REGOLAMENTO DISCIPLINA TRANSITORIA IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (ART.15 D.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DISCIPLINA TRANSITORIA IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (ART.15 D."

Transcript

1 Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DISCIPLINA TRANSITORIA IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (ART.15 D.L. N 512/1991) (APPROVATO CON RDINANZA SINDACALE N 135 DEL 31/10/2000) Art. 1 Leggi e Norme di Riferimento La presente disciplina transitoria in materia di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande è disciplinata: dalla legge n. 25 del 05/01/1996 e dalla legge n. 287/91; Art. 2 Durata della Disciplina Transitoria La presente disciplina transitoria vale fino alla data di entrare in vigore del regolamento di esecuzione della legge 287/91; Art. 3 Sfera di Applicazione della Disciplina transitoria La presente disciplina transitoria ha per oggetto, esclusivamente, il rilascio dell autorizzazione per l apertura ed il trasferimento di sede agli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione. La presente disciplina non si applica per il rilascio della autorizzazioni previste dall art. 6 della legge 287/91. Art. 4 Divisione del Territorio in Zone Al fin dell applicazione della presente disciplina transitoria, il territorio comunale viene ripartito in SEI MACROZONE (A - B C D E F - ), descritte nell allegato A. Art. 5 Delimitazione della Licenza di Somministrazione Un pubblico esercizio può esercitare l attività di somministrazione esclusivamente in riferimento al TIPO di autorizzazione posseduta. Chiunque svolge attività di somministrazione non corrispondente al tipo di autorizzazione posseduta, incorre nelle sanzioni previste dalla legge. Art. 6 Tipologia degli esercizi I pubblici esercizi per i quali sono rilasciabili le autorizzazioni oggetto del presente provvedimento sono distinti ai sensi e per gli effetti di cui all art. 5 della legge n. 287/91, in: a) esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e bevande, comprese quelle eventi un contenuto alcolico superiore al 212% del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde,pizzerie, birrerie ed esercizi simili);

2 b) esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione, nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffè, gelateria, pasticcerie, ed esercizi similari); c) esercizi di cui alle lettere a) e b), in cui la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari, ed esercizi similari; d) esercizi di cui alla lettera b) nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione. Gli esercizi di cui sopra hanno facoltà di vendere per esporto le bevande nonché per quanto riguarda gli esercizi di cui alla lettera a), i pasti che somministrano e, per quanto riguarda gli esercizi di cui alla lettera b), i prodotti di gastronomia e i dolciumi, compresi i generi di gelateria e di pasticceria. In ogni caso l attività di vendita è sottoposta alle stesse norme osservate negli esercizi di vendita al minuto. Art. 7 Oggetto Dell Autorizzazione Ai sensi dell articolo 3 della legge 287/91 le autorizzazioni sono rilasciate dal Responsabile del Servizio, sentita la commissione di cui all art. 6 della legge stessa, nel rispetto dei parametri numerici oggetto del presente provvedimento per i casi seguenti: - apertura di nuovi esercizi; - aggiunte di nuove tipologie in esercizi esistenti; - trasferimento nell ambito della stessa macrozona. L ampliamento non è soggetto ad alcuna autorizzazione, salvo il caso in cui, per lo stesso, sia stata rilasciata concessione edilizia. Il rilascio dell autorizzazione è altresì condizionato all accertamento della conformità del locale ai criteri che saranno stabiliti dal Ministro Dell Interno. La riserva di accertamento deve figurare nel titolo autorizzatorio. Art. 8 Superficie di Somministrazione La superficie di somministrazione di un pubblico esercizio è costituito dai locali destinati all attività di somministrazione, ivi compresa l area occupata da banchi, scaffalature, tavoli, vetrine, espositori delle merci e simili, purchè contigua e collegata, funzionalmente e direttamente al pubblico esercizio. Non costituiscono superficie di somministrazione: l area destinata a magazzini, depositi, locali di lavorazione e servizi, nonché le aree pubbliche eventualmente occupate. Non fa, altresì, parte della superficie di somministrazione l area occupata da sale da gioco, sale da biliardo, sale destinate a funzioni di trattenimento e svago e simili. Art. 9 Parametri Numerici I parametri numerici per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 3 della legge n. 287/91, sono indicati nel prospetto allegato B. Art. 10 Cessazione di Esercizi In caso di cessazione di esercizi per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, sarà recuperata, a livello zona od area particolare, una unità o numero per ogni esercizio che cessa, e dello stesso tipo. L unità recuperata va ad incrementare il parametro numerico di zona o di area e, quindi, può essere rassegnata. Art. 11 Domanda di Autorizzazione La domanda, volta ad ottenere l autorizzazione d esercizio, deve essere rivolta al Responsabile del Servizio AA.PP. (SUAP): Nella stessa devono essere indicati:

3 Cognome, nome, data di nascita, domicilio e codice fiscale del richiedente. Per la società: ragione sociale, sede legale, partita IVA; Estremi dell iscrizione al REC per la somministrazione ( numero e data di iscrizione, Camera di commercio presso cui si è iscritti). In caso di società:estremi di iscrizione al REC del legale rappresentante ovvero di un suo delegato; Indirizzo esatto: via, numero civico, presso il quale si vuol localizzare l esercizio; Tipologia dell esercizio richiesto; Titolo di disponibilità del fondo (proprietà, affitto o altro); Superficie di somministrazione, espressi in metri quadrati; Precedente utilizzo del fondo; Distanza dal più vicino esercizio dello stesso tipo. Art. 12 Possibilità di rilascio di più Autorizzazioni d esercizio per uno stesso locale. Loro trasferibilità anche separata. Per uno stesso locale è consentito il rilascio di più autorizzazioni corrispondenti ai vari tipo di esercizio, fatti salvi i divieti di legge.gli esercizi possono essere trasferiti da tale locale, ad altro locale, ad altra sede, anche separatamente, previa specifica autorizzazione. Art. 13 Validità temporale dell Autorizzazione L autorizzazione ha validità fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello del rilascio, è automaticamente rinnovata se non vi sono motivi ostativi e si riferisce esclusivamente ai locali in essa indicati. Art. 14 Rilascio dell Autorizzazione L autorizzazione è rilasciata dal Responsabile del Settore, sentito, il parere della commissione comunale di cui all art. 6 della legge 287/91, con l osservanza della presente disciplina, ed a condizione che il richiedente sia iscritto al REC. Ai fini del rilascio dell autorizzazione il Responsabile del Settore accerta la conformità del locale ai criteri stabiliti con decreto del Ministero dell Interno, ovvero si riserva di verificare la sussistenza quando ciò non sia possibile in via preventiva. L attività di somministrazione di alimenti e bevande, deve essere esercitata nel rispetto delle vigenti norme, prescrizioni ed autorizzazioni in materia edilizia, urbanistica ed igienico sanitaria, nonché di quelle relative alla destinazione d uso dei locali e degli edifici nelle varie zone urbane. Art. 15 Distanze minime fra Pubblici Esercizi Per l apertura di nuovi esercizi e per il trasferimento di quelli esistenti in altre macrozone, deve essere osservatala la distanza minima fra esercizio e esercizio, indicata nel prospetto allegato al presente provvedimento sotto alla lettera. C L obbligo del rispetto di detta distanza minima vale per gli esercizi di uno stesso tipo (esercizio di tipo A da esercizio di tipo A, etc.) indipendentemente dalla categoria dell esercizio. La distanza si misura dal centro degli interessi principali degli esercizi presi in considerazione, percorrendo la via pedonale più breve, senza tener conto degli attraversamenti pedonali obbligatori. Art Distanze minime fra Pubblici Esercizi e particolari Edifici Pubblici Per l aperture di nuovi esercizi pubblici e per il trasferimento di quelli esistenti, in zone diverse od anche all interno di una stessa zona od area particolare, deve essere rispettata la seguente distanza minima da ospedali, scuole, caserme ed altri luoghi dedicati al culto:

4 TIPO DI ESERCIZIO DISTANZA MINIMA A B - D metri 100 C metri 200 La distanza si misura dal centro degli ingressi principali degli esercizi presi in considerazione, percorrendo la via pedonale più breve, senza tener conto degli attraversamenti pedonali obbligatori. Art. 17 Subingresso Il trasferimento della gestione o della titolarità di un esercizio di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande per atto tra i vivi a causa di morte comporta la cessione all avente causa dell autorizzazione relativa all esercizio stesso, sempre che sia provato l effettivo trasferimento dell attività e il subentrante sia regolarmente iscritto al registro esercenti il commercio per l attività di somministrazione. Art. 18 Sorvegliabilità del Locale Il locale, sede di pubblico esercizio per l attività di somministrazione di alimenti e bevande, deve essere sempre Sorvegliabile ai sensi delle vigenti disposizioni di legge. Art. 19 Cessazione dell Attività Qualora un pubblico esercizio cessi l attività di somministrazione il subentrante o il nuovo titolare dovrà esercitare l attività esclusivamente negli stessi locali. Art. 20 Al titolare di un pubblico esercizio è consentito aggiunto aggiungere un altra tipologia (A B) a condizione che il locale abbia una superficie di somministrazione minima di mq. 85 (Art. 8). Nel caso in cui debba essere aggiunta la tipologia C la superficie massima dei locali dovrà essere di mq MACROZONA A ESERCIZI ESISTENTI 1) ROMANO GIUSEPPE nata a Ottaviano i 05/01/1946 (BAR PRIMAVERA) TIPO B C.so Umberto I, ) ALLOCCA GENNARO nato a Somma V. il 28/11/1955 (BAR CAFFE CORSO) TIPO B C.so Umberto I, ) DEL GIUDICE SALVATORE nato a San Giuseppe V. il 16/08/1963 (BAR DOLCE VITA) TIPO B C.so Umberto I, 254 4) ESPOSITO GIUSEPPINA nata a Marigliano il 23/05/1961 ( RISTORANTE IL CAMINO) TIPO A via P.Tosti, 8 5) GIANNOTTA ISABELLA nata a R.Calabria il 11/05/1949 (PUB BARONE ROSSO SAS) TIPO A C.so Umberto I, 337 6) GIUGLIANO ELVIRA nata a S Giuseppe V. il 06/01/1934 (OSTERIA GIUGLIANO) TIPO A - via Giannone, 65 7) RICCIO ANNA nata a S. Paolo Belsito il 25/06/1959

5 (LA CAMPANELLA SRL) TIPO B cat. Lusso P. zza Municipio 8) D ANGERIO STELLA nata a Somigliano D arco il 15/o5/1966 (BENTELEY S PUB) TIPO A via Castello, 22 9) ALLOCCA ALBERTO E C. SNC nato a San Vitaliano il 22/11/1941 (BAR 2000) TIPO B C.so Umberto I, ) VENDITTO CIRO nato a Marigliano il 16/03/1956 (BAR JOLLI) TIPO B C.so Umberto I, ) VECCIA GENNARO nato a Marigliano il 03/02/1966 ( MATIS CAFFE ) TIPO A viella Municipio, ) SANTANIELLO NICOLA nato a Lione il 26/09/1962 (CHARLIE CHAPLIN) TIPO A - C.so Umberto I, ) SBARRA CLAUDIO nato a Bologna il 02/05/1966 (CAFFE STORICO) Tipo B - via Giannone - via Garibaldi 14) D AURIA GENNARO nato a Pomigliano D arco il 02/03/1971 (BAR DELLE ROSE) TIPO B C.so Umberto I, 257 MACROZONA B ESERCIZI ESISTENTI 1) ALLOCCA RAFFAELE nato a Marigliano il 12/11/1942 (BAR HOTEL ELIO) TIPO A- B C.so Umberto I, 69 2) VIVOLO ANTONIO nato a Marigliano il 19/04/1943 (BAR ARCOBALENO) TIPO A-B-C.so Umberto I, ) BRACCOLINO FILOMENA nata a Mariglianella il 02/08/1956 (BAR GELATERIA LOMBARDI snc) TIPO B-C via Del Sole 4) ESPOSITO GIOVANNI nato a Napoli il 06/02/1962 (INCONTRI SAS) TIPO C - via Variante 7 bis Km 46,447 5) SODANO GAETANO nato a Marigliano il 13/08/1955 (BIG ONE) TIPO A-B - via Isonzo P.co Rea 6) ESPOSITO MARIA nata a Marigliano il 05/12/1958 (CAFFE GIOVENTU ) TIPO B-C C.so Campano, ) CARDENIO MICHELE nato a Pomigliano D Arco il 27/08/1966 (IL BRIGANTE TIPO A - via Variante 7 bis Km 46,477 8) CERCIELLO FILOMENA nata a Marigliano il 12/08/1958 (STAZIONE IP) TIPO B - via Variante 7 bis Km 46,476

6 9) BARONE FRANCESCO nato a S. Anastasia il 16/02/1964 (VANNI E RENZA) TIPO A B - via Variante 7 bis Km142,50 10) ROMANO SPERANZA nata a (CARUSO SNC) TIPO B - via Isonzo ang.via Variante 11) CERQUA RAFFAELE nato a Marigliano il 14/05/1964 TIPO A - C.so Umberto I, 40 12) ALLOCCA SILVESTRE nato a Marigliano il 23/04/1973 (SARA CARBURANTI SRL) TIPO B C.so Campano, MACROZONA C - ESERCIZI ESISTENTI 1) GRAGMANIELLO PASQUALE nato a Piazzola di Nola il 10/12/1952 (BAR SAN REMO) TIPO B - C.so Umberto I,366 2) NAPOLITANO CAMILLO nato a Marigliano il 19/07/1928 (BAR RISTORANTE CIARDINIELLO) TIPO A-B - C.so Umberto I, 346 3) ROMANO SEBASTIANO nato a Marigliano il 04/10/1960 (PAB KRONE) TIPO A - C.so Umberto I, 571 4) SIMONETTI LETIZIA nata a (BAR EL PARAISO) TIPO B - C.so Umberto I, 475 5) CENNAMO MARIO nato a Mariglianella il 08/09/1967 (ANTICA ARMONIA) TIPO A-B-C - via S.Francesco, 16 6) PICCOLO ANGELO nato a Marigliano il 08/04/1970 (BAR TIME) TIPO B - via S.Francesco, 40 7) ESPOSITO ANNUNZIATA nata a (MONT BLANC) TIPO B C - C.so UmbertoI. 8) PROVVISIERO MARIA ELISA nata a Marigliano 06/10/1957 (EXPRIT NEW) TIPO B - Largo S. Stefano 9) DEL GIUDICE ANDREA nato a Napoli il 24/11/1965 (MIRAGE SAS) TIPO A-B -C.so Umberto I, 464 MACROZONA D - ESERCIZI ESISTENTI 1) FELEPPA GENNARO nato a Marigliano il 16/04/1946 (BAR VESUVIANO) TIPO B - C.so V.Emanuele III,93 2) CERCIELLO FILOMENA nata a Marigliano il 12/08/1958

7 (CHALET MAGNOLIA) TIPO B - via Vicinale Masseria Basso 3) ARDOLINO SAVERIO nato a San Gennaro V.il 24/02/1969 (HARRIS BAR) TIPO B - C.so V. Emanuele III.240 4) CESARIO MICHELE nato a Napoli il 03/02/1940 TIPO B - via G.Amendola, 31 5) RICCIO GIUSEPPE nato a Marigliano il 28/05/1974 TIPO B-C - via Pontecitra, 32 6) VELOTTI CIRO nato a Torre Del Greco il 01/02/1975 (IL VELIERO SAS) TIPO A - C.so V.Emanuele III, 232 7) ROSSI GIULIA nata a Scisciano il 10/01/1965 (PUB SPEEDY) TIPO A - C.so V.Emanuele III,219 8) ALLOCCA GIUSEPPE nato a Calgarj il04/05/1978 TIPO B - via Forno Vecchio, 15 9) ALLOCCA PASQUALE nato a Marigliano il 15/05/1962 (MERENGHE AZ SAS) TIPO B - via G.Amendola, 24 MACROZONA E ESERCIZI ESISTENTI 1) MAUTONE LUIGI nato a Marigliano il 06/03/1941 (RISTORANTE SALE E PEPE) TIPO A - via Somma, 151 2) ESPOSITO MOCERINO CIRO nato a Marigliano il 05/01/1956 (LA CANTINELLA) TIPO B - via Somma, 258 3) BEVILACQUA ROSA nata a Napoli il 28/02/1968 (CAFFE MARACAIBO SAS) TIPO B - via Somma, 108 4) IOSSA VINCENZO nato a Marigliano il 08/03/1969 (LE COLONNE) TIPO A - via V.Emanuele III, 21 5) RUSSO GAETANO nato a Napoli il 13/07/1978 ( RUSSO SPORT BETTING) TIPO B - via V.EmanueleIII,32-34 MACROZONA F 1) ESPOSITO GIOVANNI nato a Marigliano il 30/09/1963 (RISTORANTE IL LAGHETTO) TIPO A - via Lagniuolo c.n. ALLEGATO a)

8 MACROZONA A : deliminata dalla linea S.F.S.M. a Sud, dalla Variante 7 bis a Nord, da via Nicotera da Ovest, dalla linea FF.SS.ad Est. MACROZONA B : deliminata dalla linea S.F.S.M. a Sud, dalla Variante 7 bis a Nord, dal comune di Mariglianella ad Ovest, da via Nicotera ad Est. MACROZONA C : deliminata dalla linea S.F.S.M. a Sud, dalla Variante 7 bis a Nord, dalla linea FF.SS. Ad Ovest, dal comune di San Vitaliano ad Est. MACROZONA D : deliminata dalla linea S.F.S.M. a Nord e dell autostrada a Sud MACROZONA E : deliminata dall autostrada a Nord e dal comune di Somma Vesuviana a Sud. MACROZONA F : deliminata dalla Variante 7 bis a Sud che si estende fino alla zona D di cui al P.R.G. ALLEGATO b) MACROZONA A PARAMETRI NUMERICI PER MACROZONA E TIPOLOGIA ESERCIZIO Tipologia esercizio Parametro numerico disponibile Esistente A N. 2 N.6 B N. 2 N.8 MACROZONA B Tipologia esercizio Parametro numerico disponibile Esistente A N. 2 N. 5 B N. 2 N MACROZONA C Tipologia esercizio Parametro numerico disponibile Esistente A N. 3 N. 4 B N. 3 N. 5 9

9 MACROZONA D Tipologia Esercizio Parametro numerico disponibile Esistente A N. 2 N. 2 B N. 2 N. 7 MACROZONA E Tipologia Esercizio Parametro numerico disponibile Esistente A N. 3 N. 2 B N. 3 N MACROZONA F Tipologia Esercizio Parametro numerico disponibile Esistente A N. 6 N. 1 B N. 6 N. D N. LIBERO N 1 ALLEGATO C DISTANZE NINIME TRA ESERCIZI Esercizio di tipo A metri 50 Esercizio di tipo D metri 50 Esercizio di tipo C metri 200 Esercizio di tipo D metri 50

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

&RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L

&RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L &RPXQHGL$YHOOLQR5HJRODPHQWRSHUOHDXWRUL]]D]LRQLGLSXEEOLFLHVHUFL]L $33529$72&21'(/,%(5$=,21(&216,/,$5(1 $UWLFROR3ULQFLSL*HQHUDOL 1. Il presente regolamento è ispirato all'applicazione dei principi in linea

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a Via n. di nazionalità in qualità di titolare o legale rappresentante. con sede legale in Via

Il sottoscritto nato a il residente a Via n. di nazionalità in qualità di titolare o legale rappresentante. con sede legale in Via DOMANDA PER OTTENERE LA LICENZA PER SUBINGRESSO o REINTESTAZIONE di ESERCIZIO PUBBLICO PER LA SOMMINISTRAZIONE di ALIMENTI E BEVANDE.(Art. 7 L. 25/8/1991 n. 287, art. 19, n. 7 D.P.R. 24/7/1977, n. 616).

Dettagli

Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande

Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Comune di Avellino Regolamento dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Articolo 1 Principi Generali 1. Il presente regolamento è ispirato all'applicazione dei principi in linea

Dettagli

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. Al COMUNE DI B R O N T E

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. Al COMUNE DI B R O N T E Al COMUNE DI B R O N T E PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Segnalazione Certificata Inizio Attività (D.Lgs. n.59/10- L. 122/10- D.Lgs. 147/12) Il sottoscritto nato a il e residente

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Comune di Portici Provincia di Napoli SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Sezione riservata all Ufficio SUAP n. Prot. Gen. n. Registr. SUAP ID Strada Mod_

Dettagli

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. Al COMUNE DI POGGIARDO

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. Al COMUNE DI POGGIARDO Al COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di Lecce) PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Segnalazione Certificata Inizio Attività (D.Lgs. n.59/10- L. 122/10- D.Lgs. 147/12) Servizio SUAP Il

Dettagli

Subingressi di cui all art. 15 della l.r. n. 30 del 2003. in B.U.R.L. n. 34 del 16-8-2004 sommario

Subingressi di cui all art. 15 della l.r. n. 30 del 2003. in B.U.R.L. n. 34 del 16-8-2004 sommario CIRC R(3) COMM 31_04 Pag: 1 CIRCOLARE 30 Luglio 2004 n. 31 Chiarimenti operativi sull applicazione della l.r. n. 30 del 2003, sugli Indirizzi generali e sui corsi abilitanti, per il rilascio da parte dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI BOSCO MARENGO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO Approvato con delibera di CC n. 34 del 27/09/2011 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 PRINCIPI

Dettagli

via/piazza n. tel. fax e-mail N.di iscrizione al Registro Imprese N. REA CCIAA di

via/piazza n. tel. fax e-mail N.di iscrizione al Registro Imprese N. REA CCIAA di Scheda 8 Peca S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina l sottoscritt

Dettagli

Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM)

Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM) Roma, 23 maggio 2003 Ufficio D2- Disciplina del commercio Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM) Oggetto: Legge 25 agosto 1991, n. 287. Apertura

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI REGOLAMENTO recante CRITERI COMUNALI in materia di autorizzazioni per l attività di Somministrazione di alimenti e bevande Art.1 Norme di riferimento Le attività di somministrazione al pubblico di alimenti

Dettagli

COMUNE DI LIPOMO Provincia di Como Regione Lombardia Sportello Unico Attività Produttive

COMUNE DI LIPOMO Provincia di Como Regione Lombardia Sportello Unico Attività Produttive AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI LIPOMO OGGETTO: Richiesta di rilascio di autorizzazione per nuova apertura di un pubblico esercizio per la somministrazione di alimenti e bevande. Il / La sottoscritto/a

Dettagli

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPRACCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI

Dettagli

Pubblici Esercizi: comunicazione subingresso

Pubblici Esercizi: comunicazione subingresso Pubblici Esercizi: comunicazione subingresso Da presentare in carta semplice, in duplice copia, al l Ufficio Protocollo del Comune COMUNE DI BAREGGIO ( MI ) Il sottoscritto Cognome Nome data di nascita

Dettagli

Comune di STEZZANO Provincia di Bergamo

Comune di STEZZANO Provincia di Bergamo Comune di STEZZANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO dei criteri COMUNALI per il rilascio delle autorizzazioni per le attività di Somministrazione di alimenti e bevande Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti)

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Descrizione Per somministrazione all interno di pubblici esercizi si intende la vendita per il consumo sul posto di

Dettagli

Comune di Civitella in Val di Chiana

Comune di Civitella in Val di Chiana Comune di Civitella in Val di Chiana PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Anno 2011 Approvato con DCC n.38 del 30.4.2011 Comune di Civitella

Dettagli

Comune di OGGIONO Provincia di LECCO

Comune di OGGIONO Provincia di LECCO 1 Comune di OGGIONO Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E SULL ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE Art. 1 Norme di riferimento e ambito di applicazione Le disposizioni di cui ai presenti Criteri disciplinano

Dettagli

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA 1) Che cos è la SCIA? La SCIA - Segnalazione di Inizio Attività (Produttiva) - è la dichiarazione che, correttamente compilata e consegnata, consente di iniziare, modificare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI Art.1 Principi Generali CAPO I NORME GENERALI 1.Il presente regolamento disciplina: a) l apertura, il trasferimento di sede, la variazione di superficie ed il subentro

Dettagli

AL COMUNE DI PALERMO Settore Servizi alle Imprese - Sportello Unico Via Ugo La Malfa n.34-90146 Palermo

AL COMUNE DI PALERMO Settore Servizi alle Imprese - Sportello Unico Via Ugo La Malfa n.34-90146 Palermo Editing del 21/09/2012 N.B. Allegare attestazione di avvenuto pagamento dei diritti di cui al tariffario SUAP AL COMUNE DI PALERMO Settore Servizi alle Imprese - Sportello Unico Via Ugo La Malfa n.34-90146

Dettagli

WORKSHOP LA REGIONE SICILIANA PER IL COMMERCIO

WORKSHOP LA REGIONE SICILIANA PER IL COMMERCIO Unione Europea - Repubblica Italiana - Regione Siciliana Assessorato delle attività produttive - Dipartimento delle attività produttive Servizio ex 3S Insediamenti Produttivi WORKSHOP LA REGIONE SICILIANA

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE

PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE . PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Art. 86 del TULPS R.D. 773/1931 Art. 64 D. Lgs. 26 marzo 2010 n. 59 Segnalazione Certificata Inizio Attività Nei casi previsti dall art. 2 comma

Dettagli

Comune di OGGIONO Provincia di LECCO

Comune di OGGIONO Provincia di LECCO 1 Comune di OGGIONO 1. IL TITOLO II DELLA LEGGE REGIONE LOMBARDIA N. 6/2010: LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE 1.1 Il quadro di riferimento normativo Il Titolo II,

Dettagli

Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo

Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO di individuazione dei criteri comunali per il rilascio delle autorizzazioni alla somministrazione di alimenti e bevande Art.1 Norme di riferimento

Dettagli

COMUNE DI GUSSAGO. - Provincia di Brescia -

COMUNE DI GUSSAGO. - Provincia di Brescia - COMUNE DI GUSSAGO - Provincia di Brescia - CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (articolo 9 L.R. 24/12/2003 n. 30) PARAMETRI AUTORIZZATIVI

Dettagli

Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI Dichiarazione di Inizio Attività DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NON SOGGETTO A PROGRAMMAZIONE Art. 4 comma 5 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

ORDINANZA N. 121/2007 Prot. N. 33292

ORDINANZA N. 121/2007 Prot. N. 33292 COMUNE DI POGGIOMARINO PROVIINCIIA DII NAPOLII PP... ZZ ZZ AA DEE MAARRI I NNI I SS,,, 33 8800004400 PPOOGGGGI I OOMMAARRI INN OO (NAA) ( ) TTEELL... 008811 886655 8811 1111 FFAAXX... 008811 886655 8822

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ SALA GIOCHI Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale, ubicazione intervento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO COMUNE di MALGRATE Via Agudio, 10 23864 Malgrate (Lc) Tel. 0341 202000 Fax 0341 202360 E-Mail info@comune.malgrate.lc.it Web: www.comune.malgrate.lc.it REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Allegato B a Delibera C.C. n.36 del 27/9/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 27/09/2010 Pubblicato all albo Pretorio dal 5/10/2010

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI - Articolo 1 - Principi generali - Articolo 2 - Definizioni - Articolo 3 - Apertura,trasferimento di sede e variazione

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 SALA GIOCHI legislazione di riferimento : Legge

Dettagli

COMUNE DI ROSATE Provincia di MILANO

COMUNE DI ROSATE Provincia di MILANO COMUNE DI ROSATE Provincia di MILANO Regolamento indicante criteri comunali in materia di autorizzazioni per l attività di somministrazione di alimenti e bevande Approvato con deliberazione C.C. n. 50

Dettagli

Regolamento procedimento rilascio autorizzazioni esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande COMUNE DI VIMODRONE

Regolamento procedimento rilascio autorizzazioni esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande COMUNE DI VIMODRONE REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 69 DEL 28/11/05) 1. Norme di riferimento

Dettagli

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010

Allegato A. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Allegato A REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI Approvato con delibera C.C. n 19 del 30/04/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende per: - TULPS: il Testo

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ INSTALLAZIONE APPARECCHI E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO E INTRATTENIMENTO PER IL GIOCO LECITO 1. Dati impresa

Dettagli

COMUNE DI PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) Sportello SUAP P.zza Municipio n. 1 03030 Piedimonte San Germano (FR)

COMUNE DI PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) Sportello SUAP P.zza Municipio n. 1 03030 Piedimonte San Germano (FR) COMUNE DI PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) Sportello SUAP P.zza Municipio n. 1 03030 Piedimonte San Germano (FR) OGGETTO : SCIA per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande in mense aziendali ed

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI PONTE LAMBRO Via Roma n. 23 22037 Ponte Lambro (Co) C.F. / P.I. 00601450133 tel. 031 / 623240 fax 031 / 622491 www.comune.pontelambro.co.it UFFICIO COMMERCIO Posta elettronica: protocollo@comune.pontelambro.co.it

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi

Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Regolamento comunale per la disciplina delle sale giochi Approvato dal Consiglio Comunale di Lecco con deliberazione del 14.03.2011, n. 33- Articolo 1 - Principi generali 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI TORREVECCHIA TEATINA (Provincia di Chieti)

COMUNE DI TORREVECCHIA TEATINA (Provincia di Chieti) COMUNE DI TORREVECCHIA TEATINA (Provincia di Chieti) ALLEGATO A PIANO DI PROGRAMMAZIONE E DISCIPLINA COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Quale titolare di autorizzazione, ai sensi degli art. 86 / 88 del TULPS, per l esercizio di:

Quale titolare di autorizzazione, ai sensi degli art. 86 / 88 del TULPS, per l esercizio di: S.U.A.P. - CITTA DI TORRE DEL GRECO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA S.C.I.A. Subingresso / variazioni / Installazione giochi leciti in Pubblici Esercizi (art. 110 Testo Unico delle Leggi di

Dettagli

LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (10G0145)

LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (10G0145) LEGGE 29 luglio 2010, n. 120 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (10G0145) CAPO I MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA, DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1992, N. 285 La Camera dei deputati

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ NUOVA APERTURA - APERTURA PER SUBINGRESSO - AMPLIAMENTO O RIDUZIONE DI SUPERFICIE VARIAZIONI

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIA STRUTTURA DI VENDITA (da mq. 1501 a mq. 2.500) >> CENTRO COMMERCIALE

Dettagli

Circondario della Val di Cornia

Circondario della Val di Cornia Circondario della Val di Cornia Comune di San Vincenzo * * * * * REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI GIOCO Approvato con deliberazione C.C. 25/08/2009 n 70 In vigore dal 25/08/2009 TITOLO PRINCIPI... Articolo...

Dettagli

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013 - Finanziamenti Commercio - Finanziamenti Regione

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013 - Finanziamenti Commercio - Finanziamenti Regione Ai nastri di partenza il nuovo bando della Regione Puglia a favore delle piccole e medie imprese del commercio. Le risorse disponibili sono pari a euro 6.579.387,24 di cui euro 1.000.000,00 riservati ad

Dettagli

COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI ORDINANZA N. _36 OGGETTO: Operazioni di esumazione ordinaria delle salme sepolte nel Campo Comune lato Sx Chiesa Cimitero Nuovo XVI - IL SINDACO Visto il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA COMUNE DI LUINO PROVINCIA DI VARESE SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA, IL TRASFERIMENTO ED IL FUNZIONAMENTO DELLE SALE DA GIOCO Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

(Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool)

(Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool) Art. 53. (Misure per la prevenzione dei danni e degli incidenti stradali legati al consumo di alcool) 1. L'articolo 14 della legge 30 marzo 2001, n. 125, e' sostituito dal seguente: «Art. 14. - (Vendita

Dettagli

Provincia di Sassari

Provincia di Sassari REGOLAMENTO DI INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI COMUNALI DI PROGRAMMAZIONE PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI Approvato con delibera di C.C. n. 11 del 07.05.1991 e modificato

Dettagli

SCIA AFFITTACAMERE ((L.R. n.11/99; art.64 D.lgs. 26/03/2010 n.59; art. 19 L. n. 241/90 e s.m.i.)

SCIA AFFITTACAMERE ((L.R. n.11/99; art.64 D.lgs. 26/03/2010 n.59; art. 19 L. n. 241/90 e s.m.i.) SCIA AFFITTACAMERE ((L.R. n.11/99; art.64 D.lgs. 26/03/2010 n.59; art. 19 L. n. 241/90 e s.m.i.) AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI MESAGNE Avvertenza: la presente segnalazione certificate d inizio attività

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AVVIO ATTIVITÀ NON SOGGETTE A PROGRAMMAZIONE Al SUAP del Comune di GIUGLIANO IN CAMPANIA Ai sensi dell art. 64 d.lgs.

Dettagli

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE Marca da bollo.14,62 Spett. Comune di Usmate Velate Ufficio Commercio Domanda per il rilascio dell Autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande ai sensi della L.R. n. 6/2010 art. 61 e segg.

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29.12. 2011

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29.12. 2011 COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29.12. 2011 1 INDICE TITOLO

Dettagli

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Allegato alla delibera di C.C. n. 9 in data 21/03/2015 COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Regolamento disciplinante il procedimento per l apertura di medie strutture di vendita e altre procedure per

Dettagli

in n. C.A.P. N. di iscrizione al Registro Imprese (se già iscritto) CCIAA di legale rappresentante della Società

in n. C.A.P. N. di iscrizione al Registro Imprese (se già iscritto) CCIAA di legale rappresentante della Società COMUNE DI CAROVIGNO (BR) PROV. BRINDISI Settore Gestione del Territorio Urbanistica LL. PP. Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa Commercio AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata

Dettagli

COMUNE DI TULA. Provincia di SASSARI. REGOLAMENTO Criteri di programmazione delle attività di somministrazione aperte al pubblico

COMUNE DI TULA. Provincia di SASSARI. REGOLAMENTO Criteri di programmazione delle attività di somministrazione aperte al pubblico COMUNE DI TULA Provincia di SASSARI REGOLAMENTO Criteri di programmazione delle attività di somministrazione aperte al pubblico Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 36 del 10.09.2007 1 Settore

Dettagli

DATA DI TITOLO DI STUDIO

DATA DI TITOLO DI STUDIO CORSO COGNOME NOME DATA DI NASCITA LUOGO DI NASCITA TITOLO DI STUDIO AMMESSO /NON AMMESSO GIORNO SELEZIONI NOTE TRASFORMAZIONE ALAIA CIRO 03/09/1993 NAPOLI DIPLOMA 20/06/2014 ORE 16.30 TRASFORMAZIONE ALBERINI

Dettagli

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6

ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA 0 0 4 1 1 6 CODICE PRATICA riservato allo SUAP MOD.6COM FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO COMMERCIO ELETTRONICO Segnalazione Certificata di Inizio attività (compilare in stampatello) ALLO SUAP DEL COMUNE DI MANTA

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 41 del 28/07/2011 Pubblicato all albo pretorio dal 08 al 22 agosto 2011 Art. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani)

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) ALL.1 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 51 DEL 16/06/09 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONI

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI AGRIGENTO SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Subingresso Trasferimento di sede Variazioni Cessazione attività) Ai sensi del

Dettagli

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012.

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012. DISCIPLINA SULL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E/O PRIVATO ALL ESTERNO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, PUBBLICI ESERCIZI ED ESERCIZI SIMILARI E DETERMINAZIONE DEI LIMITI E DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE DELLA

Dettagli

Criteri e parametri per la programmazione di aperture e trasferimenti di sede di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande

Criteri e parametri per la programmazione di aperture e trasferimenti di sede di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Criteri e parametri per la programmazione di aperture e trasferimenti di sede di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande 1. La liberalizzazione delle attività economiche a seguito del recepimento

Dettagli

CITTA DI MERATE Provincia di Lecco

CITTA DI MERATE Provincia di Lecco CITTA DI MERATE Provincia di Lecco RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Ai sensi del vigente regolamento comunale per l'insediamento degli esercizi di somministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO Approvato con atto C.C. n. 19/2011 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito di applicazione

Dettagli

CRITERI COMUNALI per il RILASCIO di NUOVE AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE di ALIMENTI E BEVANDE e per il TRASFERIMENTO di SEDE.

CRITERI COMUNALI per il RILASCIO di NUOVE AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE di ALIMENTI E BEVANDE e per il TRASFERIMENTO di SEDE. Allegato b CRITERI COMUNALI per il RILASCIO di NUOVE AUTORIZZAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE di ALIMENTI E BEVANDE e per il TRASFERIMENTO di SEDE. L.R. 2 febbraio 2010, n. 6 testo unico delle leggi regionali

Dettagli

COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO

COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO Marca da bollo COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO SERVIZIO/UFFICIO Al Signor Sindaco del Comune di OGGETTO: Richiesta di rilascio di nuova autorizzazione per nuova apertura di un pubblico esercizio per

Dettagli

DICHIARAZIONE SUBINGRESSO / CESSAZIONE / SOSPENSIONE E RIPRESA / CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITA' PRODUTTIVA

DICHIARAZIONE SUBINGRESSO / CESSAZIONE / SOSPENSIONE E RIPRESA / CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITA' PRODUTTIVA MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA MODELLO B Spazio per apposizione protocollo Inserire qui stemma del Comune Al Comune di Cognome Codice Fiscale Nome Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Data

Dettagli

D I C H I A R A. 1. di essere in possesso di uno dei seguenti requisiti professionali: (barrare la casella interessata)

D I C H I A R A. 1. di essere in possesso di uno dei seguenti requisiti professionali: (barrare la casella interessata) CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Rep.n / Quietanza n del (Diritti d istruttoria) Protocollo Generale del Comune AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino (Modello

Dettagli

SEZIONE A - APERTURA NUOVO ESECIZIO. Via,viale,piazza,ecc. n. CAP _/_/_/_/_. Alimentare. Non alimentare. Generi di monopolio Farmacie Carburanti mq.

SEZIONE A - APERTURA NUOVO ESECIZIO. Via,viale,piazza,ecc. n. CAP _/_/_/_/_. Alimentare. Non alimentare. Generi di monopolio Farmacie Carburanti mq. Si prega di scrivere a stampatello AL COMUNE DI CATANIA VI DIREZIONE Attività Produttive e Sviluppo Economico Viale Andrea Doria n. 55 95100 Catania ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Effettuata all interno di: ASSOCIAZIONI / CIRCOLI PRIVATI (aderenti ad Enti o Organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina delle Sale Giochi e degli apparecchi da gioco

Regolamento Comunale per la disciplina delle Sale Giochi e degli apparecchi da gioco COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa Sportelli Unici Integrati del Comprensorio Regolamento Comunale per la disciplina delle Sale Giochi e degli apparecchi da gioco Approvato con Deliberazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Il / La sottoscritto / a..... - visto il D.Lgs. 26/03/2010 nr. 59 così come modificato dal

Dettagli

COMUNE DI MAZZANO. (Provincia di Brescia)

COMUNE DI MAZZANO. (Provincia di Brescia) COMUNE DI MAZZANO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (articolo 69 L.R. 2/2/2010 n. 6) REGOLAMENTO DELLE

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE

SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE CAPES09C.rtf - (05/2014) SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO / MODIFICA ATTIVITÀ (DIAP)

DICHIARAZIONE DI AVVIO / MODIFICA ATTIVITÀ (DIAP) MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA MODELLO A Spazio per apposizione protocollo Inserire qui stemma Comune Al Comune di DICHIARAZIONE DI AVVIO / MODIFICA ATTIVITÀ (DIAP) Ai sensi le L.R. 1/2007 e 8/2007 e

Dettagli

COMUNE DI CARATE BRIANZA REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE

COMUNE DI CARATE BRIANZA REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI CARATE BRIANZA REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE 1 PARTE PRIMA. INTRODUZIONE 1. NORMATIVA DI REFERIMENTO 4 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 4 3. PROGRAMMAZIONE REGIONALE.

Dettagli

Prassicoop società cooperativa 20129 Milano - via dei Mille 5 - Tel. 0270005491 www.prassicoop.it - e mail prassi@prassicoop.it

Prassicoop società cooperativa 20129 Milano - via dei Mille 5 - Tel. 0270005491 www.prassicoop.it - e mail prassi@prassicoop.it MOD.PE3(3) BOLLO Compilare in due copie 14.62 Al Comune di * ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (NON soggetti ai criteri comunali) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Ai sensi della L. 287/1991 (art.

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO Approvato con deliberazione Consiglio Comunale del 27.11.2014 n. 64 INDICE

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO LECITO COMUNE DI BARZANO. Provincia di Lecco

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO LECITO COMUNE DI BARZANO. Provincia di Lecco COMUNE DI BARZANO Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO LECITO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 27.09.2011 Comune di Barzanò Regolamento

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) Il sottoscritto (Cognome e nome) prov. il e residente a CAP _ prov. in Via / P.zza n. C.F. cittadinanza 1

(PROVINCIA DI ROMA) Il sottoscritto (Cognome e nome) prov. il e residente a CAP _ prov. in Via / P.zza n. C.F. cittadinanza 1 CITTÀ DI ARTENA (PROVINCIA DI ROMA) Protocollo Generale del Comune AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Artena SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TRASFERIMENTO

Dettagli