Switch. Le offerte Edison in dettaglio. Dan Flavin e gli artisti della luce. La Puglia tra presente e futuro. Edison illumina La Scala

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Switch. Le offerte Edison in dettaglio. Dan Flavin e gli artisti della luce. La Puglia tra presente e futuro. Edison illumina La Scala"

Transcript

1 LA SCALA DI MILANO: UNA STORIA CHE HA INIZIO CON EDISON L ILLUMINAZIONE COME FORMA D ARTE ALLA SCOPERTA DEI SEGRETI DELLA NUOVA CAMPAGNA PUBBLICITARIA DI EDISON LA BORSA DELL ENERGIA TUTTE LE OFFERTE A MISURA DI UTENTE FUMETTI: LE AVVENTURE DI EDI & SON Numero 1 Gennaio 2007 Switch LA CULTURA DELL ENERGIA TRIMESTRALE EDITO DA EDISON Edison illumina La Scala Dan Flavin e gli artisti della luce La Puglia tra presente e futuro Le offerte Edison in dettaglio

2 PRESENTAZIONE EDITORIALE Viviana Barozzi Responsabile editoriale Benvenuti in Edison Cari lettori, con questo primo numero di Switch iniziamo un viaggio alla scoperta della passione e dell entusiasmo di Edison per il proprio lavoro. Passione ed entusiasmo che sono, prima di tutto, dialogo con i propri Clienti; una priorità per la nostra azienda. Edison, nelle parole del Ceo Umberto Quadrino, poggia su valori fondanti come integrità, velocità, innovazione, rispetto di Clienti e collaboratori, spirito di squadra, servizio, eccellenza. Una vera e propria filosofia, che si traduce ogni giorno in energia positiva e ottimismo e che vogliamo esprimere anche in questa nuova iniziativa editoriale. La storia di Edison è un percorso unico, a vocazione internazionale e spesso legato a cultura e arte. Questo legame emergerà in alcune pagine di questo giornale. Ma anche diversi altri argomenti saranno trattati: l attuale situazione del mercato energetico; le strategie di Edison e le offerte pensate per soddisfare le più diverse esigenze dei Clienti; la creatività dei lighting designer, artisti della luce capaci di realizzare capolavori utilizzando con geniale inventiva quella stessa luce artificiale che tutti usiamo quotidianamente; la vocazione turistico-industriale di una tra le più belle regioni d Italia, la Puglia, e il profilo di Steno Marcegaglia, vanto dell imprenditoria di casa nostra. Tutto questo senza dimenticare un pizzico di buonumore, affidato alle surreali vicende a fumetti di due personaggi creati ad hoc : Edoardo e Sostene (anche se loro preferiscono farsi chiamare Edi & Son). Un cenno, infine, al nome scelto per la rivista: Switch, come cambiamento, come l interruttore che viene premuto per illuminare. Dialogare, illuminare, all occorrenza spiegare: una mission che desideriamo condividere con i nostri lettori e Clienti. Buona lettura.

3 SOMMARIO CONTENUTI STORIA DI COPERTINA 6 FOTOGRAMMI 22 Edison, dalla Scala ai rigassificatori Idee creative: questo è un lavoro per Edison ITALIA-EUROPA 12 BUSINESS 14 GENIUS LOCI 16 FACCIA A FACCIA 20 QUOTAZIONI 28 TERRITORIO CREATIVO 32 Energia, la grande strada dei gasdotti Quando l energia è fiducia L illuminazione firmata dai lighting designer Storia di Steno, il Cavaliere d acciaio Anche l energia entra in Borsa Il fascino di una terra dai mille volti 4 Switch LA CULTURA DELL ENERGIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE 39 PROPOSTE COMMERCIALI 44 HUMOUR 46 POSTA 49 5 LAMPI DI GENIO 50 Direttore responsabile Federico Fiecconi Consulente editoriale Francesco Specchia Responsabile editoriale Viviana Barozzi Realizzazione Graffiti Media Factory - Milano Progetto grafico Samantha Lodetti Coordinamento redazionale Paolo Pizzato Impaginazione Ivan Crescenzi Segreteria Arianna Nespolon Hanno collaborato Francesco Carbone, Michel Cremieux, Luca De Rosa, Gianmarco Di Napoli, Ivan Dompè, Fabio Filippucci, Gianluca Fossati, Franca Grementieri, Marco Landoni, Giovanni Longo, Andrea Prandi, Riccardo Volpi (testi) Paolo Contenti, Gaia Giovanelli, Maria Grazia Laveni (coordinamento) Immagini Alfredo Anceschi, Blozz (fumetti), Marco Brescia (Teatro alla Scala), Stefano Gilera, Stefano Scatà, Targetti Light Art Collection Stampa Optima - Viale Vittorio Veneto, 22 Milano Registrazione al tribunale di Milano n 723 del 21/11/2006 Energia oltre il mercato vincolato: così Edison moltiplica il risparmio La fornitura ideale per ogni tipo di utente Domanda: che cos è l energia reattiva? Luce e gas: scenari e prospettive Switch è un trimestrale di cultura dell energia edito da Edison. La rivista viene inviata a tutti i Clienti Edison. Per ricevere Switch e per informazioni potete scrivere a: Edison Energia SpA Foro Buonaparte, Milano oppure all indirizzo Albert Einstein

4 STORIA DI COPERTINA PALCOSCENICO Edison, dalla Scala ai rigassificatori A LATO, UMBERTO QUADRINO, AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON. SOTTO, DUE SPETTACOLARI IMMAGINI DELL INTERNO DEL TEATRO ALLA SCALA, LE CUI RAPPRESENTAZIONI INIZIARONO ALLA FINE DEL XIX SECOLO GRAZIE A EDISON, CHE FIN DALL ESORDIO FORNÌ L ILLUMINAZIONE 6 7 Intervista/Incontro con l amministratore delegato di Edison Umberto Quadrino, che spiega il nuovo piano industriale dell azienda e riflette sul mercato europeo dell energia. Guardando al futuro, ma senza dimenticare i 120 anni di storia di Edison di Ivan Dompè Responsabile Relazioni con i Media Edison e Andrea Prandi Direttore Relazioni Esterne e Comunicazione Torinese, 60 anni, Umberto Quadrino è da oltre 5 anni alla guida di Edison. Dal suo ufficio al secondo piano dello storico palazzo di Foro Buonaparte, crocevia dell industria e della finanza italiana, Quadrino è riuscito nel corso degli anni a dare rinnovato lustro a una società che ha fatto la storia dell energia e del nostro Paese. Edison è stata infatti la prima società elettrica d Europa, con la prima centrale termoelettrica del continente a entrare in funzione a Milano nel 1883, destinata ad

5 STORIA DI COPERTINA SOTTO, UN ALTRO SCORCIO DELL INTERNO DEL TEATRO MILANESE. QUI, L 8 MARZO 1883, VENNE RAPPRESENTATA LA PRIMA DELL OPERA GIOCONDA DI AMILCARE PONCHIELLI. PER L OCCASIONE EDISON ILLUMINÒ IL TEATRO CON LAMPADE A INCANDESCENZA PALCOSCENICO 8 illuminare, per la prima volta con l energia elettrica, anche la Scala. Dottor Quadrino, recentemente avete presentato il vostro nuovo piano industriale per il periodo : 4 miliardi di investimenti di sviluppo e obiettivi ambiziosi. Ci può fare un bilancio dei risultati ottenuti da Edison negli ultimi anni? Nel 2001 Edison ha avviato un processo di rifocalizzazione sui propri core business dell energia elettrica e del gas, cedendo attività non più strategiche per circa 10 miliardi di euro. Questo processo è oggi completato. Nel comparto dell energia elettrica abbiamo raddoppiato la nostra capacità produttiva installata: negli ultimi 5 anni sono entrate in funzione 4 nuove centrali Edison e altrettanti sono stati i nuovi impianti Edipower; con l entrata in marcia delle nuove centrali di Torviscosa e, il prossimo anno, di Simeri Crichi e Turbigo (Edipower), avremo circa megawatt installati, avendo sostanzialmente raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Si è trattato di un piano di investimenti epocale, che non ha avuto uguali in Europa negli ultimi 10 anni. Per il futuro punteremo a consolidare ulteriormente il nostro ruolo di operatore leader in Italia, crescendo con il mercato e sviluppando ancor più le fonti rinnovabili come l eolico e l idroelettrico. Cercheremo anche di cogliere eventuali opportunità che dovessero presentarsi in Paesi come la Grecia o nei Balcani. Nel settore del gas stiamo sviluppando progetti di importanza europea, come il terminale di rigassificazione di Rovigo, che sarà pronto nel 2008, e i due nuovi gasdotti IGI e Galsi, rispettivamente fra Italia e Grecia e fra Algeria e Italia, grazie ai quali puntiamo a diventare un player di livello internazionale. Obiettivo di Edison è avere un articolato portafoglio di contratti di lungo termine proveniente da diverse aree geografiche e forniture dirette con i Paesi produttori come Russia, Libia, Qatar o Azerbaijan, che ci daranno maggiore autonomia e flessibilità, oltre a rendere più sicuro l approvvigionamento per tutta l Italia. Nell ottica della sicurezza del sistema puntiamo anche a sviluppare ulteriormente il sistema degli stoccaggi di gas. Nel suo piano, Edison punta anche a sviluppare le attività di esplorazione e produzione: in che ottica? Le attività di esplorazione e produzione di idrocarburi rappresentano, per una società come Edison, la naturale copertura delle attività nel comparto elettrico all andamento dello scenario petrolifero. Dato il particolare scenario energetico dell Italia, infatti, dove non è possibile realizzare centrali nucleari ed è limitato l utilizzo del carbone, la maggior parte dell elettricità viene prodotta attraverso l efficiente ed ecocompatibile tec- nologia del ciclo combinato alimentato a gas. Il nostro obiettivo è avere produzioni di idrocarburi che rappresentino il 15% del futuro fabbisogno del Gruppo. Per quest inverno vede una nuova emergenza gas per il nostro Paese? L Italia ha scelto il gas come fonte primaria per la produzione di energia elettrica. Purtroppo la realizzazione di nuove infrastrutture di importazione non è andata di pari passo con l aumento della domanda e così, a causa anche di un inverno particolarmente rigido e dei problemi fra Russia e Ucraina, lo scorso anno il nostro Paese ha dovuto attuare provvedimenti di emergenza per fronteggiare una situazione di emergenza. Dal momento che la prima nuova infrastruttura a entrare in esercizio sarà il nostro rigassificatore Edison nel 2008, per quest inverno e per il prossimo ci attendiamo una situazione ancora difficile. Sia il Governo che gli operatori sono comunque più preparati e infatti alcune misure preventive sono già state attuate. Circa il 60% dell energia elettrica in Italia è prodotta utilizzando gas come combustibile. Ritiene che questa situazione rimarrà stabile anche nel futuro? A SINISTRA, UNA SUGGESTIVA IMMAGINE NOTTURNA DELLA SCALA. NELLA PAGINA SEGUENTE, L ELEGANTE EDIFICIO DEL TEATRO E LA PIAZZA SU CUI SI AFFACCIA Penso che il mix ideale di combustibili dovrebbe comprendere tutte le tecnologie: nucleare, gas, carbone ed energie rinnovabili. Affrontando il tema del mix dei combustibili, bisogna sempre tenere conto di tre parametri: costo, sicurezza e sostenibilità ambientale, e nessuna tecnologia è esente da problemi. Il nucleare, su cui ha puntato ad esempio la Francia, garantisce energia a basso costo e priva di emissioni di gas a effetto serra, ma non bisogna dimenticare i costi e l impatto del decommissioning e dello stoccaggio delle scorie. Dal canto suo, il carbone, diffuso in Germania, è molto economico e abbondante in pressoché tutti i continenti, ma, con le tecnologie attuali, è il combustibile che genera maggiori emissioni di anidride carbonica. Il gas è sì più costoso degli altri combustibili, essendo il suo prezzo legato a quello del petrolio, ma molto efficiente dal punto di vista energetico e poco inquinante. Le rinnovabili infine, per essere competitive con le attuali tecnologie, necessitano di incentivi pubblici. Date le differenze fra i vari Paesi europei nell attuazione delle direttive comunitarie, come sarà possibile creare un vero mercato europeo dell energia? In realtà, l Europa non ha ancora un mercato unico dell energia: a causa delle barriere naturali come le Alpi o i Pirenei si sono formate piuttosto delle isole dove anche i prezzi dell energia hanno mostrato di convergere, come nel caso di Francia, Germania e Benelux. Le interconnessioni sono fondamentali per creare un vero mercato europeo, anche se i loro costi rimangono elevati e le autorizzazioni difficili da ottenere. Fino a quando i mercati all interno dell Europa rimarranno frammentati, anche la creazione dei cosiddetti campioni europei non svilupperà le sinergie possibili: a oggi, gli operatori europei che hanno fatto acquisizioni in altri Paesi dell Unione hanno difficoltà a sfruttare le sinergie derivanti da un parco di generazione continentale, sia per la carenza di interconnessioni fisiche, sia per le regole europee sul trasporto di energia fra i vari Paesi, che permettono ai gestori delle reti di appropriarsi del differenziale di prezzo fra un Paese e l altro. Senza contare la Svizzera, geograficamente al centro dell Europa, ma che non fa parte dell Unione Europea. Qual è il suo punto di vista su un mercato europeo dell energia? Personalmente sono fautore di un mercato europeo dell energia e ritengo che la Commissione Europea dovrebbe fissare regole comuni e condivise su temi chiave come le infrastrutture, affinché gli operatori possano competere sullo stesso terreno. 9

6 STORIA DI COPERTINA PALCOSCENICO mondiali di gas. Questo gasdotto, inserito fra gli assi prioritari di sviluppo dell Unione Europea, potrebbe essere completato nel 2011 e consentirebbe all Italia e all Europa di diversificare le fonti di approvvigionamento del gas, incrementandone al tempo stesso la sicurezza: il gas potrebbe infatti provenire da Paesi quali l Azerbaijan e, eventualmente in futuro, il Turk - menistan, l Iran e l Iraq. Abbado accende Reggio Emilia grazie a Edison 10 Tornando al settore del gas, l Italia ha veramente la possibilità di trasformarsi da Paese importatore a Paese di transito e quindi esportatore di gas? Nel settore del gas l Italia potrebbe effettivamente diventare un hub per il mercato europeo. È un opportunità che il nostro Paese potrà cogliere se riuscirà a dotarsi delle infrastrutture necessarie a soddisfare la domanda interna e ad avere gas da ricollocare sugli altri mercati europei. Non dobbiamo tuttavia dimenticare che, in questo ruolo, l Italia opererebbe non da produttore, ma da trader. Per vendere gas su mercati, come ad esempio la Germania, occorrerà disporre di fonti di approvvigionamento molto competitive, visto che la concorrenza sarà sicuramente molto serrata. Questo è un altro motivo per cui puntiamo a rafforzarci nell upstream e ad avere anche nostro gas da vendere sui mercati e aumentare così la nostra competitività. Alla prima della Scala di quest anno era presente anche il Presidente della Repubblica Greca Papoulias, vostro ospite. Quali sono i vostri rapporti con la Grecia? La collaborazione con la Grecia riguarda in questo momento proprio il settore del midstream gas. In joint venture con la società greca Depa, Edison è infatti impegnata nella realizzazione del progetto IGI, un nuovo gasdotto dalla capacità di 8-10 miliardi di metri cubi che collegherà l Italia alla Grecia e quindi alla Turchia e alle aree del Mar Caspio e del Medio Oriente, nelle quali si trova oltre il 20% delle riserve È quindi corretto dire che state cercando di diventare un operatore sempre più integrato? Tutti gli operatori stanno cercando di coprire l intera catena del valore, proprio per assicurarsi la copertura naturale delle proprie attività e bilanciare la propria esposizione alle fluttuazioni dei mercati. I produttori di idrocarburi cercano lo sbocco a valle per assicurasi i Clienti finali; operatori come Edison cercano di rafforzarsi a monte, nell esplorazione e produzione e nel midstream. Sarà un fattore critico di successo? La definirei una polizza di assicurazione. Se fossi un investitore, in questo momento sceglierei un operatore integrato. Edison è anche la società che sta costruendo l unico nuovo rigassificatore nel nostro Paese, grazie al quale potrà essere importato gas addirittura dal Qatar Edison è stata la prima società europea a siglare un contratto di importazione di GNL con il Qatar, che è destinato a essere il primo esportatore mondiale di gas naturale liquefatto: a partire dal 2008, quando sarà operativo il nostro terminale off-shore di Rovigo, il primo del suo genere al mondo, 6,4 miliardi di metri cubi di gas all anno arriveranno in Italia dal Qatar. Potremmo quindi dire di avere aperto una nuova via del gas per il nostro Paese. E con il progetto IGI contiamo di essere i primi a collegare l Azerbaijan con l Europa. Un ultima battuta sul settore dell energia e le sue potenzialità Penso che il settore dell energia in Italia e in Europa abbia prospettive particolarmente interessanti: si stima che nei prossimi 30 anni, per fronteggiare la crescente domanda di energia elettrica e rinnovare il parco centrali esistente, l Europa dovrà effettuare investimenti in capacità produttiva per circa megawatt, un numero davvero impressionante. Edison ha l opportunità di giocare un ruolo importante in questo processo di espansione del mercato, forte di un esperienza e di competenze maturate in oltre 120 anni di storia. IL BINOMIO energia-cultura è sempre stato al centro della politica di Edison. Fin dalle sue origini l azienda milanese si è distinta per il proprio interesse nei confronti dell arte e in particolar modo della musica, fin da quando la società curò l illuminazione del Teatro alla Scala per la prima della Gioconda di Amilcare Ponchielli nel Più di 100 anni dopo, il marchio Edison si lega nuovamente a un grande evento: nell anno del 250 anniversario della nascita di Wolfgang Amadeus Mozart, il Teatro Valli di Reggio Emilia ha ospitato, lunedì 20 novembre 2006, l orchestra intitolata al grande compositore e diretta da Claudio Abbado; a rendere unica questa occasione è stata la presenza di Radu Lupu, uno dei più celebri pianisti al mondo. Vero e proprio enfant prodige, il maestro rumeno ha debuttato nel 1957, a soli dodici anni, presentando un programma costituito esclusivamente da musiche di sua composizione. Per lo spettacolo tenuto al Teatro Valli, Lupu si è cimentato con due tra le opere più celebri del genio salisburghese: il Concerto per pianoforte e orchestra n. 24 in do minore K 491 e la Sinfonia n. 41 in do maggiore K 551 Jupiter. La malinconica riflessività, che ha caratterizzato la prima parte del concerto, è ben presto esplosa nella grandiosa magnificenza dell Andante Cantabile della Jupiter. Abbado e la sua orchestra hanno saputo perfettamente adattarsi alle scelte stilistiche del maestro Lupu che, con il suo tocco vellutato e la sua tecnica aristocratica ed eterea, ha deliziato i numerosi spettatori presenti, privilegiati uditori di un prezioso Mozart quasi inedito. Un entusiasta Salvatore Cravena, Responsabile Alleanze e Partnership Commerciali di Edison ha commentato: La musica è motore di creatività e di cambiamento, è passione e armonia. In poche parole è energia e positività, gli stessi valori a cui Edison ispira la sua azione e che vuole rappresentare al meglio. A SINISTRA, IL MAESTRO ABBADO CIRCONDATO DAI MEMBRI DELL ORCHESTRA MOZART DA LUI FONDATA NEL 2004 A BOLOGNA. SOTTO, LA FACCIATA E L ELEGANTE INTERNO DEL TEATRO VALLI DI REGGIO EMILIA STAGIONE D OPERA 2005/06 Teatro Valli di Reggio Emilia Lunedì 20 novembre, ore Orchestra Mozart Concerto per pianoforte e orchestra n. 24 in do minore K 491 Sinfonia n. 41 in do maggiore K 551 Jupiter di Wolfgang Amadeus Mozart Direttore: Claudio Abbado Pianoforte: Radu Lupu 11

7 ITALIA-EUROPA Mercato/I problemi legati alla produzione e all utilizzo di energia portano l Unione Europea a una politica condivisa fra gli stati membri. In Italia, Edison realizza iniziative nel comparto gas: l obiettivo, condiviso con la Commissione Europea, è ottenere un risparmio del 20% del consumo di energia entro il 2020 FOCUS Energia, la grande strada dei gasdotti I PAESI DELL UNIONE EUROPEA STUDIANO SINERGIE NELL AMBITO DELLE POLITICHE ENERGETICHE. LE INIZIATIVE DI EDISON ACCRESCONO RUOLO E IMPORTANZA DELL ITALIA, MEMBRO AUTOREVOLE DELL UNIONE di Michel Cremieux Chief Operating Officer Sono molte, in tema di energia, le questioni che la Commissione Europea si trova ad affrontare: dallo sviluppo sostenibile alla razionalizzazione dei consumi, dall utilizzo delle fonti rinnovabili alla messa a punto di una strategia che armonizzi risultati economici, salvaguardia ambientale e sicurezza energetica. Dei problemi aperti, e soprattutto delle loro possibili soluzioni, parla il Libro Verde sull Efficienza Energetica - Fare di più con meno, questo il titolo del volume - presentato dalla Commissione il 22 giugno del 2005 e destinato a istituzioni internazionali, responsabili decisionali a ogni livello (nazionale, regionale e locale), banche e, non ultimi, privati cittadini. Obiettivo primario, scrivono gli esperti della Commissione, è realizzare, entro il 2020, un risparmio del consumo energetico pari al 20%; per raggiungerlo sono stati previsti piani d azione nazionali annuali sull efficienza energetica e si è deciso di sensibilizzare l utenza attraverso una massiccia campagna di informazione sull uso intelligente delle risorse disponibili (elettricità e gas). Parallelamente a queste iniziative, il Libro Verde elenca le attività promosse dalla Commissione per favorire lo sfruttamento delle biomasse (energie rinnovabili) e relaziona sullo stato dei rapporti tra Unione Europea e alcuni Paesi molto ricchi dal punto di vista energetico, come la Russia (con cui si sta studiando lo sviluppo di un mercato paneuropeo dell energia su scala continentale) e gli stati appartenenti all Opec (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio). In Italia, di grande rilievo è stato l accordo siglato lo scorso settembre da Edison e dall ente nazionale idrocarburi algerino Sonatrach per l importazione, nel periodo , di 2 miliardi di metri cubi di gas naturale, accordo che permetterà di ridurre le tensioni sull approvvigionamento di gas al mercato italiano. Secondo il piano messo a punto dai due grandi gruppi energetici, l approvvigionamento di gas sfrutterà successivamente il Trans Tunisian Pipeline Company e il gasdotto Transmed verso l Italia. Ma non va dimenticato che l impegno di Edison nel settore del gas non si esaurisce nella chiusura di questo contratto, come dimostrano i lavori di costruzione di quello che sarà il primo rigassificatore off-shore italiano (operativo per il 2008) e di sviluppo di due nuovi gasdotti (uno tra Algeria e Italia e l altro tra Italia e Grecia). La realizzazione di nuove infrastrutture in Italia aumenterà la liquidità del mercato favorendo la creazione di un hub che permetterà la distribuzione del gas in centro Europa attraverso le reti esistenti. Edison dunque opera per conquistarsi un ruolo sempre più importante tra i players di mercato (nazionale e internazionale), consapevole che i propri sforzi avranno ricadute positive per la sicurezza di approvvigionamento dell intera Unione Europea e soprattutto per l Italia.

8 BUSINESS SOLUZIONI IN BASSO, ALESSANDRO ZUNINO, DIRETTORE B.U. MARKETING E COMMERCIALE DI EDISON. L AZIENDA SI MUOVE SUL MERCATO DELL ENERGIA COSTRUENDO UNA RELAZIONE PARITARIA TRA FORNITORE E CLIENTE 14 Quando l energia è fiducia Strategie/Dalla definizione del contratto di fornitura al virtuoso rapporto di partnership con il Cliente finale. Edison si propone ai suoi utenti in una doppia veste: non solo come produttore di un bene ma anche, e in misura sempre maggiore, come coach energetico a 360, per offrire un servizio completo in ogni suo aspetto di Riccardo Volpi Sviluppare il servizio di fornitura di energia in un più ampio rapporto consulenziale con il Cliente finale. Sintetizzando al massimo, si potrebbe definire così l approccio di Edison nei confronti del proprio portafoglio ; un approccio teso da un lato a costruire fiducia tra chi produce questa risorsa e chi ha la necessità di consumarla, e dall altro a dare equilibrio e stabilità all interazione tra questi due soggetti. E in effetti, a ben guardare, proprio di attori paritari si tratta: Edison, tra le prime società produttrici di energia, e chi ne utilizza significative quantità. Due realtà esperte del settore, seppur da differenti punti di vista, e dunque in qualche modo equivalenti. La prima, diretta conseguenza di questo modo di pensare e agire sta proprio nella già citata costruzione di fiducia: Edison infatti sa bene che il costo dell energia è dato da due fattori, prezzo e quantità, e che solo agendo su entrambi gli aspetti è possibile fornire al Cliente un servizio davvero completo e soddisfacente, che non si limiti alla sola erogazione del bene, sostiene Alessandro Zunino, Direttore B.U. Marketing e Commerciale di Edison. Ma cosa significa, in concreto, offrire un servizio di questo genere? Principalmente garantire alle imprese che si rivolgono alla nostra azienda un know-how robusto e qualificato, e poi mettere a loro disposizione una serie di rilevanti servizi a valore aggiunto. Innanzitutto le scelte circa la tipologia di prezzo (fisso per chi ha forti esigenze di stabilità nella pianificazione della spesa, variabile per chi preferisce rimanere legato al mercato dei combustibili e ha una maggiore propensione al rischio) e l articolazione dei prezzi stessi (differenziati su 2, 3 o 4 fasce orarie) devono essere supportate e analizzate in funzione delle caratteristiche e del profilo di consumo del Cliente. Le differenze di prezzo medio dell energia sull anno tra un caso e l altro possono essere rilevanti, per questo è importante avere un supporto tecnicamente affidabile, che aiuti a prendere la decisione migliore continua Zunino. Per aiutare i Clienti nella riduzione strutturale dei consumi, Edison offre dalla reportistica intelligente al check energetico (una rigorosa diagnostica degli apparecchi utilizzati dal Cliente finalizzata alla pianificazione degli eventuali interventi necessari, alla valorizzazione del consumo e alla conseguente diminuzione della spesa), dagli interventi di rifasamento alla cogenerazione (produzione presso il Cliente di energia elettrica e calore attraverso l installazione di un impianto ad hoc in grado di sostituire le caldaie tradizionali). Questi servizi, tutti on demand, permettono alle imprese di non limitarsi a cogliere, nel rapporto con il proprio fornitore, un opportunità di risparmio di breve periodo - qual è, nei fatti, quella consentita dal solo contratto di erogazione energetica, soggetto magari a una rinegoziazione annuale - ma di strutturare una relazione di lunga durata, potenzialmente capace, nel tempo, di evolversi in una vera e propria partnership. Del resto, sembra proprio essere quella del rapporto stabile tra produttore e consumatore la direzione nella quale si muove il mercato energetico, mercato ormai competitivo e sostanzialmente allineato per quel che riguarda i prezzi (tutti gli operatori puntano moltissimo sulla convenienza delle rispettive offerte, e non potrebbe essere altrimenti in regime di concorrenza), ma ancora capace di riservare delle sorprese per quel che riguarda il delicato, centrale aspetto del modo in cui si consuma energia. Edison, come si è visto, ha puntato e punta con decisione su questo aspetto, e i risultati ottenuti fino ad oggi confermano la validità della scelta fatta; inoltre, grazie a Edf (tra gli azionisti di riferimento della società oltre che utility maggiormente presente in Europa), è in grado di rispondere anche a richieste di grandi gruppi industriali che operano a livello europeo. Un ulteriore passo verso la leadership. 15

9 GENIUS LOCI RIFLESSI di Paolo Pizzato Luce, per dare risalto agli ambienti, per creare nuove atmosfere, per ripensare, valorizzandolo, l arredo urbano delle città ma anche per creare opere d arte. Oggetti di sorprendente linearità, spiazzanti nel loro rigore geometrico, come le icons dello scultore americano Dan Flavin, una serie di installazioni realizzate con lampade al neon da parete. Ma Flavin, indiscusso maestro del minimalismo scomparso nel 1996, in curriculum studi di storia dell arte, disegno e pittura in due prestigiosi istituti newyorkesi (New School of Social Research e Columbia University) e a ricordo del suo lavoro mostre permanenti e retrospettive (l ultima, allestita alla Pinakothek der Moderne di Monaco, ha aperto i battenti lo scorso 16 novembre e si chiuderà il 4 marzo 2007), non esaurisce certo il composito e vasto mondo dei lighting designer, gli artisti della luce. 16 L illuminazione firmata dai lighting designer Sono molti, infatti, e non solo tra gli addetti ai lavori, coloro che, soprattutto in questi ultimi anni, hanno sviluppato un particolare interesse verso l illuminazione intesa come risorsa artistica, al punto da far nascere una nuova figura professionale, quella del lighting designer, e naturalmente corsi di formazione dedicati. Si va dai master organizzati, nel capoluogo lombardo, dal Politecnico (iniziati a novembre 2006, e dallo Ied (al via in questo mese di gennaio, al Lighting Academy (www.lightingacademy.org), il programma di formazione della Fondazione Targetti, i cui corsi si tengono in Toscana, nella splendida cornice della quattrocentesca Villa La Sfacciata, sita di fronte a un altro nobilissimo edificio, Villa del Gioiello di Arcetri, che fu dimora del grande scienziato Galileo Galilei. 17 Artisti della luce/dan Flavin, Shinji Yamamoto, Yann Kersalè: tre nomi, fra i molti possibili, di illustri artisti, portavoce di un nuovo modo di lavorare con la luce. Grazie alla loro opera, arte e architettura trovano un punto di contatto nel concetto di luminosità, interpretato come cardine di un originale e affascinante processo creativo Oltre a essere un importante officina della luce, Villa La Sfacciata - i cui locali ospitano un auditorio multimediale da 100 posti, una sala didattica da 24 posti, un laboratorio di illuminotecnica e una sala informatica - è un affascinante museo a tema. Qui, infatti, è ospitata una collezione permamente di opere d arte contemporanea, la Targetti Art Collection. I lavori che la compongono esaltano l elemento luce artificiale superando di slancio il confine del suo utiliz-

10 GENIUS LOCI RIFLESSI NELLE PAGINE PRECEDENTI, OHNE TITEL (TO BOB AND PAT ROHM), OPERA DI DAN FLAVIN DEL FIGURA TRA I LAVORI PRESENTI ALLA RETROSPETTIVA ALLESTITA ALLA PINAKOTHEK DER MODERNE DI MONACO. QUI SOTTO, LABORATORIO, DI FABRIZIO CORNELI zo tecnico per esaltarne le caratteristiche di energia creativa. Ne sono esempi significativi, tra i moltissimi presenti alla Villa, il Laboratorio del fiorentino Fabrizio Corneli, una creazione in ferro, vernice, ottone, fusione d argento, cristallo e lampada dicroica e The Eyes are not Here di Krysztof Bednarski (uno dei più celebri artisti polacchi contemporanei), che ha tradotto in luminosi caratteri braille il titolo della sua opera (ispirato a una poesia di T.S. Eliot) utilizzando ferro, acrilico trasparente, neon e microlampade incandescenti. Dal Vecchio al Nuovo Continente, il nostro breve viaggio tra i lavori della Targetti Art Collection continua con gli statunitensi Kristin Jones e Andrew Ginzel, autori di Helios, un opera modellata con ferro, vernice, vernice fluorescente, alluminio, oro zecchino, candela, cofanetto di pelle, lampade dicroiche e lampade di Wood. Infine, luce d artista anche da Oriente con Shinji Yamamoto (nato a Osaka ma attivo a Bologna) e il suo Quadratus, per la cui realizzazione sono stati utilizzati pergamena, fibre ottiche, foglia d argento, gesso a oro, bolo, colla animale, legno, alluminio, lampada fluorescente e lampada dicroica. Quando ci si lasciano alle spalle i limitati spazi delle esposizioni e delle opere d arte, quel che si offre ai professionisti della luce, si diceva, è la città, sorta di museo espanso. Proprio la città, anzi le città, i loro 18 quartieri e i loro edifici più rappresentativi sono tra gli ambiti elettivi del lavoro del francese Yann Kersalè, al cui genio creativo si devono alcune opere di grande suggestione, come l illuminazione definitiva dei giardini esterni del Musée des Arts et Civilisations Quai Branly di Parigi, la Allegorie Trichromique (una corona di luci sistemata lungo l esterno della Deutsche Post Tower di Bonn, uno slanciato edificio di forma cilindrica) e le illuminazioni, ancora una volta esterne, dell Opéra di Lione, del Palazzo della Musica di Atene e del Museo di Arte Contemporanea di Monaco. Difficile pensare, di fronte a tanta inventiva, che la luce di cui abbiamo parlato fino a ora sia la stessa che utilizziamo ogni giorno, eppure... IN QUESTA PAGINA, DA SINISTRA VERSO DESTRA E DALL ALTO VERSO IL BASSO: HELIOS, DI KRISTIN JONES E ANDREW GINZEL, I LAVORI DI YANN KERSALÈ A PARIGI, BONN E LIONE, QUADRATUS, DI SHINJI YAMAMOTO, E, IN BASSO A DESTRA, THE EYES ARE NOT HERE, DI KRYSZTOF BEDNARSKI 19

11 FACCIA A FACCIA Profilo/Classe 1930, tenacia e concretezza da vendere e l ambizione e la voglia di rischiare che possiedono soltanto gli imprenditori di razza. Questo, e molto altro ancora, è Steno Marcegaglia, vanto dell imprenditoria di casa nostra, al timone di un impero industriale leader nella lavorazione dell acciaio INCONTRI 20 Storia di Steno, il Cavaliere d acciaio di Franca Grementieri IN ALTO, DA SINISTRA VERSO DESTRA, DUE IMMAGINI DELLA SEDE CENTRALE DEL GRUPPO, A GAZOLDO DEGLI IPPOLITI, IN PROVINCIA DI MANTOVA. A LATO, STENO MARCEGAGLIA 21 Chissà cosa avrà pensato quel pomeriggio d inizio dicembre, Steno. Ritto davanti al leggio, con quella strana toga e il buffo cappello piatto, non poteva trattenere un sorriso, smorzato da un lato come sempre. Stava per leggere la sua lectio magistralis, scritta di notte per la laurea honoris causa in ingegneria dei materiali ricevuta come un dono inatteso dal Politecnico di Milano. Parlò di seconda filiera e d acciaio liquido, il neo ingegner Marcegaglia, di deformazione plastica e decapaggio. Senza dimenticare, naturalmente, le due sue fissazioni: la sostenibilità ambientale e l etica sociale. Concetti d avanguardia, che lo avevano sempre appassionato, tanto quanto i processi di saldatura e gli acciai multifasici che l avevano reso celebre. Per molti sarebbe stato il coronamento di un avventura, la fine del viaggio di un giovane non ancora trentenne che con un amico si mette in testa di rilevare un azienda artigianale di tubi da irrigazione e guide per tapparelle. Una follia, pensavano in molti, che invece 4 anni più tardi, a Contino di Volta Mantovana, gli permette di costituire la Ipas, una fabbrica di trafilati da tondo e da piatto con una decina di dipendenti. Tutto mentre nella prima azienda, a Gazoldo degli Ippoliti, già lavorano 30 specializzati nella produzione di profilati aperti, ovvero nei primi tubi da nastro a freddo mai visti in Italia. In questa lezione, cominciò nel silenzio dell aula, desidero rivolgere la mia attenzione su un aspetto che mi ha visto impegnato durante tutta la mia attività imprenditoriale e che si focalizza sullo sviluppo e sull innovazione delle tecnologie metallurgiche. Dall inizio degli Anni Sessanta in poi, Marcegaglia rivoluzionò le sue attività, diversificandole, ampliandole, potenziando le sue piccole aziende ogni anno, senza mai fermarsi. Nasceva così l embrione di un gruppo nuovo, una concezione industriale inedita per la provincia italiana. Un idea che affondava i legami nella terra di Mantova, che prendeva l energia dalla storia e dal genius loci, dalla creatività e dalla costanza, ma guardava all Europa e al mondo, agli equilibri ambientali e climatici, fin da subito. Se lo ricordava bene quella sera Steno, anche perché in fondo era sempre lui, il bambino nato il 9 agosto 1930 a San Giovanni Ilarione, a qualche chilometro da Verona, poche case strette tra la chiesa e le scuole elementari. Aule grigie e forse troppo austere, dove però Steno si era entusiasmato dando prova di grandi qualità, che gli avevano permesso di superare una selezione tra i migliori studenti di tutta Italia e frequentare il mitico Collegio Tre Gennaio di Torino, prima che i bombardamenti del 1943 lo chiudessero. Ma forse fu proprio allora, nel viaggio di ritorno con la madre Emma a Gazoldo degli Ippoliti, nella campagna di Mantova, costretto a separarsi dal padre Antonio, che senza lavoro non vide di meglio che emigrare in Africa, che Steno decise la sua rivincita. Continuando a studiare, diplomandosi geometra a pieni voti e iniziando a lavorare con l Alleanza Contadini, a difendere i mezzadri e gli affittuari agricoli nelle loro vertenze con i proprietari fondiari. È così, è dal rapporto tra la dura realtà dei deboli e l innovazione tecnologica che all inizio degli Anni Sessanta Steno intuisce la sua strada. Non gli basta più lavorare per gli altri, non vuole semplicemente difendere i più deboli. Vuole anche creare valore, Steno, valore in proprio, per offrire lui stesso un opportunità di crescita ai meno fortunati e ai meno forti. Non ha ancora trent anni, Steno, ma le idee già molto chiare. Quelle che gli hanno permesso di arrivare alla guida di un gruppo industriale e finanziario di rilevanza internazionale, oltre che leader in Europa nella lavorazione dell acciaio, con 47 insediamenti produttivi e 49 sedi commerciali in Italia e all estero, più di dipendenti e un fatturato consolidato di 2,7 miliardi di euro. Cari mantovani e mantovane nel mondo, avrebbe detto in un altra occasione non lasciate niente di intentato. Parole nate in anni durissimi, dette con orgoglio ma senza presunzione, come ogni imprenditore che si rispetti. Non lasciate nulla di intentato. Affrontando la vita e il lavoro con la tenacia e il coraggio che io stesso ho avuto. Più che un discorso di un imprenditore, o di un ingegnere honoris causa, il vero sale della terra. Lo spirito italiano che aveva preso forma e corpo in un figlio del nord-est uguale a molti altri, diverso da quasi tutti: Steno Marcegaglia.

12 FOTOGRAMMI Pubblicità/Strategie vincenti, effetti speciali e dei testimonial d eccezione, quelli che proprio non ci si aspetterebbe di vedere. Per finire, l indispensabile apporto del magic touch di una coppia creativa: così prendono vita i super-eroi del quotidiano. Dietro le quinte della nuova campagna stampa di Edison BACKSTAGE di Fabio Filippucci Non posso negarlo, apprezzo molto i riconoscimenti che gli addetti ai lavori mi stanno tributando. Ma mi gratifica molto di più l entusiasmo che spesso colgo nello sguardo dei creativi e dei Clienti con cui collaboro. Fa professione di normalità Stefano Gilera, unica firma italiana nella Hall of Fame dei migliori fotografi secondo il prestigioso Art Director s Club di New York. Non male, per l uomo che ha immortalato i super-eroi del quotidiano protagonisti Idee creative: questo è un lavoro per Edison 22 IN ALTO, I VISUAL DELLA NUOVA CAMPAGNA EDISON. A DESTRA, IL TEAM CREATIVO ALL OPERA: IL FOTOGRAFO STEFANO GILERA CON STEFANO LONGONI (A SINISTRA), DIRETTORE CREATIVO DELL AGENZIA DI PUBBLICITÀ RED CELL dell ultima campagna stampa Edison firmata da Red Cell sotto la direzione creativa di Stefano Longoni. Siamo sul set ambientato in una stalla nei pressi di Novara. Mentre i tecnici delle luci e i responsabili della scenografia si fanno in quattro per dare alla scena la giusta quantità di luce e spettacolarità, e i truccatori si danno da fare per trasformare un dirigente dell azienda in un fattore pronto a sfruttare al meglio la carica in più offerta da Edison, lo stesso Longoni ci spiega come è nata la nuova campagna stampa. Siamo partiti dalla consapevolezza del fatto che molti potenziali utenti, data la dimensione aziendale di Edison, avrebbero potuto considerarla troppo importante per la fornitura di energia alle piccole e medie imprese. Per spazzar via ogni dubbio, sarebbe bastato dare un occhiata alla gamma delle offerte Edison: ma tant è. Quindi si è imposta una soluzione creativa in grado di sfatare il mito della corporation distante e impersonale a colpi di ironia. 23 Attraverso numerosi incontri con l azienda, abbiamo approfondito diverse strategie creative, fino a identificare quella più vicina alla sensibilità della platea a cui avevamo deciso di rivolgerci, quella degli artigiani, dei commercianti e dei professionisti. Partendo dal presupposto che questi ultimi sono da sempre uno dei principali motori del Made in Italy. Quindi, nel loro piccolo, i protagonisti di un impresa eroica. Perché, allora, non ritrarli come dei veri e propri superuomini, potenziati dalla nuova energia offerta da

13 FOTOGRAMMI BACKSTAGE IN QUESTE PAGINE, ALCUNI MOMENTI DELLO SHOOTING, FRA TRUCCO, CONTROLLO DELLE IMMAGINI E SOPRALLUOGHI SUI SET SPARSI FRA LOMBARDIA E PIEMONTE: PER LA REALIZZAZIONE DI OGNI SOGGETTO SONO OCCORSI 2 GIORNI DI RIPRESE E LUNGHE SEDUTE DI POST- PRODUZIONE

14 FOTOGRAMMI BACKSTAGE 26 Edison a tutti i suoi Clienti? Detto, fatto. Nel giro di poche settimane, sui bozzetti prodotti dai creativi di Red Cell ha fatto la propria comparsa un esercito di ordinary men pronti a personificare il nuovo slogan Edison e i valori dell azienda. Parrucchieri in grado di sollevare agevolmente le clienti per far loro un energico shampoo, sommelier intenti a mescere vini pregiati sorreggendo senza sforzo apparente botti piene di vino, e altri personaggi ai confini della realtà. Ma soprattutto, personaggi caratterizzati da grande umanità e grande ironia, capaci di affrontare le sfide di tutti i giorni con l ottimismo e la voglia di fare che solo un azienda energetica su misura per qualsiasi esigenza sa offrire. Dopo lunghe meditazioni con i responsabili comunicazione di Edison, la scelta è caduta sui tre tipi umani giudicati di maggior appeal per il target di riferimento: un agricoltore, un falegname e un meccanico. Tutti impegnati in imprese impossibili da realizzare. A meno di non ricorrere a trucchi di scena molto simili a quelli utilizzati a Hollywood e dintorni. Oggi, la realizzazione di una campagna fotografica come quella messa a punto per Edison somiglia molto alla lavorazione di un film: è possibile scattare i vari elementi di ogni immagine in momenti diversi e in contesti diversi, combinandoli a seconda delle esigenze della produzione fino al risultato finale che si desidera ottenere, sottolinea Stefano Gilera. Così, come in un affascinante e complesso collage multimediale, la troupe capitanata dal fotografo e dal creative director dell agenzia ha combinato in tre visioni di grande impatto elementi fotografati durante vari week-end su differenti set fra Lombardia e Piemonte e rifiniti in post-produzione presso StudioRos. IN ALTO E A SINISTRA: TECNICI AL LAVORO E UN CONSULTO TRA IL FOTOGRAFO E I SUOI COLLABORATORI SUL SET DELLA CAMPAGNA EDISON 27 Ultima concessione alla fiction, la scelta dei modelli, tutti dirigenti Edison di primo livello prestati all advertising con grande entusiasmo: Volevamo dimostrare che gli uomini Edison sono capaci di identificarsi al meglio con la clientela, chiosa Stefano Longoni con un sorriso. Missione compiuta, non c è dubbio: per rendersene conto, basta uno sguardo al prodotto finale.

15 QUOTAZIONI Strumento/Per le imprese è sempre più importante andare verso un consumo consapevole dell energia elettrica. Un buon modo per essere degli utilizzatori virtuosi è, confrontando i propri prelievi con i prezzi della Borsa dell Energia, domandarsi se non sia possibile anticipare o posticipare verso ore con prezzi inferiori una parte dei propri consumi PROSPETTIVE Anche l energia entra in Borsa di Francesco Carbone Responsabile Pianificazione Commerciale e Portafoglio È necessario conoscere il valore di ciò che si utilizza per poterlo gestire al meglio. In particolare ciò vale per quel bene che tutti noi usiamo ogni giorno per svolgere una quantità sempre crescente di attività: l energia elettrica. A proposito del valore di questa particolare commodity, ricordiamo che fino al 1999, con il monopolio dell energia, il suo prezzo veniva deciso all interno del Palazzo con logiche non sempre chiare e trasparenti. Finalmente, grazie alla recente apertura del mercato, con la liberalizzazione e la competizione, anche per l energia elettrica vale il principio generale in base al quale il valore di un bene nasce dal rapporto tra domanda e offerta. ANDARE OLTRE I DETTAGLI TECNICI DI OPERATIVITÀ DELLA BORSA ORARIA DELL ENERGIA SERVE A SCOPRIRE QUANTO QUESTO SISTEMA PUÒ ESSERE D AIUTO PER LA PROGRAMMAZIONE DEI CONSUMI 28 Differentemente da tutte le altre commodity, l energia elettrica è caratterizzata dalla non stoccabilità, se non in minima parte e a costi non trascurabili. Tale caratteristica impone che l equivalenza fra la domanda e l offerta, necessaria per la definizione del valore, sia valutata istante per istante, o quasi. Non essendo economicamente conveniente utilizzare un approssimazione più spinta, si assume l ora come unità di tempo elementare. Per mezzo di un apposita Borsa quindi, per ciascuna ora di ogni giorno dell anno viene definito il valore dell energia all ingrosso, il Prezzo Unico Nazionale, noto nella sua forma abbreviata come PUN. Oltre alla non stoccabilità, un altro elemento gioca un ruolo fondamentale nella definizione del prezzo dell energia: i vincoli tecnici tipici delle centrali di produzione. L azione combinata di questi effetti fa sì che il valore dell energia vari in modo rilevante sia nei giorni della settimana, sia nelle diverse ore della giornata stessa. Nella figura è mostrato un tipico andamento dei prezzi all ingrosso. Si consideri che tali prezzi, corrispondendo a circa due terzi del costo complessivo di una fornitura media, costituiscono la parte principale della bolletta energetica. La porzione rimanente, un terzo circa, è la parte così detta amministrata, cioè definita dall Authority competente, e quindi non oggetto di competizione fra gli operatori del mercato libero. La parte amministrata della tariffa serve a remunerare gli oneri di sistema e i proprietari della rete di distribuzione. Tornando all energia, è importante sottolineare che, diventando il mercato più maturo, la Borsa ha smesso di essere uno strumento a esclusivo uso degli addetti ai lavori e fornisce a un numero sempre crescente di consumatori le informazioni necessarie a decidere quali siano il momento migliore per utilizzare l energia e il fornitore ideale. In un mercato evoluto, infatti, il Cliente razionale non si domanda esclusivamente quanta energia è opportuno prelevare, ma anche come prelevarla (per esempio di notte, quando è minore la domanda e maggiore l offerta, e di conseguenza i prezzi sono molto al di sotto del valore medio). Quindi la Borsa, rendendo pubblici e trasparenti i valori dell energia nelle diverse ore di ogni giorno, è, e diventerà sempre più, lo strumento di riferimento per la comunicazione al mercato del valore dell energia. Non tutti però riescono a beneficiare del sistema finora descritto. Esiste una condizione per poter modulare i propri prelievi ricevendone un beneficio tangibile: bisogna essere dotati di un contatore idoneo a essere trattato su base oraria. Purtroppo oggi solamente una parte numericamente limitata dei potenziali Clienti, quelli più grandi, tipicamente allacciati alle reti con tensione superiore a Volts (220 Volts, per intenderci, è la tensione delle forniture domestiche), è dotata di un contatore orario. La sfida per il nostro settore, da cogliere nel prossimo futuro, è proprio quella di allargare al massimo il bacino d utenza, permettendo così a un numero sempre crescente di Clienti l adozione di un comportamento più consapevole nei confronti dell energia. 29

16

17 TERRITORIO CREATIVO PUGLIA Una regione di successo/tutta la vitalità di un angolo d Italia che può contare su un cospicuo tesoro fatto di meraviglie naturali, tradizioni antiche, splendori d architettura e d arte e soprattutto sull inventiva e la voglia di fare dei suoi figli : giovani imprenditori pieni di entusiamo e buone idee, ma anche registi, attori e cantanti Il fascino di una terra dai mille volti Dai ritmi antichi e magici di Melpignano, passiamo a quelli moderni e sofferti dei Negramaro o dei Sud Sound System. Niente musica con tamburelli, pizzica e Taranta per i 6 ragazzi della provincia di Lecce, ma toni sussurrati come quelli dell ormai celebre Mentre tutto scorre. Il nome della band è quello del vidi Giovanni Longo Musica e cinema. Arte e tradizioni popolari. Impresa ed economia. In una battuta, la Puglia che piace non solo per il paesaggio e le bellezze naturali, ma anche per la creatività che, spesso, affonda le radici nel passato. Come la Taranta e la sua lunga notte, scandita dalla pizzica, musica che accompagnava l antico rituale necessario a neutralizzare il morso immaginario della tarantola, ragno velenoso. Secondo la tradizione, per liberare la vittima, di solito una donna, occorreva suonare incessantemente i tamburelli a ritmo vorticoso, finché l incantesimo veniva sciolto dal suono ossessivo e dalla danza ripetitiva. 32 Ogni anno il festival si snoda nei comuni della Grecìa Salentina. Nell arco di 10 giorni (con l edizione 2005 si arriva a due settimane), si esibiscono i più importanti gruppi del panorama tradizionale salentino. Ma nel tempo si sono avvicendati sul palco di Melpignano anche noti artisti italiani, come Gianna Nannini e Francesco De Gregori, e internazionali, come la cantante israeliana Noa, l ex batterista dei Police, Stewart Copeland, e i Radiodervish. Il concertone finale, la notte appunto che dà il nome all intero evento, chiude una manifestazione che negli ultimi anni è stata esportata in Piazza Maggiore a Bologna, al Carnevale di Venezia, ma anche a Pechino, nella Città Proibita, tra i minareti di Amman in Giordania e negli stadi che hanno ospitato il mondiale di calcio Germania Anche il Presidente della regione Puglia Nichi Vendola, dal 1998, anno in cui è nato il festival, non perde una notte della Taranta. Il ritmo ancestrale della pizzica e il dolore esistenziale musicato a suon di tamburelli, violini e armoniche a bocca diventano, ora, l energia che smuove decine di migliaia di appassionati che si ritrovano ogni fine estate ad aspettare l evento dell anno. 33

18 TERRITORIO CREATIVO PUGLIA tigno autoctono tipico del Salento, forte e intenso. Anche per questo la Puglia sta diventando meta turistica sempre più ambita non solo dagli italiani, ma anche da russi e inglesi. Basti pensare che nella stagione estiva 2005 il numero dei posti letto venduti ha superato notevolmente il dato nazionale, sfiorando ad agosto il tutto esaurito (92,7%). Ostuni, Otranto, Gallipoli, Polignano sono solo alcune perle della regione. Un impennata che ha fatto gioire gli operatori, ma che dà anche il senso del limite dell offerta turistica pugliese: la stagionalità legata al prodotto prevalentemente balneare. Tuttavia, le attrattive culturali ed enogastronomiche dovrebbero indurre a trascorrere in Puglia un periodo di vacanza fuori stagione. Magari anche puntando sul turismo religioso, che vede in San Giovanni Rotondo il suo punto di forza, con migliaia di fedeli che ogni anno visitano i luoghi di San Pio. 34 L economia della regione non si ferma al solo turismo. La Puglia esporta in tutto il mondo vino e olio d oliva. L industria, invece, è concentrata in 3 poli: Taranto (siderurgia, cantieri navali, industrie meccaniche, raffinerie), Bari (industrie meccaniche, della gomma, alimentari, grafiche) e Brindisi (industria aeronautica, materie plastiche, mobilifici). Variegati i richiami e gli stili storico-artistici, che vanno dall antichità classica (Taranto, Brindisi), all età bizantina (chiese rupestri), alle cattedrali romaniche, al barocco leccese. Concretezza, ma anche inventiva. Basti pensare alla neonata Officina della creatività, iniziativa voluta da Universus, scuola di management&engineering delle università pugliesi. Si tratta di una rete tessuta da coloro che intendono sviluppare in Puglia un clima più adeguato a nuovi approcci del pensiero, del comportamento di persone e organizzazioni, ma anche farne un luogo fisico per offrire incontri, proposte, occasioni e stimoli destinati a produrre un innovazione che abbia proprio nella creatività il suo motore. Creatività che è anche pluralismo dell informazione, catturare nelle notizie gli umori e l industriosità di un popolo. Da La Gazzetta del Mezzogiorno a Il Quotidiano a Senzacolonne, Bari, Lecce e Brindisi descrivono ogni giorno in edicola la Lombardia del sud mescolando progresso e tradizione. Ma la creatività, a volte, esce dai binari dell impresa per incontrare quelli della poesia e dell arte. A Grumo Appula, a una ventina di chilometri dal capoluogo, 47 anni fa è nato l attore e regista Sergio Rubini, che, appena può, ambienta i suoi film in Puglia. Nord e sud sono temi che spesso ritornano nelle sue opere, come in La Stazione, Tutto l amore che c è, L anima gemella e, su tutti, La Terra. Sullo sfondo delle sue pellicole ci sono le scogliere di Porto Cesareo, il mare azzurro, la calura di un estate che da queste parti sembra non voglia mai cedere il passo all autunno, ma anche il sud polveroso di Mesagne, la pietra leccese, il barocco e la modernità, le masserie, simbolo di appartenenza. Radici che quando vengono sradicate sono molto difficili da ripiantare. Diversa, invece, la storia di Alessandro Piva, altro regista che ambienta i suoi set in Puglia, aspirante California d Europa almeno per la celluloide se non ancora per la tecnologia. Piva, salernitano di nascita, barese d adozione, nel 2000 è stato premiato al Festival di Berlino con La Capagira, film documentario su una Bari sotterranea fatta di droga, gioco d azzardo e vite allo sbando. Nei vicoli di Bari Vecchia, Piva ha ambientato anche Mio cognato. Sergio Rubini (ancora lui) e Luigi Lo Cascio trascorrono una notte intera alla ricerca dell auto di Vito (interpretato da Lo Cascio), rubata durante il battesimo di suo figlio. Attraverso questo viaggio in una Bari violenta e clandestina, di cui Toni (lo stesso Rubini) sembra possedere le chiavi d ingresso, i due imparano a conoscersi. Quasi un miracolo, dunque, stesso titolo della pellicola di Edoardo Winspeare, cognome anglosassone ma salentino doc, girata a Taranto. Un bambino viene investito da una ragazza. Tra loro nasce una tenera amicizia sullo sfondo della città dei due mari. Ciak NELLE PAGINE PRECEDENTI, UN COLLAGE DI IMMAGINI DEL TERRITORIO PUGLIESE; IN QUESTE PAGINE, DA SINISTRA VERSO DESTRA, SERGIO RUBINI IMPEGNATO SUL SET, UN VERDEGGIANTE TRATTO DI CAMPAGNA E ALCUNI TRULLI 35

19 TERRITORIO CREATIVO PUGLIA A SINISTRA, UNA STRADA IMMERSA NELLA NATURA 36 pugliesi anche per Sangue vivo e Pizzicata, sempre di Winspeare. Spostandosi di una trentina di chilometri si arriva a Martina Franca e poco più in là a Putignano, di nuovo in provincia di Bari. Qui la tradizione della confezione degli abiti da sposa, che risale nel tempo, da attività artigianale si trasforma in opera d arte e creativa. Anche i maestri carristi sono degli artisti. Lavorano tutto l anno per realizzare i carri che sfilano a Putignano durante il carnevale cittadino, che vanta il primato di essere uno dei più antichi (secondo alcuni storici risalirebbe addirittura al 1394) e Candela: una centrale tra i roseti NON SOLO SFRUTTA il gas naturale che, altrimenti, si disperderebbe nel sottosuolo, ma riutilizza il calore refluo, cioè lo scarto derivante della produzione di energia, per riscaldare una serra estesa 60 ettari. A un anno dalla sua inaugurazione, funziona a pieno regime la centrale termoelettrica Edison di Candela, piccolo centro in provincia di Foggia. L impianto produce 3 miliardi di chilowattora l anno. Grazie al ciclo combinato cogenerativo alimentato a gas naturale, l emissione di anidride carbonica è praticamente azzerata, riducendo in questo modo al minimo l impatto ambientale. Inoltre, le aziende che operano nel comune di Candela beneficiano di una bolletta dell energia elettrica meno cara. Un chiaro esempio, insomma, di come sia possibile mettere in atto, tra chi fa impresa, sinergie virtuose, oltre che un concreto incentivo alla costruzione di nuovi impianti pensati anche per vivere in perfetta simbiosi con il territorio, rispettando le popolazioni locali: impianti non imposti, ma proposti. Per conseguire questo importante risultato ci sono voluti 2 anni. Alla realizzazione del progetto hanno lavorato 500 operai, dipendenti di una ventina di imprese. L investimento è stato di 165 milioni di euro. Oggi la centrale dà lavoro a 300 persone, senza contare l indotto. Il centro abitato di Candela è lontano dal luogo in cui sorge quello più duraturo (inizia il 26 dicembre con il rito della Propaggine e termina, come tutti gli altri, nel giorno del martedì grasso). Ma, tornando al presente, la creatività in Puglia fa i conti anche con la moda. Antonello Simone, ex modello, gestore di alcune palestre di Bari, ha creato insieme con Luciano Rubino e Massimo Concordia, il logo di Korina, l ape dispettosa che svolazza sulle T-Shirt di tutta Italia. A Porto Cervo come a Riccione; a Milano Marittima come a Forte dei Marmi; a Panarea come a Cortina. Quando i confini pugliesi diventato troppo stretti. l impianto, che si trova in una zona isolata del subappennino dauno. Nessun rumore, e soprattutto nessun pericolo di emissioni inquinanti. E non poteva davvero essere diversamente per l impianto più ecocompatibile d Italia, in cui non si butta proprio niente. Basti pensare che l acqua e il calore che residuano dal ciclo di produzione vengono riutilizzati, come già accennato, per la coltivazione di 60 ettari di terreno destinati a roseti. Fiori che sfruttano l energia di scarto della centrale, e che diventano ancora più belli anche grazie alla professionalità del Gruppo Cicolella, una delle società florovivaistiche più importanti d Italia. La centrale termoelettrica a ciclo combinato da 380 megawatt di Candela è la prima a utilizzare come combustibile una miscela contenente gas povero a basso potere calorifico. La materia prima viene estratta dai giacimenti metaniferi della zona del subappennino dauno, consentendo lo sfruttamento di una risorsa energetica locale che altrimenti si sarebbe dispersa. Tutti soddisfatti, dunque: Edison, che ha realizzato un impianto all avanguardia, chi opera sul territorio, che beneficia di tariffe ridotte, e il Gruppo Cicolella, che ringrazia l azienda milanese per l energia pulita che contribuisce a far crescere i suoi fiori. Una rosa profumata con tanti petali. Ferrarese: occorre puntare sul sud per rilanciare l Italia La Puglia è un area mediamente più forte di altre del Mezzogiorno sotto il profilo economico, e possiede un apparato industriale che sta dimostrando un apprezzabile capacità di tenuta complessiva in termini di produzione, occupazione, esportazioni e investimenti, e nel quale non mancano punte di eccellenza nazionali e internazionali, ma anche punti di debolezza e di cedimento. Massimo Ferrarese, 44 anni, Presidente di Confindustria Brindisi e uomo di riferimento di Luca Cordero di Montezemolo in Puglia, dove riveste anche l incarico di Presidente della Commissione Speciale del Marketing Territoriale, da mesi è in prima linea nel dibattito sullo sviluppo del Mezzogiorno, sui suoi tassi, sui loro differenziali rispetto al nord e sugli squilibri interni alle stesse regioni meridionali. Presidente, come si pongono le istituzioni dinanzi al sistema produttivo pugliese e come ne interpretano le esigenze? In generale si può affermare che in Puglia è percepibile a livello regionale lo sforzo di mettere a punto un armatura di sistema per sorreggere la crescita dell apparato produttivo locale. Si stanno definendo i contratti di programma ai sensi della misura 4.18 dei Por , si sta discutendo la legge sui distretti industriali e sulla riforma delle Asi, si è definito un programma per l internazionalizzazione e si è definito un protocollo d intesa fra regione e Finmeccanica. Inoltre si è avviato il percorso di approvazione del Piano energetico-ambientale regionale, che ha posto con forza l accento sulle energie rinnovabili, consentendo l avvio di massicci investimenti nell eolico e in altri comparti delle rinnovabili come il fotovoltaico. Per altri aspetti bisogna rilevare, invece, che i comportamenti della regione stanno rallentando investimenti come quello della British Gas a Brindisi per la costruzione del rigassificatore. Lei ha più volte sostenuto che, affinché le aziende possano competere a livello nazionale e internazionale è necessario che il contesto locale in cui sono insediate funzioni al meglio. Esatto. Mentre per le aziende che ogni giorno - bene o male - si misurano con la domanda, i concorrenti, i fornitori, i sindacati, le banche e anche con l opinione pubblica, il fattore tempo è sempre di più un fattore di produzione, per altri soggetti - cominciando dalle istituzioni - non sempre questo accade, con conseguenze del tutto intuibili. Si determina così una crescente e dannosa asincronia fra il funzionamento - oserei dire just in time delle aziende - e quello, distante a volte da ogni logica di competitività, delle istituzioni e di chi le amministra, che spesso è lontano anni luce da chi produce ricchezza. Il sistema Italia è stressato, è inutile nasconderlo, e parafrasando in qualche modo il Presidente Montezemolo, bisogna dire che, o facciamo un salto in lungo da un presente di stagnazione a un futuro di recuperata competitività di sistema, oppure rassegniamoci a un lento e inesorabile declino, nel quale il Paese affonderà e ognuno cercherà soluzioni individuali. 37

20 PICCOLE E MEDIE IMPRESE LUCE NEGLI OCCHI Energia oltre il mercato vincolato: così Edison moltiplica il risparmio L occasione/il comparto dell energia elettrica, dal 1999 al centro di una progressiva politica di liberalizzazione, può essere per le aziende italiane un opportunità da cogliere al volo 39 di Luca De Rosa Responsabile Area Microbusiness e Residenziale 1999: prende avvio la liberalizzazione del mercato italiano dell energia elettrica. Si tratta di un processo di notevole importanza, che interessa un settore strategico e nel corso degli anni attraversa successive fasi di ampliamento. Grandi imprese, piccole e medie realtà produttive e Partite Iva: nel suo progressivo estendersi, il potenziale bacino d utenza di coloro che possono autonomamente scegliere il proprio fornitore d energia (e in tal modo garantirsi margini di risparmio), regala un surplus di vivacità e dinamismo a questo specifico comparto, caratterizzato da un trend positivo, che vede la domanda sopravanzare l offerta. In questo quadro, già dal 2004 Edison ha saputo muoversi con tempestività e lungimiranza disegnando nuove proposte commerciali,

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO!

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! «TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! Edgardo Curcio Presidente onorario, AIEE Milano, 2 luglio 2014 «Shale Gas: una sfida per l Europa per mantenere competitiva la filiera chimica» e 4 Workshop

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE

FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE Dalla nascita ad oggi 2000 Il processo di liberalizzazione del mercato elettrico italiano è avviato con l emanazione del decreto legislativo n. 79/99,

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

Nata nel CONSIAG PRATO INTESA SIENA COINGAS AREZZO gas metano GPL energia elettrica telecomunicazioni gas naturale servizi energetici

Nata nel CONSIAG PRATO INTESA SIENA COINGAS AREZZO gas metano GPL energia elettrica telecomunicazioni gas naturale servizi energetici Nata nel DALL ACCORDO TRA CONSIAG DI PRATO, INTESA DI SIENA E COINGAS DI AREZZO, che hanno scelto di aggregarsi per creare un soggetto a partecipazione pubblica di grandi dimensioni, è oggi una multiutility

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

finalità 1 - L D G T V L intento di citylive show Valorizzazione del territorio organizzazione regia direzione artistica produzione esecutiva

finalità 1 - L D G T V L intento di citylive show Valorizzazione del territorio organizzazione regia direzione artistica produzione esecutiva L D G T V 1 - Cityliveshow o r g a n i z z a z i o n e e m a n a g e m e n t a c u r a d i c i t y l i v e s t y l e p r o d u z i o n i p e r l d g t v organizzazione regia direzione artistica produzione

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Memoria per l audizione di Anigas

Memoria per l audizione di Anigas X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale sulle principali problematiche in materia di energia Memoria per l audizione

Dettagli

Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA

Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA Nuovo Modello di Sviluppo delle BCC/CRA Editoriale Futuro da scrivere. E questo il titolo del documento predisposto da Federcasse in preparazione del 14 Congresso Nazionale del Credito Cooperativo tenutosi

Dettagli

Una Multiutility di successo al servizio di ogni singolo cliente

Una Multiutility di successo al servizio di ogni singolo cliente Una Multiutility di successo al servizio di ogni singolo cliente Optima è attenta al tuo tempo e al tuo denaro.... il tempo è la cosa più preziosa che un uomo possa spendere. Teofrasto La multiutility

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

Una multiutility di successo al servizio di ogni singolo cliente

Una multiutility di successo al servizio di ogni singolo cliente Una multiutility di successo al servizio di ogni singolo cliente Optima è attenta al tuo tempo e al tuo denaro. [...] il tempo è la cosa più preziosa che un uomo possa spendere. Teofrasto La multiutility

Dettagli

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 1. Reverse-Flow 2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 3. Rapporto consumi/investimenti 4. Allineamento prezzi gas Italia all Europa 5. Stoccaggio Imprese 6. Servizio Maggior tutela (differenze

Dettagli

L Energia dell Italia

L Energia dell Italia L Energia dell Italia Abbiamo sempre offerto un servizio puntuale alla mobilità del Paese. Siamo cresciuti e oggi siamo davvero in tanti. Grazie alla forte capillarità sul territorio siamo presenti su

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO I DATI DI GREENITALY DI FONDAZIONE SYMBOLA E UNIONCAMERE DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO 372MILA IMPRESE (24,5% DEL TOTALE) PUNTANO SULLA GREEN

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 180/7 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 617/2010 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 2010 sulla comunicazione alla Commissione

Dettagli

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori,

Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente Castelletti, Dottor Amadori, Amici imprenditori, ABITARE IL TEMPO GIORNATE INTERNAZIONALI DI ARREDO INAUGURAZIONE (VERONA, 18 SETTEMBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Signor sindaco, Autorità, Caro Presidente

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il progetto Bièrethèque. Qualità e valori.

Il progetto Bièrethèque. Qualità e valori. Il progetto Bièrethèque. Qualità e valori. Il progetto Bièrethèque è il fiore all occhiello di Dibevit e nasce dall idea di una selezione esclusiva delle migliori birre provenienti dalle diverse parti

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

emozione unicità innovazione

emozione unicità innovazione emozione unicità innovazione Nel panorama editoriale internazionale, le riviste dedicate ai settori dei grandi yacht si identificano sempre con il «lusso», THE ONE si differenzia esaltando l emozione IL

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

Le Buone Nuove. dal Castello di Petroia Appuntamenti, Eventi e Curiosità. in questo numero: Ritorno a Petroia. evento e cena medievale

Le Buone Nuove. dal Castello di Petroia Appuntamenti, Eventi e Curiosità. in questo numero: Ritorno a Petroia. evento e cena medievale \ Le Buone Nuove dal Castello di Petroia Appuntamenti, Eventi e Curiosità in questo numero: Sabato 19 Novembre Sabato 26 Novembre Mercoledì 7 Dicembre Sabato 10 Dicembre Ritorno a Petroia evento e cena

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI HOTEL RISTORANTI SALE RICEVIMENTO BANCHE - UFFICI CENTRI CONGRESSUALI BAR - NEGOZI MADE IN LONGIANO Borgo storico dall aspetto tipicamente

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

OPEREAPERTE. la sfida del recupero attraverso RETI e SINERGIE VIRTUOSE

OPEREAPERTE. la sfida del recupero attraverso RETI e SINERGIE VIRTUOSE OPEREAPERTE la sfida del recupero attraverso RETI e SINERGIE VIRTUOSE Per molto tempo la nostra società è stata abituata al consumo bulimico di beni e risorse rincorrendo feticci e stereotipi di benessere

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ LE PROPOSTE DI CONFINDUSTRIA L elevato costo dell energia penalizza la competitività e riduce il potere d acquisto delle famiglie, sottraendo risorse allo sviluppo di nuove attività e agli investimenti.

Dettagli

assaggifigurepaesaggi

assaggifigurepaesaggi Giorgia Fiorio Franco Fontana Ferdinando Scianna assaggifigurepaesaggi Snam Rete Gas per il paesaggio italiano PassaggiFigurePaesaggi 2010 Snam Rete Gas www.snamretegas.it Tutti i diritti riservati. Ogni

Dettagli

FEDERICO MOCCIA L UOMO CHE NON VOLEVA AMARE ROMANZO

FEDERICO MOCCIA L UOMO CHE NON VOLEVA AMARE ROMANZO FEDERICO MOCCIA L UOMO CHE NON VOLEVA AMARE ROMANZO Tancredi è l uomo dei sogni: possiede un isola alle Fiji, splendide ville in tutto il mondo, jet privati ed è di una bellezza magnetica. Tutte le donne

Dettagli

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel «La ripresa vuole efficienza» Roma, 27 novembre 2013 Fondazione Centro Studi Enel Istituzione, senza

Dettagli

Il centro congressi del Lago di Como.

Il centro congressi del Lago di Como. Il centro congressi del Lago di Como. centro congressi Spazio Villa Erba Dal talento creativo di Mario Bellini un capolavoro di design in acciaio e cristallo, le cui forme sono esaltate dalla poesia del

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Wedding Wedding Wedding W

Wedding Wedding Wedding W Wedding Wedding Wedding Wedding W Wedding Wedding Wedd ingwedding Wedding edding Wedding Wedding W ing Wedding Wedding Wedd edding Wedding Wedding W ing Wedding Wedding Wedd edding Wedding Wedding Wedding

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009 234 contributi L Italia nei mercati internazionali dell energia: effetti della crisi e strategie delle imprese nazionali di Matteo Verda * La crisi e i mercati dell energia La contrazione dell economia

Dettagli

Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia

Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia L attuale fase recessiva che investe le economie occidentali le pone dinanzi alla necessità

Dettagli

Vittorio Chiesa Politecnico di Milano. 29 novembre 2012. www.energystrategy.it

Vittorio Chiesa Politecnico di Milano. 29 novembre 2012. www.energystrategy.it Vittorio Chiesa Politecnico di Milano 29 novembre 2012 Vengono definiti i seguenti obiettivi al 2020: Riduzione della dipendenza energetica dall estero dall 84 al 67%, con un conseguente risparmio di 15

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Una leadership costruita sull innovazione di Luca Rossi

Una leadership costruita sull innovazione di Luca Rossi Una leadership costruita sull innovazione di Luca Rossi Il Gruppo Arvedi è tra i leader nel comparto siderurgico. Un successo ottenuto grazie all eccellenza della sua tecnologia produttiva, brevettata

Dettagli

di Paolo Enzo Mazzanti

di Paolo Enzo Mazzanti 8 Una famiglia di imprenditori edili di particolare ingegno. E l erede, Michele Vona, si inventa un modello residenziale per la casa flessibile. Con un appello a fondi e grandi investitori: ecco la soluzione

Dettagli

La costanza nel mutamento

La costanza nel mutamento Atel Holding SA Bahnhofquai 12, CH-4601 Olten Fa testo quanto verbalmente espresso. 24 aprile 2008 Assemblea generale ordinaria di Atel Holding SA del 24 aprile 2008 La costanza nel mutamento Dr. Rainer

Dettagli

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE CONTRIBUISCI A CREARE UNA CITTÀ MIGLIORE. PASSA A CLEANPOWER. www.cleanpowerenergia.it LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER

Dettagli

Più energia per le imprese italiane di Dario Vascellaro

Più energia per le imprese italiane di Dario Vascellaro Intervista a Corrado Danesi, ad di Utilità Più energia per le imprese italiane di Dario Vascellaro TRA GLI INIZI E LA FINE DEGLI ANNI 90 il nostro Paese, come tutta l Europa occidentale, ha conosciuto

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni ASSOCARBONI La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni In un mondo assetato di e- nergia, il carbone mantiene la leadership indiscussa, rivelandosi una risorsa concorrenziale

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI INTERNAZIONALIZZAZIONE POMPEO TRIA CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI Pompeo Tria del gruppo Step Impianti presenta la strategia per il prossimo triennio. Tre parole chiave: internazionalizzazione, innovazione

Dettagli

Energia che basta e avanza! Il Sole.

Energia che basta e avanza! Il Sole. Il Sole. Energia che basta e avanza! Ogni giorno il Sole produce una quantità di energia 3000 volte superiore al fabbisogno dell umanità intera e questo ancora per altri 5 miliardi di anni. L energia solare:

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

La società: le origini e l evoluzione Pag. 1. Obiettivi e strategie sui mercati dell energia e del gas in Italia Pag. 3. Le attività Pag.

La società: le origini e l evoluzione Pag. 1. Obiettivi e strategie sui mercati dell energia e del gas in Italia Pag. 3. Le attività Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società: le origini e l evoluzione Pag. 1 Obiettivi e strategie sui mercati dell energia e del gas in Italia Pag. 3 Le attività Pag. 4 I dati economico-commerciali

Dettagli

4 Incontro sulla regolazione dei servizi idrici

4 Incontro sulla regolazione dei servizi idrici 4 Incontro sulla regolazione dei servizi idrici La tariffa dei servizi idrici a un anno dal referendum Le regole, gli incentivi, le prospettive Royal Continental Hotel Sala Mirabilis Via Partenope 38 Introduzione

Dettagli

Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics.

Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics. Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics. 66 ilpersonaggio Ingegno e fantasia, la sfida dei robot Dal 1999 è alla guida di un azienda dinamica che distribuisce sul mercato italiano i robot

Dettagli

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam 8 Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam 9 LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti)

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Tour della Puglia, storia, folklore ed enogastronomia

Tour della Puglia, storia, folklore ed enogastronomia Tour della Puglia, storia, folklore ed enogastronomia Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

TELECONTROLLO MADE IN ITALY: A STEP FORWARD FOR A BETTER LIFE SOLUZIONI SOSTENIBILI PER LA SMART COMMUNITY

TELECONTROLLO MADE IN ITALY: A STEP FORWARD FOR A BETTER LIFE SOLUZIONI SOSTENIBILI PER LA SMART COMMUNITY FORUM MILANO 29-30 SETTEMBRE 2015 HANGARBICOCCA TELECONTROLLO 2015 RETI DI PUBBLICA UTILITÀ TELECONTROLLO MADE IN ITALY: A STEP FORWARD FOR A BETTER LIFE SOLUZIONI SOSTENIBILI PER LA SMART COMMUNITY 14

Dettagli