza più l intervento d inutili passaggi in bagni chimici di fissaggio e sviluppo dell immagine stessa. Il processo d invecchiamento della popolazione, correlato alla diminuzione della SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 2 di 5

3 mortalità e ai continui progressi raggiunti in campo medico-scientifico, conduce necessariamente a un aumento delle disabiltà e a un notevole incremento delle patologie croniche. I soggetti anziani affetti da pluripatologie (co-morbilità) risultano, inoltre, particolarmente esposti a ulteriori criticità, in relazione, da una parte, a situazioni personali, familiari e sociali spesso di disagio e, dall altra, a specifici rischi di reazione avversa connessi alle politerapie. 1 (intendersi una attività radiologica effettuata a domicilio con apparecchiature che trasmettono direttamente l immagine alla sede di refertazione) A ciò si aggiunga che tali categorie di pazienti, per le ragioni esposte, spesso presentano oggettive difficoltà di accesso alla rete istituzionale di prescrizione e distribuzione dei farmaci e dei presidi (studi medici, farmacie convenzionate e farmacie aziendali). La Regione Lombardia, al fine di offrire adeguate risposte socio sanitarie a tali significative emergenze attraverso la predisposizione di misure e interventi integrati a livello sociale e sanitario, ha attribuito particolare rilevanza alle cure domiciliari, anche quale valido strumento per garantire l assistenza di lunga durata ai pazienti cosiddetti fragili. Secondo una definizione corrente, i pazienti fragili sono quei soggetti cronicamente affetti da patologie spesso multiple, con stato di salute instabile, frequentemente disabili, e di età avanzata in cui gli effetti dell invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socioeconomico. Con radiologia domiciliare si intendono tutte quelle procedure atte ad effettuare esami di tipo radiologico al domicilio del paziente o quantomeno in una struttura non ospedaliera o ambulatoriale; la radiologia domiciliare non è una novità, questa infatti esiste da anni sotto forma privata, il presente progetto rappresenta la prima esperienza nella quale un ente pubblico si occupa di fornire questo servizio agli utenti della città e della provincia di Bergamo. Da tempo possiamo vedere alcune esperienze riguardanti la delocalizzazione sul territorio e al domicilio dell assistenza sanitaria; si pensi per esempio alla assistenza domiciliare integrata (ADI) attivata dall ASL sul territorio provinciale e regionale. Tra i tanti servizi che ancora non sono stati portati al domicilio ci sono gli esami radiologici che, sebbene vengano spesso richiesti dai medici di base e dagli specialisti, e non possano essere considerati meno importanti di altre pratiche sanitarie, vengono eseguiti nella stragrande maggioranza dei casi negli ospedali o comunque in strutture dotate di sale radiologiche. Per valutare la possibilità di ovviare a questa carenza, si è tentato di portare le indagini radiologiche, a domicilio, perlomeno quelle per le quali l esecuzione in tale sede non ne comprometta la qualità. È importante però fare un'importante precisazione per quanto riguarda il servizio pubblico di radiologia domiciliare: questo servizio è da considerarsi complementare ad un servizio di radiologia tradizionale e non sostitutivo, questo perché molti esami che si possono eseguire in una struttura radiologica non possono essere eseguiti al domicilio del paziente a causa delle limitazioni tecnologiche. Numerosi progetti sperimentali volti alla radiologia domiciliare sono stati effettuati in Europa e nel mondo, con ricerche scientifiche specifiche, condotte SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 3 di 5

4 in Nuova Zelanda, Canada, Norvegia, Italia. In particolar modo, una pubblicazione scientifica del Journal of the American Medical Directors Association 2 racchiude in se i metodi, gli obiettivi, gli esiti dei lavori svolti nei paesi sopraccitati e ne fornisce un interpretazione notevolmente favorevole. Obiettivi del progetto Materiali e metodi Bibliografia Il gruppo di lavoro, sulla base delle esperienze italiane già in atto, ha studiato un progetto di radiologia domiciliare che ha come obiettivi: 1. un servizio di radiologia per le sedi esterne all ospedale (Casa egli angeli di Mozzo e Hospice). 2. un servizio di radiologia per degenze convenzionate con il Papa Giovanni XXIII. 3. un servizio di radiologia per i pazienti fragili dimessi direttamente dal nostro ospedale. 4. Sperimentazione di una tecnologia avanzata che permette rispetto alle esperienze di altri territori di effettuare un servizio completo di refertazione e masterizzazione a domicilio. Popolazione in studio: 1 Pazienti dimessi dall AO HPG23 con le seguenti condizioni: 2 vedi bibliografia n 11 - Paziente anziano - Paziente oncologico - Paziente allettato - Paziente immuno-depresso - Paziente in RSA o Comunità - Paziente disabile in genere 2 Pazienti di sedi esterne all ospedale (Casa degli Angeli di Mozzo o Hospice di via Borgo Palazzo - Strutture convenzionate - 1. Caramella D, Reponen J, Fabbrini F, Bartolozzi C Teleradiology in Europe Eur J Radiol 33: 2-7, Bucelli C, Tamburrini O Telemedicina e Teleradiologia: aspetti clinici e medico legali Radiologia Forense Ed Mediserve, Napoli, Legal issue in teleradiology-distant thoughts Br J Radiol 75: , ACR Technical Standard for teleradiology ACR Practice Guidelines for communication: diagnostic radiology Libro Bianco SULLO SVILUPPO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO IN LOMBARDIA SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 4 di 5

5 Un impegno comune per la Salute MILANO, 30 GIUGNO Tesi di master management di Chiodini Stefano per le professioni Sanitarie e della Assistenza Sociale Coordinamento e Organizzazione dei servizi Ospedalieri, Domiciliari, e Territoriali anno Piano di Organizzazione Aziendale ASL della provincia di Bergamo. Anno ASL della provincia di Bergamo : Piano integrato di Prevenzione e Controllo 2012\ Sawyer RH, Patel U, Horrocks AW; Domiciliary radiography: an important service? Clinical Radiology, 1995 Jan; 50 (1): Loeb MB, Carusone SB, Marrie TJ, Brazil K, Krueger P, Lohfeld L, Simor AE, Walter SD; Interobserver reliability of radiologists interpretations of mobile chest radiographs for nursing home-acquired pneumonia Journal of the American Medical Directors Association, 2006 sept.; vol. 7, issue 7, pages Aimonino Ricauda N, Tibaldi V, Leff B, Scarafiotti C, Marinello R, Zanocchi M, Molaschi M.; Substitutive "hospital at home" versus inpatient care for elderly patients with exacerbations of chronic obstructive pulmonary disease: a prospective randomized, controlled trial.; Epub 2008 Jan Cammarota T, Aimonino Ricauda N*, Davini O^, Beux A, Grosso M+, Minniti D^, Tibaldi V*, Cerri R+,, Di Marco I+, Di Novi Cinziaª, Bertetto O; Design of a study on the quality perceived by patients hospitalized at home undergoing domiciliary radiography; XIX IAGG World Gongress of Gerontology And Geriatrics, PARIGI 5-9 LUGLIO 2009 SCHEDA DI PROGETTO P USC DPS / USC Radiologia Diagnostica per immagini 1 Pag. 5 di 5

6 Progetto di Radiologia Domiciliare nel territorio della provincia di Bergamo RESPONSABILI DEL PROGETTO Dott.ssa Simonetta Cesa - Dott. Giuseppe Bonaldi GRUPPO TECNICO DI PROGETTO Dott. Antonio Castaldello TSRM Guido Muzzi Dott. Stefano Chiodini Dott.ssa Monica Casati PROMOTORE DEL PROGETTO Dott. Carmine Valentino Rev del

7 Sommario 1) Premessa ) Obiettivi del progetto ) Metodologia e strumenti di progetto ) Fasi e Tempi di Realizzazione- CRONOPROGRAMMA ) Diagramma di Flusso ) Bibliografia e norme di riferimento ) Premessa Obiettivo del progetto è attuare un SERVIZIO DI RADIOLOGIA DOMICILIARE DIRETTA (R DR) 1 a favore di persone anziane, disabili o le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in una struttura ospedaliera, se non sottoponendo loro e le loro famiglie ad un grave disagio e/o rischio clinico e a un elevato costo per la collettività. L evoluzione della telemedicina in particolare della teleradiologia consente l esecuzione di esami sul territorio extra ospedaliero e l acquisizione da parte di tecnici di radiologia di immagini digitali che possono essere trasmesse via web a un medico radiologo per la refertazione. La Radiologia con tecnologia DR (Digital Radiography) è un innovativo sistema che permette l acquisizione dell immagine radiologica direttamente in digitale, senza più l intervento d inutili passaggi in bagni chimici di fissaggio e sviluppo dell immagine stessa. 1 (intendersi una attività radiologica effettuata a domicilio con apparecchiature che trasmettono direttamente l immagine alla sede di refertazione) 2

8 Questo tipo di tecnologia è già stata sperimentata in altre provincie e questo progetto mira a renderla disponibile nel sistema domiciliare, dove essa si rileva ancora più indispensabile. L obiettivo è di fornire un servizio pratico e veloce con un attrezzatura portatile e tecnologicamente evoluta, nell interesse del paziente bisognoso che non può sopportare attese e spostamenti faticosi. Il processo d invecchiamento della popolazione, correlato alla diminuzione della mortalità e ai continui progressi raggiunti in campo medico-scientifico, conduce necessariamente a un aumento delle disabiltà e a un notevole incremento delle patologie croniche. I soggetti anziani affetti da pluripatologie (co-morbilità) risultano, inoltre, particolarmente esposti a ulteriori criticità, in relazione, da una parte, a situazioni personali, familiari e sociali spesso di disagio e, dall altra, a specifici rischi di reazione avversa connessi alle politerapie. A ciò si aggiunga che tali categorie di pazienti, per le ragioni esposte, spesso presentano oggettive difficoltà di accesso alla rete istituzionale di prescrizione e distribuzione dei farmaci e dei presidi (studi medici, farmacie convenzionate e farmacie aziendali). La Regione Lombardia, al fine di offrire adeguate risposte socio sanitarie a tali significative emergenze attraverso la predisposizione di misure e interventi integrati a livello sociale e sanitario, ha attribuito particolare rilevanza alle cure domiciliari, anche quale valido strumento per garantire l assistenza di lunga durata ai pazienti cosiddetti fragili. Secondo una definizione corrente, i pazienti fragili sono quei soggetti cronicamente affetti da patologie spesso multiple, con stato di salute instabile, frequentemente disabili, e di età avanzata in cui gli effetti dell invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socio-economico. Con radiologia domiciliare si intendono tutte quelle procedure atte ad effettuare esami di tipo radiologico al domicilio del paziente o quantomeno in una struttura non ospedaliera o ambulatoriale; la radiologia domiciliare non è una novità, questa infatti esiste da anni sotto forma privata, il presente progetto rappresenta la prima esperienza nella quale un ente pubblico si occupa di fornire questo servizio agli utenti della città e della provincia di Bergamo. Da tempo possiamo vedere alcune esperienze riguardanti la delocalizzazione sul territorio e al domicilio dell assistenza sanitaria; si pensi per esempio alla assistenza domiciliare integrata (ADI) attivata dall ASL sul territorio provinciale e regionale. 3

9 Tra i tanti servizi che ancora non sono stati portati al domicilio ci sono gli esami radiologici che, sebbene vengano spesso richiesti dai medici di base e dagli specialisti, e non possano essere considerati meno importanti di altre pratiche sanitarie, vengono eseguiti nella stragrande maggioranza dei casi negli ospedali o comunque in strutture dotate di sale radiologiche. Per valutare la possibilità di ovviare a questa carenza, si è tentato di portare le indagini radiologiche, a domicilio, perlomeno quelle per le quali l esecuzione in tale sede non ne comprometta la qualità. È importante però fare un'importante precisazione per quanto riguarda il servizio pubblico di radiologia domiciliare: questo servizio è da considerarsi complementare ad un servizio di radiologia tradizionale e non sostitutivo, questo perché molti esami che si possono eseguire in una struttura radiologica non possono essere eseguiti al domicilio del paziente a causa delle limitazioni tecnologiche. Numerosi progetti sperimentali volti alla radiologia domiciliare sono stati effettuati in Europa e nel mondo, con ricerche scientifiche specifiche, condotte in Nuova Zelanda, Canada, Norvegia, Italia. In particolar modo, una pubblicazione scientifica del Journal of the American Medical Directors Association 2 racchiude in se i metodi, gli obiettivi, gli esiti dei lavori svolti nei paesi sopraccitati e ne fornisce un interpretazione notevolmente favorevole. 2) Obiettivi del progetto Il gruppo di lavoro, sulla base delle esperienze italiane già in atto, ha studiato un progetto di radiologia domiciliare che ha come obiettivi: 1. un servizio di radiologia per le sedi esterne all ospedale (Casa egli angeli di Mozzo e Hospice). 2. un servizio di radiologia per degenze convenzionate con il Papa Giovanni XXIII. 3. un servizio di radiologia per i pazienti fragili dimessi direttamente dal nostro ospedale. 4. Sperimentazione di una tecnologia avanzata che permette rispetto alle esperienze di altri territori di effettuare un servizio completo di refertazione e masterizzazione a domicilio. 3) Metodologia e strumenti di progetto A)PAZIENTI CHE POSSONO BENEFICIARE DELLA RADIOLOGIA A DOMICILIO. 1 Pazienti dimessi dall AO HPG23 con le seguenti condizioni: 2 vedi bibliografia n 11 4

10 - Paziente anziano - Paziente oncologico - Paziente allettato - Paziente immuno-depresso - Paziente in RSA o Comunità - Paziente disabile in genere 2 - Paziente di sedi esterne all ospedale ( Casa degli Angeli di Mozzo o Hospice di via Borgo Palazzo - strutture convenzionate B) PERSONALE COINVOLTO. Il medico richiedente (Medico RSA, MMG, Medico specialista di USC) : formula la richiesta di prestazione radiologica a domicilio a favore di persone per le quali risulta difficile accedere alla struttura ospedaliera con le caratteristiche sopradescritte. Segreteria della Radiologia: riceve le richieste pianificate, prepara la procedura amministrativa inserendo i pazienti nei programmi aziendali ed emette il ticket. Il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM): è colui che effettua l esame al domicilio del paziente o in sedi esterne dell Azienda. Dopo aver eseguito l esame contatta il medico radiologo in sede e successivamente stampa il referto e masterizza il CD dell esame. Nel suo agire la preoccupazione primaria sarà di garantire i massimi livelli in termini di qualità della prestazione e di sicurezza per sé stesso e per l utenza. Il Medico Radiologo: riceve le immagini in tempo reale. Referta la radiografia acquisendola dal server aziendale e, firmandola digitalmente, la rende disponibile al TSRM presso la sede di esecuzione. 5

11 C) ATTREZZATURA IMPIEGATA. Oltre all autovettura fornita dall Azienda la dotazione tecnologica necessaria prevede: un tubo radiogeno portatile ad alta frequenza, con apposito stativo su misura. un rivelatore d immagini digitali «detettore DR» un computer portatile con collegamento web al virtual server dedicato e con masterizzatore Una stampante per i referti D) ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE DOMICILIARE. 1) ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO: L Azienda Ospedaliera, comunicherà all ASL l attivazione di tale servizio e con essa deciderà l area di intervento che inizialmente potrebbe essere Bergamo e comuni limitrofi. Le richieste possono essere effettuate del medico curante, dal medico specialista dell azienda o dal medico delle strutture convenzionate attraverso la creazione al CUP di agende informatizzate. La centrale di dimissioni protette dell ospedale può segnalare alla segreteria della radiologia eventuali pazienti fragili da loro seguiti che necessitano della radiologia domiciliare, da inserire preventivamente nella lista di lavoro. 2) REGISTRAZIONE AMMINISTRATIVA DELLE PRENOTAZIONI: La segreteria dell USC di Radiologia riceve le richieste dal CUP in via informatizzata, le sottopone al medico radiologo dedicato per la giustificazione all esame e in caso positivo, prepara la lista di lavoro inserendo i pazienti nel programma aziendale Polaris (RIS). 3) ESECUZIONE DELL ESAME: il TSRM prima della partenza dalla sede ospedaliera con l auto acquisisce sull apparecchiatura radiologica domiciliare la lista dei esami da effettuare. Il TSRM arrivato sul posto scarica tutta l attrezzatura portatile contenuta in due valigie fissate sullo stativo a soffietto montabile in pochi minuti. Al letto del malato apre lo stativo, vi fissa il tubo radiogeno, esegue i collegamenti per l alimentazione, accende PC, posiziona la cassetta detettrice. 6

12 A questo punto si erogano RX e nel giro di qualche secondo l immagine è visibile sullo schermo del PC. La possibilità di visualizzare subito le immagini rilevate consente ai tecnici di radiologia di effettuare un immediata valutazione della qualità tecnica dell iconografia, comunicando tempestivamente al clinico di riferimento (radiologo) le eventuali alterazioni alla normale anatomia radiologica. Previo consenso del paziente e avviso tramite telefonata al medico radiologo, si invia l immagine al server aziendale tramite linea dedicata VPN protetta da password personali per dati sensibili. 7

13 3) REFERTAZIONE DELLE IMMAGINI: il medico radiologo, avvisato tramite telefonata, si collega con la propria password al server aziendale, legge l esame in formato DICOM, referta lo stesso con firma digitale certificata, e invia la conferma al TSRM. 4) CONSEGNA DELL ESAME e ARCHIVIAZIONE: il TSRM durante il tempo di refertazione copia il file DICOM su CD attraverso un masterizzatore dedicato e ripone l attrezzatura. Appena ricevuto la conferma di ritorno dal medico il TSRM acquisisce il referto dal server e lo stampa in tempo reale consegnando il tutto al paziente. Possiamo dunque calcolare il tempo medio di esecuzione della prestazione (esame, stampa e refertazione) e stimarlo attorno ai 25/30 minuti. Tutta la documentazione e le immagini vengono salvati su back-up server e conservati nell archivio aziendale per il tempo stabilito dalla legge; ogni informazione è trattata secondo la legge sulla privacy vigente E) VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADIOLOGICO: Oltre che per il paziente, sono stati valutati i rischi: per chi presta assistenza per le persone del pubblico per l operatore TRSM Con i parametri tipici di un esame di «torace al letto» (es. 80 kv 3 mas) ad altezza petto di 1 metro si hanno i valori di radiazione diffusa riportati in figura. In particolare (per la legge del quadrato della distanza) già ad un paio di metri la radiazione diffusa è estremamente limitata. L utilizzo del camice piombato, come evidente, limita di almeno un fattore 100 la radiazione diffusa (es. a 50 cm da 3.6 a 0.36 msv). 8

14 Si prendono in considerazione la componente relativa alla radiazione primaria e alla radiazione diffusa conoscendo i rendimenti e le distribuzioni di radiazione primaria di un tipico portatile per grafia. Nei locali adiacenti alla stanza del paziente, sempre a parità di condizione operative, considerando una distanza media dalla parete di circa 2 metri ed uno spessore della parete stessa di circa 14 cm di mattoni forati (fattore di trasmissione pari a ), otteniamo una dose di circa 0.04 µgy per scatto nella stanza accanto. Tale dose è dell ordine di 1/10000 della dose prevista per la popolazione ai sensi del D.Lgs 230/95 e s.m.i. Per quanto concerne i rischi da radiazioni: I rischi per l operatore sono stimati su un carico di lavoro di 10 esami alla settimana e ad una distanza di 2 m dal paziente e con camice piombato, un valore annuo di dose di 40 µgy. Tale dose è da suddividersi tra i vari operatori che effettueranno le prestazioni Con le medesime ipotesi di carico massimo previste per l operatore la dose massima stimabile alla persona che assiste risulta essere minore di 10 µsv per scatto, quindi molto 9

15 inferiore al vincolo di dose di 3 msv come definito dal D.Lgs 187/00. Resta inteso il divieto di permanenza durante l esecuzione dell esame di minori e donne gravide e di chiunque non risulti indispensabile all esecuzione dell esame e all assistenza al paziente. Tuttavia anche nel caso più sfavorevole di presenza obbligatoria di persone estranee per contenimento del paziente e senza l ausilio del camice piombato, trascurando l attenuazione del fascio dovuta all interazione con il paziente, si ha una dose di circa µgy per scatto. Anche tale dose è di molto inferiore alla dose prevista per la popolazione ai sensi del D.Lgs 230/95. G) VANTAGGI: I vantaggi di un progetto di radiologia domiciliare sono di tipo: - sanitario: l ospedalizzazione sottopone il malato a possibili disagi, sbalzi di temperatura, movimentazioni dolorose, attese stancanti ed in generale al tentativo di soprassedere ai dovuti controlli clinici; - sociale: a volte il trasporto di malati particolarmente complessi costa alla società più della prestazione, sottraendo mezzi e strutture a casi più gravi ed urgenti; - relazionale ed umano: le persone stanno sicuramente meglio nella tranquillità di casa loro in compagnia dei propri cari; in tale sede la relazione malato-professionista è enormemente favorita; - economico: è possibile che per il trasporto debbano essere coinvolti uno o più familiari della persona, presupponendo la perdita di giornate lavorative. - per quanto riguarda la radiologia domiciliare fatta per le sedi periferiche dell ospedale (Casa degli Angeli di Mozzo, Hospice di Borgo Palazzo) e per le strutture convenzionate, il vantaggio per l ospedale Papa Giovanni XXIII è di evitare oltre che lo spostamento del paziente anche quello degli operatori che vengono sottratti all assistenza. Concludendo, visto che è possibile fornire la stessa qualità clinico diagnostica delle immagini prodotte in ospedale presso il domicilio, si evince che andare a casa del paziente costa meno che portarlo in ospedale, e lo si salvaguarda anche dal punto di vista psicologico evitando a lui e ai suoi famigliari lo stress del trasporto in ambienti esterni. 10

16 H) Sviluppi futuri - Fuori dalla città o del suo hinterland un servizio di questo tipo potrebbe trovare un applicazione ancora maggiore perché le ASL o le ASO devono coprire zone molto più ampie di territorio, e dove i pazienti per recarsi nella struttura più vicina devono spesso percorrere molti chilometri. - Questo progetto si può integrare con altri servizi fruibili sul territorio quali ad es. prelievi domiciliari, ECG, ecografie, EEG, ecc. con una sorta di auto mobile diagnostica collegabile con le associazioni dei MMG, RSA e servizi sociali del territorio. - Con la raccolta dei dati dei primi mesi di esperienza si potrebbe proporre un convegno invitando gli attori coinvolti in questo servizio (Ospedale Papa Giovanni XXIII, ASL, MMG) e proporre un allargamento del servizio. 11

17 5) Fasi e Tempi di Realizzazione- CRONOPROGRAMMA Fase 1 FASE/ANNO 2014 III quadrimestre I quadrimestre II quadrimestre III quadrimestre Analisi Progettazione Fase 2 Redazione Progetto Fase 3 Presentazione alla Direzione Fase 4 Acquisto apparecchiatura e pratiche autorizzative Fase 5 Configurazione apparecchiatura e formazione del personale Fase 6 Procedura informativa/operativa e prime prove nelle sedi esterne dell ospedale Fase 7 Inizio attività sul territorio Fase 8 Verifica dell attività e piano di sviluppo e consolidamento 12

18 6) Diagramma di Flusso Diagramma di flusso Processo di Radiologia Domiciliare: Medico Richiedente -Medico di Base -Medico Specialista - Personale Amministrativo Radiologia Medico Radiologo Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Richiesta esame Trasmissione Richiesta CUP Radiologia Acquisizione Richiesta Inserimento Su Software Book & passaggio richiesta su Ris Polaris, Emissione ticket (Book) SI Valutazi one Appropri atezza Richiest NO -Acquisizione Lista Lavoro da Polaris -Pianificazione Spostamento al domicilio del Paziente Esecuzione Esame Refertazione Esame Polaris Trasmissione immagini Ricezione Referto Stampa CD Esame\Referto Consegna Paziente 13

19 7) Bibliografia e norme di riferimento 1. Caramella D, Reponen J, Fabbrini F, Bartolozzi C Teleradiology in Europe Eur J Radiol 33: 2-7, Bucelli C, Tamburrini O Telemedicina e Teleradiologia: aspetti clinici e medico legali Radiologia Forense Ed Mediserve, Napoli, Legal issue in teleradiology-distant thoughts Br J Radiol 75: , ACR Technical Standard for teleradiology ACR Practice Guidelines for communication: diagnostic radiology Libro Bianco SULLO SVILUPPO DEL SISTEMA SOCIOSANITARIO IN LOMBARDIA Un impegno comune per la Salute MILANO, 30 GIUGNO Tesi di master management di Chiodini Stefano per le professioni Sanitarie e della Assistenza Sociale Coordinamento e Organizzazione dei servizi Ospedalieri, Domiciliari, e Territoriali anno Piano di Organizzazione Aziendale ASL della provincia di Bergamo. Anno ASL della provincia di Bergamo : Piano integrato di Prevenzione e Controllo 2012\ Sawyer RH, Patel U, Horrocks AW; Domiciliary radiography: an important service? Clinical Radiology, 1995 Jan; 50 (1): Loeb MB, Carusone SB, Marrie TJ, Brazil K, Krueger P, Lohfeld L, Simor AE, Walter SD; Interobserver reliability of radiologists interpretations of mobile chest radiographs for nursing home-acquired pneumonia Journal of the American Medical Directors Association, 2006 sept.; vol. 7, issue 7, pages Aimonino Ricauda N, Tibaldi V, Leff B, Scarafiotti C, Marinello R, Zanocchi M, Molaschi M.; Substitutive "hospital at home" versus inpatient care for elderly patients with exacerbations of chronic obstructive pulmonary disease: a prospective randomized, controlled trial.; Epub 2008 Jan Cammarota T, Aimonino Ricauda N*, Davini O^, Beux A, Grosso M+, Minniti D^, Tibaldi V*, Cerri R+,, Di Marco I+, Di Novi Cinziaª, Bertetto O; Design of a study on the quality perceived by patients hospitalized at home undergoing domiciliary radiography; XIX IAGG World Gongress of Gerontology And Geriatrics, PARIGI 5-9 LUGLIO

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO AGLI HOSPICE AUSL DELLA ROMAGNA - RAVENNA

MODALITA DI ACCESSO AGLI HOSPICE AUSL DELLA ROMAGNA - RAVENNA Dr. Montanari Luigi Responsabile Unità OperaAva Semplice di Cure PalliaAve Infermiere Ama3 Piero Coordinatore InfermierisAco e Tecnico Hospice Lugo Infermiera Cima6 Maria Giulia Coordinatore InfermierisAco

Dettagli