ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "DESSI' - LA MARMORA" SSIS Via Montegrappa, 2 Sassari -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "DESSI' - LA MARMORA" SSIS028001 Via Montegrappa, 2 Sassari SSIS028001@istruzione.it - SSIS028001@pec.istruzione."

Transcript

1 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "DESSI' - LA MARMORA" SSIS Via Montegrappa, 2 Sassari - Istituto Tecnico Commerciale Dessì Lamarmora- sez.associata SSTD Via Montegrappa, 2 Sassari Tel: Tel: Fax: Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Giovanni XXIII- sez. associata SSRC02801X, Via M. De Carolis, 6 Sassari, Tel: Fax: Prot. n. 1991/C43 del DELIBERA COLLEGIO DOCENTI: 29 GENNAIO 2014 DELIBERA CONSIGLIO DI ISTITUTO: 31 GENNAIO

2 IL NOSTRO P.O.F. VUOLE ESSERE UN SISTEMA INTEGRATO DI FORMAZIONE FLESSIBILE ATTRAVERSO LA PERSONALIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2

3 Indice: Obiettivi e principi fondamentali Pag. 4 L istituzione scolastica Pag. 6 Gestione dell Istituzione scolastica Pag. 11 Il curricolo ITC Dessì - la Marmora Pag. 15 Quadro orario AMF Pag. 17 Quadro orario Turismo Pag. 18 Quadro orario IGEA Pag. 19 Quadro orario ITER Pag. 22 Il curricolo IPSSCT Giovanni XXIII Pag. 23 Quadro orario Servizi Commerciali Pag. 24 Quadro orario Servizi Turistici Pag. 28 Offerta formativa Pag. 29 Modalità di verifica e Assenze Pag. 36 Criteri di valutazione Pag. 42 Il sistema dei crediti Pag. 47 La comunicazione con il contesto Pag. 50 Ampliamento dell Offerta Formativa Pag. 53 Progetti d istituto Pag. 53 Organigramma Pag. 63 Dipartimenti e Figure strumentali Pag. ALLEGATI: ALLEGATO N.1- I profili formativi dell Istituto Tecnico Commerciale ALLEGATO N.2- I profili formativi dell Istituto Professionale per i Servizi Commerciali ALLEGATO N. 3- Piano Annuale per l Inclusività - a.s. 2013/14 Pag. 66 Pag. 71 Pag. 72 3

4 OBIETTIVI E PRINCIPI FONDAMENTALI Premessa Il presente documento, rivolto agli studenti, alle famiglie, agli operatori educativi, intende fornire informazioni chiare per quanto attiene l offerta formativa, atte a tracciare l identità educativa, culturale, sociale e di servizio del nostro Istituto. Il POF costituisce la risposta della scuola autonoma all esigenza di rendere effettivo l apprendimento di tutti gli alunni. Il Consiglio di Istituto eletto per il triennio in applicazione dell art.3 del DPR 275/1999 e sulla base della normativa fondamentale (DPR 275/1999, Regolamento autonomia, DPR 88/2010 e DPR 87/2010, alleg.b- DPR 275/1998(biennio nuovo ordinamento)curricolo obbligatorio, Linee guida per passaggio ai nuovi ordinamenti, Istituti Tecnici e Istituti professionali, I biennio, Linee guida per passaggio ai nuovi ordinamenti, Istituti Tecnici e Istituti professionali, II biennio e V anno, DPR 122/2009, regolamento sulla valutazione; DM 139/2007, Regolamento obbligo istruzione, Assi culturali; DM 9/2010, modello certificazione competenze; standard formativi INVALSI per il biennio, Istituto nazionale per la valutazione di sistema) nel proprio atto di indirizzo al Collegio docenti ha individuato le seguenti priorità per la programmazione dell offerta formativa, derivanti dall analisi del concreto contesto, dei risultati conseguiti, delle criticità rilevate, delle richieste del mondo del lavoro e del contesto produttivo provinciale e regionale: 1. DECREMENTO DELLA DISPERSIONE NEL BIENNIO: Riduzione del numero del numero dei trattenimenti(bocciature), del numero di alunni soggetti a dispersione(abbandono della frequenza e o acquisizione di livelli di competenza deboli nelle discipline e competenze di base: saper scrivere, saper decodificare e interpretare il testo scritto nelle sue diverse tipologie, saper esporre verbalmente, saper ascoltare, saper effettuare le operazioni matematiche propedeutiche allo studio della matematica applicata, conoscere i concetti essenziali del diritto e dell economia, acquisire le abilità di studio fondamentali ) 2. DECREMENTO DELLA DISPERSIONE NELL ANNO INIZIALE DEL SECONDO BIENNIO(CLASSE III): Riduzione del numero del numero dei trattenimenti(bocciature), del numero di alunni soggetti a dispersione(abbandono della frequenza e o acquisizione di livelli di competenza deboli nelle discipline di indirizzo e nelle abilità di studio) 3. SECONDO BIENNIO E V ANNO AMF/SERVIZI COMMERCIALI/TURISMO : - ampliamento dell offerta formativa e approfondimento nelle discipline di indirizzo in relazione con il Pecup, area di indirizzo (discipline giuridiche, economicoaziendali) - impulso allo sviluppo dell imprenditorialità e dell autonomia progettuale degli alunni nell applicazione delle conoscenze acquisite in situazioni concrete - miglioramento dell apprendimento delle lingue straniere e impulso al conseguimento delle certificazioni internazionali nelle lingue di insegnamento curricolare 4. CONGRUENZA: 4

5 - coerenza del POF(piano dell offerta formativa) con il curriculum obbligatorio(dpr 88/2010 e DPR 87/2010) e i rispettivi PECUP, realizzabilità, condivisione e valutazione della programmazione e dei risultati - miglioramento dell utilizzo della didattica per competenze(sapere e saper fare in situazione) secondo le Linee guida attuative dei DPR richiamati 5. RAPPORTO CON IL CONTESTO PROFESSIONALE: - incremento dei rapporti con il contesto locale e regionale rispetto al mercato del lavoro e ai profili professionali da questo richiesti - consolidamento della pratica dei tirocini aziendali, anche in funzione orientativa - incremento delle iniziative di orientamento al lavoro - costituzione del Comitato tecnico- scientifico con rappresentanti delle associazioni professionali e di categoria, esperti del mondo del lavoro e dell Università Il POF quindi traduce in linee operative, attraverso l attuazione del curricolo nazionale obbligatorio per i diversi settori e indirizzi presenti nella scuola e l ampliamento dell offerta formativa le priorità individuate dal Consiglio, organo nel quale sono rappresentate le diverse componenti dell Istituzione: famiglie, alunni, personale docente e ATA, Dirigente scolastico. Il Collegio docenti intende dare attuazioni a tali direttive attraverso la piena attuazione del curricolo nazionale, l ampliamento dell offerta formativa, l organizzazione del personale docente e ATA. Finalità della scuola Elevare l apprendimento degli studenti progettando, attuando e verificando azioni formative tese a ridurre gli insuccessi scolastici e sviluppare le potenzialità degli alunni meritevoli. Attuare l integrazione della nostra scuola con il territorio attraverso iniziative ed interventi finalizzati alla crescita culturale e professionale dei ragazzi, in collaborazione con le agenzie e gli enti presenti nel territorio. Documentare le procedure, gli obiettivi e gli esiti del processo educativo al fine di: 1. Adeguare gli interventi ai bisogni degli alunni; 2. Socializzare le esperienze; 3. Far conoscere le azioni e le scelte educative della scuola a tutte le componenti interessate. Finalità ed obiettivi del POF Attraverso il P.O.F. la scuola si prefigge di far conseguire agli alunni i seguenti obiettivi: Coinvolgerli e motivarli all apprendimento. Far acquisire un metodo di studio. Aiutarli a superare le difficoltà. Avere il rispetto delle regole e degli impegni presi. 5

6 Acquisire competenze e capacità spendibili nel mondo del lavoro L ISTITUZIONE SCOLASTICA Il nostro istituto Nell Anno Scolastico 2013/2014, l I.T.C.T. G. Dessì- La Marmora e l Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Giovanni XXIII in seguito al dimensionamento conseguente alla delibera della Giunta Regionale n.12/9 del 5/03/2013, sono stati aggregati diventando un Istituto di Istruzione Superiore nel quale confluiscono i due ordinamenti Tecnico e Professionale, articolati nei diversi settori e indirizzi. L I.T.C.T. Dessì la Marmora Sito in Via Monte Grappa n 2, nasce nell anno scolastico 1992/93 come Istituto Tecnico Commerciale N 3, poi aggregato nell a.s all ITC A. la Marmora, erede del della Regia scuola tecnica fondato nel 1871, che nel tempo ha dato origine, oltre al Tecnico Commerciale, all Istituto Tecnico per Geometri e al Liceo Scientifico. E una moderna struttura ubicata al centro della città, priva di barriere architettoniche, immersa nel verde di una pineta, dotata di ampi spazi esterni: campo polivalente, pista di atletica, anfiteatro all aperto, auditorium e ampio parcheggio interno. E ben collegato con tutte le linee urbane alle stazioni dei mezzi pubblici provenienti dai paesi del circondario, tempo massimo di percorrenza per raggiungere l Istituto 15 minuti. La scuola è stata inaugurata ed intitolata a Giuseppe Dessì nel 1999, scrittore sardo nato a Villacidro, ma sassarese di adozione; vissuto nella nostra città per diversi anni, si è dedicato alla vita politica assieme ad un gruppo di intellettuali, collaborando ad un settimanale. La sua fama è legata al romanzo Paese d ombre che gli fece vincere nel 1972 il premio Strega e lo rese noto in tutto il mondo, fu anche docente e Provveditore agli Studi. L I.T.C.T. ha origine sotto il nome di A. La Marmora quando il 15 ottobre 1871 Vittorio Emanuele II, primo Re d Italia, istituisce, con Regio Decreto, la Regia Scuola Tecnica di Sassari, articolata in tre sezioni: fisico-matematica, agrimensura, commercio. L ITC La Marmora rientra dunque, a pieno titolo, tra i più antichi Istituti Tecnici Commerciali d Italia e rappresenta una parte importante della storia di Sassari. Non mancano testimonianze del passato, dagli strumenti ottocenteschi di fisica, chimica e agrimensura custoditi nell Istituto, ai libri d epoca ed alle carte geografiche disegnate dagli alunni della scuola più di cento anni fa. Esiste inoltre una raccolta, pubblicata in occasione di un convegno sulla Storia 6

7 Sarda, dei lavori, disegni e ricordi di una terza classe della sezione agrimensura, che nel 1887 fu protagonista di una gita d istruzione alle miniere metallifere dell Iglesiente. Tra le mura dell Istituto si sono formati i migliori commercialisti della città e numerosi professionisti quali avvocati, medici, docenti universitari, tra cui attuali personaggi di spicco della vita cittadina. L'Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici Giovanni XXIII Sito in via M. De Carolis 6 l IPSSCT Giovanni XXIII propone agli studenti i seguenti indirizzi di studio: tecnico gestione aziendale (nuovo ordinamento); tecnico servizi turistici (ad esaurimento). È una scuola di recente costruzione con ampi spazi interni, due palestre, ampio parcheggio all interno, dedicata al Papa Giovanni XXIII. L'Istituto è l'unico esistente nel territorio dell'intera provincia di Sassari, che proponga percorsi specifici inerenti la gestione aziendale e turistica (quest'ultima differenziata dal corso proposto nei professionali alberghieri e con finalità legate alla programmazione e gestione delle risorse turistiche, sebbene sia un corso ad esaurimento). Si giustifica, in tal senso, la forte presenza di pendolari che provengono dalle zone della provincia più vicine al capoluogo e meglio servite dai mezzi di trasporto, mentre restano escluse quelle più distanti. Dall a.s. 1969/70 vengono istituiti sperimentalmente (DPR n. 253) i corsi postqualifica per Segretario d Amministrazione a cui si aggiungeranno successivamente quelli per Operatore Commerciale e Analista Contabile. In seguito alla promulgazione dei DM e DM rispettivamente, la sperimentazione denominata Progetto 92, avviata nell Istituto dall a.s. 1989/90, viene istituzionalizzata dando luogo alle nuove qualifiche e ai nuovi corsi post-qualifica che gradualmente sostituiscono i precedenti. Il contesto Il contesto socio-economico e culturale in cui gli Istituti operano è caratterizzato da un utenza proveniente dal settore professionale, impiegatizio, artigianale e della piccola e media imprenditoria. Numerosi alunni provengono dai centri urbani dell hinterland, con un tasso di pendolarismo del 40 % circa. Strutture dell ITCT Dessi -La Marmora Strutture L Istituto usufruisce di una struttura edilizia di recente costruzione, con ampi spazi interni, circa 5000 mq ed esterni, circa 7000 mq, razionalmente utilizzati. 7

8 Realizzata su tre livelli, senza barriere architettoniche, è dotato di numerosi laboratori che favoriscono l attuazione di una didattica orientata all apprendimento di competenze specifiche. Gli spazi sono organizzati in: 1 laboratorio linguistico multimediale. 4 laboratori multimediali di Informatica con collegamento Internet, dotati di stampanti a colori, scanner e masterizzatore. 1 Laboratorio di informatica mobile (PC notebook). 1 laboratorio di Chimica e Biologia con postazione multimediale e TV con videoregistratore. 1 laboratorio di Fisica. 1 laboratorio di cartografia. Palestra. 35 aule per l attività didattica. Aula speciale attrezzata per le esigenze degli alunni portatori di handicap. Biblioteca con postazione multimediale strutturata su due piani con sala lettura e terrazza panoramica. Presidenza, vicepresidenza, sala professori dotate di postazioni multimediali e collegamento internet. Linea ADSL in tutte le postazioni multimediali. Tutte le aule attualmente occupate e la sala riunioni sono dotate di LIM(Lavagne interattive multimediali). Spazi esterni per attività sportive e di socializzazione: Anfiteatro all aperto con capacità di 280 posti a sedere. Pista di atletica. Campo polivalente in erba sintetica. Pineta. N 50 posti auto. N 63 posti moto. Sono in via di trasferimento nella sede di Via Monte Grappa le dotazioni dell ITC Lamarmora: 2 laboratori di informatica (Matematica, Scienze, Economia Aziendale, Geografia economica). Biblioteca per il prestito in rete e biblioteca storica. 8

9 Situazione attuale N.22 classi, per un totale di n.507 alunni distribuiti fra i corsi AMF, Turismo, Igea, Iter Numero alunni Classi N 66 Prime Corsi A-B-C N 130 Seconde Corsi A-B-C-D-Tur N 104 Terze Corsi A-B-C-D-TUR N 94 Quarte Corsi A-B-C -Iter N 120 Quinte Corsi A-B-C-D-Iter Strutture dell IPSSCT Giovanni XXIII Sulla base dei rilevamenti effettuati nel presente anno scolastico nella scuola sono utilizzabili 20 aule sistemate su due piani dell'edificio scolastico, di cui 14 dotate di una LIM(Lavagna interattiva multimediale) per ciascuna; l edificio dispone di un ascensore per l accesso al secondo piano, mentre il piano terra è privo di barriere architettoniche, consentendo l accesso e la mobilità delle persone con ridotte capacità motorie. Esistono allo stato attuale 5 laboratori attrezzati con personal computer: uno di questi (aula 12) è operante come laboratorio linguistico e un altro, sito nell aula 11, contiene le attrezzature previste dal Progetto MARTE della RAS. Compatibilmente con i vincoli derivanti dall utilizzo dei laboratori nelle ore destinate alle materie professionali (Trattamento Testi ed Economia Aziendale pratica) è possibile utilizzare le aule speciali per la sperimentazione didattica di tutte le discipline. L'istituto è cablato in rete grazie al finanziamento comunitario ottenuto dal PON 2000 /O1, azione 2 misura 2.2. Sono presenti 40 punti di collegamento alla rete dislocati in tutto l'edificio. Attualmente l'istituto ha in dotazione due palestre. Per le riunioni collegiali, le assemblee, ed altre attività l'istituto è dotato di un auditorium provvisto di impianto di amplificazione, apparecchiature audiovisive e satellitari per almeno 60 posti a sedere con capienza fino ad un massimo di 100 presenze. In ogni piano si ha una dotazione di Tv, Videoregistratore e lettore DVD trasportabili in ogni aula. 9

10 La scuola è dotata di una sala docenti e riunioni in cui si trovano gli armadietti e schedari dei docenti e di una biblioteca centrale, in cui sono catalogati libri di narrativa, testi storici, scientifici, tecnici, manuali tecnici e giuridici, enciclopedie tematiche e universali, ed altro oltre che riviste e cataloghi. Sono altresì esistenti nei laboratori delle piccole librerie specifiche di informatica. Situazione attuale n.14 classi, per un totale di n.254 alunni nei corsi dell Istituto Professionale, settore Servizi indirizzo Servizi Commerciali, diploma di Tecnico della Gestione aziendale. Numero alunni Classi N 40 Prime Corsi A-B N 52 Seconde Corsi A-B-C N 43 Terze Corsi A-B N 61 Quarte Corsi A-B-C N 70 Quinte Corsi A-B-C-D Biblioteca La scuola è dotata di moderne biblioteche, fornite di diverse migliaia di libri (che abbracciano variegati campi del sapere), attrezzate di strutture informatiche e di quanto necessita per lo studio e la ricerca. L Istituto offre ai propri alunni libri di testo gratuiti in comodato d uso per l intero anno scolastico che verranno restituiti a fine anno e inoltre da l opportunità di prendere in prestito libri di testo a disposizione nella biblioteca della scuola. La Biblioteca dell ITC Dessì-Lamarmora è inserita in un progetto Rete con l Istituto Alberghiero, il Liceo classico, l Istituto Magistrale e l Istituto Industriale e collabora con importanti istituzioni quali la Cooperativa COMES, l Associazione Camera Chiara e il MPI Università. Possiede un patrimonio librario di circa volumi, alcuni dei quali di notevole pregio. Il patrimonio librario della biblioteca è tenuto aggiornato con l acquisto regolare delle più importanti novità letterarie pubblicate. La biblioteca dispone, infine, di testi storici e moderni di varie discipline più una biblioteca storica comprendente libri dalla fine dell 800 alla metà del

11 Partecipazione a reti di scuole RETE BIBLIOTECHE costituita dal Provveditorato agli Studi di Sassari nell anno RETE SCUOLE INSIEME AREA FORMAZIONE dall anno scolastico 2007/2008. RETE SCUOLA DIGITALE Gestione dell Istituzione scolastica In applicazione del Dlgs 165/2001 la gestione delle risorse finanziarie, umane e strumentali è affidata al Dirigente Scolastico, coadiuvato da tutto il personale che opera nella scuola con competenze diverse, al fine di garantire il successo formativo e l esigenza di migliorare l efficacia del processo di insegnamento-apprendimento. Il Dirigente Scolastico si avvale del supporto del Dsga e del personale ATA per ciò che riguarda l ambito amministrativo, mentre gli OOCC sono responsabili di quello didattico: Collaboratori dell Ufficio di dirigenza Direttore dei Servizi Generali Amministrativi; Collegio docenti, articolato in Dipartimenti disciplinari Consigli di Classe e gruppi di lavoro e/o commissioni Il Consiglio d Istituto è l Organo collegiale al quale sono attribuiti compiti di indirizzo generale dell offerta formativa e dell amministrazione. La qualità del servizio è garantita e migliorata attraverso l utilizzo di risorse interne alla scuola. Strutture (plesso, aule, spazi e attrezzature). Servizi (ristoro, personale ausiliario). Personale docente e non docente. Comunicazione scuola-famiglia Modello organizzativo didattico (tempo extrascolastico degli alunni, iniziative della scuola con altri soggetti operanti sul territorio). P.E.I. per alunni portatori di handicap (frequenza, livello e qualità dell integrazione, rapporti con i servizi assistenziali e socio- sanitari). P.D.P. per gli alunni riconosciuti portatori di Bisogni Educativi Speciali(Piano per l inclusività) Monitoraggio sulla frequenza e partecipazione alle attività scolastiche. 11

12 I servizi amministrativi Il servizio amministrativo è una componente fondamentale per il funzionamento dell Istituto, avvalendosi del lavoro e della professionalità del personale Amministrativo, coordinato dal Direttore dei Servizi(DSGA). Per soddisfare adeguatamente le esigenze dell utenza l attività viene organizzata all insegna della trasparenza, dell efficienza, economicità, efficacia e nel rispetto della riservatezza dei dati personali e sensibili. Il servizio garantisce: La massima informazione possibile agli utenti. La circolazione delle informazioni all interno della scuola. La visibilità all esterno del prodotto scolastico. L acquisizione di informazioni dall esterno. La sede amministrativa, sita presso l ITC Dessì-Lamarmora, in Via Monte Grappa n.2, è aperta tutti i giorni dalle ore 7,30 fino alle nei giorni di venerdì e sabato. Il lunedì, martedì, mercoledì, giovedì dalle ore 7,30 alle ore 17,30. Dalle ore 10,30 alle 12,00 e dalle h alle h.17,30, il martedì e il giovedì, sono aperti al pubblico gli uffici didattica e personale. Dalle ore 9:00 alle 10,30 è aperta la Segreteria Didattica al pubblico, mentre per gli alunni si osserva l orario di apertura dalle 8:00/8:30 fino alle 11:00/11:30. La segreteria didattica effettua inoltre due rientri pomeridiani il martedì e il giovedì dalle ore 15:00 alle ore 17:00. L amministrazione è gestita da un Direttore dei Servizi Amministrativi e da 8 Assistenti Amministrativi. Detto personale svolge tutti i servizi di natura amministrativa e contabile per gli alunni, per i docenti, e per la gestione complessiva dell Istituto. I principali servizi per gli alunni, per i genitori degli alunni e per i docenti sono i seguenti: Iscrizioni. Rilascio di certificazioni, attestati, pagelle, diplomi. Gestione delle tasse scolastiche. Gestione e corrispondenza con le famiglie. Trasferimenti, ritiri, e controllo delle assenze. Esoneri dalle lezioni di Educazione fisica e Religione. Raccolta dei programmi di insegnamento. Tenuta fascicoli personali. Registro stato personale. Tenuta dell elenco dei libri di testo. Tenuta del registro dei voti. 12

13 Tutti gli atti amministrativi previsti dalle disposizioni di legge, regolamenti, ecc. Gli uffici informatizzati facilitano la celerità delle procedure e diminuiscono i tempi di attesa per la consegna degli atti richiesti. Ufficio Didattica: Cura gli adempimenti e fornisce i servizi connessi al percorso didattico degli studenti (es. iscrizioni rilascio certificazioni e diplomi, informazioni agli utenti e alle famiglie, ecc.). Ufficio Personale: Cura gli adempimenti relativi alla gestione del personale docente e non docente dell Istituto. Dà pratica attuazione alle direttive del Preside e degli Organi Collegiali circa l impiego di tutto il personale. Ufficio Ragioneria: Liquidazioni competenze, gestione finanziaria e servizi contabili. Ufficio Protocollo e patrimonio: Archivio Protocollo. Gestione beni patrimoniali e contabilità di magazzino. Collaboratori scolastici: Provvedono all apertura, chiusura, custodia e pulizia dei locali dell Istituto; attendono alla sorveglianza degli studenti nel caso di momentanea assenza degli insegnanti, e negli spazi comuni, collaborano all assistenza degli alunni portatori di handicap. Direttore dei Servizi Amministrativi Sovrintende, organizza e dirige l attività di tutto il personale A.T.A.. Organizza i servizi amministrativi, i servizi generali dell unità scolastica ed è responsabile del funzionamento degli stessi. Esercita autonomia operativa ed ha responsabilità diretta nella attività istruttoria degli atti a carattere amministrativo, contabile, di ragioneria e di economato. 13

14 Modalità di comunicazione con gli utenti OBIETTIVI Favorire un inserimento più sereno e consapevole dell alunno nell ambiente scolastico. Favorire un percorso comune fra le famiglie e la scuola. Facilitare l utilizzo delle strutture organizzative della scuola. MODALITA Colloqui periodici con le famiglie- personale docente Comunicazione telefonica o colloquio con il dirigente scolastico e/o l ufficio dei collaboratori del dirigente. Colloqui dei docenti con i genitori. Consigli di Classe aperti ai genitori ed agli alunni. Segreteria didattica disponibile al ricevimento e alle comunicazioni telefoniche. Comunicazione in tempo reale delle assenze tramite servizio SMS Comunicazioni periodiche del numero delle assenze alle famiglie. Sito web Il sito internet dell IIS G. Dessì A. La Marmora Posta elettronica - Tutto ciò permette un contatto diretto con le famiglie relativamente a tutte le attività della scuola. 14

15 IL CURRICOLO NAZIONALE Nel curricolo della scuola sono presenti i corsi di studio quinquennali, che si concludono con l Esame conclusivo del II ciclo di Istruzione, comunemente noto come Esame di Maturità; i diplomi conseguibili consentono l accesso a qualsiasi facoltà universitaria ed ai diplomi di laurea (laurea breve), a corsi post-diploma ed ai concorsi pubblici. Dall anno scolastico sono in vigore i nuovi ordinamenti dell istruzione secondaria di II grado, che prevedono un articolazione del percorso di apprendimento in due cicli biennali e in anno conclusivo; per gli Istituti tecnici il curricolo è disciplinato dal DPR 88/2010,per gli Istituti professionali dal DPR 87/2010 e dalle relative Linee guida per il I biennio, il II biennio e il V anno. Per gli Istituti Tecnici sono previsti diversi settori, fra i quali quello Economico, diviso in indirizzo AMF- Amministrazione, finanza e marketing e indirizzo Turismo; al momento il nuovo curricolo è attuato nelle classi I-II-III,IV, pertanto sono ad esaurimento i vecchi ordinamenti IGEA e ITER, nelle classi V. Per l Istituto Professionale è previsto il settore Servizi commerciali ; al momento il nuovo curricolo è attuato nelle classi I-II-III, IV, pertanto sono ad esaurimento i vecchi ordinamenti postqualifica nelle classi V. ITCT Dessi -La Marmora Nuovo ordinamento degli istituti tecnici - DPR N.88/2010 A.F.M. (Amministrazione finanza e marketing) I biennio, prima e seconda classe del II biennio(classi I-II-III-IV) Il diplomato in Amministrazione, Finanze e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo) degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativofinanziari e dell'economia sociale. Integra le competenze dell'ambito professionale specifico con quelle linguistiche ed informatiche per operare nel sistema informativo dell'azienda e contribuire sia all'innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell'impresa. Gli sbocchi professionali sono i seguenti: partecipazione ai concorsi pubblici in cui si richieda un titolo di Scuola Media Superiore; impiego nelle aziende private con mansioni di tipo amministrativo, contabile e organizzativo; carriera bancaria; 15

16 libera professione di consulente contabile e aziendale; libera professione di ragioniere commercialista, dopo aver conseguito il diploma di laurea triennale ad indirizzo economico, aver completato il tirocinio triennale presso un professionista abilitato e aver superato l'esame di abilitazione professionale; libera professione di consulente del lavoro, dopo aver completato il tirocinio biennale presso un professionista abilitato e aver superato l'esame di abilitazione professionale. Proseguimento degli studi universitari in qualsiasi facoltà. Turismo I biennio, prima e seconda classe del II biennio(classi I-II-III-IV) Il diplomato nell indirizzo Turistico ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali. Interviene nella valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico ed ambientale. Integra le competenze dell'ambito professionale specifico con quelle linguistiche ed informatiche. Competenze: Possiede buone conoscenze delle lingue straniere. Possiede buone capacità linguistico-espressive. Possiede ampie conoscenze delle Aziende che operano nel settore turistico sotto il profilo dell'organizzazione e della gestione contabile e informatica. Sbocchi professionali: Operatore presso Enti Pubblici per il turismo. Funzioni di concetto o direttive presso Aziende private, Agenzie di viaggio, di turismo e di trasporto, Imprese alberghiere, Imprenditore nel settore turistico. Accesso all esame regionale di abilitazione alla professione di guida turistica(l.r. n.20/2006) Accesso all esame regionale di abilitazione alla professione di direttore tecnico di agenzia di viaggio e turismo (L.R. n.20/2006) Proseguimento degli studi universitari in qualsiasi facoltà. Vecchio ordinamento, ad esaurimento: 1. IGEA (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale) )- classi V, diploma di Ragioniere e Perito Commerciale 2. ITER (Indirizzo turistico) - classi V, diploma di Perito per il Turismo 16

17 QUADRO ORARIO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (Sostituisce l indirizzo IGEA) Discipline 1 Biennio 2 Biennio I anno II anno III anno IV anno V anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Seconda lingua straniera (Francese /Spagnolo) Storia Matematica Informatica Fisica Chimica Biologia e scienze della Terra Diritto ed economia 2 2 / / Diritto Economia Politica Geografia 3 3 Economia Aziendale Scienze motorie e sportive Religione cattolica Totale delle ore settimanali Totale ore annue di attività e insegnamenti di indirizzo Totale complessivo ore annue

18 QUADRO ORARIO indirizzo TURISMO (Sostituisce il corso ITER) Discipline 1 Biennio 2 Biennio I anno II anno III anno IV anno V anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Seconda lingua straniera (Francese /Spagnolo) Terza lingua straniera (Francese /Spagnolo) Storia Matematica Informatica Fisica Chimica Biologia e scienze della Terra Diritto ed economia 2 2 / / Diritto Discipline turistiche e aziendali Geografia Arte e territorio Economia Aziendale Scienze motorie e sportive Religione cattolica Totale delle ore settimanali Totale ore annue di attività e insegnamenti di indirizzo Totale complessivo ore annue

19 I profili formativi nel vecchio ordinamento Il corso IGEA ad indirizzo Giuridico Economico Aziendale, alla fine del quinquennio, conferisce agli studenti il diploma di Ragioniere Perito Commerciale, titolo idoneo per l accesso a qualsiasi facoltà universitaria e per l inserimento nel mondo del lavoro. L indirizzo turistico ITER si pone l obiettivo di formare tecnici con una preparazione per operare nel settore della produzione, commercializzazione ed effettuazione dei servizi turistici, all interno di aziende private e di Enti pubblici (Aziende di promozione turistica, Assessorati al turismo di Regione e Province). Profilo professionale IGEA L ordinamento degli Istituti Tecnici commerciali è stato modificato nel 1996 con l introduzione dei nuovi programmi IGEA, che hanno sostituito i preesistenti del corso amministrativo. L indirizzo giuridico-economico-aziendale si pone il risultato di apprendimento di formare tecnici con una preparazione nel campo giuridico - amministrativo ed economico aziendale a forte spessore culturale, flessibile, dinamico, con competenze utilizzabili in più settori professionali ed in particolare si pone l obiettivo: 1) di fornire le competenze necessarie: per la prosecuzione degli studi in ambito universitario, accedendo a tutte le facoltà e alle lauree brevi per completare la propria formazione con corsi post - diploma di istruzione tecnica superiore. 2) di formare tecnici nel settore economico - aziendale; nei comparti della pubblica amministrazione; nei settori finanziario e bancario; nei settori specifici del marketing strategico ed operativo in aziende private e/o pubbliche; nella costituzione di società commerciali di persone e di capitali e nelle varie forme di sviluppo dell imprenditoria giovanile. Pertanto la figura prevista è quella di un tecnico in grado di: utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; leggere, redigere ed interpretare ogni significativo documento aziendale; gestire il sistema informativo aziendale e/o i suoi sottosistemi anche automatizzati, nonché collaborare alla loro progettazione o ristrutturazione; 19

20 elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali; cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali. Egli, quindi, deve essere orientato a: documentare adeguatamente il proprio lavoro; comunicare efficacemente utilizzando appropriati linguaggi tecnici; analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere; interpretare in modo Sistemico strutture e dinamiche del contesto in cui opera l'azienda; effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le informazioni opportune; partecipare al lavoro organizzato individuale o di gruppo accettando ed esercitando il coordinamento; affrontare i cambiamenti aggiornandosi e ristrutturando le proprie conoscenze. L'acquisizione di tali capacità gli derivano anche dall'abitudine ad affrontare e risolvere problemi di tipo prevalentemente gestionale, analizzati nelle loro strutture logiche fondamentali con un approccio organico ed interdisciplinare. QUADRO ORARIO IGEA Discipline V anno Lingua e letteratura italiana 3 Lingua inglese 3 Seconda lingua straniera (Francese /Spagnolo) 3 Storia 2 Matematica Applicata 3 Diritto 3 Scienze delle Finanze 2 Geografia Economica 3 Economia Aziendale e lab. 7 20

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli