Certificata ISO 9001 ISO SA 8000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificata ISO 9001 ISO 14001 SA 8000"

Transcript

1 Società a socio unico soggetta all'attività di direzione e coordinamento di NAPOLI HOLDING S.r.l. C.F. e numero d iscrizione Registro Imprese di Napoli REA Napoli Capitale sociale ,00 interamente versato Certificata ISO 9001 ISO SA 8000

2 Comune di Napoli Linea 1 Linea 6 e Funicolari di Napoli TECNOLOGIA Opere Civili STAZIONI DELLA LINEA 1 E FUNICOLARI De Stefano De Stefano Orazzo EMISSIONE 09/12/ REDATTO CONTR. APPROV. AUTOR. DESCRIZIONE REVISIONE DOCUMENTO DATA REV ID IMP NUMERO D P E S O C D T S I 03 TITOLO DOCUMENTO: GESTIONE SERVIZI IGIENICI AUTOMATIZZATI MANUALE E GESTIONE A CANONE EMITTENTE CODICE FORNITORE FORMATO A4 SCALA /

3 INDICE ANM S.P.A. Capitolo 1 Disposizioni generali 1.1. Premesse 1.2. Manuale dei S.I.A 1.3. Oggetto dell'appalto 1.4. Organizzazione e gestione dei lavori 1.5. Siti di intervento 1.6. Esecuzione dei lavori Esecuzione di attività di manutenzione con corrispettivo a canone A Gestione Ordinaria B Manutenzione Programmata C Manutenzione Correttiva D Interventi a guasto di tipo straordinari E Compensi degli interventi a chiamata 1.7. Variazione delle opere designate 1.8. Durate dell'appalto 1.9. Ammontare dell'appalto Capitolo 2 Esecuzione dei lavori 2.1. Norme per la esecuzione dei lavori 2.2. Richieste di interventi manutentivi 2.3. Applicazione delle norme di sicurezza nel lavoro

4 1.1. PREMESSE ANM S.P.A. L'Azienda ANM, che si è più volte soffermata sulla necessità di migliorare il servizio al fine di realizzare un sistema di gestione e controllo delle attività di pulizia e manutenzione dei servizi igienici automatizzati presenti su quasi tutte le stazioni di Linea 1 e su alcune stazioni delle Funicolari, per poter meglio rispondere alle esigenze dirette ed a quelle degli Utenti e per ottimizzare la efficacia ed efficienza della propria struttura, intende avviare nuovi processi nei quali la manutenzione assuma un valore di strategia oltre che tecnica, anche sociale. Il nuovo servizio è destinato alla conservazione, mantenimento in efficienza e riqualificazione tecnologica di tali servizi igienici automatizzati. Si prescrive che le attività dovranno essere svolte esclusivamente da un gruppo qualificato di operatori, adeguatamente formati riguardo alle modalità operative, tecniche e di sicurezza degli interventi. Detto personale dovrà essere dedicato in maniera esclusiva all espletamento della gestione dei SIA MANUALE dei S.I.A.

5 SOMMARIO Vista Esterna Vista Interna Allacciamenti, Potenze, Capienze Consumi Pannello Esplicativo gettoniera Lavaggio vano utente Lavaggio pavimento lavaggio tazza nel vano di lavaggio Riattivazione del funzionamento della gettoniera Ripristino automatico del FUORI SERVIZIO Ripristino del FUORI SERVIZIO permanente... PROGRAMMA GESTORE Gettoniera 6.1 Comandi e Visualizzatore digitale Scheda PLC- ingressi Componenti Quadro Tastiera dati funzionali Tastiera Modifica parametri Codici FUORI SERVIZIO display 2 cifre Fine corsa centratore parete rotante Fine corsa parete rotante Vaso espansione Interruttore per tappeto D3 PB...

6 7.5 Tanica disinfettante Distributore carta Ventilatore asciugatura Impianto Idrico...

7 1 Presentazione A. 1.1 Vista Esterna Copertura e Fascione in vetroresina Allarme Ottico - Acustico Esterno e Crepuscolare Involucro esterno in mosaico Porta Ingresso vano utenza in acciaio inox Gettoniera con pulsantiera di selezione

8 B. 1.2 Vista Interna Acqua e sapone Lavabo Pulsante carta Igienica Pulsante di Emergenza Corrimano Tazza WC Pavimento in gomma antistatica e antisdrucciolo

9 Il Vano Utente nel modello TRIAX H, idoneo anche per portatori di handicap in carrozzina, è attrezzato con attaccapanni, maniglioni e corrimano disposti secondo quanto previsto dal D.P.R 503/96: 3 la tazza WC permette l avvicinamento anche laterale; - il lavabo è incassato nella parete. Nella parte inferiore della stessa è stato realizzato un vanoper le ginocchie che permette l avvicinamento all utente in carrozzina. 2 Dati Tecnici C. 2.1 Allacciamenti, Potenze, Capienze ALLACCIAMENTO IDRICO CON TUBO POLITILENE 3/4 ALLACCIAMENTO ELETTRICO 380 V/TRIFASE+N 50 HZ ALLACCIAMENTO SCARICO ACQUE CHIARE 80 ALLACCIAMENTO SCARICO ACQUE NERE 110 POTENZA INSTALLATA SENZA RISCALDAMENTO POTENZA INSTALLATA CON RISCALDAMENTO 4 KW 6 KW TEMPO MAX DI PERMANENZA MIN. 15 * TEMPO MAX DI RIPRISTINO SEC. 50 CAPIENZA SERBATOIO ACQUA LT. 100 CAPIENZA SERBATOIO DISINFETTANTE LT. 5 L asterisco ( * ) indica dati tecnici da concordare nella fase preliminare D. 2.2 Consumi ACQUA 28 LIT. ENERGIA ELETTRICA 0.10 KW/H DISINFETTANTE 0.5 CC. SAPONE LAVAMANI 1 2 CC. TARATURA GETTONIERA * I presenti dati si riferiscono ai Consumi per ogni utilizzo del servizio L asterisco ( * ) indica dati tecnici da concordare nella fase preliminare

10 II. 3 Descrizione del Funzionamento A. 3.1 Pannello Esplicativo Gettoniera DISPLAY in Ialiano e Inglese Fessura diinserimento Monete Pulsante Restituzione Moneta Pulsante Selezione

11 Il pannello esplicativo ha la funzione di indicare le operazioni da compiere per l utilizzo del servizio e comunicare la disponibilità della toilette (Libero, Occupato o Fuori Servizio). Per usufruire del servizio basta introdurre le monete indicate sul display e selezionare. La porta si apre automaticamente, all interno si accende la luce e si avvia l impianto di ricambio dell aria. La chiusura della porta è automatica. E. 4 Principio di Funzionamento Il Servizio Igienico Automatico modello TRIAX presenta sei stati operativi : Fuori Servizio Fuori Servizio Notturno Occupato Attesa Libero In Allarme (1) FUORI SERVIZIO NOTTURNO Indica che il bagno è Fuori Servizio perché è scaduto il termine del servizio giornaliero programmato. (2) FUORI SERVIZIO Indica che il bagno risulta Fuori Servizio per condizioni anomale presentatasi durante le fasi di servizio (es. Mancanza Acqua, Energia Elettrica, etc.) (3) OCCUPATO Indica che il bagno è attualmente occupato da un utente (4) ATTESA Può indicare che l impianto è in fase di lavaggio o sta eseguendo la rotazione della parete rotante o è in attesa del ripristino dell erogazione idrica (questa condizione permane solo per un tempo determinato).

12 (5) LIBERO Indica che il bagno è pronto per un nuovo servizio. (6) IN ALLARME Accensione Allarme Acustico e Visivo esterno (Fig.1) Indica che il bagno è in allarme essendosi presentate, durante l utilizzo del servizio, situazioni anomale. Negli stati operativi Attesa, Occupato e Fuori Servizio la Gettoniera risulta disabilitata e le monete eventualmente introdotte vengono rifiutate. Durante lo stato operativo di LIBERO( sul display) il S.I.A. esegue una continua verifica sulla presenza dell Acqua nel serbatoio, della Carta Igienica e del Disinfettante garantendo all utente un servizio completo e confortevole. Si possono verificare due casi operativi : 1- Mancanza di Acqua L impianto si predispone in ATTESA Se entro un tempo massimo prestabilito la pressione dell Acqua si ripristina, l impianto si predispone nuovamente in Libero, altrimenti passa in Fuori Servizio. (Fuori Servizio sul Display gettoniera) 2- Mancanza della Carta Igienica e/o del Disinfettante L impianto si predispone in FUORI SERVIZIO (Fuori Servizio sul Display gettoniera). In caso di mancanza di Tensione di Rete Si possono presentare due situazioni operative: Il S.I.A. è in occupato per la presenza di un utente all interno della toilette : si accende la lampada d emergenza, eè possibile l uscita manuale dalla toilette. L impianto è in LIBERO : ma il bagno non è utilizzabile.

13 Al ritorno della Tensione di Rete, si ripristina la funzionalità dell impianto. Viene eseguito un ciclo di lavaggio completo, in modo da garantire l igienicità del servizio all utente successivo. DATI FUNZIONALI: LIBERO L indicatore di LIBERO, sul Quadro Esplicativo, segnala la disponibilità del servizio igienico. L utente, inserendo nella gettoniera l importo necessario a raggiungere il ticket stabilito e premendo il pulsante di accesso, comanda l apertura automatica della porta toilette, dopo circa 10 sec. Se l Utente non entra, la porta si richiude con la perdita del consenso ad usufruire del servizio. La presenza dell utente all interno del servizio igienico automatizzato viene rilevata automaticamente tramite: 1. Sistema a circuito con sensori pneumatici; 1. Il sistema a circuito con sensori pneumatici consente di stabilire la presenza dell utente all interno del servizio tramite semplice pressione sulla superficie del tappeto. Si possono presentare due condizioni operative: La presenza dell Utente viene rilevata dai sensori: L impianto esegue un ciclo completo: - Chiusura porta Utente; - Segnalazione esterna di OCCUPATO sul Display; - Attivazione del timer di utenza. La presenza dell Utente NON viene rilevata dai sensori: L impianto NON ENTRA in Allarme: - Avviene la regolare chiusura della porta Vano Utente, ma non avviene l accensione della luce, della ventola, del gruppo lavello, del distributore carta. - Segnalazione esterna di LIBERO sul Display; - All uscita dell Utente dal servizio, l impianto entra in Allarme: segnalazione visiva e acustica tramite allarme esterno. - Si richiude la porta del Vano Utente e si avviano le operazioni di lavaggio e disinfezione Ogni volta che la porta di ingresso al Vano Utente incontra un ostacolo in fase di chiusura, un sistema di sicurezza ne inverte istantaneamente il movimento e garantisce così l incolumità dell utente.

14 OCCUPATO L ingresso dell utente nel vano avvia automaticamente: - L accensione della luce; - L aspirazione forzata dell aria; - La chiusura automatica della porta ; - sul display esterno, indicazione OCCUPATO. All interno, l utente trova un ambiente perfettamente pulito ed un arredo semplice e confortevole. Il tempo di utilizzo della toilette, convenzionalmente fissato in 15 minuti, è programmabile; un lampeggiante ed un segnalatore luminoso entrano in funzione 10 minuti dopo l entrata dell utente per avvertire che il residuo tempo di permanenza è di 5 minuti. La riapertura della porta è comandata dall interno da un pulsante ben evidente. Per casi di necessità o di malori, è disponibile il pulsante EMERGENZA che, oltre a riaprire la porta, aziona il sistema di allarme esterno. Pulsante di EMERGENZA L uscita dell utente avvia la chiusura automatica della porta. ATTESA

15 Questa fase viene evidenziata sul Display gettoniera con ATTESA contemporaneamente ha inizio del ciclo di pulizia con il lavaggio del pavimento, della parete retrostante il vaso e del vaso igienico all interno del vano di lavaggio. ALLARME Un sistema di allarme acustico e visivo entra in funzione se, premuto il pulsante di apertura porta, l utente non esce entro 10 secondi. Il Sistema di apertura-chiusura della porta è stremamente sicuro perché, in presenza di ostacoli, inverte il senso di movimentazione ripetendo l operazione di chiusura per cinque volte. Se l ostacolo permane, entra in funzione il sistema di allarme acustico e visivo. 4.1 Lavaggio Vano Utente Il lavaggio avviene automaticamente dopo ogni utenza. Tamponamento aprobile Corrimano Pulsante Distributore carta Pulsante di Emergenza Ugello Lavaggio parete

16 Il ciclo di pulizia, eseguito mediante acqua in pressione (4-6 ATE), comprende: 1. Il lavaggio del pavimento per mezzo di una serie di ugelli che, dando all acqua in pressione una notevole forza di impatto, permettono l asportazione di eventuali rifiuti quali carta, siringhe, ecc. ed il loro convogliamento suual griglia sottostante la parete tecnica. 2. Il lavaggio della parete retrostante al vaso mediante ugelli a getto deflesso; 3. La rotazione della parete mobile che porta nel vano di lavaggio il vaso usato e successivamente ritorna nel vano tecnico completamente pulito,disinfettato e asciutto. 4.2 Lavaggio pavimento il lavaggio del pavimento viene effettuato mediante un getto di acqua radente alla pressione di circa 6 Bar.

17 F. 4.3 Lavaggio Tazza nel vano di lavaggio Cuffia asciugatura tazza WC Tazza WC Vano di Lavaggio Il lavaggio e la disinfezione avvengono nel Vano di lavaggio a mezzo di un ugello centrale e di ugelli periferici posti sulla parte superiore del vano. Questo sistema consente Dopo il lavaggio avviene la disinfezione del vaso tramite un getto di disinfettante pressurizzato Al termine durante il posizionamento del vaso nel vano utente viene completamente asciugato mediante un getto di aria. La comparsa LIBERO sul display indica che il servizio è pronto per un altro utilizzo.

18 III. 5 Operazioni di Ripristino per Mancato Funzionamento A. 5.1 Riattivazione del funzionamento della gettoniera La gettoniera, di tipo elettronico, è alloggiata nel pannello esplicativo. Accetta monete da , 0.05, 0.10, 0.20,0.50,1.00 L introduzione delle monete, fino al raggiungimento dell importo prefissato, dà il consenso per l utilizzo del vano toilette. Cause di mancato funzionamento della gettoniera sono: - Inceppamento dovuto a monete difettose, non compatibili o corpi estranei. INTERVENTO: Togliere il Selettore della Gettoniera dall alloggiamento e rimuovere le cause di ostruzione. - Ostruzione del Canale di Convogliamento Monete INTERVENTO: Ispezionare il canale medesimo e rimuovere le cause dell ostruzione. - Mancato funzionamento del validatore elettronico INTERVENTO: Ricorrere al Servizio Assistenza 4 Tutte le operazioni vanno eseguite solo da personale specializzato E consigliabile, ad ogni controllo, effettuare una accurata rimozione della polvere depositatasi sulla gettoniera, mediante pulizia con panno morbido imbevuto di alcool.

19 NON USARE ASSOLUTAMENTE ALCUN TIPO DI LUBRIFICANTE SULLE PARTI IN MOVIMENTO! F. 5.2 Ripristino automatico del FUORI SERVIZIO Il ripristino automatico dal fuori servizio avviene solo per le seguenti situazioni : 1. Fuori Servizio per mancanza Acqua 2. Allarme Presenza Utente con Vano Libero 3. Fuori Servizio Notturno 4. Fuori Servizio per anomalia Circuito Idrico Dopo ogni ripristino automatico dal Fuori Servizio l impianto esegue sempre un lavaggio completo. G. 5.3 Riattivazione del FUORI SERVIZIO permanente Nel caso in cui il funzionamento non si ripristini automaticamente, il Fuori Servizio è imputabile ad un guasto: per la riattivazione occorre intervenire manualmente sull impianto. 5 L operazione di riattivazione del FUORI SERVIZIO può essere eseguito solo da personale abilitato. IV. 5.4 Programmazione del GESTORE. Il GESTORE può entrare sempre in programmazione premendo il pulsante 1 della tastierina. Si visualizza il messaggio: M E N U M E N U G E S T O R E M A N A G E R Dopo 3 secondi appare la videata di variazione dell importo dell ingresso: I m p o r t o A m o u n t Il campo da variare (il valore dell entrata 1.00) lampeggia ed è modificabile premendo il pulsante 0 (diminuisce) od il pulsante 1 (aumenta). Se non vengono fatte modifiche per 5 secondi il beep comincia a suonare in modo intermittente e, se ancora per altri 5 secondi non vengono fatte modifiche il beep comincia a suonare costantemente ed il numero smette di lampeggiare. Se non si modifica niente allora il dato viene impostato con l ultimo valore visualizzato.

20 Se durante una delle fasi di suono del beep viene fatta una modifica, il conteggio del tempo si azzera e si riparte dall inizio. Dopo l impostazione dell importo si ha l impostazione del funzionamento GRATUITO o NORMALE: G r a t u i t o O F F G r a t i s Il campo da variare (OFF ON) lampeggia ed è modificabile. Si ripete la procedura descritta per la modifica dell importo. Dopo l impostazione del funzionamento si passa alla visualizzazione (solo visualizzazione) delle ENTRATE: E n t r a t e A c c e s s Dopo 5 secondi il sistema esce dalla PROGRAMMAZIONE ed entra in funzionamento normale. NOTA BENE il contascatti digitale visualizzato nel display della gettoniera effettua un conteggio massimo pari a , dopo cui si azzera automaticamente. 6 Armadio Elettrico

21 6.1 Comandi Armadio Elettrico 6.2 Nell armadio elettrico posizionato all interno della parete tecnica sono alloggiati il PLC e il visualizzatore digitale delle anomalie. 6.3 INGRESSI PLC VISUALIZZATORE DIGITALE ANOMALIE

22 6.2 Ingressi PLC Il PLC è costituito da un totale di 24 ingressi predisposti sulla Scheda. INGRESSO CONTROLLO DI: STATO LED 0C5 LIVELLO ACQUA ACCESO 0C6 SPORTELLO APERTO SPENTO 0C7 SPORTELLO CHIUSO ACCESO 0C8 PRESSOSTATO ACQUA SPENTO 0C9 BIT.0 SPENTO 0C10 BIT.1 SPENTO 0C11 BIT.2 SPENTO 0C12 BIT.3 SPENTO INGRESSO CONTROLLO DI: STATO LED 0C13 LIVELLO DISINFETTANTE ACCESO 0C14 PULSANTE DI EMERGENZA ACCESO 0C15 PORTA APERTA SPENTO 0C16 PORTA CHIUSA ACCESO 0C17 TAZZA POSIZIONE UTENZA ACCESO 0C18 TAZZA POSIZIONE MAX APERTURA SPENTO 0C19 TAZZA POSIZIONE LAVAGGIO SPENTO 0C20 CARTA IGIENICA ACCESO INGRESSO CONTROLLO DI: STATO LED 0C21 TAZZA SBLOCCATA SPENTO 0C22 0C23 SCATTO TERMICO ACCESO 0C24 RICHIESTA CARTA IGIENICA SPENTO 0C25 PULSANTE APERTURA PORTA ACCESO 0C26 FUORI SERVIZIO NOTTURNO SPENTO 0C27 POSITIVO 24 VOLT DC ACCESO 0C28

23 7 Componenti Quadro ANM S.P.A. TRASFORMATORE VOLT ALIMENTATORE RADDRIZZATORE 24 VOLT OROLOGIO GIORNALIERO TERMICHE TELERUTTORI POTENZA TERMICHE DESCRIZIONE STATO QF1 TERMOVENTILATORE ON QF2 POMPA AQCUA ON QF3 VENTILATORE ASCIUGATURA TAZZA ON QF4 ESTRATTORE /LUCE VANO UTENTE ON QF5 ASCIUGAMANI ON QF6 CREPUSCOLARE ON QF7 AUTOMATISMO PORTA / OROLOGIO ON QF8 24 VOLT PRIMARIO /TRASF ON QF9 CAVO SCALDANTE ON QF10 ALIMENTAZIONE 24 VOLT ON QF1 TERMOVENTILATORE ON

24 TELERUTTORI DESCRIZIONE STATO K M1 K M2 K M3 SERVIZI POMPA ACQUA VENTILATORE ASCIUGATURA TAZZA 8 TASTIERA La tastiera, in dotazione al tecnico specializzato, consente di impostare alcuni dati funzionali e di interfaccia tra operatore/manutentore e l impianto stesso. 9 Dati Funzionali Tastiera Tramite tastiera è possibile impostare dati di funzionalità dell impianto stesso. STATO CON IL SERVIZIO IN TENSIONE DESCRIZIONE IL DISPLAY INDICA BAGNO SINGOLO TRIAX PREMENDO F1 MENU MODIFICA PARAMETRI NUMERO UTENZE > CONTINUANDO A PREMERE SI ACCEDE AI TEMPI MODIFICABILI

25 TEMPO A DISPOSIZIONE DELL UTENTE V. TIME- AUT UTENZA >15 MINUTI TEMPO DI SICUREZZA POMPA ACQUA VI. TIME- AUT POMPA ACQUA >20 SEC. TEMPO ASSEGNATO PER ROTAZIONE TAZZA VII. TIME- ROTAZIONE AUT >22 SEC. TEMPO ASSEGNATO ALLA POMPA DEL DISINFETTANTE VIII. DURATA EROGAZIONE DISINFETTANTE IX. > 3 SEC. DURATA LAVAGGIO PAVIMENTO 5 SEC. TEMPO ASSEGNATO PER IL LAVAGGIO DEL PAVIMENTO VANO UTENTE

26 X. DURATA EROGAZIONE CARTA IGIENICA > 10 EROG. TEMPO ATTESA UTENTE SUL TAPPETO > 5 SEC. VELOCITA BASSA ROTAZIONE TAZZA > 70. VELOCITA ALTA ROTAZIONE TAZZA > 255 INDICA IL LA QUANTITA DI EROGAZIONI (OGNI EROGAZIONE CORRISPONDE A CIRCA 50 CM.).. STATO CON IL SERVIZIO IN TENSIONE DESCRIZIONE IL DISPLAY INDICA BAGNO SINGOLO TRIAX PREMENDO F2 MENU MOVIMENTAZIONI BLOCCO / SBLOCCO TAZZA ROTAZIONE TAZZA APERTURA CHIUSURA SPORTELLO NUMERO UTENZE > CONTINUANDO A PREMERE SI ACCEDE AI VARIE MOVIMENTAZIONI ( ) APERTURA ( ) CHIUSURA ( ) APERTURA ( ) CHIUSURA ( ) APERTURA ( ) CHIUSURA ( ) ON-OFF XI. DURATA EROGAZIONE DISINFETTANTE XII. > 3 SEC. PER ESEGUIRE LE MOVIMENTAZIONI PREMERE LE FRECCE ( ) CORRISPONDENTI SULLA TASTIERA.

27 Modifica Parametri Tastiera Per modificare i PARAMETRI tramite tastiera eseguire le seguenti operazioni : 1) Premere il tasto INSERIMENTO (PARAMETRO LAMPEGGIA) 2) Con le frecce ( ) modificare il dato poi confermare con ENTER Con le frecce ( ) ci si sposta di una unità per volta Con le frecce ( ) ( ) ci si sposta di 10 unità per volta 10 Codici Fuori Servizio e Allarme Display 2 cifre I codici sulla scheda sono i seguenti : CODICE DESCRIZIONE RISOLUZIONE 01 E ATTIVO IL FUORI SERVIZIO NOTTURNO I 21 (C6) DALL OROLOGIO FUORI SERVIZIO NOTTURNO 02 È SCADUTO IL TIME OUT DELLA POMPA DELL ACQUA E IL SEGGNALE DEL ALLARME PRESSOSTATO ACQUA I 03 (A4) NON È TORNATO ATTIVO PRESSOSTATO ACQUA 03 IL SEGNALE DI LIVELLO ACQUA I 00 (A1) SI E DISTTIVATO PER PIÙ DI 5 ALLARME LIVELLO ACQUA MINUTIIDURANTE UN OPERAZIONE DI LAVAGGIO PAVIMENTO, TAZZA O BORDO TAZZA.

28 CODICE ANM S.P.A. DESCRIZIONE RISOLUZIONE 04 IL SEGNALE DI LIVELLO DI CARTA IGIENICA I 15 (B8)NON È ATTIVOI. ALLARME CARTA IGIENICA 05 IL SEGNALE DI LIVELLO DISINFETTANTE I 08 (B1) NON È ATTIVO. ALLARME LIVELLO DISINFETTANTE 06 SCATTO TERMICO È ATTIVO IL SEGNALE DI SCTTO TERMICO I 18(C3) CHE PUO ESSERE RELATIVOA: AUTOMATISMO PORTA, GRUPPO LAVELLO,ESTRAZIONE ARIA,VENTILATORE ASCIUGATURA TAZZA O POMPA ACQUA. 07 FUORI SERVIZIO PER È STATA FORZATA L APERTURA DELLA PORTA TRAMITE COMANDO DA LLA GETTONIERA APERTURA I04 (A5)=1;05 (A6)=0; I06 (A7)=1; I07 (A8)=0; MANUTENZIONE CHIUSURA : I04 (A5)=0;05 (A6)=1; I06 (A7)=0; I07 (A8)=1 08 DURANTE L APERTURA DELLA TAZZA NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI TAZZA ANOMALIA ROTAZIONE APERTA I14 (B7) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI PER RIPARTIRE È NECESSARIO UN RESET DELLA MACCHINA. APERTURA TAZZA 09 DURANTE LA CHIUSURA DELLA TAZZA NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI TAZZA ANOMALIA CHIUSA I13 (B6) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI PER RIPARTIRE È ROTAZIONE

29 CHIUSURA NECESSARIO UN RESET DELLA MACCHINA TAZZA 10 DURANTE LA ROTAZIONE DELLA TAZZA VERSO LA POSIZIONE DI UTENZANON SI È ANOMALIA ROTAZIONE ATTIVATO IL SENSORE DI TAZZA IN POSIZIONE DI UTENZA I 12 (B5) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI PER RIPARTIRE È NECESSARIO UN RESET DELLA MACCHINA TAZZA IN POSIZIONE UTENZA CODICE DESCRIZIONE RISOLUZIONE 11 DURANTE L APERTURA DELLO SPORTELLO NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI ANOMALIA APERTURA SPORTELLO APERTO I 01 (A2) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI PER RIPARTIRE È NECESSARIO UN RESET DELLA MACCHINA SPORTELLO 12 DURANTE LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI ANOMALIA APERTURA SPORTELLO CHIUSO I 02 (A3) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI PER RIPARTIRE È NECESSARIO UN RESET DELLA MACCHINA SPORTELLO 13 ANOMALIA BLOCCO TAZZA DOPO IL TEMPO DI BLOCCAGGIO TAZZA È RIMASTO ANCORA ATTIVO IL SENSORE DI TAZZA BLOCCATA I 16 (B1) PER RIPARTIRE È NECESSARIO UN RESET DELLA MACCHINA 14 DURANTE LO SBLOCCO DELLA TAZZA NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI TAZZA ANOMALIA SBLOCCATA I 16 (B1) PER RIPARTIRE È NECESSARIO UN RESET DELLA SBLOCCO TAZZA

30 MACCHINA 15 DURANTE L APERTURA DELLA PORTA NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI PORTA ANOMALIA APERTA I 10 (B3) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI APERTURA PORTA 16 DURANTE LA CHIUSURA DELLA PORTA NON SI È ATTIVATO IL SENSORE DI PORTA ANOMALIA CHIUSA I 11 (B4) NEL NUMERO DI TENTATIVI IMPOSTATI CHIUSURARA PORTA 17 TAZZA, PORTA,O IN CONDIZIONI DI LIBERO È STATO RILEVATOCHE LA TAZZA, LO SPORTELLO,O LA PORTA NON SONO IN CONDIZIONI DI RIPOSODA PIÙ DI 20 SECONDI. SPORTELLO NON IN POSIZIONE DI RIPOSO 18 ALLARME UTENTE IN CONDIZIONI DI LIBERO SI È ATTIVATOIL SEGNALE PRESENZA UTENTE SUL TAPPETO. SUL TAPPETO 19 ALLARME TAPPETO DURANTE IL CICLO DI UTENZA SI È ATTIVATO IL SEGNALE TAPPETO LEGGERO (5-25 KG) CELLE DI CARICO. LEGGERO 19 ALLARME TAPPETO DURANTE IL CICLO DI UTENZA SI È ATTIVATO IL SEGNALE TAPPETO PESANTE ( KG) CELLE DI CARICO. PESANTE 21 IN CONDIZIONI DI LIBERO È STATO RILEVATO CHE L INGRESSO I 22 (C7) ALLARME

31 INGRESSO ANM S.P.A. ABILITAZIONE PULSANTE DI EMERGENZA NON È ATTIVO. ABILITAZIONE PULSANTE DI EMERGENZA 22 FUORI SERVIZIO MANCANZA TENSIONE

32 11 Dispositivi di controllo 12 Fine corsa centratore parete Finecorsa Centratore Inserito Centratore parete rotante

33 B. 7.2 Finecorsa Parete Rotante Finecorsa Parete Rotante aperta Finecorsa Parete RotanteCentrale Finecorsa Parete Rotante chiusa 13 Vasi di Espansione Eseguire un controllo mensile della pressione aria compressa interna ai vasi di espansione. Tale controllo prevede che venga verificata con un manometro la pressione di 2 Bar, avendo previamente svuotato dall acqua i vasi di espansione. 14 Interruttore D3PB Verificare periodicamente il buon funzionamento dell interruttore D3PB.

34 Interruttore D3PB

35 C. 7.5 Tanica Disinfettante Distributore carta Ventola asciugatura wc TANICA DISINFETTANTE LIT. 5 5 Lit SUPPORTO GIREVOLE DISTRIBUTORE CARTA VENTILATORE ASCIUGATURA TAZZA WC Eseguire il rabbocco del liquido disinfettante nella apposita tanica con frequenza settimanale.

36 15 Impianto idrico VASO ESPANSIONE POMPA ACQUA ELETTRVALV. LAVAGGIO ELETTRVALV. LAVAGGIO POMPA DISINFETT. ELETTRVALV. LAVAGGIO BORDO

37 D. 8 Gruppo Lavello POMPA SAPONE SCHEDA ELETTRONICA ELETTROVALVOLA ACQUA FOTOCELLULA SAPONE FOTOCELLULA ACQUA Eseguire il rabbocco della tanica sapone con le seguenti dosi : 50 % sapone liquido 50% acqua.

38 E. 9 Motorizzazione apertura porta FINE CORSA PORTA CHIUSA CARRELLO PORTA ATTUATORE BLOCCA PORTA LEVA PER APERTURA DI EMERGENZA

39 F. 10 Estrattore Aria Vano Utente 1.3. OGGETTO DELL APPALTO Il presente appalto ha quindi per oggetto il Servizio di Gestione e Manutenzione di n 51 Servizi Igienici Automatizzati (S.I.A.) nella disponibilità dell'azienda, ed esattamente: l esecuzione tempestiva ed a regola d'arte di tutte le attività di manutenzione ordinaria programmata, di tipo accidentale e/o correttiva a guasto, di tipo straordinaria, disciplinate dal presente, atti ad assicurare lo stato di buona conservazione ed efficienza dei Servizi Igienici Automatizzati (S.I.A) ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI LAVORI Tenuto conto della importanza, vastità e complessità dei siti ed ambienti oggetto dell'appalto, l'impresa dovrà attuare opportune procedure e modalità per la organizzazione e la gestione dei lavori in modo da garantire: - La gestione delle richieste di interventi di manutenzione riparativa, di qualunque genere e da chiunque e comunque formulata (in forma scritta, telefonica od orale) con procedure che consentano, in qualunque momento, la loro precisa conoscenza, anche con riferimento: - ai richiedenti, - agli edifici, unità ed ambienti per i quali sono stati richiesti gli interventi, - ai tipi e categorie di lavoro interessate dagli interventi. Tali conoscenze dovranno essere rese in forma scritta, selezionata per ogni parametro conoscitivo che verrà indicato dalla Committente sulla base delle definizioni statistiche proposte nell'offerta.

40 - La produzione e gestione di schede amministrative relative a ciascun lavoro programmato o richiesto per la raccolta ordinata delle firme di visto di avvenuta esecuzione da parte del personale non tecnico utente dei siti nei quali sono stati svolti i vari interventi accompagnate da documentazione fotografica dei vari interventi eseguiti. - La gestione delle esigenze manutentive, che in fase di partenza sarà desunto dal Piano di Manutenzione PM SIA rev 1, dovrà comprendere: a) la formazione dell elenco delle esigenze di intervento per ogni sito e la manutenzione continuativa dello stesso; b) la gestione dell iter degli interventi dal manifestarsi alla realizzazione fino alla memoria storica; c) la formulazione e gestione di piani di manutenzione programmata esecutivi tarati sulla base delle esigenze della Committenza, avendo come esempio quello redatto dalla Committenza denominato piano di manutenzione guida. Tale sistema di gestione dovrà essere aggiornato in modo da fornire in tempo reale tutte le informazioni richieste, in particolare garantire la fornitura di tutti i dati che a richiesta la Direzione lavori riterrà necessari alla verifica e controlli. L appaltatore deve provvedere, a sue cure e spese, alla fornitura di tutti i materiali di consumo e di minuteria necessari all esecuzione dei lavori di manutenzione preventiva e correttiva cosi specificati: - materiali elettrico; - organi di collegamento; - collanti chimici vari; - materiali di pulizia. L appaltatore è tenuto a consegnare a cadenza trimestrale al responsabile di commessa un report indicante, almeno, numero e tipologia di intervento programmati, numero e tipologia di interventi su chiamate, le ore di fuori servizio di ogni bagno automatizzato, il numero di utenti registrati, il tutto per ogni bagno automatizzato. L appaltatore è obbligato ad accogliere eventuali ulteriori richieste pervenute da parte del responsabile di Commessa in merito al contenuto dei report. Al termine delle manutenzioni previste per ogni bagno automatizzato, l appaltatore deve rilasciare apposito verbale firmato da un suo responsabile preposto. Per ogni lavori di manutenzione preventiva, correttiva e straordinaria o su chiamate eseguito, l appaltatore deve rilasciare bolla al Responsabile di Commessa di ANM il quale documento dovrà essere controfirmato tra le parti. Per tutti i siti suindicati l'impresa dovrà provvedere ai vari interventi secondo il presente disciplinare, sulla base di richieste o segnalazioni che potranno essere effettuate dagli organi tecnici della Direzione lavori, dall OCE, dai Dirigenti del movimento e Circolazione, dai Capi Impianti, dagli Agenti di Stazione e dai Referenti preposti per ogni sito di intervento, al di fuori delle stazioni di Linea 1 e delle funicolari e con qualunque sistema (per iscritto, verbalmente, per telefono)., ovvero in base ai programmi di intervento preventivo e predittivo sopra specificati. Al termine di tutte le prestazioni su chiamata per eliminazione anomalie, l appaltatore deve rilasciare una relazione di intervento riportante le anomalie riscontrate e l elenco parti sostituite. L espletamento del servizio di cui all oggetto relativamente agli interventi sulle linee metropolitane e delle funicolari non dovrà interferire con il normale esercizio metropolitano per cui qualunque intervento (programmato o di emergenza) andrà concordato con la Direzione lavori di concerto con il Responsabile della Circolazione e sarà facoltà di quest ultimo stabilire le modalità

41 dell intervento stesso che potrà anche doversi espletare in orario notturno e/o festivo senza alcun onere aggiuntivo per la stazione Appaltante SITI DI INTERVENTO Il Committente procederà alla consegna dei vari siti d intervento in favore della ditta appaltatrice redigendo apposito verbale che sarà sottoscritto dalle parti. Alla scadenza dell appalto i vari siti affidati in manutenzione dovranno essere riconsegnati ad ANM in condizioni di funzionalità. Il committente verificherà la sussistenza delle predette condizioni redigendo apposito verbale di riconsegna dei siti. L elenco dei Servizi Igienici Automatizzati presenti su siti ANM è il seguente: LINEA 1 - Stazione di Garibaldi n 6 - Stazione di Università n 2 - Stazione di Toledo + Montecalvario n 3 - Stazione di Dante n 2 - Stazione di Museo n 2 - Stazione di Materdei n 2 - Stazione di S. Rosa 1 n 2 - Stazione di Quattro Giornate n 2 - Stazione di Vanvitelli n 3 - Stazione di Medaglie D Oro n 3 - Stazione di Montedonzelli 1 e 2 n 4 - Stazione di Rione Alto 1 e 2 n 3 - Stazione di Policlinico n 2 - Stazione di Colli Aminei n 2 - Stazione di Frullone San Rocco n 2 - Stazione di Chiaiano n 3 - Stazione di Piscinola n 2 FUNICOLARE CENTRALE - Stazione di Piazzetta Augusteo n 1 - Stazione di Piazza Fuga n 1 - Stazione di C.V.E. n 1 FUNICOLARE CHIAIA - Stazione di Cimarosa n 1 - Stazione del Parco Margherita n 1

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Informazioni per il cliente. Responsabilità del tecnico di manutenzione. Altre indicazioni

Informazioni per il cliente. Responsabilità del tecnico di manutenzione. Altre indicazioni La Manutenzione preventiva (PM, Preventive Maintenance) di Agilent offre l'assistenza di fabbrica consigliata affinché i sistemi analitici funzionino correttamente e forniscano risultati sempre precisi.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli