Corso di laurea Bachelor: introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di laurea Bachelor: introduzione"

Transcript

1 Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione di base, per il conferimento dei titoli di Bachelor e di Master riconosciuti dalla Confederazione; - la formazione continua, con master di studi avanzati e corsi specifici di perfezionamento; - i progetti di ricerca applicata, sviluppo e trasferimento di tecnologie, in collaborazione con aziende, istituzioni pubbliche e private e altri enti universitari. I punti di forza della SUPSI, sin dalla sua costituzione nel 1997, sono: - lo stretto legame con il territorio di riferimento, grazie al sostegno assicurato all economia regionale, a favore delle piccole e medie imprese; - la dimensione professionale, assicurata da una formazione con forte orientamento pratico che coinvolge docenti con pluriennale esperienza professionale; - l insegnamento parallelo all attività professionale offerto, compatibilmente con le richieste, attraverso programmi di studio che possono essere frequentati anche da studenti che mantengono un occupazione attiva durante la formazione; - l internazionalità, sviluppata con accordi di collaborazione nella ricerca e con il coinvolgimento di docenti attivi oltre i confini nazionali. Il Dipartimento Tecnologie Innovative (DTI) offre quattro percorsi bachelor: Ingegneria informatica, Ingegneria elettronica, Ingegneria meccanica ed Ingegneria gestionale. Gli studenti conseguono la laurea (Bachelor) secondo le modalità previste dalla Dichiarazione di Bologna, sottoscritta nel 1999 da 29 paesi europei con l obiettivo di armonizzare i sistemi di istruzione superiore e di uniformare gli impegni didattici creando così, al termine degli studi, denominazioni comuni e internazionalmente riconosciute. Le linee guida che stanno alla base dei programmi formativi e che governano l impostazione del presente piano di studi prevedono quindi: - la concezione modulare del percorso formativo a livello bachelor (180 crediti ECTS), coerente con gli obiettivi delle SUP e conforme alle direttive nazionali e internazionali; - l implementazione dei sistemi di crediti formativi sul modello dell ECTS; - la promozione della mobilità degli studenti e dei professori con il conseguente rafforzamento della collaborazione europea a garanzia della qualità dell offerta formativa. Bachelor e master Con il diploma di bachelor viene fornita una qualifica universitaria con orientamento pratico che garantisce l accesso rapido al mondo del lavoro. Per coloro che intendono continuare gli studi, sia al termine del bachelor sia dopo aver svolto alcuni anni di attività professionale, è possibile accedere al secondo livello di studi universitari, il master, costiutito da ulteriori 90 o 120 crediti ECTS, che può essere frequentato in Svizzera o all estero. Il DTI offre il Master of Science in Engeineering (MSE) in cooperazione con le altre SUP e collabora con l università della Svizzera Italiana per il Master of Science in Informatics. Inoltre sono in vigore accordi bilaterali con altre università per l accesso ai loro master tra cui il Politecnico di Torino, l Università di Genova, il Politecnico di Milano e altri. L università d accoglienza definisce le condizioni di ammissione ai master sulla base della formazione, delle esperienze maturate e dell orientamento scelto dallo studente. Crediti formativi (ECTS) L'ECTS (European Credit Transfer System) è il sistema europeo di riconoscimento, trasferimento e accumulo di crediti formativi. Un credito ECTS corrisponde a un carico di lavoro per lo studente pari a circa 30 ore. Un anno accademico corrisponde di regola a 60 crediti ECTS (1800 ore di lavoro); 45 crediti nel caso si segua lo studio parallelo alla professione. Struttura del percorso formativo La durata degli studi è di 6 semestri nella modalità di erogazione a tempo pieno e di 8 in quella parallela alla professione (attualmente solo per i corsi di laurea in Ingegneria informatica ed Ingegneria gestionale). La durata del 1 e del 2 semestre è di 16 settimane; dal 3 semestre la durata è di 15 settimane, ad eccezione dell ultimo semestre che è di 10 settimane. A queste si aggiungono le settimane destinate alle certificazioni ed a seminari specifici nonché alla Tesi di Bachelor (ultimo semestre), che ha una durata di 8 settimane. I moduli di studio Le materie d insegnamento sono organizzate in moduli di studio. Ogni modulo è composto da uno o più corsi ed ha, di regola, la durata di 1 o 2 semestri, al termine del/i quale/i viene valutato nelle sessioni di certificazione. Flessibilità degli studi Il piano degli studi comprende da 5 a 9 moduli per semestre. Ogni modulo è composto da uno o più corsi. Le sequenzialità dei moduli è stabilita in base ai prerequisiti dei moduli susseguenti. I moduli previsti durante i primi 4 semestri (primi 6 semestri nella frequenza parallela alla professione) sono obbligatori per tutti gli studenti iscritti al corso di laurea. Durante gli ultimi 2 semestri sono previsti alcuni moduli a scelta. Diversi moduli di studio sono organizzati in comune ai 4 corsi di laurea in Ingegneria di responsabilità del DTI (informatica, elettronica, meccanica e gestionale). Ciò permette la frequenza di una parte dei moduli a studenti di corsi di laurea diversi e favorisce la formazione multidisciplinare, oltre che il raggiungimento di una massa critica nel singolo modulo. Il curricolo prevede la frequenza obbligatoria a tutte le attività previste nel piano degli studi. Nella modalità a tempo pieno le attività si svolgono tutte nelle fasce orarie diurne. In quella parallela alla professione una parte dell attività si svolge nella fascia serale. Grazie alla modularizzazione è anche possibile allestire un piano semestrale personalizzato e seguire la formazione in un periodo di tempo più lungo del minimo previsto lasciando spazio p.e. a un attività professionale parallela anche nel caso della formazione diurna. Questa modalità viene definita Flexibility, è attualmente offerta nel corso di laurea di Ingegneria informatica ed é particolarmente adatta a persone con altri impegni extra-formativi (familiari, sportivi, artistici, militari, ecc.). Titolo di studio Il titolo di studio conferito a chi certifica tutti i moduli previsti dal piano degli studi e corrispondenti a 180 crediti ECTS è: - Bachelor of Science SUPSI in Ingengeria informatica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria elettronica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria meccanica - Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria gestionale Il diploma è riconosciuto a livello federale ed è un titolo protetto dalla Confederazione. Pari opportunità Le pari opportunità e la prevenzione delle discriminazioni sono un obiettivo prioritario della SUPSI, che integra la dimensione Gender nelle proprie strategie di sviluppo e nella gestione. Informazioni Per ulteriori informazioni si invita a consultare il sito della SUPSI Dipartimento tecnologie innovative, Ingegneria Gestionale PAP (2012/2013), v 4.0,

2 Corso di laurea in Ingegneria gestionale La professione Il ciclo studio in Ingegneria Gestionale è orientato alla formazione di figure professionali con competenze interdisciplinari, capaci di agire in contesti complessi applicando tecniche e metodi per promuovere l'innovazione, migliorare il sistema produttivo e ridurre i costi aziendali. La figura professionale dell'ingegnere gestionale, formata congruentemente con i vincoli e le aspettative connesse alla dinamicità dell evoluzione organizzativa e tecnologica, trova naturale collocazione in ambiti professionali diversi: ricopre un ruolo insostituibile all'interno delle imprese manifatturiere, dove trova giusta collocazione nell'area degli approvvigionamenti e gestione dei materiali, dell'organizzazione ed automazione dei sistemi produttivi, nella pianificazione, gestione e controllo dei processi produttivi, nella pianificazione e gestione di sistemi logistici, nella valutazione degli investimenti, nella gestione del rischio in ambito finanziario ed industriale. Prospettiva ultima, dopo adeguata esperienza, è la direzione d azienda. La formazione Il bachelor forma figure professionali per ruoli tecnico-organizzativi. Promuove solide basi scientifiche e tecnologiche completate da competenze nella gestione della produzione, della logistica, dell economia e organizzazione aziendale. Le attitudini Le attitudini richieste per affrontare con successo il corso di laurea possono essere così riassunte: predisposizione all'astrazione, capacità di analisi, predisposizione al lavoro metodico, disponibilità al lavoro in gruppo, tenacia necessaria ad affrontare e risolvere nuovi problemi tecnici. La probabilità di successo negli studi dipende dalla motivazione a voler apprendere la professione, dalla conoscenza degli obiettivi che con lo studio si vogliono raggiungere, dalla capacità di saper reagire di fronte a situazioni e problemi nuovi e dalla preparazione adeguata a uno studio di livello universitario tecnico. Oltre a saper fare uso del bagaglio di conoscenze acquisite nelle scuole precedenti, è necessario sapersi adattare ai ritmi di lavoro imposti dai corsi ed essere capace di affrontare situazioni e problemi nuovi. Il piano degli studi Il piano degli studi, completamente modularizzato, contiene il percorso formativo valido per gli studenti che iniziano lo studio nell anno universitario 2012/2013 e che lo concludono nei tempi previsti. In caso di prolugamento dello studio, il piano effettivo dello studente può subire delle modifiche a dipendenza dell offerta formativa. Tutte le componenti della descrizione dei moduli possono subire nel corso degli anni lievi modifiche. Ogni modifica di rilievo viene segnalata mediante modifica del numero di versione indicato come suffisso del codice del modulo. I prerequisiti per l'ammissione La legge federale sulle SUP e la relativa ordinanza permettono l'ammissione senza esami al candidato: - in possesso di una maturità professionale e con un attestato federale di capacità in una professione affine all'indirizzo di studio scelto; - in possesso di una maturità liceale o equivalente con almeno un anno di pratica riconosciuta dalla SUPSI in un attività affine all'indirizzo di studio; - in possesso del titolo di tecnico ST o di un altra scuola superiore specializzata affine all'indirizzo di studio; - d'età superiore a 25 anni che comprova una formazione e un esperienza significativa nel campo delle materie d'interesse universitario (ammissione su dossier); - in possesso di una maturità commerciale cantonale (Scuola di commercio cantonale, Bellinzona) Al corso di laurea in Ingegneria gestionale SUPSI sono inoltre ammessi candidati con diploma SSIG o SSST in base a uno speciale regolamento (pubblicato sul web). Sono riconosciuti diplomi esteri di istituti equivalenti alla Maturità professionale in una professione affine all indirizzo di studio scelto. Corsi preparatori per liceali o candidati con maturità professionale non affine all indirizzo di studio Per l ammissione di studenti che hanno conseguito la maturità liceale, la Legge Federale sulle Scuole Universitarie Professionali prevede obbligatoriamente un periodo preliminare di pratica professionale, della durata di un anno. Lo stesso vale per i candidati con maturità professionale con indirizzo non affine al corso di laurea. Il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI, in collaborazione con la Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS), organizza un anno di formazione, riconosciuta come anno di pratica. Ê composto da una parte dedicata ad attività teoriche e di laboratorio e da un periodo di pratica in azienda, in un settore affine all indirizzo scelto per gli studi successivi presso la SUPSI. Ulteriori informazioni sono disponibili su o possono essere richieste alla segreteria del DTI. Corso preformativo Per tutti gli studenti che non sono in possesso di un adeguata competenza di matematica e fisica il DTI organizza un corso che si svolge prima dell inizio dell anno universitario. Per lo studente iscritto a un corso di laurea, il documento ha carattere ufficiale e descrive l attività svolta durante lo studio. Lo studente è invitato ad aggiornarlo attingendo alla documentazione pubblicata nell offerta formativa se si iscrive a un modulo non menzionato, oppure se si iscrive a un modulo, la cui versione non corrisponde più a quella del piano degli studi. Il piano di studio così come l offerta formativa sono disponibili sul sito web 2

3 Piano degli studi Ingegneria Gestionale PAP 1 e 2 semestre Modulo Corso (C) /Esercitazione (E) Unità didattiche settimanali ECTS 1 sem. 2 sem. C01024P Matematica di base 3 M01019P Matematica di base e analisi C01003P Analisi E01019P Esercitazioni 1 1 C01032P Matematica discreta e logica 1 M01030P Algebra lineare, matematica discreta e logica C01025P Algebra lineare E01030P Esercitazioni C02007P Basi di dati M02030P Basi di dati e ambienti operativi C02040P Ambienti operativi M02046P Introduzione alla programmazione C02058P M09060P M09034P Tecnica delle costruzioni meccaniche per gestionali Scienza dei materiali per gestionali E02030P Esercitazioni 1 1 C09048P C09049P C09047P C09080P Introduzione alla programmazione Statica per l'ingegnere gestionale Tecniche di fabbricazione per l'ingegnere gestionale Costruzione di macchine per l'ingegnere gestionale Resistenza dei materiali per gestionali C09050P Basi di chimica 1 C09051P Basi di scienza dei materiali

4 Piano degli studi Ingegneria Gestionale PAP 3 e 4 semestre Modulo M01005P M01025P Analisi e algebra lineare Fisica e meccanica M09036P Produzione e logistica 1 Corso (C)/Esercitazione (E) Unità didattiche settimanali 3 sem. C01009P Analisi 2 2 C01010P Algebra lineare 2 2 C01028P Fisica 4 C01017P Meccanica 2 C09055P Gestione della produzione 2 C09056P Sistemi informativi per aziende 1 E09036P Esercitazioni 1 4 sem. M00005P Progetto di semestre P00005 Progetto di semestre 2 4 C04025P Elettrotecnica 1 1 ECTS M04031P Elettrotecnica 1 e 2 L04025P Laboratorio 1 C04040P Elettrotecnica 2 1 L04040P Laboratorio 1 6 M07003P Principi di economia politica C07009P Principi di economia politica 2 4 M09037P Termodinamica per gestionali C09057P Termodinamica per gestionali 2 E09037P Esercitazioni 1 4 M09041P Produzione industriale 1 C09065P Lean Production 1,5 4 L09065P Laboratorio Lean Production 1,5 M05012P Inglese B1 C05012P Inglese B

5 Piano degli studi Ingegneria Gestionale PAP 5 e 6 semestre Modulo M01036P M01037P Metodi matematici per l ingegnere Fisica e Modellistica M09042P Produzione Industriale 2 M09038P Produzione e Logistica 2 M09039P M01038P M09040P Gestione degli impianti industriali Sistemi dinamici Gestione della qualità e statistica applicata Corso (C)/Esercitazione (E) Unità didattiche settimanali 5 sem. C01011P Analisi dei segnali 2 C01012P Probablità e statistica 2 C01040P Fisica e Modellistica 1 E01040P Esercitazioni 1 C09066P Facility Planning 1 C09058P Gestione dell'azienda estesa 1 C09068P Automazione industriale 1 C09069P Analisi e simulazione di sistemi produttivi e logistici L09042P Laboratorio 1 C09067P C09059P C09060P Sustainable production&supply Chain Sistemi informativi per aziende in rete Metodi per lo sviluppo di prodotto C09038P Esercitazioni sem. C09061P Gestione Impianti 1 E09039P Esercitazioni di gest. di impianti industriali C01041P Dinamica 1 C01013P dinamica e stabilità 1 C09062P C09063P Introduzione alla gestione della qualità Gestione delle qualità e sicurezza C09064P Statistica applicata 2 E09040P Esercitazioni / Laboratori 1 M07008P Gestione aziendale C07014P Gestione aziendale ECTS

6 M P Matematica di base e analisi - Responsabile del modulo: Paola Rezzonico Rossetti - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica di base C P 4 Analisi 1 C P 3 TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Tre test scritti in "Matematica di base" - Tre test scritti in "Analisi 1" Matematica di base C P Analisi 1 C P - Consolidare i concetti matematici di base (algebra, funzioni reali, geometria e trigonometria) - Sviluppare la capacità d esposizione scritta ed orale di concetti matematici - Apprendere il corretto impiego di strumenti informatici a supporto del calcolo algebrico e numerico - Proprietà dei numeri reali - Funzioni reali ed equazioni - Richiami di trigonometria - Calcolo con i numeri complessi - Successioni - Curve piane - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti del calcolo infinitesimale - Sviluppare le capacità di rappresentare e risolvere problemi ingegneristici tramite il ragionamento logico e l astrazione - Limiti di funzioni - Calcolo differenziale e applicazioni - Calcolo integrale - Polinomio di Taylor 6

7 M P Algebra lineare, matematica discreta e logica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algebra lineare 1 C P Matematica discreta e logica C P 1 1 TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Tre test scritti in Matematica discreta - Quattro test scritti in Algebra lineare Algebra lineare 1 C P Matematica discreta e logica C P - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti calcolo vettoriale e matriciale - Essere in grado di rappresentare e risolvere problemi geometrici tramite concetti algebrici - Essere in grado di applicare gli strumenti appresi nella risoluzione di semplici problemi ingegneristici - Calcolo vettoriale - Approfondimenti di trigonometria - Prodotto scalare, vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti. - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti di logica, teoria dei grafi e teoria dei numeri. - Conoscere alcuni cifrari. - Sviluppare il pensiero scientifico tramite la logica e l astrazione - Insiemi e relazioni - Algebra di Boole - Calcolo combinatorio - Teoria dei grafi e algoritmi - Aritmetica delle congruenze - Basi di crittografia 7

8 M P Basi di dati e ambienti operativi - Responsabile del modulo: Roberto Mastropietro - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 7 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Basi di dati C P 2 Ambienti operativi C P 2 TOTALE Nessuno Metodo di valutazione - Due test scritti in "Basi di dati" - Due test scritti in "Ambienti operativi" - Valutazione delle esercitazioni svolte Basi di dati C02007P Ambienti operativi C02040P del corso - Capire i metodi di progettazione di una base di dati - Esercitare lo sviluppo di basi di dati di complessità crescente - Imparare ad interagire con una base dati del corso - Progettazione di una base di dati - progettazione concettuale: modello entità-relazione - progettazione logica: modello relazionale e normalizzazione - progettazione fisica - Vincoli di integrità - Il linguaggio SQL - definizione dei dati (DDL) - interrogazioni e manipolazioni dei dati (DML) - View e view materializzate - Introduzione a JDBC Organizzazione - Lezioni interattive - Esercitazioni del corso - Esercitare l uso di sistemi e di ambienti operativi - Conoscere alcuni strumenti di lavoro legati agli ambienti operativi - Introduzione generale: architettura e componenti di un computer - Introduzione ai sistemi operativi: storia e tipologie di sistemi operativi gestione dei processi e della memoria gestione dei file utenti e sicurezza interfaccia utente - La shell Comandi principali Bash e Powershell Scripting Interazione a distanza (SSH) - Gestione dei dati all'interno di documenti formati testuali e binari documenti non-strutturati / strutturati (XML, LaTeX,...) ricerca e modifica di documenti (editor, espressioni regolari) - Strumenti di sistema gestione del software automazione (cron, at,...) - Controllo di versione (git) Organizzazione - Lezioni interattive - Esercitazioni 8

9 M P Introduzione alla programmazione - Responsabile del modulo: Sandro Pedrazzini - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 4 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Introduzione alla programmazione C P TOTALE Nessuno Metodo di valutazione - Verifiche scritte - Valutazione delle esercitazioni svolte Introduzione alla programmazione C P - Capire il processo di sviluppo software - Sviluppare la capacità di pianificazione e di analisi strutturata e a oggetti - Sviluppare programmi mediante un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti - Introduzione alla programmazione: dal programma sorgente al codice eseguibile - Descrizione di algoritmi con pseudocodice - Fondamenti di un linguaggio di programmazione - Principi teorici delle metodologie orientate all oggetto: - Classi e oggetti - Modularità ed astrazione - Incapsulamento, ereditarietà, polimorfismo - Programmazione ad oggetti con il linguaggio Java: - classi ed interfacce, costruttori e metodi - modificatori di visibilità, sovraccaricamento e sovrascrittura - conversione di tipi, packages, collections e genericità - Cenni sulle architetture software 9

10 M P Tecnica delle costruzioni meccaniche per gestionali - Responsabile del modulo: Walter Amaro - Semestre: primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Statica per l ingegnere gestionale Tecniche di fabbricazione per l ingegnere gestionale Costruzione di macchine per l ingegnere gestionale Resistenza dei materiali per gestionali C P 3 1 C P 2 C P 1 C P 2 TOTALE Nessuno Metodo di valutazione - Almeno due verifiche scritte per ogni corso - Valutazione delle esercitazioni svolte Statica per l ingegnere gestionale C P Tecniche di fabbricazione per l ingegnere gestionale C P - Apprendere le leggi fondamentali della statica - Imparare a risolvere problemi di statica e a modellare sistemi meccanici - Introduzione alla statica - Forze e momenti - Equilibrio del punto materiale - Equilibrio del corpo rigido - Equilibrio analitico del corpo rigido - Travi inflesse, diagrammi di taglio e momenti flettenti - Sapere correttamente scegliere e gestire i processi tecnologici tradizionalmente impiegati nell'industria meccanica, sia negli aspetti descrittivi sia nei loro fondamenti teorici. - Saper effettuare lo studio di fabbricazione di componenti meccanici sia per l'ottenimento del semilavorato sia per la sua lavorazione alle macchine utensili - I principali processi di fabbricazione: fusione, fusione a cera persa, sinterizzazione, fresatura, tornitura, erosione a tuffo e a filo, forgiatura, rapid prototyping, ecc. - Trasformazione delle materie plastiche: niezione, estrusione, termoformatura, stampaggio rotazionale - Calcolo delle forze di taglio nei processi di fresatura, foratura e di tornitura Costruzione di macchine per l ingegnere gestionale C P Resistenza dei materiali per gestionali C P - Conoscere le regole di base e sviluppare l abilità di approccio, analisi e di risoluzione di problemi di costruzione per sviluppare prodotti funzionali ed economicamente vantaggiosi - Disegno tecnico - Le Norme VSM - Gli elementi normalizzati - Tolleranze dimensionali e di forma - Lettura e analisi di disegni di assieme - Metodologia e regole di base della progettazione - Sviluppare l abilità ad analizzare il problema meccanicostrutturale attraverso un insieme di conoscenze e di strumenti operativi per il calcolo di strutture tipiche dell ingegneria meccanica e eseguire le principali verifiche di resistenza e di stabilità - Geometria delle masse - Deformazione, sforzi e materiali - Sollecitazioni semplici (trazione, compressione, taglio) - Flessione semplice - Torsione semplice 10

11 M P Scienza dei materiali e chimica per gestionali - Responsabile del modulo: Andrea Castrovinci - Semestre: Secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 3 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Basi di chimica C ,5 0,5 Basi di scienza dei materiali C ,5 0,5 TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza previsti dalla maturità professionale tecnica In Chimica e Matematica Metodo di valutazione - Verifiche scritte per ogni corso - Valutazione attività del laboratorio/esercitazioni - Esame scritto e/o orale Basi di chimica C07007 Basi di scienza dei materiali C Acquisire le conoscenze generali sulle caratteristiche e le reazioni delle principali famiglie di sostanze - Familiarizzarsi alle tecniche di laboratorio e alla metodica sperimentale - Atomi, ioni, molecole. - Interazioni tra atomi, ioni e molecole: legami chimici - Reazioni chimiche (ossido-riduzioni) - Stati di aggregazione della materia; gas, liquidi e solidi transizioni di fase - Introduzione alla Chimica organica: Chimica del Carbonio - La Chimica degli adesivi - La Chimica dei lubrificanti - La Chimica dei materiali - La Chimica dei trattamenti delle acque - Acquisire le conoscenze generali delle strutture e delle proprietà dei metalli - Conoscere i metodi che permettono una modifica della microstruttura - Acquisire le conoscenze generali delle strutture e delle proprietà fisico-meccaniche delle leghe metalliche e le loro applicazioni - Sensibilizzare sulle peculiarità dei polimeri rispetto ai materiali tradizionali - Struttura cristallina dei metalli e delle leghe - Difetti puntiformi, lineari e di superficie - Diffusione, prima legge di Fick - Leghe: generalità - Sistemi binari con eutettico - Diagramma Fe-C - Leghe mettaliche - Caratteristiche produttive, fisico-meccaniche delle leghe - Acciai inossidabili (ferritici e austenitici) - Superleghe di nichel e cobalto - Leghe di alluminio - Leghe al titanio - Leghe di rame - Generalità sui polimeri 11

12 M P Analisi e algebra lineare - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 5 - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Analisi 2 C P 2 Algebra lineare 2 C P 2 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS. Metodo di valutazione - Almeno 2 verifiche scritte in itinere in Algebra lineare 2 - Una verifica in itinere in Analisi 2 - Esame scritto in Analisi 2 Analisi 2 C P Algebra lineare 2 C P - Conoscere gli strumenti e i metodi del calcolo differenziale per poi poterli applicare alla modellazione di sistemi - Applicazioni degli integrali - Equazioni differenziali - Funzioni di più variabili - Lezioni interattive - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo - Saper lavorare con matrici, comprendendone il significato nelle applicazioni tecniche - Conoscere autovalori, autovettori e relative applicazioni - Conoscere la descrizione geometrica dello spazio mediante coordinate omogenee, come utilizzate nella grafica computerizzata - Autovalori e autovettori - Norme - Sistemi di equazioni differenziali - Coordinate omogenee - Lezioni interattive - Esercitazioni in classe - Lavoro autonomo 12

13 M P Fisica e meccanica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Terzo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Fisica C P 3 1 Meccanica C P TOTALE Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione Valutazione ordinaria - Fisica: tre test scritti - Meccanica: due test scritti - Esame Fisica C P Meccanica C P - Conoscere i fenomeni fisici fondamentali e le loro applicazioni tecniche più importanti - Comprendere i metodi di descrizione matematica della realtà - Misure e grandezze fisiche - Cinematica - Leggi di Newton e applicazioni - Moto circolare e oscillatorio - Leggi di conservazione (energia e quantità di moto) - Teoria della gravitazione universale - Teoria cinetica dei gas - Leggi dei gas - Proprietà termiche della materia - Calorimetria - Conduzione e irraggiamento - Passaggi di stato - Comprendere i principi fondamentali della statica - Saper rappresentare e risolvere graficamente problemi di equilibrio statico. - Esercitare le nozioni acquisite mediante la risoluzione di problemi tipici - Sistemi di riferimento - Metodi grafici - Cinematica del corpo rigido a 2 e 3 dimensioni - Studio individuale con materiale di riferimento 13

14 M P Produzione e Logistica 1 - Responsabile del modulo: Luca Canetta - Semestre: Terzo - Tipo di modulo: obbligatorio - Crediti ECTS: 7 - Lingua del modulo: italiano - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Gestione della produzione C P Sistemi informativi per aziende C P TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS"I Metodo di valutazione - Un test scritto ogni corso - Valutazione attività del laboratorio - Esame orale Gestione della produzione C P Sistemi informativi per aziende C P - Conoscere i principali modelli produttivi o strategie produttive - Conoscere il processo di pianificazione e controllo della produzione - Conoscere e saper dimensionare i principali sistemi di produzione (linea, celle e Job shop) e le principali misure delle loro prestazioni - Conosce i principali elementi del JIT e della Lean production - Confronto dei modelli produttivi (MTS, MTO, ATO, ETO) - Le prestazioni dei sistemi produttivi e i principali indici di misura delle prestazioni - Gestione delle scorte - Il processo di pianificazione della produzione - Il processo di pianificazione delle vendite e delle operations - La pianificazione strategica della capacità - Introduzione all'mrp - Introduzione allo scheduling e al controllo delle attività - Caratteristiche e dimenzionamento dei sistemi di produzione: in linea, a celle e Job shop (compresa Group Technology GT) - Introduzione al JIT - Metodi e tecniche utilizzate in ambito JIT-Lean (Il TAKT TIME, SMED, il metodo 5S, Kaizen (Ky zen), manutenzione preventiva) - I sette strumenti operativi della qualità: (brainstorming, istogramma, analisi di Pareto, diagramma (causa-effetto), stratificazione, diagramma di correlazione, carta di controllo) - Il Benchmarking - Le metodologie Six Sigma e Design for Six Sigma - Introduzione alla logistica distributiva - Depositi e trasporti - I costi della logistica - Trasporto unimodale e intermodale - Gli incoterms e il Bill of Lading - I rischi del trasporto - Conoscere i principali Sistemi informativi di supporto ai processi produttivo-logistici - Sviluppare la capacità di analisi e definizione dei requisiti dei SI di supporto operativo - Concetti base e introduzione al ruolo strategico/organizzativo dei sistemi informativi - Ingegneria dei processi gestionali (BPR) e innovazioni ICT - I sistemi di supporto operativo - I sistemi ERP e i principali approcci d implementazione - Il concetto CIM e la catena CAD-CAM-CAPP - Introduzione ai MES e relazione con gli ERP - Metodologia di analisi dei requisiti dei SI di supporto operativo - Introduzione ai sistemi informativi direzionali - Introduzione alla formalizzazione dei processi e all'idef0 - Studio individuale con materiale di riferimento 14

15 M P Progetto di semestre - Responsabile del modulo: Giampiero Mattei - Semestre: Quarto - Tipo di modulo: obbligatorio - Crediti ECTS: 4 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Progetto di semestre P P 2 TOTALE Aver acquisito 90 crediti per gli studenti a tempo pieno. Per gli studenti in modalità flex o in parallelo all'attività professionale i requisiti vengono concordati con il delegato del corso di laurea. Metodo di valutazione (Criterio e Peso) Svolgimento fasi di progetto Comprensione dei compiti, pianificazione 1 Analisi dei requisiti e definizione delle specifiche (funzioni, prestazioni, vincoli) 1 Design, definizione modalità realizzative 2 Realizzazione 2 Integrazione, test e validazione 2 Metodo di lavoro Creatività, iniziativa, autonomia esecutiva 1 Ricerca, analisi, valutazione e scelta solutioni 1 Sistematicità, ordine 1 Comunicazione nel gruppo / con i relatori 1 Risultati Coincidenza prodotto con il quaderno dei compiti 2 Presentazione orale Struttura, chiarezza, essenzialità 2 Documentazione scritta Struttura del documento 1 Completezza e esattezza del contenuto 1 Espressione e stile 1 Riassunto (abstract) 1 - Progetto di semestre P P - Imparare ad affrontare e risolvere problemi di competenza dell'ingegnere nell ambito di un progetto strutturato - Applicare le conoscenze professionali e le tecniche di Progettazione - Esercitare le tecniche di documentazione e di presentazione - Attività pratica di progettazione, sviluppo, documentazione e presentazione 15

16 M P Elettrotecnica 1 e 2 - Responsabile del modulo: Ricardo Monleone - Semestre: Quarto - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS:6 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Laboratorio Lavoro autonomo Elettrotecnica 1 C P 1 Laboratorio L P 1 Elettrotecnica 2 C P 1 Laboratorio L P 1 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS" Inoltre, frequenza precedente o in parallelo del modulo - M01005 P Analisi e algebra lineare Metodo di valutazione - Verifiche scritte in itinere - Valutazione dell attività di laboratorio - Esame Elettrotecnica 1 C P Elettrotecnica 2 C P - Acquisire le basi dell elettrotecnica e dell elettronica necessarie per comprendere le tecnologie impiegate nella tecnologia delle macchine - Capire i principalli metodi di calcolo di circuiti elettrici - Capire i metodi per il calcolo di risposte di sistemi - Ripasso sulle principali metodiche di calcolo dell elettrotecnica - Simbologia - La legge di Ohm e di Kirchhoff: formula di largo uso - Teoremi di Thévenin e di Norton - Principio di sovrapposizione - Capacità e induttanza: leggi e formule - Equazioni differenziali dei circuiti elettrici. - Tensioni e correnti sinusoidali: uso dei numeri complessi - Elaborazione dei segnali - Funzioni di trasferimento - Filtri - Diagrammi di Bode - Sensorica - Sensori capacitivi - Sensori induttivi - Sensori resistivi - Esempi di circuiti applicativi - Conoscere le principali tecniche per la movimentazione di parti meccaniche tramite corrente elettrica - Conoscere le regole di base per il dimensionamento di piccoli impianti elettrici da usare nelle macchine utensili - Potenze effettive, reattive e apparenti - Uso dei fasori per il calcolo di circuiti - Magnetismo: elettrocalamite, relais e sensori - Corrente alternata trifase: trasformatori e motori - Motori a collettori, asincroni e sincroni - Motori speciali: passo a passo, lineari, brushless. elettronica di comando - Variatori elettronici di velocità - Dimensionamento di impianti, valvolazione, protezioni, sicurezza in classe e di laboratorio. Le esercitazioni di laboratorio sono di complemento alla parte teorica delle lezioni. - Studio individuale con materiale di riferimento in classe e di laboratorio. Le esercitazioni di laboratorio sono di complemento alla parte teorica delle lezioni. - Studio individuale con materiale di riferimento 16

17 M P Principi di Economia Politica - Responsabile del modulo: Monica Pongelli - Semestre: Quarto - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 4 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Principi di economia politica C P 2 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS" Valutazione del modulo - Verifiche scritte e orali in itinere Principi di economia politica C P - Conoscere il funzionamento di un'economia moderna mista - Conoscere i problemi economici legati al processo produttivo - Conoscere le principali forme di mercato e le loro caratteristiche - Conoscere il modello di sviluppo macro a breve e medio periodo - Acquisire una chiave di lettura critica per comprendere la situazione di un particolare settore economico - Analizzare il funzionamento degli strumenti di politica fiscale e monetaria per capire e valutare le politiche macroeconomiche attuate in Svizzera e in altri paesi - Pensare da economisti - Concetti economici di base - La concorrenza perfetta - Forme di mercato imperfette - Il PIL: misura di crescita economica - L'economia nazionale e il sistema internazionale - La domanda e l'offerta aggregata e le loro maggiori determinanti - La politica economica e monetaria - Lezioni frontali interattive - Esercitazioni in classe individuali e in piccoli gruppi - Lavoro autonomo Riferimenti di base - Krugman P. e R. Wells, L essenziale di economia, Zanichelli, 2008 Lista bibliografica per la biblioteca - Krugman P. e R. Wells, L essenziale di economia, Zanichelli, 2008 (riferimento di base) - Samuelson Paul A., W. D. Nordhaus e C. A. Bollino, Economia XIX edizione, McGraw-Hill, Sloman John, Microeconomia, Il Mulino Manuali,

18 M P Termodinamica per gestionali - Responsabile del modulo: Maurizio Barbato - Semestre: Quarto - Tipo di modulo: obbligatorio - Crediti ECTS: 4 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Termodinamica per gestionali C P 2 1 TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS" Metodo di valutazione - Almeno due verifiche scritte - Esame scritto Termodinamica C P - Approfondire i concetti di calore e lavoro dal punto di vista termodinamico - Capire il primo principio della termodinamica - Applicare le conoscenze acquisite a problemi termodinamici tecnologici - Capire il primo principio della termodinamica nella formulazione per i sistemi aperti e applicarlo in alcune situazioni concrete - Conoscere il secondo principio della termodinamica e il concetto di entropia - Studiare le principali macchine termiche e i sistemi di scambio di calore - Concetti di base - Richiami di termologia e legge dei gas - Il concetto di lavoro in termodinamica - Il primo principio della termodinamica - Proprietà termodinamiche dei gas - L'Entalpia - Il primo principio della termodinamica per i sistemi aperti - Applicazioni del primo principio a sistemi chiusi ed aperti - Il secondo principio della termodinamica - L'entropia - Processi reversibili ed irreversibili - Entropia ed energia inutilizzabile - Rendimenti - Macchine termiche - cicli termodinamici ad aria: - Motori a combustione interna - Turbine a gas - Macchine termiche - cicli termodinamici a vapore: - Impianti a vapore - Ciclo Rankine - Ciclo frigorifero - Pompe di calore B28:I30 - Studio individuale con materiale di riferimento 18

19 M P Produzione Industriale 1 - Responsabile del modulo: Paolo Pedrazzoli - Semestre: Quarto - Tipo di modulo: obbligatorio - Crediti ECTS: 4 - Corsi di laurea: Gestionale del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Lean Production C P TOTALE Vedi "Regolamento DTI per l'iscrizione ai moduli e l'attribuzione dei crediti ECTS" Inoltre, frequenza in parallelo o in precedenza del modulo - M09036P Produzione e logistica 1 Metodo di valutazione - Un test scritto in ogni corso - Valutazione dell attività di laboratorio - Esame orale Lean Production C P - Apprendere le basi per la progettazione o riprogettazione di processi e di sistemi con lo scopo di migliorare o mantenere l'efficacia ed l efficienza del sistema, qualità del prodotto e della sicurezza del sistema - Apprendere le tecniche e i metodi di analisi e progettazione secondo la "Lean Thinking" - Apprendere ad analizzare processi e sistemi con lo scopo di prevederne il rendimento, la qualità del prodotto, la sicurezza e i costi - Acquisire trasversalità delle conoscenze dei sistemi logisticoproduttivi e dei sistemi informativi, per consentire un approccio "globale" sia in termini tecnologici, sia sotto l'aspetto economico per la costruzione di una visione integrata del sistema - Comprendere la catena del valore ed acquisire le competenze per l'analisi - Conoscere e saper interpretare i concetti della produzione e della logistica al fine di elaborare soluzioni ottimali nella realizzazione del sistema logistico-produttivo - Lean Assessment - Implement and Manage 5S and Visual Control - Process improvement - Process Mapping &Value Stream Mapping - Identifying the Value Streams, Current state, Future State - Lean Supplier & Extenden Value Stream Mapping - Scheduling, Inventory &Setu, Kanban System Design, Strategic Scheduling for Lean Manufacturing, Cycle Counting - Time measurement - Setup Reduction Kaizen Event (SMED) - Lean Manufacturing Road Map - Studio individuale con materiale di riferimento 19

20 M05012P.01 Inglese B1 - Responsabile del modulo: Germana D Alessio - Semestre: Terzo e quarto - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 6 - Lingua del modulo: Inglese - Corsi di laurea: Gestionale, Informatica del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Lavoro autonomo Inglese B1 C05012P TOTALE Conoscenze di inglese a livello A2 Valutazione del modulo - Esame scritto e orale livello B1 comprensivo dei contenuti del corso Osservazioni Il livello del corso si riferisce alla scala del Portfolio europeo delle lingue (PEL). La verifica del livello richiesto dal dipartimento può avvenire anche tramite equipollenza di determinati certificati internazionali riconosciuti dal CLIR Centre for Languages and International Relations o superamento di esami prima dell'inizio del corso. Inglese B1 C05012P.01 - Acquisire e approfondire le conoscenze linguistiche in lingua inglese che favoriscono l inserimento nel mondo professionale in Svizzera e all estero. - Sviluppare e approfondire le quattro competenze linguistiche: ascolto, lettura, espressione orale (conversazione/ esposizione), espressione scritta - Conoscere e esercitare le tecniche di comunicazione scritta con particolare riferimento alla professione - I temi principali trattati spaziano in diversi ambiti: famiglia, amici e feste, animali domestici, ruoli diversi, conflitti e soluzioni, terapie, scuola e formazione, professioni e lavoro, città e vita culturale, scelte di vita, immigrazione e emigrazione, il mondo dei media, comunicazione e pubblicità, sport e competizione, attività nel tempo libero, ecc.. - Vengono studiati vari campi lessicali: relazioni sociali, festività, animali, abitudini, vita quotidiana, emozioni, problemi, sentimenti, tecniche di mediazione, esperienze scolastiche, curriculum, richiesta per uno stage, professioni, condizioni e posti di lavoro, vita urbana e vita in campagna, attività culturali, spazio e movimento, quantità e qualità, tempo, arte, musica e architettura, giochi, fitness, sport, vincere e perdere, ecc. - Si approfondiscono diverse strutture grammaticali: forme di domanda e risposta, i 9 tempi principali, il condizionale, i verbi modali e verbi ausiliari, passive vs. active, relative clauses, reported speech, ecc. - Lezioni interattive, discussioni, letture, esercitazioni in gruppo. - Training sulla comunicazione: presentazioni orali, discussioni, giochi di ruolo. - 20

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli