RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi"

Transcript

1 RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

2

3 Monitoraggio della biodiversità animale in ambiente alpino

4 Monitoraggio Biodiversità Obiettivi 1. Descrivere la biodiversità animale lungo il gradiente altitudinale e analizzare l importanza dei parametri micro-climatici e ambientali nella distribuzione delle diverse specie e gruppi 2. Individuare le specie o gruppi più sensibili ai cambiamenti, che possono essere usati come indicatori di biodiversità e identificare anche le aree le più vulnerabili 3. Analizzare gli effetti dei parametri climatici e ambientali sulla composizione della comunità mediante applicazione di scenari di cambiamento climatico 4. Porre le basi per un monitoraggio a lungo termine della biodiversità animale in ambiente alpino

5 Alcuni prati lungo i versanti meridionali delle Dolomiti Bellunesi sono tra gli ambienti di maggiore biodiversità e valore naturalistico del Parco. Habitat Natura 2000 popolati da specie di Direttiva quali gli uccelli Crex crex, Lanius collurio, Pernis apivorus, le farfalle Euphydryas aurinia, Lopinga achine, Maculinea arion e Parnassius apollo Questi prati, regolarmente utilizzati fino agli anni '60-'70 del secolo scorso per produrre fieno, sono stati abbandonati a causa della difficile accessibilità

6 Arbusti e alberi ricolonizzano le praterie abbandonate ad una velocità di circa 1 m/anno. L infeltrimento del cotico erboso induce modifiche nella composizione floristica, con perdita di biodiverità.

7 Negli ultimi anni il Parco ha avviato interventi di recupero di queste praterie Gli interventi si effettuano in estate-autunno, in conformità alle vigenti misure di conservazione previste dalla normativa e dal Piano di Gestione della ZPS IT Dolomiti feltrine e bellunesi, che prevedono interventi di gestione attiva mediante sfalcio tardivo.

8 Località interessate pendici meridionali delle Vette di Feltre ( m s.l.m.) in totale circa 15 ha Le Camogne (Comune di Pedavena) Monte Grave (Comune di Feltre) Frassen (Comune di Cesiomaggiore) La Santina (Comune di Cesiomaggiore) Col dei Mich (Comune di Sovramonte) Pian d Avena (Comune di Pedavena) ulteriori 5 ha posti a quote più basse e con migliore accessibilità.

9 Habitat Natura 2000 interessati 6210 Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato calcareo (Festuco-Brometalia) Praterie magre termofile dei Festuco-Brometea. La diffusa presenza di specie orientali, in collegamento con tutto il margine delle Prealpi calcaree venete, fa ascrivere queste formazioni alle praterie a gravitazione illirica.

10 Inquadramento cartografico aree sfalciate 2013 base cartografica: cartografia degli Habitat Natura 2000 della ZPS IT Località: Camogne (Comune di Pedavena) Habitat Natura 2000 interessati: 38=cod.6210

11 Habitat Natura 2000 interessati 6510 Praterie magre da fieno a bassa altitudine Prati da sfalcio assai diffusi nei fondovalle collinari. Sono riferibili all associazione Centaureo carniolicae-arrhenatherum elatioris, allenza Arrhenatherion elatioris (Molinio-Arrhenatheretea elatioris). Presenti, oltre agli aspetti tipici, anche situazioni più magre con Avenula pubescens

12 Habitat Natura 2000 interessati 7230 Torbiere basse alcaline Habitat molto importante per il territorio del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi in ragione anche della limitata presenza di ambienti umidi nell area protetta. Le uniche aree individuate con questo codice sono localizzate a Pian d Avena, Pramper e Palughet.

13 FASI DI INTERVENTO Sfalcio realizzato con decespugliatore a spalla con lama o filo in relazione alla durezza degli steli e dei cespi

14

15 Raccolta manuale del fieno su tutta la superficie e formazione di covoni con palo centrale (méde)

16

17 Taglio e asporto arbusti isolati e lungo il bordo delle praterie.

18

19

20

21

22 Studio e monitoraggio habitat e flora L azione è connessa e strettamente coordinata con l azione di ripristino e mantenimento degli habitat di praterie e complementare all azione di sistema di monitoraggio della biodiversità coordinata dal PNGP Una parte dei plot dei transetti altitudinali del progetto di monitoraggio della biodiversità sono stati fatti ricadere nelle aree interessate dal progetto di recupero delle praterie

23

24 Studio e monitoraggio habitat e flora permette di studiare l evoluzione nel tempo della vegetazione e di valutare l efficacia degli interventi di sfalcio finalizzati alla conservazione della biodiversità.

25 Studio e monitoraggio habitat e flora 2010: avvio monitoraggi fitosociologici sulle aree sfalciate del Monte Grave (Feltre) e delle Camogne (Pedavena).

26 2011: ripetizione dei rilievi dopo il primo intervento di sfalcio. 2013: in concomitanza con il monitoraggio della componente vegetazionale, prevista dal protocollo, sono stati ripetuti i rilievi floristici nelle aree interessate dagli sfalci nelle precedenti stagioni, alcune delle quali ricadono nei plot dei due transetti individuati.

27 Considerazioni conclusive Notevole miglioramento della composizione floristica: es: Gladiolus palustris, Inula hirta, Cirsium pannonicum, Danthonia decumbes (praterie magre acidofile). Ripristino più difficile nella zona del Pian (Molinia, Veratrum album e Asphodelus albus); si sono però osservati, seppur non abbondanti, Narcissus radiiflorus e Muscari botryoides. Recupero più lento suoli più potenti e maggiore sviluppo di Laserpitium latifolium e Asphodelus albus che limitano l ingresso di altre specie, soprattutto quelle di prato magro. Segnalate significative presenze faunistiche falco pecchiaiolo, averla piccola, zigolo giallo, quaglia, saltimpalo, lepidotteri di Direttiva (Maculinea arion, Euphydryas aurinia).

28

29 Indicazioni gestionali Priorità assoluta alle aree con presenza di Gladiolus palustris. Taglio localmente anticipato (prima della fruttificazione) per contenere Veratro e Asfodelo Sfalcio ogni 2 anni ma più frequente (ogni anno) per abbassare i cespi di Molinia Eliminazione ricacci di nocciolo Raccogliere il foraggio tagliato

30

31

32 Conclusioni Gli interventi realizzati hanno un effetto importante per la conservazione della biodiversità, sia sulla componente floristica, sia su quella faunistica. Le aree falciate sono molto ben visibili anche da grande distanza e molte sono le persone che hanno chiesto al personale dell Ente Parco che tipo di intervento si stesse realizzando e a quale scopo. Gli interventi sono stati l occasione per poter ricordare alla cittadinanza residente nei Comuni del Parco l importanza del mantenimento dello sfalcio.

33 GRAZIE Sebastian Munster

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I

PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I PROGETTO LIFE RI.CO.PR.I Azione D.4 Realizzazione e collocazione di Pannelli informativi Accettura, 17 maggio 2012 OBIETTIVI Gli obiettivi generali dell azione sono: Promozione e sensibilizzazione al rispetto

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

NEWSLETTER N. 3 a cura di Katia Gioscio e Donato Sileo

NEWSLETTER N. 3 a cura di Katia Gioscio e Donato Sileo Benvenuti a questa terza Newsletter del Progetto LIFE+ RI.CO.PR.I.!!! In questo numero: Capranica Prenestina: convegno sulle attività del progetto.p. 2 Pietrapertosa: secondo incontro ufficiale con gli

Dettagli

SCHEDE DELLE AZIONI - BOZZA

SCHEDE DELLE AZIONI - BOZZA Piano di gestione area della rete Natura 2000 SIC IT3320014 Torrente Lerada SCHEDE DELLE AZIONI - BOZZA Raggruppamento temporaneo professionisti Dott. For. Michele Cassol Dott. Nat. Antonio Borgo Dott.

Dettagli

Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali

Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali Carta dei tipi forestali delle proprietà silvo-pastorali del comune di Rovereto Scala 1:30.000 Tipi forestali abieteto calcicolo con faggio aceri-frassineto faggeta altimontana faggeta con carpino nero

Dettagli

PIANO DI PASCOLAMENTO

PIANO DI PASCOLAMENTO Progetto LIFE+ Colli Berici Natura 2000 LIFE08 NAT /IT/000362 Azioni di conservazione, miglioramento degli habitat e delle specie e salvaguardia della naturalità del SIC Colli Berici Azione C.2 Acquisto

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

(Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale

(Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale (Progetto RI.CO.PRI.) Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell Italia centromeridionale Comune di Cerreto Laziale Il Progettista e Direttore dei Lavori: Dott. Forestale e Dott. in Arch. Del

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità Convegno: L Osservatorio Regionale per la Biodiversità PAVIA 7-8 febbraio 2013 Antonio Tagliaferri Ruolo delle Regioni nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Programmazione e gestione delle attività

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO STRUTTURALE L.R. 16 gennaio 1995 n 5 art. 24 VALUTAZIONE DELL'INCIDENZA DEL PIANO STRUTTURALE DEL COMUNE DI PESCAGLIA IN RELAZIONE

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo EBONE Rete di osservazione della biodiversità in Europa Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo 2010 International Year of Biodiversity FP7 Progetto di Collaborazione

Dettagli

Natura 2000 PIANO DI GESTIONE DEL SITO NATURA 2000 SIC/ZPS IT3230083 DOLOMITI FELTRINE E BELLUNESI. II faseii

Natura 2000 PIANO DI GESTIONE DEL SITO NATURA 2000 SIC/ZPS IT3230083 DOLOMITI FELTRINE E BELLUNESI. II faseii Natura 2000 PIANO DI GESTIONE DEL SITO NATURA 2000 SIC/ZPS IT3230083 DOLOMITI FELTRINE E BELLUNESI II faseii Indice 1. Premessa...3 1.1 Istituzione e regime del sito...3 1.2 Inquadramento biogeografico...6

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

PROGETTO CLIMAPARKS LE ATTIVITÀ DEL PARCO NATURALE REGIONALE DELLE PREALPI GIULIE. Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici

PROGETTO CLIMAPARKS LE ATTIVITÀ DEL PARCO NATURALE REGIONALE DELLE PREALPI GIULIE. Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici PROGETTO CLIMAPARKS LE ATTIVITÀ DEL PARCO NATURALE REGIONALE DELLE PREALPI GIULIE Le aree protette affrontano la sfida dei cambiamenti climatici Venzone, 24 novembre 2011 WP 2 - MONITORAGGIO E ANALISI

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 11.8.2004

SEZIONE I. GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni. Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 11.8.2004 2 SEZIONE I GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 11.8.2004 DELIBERAZIONE 5 luglio 2004, n. 644 Attuazione art. 12, comma 1, lett. a) della

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 NAT/IT/000247 Beneficiario coordinatore: Associazione Agraria di Civitavecchia Viale Guido Baccelli 35 00053 Civitavecchia Tel.: (+39) 0766.20340 Responsabile del progetto:

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ANTONIO ALUIGI VIA MARCONI 165-16011 ARENZANO (Genova), Italia Telefono 0108590300 Fax 0108590064

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT20B0012 COMPLESSO MORENICO DI CASTELLARO LAGUSELLO

PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT20B0012 COMPLESSO MORENICO DI CASTELLARO LAGUSELLO PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT20B0012 COMPLESSO MORENICO DI CASTELLARO LAGUSELLO progettazione coordinamento Dott. For. Paolo Rigoni StudioSilva S.r.l. sede legale: via Mazzini 9/2-40137 Bologna Tel. 051

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno Casa dello Sport - 17 ottobre 2015 Partner: Collaboratore: Con il contributo

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia

LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA. Dott. Giovanni Zaccaria Ufficio Parchi e Tutela della Biodiversità Regione Puglia LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 IN PUGLIA OBIETTIVO DEL PRESENTE INTERVENTO È UNA RIFLESSIONE SULLE STRATEGIE ED AZIONI SVOLTE E DA PIANIFICARE NELLA REGIONE PUGLIA IN TEMA DI GESTIONE DELLA RETE NATURA

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

L Alpeggio nell Altopiano dei Sette Comuni: azioni gestionali a difesa delle produzioni

L Alpeggio nell Altopiano dei Sette Comuni: azioni gestionali a difesa delle produzioni L Alpeggio nell Altopiano dei Sette Comuni: azioni gestionali a difesa delle produzioni Gianbattista Rigoni Stern Fonte Cerreto- L Aquila 10 ottobre 2012 Uso del suolo nell'altopiano dei Sette Comuni 11,40%

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

VEGLIA, DEVERO E FORMAZZA: PIANIFICAZIONE GESTIONALE, RIQUALIFICAZIONE E DIVULGAZIONE AMBIENTALE NELLE ZPS DELL ALTA VAL D OSSSOLA

VEGLIA, DEVERO E FORMAZZA: PIANIFICAZIONE GESTIONALE, RIQUALIFICAZIONE E DIVULGAZIONE AMBIENTALE NELLE ZPS DELL ALTA VAL D OSSSOLA VEGLIA, DEVERO E FORMAZZA: PIANIFICAZIONE GESTIONALE, RIQUALIFICAZIONE E DIVULGAZIONE AMBIENTALE NELLE ZPS DELL ALTA VAL D OSSSOLA DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO I. SINTESI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

GENOVA 20-21 NOVEMBRE 2008 LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 Banche dati e cartografie. Claudio Zabaglia

GENOVA 20-21 NOVEMBRE 2008 LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 Banche dati e cartografie. Claudio Zabaglia GENOVA 20-21 NOVEMBRE 2008 LA GESTIONE DELLA RETE NATURA 2000 Banche dati e cartografie Claudio Zabaglia P.P.A.R. (DGR n. 197/89) SOTTOSISTEMI TEMATICI: componenti fondamentali dell ambiente presenti nel

Dettagli

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Piano d'azione della per la biodiversità Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Descrizione Gli habitat rocciosi a causa dell'acclività, di elementi e fattori climatici proibitivi,

Dettagli

A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE

A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE PIANI DI GESTIONE DI 7 SIC E 6 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE PREMESSA La Regione Toscana, con la legge

Dettagli

Uso sostenibile delle piante della flora spontanea

Uso sostenibile delle piante della flora spontanea Uso sostenibile delle piante della flora spontanea Convegno nazionale organizzato da Direzione Generale Qualità dell Ambiente Direzione Generale Agricoltura VALUTAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ COME INDICATORE

Dettagli

WORKSHOP BIODIVERSITA 2014

WORKSHOP BIODIVERSITA 2014 WORKSHOP BIODIVERSITA 2014 Caratteristiche naturalistiche degli Ecosistemi della Provincia di Varese per docenti della SCUOLA PRIMARIA (4 e 5 anno) e SECONDARIA 1 GRADO a.s. 2014/2015 Angera (Va), Ist.

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Premessa La presente Relazione è redatta in applicazione del DPR 357/97 art. 5, comma 6

Premessa La presente Relazione è redatta in applicazione del DPR 357/97 art. 5, comma 6 Premessa La presente Relazione è redatta in applicazione del DPR 357/97 art. 5, comma 6 Il Piano di Tavagnacco ridetermina le aree del Comune relazionando la situazione locale alle dinamiche ambientali

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA

IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA ADOZIONE LINEE GUIDA ED ELENCO SUPPORTI UTILI PER RELAZIONE DESCRITTIVA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 1442/2001 (RETE 'NATURA 2000') Visti: IL DIRETTORE GENERALE AGRICOLTURA - la Direttiva

Dettagli

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati Anagrafica n. ID 928 n. Prot. 11826 Data prot. 27/12/2013 Soggetto proponente Pubblico Mittente Comune di Spinazzola Comune Informazioni catastali Elaborato/i di piano osservati 6 - Sistema delle tutele:

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione Misura 323 Sottomisura 2 del P.S.R. 2007-2013 Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Problematiche generali e prime indicazioni David Bianco - Luglio 2012 Presentazione Documento preliminare

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Asteraceae Senecio inaequidens DC.

Asteraceae Senecio inaequidens DC. Asteraceae Senecio inaequidens DC. Sinonimi: S. burchelii DC. Nomi comuni Italiano: Senecione sudafricano. Inglese: Narrow-leaved ragwort, South African ragwort. Nomi dialettali piemontesi: - [2] Foto

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING 14 maggio 2013 REPORT DRY GRASSLAND MEETING Roma 14 maggio 2013 Nell ambito della Azione E.9 Networking con beneficiary di altri progetti è stato organizzato, dalla

Dettagli

LINEAMENTI DEL PAESAGGIO, TRA ELEMENTI NATURALI E ATTIVITA UMANE

LINEAMENTI DEL PAESAGGIO, TRA ELEMENTI NATURALI E ATTIVITA UMANE Mel (BL), 11 aprile 2011 LINEAMENTI DEL PAESAGGIO, TRA ELEMENTI NATURALI E ATTIVITA UMANE Cesare Lasen Paesaggio della Valbelluna da Zumelle Premesse Grazie agli organizzatori per l opportunità di trattare

Dettagli

Il progetto sulle sorgenti pietrificanti del Parco regionale Campo dei Fiori. SIC Monti Legnone e Chiusarella

Il progetto sulle sorgenti pietrificanti del Parco regionale Campo dei Fiori. SIC Monti Legnone e Chiusarella Il progetto sulle sorgenti pietrificanti del Parco regionale Campo dei Fiori. SIC Monti Legnone e Chiusarella Premessa Il Consorzio ha beneficiato del finanziamento di un progetto LIFE Natura nell anno

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

Progettare la gestione del bosco nelle aree protette: valutazioni ambientali e valutazioni di incidenza

Progettare la gestione del bosco nelle aree protette: valutazioni ambientali e valutazioni di incidenza GIORNATA DI STUDIO VALUTAZIONE AMBIENTALE DEI PROGETTI DI INTERVENTI SELVICOLTURALI E DEI PIANI DI GESTIONE FORESTALE Progettare la gestione del bosco nelle aree protette: valutazioni ambientali e valutazioni

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

AZIONE A5 Definizione di "linee guida provinciali" per l attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura 2000

AZIONE A5 Definizione di linee guida provinciali per l attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura 2000 -LIFE11/NAT/IT000187 T.E.N.- AZIONE A5 Definizione di "linee guida provinciali" per l attuazione dei monitoraggi nei siti trentini della rete Natura 2000 A cura di: MUSE - Museo delle Scienze, Sezione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 OSSERVIAMO E IMPARIAMO A RICONOSCERE I FIORI DEL CANSIGLIO

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA SETTORE SOCIO-CULTURALE BENI AMBIENTALI E PATRIMONIALI MOBILITA' VICENZA - Contrà Gazzolle n. 1 Tel. 0444/908323 Fax 0444/908538 - Partita I.V.A.: 496080243 - Codice Fiscale: 0496080243

Dettagli

GAL Gardavaslabbia scrl Piano di Sviluppo Locale Check Listt ORGOGLIO RURALE VIVERE BENE IN UN AREA MONTANA DOCUMENTO DI SINTESI

GAL Gardavaslabbia scrl Piano di Sviluppo Locale Check Listt ORGOGLIO RURALE VIVERE BENE IN UN AREA MONTANA DOCUMENTO DI SINTESI ORGOGLIO RURALE VIVERE BENE IN UN AREA MONTANA REG CE 1698/2005 DOCUMENTO DI SINTESI Analisi preliminare al processo di V.A.S. Decreto Dirigente Unità Organizzativa 10 Giugno 2008 n. 6080 Pubblicato sul

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - Comune di Fano)

3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - Comune di Fano) 3.4. Aree protette (a cura dell Ufficio Verde Pubblico e Aree Protette - ) Zone di protezione realizzate R Aree floristiche protette 1. Litorale di Baia del Re Inizio della tutela: 1980 circa. Area (come

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

PROCEDURA DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE MISURE DI CONSERVAZIONE DELLE ZONE SPECIALI DI CONSERVAZIONE (ZSC)

PROCEDURA DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE MISURE DI CONSERVAZIONE DELLE ZONE SPECIALI DI CONSERVAZIONE (ZSC) dott. Lucio Sottovia Servizio Conservazione della Natura e Valorizzazione ambientale Ufficio Biotopi e Rete Natura 2000 PROCEDUR DI INDIVIDUZIONE E DOZIONE DELLE MISURE DI CONSERVZIONE DELLE ZONE SPECILI

Dettagli

RICERCA DI SPONSOR PER LA SISTEMAZIONE A VERDE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE E AIUOLE SPARTITRAFFICO ANNO 2014 SPECIFICHE TECNICHE E PROGETTUALI

RICERCA DI SPONSOR PER LA SISTEMAZIONE A VERDE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE E AIUOLE SPARTITRAFFICO ANNO 2014 SPECIFICHE TECNICHE E PROGETTUALI RICERCA DI SPONSOR PER LA SISTEMAZIONE A VERDE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE E AIUOLE SPARTITRAFFICO ANNO 2014 SPECIFICHE TECNICHE E PROGETTUALI ART. 1 AREE SOGGETTE A SPONSORIZZAZIONE Le aree soggette a

Dettagli

ecodotti, sottopassi faunistici e fasce arboree

ecodotti, sottopassi faunistici e fasce arboree scheda 5.5 ecodotti, sottopassi faunistici e fasce arboree Ai fini della funzionalità delle reti ecologiche, il problema posto dalle infrastrutture trasportistiche lineari è quello della frammentazione

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per

INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per la scelta del piano di gestione... 6 1.3. Struttura del

Dettagli

Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo Alpi Ledrensi

Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo Alpi Ledrensi Life+ TEN (LIFE/NAT/IT/00187) Inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo Alpi Ledrensi Ledro, marzo 2014 PAN Studio Associato 38057

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLA RETE DI RISERVE ALTA VALLE DI CEMBRA - AVISIO

PIANO DI GESTIONE DELLA RETE DI RISERVE ALTA VALLE DI CEMBRA - AVISIO PIANO DI GESTIONE DELLA RETE DI RISERVE ALTA VALLE DI CEMBRA - AVISIO Trento, luglio 2011 2 AUTORI: dott. for. Gianni Nicolini (coordinatore) Via Castel Madruzzo - 38076 LASINO (TN) tel. 335 8232175 /

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

RELAZIONE VEGETAZIONALE

RELAZIONE VEGETAZIONALE COMUNE DI GARESSIO Committente: Simic s.p.a. Camerana (CN) via Vittorio Veneto P.iva 02121640045 Costruzione ed esercizio di un impianto eolico in località Bric Meriano, Garessio ( CN) RELAZIONE VEGETAZIONALE

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C. STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.R. 47/2003 - PROGETTO N 20 FOCE DEL FIUME OMBRONE PER CONTRASTARE

Dettagli

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale NEWSLETTER O1 maggio 2010 in questo numero: 1. development with nature : gli obiettivi del progetto NATREG 2. verso una strategia transnazionale per la conservazione attiva delle aree protette 3. NATREG

Dettagli

Interventi nell habitat delle sorgenti pietrificanti nel Parco di Montevecchia e Valle del Curone SIC Valle Santa Croce Valle del Curone

Interventi nell habitat delle sorgenti pietrificanti nel Parco di Montevecchia e Valle del Curone SIC Valle Santa Croce Valle del Curone Interventi nell habitat delle sorgenti pietrificanti nel Parco di Montevecchia e Valle del Curone SIC Valle Santa Croce Valle del Curone Fig. 52 Travertino di cascata nel Parco di Montevecchia Valle del

Dettagli

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e.

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e. Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro. Con il contributo di Il progetto nel suo contesto. Il presente progetto è stato presentato

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DI IMPERIA ALLA POLIZIA PROVINCIALE DI IMPERIA Prot.n. 251/06

Dettagli

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO SCHEDA TECNICA N. 3 SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE AREE A VERDE DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DEI SERVIZI SPERIMENTALI PER L INFANZIA E DELLE SCUOLE D ARTE E DEI MESTIERI DEL COMUNE

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014 RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche 1 Sezione Parchi Biodiversità Programmazione Silvopastorale..

Dettagli

MONITORAGGIO AMBIENTALE IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE. A cura dell ing. Massimo Sartorelli. (Ottobre 2014)

MONITORAGGIO AMBIENTALE IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE. A cura dell ing. Massimo Sartorelli. (Ottobre 2014) MONITORAGGIO AMBIENTALE IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE A cura dell ing. Massimo Sartorelli Progettista e Direttore Lavori degli impianti (Ottobre 2014) SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 IMPIANTO DI FITOPEDODEPURAZIONE

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

Un sovrano in carenza di regni

Un sovrano in carenza di regni 103 Speciale UCCELLI Un sovrano in carenza di regni L indagine sullo status del re di quaglie in Trentino FRANCESCA ROSSI Museo Tridentino di Scienze Naturali Fig.1 Primo piano di un maschio adulto di

Dettagli

analisi ambientali: ecosistemi

analisi ambientali: ecosistemi facoltà di architettura di genova_docente_andrea giachetta corso di progettazione bioclimatica - modulo: sostenibilità ambientale L ecosistema, o sistema ecologico, è un unità che include tutti gli organismi

Dettagli

L impatto delle piste da sci sulla biodiversità animale

L impatto delle piste da sci sulla biodiversità animale L impatto delle piste da sci sulla biodiversità animale Antonio Rolando Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo Università degli Studi di Torino Torino, 24 settembre 2010 L impatto sugli artropodi

Dettagli

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia POSIZIONE E CONFINI Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare Adriatico Ovest: Lombardia Montuoso (29%), collinare (14%), pianeggiante

Dettagli

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale

La gestione Rete Natura 2000. in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La gestione Rete Natura 2000 in Liguria Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La Rete Natura 2000 in Liguria 1 r. b. alpina (14 siti

Dettagli