Controllo delle infestanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo delle infestanti"

Transcript

1 Controllo delle infestanti La lotta alle erbe infestanti è una tecnica agronomica che partendo dalla conoscenza della biologia ed ecologia delle erbe infestanti, mette in atto tutti i metodi diretti e indiretti atti a eliminare le erbe infestanti o prevenire la nascita. Ecologia delle malerbe Conoscere l ecologia delle malerbe è utile per impostare i programmi di controllo Sono elementi essenziali: La durata del ciclo biologico L epoca in cui svolgono il ciclo I meccanismi di propagazione I meccanismi di diffusione Le associazioni floristiche in relazione al tipo di terreno e alla pressione antropica

2 Definizione di pianta infestante Pianta che cresce dove non è desiderata, che interferisce con gli obiettivi e le esigenze dell uomo Ideotipo di pianta infestante può germinare in condizioni molto diverse; cresce rapidamente dall emergenza alla fioritura; essere autocompatibile; fornire un abbondante produzione di semi molto longevi e disperdibili in un ampio raggio; avere un elevata capacità competitiva.

3 Classificazione delle infestanti Botanica A foglia larga (dicotiledoni), a foglia stretta (graminacee) Gruppi biologici Terofite (T): piante annuali che superano la stagione avversa allo stato di seme, tipiche dei terreni con struttura e tessitura favorevole Emicriptofite (H): piante perenni con gemme al livello del terreno, con portamento a rosetta, oppure cespugliose Geofite(G): piante perenni con gemme sotterranee, contenute entro bulbi e rizomi Camefite (Ch): piante perenni, alla base legnose, con gemme a meno di 2-3 cm di altezza dal suolo Idrofite (I): piante perenni acquatiche con gemme sommerse Fanerofite (P): piante perenni legnose con gemme a più di 3 cm di altezza dal suolo Epifite: sono specie vegetali parassite, incapaci di condurre una vita autotrofa indipendente (Orobanche, cuscuta). Elofite ed idrofite: ne fanno parte le specie vegetali adattate a vivere nell acqua

4 Ecologia delle malerbe Durata del ciclo biologico Annuali: le più numerose, nascono da seme, in epoca vicina all emergenza della coltura e disseminano prima della raccolta. In genere, le più facili ad essere controllate. Esempi: papavero Biennali: relativamente poco numerose, fioriscono e disseminano al secondo anno di vita, prima di morire. Esempi: Daucus carota, Bromus arvensis Poliennali: vivono per più anni grazie alla capacità di ricaccio o alla presenza di organi vegetativi di conservazione (piante vivaci). Possono disseminare. Esempi: taraxacum, rumex crispus, sorghetta, ranuncolo

5 Gruppi ecofisiologici Questa classificazione si basa sulla constatazione che le malerbe nate da seme, sia annuali o pluriennali, emergono in periodi dell anno ben precisi Indifferenti Autunnali Invernali Estive

6 Epoca di emergenza delle principali infestanti

7 Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic % Andamento delle emergenze delle infestanti nel corso dell anno (% del totale) Produzione di seme Il numero di semi prodotti da ciascuna pianta infestante è di fondamentale importanza per la conservazione e diffusione della specie. Questo carattere varia in funzione della specie e delle condizioni pedo-climatiche in cui ciascun individuo si trova.

8 Potenziale di reinfestazione di alcune malerbe

9 Banca di semi nel terreno Si definisce banca di seme l insieme dei semi contenuti nel terreno e capaci, potenzialmente, di dare origine a nuove piante, annuali o perenni. Il numero di semi varia tra per m² di terreno ad una profondità di cm. Dinamica della banca dei semi

10 Fattori che la influenzano Temperatura Umidità Luce Aria tellurica Germinazione delle infestanti Profondità di interramento Non tutti i semi che germinano nel terreno riescono ad emergere: l emergenza è influenzata dalla profondità di interramento del seme. Si ritiene che la profondità massima di emergenza di alcune specie infestanti sia: Fino a 2 cm: Papaver rhoeas, Capsella bursa-pastoris, Matricaria chamomilla. Fino a 4 cm: Stellaria media, Pholigonus aviculare, Chenopodium album. Fino a 6 cm: Veronica persica, Polygonum aviculare. Fino a 8 cm: Centaurea cyanus. Fino a 12 cm: Fallopia convolvulu. Fino a 20 cm: Avena spp.

11 Dimensione del seme Più grosso è il seme, maggiore è lo sviluppo iniziale della plantula Diffusione del seme Naturale (vento, animali) Antropica (commercio dei semi, irrigazioni, letame, mietitrebbie) Dormienza dei semi La dormienza per le specie spontanee rappresenta un potente meccanismo di conservazione della specie Due sono i tipi di dormienza Primaria: è quella posseduta dai semi subito dopo la maturazione Secondaria: è quella che acquisiscono i semi dopo la maturazione e la disseminazione

12 Dormienza primaria Vengono riconosciuti 5 tipi di dormienza dei semi maturi Fisiologica, fisica, combinata, morfologica e morfo-fisiologica. Tipi di dormienza Cause Fisiologica Fisica Combinata Morfologica Morfofisiologica Meccanismi fisiologici di inibizione della germinazione Tegumenti seminali impermeabili all acqua Tegumenti seminali impermeabili all acqua e meccanismi fisiologici di imbibizione della germinazione Embrione non completamente sviluppato Embrione non completamente sviluppato, meccanismi fisiologici di imbibizione della germinazione nell embrione

13 Questi 5 tipi sono distinti in base a tre cause variamente combinate tra loro Permeabilità o impermeabilità dei tegumenti seminali all acqua. Sviluppo, completo o incompleto dell embrione. Dormienza fisiologica o non dormienza dell embrione Dormienza secondaria La dormienza secondaria è conseguente a condizioni ambientali stagionali sfavorevoli. I semi perciò entrano in dormienza secondaria all apparire delle condizioni sfavorevoli e ne escono quando si ristabiliscono situazioni idonee alla germinazione e alla crescita delle plantule. Esempio quando manca la luce, l ossigeno, temperature troppo alte o troppo basse.

14 Propagazione vegetativa Le piante infestanti che si propagano vegetativamente sono difficili da controllare Utilizzano la riproduzione sessuale per la diffusione a distanza, ma dopo aver colonizzato un nuovo habitat tendono a diffondersi molto velocemente per via vegetativa. Sono dotate di rizomi, stoloni, tuberi e gemme avventizie di origine radicale Hanno sviluppo iniziale è molto rapido e germogliamento molto scalare Le lavorazioni del terreno quasi sempre hanno un effetto negativo: frazionano i propaguli disseminandolo

15 Danni da infestanti Competizione per la luce Competizione con sottrazione di acqua e nutrienti Minori rese unitarie Soffocamento (rampicanti come convolvolo) Parassitismo Emissione tossine con modificazioni microflora

16 Danni da infestanti (2) Ostacolo alla meccanizzazione Minore efficienza tecniche colturali Efficienza concimi e dell acqua Necessità di più lavorazioni (danni al terreno) Diffusioni di malattie e insetti Avviene la moltiplicazione su specie affini a quelle coltivate

17 Mezzi preventivi per il controllo delle infestanti Uso semente libera da semi estranei Impiego di letame maturo (quando disponibile?) Pulizia scoline e zone incolte Scelta opportuna delle lavorazioni Scelta dell avvicendamento Pulizia macchine operatrici (mietitrebbie!) Scelta di metodi irrigui che non apportino nuovi semi Mezzi fisici diretti Sarchiatura, rincalzatura, estirpatura ed aratura Pacciamatura Gestione delle acque in risaia Bruciatura stoppie Pirodiserbo

18 Mezzi biologici Scelta di colture e/o varietà competitive Sfruttamento di fenomeni allelopatici Diffusione di parassiti (animali o vegetali) specifici per certe infestanti Mezzi biochimici Utilizzo come erbicidi di fitotossine Esempi: Anisomicina (da Streptomices spp.) contro giavone e setaria Tentaxaina (da Alternaria spp.) contro sorghetta Erbicina (da S. saganonensis) graminicida selettivo su riso Utilizzo di spore di patogeni Esempi: Phytophtora palmivora in frutteti Colleotrichum glaesporensis in soia e riso Alternaria cassiae controllo selettivo di Cassia obtusifolia

19

20 Mezzi agronomici per il contenimento delle infestanti Evitare introduzione infestanti con macchinari sporchi Evitare la maturazione del seme delle malerbe (sfalci precoci) rotazioni rinettanti (erbai) Correzione difetti del terreno (ristagno, ph) Tecniche di lavorazione (lavorazione profonda) Aumento della competitività delle colture elevate fittezze di semina epoca favorevole concimazione localizzata irrigazione a goccia in climi aridi Pacciamatura

21 Falsa semina Preparazione anticipata del letto di semina della coltura, fatta in modo da creare le condizioni per una forte emergenza dei semi delle infestanti presenti negli strati superficiali del terreno. Le malerbe nate verranno poi eliminate con un trattamento chimico o meccanico. In quest ultimo caso la lavorazione deve essere più superficiale possibile per non portare in superficie nuovi semi pronti a germinare. Su colture a semina autunnale Preparazione del letto definitivo di semina a fine settembre-inizio ottobre per semine tra metà ottobre e metà novembre. Su colture a semina primaverile Preparazione del letto di semina tra fine dicembre e fine febbraio-inizio marzo per semine tra marzo e inizio maggio. Vantaggi Forte riduzione delle malerbe che possono emergere assieme alla coltura Dilazionamento delle emergenze delle malerbe rimaste

22 Tecnica della falsa semina. Esempio applicativo nella coltivazione della carota Strigliatura Emergenza infestanti Strigliatura Semina Emergenza infestanti Pirodiserbo Emergenza coltura

23 Lotta diretta Lotta biologica Promettente ma pericolosa: (variazioni abitudini, introduzione materiale pericoloso) Con insetti (es. Cactoblastis cactorum in Australia contro Opuntia) Con funghi (lotta al Cirsium arvense con Puccinia graveolens) Lotta con mezzi fisici Bruciatura delle stoppie: poco efficace e non sempre possibile Pirodiserbo Con lavori complementari Lotta meccanica Sarchiatura Scerbatura manuale (orticole) Sfalci ripetuti

24 Lotta fisica Mezzi impiegati pacciamatura solarizzazione (Serre e tunnel) pirodiserbo sarchiatura scerbatura manuale: orticole di gran pregio sfalci ripetuti bruciatura delle stoppie

25 La pacciamatura Ricoprire il suolo con del materiale per: impedire la crescita delle malerbe, mantenere l'umidità nel suolo, proteggere il terreno dall'erosione, mantenere la struttura, evitare la formazione della crosta superficiale, diminuire il compattamento, innalzare la temperatura del suolo (anche effetto sterilizzante)

26 Solarizzione Tecnica che è volta a controllare le infestanti (e i microrganismi patogeni) attraverso il calore (devitalizazzione termica) Stesura di teli plastici trasparenti in Polietilene sopra il suolo dopo lavorazione ed idoneo inumidimento (aumenta conducibiltà calore) Durata del periodo d intervento inversamente proporzionale alle temperature raggiunte Operazione plausibile in zone con prolungato periodo estivo, alta intensità luminosa, cielo sereno ed elevata temperatura dell aria; per piccole superfici su colture ad alto reddito (costo dei film plastici)

27 Pirodiserbo Eliminare le infestanti con il fuoco o in genere con alte temperature Attrezzature impiegate: generatori di fiamma a GPL o emissione Infrarosso Obiettivo: ottenere surriscaldamento che danneggi le cellule vegetali

28 Lotta meccanica

29 Lotta meccanica Sarchiatrice con denti a stella (rompicrosta)

30 Lotta meccanica

31 Lotta meccanica

32

33 Erpice strigliatore

34 Possibilità di intervento e stadio vegetativo (Soia) Verde=intervento possibile, Giallo=con precauzione, Rosso=non attuabile Erpice strigliatore Erpice rotativo Sarchiatore Erpice strigliatore Sarchiatrice rotativa

35 Possibilità di intervento e stadio vegetativo (Frumento) Intervento non attuabile

36 Lotta chimica La lotta chimica alle piante infestanti è attuata mediante l uso di formulati erbicidi o diserbanti chimici. I fitofarmaci o presidi fitosanitari, comprendono Diserbanti Insetticidi (Acaricidi, Rodenticidi, Nematocidi) Fungicidi Limacidi (Mulliscicidi), Disinfestanti Algicidi Ormoni Fitoregolatori,

37 Diserbo chimico Sono circa 300 principi attivi erbicidi registrati nel Mondo Più di 100 p.a. registrati in Italia Attualmente circa 1/3 della S.A.U. è trattata Superficie trattata per colture riso, bietola, soia, mais (c.a. 90%) girasole, frumento (c.a. 70%) colture arboree (c.a. 40%) vigneti ed oliveti (c.a. 20 %)

38 Caratteristiche che deve possedere l erbicida (ideotipo) Essere molto selettivo Avere ampio spettro d azione (è l insieme delle specie vulnerabili) Non essere dannoso per uomo e ambiente (ecocompatibile) Uso flessibile e conveniente Avere elevata efficacia rapportata al costo per unità di superficie Essere miscibile con altri prodotti Non lasciare residui nella coltura di interesse Non esplicare azione fitotossica per le colture in avvicendamento

39 Meccanismi di azione degli erbicidi Per contatto: uccidono solo i tessuti con cui vengono a contatto effetto acuto, necessaria molta acqua (>600 l/ha) e bagnanti Per traslocazione (= sistemici): assorbiti dalle foglie o dalle radici traslocano nel sito di azione creando turbe metaboliche. Idonei anche per infestanti perenni, irrorazioni a basso volume Residuali (= antigerminello): si applicano al terreno e agiscono sui semi in germinazione. Problemi di persistenza, breve o lunga A seconda del meccanismo d azione vengono distribuiti Al terreno (geosterilizzanti, ad assorbimento radicale, antigerminello) Alla vegetazione (per contatto, sistemici ad assorbimento fogliare)

40 Epoca di intervento Si considera lo stadio della coltura e non dell infestante Pre-semina o pre-trapianto: trattamenti eseguiti prima della semina o del trapianto della coltura: - erbicidi antigerminello (superficie o interrati) - contatto fogliare -sistemici radicali/fogliari Vantaggi : uso erbicidi fotolabili, sensibili all umidità o volatili può essere fatto alla semina Svantaggi: l interramento può rovinare il letto di semina maggior percolazione del principio attivo

41 Epoca di intervento (2) Pre-emergenza Si esegue immediatamente dopo la semina o comunque prima dell emergenza della coltura (meglio se il terreno è rullato); se colture poliennali in pre-ricaccio, prima della ripresa vegetativa. 1. Prodotti residuali (antigerminello) su infestanti non emerse o molto giovani. 2. Aumentare la profondità di semina della coltura. Vantaggi: elimina competizione malerbe fin dalla nascita Svantaggi: se piove molto a volte non è possibile intervenire. Se il terreno è secco il p.a. non si attiva. Se non incorporati possono subire run-off. Non si conosce la popolazione di infestanti

42 Applicazione di pre-emergenza

43 Epoca di intervento (3) Post-emergenza Trattamenti effettuati con la coltura presente (Erbicidi di contatto/sistemici) -Uso prevalente di diserbanti ad assorbimento fogliare, poiché generalmente le malerbe sono già in campo -Fondamentale la selettività. E un intervento mirato perché le infestanti sono riconoscibili per tipo e per stadio vegetativo Vantaggi: si misura l intervento poiché si può valutare l entità del danno in campo (tipo prodotto e quantità): Soglie di intervento si colpiscono le rizomatose per assorbimento fogliare. Svantaggi: mezzo curativo, non preventivo l accessibilità ai campi ne limita l efficacia

44 Diserbo sottochioma: Getti orientati o schermati (prodotti non selettivi) Trattamenti con barra umettante: Trattamenti con barre a trasudazione (barre umettanti): uso di un diserbo totale umettando solo le infestanti, che in genere sono più alte della coltura Applicabile in pochi casi.

45 Possibilità di ridurre le dosi di erbicida Mediante Trattamenti in bande o localizzati sulle file (Obiettivo: limitare la superficie trattata solo sulla fila della coltura, sarchiando l interfila) Trattamenti con microdosi: più interventi a bassi volumi d acqua per colpire le infestanti giovani (Tecnica con dose di erbicida molto ridotta DMR) utilizzata soprattutto in soia, cipolla e bietola. Possibilità di combinazione di più prodotti.

46 Presenza semi e piante di sp. infestanti Presenza anche di semi della coltura Presenza piante della coltura e piante di specie infestanti Il getto non bagna la coltura Viene trattata solo una striscia di terreno sulla fila

47 Sequenza temporale degli interventi con erbicidi in agricoltura tradizionale e integrata

48 Condizioni di impiego dei diserbanti Luce Favorisce la penetrazione degli erbicidi fogliari per maggiore apertura degli stomi. (Può causare fotodegradazione) Temperatura Intervallo ottimale di applicazione, 8 25 C Alte Temp. aumentano l attività vegetativa aumentano l effetto Alte Temp. causano perdite gassose per volatilizzazione (pericolo colture vicine) Pioggia Modesta: miglior bagnatura, trasporto dell erbicida appena sotto la superficie del suolo (Ottimo per gli erbicidi di pre-emergenza) Elevata: provoca dilavazione e lisciviazione dell erbicida Vento aumenta la vaporizzazione e il trasporto del prodotto. NB: non si tratta in presenza di vento

49 Assorbimento del principio attivo Assorbimento per via fogliare. Interessa soprattutto prodotti dati in post emergenza. Dopo il contatto con superficie fogliare il prodotto può: Subire ritenzione da parte di organi aerei variabile in base a: -morfologia delle piante (struttura della copertura vegetale in termini di densità e stadio di sviluppo), -grandezza e tensione superficiale delle gocce, -condizioni atmosferiche Penetrare nella pianta attraverso cuticola, oppure stomi o lesioni; La penetrazione cuticolare è quella più importante e si può esplicare per: -via acquosa: molecole polari, attraversano lentamente la cuticola ed una volta superata entrano nel simplasto attraverso la cutina -via lipidica: molecole liposolubili, attraversano la cuticola e si muovono attraverso di essa.

50 Assorbimento del principio attivo (2) Assorbimento per via radicale. Interessa prodotti dati in pre semina, pre emergenza e pre-trapianto -Gli erbicidi in soluzione acquosa sono assorbiti allo stesso modo dei nutrienti; tale assorbimento è favorito da formulati idrofili. -Trasporto apoplastico per sostanze idrofiliche (attraverso spazi intercellulari) fino all endoderma che ha pareti suberificate. Il trasporto si fa allora simplastico (via principale per le sostanze lipofile). - Normalmente poi la traslocazione avviene tramite flusso ascenzionale nello xilema.

51 Modalità di assorbimento dei diserbanti Assorbimento per via radicale Assorbimento per via fogliare

52 Traslocazione Penetrato nella pianta l erbicida può essere: traslocato lungo lo xilema (soprattutto per assorbimento radicale) traslocato lungo il floema (soprattutto per assorbimento fogliare) Diserbante per contatto Diserbante sistemico per assorbimento fogliare e/o radicale

53 Selettività dell erbicida Caratteristica per cui l azione fitotossica viene esplicata con diversa intensità sulle diverse specie vegetali interessate dal trattamento Il diserbante può essere: Diserbante totale: fitotossico per tutte le specie 1. Ad azione residuale 2. Senza azione residuale (rapidamente degradati dopo l applicazione) es.: glifosate Diserbante selettivo: fitotossico su alcune specie e non su altre. La selettività è relativa: dipende dalla formulazione, dalle dosi applicate, dalle epoche e dai modi d impiego, dallo stadio di sviluppo della coltura e delle infestanti. NB: L efficacia erbicida è nei confronti delle infestanti mentre la fitotossicità è nei confronti della specie coltivata

54 Meccanismi di selettività a disposizione delle piante La capacità di una pianta di subire o superare l azione fitotossica del formulato dipende da: 1. Caratteristiche morfologiche e strutturali a protezione degli apici vegetativi (poco protetti in dicotiledoni) Gemme interrate in colture perenni Dormienza invernale Apparati radicali fittonanti vs. superficiali Cere Tomentosità 2. Caratteristiche fisiologiche, cioè la capacità della pianta di inattivare certi diserbanti, trasformandoli (Esempio -quando si utilizzaval atrazina in Mais)

55 Meccanismo di azione del diserbante (Tossicità verso le piante) Una volta penetrato nella pianta e traslocato nel sito d azione il p.a. esplica la sua azione alterando uno specifico processo metabolico (azione primaria) e, di conseguenza, tutti i fenomeni e le funzioni metaboliche correlate e interagenti con quel processo (azione secondaria). L azione primaria non sempre è letale: spesso la morte dell infestante è dovuta ad azione secondaria Principali meccanismi d azione Fotosintesi (es.: triazine, come terbutilazina) Respirazione (es.: nitrofenoli, come DNOC) Crescita (es.: fenossideriati, come 2-4 D) Sintesi degli amminoacidi (es.: glifosate) Sintesi proteica (es.: solfoniluree, come clorosulfuron) Sintesi dei lipidi (Es.: tiocarbammati, come butilate) E altre

56

57 Formulazione dei fitofarmaci (1) DISERBANTE = PRINCIPIO ATTIVO + COFORMULANTI + COADIUVANTI Il principio attivo (p.a.) o sostanza attiva (s.a.) è la sostanza chimica o biologica che produce l effetto tossico. I coformulanti sono inerti che servono per ridurre la concentrazione del p.a. (max 3 per prodotto) [acqua, talco, diluenti, solventi,..]

58 Formulazione dei fitofarmaci (2) Coadiuvanti in generale (sostanze non attive che svolgono le seguenti funzioni) Attivanti (incrementano l attività biologica del p.a. facilitando la penetrazione e la diffusione nei tessuti vegetali) Adesivanti (aumentano la persistenza del p.a. sulla vegetazione) Tensioattivi o bagnanti (diminuiscono la tensione superficiale della soluzione migliorandone l adesione sulla vegetazione) Stabilizzanti o emulsionanti (permettono una maggiore stabilità della miscela tra prodotto formulato e liquido solvente)

59 Azione dei tensioattivi (bagnanti)

60 Tossicità di un fitofarmaci Dose Letale 50 (DL 50 ) Dose di prodotto, espressa in millesimi di grammo di prodotto per chilogrammo di peso dell animale (ppm), che provoca la morte del 50 per cento degli animali da laboratorio esposti al prodotto (esposizione orale su ratti e cutanea su ratti e conigli); Tempo di carenza o tempo (intervallo) di sicurezza È il numero minimo di giorni che deve intercorrere tra la data in cui è stato eseguito il trattamento e quella della raccolta delle derrate per la loro immissione al consumo. Limite di tolleranza È il limite massimo di residuo (LMR) delle sostanze attive dei prodotti fitosanitari tollerato nei prodotti destinati all alimentazione; rappresenta quella dose che non dovrebbe essere dannosa per il consumatore.

61

62 Classificazione secondo la pericolosità dei diserbanti

63 Destino dei diserbanti Ripartizione nell ambiente del principio attivo durante e dopo la loro applicazione

64 Degradazione dei diserbanti nell ambiente Dal punto di vista ambientale, i diserbanti sono tanto meno dannosi, quanto meno sono persistenti. Processi che condizionano la persistenza dei diserbanti nel terreno

65 Fenomeni di resistenza agli erbicidi. La selezione esercitata dall uso ripetuto dello stesso erbicida, o di erbicidi aventi il medesimo meccanismo d azione, può portare, anche in un periodo di tempo relativamente breve, all insorgenza di popolazioni resistenti. La resistenza può essere definita come: la capacità naturale ed ereditabile di alcuni individui presenti in una popolazione di sopravvivere alla dose di erbicida normalmente impiegata per il loro controllo. In tutte le popolazioni infestanti è presente un numero molto limitato di piante in grado di sopravvivere naturalmente al trattamento erbicida. L uso ripetuto, nello stesso appezzamento, di erbicidi con il medesimo meccanismo d azione elimina tutte le piante sensibili consentendo alle piante resistenti di sopravvivere e moltiplicarsi, selezionando così nel tempo una popolazione resistente. La resistenza è quindi un fenomeno evolutivo, e costringe l agricoltore ad utilizzare altri erbicidi oppure altri metodi di controllo talvolta più costosi e/o meno efficaci. Inoltre, anche nel caso di un oculata gestione, la resistenza può persistere per parecchi anni, anche in assenza dell erbicida selezionatore, grazie allo stock di semi (o banca dei semi) nel terreno.

66 Infestanti, un approccio antiresistenza Pratiche agronomiche Condizioni di utilizzo degli erbicidi Rotazioni (sufficientemente diversificate) Falsa semina (possibilità di utilizzare il glifosate) Lavorazioni (Interrare profondamente i semi) Utilizzo dei prodotti più attivi Rispetto delle dosi Momento ottimale di intervento Bagnatura ottimale Trattare su infestanti poco sviluppate Miscela con prodotti a diverso meccanismo Evitare applicazioni ripetute di erbicidi con lo stesso meccanismo di azione Integrare il diserbo chimico con sistemi di controllo meccanici Favorire la competitività della coltura N.B. La tecnica conservativa ha un sistema più fragile (assenza lavorazioni profonde)

67

68

69

70

71 Gestione integrata delle infestanti (1) La gestione integrata delle piante infestanti è l integrazione di tutte le possibili conoscenze, scientifiche e tecniche per mantenere o ricreare una flora equilibrata, mediante: 1) Gestione agronomica: pratiche preventive; avvicendamento colturale; scelta di tecnica colturale adeguata che aumenti la competitività delle piante coltivate verso quelle infestanti; 2) Applicazione di mezzi alternativi al diserbo chimico e loro integrazione; 3) Razionalizzazione dell impiego degli erbicidi: impiegando l erbicida quando necessario (definizione e applicazione delle soglie di infestazione); scegliendo le molecole in funzione della flora presente; riducendo la dose di impiego (tecnica DR, trattamenti precoci, uso di additivi);

72 Gestione integrata delle infestanti (2) Controllo delle malerbe Soglie di intervento

73 Gestione integrata delle infestanti (3) Soglia di intervento La soglia d intervento definisce i modi e i tempi opportuni per intervenire; include due scelte fondamentali: - la valutazione dell opportunità dell intervento; - scelta del momento opportuno. Per poter gestire queste due decisioni è necessario definire: 1. la soglia d infestazione (S.I.) 2. il periodo critico (P.C.)

74 Gestione integrata delle infestanti (4) Vengono indicati sei diversi tipi di soglie di densità o di infestazione Soglia visiva: soggettiva Soglia di competizione: sopra la quale inizia la perdita produttiva Soglia economica di intervento (SEI): densità alla quale il costo del trattamento eguaglia il beneficio ottenuto con l eliminazione delle malerbe (nell anno in corso) [<4-5 piante m-2] Soglia economica ottimale (SEO): densità al di sopra della quale le infestanti dovrebbero essere controllate ottenendo benefici economici nell anno in corso e nei successivi (riduzione la banca semi) [< SEI] Soglia di previsione: densità alla quale si devono controllare le malerbe per evitare che l infestazione raggiunga un dato livello ad una certa data

75 Gestione integrata delle infestanti (5) Periodo critico della coltura (P.C.) A parità di densità, le piante infestanti provocano un danno produttivo diverso in funzione del periodo in cui vengono lasciate convivere con la coltura. Ogni coltura presenta un periodo in cui è particolarmente sensibile alla competizione delle piante infestanti. Frumento, orzo, riso non subiscono danni elevati dalla presenza delle malerbe nelle fasi iniziali del ciclo, viceversa diventano estremamente sensibili durante la levata. Altre colture come la lattuga, aglio a causa del loro lento sviluppo iniziale sono sensibilmente danneggiate sia dalle piante infestanti che emergono contemporaneamente ad esse sia da quelle che emergono tardivamente Possiamo determinare: 1. la durata della competizione tollerata (DCT) cioè il periodo massimo di permanenza delle infestanti in mezzo alla coltura perché si abbiano danni produttivi inferiori ad una soglia limite fissata a priori; 2. il periodo richiesto di assenza delle malerbe (PRAM) cioè il periodo minimo di tempo a partire dall emergenza, durante il quale la coltura deve rimanere priva di malerbe affinché subisca danni produttivi inferiori alle stessa soglia limite.

76 Gestione integrata delle infestanti (6) Durata della competizione tollerata (DCT) Essa è influenzata da: tipo ed entità dell infestazione, coltura, tecnica colturale applicata ad essa, andamento climatico e natura del fattore limitante. Le caratteristiche ecofisiologiche delle specie infestanti influenzano la loro capacità competitiva e quindi la DCT. Le più importanti sono: - grandezza del seme - velocità di emergenza - portamento - suscettibilità alle fitopatie -esistenza di fenomeni allelopatici La durata del PRAM (periodo richiesto di assenza delle malerbe) dipende da numerosi fattori che in ordine decrescente di importanza sono: 1. caratteristiche della coltura: velocità d insediamento, portamento e struttura delle foglie; 2. tecnica agronomica: modalità ed epoca di semina o trapianto, concimazione e irrigazione; 3. andamento climatico; 4. densità e tipo di infestazione;

77 Definizione del periodo critico Dopo aver definito DCT e PRAM, si può calcolare il periodo critico della coltura, che risulta compreso tra la fine della DCT e quella del PRAM. Poiché essi sono condizionati da molte variabili, come abbiamo precedentemente visto, la durata del periodo critico risulta molto variabile. Nel peperone va dal 25 al 45 giorno dopo il trapianto, nel pomodoro seminato tra il 30 e il 45 giorno dopo l emergenza. Nel mais, pur avendo un discreto accrescimento iniziale, a causa della bassa densità di semina, il periodo critico si ha tra il 28 e il 42 giorno dopo l emergenza. La conoscenza del periodo critico permette alcune considerazioni sulla scelta del prodotto erbicida: 1) se si effettua il diserbo di pre-emergenza, è necessario scegliere un prodotto con una persistenza tale da mantenere la coltura libera da infestanti per tutta la durata del periodo critico; persistenze inferiori determineranno decrementi produttivi maggiori di quelli attesi, persistenze superiori sono inutili e possono essere anche dannose per l ambiente e la coltura successiva. 2) se si effettua il diserbo post-emergenza o la sarchiatura, questi interventi vanno eseguiti all inizio del periodo critico e devono essere ripetuti se prima della sua fine si verificano nuove emergenze di malerbe.

78 Attività erbicida

79 Attività erbicida

80 Attività erbicida Curva di degradazione di un diserbante con persistenza troppo corta

81 Il diserbo del frumento Infestanti chiave

82 Infestanti maggiormente diffuse nelle colture di frumento Graminacee Tecn. agronomiche che ne favoriscono lo sviluppo. Dicotiledoni Tecn. agronomiche che ne favoriscono lo sviluppo. Avena sterilis Papaver rhoeas Lolium spp Semina su sodo Sinapis arvensis Alopecurus myosuroides Poa spp, Apera spica-venti Phalaris Rapistrum rugosum Matricaria chamomilla Gallium aparine Veronica spp Bromus spp. Semina su sodo Fumaria officinalis Hordeum murinum Semina su sodo Viola arvensis Silybum marianum Ammi majus Geranium dissectum Picris echioides Cirsium arvense Convolvulus arvensis Equisetum spp. Semina su sodo Semina su sodo Riduz. lavor.ne/rotazione Riduz. lavor.ne/rotazione Riduz. lavor.ne/rotazione

83 MATRICARIA CAMOMILLA

84 PAPAVERO

85 CRUCIFERE TLAPSI CAPSELLA SENAPE

86 STELLARIA

87 VERONICA PERSICA ED HEDERIFOLIA

88 FUMARIA

89 GALIUM

90 AVENA

91 ALOPECURUS

92 LOLIUM

93 Problematica del diserbo del frumento Diffusione di popolazioni di infestanti resistenti agli erbicidi di postmergenza Lolium Avena sterilis Phalaris paradoxa Le resistenze coinvolgono gli erbicidi che agiscono come inibitori dell enzima ACCasi (Erbicidi fop e dim) Clodinafop-propargil (Topik) Pinoxaden (Axial) Graminicidi Tralkoxydim (Grasp) E in alcuni casi (Lolium e Avena steris) anche solfoniluree graminicide

94 Diserbo preventivo del frumento (Pre- emergenza precoce) Importante per la prevenzione e la gestione delle resistenze ai graminicidi di postemergenza (Lolium spp. ecc.) Limiti Impossibilità di controllare infestanti come: Avena sterilis e Gallium aparine Impossibilità di controllare infestanti a nascita tardiva comprese le perenni Cirsium, Equisetum Princi attivi Clortoluron Efficace nella lotta al Lolium spp resistente ai graminicidi di post-emergenza (max 1 tratt amento ogni 5 anni sullo stesso appezzamento). Poco efficace contro Avena spp. Diflufenican In miscela con Clortoluron migliora l efficacia verso Alopecurus, Lolium, Veronica, Viola, Stellaria, crucifere, poligonacee, e con un buon contenimento di Papaver e parziale attività verso Gallium. Pendimetalin Da solo o in miscela con clortoluron o diflufenican è utilizzabile anche in post-emergenza precoce (2-4 foglie). Attivo verso Papaver, Veronica, Fumaria, Stellaria, Capsella, Pligonum aviculare, Poa, Alopecurus

95 Il diserbo di post-emergenza (Accestimento-levata) (1) Pregi Si agisce sull infestante dopo averne verificato la presenza Vasta gamma di prodotti Spettro di azione completo Intervento unico Impiego di prodotti a minor impatto ambientale rispetto al pre emergenza Difetti Possibilità di selezionare popolazioni resistenti

96 Il diserbo di post-emergenza (Accestimento-levata) (2) Thifensulfuron metil Metsulfuron metile Bifenox fumaria, galium, veronica, papavero Tribenuron metile Triasulfuron Tritosulfuron Tritosulfuron+ficamba Thifensulfuron metil+ Triasulfuron Solo dicotiledoni (Cat. ALS) DICOTILEDONI (ESCLUSO GALIUM), VERONICA,FUMARIA,VILLUCCHIO,STOPPIONE Dicotiledoni con Gallium Florasulam Tribenuron + mcpp Clopiralid + mcpa + fluroxipyr (Gallium, convolvolo, stoppione) Amidosulfuron Fluroxipyr (Dicotiledoni e in particolare gallium) Azione collaterale su molte malerbe. Attivi anche contro convolvolo, stellaria.

97 Il diserbo di post-emergenza (Accestimento-levata) (3) Dicotiledoni con Gallium e graminacee (Prodotti ad ampio spettro) Iodosulfuron + fenoxaprop-p-etile + mefenpir-dietile (no orzo) Clodinafop + pinoxaden + florasulam (no orzo) Propoxycarbazone+Iodosulfuron-metil+amidosulfuron+mefenpyr diethyl Tritosulfuron Iodosulfuron-metil sodium + mesosulfuron (no orzo) avena, alopecuro, loietto, falaride, bromo, poa, buona efficacia su numerose dicotiledoni Iodosulfuron-metil sodium + mesosulfuron metile (no orzo) Pyroxulam + florasulam (no orzo) Solo graminacee Tralkoxidim avena, alopecuro, loietto, poa, falaride Diclofop-metile avena, alopecurus, loietto, falaride Pinoxaden Fenoxaprop-p-etile + antidoto Clodinafop (no orzo) avena, alopecuro, loietto, poa, falaride (Cat. ALS) (Cat. ACCasi) N.B. Nei diversi anni è obbligatorio alternare l impiego dei prodotti delle due categorie

98

99

100 Diserbo dei cereali vernini su sodo Presenza di Infestanti Rinascita di colture precedenti Malerbe perenni Graminacee e dicotiledoni ad emergenza anticipata (fine estate) E richiesta la devitalizzazione preventiva, dopo le piogge di fine estate, con applicazioni di erbicidi ad azione totale (es. Glifosate con dosi da 1,5 a 4 litri per ha) Dosi più elevate per controllare Convolvulus arvensis, Calystegia sepium, Cynodon dactylon, Agropyron repens. Trattare alcuni giorni prima della semina Dosi minime per controllare malerbe annuali alle prime vasi vegetative Dosi intermedie per i ricacci di sorgo. Trattare una settimana prima della semina Nel caso di medicai occorre trattare a non meno di 10 giorni dall ultimo sfalcio. Ricaccio maggiore di 7-10 cm

101 Solfoniluree L efficacia non e influenzata dalle basse temperature Residualita piu o meno alta Tendenza a selezionare le infestanti contro le quali non hanno efficacia (es. Veronica) Necessita di alternarle ad altri prodotti

102 Il diserbo del mais Le infestanti chiave

103 DICOTILEDONI POLIGONUM AVICULARE

104 DICOTILEDONI FALLOPIA CONVOLVOLO

105 DICOTILEDONI POLIGONUM PERSICARIA

106 DICOTILEDONI CHENOPODIO

107 DICOTILEDONI SOLANUM

108 DICOTILEDONI AMARANTO

109 DICOTILEDONI ABUTILON

110 DICOTILEDONI (Infest. di sostituzione) XANTIUM

111 DICOTILEDONI (Infest. ruderali) BIDENS

112 DICOTILEDONI Sicyos angulatus

113 DICOTILEDONI Ammi majus

114 DICOTILEDONI Datura

115 DICOTILEDONI Portulaca

116 GRAMINACEE GIAVONE

117 GRAMINACEE DIGITARIA

118 GRAMINACEE SETARIA

119 GRAMINACEE Panicum

120 GRAMINACEE Sorghetta

121 GRAMINACEE Cyperus esc.

122 Presenza di resistenze Amaranthus spp. Resistente a Solfoniluree e Triazolopirimidine Echinochloa Resistente a Sulfoniluree graminicide (I giavoni si possono combattere con i graminicidi residuali (pre-emergenza) es. metolaclor, dimetamide, petoxamide, flufenacet

123 Fase di pre-semina All occorrenza, pulizia del letto di semina Glifosate (30,4%) litri 1,5-3/ettaro

124 Pregi DISERBO DI PRE EMERGENZA Risolutivo se dopo i trattamenti intervengono piogge Presenza di erbicidi con diverso meccanismo d azione (evita le resistenze e le infestanti di sostituzione) Difetti Prodotti residuali Bersaglio non individuato Minore efficacia se non piove dopo l applicazione Non applicabile su terreni torbosi, dosi ridotte su terreni sabbiosi

125 DISERBO DI PRE EMERGENZA Infestanti dicotiledoni e graminacee Terbutilazina + dimetenamide-p Terbutilazina + s-metolaclor Terbutilazina + acetochlor Terbutilazina + mesotrione, sulcotrione Aclonifen + isossaflutolo + graminicida Azione graminicida Clorocetammidi (s-metolaclor, dimetenamide-p, flufenacet) Punti deboli: fallopia, aviculare, bidens tripartita, xantium italicum

126 Problemi specifici di Abutilon Per combattere Abutilon: Mesotrione, sulcotrione, clomazone, Isoxaflutolo

127 Contro dicotiledoni e graminacee Terbutilazina Aclonifen + isossaflutolo + graminicida Punti deboli: fallopia, aviculare, bidens tripartita, xantium italicum

128 Contro dicotiledoni e graminacee Possibili alternative alla terbutilazina Pendimetalin + isossaflutolo + graminicida Punti deboli Fallopia, bidens tripartita, xantium italicum

129 IL DISERBO DI POST EMERGENZA (funzione complementare del pre emergenza) Pregi Scelta del prodotto a malerba individuata Prodotti a minor impatto ambientale Disponibilita di prodotti efficaci Difetti Breve periodo utile per l intervento Rischio di eccessiva competizione con inerbimenti precoci Difficolta con alcune infestanti in particolare se troppo sviluppate

130 Post-precoce.. S-metolaclor+mesotrine Isoxaflutole+cyprosulfamide+thiecarbazone S-metolaclor+mesotrine+Terbutilazina

131 IL DISERBO DI POST EMERGENZA (A partire da due foglie vere) Contro graminacee Nicosulfuron Foramsulfuran Contro dicotiledoni Sulcotrione Mesotrone Prosulfuron Tritosulfuron+dicamba Dicamba Fluroxipir Florasulam+fluroxipir Pendimetalin+dicamba Contro garminace e dicotiledoni Rimsulfuron+nicosulfuron+dicamba Rimsulfuron+mesotrione Tembotrione+isoxadifen etil

132 Spettro d azione di alcuni erbicidi (1) Dicamba Efficace contro Amaranthus retroflexus, solanum nigrum, bidens tripartita, xantium italicum ed altre. Il controllo di chenopodium spp., Polygonum persicaria e lapathifolium è buono solo se le infestanti hanno uno limitato sviluppo. Questo vale in generale anche per le altre specie. Scarsamente efficace se molto sviluppato su portulaca oleracea, equisetum arvense e fallopia convolvulus.

133 Spettro d azione di alcuni erbicidi (2) Sulcotrione Efficace contro Efficace contro molte dicotiledoni, buona l azione su chenopodium, che è di difficile controllo nel mais. Qualche difficoltà di controllo su amaranthus, fallopia, portulaca e perennanti. L efficacia piena su abutilon theophrasti si ha solo nelle prime fasi di sviluppo dell infestante.

134 Spettro d azione di alcuni erbicidi (3) Mesotrione Efficace contro molte dicotiledoni, buona l azione su chenopodium, che è di difficile controllo nel mais. Qualche difficoltà di controllo su fallopia, portulaca e perennanti. Azione collaterale su digitaria e giavone Prosulfuron Efficace contro molte dicotiledoni, buona l azione su amaranto, abutilon, crucifere. Difficoltà di controllo su fallopia, portulaca, solanum e perennanti.

135 Spettro d azione di alcuni erbicidi (4) Fluroxipir e Fluroxipir + Florasulam Da usare preferibilmente in miscela con altri erbicidi, per potenziarne l efficacia nei contronti di convolvulus arvensis, calystegia sepium, abutilon, ruderali Clopiralid Contro Cirsium arvense, ricacci di medica e girasole, ruderali

136 Spettro d azione di alcuni erbicidi (5) Nicosulfuron Rimsulfuron Foramsulfuron Contro Sorghum halepense, echinochloa crus-galli, setaria spp. e digitaria sanguinalis. Efficace anche su amaranthus, crucifere e persicaria, bidens, xantium

137 Diserbo dell erba medica

138 Letti di semina Erba medica Sostanze attive Epoca di impiego Infestanti controllate Diquat Pre-semina, pre-ricaccio Dicotiledoni annuali, e parziale azione disseccante sulle graminacee Erbicidi selettivi Sostanze attive Epoca di impiego Infestanti controllate Benfluralin Pre-semina interrato Graminacee, Amaranto, chenopodio, poligonacee, papavero, stellaria Propizamide Pre-ricaccio della medica e dopo il primo taglio (entro 3-4 giorni) Graminacee, poligaonacee, stellaria, veronica. Cuscuta dopo il primo sfalcio Metribuzin Pre-ricaccio di medica Graminacee, Amaranto, chenopodio, crucifere, poligonacee, picris, senecio

139 Erbicidi selettivi Sostanze attive Epoca di impiego Infestanti controllate Imazamox Post-emergenza (medica 2-3 cm) Graminacee primi stadi di sviluppo. amaranto, solanum, crucifere, abutilon, xantium Bentazone+Imazamox Post-emergenza (medica 2-3 cm) Graminacee, amaranto, solanum, abutilon, crucifere, poligonacee, composite 2,4 DB Post-emergenza (medica 2-3 cm) Crucifere, amaranto, chenopodio, solanum, papaver, picris, cirsium, taraxacum, rumex, cpnvolvulus Piridate Post-emergenza infestanti (primi stadi di sviluppo) Amaranto, chenopodio, solanum Fluazifop-p-butile Post-emergenza infestanti Graminacee annuali e perenni Quizalofop-etile Post-emergenza infestanti Graminacee annuali e perenni

140

141

142 Principali infestanti che interessano le coltivazioni erbacee (Epoca di emergenza e di fioritura) Vivaci pluriannuali Annuali Annuali a germinazione primaverile Annuali a germinazione autunnale Annuali estive

143 Infestanti vivaci pluriannuali Periodo di crescita Periodo di fioritura Cirsium arvense

144 Sonchus arvensis Periodo di crescita Periodo di fioritura

145 Convolvulus arvensis e Calystegia sepium Periodo di crescita Periodo di fioritura

146 Rumex obtusifolius e Rumex crispus Periodo di crescita Periodo di fioritura

147 Infestanti annuali Geranium spp. Periodo di crescita

148 Matricaria / Anthemis Periodo di crescita

149 Anagalis arvensis / Stellaria media Periodo di crescita

150 Sinapis arvensis, Raphanus raphanistrum, Rapistrum rugosum Rapistrum rugosum Sinapis arvensis Raphanus raphanistrum Periodo di crescita

151 Veronica spp. Periodo di crescita

152 Periodo di crescita Vicia spp.

153 Avena spp. Periodo di crescita

154 Lolium spp. Lolium perenne Lolium perenne Lolium Italicum Periodo di crescita Lolium Italicum

155 Annuali a germinazione primaverile Chenopodium album / Atriplex patula Chenopodium album Atriplex patula Chenopodium album Atriplex patula Periodo di crescita

Principal Mais. DuPont TM SEMPLICE - COMPLETO - EFFICACE: UNO PER TUTTE! I NOSTRI PRODOTTI PER IL DISERBO DEL MAIS. LA LINEA DuPont PER IL MAIS

Principal Mais. DuPont TM SEMPLICE - COMPLETO - EFFICACE: UNO PER TUTTE! I NOSTRI PRODOTTI PER IL DISERBO DEL MAIS. LA LINEA DuPont PER IL MAIS LA LINEA DuPont PER IL MAIS I NOSTRI PRODOTTI PER IL DISERBO DEL MAIS DuPont TM Principal Mais Programma di solo pre-emergenza: Programma di solo post emergenza precoce Programma di post emergenza standard

Dettagli

Realize success. DuPont Arigo Mais One-pass Post-emergenza. Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura. DuPont TM Arigo TM

Realize success. DuPont Arigo Mais One-pass Post-emergenza. Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura. DuPont TM Arigo TM Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura Il sigillo di garanzia DuPont Izon, applicato su tutte le confezioni consente di verificare con una semplice operazione visiva se il

Dettagli

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente PRODOTTI FITOSANITARI: Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente 1 DEFINIZIONE: I Prodotti Fitosanitari, definiti dall'art.2 del D. Lgs. n. 194/955 e dall art.2 del DPR 290/01,

Dettagli

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Maurizio Sattin CNR -Istituto di Biologia Agro-ambientale e Forestale (IBAF), Legnaro Gruppo Italiano sulla Resistenza agli Erbicidi Gli erbicidi

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

AGGIORNAMENTI Maggio 2012

AGGIORNAMENTI Maggio 2012 COLTURA AVVERSITA S.A. NOTA Cicoria Sclerotinia Bacillus subtilis Max 4 tratt./ciclo Cicorino CP Sclerotinia Bacillus subtilis Max 4 tratt./ciclo Erbe fresche CP Piridate Vietato in coltura protetta Foglie

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia.

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia. (S20/21). Non gettare i residui nelle fognature (S29). Non disfarsi è un erbicida selettivo per il diserbo in postemergenza viene assorbito dalle foglie delle piante trattate e, con sintomi visibili (ingiallimento,

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI 2013. Protezione delle colture

CATALOGO PRODOTTI 2013. Protezione delle colture CATALOGO PRODOTTI 201 Protezione delle colture protezione delle colture Catalogo prodotti pagina 4 Seminiamo fiducia pagina 10 Prodotti pagina 16 Sostanze attive pagina 18 Infestanti (nomi scientifici)

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Linee guida per un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Sicurezza ambiente Salute agricoltura R. Bassi, A. Bernard, F. Berta (Syngenta Crop Protection S.p.A.) - M. Calliera (Università Cattolica del

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Introduzione 1 Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Luglio 2011 Il glifosato è la sostanza attiva utilizzata in molti erbicidi venduti su scala mondiale, compreso l'ormai

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Diserbare senz acqua si può, e conviene

Diserbare senz acqua si può, e conviene Edizione n. 34 del 29/11/04 www.phytomagazine.com Diserbare senz acqua si può, e conviene I risultati di prove eseguite con attrezzature per la distribuzione di erbicidi in assenza di diluizione con acqua

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Elaborato a cura dell Area Servizio Fitosanitario e Risorse

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Guida alla coltivazione della barbabietola da zucchero

Guida alla coltivazione della barbabietola da zucchero Guida alla coltivazione della barbabietola da zucchero Dalla sperimentazione di Beta una guida operativa completa per la coltivazione redditizia di una delle più importanti colture industriali Beta S.c.a.r.l.

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA IASMA Notizie FRUTTICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige n. 4 IASMA Notizie - n. 14 - Anno VIII - Taxe

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Assistenti Tecnici N14. x x x x. x x x. Trenti Bosi Lavori. Versa ri, 1 S E T T I M A N A 2 S E T T I M A N A

Assistenti Tecnici N14. x x x x. x x x. Trenti Bosi Lavori. Versa ri, 1 S E T T I M A N A 2 S E T T I M A N A PO PRVVO DLL COLVZO DLL V PRCH DLL O COLCO 2013/2014 Per la scelta delle varietà, quantità e modalità si rimanda alla programmazione settimanale. Va tenuto conto che le colture possono subire variazioni

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli