IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE"

Transcript

1 IL LIMITE ALL UTILIZZO DEL CONTANTE Il D.L. 138/2011 (c.d. Manovra di Ferragosto) interviene riducendo alla metà la soglia per la movimentazione del denaro contante, degli assegni e dei libretti al portatore, ad opera dell art. 2, comma 4, del D.L. 13 agosto 2011, n Ai fini di adeguamento alle disposizioni adottate in ambito comunitario in tema di prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamenti del terrorismo, le limitazioni all uso del contante e dei titoli al portatore di cui all articolo 49, commi 1, 5, 8, 12 e 13 del D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231, sono adeguate all importo di euro 2.500,00. Non è stata prevista una decorrenza specifica della disposizione per cui la stessa, ai sensi dell art. 20 del DL 138/2011 è entrata in vigore il giorno stesso della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, avvenuta il 13 agosto 2011, del DL 138/2011, quindi con effetto immediato. Con la presente modifica la soglia che limita l uso del contante e dei titoli al portatore è stata ridotta alla metà, dai precedenti 5.000,00 euro agli attuali 2.500,00 euro. E un provvedimento che colpisce una platea vastissima di soggetti poiché interessa chiunque, a partire dal privato cittadino residente o meno è a questi fini irrilevante - alle imprese, agli esercenti arti e professioni. 1. LA NUOVA SOGLIA DI TRACCIABILITÀ La nuova soglia La nuova soglia di limitazione all uso del contante e dei titoli al portatore è stata ridotta ad euro 2.500,00, rispetto alla precedente di euro 5.000,00; in concreto significa che la limitazione scatta per le operazioni a partire da tale soglia. Per fare un esempio, il pagamento in contanti è ammesso fino all importo di euro 2.499,99, mentre il pagamento in contanti di euro 2.500,00 comporta la violazione della soglia. La nuova soglia interessa una molteplicità di operazioni quali, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, le seguenti: - le transazioni in contanti tra privati (si pensi alle restituzione di somme in famiglia o tra amici a vario titolo); - il pagamento di fatture, cartelle di pagamento, bollettini postali, ecc.; - i finanziamenti e/o le capitalizzazioni dei soci a favore delle società; - i trasferimenti infragruppo; - la distribuzione di utili o riserve ai soci; - la corresponsione di acconti e/o caparre; - i pagamenti relativi a contratti, periodici e non. Ai sensi dell art. 49, comma 1, del D.Lgs. 231/2007, è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo, tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a euro. Il trasferimento è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati. 2. OPERAZIONI FRAZIONATE Le operazioni frazionate L art. 49, comma 1, vieta il trasferimento anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati. Nella pratica quotidiana sono ricorrenti i pagamenti rateali, per cui occorre definire il concetto di operazione frazionata al fine di non violare la disposizione perché ne conseguirebbe, oltre al resto, l irrogazione di pesanti sanzioni. La nozione di operazione frazionata L art. 1, comma 2, lett. m), del D.Lgs. 231/2007 stabilisce che si intende operazione frazionata un operazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabiliti dal presente decreto (2.500,00 euro, ndr), posta in essere attraverso più operazioni singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi ed in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni ferma restando la sussistenza dell operazione frazionata quando ricorrano elementi per ritenerla tale. E la norma stessa, quindi, che fornisce la definizione di operazione frazionata, prevedendone una classificazione assoluta (operazioni nei sette giorni) ed una residuale, demandata cioè alla valutazione caso del caso della sussistenza degli elementi che inducano a ritenerla tale. Il caso di scuola, per fare un esempio, di operazione frazionata è quello del pagamento a rate di una fattura di importo superiore alla soglia. Si pensi al seguente esempio: totale fattura euro 6.000,00 che viene pagata mediante tre diversi pagamenti in data , e

2 In tal caso si configura, se non previsto contrattualmente il pagamento alle tre scadenze indicate fin dall origine, una operazione frazionata, non ammessa dalla legge, se anche una sola rata (ancorché sia sotto la soglia di euro 2.500,00) viene pagata in contanti (e le altre due, ad esempio, con bonifico bancario). In buona sostanza, il legislatore si è preoccupato di vietare che venisse aggirata la norma che vieta il trasferimento di contante (o titoli al portatore) mediante il frazionamento dell importo complessivo in tanti importi ognuno al di sotto della soglia in vigore. Di certo l attuale riduzione a soli 2.500,00 euro renderà più difficile il pagamento in contanti da parte di chi intenda spacchettare il totale al fine di non incappare nella limitazione. Le casistiche relative alle operazioni frazionate Non tutti i casi di pagamento rateale, però, configurano inesorabilmente la casistica della operazione frazionata, vietata dalla legge. Per non incappare in tale divieto occorre che le parti siano lungimiranti e trasparenti fin dall inizio e prevedano contrattualmente un pagamento rateale a scadenze ben precise. Tale previsione dovrà risultare da atto scritto affinché sia opponibile; pertanto non vi sarà alcun problema ogni qual volta il contratto sarà fin dall origine formato per iscritto, mentre occorrerà indicare tale previsione in altro modo (ad esempio sulla fattura emessa) nei casi di contratti verbali. Pertanto, nell esempio proposto sopra, se il pagamento alle tre scadenze indicate risulta contrattualmente pattuito fin dall origine, il debitore potrà pagare in contanti anche tutte e tre le rate alle scadenze prestabilite senza incorrere in violazione alcuna. Si precisa che la casistica in argomento non riguarda soltanto il pagamento in contanti, ma anche i pagamenti effettuati con assegni bancari o postali. Infatti, nel caso di operazione frazionata gli assegni non potranno essere liberamente trasferibili e dovranno indicare il nome e la ragione sociale del beneficiario; nel caso in cui non sia ravvisabile la operazione frazionata tali titoli potranno essere liberamente trasferibili. 3. LE NOVITÀ RELATIVE AGLI ASSEGNI Le novità relative agli assegni Gli assegni bancari, postali e circolari sono direttamente interessati dalle disposizioni in commento. A decorrere dal 13 agosto 2011 tutti gli assegni (bancari, postali e circolari) di importo da 2.500,00 in su devono essere emessi: - con la clausola di non trasferibilità (ormai comunemente prestampata sui libretti); - con la indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario. La violazione di tale disposizione ha pesanti ripercussioni, che vanno dalla sanzione al mancato pagamento dello stesso a seconda dei casi. Gli assegni post-datati Nella pratica quotidiana può capitare di imbattersi in situazioni in cui, per le più disparate ragioni, qualcuno emetta un assegno post-datato, sul quale viene cioè indicata come data di emissione una data successiva al giorno di effettiva emissione. Si tratta di una prassi illecita che, seppure non configuri più illecito penale a seguito della depenalizzazione operata dal D.Lgs. 507/99, è sanzionabile perché costituisce pur sempre una irregolarità amministrativa per evasione dell imposta di bollo (DPR 642/72). Cionondimeno, talvolta può capitare di imbattersi in operatori che vi hanno fatto ricorso. La repentina entrata in vigore dell abbattimento della soglia rilevante può aver preso in contropiede qualcuno che ha ricevuto in pagamento un assegno post-datato. Si pensi al cliente che ha pagato a fine giugno 2011 una fornitura di 3.000,00 euro con un assegno postdatato al 31 agosto 2011 di pari importo. Ferma restando la irregolarità amministrativa consumatasi al momento dell emissione, a fine giugno questo assegno poteva essere emesso liberamente trasferibile (era sotto la soglia di 5.000,00 euro allora vigente). Poiché al 13 agosto è intervenuta la modifica che ha ridotto la soglia all ormai noto importo di euro 2.500,00, se tale assegno: - è stato girato non potrà essere pagato all ultimo giratario; - se non è stato girato, potrà essere pagato al beneficiario ma l emittente, se non viene regolarizzato con l apposizione della clausola di non trasferibilità, sarà sanzionato ai sensi dell art. 58 del D.Lgs. 231/2007. Gli assegni senza data Rispetto a quanto visto con riferimento agli assegni post-datati, leggermente diverso è il caso di coloro i quali hanno emesso un assegno (magari a garanzia) senza data. Nella pratica quotidiana può capitare di imbattersi in situazioni in cui, per le più disparate ragioni, qualcuno emetta un assegno post-datato, sul quale non viene indicata la data di emissione (confidando sul fatto che venga rispettato l accordo e tale titolo non venga posto all incasso). Ferma restando la pericolosità di tale comportamento, affrontiamo il tema della riduzione della soglia. In tal caso, riprendendo l esempio di prima, se l assegno di 3.000,00 fosse posto all incasso successivamente al

3 13 agosto 2011, non sarebbe pagabile (anche se emesso con clausola di non trasferibilità) perché espressamente vietato dall art. 49, comma 1, del D.Lgs. 231/2007. Gli assegni liberamente trasferibili E consentito, ai sensi dell art. 49, comma 10, del D.Lgs. 231/2007, il rilascio di assegni bancari, circolari, vaglia cambiari o postali in forma libera, di importo inferiore a 2.500,00 euro, soltanto previa richiesta in forma scritta e pagamento dell imposta di bollo di 1,50 euro per singolo modulo di assegno o vaglia. 4. LE NOVITÀ RELATIVE AI LIBRETTI AL PORTATORE I libretti al portatore La novità in commento riguarda direttamente anche i libretti di deposito bancari o postali al portatore che, a decorrere dal 13 agosto 2011, dovranno rispettare la nuova soglia, cioè il saldo deve essere di importo inferiore a 2.500,00 euro. Con la modifica apportata al comma 13 dell art. 49 del D.Lgs. 231/2007 viene previsto che tali libretti, se esistenti al 13 agosto 2011, alternativamente: - sono estinti dal portatore - ovvero il loro saldo deve essere ridotto al di sotto della nuova soglia di 2.500,00 euro entro il termine del 30 settembre LE SANZIONI IRROGABILI Le sanzioni irrogabili Per le violazioni delle disposizioni volte alla limitazione del contante sono previste sanzioni severe. Precisamente, l art. 58 del D.Lgs. 231/2007, come modificato lo scorso anno ad opera del DL 78/2010, prevede che a) alle violazioni delle disposizioni di cui all art. 49, commi: - 1, limitazione al trasferimento di denaro contante, libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore; - 5, assegni bancari e postali sopra soglia emessi senza l indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario e/o senza la clausola di non trasferibilità; - 6, che prevede che gli assegni bancari e postali emessi all ordine del traente possono essere girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A.; - 7, assegni circolari, vaglia postali e cambiari, anche non sopra soglia, emessi senza l indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario e/o senza la clausola di non trasferibilità - si applica una sanzione amministrativa pecuniaria dall 1% al 40% dell importo trasferito; b) la violazione della prescrizione di cui all art. 49, comma 12 (il saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore non può essere pari o superiore a euro 2.500,00), è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria dal 20% al 40% del saldo; c) la violazione della prescrizione di cui all art. 49, comma - 13, obbligo di riduzione del saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore al di sotto della soglia di 2.500,00 euro o loro estinzione entro il 30 settembre 2011; - 14, mancata comunicazione da parte del cedente, entro 30 giorni, in caso di trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portare, alla banca o Poste Italiane S.p.A., dei dati identificativi del cessionario, dell accettazione di questi e della data del trasferimento è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria dal 10% al 20% del saldo; d) la violazione dell obbligo di cui all articolo 51, comma 1, (obbligo di comunicazione entro 30 giorni al MEF da parte dei destinatari del decreto che in relazione ai loro compiti di servizio, e nei limiti delle loro attribuzioni e attività, hanno notizia delle infrazioni alle disposizioni sopra citate) è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria dal 3% al 30% dell importo dell operazione, del saldo del libretto ovvero del conto; è il caso, ad esempio, del commercialista che, venuto a conoscenza della violazione, non provvede alla comunicazione. Il comma 7-bis dell art. 58 del D.Lgs. 231/2007, introdotto dal DL 78/2010, prevede che: - le sanzioni amministrative pecuniarie sopra indicate, non possono comunque essere inferiori nel minimo all importo di 3.000,00 euro; - per le violazioni di cui al comma 1 che riguardano importi superiori a ,00 euro, la sanzione minima è aumentata di 5 volte; - per le violazioni di cui ai commi 2 e 3, che riguardano importi superiori a ,00 euro, le sanzioni minima e massima sono aumentate del 50%. L oblazione L art. 60, comma 2, del D.Lgs. 231/2007 dispone che all irrogazione delle sanzioni previste dall art. 58 si applicano le disposizioni della legge 24 novembre 1981, n Specificamente, viene espressamente richiamato l art. 16 della legge 689/81, che prevede la c.d. oblazione, limitandone però l applicazione solo per le violazioni di cui all art. 49, commi:

4 - 1, limitazione al trasferimento di denaro contante, libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore; - 5, assegni bancari e postali sopra soglia emessi senza l indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario e/o senza la clausola di non trasferibilità; - 7, assegni circolari, vaglia postali e cambiari, anche non sopra soglia, emessi senza l indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario e/o senza la clausola di non trasferibilità; il cui importo non sia superiore a ,00 euro. L oblazione, laddove applicabile, consiste nel pagamento di una somma ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista per la violazione commessa o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo. Il pagamento in misura ridotta va effettuato entro 60 giorni dall avvenuta notifica della contestazione e definisce e chiude il procedimento sanzionatorio. Quadro di sintesi In estrema sintesi, le sanzioni irrogabili sono sintetizzabili come segue: VIOLAZIONI ART. 49, COMMI 1 (limitazione al trasferimento di denaro contante, libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore), 5 (assegni bancari e postali sopra soglia emessi senza l indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario e/o senza la clausola di non trasferibilità), 6 (che prevede che gli assegni bancari e postali emessi all ordine del traente possono essere girati unicamente per l incasso a una banca o a Poste Italiane S.p.A.), 7 (assegni circolari, vaglia postali e cambiari, anche non sopra soglia, emessi senza l indicazione del nome o ragione sociale del beneficiario e/o senza la clausola di non trasferibilità) VIOLAZIONI RELATIVE A % MINIMA % MASSIMA IMPORTO MINIMO IMPORTI FINO A % 40% 3.000,00 DA ED OLTRE 5% 40% 3.000,00 6. LA DISPOSIZIONE TRANSITORIA PREVISTA DAL MAXIEMENDAMENTO La minisanatoria introdotta dal maxiemendamento Purtroppo, in sede di prima stesura della norma (art. 2, comma 4, DL 138/2011), non è stata prevista alcuna disposizione transitoria per cui, in virtù della immediata entrata in vigore della nuova e ridotta soglia, molti soggetti possono essersi trovati in condizione di essere sanzionati perché complice il mese di agosto in cui molti sono in vacanza non tempestivamente informati dell intervenuta modifica normativa. In sede di conversione in legge del DL 138/2011, il c.d. maxiemendamento ha introdotto, dopo il citato comma 4, il comma 4-bis che recita E esclusa l applicazione delle sanzioni di cui all articolo 58 del D.Lgs. 231/2007 per le violazioni delle disposizioni previste dall articolo 49, commi 1, 5, 8, 12 e 13 del medesimo decreto, commesse nel periodo dal 13 agosto al 31 agosto 2011 e riferite alle limitazioni di importo introdotte dal comma 4.. Prosegue il citato comma 4-bis disponendo che A decorrere dal 1 settembre 2011 le sanzioni di cui al citato articolo 58 sono applicate attraverso gli uffici territoriali del ministero dell Economia e delle Finanze. 7. LA TENUTA DELLE CONTABILITÀ La tenuta della contabilità L art. 51, comma 1, del D.Lgs. 231/2007 recita I destinatari del presente decreto che, in relazione ai loro compiti di servizio e nei limiti delle loro attribuzioni e attività, hanno notizia di infrazioni alle disposizioni di cui all articolo 49, commi 1, 5, 6, 7, 12,. 13 e 14, e all articolo 50 ne riferiscono entro trenta giorni al Ministero dell Economia e delle Finanze per la contestazione e gli altri adempimenti previsti dall articolo 14 della legge 24 novembre 1981, n Abbiamo già evidenziato che l art. 58, comma 7, per le violazioni dell obbligo di cui al citato art. 51, comma 1, prevede una sanzione amministrativa pecuniaria dal 3% al 30% dell importo dell operazione, del saldo del libretto ovvero del conto. Tale sanzione non è oblazionabile. Quanto sopra porta a suggerire la massima attenzione e vigilanza anche delle movimentazioni contabili di conti particolarmente interessati a questa disposizione quali, ad esempio, il conto cassa, clienti e fornitori, finanziamento soci, ecc. al fine di verificare se vi sia stato o meno il superamento della soglia di euro 2.500,00 (a decorrere dal ). 8. I RIFLESSI FISCALI I riflessi fiscali della riduzione della soglia di circolazione del contante La disposizione che limita la circolazione del contante (art. 49, comma 1) è una norma che ha come obiettivo la prevenzione (e contrasto) dell utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi derivanti da attività criminose e di finanziamento del terrorismo, non è nata per fini fiscali.

5 Ciò non toglie che tra gli effetti collaterali è innegabile che vi siano anche degli effetti rilevanti sul piano tributario, soprattutto con riferimento all attività di accertamento. Precisamente, la riduzione della soglia di circolazione del denaro contante a 2.500,00 euro farà si che si otterrà la tracciabilità di un maggior numero di transazioni rispetto a quanto avveniva fino al 13 agosto 2011, e tale tracciabilità potrà essere utilizzata dall Amministrazione Finanziaria per esperire le indagini finanziarie ai sensi dell art. 32 del DPR 600/ GLI ULTIMI CHIARIMENTI DI BANCA D ITALIA E DEL MEF La norma sul limite alla circolazione del contante è stata oggetto di un recente intervento da parte del MEF, Dipartimento del Tesoro, condiviso con la Banca d Italia, l Unità di informazione finanziaria (UIF) e la Guardia di finanza. A seguito del riscontro di un aumento delle segnalazioni di irregolarità provenienti da aziende di credito il Dipartimento del Tesoro del MEF, nella Circolare ha ribadito che le operazioni di prelievo e/o di versamento di denaro contante richieste da un cliente non concretizzano automaticamente una violazione dell articolo 49. Di conseguenza un azienda di credito che riscontra l effettuazione di un prelevamento o versamento in contanti pari o superiore a non deve inviare la prescritta comunicazione al MEF. Ad esempio: l amministratore unico di una srl effettua periodicamente dei prelevamenti per contanti dal c/c aziendale di circa da versare in cassa per rimborsare le spese fatte dai dipendenti, documentate da nota spese, singolarmente di importo inferiore al limite di La situazione sopra descritta non rappresenta una violazione alla limitazione dell uso del denaro contante. Di conseguenza la banca non dovrà effettuare la prescritta comunicazione al MEF. La citata comunicazione, ex art. 51, D.Lgs. n. 231/2007 è obbligatoria solo qualora concreti elementi inducano a ritenere violata la disposizione normativa. In tal caso gli elementi devono essere correttamente indicati nella comunicazione così da consentire all Amministrazione di valutare la sussistenza dei presupposti per la contestazione della violazione dell articolo 49, comma 1, relativamente alla movimentazione di contante. La banca potrebbe ravvisare la violazione nel caso in cui, ad esempio, il contribuente all atto del prelevamento dichiarasse (tale dichiarazione comunque oltre a non essere prevista dalla vigente normativa, non può essere nemmeno richiesta dalla banca) l intento di utilizzare la somma prelevata (pari o superiore a 2.500) per acquistare un bene in contanti. Una fattispecie di sospetto, che può far scattare la segnalazione dell operazione all UIF è rappresentata dal ricorso frequente o ingiustificato a operazioni in contante, anche se non in violazione dei limiti di cui all articolo 49, e, in particolare, il prelievo o il versamento in contante con intermediari finanziari di importo pari o superiore a euro. Nella Circolare , n dopo aver evidenziato che la citata disposizione ha introdotto un particolare indice di anomalia da considerare ai fini della valutazione complessiva dell operazione, che in ogni modo richiede la conoscenza e l esame degli elementi soggettivi del cliente e oggettivi dell operazione, il MEF ha precisato che la stessa: offre ai soggetti obbligati un elemento valutativo di particolare pregnanza, volto a qualificare meglio il sospetto circa il cliente o l operazione e ad agevolare l individuazione e la corretta ponderazione di eventuali profili di sospetto di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo. La disposizione in esame non impone un automatica segnalazione all UIF da parte dei soggetti destinatari degli obblighi antiriciclaggio. Questi ultimi dovranno infatti valutare le operazioni poste in essere dal cliente caso per caso, ancorché inferiori al limite di 2.500, considerando anche la condotta tenuta dallo stesso. Area Fiscale Confapi Padova Dott. Francesco Zanato V.le dell Industria, Padova Tel. 049/ Fax. 049/

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 285 16 DICEMBRE 2011 ANTIRICICLAGGIO LA RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E LA COMUNICAZIONE DELLE VIOLAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 12, commi 1 e 11, DL n. 201/2011 Artt.

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO Circolare n. 15/2011 TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO In questa Circolare 1. Limitazioni all'uso del contante 2. Assegni e libretti al portatore 3. Segnalazione

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Normativa e modifiche apportate nel tempo L art. 12 del D.L. del 4 dicembre 2011 n. 201

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI

1. RIDUZIONE DEL LIMITE PER L USO DEL CONTANTE E DEGLI ASSEGNI Circolare n. 9 - pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali

Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali d Le movimentazioni di denaro contante: lo stato dell arte alla luce delle novità del decreto semplificazioni fiscali I principi fondamentali della norma Il primo punto di riferimento in relazione alle

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

Dentro la Notizia. 01 Febbraio 2012

Dentro la Notizia. 01 Febbraio 2012 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 05/2012 FEBBRAIO/1/2012(*) 01 Febbraio 2012 LA FONDAZIONE STUDI DEL

Dettagli

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma

Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma Sul forum Odontoiatria fiscale nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani Odontoline.it, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all uso dei contanti, in

Dettagli

I PAGAMENTI IN CONTANTI

I PAGAMENTI IN CONTANTI I PAGAMENTI IN CONTANTI Sanzioni e nuovi obblighi dal1 o Febbraio 2012.t Abbassamento della soglia da 2.500 a 1.000 euro.t Assegni con e senza clausola di non trasferibilità.t Regole per contante, assegni

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DI DENARO CONTANTE: CHIARIMENTI

LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DI DENARO CONTANTE: CHIARIMENTI Ravenna, 14 Dicembre 2012 Circolare n. 25/12 OGGETTO: Limitazioni all utilizzo di denaro contante ulteriori chiarimenti L art. 49 del D.Lgs. 21/11/2007, n.231, reca la disciplina delle limitazioni all

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 1/2012. OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi

NOTA OPERATIVA N. 1/2012. OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi NOTA OPERATIVA N. 1/2012 OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi Dopo l approvazione della Manovra Monti, ed in particolare dell art. 12 che ha ridotto da 2.500 a 1.000 euro il limite

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

Oggetto: PAGAMENTO DEI CANONI DELLE LOCAZIONI ABITATIVE CON MEZZI TRACCIABILI.

Oggetto: PAGAMENTO DEI CANONI DELLE LOCAZIONI ABITATIVE CON MEZZI TRACCIABILI. Circ. 03/A/140107 Rev. 1-140214 San Fior, 07/01/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PAGAMENTO DEI CANONI DELLE LOCAZIONI ABITATIVE CON MEZZI TRACCIABILI. 1. LIMITAZIONI ALL UTILIZZO DEL DENARO CONTANTE:

Dettagli

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la CIRCOLARE N. 7/T Olbia, 30 Agosto 2010 Alla Spett.le Clientela Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. LA

Dettagli

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE

TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE TRANSAZIONI DI DENARO CONTANTE Le banconote da 500 euro costituiscono circa il 18% del PIL, il 34,57% del valore in circolazione. Secondo un rapporto della Fondazione ICSA e della Guardia di Finanza, i

Dettagli

Scheda pratica Aduc. E' bene quindi fare chiarezza sulla portata del provvedimento e sui suoi programmati sviluppi futuri.

Scheda pratica Aduc. E' bene quindi fare chiarezza sulla portata del provvedimento e sui suoi programmati sviluppi futuri. http://www.aduc.it 9 marzo 2012 Denaro contante e nuove norme. Scheda pratica Aduc Tra le varie riforme del Governo Monti c'è la cosiddetta "stretta sui contanti", una normativa che ha modificato il tetto

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 02 15.01.2014 Circolazione contante: le scritture contabili pericolose nalisi dei principali casi di violazione delle norme in tema di circolazione del

Dettagli

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda

Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Normativa antiriciclaggio 1 a cura dell Area Finanza Assolombarda Premesse La normativa mira a prevenire l'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di

Dettagli

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio Periodico informativo n. 100/2012 Le novità antiriciclaggio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che è entrato in vigore lo scorso

Dettagli

Rassegna stampa. 28 marzo 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)

Rassegna stampa. 28 marzo 2008. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it) Ufficio stampa Rassegna stampa 28 marzo 2008 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it) 1 SOMMARIO Pag. 3 ELEZIONI: Professioni, Balducci, politica se ne occupi in vista voto

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

QUADERNI PER SAPERNE DI PIÙ. Vademecum sull utilizzo del denaro contante. A cura di Banca della Bergamasca

QUADERNI PER SAPERNE DI PIÙ. Vademecum sull utilizzo del denaro contante. A cura di Banca della Bergamasca QUADERNI PER SAPERNE DI PIÙ Vademecum sull utilizzo del denaro contante A cura di Banca della Bergamasca QUADERNI PER SAPERNE DI PIÙ Questa piccola guida, ad uso di tutti i Soci e Clienti della nostra

Dettagli

Uso del contante: limitazioni e deroghe

Uso del contante: limitazioni e deroghe Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi VCO - finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici - un tema di approfondimento

Dettagli

Circolare N. 157 del 28 Novembre 2014

Circolare N. 157 del 28 Novembre 2014 Circolare N. 157 del 28 Novembre 2014 Dal 12 novembre 2014 tracciabilita assoluta per i pagamenti delle prestazioni di trasporto di merci su strada Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

I beni aziendali in uso ai soci o familiari dell imprenditore. Lelio Cacciapaglia

I beni aziendali in uso ai soci o familiari dell imprenditore. Lelio Cacciapaglia I beni aziendali in uso ai soci o familiari dell imprenditore Di Lelio Cacciapaglia 1 Beni ai soci e spesometro Il comma 36-septiesdecies del DL 13 agosto 2011, n. 138 dispone che l'agenzia delle entrate

Dettagli

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio

Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio Il D.lgs. 231/2007 in materia di antiriciclaggio, tra novità legislative, ruolo degli Organi e delle Autorità di Vigilanza ed impianto sanzionatorio 1 La normativa Il D. lgs. 231/07 ha dato attuazione

Dettagli

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI

ZAMBON Dott. Rag. GIUSEPPE Consigliere Nazionale Coordinatore della Commissione Nazionale per la fiscalità ISTITUTO NAZIONALE TRIBUTARISTI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: Attività di vigilanza e controllo Sanzioni penali e amministrative (D.Lgs. 231/2007 come modificato (evidenziazione gialla) dal D.Lgs. 151/2009) Dispensa di aggiornamento professionale

Dettagli

OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF

OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF INFORMATIVA N. 285 19 NOVEMBRE 2013 ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO E LIMITAZIONI UTILIZZO DENARO CONTANTE: I RECENTI CHIARIMENTI DEL MEF, GDF E UIF D.Lgs. n. 231/2007 In risposta ad alcuni quesiti

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SULLA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

DOMANDE E RISPOSTE SULLA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO DOMANDE E RISPOSTE SULLA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Giungono sempre più frequentemente richieste di chiarimenti circa l uso appropriato delle norme sull antiriciclaggio per pagamenti superiori a 1.000,00

Dettagli

CONVEGNO 8 marzo 2012. La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante.

CONVEGNO 8 marzo 2012. La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante. CONVEGNO 8 marzo 2012 La segnalazione di operazioni sospette e i nuovi limiti alla circolazione del contante. D. Lgs. 231/2007 Sulla base del principio «CONOSCI IL TUO CLIENTE», la legge antiriciclaggio

Dettagli

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI

LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI LUCIA STAROLA LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE ED ASSEGNI D.lgs. 231/07, art. 49, comma 1, È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli

Dettagli

Circolare N.35 del 7 Marzo 2014

Circolare N.35 del 7 Marzo 2014 Circolare N.35 del 7 Marzo 2014 POS per i professionisti. Con la conversione del DL Milleproroghe slitta al 30.06.2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stata approvata definitivamente

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011)

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) DL 98/2011 CONVERTITO NELLA LEGGE 111/2011 MANOVRA DI LUGLIO REGIMI FISCALI AGEVOLATI NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) Il nuovo regime dei contribuenti

Dettagli

N. 62 FISCAL NEWS. Circolazione del contante: il rimborso delle trasferte 08.02.2012. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 62 FISCAL NEWS. Circolazione del contante: il rimborso delle trasferte 08.02.2012. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 62 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 08.02.2012 Circolazione del contante: il rimborso delle trasferte Categoria

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011)

Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) Gli adempimenti antiriciclaggio per i professionisti (aggiornato con le novità del d.l. 138/2011) a cura del GRUPPO DI STUDIO ANTIRICICLAGGIO di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it antiriciclaggio@opendotcom.it

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

Ai Gentili Clienti Loro sedi

Ai Gentili Clienti Loro sedi Dott. Marco Baccani 20121 Milano Piazza Cavour, 3 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano

Dettagli

Nuovi limiti all utilizzo di contanti, assegni liberi e libretti al portatore: i chiarimenti del MEF

Nuovi limiti all utilizzo di contanti, assegni liberi e libretti al portatore: i chiarimenti del MEF 1 Nuovi limiti all utilizzo di contanti, assegni liberi e libretti al portatore: i chiarimenti del MEF di Maurizio Meoli 1 Il presente lavoro esamina le novità che il DL 6.12.2011 n. 201 convertito ha

Dettagli

Antiriciclaggio: Segnalazioni, sanzioni e limiti all utilizzo del contante

Antiriciclaggio: Segnalazioni, sanzioni e limiti all utilizzo del contante Antiriciclaggio: Segnalazioni, sanzioni e limiti all utilizzo del contante Prof. Dott. Armando Urbano Docente Università degli Studi Aldo Moro di Bari Mail: studio.urbano@virgilio.it Art. 41, D.Lgs. 231/2007

Dettagli

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del.

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del. Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del Terrorismo (Direttiva 2005/60/CE, Direttiva 2006/70/CE, D.Lgs. 231/2007, D.Lgs.

Dettagli

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del:

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del: Relazione illustrativa Proposta di modifica del: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, recante Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d.

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d. DOTT. RAG. GIOVANNA CASTELLI Via Luigi Sacco 14, Varese Tel.: 0332/288494 288522 Fax: 0332/831583 282850 E-mail: segreteria@gcastelli.com Varese, 4 ottobre 2011 OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE

Dettagli

COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate)

COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate) RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE COMUNICATO BANCA D ITALIA DEL 21/03/07 (Disposizioni Allegate) (G.U. N. 96 DEL 26/04/2007) Disposizioni di carattere generale Raccolta del risparmio

Dettagli

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 Funzionari relatori: DE LUCA VALERIA ORLANDO STEFANO MODELLO EAS 1 LA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI

Dettagli

Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi

Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Roma, 06/02/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La limitazione alla circolazione del contante Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO, PRIVACY E CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE (Domenico Amoruso Anna Columbo - Nicola Gentile)

ANTIRICICLAGGIO, PRIVACY E CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE (Domenico Amoruso Anna Columbo - Nicola Gentile) ANTIRICICLAGGIO, PRIVACY E CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE (Domenico Amoruso Anna Columbo - Nicola Gentile) Il riciclaggio consiste nel rimettere in circolazione nell economia legale denaro derivante

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta:

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta: Milano, 13 ottobre 2011 CIRCOLARE CLIENTI N. 14/2011 LA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE MODIFICATA DAL D. L. N. 98/2011 E DALLA L. N. 148/2011 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 138/2011 - C.D. MANOVRA DI

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 161. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 05.04.2012 Incassi superiori a 1000 euro: gli adempimenti per gli operatori Oltre alla comunicazione all AE, sono previsti altri adempimenti

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053

A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053 A.L.I. - SEDE NAZIONALE Via XX Settembre, n. 27-06121 Perugia Tel. +39.075.5736035 Fax +39.075.7827074 - Mobile +39.3402878053 www.associazionelegaliitaliani.it C.F. 94108090542 L antiriciclaggio è prima

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO AL RISPARMIO VINCOLATO IL SALVADANAIO

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO AL RISPARMIO VINCOLATO IL SALVADANAIO FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO AL RISPARMIO VINCOLATO IL SALVADANAIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038 Sassano (SA) - Via

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 1. Gli albori della lotta al riciclaggio: La disciplina dell antiriciclaggio nasce a fine anni 80 a seguito della costituzione a livello internazionale di un particolare

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

ADEMPIMENTI DI INIZIO ANNO

ADEMPIMENTI DI INIZIO ANNO Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

In tema di Decreto Monti

In tema di Decreto Monti CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 215-2011/T In tema di Decreto Monti Approvato dalla Commissione Studi tributari il 14 dicembre 2011 (*) Sommario: Premessa; 1. Irap: la doppia riduzione del

Dettagli

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo 62 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo correntista dell esecuzione di essi e, in genere, di tutti quegli atti esecutivi del mandato assunto, la cui notizia possa ragionevolmente

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE F REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA INDICE F.1 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENARALI DI COMPORTAMENTO... 3 F.2

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA

ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA Antiriciclaggio ANTIRICICLAGGIO IL RICICLAGGIO CONSISTE NEL RIMETTERE IN CIRCOLAZIONE NELL ECONOMIA LEGALE DENARO DERIVANTE DA ATTIVITA ILLECITA L AUTORE DEL REATO NON DEVE AVER CONCORSO NEL REATO PRESUPPOSTO,

Dettagli

Soluzioni, interpretazioni ed approfondimenti di quesiti in materia di adempimenti antiriciclaggio dei professionisti.

Soluzioni, interpretazioni ed approfondimenti di quesiti in materia di adempimenti antiriciclaggio dei professionisti. Soluzioni, interpretazioni ed approfondimenti di quesiti in materia di adempimenti antiriciclaggio dei professionisti. Pagina n.1 Quesito n.13 I pagamenti delle rate di oneri condominiali da parte dei

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

STUDIO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI DANIELE GUARDUCCI, GIANNI BELLUCCI

STUDIO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI DANIELE GUARDUCCI, GIANNI BELLUCCI STUDIO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI DANIELE GUARDUCCI, GIANNI BELLUCCI Viale Vittorio Veneto 60 I-59100 Prato Telefono 0574 25629 Telefax 0574 22380 E-mail info@studio-dca.it - PEC pec@pec.studio-dca.it

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore.

DEPOSITO A RISPARMIO. Al deposito a risparmio è collegato un libretto di risparmio, che può essere nominativo o al portatore. DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2013-34.368.294

Dettagli

Foglio informativo relativo al conto corrente CONTO FISCALE (cod. 0887)

Foglio informativo relativo al conto corrente CONTO FISCALE (cod. 0887) Foglio informativo relativo al conto corrente CONTO FISCALE (cod. 0887) Sezione I Informazioni sulla banca Banca S. Biagio del Veneto Orientale di Cesarolo, Fossalta di Portogruaro e Pertegada - Banca

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE;

LA BANCA D ITALIA. Vista la direttiva 2006/70/CE della Commissione del 1 agosto 2006, recante misure di esecuzione della direttiva 2005/60/CE; PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA TENUTA DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO E PER LE MODALITÀ SEMPLIFICATE DI REGISTRAZIONE DI CUI ALL ARTICOLO 37, COMMI 7 E 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 21

Dettagli

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI In collaborazione con: STUDIO AMBROSI & PARTNERS CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: LE MANOVRE ESTIVE 22 Ottobre 2011 Cagliari RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi PROVINCIA

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

Omodeo Zorini Peretta Migliazza Associati

Omodeo Zorini Peretta Migliazza Associati Dott. STEFANO OMODEO ZORINI Rag. ROBERTO PERETTA Rag. CARLO ALBERTO MIGLIAZZA Commercialisti Revisori Contabili Collaboratori Dott. MATTEO ZAPPA Rag. ANTONELLA FRANCHI Vigevano 25 giugno 2010 CIRCOLARE

Dettagli

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative n 14 del 06 aprile 2012 circolare n 272 del 05 aprile 2012 referente BERENZI/mr Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative L Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti (Circolare

Dettagli

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015 Anche per il 2015, gli enti sportivi ( associazioni e società sportive ) sono interessati da rilevanti novità, che vanno a regolamentare alcune situazioni e fattispecie per le quali si avvertiva da tempo

Dettagli

mail: info@atconsultings.eu 1

mail: info@atconsultings.eu 1 Informativa per la clientela di studio N. 1 del 29.02.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il decreto semplificazioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

Indice. 4. Informazioni relative a soggetti che agiscono in nome o per conto di terzi

Indice. 4. Informazioni relative a soggetti che agiscono in nome o per conto di terzi Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni relative a soggetti che agiscono in nome o per conto di terzi 5. Rapporti ed operazioni presso articolazioni estere

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 18 dicembre 1997, numeri 471, 472, 473, in materia di sanzioni amministrative tributarie. (N.D.R.: Le disposizioni

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott. STEFANO BARELLI Dott.ssa ALESSANDRA NITTI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA Avvocato

Dettagli