Capitolo 1. Sezione Prima Fondamenti di tecnica bancaria. L attività bancaria. 1. Il mercato dei capitali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 1. Sezione Prima Fondamenti di tecnica bancaria. L attività bancaria. 1. Il mercato dei capitali"

Transcript

1 Sezione Prima Fondamenti di tecnica bancaria Capitolo 1 L attività bancaria 1. Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali (capital market) è il mercato dove si realizza l incontro dei flussi di domanda e dei flussi di offerta di strumenti finanziari, mediante i quali i settori dell economia in avanzo di risorse finanziarie (ossia con risparmi superiori agli investimenti) trasferiscono fondi a quelli in disavanzo (cioè quelli a cui non è sufficiente il proprio risparmio per coprire i propri investimenti), direttamente o per il tramite di intermediari finanziari. Esso è articolato in diversi comparti; una prima distinzione è tra mercati diretti e mercati aperti. I mercati diretti sono quelli in cui debitore e creditore si scambiano direttamente gli strumenti finanziari, concordando le condizioni di negoziazione. Tipico mercato diretto è quello delle operazioni bancarie, in cui si hanno contrattazioni dirette fra banca e cliente. Generalmente i mercati diretti hanno carattere locale. I mercati aperti sono quelli in cui gli scambi vengono effettuati secondo regole standardizzate in maniera impersonale, in base a prezzi noti a tutti i potenziali partecipanti. Tipico mercato aperto è la Borsa valori. I mercati aperti sono soprattutto a livello nazionale o internazionale. Il mercato aperto è suddiviso, a sua volta, nei seguenti comparti: mercato monetario, mercato finanziario, mercato dei cambi.

2 42 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima Il mercato monetario identifica il mercato nel quale si negoziano gli strumenti finanziari a breve termine (ad esempio, buoni ordinari del Tesoro, accettazioni bancarie ecc.). Un comparto del mercato monetario è il cosiddetto mercato interbancario, costituito dai depositi effettuati da una banca presso un altra, per un definito periodo di tempo o a vista, ad un prefissato tasso di interesse. Il mercato finanziario rappresenta il complesso delle negoziazioni relative a strumenti finanziari a medio-lungo termine, che includono sia le azioni sia le obbligazioni emesse dalle imprese, dal settore pubblico e dagli intermediari che operano nel campo degli strumenti finanziari a medio e lungo termine (mercato azionario, mercato obbligazionario, mercato dei buoni del Tesoro poliennali, mercato dei contratti futures, mercato delle opzioni ecc.). Il mercato dei cambi è il mercato delle banconote estere e delle divise estere; le prime sono utilizzate per i pagamenti nei viaggi all estero, le seconde per le operazioni commerciali. Le operazioni che avvengono nel mercato dei cambi si distinguono in operazioni a pronti e operazioni a termine, dando così vita ai rispettivi: mercato dei cambi a pronti e mercato dei cambi a termine. Nel mercato a pronti il regolamento delle contrattazioni è immediato e avviene di norma il secondo giorno lavorativo successivo a quello di stipulazione in base al cambio spot, cioè al cambio del giorno in cui si è definita la negoziazione. Nel mercato a termine al momento della stipulazione del contratto vengono stabiliti il quantitativo di valuta estera e la data di regolamento del prezzo che avverrà al cambio forward, cioè a quello della consegna effettiva. Come si suddividono i mercati finanziari? I mercati finanziari si distinguono in mercati primari e mercati secondari. Il termine mercato primario identifica il complesso delle domande e delle offerte di titoli di nuova emissione che successivamente verranno scambiati sul mercato secondario. L attività di emissione e di collocamento viene svolta direttamente dall emittente o da altro soggetto incaricato del collocamento dall ente emittente; la sua funzione tipica è quella di procurare risorse finanziarie agli operatori in disavanzo. Il mercato secondario rappresenta, invece, il complesso delle negoziazioni di titoli già in circolazione presso il pubblico dei risparmiatori, originate dalla volontà degli operatori di effettuare nuovi investimenti ovvero dall intento di procedere allo smobilizzo di investimenti realizzati in epoche precedenti.

3 Capitolo 1: L attività bancaria 43 L Articolazione del mercato dei capitali mercato dei capitali mercati diretti o creditizi mercati aperti mercato monetario mercato finanziario primario secondario mercato dei cambi 2. Il credito e le banche In senso economico, il credito consiste in uno scambio di ricchezza attualmente disponibile contro la promessa di una prestazione futura (controprestazione), quasi sempre con il pagamento di un interesse. In relazione alla natura delle prestazioni che sono oggetto di scambio, si distingue normalmente il credito monetario dal credito in natura. Il credito monetario è quello in cui la prestazione attuale e la controprestazione futura sono costituite da una quantità di denaro o di altri mezzi di pagamento. Il credito in natura, invece, è quello in cui la prestazione attuale e la controprestazione futura hanno per oggetto beni diversi dal denaro e dagli altri mezzi di pagamento. Una distinzione di particolare rilevanza è quella tra credito diretto e credito indiretto. Sono operazioni di credito diretto quelle che si realizzano direttamente fra le parti interessate, ossia tra il creditore (operatore in surplus) ed il debitore (operatore in deficit). Sono operazioni di credito indiretto quelle che si realizzano per il tramite di operatori che vengono definiti intermediari finanziari. Nei moderni sistemi economici la mobilitazione delle risorse dalle unità in surplus alle unità in deficit avviene di regola tramite organizzazioni che hanno lo scopo di raccogliere e trasferire il credito. Queste organizzazioni sono le banche, la cui attività principale consiste nel raccogliere fondi, prevalentemente in forma di depositi, e nell erogarli soprattutto mediante prestiti. Le banche sono intermediari finanziari, ossia sono organismi che hanno come obiettivo dichiarato quello di facilitare l incontro fra la domanda e l offerta di capitali.

4 44 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima In generale, gli intermediari vengono distinti come segue: istituzioni creditizie (Banca d Italia ed enti creditizi che svolgono attività bancaria, banche); società di leasing e di factoring; investitori istituzionali (fondi comuni di investimento, gestioni fiduciarie di patrimoni mobiliari, società di investimento a capitale variabile, compagnie di assicurazione ecc.); altri intermediari specializzati e di professione. Quali sono le funzioni degli intermediari finanziari? Agli intermediari finanziari vengono tradizionalmente riconosciute le seguenti funzioni: mobilizzazione del risparmio: gli intermediari finanziari attuano operazioni (passive) di raccolta fondi presso gli operatori in surplus (ossia con risparmi superiori agli investimenti), trasferendo poi le risorse finanziarie così ottenute agli operatori in deficit (cioè a quelli cui non è sufficiente il proprio risparmio per coprire i propri investimenti), mediante operazioni (attive) di impiego; riduzione del rischio attraverso la diversificazione degli investimenti effettuati; trasformazione delle scadenze delle attività finanziarie assunte ed emesse: gli intermediari finanziari hanno la capacità di effettuare, sia pure entro certi limiti, operazioni di impiego con scadenza diversa (più lunga) da quelle di raccolta. Le banche svolgono, accanto alle funzioni sopraindicate, un ulteriore funzione: la funzione monetaria, che si concreta nella capacità di questi organismi di mettere a disposizione del pubblico proprie passività (in particolare i depositi in conto corrente) aventi la funzione di mezzi di pagamento. 3. Origini e sviluppo dell attività bancaria Il diritto bancario viene, generalmente, definito come il complesso di norme che regolano la costituzione, l organizzazione e l esercizio dell impresa di credito. Le origini dell attività bancaria sono molto antiche, in quanto si ricollegano allo sviluppo degli scambi commerciali ed all introduzione della moneta come mezzo di pagamento. Nel quadro dell attività commerciale, la figura del banchiere si caratterizza, fin dall inizio, per la sua funzione di custodia del denaro e di concessione di prestiti. Nello sviluppo storico della legislazione bancaria italiana si possono distinguere, approssimativamente, quattro periodi: il periodo che va dal 1861 (unità d Italia) al 1926 (emanazione della prima legge bancaria); il periodo compreso tra la prima e la seconda legge bancaria (1936); il periodo che va dalla seconda legge bancaria ai primi anni 80;

5 Capitolo 1: L attività bancaria 45 il periodo che va dai primi anni 80 ai nostri giorni (emanazione del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia - T.U.B.). A) Dall unità d Italia alla prima legge bancaria Il primo periodo è caratterizzato dall assenza di una disciplina speciale dell attività bancaria: le imprese bancarie, infatti, erano assoggettate, come le altre imprese commerciali, al diritto comune. L unica nota caratteristica era costituita dall obbligo, imposto dall art. 177 del Codice di Commercio del 1882, di depositare presso il Tribunale di Commercio una situazione mensile esposta secondo un modello predisposto con decreto governativo. L attività bancaria in quanto tale non era sottoposta a particolari controlli da parte dell autorità governativa. Negli ultimi anni dell ottocento si era venuta a creare una diversificazione tra le imprese bancarie, a seconda che finanziassero principalmente attività industriali, commerciali o di altro tipo. B) Dalla prima legge bancaria (1926) alla seconda legge bancaria (1936) Il moltiplicarsi dei dissesti bancari rese impellente e necessaria l emanazione di una disciplina speciale che avesse come obiettivo la tutela del risparmio ed il risanamento del settore. Un primo risultato fu il R.D.L , n. 812 il quale attribuì il potere di emettere biglietti di banca esclusivamente alla Banca d Italia (istituita nel 1893), che in tal modo divenne l unico istituto di emissione. La ristrutturazione del sistema bancario fu attuata con il R.D.L , n. 154 (c.d. prima legge bancaria) che introdusse un sistema di controlli sull attività e sulle imprese bancarie. C) Dalla seconda legge bancaria (1936) agli anni 80 La crisi economica internazionale degli anni 30 si ripercosse anche sul sistema economico italiano determinando l esigenza di una riforma integrale dell attività bancaria. Fu questo il clima politico-economico che condusse all emanazione del R.D.L , n. 375 (conv. con L , n. 141), meglio noto come seconda legge bancaria.

6 46 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima Quali furono le novità della seconda legge bancaria? Le principali novità furono: distinzione tra «enti raccoglitori di risparmio a breve termine» (detti anche aziende di credito) ed «enti raccoglitori di risparmio a medio e lungo termine» (o istituti di credito), cui corrispondeva una diversa disciplina; attribuzione del controllo sull attività bancaria ad un Comitato di ministri, alle cui dipendenze venne posto un organo burocratico denominato «Ispettorato per la difesa del risparmio e per l esercizio del credito», a capo del quale era il Governatore della Banca d Italia, con poteri ampiamente discrezionali; riconoscimento alla Banca d Italia della natura di ente pubblico. La caduta del regime fascista non condusse ad una radicale modificazione del sistema bancario italiano. Gli interventi legislativi si limitarono ad una redistribuzione dei poteri di controllo sull attività bancaria tra gli organi di governo. L entrata in vigore della Costituzione repubblicana, che pure enunciava agli artt. 41 e 47 nuovi e fondamentali principi in materia economica e bancaria, non determinò un mutamento d indirizzo nella politica legislativa in materia bancaria. 4. Il TUB e la nozione di attività bancaria Con il Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB), approvato con decreto legislativo del 1 settembre 1993, n. 385, si è provveduto al riassetto, alla codificazione e alla delegificazione dell enorme mole di produzione normativa prodotta in materia dalla legge bancaria del 1936 in poi. I 162 articoli del TUB (di questi alcuni abrogati) ne sostituiscono oltre delle disposizioni precedenti. Rispetto alla precedente legge bancaria la quale constava di 105 articoli il TUB allarga il proprio raggio di azione ricomprendendo gli intermediari finanziari non bancari (artt ), il funzionamento dei sistemi di pagamento (art. 146), la trasparenza delle condizioni contrattuali (artt quater), il credito al consumo (artt ). L ingresso di queste due ultime (e connesse) materie autorizza ad inserire tra le finalità perseguite dal TUB anche quella di proteggere i soggetti contrattualmente deboli. Per espressa esclusione della delega del Parlamento non sono comprese nel D.Lgs. n. 385/1993 le norme in materia di intermediazione mobiliare (contenute oggi negli artt del Testo Unico della Finanza D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58) e di tutela della concorrenza (previste dalla legge antitrust). Il legislatore ha conferito al TUB la natura di legge quadro, indicando, quindi, i principi guida e rinviando alle autorità creditizie, nell ambito della normativa secondaria, la regolamentazione degli aspetti più tecnici.

7 Capitolo 1: L attività bancaria 47 Il TUB non contiene, infatti, disposizioni analitiche, che per la loro intrinseca complessità richiedono una regolamentazione minuziosa, data la mutevole realtà dei mercati finanziari. Il riordino della materia, necessario al fine di adeguarla alla nuova realtà in cui operano le banche e alle direttive europee, è stato realizzato intorno a tre principi fondamentali: 1) la libera concorrenza; 2) il rispetto delle regole di mercato; 3) il collocamento dell attività bancaria nell ambito dell attività d impresa. Con l introduzione nel nostro ordinamento giuridico del principio di despecializzazione gli artt. 10, 11 e 12 del TUB rappresentano il nucleo fondamentale di norme per l individuazione della concreta operatività delle banche. Ai sensi del comma 1 dell art. 10 del TUB «la raccolta del risparmio tra il pubblico e l esercizio del credito costituiscono l attività bancaria. Essa ha carattere d impresa». L art. 11, comma 1, del TUB precisa che «è raccolta del risparmio l acquisizione di fondi con obbligo di rimborso, sia sotto forma di depositi, sia sotto altra forma». Pertanto, nella raccolta del risparmio, tutte le operazioni mediante le quali la banca acquista la disponibilità di risorse monetarie assumendo l obbligo di restituire una quantità di moneta almeno pari a quella ricevuta sono, ad esempio, le tradizionali forme di deposito, l emissione di obbligazioni, i contratti con i quali la banca riceve denaro a fronte della vendita di titoli che si impegna a riacquistare a scadenza fissa ad un prezzo superiore predeterminato. L art. 10, comma 2, del TUB stabilisce che l esercizio dell attività bancaria è riservato alle banche. Con questa norma il legislatore pone un esplicita riserva in favore delle banche, da intendersi nel senso che l esercizio congiunto della raccolta del risparmio fra il pubblico e l esercizio del credito spetta in via esclusiva alle imprese bancarie. Per delineare con chiarezza i confini del regime di esclusiva dell attività bancaria, il legislatore all art. 11, comma 2, del TUB vieta espressamente la raccolta del risparmio tra il pubblico ai soggetti diversi dalle banche, fatte salve le eccezioni previste dallo stesso TUB. Il collegamento funzionale tra la raccolta del risparmio tra il pubblico e l esercizio del credito definisce l attività tipicamente riservata alle banche, ma non esaurisce l attività delle banche. L art. 10, comma 3, del TUB precisa, infatti, che «le banche esercitano, oltre all attività bancaria, ogni altra attività finanziaria, secondo la disciplina propria di ciascuna, nonché attività connesse o strumentali», fatte salve le riserve di attività previste dalla legge. Ai sensi dell art. 12, comma 1, del TUB «le banche, in qualunque forma costituite, possono emettere obbligazioni, anche convertibili, nominative o al portatore». Il D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 11 ha profondamente modificato il TUB, introducendo, tra l altro, il Titolo Vter, dedicato agli Istituti di pagamento il capo IIbis, titolato Servizi di pagamento; il D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141 ha inserito i nuovi articoli 120bis, ter e quater, relativi rispettivamente, al recesso, all estinzione anticipata dei mutui immobiliari e alla portabilità, e il titolo VIbis, dedicato agli agenti in attività finanziaria e ai mediatori creditizi.

8 48 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima 5. Le funzioni delle banche e la gestione bancaria La banca è una azienda di produzione indiretta che svolge professionalmente un attività di intermediazione nel campo del credito a breve, medio e lungo termine, interviene nel regolamento monetario degli scambi, concorre a trasformare risorse finanziarie liquide in forme durevoli di impiego e fornisce numerosi servizi collegati alle funzioni tipiche che esercita all interno del sistema finanziario. Quali sono le funzioni esercitate dalle banche? Si possono distinguere, principalmente, quattro funzioni: la funzione creditizia, che si concreta nell esercizio congiunto della raccolta del risparmio tra il pubblico e nell erogazione del credito; la funzione monetaria, che consiste nell offerta al pubblico di titoli rappresentativi della moneta, utilizzabili in sua sostituzione nel regolamento monetario degli scambi; la funzione di investimento, ossia l effettuazione da parte della banca di cospicui investimenti in titoli di breve e di non breve durata, che contribuisce al finanziamento delle società e degli enti emittenti i titoli; la funzione di prestazione di servizi, che consiste nel fornire alla clientela i numerosi servizi collegati alle funzioni tipiche, esercitate dalla banca all interno del sistema finanziario. I servizi forniti sono di diversa natura: monetaria, di consulenza, di custodia, finanziari ecc. Oltre alle suddette funzioni, la banca svolge anche una funzione di trasmissione al mercato delle decisioni in materia di politica economica, ossia si occupa del trasferimento sulla clientela degli effetti che discendono dalle decisioni assunte dalla BCE per la regolazione della moneta e del credito sia in termini di volumi che di prezzi (tassi di interesse e tassi di cambio). Nello svolgimento della sua attività, la banca deve tendere al conseguimento contemporaneo dei seguenti obiettivi: operare in condizioni di sufficiente liquidità (equilibrio finanziario); mantenersi in stato di solvibilità (equilibrio patrimoniale); realizzare una soddisfacente redditività (equilibrio economico). La liquidità è la capacità della banca di far fronte tempestivamente ed economicamente alle richieste di rimborso delle passività in essere, ossia ai propri impegni di pagamento. Il principio che guida le scelte di liquidità è la sincronizzazione delle scadenze. Gli impegni di pagamento che provocano un deflusso di liquidità sono costituiti essenzialmente da: richieste di rimborso da parte dei depositanti; richieste di utilizzo dei margini di fido disponibili da parte delle imprese affidate; scadenza delle poste del passivo.

9 Capitolo 1: L attività bancaria 49 La liquidità bancaria può essere garantita mediante: la creazione di adeguate riserve di liquidità primaria e secondaria; la limitazione del fido ad un singolo cliente; il frazionamento dei rischi (in senso quantitativo, qualitativo e settoriale. La solvibilità viene, generalmente, intesa come la capacità della banca di assicurare il rimborso di tutte le passività attraverso la liquidazione delle attività patrimoniali. La redditività è la condizione fondamentale per la sopravvivenza e lo sviluppo di una banca e si manifesta in una combinazione di operazioni che, nel rispetto delle condizioni di liquidità e di solvibilità, consentono il conseguimento di un flusso di ricavi che coprano tutti i costi consumati per la loro realizzazione e che lascino un adeguato compenso al capitale proprio investito. Tra liquidità e redditività può esistere una correlazione inversa. Un accumulo eccessivo di riserve di liquidità, al fine di realizzare un superfluo margine di sicurezza può, infatti, limitare la possibilità di conseguire redditi adeguati. Di contro, la ricerca di una elevata redditività, attraverso, ad esempio, l aumento dei prestiti più remunerativi, può comportare un maggior rischio di liquidità. A) La gestione della liquidità La gestione di ogni impresa è caratterizzata da un fitto intrecciarsi di afflussi e deflussi monetari e dalla necessità di armonizzare l avvicendarsi di tali fenomeni, in guisa che il flusso delle entrate favorisca tempestivamente ed economicamente mezzi di pagamento in quantità sufficiente a fronteggiare i flussi monetari in uscita. La capacità dell impresa, ed in particolare della banca, di far fronte tempestivamente ed economicamente alle richieste di rimborso delle passività in essere suole qualificarsi con il termine di liquidità. Le riserve di liquidità vengono distinte in riserve di liquidità primaria e riserve di liquidità secondaria. Le riserve di liquidità primaria sono quelle la cui trasformazione in base monetaria è praticamente immediata e senza ostacoli (la cassa contanti, i saldi liquidi dei conti correnti di corrispondenza con banche, i depositi a vista presso il Tesoro, i crediti a vista riferiti ad assegni circolari o a cedole già pronte per la presentazione all incasso presso la stanza di compensazione ecc.). Le riserve di liquidità secondaria sono, invece, rappresentate dal complesso delle attività di bilancio che si trasformano naturalmente (liquidità naturale) o possono essere trasformate in base monetaria in tempi brevi

10 50 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima (liquidità artificiale). Rientrano in questa categoria di riserve i depositi interbancari in euro e in valuta ad esigibilità differita ma a breve termine, il portafoglio titoli agevolmente negoziabile nei mercati secondari ecc. B) La classificazione delle operazioni bancarie Le operazioni che vengono poste in essere da una banca devono consentire di realizzare il miglior trinomio «liquidità solvibilità redditività». Tali operazioni vengono solitamente suddivise nelle seguenti macro-categorie: operazioni di intermediazione creditizia, ossia quelle attraverso le quali la banca, in qualità di intermediaria del credito, svolge la funzione creditizia; operazioni dirette di investimento finanziario, che consistono in acquisti in proprio di valori mobiliari e di valute estere, oltre che nella gestione di partecipazioni azionarie (in società: di leasing, di factoring, di credito al consumo ecc.); operazioni di intermediazione mobiliare e valutaria, ossia quelle operazioni con cui la banca acquista e vende titoli di Stato o garantiti dallo Stato e titoli non quotati nei mercati regolamentati, banconote e divise estere ed esercita, inoltre, le attività che le sono consentite dal TUF; operazioni complementari, che comprendono numerosi servizi non creditizi di tipo tradizionale (come i servizi: di custodia, di incasso, di pagamento ecc.); operazioni collaterali, che consistono in attività con cui la banca presta alla clientela, direttamente o tramite società controllate e collegate (es.: leasing, factoring, carat di credito ecc.). 6. L autorizzazione all esercizio dell attività bancaria ed iscrizione all albo Secondo l art. 14 del Tub è compito della Banca d Italia autorizzare l esercizio dell attività bancaria quando ricorrono le condizioni elencate nel citato articolo, così come spetta sempre all istituto di vigilanza negare tale autorizzazione nell ipotesi in cui, dalla verifica di tali condizioni, non risulti garantita la sana e prudente gestione della banca. Il rilascio dell autorizzazione a svolgere l attività bancaria è subordinata all esistenza dei seguenti requisiti: adozione della forma di società per azioni o di società cooperativa per azioni a responsabilità limitata;

11 Capitolo 1: L attività bancaria 51 il capitale versato deve essere di ammontare non inferiore a quello determinato in via generale dalla Banca d Italia, in armonia con le disposizioni comunitarie; presentazione di un programma, concernente l attività iniziale, unitamente all atto costitutivo e allo statuto; il possesso da parte dei partecipanti al capitale della banca dei requisiti di onorabilità e la sussistenza dei presupposti per il rilascio dell autorizzazione prevista per la partecipazione al capitale delle banche; il possesso da parte degli esponenti bancari (soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo in banche) di requisiti di onorabilità e di professionalità. Restano, infine, da ricordare le modifiche all art. 14 apportate dal D.Lgs. 333/99, che introducono come ulteriori requisiti per l autorizzazione all attività bancaria: la localizzazione in Italia della sede legale e della direzione generale; l assenza di stretti legami (definiti all art. 1 Tub, così come modificato dallo stesso D.Lgs. 333/99) che ostacolino l effettivo esercizio della vigilanza, tra la banca o i soggetti del gruppo di appartenenza e altri soggetti. Inoltre, a seguito delle modifiche apportate al Tub dal D.Lgs , n. 659, è attualmente obbligatoria l adesione da parte delle banche ad un sistema di garanzia dei depositanti. Ciò costituisce, pertanto, un ulteriore requisito necessario per l esercizio dell attività bancaria, benché non espressamente previsto dall art. 14 Tub. L art. 13 del Tub prevede che per le banche autorizzate si proceda all iscrizione in un apposito albo tenuto dalla Banca d Italia. Tale albo deve contenere le seguenti indicazioni: la denominazione; la forma giuridica assunta, la data di costituzione della banca e gli estremi delle pubblicazioni richieste dalle vigenti disposizioni; il capitale o fondo di dotazione e le riserve, secondo le risultanze dell ultimo bilancio; la sede centrale della banca e quella delle sedi e filiali. In conformità alle disposizioni contenute nel Tub, la Banca d Italia iscrive in tale albo anche le succursali delle banche comunitarie stabilite nel territorio della Repubblica italiana.

12 52 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima Quali sono i requisiti per l autorizzazione? A) Il capitale minimo La Banca d Italia ha stabilito che l ammontare minimo del capitale iniziale necessario per ottenere l autorizzazione all esercizio dell attività bancaria deve essere pari a: 6,3 milioni di euro per le banche costituite in forma di società per azioni e per le banche popolari; 2 milioni di euro per le banche di credito cooperativo. B) Il programma di attività Per poter ottenere l autorizzazione all esercizio dell attività bancaria gli amministratori della banca devono presentare un programma nel quale vanno indicati: i settori di intervento, le operazioni ed i servizi che la banca intende svolgere tra quelle ammesse al mutuo riconoscimento. Vanno anche specificati le aree economiche e territoriali di intervento, la tipologia di clientela cui ci si rivolge nella raccolta di fondi (mercato al dettaglio, all ingrosso, interbancario etc.) e quella da tener presente nell attività di impiego dei fondi così raccolti (famiglie, imprese etc.); la struttura tecnica, organizzativa e territoriale, nonché il sistema dei controlli interni che la banca intende adottare per conseguire gli obiettivi prefissati e raggiungere le caratteristiche dimensionali previste; le caratteristiche del sistema informativo che la banca utilizzerà per tenere sotto controllo la propria situazione tecnica e per effettuare le segnalazioni di vigilanza. C) Requisiti di esperienza e di onorabilità degli esponenti bancari Secondo quanto stabilito dall art. 26 del Tub, gli esponenti aziendali della banca, ovvero i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo presso le banche, devono possedere specifici requisiti di esperienza e di onorabilità. La mancanza dei requisiti richiesti determina la decadenza dall ufficio che viene dichiarata dal consiglio di amministrazione, dal consiglio di sorveglianza o dal consiglio di gestione entro trenta giorni dalla nomina o, in caso di difetto sopravvenuto, entro trenta giorni dal momento in cui ne abbia avuto conoscenza. In caso di inerzia la decadenza è pronunciata dalla Banca d Italia. Lo stesso regolamento, che stabilisce i requisiti di esperienza ed onorabilità, individua le cause che comportano la sospensione temporanea dalla carica e la sua durata. D) Requisiti di onorabilità degli azionisti I requisiti di onorabilità dei partecipanti al capitale delle banche devono essere determinati, ai sensi dell art. 14 Tub, con regolamento emanato dal Ministro del Tesoro sentita la Banca d Italia; con lo stesso regolamento sono stabilite le quote del capitale che devono essere possedute affinché possano trovare applicazione le disposizioni concernenti tali requisiti. 7. I rischi dell attività bancaria e il loro contenimento La normativa bancaria non pone limiti particolari alle forme d impiego del denaro raccolto dalle banche. Tuttavia la vigilanza regolamentare esercitata dalla Banca d Italia concerne non solo l adeguatezza patrimoniale che le banche devono presentare all atto della costituzione, ma anche il mantenimento di una certa

13 Capitolo 1: L attività bancaria 53 consistenza patrimoniale della banca durante lo svolgimento della sua attività. Pertanto, le autorità creditizie hanno posto tutta una serie di limiti agli impieghi ed agli investimenti delle banche, allo scopo di garantire la liquidità necessaria per far fronte alle richieste di restituzione dei risparmiatori. A) La riserva obbligatoria Le Banche hanno l obbligo di detenere una riserva obbligatoria, finalizzata a coprire il rischio di liquidità. Essa è costituita da un deposito in contante costituito presso la banca centrale. Da un punto di vista contabile, essa risulterà nell attivo dello stato patrimoniale della banca e nel passivo della banca centrale. Dal 1 gennaio 1999 tutte le banche dell area euro sono tenute ad accantonare riserva obbligatoria. L aggregato soggetto a riserva è definito dalla Banca Centrale Europea. Esso comprende le passività, in qualsiasi valuta e sotto forma di titoli di debito, titoli di mercato monetario e pronti contro termine. Dal 15 dicembre 1998, l aliquota di riserva è stata uniformata ed è attualmente pari al 2% di tale aggregato. B) L adeguatezza patrimoniale La vigilanza esercitata dalla Banca d Italia si estende al controllo del mantenimento da parte delle banche di una certa consistenza patrimoniale, attraverso la definizione di opportuni rapporti minimi tra: il patrimonio della banca e il complesso dei fidi, ponderati in relazione alla loro solvibilità; il complesso dei fidi per cassa erogati dalle dipendenze operanti in Italia (cd. coefficienti patrimoniali minimi obbligatori). La Banca d Italia nel 1987, in attuazione di tale previsione, ha elaborato i seguenti parametri: il coefficiente dimensionale volto a fissare un rapporto tra la crescita degli spazi operativi della banca e entità del patrimonio; il coefficiente di solvibilità volto a far conservare alla banca la capacità di far fronte con il proprio patrimonio ai rischi derivanti dalle operazioni di fido effettuate. Successivamente, però, il CICR ha abrogato (delib. del ) la delibera relativa al coefficiente dimensionale delle banche. Resta, invece, ancora applicabile la delib. CICR del con cui si stabilisce la necessità di un livello minimo di patrimonio di vigilanza per le banche italiane, che viene fissato in misura non inferiore a quello richiesto per l autorizzazione all inizio della attività. C) La limitazione dei rischi La vigilanza sulle imprese bancarie assicura la stabilità del sistema bancario non solo attraverso strumenti diretti a garantire la liquidità degli impieghi, ma anche mediante strumenti diretti a circoscrivere i rischi derivanti dalle operazioni di credito effettuate con la clientela. La limitazione dei rischi viene conseguita in due modi: imponendo limiti quantitativi alle operazioni di credito; garantendo alla banca l acquisizione d informazioni che le permettono di valutare i rischi dell operazione.

14 54 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima Quanto ai vincoli quantitativi agli impieghi degli operatori bancari rilevano: il limite di fido che consiste nel divieto di concedere credito ad uno stesso soggetto in misura superiore a quella fissata dall organo di vigilanza: esso ha lo scopo di tutelare i depositanti contro l assunzione, da parte della banca, di rischi eccessivi rispetto alla propria consistenza patrimoniale, cd. frazionamento dei rischi; il massimale sugli impieghi che consiste nell imposizione di un limite all incremento degli affidamenti bancari a favore di determinati soggetti, allo scopo di contenere la liquidità del sistema economico e di indirizzare i finanziamenti verso determinati settori produttivi. Esso è stato, tuttavia, soppresso nel Va, infine, osservato che l espletamento dell operatività delle banche nel campo dei servizi d investimento può comportare un aumento dei rischi diversi dal rischio di credito (cioè il tipico rischio connesso all attività bancaria). Tali rischi sono, in particolare, connessi alla probabilità che si verifichino sfavorevoli variazioni dei prezzi di mercato (tassi d interesse, tassi di cambio e corsi azionari). Nell ambito dell attività bancaria: il rischio di credito si riferisce al rischio che le controparti della banca non rispettino i propri impegni e non rimborsino i prestiti ottenuti; il rischio di interesse, si riferisce al rischio di perdite connesse a variazioni inattese dei tassi di interesse che si verificano quando le scadenze di attività e passività non sono bilanciate; il rischio di liquidità corrisponde al rischio di non essere in grado di far fronte ai propri obblighi contrattuali connessi al regolamento di operazioni in titoli o derivati, al rimborso di passività o all impegno a effettuare finanziamenti. Per misurare il rischio di interesse le banche fanno ricorso a modelli di misurazione del gap fra le scadenze di attività e passività. Il rischio di mercato, infine, è il rischio che il valore di mercato di attività e passività di una banca cambi in seguito a cambiamenti di valore dei tassi di interesse, di cambio e altri prezzi. Corrisponde al rischio che una variazione sfavorevole dei fattori di mercato determini una riduzione del valore di mercato di una posizione o di un portafoglio di posizioni della banca.

15 Capitolo 1: L attività bancaria Il bilancio bancario A) Aspetti generali Nella sua attuale configurazione, il bilancio delle banche è composto dagli schemi del bilancio, dalla nota integrativa nonché dalla relazione sulla gestione. I nuovi schemi di bilancio di esercizio e bilancio consolidato sono costituiti da: stato patrimoniale, conto economico, prospetto delle variazioni del patrimonio netto, rendiconto finanziario. Essi sono corredati dalla nota integrativa e dalla relazione degli amministratori sulla gestione. Il bilancio bancario prevede l iscrizione di voci definite «operazioni fuori bilancio», quali ad esempio: le accettazioni bancarie, le fideiussioni, gli avalli, le transazioni in prodotti derivati. B) Gli schemi di bilancio Gli schemi di bilancio definiti dalle Istruzioni della Banca d Italia prevedono voci (contrassegnati da numeri), sottovoci (contrassegnati da lettere) e dettagli informativi (i «di cui» delle voci e delle sottovoci), che rappresentano i conti di bilancio. È ammessa l aggiunta di nuove voci, a condizione che il loro contenuto non sia riconducibile ad alcuna delle voci già previste dagli schemi e solo se si tratti di importi di rilievo. Ulteriori informazioni possono essere fornite nella nota integrativa. Per ogni conto dello stato patrimoniale e del conto economico occorre indicare anche l importo dell esercizio precedente. Se i conti non sono comparabili, quelli relativi all esercizio precedente devono essere adattati; la non comparabilità e l adattamento o l impossibilità di questo sono segnalati e commentati nella nota integrative. Lo stato patrimoniale deve assumere la forma delle sezioni divise con l indicazione in calce delle garanzie e degli impegni. Le sue voci sono esposte seguendo una distinzione fondata sulla natura dell operazione sottostante o sulla controparte. Salvo alcune eccezioni, le voci sono ordinate seguendo un criterio decrescente di liquidità per l attivo e di esigibilità per il passivo (ad es. i crediti verso la clientela o la riserva obbligatoria sono poste attive dello stato patrimoniale). Nello stato patrimoniale delle banche le poste rettificate dell attivo (ad es. fondo svalutazione crediti o fondo svalutazione titoli) non sono iscritte al passivo, ma sono esposte in riduzione delle corrispondenti voci dell attivo. Il conto economico assume, invece, la forma scalare e progressiva: i componenti di reddito sono proposti, infatti, in successione, indipendentemente dal loro segno, ma affiancati in base alla loro natura. In passato, pur non essendo prevista l evidenziazione di risultati intermedi, il conto economico presentava la separata indicazione dell attività ordinaria da quella straordinaria. Nell area ordinaria erano ricompresi i componenti di reddito (proventi e oneri operativi) connessi all attività caratteristica della banca, quelli cioè generati dall effettivo svolgimento delle operazioni quotidiane della banca. La loro somma algebrica conduceva alla determinazione dell utile delle attività ordinarie.

16 56 Parte Seconda - Il colloquio tecnico-professionale - Sezione Prima Nell area straordinaria erano inseriti i componenti estranei all attività caratteristica della banca, derivanti da operazioni considerate straordinarie per la loro natura e/o per essersi verificate in via del tutto eccezionale. Con l attuale schema proposto dalla Banca d Italia, che tiene conto delle esigenze di applicazione dei principi contabili internazionali, la struttura del Conto Economico prevede l evidenziazione di risultati intermedi. Innanzitutto, viene fornita una delle misure fondamentali per calcolare la redditività di un impresa bancaria: il margine netto di interesse. Esso è dato dalla differenza tra gli interessi attivi ottenuti sugli impieghi e gli interessi passivi sostenuti per la raccolta dei risparmi. Partendo da quest ultimo, e sommando algebricamente le commissioni nette e gli esiti dell attività di intermediazione effettuata dalla banca, si giunge all individuazione del margine di intermediazione. Un aumento del margine di intermediazione di una banca può essere provocato da un incremento dello spread tra tassi medi attivi e tassi medi passivi. La somma algebrica di tale margine con i saldi, positivi o negativi, tra gli utili e le perdite realizzati con la vendita delle attività finanziarie, conduce al risultato netto della gestione finanziaria; questo, al netto dei costi operativi e sommato algebricamente ai saldi, positivi o negativi, tra proventi e oneri relativi a partecipazioni, nonché tra utili e perdite da realizzo di investimenti, determina l utile (o la perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte. Il prospetto delle variazioni del patrimonio netto è un ulteriore documento che evidenzia, secondo lo schema riportato di seguito, le movimentazioni relative a tale importante sezione del passivo patrimoniale. Infine, gli schemi di bilancio si completano con la redazione del rendiconto finanziario, che permette uno studio dinamico dello stato di salute aziendale. Attraverso l analisi dei flussi finanziari è possibile individuare la provenienza e la destinazione delle risorse movimentate nel corso dell esercizio, scomponendo la gestione aziendale essenzialmente in tre aree: attività operative, attività di investimento e attività di provvista.

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Vietata la riproduzione anche parziale Di particolare interesse per i lettori di questo volume segnaliamo: 35 - Compendio di diritto bancario 56 - Il promotore finanziario 56/4

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 5 giugno 2014

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 5 giugno 2014 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività produttive Ufficio Reddito d impresa Roma, 5 giugno 2014 OGGETTO: Addizionale dell imposta sul reddito delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura Luca Sartirana indice Gli intermediari finanziari Attività bancaria Funzioni della banca Normativa Il SEBC Autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Il sistema TARGET Gli intermediari

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI

PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI PERCORSO FORMATIVO CONFORME ALLA CIRCOLARE n. 5/12 DELL'OAM PER MEDIATORI CREDITIZI IL SISTEMA FINANZIARIO E L'INTERMEDIAZIONE DEL CREDITO I soggetti operanti nell intermediazione creditizia: gli intermediari

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 16 aprile 2012, n. 45 Attuazione della direttiva 2009/110/CE, concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale dell attività degli istituti di moneta elettronica, che modifica

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Condizioni Definitive alla Nota Informativa per l offerta di Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

BANCA D ITALIA. Istruzioni di Vigilanza per le banche

BANCA D ITALIA. Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999-4 Aggiornamento del 10 agosto 2000 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 34-ter, primo comma, lettera l), nonché ai sensi dell art. 57, c.1, lett. e), del Regolamento Consob n.11971 del 14 maggio 1999 come successivamente

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 34-ter, primo comma, lettera l), nonché ai sensi dell art. 57, primo comma, lett. e), del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014

FONDI PENSIONE APERTI. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 FONDI PENSIONE APERTI. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 Rispetto all anno precedente, il modulo integrativo per l anno 2014 è stato integrato con una tavola di raccordo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA

Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA Università degli Studi di Bergamo QUARTA UNITA DIDATTICA L esercizio dei servizi di investimento: riserva di attività e regole generali di comportamento dei soggetti abilitati 1 Riserva di attività (art.

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d Italia 216 del 5 agosto 1996

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale.

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Tale raccolta, da impiegare esclusivamente per il conseguimento

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli