Dal sito di YAHOO.Finanza, 7 dicembre 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal sito di YAHOO.Finanza, 7 dicembre 2010"

Transcript

1 Dal sito di YAHOO.Finanza, 7 dicembre 2010 DdL Stabilità: Ok Senato, ora è Legge. Ecco le misure previste ( Asca ) Roma, 7 dicembre Con il via libera del Senato il DdL di Stabilità ( ex Finanziaria ) diventa legge. Il testo approvato ricalca quello della Camera non essendo state introdotte modifiche né in Commissione né in Aula proprio per evitare un'ulteriore lettura e dare certezze in ordine all'approvazione del provvedimento ritenuto fondamentale per garantire la stabilità dei conti italiani in sede europea. Ogni questione residua è stata demandata agli Ordini del Giorno, tra i quali spicca quello ( a firma Pd ) che impegna il Governo a ristorare i fondi del 5 per mille allo stesso livello del 2010 anche per l'anno 2011 ( in pratica a restituire i 300 milioni mancanti al Fondo ) nel primo Decreto Legge ' emanando ' del Governo. Tornando al DdL stabilità, questo contiene misure per lo sviluppo pari a 5,7 miliardi nel 2011 a livello di cassa e a 6,1 miliardi a livello di competenza. La copertura viene reperita dalle entrate dell'asta per le frequenze digitali ( 2,4 miliardi ), dal cosiddetto ' fondo Letta ' presso Palazzo Chigi ( 1,75 miliardi ), dal pacchetto fisco-giochi. Ecco le principale misure. ECO-BONUS - E' la novità introdotta in Aula, sollecitata dal Fli e dal Pd. Viene prorogato al 2011 lo sconto fiscale sulle spese sostenute per le ristrutturazioni volte al risparmio energetico ( infissi, caldaie e condizionatori a basso consumo, pennelli solari ). La detrazione Irpef viene però spalmata su dieci anni per cifre di pari importo, anzichè cinque come avviene ora. UNIVERSITA' - Il fondo ordinario viene incrementato di 800 milioni. Questa cifra include le risorse per l'assunzione degli assistenti. RICERCA E BORSE DI STUDIO milioni per il vaucher fiscale a favore delle imprese che investono in progetti di ricerca nelle Università. Ulteriori 100 milioni sono previsti per le borse di studio e il prestito d'onore. AMMORTIZZATORI SOCIALI - Il complesso dello stanziamento vale circa 1,5 miliardi e include la proroga per la Cassa Integrazione in Deroga e per gli altri strumenti di sostegno al reddito. SALARIO DI PRODUTTIVITA' milioni per la defiscalizzazione per il 2011 del salario di produttività per i redditi fino a euro. TICKET milioni per l'abolizione per 5 mesi del ticket sulla specialistica e la diagnostica. Senza rifinanziamenti successivi il ticket verrebbe ripristinato da giugno. MISSIONI INTERNAZIONALI milioni per la proroga del finanziamento alle missioni internazionali di pace fino al 30 giugno PATTO STABILITA' REGIONI - Viene reso più flessibile prevedendo che le spese non debbano superare la media del triennio ridotta del 12,3 % per quelle di competenza e del 13,6 % per quelle di cassa ( il calcolo quindi non è più un solo anno ). COMUNI - riceveranno 344 milioni per i mancati rimborsi Ici relativi all'anno E' previsto un allentamento del patto di stabilità che porta ai Comuni e alle Province una maggiore disponibilità finanziaria di 470 milioni.

2 Inoltre, per velocizzare i pagamenti da parte dei Comuni verso le imprese fornitrici, viene istituito un fondo di 60 milioni di euro per il 2011 finalizzato al pagamento degli interessi passivi maturati dai municipi per il ritardato pagamento. SCUOLA PARITARIA - stanziati 245 milioni. FAS - 1,5 mld per il 2012 del Fondo aree sottoutilizzate può essere destinato all'edilizia sanitaria. Di queste risorse l'85 % deve essere destinato al Sud e il 15 % al Centro e al Nord. PACCHETTO FISCALE - vale 588 milioni in termini di cassa e circa 900 in termini di competenza. Comprende interventi sul leasing immobiliare ( 348 milioni ), l'inasprimento della lotta all'evasione e l'aumento delle sanzioni sul ravvedimento operoso. AUTOTRASPORTO - arrivano 400 milioni a favore del settore. 5 PER MILLE - previsti 100 milioni. CARABINIERI - 30 milioni per le esigenze del parco auto. STABILIZZAZIONE LSU - LIBRI DI TESTO - Rientrano in una stanziamento complessivo di 275 milioni che dovrà essere ripartito con provvedimenti successivi. Con lo stesso stanziamento si dovrà far fronte agli impegni dello Stato italiano per la partecipazione a Banche e Organismi internazionali. SLA - stanziati 100 milioni per la ricerca e l'assistenza domiciliare ai malati di sclerosi laterale amiotrofica. TRASPORTO FERROVIARIO - previsti 425 milioni per l'acquisto di treni per il trasporto regionale e locale e vengono fissati criteri per la ripartizione della cifra. Essa deve tenere conto degli investimenti effettuati con risorse regionali proprie, degli aumenti tariffari in cui risulti l'incremento del rapporto tra ricavi da traffico e corrispettivi, dell'incremento del carico medio dei passeggeri. STRADE SICURE - per le accresciute esigenze di controllo delle strade da parte delle forze armate e forze di polizia sono stanziati 36,4 milioni per il GIOCHI - dal pacchetto è stimato un gettito compreso tra 400 e 500 milioni. Sanzioni fino a 1000 euro e chiusura dell'attività per i gestori che non rispettano il divieto per i minori di 18 anni. Stretta sanzionatoria anche nei confronti di chi occulta le giocate o fa ' giocate simulate ' con l'obiettivo di evadere il fisco. Previste misure di contrasto al gioco illecito e maggiori controlli sulla raccolta. EDITORIA milioni in più nella tabella C dove già erano previsti 190 milioni. Si arriva così a 290 milioni ripristinando le cifre che erano state tagliate. Un altro stanziamento di 30 milioni riguarda i giornali e serve a far fronte all'aumento del prezzo della carta. TV LOCALI E RADIO LOCALI E NAZIONALI - gli incentivi a sostegno del settore sono incrementati di 45 milioni per l'anno prossimo. TORINO-LIONE - Rete ferroviaria italiana può destinare 35,6 milioni, a valere sul contratto di programma , per i maggiori oneri derivanti dal cambiamento del tracciato. La cifra serve per la fase di studio e progettazione. TUNNEL DELLA MADDALENA - 12 milioni per completare il finanziamento del progetto definitivo del tunnel esplorativo.

3 PARCHI - Per il personale dei parchi arrivano 35 milioni e 5 per il personale dell'ispra ( Istituto Superiore Per la Ricerca Ambientale ). Si tratta, comunque, do cifre ben al di sotto delle richieste del Ministero dell'ambiente per il comparto. Ungheria: giù moneta e titoli Stato ( Ansa ) Budapest, 7 dicembre Fiorino e titoli di Stato in caduta dopo che l'agenzia di rating Moody's ha declassato ieri di due gradi il debito dell'ungheria, abbassandolo nella categoria Baa3. Il cambio è arrivato a 285 fiorini contro un euro. L'agenzia oggi, in conseguenza ha degradato anche otto Banche commerciali, le più importanti, salvo la CIB, filiale di Banca Intesa. Il Governo conservatore persegue una politica monetaria di misure temporanee anzichè avviare interventi strutturali, sottolineano gli esperti. Intesa Sanpaolo: Bazoli, addio duale neanche per sogno ( Adnkronos ) Milano, 7 dicembre Un abbandono del modello di governance duale in Intesa Sanpaolo non è in discussione. Lo ha detto il Presidente del Consiglio di Sorveglianza del Gruppo, Giovanni Bazoli, in una pausa della 'Valchiria' di Richard Vagner per la prima del Teatro Alla Scala di Milano. " Neanche per sogno ", ha risposto Bazoli a chi gli chiedeva se fosse possibile un abbandono della governance duale in Intesa Sanpaolo. " Non se ne è proprio parlato ", ha continuato il Presidente del CdS della Banca. Bazoli, dopo l'incidente di questa estate, ha confermato di essere tornato in forma. " Sto bene - ha detto - mi sono ripreso ". Unicredit: Ghizzoni, no altre uscite ( Ansa ) Milano, 7 dicembre ' Certo, siamo sereni sulla governance '. Così Federico Ghizzoni, Amministratore Delegato di Unicredit, ha risposto ad una domanda sulle indiscrezioni che parlano di un difficile momento nel Gruppo dopo l'uscita di Alessandro Profumo e le dimissioni di altri dirigenti. Ci saranno altre dimissioni? gli è stato chiesto. ' No ', ha replicato il banchiere a margine della prima della Scala. Usa: Obama annuncia capovolgimento agevolazioni fiscali ricchi dal 2012 ( Asca-AFP ) Washington, 7 dicembre Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama annuncia l'intenzione di voler capovolgere le agevolazioni fiscali a favore dei redditi alti a partire dal 2012, quando andranno a favore dei redditi bassi. L'annuncio arriva il giorno dopo il compromesso raggiunto con i repubblicani su un'estensione delle agevolazioni, introdotte dal precedente Presidente Bush, per altri due anni. '' Mi sono opposto al taglio fiscale per i redditi alti. Nel lungo periodo semplicemente non ce li possiamo permettere. Quando scadrà il termine dei due anni, mi batterò per terminarle. Per i repubblicani - ha aggiunto Obama - ciò rappresenta il ' Santo Graal '. Questa sembra essere la loro dottrina economica centrale ''. Tra i democratici aveva generato scalpore la decisione di Obama di accettare una proroga di altri due anni di tali esenzioni fiscali, ma il Presidente ha giustificato la sua azione con il tentativo di non alzare le tasse sui redditi medio bassi.

4 Banche islamiche ancora frenate ( Italia Oggi.online ) Vola la finanza islamica: gli attivi delle Banche dovrebbero, stando alle previsioni, raddoppiare nel giro di cinque anni fino a toccare 2 mila miliardi di dollari ( Mld euro ). Per l'agenzia Moody's, inoltre, il potenziale del settore è di gran lunga superiore e potrebbe arrivare ad almeno 5 mila Mld di dollari ( Mld euro ). Ma non è altrettanto valido l'impegno per far fruttare al massimo gli investimenti: serve una maggiore diversificazione, raccomandano gli analisti di McKinsey. Un comparto che ha saputo resistere alla crisi globale: è vero che la crescita si è ridotta dal + 27 % del 2008 al + 15 % dello scorso anno, ma è altrettanto vero che, nei Paesi chiave, le quote di mercato sono aumentate in maniera significativa rispetto al settore creditizio nel suo complesso. L'area chiave è quella del Golfo Persico. In Kuwait gli attivi hanno registrato un incremento del 23 % tra il 2003 e il 2009: ora sono pari al 30,8 % dell'insieme del sistema bancario, la percentuale più alta del mondo. Seguono il Qatar, con il 22,7 % di quota, e la Malesia con il 19,6 %. Numeri importanti, che però nascondono qualche criticità. La redditività è scesa nel corso del 2009: dell'89 % in Kuwait, del 73 % in Indonesia, del 50 % negli Emirati Arabi. Un sondaggio di Deloitte rivela che oltre metà degli Istituti stima di essere sottocapitalizzato: è urgente una riforma della contabilità e della gestione del rischio, che è diversa da Paese a Paese e dipende dal giuristi specializzati della legge islamica. L'emissione di obbligazioni, chiamate sukuk, è diminuita del 16 % a 11,8 mld di dollari ( 8,8 mld euro ) da inizio anno, anche se le stime indicano un ritorno ai livelli pre - crisi nella seconda metà del Inoltre McKinsey rileva che gli Istituti, le cui attività sono frenate dal divieto di ricorrere a internet, dovranno razionalizzare i costi e ispirarsi ai concorrenti, accelerando il deprezzamento dei loro attivi non redditizi. Per Amer Afiouni, direttore associato a Dubai, è alla portata delle Banche islamiche un giacimento di 15 miliardi di dollari di utili supplementari. Ma, per catturare ulteriori profitti, occorre presidiare territori nei quali non sono presenti e diversificare l'attività: quindi, una ricetta fatta di gestione di ricchezze, attività di Banca d'affari e altri mercati emergenti. Intanto le Banche della Malesia rivendicano con orgoglio la bontà delle loro scelte etiche. Come sottolinea Raja Teh, responsabile della finanza islamica alla Borsa malese, gli Istituti non sono stati affatto toccati dalla crisi dei mutui subprime, per la semplice ragione che essi non sono autorizzati a speculare sui prodotti derivati. Tutte le Banche offrono prodotti compatibili con la Charia, le norme seguite dei musulmani. Gli Istituti islamici in Malesia sono cinque: due locali e gli altri originari del Medio Oriente. La gente, sottolinea Teh, si sente sicura perché sa che queste Banche non si muovono in maniera spericolata e sono in grado di assisterla e rassicurarla in occasione, per esempio, di un acquisto immobiliare. Indesit: MSE, siglato Accordo azienda - Sindacati ( Asca ) Roma, 7 dicembre E' stato siglato al Ministero dello Sviluppo Economico il testo dell'accordo tra Indesit, Organizzazioni Sindacali e rappresentanti dello stesso Dicastero.

5 Alla firma erano presenti i rappresentanti del Ministero del Lavoro, delle regioni Lombardia e Veneto, delle Province e delle Unioni Industriali di Bergamo e Treviso. Lo rende noto l'mse. '' L'accordo - si legge in un comunicato - conferma la centralità italiana degli stabilimenti produttivi di Indesit e, attraverso diverse modalità e strumenti, prevede la tutela del posto di lavoro per i circa 510 Lavoratori coinvolti ''. Il testo sarà ora sottoposto al giudizio dei Lavoratori dell'azienda attraverso un referendum che si terrà lunedì 13 e martedì 14 dicembre. Successivamente, l'accordo, per diventare operativo, dovrà essere firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani e dal Ministro del Lavoro Maurizio Sacconi. Un'italiana su 2 fuori da mercato lavoro ( Ansa ) Bruxelles, 7 dicembre Un'italiana su due tra i 15 e i 64 anni resta fuori dal mercato del lavoro. E' il dato che emerge dalle statistiche elaborate da Eurostat, che nel 2009 ha registrato nel nostro Paese il 48,9 % generale di inattività, termine sotto il quale vanno tanto lo studio quanto l'impegno dedicato alla cura della famiglia. Il dato medio nei 27 Paesi della UE è del 35,7 %. L'approccio delle donne al lavoro in Italia migliora leggermente nella fascia tra i 25 ed i 54 anni. Fisco: Accordo Ecofin su scambio informazioni e contro segreto bancario ( Asca ) Bruxelles, 7 dicembre Accordo politico all'ecofin su una bozza di Direttiva che punta a rafforzare la cooperazione nel settore fiscale, per far sì che gli Stati membri siano messi nella condizioni di poter combattere più efficacemente l'evasione e la frode. L'accordo, spiega un comunicato del Consiglio, fa leva sullo scambio di informazioni e il divieto di opporre il segreto bancario alla richiesta di un Paese di fornire dati. Un intervento, questo, che si è reso necessario alla luce dell'accresciuta mobilità dei contribuenti e dell'aggresciuto volume delle transazioni cross-border. La Direttiva estende la cooperazione tra gli Stati membri a tutti i tipi di imposte e stabilisce anche limiti temporali per fornire le informazioni richiese. '' E' un passo avanti fondamentale - ha commentato il Commissario UE alla Fiscalità, Algirdas Semeta - che permetterà agli Stati membri di raccogliere quanto loro dovuto. D'ora in poi gli Stati non potranno rifugiarsi dietro il segreto bancario per rifiutarsi di fornire informazioni ''. Soddisfazione è stata espressa anche dal Ministro dell'economia, Giulio Tremonti, che nelle precedenti riunioni aveva posto il veto sostenendo che molti Paesi dell'unione continuavano a stringere accordi bilaterali con la Svizzera e altri Paesi extra UE. '' L'Italia ha rimosso il veto - ha spiegato - perchè crediamo che con questa intesa i tentativi di stringere accordi bilaterali con Paesi extra europei siano frenati ''. Dal sito di YAHOO.Finanza, 8 dicembre 2010 Divorzi rinviati per carenza di case ( Italia Oggi.online ) Spagnoli separati in casa. Se una casa ce l'hanno ancora. E il divorzio viene rinviato, in attesa di tempi migliori. Questo è uno degli effetti della crisi immobiliare in Spagna.

6 Dall'inizio della recessione economica, le Banche iberiche hanno sequestrato circa 300 mila alloggi. Con attivi immobiliari valutati 180 miliardi di euro, gli Istituti hanno tagliato l'accesso al credito ai privati dopo aver accordato, nei folli anni del boom, prestiti per centinaia di migliaia di euro su cinquant'anni ai «mileurista», quei salariati, generalmente precari, che guadagnano euro al mese. Il salario minimo spagnolo è pari a 740 al mese, mentre la disoccupazione riguarda ormai il 20 % della popolazione attiva. Così la casa è diventata un lusso per una larga fetta degli spagnoli. I prezzi degli immobili sono scesi solo del 13 % rispetto ai massimi registrati nel 2007 dopo dieci anni durante i quali essi erano aumentati del 200 %. Nello stesso periodo gli stipendi sono cresciuti del 30 %. E la situazione è destinata a peggiorare. Secondo la Banca di Spagna, il 40 % dei 4,5 milioni di disoccupati, ossia 1,8 milioni di persone, vive oggi in un nucleo famigliare nel quale nessuno dei membri lavora. Inoltre a partire dal prossimo febbraio il Governo cancellerà l'aiuto eccezionale di 426 varato nell'agosto del 2009 per i disoccupati che non rientravano più nell'indennità. Non è quindi un caso che la domanda di alloggi sociali in locazione cresca in maniera esponenziale, mentre l'offerta sia ridicolmente insufficiente. Le regioni autonome per assegnare gli alloggi a canone agevolato ricorrono addirittura all'estrazione a sorte. Così sempre più spagnoli ritornano a casa dai genitori e molte coppie rimandano il divorzio. Mentre ogni settimana almeno 800 famiglie vengono sfrattate. Tutto questo mentre la Spagna possiede il più grande parco di alloggi vuoti di tutta Europa e mentre si moltiplicano le cattedrali nel deserto che il Paese guidato dal Premier Zapatero ha visto sorgere nel periodo di massima crescita della speculazione immobiliare. Come l'ensanche de Vallecas, alle porte di Madrid, pensata per accogliere oltre 100 mila persone in più di 25 mila appartamenti. Si tratta del più grande progetto di sviluppo urbano della regione, ma l'esplosione della bolla immobiliare ha soffocato il suo sviluppo. Oggi su un terreno di 700 ettari abitano solamente 20 mila persone. E regna il silenzio. Berlusconi - Zapatero scrivono a leader UE ( Ansa ) Bruxelles, 8 dicembre Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e il Premier spagnolo, Josè Luis Zapatero, hanno chiesto ufficialmente con una lettera a tutte le Cancellerie europee di mettere la questione del brevetto comunitario all'ordine del giorno del Consiglio UE della prossima settimana. Entrambi si sono dichiarati nettamente contrari alla proposta di ricorrere alla procedura della cooperazione rafforzata. Governo: arriva DdL per ridurre uso auto blu ( MF - DJ ) Milano Uno degli status symbol più ambiti dai vertici della Pubblica Amministrazione, l'auto blu, potrebbe presto diventare appannaggio di pochissimi eletti. In Consiglio dei Ministri sta per arrivare il " disegno di legge per la trasparenza, la razionalizzazione, l'ottimizzazione e la riduzione delle autovetture di servizio utilizzate dalle pubbliche amministrazioni ". Un provvedimento, si legge in un articolo di MF, che porta la firma di Renato Brunetta e il cui scopo è ridurre drasticamente uso e spese delle auto blu. Il DdL prevede, innanzitutto, che l'uso dei veicoli sarà possibile solo per effettive necessità legate a inderogabili ragioni di servizio. Se, tuttavia, per fare quello stesso percorso è più economico prendere un taxi, allora bisognerà utilizzare questo mezzo di trasporto. Non solo.

7 I parchi auto e le relative spese dovranno essere drasticamente tagliati a partire dal Ogni Amministrazione dovrà preparare un Piano triennale per garantire che la spesa per le auto di servizio non superi nel 2014 il 60 % di quella del Ma allora come dovranno muoversi i boiardi? Il Disegno di Legge indica diverse strade per risparmiare: stipulare convenzioni con società di tassisti o di noleggio con conducente; utilizzare le convenzioni della Consip per noleggiare le auto; ma anche " razionalizzare l'uso delle autovetture per percorsi in tutto o in parte coincidenti da realizzarsi attraverso l'utilizzo condiviso delle autovetture ". Ma quanto conta di risparmiare lo Stato? Potenzialmente tanto, secondo la relazione tecnica. Solo di benzina potrebbero uscire 300 mln in meno dalle casse Fallimenti in aumento, 8000 in nove mesi ( Trend.online ) di Pierpaolo Molinengo Continua per il decimo trimestre consecutivo l'escalation dei fallimenti. In particolare nel terzo trimestre, secondo l'osservatorio Crisi d'impresa del Cerved, sono state aperte poco meno di procedure fallimentari ( + 18 % sullo stesso periodo 2009 e + 13 % rispetto al trimestre precedente ), mentre nei primi nove mesi hanno sfiorato quota 8 mila ( + 23 % rispetto allo stesso periodo del 2009 ). Nei primi tre trimestri dell'anno, nel dettaglio, i fallimenti hanno registrato ritmi più elevati tra le società di capitale ( + 27 % rispetto allo stesso trimestre del 2009 ) contro il + 14 % osservato tra le società di persone e il + 17 % tra le altre forme giuridiche. I default hanno colpito soprattutto le imprese che operano nell'industria: l'incidenza dei fallimenti rispetto all'insieme delle aziende del settore ( insolvency ratio ) ha toccato quota 31,7 ( su 10 mila imprese operative ). Il Nord rimane l'area in cui l'incidenza dei fallimenti è maggiore anche se il terzo trimestre sembra segnare l'avvio di un'inversione di tendenza con incrementi delle procedure maggiori nel Mezzogiorno ( + 23 % ). Tra luglio e settembre il centro studi Cerved evidenzia poi, per la prima volta dall'inizio della crisi, un calo dei concordati preventivi: sono state, infatti, presentate poco meno di 200 domande ( - 16 % rispetto a quanto registrato nello stesso trimestre 2009 ). Mentre, nei primi nove mesi dell'anno, le domande sono state 731 ( + 8 % ) rispetto ai primi tre trimestri 2009 Eurobond: La Merkel risponde a Juncker e ribadisce il suo no ( Borsainside.it ) Il Cancelliere tedesco Angela Merkel ha reagito immediatamente alle critiche mosse alla Germania da Jean- Claude Juncker dopo il suo no ai cosiddetti Eurobond. La Merkel ha dichiarato di esigere un dibattito razionale per risolvere le divergenze relative alle vie per uscire dalla crisi. Secondo la Merkel sarebbe necessaria una " discussione costruttiva ". La Merkel ha lasciato comunicare attraverso il suo portavoce Steffen Seibert che non si aiuta nessuno se le singole parti si attaccano reciprocamente e si definiscono " antieuropee ". La proposta relativa all'emissione di titoli di debito europei non sarebbe nuova e sarebbe stata già studiata attentamente dal Governo tedesco.

8 La Merkel ribadirà anche durante il prossimo vertice dell'ue la sua opposizione agli Eurobond. Secondo il Governo tedesco la loro emissione richiederebbe degli importanti cambiamenti dei Trattati europei, che quasi nessuno vorrebbe effettuare. Gli Stati membri non avrebbero inoltre con gli Eurobond più gli stimoli necessari per sanare i loro bilanci. Irlanda: bancomat magici... per poco ( Wall Street Italia ) Babbo Natale sembra essere passato in anticipo in Irlanda proprio mentre il Parlamento era riunito per approvare la manovra fiscale più dura nella memoria del Paese. In alcuni sportelli automatici di Bank of Ireland i clienti hanno potuto prelevare più denaro di quello disponibile sul rispettivo conto corrente. Intono alle 12 di ieri le persone sparse in tutta l'irlanda hanno iniziato ad avere problemi nell'accedere ai loro account via web così come ai bancomat. Ma non tutti gli sportelli automatici erano in panne. Lo dimostrano le foto che entro le circolavano su Twitter. Insomma, per qualche fortunato c'è stata la possibilità di partecipare a una nuova forma di lotteria. E gli aspiranti vincitori non sono mancati, viste le lunghe file davanti al bancomat. Come spiegato dal New York Times, l'esperienza porta alla memoria le pratiche delle Banche prima dello scoppio della bolla immobiliare, quando venivano concessi prestiti sul 100 % del valore dell'immobile da acquistare anche a coloro che avevano bassi stipendi. Insomma, il credito facile e a poco prezzo era la norma in tutto il Paese. Stamattina il portavoce della Banca trasformatasi per un giorno in Babbo Natale ha gettato acqua sul fuoco. Le persone che hanno effettuato ricchi prelievi non ufficialmente autorizzati dovranno rimborsare l'istituto. Insomma, dopo credito facile, operazioni di deleveraging ( riduzione del debito ). Una storia per nulla nuova. UE: Bruxelles detta sanzioni più severe sui servizi finanziari ( Asca ) Roma, 8 dicembre La Commissione Europea ha adottato oggi una comunicazione che indica possibili modi per rafforzare i regimi sanzionatori nel settore dei servizi finanziari dell'ue. Attualmente le regole differiscono moltissimo da uno Stato membro all'altro e spesso possono non rappresentare un deterrente efficace. Sulla base di un esame dei regimi sanzionatori nazionali applicabili alle violazioni delle disposizioni nazionali che recepiscono alcune tra le più importanti Direttive UE in materia di servizi finanziari, la comunicazione indica i punti da migliorare e suggerisce possibili azioni a livello UE intese a rafforzare la convergenza e l'efficienza di tali regimi. Gli interessati potranno inviare i propri contributi fino al 19 febbraio Michel Barnier, Commissario per il Mercato Interno e i Servizi, ha dichiarato: '' Se un Istituto finanziario non rispetta le regole UE in materia di servizi finanziari, i suoi trader e dirigenti devono sapere che non ne usciranno indenni, e che la risposta sarà dura, ovunque in Europa. Adesso, troppo spesso, non è così. La comunicazione adottata oggi indica come procedere per garantire che i poteri sanzionatori saranno più forti e più convergenti in tutta l'europa, per consentire all'ue di tutelare meglio gli interessi dei cittadini ''. UE: meno commissioni su carte pagamento ( Ansa ) Bruxelles, 8 dicembre La Commissione Europea ha reso vincolante l'impegno assunto da Visa per ridurre i costi delle commissioni applicate sull'uso delle carte di pagamento.

9 Ciò comporterà che la massima commissione applicabile su un'operazione nazionale o internazionale, non potrà superare lo 0,2 % del valore dell'operazione. In tal modo le commissioni per operazioni effettuate all'interno di un Paese registreranno una riduzione del 60 %, mentre quelle per operazioni internazionali diminuiranno in media del 30 %. Pensioni invalidità: Censis, 1 su 2 viene erogata al Sud ( AGI ) Roma Più invalidi al Sud e nelle Isole che nel resto d'italia. Praticamente la metà delle pensioni di invalidità e di inabilità e cioè il 48,1 %, secondo i dati dell'inps riportati dal Censis nel suo Rapporto sulla situazione sociale del Paese, vengono pagate nelle Regioni del Meridione, in Sicilia e in Sardegna. Mutui: Consumatori, con crisi in 2010 boom di pignoramenti ( AGI ) Roma Nel 2010 si consolida il boom pignoramenti immobiliari ( + 31,8 % sul 2009 ) causati dalla crisi. Su 3 milioni e 600 mila mutui sono 350mila le sofferenze. Lo segnala in una nota Adusbef Federconsumatori secondo cui i pignoramenti nel 2010 sono stati 28mila contro i 21mila del 2009 e i 20mila del Gli aumenti maggiori di pignoramenti si registrano a Milano ( , che ammontano quindi a ), seguita da Torino ( con un totale di ); Roma ( + 728, con un totale di ); Monza ( + 424,con un totale di ). Mutui: Bankitalia, 5 % famiglie nel 2007 non riusciva a pagare rate ( Adnkronos ) Roma, 8 dicembre Il 5 % delle famiglie italiane, nel 2007, non riusciva a pagare le rate del proprio mutuo. E' il risultato che emerge dallo studio 'The rise of risk-based pricing of mortgage interest rates in Italy', di Silvia Magri e Raffaella Pico, pubblicato nei Temi di discussione sul sito della Banca d'italia. Il valore registrato è il più alto, insieme alla Spagna, fra i sette Paesi europei presi in considerazione. Da notare anche che la percentuale di italiani che ha sottoscritto un mutuo è la più bassa ( pari al 13 % ), mentre il tasso degli ' insolventi ' rispetto al totale della popolazione ( 0,6 % ) è sostanzialmente in linea con quello degli altri Paesi. I risultati dello studio mettono anche in luce che in Italia vi è un legame tra il tasso di interesse sul mutuo e lo specifico rischio di credito del cliente. Per i mutui concessi dal 2000 al 2007, il differenziale di tasso di interesse fra le classi di famiglie più e meno rischiose è pari a 43 punti base. Inoltre, il ricorso a strategie di prezzo basate sul rischio specifico del debitore sembra essere cresciuto nel tempo, coerentemente con la maggiore diffusione e precisione delle metodologie di credit scoring e analogamente a quanto accaduto negli Stati Uniti. Usa: Casa Bianca, senza accordo su taglio tasse rischio nuova recessione ( Asca-AFP ) Washington, 8 dicembre Se non si riuscirà a raggiungere un compromesso sul taglio delle tasse gli Usa rischiano di far ripiombare l'economia a stelle e strisce nella recessione. Lo ha detto Larry Summers, tra i principali consiglieri economici della Casa Bianca.

10 L'eventuale fallimento del Congresso ad approvare la proposta di riforma fiscale voluta dal Presidente Obama entro le prossime due settimane farà '' aumentare significativamente il rischio di una nuova recessione '', ha detto Summers ai cronisti. Citigroup: a Morgan Stanley 42 Mln ( Ansa ) New York, 8 dicembre Morgan Stanley e le altre 13 società che hanno curato per il Tesoro americano il collocamento dei 2,4 miliardi di azioni Citigroup hanno incassato commissioni per 42,3 milioni di dollari. E' quanto si evince - riporta l'agenzia Bloomberg - dalle comunicazioni alla SEC. Il collocamento è stato curato da Morgan Stanley e, fra gli altri, da Bank of America e UBS. AIG: Tesoro Usa pensa a vendita in 2011 per oltre 10 Mld ( AGI ) New York, 8 dicembre Il Governo Usa ha in programma di vendere, nella prima parte del 2011, oltre 10 miliardi di dollari di azioni di American International Group Inc, il colosso assicurativo salvato dal collasso grazie a un prestito di emergenza di oltre 180 miliardi. Lo riferiscono alcune fonti vicine all'operazione. Intesa Sanpaolo: domani al via da Napoli incontri " Insieme per la crescita " ( MF - DJ ) Milano Sviluppo, innovazione, solidarietà. Saranno questi i temi conduttori che animeranno " Insieme per la crescita ", una serie di incontri pianificati dai vertici di Intesa Sanpaolo, in programma partendo da Napoli domani e il giorno successivo. L'obiettivo principale, spiega una nota, è di riaffermare la vicinanza e dare risposte concrete alle diverse realtà territoriali che costituiscono il variegato insieme economico e civile italiano. Il vertice della Ca' de' Sass incontrerà imprenditori, esponenti delle Associazioni di categoria, istituzioni locali, oltre ai responsabili delle filiali che compongono la rete territoriale del Gruppo. Insieme al Consigliere Delegato Corrado Passera ci saranno il D. G. Vicario, Marco Morelli, e il D. G. Gaetano Miccichè, oltre ai direttori regionali di ogni singola area. Gli incontri, dopo la tappa di Napoli, si terranno a Milano, Como, Torino, Padova, Bologna, Firenze, Roma, Palermo e Cagliari. Il tour si concluderà entro l'inizio della prossima primavera. " Lo sviluppo è alla base del nostro impegno di grande Gruppo bancario al servizio del Paese ", ha spiegato Passera, " perchè riteniamo la crescita sostenibile un fattore da cui l'italia non può prescindere, anche in considerazione del ritardo accumulato in passato. Crediamo che la strada dello sviluppo passi necessariamente dall'innovazione, non solo riferita a tecnologie e processi industriali, ma più in generale al sistema Paese". Sbloccato il polo assicurativo, ma Intesa Sanpaolo non batte ciglio in Borsa ( Finanza.com ) Intesa Sanpaolo ha vinto la sua battaglia con l'antitrust. Ma il titolo non ne approfitta in Borsa. Di fronte ai rialzi corposi che questa mattina sta mettendo a segno settore bancario in Piazza Affari, l'azione di Ca de Sass si accontenta di segnare un + 0,71 %, scambiando a quota 2,12 euro. Intesa si sarebbe impegnata con l'autorità a non vendere prodotti assicurativi di altre Compagnie attraverso la propria rete, soprattutto quelli di Generali che ha una quota del 4,9 % della Banca guidata da Corrado Passera. A mettere il sigillo adesso mancherebbe solo il placet dell'isvap.

11 " Intesa Sanpaolo non potrà vendere polizze di Generali, ma questo non è un problema perché la joint venture vita era già stata sciolta ", commentano gli analisti di Equita confermando la raccomandazione d'acquisto sull'istituto fino a un target price di 3,5 euro. " Si tratta di una piccola notizia positiva perché finalmente si potrà creare un'unica Compagnia per tutto il Gruppo ". Secondo gli analisti di Banca Akros la soluzione sembra rilanciare l'impegno del Gruppo nella produzione di prodotti vita e potrebbe avere un impatto positivo anche sulle società di Asset Management del Gruppo. Gli esperti che non si sbilanciano sulle possibili ricadute per l'ipo di Banca Fideuram comunque non vedono impatti sul prezzo del titolo. La raccomandazione resta buy con target price a 2,90 euro. Unicredit: 14/12 CdA su nomine, Piano e Offerta su MCC ( MF - DJ ) Roma Consiglio corposo di Unicredit quello convocato per le di martedì prossimo 14 dicembre. Lo scrive Il Messaggero spiegando che ieri sarebbe stato trasmesso ai Consiglieri l'ordine del Giorno della riunione. Tra le decisioni quelle sulle nomine: dalla formulazione - spiega il giornale - non è però chiaro se si arriverà alla scelta del nuovo Deputy General Manager CIBSBA, la poltrona lasciata vacante da Sergio Ermotti. Nel corso dell'ultimo Comitato Governance&nomine tenutosi venerdì della scorsa settimana, aggiunge il quotidiano, si sarebbe accennato a una doppia candidatura di banker esterni a Unicredit, senza scoprire l'identità. In realtà, secondo il quotidiano, alcune Fondazioni propendono per una scelta che valorizzi un manager di peso della banca mentre il Presidente gradirebbe un innesto esterno che abbia lo stesso peso di Ermotti. Sulle altre designazioni, prosegue il giornale, i giochi sono fatti: per il responsabile delle risorse umane, l'ultimo Comitato Nomine ha individuato Paolo Cornetta. A seguire, continua il quotidiano, il Board esaminerà il Piano Strategico di Gruppo, cioè le linee essenziali di sviluppo nei prossimi 5 anni, ma non ci saranno indicazioni numeriche che invece fanno parte del Progetto atteso per la prossima primavera. Tra le altre decisioni, conclude il giornale, anche la vendita di un immobile non strumentale a New York, l'esame dell'offerta delle Poste per MCC e il Progetto Eurosig, predisposto dal Deputy General Manager, Paolo Fiorentino, relativo al sistema informatico in Germania. Caduta nel vuoto la battaglia di Cantona contro le Banche ( Trend.online ) di Pierpaolo Molinengo Al richiamo svuotiamo i conti in Banca, c'è chi si aspettava un assalto in massa alle varie filiali, per dare una secca lezione agli Istituti di credito. Ma il tutto è finito con un sonoro fallimento. Nemmeno Eric Cantona, ex attaccante del Manchester, si è recato presso la propria Banca per prelevare i soldi. Ricordiamo che Cantona aveva lanciato l'invito di prelevare il 7 dicembre tutti i risparmi depositati negli Istituti di credito. " Se 20 milioni di risparmiatori ritirassero contemporaneamente i loro soldi dai conti correnti, il sistema bancario crollerebbe... La rivoluzione si fa attraverso le Banche ", aveva dichiarato Cantona due mesi fa a un giornale francese. In nessuna Banca francese e belga si sono registrate code agli sportelli. Lo stesso Cantona, non sembra ancora essere passato in Banca a ritirare i suoi soldi.

12 " La settimana scorsa, Cantona ci ha annunciato che sarebbe passato oggi a ritirare una somma superiore a euro, ma ancora non è passato ", ha riferito Antoine Poissonnier, responsabile dell'agenzia BNP Paribas di Albert, piccolo comune del nord della Francia, dove il calciatore ha il proprio conto. Dal sito di YAHOO.Finanza, 9 dicembre 2010 Irlanda, Parlamento voterà aiuti Fmi/Ue. No opposizione ( Reuters ) Il Governo irlandese chiederà la settimana prossima l'approvazione parlamentare del Piano di salvataggio FMI / UE da 85 miliardi di euro. Lo ha detto oggi il Primo Ministro Brian Cowen, mentre il partito di opposizione di centrosinistra ha annunciato il suo voto contrario. " Chiederò il dibattito nel Dail Eireann ( il Parlamento ) mercoledì prossimo, quando daremo ancora una volta la possibilità all'opposizione di venire allo scoperto, riconoscere che questo accordo è essenziale ed è nel migliore interesse del Paese, o dire chiaramente la loro alternativa ", ha detto Cowen in un comunicato. " Il partito Laburista voterà contro, perché lo consideriamo un cattivo accordo ", ha detto a Reuters una portavoce del partito di opposizione. Cowen aveva dichiarato che " dibattere e sostenere una mozione nel Dail fornirà anche la certezza alla comunità internazionale che l'accordo è stato confermato dal Parlamento, che il Paese sta facendo quel che va fatto per risistemare la sue finanze pubbliche e che l'irlanda è impegnata nella sfida ". Grecia: FMI, perdita posto lavoro e recessione inevitabili ( MF - DJ ) Atene " E' un'illusione pensare che la Grecia faccia gli aggiustamenti necessari senza un'inevitabile perdita di posti di lavoro " e senza che l'economia vada incontro ad un periodo di " recessione ". Lo ha detto Paul Thomsen, Vice Direttore del Dipartimento europeo del FMI, durante una conferenza stampa ad Atene. Thomsen ha affermato che il programma di ripristino fiscale attuato da Atene è sulla giusta strada e che questo " aiuta a rassicurare che la ripresa si avrà verso la fine del 2011 ". Finanza: Gysi ( BSI ), Bruxelles non cancellerà segreto bancario ( MF - DJ ) Milano " La decisione dell'ecofin non riguarda le informazioni sulle relazioni bancarie, che sono invece oggetto di nostri negoziati con Francia e Gran Bretagna. Non mi pare che esista alcun nesso diretto tra le decisioni e i negoziati stessi ". Lo ha affermato, in un'intervista rilasciata al Corriere del Ticino, Alfredo Gysi, Pesidente della Direzione di BSI e dell'associazione Banche Estere in Svizzera, rispondendo al Ministro dell'economia, Giulio Tremonti, che ieri ha affermato che accordi bilaterali, come quelli che sta negoziando la Svizzera, ora verranno bloccati. Gysi ha infatti spiegato che è stato espressamente ribadito dall'ecofin che " sono escluse ( da tali accordi ) le cosiddette fishing expedition ", ossia le richieste generiche di informazioni bancarie, al solo scopo di pescare nomi e dati, nell'ambito dell'assistenza amministrativa tra i vari Paesi. Gb: da aumento tasse su Banche 2,5 Mld sterline in più ( AGI ) Londra, 9 dicembre La Gran Bretagna aumenterà l'anno prossimo l'imposizione fiscale sulle Banche portandola allo 0,05 % dallo 0,04 %, annunciato in precedenza.

13 Lo rende noto il Tesoro aggiungendo che nel 2012 la tassa aumenterà allo 0,075 % e non allo 0,07 % precedentemente annunciato. La tassa dovrebbe generare un incasso di 2,5 miliardi di sterline all'anno. BCE: per alcuni Paesi euro conti pubblici non sostenibili ( Asca ) Roma, 9 dicembre Alcuni Paesi dell'area euro presentano conti pubblici ' 'non sostenibili '' rimanendo molto vulnerabili alle reazioni dei mercati e con potenziali ripercussioni sull'intera area euro. La BCE rinnova le preoccupazioni sullo stato di salute dei conti pubblici nell'area euro e nel bollettino mensile rilancia la necessità che i Governi si facciano carico della responsabilità di restaurare la fiducia sulle finanze pubbliche. Solo così è possibile ridurre il premio sul rischio sui tassi di interesse e sostenere la crescita economica nel medio termine. BCE: nel 2012 debito non crescerà solo in Italia e Germania ( AGI ) Roma, 9 dicembre " E' probabile che il debito pubblico in rapporto al Pil aumenti in tutti i Paesi dell'area euro nel 2011 e in quasi tutti nel 2012, a eccezione di Germania e Italia ". Lo sottolinea la BCE citando le previsioni della Commissione Europea. " Sempre nel spiega la BCE nel bollettino mensile - il rapporto medio tra debito e Pil dell'area dell'euro ammonterebbe all'87,8 % del Pil, e quattro Paesi dell'area ( Belgio, Irlanda, Grecia e Italia ) registrerebbero rapporti debito / Pil superiori al 100 % ". Nel complesso, sottolinea ancora l'istituto di Francoforte, " i rischi per le proiezioni della Commissione sembrano essere sostanzialmente bilanciati ". Banche: Barnier, stiamo ripensando Mifid e sanzioni ( MF - DJ ) Roma " Stiamo ripensando la direttiva sui servizi finanziari, Mifid. Dobbiamo aggiornare il quadro regolamentare dirigendo la crisi. Serve maggiore protezione per gli investitori e più trasparenza ". Lo ha detto a La Stampa il Commissario UE al Mercato Unico e alla Finanza, Michel Barnier, spiegando che " puntiamo a tagliare le deroghe che consentono i "dark pools", le operazioni che non mostrano i prezzi anticipatamente. Il mondo è cambiato, dobbiamo farlo anche noi ". Quanto alle sanzioni, Barnier ha ricordato che " Goldman Sachs ha sborsato 15,5 Mln di multa perchè non ha dato informazioni corrette all'autorità Britannica. Ci sono altri sette Paesi europei in cui avrebbe pagato meno di euro. Questo crea disparità inaccettabili in cui si possono annidare comportamenti scorretti. Tutto questo deve finire. In primavera caleremo le nostre proposte. Spero entrino in vigore dal 2012 ", ha concluso. Banche: Cagnoli, 2011 migliore per Istituti italiani ( MF - DJ ) Milano " Il 2011 sarà ancora un anno difficile per le Banche italiane. Ma è prevedibile un miglioramento rispetto al 2010 perchè il flusso delle nuove sofferenze crescerà a ritmi minori, con la conseguenza di una riduzione degli accantonamenti, e perchè sul fronte dei tassi è immaginabile una lieve risalita nel secondo semestre ". E' quanto ha affermato in un'intervista al Sole 24 Ore Giovanni Cagnoli, A. D. per l'italia di Bain & Company, che si mostra fiducioso sulle prospettive di ripresa delle Banche italiane e, relativamente ai problemi dell'euro e ai rovesci in Borsa sui titoli bancari, commenta: " sono solo movimenti speculativi, i fondamentali dell'economia sono in miglioramento e non vedo motivi di eccessiva preoccupazione ".

14 Secondo il consulente, la redditività futura degli Istituti di credito non potrà che arrivare dalla capacità di generare più ricavi. Cagnoli ha infatti concluso che " fatalmente le Banche dovranno ragionare su prodotti aggiuntivi da vendere allo sportello e tutti si stanno indirizzando sul mercato più contiguo, quello delle polizze assicurative, ma anche su credito al consumo, carte di credito, leasing auto o prodotti nuovi come i fondi sanitari. Credo però che nei prossimi anni la tendenza più significativa sarà la crescente concorrenza alle Assicurazioni da parte delle Banche ". Case americane: in un anno bruciati $ 1700 miliardi ( Wall Street Italia ) Il 2010 dovrebbe chiudersi con un valore delle case americane inferiore di $ miliardi rispetto a un anno prima. La stima è del sito Internet specializzato nell'immobiliare Zillow. La flessione dell'anno che sta per terminare è più grande del 63 % rispetto ai $ miliardi andati in fumo nel Il valore totale " bruciato " rispetto al picco del settore nel 2006 è di $ miliardi. Sebbene i benefici fiscali abbiano sostenuto il comparto nella seconda metà del 2009 e nei primi sei mesi del 2010, il valore delle abitazioni ha continuano a perdere slancio nel resto dell'anno. Almeno $ 700 miliardi di valore sono stati persi da gennaio a giugno contro i $ miliardi della seconda metà del 2010 stimati da Zillow. " Gli incentivi da parte del Governo possono solo temporaneamente sostenere il mercato, che troverà il suo naturale equilibrio tra domanda e offerta ", ha spiegato il capo economista del sito web Stan Humhries. L'equilibrio non significa però necessariamente un miglioramento. " Sfortunatamente con pignoramento ai massimi storici non sembra affatto che la prima parte del 2011 porti con sé un po' di sollievo ", ha aggiunto. Solo il 24 % dei 129 mercati monitorati da Zillow hanno registrato un aumento delle valutazioni degli immobili quest'anno. Nel complesso nell'area metropolitana di Boston c'è stato un + $ 10.8 miliardi mentre a San Diego + $ 10.2 miliardi. Le zone che soffrono di più includono New York City ( miliardi ) e Los Angeles ( - $ 38.6 miliardi ). La perdita di valore degli immobili Usa spinge gli americani sempre più " under water ", ossia in maggiori difficoltà. Nel terzo trimestre 2010 il 23.2 % dei possessori di una casa si è ritrovato a pagare un mutuo più alto rispetto all'effettivo valore dell'immobile. Era il 21.8 % nel Fisco: Roma, tasse al rialzo per 9,5 % case ( Ansa ) Roma, 9 dicembre Possibile rincaro delle tasse a Roma per quasi il 10 % delle case. Nella Capitale è infatti stato avviato il processo per il riclassamento di immobili in alcune zone dove i valori di mercato e i valori catastali sono molto differenti. Le abitazioni ultrapopolari in Piazza Navona o quelle rurali tra le Ville dell'appia, le stalle e le rimesse senza scopo di lucro ai Parioli, gli alloggi economici a Prati: sono l'oggetto della revisione dei classamenti che il Comune di Roma ha deciso di avviare. Lavoro: BCE, aumenta durata disoccupazione, serve flessibilità salariale ( Adnkronos ) Roma, 9 dicembre

15 '' Al fine di ridurre la disoccupazione strutturale e il rischio di erosione del capitale umano associato ai lunghi periodi di disoccupazione, sono auspicabili politiche intese a promuovere la moderazione e la flessibilità salariale, insieme ad altre politiche attive per il mercato del lavoro, che rendano più efficiente l'incontro tra domanda e offerta e che rafforzino l'attaccamento al mercato del lavoro da parte dei disoccupati di lungo periodo ''. A sostenerlo, nel bollettino mensile di dicembre, è la BCE evidenziando come la durata della disoccupazione '' è bruscamente aumentata nell'area dell'euro ''. Il numero di persone rimaste disoccupate per almeno 12 mesi, infatti, sottolinea l'istituto di Francoforte, '' ha subito un incremento del 30 % nell'anno fino al secondo trimestre del 2010, a fronte di una crescita media del 4 % registrata nel periodo ''. Lavoro: Cisl, in Italia flessibilità salariale già attiva ( Asca ) Roma, 9 dicembre '' In Italia la questione della flessibilità salariale, invocata dalla BCE per contrastare la disoccupazione strutturale ed il rischio di erosione del capitale umano, è stata già positivamente affrontata con l'accordo sulle nuove regole della contrattazione che valorizza la contrattazione di secondo livello. Il Sindacato è ora impegnato per una maggiore diffusione del secondo livello di contrattazione, ma le nuove regole hanno già consentito di realizzare importanti Accordi in questi mesi ''. E' questo il commento del Segretario Confederale della Cisl Giorgio Santini sui dati forniti oggi dalla BCE. '' Sono invece da migliorare, come sostiene la BCE, le politiche attive del lavoro - sottolinea Santini - per le quali sono state attivate regole e procedure in tutte le Regioni, ma che non sono dappertutto operative ed ancora non coinvolgono tutti i Lavoratori sospesi o licenziati, in particolare i giovani, per i quali il tasso di disoccupazione è più che doppio rispetto alla media dell'area euro. E' dunque necessario, a fianco alla proroga degli ammortizzatori sociali già prevista nella Legge di Stabilità appena approvata - conclude il sindacalista della Cisl - uno sforzo straordinario da parte di tutti, istituzioni e Parti Sociali, per realizzare velocemente nei territori percorsi mirati di politica attiva del lavoro che possano consentire un rapido reimpiego dei Lavoratori, ad evitare che cresca la disoccupazione di lunga durata, rischio reale sottolineato con forza dalla BCE ''. Commercio: Altromercato, fatturato a 47 Mln ( + 11 % a/a ) ( MF - DJ ) Verona Si è svolta lo scorso 14 novembre l'assemblea dei soci del Consorzio CTM Altromercato, la maggiore Organizzazione di commercio equo e solidale operante in Italia, che ha approvato il bilancio d'esercizio per l'anno fiscale , ed eletto il CdA. In un anno in cui molte aziende italiane hanno visto un peggioramento dei propri risultati, si legge in una nota, Altromercato registra un dato di chiusura assai positivo con un fatturato complessivo di 47 mln di euro. Una crescita del fatturato pari a quasi l'11 % a/a e dell'utile netto dopo i ristorni di oltre euro. " Mentre un certo tipo di mercato mette a nudo la fragilità di uno sviluppo basato su speculazioni e indebitamento, si dimostra invece solido un 'altro' mercato, fondato su cicli produttivi e finanziari reali e sull'accesso equo e sostenibile ai mercati da parte di tutti gli attori coinvolti - sottolinea Guido Vittorio Leoni, Presidente di Altromercato - Siamo orgogliosi della fiducia che i consumatori continuano ad accordare ad un'organizzazione originale come la nostra. Il valore aggiunto 100 % solidale di cui siamo portatori si accompagna - e i risultati di bilancio lo confermano - con la capacità di confrontarsi con successo su mercati competitivi come quello dei prodotti alimentari, dei prodotti per la persona e per la casa.

16 Attraverso un canale di distribuzione peculiare come quello delle botteghe del mondo Altromercato, ma anche attraverso il canale della GDO e dei negozi specializzati ". P. A. : trasmessi all'inps oltre 2 Mln certificati malattia online ( Asca ) Roma, 9 dicembre Gli ultimi dati ufficiali dell'inps confermano l'ampio utilizzo della procedura per l'invio dei certificati di malattia dei lavoratori pubblici e privati per via telematica. Nell'ultima settimana il numero dei documenti trasmessi dai medici ha superato infatti le unità ( di cui nelle ultime 24 ore ), raggiungendo così un valore totale di Ne dà notizia un comunicato del Ministero della Pubblica Amministrazione e dell'innovazione. Il dettaglio regionale del flusso dei certificati di malattia inviati online è il seguente: in Lombardia, nel Lazio, in Veneto, in Emilia Romagna, in Sicilia, in Campania, nelle Marche, in Piemonte, in Puglia, in Abruzzo, in Toscana, in Calabria, nella Provincia di Bolzano, in Liguria, nella Provincia di Trento, in Sardegna, in Umbria, in Basilicata, in Friuli Venezia Giulia, in Valle d'aosta e in Molise. Dal raffronto tra i certificati di malattia cartacei dei Lavoratori privati acquisisti dall'inps nel 2009 e quelli trasmessi telematicamente nel 2010, emerge l'effetto positivo della nuova procedura. La percentuale dei documenti telematici del 2010 rispetto ai cartacei del 2009 è passata dal 20 % di agosto, al 45 % di settembre, al 56 % di ottobre, al 57 % di novembre. Secondo le prime stime, nel mese di dicembre verrà raggiunto il 76 %. I dati forniti dal Ministero dell'economia e delle Finanze sottolineano il valore elevato, pari al 90 %, della media regionale dei medici di famiglia abilitati all'invio telematico dei certificati. Tutti i medici di famiglia sono abilitati in Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Friuli Venezia Giulia ( dove viene utilizzata la Carta Nazionale dei Servizi ) e in Valle d'aosta ( dove il PIN è stato consegnato al 100 % dei medici ). Elevate le percentuali anche in Veneto ( 98 % ), nella Provincia di Bolzano ( 98 % ), in Campania ( 95 % ), nelle Marche ( 94 % ), in Basilicata ( 94 % ), in Umbria ( 93 % ), in Calabria ( 92 % ), in Piemonte ( 92 % ), in Puglia ( 92 % ), in Sardegna ( 91 % ). Seguono Abruzzo ( 89 % ), Lazio ( 87 % ), Sicilia ( 85 % ), Molise ( 72 % ) e la Provincia di Trento ( 71 % ). Sempre in ritardo la Liguria, dove solo il 48 % dei medici di famiglia ha provveduto a ritirare il PIN. Istat: in ha innovato 1 impresa su 3 ( MF - DJ ) Roma Nel triennio le imprese italiane con 10 o più addetti che hanno svolto attività di innovazione sono state , pari al 33,1 % dell'universo considerato. Lo rende noto l'istat aggiungendo che la maggior parte di esse ( il 30,7 % ), quelle a cui si riferisce l'analisi, ha introdotto sul mercato o nel proprio processo produttivo almeno un'innovazione ( imprese innovatrici ); il rimanente 2,4 %, invece, è costituito da imprese con attività di innovazione che non si sono tradotte in nuovi prodotti, servizi o processi alla fine del Rispetto al triennio il numero di imprese innovatrici è aumentato di oltre tre punti percentuali. A livello settoriale, l'incidenza di imprese innovatrici è stata pari al 41,1 % nell'industria, al 20,3 % nelle costruzioni ed al 23,9 % nei servizi. Considerando la dimensione di impresa, il 28,2 % delle imprese nella classe addetti ha innovato, così come il 49,8 % di quelle con addetti e il 65,1 % di quelle con 250 addetti e oltre.

17 I settori più innovativi nell'industria sono stati le industrie farmaceutiche ( 75,5 % ), il settore della fabbricazione di computer e prodotti di elettronica ( 69,1 % ), le industrie chimiche ( 63,4 % ) e il settore della fabbricazione di autoveicoli ( 58,4 % ). Nei servizi, le imprese innovatrici sono più frequenti nelle telecomunicazioni ( 66,3 % ), nella produzione di software ( 60,9 % ) e nella ricerca e sviluppo ( 60,8 % ). A livello nazionale emerge la chiara tendenza delle imprese innovatrici a innovare contemporaneamente i prodotti e i processi di produzione ( oltre la metà delle imprese ha scelto questa tipologia di innovazione ). Gli investimenti innovativi rivolti ai soli processi di produzione hanno interessato il 27,8 % delle imprese, mentre quelli diretti ai soli prodotti - servizi hanno riguardato il 20,5 %. La preferenza verso forme di innovazione congiunte di prodotto e processo rappresenta una novità rispetto al passato quando era emerso, invece, un netto orientamento a introdurre innovazioni di solo processo. Nel 2008 l'impegno finanziario complessivamente sostenuto dalle imprese per le attività innovative è stato di 28 miliardi di euro ( 3 % in meno rispetto al 2006 ), per due terzi attribuibile alle imprese industriali. L'incidenza media per addetto è stata di euro, con valori più elevati nell'industria ( euro ) ed il valore massimo ( euro ) nelle imprese industriali con 250 addetti e oltre. Credem: 321 Mln di nuovi finanziamenti per famiglie ( MF - DJ ) Roma Un plafond complessivo di 321 milioni di euro ripartito nelle Regioni italiane in proporzione alla distribuzione delle filiali Credem sul territorio: per il mercato Emiliano - Romagnolo sono previsti 93 milioni, 28 milioni per la Lombardia, 7 milioni al Veneto, 9 milioni a Piemonte e Liguria, 13 milioni alla Toscana e 12 milioni al Lazio, mentre alle regioni del sud sono riservati 44 milioni alla Campania, 36 milioni alla Puglia, 25 milioni alla Calabria e 54 milioni alla Sicilia. E' questa l'iniziativa rivolta a clienti avviata da Credem che è presente su tutto il territorio nazionale con 563 filiali, 42 centri imprese, 929 promotori finanziari e una rete di oltre 195 agenti finanziari Creacasa. I clienti coinvolti dall'iniziativa, informa una nota, appartengono al segmento famiglie della Banca ed il finanziamento che potrà essere erogato immediatamente, senza esigenza di istruttoria o richiesta di giustificativo di spesa. " L'iniziativa Ti diamo Credito alla quale sono riservati oltre 320 milioni di euro ", spiega Maurizio Giglioli, responsabile della Direzione Marketing Retail di Credem, " segue di poche settimane quella analoga riservata alle Piccole e medie imprese denominata "Gran Cassa" che prevede un plafond di oltre un miliardo di finanziamenti. Questa nuova iniziativa ", prosegue Giglioli, " vuole essere un forte messaggio di attenzione e fiducia nei confronti delle famiglie nostre clienti ed è pensata per i clienti più affezionati ed ha l'obiettivo di premiarne la fedeltà al brand Credem con un segnale molto concreto e tangibile di attenzione. Crediamo che possa incontrare particolare apprezzamento in un momento non semplice per l'economia delle famiglie italiane e le semplici modalità di accesso al finanziamento evitano al cliente fastidiose istruttorie di credito od onerose richieste di documenti ". Banche: Julius Baer apre nuova Sede a Roma ( Asca ) Milano, 9 dicembre Julius Baer, importante Gruppo svizzero di Private Banking, apre un nuovo ufficio a Roma. Obiettivo del Gruppo elvetico, in seguito all'apertura degli uffici di Milano, è quello di rafforzare ulteriormente la propria presenza del in Italia. L'ufficio sarà guidato da Andrea Torlonia e si focalizzerà, come già avviene per la sede milanese, sull'offerta di servizi di investimento e gestione patrimoniale.

18 L'apertura della sede di Roma segna un ulteriore importante passo nella strategia di crescita di Julius Baer e riflette il fermo impegno del Gruppo nei confronti del mercato italiano. Il nuovo ufficio, che ha sede in Via Ludovisi 35, permetterà di intensificare il legame di Julius Baer con la capitale italiana e di essere più vicini agli investitori del Centro - Sud. '' Il Gruppo - ha spiegato Fabrizio Rindi, Presidente di Julius Baer in Italia - è un modello di solidità ineguagliato nel panorama bancario internazionale e vanta uno dei più alti coefficienti patrimoniali Tier 1 al mondo. Abbiamo un unico focus: la gestione patrimoniale. Il Gruppo crede fermamente nel mercato italiano che considera, nell'ambito europeo, uno dei mercati con più alte potenzialità di crescita nel settore del Wealth Management ''. D'accordo Gian Paolo Bardelli, Amministratore Delegato di Julius Baer in Italia: '' Intendiamo proseguire nell'espansione del Gruppo in Italia, fornendo servizi di consulenza altamente specializzata e su misura. Ritengo sia possibile offrire un servizio eccellente soltanto con la costante presenza dei nostri manager sul territorio. L'apertura di Roma ci consente di essere sempre più vicini alla nostra clientela rafforzando il legame con loro ''. Unicredit: torna alla ribalta Pioneer ( Trend.online ) Il dossier Pioneer torna d'attualità. La stampa britannica aggiunge tra i possibili compratori anche Resolution Limited, società di investimento creata dal finanziere Clive Cowdery. Il Gruppo inglese quotata dal dicembre 2008 alla Borsa di Londra starebbe valutando di realizzare un'acquisizione in Europa e per questo avrebbe iniziato a passare in rassegna i vari dossier o target alla sua portata, scrive il Financial Times. Il Daily Express segnala che in realtà la cernita sarebbe già stata fatta. Resolution punterebbe proprio alla società di Asset Management su cui Unicredit ha appeso il cartello vendesi. Ma le buone intenzioni della Compagnia inglese si scontrano con la realtà ossia con i paletti imposti da BofA Merrill: Piazza Cordusio non avrebbe messo in vendita il 100 % di Pioneer, ma solo una parte. Un dettaglio non trascurabile che secondo gli addetti ai lavori potrebbe far recedere diversi potenziali interessati, tra cui anche Resolution. Francia sostenibile ( Morningstar.it ) La finanza sostenibile è un tematica che è stata in grado di attrarre sempre più attenzione negli ultimi anni. Almeno, questo è il risultato che emerge dalla decima edizione della ricerca dedicata allo sviluppo dei fondi socialmente responsabili dal titolo Green, Social and Ethical Funds in Europe 2010, a cura di Vigeo su dati Morningstar. Il report conferma il trend in atto a livello europeo nell industria dei fondi sostenibili: una crescita sorprendente, iniziata nel 1999 e interrotta solo nel 2008 da una pausa di consolidamento per la crisi dei mercati finanziari. Balzo del patrimonio - Nel periodo che va da giugno 2009 a giugno 2010, il numero dei fondi responsabili è cresciuto del 29 %, attestandosi a 879. Al 30 giugno, il patrimonio gestito ammonta a 75 miliardi di euro ( balzo del 41 % rispetto a 12 mesi prima ). Ad oggi, gli Asset gestiti responsabilmente contano per l 1,4 % del patrimonio totale europeo, leggermente meglio rispetto all 1,1 % del L incremento del numero dei fondi comuni e delle masse ha rappresentato la forza di questo segmento del risparmio gestito che, pur in presenza di mercati volatili, è stato interessato da flussi di raccolta netta positiva, si legge nell analisi.

19 Francia la più responsabile, Italia fanalino di coda. - La crescita del fenomeno ha avuto velocità diverse nei vari Paesi: la leadership rimane in capo alla Francia che, con un + 92 % nelle masse gestite secondo principi di responsabilità sociale, si conferma il primo mercato in Europa. Cresce rapidamente anche la Svizzera ( + 59 % del patrimonio ), seguita dalla Svezia ( + 48 % ). La tendenza positiva, sebbene con tassi più contenuti, è confermata anche in altri Paesi, quali Regno Unito ( + 9 % ) e Germania ( + 11 % ). In ripresa anche l Italia ( + 13 % ) dopo il precedente periodo di stallo delle masse gestite. A livello assoluto, però, il Belpaese resta il fanalino di coda d Europa, con solo il 3 % dei fondi SRI ( Social Responsable Investment ) domiciliati in Italia. Il Paese in cui l investimento responsabile pesa di più in proporzione al totale gestito in fondi ( quasi 10 % ) è anche quest anno il Belgio. In termini di tipologia di prodotti, aumentano le masse gestite dei monetari ( che passano dal 20 al 38 % del totale negli ultimi tre anni ), a scapito delle gestioni azionarie ( che scendono dal 67 % al 51 % nello stesso periodo ), mentre il patrimonio dei bilanciati si mantiene stabile intorno all 11 %. Inps: cassetta postale online per monitorare corrispondenza dal 2006 ( Asca ) Roma, 9 dicembre E' attivo sul sito internet dell'inps ( ) il servizio '' Cassetta Postale on line '': uno strumento nuovo pensato per rendere ancora più trasparente la comunicazione dell'istituto con i milioni di italiani che, per i motivi più diversi, hanno ricevuto almeno una comunicazione dagli uffici Inps negli ultimi anni. Il servizio consente infatti di monitorare direttamente sul web tutta la corrispondenza intercorsa con l'inps, dal 2006 ad oggi. Attraverso la Cassetta Postale on line è possibile visualizzare tutte le lettere ricevute dall'inps in formato PDF e, in caso di raccomandata A/R, anche l'immagine della ricevuta di ritorno con la data di ricezione. Nel caso in cui la spedizione non sia andata a buon fine, si può visualizzare l'immagine della busta con l'indicazione del motivo della mancata consegna. '' è un altro passo fondamentale per assicurare servizi più fruibili e trasparenza per tutti i cittadini - commenta il Presidente dell'inps, Antonio Mastrapasqua - la nuova versione del sito, l'obiettivo di una massiccia telematizzazione dei servizi disponibili: sono tutti passi per rendere l'inps più vicino ai cittadini, senza farli scomodare da casa ''. Con il servizio '' Cassetta Postale on line '', di ogni comunicazione è possibile reperire informazioni dettagliate come la tipologia di comunicazione, la presenza di eventuali altri destinatari, il tipo di spedizione, la data di invio, il codice della raccomandata. In questo modo, chiunque potrà in ogni momento disporre dal proprio pc di un quadro completo e aggiornato del suo rapporto epistolare con l'inps, senza dover più necessariamente conservare copia di ogni singola lettera. Per accedere al servizio è necessario avere il codice PIN rilasciato dall'istituto per l'accesso a tutti i servizi on line oppure richiederlo al numero verde Una volta ottenuto il PIN, sarà sufficiente cliccare sul banner '' Cassetta Postale on line '' presente nella home page, oppure, dalla sezione '' Servizi on line '', cliccare su '' Servizi al cittadino '' e poi selezionare l'applicazione '' Cassetta postale on line ''. Fisco: quando gli omaggi natalizi sono deducibili dal reddito

20 ( Intrage.it ) Gli omaggi di natale a clienti e fornitori sono considerati un obbligo da buona parte degli imprenditori, ma anche dai professionisti e, da ultimo, dalla categoria sempre più numerosa dei lavoratori a partita Iva, che cerca di sfruttare tutte le opportunità offerte dal fisco per risparmiare qualche soldo. Tali omaggi rientrano in quelle che vengono definite quali " spese di rappresentanza ", sostenute con finalità promozionali o di pubbliche relazioni, deducibili fino ad un importo totale massimo pari all'1 % dei compensi percepiti nel periodo d'imposta. In parole povere: ogni 10 mila euro di reddito anno, si possono dedurre dal reddito imponibile 100 euro di spese per omaggi, risparmiando così una cifra che varia da 23 euro, per i redditi più bassi ( sotto i 15 mila annui ), fino a 43 euro, per chi ne guadagna più di 75 mila l'anno. In mezzo ci stanno tutti gli altri. Gli omaggi natalizi non devono essere di valore unitario non superiore a 50 euro. In tal caso, la loro deducibilità è piena. Il valore da considerare corrisponde esattamente al prezzo d'acquisto, comprensivo di Iva, dal momento che quest'ultima è indetraibile, per questo genere di spese, le quali non rientrano nell'attività propria del professionista. Il tetto dei 50 euro va applicato al valore complessivo dell'omaggio, e non ai singoli beni che lo compongono. Se si regalano dei cesti natalizi, quindi, 50 euro deve essere il valore totale di ciascun cesto, comprensivo di panettone, spumante, cesta di vimini, ecc. La materia è regolamentata dal Decreto 19 novembre 2008 del Ministero dell'economia e delle Finanze. Mutui: la Banca ora non potrà più modificare il tasso d'interesse ( Intrage.it ) La Banca non può più modificare unilateralmente le condizioni previste da un contratto per un mutuo. Lo scorso 3 dicembre sono entrate in vigore le nuove norme in tema di trasparenza bancaria, previste dal Decreto Legislativo 13 agosto 2010 n Una delle novità più importanti, per i consumatori, riguarda quello che, in gergo giuridico, viene chiamato "ius variandi", nei contratti bancari. Con tale termine si intende il diritto, regolato dall art. 118 del Testo Unico Bancario, di una sola delle due parti di un contratto, di modificare unilateralmente una o alcune delle condizioni del contratto stesso, in particolare quelle economiche. Nel caso dei contratti bancari, la parte che detiene tale facoltà è la banca stessa, la quale, finora, se n'è potuta avvalere nella totale impotenza del consumatore. Col Decreto appena entrato in vigore, è stato rivisto l art. 118, stabilendo una distinzione fra contratti a tempo indeterminato (ad esempio, un conto corrente o un apertura di credito senza scadenza) e quelli a tempo determinato o di durata (ad esempio, i contratti di mutuo). Mentre per i primi viene di fatto confermata la possibilità di modifica unilaterale delle condizioni contrattuali (tassi, prezzi ed altre condizioni), per i secondi le regole sono cambiate: si potranno ancora inserire nei contratti clausole di ius variandi, ma solo in presenza di un giustificato motivo e, soprattutto, che non che riguardino i tassi di interesse contrattualmente pattuiti.

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO

CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO Si rafforzano i segnali positivi dalle PMI del Sud: i livelli pre-crisi sono ancora

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 839 PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA 28 novembre 2014 EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) - Centro Studi Auto Aziendali -

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) - Centro Studi Auto Aziendali - 1 IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) 3.000.000 2.500.000 2.490.570 2.159.465 2.000.000 1.749.740 1.500.000 1.304.345 1.000.000 2007-2013 calo 47,7 % 500.000 0 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO (ANSA) - ROMA, 19 NOV - Le retribuzioni di fatto reali hanno perso tra il 2002 e il 2007, 1.210 euro, ma se a questo aggiungiamo la perdita derivante

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 373 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 20 marzo 2013

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008.

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. N. 01 Novembre 2008 AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. Roma - Dal 15 Ottobre scorso sul sito internet www.agenziadelterritorio.it sono consultabili le quotazioni

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1832 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GARRAFFA, BARATELLA, BATTAGLIA Giovanni, BATTISTI, COLETTI, DATO, FASSONE, FILIPPELLI, FLAMMIA, FORMISANO, LIGUORI,

Dettagli

i dossier TOBIN TAX www.freefoundation.com 10 gennaio 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier TOBIN TAX www.freefoundation.com 10 gennaio 2012 a cura di Renato Brunetta 22 i dossier www.freefoundation.com TOBIN TAX 10 gennaio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY (1/2) 2 L incontro Sarkozy-Merkel del 9 gennaio 2012 ha rilanciato la Tobin Tax sulle transazioni

Dettagli

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. L ipotesi contemplata nello schema di decreto per il federalismo fiscale

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli