LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013"

Transcript

1 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 Copyright 2013 by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, Milano, Italy

2 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 In questa nota sono considerate le situazioni semestrali a fine giugno 2013 delle 20 principali banche europee per totale attivo. Si tratta di un parziale aggiornamento, che sconta il minore livello informativo dei rendiconti infrannuali, dell indagine sulle maggiori banche internazionali pubblicata annualmente (www.mbres.it). Il panel qui considerato è costituito da quattro banche inglesi e quattro francesi, due ciascuno per Germania, Italia, Olanda, Spagna e Svizzera, un istituto danese ed uno svedese. Ove necessario i valori sono stati convertiti in euro utilizzando i cambi a fine giugno Per alcuni istituti sono riportati i principali dati economici al 30 settembre 2013 (anch essi convertiti in euro ai tassi di cambio del 30 giugno 2013). 2

3 I risultati economici I principali gruppi bancari europei hanno chiuso i primi 6 mesi del 2013 con un utile aggregato di 36 miliardi di euro (15,3% dei ), in aumento del 35,6% sul primo semestre 2012 (10,8% dei ) e dopo che il secondo semestre del 2012 aveva saldato in perdita per circa 7 mld. (Tab. 1). Alla crescita del risultato netto hanno contribuito la riduzione delle perdite su crediti (-17,5%) e il miglioramento del saldo delle voci straordinarie, passato in positivo (da -10 a +2 mld). Questi due fattori hanno più che bilanciato il calo dei (-4,4%) dovuto alla caduta del margine di interesse (-8,1%). Nonostante la timida contrazione dei costi operativi (-1,4%), il cost/income ratio si è portato al 63,5%, in peggioramento di 2 punti sul Le perdite su crediti sono diminuite di oltre 7 mld (-17,5%, con una flessione che sfiora il 30% sul secondo semestre del 2012) e la loro incidenza sui è scesa dal 16,7% del primo semestre 2012 al 14,4% (22,7% nel secondo semestre 2012). Il costo del rischio (su base annua) è stato pari a 69,7 punti base, in diminuzione di quasi 12 p.b. dal 2012 (Tab. 10). Il risultato corrente si è contratto del 2,9%, attestandosi al 22,1% dei ma, grazie al miglioramento delle voci straordinarie, il roe (annuo) si è incrementato di quasi 2 punti percentuali, passando dal 5,1% al 6,9% (Tab. 2). I due maggiori istituti italiani continuano a soffrire di modesta redditività, segnando un utile netto sui pari al 6,2% rispetto al 15,3% medio europeo ed un roe (2,3%) che è esattamente un terzo di quello europeo, risultando in assoluto il più basso nel primo semestre 2013 (Tabb. 2 e 3). La dinamica degli ultimi due semestri appare deludente: i due maggiori istituti nazionali hanno ridotto la propria redditività netta (roe dal 4,4% al 2,3%), condividendo il trend discendente con le banche tedesche (da 6,7% a 4,8%, a causa della perdita netta di Commerzbank) e francesi (dal 7% al 6,7%). I restanti Paesi hanno segnato progressi di redditività netta nel primo semestre del I nostri istituti appaiono penalizzati sotto due profili. Hanno una struttura di costi che, sebbene non discosta da quella media europea (64,4% il cost/income ratio italiano, 63,5% l europeo), resta superiore a quella delle principali banche inglesi (59,4%), olandesi (59,8%), nord europee (54,8%) e spagnole (55%). In secondo luogo, il rapporto tra le perdite su crediti ed i si è collocato nel 2013 al 26,2%, al di sopra della media europea (14,4%) e al di sotto solo dei due maggiori istituti iberici (28,2%) che però godono di un cost/income ratio vantaggioso. La somma dei costi operativi e delle svalutazioni arriva in Italia al 90,6%, il livello più alto tra i Paesi considerati. COST/INCOME RATIO E PERDITE SU CREDITI (IN % DEI RICAVI) 72,8 72,6 67,6 64,4 59,8 59,4 55,0 54,8 26,2 28,2 0,3 7,4 12,3 16,1 13,4 10,3 Svizzera Germania Francia Italia Paesi Bassi UK Spagna Nord Europa Cost/income ratio Svalutazione crediti / Ricavi 3

4 La situazione patrimoniale Il totale attivo è calato del 3,9% (giugno 2013 su dicembre 2012), portandosi su valori di poco inferiori a quelli del 2010 (Tab. 1). Si sono contratte tutte le principali voci. Le disponibilità liquide hanno perso il 9,9% (-102 miliardi in sei mesi, a 932 miliardi di euro) attestandosi al 4% del totale attivo; il portafoglio azionario ed obbligazionario si è ridotto dello 0,6% (-29 mld). Gli impieghi alla clientela hanno avuto una flessione ancora più marcata (-1,1%, pari a 96 mld in meno, al netto delle operazioni di pronti contro termine). I derivati si sono sgonfiati in modo importante segnando un -18,1% su dicembre 2012 che equivale a circa mille miliardi in meno, ma restano pari a quasi un quinto del totale attivo, a mld. L unica posta dell attivo in crescita è l interbancario: +6,4% sul dicembre Dal lato del passivo, la diminuzione della raccolta interbancaria (-4,8%), conseguente anche alla restituzione anticipata dei fondi della BCE, si somma a quella della provvista dalla clientela calata dello 0,3% (-36 mld). Tra gli istituti che hanno dichiarato rimborsi, anche parziali, dei finanziamenti BCE si trovano: Banco Santander (24 mld), Commerzbank (16,2 mld), Lloyds Banking Group (13,5 mld), Intesa Sanpaolo (12 mld), RBS (5 mld), Danske Bank (4 mld) e Barclays (1,2 mld). I mezzi propri risultano in crescita (+1,2% su dicembre 2012). La leva si è portata a 25x (27,7x del dicembre 2010), con valori per singolo istituto ampiamente dispersi e con i due istituti italiani ai minimi europei (17,6x Unicredit, 18x Intesa) alle spalle della spagnola BBVA (14,5x) (Tab. 7). LA LEVA 37,8 32,3 29,0 26,7 22,3 22,1 18,7 17,8 Germania Svizzera Francia Nord Europa UK Paesi Bassi Spagna Italia Gli attivi rischiosi A) Debito sovrano GIIPS Le maggiori banche europee detenevano a fine giugno 2013 oltre 310 miliardi di euro in titoli di stato emessi dai 5 Paesi GIIPS, contro i 275 mld di fine giugno 2012 (+13%) 1. Le esposizioni verso tali Paesi rappresentavano il 27,2% dei mezzi propri complessivi, con situazioni più gravose per gli istituti italiani e spagnoli: 204% per Intesa Sanpaolo, 79% per BBVA, 76% per Unicredit e attorno al 60% per Santander. Nel giugno 2013 l esposizione in titoli governativi italiani è salita a 207 mld. (+33,6 mld su giugno 2012). Intesa Sanpaolo ha effettuato acquisti netti per circa 20 mld di euro, Unicredit per 8,3 mld; incrementi superiori al miliardo hanno riguardato le due spagnole (+1,7 mld BBVA, +1,3 mld Santander), Commerzbank (+1,6 mld) e RBS (+1,8 mld). In aumento anche gli investimenti in titoli di stato spagnoli da parte di BBVA (+6,7 mld) 1 Gli importi derivano dalla somma dei valori di bilancio (portafoglio bancario e di trading), al netto di eventuali svalutazioni e delle posizioni scoperte relative ai titoli inclusi nei portafogli di trading. Si è inoltre tenuto conto degli effetti delle operazioni di copertura eventualmente attivate, includendo anche i titoli in portafoglio alle rispettive divisioni assicurative. Lloyds, Rabobank e Intesa Sanpaolo hanno pubblicato l esposizione lorda delle vendite allo scoperto e degli effetti di operazioni di copertura; la loro esposizione è quindi sovrastimata e non omogenea rispetto a quella degli altri istituti. 4

5 che hanno compensato le cessioni effettuate soprattutto da Barclays (-2,4 mld) e Unicredit (-1,5 mld). Nell insieme, rispetto a giugno 2011, il portafoglio di governativi GIIPS italiano è quello che si è maggiormente accresciuto (+43,7 mld), quello francese ha segnato la maggiore riduzione (-49,3 mld.) (Tab. 4). SINOSSI DEL PORTAFOGLIO GOVERNATIVO GIIPS Stati emittenti Portogallo Irlanda Italia Grecia Spagna Totale Istituti mil, 30 giugno 2013 sottoscrittori Var. su giu 2012 Var. su giu 2011 Italia x Spagna Francia Germania UK Olanda Nord Europa Svizzera Totale Var. su giu Var.su giu B) Attivi di Livello 3 Le attività di Livello 3 di problematica valutazione e smobilizzo erano pari a 218 miliardi di euro a giugno 2013, in diminuzione di 13,5 miliardi dal dicembre 2012 (-5,8%) e di 86 mld rispetto ai valori di fine 2010 (- 28,4%). Tra dicembre 2012 e giugno 2013 si sono mosse in controtendenza principalmente UBS (+24,4%) e Lloyds Banking Group (+17,3%) (Tab. 5). ATTIVI DI LIVELLO 3 53,1 34,7 21,0 18,8 15,3 12,1 11,9 2,2 18,0 36,0 39,3 7,7 25,0 26,9 12,4 28,5 Svizzera Germania Francia Nord Europa UK Paesi Bassi Italia Spagna In % del PV Var. % su 2010 La consistenza degli attivi di Livello 3 è marginale se rapportata al totale attivo (0,9%), ma di una qualche rilevanza rispetto al patrimonio di vigilanza (19,1%) ed ai mezzi propri tangibili (23,3%). Nel caso di Credit Suisse (56,8%) e Deutsche Bank (49,9%) le incidenze sono prossime o superiori al 50% del capitale di vigilanza ed ancora più alte in termini di patrimonio netto (60,7% e 52,4%). Le due maggiori banche italiane si collocano tra gli istituti meno esposti (10% e 13% del patrimonio di vigilanza per Intesa Sanpaolo e 5

6 UniCredit), ma anche tra quelli che hanno con meno intensità ridotto la consistenza di questa posta (-12,4% sul 2010). C) Derivati Nei primi sei mesi del 2013 il volume dei derivati è calato del 18,1% e la loro consistenza, ancora pari al 18,9% dell attivo, è tornata i livelli di fine 2010 (18,6%). Gli istituti italiani hanno registrato una riduzione di particolare intensità (25,1% in meno sul 2012 e 11,7% sul 2010) e mostrano una tra le incidenze più basse sul totale di bilancio (7,6%), preceduti solo dalle banche olandesi (6,4%) e seguiti da quelle spagnole (8%). I valori più elevati sono di Credit Suisse (43,8% dell attivo), Deutsche Bank (33,3%) e RBS (30,7%). Credit Suisse iscrive derivati pari a 16,9 volte il netto patrimoniale tangibile, Deutsche Bank a 14,6 volte e Credit Agricole a 11,9 volte (Tab. 6). DERIVATI 12,3 10,8 4,9 4,7 3,6 1,5 1,4 1,4 37,8 28,3 21,8 16,2 13,3 8,0 7,6 6,4 Svizzera Germania UK Francia Nord Europa Spagna Italia Paesi Bassi In % dell'attivo Multiplo del patrimonio netto tangibile (volte) D) Crediti dubbi Le svalutazioni dei crediti spesate a conto economico sono diminuite nel primo semestre 2013 di oltre 7 mld (-17,5%), passando dal 16,7% al 14,4% dei. Per gli istituti spagnoli ed inglesi le riduzioni sono state, rispettivamente, del 29,4% e del 25,3% 2. Si segnalano gli incrementi medi delle banche italiane (+4,4%, ma con dati contrastanti: +24% Intesa, -7,5% Unicredit), olandesi (+10%) e tedesche (+21%). Per gli istituti italiani il costo del rischio è su livelli quasi doppi rispetto a quelli della media europea (120 p.b. contro 69,7 p.b.) (Tab. 10), così come l incidenza delle svalutazioni in rapporto ai (26,2% contro 14,4%). A fine giugno 2013 i crediti dubbi lordi aggregati ammontavano a 534 mld di euro, stazionari (+0,2%) sul dicembre Importanti incrementi hanno riguardato le banche olandesi (+11%) e spagnole (+9,2% per effetto principalmente del Santander che ha allocato tra i deteriorati 2 mld di crediti in precedenza classificati come substandard). In aumento anche le banche francesi (+1%, solo SocGen ha ridotto la posta). Calano le banche del Nord Europa (-14,9%), svizzere (-12,4%, con UBS a -21,9%) e tedesche (-7,6%) (Tab. 8). 2 I conti del giugno 2012 degli istituti iberici sono influenzati dagli accantonamenti effettuati in base ai decreti reali n. 02/2012 e 18/2012 (pari, a milioni per Santander e milioni per BBVA). 6

7 VARIAZIONE DEI CREDITI DUBBI NETTI (PRIMI SEI MESI 2013) E INDICI DI RILEVANZA DEI CREDITI DUBBI 30,7 12,9 5,4 1,7 5,6 12,0 16,1 20,1 Spagna Paesi Bassi Italia Francia UK Germania Nord Europa Svizzera Var % crediti dubbi netti 83,4 47,9 46,6 27,8 27,8 40,7 66,5 61,7 44,9 34,6 23,0 22,3 21,6 20,1 52,8 14,5 5,3 3,1 3,8 5,7 4,9 2,7 1,7 0,5 Italia UK Nord Europa Paesi Bassi Germania Spagna Francia Svizzera Crediti dubbi netti del patrimonio netto tangibile Crediti dubbi lordi dei crediti v. clienti Tasso di copertura Gli accantonamenti a copertura dei crediti dubbi sono anch essi stabili (rispettivamente +0,1%) e con essi i crediti dubbi netti (+0,3%), anche se con forti disomogeneità: le partite dubbie nette degli istituti spagnoli si sono incrementate del 31%, del 13% quelle olandesi e del 5,4% le italiane, diminuzione superiori al 10% hanno interessato gli istituti tedeschi e del Nord Europa. Il tasso di copertura è rimasto quindi invariato al 51,4% 3. L incidenza media delle partite deteriorate sui crediti alla clientela è stabile per l aggregato sui valori di fine 2012: 2,7% al netto dei fondi rettificativi, 5,4% al lordo. Il rapporto sul patrimonio netto tangibile è invece in diminuzione di mezzo punto percentuale al 27,8% (Tab. 9). Nel caso dell Italia l incidenza sui crediti alla clientela dei due maggiori istituti nazionali è pari al 14,5% tanto che Unicredit e Intesa iscrivono la maggiore massa di crediti dubbi lordi in termini assoluti in Europa (rispettivamente 82,6 e 53 mld). I tassi di copertura sono pari al 47,9% per l Italia, tre punti e mezzo sotto la media europea al 51,4% 4. 3 Rapporto tra i fondi rettificativi cumulati e crediti dubbi lordi, calcolato includendo tra i primi anche la riserva generica sui crediti in bonis, per omogeneità di confronto fra paesi diversi. 4 Nel caso delle banche spagnole l inclusione dei crediti ristrutturati tra quelli dubbi è parziale. A fine giugno 2013 i crediti ristrutturati di BBVA ammontavano a 24,2 miliardi di euro, di cui solo il 37% inclusi tra i crediti deteriorati e coperti da accantonamenti pari al 18%. Per Santander i ristrutturati ammontavano a 33,4 miliardi di cui il 43% inclusi tra le partite dubbie. Sommando le posizioni ristrutturate complessive dei due istituti nei crediti dubbi, gli indici di copertura scenderebbero dal 66,4% al 38% per Santander e dal 66,9% al 37% per BBVA, mentre l incidenza dei crediti deteriorati lordi sugli impieghi complessivi quasi raddoppierebbe salendo, rispettivamente, al 10,1% ed all 11,7%. 7

8 Le attività ponderate per il rischio (RWA - Risk Weighted Assets) Le attività ponderate per il rischio sono diminuite dello 0,3% tra dicembre 2012 e giugno 2013 e dell 8,5% sul Le riduzioni percentuali più importanti hanno riguardato Lloyds (-7%, -25 mld di euro) e Banco Santander (-6,1%, -34 mld), mentre UBS e Credit Suisse hanno segnato incrementi, rispettivamente, del 26% e del 29,2% (per effetto del passaggio a Basilea 3). Non considerando i due istituti elvetici le RWA dei rimanenti istituti sono complessivamente diminuite del 2% ad esito delle cessioni degli asset più rischiosi o a più alto assorbimento di capitale 5. RISCHIO DI CREDITO (IN % DELLE RWA) E RAPPORTO RWA/TOTALE ATTIVO 45,4 46,9 33,1 24,3 27,1 26,3 20,4 19,7 86,2 86,0 84,4 84,3 82,9 80,4 73,5 69,6 Nord Europa Paesi Bassi Francia Italia Spagna UK Germania Svizzera Rischio di credito (% di RWA) RWA / Totale attivo () A fine giugno 2013, l 81,3% delle RWA è rappresentato dal rischio di credito, il 7,4% dal rischio di mercato ed il residuo 11,3% da quello operativo. Per le banche svizzere il rischio di credito non raggiunge il 70%, l 11,7% è relativo a rischio di mercato ed il 18,8% a quello operativo. Similare è Deutsche Bank, unico altro istituto con rischio di credito inferiore al 70% e restanti quote ripartire tra rischio di mercato (17,5%) e rischio operativo (15,7%). A fine giugno 2013 il rapporto tra RWA e attivi totali è pari in media al 29,7% contro il 32,4% del Le banche con prevalente natura commerciale (retail) presentano valori medi più elevati, ma incidono sul confronto anche la complessità organizzativa che si traduce in rischio operativo. La spagnola BBVA presenta il rapporto RWA / totale attivo più elevato del panel (55,2%), seguìta da Unicredit (46,2%), Intesa Sanpaolo (44,4%) e dal Banco Santander unico, tra gli altri istituti, a segnare un valore superiore al 40%. Le banche italiane segnano il rischio di mercato più contenuto (5% delle RWA) ed anche un incidenza modesta di quello operativo (soprattutto grazie ad Intesa) 6. A fine giugno 2013, il patrimonio di vigilanza aggregato è in crescita di circa 35 mld sul 2012 (+3,2%) e di 44,7 mld (+4,1%) rispetto a fine 2010 (Tab. 12). I coefficienti di solvibilità Dopo il rialzo complessivo di 170 p.b. nel 2012, i coefficienti di solvibilità hanno guadagnato altri 30p.b. nel primo semestre salendo al 16,7% medio. Le banche con i migliori indicatori sono Danske Bank (21,8%), UBS (20,5%), Lloyds (20,4%), Rabobank (18,7%) e Crèdit Suisse (18,2%). Il coefficiente di solvibilità di 5 Crèdit Agricole ha incrementato gli attivi rischiosi di circa 33 mld (+11,3%), saldo degli effetti della cessione di Emporiki (-15 mld) e dell incremento per 41,5 mld conseguente al venir meno, a partire dal 1 gennaio 2013, del regime transitorio relativo agli investimenti assicurativi, ora inclusi dal gruppo francese tra le RWA con un fattore di ponderazione del 370% (in luogo della precedente deduzione dal capitale di vigilanza). 6 Il rischio operativo è relativo a perdite che possono insorgere per effetto dell inadeguatezza delle procedure, errori umani e disfunzioni dei sistemi interni, oppure da eventi esogeni. E compreso il rischio legale, riveniente da violazioni di leggi o regolamenti, da responsabilità contrattuale o extra-contrattuale e da controversie. 8

9 RBS (15,8%) è aumentato di 130 p.b. nonostante dall ottobre 2012 l istituto inglese abbia smesso di beneficiare delle garanzie pubbliche dal programma di assistenza APS Asset Protection Scheme. Il Tier1 delle due banche italiane è in costante rialzo nel periodo e pari all 11,9% per Unicredit ed al 12% per Intesa Sanpaolo, contro il 13,9% del panel europeo (Tab. 13). Gli istituti hanno generalmente diffuso stime degli impatti derivanti dall adozione delle nuove regole di Basilea 3. I due istituti italiani riducono il ritardo sui propri ratio patrimoniali: il common equity tier 1 (CET1) di Intesa Sanpaolo è stimato a fine giugno 2013 all 11%, quarto maggior valore dopo il 13,1% di Nordea, il 12% di Danske Bank e l 11,7% di Rabobank. Quanto al nuovo requisito in termini di leva finanziaria (in vigore dal 2018), secondo cui il capitale Tier 1 di ogni istituto non dovrà essere inferiore al 3% dell esposizione totale, le prime evidenze mostrano i buoni indicatori per gli istituti italiani, spagnoli e nord europei. Il valore più basso è segnato da Barclays (2,5%), relativamente modesti anche i livelli delle banche svizzere e tedesche (Tab. 14) 7. Primi nove mesi Il margine di intermediazione conferma la caduta già maturata nei primi sei mesi (-4,4%), e solo UBS (+2,6%) e Lloyds BG (+1,4%) sono in controtendenza. La riduzione delle perdite su crediti appare meno accentuata, passando dal -17,5% dei primi sei mesi al -9,3% dei nove mesi. Il risultato netto complessivo è in crescita del 68,6%, grazie al fatto che cinque istituti sono passati da un risultato netto negativo ad uno positivo (Tab. 15). Le due maggiori banche italiane hanno visto flettere i in linea con il trend europeo (-4,2% Intesa, -4,7% Unicredit), ma gli utili netti hanno subìto importanti ridimensionamenti, soprattutto per Intesa Sanpaolo (-62,1% sul settembre 2012) a causa dell importante crescita delle perdite su crediti (+23,9%). 7 Si tratta della somma tra il totale attivo non ponderato per il rischio e le attività fuori bilancio, aggiustata principalmente per tener conto del netting su derivati e pronti contro termine e, sempre a proposito dei derivati, della potenziale esposizione futura. 9

10 10 TABELLE

11 Sinossi relativa ad un set di indicatori di bilancio (giugno 2013) Perdite su crediti ( dei ) Var. % delle perdite su crediti GIIPS del capitale netto Livello3 in % del capitale di vigilanza Derivati del totale attivo Crediti dubbi del patrimonio netto tangibile Crediti ai clienti della raccolta da clienti Var. % dei Costo del rischio (bp) Cost/income ratio Roe Leva Total capital ratio Banco Santander -8, , , , ,3 3 6, ,8 17 2,0 1 8,2 7 22,0 7 24, , ,8 4 13,9 18 Barclays -2,7 9 10,8 8-4, , ,9 9 2,7 17 4,4 8 32, , , , ,8 7 25, ,4 9 BBVA -5, , , , ,5 5 13,4 1 78,5 19 2,6 2 7,5 6 14,5 1 17, , ,2 1 13,5 19 BNP Paribas -4, ,6 7 20, , ,1 10 8,1 6 15, , , ,8 9 21, , , ,2 13 Commerzbank -12, , , , ,4 17 neg ,3 16 9,3 5 13, , , ,3 6 32,4 9 17,6 7 Crédit Agricole SA -27, , ,0 3 48,4 9 73,7 20 6, , , , , , , , ,0 15 Credit Suisse 4,6 2 0,6 2 22,9 18 5,4 2 72, ,7 4 1,4 5 56, , ,4 18 1,9 2 82,1 4 18, ,2 6 Danske Bank -16, , ,2 2 33,5 4 62,0 8 5, , , , , , , , ,8 1 Deutsche Bank 1,8 4 4,7 3 13, ,9 6 72,6 18 7,2 9 6,3 9 49, , ,6 19 9,8 3 75,9 2 16, ,3 4 Groupe BPCE -2,9 10 8,9 5-5, ,6 5 70,0 15 6,1 11 7, ,2 13 5,7 2 22, , , , ,1 20 HSBC -5,6 13 9,5 6-29,8 6 58, ,7 2 12,6 2 1,7 6 8,3 4 20, ,0 5 19,5 9 74,6 1 37,6 5 16,6 10 ING Group -0,8 6 15, , ,0 7 54,7 4 10,5 5 8, ,6 14 6,1 3 25, , ,1 8 33,9 7 16,6 11 Intesa Sanpaolo -6, , , , ,2 7 1, , ,0 6 6,9 5 18,0 3 77, , ,4 3 14,1 17 Lloyds Banking Group 2,8 3 18, ,7 4 64, ,4 6 7,5 7 0,0 1 12,4 7 5,0 1 22,6 8 52, , ,0 8 20,4 3 Nordea -0,8 7 7,8 4-9,2 9 22,8 3 50,8 1 11,9 3 0,0 2 22, ,7 9 28, , , , ,4 8 Rabobank -9, ,2 13 0, ,3 8 65,8 12 5,7 13 0,5 3 3,7 3 6,8 4 18,1 4 22, , , ,7 5 RBS -10, , ,8 7 89, ,9 14 2,1 18 3,4 7 13,6 9 30, ,6 6 36, ,8 5 35,8 6 15,8 12 Soc. Générale 0,9 5 14,1 9 0, , ,4 11 5, , , , , , ,1 9 30, ,4 16 UBS 7,0 1 0,1 1 n.c. 1 0,5 1 73,3 19 7,4 8 1,1 4 49, , ,5 13 1,5 1 79,5 3 21, ,5 2 UniCredit -2,4 8 24,1 17-7, , ,2 13 2, , ,2 8 8,2 8 17,6 2 87, , ,2 2 15,1 14 Media -4,9 14,9-7,0 66,5 64,0 7,1 28,8 19,8 16,7 26,5 28,8 113,2 31,3 16,7 Mediana -3,7 15,1-5,8 54,6 65,3 6,5 7,7 13,9 13,8 24,1 21,4 110,5 30,9 16,6 RWA del totale attivo

12 Tabella 1 - Dati economici e patrimoniali aggregati delle maggiori banche europee Milioni di euro Anno 2010 Anno 2011 Anno Lug-dic Var. % sul primo semestre 2012 Margine d'interesse , , , , , ,7-8,1 Trading , , , , , ,2 4,0 Commissioni nette ed altri , , , , , ,1-2,3 Totale (margine di intermediazione) , , , , , ,0-4,4 Costi operativi , , , , , ,5-1,4 Perdite su crediti , , , , , ,4-17,5 Risultato corrente , , , , , ,1-2,9 Saldo altri costi e non ricorrenti , , , , , ,8 n.c. Imposte , , , , , ,0 0,6 Risultato di competenza di terzi , , , , , ,6 20,0 Risultato netto , , , , , ,3 35,6 31-XII XII XII VI-2013 Var. % sul dicembre 2012 Cassa e disponibilità , , , ,0-9,9 Titoli e azioni , , , ,1-0,6 Impieghi v/ clienti , , , ,2-0,6 di cui: pronti contro termine , , , ,9 6,0 Impieghi v/ banche , , , ,6 6,4 Immobilizzazioni immateriali , , , ,9-1,4 Altri attivi , , , ,3-13,5 di cui: derivati (1) , , , ,9-18,1 Totale attivo (1) , , , ,0-3,9 Raccolta da clientela , , , ,9-0,3 di cui: pronti contro termine , , , ,2 10,6 Raccolta da banche , , , ,3-4,8 Altre passività , , , ,0-9,9 di cui: derivati (1) , , , ,9-17,7 Capitale netto (inclusi i terzi) , , , ,8 1,2 Totale passivo (1) , , , ,0-3,9 (1) Al lordo delle operazioni di netting sui derivati (compensazione di reciproche posizioni detenute con la stessa controparte) effettuate da Credit Suisse, HSBC e Danske Bank (quest'ultima a partire dal 2012).

13 Tabella 2 - Roe In % (1) 2013 (1) (%) Credit Suisse 18,1 6,1 4,0 4,9 11,7 UBS 19,2 8,4 neg. 5,9 7,4 Primi Istituti Svizzera 18,7 7,5 neg. 5,5 9,4 Barclays 7,5 5,7 neg. 0,6 2,7 HSBC 9,7 11,8 8,7 10,7 12,6 Lloyds Banking Group neg. neg. neg. neg. 7,5 RBS neg. neg. neg. neg. 2,1 Primi Istituti UK 4,2 3,4 0,4 2,2 7,2 BNP Paribas 11,7 8,7 8,3 12,2 8,1 Crédit Agricole SA 2,8 neg. neg. 1,6 6,0 Groupe BPCE 8,3 6,3 4,4 5,7 6,1 Soc. Générale 9,2 5,3 1,6 4,9 5,5 Primi Istituti Francia 8,4 4,8 1,4 7,0 6,7 ING Group 7,4 13,1 7,8 7,8 10,5 Rabobank 7,7 6,4 4,9 6,1 5,7 Primi Istituti Olanda 7,5 9,9 6,5 7,1 8,4 Danske Bank 3,6 1,4 3,5 3,6 5,3 Nordea 12,2 11,2 12,4 12,7 11,9 Primi Istituti Nord Europa 8,9 7,1 8,7 9,0 9,2 Commerzbank 5,4 2,7 0,0 4,9 neg. Deutsche Bank 5,0 8,4 0,4 7,6 7,2 Primi Istituti Germania 5,1 6,6 0,3 6,7 4,8 BBVA 14,5 8,4 4,2 7,7 13,4 Banco Santander 12,2 7,5 3,0 4,9 6,5 Primi Istituti Spagna 13,0 7,8 3,4 5,9 9,2 Intesa Sanpaolo 5,3 neg. 3,3 5,5 1,7 UniCredit 2,1 neg. 1,4 3,6 2,7 Primi Istituti Italia 3,5 neg. 2,2 4,4 2,3 Totale 20 Istituti 7,3 3,2 1,9 5,1 6,9 Roe (1) Su base annua.

14 Tabella 3 - Conti economici 2010-giu. 2013: dettagli per istituto Milioni di euro 2010 Ricavi 2011 Ricavi 2012 margine Perdite su Costi Risultato margine Perdite su Costi Risultato Totali trading Totali trading Totali d'interesse crediti operativi netto d'interesse crediti operativi netto margine d'interesse Ricavi trading Perdite su crediti Costi operativi Risultato netto Credit Suisse , ,8 64 0, , , , , , , , , , , , ,4 UBS , , , , , , , , , , , , , , neg. Primi Istituti Svizzera , ,0 11 0, , , , , , , , , , , ,3-941 neg. Barclays , , , , , , , , , , , , , , neg. HSBC , , , , , , , , , , , , , , ,3 Lloyds Banking Group , , , ,1-375 neg , , , , neg , , , , neg. RBS , , , , neg , , , , neg , , , , neg. Primi Istituti UK , , , , , , , , , , , , , , ,0 BNP Paribas , , , , , , , , , , , , , , ,0 Crédit Agricole SA , , , , , , , , , neg , , , , neg. Groupe BPCE , , , , , , , , , , , , , , ,5 Soc. Générale , , , , , , , , , , , , , , ,4 Primi Istituti Francia , , , , , , , , , , , , , , ,9 ING Group , , , , , , , , , , , , , , ,4 Rabobank , , , , , , , , , , , , , , ,2 Primi Istituti Olanda , , , , , , , , , , , , , , ,8 Danske Bank , , , , , , , , , , , , , , ,0 Nordea , , , , , , , , , , , , , , ,2 Primi Istituti Nord Europa , , , , , , , , , , , , , , ,0 Commerzbank , , , , , , , , , , , , , ,6 6 0,1 Deutsche Bank , , , , , , , , , , , , , , ,7 Primi Istituti Germania , , , , , , , , , , , , , , ,6 BBVA , , , , , , , , , , , , , , ,3 Banco Santander , , , , , , , , , , , , , , ,2 Primi Istituti Spagna , , , , , , , , , , , , , , ,9 Intesa Sanpaolo , , , , , , , , , neg , , , , ,6 UniCredit , , , , , , , , , neg , , , , ,6 Primi Istituti Italia , , , , , ,7 25 0, , , neg , , , , ,1 Totale 20 Istituti , , , , , , , , , , , , , , ,3

15 Tabella 3 (segue) - Conti economici 2010-giu. 2013: dettagli per istituto Milioni di euro 2012 Totali margine d'interesse trading Perdite su crediti Costi operativi Risultato netto Credit Suisse , , , , , , , , , ,0 UBS , ,6 28 0, , , , , , , ,1 Primi Istituti Svizzera , , , , , , , , , ,3 Barclays , , , , , , , , , ,5 HSBC , , , , , , , , , ,5 Lloyds Banking Group , , , ,9-813 neg , , , , ,2 RBS , , , , neg , , , , ,1 Primi Istituti UK , , , , , , , , , ,2 BNP Paribas , , , , , , , , , ,0 Crédit Agricole SA , , , , , , , , , ,9 Groupe BPCE , , , , , , , , , ,5 Soc. Générale , , , , , , , , , ,8 Primi Istituti Francia , , , , , , , , , ,4 ING Group , , , , , ,7 99 1, , , ,6 Rabobank ,5-0, , , , ,1-0, , , ,8 Primi Istituti Olanda , , , , , ,3 99 0, , , ,0 Danske Bank , , , , , , , , , ,3 Nordea , , , , , , , , , ,7 Primi Istituti Nord Europa , , , , , , , , , ,9 Commerzbank , , , , , , , , ,4-51 neg. Deutsche Bank , , , , , , , , , ,4 Primi Istituti Germania , , , , , , , , , ,7 BBVA , , , , , , , , , ,5 Banco Santander , , , , , , , , , ,9 Primi Istituti Spagna , , , , , , , , , ,7 Intesa Sanpaolo , , , , , , , , , ,3 UniCredit , , , , , , , , , ,8 Primi Istituti Italia , , , , , , , , , ,2 Totale 20 Istituti , , , , , , , , , ,3 Ricavi 2013 Totali margine d'interesse Ricavi trading Perdite su crediti Costi operativi Risultato netto

16 Tabella 4 - Portafogli di debito sovrano dei Paesi GIIPS (1) Milioni di euro 30-giu giu giu-13 Titoli di stato emessi da Portogallo Irlanda Italia Grecia Spagna Totale Var.su giu 2012 Var.su giu 30-giu giu giu giu giu giu-13 Var.su giu giu giu giu-13 Var.su giu giu giu giu-13 Var.su giu giu giu giu-13 Crédit Suisse o 1,4 UBS o 1,1 Primi Istituti Svizzera o 1,3 Barclays ,2 4,4 HSBC ,1 1,7 Lloyds Banking Group o o RBS ,2 3,4 Primi Istituti UK ,1 2,4 BNP Paribas ,8 15,9 Crédit Agricole ,8 30,0 Groupe BPCE ,4 7,3 S.té Générale ,6 13,7 Primi Istituti Francia ,7 16,1 ING Group ,4 8,1 Rabobank o 0,5 Primi Istituti Olanda ,3 4,9 Danske Bank ,6 14,5 Nordea o o Primi Istituti Nord Europa ,3 5,9 Commerzbank ,0 48,3 Deutsche Bank ,2 6,3 Primi Istituti Germania ,6 19,5 BBVA ,3 78,5 Banco Santander ,0 59,8 Primi Istituti Spagna ,7 66,8 IntesaSanpaolo ,6 203,8 UniCredit ,6 76,3 Primi Istituti Italia ,8 131,5 Totale 20 Istituti ,3 27,2 Var.su giu /06/2013 In % dell'attivo In % del capitale netto (1) Si tratta dei valori di bilancio al netto di svalutazioni, inclusi gli effetti delle operazioni di copertura (cds e altri) e, per i titoli nel portafoglio di trading, al netto delle vendito allo scoperto

17 Tabella 5 - Attività di "Livello 3" Miloni di euro Attivi di "Livello 3" Incidenze % al 30 giugno 2013 Dic 2010 Dic 2011 Dic 2012 Giu 2013 Var % 2013 / 2010 Var % 2013 / 2012 Sul totale attivo ( ) Sul patrimonio Sul patrimonio di netto (1) vigilanza Sul patrimonio netto tangibile (1) Crédit Suisse ,5 3,3 1,9 60,7 56,8 73,9 UBS ,0 24,4 2,2 49,9 49,2 57,7 Primi Istituti Svizzera ,0 11,8 2,0 55,3 53,1 65,6 Barclays ,5-8,8 1,4 35,9 32,1 41,3 HSBC ,1-7,5 0,5 8,3 8,3 9,9 Lloyds Banking Group ,1 17,3 0,8 16,7 12,4 19,0 RBS ,3-9,9 0,8 13,5 13,6 16,8 Primi Istituti UK ,0-5,5 0,9 16,5 15,3 19,5 BNP Paribas ,8-1,5 1,5 29,0 31,8 33,6 Crédit Agricole S.A ,0-12,6 0,4 15,1 14,0 22,9 Groupe BPCE ,4-21,1 0,7 14,9 16,2 16,6 Soc. Générale ,8-10,8 0,5 11,7 13,8 13,4 Primi Istituti Francia ,3-8,3 0,8 19,6 21,0 23,4 ING Group ,8 0,2 0,8 16,1 19,6 20,5 Rabobank ,5-26,5 0,2 3,8 3,7 4,0 Primi Istituti Olanda ,9-4,8 0,6 10,9 12,1 12,8 Danske ,7-10,7 0,7 16,7 13,9 19,6 Nordea ,9-0,4 1,0 22,9 22,7 26,0 Primi Istituti Nord Europa ,7-4,0 0,9 20,4 18,8 23,5 Commerzbank ,0 6,7 0,5 12,8 9,3 14,5 Deutsche Bank ,1-20,4 1,6 52,4 49,9 69,6 Primi Istituti Germania ,0-18,3 1,3 40,0 34,7 50,3 BBVA ,4-0,9 0,2 2,4 2,6 2,8 Banco Santander ,2 13,7 0,1 1,8 2,0 2,7 Primi Istituti Spagna ,5 6,8 0,1 2,0 2,2 2,7 Intesa Sanpaolo ,9 8,4 0,6 8,1 10,0 11,5 UniCredit ,4-22,9 0,9 12,6 13,2 16,5 Primi Istituti Italia ,4-14,8 0,8 10,7 11,9 14,4 Totale 20 Istituti ,4-5,8 0,9 19,1 19,1 23,3 ( ) Il totale attivo è al loro del netting su derivati. (1) Inclusi gli interessi di terzi.

18 Tabella 6 - Derivati Milioni di euro Derivati attivi Derivati attivi/ totale attivo () Derivati attivi/ patrimonio netto tang. (volte) Var % 2013/2010 Var % 2013/ Var. in p.p. 2013/2010 Var. in p.p. 2013/ Var. in p.p. 2013/2010 Var. in p.p. 2013/2012 Crédit Suisse (1) HF m ,0-17,7 41,0 48,3 48,3 43,8 2,8-4,5 20,0 28,8 24,8 16,9-3,1-7,9 UBS HF m ,3-20,8 30,5 34,3 33,3 29,4-1,1-3,9 9,5 10,1 9,8 7,8-1,7-2,0 Primi Istituti Svizzera ,0-18,7 36,3 42,4 42,0 37,8 1,5-4,2 14,2 17,6 16,4 12,3-1,9-4,1 Barclays BP m ,1-14,1 28,2 34,5 31,5 26,3-1,9-5,2 7,8 9,4 9,0 7,7-0,1-1,3 HSBC (1) D m ,9-18,4 14,9 22,3 23,8 20,2 5,3-3,6 3,0 4,6 4,8 3,9 0,9-0,9 Lloyds Banking Group BP m ,4-23,2 5,1 6,8 6,1 5,0-0,1-1,1 1,2 1,6 1,5 1,1-0,1-0,4 RBS BP m ,5-15,4 29,4 35,2 33,7 30,7 1,3-3,0 6,8 8,7 7,8 6,7-0,1-1,1 Primi Istituti UK ,2-16,3 20,5 26,3 25,2 21,8 1,3-3,4 4,8 6,2 5,9 4,9 0,1-1,0 BNP Paribas ,3-16,6 17,7 23,5 22,3 19,0 1,3-3,3 4,9 6,4 5,3 4,4-0,5-0,9 Crédit Agricole S.A ,5-22,0 16,4 22,2 25,0 20,1 3,7-4,9 8,3 12,8 15,7 11,9 3,6-3,8 Groupe BPCE ,6 1,0 8,4 10,8 5,7 5,7-2,7 0,0 2,0 2,8 1,3 1,3-0,7 0,0 Soc. Générale ,3-13,9 17,6 21,5 18,7 16,1-1,5-2,6 4,7 6,4 5,0 4,3-0,4-0,7 Primi Istituti Francia ,8-17,2 15,6 20,3 19,3 16,2 0,6-3,1 4,8 6,6 5,8 4,7-0,1-1,1 ING Group ,4 0,5 4,4 6,0 6,0 6,1 1,7 0,1 1,7 2,1 1,6 1,6-0,1 0,0 Rabobank ,7-27,0 6,7 8,1 8,7 6,8 0,1-1,9 1,2 1,4 1,6 1,2 0,0-0,4 Primi Istituti Olanda ,6-12,9 5,2 6,7 7,0 6,4 1,2-0,6 1,4 1,7 1,6 1,4 0,0-0,2 Danske Bank (1) ,1-29,8 10,4 16,2 18,8 14,2 3,8-4,6 4,1 5,3 6,1 4,1 0,0-2,0 Nordea ,5-33,6 16,7 24,0 17,5 12,7-4,0-4,8 4,5 7,5 4,8 3,2-1,3-1,6 Primi Istituti Nord Europa ,9-31,9 14,0 20,9 18,1 13,3-0,7-4,8 4,4 6,7 5,3 3,6-0,8-1,7 Commerzbank ,4-24,9 17,1 19,5 17,7 13,3-3,8-4,4 5,0 5,9 4,8 3,6-1,4-1,2 Deutsche Bank ,3-17,2 34,5 39,7 38,0 33,3-1,2-4,7 18,9 22,1 19,2 14,6-4,3-4,6 Primi Istituti Germania ,4-18,2 29,6 35,0 33,1 28,3-1,3-4,8 13,0 16,3 13,9 10,8-2,2-3,1 BBVA ,3-17,3 6,7 8,7 8,8 7,5 0,8-1,3 1,2 1,6 1,5 1,1-0,1-0,4 Banco Santander ,8-16,6 6,7 9,0 9,4 8,2 1,5-1,2 1,5 2,1 2,2 1,8 0,3-0,4 Primi Istituti Spagna ,4-16,8 6,7 8,9 9,2 8,0 1,3-1,2 1,4 1,9 1,9 1,5 0,1-0,4 Intesa Sanpaolo ,2-21,6 7,0 8,1 8,4 6,9-0,1-1,5 1,6 1,6 1,6 1,3-0,3-0,3 UniCredit ,8-27,1 9,3 12,7 10,7 8,2-1,1-2,5 2,0 3,0 2,0 1,5-0,5-0,5 Primi Istituti Italia ,7-25,1 8,3 10,8 9,8 7,6-0,7-2,2 1,9 2,4 1,8 1,4-0,5-0,4 Totale 20 Istituti (1) ,5-18,1 18,6 23,5 22,2 18,9 0,3-3,3 5,2 6,7 5,9 4,8-0,4-1,1 (1) Al lordo delle operazioni di netting sui derivati (compensazione di reciproche posizioni detenute con la stessa controparte), per Danske Bank a partire dal 2012.

19 Tabella 7 - La leva giu Totale attivo tangibile (1) Patrimonio netto tangibile (inclusi i terzi) Totale attivo tangibile / Patrimonio netto tangibile Totale attivo tangibile (1) Patrimonio netto tangibile (inclusi i terzi) Totale attivo tangibile / Patrimonio netto tangibile Totale attivo tangibile (1) Patrimonio netto tangibile (inclusi i terzi) Totale attivo tangibile / Patrimonio netto tangibile Totale attivo tangibile (1) Patrimonio netto tangibile (inclusi i terzi) Totale attivo tangibile / Patrimonio netto tangibile (a) (b) (a/b) (a) (b) (a/b) (a) (b) (a/b) (a) (b) (a/b) Credit Suisse , , , ,4 UBS , , , ,5 Primi Istituti Svizzera , , , ,3 Barclays , , , ,2 HSBC , , , ,0 Lloyds Banking Group , , , ,6 RBS , , , ,6 Primi Istituti UK , , , ,3 BNP Paribas , , , ,8 Crédit Agricole SA , , , ,9 Groupe BPCE , , , ,9 Soc. Générale , , , ,9 Primi Istituti Francia , , , ,0 ING Group , , , ,6 Rabobank , , , ,1 Primi Istituti Olanda , , , ,1 Nordea , , , ,2 Danske Bank , , , ,9 Primi Istituti Nord Europa , , , ,7 Commerzbank , , , ,1 Deutsche Bank , , , ,6 Primi Istituti Germania , , , ,8 BBVA , , , ,5 Banco Santander , , , ,0 Primi Istituti Spagna , , , ,7 Intesa Sanpaolo , , , ,0 UniCredit , , , ,6 Primi Istituti Italia , , , ,8 Totale 20 Istituti , , , ,0 (1) Per Credit Suisse, HSBC e Danske Bank (per quest'ultima a partire dal 2012) il totale attivo è esposto al lordo del netting su derivati.

20 Tabella 8 - Crediti dubbi (1) Milioni di euro Var % Var % Crediti dubbi lordi (a) Accantonamenti (2) (b) Crediti dubbi netti (a - b) 2013/ / Var % 2013/ Tasso di copertura (b /a) Var (p.p.) 2013/2012 Crédit Suisse , , ,1 54,6 53,0 53,3 53,8 0,5 UBS , , ,5 26,1 34,2 43,0 51,5 8,5 Primi Istituti Svizzera , , ,1 34,5 42,3 48,2 52,8 4,6 Barclays , , ,5 38,9 49,5 52,0 48,2-3,8 HSBC , , ,4 38,6 37,4 35,1 34,3-0,8 Lloyds Banking Group , , ,4 45,9 46,0 47,0 49,9 2,9 RBS , , ,8 47,0 48,5 51,6 51,5-0,1 Primi Istituti UK , , ,6 43,3 45,4 46,5 46,6 0,1 BNP Paribas , , ,3 63,4 64,0 62,5 60,5-2,0 Crédit Agricole S.A , , ,8 63,6 68,1 73,4 72,4-1,0 Groupe BPCE , , ,0 56,2 55,2 53,0 53,2 0,2 S.té Générale , , ,8 55,7 58,1 56,3 64,1 7,8 Primi Istituti Francia , , ,7 60,3 61,9 60,7 61,7 1,0 ING Group , , ,0 37,5 36,9 36,7 36,0-0,7 Rabobank , , ,3 34,5 32,4 34,3 32,7-1,6 Primi Istituti Olanda , , ,9 36,4 35,0 35,7 34,6-1,1 Danske Bank (3) , , ,6 38,5 42,0 39,4 39,8 0,4 Nordea , , ,8 51,9 45,1 41,0 42,5 1,5 Primi Istituti Nord Europa , , ,1 41,9 42,8 39,9 40,7 0,8 Commerzbank , , ,6 42,0 40,2 40,4 40,1-0,3 Deutsche Bank , , ,7 45,5 44,1 45,4 54,1 8,7 Primi Istituti Germania , , ,0 42,9 41,4 42,2 44,9 2,7 BBVA (4) , , ,5 61,2 60,1 71,4 66,9-4,5 Banco Santander (4) , , ,4 72,7 61,4 72,4 66,4-6,0 Primi Istituti Spagna , , ,7 68,7 61,0 72,0 66,5-5,5 IntesaSanpaolo , , ,2 49,9 53,2 47,8 48,7 0,9 UniCredit , , ,6 49,0 48,6 48,3 47,3-1,0 Primi Istituti Italia , , ,4 49,3 50,3 48,1 47,9-0,2 Totale 20 Istituti , , ,3 49,7 50,7 51,4 51,4 0,0 (1) Considerando la mancata indicazione, nei conti semestrali, delle posizioni scadute da oltre 90 gg ma non svalutate (si tratta dei cd. non-impaired loans past due more than 90 days), le stesse sono state escluse, per omegeneità di confronto, anche per il periodo (2) Inclusa la riserva generica sui crediti in bonis. (3) Nel giugno 2013 relativo alle sole attività core. (4) Considerando i crediti ristrutturati non inclusi tra i crediti dubbi ma contabilizzati nelle categorie in bonis e substandard, l'indice di copertura al 30 giugno 2013 si attesterebbe, rispettivamente, al 38,1% per Santander e al 37% per BBVA.

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli