RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi"

Transcript

1 RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

2

3 Monitoraggio della biodiversità animale in ambiente alpino

4 Monitoraggio Biodiversità Obiettivi 1. Descrivere la biodiversità animale lungo il gradiente altitudinale e analizzare l importanza dei parametri micro-climatici e ambientali nella distribuzione delle diverse specie e gruppi 2. Individuare le specie o gruppi più sensibili ai cambiamenti, che possono essere usati come indicatori di biodiversità e identificare anche le aree le più vulnerabili 3. Analizzare gli effetti dei parametri climatici e ambientali sulla composizione della comunità mediante applicazione di scenari di cambiamento climatico 4. Porre le basi per un monitoraggio a lungo termine della biodiversità animale in ambiente alpino

5 Alcuni prati lungo i versanti meridionali delle Dolomiti Bellunesi sono tra gli ambienti di maggiore biodiversità e valore naturalistico del Parco. Habitat Natura 2000 popolati da specie di Direttiva quali gli uccelli Crex crex, Lanius collurio, Pernis apivorus, le farfalle Euphydryas aurinia, Lopinga achine, Maculinea arion e Parnassius apollo Questi prati, regolarmente utilizzati fino agli anni '60-'70 del secolo scorso per produrre fieno, sono stati abbandonati a causa della difficile accessibilità

6 Arbusti e alberi ricolonizzano le praterie abbandonate ad una velocità di circa 1 m/anno. L infeltrimento del cotico erboso induce modifiche nella composizione floristica, con perdita di biodiverità.

7 Negli ultimi anni il Parco ha avviato interventi di recupero di queste praterie Gli interventi si effettuano in estate-autunno, in conformità alle vigenti misure di conservazione previste dalla normativa e dal Piano di Gestione della ZPS IT Dolomiti feltrine e bellunesi, che prevedono interventi di gestione attiva mediante sfalcio tardivo.

8 Località interessate pendici meridionali delle Vette di Feltre ( m s.l.m.) in totale circa 15 ha Le Camogne (Comune di Pedavena) Monte Grave (Comune di Feltre) Frassen (Comune di Cesiomaggiore) La Santina (Comune di Cesiomaggiore) Col dei Mich (Comune di Sovramonte) Pian d Avena (Comune di Pedavena) ulteriori 5 ha posti a quote più basse e con migliore accessibilità.

9 Habitat Natura 2000 interessati 6210 Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato calcareo (Festuco-Brometalia) Praterie magre termofile dei Festuco-Brometea. La diffusa presenza di specie orientali, in collegamento con tutto il margine delle Prealpi calcaree venete, fa ascrivere queste formazioni alle praterie a gravitazione illirica.

10 Inquadramento cartografico aree sfalciate 2013 base cartografica: cartografia degli Habitat Natura 2000 della ZPS IT Località: Camogne (Comune di Pedavena) Habitat Natura 2000 interessati: 38=cod.6210

11 Habitat Natura 2000 interessati 6510 Praterie magre da fieno a bassa altitudine Prati da sfalcio assai diffusi nei fondovalle collinari. Sono riferibili all associazione Centaureo carniolicae-arrhenatherum elatioris, allenza Arrhenatherion elatioris (Molinio-Arrhenatheretea elatioris). Presenti, oltre agli aspetti tipici, anche situazioni più magre con Avenula pubescens

12 Habitat Natura 2000 interessati 7230 Torbiere basse alcaline Habitat molto importante per il territorio del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi in ragione anche della limitata presenza di ambienti umidi nell area protetta. Le uniche aree individuate con questo codice sono localizzate a Pian d Avena, Pramper e Palughet.

13 FASI DI INTERVENTO Sfalcio realizzato con decespugliatore a spalla con lama o filo in relazione alla durezza degli steli e dei cespi

14

15 Raccolta manuale del fieno su tutta la superficie e formazione di covoni con palo centrale (méde)

16

17 Taglio e asporto arbusti isolati e lungo il bordo delle praterie.

18

19

20

21

22 Studio e monitoraggio habitat e flora L azione è connessa e strettamente coordinata con l azione di ripristino e mantenimento degli habitat di praterie e complementare all azione di sistema di monitoraggio della biodiversità coordinata dal PNGP Una parte dei plot dei transetti altitudinali del progetto di monitoraggio della biodiversità sono stati fatti ricadere nelle aree interessate dal progetto di recupero delle praterie

23

24 Studio e monitoraggio habitat e flora permette di studiare l evoluzione nel tempo della vegetazione e di valutare l efficacia degli interventi di sfalcio finalizzati alla conservazione della biodiversità.

25 Studio e monitoraggio habitat e flora 2010: avvio monitoraggi fitosociologici sulle aree sfalciate del Monte Grave (Feltre) e delle Camogne (Pedavena).

26 2011: ripetizione dei rilievi dopo il primo intervento di sfalcio. 2013: in concomitanza con il monitoraggio della componente vegetazionale, prevista dal protocollo, sono stati ripetuti i rilievi floristici nelle aree interessate dagli sfalci nelle precedenti stagioni, alcune delle quali ricadono nei plot dei due transetti individuati.

27 Considerazioni conclusive Notevole miglioramento della composizione floristica: es: Gladiolus palustris, Inula hirta, Cirsium pannonicum, Danthonia decumbes (praterie magre acidofile). Ripristino più difficile nella zona del Pian (Molinia, Veratrum album e Asphodelus albus); si sono però osservati, seppur non abbondanti, Narcissus radiiflorus e Muscari botryoides. Recupero più lento suoli più potenti e maggiore sviluppo di Laserpitium latifolium e Asphodelus albus che limitano l ingresso di altre specie, soprattutto quelle di prato magro. Segnalate significative presenze faunistiche falco pecchiaiolo, averla piccola, zigolo giallo, quaglia, saltimpalo, lepidotteri di Direttiva (Maculinea arion, Euphydryas aurinia).

28

29 Indicazioni gestionali Priorità assoluta alle aree con presenza di Gladiolus palustris. Taglio localmente anticipato (prima della fruttificazione) per contenere Veratro e Asfodelo Sfalcio ogni 2 anni ma più frequente (ogni anno) per abbassare i cespi di Molinia Eliminazione ricacci di nocciolo Raccogliere il foraggio tagliato

30

31

32 Conclusioni Gli interventi realizzati hanno un effetto importante per la conservazione della biodiversità, sia sulla componente floristica, sia su quella faunistica. Le aree falciate sono molto ben visibili anche da grande distanza e molte sono le persone che hanno chiesto al personale dell Ente Parco che tipo di intervento si stesse realizzando e a quale scopo. Gli interventi sono stati l occasione per poter ricordare alla cittadinanza residente nei Comuni del Parco l importanza del mantenimento dello sfalcio.

33 GRAZIE Sebastian Munster

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

NEWSLETTER N. 3 a cura di Katia Gioscio e Donato Sileo

NEWSLETTER N. 3 a cura di Katia Gioscio e Donato Sileo Benvenuti a questa terza Newsletter del Progetto LIFE+ RI.CO.PR.I.!!! In questo numero: Capranica Prenestina: convegno sulle attività del progetto.p. 2 Pietrapertosa: secondo incontro ufficiale con gli

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali

Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali abieteto calcicolo con faggio aceri-frassineto faggeta altimontana faggeta con carpino nero

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Natura 2000 PIANO DI GESTIONE DEL SITO NATURA 2000 SIC/ZPS IT3230083 DOLOMITI FELTRINE E BELLUNESI. II faseii

Natura 2000 PIANO DI GESTIONE DEL SITO NATURA 2000 SIC/ZPS IT3230083 DOLOMITI FELTRINE E BELLUNESI. II faseii Natura 2000 PIANO DI GESTIONE DEL SITO NATURA 2000 SIC/ZPS IT3230083 DOLOMITI FELTRINE E BELLUNESI II faseii Indice 1. Premessa...3 1.1 Istituzione e regime del sito...3 1.2 Inquadramento biogeografico...6

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo EBONE Rete di osservazione della biodiversità in Europa Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo 2010 International Year of Biodiversity FP7 Progetto di Collaborazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA OBIETTIVO DEL PRESENTE INTERVENTO È UNA RIFLESSIONE SULLE STRATEGIE ED AZIONI SVOLTE E DA PIANIFICARE NELLA REGIONE PUGLIA IN TEMA DI GESTIONE DELLA RETE NATURA

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000247 Beneficiario coordinatore: Associazione Agraria di Civitavecchia Viale Guido Baccelli 35 00053 Civitavecchia Tel.: (+39) 0766.20340 Responsabile del progetto:

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

VEGLIA, DEVERO E FORMAZZA: PIANIFICAZIONE GESTIONALE, RIQUALIFICAZIONE E DIVULGAZIONE AMBIENTALE NELLE ZPS DELL ALTA VAL D OSSSOLA

VEGLIA, DEVERO E FORMAZZA: PIANIFICAZIONE GESTIONALE, RIQUALIFICAZIONE E DIVULGAZIONE AMBIENTALE NELLE ZPS DELL ALTA VAL D OSSSOLA VEGLIA, DEVERO E FORMAZZA: PIANIFICAZIONE GESTIONALE, RIQUALIFICAZIONE E DIVULGAZIONE AMBIENTALE NELLE ZPS DELL ALTA VAL D OSSSOLA DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO I. SINTESI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione Misura 323 Sottomisura 2 del P.S.R. 2007-2013 Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Problematiche generali e prime indicazioni David Bianco - Luglio 2012 Presentazione Documento preliminare

Dettagli

L Alpeggio nell Altopiano dei Sette Comuni: azioni gestionali a difesa delle produzioni

L Alpeggio nell Altopiano dei Sette Comuni: azioni gestionali a difesa delle produzioni L Alpeggio nell Altopiano dei Sette Comuni: azioni gestionali a difesa delle produzioni Gianbattista Rigoni Stern Fonte Cerreto- L Aquila 10 ottobre 2012 Uso del suolo nell'altopiano dei Sette Comuni 11,40%

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA SETTORE SOCIO-CULTURALE BENI AMBIENTALI E PATRIMONIALI MOBILITA' VICENZA - Contrà Gazzolle n. 1 Tel. 0444/908323 Fax 0444/908538 - Partita I.V.A.: 496080243 - Codice Fiscale: 0496080243

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE

A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE PIANI DI GESTIONE DI 7 SIC E 6 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE PREMESSA La Regione Toscana, con la legge

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Piano d'azione della per la biodiversità Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Descrizione Gli habitat rocciosi a causa dell'acclività, di elementi e fattori climatici proibitivi,

Dettagli

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati Anagrafica n. ID 928 n. Prot. 11826 Data prot. 27/12/2013 Soggetto proponente Pubblico Mittente Comune di Spinazzola Comune Informazioni catastali Elaborato/i di piano osservati 6 - Sistema delle tutele:

Dettagli

INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per

INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per la scelta del piano di gestione... 6 1.3. Struttura del

Dettagli

RELAZIONE VEGETAZIONALE

RELAZIONE VEGETAZIONALE COMUNE DI GARESSIO Committente: Simic s.p.a. Camerana (CN) via Vittorio Veneto P.iva 02121640045 Costruzione ed esercizio di un impianto eolico in località Bric Meriano, Garessio ( CN) RELAZIONE VEGETAZIONALE

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

AZIONE A5 Definizione di "linee guida provinciali" per l attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura 2000

AZIONE A5 Definizione di linee guida provinciali per l attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura 2000 -LIFE11/NAT/IT000187 T.E.N.- AZIONE A5 Definizione di "linee guida provinciali" per l attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura 2000 A cura di: MUSE - Museo delle Scienze, Sezione

Dettagli

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING 14 maggio 2013 REPORT DRY GRASSLAND MEETING Roma 14 maggio 2013 Nell ambito della Azione E.9 Networking con beneficiary di altri progetti è stato organizzato, dalla

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE11 NAT/IT/000252 Beneficiario coordinatore: Corpo Forestale dello Stato Ufficio Biodiversità Project manager: Franco Mason E-mail: franco.mason.cnbfvr@gmail.com Sito web:

Dettagli

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000.

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO Vista la direttiva n. 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979, concernente

Dettagli

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La gestione Rete Natura 2000 in Liguria Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La Rete Natura 2000 in Liguria 1 r. b. alpina (14 siti

Dettagli

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co.

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co. La gestione delle aree prative È stato redatto un Piano di Gestione agro-silvo-pastorale, coerente con le esigenze di tutela delle specie di uccelli e degli habitat di interesse comunitario, basato sui

Dettagli

Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo Alpi Ledrensi

Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo Alpi Ledrensi Life+ TEN (LIFE/NAT/IT/00187) Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo Alpi Ledrensi Ledro, marzo 2014 PAN Studio Associato 38057

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Manuale Utente Ver. 1.0 Il portale del SIC dei Monti della Maddalena - Comunità Montana Vallo di Diano

Manuale Utente Ver. 1.0 Il portale del SIC dei Monti della Maddalena - Comunità Montana Vallo di Diano Manuale Utente Ver. 1.0 Il portale del SIC dei Monti della Maddalena - Comunità Montana Vallo di Diano 1 CONTENUTI DEL PORTALE IL SIC DEI MONTI DELLA MADDALENA... 2 1.1 Home page... 2 1.2 Esplora il progetto...

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Giuseppe Oriolo. Foto M. Cassol

Giuseppe Oriolo. Foto M. Cassol Relazione tecnica sulla metodologia e il primo anno di rilevamento relativo ai monitoraggio e all analisi dell impatto dei cambiamenti climatici sulla biodiversità nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane

Dettagli

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale NEWSLETTER O1 maggio 2010 in questo numero: 1. development with nature : gli obiettivi del progetto NATREG 2. verso una strategia transnazionale per la conservazione attiva delle aree protette 3. NATREG

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Progetto n. 16: ZOOTECNIA E PREVENZIONE INCENDI

Progetto n. 16: ZOOTECNIA E PREVENZIONE INCENDI Università di Camerino Dipartimento di Scienze Ambientali Sezione di Botanica ed Ecologia Progetto n. 16: ZOOTECNIA E PREVENZIONE INCENDI Sintesi dei risultati annuali (2 anno di sperimentazione) Bando

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO L'ANPIL del Monteferrato è gestita in maniera unitaria mediante una convenzione del 4.5.2000

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS INTRODUZIONE: finalità e contenuti del documento 1. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1.1 L iter amministrativo-decisionale

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) IT3240024 DORSALE PREALPINA TRA VALDOBBIADENE E SERRAVALLE

REGIONE DEL VENETO PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) IT3240024 DORSALE PREALPINA TRA VALDOBBIADENE E SERRAVALLE REGIONE DEL VENETO PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) IT3240024 DORSALE PREALPINA TRA VALDOBBIADENE E SERRAVALLE DOCUMENTO PER LE CONSULTAZIONE Il Gruppo di lavoro è composto dai

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

8 MISURE SPECIFICHE DI CONSERVAZIONE

8 MISURE SPECIFICHE DI CONSERVAZIONE 8 MISU SPECIFICHE DI CONSERVAZIONE Le Misure Specifiche di Conservazione (MSC) contenute nel presente documento sono coerenti con: - le misure di conservazione per le Zone speciali di conservazione (ZSC)

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

A Scuola nel Parco. Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A.S. 2006-2007 e 2007-2008 DISCIPLINARE TECNICO

A Scuola nel Parco. Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A.S. 2006-2007 e 2007-2008 DISCIPLINARE TECNICO A Scuola nel Parco Educazione Ambientale nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi A.S. 2006-2007 e 2007-2008 DISCIPLINARE TECNICO Il Parco Quello delle Dolomiti Bellunesi è l unico Parco Nazionale del Veneto.

Dettagli

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE RELAZIONE GENERALE (Periodo di validità 2013-2027) Data: aprile 2010 Agg.: marzo 2011 aprile 2012 Parco delle Orobie Valtellinesi Il coordinatore del gruppo di lavoro (Sonia

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI

LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DEI SISTEMI NATURALI Allegato 1 ORGANIZZAZIONE GENERALE: Ai sensi del vigente ordinamento, le attività formative che dovranno essere acquisite dagli studenti sono distinte

Dettagli

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli)

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli) COMUNE di QUARTO (Provincia di Napoli) LAVORI DI POTATURA ALBERI, MANUTENZIONE ORDINARIA DI AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATE, PLESSI SCOLASTICI, CIGLI STRADALI ED AREE SPARTITRAFFICO ALLEGATO 1 PRESTAZIONE

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Ente Parco Nazionale del Circeo Schema di Piano del Parco Dicembre 2010

Ente Parco Nazionale del Circeo Schema di Piano del Parco Dicembre 2010 II. ANALISI A. IL SISTEMA ABIOTICO E BIOTICO 1. INQUADRAMENTO Il territorio del Parco Nazionale del Circeo è stato oggetto, dagli anni 80 in poi, di una lunga ed approfondita serie di studi che hanno contribuito

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE NORME DI ATTUAZIONE I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE LA RETE ECOLOGICA...2 Definizioni: la rete ecologica...2 La rete ecologica di livello provinciale...2 Cartografia...3 Finalità e obiettivi...3

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE REALIZZAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE DI 13 SIR DELLA PROVINCIA DI SIENA. SIR 89 Montagnola senese SIR 90 Crete di Camposodo e Crete di Leonina SIR 91 Monte Oliveto Maggiore e Crete di Asciano SIR 92 Alta

Dettagli

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Descrizione degli studi di fattibilità di quattro aree significative Giugno 2011 Aree interessate

Dettagli

RISERVA NATURALE STATALE TRESERO DOSSO DEL VALLON PIANO DI GESTIONE 2013-2022

RISERVA NATURALE STATALE TRESERO DOSSO DEL VALLON PIANO DI GESTIONE 2013-2022 RISERVA NATURALE STATALE TRESERO DOSSO DEL VALLON PIANO DI GESTIONE 2013-2022 Piano di gestione della Riserva Naturale Statale Tresero Dosso del Vallon 2013-2022 Ente gestore: Parco Nazionale dello Stelvio

Dettagli

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 IL IL PROGETTO PROGETTO LIFE+ LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 AZIONI AZIONI DI DI CONSERVAZIONE, CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEGLI DEGLI HABITAT HABITAT EE DELLE DELLE SPECIE SPECIE EE SALVAGUARDIA

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi

Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi La vita nelle Alpi : non poteva che iniziare con una parte dedicata all uomo e alle prospettive di sviluppo della società alpina il secondo

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura

Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura Opportunità e problematiche dei siti Natura 2000 in aree agricole Barbara Calaciura Seminario Agenzie Regionali di Protezione dell Ambiente (ARPA-APPA) 3-5 ottobre 2012 Sala Conferenze ISPRA - Roma Agricoltura

Dettagli

CORSI PROFESSIONALI- DIDATTICA- DIVULGAZIONE NATURALISTICA

CORSI PROFESSIONALI- DIDATTICA- DIVULGAZIONE NATURALISTICA CORSI PROFESSIONALI- DIDATTICA- DIVULGAZIONE NATURALISTICA La NEMO srl organizza e tiene docenze, tramite i propri soci e collaboratori, in corsi di formazione per figure professionali e per amministratori

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme Tesero, 27 novembre 2014 Dott. Franco Rizzolli (MUSE) Dott. Angela

Dettagli

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI AREA: 4 DENOMINAZIONE: AMAZAS 2 (CARTA 6) DESCRIZIONE: La S.S. 24 separa una pineta di pino silvestre a monte da una fascia di arbusteto montano a valle entro cui scorre la Dora Riparia. Sopra la pineta,

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto e l impiego dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 3 Tutela della biodiversità in aree protette e rete Natura

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI PER LA SALVAGUARDIA DELLA VAUDA

COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI PER LA SALVAGUARDIA DELLA VAUDA COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI PER LA SALVAGUARDIA DELLA VAUDA c/o Pro Natura Piemonte v. Pastrengo 13 10128 Torino Tel. 0115096618 Fax 011503155 - Email: torino@pro-natura.it Osservazioni al progetto: Bonifica

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

Assessorato Ambiente. S e r v i z i o C o n s e r v a z i o n e d e l l a n a t u r a e V I A. Provincia di Campobasso

Assessorato Ambiente. S e r v i z i o C o n s e r v a z i o n e d e l l a n a t u r a e V I A. Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE Assessorato Ambiente S e r v i z i o C o n s e r v a z i o n e d e l l a n a t u r a e V I A COMUNE DI JELSI Provincia di Campobasso PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI PER L EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBLITA

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

Progetto Life+T.E.N. Trentino Ecological Network - LIFE11/NAT/IT/000187 "T.E.N." -

Progetto Life+T.E.N. Trentino Ecological Network - LIFE11/NAT/IT/000187 T.E.N. - Progetto Life+T.E.N. Trentino Ecological Network - LIFE11/NAT/IT/000187 "T.E.N." - AZIONE A5 Definizione di "linee guida provinciali" per l'attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura

Dettagli

COMUNE DI PAULARO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI.

COMUNE DI PAULARO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI. COMUNE DI PAULARO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 29/06/2007 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 28/05/2009 REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLO SFALCIO DEI PRATI.

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Aggiornamento ad ottobre 2005

Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi. Aggiornamento ad ottobre 2005 Dichiarazione Ambientale del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Aggiornamento ad ottobre 2005 Nella presente relazione vengono apportati gli aggiornamenti alla Dichiarazione ambientale del Parco Nazionale

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Servizio Scientifico Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Servizio Scientifico Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga RELAZIONE SCHEDE ANNO 2013 SERVIZIO SCIENTIFICO (SERS) *************** Le schede riportate di seguito, elaborate nell ambito del Piano della performance, contengono, in sintesi, i principali obiettivi

Dettagli

Progetto GRASTEPP AZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA IN DUE AREE PROTETTE DELLA REGIONE PUGLIA

Progetto GRASTEPP AZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA IN DUE AREE PROTETTE DELLA REGIONE PUGLIA Comune di Laterza Provincia di Taranto I.N.F.S. Comune di Gravina in Puglia Progetto GRASTEPP AZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA IN DUE AREE PROTETTE DELLA REGIONE PUGLIA Delibera Cipe 19/2004

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

GIORNATA ROMANA DI ORNITOLOGIA Metodi, strumenti e approcci nell ornitologia di base e applicata Roma, Università degli studi Roma Tre, viale

GIORNATA ROMANA DI ORNITOLOGIA Metodi, strumenti e approcci nell ornitologia di base e applicata Roma, Università degli studi Roma Tre, viale GIORNATA ROMANA DI ORNITOLOGIA Metodi, strumenti e approcci nell ornitologia di base e applicata Roma, Università degli studi Roma Tre, viale Marconi, 446 24 novembre 2012 S.R.O.P.U. 1 Metodi, modelli

Dettagli

Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013, Asse 4 Leader Organismo responsabile dell'informazione: GAL

Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013, Asse 4 Leader Organismo responsabile dell'informazione: GAL Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013, Asse 4 Leader Organismo responsabile dell'informazione: GAL Baldo-Lessinia Autorità di Gestione: Regione Veneto - Sezione

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001)

PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001) Allegato A alla deliberazione di consiglio provinciale n. 53 del 19.07.2006 PIANO DI GESTIONE DEL SIC LA CALVANA (IT5150001) RELAZIONE PRELIMINARE D INDIRIZZO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 LE COMPETENZE

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli